I.I.S.S. CIUFFELLI-EINAUDI SEZIONE AGRARIA 3 - TODI (PG)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I.I.S.S. CIUFFELLI-EINAUDI SEZIONE AGRARIA 3 - TODI (PG)"

Transcript

1 I.I.S.S. CIUFFELLI-EINAUDI SEZIONE AGRARIA Viale Montecristo, 3 - TODI (PG) Tel. 075/ Fax 075/ sito web: 15 Maggio 2014 (Art.3 L. 425/97; Art.5 del regolamento) CLASSE V Sez. A Anno scolastico 2013/14 IL DIRIGENTE SCOLASTICO (Prof. Marcello Rinaldi) 1

2 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE PERCORSO FORMATIVO La classe è composta da venti alunni,17 maschi e 3 femmine, di cui non tutti hanno avuto un percorso scolastico regolare. La maggioranza degli alunni risiede in località abbastanza vicine all Istituto e comunque servite da mezzi pubblici; solo quattro vivono nel convitto annesso alla scuola. Un alunno si avvale del sostegno (vedi allegato) mentre per un alunno con DSA è stato predisposto il relativo PDP (vedi fasciocolo personale). Il gruppo classe, che presenta una provenienza socio/familiare pressoché omogenea, ha evidenziato una discreta coesione; non si sono evidenziate fratture, l alunno diversamente abile è stato accettato dal gruppo e si è inserito con positivi riscontri caratteriali. Il Consiglio di classe nel fissare gli obiettivi educativi comuni e trasversali finalizzati alla formazione dell' uomo e del cittadino ha sempre cercato di curare tali rapporti sociali di reciproca collaborazione e rispetto delle regole comuni ottenendo così buoni risultati nel corso dell intero triennio. In generale può essere definito corretto il comportamento nei confronti dei docenti e delle strutture unito ad una partecipazione consapevole rispetto le problematiche scolastiche. La classe ha dimostrato, in quasi tutte le discipline un accettabile disponibilità al lavoro scolastico ma minore è risultato l impegno nella rielaborazione personale, molto spesso superficiale e poco accurata nonchè talvolta finalizzata esclusivamente alle prove e/o verifiche scritte e orali, con periodi di rallentamento del processo di apprendimento. Le conoscenze acquisite possono considerarsi sufficienti per la maggior parte della classe; un numero molto esiguo di alunni si distingue per impegno e interesse costanti e per un buon profitto, accompagnato da uno spiccato senso di responsabilità. Per quanto riguarda la disciplina Costruzioni Rurali occorre segnalare, anche su indicazione del docente interessato, la difficoltà correlata alla conformazione organica ed oraria delle cattedre, che ha relegato ad una sola ora settimanale la trattazione della materia. Questo ha comportato un notevole disagio, sia nella obbligata redazione ristretta del programma che è risultato quindi poco consono all esercizio futuro della professione, sia nell organizzazione delle verifiche del profitto conseguito. Nelle riunioni di inizio anno, il Consiglio di Classe ha definito gli obiettivi generali che si possono riassumere nei seguenti punti: Essere in grado di interpretare e gestire correttamente sia il linguaggio della comunicazione quotidiana sia quelli specifici correlati agli ambiti disciplinari. Essere in grado di utilizzare le conoscenze acquisite tramite l'esame di nuovi contenuti ed utilizzarle nell'identificare e nel risolvere problemi nuovi. Essere in grado di connettere aspetti e necessità della vita di relazione e delle realtà tecniche con i problemi scaturiti dalle analisi disciplinari e quindi di gestire protocolli operativi coerenti con le esigenze concrete dei diversi contesti. Essere in grado di stabilire rapporti e relazioni sulla base del rispetto dei valori altrui e della disponibilità verso esperienze nuove. Tali presupposti sono stati stabiliti con l intento di pervenire a obiettivi specifici comuni, quali: 2

3 Dimostrare conoscenza delle strutture linguistiche essenziali e di un adeguato patrimonio lessicale. Essere in grado di orientarsi su tematiche di ordine storico letterario e tecnico. Interpretare il significato di documenti essenziali e di collegare aspetti dei diversi momenti. Essere in grado di rilevare e descrivere con appropriati linguaggi risultati di letture, interpretare fatti storici, fenomeni e situazioni ambientali, strutture organizzative per fini produttivi, caratteristiche tecnico-economiche di attività finalizzate nonché aspetti analitici di realtà fisiche, chimiche e biologiche che connotano fenomeni, situazioni, strutture. Essere in grado di analizzare ed interpretare esigenze, necessità, organizzazione delle strutture produttive, trasformative del settore studiato; di rilevarne gli aspetti più significativi ai fini del raggiungimento dei risultati positivi. Gli obiettivi realmente raggiunti nelle singole discipline, unitamente ad una specifica più dettagliata dei singoli metodi didattici di lavoro, sono riportati nelle allegate relazioni individuali. La frequenza alle Lezioni è stata in genere abbastanza costante. In genere, la continuità didattica si è realizzata in quasi tutto l arco disciplinare triennale e ciò ha reso sicuramente più agevole l iter scolastico entro cui si è mossa l attività didattica. OBIETTIVI GENERALI RAGGIUNTI Le conoscenze acquisite possono considerarsi sufficienti per la maggior parte della classe anche se con differenziazioni tra le discipline e tra gli alunni. Si evidenziano alcuni casi specifici in cui le conoscenze si accompagnano ad apprezzabili capacità rielaborative, di personalizzazione e di autonoma crescita culturale per cui le competenze di indirizzo risultano superiore alla media della classe. Peraltro, va segnalato come per alcuni degli alunni il raggiungimento di un livello di minima sufficienza non sempre è stato facilmente conseguito nell arco del triennio. Per per quanto riguarda la produzione scritta e le capacità espressive, permangono in alcuni alunni diverse difficoltà a livello di competenza linguistica. Anche nelle competenze tecnico-pratiche e nell uso degli strumenti si riscontrano, mediamente, competenze appena sufficienti. La classe, nel contempo, non ha evidenziato il medesimo interesse per le discipline di Esercitazioni di Topografia nelle quali ha fatto registrare un notevole disimpegno e disinteresse, eccezione fatta per pochissimi alunni. ATTIVITA EXTRACURRICOLARI Al fine di raggiungere una formazione globale si è cercato di integrare la didattica con attività extrascolastiche di vario tipo: All inizio dell anno scolastico gli alunni hanno frequentato stage in varie realtà produttive locali nell ambito del progetto di Alternanza scuola Lavoro. La classe ha partecipato ad un viaggio d'istruzione che ha avuto come meta Praga della durata di cinque giorni. 3

4 E stato organizzato un incontro di orientamento con la Facoltà di Agraria del l Università ai fini di una eventuale prosecuzione degli studi dopo il conseguimento del Diploma. Queste e altre attività sono evidenziate nelle relazioni delle singole materie. METODOLOGIE e STRUMENTI DELLA DIDATTICA I metodi prevalentemente usati per la didattica sono stati la lezione frontale, la discussione di gruppo e la ricerca guidata. Sono state eseguite esercitazioni nei diversi laboratori in dotazione all Istituto. Diverse esercitazioni hanno avuto luogo nell Azienda Agraria annessa all Istituto. CRITERI DI VALUTAZIONE La valutazione del grado di apprendimento, raggiunto dagli allievi, è avvenuta attraverso verifiche orali, scritte, grafiche e dai risultati conseguiti durante le esercitazioni in termini di abilità operative. I criteri di valutazione adottati sono quelli previsti dal POF con particolare riguardo ai progressi individuali in relazione allo sviluppo di tutte le capacità indicate negli obiettivi stessi da raggiungere, nonché della partecipazione alle attività didattiche. Al fine della preparazione agli Esami di Sato, il Consiglio di Classe ha provveduto a organizzare dall inizio dell anno scolastico, una serie di simulazioni delle prove scritte. Per ognuna di queste simulazioni sono state adottate apposite griglie di valutazione allegate al presente documento. In particolare sono state programmate (alcune già svolte e altre lo saranno nei prossimi giorni) due simulazioni della I prova, due della II e due della III prova. Circa la Terza Prova scritta, il Consiglio di Classe ha provveduto a scegliere, sperimentandola più volte, la Tipologia B: QUESITI A RISPOSTA SINGOLA inerenti la tutte delle discipline dell ultimo anno di corso eccetto Italiano ed Estimo. La tipologia prescelta dal Consiglio di Classe prevede l accertamento dei livelli di conoscenza, competenza e capacità raggiunta dai singoli alunni nelle discipline oggetto della prova. Le risposte, da fornire autonomamente da parte degli alunni, sono chiaramente desumibili dal quesito proposto ed univoche nella loro formulazione. Sono state proposte tre domande per materia per quattro materie per un totale di dodici domande. La durata temporale della citata Terza Prova Scritta è stata fissata in 120 MINUTI TOTALI. Allegati Composizione del Consiglio di Classe Relazioni finali dei docenti Griglia di valutazione della Prova I Scritta Griglia di valutazione della Prova II Scritta Griglia di valutazione della Prova III Scritta Griglia di valutazione del Colluoquio COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE-DOCENTI 4

5 DOCENTE DISCIPLINA PROF. RINALDI MARCELLO DIRIGENTE SCOLASTICO VIVIANO GRAZIA RELIGIONE ORLANDI GIUSEPPE LINGUA e LETTERATURA ITALIANA FELICI PIERA STORIA ed EDUCAZIONE CIVICA CERQUAGLIA DANILO INDUSTRIE AGRARIE ALTIERI GIUSEPPE ENTOMOLOGIA AGRARIA MARIOLI FABIO COLTIVAZIONI ARBOREE MARIOLI FABIO MECCANICA AGRARIA BALDONI M. CRISTINA ESTIMO RURALE ed ELEMENTI di DIRITTO AGRARIO NICOLI GLORIA ZOOTECNIA TACCONI GIANPAOLO ELEMENTI di COSTRUZIONI RURALI e DISEGNO TACCONI GIANPAOLO TOPOGRAFIA BUONDONNO NICOLA EDUCAZIONE FISICA ARCANGELI LUCIANA SOSTEGNO RAFFAELLI M. LETIZIA ESERCITAZIONI E COMPRESENZE TECNICO PRATICHE BATTISTONI ALBERTO ESERCITAZIONI E COMPRESENZE TECNICO PRATICHE BELLUCCI ANTONIO ESERCITAZIONI E COMPRESENZE TECNICO PRATICHE LAZZONI STEFANIA ESERCITAZIONI E COMPRESENZE TECNICO PRATICHE RELAZIONI FINALI DEI DOCENTI Religione Italiano Storia Meccanica Agronomia e coltivazioni Entomologia Industrie agrarie Educazione fisica Zootecnia El di Costruzioni rurali e disegno relativo Es. di Topografia Estimo RELIGIONE 5

6 Obiettivi MOD.1 Conoscere le caratteristiche fondamentali dell etica cristiana Conoscere la posizione cristiana riguardo alla libertà e alle norme morali Comprendere le origini della crisi contemporanea di natura etica MOD.2-3 Conoscere il valore umano e teologico del matrimonio cristiano Conoscere il significato dell inviolabilità e della sacralità della vita nella religione cristiana Conoscere la valutazione cristiana di alcune problematiche di carattere etico MOD.4 Conoscere l origine della dottrina sociale della Chiesa Conoscere i principi fondamentali della dottrina sociale cristiana Conoscere i principali ambiti nei quali si sviluppa la dottrina sociale Conoscere le principali encicliche sociali Contenuti MOD.1-IL SENSO CRISTIANO DELL IMPEGNO MORALE La fede cristiana e le sfide della società secolarizzata La crisi contemporanea come crisi di natura etica Il problema del male Il senso del peccato e della grazia MOD.2-ETICA DELLA VITA La vita come dono Il matrimonio cristiano La paternità e la maternità responsabili Problematiche etiche:fecondazione artificiale,aborto,clonazione MOD.3-IL SENSO DELLA MORTE UMANA La morte nella religione cristiana Il suicidio La pena di morte L eutanasia MOD.4-LA DOTTRINA SOCIALE DELLA CHIESA Le origini e i fondamenti della dottrina sociale della Chiesa I principi ordinatori della società Gli ambiti della dottrina sociale della Chiesa I documenti sociali della Chiesa Metodi e strumenti Nelle scelte metodologiche sono tenuti presenti le diverse situazioni di partenza, il particolare momento di vita degli alunni,il grado culturale e le loro aspirazioni. L itinerario didattico è caratterizzato dalla compresenza della dimensione antropologica, storica, biblica e teologico - sistematica. Un ruolo importante è affidato all'aspetto antropologico - esistenziale per poter raggiungere l allievo nella sua situazione umana con il suo particolare sviluppo cognitivo e affettivo. Strumenti: libro di testo, audiovisivi, fotocopie. Tipologia di lezione: frontale, interattiva, attività individuali e di gruppo. 6

7 Verifiche e valutazione Verifiche orali e scritte (sintesi, questionari, prove strutturate). Criteri di valutazione della verifica orale: Conoscenza dell'argomento, capacità espositiva, capacità di collegamento, rielaborazione personale. Criteri di valutazione della verifica scritta: Conoscenza dei contenuti, correttezza formale, capacità critica. Nella valutazione finale si tiene conto anche del livello di partenza,della partecipazione, dell applicazione e dell impegno. 7

8 Italiano Sviluppo delle capacità di ascolto ed esposizione orale: -Comprende esposizioni argomentate compiendo inferenze con ciò che già sa. -Sa cogliere il punto di vista dell'emittente e le finalità dominanti del messaggio. -Sa selezionare aspetti di interesse personale nel discorso altrui e proporre chiarimenti, appprofondimenti e discussioni. -Sa produrre discorsi orali diversamente impostati ed eseguiti in rapporto alle diverse situazioni comunicative, alle finalità da raggiungere, all'interlocutore ed alle caratteristiche del canale. Sviluppo delle capacità di lettura e scrittura: -Sa leggere in modo corretto ed espressivo testi non letterari e testi letterari in prosa e/o in poesia. -Sa utilizzare le tecniche adatte a comprendere brani anche complessi individuandone i contenuti centrali ed operando inferenze con le conoscenze possedute. -Sa analizzare un brano nei suoi principali aspetti formali individuandone il genere, definendone adeguatamente la tipologia e chiarendone gli artifici retorico-formali, metalinguistici e/o metrici più importanti. -Sa scrivere correttamente, in modo chiaro, con una terminologia adeguata allo scopo, alla situazione ed agli interlocutori. -Sa produrre diversi tipi di discorso scritto utilizzando quando necessario gli artifici retorico-formali adeguati alle diverse tipologie. -Sa esporre il suo pensiero o riportare quello di altri con chiarezza e ricchezza di contenuti. -Sa produrre tutte le tipologie di scritti previsti dalla normativa dell esame di Stato. Sviluppo delle conoscenze sull'uso, sulle strutture e sulla storicità della lingua. -Sa individuare le principali strutture fonologiche dell'italiano in rapporto con l'ortografia. -Sa individuare le principali strutture morfosintattiche della "frase" e del "periodo". -Sa utilizzare il registro metalinguistico. -Sa collegare i fatti linguistici alle vicende della storia, della società e alle correnti di pensiero. Sviluppo delle capacità analitico formali nella lettura dei testi ed educazione letteraria. -Sa analizzare le peculiarità formali di un testo letterario (lessico, sintassi, fonologia, ritmo ). -Sa inserire i brani nel contesto culturale e storico individuando problemi più generali di carattere estetico. -Sa individuare le tematiche trattate nel brano letto collegandole alle proprie conoscenze sulla concezione dell'autore e sulle principali correnti filosofiche e letterarie del periodo in cui il brano fu scritto. 8

9 Il raggiungimento degli obiettivi sopra elencati va accompagnato dal possesso di una serie di abilità che andranno acquisite e sviluppate nel corso del triennio, se ne elencano alcune -saper utilizzare attrezzature informatiche per scrivere e per stampare testi. -sapersi documentare attraverso una ricerca su testi e riviste o giornali da reperire in una biblioteca o attraverso attrezzature informatiche; -saper organizzare e svolgere un lavoro collettivo per approfondire una tematica scelta; -Saper produrre tesine su argomenti specifici conoscendo le modalità di presentazione dei documenti, i metodi di citazione di volumi, saggi e articoli. Gli obiettivi indicati saranno perseguiti attraverso la lettura e l'analisi di brani della storia letteraria italiana e straniera, seguendo l'ordine cronologico dalle origini al novecento. Particolare cura verrà dedicata alla individuazione delle tipologie dei diversi generi letterari e alle novità tecniche ed estetiche che si sono avute nei brani letterari nei diversi periodi storici. Si cureà moltissimo la lettura, la comprensione e l'analisi formale dei testi con particolare riferimento all'individuazione delle figure retoriche, della struttura metrica, della struttura sintattica e delle caratteristiche fonetiche. Si cercherà di far gustare i testi cercando di individuare anche le tematiche di carattere etico, civile, politico, sociale e psicologico che i vari autori hanno affrontato per collegare le soluzioni da essi proposte, quando possibile, a riflessioni degli alunni su problemi individuali, sociali e politici di oggi. Tutti gli alunni dovranno leggere almeno un libro a loro scelta per ogni quadrimestre sul quale dopo aver preparato una scheda scritta, relazioneranno alla classe. Le verifiche verranno svolte sia attraverso interrogazioni orali individuali che tramite dialoghi collettivi, oltre a prove scritte e prove pratiche. Le verifiche scritte di italiano verranno corrette sulla base delle griglie predisposte nella riunione di dipartimento. Nella valutazione si terrà presente il risultato raggiunto sempre in rapporto agli individuali livelli di partenza e all'impegno dimostrato. Gli ausili didattici che verranno utilizzati, il video-registratore, il proiettore di diapositive, il proiettore, la lavagna luminosa, La LIM, ed i computer dell'aula di informatica, sono tutti già posseduti dalla scuola. Le verifiche verranno svolte sia attraverso interrogazioni orali individuali che tramite dialoghi collettivi, oltre a prove scritte e prove pratiche. Le verifiche scritte di italiano verranno corrette sulla base delle griglie predisposte nella riunione di dipartimento. Nella valutazione si terrà presente il risultato raggiunto sempre in rapporto agli individuali livelli di partenza e all'impegno dimostrato. Gli ausili didattici che verranno utilizzati, il video-registratore, il proiettore di diapositive, il proiettore, la lavagna luminosa ed i computer dell'aula di informatica, sono tutti già posseduti dalla scuola. Gli obiettivi sopra elencati, perseguiti nelle classi per tutti gli anni del triennio, (graduandoli nelle classi e, all interno di ogni singola classe, adeguandoli ai livelli di partenza dei singoli alunni.) Nel quinto anno devono essere stati sufficientemente raggiunti da tutti gli alunni perché possano sostenere l esame di Stato. 9

10 Contenuti Italiano IL Verismo Il quadro di riferimento: positivismo e naturalismo francese.fratelli Goncourt: biografia, prefazione a Germinie Lacerteux, brano p. 28..E. Zola: biografia, Brani: il romanzo sperimentale p. 30 Trama de L Assommoir, Brano p 75: Gervasia. Il verismo. G. Verga: Biografia, opere pensiero e Poetica. Dal romanticismo al verismo. Le tecniche narrative. La visione della vita e il Darwinismo sociale. Le novelle. Trama Nedda. Lettura Rosso Malpelo, La Roba. Il ciclo dei Vinti: i Malavoglia, genesi e caratteristiche. Trama. Brani: La famiglia Malavoglia. La tempesta in mare. L arrivo e l addio di Ntoni. Mastro-don Gesualdo. Trama. Il decadentismo Concezione simbolista, poetica. Super omismo, Esotismo, Estetismo. Il simbolismo. Baudelaire, L Albatro. Mesta et errabunda. Corrispondenze. Spleen. Verlaine: Arte poetica. Rimbaud: La lettera del veggente. Gabriele D Annunzio. Biografia e poetica. Meriggio. La sera Fiesolana. La pioggia nel pineto. Trama de Il piacere. Giovanni Pascoli.: Biografia e poetica. Il fanciullino, brano p 269. Da Myricae: Lavandaie. Il Lampo Temporale l assiuolo X Agosto. Da Canti di Castelvecchio la mia sera Il gelsomino notturno. L età della crisi. Il romanzo della crisi in Europa.. J. Joyce, da Ulisse: L Insonnia di Molly. Il romanzo della crisi in Italia. Luigi Pirandello. Opere e poetica. Trama Il fu Mattia Pascal. Trama Uno nessuno Centomila. La poesia nel primo novecento L ermetismo e la cultura fra le due guerre, la poesia. Giuseppe Ungaretti. Biografia e poetica. Brani: Veglia. Fratelli. San Martino del Carso Eugenio Montale: Biografia e poetica. Brani: I limoni. Meriggiare pallido e assorto. Spesso il male di vivere ho incontrato. Griglie di valutazione utilizzate nelle prove scritte: 10

11 Esami di Stato Italiano scritto, griglia di valutazione tipologie B,C,D Indicatori Punteggio massimo Livelli di valore/valutazione Punteggio vari livelli Voto 1)Aderenza alla traccia proposta e alla tipologia scelta 2)Conoscenza dei contenuti, capacità di collegarli e di argomentare. 3)Capacità di organizzare ed elaborare il testo. Sviluppo traccia, chiarezza, precisione della forma, coerenza logica. 4) Correttezza grammaticale e lessicale. 2, Totale- ottima 2 Adeguata-buona 1.5 Sufficiente (Suff.)1.0 Parziale 0.5 Mediocre-mediocre 0.3 Nulla 0.2 Ottima-critica 5,0 Approfondita-articolata 4,5 Sufficiente-essenziale (suff.)4.0 Modesta e con pochi collegamenti 3.0 Superficiale e con collegamenti mediocri 2,0 Scarsa, senza collegamenti e con poche argoment. 1,5 Scarsa, senza collegamenti e argomentazioni 1,0 Creativa, ottima, forma chiara e precisa, coerente 5,0 Originale e del tutto adeguata 4.5 Buona, chiara e coerente 3.5 Sufficiente e abbastanza coerente (suff.)3.0 Non sufficiente, forma chiara ma poco coerente 2.5 Parziale, forma non chiara e poco coerente 2.0 Scarsa, forma confusa e illogica 1.0 Nessun errore, ottimi lessico,punteggiatura 3.0 Corretto, adeguati lessico, punteggiatura 2.5 Qualche errore, lessico semplice ma suff. (suff.)2.0 Diversi errori, lessico non sempre preciso 1.5 Diversi errori, lessico poco adeguato 1.0 Gravi errori lessico inadeguato 0.5 Gravi errori testo poco comprensibile 0.2 Totale complessivo 15 Totale = 11

12 Esami di Stato Italiano scritto, griglia di valutazione tipologia A Indicatori Punteggio massimo Livelli di valore/valutazione Punteggio vari livelli Voto Brillante- ottima, corretta 3 Adeguata-buona, corretta 2,5 1)Esposizione 3,0 Sufficiente, corretta Non sempre chiara, alcuni errori grammaticali 1,0 (Suff.)2,0 Confusa e scorretta 0.2 Ottima-critica 4,0 Approfondita-articolata 3,0 2)Comprensione del testo, dei contenuti e delle forme letterarie. Sufficiente-essenziale (suff.)2,5 Modesta, sia dei contenuti che della forma 2,0 Superficiale sia dei contenuti che della forma 1,0 4,0 Scarsa dei contenuti, nulla della forma letteraria 0,2 3)Interpretazione analitica e d insieme del testo, riflessioni critiche. Creativa, ottima, critica 4,0 Originale, del tutto adeguata, critica 3,0 Sufficiente (suff.)2,5 Non del tutto sufficiente, poche riflessioni 2,0 Parziale, in parte errata, acritica 1,0 Illogica, del tutto errata 0,2 4,0 Ottima, ampia, approfondita 4,0 Adeguata, approfondita 3,5 4)Contestualizzazione Sufficientemente ampia e approfondita (suff.)3,0 Non del tutto sufficiente, con imprecisioni 2,0 Inadeguata, mediocre e imprecisa nei riferimenti 1.0 4,0 Del tutto assente

13 STORIA Obiettivi formativi dal POF Promuovere le potenzialità e le diverse intelligenze di ciascun alunno attraverso interventi educativo - didattici attraverso le varie discipline mirati a garantire una solida cultura e a ridurre le situazioni di insuccesso scolastico, operare per la valorizzazione delle eccellenze, delle professionalità e del pensiero creativo. Orientare gli alunni a saper assumere un buon controllo dei propri comportamenti, acquisendo uno stile personale rispettoso delle regole di convivenza. Concorrere allo sviluppo del cittadino del mondo, favorendo la conoscenza di sé, l acquisizione di spirito critico, l elaborazione di scelte consapevoli, la strutturazione del senso della solidarietà, l attenzione alla salute propria ed altrui, il rispetto dell ambiente e la consapevolezza dei propri diritti e doveri. 1. Imparare ad imparare Competenze trasversali Organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo ed utilizzando varie fonti e varie modalità di informazione e di formazione (formale, non formale ed informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro. 2. Comunicare Comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessità diversa,trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali); Rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati d'animo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali). 3. Collaborare e partecipare Interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacità, gestendo la conflittualità, contribuendo all apprendimento comune ed alla realizzazione delle attività collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri 4. Agire in modo autonomo e responsabile Sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunità comuni, i limiti, le regole, le responsabilità. 5. Risolvere problemi Affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. 6. Individuare collegamenti e relazioni Individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone la natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze ed incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica. 13

14 7. Acquisire ed interpretare l informazione Acquisire ed interpretare criticamente l'informazione ricevuta nei diversi ambiti ed attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l'attendibilità e l'utilità, distinguendo fatti e opinioni. 8. Progettare Elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attività di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorità, valutando i vincoli e le possibilità esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti. Quadro didattico dell anno scolastico: Modulo 1-L ITALIA LIBERALE IL GOVERNO DELLA DESTRA E DELLA SINISTRA L ETA GIOLITTIANA. Modulo 2. LA PRIMA GUERRA MONDIALE E LA RIVOLUZIONE RUSSA CAUSE, SVOLGIMENTO E VITTORIA DELL INTESA; LA RIVOLUZIONE RUSSA E LA NASCITA DELL UNIONE SOVIETICA; IL DOPOGUERRA E LA CRISI DEL Modulo 3. I TOTALITARISMI IL FASCISMO; IL NAZISMO; LO STALINISMO. Modulo 4. LA SECONDA GUERRA MONDIALE CAUSE, SVOLGIMENTO E VITTORIA DEGLI ALLEATI. LA RESISTENZA IN ITALIA E IN EUROPA IL DOPOGUERRA. Modulo 5: BIPOLARISMO E DECOLONIZZAZIONE IL LUNGO DOPOGUERRA: STATI UNITI ED UNIONE SOVIETICA LA RICOSTRUZIONE MEZZI E SUSSIDI o Libri di testo: Fossati, Luppi, Zanette, Parlare di storia o Bruno Mondadori, volumi 2 e 3. VERIFICHE Ciascun alunno ha effettuato una prova scritta ed una orale nel trimestre, due prove scritte ed una orale nel pentamestre. Si è sistematicamente comunicato il livello di apprendimento allo studente (e alle famiglie tramite registri elettronico) con periodicità. 14

15 MECCANICA AGRARIA Il corso di studi di Meccanica Agraria del V anno si è basato, dando per conseguita una sufficiente conoscenza dei fenomeni fisici e meccanici di base, sullo studio delle caratteristiche operative della trattrice agricola,delle caratteristiche fisico-meccaniche de terreno agrario e di alcune macchine operatrici, idonee a compiere le principali operazioni agricole. In tutti i casi gli argomenti, raggruppati in moduli omogenei, sono stati trattati analizzando le esigenze operative che hanno portato all'ideazione e alla realizzazione dei macchinari, l'evoluzione dei macchinari dall'origine allo stato attuale e le capacità operative degli stessi; nella parte di esercitazioni si sono osservati filmati sugli argomenti in oggetto e sono stati svolti calcoli, e risolti problemi, riguardanti tempi di lavoro, potenze impiegate e consumi inerenti le varie lavorazioni. I Modulo : La trattrice agricola La trattrice agricola, caratteristiche operative. II Modulo Lavori preliminari Caratteristiche fisico/meccaniche del terreno agrario; macchine per la rottura del terreno; macchine per lo scavo il trasporto e il livellamento del terreno. III Modulo : Lavori colturali Aratro, origini e costituzione; tecniche del lavoro di aratura; macchine per lavori alternativi all'aratura; macchine per la preparazione del letto di semina; macchine per la fertilizzazione. IV Modulo : Semina Seminatrici a righe e di precisione; seminatrici speciali. V Modulo: Impianti di irrigazione Costituzione di un impianto di irrigazione; pompe; irrigazione a pioggia, irrigazione localizzata. VI modulo Protezione delle colture Macchine per la distribuzione dei fitochimici; polverizzazione meccanica a getto proiettato e portato, polverizzazione pneumatica; impolveratrici. VII Modulo : Macchine per la foraggicoltura Cantieri di lavoro; barre falcianti, condizionatici; imballatrici, macchine per la produzione di insilati. VIII Modulo : Macchine per la raccolta Mietitrebbiatrici; macchine per la raccolta delle olive; macchine per la vendemmia. La valutazione è avvenuta attraverso verifiche orali prove strutturate ed esercizi di calcolo, si è cercato di inquadrare l'evoluzione conoscitiva degli alunni, tenendo conto delle condizioni di partenza della partecipazione e delle difficoltà incontrate nell'apprendimento 15

16 AGRONOMIA E COLTIVAZIONI COLTIVAZIONI ARBOREE E stata considerata di fondamentale importanza l acquisizione di una conoscenza essenziale, chiara e precisa dell arboricoltura generale e delle caratteristiche delle varie colture arboree, con la capacità di realizzare una razionale impostazione di piani di tecnica colturale, facendo riferimento alle problematiche ambientali ed all applicazione di nuove tecniche colturali e di nuovi mezzi operativi riscontrabili nella moderna arboricoltura, attraverso la conoscenza delle caratteristiche agronomiche, dell ambiente, del miglioramento genetico della propagazione, delle forme di allevamento e della potatura. Molto importante è stata considerata anche una corretta capacità espositiva ed espressiva unita ad una capacità di osservazione, analisi, di sintesi, critica con l uso di un linguaggio tecnicoscientifico. Sono state eseguite delle esercitazioni pratiche per consentire agli studenti di seguire in modo diretto e nella maniera più ampia possibile la pratica esecuzione delle tecniche di coltivazione delle più comuni piante arboree. Durante l anno scolastico è stato considerato fondamentale anche di rendere l alunno in grado di gestire il rapporto con gli altri, quindi di porlo in condizione di sapersi rapportare correttamente con i docenti, con le strutture operative e con gli stessi compagni di classe. L insegnamento della disciplina è stato strutturato per unità didattiche, attraverso la lezione frontale ed il dialogo interattivo con gli alunni, cercando di coordinare contenuti con ritmi di apprendimento, presentate ai ragazzi in una opportuna successione temporale. La verifica è stata fatta attraverso un analisi delle diverse conoscenze ed abilità assimilate rispetto agli obiettivi con verifiche orali e scritte, sono state utilizzate le tradizionali interrogazioni, questionari, sondaggi flash, relazioni, tenendo sempre conto dei dati direttamente misurabili ed anche di quelli riguardanti la sensibilità e la personalità dell alunno. Nella valutazione finale si è tenuto conto dei livelli di partenza, delle difficoltà che l alunno ha incontrato, del grado di apprendimento che ha raggiunto, delle sue capacità, della sua personalità e dell impegno dimostrato. Allo scopo di ottimizzare i tempi, i contenuti di Arboricoltura Generale sono stati trattati durante lo svolgimento della parte speciale. Contenuti: Arboricoltura generale: - Apparato radicale; - Chioma; - Sviluppo di gemme e germogli; - Biologia fiorale; - Accrescimento del frutto, maturazione; - Propagazione delle piante, riproduzione; - Impianto; - Gestione del suolo; - Irrigazione; - Nutrizione minerale; - Potatura; - Raccolta, qualità e conservazione. Arboricoltura speciale: - Vite; - Olivo; - Melo ; Pesco. 16

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue

ore 1 biennio DISCIPLINE unitario Lingua inglesee Storia Matematica Diritto ed economia alternative Totale ulteriori lingue ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI GENERALI COMUNI AGLI INDIRIZZI DEL SETTORE ECONOMICO Lingua e letteratura italiana 1^ 2^ secondo biennio e quinto anno costituiscono un percorso formativo unitario 3^ 4^ 5^ Lingua

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli