Istituto Istruzione Superiore Giancarlo Vallauri - Fossano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Istruzione Superiore Giancarlo Vallauri - Fossano"

Transcript

1 Istituto Istruzione Superiore Giancarlo Vallauri - Fossano Documento del Consiglio di Classe 5^ A Liceo Scientifico Tecnologico anno scolastico 2013/2014

2 INDICE DESCRIZIONE DELLA CLASSE 1. PROFILO DELL INDIRIZZO PROFILO DELLA CLASSE STORIA DELLA CLASSE Insegnanti 3.2 Studenti 3.3 Risultati scrutinio classe terza 3.4 Risultati scrutinio classe quarta DESCRIZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO 4. ATTIVITA DIDATTICHE Partecipazione ad attività culturali - Attività di orientamento 4.2 Visite e viaggi di istruzione 4.3 Area di progetto 4.4 Tirocinio e stages 4.5 Tempi del percorso formativo 4.6 Iniziative complementari/integrative 5. VALUTAZIONE Criteri adottati 5.2 Quadro riassuntivo delle verifiche sommative 5.3 Quadro riassuntivo delle prove scritte 6. SCHEDA DELLA MATERIA 6.1 Italiano Storia Filosofia Inglese Matematica Fisica e Lab Informatica e Sistemi Biologia e Lab Chimica e Lab Educazione Fisica Religione CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO ESEMPI DI TERZE PROVE CON RELATIVA SCHEDA DI VALUTAZIONE SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO

3 3

4 1. PROFILO DELL INDIRIZZO L'indirizzo liceale scientifico-tecnologico si caratterizza in modo specifico per l'integrazione tra scienza e tecnologia, realizzata attraverso un itinerario formativo in cui la presenza delle discipline matematiche, scientifiche e tecnologiche è evidentemente alta, ma ben equilibrata, senza eccessivi carichi orari per ciascuna materia: il monte ore settimanale è, infatti, di 34 ore di lezione per ciascun anno del corso. Il piano di studi è ispirato dall'esigenza di una formazione ampia e di pari qualità culturale rispetto a quelli degli altri indirizzi liceali, mentre la differenziazione in senso scientificotecnologico è graduale, nel senso che le diversità si accentuano lungo il percorso, particolarmente nel triennio. La formazione scientifico-tecnologica si fonda sullo studio di strutture logico-formali, sull'attività di matematizzazione, sull'analisi di sistemi e di modelli, sull'approfondimento di concetti, principi e teorie scientifiche e sulla conoscenza di processi tecnologici, e viene realizzata attraverso un percorso formativo che attribuisce agli insegnamenti scientifico-tecnologici un tempo sufficientemente ampio per poter utilizzare in misura adeguata i laboratori. Fondamentale in questo indirizzo è il carattere operativo che contraddistingue l'apprendimento delle scienze sperimentali, a partire dal Laboratorio di fisica e chimica nel biennio; al lavoro sperimentale in laboratorio è, infatti, dedicato almeno il 50% del tempo complessivo di questo insegnamento. Nell'indirizzo, inoltre, anche l'area delle discipline umanistiche è adeguatamente ampia ed articolata, allo scopo di assicurare l'acquisizione di basi e di strumenti essenziali per raggiungere una visione complessiva della realtà storica e culturale delle società umane. A conferma di questa la presenza della filosofia nel triennio, di economia e diritto nel biennio, il potenziamento dello studio dell'italiano ed, in misura minore, della storia ancora nel triennio. Da segnalare, la variazione del quadro orario per le discipline Scienze della Terra e Biologia nel corso del terzo, quarto e quinto anno, deliberata nel Collegio Docenti n 191 del 29 Febbraio 2003 al settimo punto dell ordine del giorno: - Applicazione art. 8 del Regolamento applicativo dell Autonomia per il corso del Liceo Scientifico Tecnologico e precisamente: Attuale (a.s. 2002/2003) Proposto e approvato (a.s. 2003/2004) Classe terza Biologia 4 h (2 h) Scienze della Terra 4 h Classe quarta Biologia 2 h (1 h) Scienze della Terra 2 h Biologia 4 h (2 h) Classe quinta Biologia 2 h (1 h) Scienze della Terra 2h Biologia 4 h (2 h) Le motivazioni sono le seguenti: - gli studenti possono affrontare la disciplina di Biologia avendo già maturato conoscenze di Chimica dal programma di terza; - la proposta consente un diverso respiro nella presentazione della materia; - l utilizzo più razionale del laboratorio, evitando la dispersione di una sola ora settimanale; - si riduce il numero totale di materie in terza, quarta e quinta; - non ci sono riduzioni di orario alle cattedre degli ITP. Tale delibera è stata approvata di anno in anno dal Collegio Docenti convocato nel mese di febbraio. 4

5 2. PROFILO DELLA CLASSE Per ciò che concerne il gruppo classe, la VA L.S.T. non ha subito, nell attuale anno scolastico, cambiamenti significativi, a parte l inserimento di un alunno ripetente. Ciò ha permesso di maturare buone relazioni interpersonali, spirito di gruppo e solidarietà tra i 23 alunni: 7 femmine e 16 maschi da cui la classe è composta. Anche le esperienze didattiche di forte impatto, quali la visita di istruzione a Parigi, la visita al CERN a Ginevra, la partecipazione al progetto nazionale I giovani ricordano la Shoah hanno contribuito a creare un clima di serena collaborazione tra gli studenti e i docenti. A tale clima emotivamente positivo, però, non sempre corrispondeva quella sistematicità e quel rigore nello studio a casa, indispensabili per affrontare la complessità del programma del quinto anno. Talvolta lo studio era finalizzato alla sola risoluzione delle verifiche, talvolta alcune materie venivano trascurate, talvolta si sono resi necessari recuperi e approfondimenti. Più volte, gli studenti sono stati richiamati al senso di responsabilità nell organizzazione del lavoro e dei doveri che la scuola richiede, particolarmente importanti in questo anno scolastico che ha visto l anticipazione dei test universitari. Uno slancio di buona volontà, nella maggioranza delle discipline, ha caratterizzato l ultimo periodo dell anno scolastico. Vicino all impegno incostante di alcuni, vanno segnalati la serietà e l interesse vivace di altri che hanno raggiunto risultati eccellenti. In particolare si è distinto fra tutti Federico Belliardo nella partecipazione alle varie fasi delle Olimpiadi di Fisica (per due anni medaglia d oro nella prova nazionale, medaglia di bronzo nella prova internazionale 2013, membro della squadra nazionale italiana alle prossime Olimpiadi internazionali di Astana, Kazakhstan). Stefano Gallo ha superato la selezione per il Master dei talenti e parteciperà allo stage, nei mesi estivi, in Irlanda. Nell ambito della partecipazione al Concorso Nazionale I giovani incontrano la Shoah i ragazzi hanno prodotto un lavoro artistico relativo alla razzia del ghetto di Roma del 16 ottobre 1943, accompagnato da un libretto illustrativo, di cui è stata prodotta anche la versione inglese. Tale lavoro è stato presentato a Roma, al Ministero della Pubblica Istruzione, alla presenza della prof. Anna Foa (docente di Storia Moderna - Università La Sapienza) e del giornalista di Rai Uno Storia Roberto Olla, in occasione del meeting organizzato dal Ministero per riflettere sulle nuove didattiche relative alla Shoah. 5

6 3. STORIA DELLA CLASSE 3.1 INSEGNANTI INSEGNANTI MATERIA 3^ 4^ 5^ Educazione Fisica Pellizzari Giorgio Pellizzari Giorgio Pellizzari Giorgio Italiano Vatasso Mirella Vatasso Mirella Vatasso Mirella Lingua straniera Inglese Marengo Mirella Marengo Mirella Foglia Paola Storia Vatasso Mirella Vatasso Mirella Vatasso Mirella Filosofia Bernocco Vittorio Bernocco Vittorio Bernocco Vittorio Matematica Informatica e sistemi Alleva Maria Cristina Canavero Andrea Mina Bartolomeo Puppo Marco Alleva Maria Cristina Puppo Marco Mina Bartolomeo Puppo Marco Alleva Maria Cristina Puppo Marco Mina Bartolomeo Puppo Marco Scienze della terra Osella Vilma Biologia Osella Vilma Fisica Chimica Gallizio Paolo Giraudo Paola Latini Marco Bochicchio Mariangela Bochicchio Mariangela Gallizio Paolo Giraudo Paola Latini Marco Bochicchio Mariangela Osella Vilma Bochicchio Mariangela Gallizio Paolo Giraudo Paola Latini Marco Bochicchio Mariangela Disegno Miccoli Giuseppe Miccoli Giuseppe Religione Barolo Carlo Barolo Carlo Barolo Carlo Nota: se in un a.s. si succedono più Insegnanti indicare per ciascuno il periodo 6

7 3.2. STUDENTI STUDENTI da classe precedente INIZIO ANNO FINE ANNO Ripetenti Altra provenienza TOTALE Promossi Non Promossi Ritirati Trasferiti 3^ ^ ^ XXXXXXX XXXXXXX - Nota: riportare per ogni anno il numero di studenti 3.3 RISULTATI DELLO SCRUTINIO FINALE DELLA CLASSE III (esclusi non promossi e ritirati) N studenti con voto fra 8 e MATERIA Italiano Lingua Straniera-Inglese Storia Filosofia Matematica Informatica e sistemi Fisica e laboratorio Scienze della terra Chimica e laboratorio Disegno Educazione fisica Religione RISULTATO DELLO SCRUTINIO FINALE DELLA CLASSE IV (esclusi non promossi e ritirati) N studenti con voto fra 8 e MATERIA Italiano Lingua Straniera-Inglese Storia Filosofia Matematica Informatica e sistemi Biologia Fisica e laboratorio Chimica e laboratorio Disegno Educazione fisica Religione

8 8

9 4. ATTIVITA DIDATTICHE PROGRAMMATE E REALIZZATE CON LA CLASSE nell a.s. 2013/ PARTECIPAZIONE AD ATTIVITA CULTURALI ATTIVITA CULTURALI ottobre 2013 Concorso I giovani incontrano la Shoah con il progetto Sussurri nel ghetto. ottobre 2013 Progetto StreetLife promosso dal Comune di Fossano 27 novembre 2013 Olimpiadi di Matematica (selezione d Istituto) dicembre 2013 Spettacolo teatrale Ultima ora 11 dicembre 2013 Olimpiadi di Fisica (selezione d Istituto) 27 gennaio 2014 Film Hannah Arendt (per la Giornata della Memoria) 29 gennaio 2014 Spettacolo teatrale Miravo alle stelle 5 febbraio 2014 Progetto Porgi una mano che qualcuno ha bisogno di te : intervento sulla donazione di sangue, midollo e organi 19 febbraio 2014 Fase provinciale delle Olimpiadi di Fisica (Simone Forte, Federico Belliardo) Federico Belliardo, vincitore della fase provinciale, accede alle finali nazionali 12 marzo 2014 Progetto P.A.S.S Intervento del dott. Mario Governa 20 marzo 2014 Incontro con il giornalista Domenico Quirico sulla primavera araba 9-12 aprile 2014 Federico Belliardo partecipa a Senigallia alla finale nazionale delle Olimpiadi della Fisica, risultando vincitore della medaglia d oro e del premio per la miglior prova teorica. Maggio 2014 Olimpiadi della Chimica 25 maggio 1 giugno 2014 Federico Belliardo parteciperà al seminario di formazione presso il Centro Internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam di Trieste. Il seminario determinerà la composizione della squadra nazionale italiana per le Olimpiadi Internazionali della Fisica che si terranno ad Astana (Kazakhstan) dal 12 al 21 luglio. --- Nuoto 8 lezioni in piscina nell orario di Educazione Fisica --- Baseball 4 lezioni nell orario di Educazione Fisica --- Quotidiano in classe Certificazione ECDL Belliardo, Carle Dardanelli, Gelli, Magnone, Riberi, Sassetti, Viada Certificazione PET Certificazione FIRST Belliardo, Gallo Belliardo, Bianco, Carle, Dardanelli, Gallo, Gastaldi, Sassetti, Tassone, Tavella, Viada ATTIVITA DI ORIENTAMENTO 26 ottobre 2013 Lezioni di matematica e fisica in preparazione al test di ammissione al Politecnico di Torino 17 febbraio 2014 Orientamento: forum itinerante di orientamento universitario --- Progetto FIXO (Selene Bianco, Erika Carle) 4.2 VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE ottobre 2013 Visita al CERN di Ginevra 11 marzo Giornata bianca marzo 2014 Parigi e i luoghi dello sbarco 1 febbraio 2014 Cuneo, Teatro in inglese 9

10 4.3 AREA DI PROGETTO ALUNNO/A TITOLO TESINA MATERIA COINVOLTE Allasia Daniele La velocità Fisica, italiano, storia, storia dell'arte Barban Matteo La maschera Italiano, storia, filosofia Belliardo Federico - Dal caos ai sistemi complessi - Simmetrie e asimmetrie Matematica, fisica, informatica Matematica, fisica Bergia Paolo E li chiamano disabili: Impossibile is Storia, fisica, inglese, filosofia Nothing Bianco Selene Quattrozampe al servizio dell'umanità Storia, biologia, inglese, filosofia/psicologia Carle Erika Il suicidio Filosofia, letteratura contemporanea, religione Cavallera Claudio Nicolas Plus Ultra - Il mondo oltre le crisi Filosofia, italiano, storia, fisica Dardanelli Andrea Jack The Ripper Inglese, storia, fisica, biologia Fea Lorenzo Il miracolo economico italiano Storia, italiano, filosofia, inglese, fisica Forte Simone Composizione chimica del cibo e tecniche Chimica, biologia, italiano, fisica di conservazione Gallo Stefano Il paradosso Matematica, fisica, arte Gastaldi Francesco Memoria e Amnesia Biologia, italiano, chimica, filosofia Gelli Serena Fashion Travel Storia, filosofia, italiano, inglese, biologia Ghione Mara La musicoterapia Matematica, italiano, fisica, biologia Maestrelli Giulio La visione Filosofia, fisica, matematica, chimica, biologia Magnone Elisa Continuare a vivere intrappolati in un corpo Biologia, italiano, filosofia che muore - Interfaccia computer-cervello: nuove tecnologie per pazienti affetti da SLA o da malattie locked-in. Misto Fabio Into the wild Italiano, filosofia, inglese Muriale Elisa Teatro, dizione, suono Italiano, storia, filosofia, inglese, biologia, fisica Riberi Matteo Conflitti arabo-israeliani Storia, chimica, fisica, filosofia Sassetti Simone I limiti della scienza Italiano, storia, inglese, informatica, fisica Tassone Alberto L infinito positivo e le sue declinazioni: e il naufragar m è dolce in questo mare. Italiano, filosofia, inglese, arte, fisica, matematica Tavella Andrea Cosa ti dice il cervello? Chimica, biologia, fisica, informatica, filosofia, italiano Viada Chiara Sani o malati: la facciata non conosciuta Italiano, storia filosofia, arte 10

11 4.4 TIROCINI/STAGES 3 A LST ALUNNO SEDE INDIRIZZO CITTA' ATTIVITÀ SVOLTA BIANCO Selene AMBULATORIO VETERINARIO EUROPA CARLE Erika LA BOTTEGA DEL Corso Piave, 174/M Via dell Artigianato FALEGNAME FEA Lorenzo FALF S.R.L. Via Don Gertosio, 10 FORTE Simone SE.RO.SA. G SERVICE S.N.C. DI SALVATORE R. & C. GELLI Serena L ORTO DEL PIAN BOSCO di GIACCARDI ANDREA Viale della Repubblica, 17/A Via Trinità, 4 GHIONE Mara AMBULATORIO VETERINARIO SAVIGLIANO Via Assietta, 4 MURIALE Elisa TEC SNC Via dei SASSETTI Simone VIADA Chiara UNIFARMA DISTRIBUZIONE S.P.A. CENTRO VETERINARIO FOSSANESE Fontanili, 12 Via Nazario Sauro, 78 Alba (CN) Sant Albano Stura (CN) Affiancamento in attività legate alla clinica medica, chirurgica ed ostetrica. Progettazione arredamenti interni su misura con utilizzo di AutoCAD. Savigliano (CN) Sistema gestione qualità e ambiente, sistema gestione sicurezza, registrazione e gestione rifiuti speciali non pericolosi. Fossano (CN) Fossano (Loreto) (CN) Affiancamento gestione condominiale: redazione bilanci, convocazioni assemblee, disbrigo pratiche fiscali (versamento ritenute d acconto, compilazione mod. 770). Gestione delle locazioni: rinnovi e adeguamenti Istat. Raccolta, cernita e confezionamento ortofrutta. In agriturismo lavori di sala e cucina, in negozio allestimento e preparazione spese. Savigliano (CN) Visione e aiuto nell attività ambulatoriale. Fossano (CN) Fossano (CN) Via Cuneo, 29/E Fossano (CN) Affiancamento reparto grafico e gestione delle commesse. Cablaggio PC, installazione pacchetti Linux e Windows, test su PC vari. Reception, contatti telefonici e diretti con la clientela, supporto nell attività clinica (visite, esami, indagini diagnostiche e assistenza animali ricoverati). 4 A LST ALUNNO SEDE INDIRIZZO CITTA' ATTIVITÀ SVOLTA BIANCO Selene AMBULATORIO VETERINARIO EUROPA CARLE Erika LA BOTTEGA DEL FALEGNAME TASSONE Alberto SPACCIO DEGLI OCCHIALI Corso Piave, 174 M Via Borghesio, 13 Viale Regina Elena, 19/A Alba (CN) Sant Albano Stura (CN) Fossano (CN) Affiancamento in attività legate alla clinica medica, chirurgica ed ostetrica. Progettazione arredamenti interni su misura con utilizzo di AutoCAD. Collaborazione gestione magazzino e contabilità. Assistenza ad attività di laboratorio. 11

12 4.5 TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO DISCPLINA Ore annuali previste Educazione Fisica 66 Inglese 99 Matematica 132 Fisica e Lab. 132 Filosofia 99 Biologia 132 Chimica e Lab. 99 Religione 33 Informatica 99 Italiano 132 Storia INIZIATIVE COMPLEMENTARI/INTEGRATIVE (D.P.R. 567/96 e Direttiva 133/96) A partire dal mese di ottobre, per tutta la durata dell anno scolastico, è stata garantita la presenza pomeridiana di alcuni insegnanti del corso, secondo un calendario prefissato. Questa attività, denominata Sportello Disciplinare, è stata progettata allo scopo di realizzare un intervento didattico-educativo che si facesse carico delle differenze nei percorsi di apprendimento degli allievi (recupero e integrazione). Gli allievi hanno potuto accedere in orario pomeridiano ai laboratori di Informatica ( laboratori aperti ) sotto la sorveglianza di un docente. 12

13 5. VALUTAZIONE 5.1 CRITERI ADOTTATI SCALA PER LA MISURAZIONE/VALUTAZIONE DELLE PROVE Scala in Scala in Scala in Livello Descrizione decimi 15cesimi 35esimi Ottimo L'elaborazione dei contenuti risulta autonoma e sicura ed emergono capacità critiche ed originalità di pensiero Distinto Gli obiettivi di conoscenza, comprensione, capacità applicativa sono stati raggiunti ed anche l'esposizione risulta chiara e precisa, con l'uso adeguato e pertinente della terminologia e del formalismo tipici della materia Buono L allievo dimostra di aver compreso gli argomenti ed evidenzia parziali capacità rielaborative esponendo in forma per lo più appropriata Sufficiente Sono stati compresi i concetti essenziali ed acquisite le capacità fondamentali, anche se la preparazione esige ancora approfondimenti e l esposizione è chiara ma non del tutto appropriata Insufficiente In presenza d errori e/o lacune non gravi o quando emerge sia una comprensione parziale sia una certa insicurezza nell esposizione orale e nell'esecuzione dei compiti, propri della materia Gravemente insufficiente Si evidenziano gravi errori e/o lacune estese, mancata comprensione dei concetti fondamentali o mancata acquisizione delle capacità operative Totalmente negativo essenziali. L'allievo consegna il foglio in bianco o non dà alcuna opportunità di formulare un giudizio. 13

14 Num. Prove Totali A partire da un testo di riferimento Trattazione Sintetica di argomenti Quesiti a risposta singola Questi a scelta multipla Problemi a soluzione rapida Casi Pratici e Professionali Sviluppo Di progetti 5.2 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE VERIFICHE SOMMATIVE SVOLTE DURANTE L ANNO PER TIPOLOGIA Materia n verifiche orali n verifiche scritte Tipologie di prove prevalentemente usate Educazione Fisica - 11 pratiche 15 (Esercizi test motori) Inglese 6 8 1, 15, 18 (quesiti a risposta singola, trattazione sintetica di argomenti) Matematica 4 6 1, 2, 14, 15 Fisica e Laboratorio lab 1, 7, 11, 14, 15, 18 (quesiti a risposta singola) Filosofia 4 4 1, 11, 12 Biologia lab 1, 2, 10, 11 Chimica e Laboratorio 1 8 1, 14, 15, 18 (quesiti a risposta singola) Religione - 2 8, 9 Informatica 4 4 1, 15,18 (quesiti a risposta singola trattazione sintetica di argomenti) Italiano 6 8 1, 3, 7, 8, 9 Storia 4 3 1, 9, 13 1.Interrogazione 7.Relazione 13.Corrispondenze 2.Interrogazione semi-strutturata con obiettivi predefiniti 8.Analisi di testo 14.Problema 3.Tema 9.Saggio breve 15.Esercizi 4.Traduzione da lingua classica/straniera in Italiano 10.Quesiti vero/falso 16.Analisi di casi 5.Traduzione in Lingua straniera 11.Quesiti a scelta multipla 17.Progetto 6.Dettato 12.Integrazioni/completamenti 18. Altro (specificare) 5.3 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE PROVE SCRITTE EFFETTUATE SECONDO LE TIPOLOGIE PREVISTE PER LA TERZA PROVA D ESAME Materia Educazione Fisica - Inglese 6 X Matematica 2 X X X Fisica e Laboratorio 4 X Filosofia 2 X X X Biologia 3 X X X Chimica e Laboratorio 6 X X X X Informatica 4 X X Storia 2 X 14

15 6. SCHEDE DELLE MATERIE 6.1 SCHEDA DELLA MATERIA: ITALIANO Docente: Vatasso Mirella Testo in adozione: Paolo di Sacco: Le basi della letteratura, ed. scolastiche Bruno Mondadori, voll. a, b Obiettivi disciplinari (in termini di conoscenze, competenze, capacità). MODULI Conoscere le cornici storico/cronologiche per inquadrare, almeno nelle linee essenziali, i maggiori eventi letterari di fine Ottocento e prima metà del Novecento. Acquisire strumenti di storicizzazione dei testi proposti in classe o letti individualmente. Obiettivi didattici specifici: Leggere autonomamente testi; Riconoscere le loro strutture fondamentali; Riconoscere ed usare il lessico disciplinare; Rielaborare tematiche presenti nei testi attivando opportuni collegamenti; Produrre esposizioni chiare, corrette e coerenti; Analizzare testi letterari e non letterari individuando elementi per la comprensione complessiva, l'analisi del testo, gli approfondimenti richiesti nella prima prova dell'esame di stato; Padroneggiare le diverse fasi di redazione di saggi brevi o articoli di giornale. Modi della scrittura e nuove tecniche espressive tra Otto e Novecento REALISMO Naturalismo e Verismo: Zola, Verga. Un percorso di poesia fra Otto e Novecento IL RINNOVAMENTO DEL LINGUAGGIO POETICO Carducci Baudelaire Pascoli D Annunzio Gozzano e il Crepuscolarismo Marinetti e il Futurismo Saba Ermetismo: Ungaretti, Montale, Quasimodo. Crisi di identità dell uomo moderno 15

16 IL ROMANZO DEL NOVECENTO Pirandello Svevo Il Neorealismo. Prosatori italiani e stranieri del Novecento. PERCORSI Il percorso letterario è stato sviluppato in costante rapporto con quello storico per permettere agli allievi di cogliere correlazioni reciproche, particolarmente evidenti in alcune fasi della storia dell Ottocento e Novecento; è stata utilizzata ampiamente la lettura diretta dei testi, sia attraverso brani antologizzati sia attraverso opere lette integralmente. METODI DI INSEGNAMENTO Per la realizzazione del percorso formativo sono stati seguiti i seguenti metodi didattici: Lezione frontale: 1 presentazione degli obiettivi e dei percorsi dell unità didattica; 2 lettura di testi; 3 analisi e confronto tra più testi; Analisi dei testi letterari letti in classe o individualmente dagli allievi: - per quanto riguarda i testi in prosa la preparazione è stata condotta su brani degli autori antologizzati, con individuazione di: sequenze narrative, tipologia del narratore, tipologia del discorso, parole-chiave, struttura dei periodi, principali figure retoriche (ironia, similitudine, metafora, metonimia ). - per quanto riguarda il testo poetico, l analisi del testo ha previsto l individuazione di: tipologia dei versi e principali schemi metrici, eventuali enjambement, principali figure retoriche di suono e di significato (allitterazione, anafora, onomatopea, similitudine, metafora, sinestesia, metonimia ), capacità di contestualizzare l opera presa in esame con opportuni riferimenti ai periodi storici e all autore. Produzione di elaborati: 1 produzione in classe o a casa; L attività di recupero è stata attuata nelle ore di lezione, durante la correzione e discussione degli elaborati scritti o, in seguito a richiesta degli allievi, con la ripresa di argomenti non pienamente assimilati. I materiali didattici utilizzati sono stati: libro di testo, fotocopie, opere complete, film, DVD. Le attività di verifica si sono svolte secondo le seguenti modalità: - interrogazione orali brevi e lunghe; - composizioni di testi di diversa tipologia; - esercizi domestici. 16

17 I criteri di valutazione hanno fatto riferimento alla seguente griglia: GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO Tipologie A-B-C-D Elementi valutati CORRETTEZZA Ortografia grammaticale e sintattica COERENZA Capacità di organizzare in modo appropriato e logico le tematiche richieste CAPACITA LESSICALE Saper utilizzare un registro linguistico adeguato al testo CONOSCENZA DEI CONTENUTI Fascia 1-3 Basso 0-1 Livello rilevato Medio 2 Alto Uso dei contenuti in funzione della tipologia della prova prescelta e loro rielaborazione personale VALUTAZIONE ANALITICA 1-12 VALUTAZIONE GLOBALE Efficacia complessiva del testo e creatività personale VALUTAZIONE COMPLESSIVA Max 15 17

18 CONTENUTI Modulo 1 L età del realismo 1. Le idee e la cultura. Dal Positivismo all irrazionalismo a. La cultura del Positivismo (Comte, Darwin, Spencer) b. Il rinnovato sforzo culturale dell Italia postunitaria c. La reazione al Positivismo e la nuova cultura decadente 2. La letteratura. Dal Naturalismo al Decadentismo a. Il Naturalismo francese: una letteratura del progresso b. Letture: - E. Zola, La miniera (da Germinale, pag. 76) c. L esperienza della Scapigliatura d. Il Verismo italiano: caratteri generali 3. G. Verga a. Vita, opere e poetica: dalla conversione al verismo al ciclo dei vinti b. Letture: - Nedda «la varannisa» (pag. 120) - I Malavoglia riassunto dell opera Prefazione (pag. 148) La famiglia Toscano (cap I; pag. 152) Le novità del progresso viste da Trezza (cap II, IV, X; pag. 160) - Fantasticheria (da Vita dei campi, pag. 142) - Lettera-prefazione a l amante di Gramigna (da Vita dei campi, pag. 126) 4. G. Carducci a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - Pianto antico (da Rime nuove, Pag. 208) - Traversando la Maremma toscana (da Rime nuove, pag. 210) Modulo 2 Il Decadentismo 1. Storia del termine 2. Dal Positivismo al Decadentismo: il disagio dell intellettuale La fine delle certezze tradizionali: Nietzsche e Freud 3. La poetica del Simbolismo: Analisi testuale e letture: C. Baudelaire: - L albatro (fotocopia) - Spleen (da I fiori del male, IV pag. 246) A. Rimbaud: - Vocali (da Poesie, pag. 249) - Lettera del poeta veggente (pag.49) I. U. Tarchetti: - La lettera U (da Racconti fantastici, pag. 228) 4. Le figure di rilievo del Decadentismo: Freud, Bergson, Einstein, Nietzsche Letture: S. Freud: - L io non è padrone in casa propria (da Una difficoltà della psicanalisi, pag.34) 18

19 Nietzsche: - Dio è morto (da Così parlò Zarathustra, pag. 32) 5. Giovanni Pascoli a. Vita, opere e poetica Analisi testuale e letture: - Arano (da Myricae, pag, 365) - Lavandare (da Myricae, pag, 366) - L assiuolo (da Myricae pag. 376) - Il lampo (da Myricae, pag. 369) - Il tuono (da Myricae, pag.371) - X agosto (da Myricae, pag. 375) - Il gelsomino notturno (dai Canti di Castelvecchio, pag. 395) - La cavalla storna (dai Canti di Castelvecchio, pag. 399) - La mia sera (dai Canti di Castelvecchio, pag.388) Letture: - Il fanciullino che è in noi (da Il Fanciullino, pag. 354) - Il poeta è poeta (da Il Fanciullino, pag. 358) 6. Il dandismo a. caratteri generali; riferimenti culturali a Wilde e D Annunzio b. definizione di dandy e poeta vate 7. Gabriele D Annunzio a. Vita, opere, poetica: il romanzo decadente Letture: - Ritratto d esteta (da Il piacere, pag. 305) - L attesa di Elena (da Il piacere, pag. 300) Analisi testuale: - La pioggia nel pineto (da Alcyone, pag. 315) - La sera fiesolana (da Alcyone, pag. 319) Modulo 3 La prima metà del 900 e la crisi delle certezze 1. Le idee e la cultura. La crisi del razionalismo e le avanguardie a. Una nuova percezione della realtà b. La cultura di massa e il nuovo ruolo dell intellettuale c. La cultura in Italia d. La stagione delle avanguardie in Europa e in Italia 2. La letteratura. Le novità della letteratura nel Novecento a. Narratori e poeti di fronte alla nuova cultura b. La nascita del romanzo psicologico: Letture: - Un caso di memoria involontaria, di Proust (da Dalla parte di Swann, pag. 670) 19

20 3. Italo Svevo a. Vita, opere e poetica b. La coscienza di Zeno (caratteri e trama) Letture: - Il fumo (da La coscienza di Zeno, cap.iii, pag.520) - Il funerale mancato (da La coscienza di Zeno, cap. VII, pag. 528) 4. Luigi Pirandello a. Vita, opere e poetica Letture: - La forma e la vita (da L umorismo, pag.560) - La vecchia imbellettata (da L umorismo, pag.563) - La patente (da Novelle per un anno ) - La carriola (da Novelle per un anno ) - Pallottoline (da Novelle per un anno ) - Il treno ha fischiato (da Novelle per un anno ) Il teatro delle maschere nude: - L irruzione dei personaggi sul palcoscenico (da sei personaggi in cerca d autore pag. 610) - la verità (da così è se vi pare ) 5. La poesia delle avanguardie: - caratteri generali Letture: - L amica di nonna Speranza, di G. Gozzano, (da I colloqui pag. 440) - Desolazione di un povero poeta sentimentale, di Corazzini (da Piccolo libro inutile, pag. 450) a. Il futurismo: - caratteri generali Letture: - Il primo manifesto del Futurismo di F. T. Martinetti (pag. 56) - E lasciatemi divertire, di A. Palazzeschi (da L incendiario, pag. 430) Modulo 4 La poesia del Novecento 1. L Ermetismo (caratteri generali) 2. Umberto Saba a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - Amai (da Mediterranee, pag. 148) - Città vecchia (da Trieste e una donna, pag. 140) 3. Giuseppe Ungaretti a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - Veglia (da L allegria, pag. 113) - Fratelli (da L allegria, pag. 114) - Sono una creatura (da L allegria, pag. 114) - I fiumi (da L allegria, pag. 106) 20

21 - San Martino del Carso, (da L allegria, pag. 111 ) - Natale (da L allegria, pag. 122) - Mattina (da L allegria, pag. 124) - Soldati (da L allegria, pag. 115) 4. Eugenio Montale: a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - I limoni (da Ossi di seppia, pag. 203) - Non chiederci la parola (da Ossi di seppia, pag. 217) - Meriggiare pallido e assorto (da Ossi di seppia, pag. 211) - Spesso il male di vivere ho incontrato (da Ossi di seppia, pag. 215) - Non recidere, forbice, quel volto (da Le occasioni, pag. 230) - Ho sceso dandoti il braccio (da Satura, pag. 248) 5. Salvatore Quasimodo a. Caratteri generali su vita, pensiero e opere b. Analisi testuale: - Ed è subito sera (da Ed è subito sera,pag.166) - Alla notte (da Oboe sommerso, pag. 163) Modulo 5 Neorealismo e letteratura contemporanea 1. Caratteri generali del neorealismo 2. La reazione al neorealismo e la narrativa di memoria 3. Le opere: - La notte in cui cadde Mussolini di C. Pavese (da La casa in collina, pag. 304) - Sul fondo di P. Levi (da Se questo è un uomo, pag. 296) Ogni studente ha svolto le seguenti letture integrali: Una questione privata di Beppe Fenoglio Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde Il seminatore di Mario Cavatore La coscienza di Zeno di Italo Svevo Dante Alighieri, Divina Commedia, Paradiso 1. Struttura e caratteri generali 2. Parafrasi e analisi testuale dei seguenti canti: I, III, VI, XI, XII, XVII, XXXIII. Durante il corso dell anno è stata proposta la visione dei seguenti film: GERMINAL di C. BERRI LE VITE DEGLI ALTRI di F. H.von DONNERSMARCK THIRTEEN DAYS di R. DONALDSON Nell attuale anno scolastico, gli studenti hanno partecipato al concorso nazionale I giovani ricordano la Shoah con un lavoro artistico relativo alla drammatica razzia del ghetto di Roma del 16 Ottobre Il lavoro è stato presentato a Roma, al ministero della Pubblica Istruzione, in occasione del meeting annuale relativo alla Giornata della memoria. 21

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788842674061 CONTADINI M ITINERARI DI IRC 2.0 VOLUME UNICO + DVD LIBRO DIGITALE

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO E APPRENDERE PER COMPETENZE VALUTAZIONE VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI SIS Torino a.a. 2006/07 1 STADIO: LA VALUTAZIONE

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli