/2015 DI CLASSE LICEO CLASSICO. Sezione D. Classe V. /2015 Documenti di valutazione. scolastico in corso.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "/2015 DI CLASSE LICEO CLASSICO. Sezione D. Classe V. /2015 Documenti di valutazione. scolastico in corso."

Transcript

1 LICEO GINNASIO M. BURATTI INDIRIZZO CLASSICO e LINGUISTICO ANNO SCOLASTICO 014/01 /015 ESAME DI STATO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE LICEO CLASSICO Classe V Sezione D Il documento di classe è composto da: Dati generali sull Istituto Presentazione e storia della classe Attività didattica collegialmente programmata conforme con le linee essenziali del POF 014/01 /015 Documenti di valutazione Relazioni e programmi dei singoli docenti Simulazioni terza prova scritta effettuate nell anno scolastico in corso. 1

2 1. DATI GENERALI SULL'ISTITUTO anno scolastico CLASSI Indirizzo numero classi Classico 1 Linguistico 31 Totale 5 ALUNNI Indirizzo numero alunni Classico 505 Linguistico 771 Totale 176 Nel Liceo Buratti si rileva una elevata percentuale di allievi provenienti dalla provincia, costretti ad affrontare il grave disagio della pendolarità giornaliera. Il tasso di ripetenza, più elevato nel biennio, si riduce sensibilmente nelle ultime classi DOCENTI E PERSONALE ATA Docenti 9 lettori 08 personale ATA 6 Docenti utilizzati 1 STORIA DELL ISTITUTO Il Liceo Classico M.Buratti di Viterbo è tra le scuole secondarie di secondo grado che nella Città possono vantare le più lontane origini, essendo stata fondata il 5 novembre 187. Già Liceo Umberto I, è stato poi intitolato a Mariano Buratti, docente di Storia e Filosofia negli anni e martire della Resistenza (Forte Bravetta, 31 gennaio 1944). In seguito all applicazione del regolamento sul dimensionamento degli Istituti scolastici (L. 59/ 97 art. 1 DPR 33 del 18/ 06/ 98), a partire dall anno scolastico il Liceo Classico ha perso la sede staccata di Civita Castellana e acquisito il Liceo Linguistico Statale, attivo fino a quell anno presso l Istituto Magistrale S. Rosa da Viterbo.

3 OBIETTIVI EDUCATIVI COMPETENZA CONOSCITIVA: -saper costruire conoscenza attraverso l esperienza; -conoscere le caratteristiche, le relazioni e le trasformazioni dei nuclei fondanti delle tematiche portanti dei curricula. COMPETENZA LINGUISTICO-COMUNICATIVA: -saper utilizzare una pluralità di lingue e linguaggi e di altre forme di comunicazione, per comprendere, interpretare, narrare, descrivere e rappresentare fenomeni e processi, rielaborare dati, esporre ed argomentare idee. COMPETENZA METODOLOGICO-OPERATIVA: -saper analizzare dati, valutare situazioni e prodotti, formulare ipotesi e previsioni, sperimentare scelte, soluzioni e procedimenti, utilizzare strumenti, eseguire operazioni ed elaborare prodotti. COMPETENZA RELAZIONALE: -sapersi relazionare con se stessi e con gli altri, agire con autonomia e consapevolezza, riflettere e valutare il proprio operato, rispettare gli ambienti, le cose e le persone, confrontarsi, collaborare, cooperare all interno di un gruppo. 3

4 l indirizzo classico OBIETTIVI FORMATIVI E DI APPRENDIMENTO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, saranno il grado di: aver raggiunto una conoscenza approfondita delle linee di sviluppo della nostra civiltà nei suoi diversi aspetti (linguistico, artistico, istituzionale, filosofico e scientifico) ed essere in grado di riconoscere il valore della tradizione come possibilità di comprensione critica del presente aver acquisito la conoscenza delle lingue classiche necessaria per la comprensione dei testi greci e latini, attraverso lo studio organico delle loro strutture linguistiche (morfosintattiche, lessicali, semantiche ) e degli strumenti necessari alla loro analisi stilistica e retorica anche al fine di raggiungere una più piena padronanza della lingua italiana in relazione al suo sviluppo storico aver maturato, tanto nella pratica della traduzione quanto nello studi della filosofia e delle discipline scientifiche, una buona capacità di argomentare, di interpretare testi complessi e di risolvere diverse tipologie di problemi anche distanti dalle discipline specificamente studiate saper riflettere criticamente sulle forme del sapere e sulle reciproche relazioni saper collocare il pensiero scientifico anche all interno di una dimensione umanistica QUADRO ORARIO Discipline del piano di studi Ore settimanali tipo di Monte ore del per anno di corso prove quinquennio Scienze Motorie PO 330 Religione/attività alternative O 165 Lingua e lettere italiane SO 660 Lingua e lettere latine SO 76 Lingua e lettere greche SO 561 Lingua e letteratura straniera SO 495 Storia e Geografia O 198 Filosofia O 97 Storia O 97 Scienze naturali, chim, geogr. O 330 Matematica-Informatica 3 3 U 396 Fisica - - O 198 Storia dell Arte - - O 198 Totale ore settimanali *Il Liceo Classico prevede, al 5 anno, parte dello studio di una disciplina in lingua straniera (CLIL): Arte (VA, VB, VC) e Storia (VD). 4

5 Requisiti per l attribuzione del punto integrativo: a) frequenza alle lezioni 0,30 (limite delle assenze: 0 giorni; ogni tre entrate posticipate e/o uscite anticipate è calcolato 1 giorno di assenza ) b) partecipazione ed interesse 0,30 c) partecipazione alle attività complementari ed integrative organizzate dalla scuola 0,0 (monte ore minimo 70% per corso o 10 ore cumulabili) d) crediti formativi 0,0 Titoli di credito formativo extrascolastico valutabili: 1) Diplomi, titoli, premi in competizioni culturali: Certificazioni di lingua straniera ( quali PET,FCE,IELTS,DAF, DELF, DELE etc. ) a partire dal Livello B1 per la prima e seconda lingua e A per la terza lingua Diploma ECDL o EIPASS Diplomi di esami presso Conservatori Premi in concorsi letterari,artistici, matematici e scientifici, in certamina (con menzione di merito) ) Attività sportive: Partecipazione ad attività sportive agonistiche e non agonistiche organizzate da Enti riconosciuti dal CONI. 3) Attività ed esperienze formative: Attività documentate di volontariato e cooperazione presso Enti e associazioni ONLUS orientate a : - Attività culturali e artistiche - Solidarietà sociale - Tutela alla salute - Tutela all ambiente Stage formativi riconosciuti da Organismi internazionali Il superamento del debito formativo consente al Consiglio di Classe l integrazione del punteggio, solo se l alunno possiede i suddetti requisiti. Il Consiglio di Classe valuterà inoltre se attribuire il punto integrativo solo in considerazione del pieno raggiungimento degli obiettivi e delle competenze prefissate in tutte le materie. Per gli alunni che riportano nella condotta il voto 7 non si procede all assegnazione assegnazione del punto integrativo nel credito scolastico del triennio 5

6 . PRESENTAZIONE E STORIA DELLA CLASSE Composizione del Consiglio di Classe e sue variazioni nel Triennio: DISCIPLINE DEL CURRICOLO Docente in 3 liceo Docente in 4 liceo Docente in 5 liceo ITALIANO VERGARO LUCIANA VERGARO LUCIANA VERGARO LUCIANA LATINO VERGARO LUCIANA VERGARO LUCIANA VERGARO LUCIANA GRECO POSSATI ELISABETTA POSSATI ELISABETTA POSSATI ELISABETTA LINGUA STRANIERA FEBBRARO ORIETTA FEBBRARO ORIETTA FEBBRARO ORIETTA STORIA STOCCHI FRANCESCA ROMANA STOCCHI FRANCESCA ROMANA STOCCHI FRANCESCA ROMANA FILOSOFIA STOCCHI FRANCESCA ROMANA STOCCHI FRANCESCA ROMANA STOCCHI FRANCESCA ROMANA MATEMATICA E BASILI ELISABETTA CAPORALI OLGA CAPORALI OLGA INFORMATICA SCIENZE NATURALI PASSALACQUA TIZIANA PASSALACQUA TIZIANA PASSALACQUA TIZIANA FISICA CAPORALI OLGA CAPORALI OLGA CAPORALI OLGA STORIA DELL ARTE APPERTI VITTORIO ANSELMI SALVATORE ENRICO ANSELMI SALVATORE ENRICO SCIENZE MOTORIE CHIOSSI DOMENICO CHIOSSI DOMENICO CHIOSSI DOMENICO RELIGIONE PAOLETTI BARBARA PAOLETTI BARBARA PAOLETTI BARBARA Composizione del gruppo classe e sue variazioni nel Triennio: CLASSE 3 LICEO 4 LICEO 5 LICEO TOTALE PROVENIENTI DA PROVENIENTI NON RITIRATI O ALTRO CORSO DA ALTRO PROMOSSI PROMOSSI TRASFERITI DELL ISTITUTO ISTITUTO

7 COGNOME E NOME Elenco alunni 1 AMARIEI PEREZ CAROLINA (18/11/1995) BARGHINI EDOARDO (19/04/1997) 3 BELLAVIA LAURA (06/09/1996) 4 CAMILLI KATIA (08/05/1996) 5 CAPONERO MARTA (8/08/1996) 6 CEPPAROTTI GIACOMO (09/09/1996) 7 CRISTOFARI STEFANO (17/03/1995) 8 DE CAROLIS GIULIA (09/08/1996) 9 FAGGIANI ILARIA (15/1/1996) 10 FELIZIANI FRANCESCA (6/10/1996) 11 FILIPPI ISABELLA (3/06/1996) 1 MARCOSANO AURORA (05/11/1996) 13 MASDEA GIUSEPPE (16/1/1996) 14 MASUCCI EMMA (3/1/1996) 15 MORICONI CHIARA (3/08/1996) 16 PETTI EMILIANO (05/0/1996) 17 POFI GABRIELE (13/03/1996) 18 QUINTIERI SARA (06/09/1996) 19 RIZZO ANASTASIA (17/1/1996) 0 SCAFA LISA (9/03/1996) 1 SCOPELLITI MARINA (0/11/1996) SPADINI ANGELICA (05/06/1996) 3 STORARO FLAVIO (05/06/1996) 4 TRUA CARLOTTA (01/1/1996) 5 TURCO ELOISA (0/08/1996) 6 VANNINI LAURA (06/05/1995) NUMERO ALUNNI RESIDENTI NEL CAPOLUOGO: 18 NUMERO ALUNNI NON RESIDENTI NEL CAPOLUOGO: 8 7

8 a) Interessi ed attitudini - la classe è omogenea Osservazioni: Nel corso del triennio le disomogeneità si sono ridotte in modo significativo B) Impegno Complessivamente Discreto C) frequenza degli alunni Buona D) Ritmo di apprendimento Complessivamente Discreto E) Partecipazione al dialogo educativo Non soddisfacente Soddisfacente X Ottima F) Partecipazione alla vita della scuola Non soddisfacente Soddisfacente X Ottima G) Rapporti tra gli alunni Non soddisfacenti Soddisfacenti X Ottimi H) Rapporti scuola famiglia Non soddisfacenti Soddisfacenti X Ottimi I) Ostacoli all'apprendimento (specificare le materie) -discontinuità nell applicazione Matematica e fisica -limitato interesse -limitati interessi culturali -personale insicurezza Matematica e Fisica -assenze J) Fattori che hanno incentivato l'apprendimento (specificare le materie) -uso dei sussidi audiovisivi -uso dei laboratori 8

9 Risultati dello scrutinio finale della classe 3 LICEO Materia N.alunni N.alunni N.alunni N.alunni N.alunni con promossi con promossi con 6 promossi con 7 promossi con 8 debito format Italiano Latino Greco Lingua straniera Filosofia Storia Matematica Fisica Scienze naturali St. dell Arte Scienze motorie N alunni promossi con N alunni promossi con N alunni promossi con N alunni promossi con ottimo sufficiente buono distinto Religione N.alunni N.alunni Promossi dopo N.alunni non 4 promossi accertamento promossi 4 del debito Risultati dello scrutinio finale della classe 4 LICEO Materia N.alunni N.alunni N.alunni N.alunni N.alunni con promossi con promossi con 6 promossi con 7 promossi con 8 debito format Italiano Latino Greco Lingua straniera Filosofia Storia Matematica Fisica Scienze naturali St. dell Arte Scienze motorie N alunni N alunni N alunni N alunni promossi 0 promossi con sufficiente promossi con buono promossi con distinto con ottimo Religione N.alunni N.alunni Promossi dopo N.alunni non 1 3 promossi accertamento promossi del debito 9

10 MATEMATICO LINGUAGGI SCIENTIFICO TECNOLOGICO Situazione finale della classe Competenze Conoscitive Lingua e letteratura Linguistico-comunicative italiana Metodologico-operative Conoscitive Lingua e cultura Linguistico-comunicative greca e latina Metodologico-operative Conoscitive Lingua e cultura inglese Linguistico-comunicative Metodologico-operative Conoscitive Storia dell Arte Linguistico-comunicative Metodologico-operative Conoscitive Matematica Linguistico-comunicative Metodologico-operative Conoscitive Fisica Linguistico-comunicative Metodologico-operative Conoscitive Scienze motorie e Linguistico-comunicative sportive Metodologico-operative Conoscitive Linguistico-comunicative Scienze Naturali Metodologico-operative livello B B B B B B B A B A A B B B B B B B A A A B B B SCIENZE UMANE Storia Filosofia Religione Conoscitive Linguistico-comunicative Metodologico-operative Conoscitive Linguistico-comunicative Metodologico-operative Conoscitive Linguistico-comunicative Metodologico-operative A A B B B B A A A Attività di recupero Effettuazione di un periodo di pausa didattica dal 0/0/015 al 07/0/015. Per gli alunni con carenze sono stati attivati corsi di recupero nelle seguenti discipline: Greco 10

11 Attività integrative visite d istruzione progetti conferenze certificazioni altro VIAGGIO A LISBONA La bellezza e l'ossessione del modello per la notte Bianca dei Licei Classici AICC- Il ruolo della Chiesa nella prima guerra mondiale- Museo Civico Avis- Il ruolo delle donne nella prima guerra mondiale- Lezioni musicali ECDL IELTS Letture dantesche Osservazioni complementari sintetiche sulla classe La classe nel corso del triennio ha evidenziato un notevole miglioramento sia sul piano metodologico che su quello relazionale. Gli allievi hanno dimostrato interesse alla presentazione degli argomenti e motivazione personale allo studio. In particolare la classe si fa apprezzare per la disponibilità al dialogo didattico educativo e per il comportamento sempre corretto. 3. ATTIVITA' DIDATTICA COLLEGIALMENTE PROGRAMMATA DAL CONSIGLIO DI CLASSE Obiettivi trasversali Atteggiamento positivo nei confronti dell attività scolastica vissuta come processo Sviluppo della personalità come maturazione dell identità e della progettualità Partecipazione alla vita e all attività di Istituto Metodo di studio autonomo, sistematico, efficace per sapere identificare, riconoscere, richiamare ed esprimere giudizi Padroneggiare gli strumenti linguistico-espressivi al fine di gestire l interazione comunicativa verbale in vari contesti Consolidare le capacità logiche di analisi, di sintesi e di collegamento Consolidare le capacità logiche di elaborazione critica dei contenuti e di astrazione e concettualizzazione. 11

12 Metodologie 1)Discipline dell'asse linguistico-espressivo Si rinvia alla relazione dei singoli docenti ) Discipline dell'asse matematico- scientifico-tecnologico Si rinvia alla relazione dei singoli docenti 3)Discipline dell'asse delle scienze umane Si rinvia alla relazione dei singoli docenti Numero di verifiche sommative effettuate, nell intero anno scolastico, utilizzando le diverse tipologie di prove sotto elencate Interrogazioni Materia n medio per alunno Italiano Analisi testo Saggio breve Art. giornalist. Relazione Tema Italiano 4 6 Latino 4 6 Greco 4 6 Lingua 4 6 straniera Filosofia Filosofia 4 1 Storia 4 Matematica Matematica 4 Fisica Scienze naturali St. dell Arte Arte 4 1 Scienze motorie 4 Religione Religione Prova Prova semistruttur. strutturata Problemi Casi Progetti Esercizi 1

13 N Complessivo delle prove scritte effettuate secondo la tipologia della terza prova scritta MATERIA 1ª PROVA Storia Trattazione sintetica di argomenti Quesiti a risposta singola Quesiti a risposta multipla Storia 4 Greco 4 dell'arte 4 Fisica 4 Storia dell'arte Inglese ª PROVA Matematica 3 Filosofia 3 Greco 3 Inglese 3 Problemi a soluzione rapida Casi pratici e professionali Sviluppo di progetti Considerazioni sulla tipologia prevista della terza prova scritta Per quanto concerne la tipologia della terza prova, tra la prima simulazione con tipologia mista e la seconda con quattro materie, tre domande aperte, migliori risultati si sono avuti in questa ultima che i ragazzi hanno affrontato con maggiore padronanza sia delle discipline che del tempo. Per quanto concerne le materie in matematica la classe è più abituata alla produzione scritta, rispetto a fisica. Attività pluridisciplinari TEMATICA Progetto sulla bellezza Discipline cointeressate Latino Filosofia Storia dell'arte Italiano Greco Scienze Educazione fisica Inglese 13

14 Livelli di Apprendimento e Relativi Descrittori Livello 1 Gravemente insufficiente Voto /3 Livello Insufficiente Voto 4 Livello 3 Mediocre Voto 5 Livello 4 Sufficiente Voto 6 Livello 5 Discreto/Buono Voto 7/8 Livello 6 Ottimo Voto 9/10 Impegno e partecipazion e al dialogo educativo Acquisizione delle conoscenze Elaborazione delle conoscenze Autonomia nella rielaborazion e critica Abilità linguistiche ed espressive Coordina mento motorio e autonomia nell uso degli strumenti Non rispetto degli impegni e tendenza a distrarsi in classe Conoscenze frammentarie e superficiali ed errori anche nell esecuzione di compiti semplici Errori gravi e scarsa capacità di condurre analisi Mancanza di autonomia Frequenza di errori che oscurano il significato del discorso Difficoltà e mancanza di autonomia nell uso degli strumenti Discontinuità nel rispettare gli impegni Conoscenze errate e/o lacunose Errori nell analisi e nella sintesi Scarsa autonomia nella rielaborazione delle conoscenze, Uso improprio delle strutture Scarsa autonomia nell uso degli strumenti Impegno saltuario e partecipazion e passiva Conoscenze superficiali e generiche Mediocre capacità di analisi e sintesi Tendenza a cogliere parzialmente gli aspetti essenziali delle conoscenze In modo non pienamente autonomo Uso approssimati vo delle strutture Incertezza nell uso degli strumenti Assolvimen to degli impegni e partecipazione alle lezioni Generale correttezza nell esecuzione di compiti semplici, ma conoscenze non approfondite Applicazione delle conoscenze limitata ad esercizi non complessi Parziale autonomia, ma imprecisione nella rielaborazione Sostanziale correttezza nell esposizione e nell uso del lessico Uso corretto degli strumenti e sufficiente autonomia Impegno e partecipazione sistematica Conoscenze adeguate per l esecuzione di compiti complessi Capacità di effettuare analisi e sintesi, anche se con qualche incertezza Discreta autonomia nella rielaborazione dei contenuti Esposizione corretta, con terminologia abbastanza appropriata Uso appropriato degli strumenti Impegno costante e partecipazion e propositiva Conoscenze complete e approfondite Capacità di effettuare analisi approfondite e ottime capacità di sintesi Autonomia nella rielaborazion e dei contenuti e nel proporre interpretazion i personali Uso della lingua ricco e personale Uso autonomo degli strumenti 14

15 4. Criteri di valutazione degli apprendimenti 4. a. Relazioni e programmi dei singoli docenti (si veda allegato A) b. Griglie di valutazione delle prove d esame (si veda allegato B) c. Simulazioni terza prova scritta effettuate nell anno scolastico in corso (si veda allegato C). 15

16 IL CONSIGLIO DI CLASSE DISCIPLINE DEL CURRICOLO ITALIANO GRECO LINGUA STRANIERA LATINO STORIA FILOSOFIA MATEMATICA E INFORMATICA SCIENZE NATURALI STORIA DELL ARTE SCIENZE MOTORIE RELIGIONE DOCENTE FIRMA IL COORDINATORE Viterbo 15 maggio 015 IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Paola Moscucci) 16

17 Allegato A Relazioni e programmi dei singoli docenti 17

18 ALLEGATO A ESAMI DI STATO A.S. 014/015 MATERIA DI INSEGNAMENTO: ITALIANO Prof.ssa: Luciana Vergaro. Ore di lezioni settimanali n 4; tot. annuale ore n 13, effettive al 15 maggio ore n Obiettivi specifici raggiunti: Competenze conoscitive: La docente ha assunto l insegnamento della disciplina in I Liceo; alcuni alunni si sono subito adattati al cambiamento, mentre altri hanno dimostrato all inizio qualche difficoltà, poi gradualmente superata. Oggi, in generale, gli alunni sono in grado di: saper riconoscerei nuclei fondanti delle tematiche portanti del curricolo; saper riconoscere le caratteristiche distintive dei vari tipi di testo,in prosa e in poesia, e i vari generi letterari; saper riconoscere e usare correttamente i principali elementi morfo-sintattici e lessicali. Competenze comunicative Per quanto riguarda le competenze in ambito comunicativo, gli alunni, attraverso un lavoro in generale costante, sono in grado di: saper utilizzare la lingua italiana per comprendere, interpretare, narrare, descrivere e rappresentare fenomeni e processi; rielaborare dati; esporre e argomentare idee; saper produrre testi di vario tipo in relazione a vari scopi comunicativi: saggio breve, articolo di giornale, tema storico, analisi del testo. Competenze metodologiche-operative In tale ambito gli alunni hanno acquisito le seguenti competenze: saper analizzare dati, valutare situazioni e prodotti, formulare ipotesi e previsioni, sperimentare scelte, soluzioni e procedimenti, utilizzare strumenti eseguire operazioni e elaborare prodotti; saper utilizzare registri linguistici diversi; saper produrre mappe concettuali o schede di sintesi; saper interpretare testi di vario tipo ed estrapolarne le informazioni utili; saper utilizzare gli strumenti di ricerca. Competenze relazionali 18

19 Considerata la finalità educativa in senso lato dell istituzione scolastica, il lavoro dell insegnante è stato indirizzato anche verso il potenziamento delle competenze relazionali dell alunno e del gruppo classe. In generale, la classe ha un comportamento composto, silenzioso, un atteggiamento abbastanza vivace e partecipativo. Tutti gli studenti sono,comunque, in grado di: sapersi relazionare con se stessi e con gli altri; agire con autonomia e consapevolezza; valutare il proprio operato; rispettare gli ambienti,le cose, le persone; confrontarsi e collaborare con gli altri.. Metodi di insegnamento (strategie educative, esercitazioni, compresenze) Oltre alla ordinaria lezione frontale, composta di presentazione delle tematiche letterarie, lettura, analisi e commento di testi, il processo educativo ha previsto anche la partecipazione a conferenze, spettacoli teatrali, film, mostre volte ad approfondire determinati argomenti funzionali all arricchimento della programmazione didattica. 3. Spazi utilizzati (testi in adozione e consigliati, uso dei laboratori e dei sussidi didattici) Le lezioni hanno avuto luogo in classe e nell aula magna del Liceo. Testi in adozione: C. Bologna, P. Rocchi, Rosa Fresca Aulentissima voll , Loescher Editore e B. Panebianco, La Divina Commedia, Per seguir virtute e canoscenza, Edizioni Clio 4. Attività integrative curriculari ed extracurriculari La classe ha partecipato a manifestazioni culturali e conferenze come precedentemente indicato. 5. Interventi didattici educativi integrativi (corsi di recupero, interventi di sostegno, approfondimenti.) Interventi di sostegno sono stati svolti in itinere attraverso la ripresa di argomenti e tematiche, come costanti sono stati gli approfondimenti, per alcuni autori e argomenti anche sotto il profilo critico. 6. Criteri e strumenti di verifica adottati (tipologia e numero di prove, criteri di misurazione, scala dei voti) Nel corso dell anno scolastico sono state effettuate sei prove scritte secondo le tipologie A-B-C- D,introdotte gradualmente a partire dal I liceo; per le verifiche orali, si è proceduto con interrogazioni,test e prove semistrutturate, valutate sia in 10/10 che in 15/ Contenuti e tempi del percorso formativo (argomenti trattati) IL ROMANTICISMO Il gusto romantico - Nascita e diffusione del Romanticismo in Europa - L immaginario romantico - Tra poesia e filosofia - Generi e canali di circolazione della cultura Il Romanticismo delle nazioni - Il Romanticismo tedesco - Il Romanticismo inglese - Il Romanticismo francese 19

20 Il Romanticismo in Italia - La ricezione del dibattito romantico in Italia (La polemica fra classicisti e romantici) - Il ruolo delle riviste GIACOMO LEOPARDI L autore e la sua opera - La vita e l opera - Il pensiero e la poetica. Un moderno fuori moda ; Il pensiero leopardiano; Leopardi e il dibattito culturale del tempo; Le ragioni della poesia; Leopardi e la tradizione I Canti - Genesi, titolo e struttura - Le partizioni interne - La lingua dei Canti La produzione in prosa - Le Operette morali, La genesi e la struttura; Poesia e filosofia; Spogliarsi degli errori ; Un opera aperta e attuale - Lo Zibaldone ALESSANDRO MANZONI L autore - La vita e l opera - Il pensiero e la poetica:manzoni e il suo tempo; La formazione e le scelte etico-ideologiche; Le scelte letterarie: un intellettuale impegnato; La poetica: la ricerca del vero; La ricerca sui generi: la narrazione, la storia, il teatro; Per una lingua viva La produzione poetica - Inni sacri e Odi civili - Le tragedie: Il Conte di Carmagnola; Adelchi I Promessi Sposi - Genesi e stesura del romanzo ;Manzoni e la forma-romanzo - Le tre forme del romanzo:il Fermo e Lucia; I Promessi Sposi del 7; I Promessi Sposi del Le caratteristiche del romanzo:tra fonti storiche e invenzione narrativa: l Anonimo; L asse ideologico del romanzo; Il modello economico-sociale; La lingua LA LETTERATURA DELL ITALIA UNITA Giosue Carducci - La vita - Il pensiero e la poetica - Carducci poeta: testi e temi POSITIVISMO, REALISMO E NATURALISMO La cultura del Positivismo - Il pensiero positivo : contesto e protagonisti: L evoluzionismo di Charles Darwin; Le scienze sociali - Positivismo, linguistica e letteratura: Paleontologia linguistica e scuola storica; Il Positivismo in letteratura: il Naturalismo; Il romanzo naturalista Il romanzo europeo 0

21 - Il romanzo, genere guida dell Ottocento - Il romanzo in Francia: Flaubert e il principio dell impassibilità narrativa; Zola: il pittore della corruzione - Il romanzo nell Inghilterra dell età vittoriana - Il romanzo in Russia LETTERATURA ITALIANA DI FINE OTTOCENTO La Scapigliatura - Che cos è la Scapigliatura: Caratteri generali del movimento; La crisi dell artista - La produzione letteraria, Il rifiuto della tradizione - I protagonisti Il piccolo, il sentimentale, l esotico - La letteratura post-unitaria: una geografia culturale e sociale - Carlo Collodi: Le avventure di Pinocchio: una storia infinita ; Un messaggio ambivalente per un genere misto; Pinocchio: simboli, tradizione, stile - Edmondo De Amicis: De Amicis fra giornalismo e letteratura; Un libro che nasce dal cuore; I personaggi, veicolo dell ideologia; Tra retorica dei buoni sentimenti e attenzione sociale - Emilio Salgari:Un Verne all italiana ; La macchina narrativa e i suoi segreti - Antonio Fogazzaro: Il mondo narrativo di Fogazzaro GIOVANNI VERGA E IL VERISMO Giovanni Verga - La vita - Il pensiero e la poetica :Il caso Verga; Verga e il Naturalismo; Gli esiti della narrativa verghiana; Pessimismo e anti-progressismo: il tema dei vinti ; Verga e la fotografia - L esordio dello scrittore: La trilogia patriottica; Il ciclo mondano - Verso il Verismo: le novelle: Le novelle maggiori; Le altre raccolte - La produzione per il teatro I Malavoglia - Una lunga gestazione: Una ricostruzione intellettuale - Il romanzo: La vicenda e i personaggi; Arcaicità e mutamento; La prospettiva anti-idillica; Le tecniche narrative e stilistiche Mastro-don Gesualdo - Nascita di un nuovo romanzo - Temi, personaggi e stile: Ascesa e declino di un personaggio; Un romanzo di silenzi; Lingua e stile La linea verista in Italia - Naturalismo e Verismo in Italia - Luigi Capuana e la poetica del Verismo: La posizione teorica; La produzione letteraria - Federico De Roberto: La produzione letteraria LA RIVOLUZIONE POETICA EUROPEA Il Decadentismo - Il quadro storico-culturale: Economia e imperialismo - I caratteri della modernità: Il nuovo spazio urbano - Decadentismo e modernità: L artista decadente e le sue maschere - L Estetismo: Joris-Karl Huysmans, padre dell Estetismo - La poesia nel Decadentismo : Il ruolo del poeta e il linguaggio poetico; Charles Baudelaire; Paul Verlaine; Arthur Rimbaud) 1

22 Gabriele d Annunzio - La vita - Il pensiero e la poetica, La scoperta di Nietzsche e l approdo superomistico; Il culto della parola divina - D Annunzio prosatore: Il romanzo dannunziano - Il piacere: Trama e struttura; Temi e motivi; I Romanzi della Rosa - Gli altri romanzi : L innocente; Trionfo della morte; La vergine delle rocce; Il fuoco; Forse che sì forse che no - La produzione minore :La novellistica; La prosa notturna - D Annunzio poeta :Primo vere; Canto novo; Il verso è tutto: L Isotteo e La Chimera; Poema paradisiaco - Le Laudi: Maia; Alcyone Giovanni Pascoli - La vita - Il pensiero e la poetica :Le coordinate culturali; La visione del mondo; La rivoluzione stilistica e linguistica di Pascoli - Il fanciullino - Myricae - Canti di Castelvecchio - Poemetti - Poemi conviviali - Pascoli latino IL NOVECENTO L età dell incertezza - Tempo e durata : le teorie di Bergson nella letteratura - Franz Kafka Le avanguardie storiche - Cubismo e Futurismo: La grande avanguardia italiana: il Futurismo; Filippo Tommaso Marinetti; L avanguardia russa - Esperienze italiane vicine al Futurismo - L arte prima e dopo la guerra: Un primo balbettio: il Dadaismo; il Surrealismo e l Espressionismo La cultura italiana del primo Novecento - L intellettuale italiano fra le due guerre: Gli intellettuali e il fascismo; Benedetto Croce, Giovanni Gentile e il fascismo; Il ruolo culturale di Antonio Gramsci - La cultura italiana delle riviste,da Lacerba a La Voce ; Il ritorno all ordine: La Ronda ; Le riviste di Piero Gobetti, L Ordine Nuovo e Solaria POESIA ITALIANA DEL NOVECENTO La via italiana alla poesia e la linea del crepuscolo - La poesia italiana fra innovazione e tradizione(esperienze poetiche ibride ; Il crepuscolarismo e la linea del crepuscolo ) - Aldo Palazzeschi: Il Codice di Perelà - Guido Gozzano: Estetismo e poetica in Gozzano; Gli oggetti desueti; Il rapporto con la tradizione e il linguaggio poetico - Sergio Corazzini Giuseppe Ungaretti - La vita - Il pensiero e la poetica; La prima stagione; La seconda stagione; La terza stagione

23 - L Allegri:I temi; Lo stile - Sentimento del Tempo - Il Dolore Eugenio Montale - La vita - Il pensiero e la poetica :Una formazione originale; La poetica montaliana - Ossi di seppia: La genesi e la struttura; I temi - Le Occasioni: Temi, significati, stili della raccolta Umberto Saba - La vita - Il pensiero e la poetica,saba, la cultura del suo tempo e la tradizione; L opera poetica - Il Canzoniere: I Temi L Ermetismo - La poesia ermetica,poetica e linguaggio Salvatore Quasimodo La polemica Vittorini-Togliatti sul ruolo dell intellettuale Il NEOREALISMO Tutti gli studenti hanno letto durante l estate 014 un opera di Italo Calvino a scelta tra Il Barone rampante e Lezioni americane e La luna e i falò di Cesare Pavese. Umberto Eco e il Gruppo 63 Lettura analisi e commento dei seguenti testi IL ROMANTICISMO - G. Berchet, Un nuovo soggetto: il popolo (Lettera semiseria di Grisostomo al suo figliuolo) GIACOMO LEOPARDI Canti: - Ultimo canto di Saffo IX - Il passero solitario XI - L infinito XII - La sera del dì di festa XIII - Alla luna XIV - A Silvia XXI - Le ricordanze XXII - Canto notturno di un pastore errante dell Asia XXIII - La quiete dopo la tempesta XXIV - Il sabato del villaggio XXV - A se stesso XXVIII - La ginestra o il fiore del deserto XXXIV - Odi, Melisso XXXVII Operette morali: - Dialogo di Torquato Tasso e del suo genio familiare XI - Dialogo della Natura e di un Islandese XII - Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie XIV - Dialogo di Tristano e di un amico XXIV Zibaldone 3

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Curriculum vitae et studiorum

Curriculum vitae et studiorum Curriculum vitae et studiorum INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità Data e luogo di nascita TRONCARELLI MARCELLINA VIA SALARIA, 1396-00138 ROMA 338 3693605 m.troncarelli@virgilio.it

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA

ILTESTO NARRATIVO LIVELLO DELLA STORIA ILTESTO NARRATIVO Testi narrativi sono definiti tutti quelli che hanno per oggetto la narrazione di una storia: racconti, romanzi, fiabe ecc. Gli elementi fondamentali del testo narrativo sono: storia,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 A Corso: ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA - BIENNIO COMUNE Classe: 1 A LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788839511980 MANZONI A. / PERISSINOTTO PROMESSI SPOSI U PARAVIA 22,65 No Si No LINGUA E LETTERATURA ITALIANA 9788842443155 FERRALASCO ANNA / MOISO ANNA MARIA

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli