Istituto Istruzione Superiore Giancarlo Vallauri - Fossano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Istruzione Superiore Giancarlo Vallauri - Fossano"

Transcript

1 Istituto Istruzione Superiore Giancarlo Vallauri - Fossano Documento del Consiglio di Classe 5^ A Liceo Scientifico Tecnologico anno scolastico 2013/2014

2 INDICE DESCRIZIONE DELLA CLASSE 1. PROFILO DELL INDIRIZZO PROFILO DELLA CLASSE STORIA DELLA CLASSE Insegnanti 3.2 Studenti 3.3 Risultati scrutinio classe terza 3.4 Risultati scrutinio classe quarta DESCRIZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO 4. ATTIVITA DIDATTICHE Partecipazione ad attività culturali - Attività di orientamento 4.2 Visite e viaggi di istruzione 4.3 Area di progetto 4.4 Tirocinio e stages 4.5 Tempi del percorso formativo 4.6 Iniziative complementari/integrative 5. VALUTAZIONE Criteri adottati 5.2 Quadro riassuntivo delle verifiche sommative 5.3 Quadro riassuntivo delle prove scritte 6. SCHEDA DELLA MATERIA 6.1 Italiano Storia Filosofia Inglese Matematica Fisica e Lab Informatica e Sistemi Biologia e Lab Chimica e Lab Educazione Fisica Religione CRITERI PER L ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO ESEMPI DI TERZE PROVE CON RELATIVA SCHEDA DI VALUTAZIONE SCHEDA PER LA VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO

3 3

4 1. PROFILO DELL INDIRIZZO L'indirizzo liceale scientifico-tecnologico si caratterizza in modo specifico per l'integrazione tra scienza e tecnologia, realizzata attraverso un itinerario formativo in cui la presenza delle discipline matematiche, scientifiche e tecnologiche è evidentemente alta, ma ben equilibrata, senza eccessivi carichi orari per ciascuna materia: il monte ore settimanale è, infatti, di 34 ore di lezione per ciascun anno del corso. Il piano di studi è ispirato dall'esigenza di una formazione ampia e di pari qualità culturale rispetto a quelli degli altri indirizzi liceali, mentre la differenziazione in senso scientificotecnologico è graduale, nel senso che le diversità si accentuano lungo il percorso, particolarmente nel triennio. La formazione scientifico-tecnologica si fonda sullo studio di strutture logico-formali, sull'attività di matematizzazione, sull'analisi di sistemi e di modelli, sull'approfondimento di concetti, principi e teorie scientifiche e sulla conoscenza di processi tecnologici, e viene realizzata attraverso un percorso formativo che attribuisce agli insegnamenti scientifico-tecnologici un tempo sufficientemente ampio per poter utilizzare in misura adeguata i laboratori. Fondamentale in questo indirizzo è il carattere operativo che contraddistingue l'apprendimento delle scienze sperimentali, a partire dal Laboratorio di fisica e chimica nel biennio; al lavoro sperimentale in laboratorio è, infatti, dedicato almeno il 50% del tempo complessivo di questo insegnamento. Nell'indirizzo, inoltre, anche l'area delle discipline umanistiche è adeguatamente ampia ed articolata, allo scopo di assicurare l'acquisizione di basi e di strumenti essenziali per raggiungere una visione complessiva della realtà storica e culturale delle società umane. A conferma di questa la presenza della filosofia nel triennio, di economia e diritto nel biennio, il potenziamento dello studio dell'italiano ed, in misura minore, della storia ancora nel triennio. Da segnalare, la variazione del quadro orario per le discipline Scienze della Terra e Biologia nel corso del terzo, quarto e quinto anno, deliberata nel Collegio Docenti n 191 del 29 Febbraio 2003 al settimo punto dell ordine del giorno: - Applicazione art. 8 del Regolamento applicativo dell Autonomia per il corso del Liceo Scientifico Tecnologico e precisamente: Attuale (a.s. 2002/2003) Proposto e approvato (a.s. 2003/2004) Classe terza Biologia 4 h (2 h) Scienze della Terra 4 h Classe quarta Biologia 2 h (1 h) Scienze della Terra 2 h Biologia 4 h (2 h) Classe quinta Biologia 2 h (1 h) Scienze della Terra 2h Biologia 4 h (2 h) Le motivazioni sono le seguenti: - gli studenti possono affrontare la disciplina di Biologia avendo già maturato conoscenze di Chimica dal programma di terza; - la proposta consente un diverso respiro nella presentazione della materia; - l utilizzo più razionale del laboratorio, evitando la dispersione di una sola ora settimanale; - si riduce il numero totale di materie in terza, quarta e quinta; - non ci sono riduzioni di orario alle cattedre degli ITP. Tale delibera è stata approvata di anno in anno dal Collegio Docenti convocato nel mese di febbraio. 4

5 2. PROFILO DELLA CLASSE Per ciò che concerne il gruppo classe, la VA L.S.T. non ha subito, nell attuale anno scolastico, cambiamenti significativi, a parte l inserimento di un alunno ripetente. Ciò ha permesso di maturare buone relazioni interpersonali, spirito di gruppo e solidarietà tra i 23 alunni: 7 femmine e 16 maschi da cui la classe è composta. Anche le esperienze didattiche di forte impatto, quali la visita di istruzione a Parigi, la visita al CERN a Ginevra, la partecipazione al progetto nazionale I giovani ricordano la Shoah hanno contribuito a creare un clima di serena collaborazione tra gli studenti e i docenti. A tale clima emotivamente positivo, però, non sempre corrispondeva quella sistematicità e quel rigore nello studio a casa, indispensabili per affrontare la complessità del programma del quinto anno. Talvolta lo studio era finalizzato alla sola risoluzione delle verifiche, talvolta alcune materie venivano trascurate, talvolta si sono resi necessari recuperi e approfondimenti. Più volte, gli studenti sono stati richiamati al senso di responsabilità nell organizzazione del lavoro e dei doveri che la scuola richiede, particolarmente importanti in questo anno scolastico che ha visto l anticipazione dei test universitari. Uno slancio di buona volontà, nella maggioranza delle discipline, ha caratterizzato l ultimo periodo dell anno scolastico. Vicino all impegno incostante di alcuni, vanno segnalati la serietà e l interesse vivace di altri che hanno raggiunto risultati eccellenti. In particolare si è distinto fra tutti Federico Belliardo nella partecipazione alle varie fasi delle Olimpiadi di Fisica (per due anni medaglia d oro nella prova nazionale, medaglia di bronzo nella prova internazionale 2013, membro della squadra nazionale italiana alle prossime Olimpiadi internazionali di Astana, Kazakhstan). Stefano Gallo ha superato la selezione per il Master dei talenti e parteciperà allo stage, nei mesi estivi, in Irlanda. Nell ambito della partecipazione al Concorso Nazionale I giovani incontrano la Shoah i ragazzi hanno prodotto un lavoro artistico relativo alla razzia del ghetto di Roma del 16 ottobre 1943, accompagnato da un libretto illustrativo, di cui è stata prodotta anche la versione inglese. Tale lavoro è stato presentato a Roma, al Ministero della Pubblica Istruzione, alla presenza della prof. Anna Foa (docente di Storia Moderna - Università La Sapienza) e del giornalista di Rai Uno Storia Roberto Olla, in occasione del meeting organizzato dal Ministero per riflettere sulle nuove didattiche relative alla Shoah. 5

6 3. STORIA DELLA CLASSE 3.1 INSEGNANTI INSEGNANTI MATERIA 3^ 4^ 5^ Educazione Fisica Pellizzari Giorgio Pellizzari Giorgio Pellizzari Giorgio Italiano Vatasso Mirella Vatasso Mirella Vatasso Mirella Lingua straniera Inglese Marengo Mirella Marengo Mirella Foglia Paola Storia Vatasso Mirella Vatasso Mirella Vatasso Mirella Filosofia Bernocco Vittorio Bernocco Vittorio Bernocco Vittorio Matematica Informatica e sistemi Alleva Maria Cristina Canavero Andrea Mina Bartolomeo Puppo Marco Alleva Maria Cristina Puppo Marco Mina Bartolomeo Puppo Marco Alleva Maria Cristina Puppo Marco Mina Bartolomeo Puppo Marco Scienze della terra Osella Vilma Biologia Osella Vilma Fisica Chimica Gallizio Paolo Giraudo Paola Latini Marco Bochicchio Mariangela Bochicchio Mariangela Gallizio Paolo Giraudo Paola Latini Marco Bochicchio Mariangela Osella Vilma Bochicchio Mariangela Gallizio Paolo Giraudo Paola Latini Marco Bochicchio Mariangela Disegno Miccoli Giuseppe Miccoli Giuseppe Religione Barolo Carlo Barolo Carlo Barolo Carlo Nota: se in un a.s. si succedono più Insegnanti indicare per ciascuno il periodo 6

7 3.2. STUDENTI STUDENTI da classe precedente INIZIO ANNO FINE ANNO Ripetenti Altra provenienza TOTALE Promossi Non Promossi Ritirati Trasferiti 3^ ^ ^ XXXXXXX XXXXXXX - Nota: riportare per ogni anno il numero di studenti 3.3 RISULTATI DELLO SCRUTINIO FINALE DELLA CLASSE III (esclusi non promossi e ritirati) N studenti con voto fra 8 e MATERIA Italiano Lingua Straniera-Inglese Storia Filosofia Matematica Informatica e sistemi Fisica e laboratorio Scienze della terra Chimica e laboratorio Disegno Educazione fisica Religione RISULTATO DELLO SCRUTINIO FINALE DELLA CLASSE IV (esclusi non promossi e ritirati) N studenti con voto fra 8 e MATERIA Italiano Lingua Straniera-Inglese Storia Filosofia Matematica Informatica e sistemi Biologia Fisica e laboratorio Chimica e laboratorio Disegno Educazione fisica Religione

8 8

9 4. ATTIVITA DIDATTICHE PROGRAMMATE E REALIZZATE CON LA CLASSE nell a.s. 2013/ PARTECIPAZIONE AD ATTIVITA CULTURALI ATTIVITA CULTURALI ottobre 2013 Concorso I giovani incontrano la Shoah con il progetto Sussurri nel ghetto. ottobre 2013 Progetto StreetLife promosso dal Comune di Fossano 27 novembre 2013 Olimpiadi di Matematica (selezione d Istituto) dicembre 2013 Spettacolo teatrale Ultima ora 11 dicembre 2013 Olimpiadi di Fisica (selezione d Istituto) 27 gennaio 2014 Film Hannah Arendt (per la Giornata della Memoria) 29 gennaio 2014 Spettacolo teatrale Miravo alle stelle 5 febbraio 2014 Progetto Porgi una mano che qualcuno ha bisogno di te : intervento sulla donazione di sangue, midollo e organi 19 febbraio 2014 Fase provinciale delle Olimpiadi di Fisica (Simone Forte, Federico Belliardo) Federico Belliardo, vincitore della fase provinciale, accede alle finali nazionali 12 marzo 2014 Progetto P.A.S.S Intervento del dott. Mario Governa 20 marzo 2014 Incontro con il giornalista Domenico Quirico sulla primavera araba 9-12 aprile 2014 Federico Belliardo partecipa a Senigallia alla finale nazionale delle Olimpiadi della Fisica, risultando vincitore della medaglia d oro e del premio per la miglior prova teorica. Maggio 2014 Olimpiadi della Chimica 25 maggio 1 giugno 2014 Federico Belliardo parteciperà al seminario di formazione presso il Centro Internazionale di Fisica Teorica Abdus Salam di Trieste. Il seminario determinerà la composizione della squadra nazionale italiana per le Olimpiadi Internazionali della Fisica che si terranno ad Astana (Kazakhstan) dal 12 al 21 luglio. --- Nuoto 8 lezioni in piscina nell orario di Educazione Fisica --- Baseball 4 lezioni nell orario di Educazione Fisica --- Quotidiano in classe Certificazione ECDL Belliardo, Carle Dardanelli, Gelli, Magnone, Riberi, Sassetti, Viada Certificazione PET Certificazione FIRST Belliardo, Gallo Belliardo, Bianco, Carle, Dardanelli, Gallo, Gastaldi, Sassetti, Tassone, Tavella, Viada ATTIVITA DI ORIENTAMENTO 26 ottobre 2013 Lezioni di matematica e fisica in preparazione al test di ammissione al Politecnico di Torino 17 febbraio 2014 Orientamento: forum itinerante di orientamento universitario --- Progetto FIXO (Selene Bianco, Erika Carle) 4.2 VISITE E VIAGGI DI ISTRUZIONE ottobre 2013 Visita al CERN di Ginevra 11 marzo Giornata bianca marzo 2014 Parigi e i luoghi dello sbarco 1 febbraio 2014 Cuneo, Teatro in inglese 9

10 4.3 AREA DI PROGETTO ALUNNO/A TITOLO TESINA MATERIA COINVOLTE Allasia Daniele La velocità Fisica, italiano, storia, storia dell'arte Barban Matteo La maschera Italiano, storia, filosofia Belliardo Federico - Dal caos ai sistemi complessi - Simmetrie e asimmetrie Matematica, fisica, informatica Matematica, fisica Bergia Paolo E li chiamano disabili: Impossibile is Storia, fisica, inglese, filosofia Nothing Bianco Selene Quattrozampe al servizio dell'umanità Storia, biologia, inglese, filosofia/psicologia Carle Erika Il suicidio Filosofia, letteratura contemporanea, religione Cavallera Claudio Nicolas Plus Ultra - Il mondo oltre le crisi Filosofia, italiano, storia, fisica Dardanelli Andrea Jack The Ripper Inglese, storia, fisica, biologia Fea Lorenzo Il miracolo economico italiano Storia, italiano, filosofia, inglese, fisica Forte Simone Composizione chimica del cibo e tecniche Chimica, biologia, italiano, fisica di conservazione Gallo Stefano Il paradosso Matematica, fisica, arte Gastaldi Francesco Memoria e Amnesia Biologia, italiano, chimica, filosofia Gelli Serena Fashion Travel Storia, filosofia, italiano, inglese, biologia Ghione Mara La musicoterapia Matematica, italiano, fisica, biologia Maestrelli Giulio La visione Filosofia, fisica, matematica, chimica, biologia Magnone Elisa Continuare a vivere intrappolati in un corpo Biologia, italiano, filosofia che muore - Interfaccia computer-cervello: nuove tecnologie per pazienti affetti da SLA o da malattie locked-in. Misto Fabio Into the wild Italiano, filosofia, inglese Muriale Elisa Teatro, dizione, suono Italiano, storia, filosofia, inglese, biologia, fisica Riberi Matteo Conflitti arabo-israeliani Storia, chimica, fisica, filosofia Sassetti Simone I limiti della scienza Italiano, storia, inglese, informatica, fisica Tassone Alberto L infinito positivo e le sue declinazioni: e il naufragar m è dolce in questo mare. Italiano, filosofia, inglese, arte, fisica, matematica Tavella Andrea Cosa ti dice il cervello? Chimica, biologia, fisica, informatica, filosofia, italiano Viada Chiara Sani o malati: la facciata non conosciuta Italiano, storia filosofia, arte 10

11 4.4 TIROCINI/STAGES 3 A LST ALUNNO SEDE INDIRIZZO CITTA' ATTIVITÀ SVOLTA BIANCO Selene AMBULATORIO VETERINARIO EUROPA CARLE Erika LA BOTTEGA DEL Corso Piave, 174/M Via dell Artigianato FALEGNAME FEA Lorenzo FALF S.R.L. Via Don Gertosio, 10 FORTE Simone SE.RO.SA. G SERVICE S.N.C. DI SALVATORE R. & C. GELLI Serena L ORTO DEL PIAN BOSCO di GIACCARDI ANDREA Viale della Repubblica, 17/A Via Trinità, 4 GHIONE Mara AMBULATORIO VETERINARIO SAVIGLIANO Via Assietta, 4 MURIALE Elisa TEC SNC Via dei SASSETTI Simone VIADA Chiara UNIFARMA DISTRIBUZIONE S.P.A. CENTRO VETERINARIO FOSSANESE Fontanili, 12 Via Nazario Sauro, 78 Alba (CN) Sant Albano Stura (CN) Affiancamento in attività legate alla clinica medica, chirurgica ed ostetrica. Progettazione arredamenti interni su misura con utilizzo di AutoCAD. Savigliano (CN) Sistema gestione qualità e ambiente, sistema gestione sicurezza, registrazione e gestione rifiuti speciali non pericolosi. Fossano (CN) Fossano (Loreto) (CN) Affiancamento gestione condominiale: redazione bilanci, convocazioni assemblee, disbrigo pratiche fiscali (versamento ritenute d acconto, compilazione mod. 770). Gestione delle locazioni: rinnovi e adeguamenti Istat. Raccolta, cernita e confezionamento ortofrutta. In agriturismo lavori di sala e cucina, in negozio allestimento e preparazione spese. Savigliano (CN) Visione e aiuto nell attività ambulatoriale. Fossano (CN) Fossano (CN) Via Cuneo, 29/E Fossano (CN) Affiancamento reparto grafico e gestione delle commesse. Cablaggio PC, installazione pacchetti Linux e Windows, test su PC vari. Reception, contatti telefonici e diretti con la clientela, supporto nell attività clinica (visite, esami, indagini diagnostiche e assistenza animali ricoverati). 4 A LST ALUNNO SEDE INDIRIZZO CITTA' ATTIVITÀ SVOLTA BIANCO Selene AMBULATORIO VETERINARIO EUROPA CARLE Erika LA BOTTEGA DEL FALEGNAME TASSONE Alberto SPACCIO DEGLI OCCHIALI Corso Piave, 174 M Via Borghesio, 13 Viale Regina Elena, 19/A Alba (CN) Sant Albano Stura (CN) Fossano (CN) Affiancamento in attività legate alla clinica medica, chirurgica ed ostetrica. Progettazione arredamenti interni su misura con utilizzo di AutoCAD. Collaborazione gestione magazzino e contabilità. Assistenza ad attività di laboratorio. 11

12 4.5 TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO DISCPLINA Ore annuali previste Educazione Fisica 66 Inglese 99 Matematica 132 Fisica e Lab. 132 Filosofia 99 Biologia 132 Chimica e Lab. 99 Religione 33 Informatica 99 Italiano 132 Storia INIZIATIVE COMPLEMENTARI/INTEGRATIVE (D.P.R. 567/96 e Direttiva 133/96) A partire dal mese di ottobre, per tutta la durata dell anno scolastico, è stata garantita la presenza pomeridiana di alcuni insegnanti del corso, secondo un calendario prefissato. Questa attività, denominata Sportello Disciplinare, è stata progettata allo scopo di realizzare un intervento didattico-educativo che si facesse carico delle differenze nei percorsi di apprendimento degli allievi (recupero e integrazione). Gli allievi hanno potuto accedere in orario pomeridiano ai laboratori di Informatica ( laboratori aperti ) sotto la sorveglianza di un docente. 12

13 5. VALUTAZIONE 5.1 CRITERI ADOTTATI SCALA PER LA MISURAZIONE/VALUTAZIONE DELLE PROVE Scala in Scala in Scala in Livello Descrizione decimi 15cesimi 35esimi Ottimo L'elaborazione dei contenuti risulta autonoma e sicura ed emergono capacità critiche ed originalità di pensiero Distinto Gli obiettivi di conoscenza, comprensione, capacità applicativa sono stati raggiunti ed anche l'esposizione risulta chiara e precisa, con l'uso adeguato e pertinente della terminologia e del formalismo tipici della materia Buono L allievo dimostra di aver compreso gli argomenti ed evidenzia parziali capacità rielaborative esponendo in forma per lo più appropriata Sufficiente Sono stati compresi i concetti essenziali ed acquisite le capacità fondamentali, anche se la preparazione esige ancora approfondimenti e l esposizione è chiara ma non del tutto appropriata Insufficiente In presenza d errori e/o lacune non gravi o quando emerge sia una comprensione parziale sia una certa insicurezza nell esposizione orale e nell'esecuzione dei compiti, propri della materia Gravemente insufficiente Si evidenziano gravi errori e/o lacune estese, mancata comprensione dei concetti fondamentali o mancata acquisizione delle capacità operative Totalmente negativo essenziali. L'allievo consegna il foglio in bianco o non dà alcuna opportunità di formulare un giudizio. 13

14 Num. Prove Totali A partire da un testo di riferimento Trattazione Sintetica di argomenti Quesiti a risposta singola Questi a scelta multipla Problemi a soluzione rapida Casi Pratici e Professionali Sviluppo Di progetti 5.2 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE VERIFICHE SOMMATIVE SVOLTE DURANTE L ANNO PER TIPOLOGIA Materia n verifiche orali n verifiche scritte Tipologie di prove prevalentemente usate Educazione Fisica - 11 pratiche 15 (Esercizi test motori) Inglese 6 8 1, 15, 18 (quesiti a risposta singola, trattazione sintetica di argomenti) Matematica 4 6 1, 2, 14, 15 Fisica e Laboratorio lab 1, 7, 11, 14, 15, 18 (quesiti a risposta singola) Filosofia 4 4 1, 11, 12 Biologia lab 1, 2, 10, 11 Chimica e Laboratorio 1 8 1, 14, 15, 18 (quesiti a risposta singola) Religione - 2 8, 9 Informatica 4 4 1, 15,18 (quesiti a risposta singola trattazione sintetica di argomenti) Italiano 6 8 1, 3, 7, 8, 9 Storia 4 3 1, 9, 13 1.Interrogazione 7.Relazione 13.Corrispondenze 2.Interrogazione semi-strutturata con obiettivi predefiniti 8.Analisi di testo 14.Problema 3.Tema 9.Saggio breve 15.Esercizi 4.Traduzione da lingua classica/straniera in Italiano 10.Quesiti vero/falso 16.Analisi di casi 5.Traduzione in Lingua straniera 11.Quesiti a scelta multipla 17.Progetto 6.Dettato 12.Integrazioni/completamenti 18. Altro (specificare) 5.3 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE PROVE SCRITTE EFFETTUATE SECONDO LE TIPOLOGIE PREVISTE PER LA TERZA PROVA D ESAME Materia Educazione Fisica - Inglese 6 X Matematica 2 X X X Fisica e Laboratorio 4 X Filosofia 2 X X X Biologia 3 X X X Chimica e Laboratorio 6 X X X X Informatica 4 X X Storia 2 X 14

15 6. SCHEDE DELLE MATERIE 6.1 SCHEDA DELLA MATERIA: ITALIANO Docente: Vatasso Mirella Testo in adozione: Paolo di Sacco: Le basi della letteratura, ed. scolastiche Bruno Mondadori, voll. a, b Obiettivi disciplinari (in termini di conoscenze, competenze, capacità). MODULI Conoscere le cornici storico/cronologiche per inquadrare, almeno nelle linee essenziali, i maggiori eventi letterari di fine Ottocento e prima metà del Novecento. Acquisire strumenti di storicizzazione dei testi proposti in classe o letti individualmente. Obiettivi didattici specifici: Leggere autonomamente testi; Riconoscere le loro strutture fondamentali; Riconoscere ed usare il lessico disciplinare; Rielaborare tematiche presenti nei testi attivando opportuni collegamenti; Produrre esposizioni chiare, corrette e coerenti; Analizzare testi letterari e non letterari individuando elementi per la comprensione complessiva, l'analisi del testo, gli approfondimenti richiesti nella prima prova dell'esame di stato; Padroneggiare le diverse fasi di redazione di saggi brevi o articoli di giornale. Modi della scrittura e nuove tecniche espressive tra Otto e Novecento REALISMO Naturalismo e Verismo: Zola, Verga. Un percorso di poesia fra Otto e Novecento IL RINNOVAMENTO DEL LINGUAGGIO POETICO Carducci Baudelaire Pascoli D Annunzio Gozzano e il Crepuscolarismo Marinetti e il Futurismo Saba Ermetismo: Ungaretti, Montale, Quasimodo. Crisi di identità dell uomo moderno 15

16 IL ROMANZO DEL NOVECENTO Pirandello Svevo Il Neorealismo. Prosatori italiani e stranieri del Novecento. PERCORSI Il percorso letterario è stato sviluppato in costante rapporto con quello storico per permettere agli allievi di cogliere correlazioni reciproche, particolarmente evidenti in alcune fasi della storia dell Ottocento e Novecento; è stata utilizzata ampiamente la lettura diretta dei testi, sia attraverso brani antologizzati sia attraverso opere lette integralmente. METODI DI INSEGNAMENTO Per la realizzazione del percorso formativo sono stati seguiti i seguenti metodi didattici: Lezione frontale: 1 presentazione degli obiettivi e dei percorsi dell unità didattica; 2 lettura di testi; 3 analisi e confronto tra più testi; Analisi dei testi letterari letti in classe o individualmente dagli allievi: - per quanto riguarda i testi in prosa la preparazione è stata condotta su brani degli autori antologizzati, con individuazione di: sequenze narrative, tipologia del narratore, tipologia del discorso, parole-chiave, struttura dei periodi, principali figure retoriche (ironia, similitudine, metafora, metonimia ). - per quanto riguarda il testo poetico, l analisi del testo ha previsto l individuazione di: tipologia dei versi e principali schemi metrici, eventuali enjambement, principali figure retoriche di suono e di significato (allitterazione, anafora, onomatopea, similitudine, metafora, sinestesia, metonimia ), capacità di contestualizzare l opera presa in esame con opportuni riferimenti ai periodi storici e all autore. Produzione di elaborati: 1 produzione in classe o a casa; L attività di recupero è stata attuata nelle ore di lezione, durante la correzione e discussione degli elaborati scritti o, in seguito a richiesta degli allievi, con la ripresa di argomenti non pienamente assimilati. I materiali didattici utilizzati sono stati: libro di testo, fotocopie, opere complete, film, DVD. Le attività di verifica si sono svolte secondo le seguenti modalità: - interrogazione orali brevi e lunghe; - composizioni di testi di diversa tipologia; - esercizi domestici. 16

17 I criteri di valutazione hanno fatto riferimento alla seguente griglia: GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PROVA SCRITTA DI ITALIANO Tipologie A-B-C-D Elementi valutati CORRETTEZZA Ortografia grammaticale e sintattica COERENZA Capacità di organizzare in modo appropriato e logico le tematiche richieste CAPACITA LESSICALE Saper utilizzare un registro linguistico adeguato al testo CONOSCENZA DEI CONTENUTI Fascia 1-3 Basso 0-1 Livello rilevato Medio 2 Alto Uso dei contenuti in funzione della tipologia della prova prescelta e loro rielaborazione personale VALUTAZIONE ANALITICA 1-12 VALUTAZIONE GLOBALE Efficacia complessiva del testo e creatività personale VALUTAZIONE COMPLESSIVA Max 15 17

18 CONTENUTI Modulo 1 L età del realismo 1. Le idee e la cultura. Dal Positivismo all irrazionalismo a. La cultura del Positivismo (Comte, Darwin, Spencer) b. Il rinnovato sforzo culturale dell Italia postunitaria c. La reazione al Positivismo e la nuova cultura decadente 2. La letteratura. Dal Naturalismo al Decadentismo a. Il Naturalismo francese: una letteratura del progresso b. Letture: - E. Zola, La miniera (da Germinale, pag. 76) c. L esperienza della Scapigliatura d. Il Verismo italiano: caratteri generali 3. G. Verga a. Vita, opere e poetica: dalla conversione al verismo al ciclo dei vinti b. Letture: - Nedda «la varannisa» (pag. 120) - I Malavoglia riassunto dell opera Prefazione (pag. 148) La famiglia Toscano (cap I; pag. 152) Le novità del progresso viste da Trezza (cap II, IV, X; pag. 160) - Fantasticheria (da Vita dei campi, pag. 142) - Lettera-prefazione a l amante di Gramigna (da Vita dei campi, pag. 126) 4. G. Carducci a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - Pianto antico (da Rime nuove, Pag. 208) - Traversando la Maremma toscana (da Rime nuove, pag. 210) Modulo 2 Il Decadentismo 1. Storia del termine 2. Dal Positivismo al Decadentismo: il disagio dell intellettuale La fine delle certezze tradizionali: Nietzsche e Freud 3. La poetica del Simbolismo: Analisi testuale e letture: C. Baudelaire: - L albatro (fotocopia) - Spleen (da I fiori del male, IV pag. 246) A. Rimbaud: - Vocali (da Poesie, pag. 249) - Lettera del poeta veggente (pag.49) I. U. Tarchetti: - La lettera U (da Racconti fantastici, pag. 228) 4. Le figure di rilievo del Decadentismo: Freud, Bergson, Einstein, Nietzsche Letture: S. Freud: - L io non è padrone in casa propria (da Una difficoltà della psicanalisi, pag.34) 18

19 Nietzsche: - Dio è morto (da Così parlò Zarathustra, pag. 32) 5. Giovanni Pascoli a. Vita, opere e poetica Analisi testuale e letture: - Arano (da Myricae, pag, 365) - Lavandare (da Myricae, pag, 366) - L assiuolo (da Myricae pag. 376) - Il lampo (da Myricae, pag. 369) - Il tuono (da Myricae, pag.371) - X agosto (da Myricae, pag. 375) - Il gelsomino notturno (dai Canti di Castelvecchio, pag. 395) - La cavalla storna (dai Canti di Castelvecchio, pag. 399) - La mia sera (dai Canti di Castelvecchio, pag.388) Letture: - Il fanciullino che è in noi (da Il Fanciullino, pag. 354) - Il poeta è poeta (da Il Fanciullino, pag. 358) 6. Il dandismo a. caratteri generali; riferimenti culturali a Wilde e D Annunzio b. definizione di dandy e poeta vate 7. Gabriele D Annunzio a. Vita, opere, poetica: il romanzo decadente Letture: - Ritratto d esteta (da Il piacere, pag. 305) - L attesa di Elena (da Il piacere, pag. 300) Analisi testuale: - La pioggia nel pineto (da Alcyone, pag. 315) - La sera fiesolana (da Alcyone, pag. 319) Modulo 3 La prima metà del 900 e la crisi delle certezze 1. Le idee e la cultura. La crisi del razionalismo e le avanguardie a. Una nuova percezione della realtà b. La cultura di massa e il nuovo ruolo dell intellettuale c. La cultura in Italia d. La stagione delle avanguardie in Europa e in Italia 2. La letteratura. Le novità della letteratura nel Novecento a. Narratori e poeti di fronte alla nuova cultura b. La nascita del romanzo psicologico: Letture: - Un caso di memoria involontaria, di Proust (da Dalla parte di Swann, pag. 670) 19

20 3. Italo Svevo a. Vita, opere e poetica b. La coscienza di Zeno (caratteri e trama) Letture: - Il fumo (da La coscienza di Zeno, cap.iii, pag.520) - Il funerale mancato (da La coscienza di Zeno, cap. VII, pag. 528) 4. Luigi Pirandello a. Vita, opere e poetica Letture: - La forma e la vita (da L umorismo, pag.560) - La vecchia imbellettata (da L umorismo, pag.563) - La patente (da Novelle per un anno ) - La carriola (da Novelle per un anno ) - Pallottoline (da Novelle per un anno ) - Il treno ha fischiato (da Novelle per un anno ) Il teatro delle maschere nude: - L irruzione dei personaggi sul palcoscenico (da sei personaggi in cerca d autore pag. 610) - la verità (da così è se vi pare ) 5. La poesia delle avanguardie: - caratteri generali Letture: - L amica di nonna Speranza, di G. Gozzano, (da I colloqui pag. 440) - Desolazione di un povero poeta sentimentale, di Corazzini (da Piccolo libro inutile, pag. 450) a. Il futurismo: - caratteri generali Letture: - Il primo manifesto del Futurismo di F. T. Martinetti (pag. 56) - E lasciatemi divertire, di A. Palazzeschi (da L incendiario, pag. 430) Modulo 4 La poesia del Novecento 1. L Ermetismo (caratteri generali) 2. Umberto Saba a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - Amai (da Mediterranee, pag. 148) - Città vecchia (da Trieste e una donna, pag. 140) 3. Giuseppe Ungaretti a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - Veglia (da L allegria, pag. 113) - Fratelli (da L allegria, pag. 114) - Sono una creatura (da L allegria, pag. 114) - I fiumi (da L allegria, pag. 106) 20

21 - San Martino del Carso, (da L allegria, pag. 111 ) - Natale (da L allegria, pag. 122) - Mattina (da L allegria, pag. 124) - Soldati (da L allegria, pag. 115) 4. Eugenio Montale: a. Vita, opere e poetica b. Analisi testuale: - I limoni (da Ossi di seppia, pag. 203) - Non chiederci la parola (da Ossi di seppia, pag. 217) - Meriggiare pallido e assorto (da Ossi di seppia, pag. 211) - Spesso il male di vivere ho incontrato (da Ossi di seppia, pag. 215) - Non recidere, forbice, quel volto (da Le occasioni, pag. 230) - Ho sceso dandoti il braccio (da Satura, pag. 248) 5. Salvatore Quasimodo a. Caratteri generali su vita, pensiero e opere b. Analisi testuale: - Ed è subito sera (da Ed è subito sera,pag.166) - Alla notte (da Oboe sommerso, pag. 163) Modulo 5 Neorealismo e letteratura contemporanea 1. Caratteri generali del neorealismo 2. La reazione al neorealismo e la narrativa di memoria 3. Le opere: - La notte in cui cadde Mussolini di C. Pavese (da La casa in collina, pag. 304) - Sul fondo di P. Levi (da Se questo è un uomo, pag. 296) Ogni studente ha svolto le seguenti letture integrali: Una questione privata di Beppe Fenoglio Il ritratto di Dorian Gray di Oscar Wilde Il seminatore di Mario Cavatore La coscienza di Zeno di Italo Svevo Dante Alighieri, Divina Commedia, Paradiso 1. Struttura e caratteri generali 2. Parafrasi e analisi testuale dei seguenti canti: I, III, VI, XI, XII, XVII, XXXIII. Durante il corso dell anno è stata proposta la visione dei seguenti film: GERMINAL di C. BERRI LE VITE DEGLI ALTRI di F. H.von DONNERSMARCK THIRTEEN DAYS di R. DONALDSON Nell attuale anno scolastico, gli studenti hanno partecipato al concorso nazionale I giovani ricordano la Shoah con un lavoro artistico relativo alla drammatica razzia del ghetto di Roma del 16 Ottobre Il lavoro è stato presentato a Roma, al ministero della Pubblica Istruzione, in occasione del meeting annuale relativo alla Giornata della memoria. 21

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI MATEMATICA A.S. 2010/2011 CLASSE 5 a Biologico

Dettagli

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE

Sezione Scientifica COMPOSIZIONE CONSIGLIO DI CLASSE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE ALDO MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n.4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE Tel. 0124/45.45.11 - Cod. Fisc. 85502120018 E-mail: segreteria@istitutomoro.it

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA

COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA COMPETENZE PRIMO BIENNIO I.P.S Settore Industria ed Artigianato Indirizzo: Manutenzione e Assistenza Tecnica CLASSE: QUINTA SOMMARIO Laboratori Tecnologici ed Esercitazioni... 2 Lingua e Letteratura Italiana...

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.

Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo. Via delle Rimembranze n 26, 40068 San Lazzaro(BO) Telefono: 051/464510 051/464545 051/464574 Fax: 051/452735 E-mail: iis@istitutomattei.bo.it Sito: www.istitutomattei.it INDICE Chi siamo Profilo culturale,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA

L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA L INDIRIZZO SPERIMENTALE LINGUISTICO BROCCA Che cos è L indirizzo si caratterizza per lo studio delle lingue straniere in stretto collegamento con il latino e l italiano. L obiettivo primario è far acquisire

Dettagli

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO

DIPARTIMENTO SCIENTIFICO DIPARTIMENTO SCIENTIFICO PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE DI MATEMATICA CLASSI QUINTE Anno scolastico 2015/2016 Ore di lezione previste nell anno: 165 (n. 5 ore sett. x 33 settimane) 1. FINALITÀ DELL INSEGNAMENTO

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica, sia aventi valore intrinseco

Dettagli

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA

LICEO GIOLITTI-GANDINO BRA INDIRIZZI SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE LINGUISTICO CLASSICO SCIENZE UMANE NUOVO INDIRIZZO Dirigente: SCARFÌ prof.ssa Francesca www.liceidibra.com segreteria@pec.liceidibra.com LE RADICI DEL TUO FUTURO

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015

Matematica SECONDO BIENNIO NUOVO ORDINAMENTO I.T.Ag Noverasco PIANO DI LAVORO ANNUALE 2014/2015 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A.

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO I.G.E.A. Anno scolastico 2012/2013 Consiglio Classe IV A Data di approvazione 23/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-003 Rev.: 3 Data: 04.10.10 Pag.:

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Biennio Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe II sezione B Data di approvazione 24 ottobre -

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico.

Le proposte dal 2010-2011. Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo Linguistico. Le proposte dal 2010-2011 Il Liceo Galilei attua la Riforma Gelmini, varata il 4 febbraio 2010, avvalendosi di un esperienza didattica e formativa maturata negli anni e supportata da un attento piano di

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA

LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA LICEO SCIENTIFICO opzione delle scienze applicate MATEMATICA PROFILO GENERALE E COMPETENZE Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE

PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE PRIMA LINGUA E CULTURA STRANIERA INGLESE SECONDO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Premessa L indirizzo mira alla preparazione di individui capaci di interagire in situazioni ad alto grado di competenza

Dettagli

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE

MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE MATEMATICA PRIMO BIENNIO LICEO DELLE SCIENZE UMANE Profilo generale e competenze Al termine del percorso liceale lo studente dovrà padroneggiare i principali concetti e metodi di base della matematica,

Dettagli

siamo già nel futuro LICEO SCIENTIFICO UGO MORIN

siamo già nel futuro LICEO SCIENTIFICO UGO MORIN LICEO SCIENTIFICO UGO MORIN siamo già nel futuro Liceo Scientifi co Statale UGO MORIN via Asseggiano, 39-30174 VENEZIA MESTRE tel. 041.916129/33 - mail: info@liceomorin.org - www.liceomorin.net 1 PERCHÈ

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO SCUOLA: ISTITUTO TECNICO ECONOMICO L. RAVEGGI INDIRIZZO :AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE SISTEMI INFORMATIVI

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Sezioni Associate: Liceo Scientifico, Linguistico, I.G.E.A. Ragionieri, Geometri, Scuola ------------------------------------------------------------------------

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Pag. 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE a.s. 2012/2013 Prof.ssa Paola VERGANI Materia MATEMATICA Classe V Sez. D ss Testi adottati: - Bergamini- Trifone- Barozzi Fondamenti di calcolo algebrico

Dettagli

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13

Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo Classico e Linguistico Statale G. Pico Obiettivi del progetto per l anno scolastico 2012/13 Liceo classico Il percorso del liceo classico è indirizzato allo studio della civiltà classica e della

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE

LICEO STATALE C. TENCA MILANO Dipartimento di Lingue PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE MILANO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUE E CULTURE STRANIERE STRUTTURA DELLA DISCIPLINA 2 Riflessione sulla lingua Dimensione comunicativa-funzionale Dimensione letteraria 3 Articolazione della disciplina

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE

DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE LICEO CLASSICO CAVOUR TORINO DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE Documento programmatico Anno scolastico 2014-15 1. DOCUMENTO PROGRAMMATICO DEI DOCENTI DI LINGUA INGLESE. Gli insegnanti di Lingua Inglese del

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA

ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA Indirizzo Produzioni industriali e artigianali Articolazione Artigianato ISTITUTO PROFESSIONALE GRAFICA CARATTERI E FINALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA I percorsi degli Istituti professionali si caratterizzano

Dettagli

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico

Paciolo D Annunzio. liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Paciolo D Annunzio liceo classico - liceo linguistico - liceo scientifico Sede 2 Sede: Via Alfieri 43036 Fidenza(PR) tel +039 0524 526102 www.paciolo-dannunzio.gov.it VISITE GUIDATE (su prenotazione) MICROSTAGE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: MATEMATICA PROFESSORE: ANNA ZUMMO CLASSE: IV sez. A informatica A.S.: 2014/2015 DATA: 30/10/2014 SOMMARIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

PIANO DI LAVORO ANNUALE DEL DIPARTIMENTO DI MATERIA DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE Pag. 1 di 3 ANNO SCOLASTICO 2014-15 DIPARTIMENTO DI LINGUA INGLESE INDIRIZZO AFM SIA RIM CLASSE BIENNIO TRIENNIO DOCENTI: DI MARCO LOREDANA, GIOFFREDI ANGELA, DI NANNO STEFANIA NUCLEI FONDAMENTALI DI CONOSCENZE

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA

FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA MOD01P-ERGrev4 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE A.S. 2012/013 Pag 1 di 8 Docente Classe Sezione Indirizzo Disciplina FRACCOLA DOMENICO III A SCIENTIFICO MATEMATICA Analisi della situazione di partenza Composizione

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO

ML 160 PROGRAMMA SVOLTO Pagina 1 di 6 ANNO SCOLASTICO 2012/13 CLASSE 2PA DOCENTE: Giovanni De Nardus DISCIPLINA ITALIANO LIBRO DI TESTO IN ADOZIONE: AUTORE: N: BOTTA TITOLO: Galeotto fu il libro (Il testo narrativo, Il testo

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

liceo scienze applicate

liceo scienze applicate imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein liceo scienze applicate liceo scientifico SCIENZE APPLICATE LICEO SCIENTIFICO, PERCHè L ISTITUTO SOBRERO RAPPRESENTA UN POLO FORMATIVO

Dettagli

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI 1 un luogo per crescere! ISTITUTO TECNICO indirizzo AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING Articolazioni dal terzo anno AMMINISTRAZIONE FINANZA e MARKETING RELAZIONI INTERNAZIONALI per il MARKETING SISTEMI

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 MATERIE GRAFICHE TECNICO indirizzo: Grafica e comunicazione TECNOLOGIE E TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA - CLASSI

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore

Bündner Kantonsschule Scola chantunala grischuna Scuola cantonale grigione. 1. Dotazione ore Italiano prima lingua 1. Dotazione ore 4 H 5H 6H Materia fondamentale 4 4 4 2. Considerazioni didattiche e obiettivi di formazione generali secondo il PQ MP 12 L insegnamento della prima lingua nazionale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DANTE ALIGHIERI Opera GRAMMATICA Anno Scolastico 2014 / 2015 GRAMMATICA SINTASSI DELLA FRASE - Completamento della classificazione dei complementi indiretti: complemento di limitazione, di paragone, di età, vantaggio e svantaggio, colpa,

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede. Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A. ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S 2013/14 CLASSE 5^ SEZ. C Indirizzo Liceo Linguistico Coordinatore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE INDIRIZZO LICEO LINGUISTICO Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 1^ sezione L Data di approvazione 15/10/2012 Doc.: Mod.PQ12-041 Rev.: 3 Data:

Dettagli

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA

CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA CORSO DI ITALIANO CLASSE PRIMA UdA n.1 - LEGGERE, COMPRENDERE E INTERPRETARE TESTI 1. Comprendere e analizzare narrativi, descrittivi, espositivi e poetici 2. Riconoscere e classificare diversi tipi di

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE a.s. 2014-15 Disciplina: RELIGIONE Prof. Sergio Garavaglia Classe 2 A LICEO SCIENTIFICO STATALE "Donato Bramante" Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) MPI: MIPS25000Q - Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97290566 Sito: www.liceobramante.gov.it - E-mail: mips25000qistruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E

PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI. MATERIA: Matematica CLASSE I E PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROF. ROBERTA BIAGI MATERIA: Matematica CLASSE I E DATA DI PRESENTAZIONE: 28 novembre 2013 Finalità della disciplina La finalità della disciplina

Dettagli