Missione Giovani: il carisma degli animatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Missione Giovani: il carisma degli animatori"

Transcript

1 Anno 87 - n. 6 - Giugno 2008 Poste Italiane Spa - Spedizione in abbonamento postale - Dl 353/2003 (conv. in legge n 46 del 27/02/2004) art.1 comma2, DCB Asti Missione Giovani: il carisma degli animatori IL BINOCOLO Percorsi e mete spirituali possibili oggi

2 Spirito e vita Giugno 2008 Animatori della gioventù Dalla lettera del superiore generale a tutti gli Oblati di San Giuseppe costruttori del Regno nel mondo per la Solennità di san Giuseppe Marello 30 Maggio 2008 Carissimi, stiamo celebrando in Congregazione l anno della Pastorale Giovanile e stiamo ricordando il decimo anniversario del I Congresso Internazionale della Gioventù Oblata, che si tenne a Curitiba (Brasile) nel 1998 e si concluse con il Documento Novos Caminhos. In questo 113 anniversario del ritorno al Cielo del nostro caro Fondatore vorrei proporre a tutti voi la ri-lettura della sua IV Lettera Pastorale, superiore generale osj di padre Michele Piscopo inviata nel 1892 alla Diocesi di Acqui. Il tema è quello dell istruzione e dell educazione dei ragazzi. Vorrei analizzare con voi alcune delle caratteristiche della pedagogia marelliana L educazione dei giovani era una preoccupazione pastorale del Vescovo di Acqui Forse non mai quanto ai nostri tempi si è tanto parlato e scritto intorno alle cure dovute alla gioventù. Ad essa si dirigono i pensieri di molti come ad oggetto di grandi e seri timori e di non minori speranze. Ruolo fondamentale dei genitori nell educazione dei figli O sposi cristiani, ricordate sempre che i vostri figli sono un sacro deposito a voi primieramente Dio affidò la cura della vostra prole voi avete sui vostri figli un influenza molto maggiore e più intima per quanto le scuole si vadano moltiplicando ciò non dispensa i padri e le madri cristiane, per una parte dal pensare a quali maestri affidino la loro prole, e per l altra dal fare essi pei primi tutto quel che devono e possono riguardo al ben istruire e rettamente educare i loro figli. che hanno diritto di essere circondati fin dalla loro nascita delle più sollecite cure e voi avete il dovere di provvederli di tutto ciò che è necessario.. Ruolo sussidiario di altri educatori Nella Lettera si fa un accorato appello a tutti coloro che coadiuvano i genitori nel ministero della cristiana educazione, perché chiamati al grande e insieme formidabile ufficio di allevare. Educazione integrale dei giovani I figli hanno diritto di essere circondati fin dalla loro nascita delle più sollecite cure né solo delle corporali, ma ancora e principalmente delle spirituali insieme all istruzione si pensi in ogni caso e si provveda all educazione che si deve al cuore... il solo coltivare l intelletto non basta e spesso porta danno, se ad un tempo non si educa cristianamente il cuore educare un anima cioè illuminarla con la luce del vero, scaldarla al sacro fuoco del divino amore, guidarla per le vie del bene alla sua eterna salute, oh, questo è nobile e santo ufficio di uomini e di cristiani, ministero grande che gli educatori eleva a rappresentanti del Padre Celeste, anzi ad avventurati cooperatori suoi. Al nostro Fondatore premeva che i giovani avessero quell istruzione che gl indirizzi sulla retta via e li renda ad un tempo virtuosi cristiani ed ottimi cittadini. Artisti disegnatori a Terrafutura 2008 Fu lo Spirito Santo a mettere nel cuore di San Giuseppe Marello la passione per i giovani. Questa passione è stata ereditata dai suoi figli spirituali. Dal 1883 gli Oblati iniziarono il lavoro con i giovani in Santa Chiara. Rispondendo alle necessità di quel tempo, nel 1888 gli alunni del Collegio erano circa un centinaio e insieme agli orfani raggiungevano il numero di 140. Nel 1892 erano già 160 e non potendo accoglierne di più in Santa Chiara si comprò il Castello di Frinco (un paese vicino a Asti), dove si fece una sezione staccata del Collegio. L anno dopo erano già 176 in Asti e 46 in Frinco. E da questo Collegio vennero molte vocazioni sia alla nostra Congregazione che ad altri Istituti e Diocesi. L esperienza positiva suggerì a San Giuseppe Marello di mettere nelle Regole del 1892 che lo scopo della nuova Congregazione di San Giuseppe era l educazione cristiana della gioventù, in quel modo che Iddio disporrà: o accogliendola in apposite case, o prestandosi all ufficio di maestri elementari nei Comuni, o facendo i catechisti nelle parrocchie Festa d iprimavera 2008 a Roma S. Giuseppe all'aurelio sotto la direzione dei Parroci. Quindi il lavoro con la gioventù ebbe sempre nel nostro Istituto una priorità fondata sul nostro Carisma, che continua e che deve continuare anche in un futuro. La Congregazione cammina sulle vie di Dio e sulle direttive tracciate dal Fondatore, se riesce a preparare membri capaci di animare e di educare la gioventù (Costituzioni, a. 65). Maria, la seconda formatrice degli Apostoli; San Giuseppe, l Educatore del Verbo Incarnato; san Giuseppe Marello, nostro Fondatore e ispiratore; e il Servo di Dio Padre Giuseppe Calvi, intercedano presso il Padre per noi Oblati di san Giuseppe, perché possiamo stare con passione in mezzo ai giovani. sommario Spirito e vita di padre Michele Piscopo osj 2 Editoriale di padre Guido Miglietta osj 4 IL BINOCOLO In copertina: Cooperativa sociale Mistya, La casa dei folletti, a Terrafutura Anno 87 n. 06 Giu Dio aprirà una via di Cristina Carnevale 5 Qualche suggerimenti di qualità di don Riccardo Tonelli sdb 6... allora cambiai la mia decisione di padre Giovanni Erittu osj 8 Meglio la bellezza dello Spirito di suor Marianna Cortellino osj 10 Stile e comunicazione vitale di padre Christian Aranda S. 11 Maria anima il suo popolo di padre Luis Chavez osj 12 Turismo religioso di Agostino Meloni 14 Giuseppe accanto a Maria di padre Tarcisio Stramare osj 15 San Giuseppe in Asti di Mario Amato 16 Parola e fatti 18 I santi di Benedetto XVI di padre Franco Careglio ofm.conv 19 Primo traguardo per edificare la Chiesa di Silvia Cotto 20 Il sogno di San Giuseppe Marello si realizza di padre Fiorenzo Cavallaro osj 22 Dialogando con gli amici di padre Paolo Re osj 24 Notizie dal mondo giuseppino 26 Libri, presentiamo un'associazione 30 Il progetto Boys Home in India di padre Sebastian Meleth osj 31 Direzione e redazione: Via Boccea Roma tel fax Direttore responsabile: Luigi Bellone Direttore editoriale: Guido Miglietta In redazione: Luis Chavez, Marianna Cortellino, Agostino Meloni, Daniele Raponi Hanno collaborato: Mario Amato, Christian Aranda Sanchez, Franco Careglio, Fiorenzo Cavallaro, Cristina Carnevale, Silvia Cotto, Marcello Di Nardo, Giovanni Erittu, Arcadia Gomez Ramirez, Luigi Faraldo, Sebastian Meleth, Joseph Pasia, Michele Piscopo, Paolo Re, Paolo Risso, Tarcisio Stramare, Riccardo Tonelli, Paolo Zanorin. Abbonati a Periodico degli Oblati di San Giuseppe e del Movimento Giuseppino Editore: Oblati di San Giuseppe Progetto grafico e impaginazione: Teknoart - Roma Stampa: Arti Grafiche Tsg srl. Via Mazzini, Asti Registrazione: Presso il Tribunale di Asti n. 12 del 4 luglio 1948 Associato all Unione Stampa Periodica Italiana Notificazione I dati e gli indirizzi per l invio della rivista Joseph sono gestiti unicamente dall amministrazione del giornale. Nel rispetto della legge 675/96, i dati personali dei nostri abbonati non saranno oggetto di comunicazione o diffusione a terzi se non per ciò che riguarda la spedizione della rivista o iniziative da essa promosse. Si potranno chiedere in ogni momento modifiche, aggiornamenti, cancellazioni. Chiuso in redazione il 28 Maggio La quota associativa può essere espressa nei seguenti modi: Abbonamento Postale 16,00 Sostenitore 30,00 Per l estero 40,00 Cognome... Nome... Via... N... Cap... Località... Prov.... Tel... Firma... Il numero di c.c.p. è [il numero IBAN completo è IT15A ] intestato a Periodico Joseph Direzione: via Boccea Roma. Il modulo di c.c.p. allegato alla rivista serve all ufficio spedizioni come etichetta di indirizzo e non è assolutamente un sollecito di pagamento, ma può offrire a quanti lo desiderino l opportunità di inviare la propria solidarietà nei tempi e nei modi preferiti. Per i nuovi abbonati occorre inviare il coupon compilato e copia del bollettino a: Redazione Joseph, via Boccea Roma. Oppure via fax allo

3 Editoriale IL BINOCOLO L'Equipe internazionale di pastorale giovanile Chi è disposto a donarsi agli altri? Il perfetto animatore In un Paese del mondo un negozio di giocattoli tradizionali, in legno e corda, spago e snodi a incastro e burattini e bambolotti di pezza e lettucci e casettine in legno, si chiama La bottega di San Giuseppe. Vuole mostrare l amore di un artigiano e grande artista, un creativo Giuseppe di Nazaret tutto per il suo speciale bambino Gesù. Giuseppe appartiene a Gesù ma Gesù gli si è affidato, gli appartiene la responsabilità della sua vita e della sua crescita. A questo pensava s. Giuseppe Marello quando portò ai primi Oblati un immagine così: Giuseppe guarda a Gesù, ma Gesù sembra pensare soddisfatto: Questo mio papà mi serve e mi ama tanto; e io lo amo con tutto il cuore. Il processo della vita per cui una generazione si perde per l altra, dà la vita, fa rinunce perché i figli stiano bene, fa parte del disegno di Dio sull umanità, a tal punto che con la Famiglia di Nazaret questo processo del dare la vita dei genitori per i figli, è stato preso da Dio per fare entrare nel mondo il suo Infinito Amore, attraverso Maria e Giuseppe. Giuseppe, il primo Cristiano, ha accolto e dato tutto se stesso per questo figliolo speciale, che aveva sotto gli occhi e stretto al cuore: Dono del Signore sono i figli. Sua grazia il frutto del grembo (Sl 126,3), Ha dato la vita per Gesù: Chi perde la sua vita per causa mia, la troverà (Mt 10,39). Il Signore dà in abbondanza: Giuseppe attraverso Gesù incontra l Amore Eterno, Dio. Inoltrarsi nelle vie dell interiorità è superare il proprio io, raggiungere, fino a toccare - è la contemplazione - l Assoluto. L Assoluto ha i lineamenti del Cristo. Nel fondo di me, Cristo custodisce per me l Assoluto, Dio, e me lo dona. Avere comunione con Lui, Verbo di Dio generato nell eternità, è avere comunione con l uomo figlio di Maria generato nel tempo, dunque nostro fratello - e figlio - nella comune umanità. Aprirsi all accoglienza della Parola eterna di Dio è aprirsi all accoglienza dell uomo che Egli si è fatto, aprirsi quindi all accoglienza di ogni uomo e donna, tutti gli uomini e donne che gli sono fratelli e sorelle nell unica umanità. La vita interiore cristiana è intrinsecamente aperta alla comunione con Gesù e, inseparabilmente, con gli uomini. Il processo dell educazione, aiutare a crescere le creature umane, i piccoli dell uomo, è stato santificato da Dio attraverso l accoglienza del Dono di Dio compiuta da Giuseppe e Maria. Educare è una via spirituale, spiritualità del perdere per ritrovare. Giuseppe è stato un grande artista, perché...oggi Joseph si legge anche on-line: di padre Guido Miglietta osj aveva sempre sotto gli occhi quell esemplare divino che è la sede della Bellezza, ed anche perché egli è entrato da protagonista nel disegno di infinita bellezza che è la vita del Salvatore Gesù. Non solo perché è stato Lui a dargli il nome di Salvatore, Gesù, ma perché si è spogliato delle forme della sua interiorità, pensieri, volontà, affetti, nell esercizio di essi, nella condizione di farne un dono. La sua cella interiore è la Santa Famiglia a cui dona tutto il pensiero, la volontà, gli affetti. Fino alla terribile radicalità di perdere Gesù al Tempio, ri-affidare Gesù che era la sua anima, a Dio che gliel aveva donato, cercandolo per tre giorni anticipando il dono del suo Gesù sulla croce e della sua sposa. - Se così io dono, mi privo di ciò che do. Non è più mio. Non l ho più. Allora posso attingere al silenzio interiore il nascondimento - non tanto tacendo quanto esprimendomi, a condizione però che il mio esprimermi sia spogliarmi della parola, della volontà, degli affetti donandoli con radicalità assoluta a tal punto che non siano più miei -. A chi ne faccio dono? Al Dio- Uomo Gesù, nelle persone che amo. Con Giuseppe sarò allora un perfetto animatore. Dio aprirà una via Dopo aver partecipato all incontro dell equipe internazionale di Pastorale Giovanile, che P. Brian ha riunito a Roma dal 16 al 18 maggio 2008, subito mi viene da dire una cosa: ogni volta che si sta e si lavora con i Giuseppini non si può dimenticare l incontro! Sempre rimane qualcosa di importante che segna nel cuore. autentico, preghiera, lavoro, formazione, valutazione, progetto, gioia e amicizia. Ogni momento, nella sua ordinarietà, come al solito, è stato organizzato in modo straordinario! E tutto è stato di aiuto per favorire il lavoro dell equipe. All incontro è intervenuto Don Riccardo Tonelli, dell Università Pontificia Salesiana, esperto in PG, che modi per aiutare i vari incaricati di Pastorale Giovanile nel loro impegno di realizzare, in progetti concreti, i principi di una Pastorale Giovanile giuseppinomarelliana che troviamo in Passo dopo Passo. Si è pensato di aiutarli invitandoli a valutare, attraverso alcune domande, il cammino fatto; di sostenerli con un sito web, già attivo e Sin dal primo giorno, infatti, nell equipe, ci ha stimolato con una riflessione curato da Fr. Nico composta da rappresentan- profonda sull esigenza di avere (www.giovaniosj.org); di elaborare ti della PG delle varie Province sparse un intenzionalità educativa nel sussidi o diffondere quelli che già ci nel mondo, religiosi e laici, si è respirato un clima di famiglia, di incontro non scontato, desiderato, voglia di condividere e di lavorare seriamente per gli interessi di Gesù! Soprattutto, come membri, ci siamo sentiti ascoltati, anche da parte del responsabile, P. Brian, che ha mostrato attenzione e sforzo di comprensione, di considerazione degli interventi. Ci siamo sentiti davvero collaboratori per presentare insieme proposte e idee per la PG internazionale. Sono stati due giorni di scambio costruire i nostri progetti di PG e ci ha confortato apprezzando le buone basi che si ritrovano nel nostro Documento del Congresso Internazionale di Asti del 2005: Passo dopo Passo. Questo momento formativo è stato importante per l equipe: è bello, infatti, riconoscere di non sapere già tutto, di essere bisognosi di aiuto, di una parola esterna, in uno spirito di ricerca della volontà di Dio. Nel lavoro insieme, la prima preoccupazione è stata quella di trovare sono; di inviare uno schema orientativo per progettare (elaborato da P. Brian). Poi si sono proposte alcune idee per iniziare a progettare il prossimo Congresso Internazionale che si terrà in Messico nel 2010 e si è fatto il punto sui concorsi per un inno e un logo di PG internazionale. Abbiamo lavorato con impegno, ma anche con gioia profonda, sperando di portare un qualche aiuto alla PG internazionale e sapendo bene che in tutto passo dopo passo. Dio aprirà una via! di Cristina Carnevale 5

4 IL BINOCOLO Oggi nella comunità ecclesiale tanti si interessano dei giovani, dei loro problemi e della situazione culturale che li caratterizza. I modelli sono però assai diversi. La diversità nasce da intenzioni diverse e da diverse interpretazioni. Per noi il carisma è principio di unità. Collocarsi, avendo un carisma, significa far propri, alcuni orientamenti di fondo capaci di reinterpretare il proprio carisma nel confronto con le nuove situazioni cul- Per progettare la pastorale giovanile Qualche suggerimento di qualità L'incontro con don Riccardo Tonelli, Roma 17 maggio me dà voce allo Spirito anche se la voce dello Spirito è sempre imprevedibile L esigenza del progetto è questione di serietà di azione: è pericoloso procedere alla cieca o sull'onda degli entusiasmi dove c'è di mezzo la persona, la vita e il suo senso; ed è una condizione indispensabile per assicurare collaborazione in situazione di pluralismo, sollecitare persone e organismi diversi a fare qualcosa menti, valori, riferimenti generali che ispirano un'azione educativa e pastorale. La programmazione è la distribuzione degli elementi di un progetto in termini di personale, tempi, luoghi, con le operazioni da compiere: interventi, responsabilità, risorse. I compiti di una commissione Voi avete svolto un lavoro molto interessante sia per descrivere e interpretare l essere giovani in que- mentre sollecita ad intervenire coraggiosamente, da parte di persone che hanno un progetto di servizio alla vita e alla speranza. Ci rendiamo conto della drammatica emergenza sulla vita come possibilità, qualità e senso in certe situazioni. Da discepoli di Gesù siamo consapevoli che la forza della resurrezione sta operando nella storia personale e collettiva con l annuncio che Gesù è il Signore, ha un progetto molto preciso sulla vita, ha vinto la morte e cerca amici cui affidare la sua causa. Il luogo privilegiato della pastorale è quello educativo. I giovani definiscono sempre di più la loro identità al si scambiano frammenti di vissuto riflessi e motivati, per restituirsi reciprocamente la gioia di vivere, la libertà di sperare, la capacità e responsabilità di essere protagonisti della propria e altrui storia. Dire l esperienza cristiana oggi Un buon progetto di pastorale giovanile chiede decisioni coraggiose. Molti giovani si chiedono: - Cosa mi capita se accetto la proposta cristiana e mi consegno al progetto di vita in esso contenuto? -. La risposta alla domanda chi è il cristiano? non può essere realizzata ripetendo quello che ci proviene dalla tradizione e dal vissuto di coloro che, nella loro vita, hanno già elaborato una risposta. Una interessante via di soluzione durante la giornata mondiale della gioventù di Roma è stata affidata dal Papa ai giovani: realizzate nuovi modelli di inculturazione della fede e del vangelo e trasformare le nostre comunità ecclesiali in laboratori dove sperimentare e far sperimentare questi processi. Possiamo da cristiani offrire ai giovani una proposta di vita centrata su Gesù il Signore, solo se riusciamo a coniugare in espressioni nuove la fedeltà al vangelo e la fedeltà all oggi. Servono adulti, narratori di storie per aiutare a vivere. Il nodo è l educatore nel servizio della pastorale giovanile. Propongo l uomo dell accoglienza incondizionata, che diventa promozionale, come ha fatto Gesù con Zaccheo, alternativo all autoritarismo e al rinunciatarismo oggi diffuso. L educatore cristiano deve fare proposte, facendo fare esperienze: chiamato alla fatica di intercettare i luoghi della vita quotidiana, quelli in cui i giovani definiscono la loro concreta identità, elaborando i progetti e le prospettive del loro futuro, è impegnato a costruire spazi di vita quotidiana dove far sperimentare, inventare e consolidare luoghi in cui sia possibile narrare e far sperimentare la speranza. 6 turali; e un carisma che, con sensibilità, qualità del servizio, esperienza personale, faccia della differenza un dono per la ricchezza di tutti. Per lavorare insseme, va costruito un progetto. L'esigenza di operare "attraverso progetti" nell'educazione e l'educazione alla fede è una esigenza teologicamente giustificata, o proviene dal cedimento, oggi facile, alle mode? Oggi siamo consapevoli dello stretto rapporto tra fede e cultura. La fatica di acquisire competenza per assieme. "Progetto" indica un piano generale di interventi che seguono una visione educativa e pastorale, con degli obiettivi operativi adeguati ai bisogni e alle esigenze delle differenti situazioni - personali, sociali, ambientali; suggerisce linee concrete e mezzi per raggiungerne gli obiettivi; crea ruoli e funzioni per assicurare l efficacia delle linee e il raggiungimento degli obiettivi. Sono fondamentali un insieme di idee, orienta- sto tempo, sia per la scelta di una pastorale giovanile di cammino guidato fortemente impegnata nell ambito vocazionale e caratterizzata da una precisa attenzione missionaria. Resta da motivare il cammino per progetti e suggerire i grandi riferimenti a cui si ispira, indicare responsabilità e sussidiarietà. I giovani sono una sfida per una congregazione religiosa impegnata nell educazione, ossia una provocazione che regala contributi preziosi di fuori dei luoghi educativi tradizionali, nei luoghi della vita quotidiana alternativi a quelli tradizionali. Sono i luoghi dove realizzare un buon progetto educativo e pastorale Il terreno di confronto e di scontro è la qualità della vita. Attorno ad essa sta o cade persino la possibilità di una autentica esperienza religiosa e la stessa vita cristiana. La vita religiosa propone costitutivamente una qualità di vita.. Chi ama i giovani e ama il Signore Gesù non resterà disoccupato. Possiamo riscoprire il nostro carisma giocandolo in modo pieno nell educazione. Educare è istituire una relazione tra soggetti diversi e felici di essere differenti - attraverso cui essi Nico, padre Lorenzo, Antonio 7 di don Riccardo Tonelli sdb

5 8 IL BINOCOLO Appassionato da chierico della vita e della filosofia, indagavo sui grandi temi dell esistenza. Un libro mi ha segnato: L azione di Blondel. L autore domanda qual è il senso della vita, dove stiamo andando. Assorbivo Aristotele, Sulla verità, commentato da san Tommaso e non perdevo nessuno dei loro argomenti e spiegazioni. Attraversavo un momento difficile: volevo dare un fondamento solido al mio futuro. Cercavo di trovare negli studi le risposte vere. Alla fine mi accorsi che gli argomenti dei professori non soddisfacevano la mia ansia di vivere né, tanto meno, mi motivavano ad abbracciare la vita sacerdotale e religiosa. Ero entrato in una crisi vera, disposto nella mia ingenuità a smascherare l inganno di Chiesa e religione. Cominciai a leggere Nietzche: Così parlò Zarathustra; e, di Albert Camus La peste. Presi la decisione: sarei rientrato a casa e avrei cercato di convincere, nella forma più delicata, specialmente Il mio percorso spirituale: era l'estate del allora cambiai decisione mia mamma che dovevo lasciare la strada del prete. La mia famiglia era religiosa ma diversi parenti, militanti marxisti e professori di filosofia. Mi influenzavano sul problema dell ingiustizia e della sofferenza in luogo della felicità: La religione, vedi, è un alienazione totale. Tenta di coprire solo un poco le cose. Noi proponiamo la strada della comunità -. Attratto dall ideologia marxista-comunista desideravo che si mettesse ordine nelle cose e si desse a tutti il diritto di avere una vita degna. Il dottor Rieux, uno dei personaggi del romanzo La peste, di Camus, dice: Dov è il vostro Dio? Quante persone innocenti sono state sacrificate?-. La lotta contro il male è da farsi senza Dio ma con le forze umane. Il Dio che conoscevo sembrava appartenere alla morte, non alla vita: impediva di essere gioiosi. Le idee di Nietzsche, sulla presenza di un Dio morto nella società, mi pervadevano: non permette la vita, la soffoca nelle persone perciò l uomo non si afferma né si realizza. La stessa veste talare non è, forse, la negazione della vita e della felicità?. Il Signore, però, durante quell estate, mi sorprese con delle amicizie che avrebbero poi segnato totalmente il mio futuro: persone giovani piene di slancio, non mi dettero delle risposte teoriche ma un testimonianza di vita, vita gioiosa in Dio facendomi scoprire la bellezza del cristianesimo vissuto in pienezza che non rinnega la vita e la gioia:al contrario, le potenzia sempre più. Una giovane, M.B., mi dava la testimonianza del suo entusiasmo e della ricerca delle realtà più belle, Dio che è Amore. Assolutamente, io non Lo avevo ancora scoperto come Amore. Avevo semplicemente letto con passione gli Atti degli Apostoli, ma mi era stato detto che era un utopia dei primi tempi del cristianesimo, e che oggi sarebbe stata irrealizzabile. Il contatto con quelle persone, al contrario, mi ha fatto scoprire un ideale che frontalmente rispondeva alle mie domande e aspettative. In quel momento conoscevo la vita del Focolare, che a quel tempo era emarginata dalla vita dei seminari e dall autorità della Chiesa. Quelle persone, però, non mi avevano dato spiegazioni filosofiche ma la loro testimonianza. Ho cambiato il senso della mia decisione. Rientrerò in seminario, sì per dare tutto me stesso. Mi misi a studiare con entusiasmo tutta la teologia, cercando di approfittare di tutto quello che mi offrivano i formatori, p. Pasetti, p. Vanotti. Da mendicante della verità, ero alla ricerca di persone come Piero Bargellini, Igino Giordani, Carnelutti con le conferenze sui carcerati, Enrico Medi il fisico. Da Igino Giordani avevo cercato di chiarirmi le idee sul Movimento dei Focolari, eliminando i dubbi sull eteredossia. Lui, gentilmente, mi spiegava la serietà della loro ricerca e la loro coerenza. Ho cominciato a frequentarli nel sotterraneo della Chiesa di Sant Andrea della Valle. Rimanevo a bocca aperta: raccontavano esperienze di vita, un cristianesimo vivo, gioioso e impegnato che aveva qualcosa da dire alla società di oggi. Le loro messe, ricche di entusiasmo, fede e partecipazione. Da laici, mi hanno fatto vedere che non erano persone lontane da una vita coerente, ma si vedeva in loro l armonia tra la fede e la vita. La gioia, l amore fraterno e il culto dell armonia erano la dimostrazione che la religione non è cosa da pompe funebri e beccamorti. Le mie letture erano cambiate: leggevo Martin Descalzo, Loew, Cesbron, Bernanos, Graham Greene, Bruce Marshall e così via. Arrivai al sacerdozio con una donazione totale senza riserve e il più grande entusiasmo. Il superiore generale, padre Magnone prese subito la palla al balzo mandandomi in Brasile senza che neppure glielo chiedessi anche se avevo sempre sognato la vita missionaria. La notizia sorprese anche i miei, che ne venivano a conoscenza solo alla mia prima messa a Dorgali, il 10 agosto E, quasi per convincere la mamma che mi lasciasse partire, mi ricordai che a dodici anni, rientrando d estate dal seminario dopo il primo anno le avevo declamato una poesia: Il piccolo missionario alla mamma che ricordava come il nome della mamma non se lo sarebbe mai stato dimenticato ma che, seguendo il disegno di Dio, sarebbe stato benedetto. Quando gliela ricordai: - Mamma, quel momento è venuto ella si commosse fino al pianto. Il 21 settembre 1965 ero già in terra brasiliana. Quella terra ha avuto subito la forza di affascinarmi approfondendo la spiritualità giuseppinomarelliana. Avevo davanti a me dei trattati vivi di vita missionaria: p. Mario Briatore, p. Bernardino Baccolo, p. Mario Tesio e altri. Nelle rughe dei confratelli missionari leggevo i capitoli più belli della congregazione di cui ero figlio. Ho cominciato a comprendere meglio la figura di san Giuseppe preoccupato solo degli interessi di Gesù: lo stile di vita umile, silenzioso, profondo, impegnato come nessun altro a realizzare il progetto di Dio -. Ero felice di coniugare la spiritualità giuseppina con quella dei Focolari. Continuai perciò a cercare pagine vive del vangelo e di portare avanti l esperienza della Parola di Vita nel lavoro con la gioventù. Erano i momenti dell innamoramento all Ideale: non esistevano né stanchezza, né mezze misure, ma mi buttavo a capofitto nella formazione dei seminaristi e della gioventù, affrontando difficoltà di tutti i tipi, rinunciando ai sogni ingenui della letteratura e dell arte che non potevo più coltivare ma non mi è pesato. L entusiasmo non è mai diminuito in 43 anni di vita missionaria. Dopo tanti impegni nella formazione e pastorale, direzione della provincia o aprendo anche nuovi orizzonti nella foresta del Mato Grosso a Aripuana, o a Santiago del Cile, lavoro oggi a Cascavel nell ovest del Paranà, vicino al Paraguay e all Argentina. Ho la fortuna di avere vicino a me monsignor Armando Cirio di 92 anni, colonna dell evangelizzazione, missionario e vescovo pioniere. Cosa aiuta a mantenere l entusiasmo al missionario? Una vita spirituale intensa, l apertura alle nuove idee, l umiltà nell imparare stando accanto, nel sapere collaborare con i confratelli e, soprattutto, con i laici lasciandoci dirigere dallo Spirito Santo nella fedeltà alla Chiesa e alla congregazione. di padre Giovanni Erittu osj

6 IL BINOCOLO Alla conquista della libertà Meglio la bellezza dello Spirito IL BINOCOLO Valgono lo stile e la comunicazione vitale Investiamo sugli animatori 10 La chiesa della "Theotokos" a Loppiano Incisa Val d'arno. Allo sportello della Posta la signora mi chiede un documento e io le mostro la carta d identità. Lei mi guarda e dice : sei tu?! Certo è un po sorpresa perché quella foto è di quasi cinque anni fa, prima che decidessi di entrare nella famiglia delle Oblate! Vestita alla moda, con i colpi di sole e adesso invece con un velo beh, c è un po di differenza! La signora continua dicendo: Che peccato, una così bella ragazza!. Le ho risposto che la vocazione è una grazia. In realtà sono più bella ora perché tanto trucco è caduto e ho iniziato a camminare su una strada di luce, che pian piano mi sta trasformando. Guardandomi indietro vedo grandi cambiamenti. Sicuramente sono più aperta, più socievole, più gioiosa, più coraggiosa, più semplice, più attenta agli altri di prima anche se c è ancora tantissimo da migliorare. I difetti e i limiti ci sono e ci saranno sempre, ma è veramente bello guardarsi dentro e vedere come il Signore è fedele e come pian piano ti conduce verso la libertà, quella vera. È meraviglioso vedere come la grazia trasforma e benedico il Signore per la misericordia che ha avuto verso di me e per le grandi opere che ha compiuto liberandomi da tante paure, falsità, conformismi, schiavitù e ipocrisie. Non solo il cammino da consacrata, ma propriamente il cammino da cristiana porta alla conquista della libertà. Seguire seriamente il cammino che Dio nella sua infinita bontà ci ha tracciato, privilegiandoci, perché veramente noi cristiani siamo privilegiati essendo continuamente bombardati dalla grazia ( si pensi ai sacramenti, alla Messa quotidiana, al dono della preghiera, del rosario, della Parola etc..), è la realizzazione di noi stessi e del nostro desiderio di felicità. Solo Dio appaga questo desiderio perché Lui ci ha creati secondo un fine: essere a sua immagine e somiglianza e solo raggiungendo questo fine di conformazione a Cristo avremo la pienezza di vita. Mi appoggio alla fedeltà di Dio perché stringendomi a Lui sono sicura di camminare sempre sulla via giusta. Questo è un augurio che faccio a me e a tutti i lettori. La consapevolezza del ruolo insostituibile dell animatore di pastorale giovanile deve essere alla base di un investimento (anche economico) per la sua formazione e deve aprire alla responsabile riflessione sul valore della sua testimonianza di fronte agli educandi. (Documento Passo dopo passo, 12). Giovanni Paolo II segnalava nella Lettera alle famiglie dell'anno 1994, al n. 16: L'uomo è chiamato a vivere nella verità e nell'amore e ogni uomo si realizza mediante la donazione sincera di se stesso. Questo è valido tanto per chi educa, come per chi è educato. L'educazione è, dunque, un processo singolare nel quale la reciproca comunione delle persone è piena di grandi significati. L'educatore è una persona che genera in senso spirituale. Sotto questa prospettiva, l'educazione può essere considerata un vero e proprio apostolato. È una comunicazione vitale che non stabilisce solo una relazione profonda tra educatore ed educando, ma fa partecipare ambedue alla verità e all'amore, meta finale alla quale è chiamato ogni uomo da parte di Dio Padre, Figlio e Spirito Santo. Gli animatori hanno oggi necessità di una formazione strutturata che unisca i fondamenti della fede e l'esperienza cristiana. Per essere attraente, deve essere accessibile e diversificata. Possiamo definirla: a) integrale sul piano umano e spirituale; b) sistematica e coerente, in cui gli animatori conoscano le ragioni per credere ed offrano il tesoro della fede cristiana che è Sette religiosi di congregazioni diverse a provare la spiritualità della comunione Cinque giorni alla Claritas a Loppiano (Firenze) Mariano, Piero, Gianfrancesco, Guido, Marcello, Angelo, Alessandro, Paolo. Dio ci ha donato di essere uno, dal lavare i piatti alle meditazioni, dalle testimonianze alla piccola attenzione. La testimonianza di Marzia e Rod, una coppia di sposi, mi ha messo nel cuore come l amore, se ha la A maiuscola, cioè se è quello di Dio, guarisce e unisce. La testimonianza di Marco Tecilla mi ha mostrato come Dio opera, come costruisce sul nostro sì. La testimonianza di Redi si è manifestata limpida e ci ha condotto verso l ora della verità. L incontro con Umberto, mi ha fatto sperimentare una vita impastata tra concretezza e Vangelo. Tutte questi colloqui mi hanno incastonato un unica cosa dentro, lo sposo è Gesù Abbandonato. Il sì che queste persone hanno detto allo Sposo ha costruito la bellezza della presenza del Risorto nelle loro vite. Il loro donare a noi la vita attraverso il racconto, ha costruito in me la voglia di amare, amare Gesù Abbandonato, perché la sua novità porti vita nuova. L ora della verità è stata preparata con cura e dopo aver rinnovato il Patto, dopo aver bruciato ciò che formulavo dentro, nell amore di Dio. La limpidezza e la presenza di Gesù tra noi si è toccata con mano. La comunione sulla Parola di vita che ci era stata donata il primo giorno è stato rendersi conto di avere vissuto il Vangelo. Parto dalla Claritas con ordine interiore, con gratitudine e con la speranza che molti altri religiosi possano vivere ciò che abbiamo vissuto noi in questa scuoletta. Paolo (33 anni) OFM. P. Luis Chavez osj stato loro trasmessa; c) ecclesiale che aiuti agli animatori ad essere coscienti del battesimo e della vocazione, scoprano l identità cristiana e crescano nell'amore alla Chiesa come madre che ha cura dei suoi figli e della loro educazione alla vita; d) alla spiritualità giuseppina marelliana dove si conosca con maggiore profondità il nostro stile di seguire Gesù Cristo come San Giuseppe; e) etica che offra agli animatori punti di riferimento obiettivi per orientarsi nella vita; f) pedagogica con metodi attuali per evangelizzare specialmente con maggiore efficacia i giovani, nell'aspetto della catechesi; g) spirituale in cui gli animatori abbiano la capacità di realizzare veri ritiri spirituali, giornate giovanili etc. centrate sulla persona di Gesù e l'amore al prossimo nello stile di San Giuseppe; h) all'amicizia in cui gli animatori scoprano lo spirito di famiglia e lo condividano coi giovani per mezzo di un trattamento caritatevole, con capacità di ascolto, di apertura e di decisione; i) organizzativa perché esista negli animatori la capacità di dialogare, creare e progettare con altri i piani della pastorale giovanile in comunione con la chiesa locale. Dobbiamo avere un piano di pastorale giovanile che includa la formazione degli animatori nelle parrocchie ed in centri di specializzazione. In primo luogo ha importanza lo stile della preghiera nella contemplazione del volto vivo di Gesù nell Eucaristia che realmente è la fonte ed il culmine del nostro apostolato. Questa è l esperienza che trasmetteremo ai giovani. 11 di suor Marianna Cortellino osj di padre Christian Aranda S. osj

7 IL BINOCOLO La Basilica di Guadalupe a Città del Messico è uno dei santuari mariani più visitati al mondo. Ogni anno circa venti milioni di pellegrini si recano al santuario e si deve al fatto che nel santuario si trova la tilma, il tessuto originale dove rimase plasmata l'immagine di Santa María di Guadalupe, dopo le apparizioni all'indigeno san Juan Diego avvenute dal 9 al 12 dicembre Nostra Signora di Guadalupe si manifesta, da questo posto, Madre tenera e compassionevole di tutti gli uomini del mondo e dei vari popoli. Il suo messaggio è eminentemente materno. Ella si presenta come la Madre di colui che è la Vita. Vengono a visitarla di tutte parti del Paese, perfino del mondo, mossi dall'amore verso la Madre di Dio, la Guadalupe il santuario più visitato al mondo Maria anima il suo popolo mesoamericani, che trasmettevano la memoria della loro storia di generazione in generazione per mezzo di poemi e canti, trascritti mediante figure e simboli su carta amate o su pelli, formavano i cosiddetti codici. Gli esperti convergono nel dire che la Vergine di Guadalupe volle mostrarsi agli antichi popoli indigeni con una veste piena di simboli (a modo di codice) che gli abitanti di queste terre messicane poterono comprendere facilmente. Oggi secondo la nostra visione moderna, perché possiamo comprendere la profondità del messaggio contenuto nell'immagine Guadalupana, è necessario conoscere il significato fomdamentale dei simboli presenti nell'immagine, secondo le culture indigene. Ecco alcuni degli elementi che ci danza si constata dalla forma ingrandita dell'addome, che corrisponde ad una gravidanza quasi a termine. In modo meraviglioso, proprio nel ventre della Vergine Bruna si incornicia il fiore nahua (nahuatl) di quattro petali, che rappresentava la presenza di Dio, il centro dello spazio secondo le antiche culture mesoamericane del tempo. Col Nahui Ollín (il fiore nahua) nel suo ventre, la Vergine di Guadalupe conferma agli indigeni che è la madre del Dio Vero, Gesù Cristo che ella porta al Nuovo Mondo, che era stato scoperto dai conquistatori e che cominciavano ad evangelizzare. È anche significativa la data delle apparizioni della Vergine di Guadalupe, poiché gli indigeni erano per eccellenza uomini religio- tante del calendario religioso, il giorno in cui il Sole vince le tenebre e sorge vittorioso. Perciò non è casuale che proprio in quel giorno la Vergine di Guadalupe abbia presentato suo Figlio Gesù ai popoli indigeni, perché essi così potessero comprendere che Ella portava il Dio vero nel suo seno e comprendessero meglio il messaggio del Vangelo portato dai conquistatori. Sul suo manto sono rappresentate le stelle più brillanti delle principali costellazioni visibili in quell alba del 12 dicembre Lì stanno le costellazioni complete e le stelle si trovano raggruppate come nella realtà, abbaglianti testimoni della grandezza del miracolo. La Guadalupana è portatrice di un messaggio cristocentrico, che gli indigeni poterono comprendere immediatamente. Ed è per questo che la Guadalupana si trasforma nella prima e più importante evangelizzatrice dell'america. Ella oggi continua questa evangelizzazione con la presenza dei figli spirituali di San Giuseppe Marello, che hanno accolto anche il messaggio evangelizzatore che Maria ha portato a queste terre, e dal 1951 hanno contribuito all'evangelizzazione delle terre messicane, una volta che accolsero l'invito del Delegato Apostolico del Messico e del Vescovo di Tulancingo ad essere presenti nella terra della Vergine di Guadalupe. Gli Oblati, oggi messicani in maggioranza, stanno portando avanti il lavoro di evangelizzazione e formazione umana, cristiana e sociale della gente, con lo stesso spirito dei nostri primi intrepidi missionari italiani. Hanno sperimentato l'amore materno che Maria ha avuto per questa terra, visitandola a loro volta nel suo santuario e lasciandosi convolgere dal suo messaggio. 12 A sin. interno della Basilica di Guadalupe nuova, a destra la basilica antica. Pagina a fianco. p. Michele Piscopo in visita al santuario nel 2007 quale è venerata da famiglie intere perche è nel nucleo familiare dove si trasmette la fede viva a partire dalla testimonianza di nonni, genitori, figli e nipoti. Uomini e donne accorrono davanti alla Vergine bruna, famiglie intere come dimostrazione di amore, fervore e fede con ogni tipo di espressione religiosa. Guadalupe è in Messico quello che San Pietro è per Roma. L'immagine materna in se stessa è un messaggio di inculturazione. E si constata attraverso i Paesi aiutano a comprendere il messaggio capace di inculturarsi nell'immagine della Vergine di Guadalupe: la statura della Vergine nella tilma il tessuto - è di 143 centimetri e rappresenta una giovane la cui età è approssimativamente tra i 18 e i 20 anni. Il suo viso è bruno ed in atteggiamento di profonda preghiera. Le sue mani, giunte in segno di raccoglimento e preghiera. Porta i capelli sciolti, che tra gli Aztechi era il segno di una donna glorificata dal figlio nel suo ventre, e la sua gravi- si e vivevano attenti alla parola di Dio che inviava loro messaggi nel cielo e nella terra. L'apparizione dell'immagine della Vergine di Guadalupe nella tilma di Juan Diego avvenne martedì 12 dicembre La mattina di quello stesso giorno era avvenuto il solstizio di inverno, e per le culture pre-ispaniche significava che il sole moribondo torna a riscuotere vigore, quindi la nascita del nuovo Sole, il ritorno della vita. Per gli indigeni il solstizio di inverno era il giorno più impor- Guadalupe E un film di Santiago Parra dove si parla della grande devozione del popolo Messicano alla nostra Madonna di Gudalupe, la Morenita del Tepeyac. Nello stesso tempo racconta la storia di due fratelli che fanno una ricerca archeologica e storica sul quadro della Madonna che li porterà in Messico, però ciò che hanno cominciato come uno studio scientifico si trasformerà in una riscoperta dei propri cuori. Film in Dvd Regista: Santiago Parra Attori: Josè Carlos Cruiz; Pedro Armendariz; Angèlica Aragòn; Eric Del Castello; Ivana Miño; Fabian Robles; Aleix Albareda; Gemma Guilemany Fotografia: Carlos Arenal Musica : Juan Manuel Langerica Durata 96 min Anno 2006 Il film mette in evidenza che Maria è presente in America, nel cuore del Messico, nei momenti che segnano una svolta nella storia del nuovo popolo di Dio. Dieci anni dopo la conquista del Messico la Madonna di Guadalupe si manifesta a Juan Diego come la madre del Dio vivente. Ella gli dona, come segno alcune rose preziose, e lui quando le mostra al Vescovo scopre raffigurata sul suo mantello la benedetta immagine di Nostra Signora, l evento Guadalupano. Maria apre la strada al Vangelo del suo Figlio divino e segna l incontro delle due culture: l europea e l indigena. Diventa la madre della fratellanza fra le razze. Il capolavoro di Santiago Parra manifesta come il cristianesimo si sia radicato nella religiosità delle culture precolombiane, la struttura portante sulla quale il Vangelo di Gesù si è inserito. Lo stesso San Juan Diego rappresenta tutti gli indigeni che hanno accolto il Vangelo di Gesù, con semplicità, speranza e fiducia, diventata poi carità, coerenza morale, distacco e povertà evangelica. Oggi la scienza è giunta a dire che la immagine della Madonna sembra non essere di questo mondo. Arcadia Gòmez Ramìrez 13 di padre Luis Chavez osj

8 IL BINOCOLO Giovani in visita a Santa Maria dei Fiori, Firenze Pellegrinaggi ai luoghi dello Spirito Turismo religioso Il nostro Paese è meta costante di flussi turistici e, a fianco al turismo classico, dobbiamo annoverare anche un turismo religioso, ossia quello di persone dirette in pellegrinaggio a località, siti, chiese, che costituiscono il principale richiamo per fedeli cristiani-cattolici, come le basiliche di Roma. Vi sono pellegrinaggi che partono da diocesi nazionali e diretti in località di culto sempre nazionale, ma anche pellegrinaggi diretti all estero, in particolare a Lourdes. Non è un movimento di poche migliaia ma di centinaia di migliaia di persone. Nel 2007 gli italiani che hanno preso parte ad un pellegrinaggio religioso ammontano ad oltre 350 mila ma sono un numero incalcolabile quelli che includono in un giro turistico, luoghi di fede, ad esempio il Santuario della Madonna di Pompei o di Loreto. Ma chi va in gita a Pavia e non visita la storica cattedrale o a Milano il Duomo? Solo per fare due esempi. Anche in una qualsiasi gita turistica i luoghi di culto, con i loro retaggi storici e d arte, sono mete di visite. Gli Oblati di S.Giuseppe sono da sempre in prima linea nell organizzare pellegrinaggi che abbiamo voluto definire spirituali religiosi. Ad Alba (CN) la parrocchia della Madonna della Moretta ha in programma i pellegrinaggi a Lourdes per il 150mo anniversario e a Banneux per il il 75mo anniversario delle apparizioni, oltreché alla Madonna dei Poveri a Milano. Da S. Giuseppe Artigiano a Sesto Fiorentino, si andrà in Terrasanta che affascina sempre tutti. A Nuoro la parrocchia-santuario N.S. delle Grazie è continua meta di pellegrinaggi. La parrocchia-santuario N. S. dello Sterpeto a Barletta (BA) ha in programma il pellegrinaggio a Lourdes, come pure, dal 28 settembre al 5 ottobre la parrocchia Maria SS.ma Addolorata a Margherita di Savoia (FG). Al Getsemani di Paestum corsi di esercizi spirituali per religiose/i, sacerdoti e diaconi Per religiose: dal 22 al 27 giugno; dal 13 al 18 luglio; dal 24 al 29 agosto. Li guida P. Adam Wojcikowski,osj. Tema per i tre corsi: Maria modello della consacrazione religiosa nei misteri del S. Rosario (dolorosi e gloriosi) Per sacerdoti, diaconi e religiosi: dal 15 al 19 settembre: li guida Sua Em.za il Card. Salvatore De Giorgi, Arcivescovo Emerito di Palermo e Presidente della F.I.E.S. Tema: La spiritualità sacerdotale autenticamente eucaristica (Sacramentum Caritatis); dal 20 al 24 ottobre: li guida Don Danilo Zanella, Vicepresidente della F.I.E.S. Tema: Apocalisse: epifania della speranza. (Il corso è per sacerdoti ma aperto a tutti); dal 10 al 14 novembre: li guida Sua Ecc.za Mons. Angelo Spinillo, Vescovo di Teggiano Policastro. Tema: Perché andiate e portiate frutto : la santificazione dei ministri ordinati nella configurazione a Cristo. Santuario e Casa di Spiritualità GETSEMANI DI PAESTUM, Oblati di San Giuseppe,Via Getsemani, CAPACCIO SA tel fax e.mail: web: Le apparizioni della Madonna a Laus in Francia Giuseppe accanto a Maria Nei primi giorni del mese di maggio la stampa cattolica si è occupata delle apparizioni della Madonna a Laus, sulle Alpi francesi, nella diocesi di Gap, suffraganea di Marsiglia. Ne hanno dato notizia sia G. Bernardelli su l Avvenire (4 maggio), sia S.M.Perrella su L Osservatore Romano (7 maggio). Le apparizioni di Laus, avvenute alcuni secoli fa, vengono riconosciute ufficialmente ora, con il Placet della Congregazione per la Dottrina della Fede, dopo le apparizioni di Lourdes del 1858, proprio nel loro centocinquantesimo anno commemorativo. Nessuno le aveva mai ufficialmente approvate, come ha fatto ora, il 4 maggio 2008, l attuale vescovo diocesano, Mons. Jean-Michel di Falco. Le apparizioni si erano protratte per ben cinquantaquattro anni, dal 1664 al Destinataria era stata una pastorella, Benedetta Rencurel. Aveva sedici anni, quando sopra il villaggio di St. Etienne, in una località chiamata Vallone dei Forni (Vallon des Fours), ebbe la prima apparizione della Madonna, la quale teneva per mano un bellissimo bambino. Le apparizioni si ripeterono, con colloqui destinati soprattutto alla formazione spirituale della veggente. Finalmente la Madonna le chiese una processione di tutto il popolo, rivelando il suo nome: Mi chiamo Maria. Dopo un mese di silenzio, la Madonna le compare nuovamente al Pindreau, con un messaggio: Figlia mia, salite la costa del Laus. Là troverete una cappella, dove sentirete profumo di violetta. Benedetta scopre così una piccola cappella abbandonata dedicata a Notre Dame de la Bonne Rencontre. La Madonna l attende e le dice: Desidero far costruire qui una chiesa più grande in onore del mio adorato Figlio. Esso sarà il luogo di conversione di numerosi peccatori. E sarà il luogo dove io apparirò molto spesso. Le apparizioni si protrassero, infatti, per cinquantaquattro anni: nei primi mesi, tutti i giorni; poi mensilmente. Migliaia di pellegrini accorrono a Laus, nonostante avvenimenti funesti, come la rivoluzione francese e la soppressione della diocesi di Embrun. La cappella primitiva delle apparizioni, detta La Bonne Rencontre, è tuttora conservata all interno del santuario di Notre Dame de Laus (che significa: Nostra Signora del Lago). I pellegrini usano farsi devotamente il segno della croce con le dita della mano destra intinte nell olio della lampada accesa davanti al tabernacolo dell altare maggiore, ritenuto miracoloso. Altro fenomeno inspiegabile è il profumo soavissimo che si espande in quel luogo. La presenza di san Giuseppe La mia attenzione per le apparizioni di Laus riguarda soprattutto la presenza di san Giuseppe, che avevo trovato segnalata in un opuscolo venutomi casualmente tra mano poco tempo fa. Come ho già scritto nel mio libro Gesù lo chiamò Padre. Rassegna storicodottrinale su san Giuseppe (Libreria Editrice Vaticana, 1997), le apparizioni di san Giuseppe sono piuttosto rare. Per la Francia ne ho segnalato una, avvenuta a Cotignac (Var), nel Gli avvenimenti di Laus sono quasi contemporanei, essendo avvenuti tra il 1664 ed il Nel libretto La Veggente di Laus, di Franchina Fini, si afferma che san Giuseppe è apparso alla veggente ben sei volte: Benedetta s indirizzava a lui colla confidenza e coll abbandono di una figlia. La raccomandazione che più spesso le faceva era di aver cura del suo gregge; dandole così il grande insegnamento che non si sale alla santità se non con l umile e costante adempimento dei doveri del proprio stato, in perfetta sintonia con la figura di san Giuseppe, ministro della salvezza nella vita nascosta di Gesù, a riprova che la vita ordinaria, tracciata a ciascuno dalla volontà di Dio, rimane la strada maestra della perfezione. Per trovare i messaggi bisognerebbe consultare le indagini ecclesiastiche ufficiali sui fatti di Laus a cominciare dal 1665, quando avvenne anche la guarigione immediata ed inspiegabile di un inferma. Altre indagini furono fatte anche da parte del Vicario episcopale Jean Javelly, nel 1670, e poi dell arcivescovo Charles de Genlis, nel Tra le duecentonovantacinque apparizioni sottoposte ad indagine nel corso della storia solo undici hanno avuto un riconoscimento canonico ufficiale da parte della Chiesa. L apparizione riguardante Nostra Signora di Laus, approvata pubblicamente il 4 maggio 2008, viene ad occupare il dodicesimo posto di Agostino Meloni di padre Tarcisio Stramare osj

9 16 Il 12 luglio 1931, 77 anni fa, veniva consacrato il santuario di san Giuseppe in Asti. La costruzione del Santuario di San Giuseppe è durata 3 anni: dall agosto 1928 al luglio L edificio in stile romanico ha 40 colonne di cui 16 centrali e 24 esterne. La torre campanaria, unica, centrale sulla facciata, ha 12 campane. Sette sono le lampade disposte nel presbiterio. Sei le cappelle laterali. Il santuario di San Giuseppe è stato eretto nella Casa Madre della Congregazione in Asti sul posto dell antica e ormai fatiscente, ma assai frequentata, chiesa-teatro, di Santa Chiara dedicata a sant Agnese, risalente ancora al monastero delle Clarisse. L architetto è stato un sacerdote, canonico di Acqui, mons. Alessandro Thea, che cominciò la progettazione nel 1927 e, per gli Oblati di San Giuseppe, curò poi anche la costruzione della Chiesa del Sacro Cuore a Canelli. Il pittore delle decorazioni è A. Laiolo. Tra le sue decorazioni sono da notare, particolarmente, gli angeli che parlano di preghiera, di serenità e purezza. Le dorature ricoprono le pareti del presbiterio e dell abside e corrono per le cordonature e si distendono tra le volute dei capitelli. L organo, imponente, fu costruito nel 1905 Cominciata nel santuario l'adorazione continua dell'eucaristia San Giuseppe in Asti ancora per la vecchia chiesa e poi sistemato nel nuovo Santuario. Esso servì subito ad accompagnare le voci bianche e le voci virili dei Seminaristi e dei chierici Oblati di San Giuseppe, diretti dal maestro di coro e supervisore della costruzione del santuario, padre Luigi Rosso. Il 19 marzo 1931 sulla facciata del nuovo santuario, ancora in fase di costruzione, fu collocata una monumentale statua di San Giuseppe di 3,6 metri d altezza, opera dello scultore gardenese Emilio Demetz, scultore scomparso nel 73 e che ha lasciato opere di singolare bellezza soprattutto a carattere sacro. L inaugurazione e la consacrazione del Santuario avvenne la Domenica 12 Luglio 1931 alle ore 9,00 così lo annunciava il mensile Joseph di giugno 1931 e fu impartita da Sua Eccellenza Mons. Luigi Spandre, vescovo di Asti. Il Santuario era stipato di popolo. I cori erano guidati sempre dal padre Luigi Rosso futuro superiore generale dal 1946 al Le campane, squillando ad ore determinate, creavano attorno al santuario una atmosfera di festività [ ] la notte del 12 Luglio, il cielo era infiorato di stelle e le luci elettriche mettevano in evidenza le linee La facciata del Santuario di San Giuseppe principali della grandiosa e genialissima costruzione (da Joseph, agosto-settembre 1931). Dal momento della sua inaugurazione, il santuario è stato meta di un continuo pellegrinaggio di persone devote che vi accorrevano a visitarlo: al mattino dei giorni feriali, sei messe vi si celebravano (6 6,30-7 7,30 8 8,30) e nei giorni festivi 5 messe ( ), e a notte alle 21,00 aveva luogo la benedizione eucaristica. Tutti i giorni e più volte al giorno si recavano al Santuario i ragazzi aspiranti e i chierici studenti degli Oblati di San Giuseppe. Accanto al Santuario vi era la cripta del Servo di Dio, ora S. Giuseppe Marello, fondatore degli Oblati di San Giuseppe, che fu poi trasportata all interno del Santuario in un apposita cappella decorata da un grande affresco di Angelo Bogani. Sabato 19 settembre 1931 si svolse nel santuario per la prima volta l ordinazione sacerdotale di due confratelli Oblati di San Giuseppe: p. Giuseppe Corbellini di Trecate e p. Pietro Lale Gerard della Val d Aosta, per le mani di S. E. Mons. Franco, vescovo di Ozieri (Sardegna). Sabato 10 Ottobre nel Santuario si ebbero le esequie di P. Giovanni Battista Cortona, primo successore di San Giu- Qui sotto, la pala dell'altare di Piero Dalle Ceste. In basso da sin., l'interno del santuario; la nuova cappella dell'eucaristia; Giovanni Paolo II nel settembre 1993; la statua di San Giuseppe di Emilio Demetz seppe Marello. Giovedì 15 ottobre si celebrò la festa di Santa Teresa. Nel santuario continuarono ancora a lavorare i pittori alla decorazione del coro e del presbiterio, di tutta la prima parte del santuario; in particolare lavorò l artista italiano Frascaroli. Il 2 dicembre 1931, mercoledì, ebbe inizio nel Santuario di San Giuseppe la devozione dei mercoledì di San Giuseppe. Nel 1933 si ebbe la benedizione dei quadri della Via Crucis e l inaugurazione di due cappelle laterali, dedicate al Sacro Cuore e all Immacolata. Nel 1944, per il I centenario della nascita di s. Giuseppe Marello, avvenne la consacrazione dell altare maggiore e del mosaico cosmatesco del pavimento, dedicato a San Giuseppe e furono introdotte nell altare le reliquie dei Santi Martiri Secondo ed Evasio. La splendida pala dell altare è opera del pittore Piero Dalle Ceste ( ). Sabato 25 settembre 1993, quindici anni fa, Il Santo Padre Giovanni Paolo II visitò il santuario: Qui accanto all urna di Monsignor Giuseppe Marello, che a Dio piacendo avrò la gioa di proclamare Beato, mi piace ricordare la sua figura di grande devoto di San Giuseppe, tutto dedito al servizio della Chiesa. I primi di maggio, da pochi giorni, è cominciata l adorazione continua dell Eucaristia in una cappella apposita del santuario preparata con molto decoro. Il Santuario accoglie gruppi di pellegrini. Per maggiori informazioni scrivere a: 17

10 Parola... e Fatti I Vangeli delle feste di Giugno I santi di Benedetto XVI Domenica 1 giugno 2008, IX del tempo ordinario/a Dt 11, ; Rm 3,21-25a.28; Mt,21-27: Chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, sarà simile a un uomo saggio, che ha costruito la sua casa sulla roccia. Ho sperimentato nella mia vita la Saggezza evangelica, la quale è un amica da cu potremmo ricavare maggior vantaggio, poiché ella ci dice, come il semaforo: - Attenzione, è rosso: fermati. E giallo: non continuare. E verde: avanti -. È una delle virtù che ci fa crescere nel nostro ragionamento, e ammetterlo insieme con i sentimenti. Jackeline Domenica 8 giugno 2008, X del tempo ordinario/a Os 6,3-6; Rm 4,18-25; Mt 9,9-13: Io non sono veuto a chiamare i giusti, ma i peccatori. tanto vicino a me, poiché è Lui per primo che ci cerca e ci viene incontro. Nelle nostre debolezze e fragilità si trova vicino a te, mai ti lascia da solo. Siamo noi a volte a non riconoscerlo con i nostri occhi. Flores Domenica 15 giugno 2008, XI del tempo ordinario/a Es 19,2-6a; Rm 5,6-11; Mt 9,36-10,8: Gratuitamente avete ricevuto, gratuitamente date La Signora Beatriz, l'anno scorso aveva un figlio nella catechesi per la prima comunione; all inizio lei non veniva a Messa la domenica, soltanto veniva suo figlio, e poi pian piano, per insistenza di quel figlio è venuta e si è incontrata col Signore, riconoscendosi favorita da molti doni senza meritarlo. Adesso lei stessa è catechista d altri bambini che si preparano alla prima comunione. Nonostante le difficoltà che trova con il marito continua a donarsi al Signore Tubarao (Brasile), 20 ottobre Beata ALBERTINA BERKENBROCK, fanciulla, martire. (Sao Luis, Brasile, ). Una fanciulla dodicenne aggredita e uccisa per aver difeso la sua dignità come Santa Maria Goretti. Nata da famiglia profondamente cattolica di origine tedesca, Albertina si mostrò fin dai primi anni obbediente e gentile, inclinata alla bontà e alla virtù. Una fanciulla tanto piccola che pregava, aiutava i genitori e si prestava ad ogni servizio per gli altri riesce oggi quasi incredibile. La grazia di Dio compie questi e altri miracoli. Il fatto stesso che la sua mente, nonostante la modesta conoscenza, si sia rivolta con affetto filiale alla Vergine Maria, e che abbia scelto come patrono particolare San Luigi Gonzaga, un giovane vissuto circa quattro secoli prima e non facile, nel lontano Brasile, da conoscere e da amare, indica chiaramente la luce dello Spirito di Dio, che ha voluto offrire alla cultura odierna l esempio di una bambina che opta per la morte piuttosto di accondiscendere al male. Nel processo di beatificazione i testimoni ripetono sovente queste tre qualità di Albertina: delicata, modesta y reservada. Inoltre emerge dalle testimonianze il forte senso di carità, che la induceva a soccorrere le fanciulle povere della zona dividendo con loro la sua colazione. In modo particolare soccorreva i bambini di un dipendente di suo padre, certo Idanlìcio Martins di trentatre anni, di razza nera e purtroppo inviso alla gente di quella regione, nutrita da un forte quanto odioso sentimento razzista. Il pomeriggio del 15 giugno Albertina ricevette dal padre l incarico di recarsi a fare una commissione. La fanciulla prontamente obbedì, e sulla strada incontrò Idanlìcio, che si offrì di aiutarla. Il giovane con un inganno la condusse in un bosco, e tentò di usarle violenza. Dinnanzi alla strenua opposizione della piccola, l infelice la colpì alla gola con un pugnale, uccidendola Frederico Westphalen (Brasile), 21 ottobre Beati MANUEL GOMEZ GONZALES sacerdote, e ADILIO DARONCH chierichetto, martiri. Don Manuel Gòmez Gonzales nacque il presso Tuy-Pontevedra, in Spagna, da genitori umili e cristiani. Sacerdote nel 1902, esercitò il ministero nella sua diocesi, per passare poi in Portogallo e infine salpare per il Brasile (1913). Gli fu affidata l immensa parrocchia di Nonoai (Rio Grande do Sul). Qui svolse una così intensa opera cristiana e sociale da cambiare in otto anni il volto della regione, occupandosi anche della vicina parrocchia di Palmeiras de Missoes, dove avrebbe incontrato il martirio. Adilio Daronch nacque il a Dona Francisca (Rio Grande do Sul) da Pedro e Giuditta, la quale era di origine italiana. I coniugi, lavoratori instancabili e ricchi di fede, avevano otto figli, e Adilio faceva parte del gruppo di adolescenti che accompagnava Don Manuel nei lunghi viaggi pastorali, tra cui quello presso gli indios Kaigang. Adilio, chierichetto, era anche alunno della scuola fondata da Don Manuel. Varie fonti non escludono che volesse essere sacerdote. Su richiesta del vescovo, Don Manuel si recò a visitare un gruppo di coloni di origine tedesca stanziati nella foresta Tres Passos e invitò il giovane Adilio, ormai sedicenne, a seguirlo. Partirono, incuranti dei pericoli di una regione scossa dai movimenti rivoluzionari. A Palmeira Don Manuel non mancò di richiamare tutti al dovere della pace. I più estremisti non gradirono l intervento del prete, neppure di avere dato sepoltura alle vittime delle guerriglie. Il 20 maggio 1924 Don Manuel celebrò l ultima messa, presso la foresta. I fedeli indigeni lo avvertirono del pericolo che avrebbe corso inoltrandosi in essa, ma il desiderio di portare la grazia divina e la pace fu ben più forte del timore. Incontrarono 18 alcuni militari che si offrirono di accompagnarli. In realtà 19 È questo che mi piace di Dio, e lo sento con molta gioia. Ha capito che tutto ha ricevuto gratuitamente, e perciò gratuitamente dona". Josefina all istante. Gli abitanti di Sao Luis parteciparono in massa ai funerali, e subito la fanciulla divenne oggetto di venerazione e di culto. Questo esempio ci conferma che, nonostante la tragicità dei fatti di oggi, non andiamo era un tradimento: il prete e il giovane furono con- dotti in una remota zona della foresta, legati ad alberi e fucilati, morendo così in odio alla fede cattolica e alla Chiesa. Era il 21 maggio Domenica 22 giugno 2008, XII verso la catastrofe, ma verso lo Sposo che sta La celebrazione dell Eucaristia, al centro della vita venendo, cioè verso un regno diverso da quello dell egoismo dei Beati Manuel e Adilio, risplende nella loro testimonianza Domenica del tempo ordinario/a Ger ; Rm 5,12-15; Mt 10,26- e del disprezzo, il Regno delle beatitudini, il Regno di Dio. con la potenza e il fascino del mistero incarnato. Perché la Parola di Dio risuoni nel mondo, essi compirono 33: Chiunque mi riconoscerà Questa certezza trasformiamola visibilmente, noi insieme il loro olocausto, perché la loro estrema davanti agli uomini, anch io lo riconoscerò davanti al Padre mio cristiani, in nuovi modi di esistenza, che bussano alla porta del cuore per farlo esultare perché lo Sposo è vicino. comunione risplendesse come luce nelle tenebre. (Omelia del card. José Saraiva Martins, in occasione della beatificazione). In questo mondo dove viviamo, non è facile essere veri testimoni fedeli, aperti ad ascoltare e a dire: sono figlio di Dio, sono un cristiano che vive delle beatitudini. Sì, lo sono, ma purtroppo mi manca il coraggio, e questa è una sfida che il mondo ci lancia addosso, noi povere cifre del nulla, come dice san Giuseppe Marello. Beatrice Domenica 29 giugno 2008, Santi Pietro e Paolo At 12,1-12; 2Tm 4, ; Mt 16,13-19: A te darò le chiavi del regno dei cieli. Dio promettere di darci le chiavi del cielo, cioè del nostro cuore perché possiamo così vedere le grandi opere compiute e realizzate per noi fino ad oggi. Quanto è buono e dolce il nostro Dio, che si fa piccolo per arricchirci con la sua povertà! Beatrice. Beata Albertina Berkenbrock Beati Manuel Gomez Gonzales e Adilio Daronch di padre Franco Careglio ofm conv

11 Benedetto a San Quirico-Asti il complesso San Giuseppe Marello Primo traguardo per edificare la Chiesa nizzato il 25 novembre Non a caso, questa chiesa viene affidata ai Padri Giuseppini, sacerdoti e missionari: in particolare a Padre Allen Diokno e Padre Joseph Pasia, entrambi approdati ad dalle chiese della città, dove avrebbero potuto attivarsi a favore dei giovani, attraverso il catechismo e l oratorio. Giuseppe Marello venne nominato vescovo di Acqui, quindi il suo progetto fu rinviato sine die. Gli imperscruta- la Casa. Al piano terra, gli uffici della cappellania e dell Opera Pia, con sale per riunioni. Al piano superiore, una comunità per dieci ragazzi, che verranno ospitati con i loro educatori e formati al lavoro. Si realizzano così Ma non finisce qui Come ha puntualizzato il vescovo nella sua omelia, si tratta di un primo passo verso un opera che continuerà nei prossimi anni: il progetto prevede infatti l edificazione di una chiesa a pianta circolare e 20 La festa Domenica 25 maggio ad Asti è stata una festa, una grande festa: proprio nel giorno del Corpus Domini, con la partecipazione di centinaia di abitanti del quartiere San Quirico, è stato inaugurato il primo blocco del complesso ecclesiale composto dalla chiesa salone San Giuseppe Marello e dalla nuova sede dell Opera Pia Michelerio. Un traguardo volante, lo ha definito Monsignor Ravinale nell omelia della messa di domenica scorsa: Passatemi il paragone prosaico con il giro d Italia. Questa inaugurazione è come il traguardo volante di una lunga corsa (quel traguardo intermedio posto lungo il percorso di una gara ciclistica, che viene superato dai corridori senza fermarsi, n.d.r.), che ha avuto inizio sedici anni fa e non si conclude oggi. Da tempo i cittadini di questo rione chiedevano al vescovo di far edificare una chiesa nel loro quartiere. Le parole di Ravinale risuonano nel grande salone, gremito all inverosimile. La celebrazione è animata dalla neonata corale (si è costituita nel novembre scorso): una quindicina di persone di ogni età, guidate dal maestro Gioachino Loiacono. Tra i partecipanti alla funzione, il prefetto De Bonis, l assessore provinciale Ferraris, gli assessori comunali Verrua, Imerito, Rasero, le autorità militari e persino qualche rappresentante della giunta della passata amministrazione. I Padri Giuseppe Marello, torinese di nascita, astigiano d adozione, visse il ministero sacerdotale nella diocesi di Asti, dove nel 1878 fondò la Congregazione degli Oblati di San Giuseppe, cui affidò la diffusione del culto di San Giuseppe, la formazione dei giovani e l aiuto alle chiese locali. Proclamato Beato in Asti dal papa Giovanni Paolo II nel 1993, Giuseppe Marello fu cano- Asti dalle lontane Filippine un anno fa. In attesa che la chiesa salone fosse ultimata, i Giuseppini si riunivano con i loro fedeli e celebravano le funzioni religiose nel vicino prefabbricato, acquistato dalla Diocesi e collocato su di un terreno di proprietà del Comune. Il locale viene gestito congiuntamente, per le rispettive finalità, dalla Diocesi e dal Comune. Perfetta convergenza di civile e religioso, sancita dalla convenzione firmata quattro anni fa dal vescovo e dal dirigente comunale del settore politiche giovanili. Ma torniamo ai missionari di San Quirico. Come ha ricordato il superiore provinciale Padre Luigi Marsero, il Marello aveva in animo di inviare i suoi Oblati in una zona lontana bili tempi della Provvidenza, tuttavia, avevano predisposto che, in capo a centoventi anni, i figli spirituali di Giuseppe Marello avrebbero realizzato il sogno del loro padre fondatore. Il Michelerio Anche l Opera Pia Michelerio ha la sua nuova sede. Di fianco alla chiesa salone, si erge il nuovo edificio, realizzato con parte dei proventi della vendita del Michelerio, l ampio complesso che si affaccia su Corso Alfieri, all Agenzia Territoriale per Pagina a sinistra, gli sbandieratori del Palio del quartiere di Tanaro; a fianco, autorità e popolazione partecipano all'eucaristia; sotto: il vescovo di Asti monsignor Francesco Ravinale, a sinistra padre Luigi Marsero provinciale degli Oblati di San Giuseppe, a destra Monsignor Vittorio Croce vicario generale appieno le finalità dell Opera Pia: l aggregazione, l animazione e la formazione di ragazzi e giovani. Parrocchia e Cappellania Non si tratta di una nuova parrocchia. La Cappellania San Giuseppe Marello sorge sul territorio della parrocchia SS. Annunziata, per offrire un servizio anche al vicino quartiere di San Fedele (della parrocchia San Pietro). Le parrocchie rimangono competenti per le celebrazioni dei battesimi e dei matrimoni. l esterno a forma di nave, che culmina nel campanile, illuminato grazie ad un fascio di laser. La nuova struttura avrà quattrocento posti per i suoi fedeli e verrà finanziata in parte con i contributi dell 8 per mille. Tra la chiesa e i due edifici già costruiti, saranno situati la sacrestia e gli uffici parrocchiali, la casa canonica e le aule per le attività catechistiche. Il progetto, firmato dallo scomparso architetto Salva Garipoli, è ora affidato all architetto Andrea Capellino e ai suoi collaboratori. 21 di Silvia Cotto

12 120 anni fa voleva comprare proprio lì il fabbricato della Vinicola Il sogno di San Giuseppe Marello si realizza aiuto. Un benefattore, Domenico Gaspardone, semplice portinaio del seminario, che ebbe l onore di aver messo il suo nome sulla lapide dei benefattori del Michelerio avendo beneficato tanto il Michelerio che Santa Chiara, saputa la cosa lo to «La vinicola» era un'antica «cantina», che aveva avuto il suo momento glorioso, ma che ora era surclassata da altre emergenti (per cui Asti diveniva famosa), e ammainava le vele ed era messa in vendita. Questo sì era un affare vantaggioso sotto chiesa di Ponte Tanaro, e fu aperto un grandioso oratorio festivo, affidato ai Salesiani. La "vinicola, andò poi in mano ad una società vetraria toscana. Il canonico Marello non comprò il fabbricato in seguito alla sua elezione a vescovo: «Non credette cosa prudente assumersi la grave responsabilità dell'impianto di una nuova casa che avrebbe richiesto l'immediata e costante sua vigilanza ed opera, che egli da lontano non avrebbe potuto prestare» (A Mazzetti in S.Dalmaso, Biografia del Beato G. Marello.) La sua folle idea, di realizzare un opera in una zona periferica della città, in cui poter accogliere ragazzi e giovani per educarli com era nel suo stile, attraverso il catechismo, la preghiera e il gioco ed una vita cristiana, si sta realizzando proprio oggi. giorni, presenta esigenze reali e, sulla scia del loro padre Fondatore, gli Oblati di san Giuseppe pongono nelle loro scelte pastorali un attenzione particolare all educazione cristiana della gioventù in svariate forme, non ultimo l impegno nella catechesi. Un percorso a tappe Correva l anno 2003! Il Vescovo di Asti monsignor Ravinale manifestava il desiderio che un sacerdote Oblato, dotato di una certa vivacità, inventiva e capacità di rapporto con le persone, fosse presente a San Quirico, quartiere periferico della città in forte espansione. Il superiore provinciale pensò ad un giovane sacerdote indiano, padre Giorgio Facister Kunnappilly, che aveva fatto i suoi studi in sede in via Scotti. Grazie all interessamento di padre Giorgio, della diocesi e del Comune si realizzò ben presto l obiettivo di costruire un centro di vita comunitaria per la popolazione del nuovo insediamento abitativo di san Quirico attraverso l installazione di una struttura precaria prefabbricata, acquistata dalla diocesi, collocata sul terreno di proprietà del Comune e gestita congiuntamente per le rispettive finalità dalla diocesi e dal comune, tramite la locale parrocchia SS. Annunziata sita nel rione Tanaro alla periferia della città. Asti, l Assesorato alle politiche sportive in collaborazione con la cooperativa la strada, l intervento di un educatore attivo in quartiere e la presenza della chiesa nella persona di padre Giorgio hanno permesso nel tempo l avvicinamento dei ragazzi del quartiere, la realizzazione del campetto di calcio adiacente alla cappellania, l intervento di aiuto e sostegno scolastico, mentre le funzioni religiose continuano ad essere partecipate da un buon numero di fedeli. Il 16 ottobre 2006 padre Giorgio è trasferito dalla cappellania San Giuseppe Marello alla parroc- cono don Joseph Pasia. La prima cosa che padre Allen e don Jospeh, hanno voluto fare è stato l avvicinare e il conoscere tutte le famiglie. Con grinta si sono poi impegnati nell avvicinare i ragazzi e i giovani. Il 22 settembre 2007 don Joseph è stato ordinato sacerdote nella cattedrale di Asti da monsignor Ravinale. Fu questa un occasione stupenda e provvidenziale in quanto la festa portò tantissime persone del quartiere ad una maggiore conoscenza e aggregazione. Oggi un bel numero di fedeli partecipano alle funzioni religiose della cappellania. Si è Il canonico Giuseppe Marello nel 1888 aveva in mente di dilatare la sua congregazione anche fuori di Santa Chiara, sia per allargare gli spazi ai suoi Oblati sia per lanciarli nell'opera dei catechismi, fondando qualche oratorio giovanile in città. Dappri- 22 Infatti, il 25 maggio è preparazione al sacerdozio Il 29 Aprile 2004 la chia Madonna dei Poveri costituito il gruppo dei 23 ma, egli mise gli occhi sul dissuase subito: non era tutti gli aspetti, materiale stato inaugurato il nuovo in Italia e, di conse- diocesi rappresentata dal a Milano. Padre Fiorenzo chierichetti; diverse gio- vetusto castello di Asti, quello un ambiente preparato e soprattutto spirituale complesso sociale ed guenza, conosceva bene vescovo monsignor Fran- Cavallaro, rettore della vani coppie hanno formato abitazione medievale dei a ricevere una per il bene che si sarebbe ecclesiale: chiesa salone la lingua, la cultura e la cesco Ravinale e il comu- comunità religiosa nella la cantoria; un gruppo vescovi, ora lasciato in abbandono e messo in comunità e avrebbe dovuto spendere molto per potuto fare alla gioventù, in quella zona lontana polivalente San Giuseppe Marello in Via Scotti, mentalità. Il primo settembre del 2003 padre ne rappresentato dal dirigente del settore Politiche casa madre degli Oblati di san Giuseppe in Corso Vittorio di preghiera animata dai sacerdoti si ritrova ogni vendita da un privato. Il riattarlo. Allora il canonico dalle chiese cittadine. quartiere San Quirico, Giorgio iniziava il suo Giovanili dr. Gianluigi Alfieri 384 ne conti- sabato sera. C è il Comi- prezzo richiesto era di lire Marello non ci pensò più. Qualcuno giudicava il suo Asti, con le aree attrezzate lavoro ministeriale nella Porro approvarono il nua il lavoro, finché il 18 tato della cappellania , accessibile anche Di lì a poco fu messa in progetto una follia ma esterne. parrocchia SS. Annunziata testo della convenzio- aprile 2007 il superiore L augurio è che si possa se egli non disponeva di vendita un'altra grande gli eventi dimostrarono Grande è sempre stata rione Tanaro, in aiuto al ne. La cappella-salone provinciale padre Luigi realizzare non solo il complesso niente. Il Marello cominciò costruzione, collocata quanto fosse savio: perché per il Marello la presa di parroco don Mino Vittone polivalente fu inaugurata Marsero, presenta al e la chiesa San ad esporre il suo piano allora fuori città, ove non in quella località più coscienza dei problemi con l incarico specifico alla fine del mese di otto- vescovo tre sacerdoti Giuseppe Marello, ma una all'uno e all'altro, per sentire c'era ancora la chiesa e si tardi fu eretta una chiesa sociali-giovanili del suo dell erigendo centro San bre del L interesse oblati provenienti dalle vera comunità aperta ai i pareri ed eventual- poteva fare tanto del succursale della parroc- tempo. La situazione gio- Giuseppe Marello nel da parte delle Politiche Filippine: padre José Apin, valori cristiani e luogo di mente ottenere qualche bene. L'immobile chiamachia di S. Paolo, detta vanile, anche ai nostri quartiere San Quirico e Giovanili del Comune di padre Allen Diokno e il dia- aggregazione. di padre Fiorenzo Cavallaro osj. Momenti della concelebrazione a sin. disegno del complesso e chiesa San Guseppe Marello

13 Dialogando con gli amici 24 Una mamma per la figlia Ho tre figlie, ma una è la mia disperazione. Insegna nelle scuole italiane all estero, quindi è sempre lontana da casa. Una vita disordinata, frequenta (o sta) con un uomo sposato e separato che ha già un altra amante, frequenta con lui una specie di setta dove parlano solo del diavolo e dove le dicono che lei è indiavolata... Quando di rado torna da me, non vuol saperne di fede o di preghiera ecc. Non sa più neppure il Padre Nostro e l Ave Maria. Io prego tanto ma che cosa posso fare? (.) Silvana B. Signora Silvana, sappia che le preghiere di una mamma per il bene e la salvezza vera e totale dei suoi figli, il Signore le ascolta sempre, perché chiede una cosa che Lui da sempre vuole. Con sua figlia non servono le prediche rabbiose, serve tanta bontà. Non si è mai accorta che sua figlia soffre, ha delle paure e delle ansietà interiori che non manifesta? Le dica con dolcezza che da quella setta deve stare lontana. Non si sta bene dove il diavolo abita e che, giovane come è, non si lasci prendere dalla trappola di quell uomo che sfrutta spudoratamente le donne. La inviti a una preghiera insieme con lei per essere liberata dalle paure e dalle sue ansietà. Domandi con lei aiuto per il suo avvenire e per le scelte della sua vita a Uno che le vuole bene e che ha dato la vita per lei e che si chiama Gesù. Le dia coraggio a liberarsi da certi legami,che la rendono schiava e dei quali essa stessa non è contenta e a trovare una strada sua, formandosi una famiglia degna di questo nome Rievochi con lei i ricordi della fanciullezza e dei sacramenti ricevuti. Con delicatezza le offra un libretto di preghiere e un Vangelo. In un colloquio materno e affettuoso, da lasciare aperto e che può avere molte riprese, vinca la sua apparente ostilità alle cose della fede e in particolare verso la Chiesa. Sono certo che le sue parole pian piano faranno breccia nel cuore di sua figlia: l acredine e la dura riprensione che lei usa ora non servono; solo la bontà conquista. Una catechista in imbarazzo Padre, ma come si fa con i ragazzi di oggi? Parlo specialmente del gruppo dei chierichetti. Una volta si diceva che avevano l argento vivo addosso, ma adesso hanno ciascuno un diavoletto che li scuote e li distrae con mille cose. Forse sono troppo giovane, ma proprio che fatica! E il mio parroco sorride e vuole che continui. Fiorella S. Sono figli del nostro tempo. Bisogna prenderli come sono e portarli con pazienza a incontrare la persona di Gesù. Troppe nostre lezioni di catechismo sono teoriche, scipite e fredde e non dicono nulla ai ragazzi. Dia loro un Gesù vivo, operante e concreto, lo presenti come loro amico. Parli di lui con entusiasmo e prima e dopo preghi molto per loro lo Spirito Santo che li illumini. Cerchi l occasione di parlare personalmente a ognuno di loro, toccando la loro sensibilità e la loro viva partecipazione al discorso: a tu per tu le cose si dicono meglio e hanno una rispondenza più sentita. C è poi il problema del coinvolgere i genitori nel discorso educativo religioso: sono essi i primi responsabili della formazione cristiana dei figli, l hanno promesso nel giorno del battesimo dei figli; ma qui il discorso si allarga a situazioni molteplici e spesso dolorose e non è possibile trattarne a lungo in questa sede. Che cos è l anno paolino? Padre, il mio parroco ha parlato dell anno paolino, ma non ha detto molto, ha solo accennato che riguarda s. Paolo a Roma. Ho capito poco. Ci può dire qualcosa di più? Teresio F. Il Papa ha indetto un anno paolino per ricordare il bimillenario della nascita di s. Paolo. Lo aprirà nella basilica di s. Paolo a Roma il 28 giugno prossimo, aprendo la porta paolina. Veramente non si conosce la data esatta della nascita di s. Paolo: gli esperti la mettono tra il 7 e il 10 d. C. Sua città natale è Tarso in Turchia. Giudeo della diaspora, di nome Saulo, della tribù di Beniamino, ma cittadino romano, fu discepolo del rabbino Gamaliele e divenne un fariseo zelante tanto che fu presente al martirio di s. Stefano. Persecutore ardente dei cristiani, dopo la mirabile conversione sulla via di Damasco, divenne altrettanto ardente apostolo e missionario di Cristo morto e risorto. Solo dopo tre anni dalla conversione andò a Gerusalemme per incontrare Pietro. Dalle sue Lettere e dagli Atti degli Apostoli conosciamo i suoi viaggi missionari compiuti nel bacino del Mediterraneo, raggiungendo Antiochia, Efeso, Filippi, Tessalonica, Atene, Corinto ecc. e sopportando rischi, pericoli e persecuzioni, di cui parla nelle Lettere. Arrestato a Gerusalemme per un presunto oltraggio al tempio, rimase due anni in prigione a Cesarea Marittima. Poi come cittadino romano si appellò a Cesare e nel 60 d. C fu condotto a Roma dove fu tenuto in prigione ma godendo di una certa libertà, tanto che poteva scrivere (le Lettere dalla prigionia), ricevere visite, predicare il Vangelo. Parecchie delle sue lettere, scritte con cuore di padre e di pastore alle nascenti comunità cristiane che aveva fondato, sono diventate parte della Parola di Dio e tesoro della chiesa. E lei, signor Teresio, le sente leggere nella celebrazione della Santa Messa domenicale, il che ha Se lo stare in piedi dipendesse da noi, sicuramente al primo soffio noi cadremmo. Confidiamo sempre nella Divina Misericordia e così sperimenteremo ogni giorno più quanto è buono il Signore. (san Pio da Pietrelcina) creato una certa familiarità col suo pensiero. Chi non ricorda certe espressioni ad es. Non son più io che vivo, ma Cristo vive in me oppure Per me il vivere è Cristo. Non conosco altro che Cristo e Cristo crocifisso! Guai a me se non predicassi il Vangelo portate i pesi gli uni degli altri o Chi non lavora non mangi ecc? Infine subì il martirio per decapitazione fuori Roma, alle Tre Fontane. Il suo corpo è sepolto nella grande basilica di s. Paolo fuori le Mura e i pellegrini possono ammirarne il sarcofago. Papa Benedetto XVI annunciando l anno paolino ha detto: anche oggi Cristo ha bisogno di apostoli pronti a sacrificare se stessi. Ha bisogno di testimoni e martiri come Paolo Visse e lavorò Per Cristo, per Lui soffrì e morì. Che l anno paolino ci serva per conoscere meglio questo Gigante della Fede, come appare dalle sue lettere! Mandare le lettere per la rubrica Dialogando con gli amici a: Padre Paolo Re Corso Alfieri, Asti Un caro saluto a Eric e Alessandro che vivono in Svezia, da parte della nonna Egle. 25 di padre Paolo Re osj

14 Notizie dal mondo giuseppino Eventi, immagini, dai mille luoghi, in Italia e nel mondo, dove sono presenti i lettori di Joseph Il Papa a Savona ha visitato il Santuario Basilica di Nostra Signora della Misericordia Il Santo Padre Benedetto XVI ha cominciato la sua vista alla diocesi di Savona il 17 maggio rendendo omaggio alla Madonna della Misericordia. Giunto in elicottero nella città ligure, il Papa si è subito recato in auto scoperta al Santuario, ripercorrendo le orme di Pio VII che, il 10 maggio 1815, incoronò nello stesso luogo l effigie della Madonna della Misericordia per ringraziarla di essere stato liberato, dopo tre anni di prigionia voluta da Napoleone. Qui il Papa si è recato nella cripta per pregare ai piedi della statua della Madonna recitando un orazione d affidamento della città e della diocesi a Maria, e deponendo alla fine sull altare una rosa d oro come omaggio. Il santuario mariano è tanto caro alla memoria di noi Oblati di S. Giuseppe. Infatti nell estate del 1956 qui Giuseppe Marello, undicenne in pellegrinaggio, ricevette la sua vocazione, e qui celebrò, lunedì 27 maggio 1895, l ultima Eucaristia dela sua vita terrena. In occasione della visita del Santo Padre al Santuario, il libretto La spiritualità mariana in San Giuseppe Marello, autore p. Sebastian Jacobi osj, è stato pubblicato e dato in omaggio ai lettori di Joseph. Asti, Convegno dei chierichetti in Casa madre Ad Asti in Casa Madre sabato 4 e domenica 5 maggio abbiamo celebrato con gioia il Primo Convegno dei Chierichetti. Davvero è stata una giornata indimenticabile! In tutto eravamo 84, provenienti da Villanova, San Martino Alfieri, e dalla città dal Duomo, da San Paolo e da San Quirico -, da Milano Madonna dei Poveri, da Alba Madonna della Moretta, da Biella i Filippini, da Imperia San Giuseppe e da Roma San Giuseppe all Aurelio. Ecco il programma svolto: sabato pomeriggio accoglienza e giochi nel cortile, preghiera iniziale e presentazione del tema: Marello un Amico vero, visita ai luoghi marelliani -cattedrale, seminario, museo-, preghiera, cena; dopo cena: seratona in Festa!!! con il recital: La vita di San Giuseppe Marello, Visita di due confratelli dalle Filippine Padre Edwin Tolentino e padre Nelson Osorio delle Filippine il 3 e 4 maggio a Roma hanno partecipato alla riunione di coordinamento a Roma per l organizzazione del III Congresso mondiale dei Laici Giuseppini Marelliani, che si svolgerà a Tagaytay il gennaio prossimo. Nella foto, con p. Gabriel Kamus da sinistra. A Parete festa della SS.ma Trinità Il giorno 18 maggio a Parete si è celebrata la festa della parrocchia dedicata alla SS.ma Trinità. Si sono svolte sfide di balli, banchetti di gastronomia e, per finire, la Corrida dove si sono sfidati imitatori, canzonieri e barzellettisti. Prima, però, di iniziare i festeggiamenti abbiamo celebrato la Santissima e Solennissima Eucaristia a cui hanno partecipato più di 100 persone. Quel giorno Gesù ci ha guidati e tenuti per mano, anzi era lì in mezzo a noi a festeggiare; dobbiamo aiutar- Lo nel rinnovare l'universo, eliminare le guerre, la povertà e la discordia tra di noi, dobbiamo farlo ritornare come Lui ce lo ha donato Faraldo Luigi Visita di padre Pierdomenico Ceriani in Italia In questi giorni è giunto dal Perù in Italia padre Pierdomenico Ceriani. Dopo un periodo trascorso in famiglia si è recato a Sesto Fiorentino, alla comunità parrocchiale di San Giuseppe Artigiano, che da più anni sta sostenendo molti progetti, in particolare il centro medico San José Marello a Barranco, Lima, e la formazione di diversi seminaristi oblati nel Perù. Nella foto, a Sesto Fiorentino, con padre Pierdomenico il gruppo mentre prepara una spedizione di articoli sanitari. 26 conosciamoci!!! - ogni gruppo si è presentato con canti, giochi, scenette, danze. Domenica 4 maggio: colazione, solenne celebrazione eucaristica nel santuario di San Giuseppe presieduta da p. Luigi Marsero superiore provinciale, giochi - canti, bans ecc.-, pranzo/premiazione, conclusione. Padre Joseph Pasia osj A Roma, celebrazione nel collegio universitario La sera di giovedì 15 maggio a Roma, nella cappella della casa generalizia gli studenti del collegio universitario hanno svolto insieme a padre Brian Crawford, incaricato del collegio, la celebrazione della preghiera comunitaria, a conclusione dell anno accademico e per esprimere vicendevolmente il saluto a padre Brian prima della sua partenza per gli Stati Uniti. 27

15 I nostri cooperatori laici in India I cooperatori laici in India portano il nome di Figli di San Giuseppe, e uniscono insieme tutti gli exalunni della Boys Home di Kodungallur. Hanno festeggiato la loro celebrazione annuale domenica 25 maggio, con l Eucaristia presieduta da padre Varghese Mettekkattu provinciale, padre Laly Kathullil e padre Sebastian Kanichukunnath concelebranti, e nel ricordo di padre Hilarion Nedumparambil. Dopo la messa, l incontro con circa 250 presenze, presieduto da padre Sebastian e inaugurato da padre John Chakalakkal. Il presidente Gabriel Kammatikal e il segretario Anto Kollethusery hanno espresso la loro gratitudine ai presenti. A Roma, casa generalizia, speciale ricorrenza per la comunità dei Filippini La Comunità dei Filippini il 25 maggio, come tutte le domeniche, ha celebrato la S. Messa nella cappella della casa generalizia degli Oblati di San Giuseppe. Alla solennità del Corpus Domini si è unita la gioia per il Battesi- A San Paolo del Brasile, l ordinazione diaconale di fratel Moacir José Silveira Il 29 marzo nella parrocchia di Nossa Senhora de Loreto a San Paolo è stato ordinato diacono Moacir José Silveira, dal vescovo locale Mons. Joaquim. Erano presenti il provinciale padre Neto, padre Devanil, padre Bennelson, padre João Batista, i chierici di teologia, i confratelli di Curitiba, le suore Oblate di San Giuseppe. Non sono mancate le manifestazioni di gioia e simpatia, e di amore reciproco. All ordinazione è seguito un momenti di fraternità nella comunità parrocchiale. Nella foto fratel Moacir con il teologo brasiliano Clodovis Boff. Elias Dorival dos Santos. A Firenze presentazione del libro Lobby e Advocacy a fianco dei Dimenticati Venerdì 23 maggio a Firenze nello stand della Caritas Italiana al convegno Terrafutura a Fortezza da Basso, è stata presentata la pubblicazione Lobby e Advocacy a fianco dei dimenticati, EDB, Bologna 2008 pp. 120 edizione curata alla fine del 2006 da p. Guido Miglietta. Alla presentazione ha esposto la sua esperienza di Advocacy Monsignor Giuseppe Franzelli, comboniano e vescovo di Lira in Uganda, che lavora attivamente per raggiungere un accordo di pace nella regione. Nella foto, da sin. D. Andrea Laregina e mons. Giuseppe Franzelli. Livia Degano, donna di tanta fede e tanta preghiera, sorella del compianto Padre Angelo Degano, è deceduta il 28 aprile scorso all età di 96 anni. Il Signore l accolga nella sua Gloria insieme al fratello sacerdote, gli altri fratelli e i genitori. 28 mo di una bambina, Shianela Ann Corpus Cunanan, e la devozione per Maria SS. che in questo mese di maggio è venerata in modo speciale. Durante la celebrazione p. Gabriel Kamus ha ricordato che come i genitori si preoccupano di nutrire i figli col loro lavoro e i loro sacrifici, così Dio si preoccupa di nutrirci dandoci in dono Gesù Cristo affinché noi possiamo diventare Lui. In Filippine c è l usanza di lasciare in dono qualcosa da mangiare quando si va a trovare un amico e se quella persona non c è vedendo il dono sa che quel suo amico è venuto a trovarlo, così ha aggiunto p. Kamus - il Signore ha lasciato nell Eucaristia il ricordo vivo della sua presenza. Essendo l ultima domenica del mese di maggio, come tutti gli anni al termine della santa messa c è stata una processione in onore di Maria SS. e una fraterna condivisione delle specialità filippine preparate con tanto amore dalle famiglie presenti. Sr Marianna osj Corrado Risso Papà, la mamma, in Paradiso, non poteva più stare senza di te e ti ha chiamato con sé, in una notte di maggio gremita di stelle. Ci siamo tanto amati, nella nostra casa, sempre insieme, nella gioia e nel dolore, inseparabili. La Madonna - tu ci raccontavi - ti aveva salvato la vita quando eri ragazzo, in un pauroso incidente sul lavoro. Durante il servizio militare a Bologna, sei salito a pregarla sul Colle di S. Luca e, all'indomani, invece di partire per la guerra, sei tornato a casa. Da allora, amavi e pregavi la Madonna e mi confidavi: Io mi trovo bene con Lei. Eri buono, mite e umile di cuore, pronto a rimetterci piuttosto che a litigare con qualcuno. Hai lavorato tanto: muratore a portare il tuo mattone in case, scuole e chiese; agricoltore a coltivare la nostra terra come un giardino. Mai ti sei risparmiato la fatica e il sacrificio. Volevi un figlio professore e, insieme alla mamma, ve lo siete "costruito" come avete voluto, con mia grande gioia, guardando a Gesù come unico Salvatore e modello. Nelle ore difficili, dimostravi sempre una grande fiducia: Dio è padre e provvede a noi". Come ti aveva insegnato don Cellino, ogni sera pregavi: Gesù mio, misericordia, perdonami. E ancora: Cara Madre Vergine Maria, fà che Tu salvi l'anima mia. Durante il tuo lungo soffrire, l'abbiamo ripetuto insieme tutti i giorni fino alla tua ultima ora, quando hai chiamato più volte la mamma e mi hai detto: Adesso io vado in Paradiso. Ora davvero scende la sera anche per me, ma sulla mia via come a Emmaus, cammina l'uomo-dio, Gesù (Lc. 24, 13-35) e io riconosco Gesù solo, Maestro, Guida, Amico, Signore, Sposo dell'anima mia, padre e madre insieme. Attendo, mamma e papà, l'ora lieta di rivedervi: allora sì, sarà bello: staremo ancora e per sempre insieme, con Gesù, chè Gesù solo è il Paradiso. Paolo 29

16 Libri Pasquale Princigalli (a cura di), Karol il Grande. Padre Maestro Pastore, Editrice Rotas, Barletta 2008, pp Giovanni Paolo II, con l insegnamento e la testimonianza della vita, ci ha lasciato un patrimonio prezioso dal quale cominciamo appena ora ad attingere cose nuove e cose antiche. Le sue parole, i suoi gesti, e persino il grido che ha lanciato contro le ingiustizie in tutto il mondo, nei suoi numerosi viaggi, sono entrati nel cuore di milioni di persone (dalla presentazione dell Autore). Padre Pasquale Princigalli ha curato questo libro dedicato al compianto Giovanni Paolo II. Sono testimonianze che mettono in luce la figura e l operato di Papa Wojtyla come Padre, Maestro e Pastore della Chiesa. Dopo un breve profilo delle principali encicliche, si passa al testamento spirituale del vecchio Pontefice, quindi a fatti, momenti, incontri di Sua Santità ricordati da personalità ecclesiastiche e da giornalisti. Si tratta di incontri di Wojtyla coi giovani, con malati, bambine di strada, bisognosi, l episodio dell attentato e ferimento a piazza S.Pietro, i suoi pellegrinaggi ai vari Santuari sparsi nel mondo, una vita al servizio della Fede, del Signore e della Madonna. Un libro che vuole ricordare ed esaltare Giovanni Paolo II come guida della Fede, profeta di speranza, testimone appassionato. La pubblicazione chiude con una omelia di Benedetto XVI che ricorda di Lui un amore per Cristo senza riserve e senza risparmio per concludere dalla casa del Padre non cessa di accompagnare il cammino della Chiesa. Il testo si chiude con la preghiera per la beatificazione e canonizzazione di Giovanni Paolo II a cura del Cardinale Ruini. Recensione a cura di A.Meloni Adozioni: Adoratrici Perpetue, Brandinelli Gabriella, Carbone Giovanni Bertaina Maria, Girelli Maria Grazia, Rosso Flavio e Rita, Santuario S. Giuseppe-Asti, Scaletta Edda. Amici sostenitori: Lano Maria, Valentini Longo M. Pia., Denegri Sac. Giovanni, Torsello Maurizia, Venturosi Alfredo, Denegri Cap. Giovanni, Tanzii-Jacquemont, Iviglia Clara, Occhetti Vittorio, Marello Concess. Renault. In onore di S. Giuseppe: Console Pentrelli Maria, Bono Grazie a chi ci fa del bene Melania, Cacioni Ida. In onore di S. Giuseppe Marello: Guiso Giuseppe, Beccu Lucia, Monti Maria. Messe missionari: Filia R. Bacciu Anastasia, Bonetti Maria, Brunati Vittadini Rosanna, Congiu Mario, Scafa Angelo. Messe perpetue: Pisu Eliana, Panigo Alessandro, Ricciardi Antonio, Bonanni Enrico e Assunta, Riannetti Lauretta, Casol Giovanna, Caporaso Valter, Colombo Maria (ved.) Bosisio, Sabatini Giuseppe e Velia, Bolchi Maria, Guarne- Presentiamo un associazione La cooperativa sociale Mistya A Locri la cooperativa ha attivato un Centro Diurno socio-educativo per portatori di handicap che tutt'oggi viene gestito ed opera con risorse volontarie. Ha avviato il Centro d'incontro Polivalente per minori soggetti a rischio di coinvolgimento in attività criminose. Nel 1997 prende corpo il progetto Centro di Aggregazione per oltre 60 adolescenti con orientamento e formazione al lavoro, con laboratorio di restauro, falegnameria e fotografia, nonché per le loro famiglie, in un lento e positivo cambiamento di progettualità di vita verso la legalità e l'abbattimento delle barriere culturali. Ha avviato progetti di prevenzione e informazione sui danni derivati dall'alcolismo e dal tabagismo nonché progetti sperimentali di reinserimento lavorativo per ex tossicodipendenti Ha gestito il progetto HTML Handicap Tele Multiopportunità Lavoro e un servizio di assistenza alle persone con handicap grave. Ha contribuito, inoltre, alla costruzione di una cooperativa dove i principali attori sono le categorie svantaggiate che negli anni precedenti Mistya aveva avuto come utenti. Altro campo di azione è il turismo sociale. E.mail: ri Prof. A. Maria, Perrini Anna, Tesio Irene, Fontana Novenia. Missioni: Picchi Margherita, Ins. Vuillermoz Ennio, Rossigni Giuseppe, Babilano Amalia, La vezzo Lorenzo, Roncaia Paolo, Violi Giuseppe, Rossi Liliana, Bergamasco Anna Maria, Gavazzi Battista, Agudio Geom. G. Battista, Taglietto Maria, Digrisa Maria. Natale missionario&miniprogetti: Tarli Sartini Marisa. Offerte pro seminaristi: Grillone Angioletta. Sante Messe perpetue per vivi e defunti Per aderire a questa opportunità, che consente la quotidiana celebrazione della santa Messa, basta versare la quota che si crede conveniente utilizzando il c.c.p intestato a: Periodico Joseph - Corso Alfieri Asti. Questo fondo non può essere utilizzato o destinato ad altro scopo e gli interessi maturati annualmente servono per celebrare, durante l anno, tante altre sante Messe sia nel santuario san Giuseppe in Asti che nei vari santuari tenuti dalla congregazione, anche in terra di missione. All atto dell iscrizione verrà inviata una conferma di adesione. di padre Sebastian Meleth osj Il Progetto Boys Home in India L India è un paese di grandi diversità: di religioni, di culture, di lingue, di ceti sociali. Ha un sesto della popolazione mondiale. Che rappresenta una grande risorsa umana. Più della metà della popolazione indiana, però, è povera: una famiglia di 5 persone vive con più o meno 2 euro al giorno. In questo contesto si inserisce il progetto delle Boys Homes gestite dagli Oblati di San Giuseppe dell India. Una Boys Home, orfanotrofio, è una casa per ragazzi poveri, non necessariamente orfani; molti hanno grandi disagi familiari. È dal 1970 che gli Oblati di San Giuseppe portano avanti questa iniziativa. Attualmente ci sono tre Boys Homes nello stato del Kerala, a sudovest dell India. La prima Boys Home si trova a Kodungallur, centro-ovest del Kerala, ha 52 ragazzi di età tra 4 e 15 anni. La seconda è situata a Kulathupuzha nel sud-est del Kerala, ed è stata aperta due anni fa, ha 14 ragazzi di età tra i 10 e i 13 anni. La capacità ricettiva della struttura è di 60 ragazzi; per ora ci sono solo due classi, il che vuol dire che ogni anno aumenterà il numero. La terza si trova a Varkala, nel sud-ovest del Kerala ed è in fase di costruzione, naturalmente con l aiuto generoso di tante persone come voi. Avrà una capacità ricettiva di 100 ragazzi. Quello che gli Oblati fanno in queste - chiamiamole pure, case per studenti - però non a pagamento - rappresenta un grande sostegno morale, culturale e religioso per una crescita integrale di questi La vivacità dei ragazzi della Boys Home di Kodungallur La Boys Home di Varkala in costruzione Per attingere l acqua potabile i ragazzi della Boys Home di Kulathupuzha devono fare 1500 metri ragazzi disagiati con problemi familiari ma che hanno anche tanta voglia di vivere e superano così ogni difficoltà. Le spese per sostenere questo progetto, dare vitto, alloggio e istruzione a 200 ragazzi, naturalmente sono abbastanza elevate. La copertura del 70% delle spese arriva dall estero, specialmente dall Italia, che sostiene il progetto di adozioni a distanza anche per i ragazzi delle Boys Homes. Dal governo indiano giunge un piccolo sussidio, quasi simbolico. Per il resto, ci pensa la congregazione degli Oblati di San Giuseppe. In beve gli Oblati, anche in questi luoghi sperduti del mondo, realizzano il carisma di san Giuseppe Marello loro fondatore: l educazione dei giovani. Adozioni a distanza Bambini Per debellare definitivamente la miseria è necessario offrire possibilità educative a chi è nell indigenza. Noi Oblati di San Giuseppe ci occupiamo dell educazione dei bambini e dei giovani in diversi Paesi: India, Nigeria, Bolivia, Perù, Messico, Filippine, Brasile. Amico e lettore di Joseph, vuoi aiutarci adottandone uno? Il contributo annuale è di euro 310. Riceverai le notizie che riguardano il bambino e avrai una sua fotografia. Nell offrire il nostro aiuto ai poveri non possiamo limitarci a fare solo carità: dobbiamo essere loro accanto, insegnando a procurarsi il cibo e a costruirsi il futuro con il sudore della propria fronte. Con la vostra offerta costante e generosa, cari amici, state aiutando i vostri figli adottati a vivere la loro vita da protagonisti. Seminaristi La Chiesa ha bisogno di uomini che predichino il Vangelo in tutto il mondo. Noi Oblati di San Giuseppe stiamo preparando molti giovani alla vita religiosa e sacerdotale in vari Paesi bisognosi: India, Nigeria, Brasile, Bolivia, Perù, Messico, Polonia, Filippine, fiduciosi che un giorno saranno le guide spirituali e morali del popolo di Dio. Vuoi aiutarci a formare i futuri apostoli di Cristo? Il contributo annuale è di euro 1050 (secondo le modalità che scegli tu: mensile, semestrale, annuale). Opere Sociali Marelliane - Onlus Via Boccea, Roma - tel/fax CCP n CCB: Banca Popolare Sondrio n IT42 H X63

17 Anno missionario Con la vostra generosità aiutiamoli a crescere per un futuro migliore 1 2 (1) Huaraz, Perù: a 3500 metri d altezza, per 34 bambini di scuola materna tre pasti al giorno, per cinque giorni la settimana e vestiario. (2) Kerala, India: un kit scolastico per settanta bambini di due orfanotrofi. (3) Lima, Perù: per ottanta persone, un pasto al giorno, sei giorni la settimana. (4) Pomabamba, Perù: a 3500 metri sulle Ande, per cinquanta adolescenti, un materasso, un cuscino e una coperta. 3 4 Opere Sociali Marelliane - Onlus Via Boccea, Roma tel CCP n CCB: Banca Popolare Sondrio IT42 H X63 Taxe perçue - Tassa riscossa AVVISO AL PORTALETTERE: in caso di mancato recapito, reinviare all ufficio postale di ASTI CPO detentore del conto, per la restituzione al mittente che si impegna a pagare la relativa tariffa. SCONOSCIUTO INESATTO TRASFERITO RESPINTO DECEDUTO DOPPIO

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI

ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI ITINERARIO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA DEI FANCIULLI GIÀ BATTEZZATI 1 Ti ringraziamo, Signore, perché ci permetti di entrare in questo itinerario di formazione e di comunione con tutti i fratelli. Guidaci

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE

VENITE ALLA FESTA. Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE VENITE ALLA FESTA Nella vita della Chiesa ASCOLTARE SCOPRIRE PARTECIPARE DOPO LA SETTIMANA DELLA CHIESA MANTOVANA Alle comunità parrocchiali, alle associazioni, ai movimenti e gruppi, ai presbiteri e diaconi,

Dettagli

I N. Si chiedano preghiere soprattutto ai monasteri di clausura.

I N. Si chiedano preghiere soprattutto ai monasteri di clausura. M I S S I O N E MARIA di NAZARETH I N E U R O P A Fratello, sorella, ciò che ti presento è una proposta, liberamente offerta a tutti quei cristiani che desiderano operare per una Nuova Evangelizzazione

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015

Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Omelia nella memoria di san Carlo Borromeo nel 40 dell ordinazione sacerdotale Guastalla Chiesa dei Servi, 4 novembre 2015 Cari fratelli e sorelle, oggi, come ogni anno, ricordiamo san Carlo Borromeo,

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO

INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO 1. Inaugurazione ufficiale del nuovo anno di catechismo: Biccari 12 Ottobre ore 10,00. Riportiamo il testo della celebrazione. INAUGURAZIONE NUOVO ANNO CATECHISTICO Inizio: Si esce dalla sagrestia con

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO

DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO DAL CORTILE. IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO IDEE E SCELTE PER L ORATORIO BRESCIANO Struttura in 3 sezioni: 1. Il Cuore dell oratorio Le idee sintetiche che definiscono in termini essenziali e vitali

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim

Oggi... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim Oggi...... tutta la Chiesa fa festa perché l nostr dolcissim entra a far parte della famiglia di Dio Mamma.. Papà.. La Madrina... Il Padrino... Insieme al parroco l... accompagnano verso la conoscenza

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

1. una scelta responsabile

1. una scelta responsabile 1.a tappa : preparazione al Battesimo Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 1. una scelta responsabile Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Coloro che li sentivano raccontare

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo

Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Strumenti della MP I Centri d ascolto del Vangelo Roma, 15 giugno 2013 p. Pasquale Castrilli OMI Schema 1. La Missione in Italia oggi 2. Il Centro d ascolto (CDA) strumento di annuncio 3. Icone bibliche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

Rivista Diocesana Vigevanese

Rivista Diocesana Vigevanese Rivista 333 A n n o X C = N 9 = 3 0 N o v e m b r e 2 0 1 0 Lettera alla Diocesi per comunicare la nomina di S. E. Mons. Vincenzo Di Mauro Arcivescovo Titolare di Arpi a Vescovo Coadiutore di Vigevano

Dettagli

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016

La Parrocchia Gesù Maestro. Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 La Parrocchia Gesù Maestro Celebra l anno della Vita Consacrata 2015-2016 Carissimi la Chiesa, dallo scorso novembre, celebra l Anno della Vita Consacrata e invita tutti noi a riscoprire la vocazione di

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Illustri Autorità, Professori e Alunni,

Illustri Autorità, Professori e Alunni, Roma, 11 novembre 2010 Inaugurazione anno accademico Celebrazione eucaristica Omelia di monsignor Fernando Filoni Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato Vaticano Illustri Autorità,

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi Carissimi parrocchiani, a distanza di due anni dall elaborazione del Piano

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre.

- a far del bene con la sofferenza; - a far del bene a chi soffre. Non siamo i «cercatori» di sofferenza..., e nemmeno gli «entusiasti» per la sofferenza. Siamo persone che si sforzano di «vivere» la loro sofferenza «come Gesù»..., non solo nella contemplazione di Lui

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

In sintonia con l Ottavo Incontro Mondiale delle famiglie ed il Sinodo sulla famiglia È TEMPO DI SVEGLIARSI DAL SONNO

In sintonia con l Ottavo Incontro Mondiale delle famiglie ed il Sinodo sulla famiglia È TEMPO DI SVEGLIARSI DAL SONNO Nazaret Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Incontro di sabato, 12 settembre 2015 In sintonia con l Ottavo Incontro Mondiale delle famiglie ed il Sinodo sulla famiglia È TEMPO DI SVEGLIARSI

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

"Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale

Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale "Il cammino Vocazionale nel Catechismo dei bambini 0-6 anni" Relatore don Valentino Bulgarelli, direttore Ufficio catechistico regionale Uno dei catechismi più invidiati nel mondo redatto da una delle

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO

PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO PIANO DI LAVORO ANNUALE SCUOLA DELL'INFANZIA PROGETTO IRC A.S. 2015/2016 IO HO DIRITTO Premessa La Scuola Cattolica si differenzia da ogni altra scuola che si limita a formare l uomo, mentre essa si propone

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Il Leader: discepolo di Gesù

Il Leader: discepolo di Gesù Il Leader: discepolo di Gesù Introduzione La dimensione del discepolato è essenziale nella vita cristiana, del battezzato e nel ministero di leader. Chi vuole annunciare il vangelo non può farlo se prima

Dettagli

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio

Anno pastorale 2011-2012. Suggerimenti per l animazione in oratorio Anno pastorale 2011-2012 Suggerimenti per l animazione in oratorio Premessa: GIOCO E VANGELO Relazione Don Marco Mori, presidente Forum Oratori Italiani Il gioco può essere vangelo? Giocare può diventare

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2.

PRESENTAZIONE. Cfr. CEI, Il matrimonio canonico, n. 2. PRESENTAZIONE È urgente dovere della Chiesa accompagnare la famiglia nelle diverse tappe della sua formazione e del suo sviluppo 1. Questo lavoro del dottor don Omar Larios Valencia, nato dall esperienza

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ

Scuola Mater Gratiae. Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ Scuola Mater Gratiae Anno Scolastico 2010/2011 EDUCAZIONE ALLA RELIGIOSITÀ ASCOLTIAMO INSIEME GESÙ MOTIVAZIONE Una delle priorità importanti nel nostro progetto educativo didattico della scuola dell infanzia

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli