Poeti in lingua e in dialetto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Poeti in lingua e in dialetto"

Transcript

1 Poeti in lingua e in dialetto 1

2 Associazione Culturale La Guglia Con il patrocinio di Regione Marche Provincia di Ancona e la collaborazione dei Comuni di Agugliano - Camerata Picena Polverigi Si ringraziano 2

3 POETI IN LINGUA E IN DIALETTO a cura di Fabio M. Serpilli LA CITTÀ DEI POETI Poesia onesta

4 4

5 Definizione di poesia È possibile definire la poesia? Se diamo precedenza al dato etimologico, scopriamo che il greco poièsis è un fare creativo. E storicamente la poesia è nata come narrazione. Così i tragici greci raccontavano le gesta della loro gente. Il latino Virgilio incomincia l Eneide con «L armi canto e il valore del grande eroe» che denuncia una chiara funzione programmatica. E quindici secoli dopo l Orlando Furioso dell Ariosto ha questo avvio chiastico: «Le donne, i cavalier, l arme, gli amori,/ le cortesie, l audaci imprese io canto» Con il tempo la parola poetica si volge alle vicende dell uomo, alla sua avventura interiore. Ed è un fare diverso che ha tutti i caratteri del divenire. Un efficace immagine dell esperienza creativa è il vento. Shelley ne adotta la simbologia come elemento di creazione, di libertà, caos, sovvertimento dello status quo. In due momenti solenni della Bibbia appare il vento (l ebraico ruah indica più precisamente il soffio ): all inizio «quando aleggiava sulle acque» (Gen 1,2) nel caos che precede la creazione prima che erompi la parola fiat: sia fatto. E la parola è subito azione. Si trova anche nella Pentecoste (Atti 2, 1-4) quando lo Spirito (gr. Pnoès) scende sui discepoli come un vento che sconquassa casa e poi di nuovo la Parola è presente in forma di lingue di fuoco. È la stessa dinamica che accompagna l invasione poetica. Nominando le cose, noi le estraiamo dal nulla. Il concetto è presente anche in Cesare Viviani: «La poesia è quella pratica che fa diventare tutte le parole nomi propri». Uno degli incipit più alti della storia della letteratura, e non solo religiosa, si ha nel vangelo di Giovanni (1,1): «In principio era la Parola e la Parola era presso Dio e la Parola era Dio». Prologo che si configura come una particolare forma di sillogismo da capogiro teologico. Sta di fatto che la poesia è la prima delle arti ed è la più povera, poiché con la sola parola il poeta deve creare tutto: immagini, colori, 5

6 musica, profumi, azioni, scene Proprio con la parola che è inodore, incolore, insapore È forse impossibile una definizione di poesia ma è una tentazione comune a tanti autori contemporanei. Per Italo Calvino, che riprende un famoso calco agostiniano, «la poesia consiste nel far entrare il mare in un bicchiere». «La poesia è abbandono - sostiene A. Zanzotto - ma richiede molta accortezza e lavoro artigianale; nasce anche da irruzioni spontanee, che vengono dall inconscio». «Il poeta - approfondisce Maria L. Spaziani - registra il diario del profondo, non può mentire e lavora sempre su materiali di verità». Giovanni Raboni, invece, sottolinea l inesprimibile: «Se sapessi riassumere la sostanza di quello che scrivo, avrei già rinunciato a esprimermi in versi.» Continuando in ordine sparso in altri autori cogliamo aspetti particolari del fare poesia. Claudio Magris: «La lirica si sporge sul ciglio del silenzio, una parola strappata al tacere e fiorita dal tacere». Non la pensa diversamente Kafka quando a un giovane poeta raccomanda meno rumore nei versi. Dice una cosa analoga Paul Claudel: «La poesia è fatta del bianco che resta sulla carta». (Le muse) Montale mette la sordina: «La poesia è un prodotto assolutamente inutile ma quasi mai nocivo e questo è uno dei suoi titoli di nobiltà, non il solo, essendo la poesia una malattia assolutamente endemica e incurabile». J. Brodskij: «La poesia è lo scopo genetico dell uomo. In questo senso è l esistenza, non la forma alternativa dell esistenza». Rivelatori infine i versi della Dickinson: «La bellezza non ha causa, esiste» e «Definizione della melodia / è che non ha definizione» Allo stesso modo non si può definire la poesia. Dopo di che tutti la definiscono. 6

7 L A R O P A T A A L L A V O Mario Luzi 7

8 Ulteriori definizioni di poesia Il presente accostamento di definizioni segue i criteri di contrapposizione e(o) contiguità semantica. Ungaretti: «Quando trovo/ in questo mio silenzio/ una parola/ scavata è nella mia vita/ come un abisso». (Commiato da Il porto sepolto) Su questo versante è il linguista Jakobson: «Oggetto della poesia è il linguaggio». Saba: «la letteratura sta alla poesia come la menzogna alla verità La poesia è un azione, non una reazione». Franz Kafka: «Il poeta il suo canto, per lui personalmente, è soltanto un grido». (Conversazione con Gustav Janouch) Michel E. De Montaigne: «Si può fare lo stupido dappertutto ma non nella poesia» (Saggi) Se Samuel T. Coleridge dice : «L Ottavo Comandamento non fu fatto per i poeti» (Biasimo e replica), Solone, al contrario sosteneva che «I poeti dicono molte bugie» (Frammenti). D accordo si mostra il cantautore F. De André: «I poeti che strane creature/ ogni volta che parlano è una truffa!» Gottfried Benn: «La poesia si può definire l intraducibile per eccellenza» (Problemi della lirica). Tant è che Tonino Guerra non ama che i suoi testi vengano tradotti dal dialetto all italiano. Si dà il caso invece che Robert Frost dica: «La poesia è ciò che resiste ad una traduzione!». A favore del dialetto si pronuncia il filosofo Italo Mancini: «La nostra lingua è bella. Ma nulla è più espressivo delle parlate dialettali». (Tre follie) «Con ogni parola in italiano noi mentiamo». A dirlo è il mitteleuropeo Italo Svevo. Jorge Luis Borges: «Ogni poesia è misteriosa; nessuno sa interamente ciò che gli è stato concesso di scrivere» (Obra poetica) Benedetto Croce: «Nella vera poesia [ ] le espressioni rivelano noi a noi stessi.» (Poesia e non poesia) «Tutto a comprendere e a prendere niente/ venne sulla terra il poeta» (S. Esenin in Vascelli equini) 8

9 «La poesia non tollera ipotesi, ma solo l evidenza dei miracoli» (Gianfranco Contini: Esercizi di lettura). «Il poeta è veramente ladro di fuoco» (A. Rimbaud, Lettera del veggente) «La vera poesia può comunicare anche prima di essere capita.» (Thomas St. Eliot in Dante) «Tutta la poesia è un viaggio nell ignoto» V. Majakovskij: Conversazione con un esattore fiscale sulla poesia. Le tesi che vanno da Borges a Majakovskij si oppongono a Gustave Flaubert: «La poesia è una scienza esatta come la geometria». (Lettera a Louise Colet) A. De Lamartine sembra tentare una sintesi: «La poesia è la ragione cantata» (I destini della poesia). Continuiamo come su una bancarella letteraria l esposizione di frasi. «Una poesia ragionevole è lo stesso che dire una bestia ragionevole.» (Leopardi in Zibaldone») «Poesia è malattia» (F. Kafka: op. cit.). «La poesia è una malattia del cervello» (Alfred De Vigny in Chatterton) «Tutti i poeti sono pazzi» (Robert Burton: Anatomia della malinconia). «In poesia è affatto negato di riuscire con lo studio dell arte chiunque non vi ha la natura» (G. Vico: La scienza nuova) «Il poeta è un grande artiere, / che al mestiere/ fece i muscoli d acciaio.» (G. Carducci: Rime nuove) «Se la poesia non nasce con la stessa naturalezza delle foglie sugli alberi, è meglio che non nasca neppure» (John Keats: Lettera a John Taylor) «Buoni poeti si diventa, oltre che si nasce» (Ben Jonson: In memoria di Shakespeare). «A poem should not mean but be» (Archibald Mc Leish in Ars poetica). «Con orrore/ la poesia rifiuta/ le glosse degli scoliasti» (Montale: Satura). 9

10 Alcuni evidenziano il carattere ludico. «Il poeta ha le sue giornate/ contate,/ come tutti gli uomini; ma quanto/ quanto beate!» (U. Saba, Il poeta). «Gli uomini non domandano più nulla/ ai poeti:/ e lasciatemi divertire!» (A. Palazzeschi, Lasciatemi divertire) Per altri i poeti sono «gente irritabile» (Orazio, Epistole, II, 2, 102) «Il poeta è il genio della rimembranza» (S. Kieerkegaard, Timore e tremore). «I poeti non dimenticano» (Quasimodo, La vita non è sogno). Dalla definizione alla argomentazione Definire la poesia dipende anche dalla situazione storica e dal ruolo che le viene dato. La nostra attenzione si soffermerà sulla produzione degli ultimi decenni. Per Fabio Doplicher ( ) curatore de Il pensiero, il corpo: antologia degli ultimi venti anni della poesia italiana (Avezzano. Stllb, 1986) la poesia del Novecento finisce con il Gruppo 63. Negli anni Settanta la poesia attraversa il vuoto, perché dopo le grandi sintesi strutturali (convenzioni tra psicologie, ideologie) di fronte ai poeti non sta più alcuna utopia. La poesia è vista sempre più come un laboratorio dove si cerca un senso alla funzione della lingua e della poesia. Al riguardo Franco Loi (n. 1930) pensa che la rivoluzione linguistica è vasta e profonda e non coinvolge solo la televisione ma anche i bar, gli stadi, la scuola, insomma ogni luogo dove convergono le persone. La poesia è l accadimento di un rapporto intenso e profondo dell uomo con gli altri oltre che dell uomo con se stesso. Per Mario Luzi la poesia è viva e caotica come la società che la esprime, e spesso si esaurisce in un parlarsi addosso come fanno gli infermi. La poesia è sempre stata per pochi. Solo i modelli istituzionali (Dante e Leopardi) si salvano. Il linguaggio poetico, essendo per sua natura innovativo, e comunque connotato al massimo grado (Lotman), si 10

11 discosta dal linguaggio corrente. Nel Secondo Dopoguerra ha prevalso il filone anglosassone con Pound in testa, seguito da un acceso sperimentalismo. In seguito (sempre secondo Luzi) la nostra poesia ha conosciuto molti recuperi di classicità o comunque legati alla tradizione interna, in particolare all ermetismo. Oggi coesistono i modelli più diversi ma prevalgono quelli che alimentano l ispirazione di una poesia intenta alla descrizione di una realtà minuta, minimale, caratterizzata da frequenti giochi formali. Giuseppe Conte sostiene che lo sperimentalismo è morto e sepolto. Ha vinto il bisogno del simbolico, si affaccia un nuovo senso del mito, della realtà al suo stato essenziale. Una mappa del paesaggio poetico Per la poesia degli ultimi anni Ottanta, Mario Fortunato ritiene che gli autori hanno in comune la stessa esigenza: tornare alla tradizione. Anche Pier Vincenzo Mengaldo ha lavorato su questa ipotesi nel volume La tradizione del Novecento (Bollati Boringhieri. 2000). Dopo le Avanguardie; le kermesse dei festival degli anni Settanta; dopo lo spericolato sperimentalismo, ci si chiede se esiste un progetto della poesia italiana. È nata così una mappa del paesaggio poetico, dove le etichette vanno utilizzate per quel minimo di orientamento che possono offrirci. Simbolisti. Nel solco della tradizione del Simbolismo (da Mallarmé a Celan) si raggruppano quei poeti che intendono il loro lavoro sul verso come confronto con il sacro: G. Conte (sul versante mitico) Gregorio Scalise attraverso toni magici. Milo De Angelis riflette quella traccia più propriamente neo-orfica, oracolare. Postsimbolisti sono Mario Baudino, Roberto Mussapi. Neo-esistenziali. La loro poesia è imbevuta delle cose della quotidianità, disseminata di oggetti, magari interiori, che possono dar 11

12 luogo a un alto grido o a un dolore contenuto. Così è Dario Bellezza in Serpenta (Mondadori 1987) che si allontana dal tono maledettistico e sublime. Sono del Gruppo anche Jolanda Insana, Elio Pecora per il quale «Oggi non ci sono più grande scuole, ognuno ha il suo laboratorio» D altro canto anche in Montale ci sono simboli e allegorie ma rintracciati da oggetti. Nell ambito romano vanno ricordati Patrizia Cavalli, Biancamaria Frabotta e Renzo Paris. A Milano c è Maurizio Cucchi. Manieristi. La tendenza più eterogenea che riannoda forme della tradizione novecentesca a formule più remote: Patrizia Valduga, che tenta un recupero del Seicento. Secondo Fortini questi sono dei «Post-moderni che sentono il passato storico come un enorme supermarket in cui si possono scegliere forme tradizionali in modo ironico». Così anche Valentino Zeichen (Museo interiore. Guanda, 1987) autore ironico e un po bohemien: «Sono passato attraverso l inferno dell Avanguardia, riutilizzando i linguaggi della tecnologia e piegandoli alla metafora e ricercando il recupero della narratività e del senso». Così anche Roberto Pazzi e Paolo Ruffilli. Valerio Magrelli con la sua formula diario, più che post-moderno si può chiamare neo-moderno. Il suo nocciolo duro consiste nel desiderio di comunicazione cui le avanguardie avevano rinunciato. Neo-romantici. Forse rappresentano la tendenza più provvisoria. È la più vicina al filone post-moderno indicato da Fortini. I nomi sono quelli di Marco Papa, Arnoldo Colasanti e Gabriella Sica. Hanno il tono alto. Sperimentalisti. È la tendenza più vicina agli anni Settanta: per lei la partita non è ancor conclusa sul fronte del linguaggio, sulla possibilità di scardinarlo, individuando nuove modalità espressive. Fa capo alla rivista bolognese Dispacci, che secondo Roberto Roversi, «si oppone a tanta poesia di oggi, di buona qualità ma che non scuote il lettore e non produce sorprese». 12

13 A questo Gruppo appartengono Tommaso Kemeny, Cesare Viviani, che dopo anni di sperimentalismo, è approdato (con Merisi. 1986) «All osservazione della concretezza quotidiana, dell esperienza». I canoni della letteratura del Novecento Giovanni Raboni (Corriere della Sera, 5 giugno 2001) prendendo lo spunto da un ipotesi di possibile antologia del Novecento, stila un proprio personale canone di undici poeti (Saba, Palazzeschi, Tessa, Rebora, Ungaretti, Montale, Betocchi, Sereni, Zanzotto, Luzi, Giudici) e ne seleziona altri venti a suo parere di secondo piano. Grandi esclusi: Caproni e Pasolini. Le polemiche si sono fatte sentire il giorno dopo e proprio dalle colonne dello stesso Corriere. Renzo Paris lamenta l assenza totale in questo canone di donne come la Pozzi, Rosselli, Merini. Raboni si difende dicendo che il suo panorama si limitava agli anni Settanta. Puntuale nel 2001 è uscita l antologia (Ed. Garzanti) di Franco Loi e Davide Rondoni: Il pensiero dominante. Poesia italiana ( ) e il vuoto appare colmato con la pubblicazione di decine di poeti che compongono il vasto panorama che mette in discussione schemi già consolidati, e suggerisce approfondimenti. Parte dal 1960 il giovane scalpitante Daniele Piccini, curatore dell antologia del 2005 La poesia italiana dal 1960 a oggi. Altri poeti esprimono una antologia domestica a proprio uso e consumo, talora per bilanciare con nuove presenze, singoli e gruppetti dimenticati da compilatori distratti. Così accade che gli esclusi da precedenti compilazioni a loro volta escludono gli esclusori, mostrando un pizzico di vendetta. Appartenere a una delle tante antologie diventa un modo per non apparire un emarginato della letteratura italiana ed esporre il marchio PDOC: poeta a denominazione controllata. 13

14 Lavori in corso Fa notare Roberto Carnero che aumenta la voglia di canone nell ambito della poesia. La volontà di sistematizzazione delle poesie del Novecento. Ma c è anche la tendenza a rivedere il canone già esistente, quello considerato ufficiale. Alcune riletture del Novecento propongono nomi dimenticati mentre vengono esclusi gli intoccabili, i consacrati. Alcune pubblicazioni espongono con uno sguardo nuovo e originale, la produzione poetica del Novecento. Così Il canto strozzato. Poesia italiana del Novecento, a cura di Giuseppe Langella ed Enrico Elli (Interlinea, 2004) intende offrire una panoramica della poesia italiana contemporanea da Pascoli a Zanzotto. I poeti antologizzati sono oltre cento e ogni volume si distingue per il tentativo di superare luoghi comuni storiografici, aprendosi a nuove prospettive di interpretazione, non esclusa la religiosa. Ha un carattere più militante l antologia critica di Giorgio Manacorda (La poesia italiana oggi Castelvecchi, 2004) che limita lo sguardo all ultimo cinquantennio e inserisce quarantuno poeti che rispondono a predefinite categorie laiche. Per dovere di cronaca vengono studiati Conte, Cucchi, Luzi, Zanzotto. Sempre nel 2004 appare in versione aggiornata l antologia Il pubblico della poesia (Castelvecchi) curata da Alfonso Belardinelli e Franco Cordelli. In questo volume gli scrittori si autopresentano esponendo le loro idee sulla propria poetica, il rapporto con il pubblico, la percezione del mercato editoriale e l industria culturale. Altri criteri informano Il Novecento in versi (Il Saggiatore, 2004) dove Franco Forti non sfrutta un canone costruito a tavolino, ma un criterio empirico, basato cioè sull esperienza quotidiana di un lettore chiamato a scegliere le nuove voci della poesia italiana, partendo dai classici per approdare alle esperienze più recenti, come quelle di Conte, Cucchi, Viviani. 14

15 Proprio Cesare Viviani in La voce inimitabile (Il melangolo, 2004) si mostra in polemica con certa critica ufficiale sostenendo che «il canone letterario è una delle mortificazioni a cui la critica sottopone la poesia». Per Viviani «In poesia si tratta di fare l esperienza dell intraducibilità della parola» per cui questa esperienza è radicale, non ammette alcuna misura intermedia in quanto «è canto inimitabile, voce inimitabile». Come si vede, intorno alla poesia i lavori sono ancora in corso. Nelle Marche La situazione si è presentata spesso come una roccaforte di poeti e critici che hanno blindato la poesia e, come in una sorta di Sant Uffizio laico, forti di cattedre universitarie, riviste letterarie, case editrici, appoggi di istituzioni basate sul conformismo politico e ideologico, hanno annesso (quasi mai) e sconnesso (quasi sempre) poeti e poesie non in linea con i loro canoni e interessi. Si distingue questa produzione per un ritorno alla poesia neomelica, a parte qualche eccezione sperimentalista in Ercole Bellucci, l ultimo Paolo Volponi e il primo De Signoribus. Si assiste quindi a un accomodamento su rassicuranti moduli cantabili sull aroma di ariette pascoliane, caproniane. Molti hanno vissuto di questa epigonìa. Per il cane sciolto Massimo Ferretti di Chiaravalle e per Plinio Acquabona invece scende il silenzio. Così per il padre della marchigianità lo scomparso Carlo Antognini (critico e storico letterario) continua la cultura dell oblio, come nota Fabio Ciceroni. Altri, dopo aver sfruttato il nome di Scataglini e raggiunta la gloria, si tengono la gloria e dimenticano Scataglini. I poeti laureati, di montaliana memoria, si convocano tra di loro, si pubblicano e si premiano, si beatificano a vicenda, canonizzandosi. Conventìcolano. Quando entra il potere anche in poesia la poesia perde potere. E con questa antanaclasi ribadisco la necessità di una poesia onesta. Fabio Maria Serpilli 15

16 Leonardo Studio per la testa dell angelo della «Vergine delle Rocce» «La bellezza non ha causa. Esiste» Emily Dickinson 16

17 SILLOGI in ITALIANO 1 Chi siede a capotavola, di Michela Monferrini (Roma) 2 Il silenzio dell erba, di Gabriella Garofalo (Milano) 3 Muti i riflessi, di Roberto Borghetti (Ancona) 4 Sette poesie, di Domenico Luiso (Bitonto, Ba) Segnalazioni Questi giorni, di Claudia Arena (Falconara M.ma - AN) Quotidianamente i giorni, di Iaia Lorenzoni (Pesaro) Unisono, di Anna Piro (Gallipoli) Di santuari e sacrari, di Alessandro Tacconi (Dairago - MI) SILLOGI in DIALETTO 1 Dadlà dal ténp, di Ornella Fiorini (dial lombardo/mantovano) 2 Semo fati de sogni sbregài, di Francesco Sassetto (dial veneziano) 3 Tretippe & Martìdde, di Vincenzo Mastropirro (dial Ruvo di Puglia) 4 Sgrìsoi, di Guido Leonelli (dial Trento) Segnalazioni Mary, di Armando Giorgi (dial genovese) Al spec, al coer e la fumana, di Vanni Giovanardi (Luzzara - MN) Ita, di Alessandro Mordini (dial portorecanatese) U galanu, di Alfredo Panetta (dial calabrese) Giuria: Fabio M. Serpilli (presidente); Germana Duca Ruggeri; Gastone Mosci; Mario Narducci; Davide Rondoni. 17

18 18

19 POETI in ITALIANO La poesia è ricerca libera, avventurosa, di un legame fra la vita e la parola segnaletica, vale a dire indicatrice di una via anche quando, per dirla con Dante, questa sembra smarrita ; è il cammino ostacolato, eppure privilegiato, di una lingua che desidera immettere la realtà nella fantasia per riscriverla, con la speranza di renderla leggibile, forse comprensibile, un poco più amabile. Germana Duca Ruggeri 19

20 20

21 Michela Monferrini Chi siede a capotavola Michela Monferrini - Nasce nel 1986 a Roma dove vive. Studia Lettere all Università Roma Tre. Nel 2006 pubblica in collettanee testi poetici. Un haiku Oltre l autunno è edito dalla De Art Multimedia edizioni.. La rivista PopCorner di Bologna gli pubblica due poesie. Altri testi vengono inseriti nelle antologie: Sempre caro mi fu quest ermo frigo e Subway Poeti italiani Underground (Il Saggiatore). I racconti Mentite spoglie e Uscita di scena sono pubblicati rispettivamente in Niente è per niente 59 ultimi respiri e nell antologia San Gennoir. Nonostante la giovanissima età ha già numerosi interessi linguistici e giornalistici, attività attigue alla composizione poetica. 21

22 Michela Monferrini Ho bevuto il tuo vino per non vedere più la bottiglia ma il vino non è forse come l accappatoio, come lo spazzolino? Perché lasciarci col livello del rosso sempre uguale e senza speranza nell evaporazione, costringermi alle labbra? Ubriaca ho proceduto al cambio della lampadina nella stanza che matematicamente, ora, a rotazione resta vuota poi tutta la notte, come una forsennata ho aspettato la calma in cucina e quando non è arrivata ho trovato la mattina sulla tavola. 22

23 Michela Monferrini Suo figlio racconta che la donna delle pulizie venne il giorno dopo il funerale che lavò i piatti ed alzò i letti ridendo nell auricolare, che i muri ne furono scossi e si chiesero se per caso non avessero sbagliato casa: credevano fosse tempo di silenzio. Poi fu la donna che chiese se dovesse stirare anche quelli e vennero fuori i maglioni e le gonne al ginocchio dal tempo delle foto ormai. Raccontano che la donna non fu mai perdonata per aver pensato di togliere le pieghe all ultimo indirizzo delle gambe d una madre. 23

24 Michela Monferrini Ti avevano insegnato che a un figlio si misura l acqua col gomito e la febbre sulla fronte con un bacio, dal soppalco erano piovute magliette bonsai e odor di canfora, il leone Armando e la storia di Codina, e tra tutti i nomi uno, già aveva quasi gli occhi, ma poi non è servito. In soggiorno è venuta giù la parete a specchio quando tutti e anche lui hanno steso una tovaglia di puro menomale bianco sulla tavola della tua pancia in lutto. 24

25 Michela Monferrini Mi dicono che senso non han più le tue parole. Io busso, piano entro, arrivo, con la mela cotta, accanto al letto macchiato: ti cambio canale e aspetto di vederti dormire e nel petto respirare. Mi dicono che a tratti mancherà l'ossigeno, non mi devo preoccupare ma io domani torno perché il miele è finito e l'amore pure, - sul comodino - ma torno e te lo porto in un foglio di giornale buono ad esser barca per lasciare questa luce d'ospedale: diranno di vedere un cappello da muratore mentre noi navigheremo dove senso veramente non c'è più nelle parole. 25

26 Nel giardino di Van Gogh Michela Monferrini Accessibile ai pochi sui balconi senza luna, nelle stelle unite dall 1 al 36, tra le combinazioni ce n è una tuo profilo rugoso ed orecchino per credere ancora nel cielo. 26

27 Michela Monferrini La mattina del martedì arriva la ditta e alza i zerbini contro le porte e apre gli abbaini allo scambio piccioni polvere. Fa corrente per la bocca delle scale fin nel tunnel dell ascensore, fa una spirale dalla colonna dei bagni al portone che, guasta la molla, con gran rumore si chiude e si chiuse quando di lì passarono le tue trenta camicie d azzurro uguale. Di lunedì, da anni, sappiamo che se ne andrà domani - nella corrente - l esercito dei mari senza ombre e senza spalle anni che sappiamo che tornerà domani sera, inghiottendo a grandi onde il pianerottolo pulito di giornata. 27

28 Michela Monferrini Siedono a capotavola opposti tenendo di mezzo trent anni e la tavola coi gomiti. Io le ho viste baciare il pane avanzato prima di buttarlo come baciano la mano dopo la croce come tracciano la croce dopo l acqua santa, sfiorando. Hanno avuto case dentro questa, uomini che sono stati donne pure loro e corone di sapone di Marsiglia incrostate all anulare, attorno all oro, perdute nel notturno strofinio delle federe e ogni giorno rapprese di nuovo. Così, le ho scoperte regine bianche: alzando i letti e l acqua di colonia una mattina. Solo da allora mi pare di osservarle, alla tavola non siedo ancora. 28

29 Gabriella Garofalo Il silenzio dell erba Gabriella Garofalo - Nativa di Foggia vive a Milano. Esordisce nel 1986 col volume di poesie Lo sguardo di Orfeo, cui fa seguito L inverno di vetro nel 1995 che si muove attorno a parole chiave, a ossessioni tematiche. La sua terza raccolta viene pubblicata nel 2004 e ha come titolo Di altre stelle polari dove al cielo blu cobalto si accompagnano gli astri che sfrenano di luce. Quella di Gabriella Garofalo è una poesia solitaria, impossibile da collocare all interno di scuole, tendenze o generazioni, giocata con vigore drammatico tra il fuoco di un forte disagio interno e il chiudersi in momenti di glaciale immobilità. Per questi tratti della sua scrittura la poetessa fu segnalata da Amelia Rosselli. 29

30 27/10/ 05 Gabriella Garofalo Autunno, nevrastenia del cielo, di una città se la città esistesseinutile pensarsi lontananza ordire trame se perfidi gli odori se corpi rischiano percorrerticome se non bastasse Luna consegna frammenti di vita alla parola: sono indifesi sono la rossa tazza il blu del cielo che lasci cadere senza pensarci, per distrazione, certo, scheggiati. 30

31 01/11/ 05 Gabriella Garofalo Stasera l anima è più congestionata di una stazione all ora di punta sogni assembrati insistono perché tu presti ascolto, ma farai bene a diffidarepuò esploderti tuo cielo sconvolte stelle non avranno mai rifugio si finge Luna trasognata, ma sua luce ti corre notte alla ricerca di sguardi invadentiteme che la sorprendano, è già nuda. 31

32 18/11/ 05 Gabriella Garofalo a C. Forse un modo come un altro per chiamarti, Dio, torcerti contro le parole di parole dilaniare cielo splendidamente assemblatoma non governa l anima suo fuoco rischia bruciare ardono le dita di silenzio che l esistenza sperdese pure guarda l esistenza, se mai ferma. 32

33 23/06/ 06 Gabriella Garofalo Sia un cielo livido di stelle a fermare il tempoalbero non abbatta non cada foglia non ceda luna acqua non intorbidigrembi grembi soprattutto stanno per disperdere, libero campo di ristoppie per l Angelo che ti acceca scrivere. a Michael 33

34 02/08/ 06 Gabriella Garofalo Le solite domande, capita, ti chiedi, se l anima sarà già andata in cerca di rifugio per la lucema non promette bene cielo che si sfalda e rosso-arancio di Luna assolutamente fuori luogo: non vuol dartela vinta notte fame antica la sua fame di seconda stagione che insegue annusando l aspro di sudore. 34

35 08/08/ 06 Gabriella Garofalo a dl Attesa che verde di un intensa luce muovanon accade. Comunque, verde di tuoi rami getta, molto più forte di altre tue esistenze mentre provocano un certo fastidio i giorni di seconda stagione, non hanno fine si disperdono in mille particolari inutili: in genere il tuo smangiato desiderio, la bianca risposta di una fame. 35

36 08/08/ 06 Gabriella Garofalo a dl Forse inaspettate, certo non più antiche le prime apparizioni della lucema sempre più ridotta la tua razione di anima, città, il vento più non muove odori anime di eretici e tu non sai ancora negarti fresca oscurità di muri, quadri, finestre in corridoiolà dove incontri seme che ti è avverso. 36

37 Roberto Borghetti Muti i silenzi Roberto Borghetti - Di anni 43, nato e residente ad Ancona, si dedica alla poesia e alle letture umanistiche sin dall età adolescenziale. Scrive a periodi alterni poesie in versi liberi, traendo ispirazione da autori del 900 italiano di correnti letterarie diverse, come Montale, Bertolucci, Pavese, Sereni, Penna, Raboni. Solo da due anni circa partecipa a concorsi nazionali ricevendo riconoscimenti e menzioni speciali. Primo ai concorsi Città di Bari, Giovanni da Sanpiero ed altri ancora. Soprattutto Borghetti ama lavorare in profondità sulla scrittura poetica che appare matura e ricca di suggestioni. 37

38 Alba Roberto Borghetti Assorto e solo. Ero rimasto appoggiato all alba la città vuota, piena di teneri addii. Invano cerco le strade che mai si raccontano e tralasciano lo spuntare d ortiche negli squarci d asfalto. Salgo tre scalini si fa remoto il mio passo, fra rare luci le chiare tenebre restano. Il sole desiste si confonde con la malinconia d un bucato. Non amo più le pareti di questa stanza mi nascondo dai cari volti e fra le fontane del mattino ritrovo l oblio. E vi sosto a lungo perché tutto è dissoluzione di piazze lentezza di nubi. Poi, qualcuno verrà passando fuggiasco col bastone a frugare gli angoli inerti del giorno, ed io nell ora incerta transiterò nei pallori più estremi sino a tornare in un letto non mio.. 38

39 Tremula la notte Roberto Borghetti Trepida linea di silenzi, potresti misurarla con l eco della pioggia che scroscia sopra il grembo dischiuso, rosso d argilla. Disteso dove il pensiero è piaga dell infinito serbi la ferita che più non sanguina, e piangi di quanto sia ridicolo scrivere lettere d amore quando le stelle socchiudono gli occhi come gatte tradite. È solo tua l umiltà di sterrare altrove le radici d un sangue malato e ancora la gioia d esser affamato per assaporarne l aspra miseria; nebbia che beve il mattino e tace della notte assetata, luce d un cielo umido di candele. Poi ti sorprenderà la solitudine d una marea, che segna la sua traccia di sale sul fasciame marcito di barche sconosciute alla morte. 39

40 Non è più il limitare Roberto Borghetti So di mulattiere che delimitano prode tra serragli e prati d'un ocra che nemmeno immagini e dei tuoi passi in solitaria a calcare il disordine di lidi invernali. Poche curve ancora scendiamo il dolceamaro declivio verso i soggiorni venturi, tra vecchie querce e radici dissotterrate dal turbinare di rivoli sfuggiti alla piena. Ma talvolta non so dove ha inizio la nostra notte e se la fine del giorno è solo un grumo di buio rappreso. Ed ora dimmi se tu conosci il nervo che acuto alimenta il guizzo del predatore: Il mio è forse il tradire del falco che artiglia il polso benevolmente proteso? 40

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi

E vestirti coi vestiti tuoi DO#-7 SI4 dai seguimi in ciò che vuoi. e vestirti coi vestiti tuoi SOGNO intro: FA#4/7 9 SI4 (4v.) SI4 DO#-7 Son bagni d emozioni quando tu FA# sei vicino sei accanto SI4 DO#-7 quando soltanto penso che tu puoi FA# FA#7/4 FA# SI trasformarmi la vita. 7+ SI4 E vestirti

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè...

Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Clémence e Laura Lo sai, sono la tua anima gemella perchè... Se fossi un paio di scarpe sarei i tuoi lacci Se fossi il tuo piede sarei il tuo mignolo Se fossi la tua gola sarei la tua glottide Se fossi

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche

Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Giro, ghirotondo e altre storie ortografiche Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Rossana Colli e Cosetta Zanotti Giro,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore

2) Se oggi la sua voce. Rit, 1) Camminiamo incontro al Signore Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano 1) Camminiamo incontro al Signore 2) Se oggi la sua voce Rit, Camminiamo incontro al Signore Camminiamo con gioia Egli viene non tarderà Egli viene ci salverà.

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Andrea Bajani Tanto si doveva

Andrea Bajani Tanto si doveva Andrea Bajani Tanto si doveva Quando muoiono, gli uccelli cadono giù. Non se ne accorge quasi nessuno, di solito, salvo il cacciatore che l ha colpito e il cane che deve dargli la caccia. Il cacciatore

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

MA LE STELLE QUANTE SONO

MA LE STELLE QUANTE SONO LIBRO IN ASSAGGIO MA LE STELLE QUANTE SONO DI GIULIA CARCASI Alice Una vecchia canzone diceva: Tu sai tutto sulla realtà del mercato e qui io ammetto di essere negato. Ma a inventare quel che non c è io

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

La donna che si baciava con i lupi

La donna che si baciava con i lupi guido catalano La donna che si baciava con i lupi 2010 LeBolleBlu Edizioni 2014 Miraggi Edizioni www.miraggiedizioni.it Progetto grafico Miraggi Il disegno sulla copertina è di Gipi Finito di stampare

Dettagli

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande

E gliene sono senz'altro grato. Continuiamo con l evidenza. La spianata dove c'è il casotto e dove era stata preparata la tavola è abbastanza grande ELEMENTARE è elementare, mi creda... senz'altro elementare, mio caro. L'importante è non dare per scontate quelle cose che sono solo evidenti. L'evidenza, di per sé, non è sinonimo di verità. La verità

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli

Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Anthony De Mello Istruzioni di volo per aquile e polli Traduzione di Marco Zappella Nota dell Editore: Il 22 agosto 1998 la Congregazione per la Dottrina della Fede ha emanato una Notificazione, qui pubblicata

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale?

Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Una Pulce sull Albero di Babbo Natale? Copione natalizio in rima per i bambini della Scuola dell Infanzia. Autore: Silvia Di Castro (Bisia) UNA PULCE SULL ALBERO DI BABBO NATALE? 1 Copione natalizio in

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE

IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE IL CANE CHE NON SAPEVA ABBAIARE C'era una volta un cane che non sapeva abbaiare. Non abbaiava, non miagolava, non muggiva, non nitriva, non sapeva fare nessun verso. Era un cagnetto solitario, chissà come

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27

MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 MA VOI CHI DITE CHE IO SIA? Mc 8,27-30 (cf Mt 16,13-23; Lc 9,18-27 2 L Siamo alla domanda fondamentale, alla provocazione più forte perché va diritta al cuore della mia vita, della tua, di ogni uomo che,

Dettagli