IST. D ISTRUZ. SUPERIORE PAOLO SARPI SAN VITO AL TAGLIAMENTO(PN)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IST. D ISTRUZ. SUPERIORE PAOLO SARPI 33078 SAN VITO AL TAGLIAMENTO(PN)"

Transcript

1 IST. D ISTRUZ. SUPERIORE PAOLO SARPI 3378 SAN VITO AL TAGLIAMENTO(PN) Via Brigata Osoppo - Tel / Fa C.F Pec: w w w. p a o l o s a r p i. i t ESAMI DI STATO A.S. 3-4 DOCUMENTO FINALE CLASSE 5^ A SIRIO IL DIRIGENTE SCOLASTICO PROF. PIERVINCENZO DI TERLIZZI (DOCUMENTO FIRMATO DIGITALMENTE CON FIRMA MIUR)

2 ELENCO DOCENTI: Bellio Leone Cozzi Tiziana Da Ros Costanzo Dose Alessandro Mauro Carlo RAPPRESENTANTI DI CLASSE Maddaloni Veronica Simonato Massimo Todaro Riccardo San Vito al Tagliamento, Maggio 4 Il Dirigente Scolastico Prof. Piervincenzo Di Terlizzi

3 INDICE Elenco allievi Pag. 3 Componenti del Consiglio di classe Pag. 4 Obiettivi generali dell indirizzo Pag. 6 Profilo della classe Pag. 7 Programmazione educativa e didattica del Consiglio di Pag. 8 Classe Criteri di scelta dei quesiti a risposta multipla Pag. 3 Contenuti multidisciplinari Pag. 4 Relazione finale Italiano e Storia Pag. 5 Allegati alla relazione finale Italiano e Storia Pag. Relazione finale Lingua e Civiltà Inglese Pag. 3 Relazione finale Economia Aziendale Pag. 37 Relazione finale Matematica Pag. 4 Allegati alla relazione finale Matematica Pag. 45 Relazione finale Diritto Costituzionale ed Economia della Pag. 49 Finanza Pubblica Simulazioni di Terza Prova Pag. 53 Griglia per la valutazione della III prova Pag. 67. Elenco allievi e. Schede informative analitiche relative alle seguenti materie: Italiano e Storia Lingua straniera ( inglese ) Economia aziendale Matematica Diritto ed economia della finanza pubblica 3. I e II simulazione di terza prova e griglia di valutazione. 3

4 ALLIEVI COGNOME E NOME A.S. 3/4 BAGNAROL MARIA ROSA Sirio BORSOI MAURIZIO Sirio 3 BUSETTO RICCARDO Sirio 4 COLUSSO GENNY Sirio 5 COMIN FRANCESCA Sirio 6 DEL BIANCO KAROL PATRICIA Sirio 7 DOROVSKIKH DENIS Sirio 8 GANDI ANNALISA Sirio 9 GUEHI MARTHE LARISSA D. Sirio DOMINIQUE MADDALONI VERONICA Sirio MERLO GIULIA Sirio MINIO FRANCESCA Sirio 3 MURUG ANGELA Sirio 4 PAPAVERO FRANCESCO Sirio 5 PERINI NICOLE Sirio 6 PITTON CARLO Sirio 7 SCUDERI SAMANTHA Sirio 8 SIMONATO MASSIMO Sirio 9 TODARO RICCARDO Sirio TRUNFIO CARMINE Sirio ZANINOTTO GLORIA Sirio 4

5 COMPONENTI DEL CONSIGLIO DI CLASSE INSEGNANTI Docente BELLIO Leone COZZI Tiziana DA ROS Costanzo DOSE Alessandro MAURO Carlo Materia Diritto ed Economia della Finanza Pubblica Inglese Matematica Italiano e Storia Economia Aziendale RAPPRESENTANTI DEGLI ALLIEVI : Maddaloni Veronica Simonato Massimo Todaro Riccardo 5

6 OBIETTIVI GENERALI DELL INDIRIZZO La classe V^ A è parte di un progetto nazionale denominato progetto Sirio. Il progetto è stato pensato specificatamente per gli studenti dei corsi serali, con caratteristiche differenti rispetto alle sperimentazioni dei corsi diurni, tiene quindi in considerazione non solo le difficoltà, ma anche le potenzialità del pubblico studentesco adulto. Il corso di studi progetto Sirio è finalizzato ad offrire occasioni di promozione socio-culturale, stimolare la ripresa degli studi riducendo l abbandono scolastico, migliorare l inserimento nel mondo del lavoro. L iniziativa si caratterizza per la sua differenza con i curricoli istituzionali, tanto da connotarsi come vera e propria seconda via all istruzione. Gli obiettivi generali perseguiti in questo corso di studi mirano ad una formazione di carattere professionale ed insieme culturale, infatti all acquisizione di competenze specifiche nel settore tecnico/aziendale fa da sfondo una formazione culturale di base. L obiettivo di fondo è quello di consentire la riconversione professionale di adulti già inseriti in ambito lavorativo che vogliano ripensare o debbano ricomporre la propria identità professionale. 6

7 PROFILO DELLA CLASSE La classe V A serale Sirio, all inizio dell anno scolastico, era composta da 3 allievi; verso la fine del primo quadrimestre si è iscritto un ulteriore allievo che tuttavia non ha mai frequentato (pertanto non è stato inserito nella lista); nel secondo quadrimestre si sono poi trasferite al corso serale due allieve provenienti dal corso diurno di questo Istituto, per motivi personali, di salute e lavorativi. Quattro allievi si sono ritirati durante l anno a causa di difficoltà personali, familiari e lavorative. Gli attuali frequentanti sono suddivisi in 3 femmine e 8 maschi. Trattasi di una classe piuttosto eterogenea: vi sono differenze di età, di provenienza lavorativa ed estrazione socio-culturale; inoltre alcuni alunni sono di provenienza straniera. La classe è costituita principalmente da allievi provenienti dalla quarta del corso serale Sirio A.S. /3 di questo Istituto; gli altri alunni si sono aggiunti provenendo dal corso diurno oppure per aver ripreso gli studi dopo qualche anno di interruzione. L eterogeneità del gruppo classe è dovuta alla molteplicità dei percorsi scolastici, alla diversità delle motivazioni, ad aspetti caratteriali e personali che caratterizzano la partecipazione all attività in classe e, per alcuni allievi, alle difficoltà nella frequenza, giustificata da problematiche personali e lavorative. Per la maggior parte degli allievi, tuttavia, la frequenza è stata regolare. I rapporti con gli insegnanti sono sempre stati collaborativi e la preparazione, tenuto conto che si tratta di un corso serale rivolto a studenti lavoratori, nel complesso può considerarsi 7

8 positiva, anche se per alcuni permangono difficoltà nell esposizione orale e nelle materie tecniche. Buona parte degli allievi si è impegnata molto durante tutto l anno, nonostante le limitazioni derivanti dalla famiglia e dagli impegni di lavoro, riuscendo ad ottenere un rendimento scolastico mediamente discreto, per alcuni ottimo. Gli altri allievi, nonostante per alcuni ci sia stata costanza e dedizione nell impegno scolastico, hanno conseguito risultati mediamente sufficienti con notevoli difficoltà in alcune discipline. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA DEL CONSIGLIO DI CLASSE All inizio dell anno scolastico il Consiglio di classe ha predisposto la propria programmazione educativa secondo il seguente modello : selezione degli obiettivi educativi tra quelli generali del P.O.F. pianificazione delle attività comuni volta al raggiungimento degli obiettivi prefissati individuazione delle strategie comuni che si intendono adottare Sono stati individuati alcuni obiettivi educativi e cognitivi che sono stati perseguiti gradualmente durante tutto l anno scolastico. 8

9 OBIETTIVI EDUCATIVI Consolidare i propri interessi e le proprie convinzioni Definire le proprie aspirazioni Valutare le proprie attitudini Riconoscere i propri limiti Acquisire un linguaggio consono al livello di studio Adattarsi a situazioni nuove con flessibilità Lavorare in gruppo Essere propositivi OBIETTIVI COGNITIVI Esporre i concetti in uno sviluppo coerente dal punto di vista logico Elaborare ed applicare una metodologia di studio efficace Utilizzare i linguaggi specifici delle diverse discipline Analizzare criticamente fatti e fenomeni motivando conclusioni personali Acquisire capacità di analisi e progettazione Analizzare eventi e fatti della vita pubblica Essere in grado di utilizzare gli strumenti tecnologici più diffusi Cogliere la dimensione economica dei problemi Il livello di raggiungimento degli obiettivi viene declinato nelle relazioni finali relative alle diverse discipline. 9

10 MEZZI E SPAZI UTILIZZATI I docenti hanno utilizzato per lo svolgimento delle lezioni: Libri di testo Vocabolari Codice Civile e Costituzione Dispense o materiali predisposti dal docente Calcolatrice Mezzi audiovisivi Le lezioni si sono svolte in aula, non è stato fatto uso di laboratori. METODOLOGIE Gli insegnanti del Consiglio di classe hanno concordato gli aspetti organizzativi del contratto formativo. Nel corso delle lezioni sono state utilizzate:. Tipo di spiegazione : lezione frontale, lettura guidata di manuali e/o testi in genere, lezione dialogata, lezione proposta con risoluzione dei problemi, discussione guidata, visione di testi multimediali concernenti gli argomenti di studio.. Strumenti di valutazione : interrogazioni, compiti scritti, relazioni, prove di comprensione del testo, prove strutturate e semi-strutturate, questionari ed esercizi, tipologie corrispondenti all esame di stato 3. Recupero delle conoscenze, abilità e competenze in itinere.

11 VERIFICHE Per ogni materia le verifiche sono state fissate dalle programmazioni di ciascun docente. Se un allievo è stato assente ad una prova, l insegnante, a sua discrezione, ne ha effettuato una di recupero in modo da valutare l allievo almeno su un numero di prove pari al minimo stabilito. Le verifiche scritte sono state riconsegnate, debitamente corrette e valutate, entro quindici giorni dalla loro effettuazione e, comunque, prima della verifica successiva. Le prove scritte di tipologia tradizionale sono state impostate in previsione della preparazione necessaria ad affrontare le prove scritte d esame di stato. La data programmata per le verifiche scritte è stata segnalata agli studenti con congruo anticipo sul registro di classe e gli insegnanti si sono impegnati, nel limite del possibile a non fissare più di una verifica al giorno. Ogni verifica è stata predisposta in maniera tale da valutare il conseguimento degli obiettivi didattici prefissati. L insegnante ha comunicato preventivamente l argomento della verifica, la tipologia degli esercizi o delle prove proposte e il tempo previsto per lo svolgimento. VALUTAZIONI Per quanto riguarda la valutazione si è deciso di esprimere i voti secondo la scala approvata nel POF. Le valutazioni quadrimestrali hanno utilizzato un voto unico per tutte le discipline, mentre nei giudizi bimestrali sono state esclusivamente segnalate le discipline insufficienti.

12 I seguenti comportamenti sono stati ritenuti indicatori positivi per l attribuzione dei voti di fine quadrimestre: Partecipazione attiva alle lezioni Ottimizzazione nell uso dei materiali didattici Esecuzione di lavori volontari di vario genere Assiduità nella frequenza Presenza alle verifiche Rispetto dei tempi stabiliti Progressi I seguenti comportamenti sono stati ritenuti indicatori negativi per l attribuzione dei voti di fine quadrimestre: Disturbo della lezione e interventi non appropriati Sottrarsi alle verifiche o rinviarne lo svolgimento Comportamenti non adeguati durante le prove di verifica CONTENUTI DELLE SIMULAZIONI DELLA TERZA PROVA SCRITTA D ESAME Sono state effettuate due prove con risposte multiple relative a 3 domande: 8 di Diritto, 7 di Storia, 7 di Inglese e 8 di Matematica. Le due prove sono state sostenute in data 7 marzo e 6 maggio 4. Durante le prove è stato consentito l uso del Codice Civile e della Costituzione.

13 CRITERI DI SCELTA DEI QUESITI A RISPOSTA MULTIPLA I quesiti a risposta multipla consistono in 3 domande per ciascuna delle quali sono indicate 4 risposte tra cui bisogna scegliere l unica esatta. Il Consiglio di classe ha scelto come esempio di terza prova i quesiti a risposta multipla poiché presenta rispetto alle altre alcuni indiscutibili vantaggi: attendibilità della valutazione: per mezzo di prove composte da domande a risposta multipla è possibile ottenere misurazioni standardizzate del livello di conoscenze possedute dai singoli studenti. Imparzialità: le prove composte da domande a risposta multipla forniscono un risultato oggettivo in tempi brevi e facilitano il confronto tra i diversi candidati. Queste prove consentono infatti di esprimere una valutazione oggettiva mediante l attribuzione di un punteggio calcolato sulla base delle risposte date ai singoli quesiti, i risultati dei candidati non vengono cioè influenzati da considerazioni di carattere soggettivo da parte di chi corregge. Celerità di correzione: i risultati di una prova a test possono essere ottenuti in tempi estremamente ridotti e con altrettanta rapidità è possibile confrontare tra loro i risultati dei singoli studenti. Un ulteriore vantaggio per gli studenti, messo in evidenza anche dal Ministero, è legato al fatto che i test sono molto diffusi per l accesso a numerosi corsi di laurea e diplomi universitari, nonché nelle sezioni aziendali e nei concorsi pubblici. 3

14 CONTENUTI MULTIDISCIPLINARI Kenes e la crisi del 9 analogie con la crisi attuale (Inglese, Economia Politica, Storia) Svevo, Joice, Virginia Woolf: il modernismo (Italiano, Inglese) Le imposte sul reddito (Economia Aziendale, Scienza delle Finanze) Il Vajont (Diritto, Storia, Italiano) La legalità: anni dall inchiesta mani pulite (Diritto, Storia) Break-even-point (Economia Aziendale, Economia Politica, Matematica) 4

15 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE PAOLO SARPI 3378 SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PN) RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 3-4 MATERIA INSEGNANTE CLASSE ITALIANO E STORIA DOSE V A SIRIO PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe, nel corso dell anno, si è dimostrata generalmente attiva e partecipe. Esistono tre principali livelli di preparazione: un primo gruppo, limitato numericamente, che ha raggiunto risultati buoni o ottimi; uno, lievemente più ampio, che si attesta su risultati discreti; e infine un gruppo più largo che ha raggiunto solo delle competenze di base. Le insufficienze gravi e il non raggiungimento delle competenze base sono casi isolati o accadimenti occasionali all interno di una classe che ha dimostrato capacità, nel complesso, soddisfacenti. Buona parte del lavoro preparatorio alle verifiche è stato gestito in aula, anche con riepiloghi in vista dei compiti in classe. 5

16 OBIETTIVI DISCIPLINARI RAGGIUNTI La classe è mediamente capace di: - applicare le convenzioni ortografiche e sintattiche della lingua italiana, eliminando gli errori più frequenti; - esporre con scioltezza, proprietà e precisione gli argomenti di studio; - produrre un articolo di giornale, un saggio breve; - eseguire l'analisi di un testo letterario in poesia e in prosa; - collocare un autore o una corrente nel contesto storico del tempo; - riferire gli aspetti della biografia di un autore rilevanti per la sua attività letteraria; - parafrasare in italiano moderno i testi letti; - effettuare collegamenti tra autori e/o opere della letteratura italiana; - Conoscere le relazioni intercorrenti tra i vari avvenimenti; - individuare i rapporti di causa-effetto tra e negli avvenimenti; - riconoscere le fratture, la continuità, i condizionamenti e le relazioni tra i processi storici; - effettuare collegamenti multidisciplinari. METODOLOGIA La didattica è stata organizzata cercando di favorire la partecipazione al dialogo educativo, con alternanza di lezioni interattive e lezioni frontali. Si è fatto uso di materiale audiovisivo per migliorare l apprendimento dei concetti, specie nell ambito delle ore di storia. I compiti in classe sono stati concepiti per consentire un adeguata preparazione alla prima prova scritta dell esame finale. STRUMENTI Il materiale didattico è stato fornito agli studenti mediante fotocopie. Il testo di riferimento, per il corso di italiano, è stato G. Baldi S. Giusso M. Razetti G. Zaccaria, L attualità della letteratura, Paravia. Si è fatto largo uso di videoproiezioni, per la visione di immagini, film e documentari. 6

17 VERIFICHE Interrogazioni orali, prove scritte semistrutturate. Le verifiche sono state fatte al termine di ogni unità di apprendimento. CRITERI DI VALUTAZIONE La valutazione sommativa, oltre che sui risultati delle singole verifiche, ha tenuto conto della progressione dell apprendimento, dell impegno e dell interesse, del metodo di lavoro e della partecipazione al dialogo educativo. Le griglie di valutazione delle prove scritte sono allegate a questo documento. CONTENUTI ITALIANO PERIODO ARGOMENTO TESTI I quadrimestre Il Decadentismo I modelli francesi Baudelaire Spleen L albatro Corrispondenze Rimbaud La lettera del Veggente Vocali Il battello ebbro Verlaine Languore Arte Poetica Mallarmé Brezza marina Pascoli: vita e opere Arano Lavandare X Agosto L assiuolo Temporale Il lampo Il gelsomino notturno Una poetica decadente (da Il fanciullino) 7

18 II quadrimestre D Annunzio: vita e opere Pirandello: vita e opere Svevo: vita e opere Le avanguardie: Il futurismo (cenni) La pioggia nel pineto Il programma politico del superuomo (da La vergine delle rocce) Brani scelti da Il piacere L arte che scompone il reale (da L umorismo) La trappola Il treno ha fischiato La costruzione delle nuova identità (da Il fu Mattia Pascal) Lo «strappo nel cielo di carta» e la «lanterninosofia» (da Il fu Mattia Pascal) Nessun nome (da Uno, nessuno e centomila) La rappresentazione teatrale tradisce il personaggio (dai Sei personaggi in cerca d autore) Il ritratto dell inetto (da Senilità) «Il male avveniva, non veniva commesso» (da Senilità) La trasfigurazione di Angiolina (da Senilità) Il fumo (da La coscienza di Zeno) La morte del padre (da La coscienza di Zeno) La salute malata di Augusta (da La coscienza di Zeno) La profezia di un apocalisse cosmica (da La coscienza di Zeno) Filippo Tommaso Marinetti Manifesto del Futurismo Manifesto tecnico della letteratura futurista Bombardamento 8

19 Ungaretti: vita e opere Il porto sepolto Veglia Sono una creatura I fiumi San Martino del Carso Mattina Soldati Di luglio Non gridate più Montale: vita e opere I limoni Non chiederci la parola Meriggiare pallido e assorto Spesso il male di vivere ho incontrato Forse un mattino andando in un aria di vetro Dora Markus Non recidere, forbice, quel volto La casa dei doganieri Piccolo testamento Xenia I La storia Saba: vita e opere Pasolini: vita e opere A mia moglie La capra Trieste Città vecchia Teatro degli Artigianelli Amai Ulisse Le ceneri di Gramsci Rimpianto del mondo contadino e omologazione contemporanea (da Scritti corsari) 9

20 STORIA PERIODO I quadrimestre II quadrimestre ARGOMENTO La Prima guerra mondiale La Rivoluzione russa L eredità della Grande guerra Il Biennio rosso L avvento del fascismo La dittatura fascista L ascesa di Hitler e il nazismo L Unione Sovietica tra le due guerre La crisi del 9 e il New Deal La Seconda guerra mondiale La Guerra fredda L Italia repubblicana ALLEGATI. Griglie di valutazione delle prove scritte. Testo della simulazione di I prova S.Vito al Tagliamento maggio 4 Prof. Alessandro Dose

21 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLE PROVE SCRITTE DI ITALIANO TIPOLOGIA: A ) Analisi e commento di un testo letterario INDICATORI Punti ma. DESCRITTORI di misurazione Punti Comprensione delle Rispetta la consegna consegne Rispetta parzialmente la consegna Non rispetta la consegna Parafrasi/riassunto 3 Esauriente Sostanzialmente completa con lievi imprecisioni Lacunosa con evidenti imprecisioni Assente o nulla Competenze linguistiche 4 Ortografia e sintassi corrette; lessico appropriato Ortografia corretta; lievi improprietà sintattiche e lessicali Imprecisioni ortografiche; errori di sintassi; improprietà lessicali Errori ortografici e/o di sintassi; gravi improprietà lessicali Reiterati errori in tutto l impianto linguistico Analisi dei livelli e degli elementi del testo Interpretazione critica ed argomentazione 4 Analisi esauriente e completa in tutti i punti richiesti Analisi adeguata alle competenze curricolari Analisi superficiale rispetto alle competenze curricolari Analisi approssimativa rispetto alle competenze curricolari Analisi assente o nulla Adeguata abilità interpretative ed argomentative Semplici abilità interpretative ed argomentative Assenza di interpretazione e relativa argomentazione TIPOLOGIA: A ) Analisi e commento di un testo non letterario INDICATORI Punti ma. DESCRITTORI di misurazione Punti Comprensione delle Rispetta la consegna consegne Rispetta parzialmente la consegna Non rispetta la consegna Riassunto 3 Esauriente Sostanzialmente completo con lievi imprecisioni Lacunoso con evidenti imprecisioni Assente o nullo Competenze linguistiche 4 Ortografia e sintassi corrette; lessico appropriato Ortografia corretta; lievi improprietà sintattiche e lessicali Imprecisioni ortografiche; errori di sintassi; improprietà lessicali Errori ortografici e/o di sintassi; gravi improprietà lessicali Reiterati errori in tutto l impianto linguistico Analisi dei blocchi di testo 4 Analisi esauriente e completa in tutti i punti richiesti Analisi adeguata alle competenze curricolari Analisi superficiale rispetto alle competenze curricolari Analisi approssimativa rispetto alle competenze curricolari Analisi assente o nulla Interpretazione critica ed argomentazione Adeguata abilità interpretative ed argomentative Semplici abilità interpretative ed argomentative Assenza di interpretazione e relativa argomentazione

22 TIPOLOGIA: B 3) Saggio breve INDICATORI Punti ma. DESCRITTORI di misurazione Punti Comprensione delle Rispetta la consegna consegne Rispetta parzialmente la consegna Non rispetta la consegna Competenze linguistiche 4 Ortografia e sintassi corrette; lessico appropriato Ortografia corretta; lievi improprietà sintattiche e lessicali Imprecisioni ortografiche; errori di sintassi; improprietà lessicali Errori ortografici e/o di sintassi; gravi improprietà lessicali Reiterati errori in tutto l impianto linguistico Individuazione tesi Evidente Presente ma non sempre evidente Assente Utilizzo delle informazioni e della documentazione 4 Ampio e articolato Esauriente per le competenze curricolari Adeguato per le competenze curricolari Superficiale e/o incompleto Limitato ed impreciso Argomentazione 3 Articolata e sempre presente nel testo Superficiale o non sempre presente Circoscritta a considerazioni finali Assente TIPOLOGIA: B 4) Articolo di giornale (d opinione, culturale, specialistico) INDICATORI Punti ma. DESCRITTORI di misurazione Punti Comprensione delle Rispetta la consegna consegne Rispetta parzialmente la consegna Non rispetta la consegna Competenze linguistiche 4 Ortografia e sintassi corrette; lessico appropriato Ortografia corretta; lievi improprietà sintattiche e lessicali Imprecisioni ortografiche; errori di sintassi; improprietà lessicali Errori ortografici e/o di sintassi; gravi improprietà lessicali Reiterati errori in tutto l impianto linguistico Struttura del discorso (articolazione in lead blocco paragrafo conclusivo) 3 Ben articolata Abbastanza articolata/un po schematica Eccessivamente schematica con qualche incongruenza Disordinata e incoerente Informazioni 3 Esaurienti Adeguate alle competenze curricolari Semplici e superficiali Assenti o inadeguate Commento personale e argomentazione 3 Ben evidenti e significativi Presenti e sufficientemente sviluppati Limitati e superficiali Assente

23 TIPOLOGIA: C 5) Tema di argomento storico INDICATORI Punti ma. DESCRITTORI di misurazione Punti Comprensione delle Rispetta la consegna consegne Rispetta parzialmente la consegna Non rispetta la consegna Competenze linguistiche 4 Ortografia e sintassi corrette; lessico appropriato Ortografia corretta; lievi improprietà sintattiche e lessicali Imprecisioni ortografiche; errori di sintassi; improprietà lessicali Errori ortografici e/o di sintassi; gravi improprietà lessicali Reiterati errori in tutto l impianto linguistico Documentazione storica 4 Ampia e articolata Esauriente per le competenze curricolari Adeguata per le competenze curricolari Superficiale e/o incompleta Limitata ed imprecisa Argomentazione 3 Articolata e sempre presente nel testo Superficiale o non sempre presente Circoscritta a considerazioni finali Assente Commento personale ed autonomia di giudizio Ben evidente e significativo Non sempre evidente e significativo Assente TIPOLOGIA: D 6) Tema di ordine generale INDICATORI Punti ma. DESCRITTORI di misurazione Punti Comprensione delle Rispetta la consegna consegne Rispetta parzialmente la consegna Non rispetta la consegna Competenze linguistiche 4 Ortografia e sintassi corrette; lessico appropriato Ortografia corretta; lievi improprietà sintattiche e lessicali Imprecisioni ortografiche; errori di sintassi; improprietà lessicali Errori ortografici e/o di sintassi; gravi improprietà lessicali Reiterati errori in tutto l impianto linguistico Esposizione ed espressione 4 Esposizione coerente ed organica; espressione articolata ed appropriata Esposizione lineare; espressione semplice e chiara Esposizione elementare; espressione imprecisa Esposizione frammentaria; espressione inadeguata Esposizione confusa; espressione involuta Argomentazione 3 Articolata e sempre presente nel testo Superficiale o non sempre presente Circoscritta a considerazioni finali Commento personale ed autonomia di giudizio Assente Ben evidente e significativo Non sempre evidente e significativo Assente

24 SIMULAZIONE I PROVA CLASSE V SIRIO TIPOLOGIA A ANALISI DEL TESTO Italo Svevo, Prefazione, da La coscienza di Zeno, 93 Edizione: I. Svevo, Romanzi. Parte seconda, Milano 969, p Io sono il dottore di cui in questa novella si parla talvolta con parole poco lusinghiere. Chi di psicoanalisi s intende, sa dove piazzare l antipatia che il paziente mi dedica. Di psico-analisi non parlerò perché qui entro se ne parla già a sufficienza. Debbo scusarmi di aver indotto il mio paziente a scrivere la sua autobiografia; gli studiosi di psico-analisi arricceranno il naso a tanta novità. Ma egli era vecchio ed io sperai che in tale rievocazione il suo passato si rinverdisse, che l autobiografia fosse un buon preludio alla psico-analisi. Oggi ancora la mia idea mi pare buona perché mi ha dato dei risultati insperati, che sarebbero stati maggiori se il malato sul più bello non si fosse sottratto alla cura truffandomi del frutto della mia lunga paziente analisi di queste memorie. Le pubblico per vendetta e spero gli dispiaccia. Sappia però ch io sono pronto di dividere con lui i lauti onorarii che ricaverò da questa pubblicazione a patto egli riprenda la cura. Sembrava tanto curioso di se stesso! Se sapesse quante sorprese potrebbero risultargli dal commento delle tante verità e bugie ch egli ha qui accumulate! Comprensione e analisi del testo. Dottor S.. Dopo una prima lettura, riassumi il contenuto informativo del testo in non più di dieci righe.. Quali personaggi entrano in gioco in questo testo? E con quali ruoli? 3. Quali informazioni circa il paziente si desumono dal testo? 4. Quale immagine si ricava del Dottor S.? 5. Il Dottor S. ha indotto il paziente a scrivere la sua autobiografia. Perché? 6. Rifletti sulle diverse denominazioni del romanzo: novella (r. ), autobiografia (r. 4), memorie (r. 9). 7. Esponi le tue osservazioni in un commento personale di sufficiente ampiezza. Interpretazione complessiva Proponi una tua interpretazione complessiva del brano e approfondiscila con opportuni collegamenti al romanzo nella sua interezza o ad altri testi di Svevo. In alternativa, prendendo spunto dal testo proposto, delinea alcuni aspetti dei rapporti tra letteratura e psicoanalisi, facendo riferimento ad opere che hai letto e studiato. 4

25 TIPOLOGIA B REDAZIONE DI UN SAGGIO BREVE O DI UN ARTICOLO DI GIORNALE. AMBITO ARTISTICO LETTERARIO La piazza luogo dell incontro e della memoria "Ero appena tornato da un viaggio nel Messico, dove ero rimasto molto colpito dall'intensa vita del Cuore nei villaggi messicani. Ognuno di essi possiede una piazza piuttosto grande con portici tutto intorno, e la gente è sempre lì a comprar nelle botteghe, a pettegolare, mentre i giovani fanno la corte alle ragazze. Questo è il vero centro della vita del villaggio. Provai a spiegare ai miei studenti che valeva la pena di studiare questo elemento e che dovrebbe essere possibile creare anche negli Stati Uniti Cuori di questo genere. Ma gli studenti rifiutarono la mia proposta perché pensavano che l'idea di una piazza circondata da portici appartenesse troppo al passato e che non fosse adatta alla vita di oggi. Così io mi domandai se l'aver suggerito un tale argomento non era dovuto al fatto che io avevo una mentalità d'altri tempi. Ora però so che rifiutarono la mia proposta perché non sapevano di che cosa si trattava: non avevano mai visto una cosa simile, non l'avevano mai sperimentata, perciò non potevano capirla. Non molto tempo dopo ricevetti una lettera da uno di essi, un ragazzo molto dotato, che era stato in Italia ed aveva visto Piazza S. Marco. Ne era rimasto così impressionato che mi scrisse ricordando la nostra discussione." W. GROPIUS, Discussione sulle piazze italiane, trad. it. Milano 954 "Ecco le piazze romane, dove le persone, giunte in mezzo, scompaiono in profonda vasca, emergono agli orli e le vedi, a distanza, salire la scalinata di San Pietro come se andassero in paradiso." V. CARDARELLI, Il cielo sulle città, Milano 949 La veneta piazzetta antica e mesta, accoglie odor di mare. E voli di colombi. Ma resta nella memoria - e incanta di sé la luce - il volo del giovane ciclista vòlto all'amico: un soffio melodico: "Vai solo?" S. PENNA, Poesie, 939 Fra le tue pietre e le tue nebbie faccio villeggiatura. Mi riposo in Piazza del Duomo. Invece di stelle ogni sera s'accendono parole. Nulla riposa della vita come la vita. U. SABA, Il Canzoniere, Torino, 96 5

26 Piazza Grande Santi che pagano il mio pranzo non ce n'è sulle panchine in Piazza Grande ma quando ho fame di mercanti come me qui non ce n'è. Dormo sull'erba, ho molti amici intorno a me: gli innamorati in Piazza Grande; dei loro guai, dei loro amori tutto so, sbagliati e no. [...] Una famiglia vera e propria non ce l'ho, e la mia casa è Piazza Grande. A chi mi crede prendo amore e amore do quanto ne ho. Con me di donne generose non ce n'è, rubo l'amore in Piazza Grande e meno male che briganti come me qui non ce n'è. [...] Lenzuola bianche per coprirci non ne ho, sotto le stelle, in Piazza Grande e se la vita non ha sogni, io li ho e te li do. E se non ci sarà più gente come me voglio morire in Piazza Grande tra i gatti che non han padrone come me, attorno a me. A modo mio quel che sono l'ho voluto io... Testo di G. BALDAZZI - S. BARDOTTI, 97, in "Casa Ricordi", 995 La 'piazza' ospita le attività non programmate, spontanee, e in questo senso diventa una propaggine del laboratorio culturale; ne interpreta e ne rafforza la vocazione popolare, prospettandosi come una trasposizione fantastica del vecchio Hde Park Corner." Il centro culturale George Pompidou di Piano e Rogers in M. DINI "Renzo Piano: Progetti e architetture ", Milano, 983 S. STEIMBERG, Piazza S. Marco, disegni, 95 6

27 PIANO e ROGERS, centro culturale George Pompidou Parigi, Recanati, Piazzola Sabato del Villaggio I fanciulli gridando su la piazzuola in frotta, e qua e là saltando, fanno un lieto romore. G. LEOPARDI, Il sabato del villaggio. AMBITO SOCIO-ECONOMICO ARGOMENTO: La ricerca della felicità «Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all organizzazione politica, economica e sociale del Paese.» 7

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

P000 - ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

P000 - ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Pag. 1/7 Sessione ordinaria 2009 P000 - ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEI CORSI DI STUDIO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE PROVA DI ITALIANO (per tutti gli indirizzi: di ordinamento e sperimentali) Svolgi

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Leggere attentamente la traccia, l argomento e tutti i documenti.

Leggere attentamente la traccia, l argomento e tutti i documenti. Leggere attentamente la traccia, l argomento e tutti i documenti. Individuare le tesi di ogni documento. Documento 1: La rete impone di vivere in una grande società virtuale anche a chi non lo vorrebbe.

Dettagli

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe.

Possono iscriversi.. tutti i lavoratori stabilmente o temporaneamente occupati, coloro che sono in attesa di lavoro, i disoccupati, le casalinghe. Che cos'è il Progetto SIRIO? Il PROGETTO SIRIO (IGEA) è un corso serale per il conseguimento del Diploma di Ragioniere che riteniamo di particolare interesse per quanti non abbiano conseguito un diploma

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Prof. Luigi d Alonzo

Prof. Luigi d Alonzo La complessità in classe Prof. Luigi d Alonzo Università Cattolica Ordinario di Pedagogia Speciale Centro Studi e Ricerche sulla Disabilità e Marginalità Presidente della Società Italiana di Pedagogia

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni

La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici. Laura Mengoni La collaborazione tra le imprese e le scuole per migliorare la preparazione dei diplomati tecnici Laura Mengoni Milano, 24 febbraio 2011 Seminario di formazione per i dirigenti scolastici sui temi della

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA

FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA novembre 2004 FAR CRESCERE LA CULTURA DI MARCA IN AZIENDA CICLO DI FORMAZIONE SUL RUOLO E SULLA VALORIZZAZIONE DELLA MARCA NELLA VITA AZIENDALE 3, rue Henry Monnier F-75009 Paris www.arkema.com TEL (+33)

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli