5 a T.G.A. - 5 a T.S.T.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "5 a T.G.A. - 5 a T.S.T."

Transcript

1 DIPLOMA DI MATURITÀ PROFESSIONALE: 1) Tecnico dell industria del Mobile e dell Arredamento 2) Tecnico della Gestione Aziendale 3) Tecnico dei Servizi Turistici DIPLOMA DI MATURITÀ ARTISTICA 4) Architettura e Design Documento dei docenti del consiglio di classe 5 a T.G.A. - 5 a T.S.T. Tecnico della Gestione Aziendale Tecnico dei Servizi Turistici Commissione n. a.s. 2007/2008

2 INDICE PRESENTAZIONE E STORIA DELLA CLASSE... 3 PROFILO PROFESSIONALE... 4 OBIETTIVI COMUNI DEL CONSIGLIO DI CLASSE... 5 ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI SVOLTE... 5 ATTIVITA DI RECUPERO... 5 ATTIVITA INTEGRATIVE... 5 PROGRAMMAZIONE E ATTIVITA TERZA AREA... 6 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINE DELL AREA COMUNE... 7 ITALIANO... 8 STORIA MATEMATICA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINE AREA DI INDIRIZZO LINGUA INGLESE ECONOMIA D AZIENDA DIRITTO INFORMATICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINE AREA DI INDIRIZZO TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI LINGUA INGLESE STORIA DELL ARTE LINGUA FRANCESE ECONOMIA E TECNICA TURISTICA GEOGRAFIA TURISTICA ALLEGATI Elenco degli argomenti scelti dagli alunni per l orale Criteri e parametri di valutazione per lo svolgimento degli scrutini intermedi e finali Esame di Stato - Programmazione della didattica ed indicazioni organizzative... 42

3 PRESENTAZIONE E STORIA DELLA CLASSE Numero alunni frequentanti: 25 Indirizzo Tecnico della gestione aziendale 13 Indirizzo Tecnico dei servizi turistici 12 Gli alunni provengono da Lissone o dalle zone limitrofe. La classe si è costituita come articolata nel corso del primo anno del biennio post qualifica e segue, nella sua totalità, le discipline dell area comune e alcune ore dell area di professionalizzazione. Gli alunni dell indirizzo aziendale provengono in parte dal corso interno di Operatore della Gestione Aziendale in parte da altri istituti o corsi di formazione professionale; per il settore turistico al gruppo proveniente dal corso interno di Operatore dell Impresa Turistica si sono aggiunti alunni provenienti da altri istituti. Sul piano delle relazioni interpersonali la classe non presenta una fisionomia omogenea poiché tendenzialmente gli alunni hanno mantenuto rapporti più stretti con il proprio gruppo di origine. Differenze sostanziali si sono potute notare, tra gli studenti della classe, anche per quanto riguarda l interesse e la partecipazione alle lezioni. Per il corso TGA si segnala che alcuni alunni seguono le lezioni con un certo interesse, intervengono ponendo domande; altri invece, forse per un carattere piuttosto riservato, si sono mostrati poco sicuri delle proprie capacità e, pur mantenendo l attenzione alle lezioni, non sono intervenuti spontaneamente nonostante le dirette sollecitazioni. Per quanto riguarda l impegno nello studio personale gli alunni del corso TGA hanno evidenziato una certa disomogeneità. Accanto ad un gruppo di studenti che si mostrano costanti e responsabili verso i doveri scolastici svolgendo regolarmente i lavori assegnati, sottoponendosi alle verifiche previste e cercando di conseguire risultati positivi o sforzandosi di migliorarli, sono presenti altri che, a causa di difficoltà personali non riescono sempre ad ottenere risultati soddisfacenti nonostante una certa serietà nell impegno; alcuni alunni, invece, si sono molto assentati dalle lezioni e spesso non hanno raggiunto gli obiettivi didattici. Per il corso TST va invece segnalato un impegno discontinuo ed una scarsa motivazione allo studio: molti appaiono ancora poco motivati all apprendimento e di conseguenza l attenzione e la partecipazione sono state, nel corso dell anno, esigue. Gli alunni di questo indirizzo tendono sistematicamente a rinviare le interrogazioni, ad assentarsi in occasione delle verifiche accumulando valutazioni negative. Le assenze dalle lezioni sono state, in generale, molto numerose a scapito della continuità dello studio e dell acquisizione dei contenuti. L atteggiamento nei confronti delle singole discipline è apparso molto selettivo e la preparazione nelle materie di indirizzo non può considerarsi soddisfacente.

4 PROFILO PROFESSIONALE TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE Il Tecnico della gestione aziendale è una figura professionale che può operare in aziende di differente natura e dimensione con competenze flessibili e adattabili derivanti da una formazione caratterizzata dall acquisizione di capacità logico espressive e gestionali, dalla padronanza dell utilizzo delle nuove tecnologie della comunicazione e dell informazione anche multimediale Gli interventi didattici e formativi sono stati finalizzati, nel corso del biennio post-qualifica, allo sviluppo di una cultura di base e di abilità logico espressive, con particolare attenzione al tema della commercializzazione e del marketing territoriale del settore legno arredo. Le sue competenze professionali gli possono consentire di: operare nelle aree gestionali, contabile e amministrativa, organizzativa, del marketing e del controllo della gestione; operare per obiettivi nelle medesime aree funzionali con autonomia; percepire i problemi del settore, controllare situazioni complesse, individuare soluzioni, reperendo informazioni e strumenti per risolvere problemi aziendali. TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Il Tecnico dei servizi turistici è una figura professionale intermedia, capace di operare nelle strutture organizzative private e pubbliche del settore turistico, nonché di inserirsi in modo autonomo ed originale nei nuovi ruoli prodotti da un settore in continua trasformazione È, inoltre, figura professionale che presenta: Capacità di flessibilità per adattarsi ai diversi contesti operativi. Capacità comunicative ed organizzative delle risorse umane, necessarie per gestire il processo di comunicazione con il cliente. Un atteggiamento di potenziale disponibilità verso il cliente e una capacità di intervento sul prodotto con conseguente formazione di una mentalità orientata al marketing operativo. Capacità di valorizzare e promuovere le risorse culturali ed ambientali presenti nel proprio territorio. Gli interventi didattici e formativi sono stati finalizzati, nel corso del biennio post-qualifica, allo sviluppo di una cultura di base e di abilità logico espressive, con particolare attenzione al tema della commercializzazione e del marketing territoriale 4

5 OBIETTIVI COMUNI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Formativi abituarsi ad assumere le proprie responsabilità, rispettare tempi e scadenze abituarsi a collaborare con gli adulti e con i compagni saper lavorare in gruppo saper organizzare un lavoro (reperimento materiali, consultazioni biblioteche) valorizzare le esperienze Cognitivi saper comunicare efficacemente utilizzando i linguaggi specifici di ciascuna disciplina usare e produrre adeguata documentazione anche tramite supporti multimediali cogliere le interrelazioni tra i diversi ambiti conoscere la realtà socioeconomica del territorio ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI SVOLTE TGA: IL LAVORO (Diritto, Economia Aziendale, Storia, Inglese) LE BANCHE (Diritto, Storia, Economia d Azienda) TST: LE STRATEGIE PER LA PROMOZIONE DEL TERRITORIO (Comunicazione, Economia Turistica, Inglese, Francese, Storia dell Arte) LE AVANGUARDIE ARTISTICHE (Italiano, Storia dell Arte, Inglese, Francese) ATTIVITA DI RECUPERO Per quanto riguarda le attività di recupero il Consiglio di Classe ha previsto una pausa didattica alla fine del primo quadrimestre, onde favorire un recupero in itinere. Matematica ha attivato un breve corso di recupero pomeridiano (4 ore), Economia Turistica ha effettuato interventi mirati (6 ore), idem Diritto per 4 ore. ATTIVITA INTEGRATIVE Le attività curricolari sono state affiancate da iniziative di vario genere, atte a rinforzare le competenze acquisite, a potenziare la conoscenza del settore di indirizzo e del territorio, ad orientare alle scelte future. Nel corso del quarto anno gli alunni hanno svolto attività di stage presso aziende, enti pubblici o agenzie turistiche per la durata di due settimane. Partecipazione a Progetti e Manifestazioni: OrientareTe Campus dell Orientamento a Cesano Maderno Campus Orienta Salone dello studente & Lavoro giovani a Monza Open day presso facoltà universitarie Uscite didattiche Santa Maria delle Grazie: Cenacolo (TST) Visita a Brera (TST) 5

6 PROGRAMMAZIONE E ATTIVITA TERZA AREA L Area di Professionalizzazione si articola sui due anni del biennio post qualifica. Il Consiglio di classe ha deliberato, all inizio del quarto anno, di sviluppare nel corso delle ore settimanali dedicate a quest area il tema relativo al marketing e alla comunicazione d impresa. Nel corso del quarto anno gli alunni hanno seguito settimanalmente i seguenti corsi: preparazione alla certificazione ECDL conversazione in lingua inglese con esperti del British Institute un corso di 20 ore totali con esperti esterni della Grow-in Formazione che hanno trattato i seguenti argomenti: o comunicazione efficace o comunicazione interpersonale o parlare in pubblico o autoimprenditorialità o organizzazione aziendale (distinta tra i due indirizzi) Al termine di tale corso, denominato dalla società che ha fornito il servizio orientamento al lavoro è stato rilasciato un attestato di frequenza che potrà essere inserito nel curriculum vitae di ciascuno studente. Nel corso del quinto anno, il Consiglio di Classe ha deliberato di suddividere le ore settimanali dell Area di Professionalizzazione nel seguente modo: un corso mirato alla creazione di siti web, tenuto da un docente interno all istituto; un corso di conversazione in lingua inglese, tenuto da un docente madrelingua del British Institute; un corso di marketing, tenuto da un'esperta esterna (per il corso TGA); un corso di biglietteria, tenuto da un'esperta esterna (per il corso TST); incontri con esperti esterni dell'associazione Industriali Monza e Brianza che hanno trattato i seguenti argomenti: o Tecniche di ricerca attiva del lavoro o Contratti di inserimento nel mondo del lavoro o L evoluzione del mercato del lavoro in Brianza 6

7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINE DELL AREA COMUNE ITALIANO STORIA MATEMATICA EDUCAZIONE FISICA RELIGIONE (per colore che se ne avvalgono) 7

8 ITALIANO Prof.ssa LODI ANNA CONTENUTI DISCIPLINARI L Età del REALISMO Il quadro di riferimento: le ideologie: il Positivismo e l esaltazione del progresso Il pensiero di Comte e Darwin. Il Naturalismo francese: il romanzo sperimentale di Zola l impegno sociale in letteratura Giovanni Verga e il Verismo italiano: la teoria verghiana dell impersonalità la tecnica narrativa di Verga la lotta per la vita come legge di natura da Vita dei campi: Rosso Malpelo L amante di Gramigna La lupa, Fantasticheria da I Malavoglia: trama e lettura di brani da Mastro-don Gesualdo: trama e letttura di brani da Novelle Rusticane: La roba, Libertà Il decadentismo Il quadro di riferimento: l origine e il significato del termine Decadentismo. P.Verlaine, Languore La poetica del decadentismo: estetismo e simbolismo. A.Rimbaud, La lettera del veggente Temi e miti della letteratura decadente in Europa O.Wilde, Il ritratto di Dorian Gray, trama e lettura di brani J.K.Huysmans, A rebours, trama e lettura di brani C.Baudelaire, Corrispondenze, Spleen. Il pensiero anti-positivistico di F. Nietzsche: la critica alla scienza e alla morale la teoria del superuomo. G.D Annunzio: la vita e le fasi della produzione letteraria. Il piacere e la crisi dell estetismo I romanzi del superuomo: trama e lettura di alcuni brani. Le Laudi: da Alcjone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto G.Pascoli. la vita e la produzione poetica: Il Fanciullino da Myricae: Novembre Dall argine Temporale Il lampo L assiuolo X agosto I puffini dell Adriatico Il primo Novecento Il quadro di riferimento: la situazione storica e sociale Il disagio della civiltà e la psicoanalisi di Freud Italo Svevo, la vita e la cultura, l influsso della psicoanalisi. La coscienza di Zeno, lettura di alcuni capitoli Luigi Pirandello, la vita e la visione del mondo, il contrasto vita-forma. L umorismo o sentimento del contrario. Dalle Novelle per un anno: La carriola Il treno ha fischiato La giara La patente Ciaula scopre la luna I romanzi: Il fu Mattia Pascal Uno, nessuno e centomila (trama e lettura di brani) Il teatro: Così è (se vi pare), trama e lettura di brani 8

9 Il Futurismo: rifiuto dei valori e della letteratura del passato. Il concetto di avanguardia. F.T.Marinetti, Manifesto del Futurismo. F.T.Marinetti, Manifesto tecnico della letteratura futurista. La letteratura tra le due guerre Il quadro di riferimento: la realtà politico sociale la politica culturale del fascismo e le opposizioni. G.Ungaretti, la vita e la componente autobiografica della poesia. La distruzione del verso tradizionale. da L Allegria: Noia Veglia Il porto sepolto Eterno Soldati Allegria di naufragi Fratelli Mattina I fiumi Solitudine S.Martino del Carso Sono una creatura In memoria Girovago E.Montale, la vita e l impegno della poesia la parola e il significato, una poesia di cose e il correlativo oggettivo da Ossi di seppia: I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere Cigola la carrucola del pozzo Forse un mattino andando in un aria di vetro da Le Occasioni: Non recidere, forbice, quel volto La casa dei doganieri Il Neorealismo Il quadro di riferimento: la situazione storica dell Italia, il fascismo, la guerra, la Resistenza Temi e autori del Neorealismo: la lotta partigiana, la miseria e lo sbandamento sociale provocato dalla guerra, le testimonianze dai campi di sterminio, la lotta degli emarginati. Lettura di un romanzo a scelta. Letteratura e Resistenza: I. Silone, Un pezzo di pane I. Calvino, Ultimo viene il corvo B. Fenoglio, Il trucco METODOLOGIA, STRUMENTI DIDATTICI, TIPOLOGIA DI VERIFICA Si è proposta in genere la lettura diretta del testo (poetico o di narrativa), e tramite domande si è sollecitata la partecipazione degli alunni per stimolarne la comprensione, ma anche il piacere della lettura. A volte si è preferito introdurre temi e problemi generali (storie dei movimenti, contenuti specifici delle varie correnti letterarie) tramite lezione frontale, altre volte con metodo più induttivo si è potuto fare un confronto a partire dalla lettura del testo fra modalità di scrittura tra loro molto differenti (es.: testi poetici di Ungaretti/di D Annunzio, oppure novelle di Verga / novelle siciliane di Pirandello), sia per quanto riguarda la forma espressiva, che per i contenuti e le tematiche trattate. Sulle grandi tematiche culturali e filosofiche si è poi spesso tentato la strumento della discussione guidata al fine di stimolare negli studenti la capacità di cogliere i nessi tra la cultura di oggi e le ideologie del passato (es. influsso della psicoanalisi nel 900, il positivismo e l esaltazione del progresso nei racconti e/o negli avvenimenti storici). Per la verifica ci si è affidati sia allo strumento della interrogazione orale individuale (in genere per blocchi modulari), che a prove più strutturate, soprattutto in forma di analisi di testi attraverso domande specifiche. Specie negli anni passati si è dato spazio però anche alla funzione creativa della lingua (stesura di racconti di genere, elaborazione di poesie secondo schema o in riferimento ad un tema). Per la verifica delle capacità espositive scritte, ci si è naturalmente riferiti alla simulazione di prove in forma di componimento di contenuto storico, di attualità o nella forma del breve saggio critico o dell articolo di giornale su argomento assegnato. Il testo in adozione è: G. Baldi, S. Giusso, dal testo alla storia, dalla storia al testo, Paravia, voll. E F G H. 9

10 STORIA Prof.ssa LODI ANNA Il biennio post-qualifica è terminale rispetto ad un precedente percorso di studi storici, perciò può essere considerato il periodo degli approfondimenti delle conoscenze e dei metodi introdotti prima. Il programma esclude così ogni pretesa enciclopedica: il trattamento dei periodi storici sarà proposto in una visione problematizzante dei fatti storici, in modo che la storia appaia agli studenti come studio del divenire che permette di comprendere il processo di costituzione della modernità e dell attualità. Il periodo preso in esame va dalla seconda metà dell 800 alla fine del 900. FINALITA Analizzare le complessità delle ricostruzioni dei fatti storici e delle interpretazioni storiche. Sviluppare la consapevolezza che ogni conoscenza storica è una costruzione. Consolidare l attitudine a problematizzare tenendo conto delle dimensioni e delle relazioni temporali e spaziali dei fatti. Analizzare i rapporti tra conoscenza del presente e conoscenza del passato e viceversa e sviluppare la capacità d applicazione delle conoscenze del passato per la comprensione del presente. CONTENUTI 1. La società europea nella seconda metà dell 800 Lo scenario economico: l industrializzazione europea Il ruolo delle ferrovie e del sistema bancario e monetario Popolazioni e migrazioni Borghesia e proletariato La questione sociale e le prime organizzazioni sindacali 2. L unificazione nazionale italiana Moderati e democratici Il 1848 in Italia: il Piemonte e la politica di Cavour Lo statuto albertino e la Costituzione italiana Garibaldi e la spedizione dei Mille Il Regno d Italia 3. La società industriale moderna Crisi e trasformazioni dell economia Lo sviluppo scientifico e tecnologico Imperialismo e spartizione del pianeta Il capitalismo monopolistico e gli interventi dello stato nell economia Approfondimenti: la fabbrica taylorista: la nuova organizzazione del lavoro l emigrazione tra il XIX e il XX secolo la Banca e la Borsa: finanza e industria nel XIX secolo l industria della cultura 4. L Italia liberale Il governo della Destra I problemi dell Italia unita Protezionismo e trasformismo: il governo della Sinistra Crispi e la crisi di fine secolo 5. Il mondo in guerra La situazione nei Balcani e lo scoppio del conflitto Interventisti e neutralisti in Italia La rivoluzione russa e la nascita dell URSS Economia e società tra le due guerre La crisi del 29 e il New Deal 10

11 6. L Italia fascista La crisi del dopoguerra e la questione fiumana Il biennio rosso e il fascismo agrario Il regime fascista: partito e stato Fascismo e antifascismo 7. Democrazie e totalitarismi La Germania e il nazismo Razzismo e antisemitismo L Unione sovietica e la dittatura di Stalin 8. La seconda guerra mondiale I fascismi in Europa L aggressione di Hitler alla Polonia e la guerra lampo L Italia in guerra L entrata in guerra degli Stati Uniti La Resistenza a la caduta del fascismo in Italia 9. Il mondo bipolare La guerra fredda La crescita economica dell Occidente e il consumismo 10. L Italia repubblicana Il centrismo e il boom economico. STRUMENTI Si è fatto uso prevalentemente del libro di testo, E. Zanette, G. De Vecchi, G. Giovannetti, Il lavoro dell uomo, vol.2 Storia della società industriale, Ed scol. B. Mondadori, sia per quanto riguarda la parte della narrazione storica, sia nell utilizzazione di alcune sezioni de I laboratori, dove vengono riportati articoli di giornale, documenti, brani di testi storiografici METODOLOGIA Le modalità dell insegnamento sono state le seguenti: si è proposta in genere la lezione frontale per l approccio diretto ai diversi contenuti, anche se la tendenza è sempre stata quella di stimolare domande e riflessioni attraverso l uso di un metodo più induttivo, che parte spesso dalle conclusioni per risalire in modo logico alle cause e/o premesse dei vari avvenimenti storici. In questo modo la lezione sfocia naturalmente in una discussione guidata, specie quando si sono osservati i nodi fondamentali della storia che si offrono come possibili spiegazioni di dati o fenomeni attuali. VERIFICA Per quanto riguarda gli strumenti utilizzati per la verifica, ci si è affidati all interrogazione orale individuale, in genere per blocchi modulari, ma a volte comprendente anche periodi lunghi, alternata a questionari scritti con domande aperte, a scelta multipla, completamenti, inserimenti di parole, formulazione di schemi, scelta V/F. 11

12 MATEMATICA Prof.ssa Terrana Angela Obiettivi educativi Educare alla convivenza civile e rispettosa dell altro; Favorire lo sviluppo di relazioni equilibrate e corrette fra studenti, fra studenti e docenti; Promuovere l uso corretto e responsabile delle attrezzature, degli spazi e dei materiali didattici; Obiettivi didattici Sviluppare la capacità di ascolto e di concentrazione durante le lezioni; Intervenire in maniera disciplinata e pertinente sull argomento della lezione; Eseguire i compiti assegnati e rispettare i termini di consegna; Acquisire i contenuti della disciplina; Esporre i contenuti disciplinari in modo corretto e logicamente ordinato; Acquisire ed utilizzare efficacemente la terminologia specifica della disciplina; Sviluppare una personale capacità di rielaborazione critica; CONTENUTI DEI PROGRAMMI SVOLTI Disequazioni algebriche Disequazioni di 2 grado; Disequazioni fratte; Disequazioni con valore assoluto; Sistemi di disequazioni con valore assoluto; Studio del segno di una disequazioni; Insiemi numerici Insiemi numerici e insiemi di punti; Intervalli limitati; Intervalli illimitati; Insiemi numerici limitati e illimitati; Funzioni Definizione e terminologia di funzione Funzioni numeriche e funzioni matematiche Definizione di dominio di una funzione Definizione di codominio di funzione Grafico di una funzione; Funzione pari e funzioni dispari; Funzioni iniettive, suriettive, biunivoche; Funzioni crescenti in un intervallo; Funzioni decrescenti in un intervallo; Classificazione delle funzioni matematiche Funzioni algebriche razionali intere; Funzioni algebriche razionali fratte; Funzioni algebriche irrazionali; Funzioni logaritmiche; Determinazione del dominio di una funzione Dominio di funzioni razionali intere; Dominio di funzioni razionali fratte; Dominio di funzione irrazionale intere e fratte con indice pari; Dominio di funzione irrazionale intere e fratte con indice dispari; Dominio di funzioni logaritmiche; Limite di funzione Limite finito di una funzione per x che tende a un valore finito(solo graficamente); Limite finito di una funzione per x che tende all infinito (solo graficamente); Limite finito di una funzione per x che tende a più o meno infinito (solo graficamente); Calcolo di semplici limiti per x che tende a un valore finito; Calcolo di semplici limiti per x che tende a un valore infinito; 12

13 Asintoti Definizione di asintoti; Asintoti orizzontali; Asintoti verticali; Asintoti obliqui; Studio di funzione razionali intere e fratte Dominio; Intersezione con gli assi cartesiani; Verificare se è pari o dispari; Studio del segno; Rappresentazione grafica; Lettura del grafico di una funzione Dominio; Condominio; Pari o dispari; Intersezione con gli assi; Intervalli in cui la funzione è maggiore di zero; Intervalli in cui la funzione è minore di zero: Intervalli in cui la funzione è crescente; Intervalli in cui la funzione è decrescente; Individuare eventuali asintoti orizzontali; Individuare eventuali asintoti verticale; Individuare eventuali asintoti obliqui; A causa del livello di partenza e del disinteresse di gran parte della classe, ho dovuto spesso ripetere gli stessi argomenti, avendo come conseguenza il rallentamento dello svolgimento del programma non permettendo di rispettare la programmazione iniziale. Attrezzature, strumenti e spazi utilizzati Metodo di lavoro Le lezioni sono state illustrate attraverso spiegazioni di argomenti presenti sul libro di testo con numerosi e- sempi di esercizi mirati ad una maggiore facilitazione di apprendimento. Parte del tempo di ogni lezione è stato dedicato a continue domande su quanto si è svolto in precedenza, allo scopo di impegnare in modo costante gli alunni e contemporaneamente di approfondire gli argomenti trattati con un metodo basato sulla ripetizione. Gli strumenti dell insegnamento sono stati: La lezione frontale, in cui gli alunni ascoltano prendendo appunti e il docente utilizza un linguaggio appropriato curando i tempi della comunicazione La lezione-approfondimento, basato su conoscenze ed esperienze già compiute degli alunni che partecipano alla discussione La lezione-sostegno, in cui il docente concorda con l allievo un percorso di recupero, individualizzato, che tenga contro dei tempi e del suo stile di apprendimento e delle sue difficoltà La discussione, che favorisce la socializzazione e permette a tutti di contribuire alla lezione Strumenti di lavoro Libro di testo, appunti delle spiegazioni, schemi riassuntivi, schede di lavoro. Spazi utilizzati Aula Strumenti, modalità specifiche della valutazione Ogni unità didattica in cui si è articolata la programmazione della matematica è stata oggetto di verifiche di controllo, formative, sommative, di recupero e di sostegno, in base alle quali è stato possibile realizzare valutazioni significative intermedie e finali. E stato dato grande spazio ai momenti di recupero e sostegno dei più deboli. Sono stati attuati diversi tentativi di recupero in itinere anche se il risultato è stato deludente a causa del loro totale disinteresse nei confronti della disciplina. Il mancato recupero è stato dovuto anche alle ripetute e prolungate assenze. Solo negli ultimi tempi alcuni hanno frequentato lo sportello ed un esiguo numero il recupero, infatti era stato stabilito per 12 alunni e solo un ristretto numero ha partecipato. 13

14 La valutazione del processo di apprendimento del singolo alunno e della classe è stata effettuata mediante seguenti strumenti: Prove scritte sommative (risoluzione di esercizi e prove strutturate e semistrutturate) che hanno verificato la capacità di applicare i procedimenti appresi. Prove orali sommative che hanno valutato con continuità la partecipazione, la capacità di apprendimento e di collegamento, l uso della terminologia corretta. Rapide e immediate prove formative, orali (interrogazioni brevi) e scritte (prove strutturate e semistrutturate), con le quali ho controllato la comprensione del singolo argomento. Verifica e controllo del lavoro assegnato per casa. Le date delle prove sommative sono state precedentemente concordate con gli studenti. Il numero minimo delle verifiche sommative, previsto per ogni quadrimestre, è stato quello concordato in comune con gli altri colleghi di materia, tre prove scritte per quadrimestre e due orali. 14

15 EDUCAZIONE FISICA Prof BARNI FRANCESCO Settembre Resistenza Mobilità Ottobre Novembre Velocità Ripresa delle qualità motorie di base Modalità di valutazione Dicembre Potenziamento gen. Esercitazioni Gennaio a corpo libero Tests per la valutazione Febbraio funzionale motoria - corsa di endurance (oltre 12 minuti). - percorsi in palestra per l agilità e la destrezza. - attività volte a migliorare la resistenza veloce. - esercitazioni di pre-atletismo per la tecnica di corsa. - stretching, mobilità generale educazione posturale. - circuit-training per il miglioramento delle capacità aerobiche alattacide. percorsi per la valutazione dell agilità e la destrezza. prove sui 1000 metri. prove di resistenza alla velocità. - a carico naturale, per i vari distretti muscolari, con piccoli attrezzi - esercizi di coordinazione, mobilizzazione, irrobustimento. esecuzione di alcuni tests per la valutazione funzionale ed il monitoraggio delle capacità condizionali. impostazione dei prerequisiti teorici necessari per l autovalutazione. Modalità di valutazione Tecnica d esecuzione, valutazione dei tests. Marzo Tests di valutaz. Funz. Esecuzione di alcuni tests funzionali previa loro impostazione teorica; illustrazione analitica delle diverse tecniche di allungamento e di Motoria. Aprile Igiene posturale respirazione per il mantenimento di una postura corretta; tecnica Sports individuali individuale del tennis tavolo; conoscenza del regolamento di gara Giochi di squadra. Maggio/giugno degli sports di squadra piu diffusi e arbitraggio di incontri di pallavolo Teoria ed autovalutazione e calcetto. Modalità di valutazione Esecuzione dei tests e delle esercitazioni; organizzazione e attuazione dei fondamentali di squadra nei giochi, esecuzione dei fondamentali individuali durante le fasi di gioco. Le metodologie adottate per le attività didattiche sono state, a seconda delle necessità e delle condizioni di lavoro, la lezione frontale, l esercitazione pratica e la lezione interattiva, al fine di valutare e valorizzare il background sportivo personale degli studenti, per quanto riguarda le Metodologia modalità di apprendimento si e preferito puntare sul metodo definite per tentativi ed errori, che meglio permette l acquisizione dei concetti, essendo basato sulla diretta autovalutazione delle esperienze da parte dello studente 15

16 RELIGIONE Prof.ssa MELARDI MARIA OBIETTIVI DIDATTICI CONOSCENZE (sapere): La persona umana fra le novità tecnicoscientifiche e le ricorrenti domande di senso; Il concilio Vaticano II: storia, documenti, ed effetti nella Chiesa e nel mondo; La dottrina sociale della Chiesa: la persona che lavora, i beni e le scelte economiche, l ambiente e la politica; La ricerca di unità della Chiesa e il movimento ecumenico; L insegnamento della Chiesa sulla vita, il matrimonio e la famiglia. ABILITA (saper fare): Cogliere i rischi e le opportunità delle tecnologie informatiche e dei nuovi mezzi di comunicazione sulla vita religiosa; Individuare nella Chiesa esperienze di confronto con la Parola di Dio, di partecipazione alla vita liturgica, di comunione fraterna, di testimonianza nel mondo; Riconoscere le linee di fondo della dottrina sociale della Chiesa e gli impegni per la pace, la giustizia e la salvaguardia del creato; Individuare i percorsi sviluppati dalla Chiesa cattolica per l ecumenismo e il dialogo interreligioso; Motivare le scelte etiche dei cattolici nelle relazioni affettive, nella famiglia, nella vita dalla nascita al suo termine. CONTENUTI: ❶ Ricerca di significato Incontri e confronti Il cristianesimo in un mondo in movimento Il dialogo oggi Come trasmettere la fede oggi? ❷ Un Alleanza che salva Il popolo dell Alleanza La scelta dell uomo Il rinnovamento dell Alleanza Dalla Nuova Alleanza un popolo nuovo ❸ Il Regno di Dio, oggi L annuncio cristiano La missione degli apostoli Il mandato evangelico Secolarizzazione e secolarismo Una nuova evangelizzazione ❹ Segni d Amore L Amore che rinnova la vita Il matrimonio La rivelazione di Dio sul matrimonio Maschio e femmina li creò La solitudine dell uomo Essere con L intimità Un cuore nuovo La dignità della persone umana Il dono della vita ❺ Il Bello, il Vero e il Bene Le Beatitudini Il messaggio delle Beatitudini in Luca Matteo: una nuova formulazione Un insegnamento attuale PRIMO QUADRIMESTRE SECONDO QUADRIMESTRE 16

17 METODOLOGIA Lezione frontale Visualizzazione schematica alla lavagna degli argomenti trattati Ripasso costante degli argomenti affrontati Conversazione guidata Lavoro di gruppo STRUMENTI Libro di testo Bibbia Un quaderno personale per gli appunti Cartine geografiche Documenti del Magistero Ipertesti interdisciplinari 17

18 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINE AREA DI INDIRIZZO TECNICO DELLA GESTIONE AZIENDALE LINGUA INGLESE ECONOMIA D AZIENDA DIRITTO ED ECONOMIA INFORMATICA GESTIONALE 18

19 LINGUA INGLESE Prof.ssa DEL RICCIO CARMELA CONTENUTI DI TEORIA E CORRISPONDENZA COMMERCIALE - Describing organisations and jobs - Applying for a job - The world of work - The Biagi Reform - Foreign trade terms: payment in foreign trade (revision) - Trade documents and customs procedures (revision) - Banking - Payment - Payment, Late payment and reminders - The financial world - Insurance - Transport - Delivery - The despatch of goods - Complaints and adjustments - The British economy - Economic affairs: the types and role of economy CONTENUTI GRAMMATICALI - The present tenses - The past simple vs present perfect - The present perfect + since or for - The present perfect continuous - The past continuous - The passive voice - Conditional sentences. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Consolidamento delle competenze linguistiche teoriche e pratiche, descrittive e comunicative acquisite dallo studente nel corso degli anni precedenti. Sviluppo dell uso appropriato del linguaggio settoriale e tecnico in situazioni e contesti operativi. Acquisizione di un bagaglio lessicale e grammaticale adeguato che consenta loro di: - saper descrivere processi e/o situazioni con chiarezza logica e accettabile precisione lessicale - saper produrre testi scritti di carattere generale e specifico con sufficiente coerenza e coesione - saper relazionare sugli argomenti teorici previsti nella programmazione - saper stabilire collegamenti trasversali con altre discipline. METODOLOGIA L approccio didattico utilizzato è quello comunicativo. Motivazione e partecipazione degli studenti sono state stimolate nelle varie fasi di lavoro comprensione guidata, analisi e fissazione, produzione, verifica. Si sono esercitate le abilità di base in modo sia specifico che integrate, nelle seguenti attività: - comprensione guidata di testi orali e scritti - riordino e completamento di frasi esercizi tipo cloze - summarizing - rephrasing - utilizzo del lessico specifico - note-taking 19

20 STRUMENTI Libri di testo in adozione e materiale autentico fotocopiato e registrato. Strumenti multimediali per lo sviluppo di capacità di ascolto e di identificazione di modelli linguistici, di scrittura e di comunicazione. VERIFICA E VALUTAZIONE La valutazione ha tenuto conto sia delle conoscenze acquisite dagli alunni, sia delle capacità e della partecipazione al dialogo didattico. La verifica delle competenze acquisite è stata effettuata tramite: - tre prove scritte per quadrimestre - due prove orali per quadrimestre - due simulazioni di terza prova 20

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a.

SIS Piemonte. Parlare del futuro, fare delle previsioni. Specializzata: Paola Barale. Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi. a.a. SIS Piemonte Parlare del futuro, fare delle previsioni Specializzata: Paola Barale Supervisore di tirocinio: Anna Maria Crimi a.a. 2003-2004 1 1. Contesto Liceo linguistico, secondo anno 2. Livello A2

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE S.MARTA G. BRANCA Istituto Professionale per i Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera e Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Strada delle Marche,

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA

Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA CLASSE PRIMA PRIMARIA Istituto Maddalena di Canossa Corso Garibaldi 60-27100 Pavia Scuola dell Infanzia Scuola Primaria Scuola Secondaria di 1 grado Programmazione educativo-didattica didattica anno scolastico 2014-2015 TECNOLOGIA

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI

SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL MANAGER DI IMPRESE DI RECUPERO CREDITI Viale di Val Fiorita, 90-00144 Roma Tel. 065915373 - Fax: 065915374 E-mail: corsi@cepas.it Sito internet: www.cepas.eu sigla: SH66 Pag. 1 di 7 SCHEDA REQUISITI PER LA QUALIFICAZIONE DEL CORSO PER GENERAL

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici

2. Il profilo culturale, educativo e professionale degli Istituti Tecnici ALLEGATO A Profilo educativo, culturale e professionale dello studente a conclusione del secondo ciclo del sistema educativo di istruzione per gli Istituti Tecnici 1. Premessa I percorsi degli Istituti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE

SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE SERVIZI E ATTIVITA INTEGRATIVE PREMESSA 1 SERVIZIO ORIENTAMENTO E RIORIENTAMENTO 2 C.I.C. (Centro di Informazione e Consulenza) 4 SERVIZIO PSICOLOGICO 7 LA BIBLIOTECA 8 ATTIVITA CULTURALI 8 ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli