INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING"

Transcript

1

2 INDIRIZZO AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo Il Diplomato in Amministrazione, Finanza e Marketing ha competenze generali nel campo dei macrofenomeni economici nazionali ed internazionali, della normativa civilistica e fiscale, dei sistemi e processi aziendali (organizzazione, pianificazione, programmazione, amministrazione, finanza e controllo), degli strumenti di marketing, dei prodotti assicurativo-finanziari e dell economia sociale. Integra le competenze dell ambito professionale specifico con quelle linguistiche e informatiche per operare nel sistema informativo dell azienda e contribuire sia all innovazione sia al miglioramento organizzativo e tecnologico dell impresa inserita nel contesto internazionale. Attraverso il percorso generale, e in grado di: rilevare le operazioni gestionali utilizzando metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili in linea con i principi nazionali ed internazionali redigere e interpretare i documenti amministrativi e finanziari aziendali gestire adempimenti di natura fiscale collaborare alle trattative contrattuali riferite alle diverse aree funzionali dell azienda svolgere attività di marketing collaborare all organizzazione, alla gestione e al controllo dei processi aziendali utilizzare tecnologie e software applicativi per la gestione integrata di amministra- zione, finanza e marketing A conclusione del percorso quinquennale, il Diplomato nell indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze. Riconoscere e interpretare: le tendenze dei mercati locali, nazionali e globali anche per coglierne le ripercussioni in un dato contesto i macrofenomeni economici nazionali e internazionali per connetterli alla specificità di un azienda i cambiamenti dei sistemi economici nella dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche storiche e nella dimensione sincronica attraverso il confronto fra aree geografiche e culture diverse la normativa pubblicistica, civilistica e fiscale con particolare riferimento alle attivita aziendali i sistemi aziendali nei loro modelli, processi e flussi informativi con riferimento alle differenti tipologie di imprese i diversi modelli organizzativi aziendali, documentare le procedure e ricercare soluzioni efficaci rispetto a situazioni date le caratteristiche del mercato del lavoro e collaborare alla gestione delle risorse umane.

3 Il Diplomato dovrà inoltre gestire il sistema delle rilevazioni aziendali con l ausilio di programmi di contabilità integrata ed inquadrare l attività di marketing nel ciclo di vita dell azienda realizzando applicazioni con riferimento a specifici contesti e diverse politiche di mercato. Dovrà poi analizzare e produrre documenti relativi alla rendicontazione sociale ed ambientale, alla luce dei criteri sulla responsabilità sociale d impresa. A) Situazione alunni DATI STATISTICI DELLA CLASSE Classe a.s. Iscritti maschi femmine totale Rit/Trasf Scrutinati Promossi Non promossi 3A ITC 2012/ A ITC 2013/ A ITC 2014/ B) Situazione docenti Materie Lingua e letteratura italiana Storia Lingua Inglese Seconda lingua comunitaria Francese 3A ITC a.s. 2012/13 Docenti 4A ITC a.s. 2013/14 5A ITC a.s. 2014/15 GALLONI PAMELA GALLONI PAMELA GALLONI PAMELA MIGLIAZZO FRANCESCA SIMIELE MARIA ROSARIA VATTERONI ELISABETTA PARRONCHI COSTANZA VATTERONI ELISABETTA VOLPI VILMA Matematica PEDINI LUCIA PEDINI LUCIA PEDINI LUCIA Informatica CALONACI CALONACI ROSSELLA ROSSELLA Economia aziendale DOLFI ROBERTA DOLFI ROBERTA DOLFI ROBERTA Diritto civile Economia politica Diritto commerciale MAGHERINI GIANNI MAGHERINI GIANNI Diritto pubblico Scienza delle finanze e diritto MAGHERINI GIANNI tributario Scienze motorie e sportive CASSIGOLI CASSIGOLI CASSIGOLI STEFANO STEFANO STEFANO Religione Cattolica ANDROSONI RITA ANDROSONI RITA BENUCCI LUIGI

4 PRESENTAZIONE SINTETICA DELLA CLASSE La classe, composta di 15 elementi, durante il triennio è rimasta invariata nel numero, mentre il corpo docente è stato oggetto di alcuni cambiamenti (v. lingue). Gli studenti,nel complesso, hanno raggiunto livelli sufficienti o discreti in quasi tutte le discipline, con alcune situazioni di non piena sufficienza a causa di un studio non sempre approfondito. Si registrano tuttavia anche punte di eccellenza da parte di alcuni elementi che hanno mostrato un impegno costante e regolare, raggiungendo capacità critica e rielaborazione personale dei contenuti appresi. Pertanto la classe evidenzia luci e ombre, ma gli obiettivi minimi in termini di conoscenze generali sono stati raggiunti. Nessuno dei docenti del Consiglio di classe dispone dei titoli per impartire insegnamenti riconducibili ai corsi CLIL. Tuttavia, i docenti di Scienza delle finanze e di Inglese si sono attivati per trattare in lingua Inglese almeno un argomento a quadrimestre attinente alla specifica disciplina di Scienza delle finanze. Nel primo quadrimestre è stato affrontato il tema dell EU Economic Governance. Nel secondo quadrimestre è stato affrontato il tema The UK Tax regime. Gli allievi hanno risposto per iscritto a domande aperte sugli argomenti proposti. PERCORSO FORMATIVO Sono stati perseguiti e globalmente raggiunti, seppure a livelli differenziati, i seguenti obiettivi: Obiettivi trasversali Educativi e formativi Capacità di partecipazione al lavoro di gruppo Flessibilità al cambiamento Correttezza nei rapporti interpersonali Puntualità e precisione nell esecuzione dei lavori assegnati Cognitivi Elaborare dati, analizzare situazioni ed effettuare scelte Prendere decisioni ricercando ed assumendo informazioni Elaborare strategie Utilizzare un lessico specifico Obiettivi specifici dell indirizzo di studi Cogliere gli aspetti organizzativi e procedurali delle varie funzioni aziendali Utilizzare metodi, strumenti, tecniche contabili ed extracontabili per una corretta rilevazione dei fenomeni gestionali Redigere ed interpretare i documenti aziendali anche in lingua straniera Collocare i fenomeni aziendali nella dinamica del sistema geo-economico, giuridico a livello nazionale ed internazionale Possedere adeguati strumenti linguistici e capacità espositive per una interpretazione del contesto sociale e inquadrare le conoscenze nel periodo storico-culturale di riferimento Analizzare i bilanci e le operazioni societarie Analizzare le situazioni, individuare le strategie, ricercando le opportune informazioni Usare un linguaggio tecnico-specifico Affrontare il cambiamento del sistema economico in atto

5 INTERVENTI DIDATTICI EDUCATIVI INTEGRATIVIDurante il corso dell anno scolastico sono stati attivati i seguenti sportelli didattici: Matematica applicata, Economia aziendale, Francese, Inglese, Italiano. ATTIVITA EXTRA PARA INTER - SCOLASTICHE E INTEGRATIVE DEL TRIENNIO anno scolastico visita al museo della matematica promozione sportiva scambio linguistico con la Francia Lezione " La Democrazia Costituzionale" tenuta dal Prof. Ugo de Siervo anno scolastico Viaggio studio a Chester UK (stage scuola-lavoro) promozione sportiva progetto memoria partecipazione volontarie a gare di tipo matematico, organizzate dall'università di Perugia e Firenze. "Quotidiano in classe" corso "730" corso informativo sulla professione di Consulente finanziario indipendente seminario sulla "Mediazione" organizzato dal Dipartimento di Giurisprudenza di Firenze. anno scolastico Visita alla mostra della Polizia di Stato Conferenza di J.C. Trichet nell'ambito del progetto "Quotidiano in classe". Donazione del sangue Rappresentazioni teatrali in lingua inglese e francese Lezione di Tosto sui poeti della 1 Guerra Mondiale Promozione sportiva Quotidiano in classe Seminario BCC su analisi di bilancio Conferenza tenuta dal Dott. Marco Buti Direttore Generale del Dipartimento Economico Finanziario presso la Commissione Europea. ESERCITAZIONE DI TERZA PROVA Sono state effettuate due simulazioni di terza prova entrambe di tipologia B(durata 2 ore e 30 minuti). La prima, in data12 marzo, ha interessato le discipline di Matematica, Storia, Scienza delle finanze, Francese La seconda,in data 20 aprile, ha interessato le discipline di Matematica, Diritto,Inglese, Francese. I testi delle singole prove sono allegati a questo documento. Qui di seguito si trovano le relazioni ed i programmi dei singoli docenti che fanno parte integrante del presente Documento.

6 Disciplina: Lingua e letteratura italiana Prof.ssaPamela Galloni Obiettivi Come ho già segnalato nella relazione programmatica iniziale, l educazione linguistica nel corso del triennio è stata finalizzata alla conoscenza, comprensione e interpretazione del linguaggio letterario attraverso una puntuale analisi testuale dei prodotti letterari non disgiunti dalla poetica e dal contesto storico dell autore. Inoltre ho cercato di dotare la classe degli strumenti metodologici adeguati e di valorizzare l acquisizione di un corredo lessicale pertinente ed un esposizione corretta e articolata. Nel corso del triennio quasi tutta la classe ha risposto in modo adeguato, pur con qualche intemperanza di comportamento, evidenziano un certo interesse per la materia e da parte di alcuni viva partecipazione al dialogo educativo. Nel complesso, i risultati possono considerarsi discreti e buoni ( in qualche caso eccellenti), per quanto attiene la capacità di analisi del testo e il profilo degli autori. L elaborazione scritta mostra in genere discreta proprietà lessicale e adeguata costruzione sintattica. In qualche caso, anche capacità critica e buona rielaborazione personale dei contenuti. Metodi e strumenti Quasi sempre la modalità di lavoro impiegata è stata la lezione frontale, ma la lettura e analisi del testo è stata sempre preceduta da spiegazioni e colloqui volti ad inquadrare l autore nel contesto storico culturale dell epoca d appartenenza, facendo riferimento sia ai prodotti letterari coevi, (preferibilmente europei) sia alle correnti artistiche più significative. Nel secondo quadrimestre, al fine di consolidare la partecipazione e le abilità specifiche ho proceduto a coinvolgere la classe in modo più diretto e attivo affidando a alcuni l esposizione di qualche brano di narrativa o di poesia, mentre a me ho riservato la presentazione dell autore e del periodo storico di riferimento. La classe ha risposto in modo abbastanza positivo, e dopo le prime incertezze ha dimostrato autonomia, capacità organizzativa e adeguato metodo di lavoro. Contenuto Lo svolgimento del programma (v. allegato) è stato il seguente : Il Naturalismo, Positivismo,Verismo, Decadentismo, Simbolismo, la cultura Mitteleuropea, Crepuscolari e Futuristi, Svevo, Pirandello, Ungaretti, Montale, il Neorealismo, Pasolini e Moravia (cenni). Tali correnti sono state analizzate attraverso i loro maggiori rappresentanti italiani e stranieri e qualche volta sono stati avviati, secondo un impostazione modulare, confronti tematici tra autori o correnti (es. Verismo/ Naturalismo). Se si rilevano lacune nella scelta degli autori o di qualche corrente, soprattutto per quanto riguarda la storia letteraria degli ultimi cinquant anni, ciò è da attribuirsi all insufficiente tempo a disposizione per svolgere un programma di tale complessità e vastità. Obiettivi trasversali Tali finalità sono state perseguite con la lettura nel corso del triennio di autori stranieri ed un approssimativa analisi di opere artistiche, al fine di agevolare e approfondire l indagine di alcuni nodi tematici di particolare rilevanza culturale soprattutto della storia del XX secolo.

7 Verifiche Le modalità di verifiche orali ( due per quadrimestre) si sono svolte mediante lunghi e approfonditi colloqui, sondaggi a dialogo, comprensione ed analisi di un testo. Per quanto attiene le prove scritte sono stati effettuati tre compiti in classe a quadrimestre secondo le nuove tipologie (analisi del testo, saggio breve d attualità o articolo di giornale, tema argomentativo ). Valutazione Per quanto riguarda la valutazione delle prove scritte si è tenuto conto della comprensione della traccia, della correttezza formale, della completezza dei contenuti, della coerenza logica, della capacità critica e argomentativa.in qualche caso di fragilità, ho poi considerato il miglioramento rispetto alle condizioni di partenza. Per l esposizione orale ho valutato l acquisizione dei contenuti, l esposizione corretta e articolata, la competenza linguistica, la capacità di analisi di sintesi e collegamento. Disciplina :Storia Prof. Pamela Galloni Obiettivi Come già enunciato nella relazione programmatica iniziale ho proceduto nello svolgimento degli argomenti, il più possibile in parallelo con la letteratura al fin di garantire un puntuale contesto di riferimento. Nella quasi totalità, la classe ha raggiunto l acquisizione di concetti e lessico pertinenti alla materia, ma non tutti hanno conseguito un metodo autonomo di lavoro e capacità di collegamento tra la molteplicità delle variabili che concorrono alla conoscenza storica. Metodologia La prospettiva impiegata nell indagine dei fenomeni è stata fondamentalmente eurocentrica, con qualche incursione verso il Medioriente, l Asia e l America del Nord. Più che un esposizione mnemonica dei fatti, ho preferito privilegiare l individuazione di connessioni logiche tra gli eventi e le correlazioni tra concetti e fenomeni, anche se ciò si è tradotto nella maggior parte dei casi, in una diligente ma passiva esposizione. Ho riscontrato tuttavia, un crescendo di partecipazione e interesse man mano che si procedeva nello svolgimento del programma, toccando i temi della storia più recente. Contenuto Il programma (v. allegato) è iniziato con l Età giolittiana e si è concluso con l Italia Repubblicana fino agli anni 80 del Novecento. Si è poi parlato della Guerra fredda, della Decolonizzazione, soprattutto in riferimento alla situazione geopolitica internazionale e del 68 in America e in Europa. Se si registrano lacune, soprattutto per quanto riguarda la storia più recente, ciò è da attribuirsi all esiguità di tempo a disposizione per svolgere un programma di tale vastità e complessità. Verifiche Le modalità di verifica utilizzate sono state : sondaggi a dialogo, colloqui lunghi e approfonditi, test fondati su risposta aperta.

8 Marta Sambugar Gabriella Salà VISIBILE PARLARE La Nuova Italia Volume III (A, B) G. Leopardi: Zibaldone : brani Canti: L infinito, alla sera, la sera del dì di festa, A Silvia, Il sabato del villaggio, la quiete Il canto notturno, la Ginestra (vv )- ( )- Operette morali: Natura e L isl. Il Positivismo: Linee generali Il Naturalismo francese E. Zola: L assomoir, Osservazione e sperimentazione Fratelli Goncourt: Questo romanzo è un romanzo vero Il Verismo: G. Verga: - Vita dei campi: Fantasticheria, Rosso Malpelo (in fotocopia), La Lupa. - I Malavoglia: La famiglia Malavoglia, La tempesta in mare, L arrivo e l addio di Ntoni. -Novelle Rusticane: La roba, Libertà. -Mastro Don Gesualdo: La morte. Il Simbolismo: Baudelaire da I fiori del male : Albatros, Spleen, Corrispondenze Verlaine: Languore Rimbaud: Lettera del veggente: Il disordine dei sensi, Poesie: Vocali Il Decadentismo: O. Wilde: Il ritratto di Dorian Gray ( Lo splendore della giovinezza) J.K Huysmans: A Rebours (Una vita artificiale) G. D Annunzio: -il Piacere: Il ritratto di un esteta, il verso è tutto, Una guarigione incerta - Alcyone: La sera fiesolana, La pioggia nel pineto G. Pascoli: - Il fanciullino (Brani) - Myricae: Lavandare, Novembre, Il temporale, Il lampo, Il tuono, Assiuolo, Arano (fotocopia) -Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno, Nebbia - Italy : III, V, VII - La grande proletaria si è mossa (brani) Il Romanzo nel Novecento e il clima culturale e scientifico Letture da: Kafka, Proust, Joyce, Mann Kafka: La metamorfosi o Lettera al padre Mann: La morte a Venezia Italo Svevo: - Una Vita (brani) - Senilità - La coscienza di Zeno: il Preambolo, la prefazione, L ultima sigaretta, la morte del padre, il funerale,un salotto, la vita è sempre mortale

9 L. Pirandello - L Umorismo: Il sentimento del contrario - Novelle per un anno: Il treno ha fischiato, La patente, La carriola (fotocopia) - Il fu Mattia Pascal: Premessa, Premessa seconda Cambio treno,maledetto Copernico - Uno, Nessuno e Centomila: Salute! - Enrico IV, Sei personaggi in cerca d autore, Così è se vi pare (alcune scene) La poesia tra le due Guerre: Crepuscolari, Futuristi Crepuscolari: Gozzano: I Colloqui: L invernale, La signorina Felicita, Il salotto di nonna Speranza (fotocopia) Futuristi: Marinetti: Il manifesto del futurismo: Aggressività, audacia, dinamismo, L automobile da corsa (fotocopia) Palazzeschi: da L incendiario: Lasciatemi divertire, La passeggiata (fotocopia) G. Ungaretti - L Allegria: I Fiumi, Veglia, Sono una creatura, Fratelli, Soldati, S. Martino del Carso, Mattina, - Sentimento del tempo: Di luglio, La madre (fotocopia), Non gridate più E. Montale - Ossi di Seppia: Limoni, Meriggiare, Non chiederci la parola, Cigola la carrucola, spesso il male di vivere ho incontrato - Le Occasioni: La casa dei doganieri, Non recidere forbice quel volto - La bufera e altro: Il piccolo testamento (fotocopia) - Satura: Ho sceso dandoti il braccio, - Il discorso per il ritiro del Nobel (fotocopia) La condizione degli intellettuali: fascismo e antifascismo: Gramsci, Croce, Gentile, Gobetti (cenni) Neorealismo: Cinema: Zavattini, De Sica, Rossellini La prefazione a I Sentieri dei nidi di ragno di Calvino (Fotocopia) E. Vittorini: Il Politecnico: Una cultura contro la sofferenza A. Moravia e P.P. Pasolini: cenni. PROGRAMMA DI STORIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Testo: PARLARE DI STORIA (volume 3) Autori: Marco Fossati, Giorgio Luppi ed Emilio Zanette Casa editrice: Bruno Mondadori. Il novecento tra guerra, crisi e rivoluzione: Le guerre prima della Guerra (sintesi) L Italia giolittiana La Grande guerra Lo scoppio della guerra e l intervento italiano Il conflitto e la vittoria dell Intesa La rivoluzione russa e la nascita dell Unione Sovietica

10 I trattati di pace e il nuovo ordine internazionale L economia mondiale tra le due guerre e la crisi del 1929 L Italia fascista: La crisi del dopoguerra in Italia Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo Il regime fascista Fascismo e /antifascismo/ totalitarismo/ leggi razziali Totalitarismi e democrazie: Il dopoguerra nell Europa centrale e la repubblica di Weimar Il nazismo al potere L Unione Sovietica e la dittatura di Stalin (sintesi) Le democrazie: Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti (sintesi) Conflitti e tensioni nelle periferie coloniali: Il risveglio dell Asia (sintesi) Il Medio Oriente e le origini del nazionalismo arabo India, Cina e Giappone fra le due guerre (sintesi) L America latina (sintesi) La seconda guerra mondiale: I fascismi in Europa e la guerra civile spagnola (sintesi) Le aggressioni di Hitler e lo scoppio del conflitto La guerra dell Europa al mondo Il dominio nazista,le resistenze europee, la disfatta dell Asse La Resistenza in Italia e in Europa La ricostruzione italiana Il miracolo economico e il primo centro-sinistra L Italia degli anni 70 e 80 La cittadinanza democratica Bipolarismo e decolonizzazione Crescita, crisi, nuovi sviluppi Il lungo dopoguerra: Stati Uniti e Unione Sovietica L Europa divisa

11 Disciplina : Lingua straniera Francese Professoressa: Vilma Volpi CARATTERISTICHE della CLASSE - OBIETTIVI DISCIPLINARI La classe 5 A ITE è composta da 15 alunni nel complesso abbastanza interessati a questa disciplina e spesso disponibili al lavoro attraverso il quale hanno sempre cercato di migliorare la conoscenza dei contenuti e le competenze linguistiche sia per quanto riguarda l espressione scritta che quella orale. Per la prima volta nel loro percorso di studi hanno affrontato lo studio della letteratura francese anche attraverso la lettura e la comprensione globale di testi tratti dalle opere degli autori proposti, è stato il lavoro più faticoso e difficile, ma anche in questo gli alunni hanno dimostrato abbastanza interesse tale da superare l ostacolo della complessità e varietà del lessico specifico. Alla fine di questo percorso posso affermare che alcuni degli alunni sono in grado di produrre testi, anche se semplici, sia scritti che orali, altri riescono a farlo in manie buona sia a livello espressivo che di contenuti. L insegnante tiene a precisare che il programma preventivato non è stato svolto completamente a causa delle sue numerose assenze durante l anno scolastico per gravi e documentati problemi familiari. METODI di INSEGNAMENTO Il lavoro è stato svolto attraverso lezioni frontali, discussioni e simulazioni di situazioni e sono stati utilizzati sia metodi deduttivi che induttivi. I contenuti proposti sono stati quelli preventivati nella programmazione annuale ed hanno toccato Macro-unità di commerce, civilisation, littérature usando sia i libri di testo in adozione che altro materiale cartaceo e tecnologico. Le verifiche scritte sono state effettuate seguendo due delle tipologie richieste dall Esame di Stato ( comprensione del testo e risposte a domanda aperta) e quelle orali sono state effettuate attraverso interrogazioni. STRUMENTI e SPAZI UTILIZZATI Libri di testo, materiale autentico in originale o fotocopia, riviste, videocassette, cd. VERIFICHE Le verifiche sono state scritti e orali. Gli scritti sono stati: comprensioni del testo, riassunti e risposte a domande aperte sui contenuti proposti nel programma del corrente anno scolastico. Le verifiche orali sono state effettuate tramite normali interrogazioni. VALUTAZIONE Le prove scritte sono state valutate secondo i seguenti criteri : conoscenza dei contenuti, fluidità nell esposizione, proprietà lessicale rispetto al contesto, correttezza grammaticale. Le prove orali: conoscenza dei contenuti, rielaborazione personale, scioltezza nell esposizione, lessico appropriato. Il livello di sufficienza prevede una accettabile conoscenza dei contenuti espressi in forma chiara anche se non sempre corretta e l uso di lessico appropriato se non specifico.. Programma Lingua Francese COMMERCE La démarche logistique

12 La livraison de la marchandise Documents qui accompagnent la marchandise Livraison par le fournisseur et le transporteur Réclamations Le Règlement Les différentes formes de règlement La facturation et les règlement LITTERATURE Tableau historique et littéraire du xixème siècle Le romantisme La poésie romantique Lamartine: oeuvres et poétique Le lac Victor Hugo : poète et romancier " Demain dès l' aube " ( Contemplations ) " La mort de Gavroche " ( Les Misérables ) Le Réalisme ( le courant ) H. de Balzac : oeuvres, poétique D' après " Le père Goriot ": " L' odeur de la pension Vauquer " " La soif de parvenir " " Je veux mes filles " Stendhal : oeuvres, poétique, le héros stendhalien D' après " Le Rouge et le Noir " "Un père et un fils "

13 " Combat sentimental " " La tentative de meurtre " " Plaidoirie pour soi- me^me " G. Flaubert : poétique, oeuvres D' après " Madame Bovary " : " Léctures romantiques et romanesques " " Le bal " "Matérnité " " J' ai un amant " " Emma s' empoisonne ". Le Naturalisme( Le courant ) Zola, le théoricien du Naturalisme et auteur engagé : " J' accuse " Le Rougon-Macquart D' après " L' assomoir : " L' alambic " "Gervaise cède à la tentation " D' après " Germinal " : " Quatre heures du matin chez les Maheu " " Une masse affamée " Le Symbolisme ( le courant ) Baudelaire : la théorie de correspondances et la fonction du poète D' après " Les fleurs du mal " : " Correspondances " " L' albatros " " L' élévation

14 Disciplina: Lingua e Civiltà Inglese Prof.ssa Elisabetta Vatteroni Obiettivi disciplinari Nella classe quinta l insegnamento della lingua inglese, tenuto conto delle indicazioni fornite dai Programmi Ministeriali, contribuisce al conseguimento dei seguenti obiettivi minimi di apprendimento: o Conoscere argomenti di inglese commerciale con acquisizione di linguaggi specifici o Conoscere strategie di analisi di un testo relativo alla realtà economica, sociale e culturale o Saper utilizzare le funzioni, le strutture ed il lessico della lingua inglese, pur non del tutto correttamente ma in modo tale da non impedire la comprensione del messaggio o Comprendere testi di varia natura, giornalistici, letterari e a carattere specialistico o Conoscere alcuni contenuti letterari e saperli esporre correttamente sia a livello strutturale che lessicale o Dovrà comunicare ed esporre oralmente contenuti ed opinioni personali applicando in modo essenzialmente corretto gli aspetti fonologici, morfo-sintattici, e lessicali della lingua inglese Metodologia Le lezioni sono state finalizzate allo sviluppo integrato della conoscenza di argomenti specifici con le abilità linguistiche di base. Nella presentazione introduttiva di argomenti sia di teoria commerciale che di carattere culturale, si è privilegiata la lezione frontale, a cui hanno fatto seguito letture collettive di testi, attività di comprensione dei testi letti, ripasso di principali regole grammaticali, esercitazioni varie che hanno fatto uso della terminologia commerciale e del linguaggio relativo a tematiche di cultura generale. Gli alunni sono stati sottoposti all ascolto di testi autentici e semi-autentici, quali interviste e conversazioni telefoniche, seguito da attività volte allo sviluppo della capacità di comprensione dell ascolto. È stata proposta inoltre la stesura e la traduzione di lettere e messaggi di vario tipo. Nel precedente anno scolastico gli studenti hanno avuto l opportunità di partecipare ad attività laboratoriali in lingua stimolanti e significative durante l esperienza formativa a Chester in Inghilterra, promossa dalla regione Toscana. Il metodo di lavoro consisteva in lezioni frontali e workshop tenuti da un insegnante madrelingua o da altri esperti. Gli studenti hanno inoltre visitato scuole e aziende del territorio. Strumenti utilizzati Sono stati utilizzati i libri di testo in dotazione: Step into Business, Theory. Communication. Culture Margherita Cumino, Philippa Bowen - Petrini Editore. Il testo di grammatica: All in One Grammar Louise Ashemi and Barbara Thomas Cambridge Loescher. Sono stati anche utilizzati gli audio CD forniti dal libro di testo. Sono state usate fotocopie di alcune pagine dal libro Visiting Literature ed. Petrini e dal libro Culture and Literature ed. Zanichelli. Gli alunni hanno inoltre affrontato due testi, EU Economic Governance e The UK Tax Regime, per le due attività CLIL. Interventi didattici educativi integrativi Non sono state effettuate attività mattutine di sostegno individuali né mi sono stati richiesti sportelli didattici durante l anno scolastico. Gli studenti hanno la mia disponibilità ad effettuare gli sportelli nella seconda metà di maggio e nella prima settimana di giugno, volti ad aiutarli nel ripasso degli argomenti del programma e nella esercitazione all esposizione orale. Verifiche Sono state svolti tre elaborati scritti nel primo quadrimestre; sono previste tre prove prima della fine del quadrimestre, oltre alla simulazione di terza prova nel secondo. Queste prove hanno mirato a verificare le conoscenze degli argomenti affrontati e la capacità di comprensione e produzione scritta per mezzo di esercizi di vario tipo, come la stesura di lettere commerciali, le risposte a quesiti di argomento commerciale o storico-letterario.

15 Le verifiche orali si sono svolte mediante letture e traduzioni di testi, dialoghi in inglese relativi ai testi affrontati e risposte a domande su argomenti di teoria commerciale. Criteri di valutazione Nella valutazione delle prove scritte si è tenuto conto dei seguenti indicatori: 1. Grado di comprensione del testo 2. Pertinenza della produzione a quanto richiesto 3. Correttezza morfo-sintattica e lessico appropriato 4. Coerenza e coesione del testo 5. Apporti personali creativi Il livello di sufficienza è stato così determinato. 1. Comprensione del testo essenziale anche se non completa 2. Pertinenza alla traccia: saper cogliere o esprimere gli elementi fondamentali senza approfondirli 3. Espressione semplice e chiara, forma sostanzialmente corretta, le frasi seppur semplici bel strutturate anche se non prive di errori Il livello di sufficienza nelle prove orali è stato determinato da: 1. Grado di conoscenza degli argomenti trattati 2. Esposizione orale chiara seppur incerta 3. Pronuncia comprensibile anche se non del tutto corretta Nei casi di maggior fragilità, ho considerato il miglioramento rispetto alle condizioni di partenza. Obiettivi raggiunti Insegno a questa classe fin dal quarto anno scolastico. Inizialmente molti degli alunni lamentavano una scarsa preparazione di base, dovuta presumibilmente ad una mancanza di continuità nell insegnamento; apparivano, quindi, desiderosi di recuperare le innumerevoli lacune pregresse. Ciò nonostante, sono raramente riuscita a suscitare il loro interesse e a ottenere la partecipazione alle diverse attività didattiche proposte, a causa anche della loro difficoltà ad ascoltare e a interagire in inglese con interventi o domande. Molto spesso, quindi, durante le lezioni, alcuni studenti hanno preferito ripassare la materia della lezione successiva e la tendenza è stata quella di limitare la propria preparazione alle interrogazioni. Durante l anno scolastico sono state svolte due unità didattiche CLIL in collaborazione con il professor Magherini sui seguenti argomenti di scienze delle finanze:, EU Economic Governance e The UK Tax Regime. Accanto ad un buono e a due ottimi risultati, dovuti soprattutto ad una buona competenza linguistica di base delle alunne, la maggior parte degli allievi non ha conseguito un profitto solido e ordinato, né ha acquisito la giusta competenza linguistico-comunicativa, in quanto permangono incertezze lessicali e sintattiche soprattutto nell esposizione orale.

16 Programma di: Lingua e Civiltà Inglese Dal libro di testo Step into Business, ed.petrini Module 5 Ordering Order forms The commercial invoice Vocabulary essentials: Types of orders, order content, size and measurement, packaging Orders and conditional orders Letter plans and phraseology Replies to orders Letter plans and phraseology Conditional orders Telephone orders; ordering on the phone Cultural context The EU at a glance: EU Member States, EU profile The main EU Institutions: The European Parliament The Council of the Union The European Commission The Court of Justice The Court of Auditors How Europe is governed Dal libro di testo di Scienze delle Finanze CLIL EU Economic Governance The four main components of the set of rules Stability and Growth pact (SGP) MTO, GDP, EDP, MIP The UK Tax Regime Corporation tax rate, tax reliefs Purpose of the UK s CFC rules Incentives for multinational companies Dal libro Visiting Literature, ed. Petrini The Victorian Age: The Spirit of the Age Aestheticism and Decadence Oscar Wilde: Preface to The Picture of Dorian Gray, An Ideal Husband The Aesthetic Movement The Preraffaelites Dante Gabriel Rossetti: The painting Ecce Ancilla Domine William Hunt: The painting The Awakening Conscience Module 4 Business transactions Foreign trade terms sales terms, terms referring to goods Delivery: Incoterms (EX Works, DDP)

17 Payment in foreign trade Exporter importer risk assessment Open account Bank transfer Clean bill collection Documentary collection Documentary letter of credit Payment in advance Module 6 Banking today From ATM user demographics Strategic Alliance: Did you know? Remote banking Fraud Microcredit, The Grameen Bank, Banks for Immigrants Banking services to business Late payments and reminders Letters requesting an extension of credit Letters plans and phraseology

18 Disciplina: Matematica applicata Prof.ssa:Lucia Pedini Insegno Matematica a sette degli studenti dell attuale quinta dal loro ingresso nell Istituto, agli altri, invece, dal momento in cui, dopo il primo biennio, hanno scelto l indirizzo Finanza e Marketing. Per quanto io possa avere constatato, tale unione non ha dato origine ad un gruppo classe coeso,ogni allievo infatti ha seguito il suo percorso indipendentemente dai compagni, etichettando se stesso e gli altri una volta per tutte.ci sono così il bravo, il mediocre, l opportunista, il diligente, il polemico, il riservato. Tale modus vivendi, pur non sfociando in quotidiana contrapposizione, non ha facilitato la collaborazione e la crescita di quello che noi insegnanti chiamiamo il dialogo educativo. L esiguo numero di studenti,la presenza di allievi con buone o ottime capacità di rielaborazione, di alunni in grado di valutare in modo critico i contenuti e le procedure non sono stati il motore di efficace cooperazione e di numerosi successi. Nell arco del triennio, la situazione del profitto si è comunque evoluta ed oggi i risultati sono in generale almeno sufficienti. Voglio comunque sottolineare la presenza di alcuni allievi che distinguendosi costantemente, in tutti questi anni, per l impegno, la determinazione, la puntualità nello studio e la presenza ad ogni verifica riescono ad avere una visione d insieme completa e approfondita. Per altri, non sono mancati l interesse o la partecipazione mattutina, quanto lo studio sistematico.spesso il loro impegno si è intensificato solo in prossimità delle verifiche cosicché la loro preparazione è risultata adeguata solo alle minime esigenze. Obiettivi disciplinari raggiunti Mi pare che nella seconda parte del quadrimestre stia maturando in tutti un maggior senso di responsabilità.tutto il gruppo,pur con accezioni diverse, ha raggiunto gli obiettivi preposti,è diffusa però l incertezza nell utilizzo della simbologia e del lessico specifico della materia. Gli allievi dimostrano di conoscere i temi specifici, di saper analizzare un testo individuando i dati utili e non, di saper applicare algoritmi risolutivi, di saper valutare tra più alternative la più conveniente, di saper interpretare grafici di saper tradurre e rappresentare in modo formalizzato problemi finanziari ed economici di saper utilizzare l analisi infinitesimale Contenuti del percorso formativo. La selezione dei contenuti tiene conto di quanto trattato negli anni passati e rispetta quanto dettato nei programmi ministeriali e poi deciso nell ambito della riunione per materia di inizio anno. L elenco particolareggiato degli argomenti è riportato nel programma allegato. Metodologia. Molti tra i temi affrontati sono stati introdotti mediante il riferimento ad una situazione problematica che prendesse spunto dalla realtà economico-finanziaria, che stimolasse i giovani al ragionamento e li incoraggiasse ad avanzare ipotesi.. Lo svolgimento di ogni tema ha seguito il seguente iter: -richiamo dei prerequisiti -integrazione o parziale trattazione di argomenti svolti negli anni precedenti -lezioni frontali ed interattive -esempi svolti alla lavagna -esercizi guidati -verifiche formative. Ogni lezione ha preso spunto dagli esercizi svolti di volta in volta individualmente dagli alunni; sono stati poi proposti nuovi quesiti che invitassero gli allievi sia alla riflessione e al ragionamento che all esecuzione meccanica. Consapevole della difficoltà che quasi tutti gli studenti rivelano nell utilizzare il linguaggio matematico,ho cercato di mantenere quest ultimo semplice e comprensibile, anche se preciso e rigoroso. Ogni verifica è stata corretta,al momento della restituzione, alla lavagna.

19 Verifiche e valutazione. Nel corso dell anno,le verifiche sono state essenzialmente di due tipi: - interrogazioni dal posto o alla lavagna (queste ultime in numero non inferiore a due per quadrimestre) - prove scritte( quattro nel primo quadrimestre e quattro nel secondo quadrimestre). Le prime,non sempre di natura sommativa, sono servite a verificare lo studio quotidiano e le eventuali incertezze. Le seconde hanno permesso di verificare la conoscenza dei vari temi, le capacità logiche,espositive,di collegamento. In ogni singola prova orale ho ritenuto opportuno attribuire la sufficienza ogni volta che l alunno ha dimostrato di : -conoscere e comprendere, anche se non ad un livello approfondito, l argomento in questione -saper analizzare,seppure con qualche aiuto, un problema -conoscere la terminologia essenziale relativa alla trattazione effettuata. Le prove scritte, programmate alla fine di una o più unità, sono state articolate sotto forma di problemi di tipo tradizionale, ma, qualche volta, contenevano costruzioni di modelli matematici o verifica dei modelli proposti. Ho attribuito una valutazione sufficiente a quegli elaborati che rivelavano: -comprensione del testo di almeno la metà degli esercizi proposti -applicazione corretta degli algoritmi necessari alla risoluzione, anche se con qualche errore di calcolo. In ognuna di queste prove ho comunque privilegiato la padronanza concettuale e la consapevolezza delle procedure eseguite alla correttezza nel calcolo o all uso di terminologia appropriata. Gli studenti si sono cimentati anche in due esercitazioni di terza prova di esame con tipologia B. Una valutazione finale positiva o negativa non sarà solo frutto di una situazione numerica sufficiente o insufficiente, terrà conto infatti, come stabilito in Consiglio di Classe - della presenza o meno di un impegno crescente dell allievo - della puntualità nell esecuzione e nella consegna dei lavori assegnati - della partecipazione costante alle lezioni - delle problematiche legate all allievo stesso. Interventi integrativi realizzati. Durante tutto l anno sono state effettuate attività mattutine di sostegno mediante numerose lezioni dedicate alla risoluzione di esercizi alla lavagna o interrompendo più volte la trattazione dei vari temi nel tentativo di dare a tutti gli studenti una pari opportunità di apprendimento. Da metà Maggio essendo concluso il programma preventivato, sarà possibile rivisitare, su richiesta degli stessi studenti, i temio parte dei temi in cui permangono dubbi ed incertezze. Programma M,ATEMATICA Testo: Lineamenti. MATHrossovoBaroncini, Manfredi, Fabbri,Grassi (GhisettieCorvi) ANALISI IN DUE VARIABILI Funzioni in RxR Disequazioni lineari Disequazioni non lineari(con soluzione associabile ad una conica in forma canonica) I sistemi di disequazioni Insiemi aperti. Insiemi chiusi Definizione di funzione reale di due variabili reali Insieme di esistenza delle funzioni di due variabili Ricerca del campo di esistenza delle funzioni di due variabili Sistema di riferimento dello spazio Considerazioni sull equazione di un piano e(casi particolari al variare dei coefficienti dell equazione) Linee di livello e di sezione,loro rappresentazione sui vari piani coordinati Definizione di limite per una funzione di due variabili. Definizione di funzione continua.

20 Derivate Derivate parziali prime delle funzioni reali di due variabili Derivate parziali seconde Interpretazione geometrica delle derivate parziali Equazione del piano tangente ad una superficie Teorema di Schwarz (solo enunciato) Massimi e minimi liberi Definizione di massimo e di minimo libero per una funzione z=f(x,y) Definizione di massimo e di minimo relativo/assoluto per una funzione z=f(x,y) Enunciato Teorema di Weierstrass Ricerca di massimi e minimi con l uso delle linee di livello Ricerca di massimi e minimi mediante le derivate parziali(condizione necessaria e sufficiente)-punti critici e loro classificazione Massimi e minimi vincolati Definizione di massimo e di minimo vincolato per una funzione z=f(x,y) Ricerca di massimi e minimi vincolati con metodo della sostituzione Ricerca di massimi e minimi con il metodo dei moltiplicatori di Lagrange Ricerca di massimi e minimi nel caso in cui i vincoli siano espressi da un sistema di disequazioni Il caso particolare delle funzioni lineari con vincoli lineari APPLICAZIONI DELL ANALISI ALL ECONOMIA Impiego delle funzioni in due variabili in economia Massimo utile in condizioni di libera concorrenza e di monopolio Massimo utile nella vendita di un bene in due mercati con prezzi diversi o con impianti diversi Massimo della funzione utilità con vincolo di bilancio lineare RICERCA OPERATIVA Finalità e metodi della R.O. Fasi della R.O. Classificazione dei problemi di scelta Il problema di gestione delle scorte di magazzino Problemi con diagramma di redditività Problemi nel continuo con funzione obiettivo dipendente da una sola variabile reale Problemi nel discreto, ma riconducibili al continuo Problemi in due variabili riconducibili ad una sola variabile d azione La scelta tra più alternative(i punti di indifferenza) Criteri decisionali in condizioni di certezza con effetti differiti: -investimenti finanziari -investimenti industriali -definizione di risultato economico attualizzato e di tasso di rendimento interno -Scelta tra mutuo e leasing Criteri decisionali in condizioni di incertezza con effetti immediati: -richiami alle definizioni di variabile casuale, di valor medio, di varianza e di scarto quadratico medio -criterio del valor medio e misura del rischio -criterio del pessimista e dell ottimista -cenno ai problemi di incertezza con effetti differiti PROGRAMMAZIONE LINEARE Impostazione matematica di un problema di P.L.

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE

PIANO DI LAVORO ANNUALE Dirigente Scolastico dell I.T.S.T. F. Algarotti Venezia PIANO DI LAVORO ANNUALE PROF. CINZIA FAVRETTO Classe II R Materia Economia Aziendale Anno scolastico 2015/2016 Obiettivi generali da raggiungere

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Tecniche Professionali Classe:5 B A.S. 2015/16 Docente: Mazzotta Antonietta ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore. " U. Foscolo " Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale

Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore.  U. Foscolo  Teano - Sparanise. Disciplina : Economia Aziendale Istituto Statale d'istruzione Secondaria Superiore " U. Foscolo " Teano - Sparanise Disciplina : Economia Aziendale ANNO SCOLASTICO 2015/2016 Classe quinta/sez. A A.F.M. Il Docente Prof. Montanaro Raffaele

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 DIURNO 5^ MATERIA: INGLESE CLASSI:? PRIME? TERZE? SECONDE? QUARTE QUINTE INDIRIZZI : FINANZA E MARKETING- SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI Nodi concettuali essenziali della

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997)

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon n. 4-35031 ABANO T. (PD) Tel. 049 812424 - Fax 049 810554 Distretto 45 - PD Ovest PDIS017007- Cod. fiscale 80016340285 sito web: http://www.lbalberti.it/

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ANNO SCOLASTICO INDIRIZZO CLASSE PRIMA SEZIONE DISCIPLINA DOCENTE QUADRO ORARIO (N. ore settimanali nella classe) 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA L asse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Amministrazione finanza e Marketing, Sistemi informativi aziendali Nodi concettuali essenziali

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

POF 2013-2014 - COMPETENZE

POF 2013-2014 - COMPETENZE POF 2013-2014 - COMPETENZE Seguendo le indicazioni della normativa, La Scuola anche per il SECONDO BIENNIO riconosce l importanza dei quattro assi culturali sulla base dei quali gestire la formulazione

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza

VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. PRESENTI: ASSENTI: Presiede Verbalizza VERBALE del CONSIGLIO di CLASSE della classe.. sez. TRIENNIO Il giorno... alle ore... nei locali del Liceo Scientifico Statale R. Caccioppoli, si è riunito il Consiglio di Classe per procedere alla programmazione

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI COMPORTAMENTALI SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Matematica e Complementi di Matematica Classe: 4 AI A.S. 2015/16 Docente: Carollo Maristella ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE E GEOPOLITICA CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

COMPETENZE PROFESSIONALI

COMPETENZE PROFESSIONALI Pagina 1 di 13 ANNO SCOLASTICO 2015/16 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE MASOCH MONICA ECONOMIA AZIENDALE e GEOPOLITICA V C RIM OBBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE

PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A.S. 2012/2013 Classe: 5C Logistica Disciplina: Economia Aziendale e dei Trasporti Prof. Gianna Righi CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI (descrivere dettagliatamente specificando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: ELISABETTA PILLASTRINI CLASSE: III B MATERIA: ITALIANO PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PIANO DI LAVORO 2015-2016

PIANO DI LAVORO 2015-2016 Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (PI) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO 2015-2016

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 FORLIN MARIA NIVES PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2013 2014 DOCENTE DISCIPLINA CLASSE INDIRIZZO FORLIN MARIA NIVES DIRITTO 5 ^ ARI IGEA DATA DI PRESENTAZIONE 10 Novembre 2013 1 - LIVELLI DI PARTENZA TEST E/O GRIGLIE DI

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO DISCIPLINARE SECONDO BIENNIO SETTORI: ECONOMICO - TURISTICO - TECNOLOGICO INDIRIZZI: AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING - RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING - SISTEMI

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento

collaborare attivamente al processo di insegnamento apprendimento Disciplina: FRANCESE Classe: 3 A SIA A.S. 2015/2016 Docente: Prof.ssa Maria Claudia Signorato ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La componente classe che studia il francese è rappresentata da 6

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS V ERSA RI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo LICEO TECNICO MATERIA M ATEMATICA APPLICATA ANNO SCOLASTICO 2011-2012 PROF PIZZILEO

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo)

Traguardi di sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di primo grado.( come da Indicazioni Nazionali per il curricolo) ISTITUTO COMPRENSIVO SALVADOR ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari CLASSI TERZE - a.s.2014-2015 AREA DISCIPLINARE : Linguistico-artistica-espressiva MATERIA: ITALIANO FINALITA DELLA DISCIPLINA

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011

PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 PIANO DI LAVORO ANNUALE anno scolastico 2010-2011 Docente Materia Classe DE CERCE LINA MATEMATICA 5 C I.T.C. 1. Finalità... 2. Obiettivi didattici... 3. Contenuti... 4. Tempi... 5. Metodologia e strumenti...

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA

COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA COMPETENZE Istituto Tecnico Economico Indirizzo: Sistemi Informativi Aziendali CLASSE: QUINTA SOMMARIO Lingua e letteratura italiana... 2 Lingua inglese... 3 Storia... 4 Matematica... 5 Scienze Motorie

Dettagli

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : Sistemi Informativi aziendali e Scienze bancarie Finanziarie e Assicurative Nodi concettuali

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE Ministero della Pubblica Istruzione Istituto d Istruzione Superiore Statale E. De Nicola Via Saint Denis 200 20099 Sesto San Giovanni Tel.: 02.26224610/16/10 Fax 02.2480991 Sito: www.iisdenicola.it - e_mail

Dettagli

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing

L OFFERTA FORMATIVA. AMMINISTRAZIONE FINANZA MARKETING Articolazione Relazioni Internazionali per il Marketing L OFFERTA FORMATIVA La nostra offerta formativa, alla luce del Regolamento di Riordino dei Cicli approvato dal Consiglio dei Ministri il 4.2.2010, comprende: A. - Settore Economico: Amministrazione, Finanza

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO DEFINIZIONE DEGLI OBIETTIVI FORMATIVI Disciplina:ECONOMIA AZIENDALE Classe:4 A SIA A.S.2014/2015 Docente:CARBOGNIN AGOSTINO GIACOMO ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La situazione di partenza e' generalmente sufficiente, con la presenza

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO

PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO PIANO DI LAVORO ANNUALE DI ECONOMIA POLITICA PER IL QUINTO ANNO di Mauro CERNESI Presentiamo una proposta di piano di lavoro di Economia politica per le classi quinte del nuovo ordinamento degli Istituti

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM02002 - C.F. 91520902 - tel. 089/25420 Via A. Nanni - 002 OLBIA A.S. 2014/15 CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013

PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 PAG.1 DI 7 PROGRAMMAZIONE DEL GRUPPO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE a.s. 2012/2013 1. FINALITÀ Analizzare la realtà e i fatti concreti della vita quotidiana ed elaborare generalizzazioni che aiutino

Dettagli

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni

Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Presentazione sintetica degli indirizzi e delle articolazioni Gli indirizzi del settore economico fanno riferimento a comparti in costante crescita sul piano occupazionale e interessati a forti innovazioni

Dettagli

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola

Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola Programmazione Didattica del Dipartimento di Lingua e civiltà spagnola A.S. 2015/2016 CLASSE: PRIMA INDIRIZZO DI STUDI: LINGUISTICO COMPETENZE LINGUISTICHE Alla fine del primo anno di studio della lingua

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015

PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 PIANO DI LAVORO a.s. 2014-2015 MATERIA: MATEMATICA APPLICATA CORSO: INTERO CORSO 1. obiettivi didattici 2. contenuti 3. metodi e strumenti 4. criteri di valutazione CLASSE PRIMA 1.OBIETTIVI DIDATTICI Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO. Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing ISTRUZIONE TECNICA SETTORE ECONOMICO Indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing L indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, con le sue due articolazioni, si riferisce ad ambiti e processi essenziali

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DOCENTI DI INFORMATICA E LABORATORIO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE CLASSI 1 e E 2 e ITC IPC OBIETTIVI GENERALI DEL PROCESSO FORMATIVO: Potenziare la capacità d ascolto Sviluppare le capacità comunicative

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE

INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE E ASSICURATIVE Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: INGLESE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING-SISTEMI INFORMATIVI- RELAZIONI INTERNAZIONALI SCIENZE BANCARIE FINANZIARIE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09

ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE. Ambito disciplinare ITALIANO. Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 ISTITUTO COMPRENSIVO CASALSERUGO PROGRAMMAZIONE ANNUALE Ambito disciplinare ITALIANO Classe 3^ Sezione C - Casalserugo Anno scolastico 2008/09 TRAGUARDI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE al termine della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : MATEMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli