Classe 5 A Liceo Linguistico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Classe 5 A Liceo Linguistico"

Transcript

1 LICEO STATALE "ANTONIO PIGAFETTA" - VICENZA CLASSICO LINGUISTICO MUSICALE DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE per l Esame di Stato Anno scolastico Classe 5 A Liceo Linguistico Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 1

2 INDICE STORIA DELLA CLASSE...p. 3 OBIETTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE...p. 4 ATTIVITA' INTEGRATIVE REALIZZATE DAL CONSIGLIO DI CLASSE...p. 5 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE...p. 7 RELAZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO...p. 9 RELAZIONE E PROGRAMMI DI FILOSOFIA...p. 13 RELAZIONE E PROGRAMMA DI STORIA...p. 16 RELAZIONE E PROGRAMMA DI INGLESE...p. 19 RELAZIONE E PROGRAMMA DI TEDESCO...p. 22 RELAZIONE E PROGRAMMA DI SPAGNOLO...p. 24 RELAZIONE E PROGRAMMA DI CINESE...p. 28 RELAZIONE E PROGRAMMA DI MATEMATICA...p. 33 RELAZIONE E PROGRAMMA DI FISICA. p. 36 RELAZIONE E PROGRAMMA DI SCIENZE...p. 39 RELAZIONE E PROGRAMMA DI STORIA DELL'ARTE...p. 42 RELAZIONE E PROGRAMMA DI EDUCAZIONE FISICA...p. 45 RELAZIONE E PROGRAMMA DI RELIGIONE...p. 48 ALLEGATO B: SIMULAZIONI DI TERZA PROVA...p. 50 ALLEGATO C: GRIGLIE DI VALUTAZIONE...p. 70 Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 2

3 LICEO STATALE "ANTONIO PIGAFETTA" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE per l Esame di Stato a.s LICEO LINGUISTICO Classe 5 ^ Sez A Coordinatore: prof.ssa Lievore Stefania STORIA DELLA CLASSE 1.1. Composizione del consiglio di classe nel triennio NOME DOCENTI DISCIPLINE 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura Italiana S. Lievore S. Lievore S. Lievore Lingua e letteratura Inglese C. Nizzero C. Nizzero C. Nizzero Lingua e letteratura Tedesca G. Callegaro G. Callegaro G. Callegaro Lingua e letteratura Spagnola L. Grassi K. Stefanutti G. Rampon Lingua e letteratura Cinese M. Nori M. Nori M. Nori Storia D. Sartori D. Sartori D. Sartori Filosofia D. Sartori D. Sartori D. Sartori Matematica C. Ceccato C. Ceccato C. Ceccato Fisica C. Ceccato C. Ceccato C. Ceccato Scienze naturali F. Martino F. Martino F. Martino Storia dell Arte F. Lora F. Lora F. Lora Scienze Motorie e Sportive R. Bissoli R. Bissoli G. Zanzarin Religione N. Doro N. Doro N. Doro 1.2. Percorso scolastico degli studenti nel Triennio Classe Iscritti Ritirati Nuovi inserimenti Scrutinati a giugno Promossi a giugno 3 anno anno 30 30* 5 anno 30 Giudizio sospeso Non ammessi * L alunna Emma Bolcati ha frequentato il quarto anno all estero nell ambito del progetto di Mobilità Studentesca Internazionale ed è stata promossa nello scrutinio di fine agosto. Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 3

4 1.3. Comportamento della classe nel Triennio Per quanto riguarda la socializzazione, la classe ha raggiunto un livello più che buono La capacità di ascolto e di attenzione si è mantenuta su livelli mediamente buoni La partecipazione al dialogo educativo e didattico è stata più che buona Si segnala la situazione di un alunno per il quale devono essere messe in atto strategie di supporto nello svolgimento dei compiti scritti attraverso l utilizzo di mezzi informatici 2. OBIETTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE ANNUALE 2.1. Sul piano formativo Obiettivo Potenziare il senso di responsabilità Far acquisire consapevolezza di essere parte attiva del percorso educativo Formare un soggetto capace di orientarsi nei vari aspetti della realtà Contribuire alla formazione di una mentalità aperta e critica Livello raggiunto (insuff., suff., discreto, buono, ottimo) Più che buono Buono Buono Mediamente discreto, in alcuni casi anche ottimo 2.2. Sul piano didattico Obiettivo Sviluppare interesse per le materie oggetto di studio e per le attività proposte al di fuori del percorso curricolare Esprimersi in modo corretto e appropriato, adottando il registro linguistico richiesto dalle diverse situazioni comunicative e dalle singole discipline Migliorare la capacità di analisi, sintesi, e di rielaborazione delle nozioni apprese Saper attuare collegamenti interni alla stessa disciplina. Saper attuare collegamenti tra discipline diverse Saper esprimere un giudizio personale motivato Livello raggiunto (insuff., suff., discreto, buono, ottimo) Complessivamente buono, in alcuni casi ottimo Mediamente discreto, con delle punte di eccellenza Mediamente buono Mediamente discreto, per alcuni ottimo Mediamente discreto, per alcuni ottimo Mediamente discreto, per alcuni ottimo Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 4

5 2.3 Insegnamento di discipline non linguistiche in Lingua straniera secondo la metodologia CLIL 1 Delibera del Consiglio di Classe del 22 ottobre 2015 (verbale n. 2) Intervento didattico: Modulo CLIL/Percorso multidisciplinare Il Consiglio di Classe, dopo una lunga discussione riguardo al progetto CLIL, decide di non realizzare nessun modulo o percorso perché tutti i docenti di disciplina non linguistica possiedono competenze linguistiche inferiori a quelle degli alunni e non sono stati formati nella metodologia CLIL. Pertanto il Consiglio di Classe, all unanimità, ritiene che non esistano le condizioni per realizzare il progetto Livelli generali raggiunti dalla classe: in termini di conoscenze Nell'acquisizione dei contenuti disciplinari, e specificatamente nell acquisizione di concetti, argomenti, procedure, linguaggi specifici, la conoscenza della classe è più che discreta in termini di competenze Nell applicazione delle conoscenze acquisite, la classe ha raggiunto un livello più che discreto in termini di capacità Nella capacità di analisi, di sintesi, di rielaborazione critica delle conoscenze acquisite, nell applicazione delle stesse ai vari campi del sapere, la classe ha raggiunto un livello mediamente più che discreto 3. OBIETTIVI SPECIFICI Per quanto riguarda gli obiettivi delle discipline curricolari, si rinvia alla relazione presentate dai singoli docenti del Consiglio di classe (Allegato A). 4. ATTIVITÀ INTEGRATIVE REALIZZATE DAL CONSIGLIO DI CLASSE Nel corso del Triennio la classe ha partecipato alle seguenti attività integrative: Scambio culturale in Germania Viaggio d istruzione a Roma Viaggio d istruzione a Barcellona e in Cina Annuale giornata della memoria Filosofia e Oriente: conferenza sul Taoismo Conferenze in lingua inglese: L Irlanda e Joyce Percorso sulla mitologia a Palazzo Thiene Lezione spettacolo in spagnolo: Don Quijotte caballero de la utopia Lezioni spettacolo Trovatori e giullari ; Orlando Furioso. Percorso palladiano in collaborazione con l Unesco Progetto teatro e scienza: spettacolo teatrale Il calcolo delle probabilità Progetto di educazione alla salute Incontri per l'orientamento in uscita 1 Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 5

6 Filosofia e Oriente: conferenza su arte e pensiero Spettacolo teatrale Antropolaroid Lezione di approfondimento sulla lingua cinese Il cinese classico nel cinese moderno. Laboratorio teatrale in spagnolo: La casa de Bernarda Alba di F. García Lorca Certificazioni linguistiche in tutte le lingue 5. ESEMPI DI PROVE EFFETTUATE IN PREPARAZIONE DELLA TERZA PROVA SCRITTA 5.1 Per i testi e le griglie di valutazione si rinvia agli Allegati B e C 5.2 SIMULAZIONI EFFETTUATE Data Tipo di prova Durata Discipline coinvolte Valutazione complessiva 10/02/2015 I 6 ore Italiano Discreto 31/03/2015 II 6 ore Inglese Più che discreto 18/03/2015 III 3 ore Filosofia, Discreto scienze, tedesco, cinese e spagnolo 09/05/2015 III 3 ore Filosofia, scienze, tedesco, cinese e spagnolo Allegati Allegato A: Relazioni e programmi dei singoli docenti Allegato B: Testi delle terze prove Allegato C: Griglie di valutazione per prove scritte e colloquio Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 6

7 CONSIGLIO di CLASSE DISCIPLINE FIRMA dei DOCENTI Lingua e letteratura Italiana Prof.ssa Stefania Lievore Lingua e letteratura Inglese Prof.ssa Cristina Nizzero Lingua e letteratura Tedesca Prof. Gaetano Callegaro Lingua e letteratura Spagnola Prof.ssa Giulia Rampon Lingua e letteratura Cinese Prof.ssa Marta Nori Storia Prof.ssa Diana Sartori Filosofia Prof.ssa Sartori Diana Matematica Prof.ssa Cristina Ceccato Fisica Prof.ssa Cristina Ceccato Scienze naturali Prof.ssa Felicetta Martino Storia dell Arte Prof.ssa Francesca Lora Scienze Motorie e Sportive Prof.ssa Giulia Zanzarin Religione Prof.ssa Nicoletta Doro Vicenza, 15 maggio 2015 Il Coordinatore di classe Stefania Lievore Il DIRIGENTE SCOLASTICO Roberto Guatieri Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 7

8 ALLEGATI Allegato A: relazioni e programmi dei singoli docenti Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 8

9 RELAZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO Classe: 5 Sez : A Prof.ssa Lievore Stefania 1. Obiettivi raggiunti dalla classe: in termini di conoscenze Nell'acquisizione dei contenuti disciplinari, e specificatamente nell acquisizione di concetti, argomenti, procedure, linguaggi specifici, le conoscenze della classe risultano mediamente più che discrete, ottime in qualche caso in termini di competenze Nell applicazione delle conoscenze acquisite la classe ha raggiunto un livello discreto, con delle punte d eccellenza in termini di capacità Nella capacità di analisi, di sintesi, di rielaborazione critica delle conoscenze acquisite, nell applicazione delle stesse la classe ha raggiunto un livello discreto, in alcuni casi buono e persino ottimo 2. CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO E TEMPI DI REALIZZAZIONE Argomento Autori Testi analizzati Tempi di realizzazio ne Il romanticismo La polemica classicoromantica in Italia Giacomo Leopardi Il pessimismo storico, la poetica e i primi Canti Il silenzio poetico e le Operette morali Il ritorno della poesia e gli ultimi Canti Schiller Berchet Madame de Stael Poesia ingenua e sentimentale La sola poesia è popolare Sulla novità delle traduzioni Zibaldone: Immaginazione degli antichi e sentimento dei moderni; La teoria del piacere; La poetica del vago e dell'indefinito. Canti: L ultimo canto di Saffo L infinito La sera al dì di festa Operette morali: Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di Plotino e di Porfirio Dialogo di Tristano e di un amico A Silvia Canto notturno di un pastore errante dell Asia A se stesso La ginestra o il fiore del deserto 2 12 Alessandro Manzoni La poetica Lettre à M. Chauvet: Poesia e storia Dalla prefazione al Conte di Carmagnola: Le funzioni del coro 8 Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 9

10 La produzione tragica Il romanzo La Scapigliatura: una rivolta non solo letteraria Naturalismo e Verismo: Verga Produzione mondana e conversione La conquista dell originalità: le tecniche narrative La poetica del decadentismo e del simbolismo Giovanni Pascoli Esperienze biografiche e capisaldi ideologici La poesia pura La forza innovativa delle soluzioni formali Gabriele D Annunzio Arte e vita Tappe di un itinerario Immobilismo o evoluzione? Il simbolismo crepuscolare E. Praga A. Boito Baudelaire Verlaine Rimbaud Sergio Corazzini Guido Gozzano Adelchi: Pur mi parea che ad altro fossi nato, Atto III,1 (in fotocopia) Il delirio di Ermengarda Coro dell atto terzo Coro dell atto quarto, righe I Promessi Sposi (conoscenza generale) Preludio Lezione di anatomia 2 Prefazione ad Eva Prefazione a L'amante di Gramigna Nedda ( in fotocopia) Vita dei campi: Fantasticheria Rosso Malpelo La prefazione de I Malavoglia I Malavoglia - Mastro Don Gesualdo La morte di don Gesuado L albatro Corrispondenze Arte poetica Lettera del veggente Myricae: Lavandare Novembre X Agosto L assiuolo Canti di Castelvecchio Gelsomino notturno Primi Poemetti Italy Il fanciullino Il piacere: Andrea Sperelli Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto Desolazione del povero poeta sentimentale I colloqui: La signorina Felicita Totò Merumeni (in fotocopia) Le poetiche delle avanguardie storiche Filippo T.Marinetti Aldo Palazzeschi Fondazione e manifesto del futurismo; Manifesto tecnico della letteratura futurista Lasciatemi divertire 3 Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 10

11 Italo Svevo L impiegato Schmitz I primi romanzi La coscienza di Zeno: la nuova forma del romanzo Luigi Pirandello La crisi dell io e della realtà oggettiva Principi di poetica e modalità di rappresentazione La rivoluzione teatrale di Pirandello Ungaretti e la poesia pura Umberto Saba Psicoanalitico prima della psicoanalisi Il vissuto e il poetico La rima fioreamore Eugenio Montale Un testimone del nostro tempo Ossi di seppia Gli sviluppi della lirica montaliana La coscienza di Zeno La prefazione del dottor S. La proposta di matrimonio Ritratto di Augusta La vita è una malattia L umorismo: Il sentimento del contrario Il flusso continuo della vita Il fu Mattia Pascal Uno, nessuno e centomila: Non conclude - Novelle per un anno Il treno ha fischiato Enrico IV: La vita, la maschera, la follia Sei personaggi in cerca di autore: L irruzione dei personaggi sul palcoscenico L Allegria: Il porto sepolto, San Martino del Carso, Veglia, Fratelli, Soldati I fiumi. Sentimento del tempo: L isola Non gridate più Il Canzoniere La capra A mia moglie Mio padre è stato per me l assassino Vivevo allora a Firenze, e una volta (in fotocopia) Amai Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Spesso il male di vivere Le occasioni: La casa dei doganieri Non recidere, forbice, quel volto La bufera e altro: L anguilla Satura: Ho sceso, dandoti il braccio Avevamo studiato per l'aldilà (in fotocopia) Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 11

12 3. METODI DEL PERCORSO FORMATIVO E ATTIVITÀ DI RECUPERO Nello studio della storia della letteratura sono state privilegiate la lettura e l analisi dei testi, dai quali sono stati desunti i principi di poetica dei vari autori. L opera dunque è stata il punto di partenza per comprendere l autore e riflettere sulle tematiche affrontate. Questa impostazione ha richiesto un intervento attivo degli alunni, dando origine a lezioni dialogiche. Fin dal terzo anno del liceo gli studenti sono stati esercitati nelle tipologie di esame, quest anno in modo particolare sono state dedicate alcune lezioni all approfondimento dell argomentazione, essenziale per uno studio liceale e per un corretto svolgimento della Tipologia B. 4. MEZZI SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO E stato utilizzato il seguente libro di testo: Luperini, Cataldi, Marchiani, Marchese La letteratura come dialogo, Palumbo Editore, volumi 2, 3a e 3b. Sono state fatte solo delle piccole integrazioni di fotocopie come risulta dal programma svolto. 5. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Le prove scritte, due nel trimestre e tre nel pentamestre, sono state organizzate conformemente alle indicazioni ministeriali in tipologie A, B, C, D ( analisi testuale guidata, saggio breve o articolo di giornale con documentazione, tema storico, tema generale). La valutazione è stata data sia in decimi sia in quindicesimi, secondo le griglie allegate. La valutazione ha tenuto conto delle seguenti capacità: conoscere gli argomenti oggetto di studio saper organizzare e riferire le proprie conoscenze in modo chiaro, preciso e coerente saper usare un lessico specifico e appropriato saper cogliere il significato delle conoscenze acquisite, saperle analizzare sotto vari punti di vista e metterle in rapporto anche con conoscenze acquisite in altri ambiti disciplinari. Il livello di sufficienza è definito dal possesso delle conoscenze e delle competenze indicate ai punti a), b), c) e dal grado di autonomia raggiunto riguardo al punto d). Vicenza, 15 maggio 2015 Firma del docente Stefania Lievore Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 12

13 RELAZIONE E PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe: 5^ Sez A Prof.ssa Diana Sartori 1. Obiettivi raggiunti dalla classe: in termini di conoscenze Nell'acquisizione dei contenuti disciplinari, e specificatamente nell acquisizione di concetti, argomenti, procedure, linguaggi specifici, le conoscenze della classe risultano abbastanza buone. in termini di competenze Nell applicazione delle conoscenze acquisite la classe ha raggiunto un livello abbastanza buono. in termini di capacità Nella capacità di analisi, di sintesi, di rielaborazione critica delle conoscenze acquisite, nella applicazione delle stesse la classe ha raggiunto un livello abbastanza buono. 2. CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO E TEMPI DI REALIZZAZIONE N. Titolo del modulo, unità didattica, argomento Contenuti disciplinari Il criticismo kantiano (non il periodo precritico) La Critica della Ragione Pura; L'etica kantiana e la Critica della Ragione Pratica 1. KANT La Critica del giudizio Il pensiero politico di Kant: Risposta alla domanda Che cos'è l'illuminismo?, la critica dello stato paternalistico, Per la pace perpetua. Caratteri generali del Romanticismo LA FILOSOFIA DEL 2. L'estetica romantica ROMANTICISMO Naturphilosophie Romanticismo politico (in rapporto a Storia) 3 VERSO L'IDEALISMO Verso l'idealismo: il dibattito postkantiano sulla cosa in sé 4 FICHTE 1. Il passaggio dal kantismo all'idealismo 2. La Dottrina della scienza e i suoi tre principi: la struttura dialettica dell Io 1. L'idealismo etico: il primato della ragion pratica 2. Il pensiero politico: i Discorsi alla nazione tedesca Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 13

14 N. Titolo del modulo, unità didattica, argomento Contenuti disciplinari - L assoluto come indifferenza di spirito e natura: le critiche a Fichte 5 SCHELLING - La filosofia della natura - L'estetica - Lo sviluppo del pensiero di Schelling: solo in sintesi La filosofia dell identità Introduzione: l'idealismo assoluto, la dialettica, la struttura del sistema La Fenomenologia dello spirito: Il ruolo della fenomenologia all interno del sistema; L'itinerario della coscienza e le sue figure Il sistema: - La logica 6 HEGEL - La filosofia della natura - La filosofia dello spirito - Lo spirito soggettivo 1. Lo spirito oggettivo( diritto, moralità, eticità) 1. L'eticità: famiglia, società civile, stato - La filosofia della storia 2. Lo spirito assoluto - L arte - La religione - Filosofia e storia della filosofia 7 FEUERBACH 8 MARX 9 SCHOPENHAUER 1. Destra e Sinistra hegeliana 2. La critica a Hegel 3. La critica della religione Caratteri generali del pensiero marxiano Il giovane Marx: filosofia ed emancipazione umana Concezione materialistica della storia e socialismo L'analisi della società capitalistica Il mondo della rappresentazione come velo di Maya Il mondo come volontà Le vie di liberazione Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 14

15 N Titolo del modulo, unità didattica, argomento KIERKEGAARD Tratti generali del positivismo Contenuti disciplinari Caratteri generali del pensiero: esistenza, angoscia, scelta Esistenza e comunicazione Gli stadi dell'esistenza: vita estetica, vita etica, vita religiosa Caratteri generali del positivismo Cenni alla legge dei tre stadi di Comte 12 NIETZSCHE 13 FREUD E LA PSICOANALISI Caratteristiche del pensiero e della scrittura di Nietzsche Il senso tragico del mondo Il linguaggio e la storia (Seconda inattuale) Il periodo illuministico Il superuomo e l'eterno ritorno La critica della morale e della religione Introduzione : la rivoluzione psicoanalitica La scoperta dell'inconscio La metapsicologia La terapia psicoanalitica 3. METODI DEL PERCORSO FORMATIVO E ATTIVITÀ DI RECUPERO Si è utilizzata in prevalenza la lezione frontale, ma si sono fatte attività di analisi e discussione a partire da letture e materiali audiovisivi 4. MEZZI SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO Testo adottato: Cioffi Luppi Zanette Il discorso filosofico vol 2b e vol 3a Integrazioni al testo adottato (soprattutto per la lettura dei testi), tecnologie audiovisive. 5. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Criteri comuni adottati dal dipartimento. Verifiche orali, prove scritte, test oggettivi Firma del docente Prof.ssa Diana Sartori Vicenza, 15 maggio 2015 Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 15

16 RELAZIONE E PROGRAMMA DI STORIA Classe: 5^ Sez: A Prof.ssa Diana Sartori 1. Obiettivi raggiunti dalla classe: in termini di conoscenze Nell'acquisizione dei contenuti disciplinari, e specificatamente nell acquisizione di concetti, argomenti, procedure, linguaggi specifici, le conoscenze medie della classe risultano abbastanza buone. in termini di competenze Nell applicazione delle conoscenze acquisite la classe ha mediamente raggiunto un livello abbastanza buono. in termini di capacità Nella capacità di analisi, di sintesi, di rielaborazione critica delle conoscenze acquisite, nell applicazione delle stesse la classe ha raggiunto mediamente un livello discreto. CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO La pesante riduzione delle ore di storia nel nuovo ordinamento ha reso arduo svolgere il programma ministeriale nella sua compiutezza, la docente ha accumulato ritardo nell'avanzamento del programma durante i due anni precedenti e pur sintetizzando vari argomenti è riuscita ad arrivare solo alle soglie della 2^ guerra mondiale. * Gli argomenti affrontati trovano i seguenti riferimenti nel manuale in adozione. N. 1. Titolo del modulo, unità didattica, argomento LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE (Vol 2.1 UNITA 5) Contenuti disciplinari CAP.10 LE ORIGINI DELL INDUSTRIALIZZAZIONE Approfondimento: Modelli di sviluppo. Le fasi di Rostow e il modello di Gerschenkron sull industrializzazione tardiva. 2 LE ORIGINI DELLA POLITICA CONTEMPORANEA CAP.11 STATO E IDEOLOGIE POLITICHE NELL (Vol.2.2 UNITÀ 6 ) 3 LE LOTTE PER LA CAP. 12 RESTAURAZIONI E RIVOLUZIONI ( ) Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 16

17 LIBERTÀ (UNITÀ 7) nella sintesi sintesi (escluso guerra civile Svizzera) CAP. 13 LE AMERICHE Nella sintesi ( 13.5 solo La dottrina Monroe: l America agli Americani ) CAP. 14 IL RISORGIMENTO ITALIANO CAP. 15 LE RIVOLUZIONI DEL IL MONDO BORGHESE (UNITÀ 8) 5 L UNITÀ D ITALIA CAP. 16 SOCIETÀ BORGHESE E MOVIMENTO OPERAIO solo L enciclica «Quanta cura» e il «Sillabo» CAP. 17 L UNIFICAZIONE NAZIONALE (UNITÀ 9 ) 6 LA POLITICA DI POTENZA (UNITÀ 10 ) CAP. 18 I PROBLEMI DELL UNIFICAZIONE CAP. 19 L EUROPA DELLE GRANDI POTENZE ( ) sintesi ,19.9,19.10 sintesi CAP. 20 I NUOVI MONDI: STATI UNITI E GIAPPONE , il resto in sintesi CAP. 21 IMPERIALISMO E COLONIALISMO CAP. 22 L ITALIA LIBERALE (Ma 22.4 nella sintesi) 7 INDUSTRIALIZZAZION E E SOCIETA DI MASSA (Vol 3.1 UNITA 1) 8 L EUROPA E IL MONDO ALLA VIGILIA DELLA GUERRA (UNITA 2) CAP. 1 - LA SECONDA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE CAP. 2 - VERSO LA SOCIETA DI MASSA (escluso 2.12) CAP. 3 - L EUROPA TRA DUE SECOLI CAP. 4 - IMPERIALISMO E RIVOLUZIONE NEI CONTINENTI EXTRAEUROPEI (Nella sintesi) CAP. 5 - L ITALIA GIOLITTIANA 9 GUERRA E RIVOLUZIONE CAP.6 - LA PRIMA GUERRA MONDIALE Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 17

18 (UNITA 3) CAP.7 - LA RIVOLUZIONE RUSSA CAP. 8 L EREDITA DELLA GRANDE GUERRA CAP.9 IL DOPOGUERRA IN ITALIA E L AVVENTO DEL FASCISMO 10 LA GRANDE CRISI E I TOTALITARISMI (UNITA 4) 11 LA SECONDA GUERRA MONDIALE E IL SECONDO DOPOGUERRA (Vol.3.2 UNITA 1) CAP.10 - ECONOMIA E SOCIETA NEGLI ANNI 30 CAP.11 L ETA DEI TOTALITARISMI CAP.12 L ITALIA FASCISTA CARATTERI GENERALI CAP LA SECONDA GUERRA MONDIALE SOLO IN ESTREMA SINTESI SE POSSIBILE NELLE ULTIME LEZIONI 3. METODI DEL PERCORSO FORMATIVO E ATTIVITÀ DI RECUPERO Si è utilizzata in prevalenza la lezione frontale, ma si sono fatte attività di analisi e discussione a partire da letture e materiali audiovisivi 4. MEZZI SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO Testo adottato: A.Giardina, G.Sabbatucci, Profili storici, edizioni Laterza. Vol.2.2, Vol. 3.1, Vol.3.2 Materiale documentario e filmico. 5. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Criteri secondo la programmazione di dipartimento. Verifiche orali, prove scritte, test oggettivi Firma del docente Prof.ssa Diana Sartori Vicenza, 15 maggio 2015 Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 18

19 RELAZIONE E PROGRAMMA DI INGLESE Classe: 5^ Sez: A Prof.ssa Nizzero Cristina 1. Obiettivi raggiunti dalla classe: in termini di conoscenze Nell'acquisizione dei contenuti disciplinari, e specificatamente nell acquisizione di concetti, argomenti, procedure, linguaggi specifici, le conoscenze della classe risultano discrete, in alcuni casi ottime in termini di competenze Nell applicazione delle conoscenze acquisite la classe ha raggiunto un livello mediamente discreto, ottimo per alcuni in termini di capacità Nella capacità di analisi, di sintesi, di rielaborazione critica delle conoscenze acquisite, nell applicazione delle stesse la classe ha raggiunto un livello discreto, ottimo per alcuni CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO E TEMPI DI REALIZZAZIONE N. Titolo del modulo, unità didattica, argomento Contenuti disciplinari Mese programmato 1. The Romantic Age An introduction settembre 2. W.Wordsworth Preface to the 2 nd edition of Lyrical Ballads settembre I Wandered Lonely as a Cloud settembre 3. S.T.Coleridge The Rime ottobre Part I, III, VII (ll ) 4. The Victorian Age An introduction; ottobre novembre The Victorian compromise; workhouses; the Victorian novel 5. C.Dickens Oliver asks for more from Oliver Twist Novembre Coketown, Facts from Hard Times 10. O.Wilde The Picture of Dorian Gray (lettura estiva versione integrale) dicembre Basil Hallward, Dorian s Death Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 19

20 11. The War Poets R.Brooke, S.Sassoon, W.Owen gennaio The Soldier, They, Dulce et Decorum Est 12. The Modern Age The Age of anxiety febbraio 13. V.Woolf From Mrs Dalloway, an extract: Febbraio-marzo Bond Street 14. J.Joyce From Dubliners, Eveline Marzo-aprile from Ulysses, an extract: Molly Bloom's final monologue 15. G.Orwell From 1984, two extracts: maggio Text one (Part 1, Chapter 1) Newspeak (Part 1, Chapter 5) 3. METODI DEL PERCORSO FORMATIVO E ATTIVITÀ DI RECUPERO Lo studio della letteratura è partito dalla lettura dei testi di prosa e di poesia, con successivo commento e analisi, attraverso esercizi mirati alla comprensione, all'analisi delle tecniche narrative e dello stile, per arrivare ai temi, agli autori, al contesto letterario, ponendo attenzione, per quanto possibile, a collegamenti tra diverse discipline. Lezioni frontali sono state alternate a lavori di gruppo o di coppia allo scopo di stimolare la discussione e di rinforzare l'esercizio dell'espressione orale. I compiti per casa sono sempre stati corretti in classe. Si è cercato di preparare gli alunni alla seconda prova scritta d'esame con compiti mirati ad esercitarli su comprensione del testo e produzione. A questo scopo si è fatto uso di alcune prove ministeriali degli anni precedenti, usate anche nella prova di simulazione concordata con i colleghi del Consiglio. Gli alunni sono stati preparati, in particolare durante la prima parte dell anno scolastico, a fornire risposte scritte a quesiti di argomento letterario in un certo numero di parole in previsione della terza prova d'esame. Da quando a gennaio è giunta comunicazione dal Ministero che gli studenti avrebbero dovuto affrontare la seconda prova scritta obbligatoriamente in lingua inglese (Lingua 1), gli sforzi sono stati diretti unicamente verso questo tipo di prova. 4. MEZZI SPAZI E TEMPI DEL PERCORSO FORMATIVO Testo in adozione: Only Connect..New Directions, Marina Spiazzi, Marina Tavella, LINGUE ZANICHELLI, Vol.1 e 2 Materiale in fotocopia Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 20

21 CD/DVD Lavagna interattiva 5. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Per la valutazione delle verifiche orali si è tenuto conto dei seguenti fattori: la capacità di esprimersi con semplicità, chiarezza ed efficacia, organizzando il discorso con buona logica e coerenza; la conoscenza dei contenuti; la capacità di rielaborazione; la correttezza della pronuncia. Per la valutazione delle verifiche scritte sono stati tenuti in considerazione i seguenti fattori: la comprensione del testo, la correttezza formale, la capacità di rielaborazione e di sintesi, la conoscenza dei contenuti. Si fa riferimento alla griglia di valutazione concordata con i colleghi di lingue per la prova scritta. Il Dipartimento di Inglese del Liceo Pigafetta segnala che gli esempi di Seconda Prova scritta (Inglese) pubblicati dal MIUR in data 30 aprile 2015, acquisiti dai docenti il 6 maggio u.s., presentano delle novità significative rispetto alla prassi da tempo consolidata dei Licei Linguistici. In particolare si rilevano: la presenza di quattro tipologie di testo (non più due) tra cui scegliere; l introduzione di due ambiti (artistico e storico- sociale) completamente nuovi; - la richiesta di una riflessione sul testo che implica l utilizzo di competenze linguistiche superiori a quelle previste dal profilo in uscita dello studente, secondo la cosiddetta Legge Gelmini. La tempistica con cui queste novità sono state comunicate ha impedito sia di allenare gli studenti alla nuova prova d esame, sia di somministrare una simulazione d esame conforme ai sopracitati cambiamenti. Firma del docente Prof.ssa Cristina Nizzero Vicenza, 15 maggio 2015 Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 21

22 RELAZIONE E PROGRAMMA DI TEDESCO Classe: 5^ Sez : A Prof.Gaetano Callegaro Obiettivi raggiunti dalla classe: in termini di conoscenze Nell'acquisizione dei contenuti disciplinari, e specificatamente nell acquisizione di concetti, argomenti, procedure, linguaggi specifici, le conoscenze della classe risultano mediamente discrete, per alcuni allievi sono buone o ottime in termini di competenze Nell applicazione delle conoscenze acquisite la classe ha raggiunto un livello mediamente discreto, per alcuni allievi il livello è buono o ottimo in termini di capacità Nella capacità di analisi, di sintesi, di rielaborazione critica delle conoscenze acquisite, nell applicazione delle stesse la classe ha raggiunto un livello mediamente discreto, per alcuni allievi il livello è buono o ottimo 2. CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO E TEMPI DI REALIZZAZIONE N. Titolo del modulo, unità didattica, argomento Contenuti disciplinari Mese programmato 1. Romantik J. von Eichendorff: Mondnacht, Der Taugenichts; settembre - ottobre 2. Realismus H. Heine: Das Fräulein stand am Meere, Die Weber, Deutschland. Ein Wintermärchen Th. Fontane: Effi Briest 3. Jahrhundertwende G. Trakl: Grodek F. Kafka: Das Urteil, Der Brief an den Vater, Die Verwandlung novembre - dicembre gennaio - febbraio 4. Weimarer Republik H. Hesse: Siddhartha B. Brecht: Das Kreidekreuz B. Brecht: Mein Bruder war ein Flieger; General,dein Tank; 1940 (Mein junger Sohn); An die Nachgeborenen; Die Lösung; Fragen eines lesenden Arbeiters 5. Gegenwart P. Weiss: Die Ermittlung; P. Celan: Todesfuge W. Borchert: Die Küchenuhr; marzo - aprile aprile - maggio Liceo statale Antonio Pigafetta, Vicenza Documento del Consiglio di Classe 22

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo.

Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Il coro ha cominciato la sua attiv ità con 15 bambini ed attualmente ne conta 35, prov enienti dalle div erse scuole primarie del circolo. Tutti i bambini che ne fanno richiesta v engono ammessi al Coro,

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario

Prot. Novara, 20 luglio 2015. Date Impegni Orario Prot. Novara, 20 luglio 20 OGGETTO: CALENDARIO DEGLI IMPEGNI DI SETTEMBRE 20 Date Impegni Orario 1 settembre Collegio Docenti :00 2 settembre Prove studenti con giudizio sospeso (vedi elenco) 8:30 3 settembre

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Anno Scolastico 2014-2015

Anno Scolastico 2014-2015 Corso: MECCANICA, MECCATRONICA E ENERGIA - BIENNIO COMUNE RELIGIONE CATTOLICA 9788805070985 SOLINAS LUIGI TUTTI I COLORI DELLA VITA + DVD - EDIZIONE MISTA / IN ALLEGATO U SEI 16,35 No No No GIORDA, DIRITTI

Dettagli

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE

ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE O B I E T T I V I M I N I M I P E R L A S C U O L A P R I M A R I A E S E C O N D A R I A D I P R I M O G R A D O ITALIANO - ASCOLTARE E PARLARE Ascoltare e comprendere semplici consegne operative Comprendere

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli