Istituto di Istruzione Superiore Statale A. Poliziano Montepulciano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto di Istruzione Superiore Statale A. Poliziano Montepulciano"

Transcript

1 Istituto di Istruzione Superiore Statale A. Poliziano Montepulciano Documento di Presentazione della classe (D.P.R. 23 luglio 1998 n.323, art.5 comma 2) Classe III sezione B Indirizzo Classico Anno Scolastico 2011/2012 Istituto di Istruzione Superiore Statale A.Poliziano 1

2 Montepulciano Classe III B Sezione Classica Elenco candidati 1. Barcucci Ludovica 2. Boncompagni Simone 3. Braconi Camilla 4. Brancati Giulio Emilio 5. Bui Eleonora 6. Canapini Diego 7. Capoccia Lucia 8. Ciampolini Francesco 9. Fanti Margherita 10. Fiorini Mattia 11. Maggi Sara 12. Meattini Chiara 13. Niccolucci Agnese 14. Oci Giacomo 15. Solini Niccolò 16. Vannuzzi Sharon 2

3 Elenco Docenti 1. Prof. MICHELETTI David-Religione 2. Prof. TERZUOLI Daniela- Italiano e latino 3. Prof. BACCONI Daniela-Greco 4. Prof. GIAMBETTI Andrea-Storia e Filosofia 5. Prof CACIOTTI Simona- Matematica 6. Prof. LAZZERI Demetrio- Fisica 7. Prof. AGOSTINI Carla- Inglese 8. Prof. DURANDO Furio- Storia dell arte 9. Prof. BATANI Silvia - Scienze 10. Prof. LANDI Rossella- Educazione fisica Coordinatrice del Consiglio di classe: Prof. TERZUOLI Daniela 3

4 LICEO GINNASIO A. POLIZIANO -MONTEPULCIANO DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE ANALISI DELLA SITUAZIONE DELLA CLASSE Classe III Liceale Liceo Classico Sezione: B (corso sperimentale di lingua straniera) Anno scolastico 2011/2012 Numero alunni: 16 Risultato dello scrutinio finale dell anno scolastico precedente n studenti promossi: 15 n studenti non promossi:1 Analisi del territorio e dell utenza Il bacino di utenza del nostro Istituto comprende vari Comuni dell area sud del territorio senese. Ciò comporta il fatto che un alta percentuale dei nostri studenti è pendolare ed affronta quotidianamente un viaggio che, in qualche caso, richiede anche più di un ora per raggiungere la sede scolastica. In questa classe alcuni alunni sono pendolari e l intervallo di tempo impiegato per l andata ed il ritorno varia tra i quaranta minuti e più di un ora. Presentazione sintetica della classe La classe, nella sua forma attuale, si è costituita soltanto al terzo anno del liceo. Al primo anno essa era composta da 21 alunni, dei quali 4 non sono stati ammessi alla classe successiva e 2 si sono trasferiti ad altro istituto. Al secondo anno, pertanto, la classe risultava composta da 16 alunni in quanto se ne era aggiunto uno proveniente da Sassari che non è stato poi ammesso alla classe successiva. Attualmente, la classe è nuovamente formata da 16 alunni in seguito al ritorno di una alunna che, al termine del primo anno, si era iscritta, come già detto, ad altra scuola. Nel corso del triennio liceale la classe ha potuto beneficiare della continuità didattica per quanto riguarda la lingua inglese, la storia dell arte, l educazione fisica, l italiano, la matematica, la fisica e la religione. Si sono avvicendati, invece, due insegnanti in scienze, greco, latino, storia e filosofia. Gli alunni, dopo il primo anno in cui hanno mostrato alcune difficoltà ad adeguarsi all impegno del nuovo ciclo triennale, hanno gradualmente migliorato i metodi e l approccio allo studio. Non tutti i programmi, tuttavia, sono stati completati, sia per un ritardo nello svolgimento degli stessi negli anni precedenti, sia per la necessità di effettuare approfondimenti in argomenti che hanno presentato maggiori difficoltà, sia per la sospensione didattica per ragioni climatiche (la scuola è stata chiusa per neve per 8 giorni durante questo anno scolastico) nonché per proposte di attività integrative che talvolta hanno ritardato quanto previsto dalla programmazione curricolare. Seppur differenziata per capacità, abitudini scolastiche, attitudini, impegno, interesse, regolarità nello studio e nella frequenza, la classe presenta una composizione interna abbastanza omogenea che le ha permesso di lavorare in maniera piuttosto regolare e di raggiungere complessivamente risultati più che sufficienti. Alcuni studenti che hanno 4

5 avuto un impegno poco approfondito e non sempre costante, magari finalizzato alla verifica, sono tuttavia riusciti, nell arco del triennio, a realizzare un lavoro più consapevole e ad ottenere conoscenze apprezzabili; altri studenti che hanno avuto maggiori difficoltà per lacune pregresse, incertezze nella preparazione, anche a causa di uno studio alterno e non ben organizzato, hanno conseguito una preparazione complessivamente sufficiente. Un ristretto gruppo, già possedendo una buona preparazione e un metodo di lavoro adeguato, è riuscito a ottenere una sicura comprensione e rielaborazione, conseguendo risultati in qualche caso eccellenti. La classe, dunque, nella sua globalità, ha svolto un percorso di crescita nel complesso positivo che ha permesso un progressivo incremento nelle conoscenze, nelle competenze e nel sapere critico. OBIETTIVI GENERALI E COGNITIVI. In sede di programmazione didattico-educativa, gli obiettivi proposti erano i seguenti: - acquisizione di un metodo di studio personale di apprendimento, adeguato alle varie discipline; - acquisizione di una competenza espositiva e lessicale precisa e corretta, soprattutto per quanto riguarda le discipline scientifiche; - perfezionamento delle capacità di analisi e sintesi dei contenuti; - acquisizione delle capacità di operare collegamenti interdisciplinari. Gli obiettivi generali e specifici delle singole discipline, contenuti nelle relazioni delle suddette, alle quali si rimanda per maggiori informazioni, sono stati conseguiti in maniera differenziata, tenendo conto delle difformità qualitative emerse all interno della classe. METODI E STRUMENTI 1. Metodi e strumenti utilizzati nella didattica delle singole discipline: - lezione frontale in aula; - lezioni fuori sede durante i viaggi d istruzione; - impiego dei laboratori dell Istituto: linguistico, di scienze, di fisica e di informatica. 2. Prove interdisciplinari Nel corso di questo anno scolastico sono state sostenute dalla classe due simulazioni della terza prova scritta d esame, delle quali viene allegato al presente documento lo schema e la tabella di riferimento per la valutazione utilizzata dai docenti. La tipologia prescelta, sulla quale tutti i docenti della classe si sono trovati concordi all unanimità, è stata quella di tipo B. La prima simulazione è consistita in un questionario con due domande afferenti a cinque discipline, per un totale di dieci quesiti, a risposta aperta delimitata a un numero di righe prestabilito, l altra, in un questionario con le medesime caratteristiche ma con quattro discipline coinvolte per ognuna delle quali sono state previste tre domande, per un totale di dodici quesiti. 5

6 1. Strumenti utilizzati nelle varie discipline: VERIFICA E VALUTAZIONE - colloqui orali di verifica dell apprendimento dei vari contenuti - elaborati scritti - test e questionari scritti (anche nelle discipline orali) - prove di analisi e di comprensione dei testi, secondo le nuove tipologie attualmente adottate all Esame di Stato. 2. Criteri per la valutazione: la griglia di valutazione dei singoli docenti è contenuta nelle singole relazioni. Al presente documento, inoltre, sono allegate la griglia di valutazione per la terza prova e una per il colloquio, proposte dal Consiglio di Classe. Il Consiglio di Classe, sia per propria convinzione, sia in ottemperanza al D.P.R. 23/07/1998 n. 323 che regola lo svolgimento degli Esami di Stato, ritiene che la valutazione degli alunni non debba essere effettuata tenendo conto soltanto delle risultanze delle verifiche scritte ed orali; per una valutazione completa ed obiettiva, infatti, si ritiene che occorra considerare i progressi che eventualmente si sono evidenziati nel corso del quinquennio di studi, l impegno mostrato da ciascun alunno nello studio personale, il suo modo di porsi nei confronti delle altre componenti scolastiche ed il grado di disponibilità e di partecipazione al dialogo educativo. ATTIVITA EXTRACURRICOLARI 1. Viaggi di istruzione ed attività culturali: Nel corso del quinquennio la classe ha aderito alle varie attività extracurricolari previste dal Piano dell Offerta Formativa (P.O.F) della scuola. Si ritiene opportuno ricordare le più rilevanti, che sono le seguenti: - la partecipazione alla settimana di studio in Irlanda (II Liceo Classico); - la partecipazione di un allievo al Certamen Archeologico Prenestino 2012, competizione nazionale nella quale ha riportato il secondo premio assoluto; - il viaggio d istruzione in Basilese, Alsazia e Baden-Wuerttemberg, effettuato nello scorso mese di marzo; - la partecipazione ed il conseguimento da parte di quasi tutti gli studenti, della certificazione europea P.E.T. (livello B1) di lingua Inglese; - il conseguimento della Patente Europea del Computer (ECDL); - il conseguimento della certificazione FIRST Certificate of English (livello B2): - la partecipazione ai corsi di Ebraico; - la partecipazione da parte di alcuni studenti ai giochi matematici della Bocconi; - la partecipazione di quasi tutti gli alunni al corso Giochiamo con le funzioni - la partecipazione ai Campionati studenteschi di Atletica Leggera, pallavolo e calcio; - la partecipazione al Progetto di Avviamento allo sci ; - la partecipazione da parte di un alunna allo stage di Fisica presso Il Pigelleto nell a.s.2010/11; - la partecipazione al concorso nazionale Ricercatore per una settimana indetto dall Università statale di Milano nell a.s.2010/11; - la partecipazione ai Colloqui Fiorentini ; - la partecipazione alle Olimpiadi di Fisica e di Matematica. 6

7 2. Attività di orientamento: Nel quadro delle attività previste dal P.O.F. del nostro Istituto, gli alunni della classe hanno partecipato, nel corso del presente anno scolastico, ad una serie di iniziative riguardanti l orientamento universitario; alcune di esse hanno previsto la visita alle strutture di varie Facoltà, mentre in alcuni casi gli studenti hanno potuto assistere, nella sede del nostro Istituto, ad incontri con docenti ed altri operatori dell ambito accademico. Montepulciano, 10 maggio 2012 Il Dirigente Scolastico (Prof.Marco Mosconi) Per il Consiglio di classe, il Coordinatore (Prof. Daniela Terzuoli) 7

8 SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA 8

9 PRIMA SIMULAZIONE Data di svolgimento: 19/12//2011 Tipologia B Discipline coinvolte: Latino, Storia, Matematica, Scienze, Inglese. Tempo di svolgimento: 2h. QUESITO n 1-LATINO: La storiografia nella prima età imperiale(max 10 righe) QUESITO n 2-LATINO: Esponi gli aspetti (ideologici, formali, contenutistici) che caratterizzano l opera epica di Lucano (max 10 righe). QUESITO n 3-STORIA: Tratteggia in estrema sintesi le caratteristiche salienti dell esperienza rivoluzionaria della Russia dell anno 1905 (max 12 righe) QUESITO n 4-STORIA: Riassumi, facendo riferimento ad eventi specifici, le caratteristiche del cosidetto imperialismo informale praticato dagli Stati Uniti agli inizi del 900 (max 10 righe). QUESITO n 5-MATEMATICA: Dimostra la formula di sottrazione del coseno. Applica poi le formule di addizione e/o sottrazione per calcolare tg(15 ). QUESITO n 6-MATEMATICA: Dimostra le formule di duplicazione del seno e del coseno e, applicando quelle del coseno, verifica che cos(4a)=8(cosa)^4-8(cosa)^2+1. QUESITO n 7-SCIENZE: Spiega come si utilizzano le dromocrone per localizzare l epicentro di un sisma(max 10 righe). QUESITO n 8-SCIENZE: Non tutta l attività vulcanica è legata ai margini di placca: illustra il fenomeno dei punti caldi(max10 righe). QUESITO n 9-INGLESE: You mustn t look in my novel for the old stable ego of the character. There is another ego, according to whose action the individual is unrecognisable, and passes through, as it were, allotropic states which it needs a deeper sense than any we ve been used to exercise D.H. Lawrence, Letter to E.Garnett (1914) For a time I would feel as if I belonged still to a world of straightforward facts; but the feeling would not last long. Josef Conrad, Heart of Darkness (1902) The parts live their separate lives; they touch, their paths cross, they combine for a moment to create a seemingly final and perfected harmony, only to break apart again. Each is always alone and separate and individual. Aldous Huxley, Point Counter Point (1928). Read the quotations several times. What aspects of Modernism do they embody or highlight? Which do you find particularly striking?(max 10 righe). QUESITO n 10-INGLESE: But can a single day in the life of an ordinary woman be made into enough for a novel? Virginia taps at her lips with her thumb. Clarissa Dalloway will die, of that she feels certain, though this early it s impossible to say how or even precisely why. She will, Virginia believes, take her own life. Yes, she will do that. M.Cunningham, The Hours. How do Woolf s plans differ from the finished novel?(max 10 righe). 9

10 SECONDA SIMULAZIONE Data di svolgimento: 12/04/2012 Tipologia B Discipline coinvolte: Storia, Fisica, Scienze, Ed.Fisica. Tempo di svolgimento: 2h QUESITO n 1-STORIA: Dal comunismo di guerra alla NEP nell esperienza rivoluzionaria della Russia del QUESITO n 2- STORIA: I motivi della crisi della Rhur e le modalità della sua risoluzione. QUESITO n 3- STORIA: Illustra sinteticamente la celebre marcia su Roma nel contesto dell avvento al fascismo. QUESITO n 4-FISICA: Elenca i principali tipi di onde che compongono lo spettro elettromagnetico e illustra il loro campo d impiego. QUESITO n 5-FISICA: Illustra il fenomeno della rifrazione della luce e della riflessione totale. QUESITO n 6-FISICA: Spiega la differenza tra collegamenti in serie ed in parallelo in un circuito elettrico. QUESITO n 7-SCIENZE: Lo studio delle stelle avviene soprattutto con l analisi spettroscopica. Indica: a) che cos è uno spettro; b) quali tipi di spettri vengono prodotti dalle stelle; c) quali informazioni si possono ottenere da essi. QUESITO n 8-SCIENZE: La fotosfera solare è caratterizzata da un intensa attività che si manifesta in varie forme. Descrivi le manifestazioni più evidenti e spiega come tali manifestazioni sono collegate con i molti fenomeni terrestri. QUESITO n 9 SCIENZE: Dopo aver definito il termine facies, spiega perché è utile nella ricostruzione di un ambiente di sedimentazione. QUESITO n 10-ED.FISICA:Qual è lo spirito che differenzia la cultura ginnica tra i Greci e i Romani. QUESITO n 11- ED.FISICA:Elenca i principi nutritivi e descrittivi e funzioni che svolgono. QUESITO n 12- ED.FISICA: Descrivi in modo dettagliato le fasi della partenza dai blocchi. 10

11 Tabella di riferimento per la valutazione Punteggio in /10 Punteggio in / ½-9½ ½-8½ ½-7½ ½ ½-4½ 6-7 2½-3½ 4-5 1½-2½ Dalle due simulazioni effettuate emerge che gli alunni hanno conseguito risultati migliori in Matematica piuttosto che in Fisica; nelle discipline umanistiche entrambe le simulazioni hanno previsto quesiti di Storia. Per le griglie di valutazione si rimanda agli allegati 11

12 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE E PROGRAMMI SVOLTI 12

13 I.I.S.S. A. Poliziano - Montepulciano (SI) Liceo Ginnasio Classe III B a.s. 2011/2012 RELAZIONE FINALE DI ITALIANO E LATINO Prof.ssa Daniela TERZUOLI Ore di Lezione effettuate Italiano: I quadr. 52; II quadr.37 Ore di lezione effettuate Latino: I.quadr. 47; II quadr.34 Profilo della classe e descrizione dell attività svolta Ho svolto in questa classe, formata da 16 alunni (7 maschi e 9 femmine), l insegnamento della materia di Italiano per tutto il corso triennale mentre l insegnamento di Latino è stato tenuto solo negli ultimi due anni; ciò mi ha permesso di ricavare una conoscenza piuttosto approfondita sia dell insieme che delle singole individualità. In particolare per l Italiano è stato possibile affrontate un lavoro continuativo che ha consentito di seguire gli alunni nel loro percorso di crescita e di maturazione. Tale percorso non è risultato agevole sin dall inizio del triennio allorché si sono evidenziate lacune e/o incertezze nella preparazione e soprattutto carenze in generale (ad eccezione di qualche caso) nel metodo di lavoro tanto che è emersa una marcata difficoltà da parte degli alunni ad adattarsi ai ritmi e all impegno del nuovo ciclo triennale. Per ovviarvi ho cercato di graduare il più possibile le richieste (intervenendo spesso con semplificazioni e con un costante intervento sui metodi di apprendimento) e di modulare il lavoro in maniera da facilitare la risposta degli alunni che è stata costante e responsabile per buona parte di essi, più discontinua e superficiale negli altri. Il metodo di lavoro e le modalità delle verifiche, progressivamente adattate alle esigenze del gruppo-alunni, sono stati mantenuti per tutto l arco triennale al fine di non provocare incertezze o disorientamento tra la fase di insegnamento-apprendimento in classe e quella autonoma di studio e di rielaborazione personale. In particolare, ho evidenziato, fin dall inizio, come l attività di verifica orale dovesse prescindere da un sistema per blocchi di volontari e, in quanto parte integrante dell attività didattica, permettesse di verificare il livello di acquisizione dei contenuti, delle strumentalità nonché delle competenze volta per volta raggiunti. Pertanto, si è optato per un sistema programmato (date e materie) per permettere una più proficua organizzazione da parte degli alunni. Ciò non ha evitato il problema che alcuni di essi si sottraessero alle verifiche con assenze strategiche (soprattutto nei periodi a fine quadrimestre), ma nel complesso la classe ha risposto in maniera responsabile. Questa scelta, insieme a quella di fornire sempre ampia ed esplicita spiegazione sull opportunità delle attività proposte, dei contenuti scelti e dei metodi applicati, ha costituito un chiaro indirizzo all attività svolta e nella maggioranza degli alunni ha senz altro contribuito a maturare una proficua consapevolezza dell impegno da affrontare. Quest ultimo anno scolastico è stato caratterizzato da un andamento piuttosto regolare anche se la programmazione in entrambe le discipline ha risentito negativamente delle frequenti interruzioni (comportando ritardi e conseguenti tagli e riduzioni degli approfondimenti) dovute sia alla ripetuta sospensione dell attività didattica a causa della 13

14 neve, sia alla proposta di attività integrative come l orientamento universitario. A ciò va aggiunta la perdita di circa un ora nell ambito del monte ore settimanale complessivo delle due discipline (a causa dell orario di 50 in due giorni alla settimana e alla riduzione dello spazio orario della lezione in due giorni ad orario di 60 in quanto a cavallo della ricreazione. Si è cercato di ovviare a tale problema ottimizzando i tempi di lavoro e cercando una collaborazione con gli studenti proponendo la possibilità di effettuare alcune lezioni nello sportello didattico del pomeriggio per un consolidamento/approfondimento della preparazione anche in vista dell esame. Al termine del percorso triennale, si registra il miglioramento di ogni profilo individuale sia dal punto di vista cognitivo che metodologico, anche se va precisatoche non tutti si sono impegnati in maniera adeguata alle proprie capacità. Se, infatti, alcuni hanno superato le difficoltà di partenza grazie ad una applicazione costante mettendo a frutto fino in fondo le proprie risorse e le proprie capacità, altri, pur conseguendo un profitto senza dubbio positivo, hanno lavorato in modo un po discontinuo e talvolta disomogeneo. Nel complesso il clima di lavoro è risultato piuttosto sereno e, da parte di tutta la classe, c è stato un interessepressoché adeguato per entrambe le discipline; in più di un occasione, si è anche manifestata (da parte di alcuni) una buona attitudine ad assumere in prospettiva dialogica e criticagli elementi appresi in relazione ai quali però ha spesso finito per prevalere un interesse circoscritto alla verifica.il giudizio sulla classe risulta positivo se si tiene conto dei progressi comunque raggiunti rispetto ai livelli di partenza e alla crescita che è stata maturata al termine del percorso insieme effettuato. ITALIANO Obiettivi didattici conseguiti: CONOSCENZE : della letteratura oggetto di studio nel suo sviluppo storico e culturale in relazione agli eventi economici, sociali e politici; degli autori, delle correnti e dei testi studiati (nei loro aspetti letterari, cioè retorico-stilistici ed espressivi, e nelle componenti ideologiche e storico-sociali) COMPETENZE: comprensione del testo letterario come sistema di elementi interagenti; produzione linguistica pertinente, coerente e corretta; utilizzo del bagaglio cognitivo nell indagine delle tematiche e delle forme necessaria all interpretazione del fatto letterario CAPACITA : di analisi dei testi scritti di varia tipologia (narrativa, poesia, saggistica); di sintesi degli oggetti di analisi (anche formulando e sostenendo una tesi); di utilizzo delle competenze specifiche della disciplina; di confronto tra testi e autori studiati; di elaborazione critica di contenuti anche in un percorso pluridisciplinare; di rielaborazione e di sviluppo originale degli argomenti sulla base di letture e di approfondimenti personali RISULTATI RAGGIUNTI Come già rilevato nel profilo descrittivo, la classe, ha presentato per tutto il triennio una fisionomia abbastanza omogenea, ad eccezione di qualche elemento, per preparazione pregressa, impegno, costanza, interesse, capacità. Tale aspetto si è mantenuto piuttosto costante, per cui si è delineato un gruppo-classeche ha conseguito risultati sufficienti/discreti da cui occorre distinguere un piccolo numero di alunni il cui profitto è complessivamente sufficiente,e un emergenza di qualche elemento che presenta una 14

15 preparazione buona e (in un caso) più che buona. Questa fisionomia si è delineata a seguito di livelli di capacitàdiversificati, ma anche per il diverso grado di impegno e di interesse dimostrati che, comunque, nella generalità dei casi sono migliorati soprattutto nell ultimo anno. PROGRAMMA Il programma qui presentato si riferisce a quanto è prevedibile possa essere svolto entro la conclusione dell anno scolastico; dal momento che qualche argomento non possa essere trattato per mancanza di tempo, si rimanda alla descrizione esatta degli argomenti e sottoscritta dagli alunni che verrà redatta dopo il termine delle lezioni) Manuali e testi didattici in adozione: R.Luperini P.Cataldi, La scrittura e l interpretazione (Palumbo ed.) D.Alighieri, La Divina Commedia (commento facoltativo) IL PRIMO OTTOCENTO: Dal Neoclassicismo al Romanticismo Il contesto storico e culturale e l ascesa della borghesia capitalistica Definizione e caratteri del Romanticismo; le date e i luoghi L immaginario romantico: il tempo e lo spazio; opposizione io-mondo come contrasto storico o come condizione esistenziale; i temi letterari che ne derivano Le poetiche del Romanticismo europeo: la tendenza al simbolismo e quella al realismo I caratteri del Romanticismo italiano La battaglia fra classici e romantici in Italia; i manifesti romantici e il ruolo del Conciliatore ; I generi letterari e il pubblico; il trionfo del romanzo e l affermazione della lirica come canto Caratteri e diffusione del genere romanzesco in Europa; ritardo e difficoltà della sua affermazione nel nostro paese; il romanzo storico: la sua definizione, le sue caratteristiche, la sua evoluzione; (passato-presente: il romanzo storico nell Italia di oggi); lettura critica: La definizione di romanzo storico, la sua differenza rispetto all epica e i romanzi di Scott (da G.Luckàcs, Il romanzo storico) Ugo Foscolo: la vita e la personalità Le fasi dell attività letteraria: da Le ultime lettere di Iacopo Ortis al Didimo Chierico Primo piano sul romanzo: Le ultime lettere di Iacopo Ortis; lettura integrale del romanzo (svolta individualmente) Lettura, parafrasi, analisi e commento dei Sepolcri(primo piano); dei sonetti: Alla sera; A Zacinto; In morte del fratello Giovanni ; dell ode All amica risanata Le Grazie: la bellezza sopra le rovine; lettura, parafrasi, analisi e commento di: Il velo delle Grazie (III, vv ). Per un attualizzazione del classicismo foscoliano: Foscolo e Fortini, una riflessione sulla morte e sul dovere della memoria. Alessandro Manzoni: la funzione storica di Manzoni e l importanza dei Promessi sposi Le fasi della vicenda biografica e dell attività letteraria 15

16 Gli scritti di poetica: la prefazione al Conte di Carmagnola, la lettera a Chauvet (lettura del brano antologizzato sul rapporto fra poesia e storia e quella a d Azeglio Sul Romanticismo (lettura del brano antologizzato: l utile per iscopo, il vero per soggetto, l interessante per mezzo) La trattatistica morale e storiografica: le Osservazioni sulla morale cattolica e il Discorso sopra alcuni punti della storia longobardica in Italia. Dall Epistolario lettura fornita in fotocopia la funzione civile della letteratura (a Fauriel, 9 febbraio 1806) Descrizione delle opere: gli Inni sacri, le tragedie, le Odi Primo piano sul romanzo I promessi sposi (La struttura e i temi; l analisi e l interpretazione) Lettura, analisi e commento di: da In morte di Carlo Imbonati (vv ); La Pentecoste;Marzo1821 e delcoro dell atto III e dell atto IVdell Adelchi Giacomo Leopardi: la modernità del pensiero poetico leopardiano Le fasi della vicenda biografica e dell attività letteraria: gli anni della formazione, il delinearsi del sistema filosofico, l evoluzione della poetica (dalla poesia sentimentale alla poesia-pensiero ); Lettura dei brani seguenti: dall Epistolario (219; 25 nov. 1822), Al fratello Carlo da Roma dall Epistolario (32; 30 aprile 1917), A Pietro Giordani.L amicizia e la nera malinconia dai Pensieri (LXVIII), La noia dai Pensieri (LXXXII), Una grande esperienza dallo Zibaldone (165-6) La teoria del piacere (fornito in fotocopia);i passi antologizzati nel libro di testo e raggruppati per argomento (Ricordi, La natura e la civiltà, Sul materialismo) Le Operette morali: l elaborazione, il contenuto, gli aspetti stilistici, la speculazione teorica. Lettura, analisi e commento: Storia del genere umano; La scommessa di Prometeo; Dialogo della natura e di un Islandese; Coro di morti nello studio di Federico Ruysch (dal Dialogo di Federico Ruysch e delle sue mummie); Dialogo di Cristoforo Colombo e di Pietro Gutierrez; Dialogo di un venditore d almanacchi e di un passeggere; Dialogo di Tristano e di un amico I Canti: composizione, struttura, titolo; le varie fasi della poesia leopardiana; i temi e le scelte stilistiche. Lettura, analisi e commento: Ultimo canto di Saffo; L Infinito; La sera del dì di festa; A Silvia; Canto notturno di un pastore errante nell Asia; A se stesso; La ginestra o il fiore del deserto. IL SECONDO OTTOCENTO: Naturalismo e Simbolismo Profilo storico e culturale: dal liberismo all imperialismo. Le nuove tendenze letterarie: Naturalismo, Verismo, Simbolismo, Decadentismo. Le ideologie, le trasformazioni dell immaginario, i temi della letteratura e dell arte. La figura dell artista nell immaginario e nella realtà: la perdita dell aureola (lettura del poemetto di Baudelaire, Perdita d aureola, tratto da Spleen di Parigi) Uno sguardo sul panorama europeo: il Realismo in Europa (la descrizione prende il posto della narrazione ; Baudelaire e le due linee della poesia europea; la poetica del Simbolismo (lettura da Rimbaud: La lettera del veggente); il movimento francese dei décadents e il Decadentismo europeo come fenomeno culturale e artistico; Uno sguardo sul panorama italiano: la Scapigliatura lombarda (cenni); Naturalismo francese e Verismo italiano: poetiche e contenuti; caratteri e limiti del Decadentismo italiano 16

17 Giovanni Verga: la rivoluzione stilistica e tematica Le fasi della vicenda biografica e dell attività letteraria. La prefazione a Eva: l arte e l atmosfera di Banche e di Imprese industriali ; l adesione al Verismo e il ciclo dei Vinti : la lettera dedicatoria a Salvatore Farina e quella a Salvatore Paola Verdura sul ciclo della Marea; Lettura, analisi e commento: Rosso Malpelo, Fantasticheria (da Vita dei Campi), La roba (da Novelle Rusticane; Primo piano sul romanzo I Malavoglia (La struttura e i temi; l analisi e l interpretazione) Primo piano sul romanzo Mastro-don Gesualdo (La struttura e i temi; l analisi e l interpretazione) Tra Otto e Novecento: la nascita della poesia moderna in Europa e il ritardo della situazione italiana Giovanni Pascoli: tra il nido e la poesia Le fasi della vicenda biografica e dell attività letteraria, le opere. La poetica del Fanciullino e l ideologia piccolo borghese Letture: La grande proletaria si è mossa; il brano, antologizzato nel libro di testo, da Il fanciullino; lettura critica: E.Sanguineti, Un tentativo di egemonia piccolo-borhese (brano fornito in fotocopia) Myricae e Canti di Castelvecchio: Il simbolismo naturale e il mito della famiglia Myricae: composizione, titolo, temi; la poetica: il simbolismo impressionistico; lettura della Prefazione al libro (testo fornito in fotocopia); lettura, parafrasi, analisi, commento: Lavandare; La via ferrata; X Agosto; L assiuolo; Ultimo sogno Canti di Castelvecchio: Il simbolismo naturale e il mito della famiglia; lettura, parafrasi, analisi, commento: La poesia; Il gelsomino notturno Poemetti: lettura, parafrasi, analisi, commento di Digitale purpurea; Odi e inni: lettura e commento di La piccozza Il conflitto delle interpretazioni (letture critiche antologizzate nel libro di testo: La posizione di Pasolini: Pascoli grande inauguratore della poesia del Novecento; La posizione di Anceschi: Pascoli poeta della fine del secolo Gabriele D Annunzio: la vita inimitabile di un mito di massa Le fasi della vicenda biografica e dell attività letteraria L ideologia e la poetica; il panismo estetizzante del superuomo Descrizione delle opere giovanili, della produzione novellistica e teatrale (cenni) Descrizione dei romanzi (vicende, temi, personaggi) da Il piacere a Forse che sì forse che no; Primo piano sul romanzo: Il piacere Il grande progetto delle Laudi: primo piano su Alcyone (lettura, parafrasi, analisi e commento di: La sera fiesolana; La pioggia nel pineto IL NOVECENTO L età dell imperialismo: le avanguardie Profilo storico e culturale: l età dell imperialismo e le Avanguardie La nuova concezione sociale degli intellettuali: ricerca di un nuovo ruolo; l autocoscienza e la crisi degli intellettuali-letterati: i crepuscolari, i futuristi e i vociani 17

18 Le tendenze culturali: il nazionalismo e l idealismo (il manifesto di Gentile e il contromanifesto di Croce) Le scienze fisiche, psicologiche, sociologiche, le trasformazioni dell immaginario e i nuovi temi letterari e artistici: il conflitto padre-figlio, la Grande guerra, la burocrazia e il motivo dell impiegato; l inettitudine, l estraneità e l angoscia Le avanguardie in Europa (cenni) e in Italia; Marinetti e l avanguardia futurista: Il primo manifesto del Futurismo; Manifesto tecnico della letteratura futurista I crepuscolari e la loro poetica (cenni); Gozzano: (da I colloqui)lettura, analisi e commento di: L assenza; Corazzini: (da Il libro per la sera della domenica) lettura, analisi e commento di: Bando Il genere del romanzo in Italia (cenni al panorama europeo): la dissoluzione delle forme tradizionali, la creazione di una struttura narrativa e l elaborazione di nuovi temi Primo piano sui romanzi : Con gli occhi chiusi (F.Tozzi); Il fu Mattia Pascal (L.Pirandello); La coscienza di Zeno (I.Svevo) Luigi Pirandello: il posto di Pirandello nell immaginario novecentesco e nella letteratura europea La formazione, le varie fasi dell attività artistica, la vita e le opere Il relativismo filosofico e la poetica dell umorismo; i personaggi e le maschere nude, la forma e la vita ; le caratteristiche principali dell arte umoristica I romanzi: caratteri generali de L esclusa, I vecchi e i giovani, Quaderni di Serafino Gubbio operatore, Uno nessuno centomila Le Novelle per un anno(cenni): lettura di Tu ridi Il teatro: dalla fase del grottesco al teatro nel teatro cenni sulle opere IL NOVECENTO L età del fascismo, della guerra: Ermetismo e Antinovecentismo Quadro d insieme e definizione di: poesia pura, Ermetismo, Antinovecentismo Giuseppe Ungaretti: la religione della parola; la vita, la formazione e la poetica L allegria: composizione, struttura, temi, le scelte metrico-stilistiche; la poetica ungarettiana tra Espressionismo e Simbolismo; lettura, analisi e commento di: In memoria, I fiumi, Veglia, Soldati, Commiato La poesia di Ungaretti da Sentimento del tempo alle ultime raccolte; lettura, analisi e commento di: Lamadre, Caino Eugenio Montale: la sua centralità nel canone poetico del Novecento La vita e le opere; la cultura e le varie fasi della produzione poetica Ossi di seppia come romanzo di formazione : attraversamento di D Annunzio e la crisi del Simbolismo Lettura e analisi di: Non chiederci la parola; Spesso il male di vivere ho incontrato; I limoni La poetica, i temi, lo stile delle Occasioni: l allegorismo umanistico Lettura e analisi di: Addii, fischi nel buio, cenni, tosse; La casa dei doganieri; Nuove stanze Il terzo Montale; lettura e analisi di: La primavera hitleriana La svolta di Satura: lettura e analisi di:l alluvione ha sommerso il pack di mobili 18

19 Umberto Saba: la poesia onesta La vita, la formazione, la poetica Il canzoniere: titolo e struttura dell opera; i temi; la poetica dell onestà ; lo stile: un tradizionalismo rivoluzionario; lettura e analisi di: A mia moglie; Città vecchia; Eroica; Amai La Divina Commedia Lettura, parafrasi, analisi e commento dei seguenti canti del Paradiso: I-II III VI-VIII- XV- XVII- XXVII-XXXIII METODI E MEZZI ADOTTATI Negli aspetti generali si rimanda a quanto detto nel profilo descrittivo dell attività svolta. Qui si precisa che l intento principale che ha animato la mia attività è stato quello di suscitare l interesse e di sviluppare l apprendimento adottando varie strategie tra le quali il ricorso alla lezione frontale ha costituito il momento principale di indirizzo e di guida nello studio degli argomenti cui sono seguiti, dietro la sollecitazione dell insegnante, momenti di confronto e di dialogo. La trattazione degli argomenti non ha esclusivamente seguito un percorso storiografico anche se è stato quello prevalentemente adottato ai fini di contestualizzare gli autori studiati e di conferire il dovuto rilievo in termini di esemplarità rispetto al quadro storico e culturale in cui sono inseriti. Grande spazio è stato dato anche a percorsi tematici o per generi in modo che, attraverso la permanenza o l evoluzione di alcune tematiche o di alcune forme, risultasse maggiormente visibile allo studente l evoluzione dei fenomeni letterari studiati e, pertanto, che questi acquisissero uno spessore di significato ontologico oltre quello storico dello specifico ambito di studio, e con ciò permettessero una attualizzazione. Centrale nell attività didattica è stata la lettura diretta dei testi, da cui si è proceduto attraverso la parafrasi (o altri interventi per la comprensione) e l analisi verso l interpretazione complessiva e gli eventuali approfondimenti. I mezzi didattici utilizzati sono stati i libri di testo in adozione, saggi, edizioni delle opere di narrativa (in alcuni casi lette integralmente), fotocopie. TIPOLOGIE E TEMPI DELLE VERIFICHE Le verifiche, momentiil più possibile integrati con l attività didattica, sono state frequenti, diversificate e graduate rispetto al programma: - verifiche scritte in classe nella forma di tema tradizionale (testo argomentativo su questioni di attualità o di cultura generale), nella forma di saggio breve; nella forma di analisi o commento a testi letterari - colloqui orali su argomenti del programma svolto e verifiche riguardanti i in particolare la conoscenza, la capacità di analisi di testi e temi - questionari a risposta aperta riguardanti i in particolare la conoscenza, la capacità di analisi di testi e temi - interventi anche occasionali degli studenti sia spontanei che dietro richiesta dell insegnantesu specifiche problematiche o tematiche 19

20 CRITERI DI VALUTAZIONE Le valutazioni hanno tenuto conto dell impegno ed interesse dimostrati, delle capacità conseguite, del metodo di studio, dei contenuti posseduti a partire dai livelli di partenza. Oltre a dimostrare la conoscenza degli argomenti e la comprensione del significato dei contenuti appresi, allo studente è stata richiesta sia un adeguata capacità espressiva che una autonomia di valutazione. Per la valutazione dell interrogazione orale, la prova è stata ritenuta positiva se l allievo ha mostrato di possedere le nozioni essenziali dell argomento oggetto di verifica e ha saputo organizzare un discorso coerente su di esso; se è stato in grado di esprimersi in modo chiaro e corretto; se è riuscito ad operare una sintesi sulla problematica affrontata e ne ha dato interpretazioni personali. Per la valutazione delle prove scritte sono stati utilizzati i seguenti criteri: insufficiente: aderenza alla traccia gravemente incompleta, informazione inesatta e superficiale, argomentazione generica, esposizione scorretta, forma disarticolata, interventi personali assenti mediocre aderenza alla traccia a volte incompleta, informazione talora superficiale, argomentazione disorganica, forma non sempre appropriata, apporti personali in embrione sufficiente aderenza alla traccia non sempre completa, informazioni non molto approfondite, argomentazione non sempre puntuale, esposizione poco fluida, apporti personali poco rilevanti discreto aderenza alla traccia quasi sempre completa, informazioni per lo più approfondite, forma corretta, esposizione chiara ed appropriata nel lessico, autonomia ed efficacia nella sintesi buono-ottimo aderenza completa alla traccia, informazione approfondita, argomentazione organica ed efficace, forma chiara ed appropriata, valutazioni personali ed autonome. LATINO OBIETTIVI DIDATTICI CONSEGUITI La classe presenta una fisionomia un po disomogenea per preparazione pregressa, impegno, costanza, interesse, capacità. La maggioranza degli alunni è apparsa abbastanza motivata e ha mostrato interesse evidenziando anche, in alcuni casi, un apprezzabile capacità di rielaborazione personale, persino eccellente in qualche caso. Una parte costituita da un ristretto gruppo di alunni mostra ancora una serie di debolezze e di lacune (così come si rileva nelle prove scritte) nell analisi dei testi e nella conoscenza delle strutture linguistiche di base, tuttavia si è rilevato un impegno più costante nello studio della parte letterariache ha prodotto risultati sufficienti/apprezzabili Gli obiettivi prefissati sono così elencati: - una sostanziale conoscenza dei movimenti e degli autori della storia letteraria latina, sia nello specifico contesto culturale di appartenenza che in quello moderno; - il raggiungimento di un autonomia di indagine critica, ottenuta anche con letture e e riflessioni personali; - lo sviluppo delle capacità analitiche, sintetiche ed espositive; - il miglioramento delle capacità di analisi, di comprensione e di corretta trasposizione in lingua italiana dei testi letti in lingua 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI

LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI LA CULTURA ECONOMICA NEI LICEI AGENZIA NAZIONALE PER LO SVILUPPO DELL AUTONOMIA SCOLASTICA (ex-irre Lombardia) in collaborazione con AEEE-Italia A cura di Chiara Sequi, USP di Milano ed Enrico Castrovilli,

Dettagli

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato?

Se hai sostenuto un test di ammissione/orientamento al corso di laurea, che impressione ne hai ricavato? INDAGINE POST-DIPLOMA 2014 Diplomati nel 2012: n. 264 Indagini compilate: n. 128 (48,5%) Indirizzo liceale frequentato Risposta 1) linguistico (Utenti: 46 Perc.: 35.94%) Risposta 2) naturalistico (Utenti:

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli