1.1 Vantaggi dell utilizzo di uno script debugger. 1.2 Funzionalità di GFI LanGuard Script Debugger

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1.1 Vantaggi dell utilizzo di uno script debugger. 1.2 Funzionalità di GFI LanGuard Script Debugger"

Transcript

1 Guida di scripting

2 Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzia di alcun tipo, sia espressa che implicita, ivi incluse, in via esemplificativa, tutte le garanzie implicite di commerciabilità, idoneità a soddisfare uno scopo particolare e non violazione dei diritti altrui. GFI Software non sarà ritenuta responsabile di nessun danno, inclusi danni consequenziali, che possano derivare dall uso del presente documento. Le informazioni sono state ottenute da fonti pubblicamente disponibili. Nonostante siano stati compiuti sforzi ragionevoli al fine di garantire la precisione dei dati forniti, GFI non garantisce, promette né tantomeno assicura la completezza, la precisione, l aggiornamento o l adeguatezza di tali dati e non sarà ritenuta responsabile di errori di stampa. GFI non fornisce garanzie, né espresse né implicite e non si assume la responsabilità legale della precisione o della completezza delle informazioni contenute nel presente documento. Se si ritiene che vi siano errori effettivi nel presente documento, contattarci. Provvederemo a risolvere la cosa quanto prima. Tutti i nomi di prodotti e società riportati possono essere marchi registrati dei rispettivi proprietari. GFI LanGuard è un copyright di GFI SOFTWARE Ltd GFI Software Ltd. Tutti i diritti riservati. Versione documento: 11.3 Ultimo aggiornamento (mese/giorno/anno): 09/05/2014

3

4 1 Introduzione GFI LanGuard consente agli utenti di scrivere script personalizzati che verificano la presenza di vulnerabilità. Gli script possono dipendere dalla piattaforma o esserne indipendenti. Dipendenti dalla piattaforma (gli script vengono eseguiti sul computer sottoposto a scansione): script di shell UNIX eseguiti tramite SSH. Il computer remoto deve essere un computer UNIX e consentire le connessioni remote tramite SSH Indipendenti dalla piattaforma (gli script vengono eseguiti sul computer in cui è installato GFI LanGuard): script di Visual Basic. Il presente manuale fornisce ampie informazioni relative alla scrittura, al debug e alla configurazione dei controlli di vulnerabilità di Visual Basic Script Python: per ulteriori dettagli, vedere il capitolo di scripting Python del presente manuale. Argomenti del presente capitolo: 1.1 Vantaggi dell utilizzo di uno script debugger Funzionalità di GFI LanGuard Script Debugger Vantaggi dell utilizzo di uno script debugger Il vantaggio nell utilizzo di un editor consiste nella maggior sicurezza e velocità per correggere e creare gli script di lavoro. L utilizzo di un editor assicurerà che lo script sia funzionale, prima di eseguire lo script in un ambiente di lavoro. GFI LanGuard Script Debugger consente di eseguire lo script come in un ambiente di lavoro. GFI LanGuard Script Debugger dispone di tutte le funzionalità comuni trovate in un ambiente di sviluppo integrato. Tre le altre sono incluse: Punti di interruzione Passaggio a Ignora Consente di specificare i parametri per una verifica corretta. Importante L esecuzione dello script in GFI LanGuard senza debug non è consigliata. Se lo script non funziona, non si sarà in grado di identificare l errore dello script. Una codifica errata può inoltre portare a ripetizioni infinite che possono bloccare lo scanner GFI LanGuard. 1.2 Funzionalità di GFI LanGuard Script Debugger Nella tabella seguente sono contenute le funzionalità principali di GFI LanGuard Script Debugger: Funzione Supporto per le espressioni di controllo variabili Descrizione Monitoraggio in tempo reale dei cambiamenti dei valori delle variabili utilizzate. GFI LanGuard 1 Introduzione 4

5 Funzione Funzionalità Passaggio a/ignora Evidenziazione sintassi Messaggi di errore completi Punto di interruzione Esecuzione/debug di script utilizzando credenziali alternative Descrizione Consente di eseguire il debug degli script riga per riga monitorando le attività in corso durante l esecuzione dello script. Semplificazione nella programmazione degli script e nell individuazione dei problemi. Indica il tipo e la posizione degli errori. Aiuta a rilevare gli errori basati sul tipo di variabile. Il debugger supporta i punti di interruzione che passeranno riga per riga eseguendo il debug in un particolare punto di interesse. Capacità di eseguire il debug dello script ed eseguirlo utilizzando credenziali alternative durante il processo di sviluppo e debug dello script. GFI LanGuard 1 Introduzione 5

6 2 Visual Basic Script (VBScript) Questo capitolo fornisce le informazioni relative a VBScript e alla modalità di creazione degli script utilizzando GFI LanGuard Script Debugger. Un riferimento completo per il linguaggio di programmazione di Visual Basic utilizzato da GFI LanGuard è disponibile all indirizzo: Argomenti del presente capitolo: 2.1 Note importanti su VBScript Funzioni di VBScript supportate da GFI LanGuard Errori e insidie comuni Suggerimenti Sviluppo di uno script in GFI LanGuard Script Debugger Aggiunta di un nuovo controllo di vulnerabilità basato su script per lo scanner Note importanti su VBScript In ogni script creato, deve essere presente una funzione denominata Main. GFI LanGuard cercherà la funzione e avvierà l esecuzione dello script partendo da essa. Il valore restituito della funzione Main nel motore di scripting è Booleano (true o false). Il valore restituito viene specificato assegnando il valore del risultato a una variabile che ha lo stesso nome della funzione (esempio: se la funzione è denominata MyFunction, il valore restituito è specificato come MyFunction = true). Il valore restituito viene in genere specificato alla fine della funzione. 'Visualizzazione del testo nella finestra di attività dello scanner echo "Script has run successfully" 'restituzione del risultato Main = true 2.2 Funzioni di VBScript supportate da GFI LanGuard Tutte le funzioni e tutti i metodi di scripting di VBScript sono supportati da GFI LanGuard. Per ulteriori informazioni, utilizzare le risorse di VBScript seguenti: GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 6

7 2.3 Errori e insidie comuni In VBScript sono disponibili due tipi di variabili: Tipo di variabile Semplice Oggetti Descrizione Le variabili sono di tipo true, ad esempio numero intero, Booleano, stringa. Elementi complessi la cui funzionalità si trova nell interfaccia degli oggetti di automazione. È importante dichiarare i tipi di oggetto di automazione come Object, prima di assegnare loro dei valori. Importante Si raccomanda di assegnare un valore a tutte le variabili e/o a tutti gli oggetti dichiarati. 'dichiarazione dell oggetto da utilizzare Dim namestr As String 'assegnazione di un valore alla variabile namestr = "Questa è un assegnazione prova del testo" 'visualizzazione del risultato nella finestra di attività di assegnazione dello scanner echo namestr 'restituzione del risultato Main = true Per un esempio più avanzato, lo script in basso elencherà i servizi installati nel computer di destinazione (host locale = ). Copiare e incollare il testo seguente nello script debugger ed eseguirlo (F5). Nella finestra di debug verrà visualizzato l elenco dei servizi installati nel computer locale. Function main 'dichiarazione degli oggetti che dovranno essere utilizzati Dim wmi As Object Dim objswbemobject As Object 'dichiarazione delle altre variabili necessarie Dim strcomputer As String Dim cr As String strcomputer = " " 'Ritorno a capo cr = Chr(13) + Chr(10) GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 7

8 'hook con l oggetto wmi Set wmi = GetObject("winmgmts:\\" & strcomputer & "\root\cimv2") 'Controllo della riuscita dell hook If wmi is Nothing Then echo ("errore1") 'Restituzione istanza servizi di wmi Set wmiinst=wmi.instancesof("win32_service") 'Controllo per vedere disponibilità dell istanza If wmiinst is Nothing Then echo ("errore2") 'Ciclo true per ogni istanza For Each objswbemobject In wmiinst echo("nome servizio= ") 'Visualizzazione servizi echo(objswbemobject.displayname+cr) Next Nota Se si tenta di utilizzare un oggetto automazione senza dichiarazione, lo script avrà esito negativo durante la compilazione. Come esempio, considerare lo stesso pezzo di codice in cui manca la dichiarazione completa della variabile dell oggetto wmi. Nel momento in cui si tenta di eseguire lo script, verrà visualizzato un messaggio di errore nonché un indicazione chiara della riga su cui si è verificato l errore: Function main Dim wmi 'AVVISO : manca come oggetto Dim objswbemobject As Object 2.4 Suggerimenti Per visualizzare le informazioni sull avanzamento nella finestra Attività scanner (la finestra in basso dello strumento scanner o la finestra in basso a sinistra dello script debugger), utilizzare il comando echo. 'Visualizzazione del testo nella finestra di attività dello scanner echo "Script has run successfully" 'restituzione del risultato GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 8

9 Main = true 2.5 Sviluppo di uno script in GFI LanGuard Script Debugger Questa sezione contiene informazioni relative alla creazione di un VBScript utilizzando GFI LanGuard Script Debugger. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a: Creazione di un VBScript Esecuzione di uno script Punti di interruzione del debug - funzionalità Passaggio a Monitoraggio dei valori all interno delle variabili Debug sotto sessioni utente alternative Invio di parametri allo script Creazione di uno script In questa sezione viene creato uno script. Lo script controlla se il servizio di messaggistica è o meno in esecuzione sul computer locale. Lo script viene sviluppato utilizzando lo script debugger e dimostra alcune delle sue funzionalità. Function main 'dichiarazione degli oggetti che dovranno essere utilizzati Dim wmi As Object Dim objswbemobject As Object 'dichiarazione delle altre variabili necessarie Dim strcomputer As String Dim cr As String strcomputer = " " 'ritorno a capo cr = Chr(13) + Chr(10) 'hook con l oggetto wmi Set wmi = GetObject("winmgmts:\\" & strcomputer & "\root\cimv2") 'controllo della riuscita dell hook If wmi is Nothing Then echo ("errore1") 'restituzione istanza servizi di wmi Set wmiinst=wmi.instancesof("win32_service") 'controllo per vedere disponibilità dell istanza If wmiinst is Nothing Then echo ("errore2") 'Ciclo true per ogni istanza For Each objswbemobject In wmiinst If objswbemobject.displayname = "Messenger" Then GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 9

10 echo("nome servizio= ") 'Visualizzazione servizi echo(objswbemobject.displayname+cr) echo("stato servizio= ") 'stato visualizzato Next echo(objswbemobject.state+cr) If objswbemobject.state = "Esecuzione" Then main = true If objswbemobject.state = "Esecuzione" Then main = true Esecuzione di uno script Per eseguire lo script, premere F5 o fare clic su Debug > Go Punti di interruzione del debug - funzionalità Passaggio a Lo script debugger consente di sospendere l esecuzione in un punto specifico dello script. Ad esempio, è possibile impostare un punto di interruzione per l esecuzione quando la variabile contenente il nome visualizzato del servizio è Messenger. Per eseguire questa operazione nello script di esempio, passare alla riga 17 ( echo("nome servizio= ") ) e inserire il punto di interruzione (Premere F9) proprio sotto all istruzione "if". Durante l esecuzione utilizzare il tasto F10 (Passaggio a) per eseguire il codice rimanente riga per riga Monitoraggio dei valori all interno delle variabili Per monitorare i valori contenuti nelle variabili, è necessario aggiungere un espressione di controllo per la variabile in questione. Per monitorare il contenuto della variabile: 1. Espandere la sezione di stato in basso. 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla prima riga libera in alto sotto Variabile. 3. Selezionare Aggiungi espressione di controllo, quindi digitare il nome della variabile che si desidera monitorare. Ripetere il passaggio per aggiungere monitoraggi per più variabili. 4. Per rimuovere un espressione di controllo, fare clic con il pulsante destro del mouse su di essa e selezionare Elimina espressione di controllo Debug sotto sessioni utente alternative Per verificare lo script sotto credenziali alternative: 1. Avviare GFI LanGuard Script Debugger 2. Nell elenco a discesa Utilizzo selezionare Credenziali alternative. 3. Digitare un nome utente e una password nelle caselle di testo apposite Invio di parametri allo script Lo strumento scanner GFI LanGuard passa i parametri agli script, quando vengono eseguiti. : il nome e l IP del computer di destinazione sottoposto a scansione per la presenza di vulnerabilità. Per poter eseguire il debug degli script, è possibile effettuare una prova con vari tipi di valori per GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 10

11 questi parametri. È possibile specificare valori alternativi per questi parametri da Opzioni > Parametri. Per ottenere l accesso a questi parametri negli script, è necessario utilizzare una GFI LanGuard funzione speciale denominata GetParameter a cui passare il nome del parametro che si desidera, ad esempio: Function main 'dichiarazione degli oggetti che dovranno essere utilizzati Dim wmi As Object Dim objswbemobject As Object 'dichiarazione delle altre variabili necessarie Dim strcomputer As String Dim cr As String strcomputer = " " 'Ritorno a capo cr = Chr(13) + Chr(10) 'hook con l oggetto wmi Set wmi = GetObject("winmgmts:\\" & strcomputer & "\root\cimv2") 'Controllo della riuscita dell hook If wmi is Nothing Then echo ("errore1") 'Restituzione istanza servizi di wmi Set wmiinst=wmi.instancesof("win32_service") 'Controllo per vedere disponibilità dell istanza If wmiinst is Nothing Then echo ("errore2") 'Ciclo true per ogni istanza For Each objswbemobject In wmiinst echo("nome servizio= ") 'Visualizzazione servizi echo(objswbemobject.displayname+cr) Next 2.6 Aggiunta di un nuovo controllo di vulnerabilità basato su script per lo scanner Nell esempio seguente viene descritta la modalità di creazione di un nuovo controllo di vulnerabilità e verrà eseguito uno script per controllare la presenza di nuove vulnerabilità. Lo script visualizza Script eseguito correttamente nella finestra delle attività dello scanner e verrà indicato a GFI LanGuard che è stata rilevata la vulnerabilità e che deve essere segnalata all amministratore. A tal fine: Passaggio 1 - Creare uno script che controlli la presenza di vulnerabilità (come descritto nella sezione precedente) Passaggio 2 - Creare una nuova vulnerabilità per eseguire lo script GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 11

12 2.6.1 Passaggio 1: Creare uno script che controlli la presenza di vulnerabilità 1. Avviare GFI LanGuard Script Debugger da Start > Tutti i programmi > GFI LanGuard 2012 > GFI LanGuard Script Debugger. 2. Fare clic su File > Nuovo. 3. Incollare il testo seguente nel debugger: echo "Script has run successfully" Main = true 4. Salvare il file nella directory desiderata, esempio c:\myscript.vbs Passaggio 2: Creare una nuova vulnerabilità per eseguire lo script 1. Avviare la console di gestione di GFI LanGuard da Start > Programmi > GFI LanGuard 2014> GFI LanGuard Fare clic sul pulsante delle opzioni principali e selezionare Configura > Editor profili di scansione. In alternativa, premere CTRL + P per aprire l Editor profili di scansione. 3. Da Attività comuni fare clic su Nuovo profilo di scansione oppure selezionare il profilo di scansione esistente da modificare. 4. Digitare un nome di profilo e, facoltativamente, una descrizione. 5. (Facoltativo) Selezionare Copia tutte le impostazioni da un profilo esistente e dal menu a discesa Profilo selezionare il profilo di scansione esistente che si desidera duplicare. 6. Fare clic su OK. Nota Il nuovo profilo di scansione viene aggiunto sotto la sezione Profili nel riquadro di sinistra. 7. Selezionare il nuovo profilo di scansione e dal riquadro di destra fare clic su Aggiungi Verrà aperta la finestra di dialogo Aggiungi vulnerabilità. 8. Dalla scheda Generale digitare i dettagli generali, come il nome, il tipo di vulnerabilità e così via. 9. Fare clic sulla scheda Condizioni > Aggiungi. 10. Impostare il tipo di controllo su Controlli indipendenti > Test script VB. Fare clic su Avanti. 11. Specificare la posizione dello script (esempio: <ProductDataDir>\Scripts\newvulnerability.vbs). Fare clic su Avanti. 12. Selezionare l attributo sul quale si desidera impostare la condizione, l operatore corrispondente e il valore dell esecuzione dello script. Nota Ciascuno script fornisce i valori supportati nella sezione Descrizione. 13. Fare clic su Fine. GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 12

13 Il controllo di vulnerabilità viene aggiunto e verrà incluso all elenco delle vulnerabilità controllate alla prossima scansione di un computer. Per la verifica, è sufficiente eseguire la scansione del computer dell host locale ( ): verrà visualizzato l avviso di vulnerabilità sotto la sezione Varie del nodo di vulnerabilità dei risultati di scansione. GFI LanGuard 2 Visual Basic Script (VBScript) 13

14 3 Script Python In questo capitolo vengono fornite le informazioni necessarie alla creazione e all esecuzione degli script Python. A partire dalla versione 9.0, GFI LanGuard supporta i controlli di vulnerabilità basati su Python. Questo tipo di controllo è disponibile nel tipo Controlli indipendenti. Argomenti del presente capitolo: 3.1 Descrizione del linguaggio dello script Python Creazione di un nuovo controllo di vulnerabilità utilizzando Test script Python API (Application Programming Interfaces) disponibili negli script Python Debug degli script Python Possibilità di riutilizzo dei codici e delle librerie Python Descrizione del linguaggio dello script Python. Python è un linguaggio di programmazione interpretato creato da Guido van Rossum nel Python viene completamente digitato in modo dinamico e utilizza la gestione di memoria automatica. Un elemento importante da ricordare è che il codice sorgente di Python utilizza l indentazione invece che la punteggiatura o le parole chiave per indicare l esecuzione di un blocco. di una funzione fattoriale in Python: def factorial(x): if x == 0: else: return 1 return x * factorial(x-1) 3.2 Creazione di un nuovo controllo di vulnerabilità utilizzando Test script Python Per creare i test script Python, è necessario: Passaggio 1: Creazione script Passaggio 2: Creazione del nuovo controllo di vulnerabilità Passaggio 1: Creazione script 1. Avviare GFI LanGuard Script Debugger da Start > Tutti i programmi > GFI LanGuard2014 > GFI LanGuard Script Debugger. 2. Fare clic su File > Nuovo. 3. Copiare e incollare lo script seguente nello script debugger: #PythonSuccessfullCheck.py """ Per i dettagli, vedere il file <ProductDataDir>\Scripts\lpy.py. """ def main(): """Valori restituiti: GFI LanGuard 3 Script Python 14

15 * 0 - false, non riuscito * 1 - true, riuscito""" result = 0 #Inserire il codice qui... result = 1 return(result) 4. Salvare lo script nella posizione desiderata Passaggio 2: Creazione del nuovo controllo di vulnerabilità 1. Avviare la console di gestione di GFI LanGuard da Start > Programmi > GFI LanGuard 2014> GFI LanGuard Fare clic sul pulsante delle opzioni principali e selezionare Configura > Editor profili di scansione. In alternativa, premere CTRL + P per aprire l Editor profili di scansione. 3. Da Attività comuni fare clic su Nuovo profilo di scansione oppure selezionare il profilo di scansione esistente da modificare. 4. Dall Editor profili di scansione fare clic su Opzioni di valutazione delle vulnerabilità > Vulnerabilità. 5. Dall elenco del tipo di vulnerabilità espandere Vulnerabilità e selezionare Varie. Fare clic su Aggiungi. Viene aperta la finestra di dialogo Aggiungi vulnerabilità. 6. Dalla scheda Generale digitare le informazioni generali come nome, tipo e descrizione della nuova vulnerabilità. 7. Fare clic sulla scheda Condizioni > Aggiungi. 8. Selezionare Controlli indipendenti > Test script Python indipendente. Fare clic su Avanti. 9. Specificare la posizione dello script (esempio: <ProductDataDir>\Scripts\newvulnerability.vbs). (Caricare lo script creato al Passaggio 1: Creare uno script che controlli la presenza di vulnerabilità). 10. Dal menu a discesa selezionare il numero di oggetti che devono corrispondere affinché la condizione restituisca TRUE. Fare clic su Avanti. 11. Nella casella di modifica Valore specificare il valore restituito dallo script Python quando viene rilevata la vulnerabilità. Nota Ciascuno script fornisce i valori supportati nella sezione Descrizione. 12. Fare clic su Fine. 3.3 API (Application Programming Interfaces) disponibili negli script Python GFI LanGuard presenta quasi tutta l implementazione predefinita Python (denominato anche CPython, disponibile in Attualmente viene utilizzato Python versione 2.5. La maggior parte degli script Python esistenti funziona pertanto con modifiche minime in GFI LanGuard. La modifica più importante è che gli script devono avere una funzione main() che restituisce 1 o 0. GFI LanGuard 3 Script Python 15

16 Tutti gli script Python utilizzati dai moduli dello scanner di sicurezza (controlli di vulnerabilità e informazioni sulle applicazioni di sicurezza) dispongono dell accesso alle variabili globali seguenti: ComputerIP ComputerName LNSSDir localprogramfilespath localwindowspath localsystem32path User Password ComputerIP = ' ' ComputerName = 'WXPSandbox" LNSSDir = 'C:\\Programmi\\GFI\\LanGuard 2011\\' localprogramfilespath = 'C:\\\Programmi' localwindowspath = 'C:\\WINDOWS' localsystem32path = 'C:\\WINDOWS\\system32' User = '' Password = '' Utilizzare queste variabili globali per ottenere l accesso al nome o all indirizzo IP del computer sottoposto a scansione, ovvero le credenziali necessarie per la connessione al computer sottoposto a scansione. Le funzioni globali di GFI LanGuard sono disponibili per gli script Python come metodi dell oggetto GlobalFunctions. I.E: # Utilizzo delle funzioni globali. def main(): """Valori restituiti: * 0 - false, non riuscito * 1 - true, riuscito""" result = 0 # Visualizzazione testo. GlobalFunctions.echo("Salve!") # Aggiunge testo specificato al file di registro. GlobalFunctions.writetolog("Script Python avviato.") # Aggiunge testo specificato alla barra di stato. GlobalFunctions.statusbar("Barra di stato Salve!") # Aggiunge un nodo secondario con lo stesso nome del secondo parametro alla vulnerabilità corrente. GFI LanGuard 3 Script Python 16

17 GlobalFunctions.addlistitem("", "Descrizione vulnerabilità.") # Modifica la descrizione della vulnerabilità corrente. GlobalFunctions.setdescription("Elenco degli elementi installati") GlobalFunctions.writetolog("Script Python terminato.") result = 1 return(result) GFI LanGuard fornisce anche l API client COM per gli script Python in formato pywin32. Nota Tutte le librerie di script COM GFI LanGuard sono disponibili tramite win32com.client per gli script Python. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Oggetti scripting (pagina 20). # Ricerca DNS utilizzando l oggetto LanGuard COM GlbObj.Socket. def main(): """Valori restituiti: * 0 - false, non riuscito * 1 - true, riuscito""" result = 0 import win32com.client socket = win32com.client.dispatch("glbobj.socket.1") print(socket.dnslookup('gfi.com')) result = Pywin32 return(result) # Salve mondo per pywin32. def main(): """Valori restituiti: * 0 - false, non riuscito * 1 - true, riuscito""" result = 0 import win32com.client strcomputer = "." objwmiservice = win32com.client.dispatch ("WbemScripting.SWbemLocator") objswbemservices = objwmiservice.connectserver (strcomputer,"root\cimv2") GFI LanGuard 3 Script Python 17

18 colitems = objswbemservices.execquery("select * from Win32_ PhysicalMemory") for objitem in colitems: print("capacità: %s\n" % objitem.capacity) result = 1 return(result) Nota Per la documentazione aggiuntiva Pywin32, fare riferimento a: Debug degli script Python GFI LanGuard Script Debugger non supporta il debug degli script Python. Qualsiasi IDE Python, debugger o interprete della riga di comando che esegua gli script Python utilizzando la versione Python 2.5 attualmente supportata e le distribuzioni pywin32 per Windows può facilitare la correzione degli script Python per GFI LanGuard. Alcuni IDE Python o interpreti utili all editing e al debug degli script Python sono: PythonWin Winpdb SPE IDE - Python Editor IDLE e l interprete Python incluso per impostazione predefinita insieme alla distribuzione Python. Gli script Python possono essere eseguiti e sottoposti a debug in un ambiente simile a GFI LanGuard, eseguendo gli script utilizzando il file lpy.py disponibile nella cartella degli script di GFI LanGuard: C:\ProgramData\GFI\LanGuard11\Scripts <Python25Folder>\python.exe "<ProductDataDir>\Scripts\lpy.py" <NameOfPythonScriptFileToTest> 3.5 Possibilità di riutilizzo dei codici e delle librerie Python Python consente di creare le librerie delle funzioni comunemente utilizzate all interno degli script. Queste librerie raggruppano funzioni comuni e possono essere utilizzate più volte da molti script. Questa sezione contiene informazioni relative a: Creazione di una libreria Utilizzo delle librerie Creazione di una libreria Creare un file di script Python che definisce le funzioni o gli oggetti Python. Copiare il file in <directory LanGuard principale>\library, esempio: C:\Programmi\GFI\LanGuard 11 Agent GFI LanGuard 3 Script Python 18

19 di file della libreria """ Salve mondo libreria Python. Copiare il file in <LanGuard InstallDir>\Library. """ def EchoString(text): """Stampa il testo specificato.""" GlobalFunctions.echo(text) print(text) Utilizzo delle librerie Per utilizzare una libreria Python creata in precedenza, importarla utilizzando il meccanismo di importazione Python standard. di utilizzo della libreria in alto """ LibraryTester.py Richiede che il file EchoLibrary.py sia nella directory <LanGuard InstallDir>\Library. """ def main(): """Valori restituiti: * 0 - false, non riuscito * 1 - true, riuscito""" result = 0 from EchoLibrary import EchoString EchoString("Controllo di vulnerabilità riuscito.") result = 1 return(result) GFI LanGuard 3 Script Python 19

20 4 Oggetti scripting Questo capitolo fornisce le informazioni sui diversi oggetti e funzioni supportati da GFI LanGuard Script Debugger che possono essere indirizzati dagli script. Argomenti del presente capitolo: 4.1 Oggetti Socket Oggetti SNMP Oggetti File Oggetti Registro di sistema Oggetti HTTP Oggetti HTTPHeaders Oggetti FTP Oggetti Encode Oggetti Socket L oggetto Socket viene utilizzato per consentire la comunicazione con i server TCP e i socket UDP. Supporta varie funzionalità quali i timeout configurabili, le ricerche DNS e anche le ricerche DNS inverse. L oggetto Socket gestisce inoltre vari tipi di dati nelle operazioni di invio e ricezione. Può gestire sia stringhe che dati binari non elaborati. Le stringhe vengono gestite utilizzando variabili di stringhe normali e i dati binari vengono gestiti utilizzando matrici di byte. La funzione di ricezione (denominata recv) accetta anche un parametro che indica a quale tipo di dati restituire. In questo modo l utente può specificare se desidera ricevere i dati come stringa o binari. In questa sezione vengono fornite le informazioni sugli oggetti Socket seguenti: OpenTcp OpenUdp Close Recv Send SendTo SetTimeout DnsLookup ReverseDnsLookup OpenTcp OpenTcp viene utilizzato per stabilire una connessione con un server remoto utilizzando TCP. OpenTcp(ip, port) GFI LanGuard 4 Oggetti scripting 20

21 Oggetto Socket. Lo script visualizza il banner di un server ftp in esecuzione locale. Può funzionare con qualsiasi server ftp modificando il valore della variabile "ip": Dim SocketObject As Object Dim ip As String Dim port As String Dim strresponse As String Ip = " " Port = "21" Socket.SetTimeout 5000,5000 Set SocketObject = Socket.OpenTcp(Ip,Port) If Not SocketObject is Nothing Then 'controllo per vedere la restituzione completata di Object strresponse = SocketObject.Recv(1024) echo(strresponse) SocketObject.Close OpenUdp OpenUdp viene utilizzato per stabilire una connessione con un server remoto utilizzando UDP. OpenUdp() Oggetto Socket. Lo script si connette con un server DNS, specificato dalla variabile IP ed esegue una query per quindi visualizza il risultato: Dim SocketObject As Object Dim ip As String Dim port As String Dim rawdata As Variant Dim Response As Variant Ip = " " GFI LanGuard 4 Oggetti scripting 21

22 Port = "53" strrequest="www.gfi.com" rawdata = Array(0,3,1,0,0,1,0,0,0,0,0,0,3,&H77, &H77, &H77, &H03, &H67, &H66, &H69, &H03, &H63, &H6F,&H6D, 0,0,1,0,1) '^^^^^^^^^^ 'Questa parte è l intestazione del pacchetto della nostra richiesta, include le informazioni come ad esempio i contrassegni '^^^^^^^^^^ 'Questa è la richiesta, tenere presente che '.' sono 'rappresentati come &H03 invece di &H2E '^^^^^^^^^^ 'Questa è l intestazione End del nostro pacchetto Set SocketObject = Socket.OpenUdp() If Not SocketObject is Nothing Then 'controllo per vedere la restituzione completata di Object SocketObject.SendTo IP,port,rawdata Response = SocketObject.Recv(1024) For a = UBound(response)-3 To UBound(response) echo(response(a)) If a <> UBound(response) Then echo(".") Next a SocketObject.Close Close Close viene utilizzato per liberare l oggetto socket assegnato in precedenza. Close Nessun dato restituito. Lo script visualizza il banner di un server ftp in esecuzione locale. Può funzionare con qualsiasi server ftp modificando il valore della variabile "ip": Dim SocketObject As Object Dim ip As String GFI LanGuard 4 Oggetti scripting 22

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

I file di dati. Unità didattica D1 1

I file di dati. Unità didattica D1 1 I file di dati Unità didattica D1 1 1) I file sequenziali Utili per la memorizzazione di informazioni testuali Si tratta di strutture organizzate per righe e non per record Non sono adatte per grandi quantità

Dettagli

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02

INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 INSTALLAZIONE E UTILIZZO DEL COMPILATORE Code::Blocks 8.02 Download Si può scaricare gratuitamente la versione per il proprio sistema operativo (Windows, MacOS, Linux) dal sito: http://www.codeblocks.org

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10

Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Database Manager Guida utente DMAN-IT-01/09/10 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO...

Modulo. Programmiamo in Pascal. Unità didattiche COSA IMPAREREMO... Modulo A Programmiamo in Pascal Unità didattiche 1. Installiamo il Dev-Pascal 2. Il programma e le variabili 3. Input dei dati 4. Utilizziamo gli operatori matematici e commentiamo il codice COSA IMPAREREMO...

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati.

WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. WINDOWS - Comandi rapidi da tastiera più utilizzati. La prima colonna indica il tasto da premere singolarmente e poi rilasciare. La seconda e terza colonna rappresenta la combinazione dei i tasti da premere

Dettagli

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6

Funzioni di base. Manualino OE6. Outlook Express 6 Manualino OE6 Microsoft Outlook Express 6 Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito,

Dettagli

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura

AMBIENTE DEV PASCAL. Dev-Pascal 1.9.2. Finestra di apertura Dev-Pascal 1.9.2 1 Dev-Pascal è un ambiente di sviluppo integrato per la programmazione in linguaggio Pascal sotto Windows prodotto dalla Bloodshed con licenza GNU e liberamente scaricabile al link http://www.bloodshed.net/dev/devpas192.exe

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client

Luca Mari, Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori) appunti delle lezioni. Architetture client/server: applicazioni client Versione 25.4.05 Sistemi informativi applicati (reti di calcolatori): appunti delle lezioni Architetture client/server: applicazioni client 1 Architetture client/server: un esempio World wide web è un

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor

NetMonitor. Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor NetMonitor Micro guida all uso per la versione 1.2.0 di NetMonitor Cos è NetMonitor? NetMonitor è un piccolo software per il monitoraggio dei dispositivi in rete. Permette di avere una panoramica sui dispositivi

Dettagli

Introduzione ad Access

Introduzione ad Access Introduzione ad Access Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Access E un programma di gestione di database (DBMS) Access offre: un supporto transazionale

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2

Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Integrated Development Environment (IDE) DevC++ 4.9.9.2 Manuale utente Data ultima revisione: 22/10/2008 Fondamenti di informatica Università Facoltà Corso di laurea Politecnico di Bari 1 a Facoltà di

Dettagli

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale.

l Editor vi vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile con qualsiasi tipo di terminale. l Editor vi Negli ambienti Unix esistono molti editor di testo diversi; tuttavia vi è l unico che siamo sicuri di trovare in qualsiasi variante di Unix. vi (visual editor) è stato scritto per essere utilizzabile

Dettagli

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento.

Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. Excel: le funzioni Le formule possono essere scritte utilizzando un insieme di funzioni predefinite che Excel mette a disposizione, raggruppate per argomento. DEFINIZIONE: Le funzioni sono dei procedimenti

Dettagli

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. "Generate debugging information"

FASE DEBUGGING: Compiler Linker. controllando che la voce Genera le informazioni per il debug cioè. Generate debugging information FASE DEBUGGING: Prima della compilazione, si devono inserire 1 nel progetto informazioni per il debug cioè si devono visualizzare le opzioni di progetto seguendo il percorso: controllando che la voce Genera

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML

Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML Lezione III: Oggetti ASP e interazione tramite form HTML La terza lezione, come le precedenti, ha avuto una durata di due ore, di cui una in aula e l altra in laboratorio, si è tenuta alla presenza della

Dettagli

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa

Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa di Ilaria Lorenzo e Alessandra Palma Cos'é Code::Blocks? Come Creare un progetto Come eseguire un programma Risoluzione problemi istallazione Code::Blocks Che cos è il Debug e come si usa Code::Blocks

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux.

Esiste la versione per Linux di GeCo? Allo stato attuale non è prevista la distribuzione di una versione di GeCo per Linux. FAQ su GeCo Qual è la differenza tra la versione di GeCo con installer e quella portabile?... 2 Esiste la versione per Linux di GeCo?... 2 Quali sono le credenziali di accesso a GeCo?... 2 Ho smarrito

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960.

Definizione. File di dati. Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa. Record. Bianchi. Anna Roma 1980. Verdi. Luca Milano 1960. File di dati Definizione File di dati Insieme di record omogenei memorizzati in memoria di massa Bianchi Verdi Neri Verdi Anna Roma 1980 Luca Milano 1960 Andrea Torino 1976 Paola Bari 1954 Record Operazioni

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1

Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze. Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Dipartimento di Sistemi e Informatica Università degli Studi di Firenze Dev-C++ Ing. Michele Banci 27/03/2007 1 Utilizzare Dev-C++ Tutti i programmi che seranno realizzati richiedono progetti separati

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer

Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET. Programmi. Outlook Express Internet Explorer Servizi DNS - SMTP FTP - TELNET Programmi Outlook Express Internet Explorer 72 DNS Poiché riferirsi a una risorsa (sia essa un host oppure l'indirizzo di posta elettronica di un utente) utilizzando un

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12

Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Form Designer Guida utente DOC-FD-UG-IT-01/01/12 Le informazioni contenute in questo manuale di documentazione non sono contrattuali e possono essere modificate senza preavviso. La fornitura del software

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity

CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE. JDBC Java DataBase Connectivity CORSO DI ALGORITMI E PROGRAMMAZIONE JDBC Java DataBase Connectivity Anno Accademico 2002-2003 Accesso remoto al DB Istruzioni SQL Rete DataBase Utente Host client Server di DataBase Host server Accesso

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

MEGA Process. Manuale introduttivo

MEGA Process. Manuale introduttivo MEGA Process Manuale introduttivo MEGA 2009 SP4 1ª edizione (giugno 2010) Le informazioni contenute nel presente documento possono essere modificate senza preavviso e non costituiscono in alcun modo un

Dettagli

1. FileZilla: installazione

1. FileZilla: installazione 1. FileZilla: installazione Dopo aver scaricato e salvato (sezione Download >Software Open Source > Internet/Reti > FileZilla_3.0.4.1_win32- setup.exe) l installer del nostro client FTP sul proprio computer

Dettagli

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory

Sistemi Operativi. Interfaccia del File System FILE SYSTEM : INTERFACCIA. Concetto di File. Metodi di Accesso. Struttura delle Directory FILE SYSTEM : INTERFACCIA 8.1 Interfaccia del File System Concetto di File Metodi di Accesso Struttura delle Directory Montaggio del File System Condivisione di File Protezione 8.2 Concetto di File File

Dettagli

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma

Dev C++ Prerequisiti. Note di utilizzo. Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma Dev C++ Note di utilizzo 1 Prerequisiti Utilizzo di Windows Effettuare il download da Internet Compilazione di un programma 2 1 Introduzione Lo scopo di queste note è quello di diffondere la conoscenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO WORD WORD SOMMARIO 1. Muoversi nel testo... 1 2. Taglia, copia e incolla... 2 3. Aprire, salvare e chiudere... 3 4. Trovare e sostituire... 4 5. Visualizzare in modi diversi... 6 6. Formattare e incolonnare...

Dettagli

CA Process Automation

CA Process Automation CA Process Automation Glossario Release 04.2.00 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in avanti indicata come

Dettagli

MANUALE DOS INTRODUZIONE

MANUALE DOS INTRODUZIONE MANUALE DOS INTRODUZIONE Il DOS è il vecchio sistema operativo, che fino a qualche anno fa era il più diffuso sui PC, prima dell avvento di Windows 95 e successori. Le caratteristiche principali di questo

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento -

Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Esempio di utilizzo di Excel per la gestione delle liste - Predisposizione ed allineamento - Nota preliminare La presente guida, da considerarsi quale mera indicazione di massima fornita a titolo esemplificativo,

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate.

Comandi filtro: sed. Se non si specificano azioni, sed stampa sullo standard output le linee in input, lasciandole inalterate. Comandi filtro: sed Il nome del comando sed sta per Stream EDitor e la sua funzione è quella di permettere di editare il testo passato da un comando ad un altro in una pipeline. Ciò è molto utile perché

Dettagli

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta

Meetecho s.r.l. Web Conferencing and Collaboration tools. Guida all installazione e all uso di Meetecho beta Web Conferencing and Collaboration tools Passo 1: registrazione presso il sito Accedere al sito www.meetecho.com e registrarsi tramite l apposito form presente nella sezione Reserved Area. In fase di registrazione

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli

RSYNC e la sincronizzazione dei dati

RSYNC e la sincronizzazione dei dati RSYNC e la sincronizzazione dei dati Introduzione Questo breve documento intende spiegare come effettuare la sincronizzazione dei dati tra due sistemi, supponendo un sistema in produzione (master) ed uno

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE

IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE IMPOSTARE UNA MASCHERA CHE SI APRE AUTOMATICAMENTE Access permette di specificare una maschera che deve essere visualizzata automaticamente all'apertura di un file. Vediamo come creare una maschera di

Dettagli

Import Dati Release 4.0

Import Dati Release 4.0 Piattaforma Applicativa Gestionale Import Dati Release 4.0 COPYRIGHT 2000-2005 by ZUCCHETTI S.p.A. Tutti i diritti sono riservati.questa pubblicazione contiene informazioni protette da copyright. Nessuna

Dettagli

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012

explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 explorer 2 Manuale dell Installatore e Technical Reference Ver. 2.2.6 del 14 Dicembre 2012 1 Indice 1. Descrizione del sistema e Requisiti hardware e software per l installazione... 4 1.1 Descrizione del

Dettagli

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata

AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata AUL22: FactoryTalk View SE Scoprite i vantaggi chiave di una soluzione SCADA integrata Giampiero Carboni Davide Travaglia David Board Rev 5058-CO900C Interfaccia operatore a livello di sito FactoryTalk

Dettagli

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci

Manuale di KDE su Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci Geert Jansen Traduzione del documento: Dario Panico Traduzione del documento: Samuele Kaplun Traduzione del documento: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Usare KDE su 6 3 Funzionamento interno 8

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete

FS-1118MFP. Guida all'installazione dello scanner di rete FS-1118MFP Guida all'installazione dello scanner di rete Introduzione Informazioni sulla guida Informazioni sul marchio Restrizioni legali sulla scansione Questa guida contiene le istruzioni sull'impostazione

Dettagli

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005

Appunti sugli Elaboratori di Testo. Introduzione. D. Gubiani. 19 Luglio 2005 Appunti sugli Elaboratori di Testo D. Gubiani Università degli Studi G.D Annunzio di Chieti-Pescara 19 Luglio 2005 1 Cos è un elaboratore di testo? 2 3 Cos è un elaboratore di testo? Cos è un elaboratore

Dettagli

Dati importati/esportati

Dati importati/esportati Dati importati/esportati Dati importati Al workspace MATLAB script Dati esportati file 1 File di testo (.txt) Spreadsheet Database Altro Elaborazione dati Grafici File di testo Relazioni Codice Database

Dettagli