INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING"

Transcript

1

2 INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, e in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali gestire adempimenti di natura fiscale collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda svolgere attività di marketing collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministra- zione, finanza e marketing A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. Riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse la normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attivita aziendali i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane.

3 Il Diplomato dovrà inoltre gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ed inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda realizzando applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. Dovrà poi analizzare e produrre documenti relativi alla rendicontazione sociale ed ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. A) Situazione alunni DATI STATISTICI DELLA CLASSE Classe a.s. Iscritti maschi femmine totale Rit/Trasf Scrutinati Promossi Non promossi 3A ITC 2012/ A ITC 2013/ A ITC 2014/ B) Situazione docenti Materie Lingua e letteratura italiana Storia Lingua Inglese Seconda lingua comunitaria Francese 3A ITC a.s. 2012/13 Docenti 4A ITC a.s. 2013/14 5A ITC a.s. 2014/15 GALLONI PAMELA GALLONI PAMELA GALLONI PAMELA MIGLIAZZO FRANCESCA SIMIELE MARIA ROSARIA VATTERONI ELISABETTA PARRONCHI COSTANZA VATTERONI ELISABETTA VOLPI VILMA Matematica PEDINI LUCIA PEDINI LUCIA PEDINI LUCIA Informatica CALONACI CALONACI ROSSELLA ROSSELLA Economia aziendale DOLFI ROBERTA DOLFI ROBERTA DOLFI ROBERTA Diritto civile Economia politica Diritto commerciale MAGHERINI GIANNI MAGHERINI GIANNI Diritto pubblico Scienza delle finanze e diritto MAGHERINI GIANNI tributario Scienze motorie e sportive CASSIGOLI CASSIGOLI CASSIGOLI STEFANO STEFANO STEFANO Religione Cattolica ANDROSONI RITA ANDROSONI RITA BENUCCI LUIGI

4 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE La classe, composta di 15 elementi, durante il triennio è rimasta invariata nel numero, mentre il corpo docente è stato oggetto di alcuni cambiamenti (v. lingue). Gli studenti,nel complesso, hanno raggiunto livelli sufficienti o discreti in quasi tutte le discipline, con alcune situazioni di non piena sufficienza a causa di un studio non sempre approfondito. Si registrano tuttavia anche punte di eccellenza da parte di alcuni elementi che hanno mostrato un impegno costante e regolare, raggiungendo capacità critica e rielaborazione personale dei contenuti appresi. Pertanto la classe evidenzia luci e ombre, ma gli obiettivi minimi in termini di conoscenze generali sono stati raggiunti. Nessuno dei docenti del Consiglio di classe dispone dei titoli per impartire insegnamenti riconducibili ai corsi CLIL. Tuttavia, i docenti di Scienza delle finanze e di Inglese si sono attivati per trattare in lingua Inglese almeno un argomento a quadrimestre attinente alla specifica disciplina di Scienza delle finanze. Nel primo quadrimestre è stato affrontato il tema dell EU Economic Governance. Nel secondo quadrimestre è stato affrontato il tema The UK Tax regime. Gli allievi hanno risposto per iscritto a domande aperte sugli argomenti proposti. PERCORSO FORMATIVO Sono stati perseguiti e globalmente raggiunti, seppure a livelli differenziati, i seguenti obiettivi: Obiettivi trasversali Educativi e formativi Capacità di partecipazione al lavoro di gruppo Flessibilità al cambiamento Correttezza nei rapporti interpersonali Puntualità e precisione nell esecuzione dei lavori assegnati Cognitivi Elaborare dati, analizzare situazioni ed effettuare scelte Prendere decisioni ricercando ed assumendo informazioni Elaborare strategie Utilizzare un lessico specifico Obiettivi specifici dell indirizzo di studi Cogliere gli aspetti organizzativi e procedurali delle varie funzioni aziendali Utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali Redigere ed interpretare i documenti aziendali anche in lingua straniera Collocare i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema geo-economico, giuridico a livello nazionale ed internazionale Possedere adeguati strumenti linguistici e capacità espositive per una interpretazione del contesto sociale e inquadrare le conoscenze nel periodo storico-culturale di riferimento Analizzare i bilanci e le operazioni societarie Analizzare le situazioni, individuare le strategie, ricercando le opportune informazioni Usare un linguaggio tecnico-specifico Affrontare il cambiamento del sistema economico in atto

5 INTERVENTI DIDATTICI EDUCATIVI INTEGRATIVIDurante il corso dell anno scolastico sono stati attivati i seguenti sportelli didattici: Matematica applicata, Economia aziendale, Francese, Inglese, Italiano. ATTIVITA EXTRA PARA INTER - SCOLASTICHE E INTEGRATIVE DEL TRIENNIO anno scolastico visita al museo della matematica promozione sportiva scambio linguistico con la Francia Lezione " La Democrazia Costituzionale" tenuta dal Prof. Ugo de Siervo anno scolastico Viaggio studio a Chester UK (stage scuola-lavoro) promozione sportiva progetto memoria partecipazione volontarie a gare di tipo matematico, organizzate dall'università di Perugia e Firenze. "Quotidiano in classe" corso "730" corso informativo sulla professione di Consulente finanziario indipendente seminario sulla "Mediazione" organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza di Firenze. anno scolastico Visita alla mostra della Polizia di Stato Conferenza di J.C. Trichet nell'ambito del progetto "Quotidiano in classe". Donazione del sangue Rappresentazioni teatrali in lingua inglese e francese Lezione di Tosto sui poeti della 1 Guerra Mondiale Promozione sportiva Quotidiano in classe Seminario BCC su analisi di bilancio Conferenza tenuta dal Dott. Marco Buti Direttore Generale del Dipartimento Economico Finanziario presso la Commissione Europea. ESERCITAZIONE DI TERZA PROVA Sono state effettuate due simulazioni di terza prova entrambe di tipologia B(durata 2 ore e 30 minuti). La prima, in data12 marzo, ha interessato le discipline di Matematica, Storia, Scienza delle finanze, Francese La seconda,in data 20 aprile, ha interessato le discipline di Matematica, Diritto,Inglese, Francese. I testi delle singole prove sono allegati a questo documento. Qui di seguito si trovano le relazioni ed i programmi dei singoli docenti che fanno parte integrante del presente Documento.

6 Disciplina: Lingua e letteratura italiana Prof.ssaPamela Galloni Obiettivi Come ho già segnalato nella relazione programmatica iniziale, l educazione linguistica nel corso del triennio è stata finalizzata alla conoscenza, comprensione e interpretazione del linguaggio letterario attraverso una puntuale analisi testuale dei prodotti letterari non disgiunti dalla poetica e dal contesto storico dell autore. Inoltre ho cercato di dotare la classe degli strumenti metodologici adeguati e di valorizzare l acquisizione di un corredo lessicale pertinente ed un esposizione corretta e articolata. Nel corso del triennio quasi tutta la classe ha risposto in modo adeguato, pur con qualche intemperanza di comportamento, evidenziano un certo interesse per la materia e da parte di alcuni viva partecipazione al dialogo educativo. Nel complesso, i risultati possono considerarsi discreti e buoni ( in qualche caso eccellenti), per quanto attiene la capacità di analisi del testo e il profilo degli autori. L elaborazione scritta mostra in genere discreta proprietà lessicale e adeguata costruzione sintattica. In qualche caso, anche capacità critica e buona rielaborazione personale dei contenuti. Metodi e strumenti Quasi sempre la modalità di lavoro impiegata è stata la lezione frontale, ma la lettura e analisi del testo è stata sempre preceduta da spiegazioni e colloqui volti ad inquadrare l autore nel contesto storico culturale dell epoca d appartenenza, facendo riferimento sia ai prodotti letterari coevi, (preferibilmente europei) sia alle correnti artistiche più significative. Nel secondo quadrimestre, al fine di consolidare la partecipazione e le abilità specifiche ho proceduto a coinvolgere la classe in modo più diretto e attivo affidando a alcuni l esposizione di qualche brano di narrativa o di poesia, mentre a me ho riservato la presentazione dell autore e del periodo storico di riferimento. La classe ha risposto in modo abbastanza positivo, e dopo le prime incertezze ha dimostrato autonomia, capacità organizzativa e adeguato metodo di lavoro. Contenuto Lo svolgimento del programma (v. allegato) è stato il seguente : Il Naturalismo, Positivismo,Verismo, Decadentismo, Simbolismo, la cultura Mitteleuropea, Crepuscolari e Futuristi, Svevo, Pirandello, Ungaretti, Montale, il Neorealismo, Pasolini e Moravia (cenni). Tali correnti sono state analizzate attraverso i loro maggiori rappresentanti italiani e stranieri e qualche volta sono stati avviati, secondo un impostazione modulare, confronti tematici tra autori o correnti (es. Verismo/ Naturalismo). Se si rilevano lacune nella scelta degli autori o di qualche corrente, soprattutto per quanto riguarda la storia letteraria degli ultimi cinquant anni, ciò è da attribuirsi all insufficiente tempo a disposizione per svolgere un programma di tale complessità e vastità. Obiettivi trasversali Tali finalità sono state perseguite con la lettura nel corso del triennio di autori stranieri ed un approssimativa analisi di opere artistiche, al fine di agevolare e approfondire l indagine di alcuni nodi tematici di particolare rilevanza culturale soprattutto della storia del XX secolo.

7 Verifiche Le modalità di verifiche orali ( due per quadrimestre) si sono svolte mediante lunghi e approfonditi colloqui, sondaggi a dialogo, comprensione ed analisi di un testo. Per quanto attiene le prove scritte sono stati effettuati tre compiti in classe a quadrimestre secondo le nuove tipologie (analisi del testo, saggio breve d attualità o articolo di giornale, tema argomentativo ). Valutazione Per quanto riguarda la valutazione delle prove scritte si è tenuto conto della comprensione della traccia, della correttezza formale, della completezza dei contenuti, della coerenza logica, della capacità critica e argomentativa.in qualche caso di fragilità, ho poi considerato il miglioramento rispetto alle condizioni di partenza. Per l esposizione orale ho valutato l acquisizione dei contenuti, l esposizione corretta e articolata, la competenza linguistica, la capacità di analisi di sintesi e collegamento. Disciplina :Storia Prof. Pamela Galloni Obiettivi Come già enunciato nella relazione programmatica iniziale ho proceduto nello svolgimento degli argomenti, il più possibile in parallelo con la letteratura al fin di garantire un puntuale contesto di riferimento. Nella quasi totalità, la classe ha raggiunto l acquisizione di concetti e lessico pertinenti alla materia, ma non tutti hanno conseguito un metodo autonomo di lavoro e capacità di collegamento tra la molteplicità delle variabili che concorrono alla conoscenza storica. Metodologia La prospettiva impiegata nell indagine dei fenomeni è stata fondamentalmente eurocentrica, con qualche incursione verso il Medioriente, l Asia e l America del Nord. Più che un esposizione mnemonica dei fatti, ho preferito privilegiare l individuazione di connessioni logiche tra gli eventi e le correlazioni tra concetti e fenomeni, anche se ciò si è tradotto nella maggior parte dei casi, in una diligente ma passiva esposizione. Ho riscontrato tuttavia, un crescendo di partecipazione e interesse man mano che si procedeva nello svolgimento del programma, toccando i temi della storia più recente. Contenuto Il programma (v. allegato) è iniziato con l Età giolittiana e si è concluso con l Italia Repubblicana fino agli anni 80 del Novecento. Si è poi parlato della Guerra fredda, della Decolonizzazione, soprattutto in riferimento alla situazione geopolitica internazionale e del 68 in America e in Europa. Se si registrano lacune, soprattutto per quanto riguarda la storia più recente, ciò è da attribuirsi all esiguità di tempo a disposizione per svolgere un programma di tale vastità e complessità. Verifiche Le modalità di verifica utilizzate sono state : sondaggi a dialogo, colloqui lunghi e approfonditi, test fondati su risposta aperta.

8 Marta Sambugar Gabriella Salà VISIBILE PARLARE La Nuova Italia Volume III (A, B) G. Leopardi: Zibaldone : brani Canti: L infinito, alla sera, la sera del dì di festa, A Silvia, Il sabato del villaggio, la quiete Il canto notturno, la Ginestra (vv )- ( )- Operette morali: Natura e L isl. Il Positivismo: Linee generali Il Naturalismo francese E. Zola: L assomoir, Osservazione e sperimentazione Fratelli Goncourt: Questo romanzo è un romanzo vero Il Verismo: G. Verga: - Vita dei campi: Fantasticheria, Rosso Malpelo (in fotocopia), La Lupa. - I Malavoglia: La famiglia Malavoglia, La tempesta in mare, L arrivo e l addio di Ntoni. -Novelle Rusticane: La roba, Libertà. -Mastro Don Gesualdo: La morte. Il Simbolismo: Baudelaire da I fiori del male : Albatros, Spleen, Corrispondenze Verlaine: Languore Rimbaud: Lettera del veggente: Il disordine dei sensi, Poesie: Vocali Il Decadentismo: O. Wilde: Il ritratto di Dorian Gray ( Lo splendore della giovinezza) J.K Huysmans: A Rebours (Una vita artificiale) G. D Annunzio: -il Piacere: Il ritratto di un esteta, il verso è tutto, Una guarigione incerta - Alcyone: La sera fiesolana, La pioggia nel pineto G. Pascoli: - Il fanciullino (Brani) - Myricae: Lavandare, Novembre, Il temporale, Il lampo, Il tuono, Assiuolo, Arano (fotocopia) -Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno, Nebbia - Italy : III, V, VII - La grande proletaria si è mossa (brani) Il Romanzo nel Novecento e il clima culturale e scientifico Letture da: Kafka, Proust, Joyce, Mann Kafka: La metamorfosi o Lettera al padre Mann: La morte a Venezia Italo Svevo: - Una Vita (brani) - Senilità - La coscienza di Zeno: il Preambolo, la prefazione, L ultima sigaretta, la morte del padre, il funerale,un salotto, la vita è sempre mortale

9 L. Pirandello - L Umorismo: Il sentimento del contrario - Novelle per un anno: Il treno ha fischiato, La patente, La carriola (fotocopia) - Il fu Mattia Pascal: Premessa, Premessa seconda Cambio treno,maledetto Copernico - Uno, Nessuno e Centomila: Salute! - Enrico IV, Sei personaggi in cerca d autore, Così è se vi pare (alcune scene) La poesia tra le due Guerre: Crepuscolari, Futuristi Crepuscolari: Gozzano: I Colloqui: L invernale, La signorina Felicita, Il salotto di nonna Speranza (fotocopia) Futuristi: Marinetti: Il manifesto del futurismo: Aggressività, audacia, dinamismo, L automobile da corsa (fotocopia) Palazzeschi: da L incendiario: Lasciatemi divertire, La passeggiata (fotocopia) G. Ungaretti - L Allegria: I Fiumi, Veglia, Sono una creatura, Fratelli, Soldati, S. Martino del Carso, Mattina, - Sentimento del tempo: Di luglio, La madre (fotocopia), Non gridate più E. Montale - Ossi di Seppia: Limoni, Meriggiare, Non chiederci la parola, Cigola la carrucola, spesso il male di vivere ho incontrato - Le Occasioni: La casa dei doganieri, Non recidere forbice quel volto - La bufera e altro: Il piccolo testamento (fotocopia) - Satura: Ho sceso dandoti il braccio, - Il discorso per il ritiro del Nobel (fotocopia) La condizione degli intellettuali: fascismo e antifascismo: Gramsci, Croce, Gentile, Gobetti (cenni) Neorealismo: Cinema: Zavattini, De Sica, Rossellini La prefazione a I Sentieri dei nidi di ragno di Calvino (Fotocopia) E. Vittorini: Il Politecnico: Una cultura contro la sofferenza A. Moravia e P.P. Pasolini: cenni. PROGRAMMA DI STORIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Testo: PARLARE DI STORIA (volume 3) Autori: Marco Fossati, Giorgio Luppi ed Emilio Zanette Casa editrice: Bruno Mondadori. Il novecento tra guerra, crisi e rivoluzione: Le guerre prima della Guerra (sintesi) L Italia giolittiana La Grande guerra Lo scoppio della guerra e l intervento italiano Il conflitto e la vittoria dell Intesa La rivoluzione russa e la nascita dell Unione Sovietica

10 I trattati di pace e il nuovo ordine internazionale L economia mondiale tra le due guerre e la crisi del 1929 L Italia fascista: La crisi del dopoguerra in Italia Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo Il regime fascista Fascismo e /antifascismo/ totalitarismo/ leggi razziali Totalitarismi e democrazie: Il dopoguerra nell Europa centrale e la repubblica di Weimar Il nazismo al potere L Unione Sovietica e la dittatura di Stalin (sintesi) Le democrazie: Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti (sintesi) Conflitti e tensioni nelle periferie coloniali: Il risveglio dell Asia (sintesi) Il Medio Oriente e le origini del nazionalismo arabo India, Cina e Giappone fra le due guerre (sintesi) L America latina (sintesi) La seconda guerra mondiale: I fascismi in Europa e la guerra civile spagnola (sintesi) Le aggressioni di Hitler e lo scoppio del conflitto La guerra dell Europa al mondo Il dominio nazista,le resistenze europee, la disfatta dell Asse La Resistenza in Italia e in Europa La ricostruzione italiana Il miracolo economico e il primo centro-sinistra L Italia degli anni 70 e 80 La cittadinanza democratica Bipolarismo e decolonizzazione Crescita, crisi, nuovi sviluppi Il lungo dopoguerra: Stati Uniti e Unione Sovietica L Europa divisa

11 Disciplina : Lingua straniera Francese Professoressa: Vilma Volpi CARATTERISTICHE della CLASSE - OBIETTIVI DISCIPLINARI La classe 5 A ITE è composta da 15 alunni nel complesso abbastanza interessati a questa disciplina e spesso disponibili al lavoro attraverso il quale hanno sempre cercato di migliorare la conoscenza dei contenuti e le competenze linguistiche sia per quanto riguarda l espressione scritta che quella orale. Per la prima volta nel loro percorso di studi hanno affrontato lo studio della letteratura francese anche attraverso la lettura e la comprensione globale di testi tratti dalle opere degli autori proposti, è stato il lavoro più faticoso e difficile, ma anche in questo gli alunni hanno dimostrato abbastanza interesse tale da superare l ostacolo della complessità e varietà del lessico specifico. Alla fine di questo percorso posso affermare che alcuni degli alunni sono in grado di produrre testi, anche se semplici, sia scritti che orali, altri riescono a farlo in manie buona sia a livello espressivo che di contenuti. L insegnante tiene a precisare che il programma preventivato non è stato svolto completamente a causa delle sue numerose assenze durante l anno scolastico per gravi e documentati problemi familiari. METODI di INSEGNAMENTO Il lavoro è stato svolto attraverso lezioni frontali, discussioni e simulazioni di situazioni e sono stati utilizzati sia metodi deduttivi che induttivi. I contenuti proposti sono stati quelli preventivati nella programmazione annuale ed hanno toccato Macro-unità di commerce, civilisation, littérature usando sia i libri di testo in adozione che altro materiale cartaceo e tecnologico. Le verifiche scritte sono state effettuate seguendo due delle tipologie richieste dall Esame di Stato ( comprensione del testo e risposte a domanda aperta) e quelle orali sono state effettuate attraverso interrogazioni. STRUMENTI e SPAZI UTILIZZATI Libri di testo, materiale autentico in originale o fotocopia, riviste, videocassette, cd. VERIFICHE Le verifiche sono state scritti e orali. Gli scritti sono stati: comprensioni del testo, riassunti e risposte a domande aperte sui contenuti proposti nel programma del corrente anno scolastico. Le verifiche orali sono state effettuate tramite normali interrogazioni. VALUTAZIONE Le prove scritte sono state valutate secondo i seguenti criteri : conoscenza dei contenuti, fluidità nell esposizione, proprietà lessicale rispetto al contesto, correttezza grammaticale. Le prove orali: conoscenza dei contenuti, rielaborazione personale, scioltezza nell esposizione, lessico appropriato. Il livello di sufficienza prevede una accettabile conoscenza dei contenuti espressi in forma chiara anche se non sempre corretta e l uso di lessico appropriato se non specifico.. Programma Lingua Francese COMMERCE La démarche logistique

12 La livraison de la marchandise Documents qui accompagnent la marchandise Livraison par le fournisseur et le transporteur Réclamations Le Règlement Les différentes formes de règlement La facturation et les règlement LITTERATURE Tableau historique et littéraire du xixème siècle Le romantisme La poésie romantique Lamartine: oeuvres et poétique Le lac Victor Hugo : poète et romancier " Demain dès l' aube " ( Contemplations ) " La mort de Gavroche " ( Les Misérables ) Le Réalisme ( le courant ) H. de Balzac : oeuvres, poétique D' après " Le père Goriot ": " L' odeur de la pension Vauquer " " La soif de parvenir " " Je veux mes filles " Stendhal : oeuvres, poétique, le héros stendhalien D' après " Le Rouge et le Noir " "Un père et un fils "

13 " Combat sentimental " " La tentative de meurtre " " Plaidoirie pour soi- me^me " G. Flaubert : poétique, oeuvres D' après " Madame Bovary " : " Léctures romantiques et romanesques " " Le bal " "Matérnité " " J' ai un amant " " Emma s' empoisonne ". Le Naturalisme( Le courant ) Zola, le théoricien du Naturalisme et auteur engagé : " J' accuse " Le Rougon-Macquart D' après " L' assomoir : " L' alambic " "Gervaise cède à la tentation " D' après " Germinal " : " Quatre heures du matin chez les Maheu " " Une masse affamée " Le Symbolisme ( le courant ) Baudelaire : la théorie de correspondances et la fonction du poète D' après " Les fleurs du mal " : " Correspondances " " L' albatros " " L' élévation

14 Disciplina: Lingua e Civiltà Inglese Prof.ssa Elisabetta Vatteroni Obiettivi disciplinari Nella classe quinta l insegnamento della lingua inglese, tenuto conto delle indicazioni fornite dai Programmi Ministeriali, contribuisce al conseguimento dei seguenti obiettivi minimi di apprendimento: o Conoscere argomenti di inglese commerciale con acquisizione di linguaggi specifici o Conoscere strategie di analisi di un testo relativo alla realtà economica, sociale e culturale o Saper utilizzare le funzioni, le strutture ed il lessico della lingua inglese, pur non del tutto correttamente ma in modo tale da non impedire la comprensione del messaggio o Comprendere testi di varia natura, giornalistici, letterari e a carattere specialistico o Conoscere alcuni contenuti letterari e saperli esporre correttamente sia a livello strutturale che lessicale o Dovrà comunicare ed esporre oralmente contenuti ed opinioni personali applicando in modo essenzialmente corretto gli aspetti fonologici, morfo-sintattici, e lessicali della lingua inglese Metodologia Le lezioni sono state finalizzate allo sviluppo integrato della conoscenza di argomenti specifici con le abilità linguistiche di base. Nella presentazione introduttiva di argomenti sia di teoria commerciale che di carattere culturale, si è privilegiata la lezione frontale, a cui hanno fatto seguito letture collettive di testi, attività di comprensione dei testi letti, ripasso di principali regole grammaticali, esercitazioni varie che hanno fatto uso della terminologia commerciale e del linguaggio relativo a tematiche di cultura generale. Gli alunni sono stati sottoposti all ascolto di testi autentici e semi-autentici, quali interviste e conversazioni telefoniche, seguito da attività volte allo sviluppo della capacità di comprensione dell ascolto. È stata proposta inoltre la stesura e la traduzione di lettere e messaggi di vario tipo. Nel precedente anno scolastico gli studenti hanno avuto l opportunità di partecipare ad attività laboratoriali in lingua stimolanti e significative durante l esperienza formativa a Chester in Inghilterra, promossa dalla regione Toscana. Il metodo di lavoro consisteva in lezioni frontali e workshop tenuti da un insegnante madrelingua o da altri esperti. Gli studenti hanno inoltre visitato scuole e aziende del territorio. Strumenti utilizzati Sono stati utilizzati i libri di testo in dotazione: Step into Business, Theory. Communication. Culture Margherita Cumino, Philippa Bowen - Petrini Editore. Il testo di grammatica: All in One Grammar Louise Ashemi and Barbara Thomas Cambridge Loescher. Sono stati anche utilizzati gli audio CD forniti dal libro di testo. Sono state usate fotocopie di alcune pagine dal libro Visiting Literature ed. Petrini e dal libro Culture and Literature ed. Zanichelli. Gli alunni hanno inoltre affrontato due testi, EU Economic Governance e The UK Tax Regime, per le due attività CLIL. Interventi didattici educativi integrativi Non sono state effettuate attività mattutine di sostegno individuali né mi sono stati richiesti sportelli didattici durante l anno scolastico. Gli studenti hanno la mia disponibilità ad effettuare gli sportelli nella seconda metà di maggio e nella prima settimana di giugno, volti ad aiutarli nel ripasso degli argomenti del programma e nella esercitazione all esposizione orale. Verifiche Sono state svolti tre elaborati scritti nel primo quadrimestre; sono previste tre prove prima della fine del quadrimestre, oltre alla simulazione di terza prova nel secondo. Queste prove hanno mirato a verificare le conoscenze degli argomenti affrontati e la capacità di comprensione e produzione scritta per mezzo di esercizi di vario tipo, come la stesura di lettere commerciali, le risposte a quesiti di argomento commerciale o storico-letterario.

15 Le verifiche orali si sono svolte mediante letture e traduzioni di testi, dialoghi in inglese relativi ai testi affrontati e risposte a domande su argomenti di teoria commerciale. Criteri di valutazione Nella valutazione delle prove scritte si è tenuto conto dei seguenti indicatori: 1. Grado di comprensione del testo 2. Pertinenza della produzione a quanto richiesto 3. Correttezza morfo-sintattica e lessico appropriato 4. Coerenza e coesione del testo 5. Apporti personali creativi Il livello di sufficienza è stato così determinato. 1. Comprensione del testo essenziale anche se non completa 2. Pertinenza alla traccia: saper cogliere o esprimere gli elementi fondamentali senza approfondirli 3. Espressione semplice e chiara, forma sostanzialmente corretta, le frasi seppur semplici bel strutturate anche se non prive di errori Il livello di sufficienza nelle prove orali è stato determinato da: 1. Grado di conoscenza degli argomenti trattati 2. Esposizione orale chiara seppur incerta 3. Pronuncia comprensibile anche se non del tutto corretta Nei casi di maggior fragilità, ho considerato il miglioramento rispetto alle condizioni di partenza. Obiettivi raggiunti Insegno a questa classe fin dal quarto anno scolastico. Inizialmente molti degli alunni lamentavano una scarsa preparazione di base, dovuta presumibilmente ad una mancanza di continuità nell insegnamento; apparivano, quindi, desiderosi di recuperare le innumerevoli lacune pregresse. Ciò nonostante, sono raramente riuscita a suscitare il loro interesse e a ottenere la partecipazione alle diverse attività didattiche proposte, a causa anche della loro difficoltà ad ascoltare e a interagire in inglese con interventi o domande. Molto spesso, quindi, durante le lezioni, alcuni studenti hanno preferito ripassare la materia della lezione successiva e la tendenza è stata quella di limitare la propria preparazione alle interrogazioni. Durante l anno scolastico sono state svolte due unità didattiche CLIL in collaborazione con il professor Magherini sui seguenti argomenti di scienze delle finanze:, EU Economic Governance e The UK Tax Regime. Accanto ad un buono e a due ottimi risultati, dovuti soprattutto ad una buona competenza linguistica di base delle alunne, la maggior parte degli allievi non ha conseguito un profitto solido e ordinato, né ha acquisito la giusta competenza linguistico-comunicativa, in quanto permangono incertezze lessicali e sintattiche soprattutto nell esposizione orale.

16 Programma di: Lingua e Civiltà Inglese Dal libro di testo Step into Business, ed.petrini Module 5 Ordering Order forms The commercial invoice Vocabulary essentials: Types of orders, order content, size and measurement, packaging Orders and conditional orders Letter plans and phraseology Replies to orders Letter plans and phraseology Conditional orders Telephone orders; ordering on the phone Cultural context The EU at a glance: EU Member States, EU profile The main EU Institutions: The European Parliament The Council of the Union The European Commission The Court of Justice The Court of Auditors How Europe is governed Dal libro di testo di Scienze delle Finanze CLIL EU Economic Governance The four main components of the set of rules Stability and Growth pact (SGP) MTO, GDP, EDP, MIP The UK Tax Regime Corporation tax rate, tax reliefs Purpose of the UK s CFC rules Incentives for multinational companies Dal libro Visiting Literature, ed. Petrini The Victorian Age: The Spirit of the Age Aestheticism and Decadence Oscar Wilde: Preface to The Picture of Dorian Gray, An Ideal Husband The Aesthetic Movement The Preraffaelites Dante Gabriel Rossetti: The painting Ecce Ancilla Domine William Hunt: The painting The Awakening Conscience Module 4 Business transactions Foreign trade terms sales terms, terms referring to goods Delivery: Incoterms (EX Works, DDP)

17 Payment in foreign trade Exporter importer risk assessment Open account Bank transfer Clean bill collection Documentary collection Documentary letter of credit Payment in advance Module 6 Banking today From ATM user demographics Strategic Alliance: Did you know? Remote banking Fraud Microcredit, The Grameen Bank, Banks for Immigrants Banking services to business Late payments and reminders Letters requesting an extension of credit Letters plans and phraseology

18 Disciplina: Matematica applicata Prof.ssa:Lucia Pedini Insegno Matematica a sette degli studenti dell attuale quinta dal loro ingresso nell Istituto, agli altri, invece, dal momento in cui, dopo il primo biennio, hanno scelto l indirizzo Finanza e Marketing. Per quanto io possa avere constatato, tale unione non ha dato origine ad un gruppo classe coeso,ogni allievo infatti ha seguito il suo percorso indipendentemente dai compagni, etichettando se stesso e gli altri una volta per tutte.ci sono così il bravo, il mediocre, l opportunista, il diligente, il polemico, il riservato. Tale modus vivendi, pur non sfociando in quotidiana contrapposizione, non ha facilitato la collaborazione e la crescita di quello che noi insegnanti chiamiamo il dialogo educativo. L esiguo numero di studenti,la presenza di allievi con buone o ottime capacità di rielaborazione, di alunni in grado di valutare in modo critico i contenuti e le procedure non sono stati il motore di efficace cooperazione e di numerosi successi. Nell arco del triennio, la situazione del profitto si è comunque evoluta ed oggi i risultati sono in generale almeno sufficienti. Voglio comunque sottolineare la presenza di alcuni allievi che distinguendosi costantemente, in tutti questi anni, per l impegno, la determinazione, la puntualità nello studio e la presenza ad ogni verifica riescono ad avere una visione d insieme completa e approfondita. Per altri, non sono mancati l interesse o la partecipazione mattutina, quanto lo studio sistematico.spesso il loro impegno si è intensificato solo in prossimità delle verifiche cosicché la loro preparazione è risultata adeguata solo alle minime esigenze. Obiettivi disciplinari raggiunti Mi pare che nella seconda parte del quadrimestre stia maturando in tutti un maggior senso di responsabilità.tutto il gruppo,pur con accezioni diverse, ha raggiunto gli obiettivi preposti,è diffusa però l incertezza nell utilizzo della simbologia e del lessico specifico della materia. Gli allievi dimostrano di conoscere i temi specifici, di saper analizzare un testo individuando i dati utili e non, di saper applicare algoritmi risolutivi, di saper valutare tra più alternative la più conveniente, di saper interpretare grafici di saper tradurre e rappresentare in modo formalizzato problemi finanziari ed economici di saper utilizzare l analisi infinitesimale Contenuti del percorso formativo. La selezione dei contenuti tiene conto di quanto trattato negli anni passati e rispetta quanto dettato nei programmi ministeriali e poi deciso nell ambito della riunione per materia di inizio anno. L elenco particolareggiato degli argomenti è riportato nel programma allegato. Metodologia. Molti tra i temi affrontati sono stati introdotti mediante il riferimento ad una situazione problematica che prendesse spunto dalla realtà economico-finanziaria, che stimolasse i giovani al ragionamento e li incoraggiasse ad avanzare ipotesi.. Lo svolgimento di ogni tema ha seguito il seguente iter: -richiamo dei prerequisiti -integrazione o parziale trattazione di argomenti svolti negli anni precedenti -lezioni frontali ed interattive -esempi svolti alla lavagna -esercizi guidati -verifiche formative. Ogni lezione ha preso spunto dagli esercizi svolti di volta in volta individualmente dagli alunni; sono stati poi proposti nuovi quesiti che invitassero gli allievi sia alla riflessione e al ragionamento che all esecuzione meccanica. Consapevole della difficoltà che quasi tutti gli studenti rivelano nell utilizzare il linguaggio matematico,ho cercato di mantenere quest ultimo semplice e comprensibile, anche se preciso e rigoroso. Ogni verifica è stata corretta,al momento della restituzione, alla lavagna.

19 Verifiche e valutazione. Nel corso dell anno,le verifiche sono state essenzialmente di due tipi: - interrogazioni dal posto o alla lavagna (queste ultime in numero non inferiore a due per quadrimestre) - prove scritte( quattro nel primo quadrimestre e quattro nel secondo quadrimestre). Le prime,non sempre di natura sommativa, sono servite a verificare lo studio quotidiano e le eventuali incertezze. Le seconde hanno permesso di verificare la conoscenza dei vari temi, le capacità logiche,espositive,di collegamento. In ogni singola prova orale ho ritenuto opportuno attribuire la sufficienza ogni volta che l alunno ha dimostrato di : -conoscere e comprendere, anche se non ad un livello approfondito, l argomento in questione -saper analizzare,seppure con qualche aiuto, un problema -conoscere la terminologia essenziale relativa alla trattazione effettuata. Le prove scritte, programmate alla fine di una o più unità, sono state articolate sotto forma di problemi di tipo tradizionale, ma, qualche volta, contenevano costruzioni di modelli matematici o verifica dei modelli proposti. Ho attribuito una valutazione sufficiente a quegli elaborati che rivelavano: -comprensione del testo di almeno la metà degli esercizi proposti -applicazione corretta degli algoritmi necessari alla risoluzione, anche se con qualche errore di calcolo. In ognuna di queste prove ho comunque privilegiato la padronanza concettuale e la consapevolezza delle procedure eseguite alla correttezza nel calcolo o all uso di terminologia appropriata. Gli studenti si sono cimentati anche in due esercitazioni di terza prova di esame con tipologia B. Una valutazione finale positiva o negativa non sarà solo frutto di una situazione numerica sufficiente o insufficiente, terrà conto infatti, come stabilito in Consiglio di Classe - della presenza o meno di un impegno crescente dell allievo - della puntualità nell esecuzione e nella consegna dei lavori assegnati - della partecipazione costante alle lezioni - delle problematiche legate all allievo stesso. Interventi integrativi realizzati. Durante tutto l anno sono state effettuate attività mattutine di sostegno mediante numerose lezioni dedicate alla risoluzione di esercizi alla lavagna o interrompendo più volte la trattazione dei vari temi nel tentativo di dare a tutti gli studenti una pari opportunità di apprendimento. Da metà Maggio essendo concluso il programma preventivato, sarà possibile rivisitare, su richiesta degli stessi studenti, i temio parte dei temi in cui permangono dubbi ed incertezze. Programma M,ATEMATICA Testo: Lineamenti. MATHrossovoBaroncini, Manfredi, Fabbri,Grassi (GhisettieCorvi) ANALISI IN DUE VARIABILI Funzioni in RxR Disequazioni lineari Disequazioni non lineari(con soluzione associabile ad una conica in forma canonica) I sistemi di disequazioni Insiemi aperti. Insiemi chiusi Definizione di funzione reale di due variabili reali Insieme di esistenza delle funzioni di due variabili Ricerca del campo di esistenza delle funzioni di due variabili Sistema di riferimento dello spazio Considerazioni sull equazione di un piano e(casi particolari al variare dei coefficienti dell equazione) Linee di livello e di sezione,loro rappresentazione sui vari piani coordinati Definizione di limite per una funzione di due variabili. Definizione di funzione continua.

20 Derivate Derivate parziali prime delle funzioni reali di due variabili Derivate parziali seconde Interpretazione geometrica delle derivate parziali Equazione del piano tangente ad una superficie Teorema di Schwarz (solo enunciato) Massimi e minimi liberi Definizione di massimo e di minimo libero per una funzione z=f(x,y) Definizione di massimo e di minimo relativo/assoluto per una funzione z=f(x,y) Enunciato Teorema di Weierstrass Ricerca di massimi e minimi con l uso delle linee di livello Ricerca di massimi e minimi mediante le derivate parziali(condizione necessaria e sufficiente)-punti critici e loro classificazione Massimi e minimi vincolati Definizione di massimo e di minimo vincolato per una funzione z=f(x,y) Ricerca di massimi e minimi vincolati con metodo della sostituzione Ricerca di massimi e minimi con il metodo dei moltiplicatori di Lagrange Ricerca di massimi e minimi nel caso in cui i vincoli siano espressi da un sistema di disequazioni Il caso particolare delle funzioni lineari con vincoli lineari APPLICAZIONI DELL ANALISI ALL ECONOMIA Impiego delle funzioni in due variabili in economia Massimo utile in condizioni di libera concorrenza e di monopolio Massimo utile nella vendita di un bene in due mercati con prezzi diversi o con impianti diversi Massimo della funzione utilità con vincolo di bilancio lineare RICERCA OPERATIVA Finalità e metodi della R.O. Fasi della R.O. Classificazione dei problemi di scelta Il problema di gestione delle scorte di magazzino Problemi con diagramma di redditività Problemi nel continuo con funzione obiettivo dipendente da una sola variabile reale Problemi nel discreto, ma riconducibili al continuo Problemi in due variabili riconducibili ad una sola variabile d azione La scelta tra più alternative(i punti di indifferenza) Criteri decisionali in condizioni di certezza con effetti differiti: -investimenti finanziari -investimenti industriali -definizione di risultato economico attualizzato e di tasso di rendimento interno -Scelta tra mutuo e leasing Criteri decisionali in condizioni di incertezza con effetti immediati: -richiami alle definizioni di variabile casuale, di valor medio, di varianza e di scarto quadratico medio -criterio del valor medio e misura del rischio -criterio del pessimista e dell ottimista -cenno ai problemi di incertezza con effetti differiti PROGRAMMAZIONE LINEARE Impostazione matematica di un problema di P.L.

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli