uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui"

Transcript

1 uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq ISTITUTO STATALE PAOLINA SECCO SUARDO wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui Via Angelo Maj, BERGAMO Telefono fax opasdfghjklzxcvbnmrtyuiopasdfghjkl ESAME DI STATO zxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbn CLASSE 5^ I A.S mqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopas DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklz xcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnm qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd LICEO SOCIO-PSICOPEDAGOGICO fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmrtyuiopa sdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjkl zxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbn mqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwert yuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopas ISTITUTO STATALE Paolina Secco Suardo Via Angelo Maj, Bergamo 1 dfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklz

2 Sommario PROFILO DELL INDIRIZZO... 3 PROFILO DELLA CLASSE... 4 PERCORSO FORMATIVO REALIZZATO... 6 ATTIVITÀ INTEGRATIVE ED EXTRACURRICOLARI... 7 PROVE EFFETTUATE E INIZIATIVE REALIZZATE IN PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA SCRITTA GRIGLIA DI VALUTAZIONE DEL COLLOQUIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 2

3 PROFILO DELL INDIRIZZO Liceo Socio-psicopedagogico È stato attivato, a titolo di sperimentazione autonoma, a partire dall'anno scolastico 1999/2000 ed ha sostituito il liceo socio-psico-pedagogico sperimentazione Brocca, con un orario settimanale di 30 ore nel biennio e 32 ore nel triennio. Le ragioni dell indirizzo, oltre che nella tradizione pedagogica dell istituto, sono configurabili sia nell offerta di basi culturali e di strumenti di orientamento per la prosecuzione degli studi in tutte le facoltà universitarie, con particolare riguardo a quelle in preparazione alla professione docente (non solo scuola elementare, ma anche media inferiore e superiore), sia nella costruzione di una professionalità di base per lo svolgimento di attività rivolte al sociale, con predominanti valenze formative riferite ad aspetti relazionali, di comunicazione, di organizzazione e di progettazione. La caratterizzazione dell indirizzo è data dall ampiezza della formazione che abbraccia tutti i settori disciplinari, nella quale trovano adeguato rilievo la componente umanistico-letteraria, artisticoespressiva, storico-giuridico-filosofica, matematico-scientifica e da un area pre-professionale riconducibile agli ambiti socio-psico-pedagogici. QUADRO ORARIO SETTIMANALE NEL QUINQUENNIO MATERIE Educazione Fisica Religione/Attività alternativa Italiano ** 4 Lingua straniera (Inglese) ** 3 Latino Storia 3* 3* Filosofia Scienze dell educazione Scienze umane/sociologia 4 4^ Psicologia 3 3 Ricerca socio-psico-pedagogica 3 Diritto, economia e legislazione sociale 3* 3* Matematica 3 3 Matematica e Fisica Informatica e Statistica 1 1^ Scienze naturali Arte/storia dell arte o Musica Totale *: un ora settimanale di compresenza fra Diritto ed economia e Storia : un ora settimanale di compresenza fra Scienze naturali e Scienze umane ^: un ora settimanale di compresenza fra Scienze umane e Informatica e statistica **: un ora settimanale di compresenza fra Italiano e Lingua Straniera : un ora settimanale di compresenza fra Scienze dell educazione e Ricerca socio-psicopedagogica 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 3

4 PROFILO DELLA CLASSE 1. Consiglio di classe MATERIE DOCENTE Continuità nel triennio 3^ 4^ 5^ Educazione Fisica Zanchi Maria Cristina sì sì sì Religione Gennaro Pier Gabriele sì sì sì Italiano Morescalchi Luigi sì sì sì Lingua straniera (Inglese) Maestroni Anna sì sì sì Latino Landolfi Annamaria sì sì sì Storia Morescalchi Luigi sì sì sì Filosofia Ruggeri Giuliano sì sì sì Scienze dell educazione Ruggeri Giuliano no sì sì Psicologia/ Ricerca socio-psico-pedagogica Ruggeri Giuliano Russo Giuseppina Sì no No Sì No sì Matematica e Fisica Tridente Massimo no no sì Scienze naturali Cavallaro Isidoro sì sì sì Arte/storia dell arte Magliocca Antonia sì sì sì Docente di Sostegno Girolamo Rocco sì sì sì Durante l anno scolastico 2012/2013, il Consiglio di classe è stato coordinato dal prof. Giuliano Ruggeri coadiuvato, con funzioni di segretario, dal prof. Rocco Girolamo. 2. Evoluzione della composizione della classe Classe Iscritti Promossi Promossi con sospensione del giudizio Non promossi Ammessi all esame di Stato TERZA QUARTA ( Deceduta) QUINTA Profilo della classe Composizione: 21 alunni, dei quali 20 femmine e 1 maschio diversamente abile. Percorso formativo: situazione di partenza ed esito finale La classe, a seguito di vari avvicendamenti, si è ristretta nel corso del triennio a 20 alunne più un ragazzo diversamente abile. In terza il numero era di 26 all inizio dell anno, ma, al termine del primo quadrimestre, passava a 27 in quanto si è unita un alunna proveniente da un altro corso del nostro Istituto. La non promozione di 3 (tre) alunne alla quarta e di 2 (due) alla quinta è giustificata dal fatto che in tutti i casi non si erano raggiunti gli obiettivi minimi circa le conoscenze, le competenze e le capacità specifiche del corso liceale. Durante l anno scolastico 2011/2012 è, invece, tragicamente scomparsa l alunna Mitro Valentina a causa di un incidente stradale. Le sue compagne, sconvolte per l accaduto, hanno trovato la forza per superare il trauma sostenendosi vicendevolmente e restando molto vicine alla famiglia della loro compagna condividendone il dolore e lo sgomento. 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 4

5 Sia nel terzo che nel quarto anno molte allieve hanno trovato difficoltà nella comprensione, nell esposizione e nella rielaborazione degli oggetti culturali. Anche il livello di attenzione come lo studio personale non sono sempre stati adeguati, rendendo difficoltoso il raggiungimento dei singoli obiettivi disciplinari anche a causa di una preparazione per lo più mnemonica. Per un certo numero di alunne l attività scolastica del triennio è consistita solamente nell assimilare informazioni ed operare esecutivamente, senza rielaborare i contenuti. Questa modalità è stata una costante, pertanto, sia nelle verifiche scritte che orali, si registra ancora un lessico ristretto e una scarsa abilità argomentativa. In sede di valutazione complessiva gli esiti, in più casi, evidenziano un ridotto spessore conoscitivo e una strutturazione dei contenuti poco cogente, a testimonianza di un lavoro individuale di rivisitazione e di approfondimento delle tematiche limitatamente sufficiente. Nell anno terminale un gruppo di alunne ha continuato secondo lo stile consueto, evidenziando significative dissonanze con altre compagne più impegnate scolasticamente, ciò sia per quanto riguarda la motivazione e l interesse, sia per il carattere instabile del bagaglio di conoscenze, competenze e abilità maturato. In tal modo queste alunne ancora faticano ad attivare una curiosità intellettuale non finalizzata all esclusivo profitto. Solo recentemente vi è stato un cambio di ritmo coincidente con una partecipazione più attiva, un analisi più puntuale delle questioni trattate ed una cura dell esposizione più adeguata ai registri delle varie discipline. Poche alunne, durante l intero triennio, hanno mantenuto un atteggiamento propositivo, riuscendo ad esprimere in generale un pensiero più riflessivo e consequenziale raggiungendo risultati soddisfacenti. Rispetto al livello di partenza le medesime hanno acquisito competenze disciplinari e, talora, interdisciplinari adeguate agli obiettivi trasversali in una dimensione di apprendimento attivo. Al termine del triennio liceale è possibile affermare che sono state potenziate le capacità intellettive e che è stato arricchito il bagaglio culturale, sia per la continuazione degli studi che per l ingresso immediato nel mondo del lavoro di tutte le allieve, anche se questo si esprime proporzionalmente alle competenze acquisite dalle singole individualità. Le modalità di lavoro si sono svolte secondo le indicazioni trasversali elaborate dal Consiglio. Il livello medio di preparazione della classe può considerarsi sufficiente-discreto; poche alunne raggiungono una fascia medio/alta. Per quanto riguarda l alunno Bettineschi, egli ha seguito le normali attività della classe con gli insegnanti curricolari e l intervento didattico educativo si è strutturato in modo tale che essi potevano coinvolgerlo essenzialmente in attività volte alla socializzazione, al miglioramento delle sue difficoltà relazionali e, per quanto possibile, all autocontrollo a fronte delle sue insicurezze. La risposta delle sue compagne nel favorire la sua piena integrazione all interno della classe è sempre stata positiva. Esse si sono sempre rese disponibili rispetto alle esigenze dell alunno e nei limiti stabiliti, hanno valorizzato ogni tipo di esperienza scolastica, esaltando ed enfatizzando il successo di Stefano di fronte al superamento di ogni sua difficoltà o incertezza. 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 5

6 PERCORSO FORMATIVO REALIZZATO Obiettivi trasversali Obiettivi generali: (educativi e formativi coerenti con il POF) Al termine del percorso formativo gli allievi, mediamente: (ad es.) Hanno acquisito capacità di autocontrollo, rispetto delle persone, dell ambiente e delle regole della comunità scolastica Sono in grado assumersi le proprie responsabilità Sono in grado di relazionarsi con gli adulti e con i compagni nel rispetto dell opinione altrui Hanno acquisito discrete capacità di collaborazione nel lavoro di gruppo Obiettivi cognitivi: Al termine degli studi gli allievi, nella maggioranza dei casi: (ad es.) Hanno acquisito le fondamentali conoscenze indicate nei relativi ambiti disciplinari A livello pluridisciplinare, hanno acquisito i contenuti fondamentali dei seguenti nuclei tematici trasversali: - Strategie di apprendimento e dinamiche sociali - Mass media e aggressività Hanno acquisito competenze nell uso delle abilità logiche fondamentali Sanno usare in modo sufficientemente corretto i linguaggi specifici di ogni disciplina Sanno usare il testo e i materiali di studio con sufficiente autonomia Sanno distinguere dati essenziali da quelli secondari Sanno leggere e decodificare testi diversi Sanno elaborare testi scritti e orali in modo adeguato agli obiettivi delle discipline Metodologia Lezione frontale Lezione dialogata Lavoro di gruppo Laboratori (informatica, lingue, fisica, biologia) Percorsi modulari disciplinari e pluridisciplinari Strumenti Libri di testo Fotocopie Lavagna Lavagna luminosa Computer Strumenti di verifica utilizzati dal consiglio di classe: Verifiche orali Test strutturati e semi-strutturati Risoluzioni di problemi Relazioni individuali e del lavoro di gruppo Saggi brevi Temi Analisi di testi Traduzioni 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 6

7 Criteri di valutazione Con riferimento alla situazione della classe, la valutazione globale ha tenuto conto dei seguenti elementi: metodo di studio, partecipazione all'attività didattica, impegno, progresso, conoscenze, competenze, capacità e interessi evidenziati. Attraverso il processo di valutazione, inoltre, si è cercato di orientare e far riflettere gli allievi sulle scelte scolastiche presenti e future. Evidenziando le mete raggiunte, gli studenti sono stati aiutati a sviluppare le proprie potenzialità, a motivarsi e a costruire un proprio progetto di vita. Il consiglio di classe ha pertanto elaborato la seguente griglia comune che ha adottato per l attribuzione dei voti. 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 7

8 Griglia di valutazione VOTO RENDIMENTO INDICATORI COMPETENZE 10 Eccellente Conoscenze Ampie, complete, senza errori, particolarmente approfondite, ricche di particolari Abilità Analisi complesse, rapidità e sicurezza nell applicazione. Esposizione rigorosa, fluida, ben articolata, lessico appropriato e specifico 9 Ottimo Conoscenze Complete, corrette, approfondite, coerenti Abilità Analisi ampie, precisione e sicurezza nell applicazione Esposizione chiara, fluida, precisa, articolata, esauriente 8 Buono Conoscenze Corrette, ordinate, connesse nei nuclei fondamentali Abilità Analisi puntuali, applicazione sostanzialmente sicura Esposizione chiara, nell insieme precisa, scorrevole e lineare 7 Discreto Conoscenze Lineari, coerenti Abilità Applicazione sostanzialmente efficace, riflessioni motivate, esposizione adeguata, lessico essenziale con qualche indecisione Livello avanzato Autonomia nella ricerca, documentazione nei giudizi e nelle valutazioni. Sintesi critica, efficace rielaborazione personale, creatività ed originalità espositiva. Soluzione di problemi complessi anche in contesti nuovi. Livello intermedio Autonomia nell'applicazione di regole e procedure. Sintesi soddisfacente nell'organizzazione delle conoscenze. Soluzione di problemi anche complessi in contesti noti 6 Sufficiente Conoscenze Sostanzialmente corrette, essenziali Livello base Abilità Analisi elementari ma pertinenti. Esposizione semplificata, sostanzialmente corretta, parzialmente guidata Applicazione guidata di regole e procedure. Soluzione di problemi semplici in contesti noti 5 Insufficiente Conoscenze Parziali dei minimi disciplinari Livello base non Abilità Applicazione incerta, imprecisa, anche se guidata Schematismi, esiguità di analisi Esposizione ripetitiva e imprecisa raggiunto 4/3 Gravemente insufficiente 2/1 Negativo Nullo Conoscenze Abilità Conoscenze Abilità Frammentarie, lacunose anche dei minimi disciplinari, scorrettezza nelle articolazioni logiche Applicazione scorretta con gravi errori, incompletezza anche degli elementi essenziali Analisi inconsistente, scorretta nei fondamenti Esposizione scorretta, frammentata, povertà lessicale Assenti Applicazioni e analisi gravemente scorrette o inesistenti Esposizione gravemente scorretta, confusa 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 8

9 ATTIVITÀ INTEGRATIVE ED EXTRACURRICOLARI Viaggio di istruzione Meta: Barcellona (13-17/11/2012 ) Finalità: 1. Individuare il raccordo tra i contenuti culturali studiati e la realtà, sia quella legata al vivere quotidiano sia quella simbolizzata dalle interpretazioni artistiche contemporanee. 2. Potenziare le dinamiche della socializzazione riguardanti l alunno diversamente abile Stefano Bettineschi Esiti: Positivi: il viaggio ha realizzato le finalità prefissate Visite guidate Meta: (periodo) Finalità: Esiti: Meta: Finalità: (periodo) Esiti: Conferenze/Mostre Attività extracurricolari Cinema Arancia Meccanica S. Kubrick Teatro En attendant Godot S. Beckett Area di progetto dell indirizzo: Tirocinio Ecc. - Partecipazione a Bergamo scienza - Visita alla Scuola M. Montessori di Bergamo - Corso sulla violenza alle donne - Concerto in sede tenuto dagli alunni del Liceo musicale - Corso di Massoterapia - Incontro con i volontari del servizio civile Obiettivi Inserimento in un ambiente lavorativo consono al percorso di formazione del liceo socio-psciopedagogico. La Classe nell A. S. 2010/2011 ha aderito al progetto tirocinio svolgendo attività nella scuola Elementare Don Bosco di Bergamo. Descrizione fase pratica Supportare e coadiuvare le insegnanti nella pratica educativa quotidiana. 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 9

10 Area di progetto dell indirizzo Stage formativo La Classe nell A. S. 2011/2012 ha aderito al progetto stage svolgendo il medesimo in vari enti pubblici e privati di Bergamo e provincia. Obiettivi Maturare un esperienza lavorativa in vari contesti onde orientarsi più agevolmente nelle future scelte di lavoro. Descrizione fase pratica Svolgere attività mirate e in contesti delimitati, ma in piena autonomia, inoltre coadiuvare il personale addetto alle varie mansioni. Attività di Orientamento Tutte le alunne hanno partecipato a vari incontri universitari, a Bergamo e Milano specificamente dedicati all orientamento universitario post-diploma. 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 10

11 Attività di recupero e sostegno: Criteri di attribuzione del credito scolastico e del credito formativo Concorrono ad assegnare il credito scolastico: - la valutazione del grado di preparazione; - l interesse, l impegno, la partecipazione attiva e la frequenza scolastica; - la partecipazione alle attività complementari ed integrative; - eventuali crediti formativi. Le situazioni che danno titolo al riconoscimento del credito formativo, indicate dal quadro normativo che regola il nuovo esame di stato e assunte dal collegio dei docenti, sono: - esperienze acquisite al di fuori della scuola, in ambiti e settori della società civile e culturale, del lavoro, della solidarietà, del volontariato, della formazione professionale, dello sport e della cooperazione; - esperienze qualificate, di significativo rilievo; - esperienze dalle quali derivino competenze coerenti con l indirizzo socio-psicopedagogico. 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 11

12 PROVE EFFETTUATE IN PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO Simulazioni Terza prova simulazione 1: (19/12/2012) simulazione 2: (06/04/2913) a. Simulazione 1 FILOSOFIA INGLESE LATINO MATEMATICA Esito medio della prova: 10/15 FILOSOFIA 1. Qual è, per Hegel, il rapporto fra sviluppo del pensiero e svolgimento della realtà? (formula la risposta entro lo spazio assegnato) 2. Spiega le ragioni grazie alle quali l alienazione per Hegel ha soprattutto un significato positivo. (formula la risposta entro lo spazio assegnato) 3. Indica perché lo Stato delineato da Hegel, pur essendo assolutamente sovrano, non è dispotico (formula la risposta entro lo spazio assegnato) INGLESE NAME AND SURNAME:... MARK: Speak about Wordsworth's idea of poetry. Refer extensively to the Preface to the Lyrical Ballads, and mention the value of memory and the task of the poet. (11 lines) 2. My heart leaps up when I behold A rainbow in the sky: So was it when my life began; So is it now I am a man; So be it when I shall grow old, Or let me die! The Child is father of the Man; And I could wish my days to be Bound each to each by natural piety. Comment the various elements of the poem. Then find a couple of differences with the Nurse's Song by W. Blake. (11 lines) 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 12

13 LATINO 1 - Analogie e differenze tra le Satire di Orazio e quelle di Lucilio. 2 - L ode che apre la raccolta dei primi tre libri della silloge oraziana si collega a quella che la chiude. Spiega il perchè facendo opportuni riferimenti alle due liriche. 3 - Quale rapporto c è tra Orazio e i poeti greci a cui si ispira per la composizione delle Odi? MATEMATICA E FISICA Nome Data Classe 5I 1) Enunciare e dimostrare il teorema di unicità del limite, avendo cura di evidenziare quali sono le ipotesi e qual è la tesi. 2) Calcolare quanto vale il campo elettrico alla distanza di Q 3 1,2 10 m da una carica positiva 6 2,1 10 C. Quale forza sperimenterà in quel punto una seconda carica, positiva, Q2 1, C? La forza sarà attrattiva o repulsiva? b. Simulazione 2 ARTE - INGLESE METODOLOGIA DELLA RICERCA SCIENZE NATURALI Esito medio della prova: 10.5/15 ARTE Rispondi in modo sintetico alle seguenti domande: 1. Facendo riferimento all opera proposta, indica gli elementi e gli aspetti di contenuto e di stile che caratterizzano la pittura di Gauguin. (max 10 righe) 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 13

14 2. Facendo riferimento a opportuni esempi, delinea in modo sintetico il percorso stilistico di Van Gogh, distinguendo le varie fasi della sua produzione e l evoluzione della sua tecnica pittorica. ( max 15 righe) 3. Anche l opera di Toulouse Lautrec darà un forte contributo al rinnovamento del linguaggio artistico tra Ottocento e Novecento; descrivi sinteticamente i caratteri della sua pittura evidenziando il superamento dei principi fondanti degli impressionisti dal punto di vista tecnico- formali. (max 8 righe) INGLESE NAME & SURNAME: /15 MARK: The Victorian Age: Dorian's death: briefly summarize the passage, and mention the symbolic meaning of the portrait and of Dorian's death. (12 lines) 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 14

15 The Age of Anxiety: describe the main contribution of S. Freud, W. James and H. Bergson in regard to Literature (12 lines) METODOLOGIA DELLA RICERCA Nome..... data 1. gli studi sull apprendimento dell aggressività hanno evidenziato, tramite diverse significative ricerche, il peso dell influenza sociale e del condizionamento. Descrivi sinteticamente le più significative tra queste, evidenziando l importanza che hanno avuto nell orientare le spiegazioni di questo fenomeno. 2. spiega i contenuti basilari della teoria frustrazione-aggressività con il conseguente dibattito intorno ad essa e i successivi studi che sono scaturiti. SCIENZE NATURALI Nome Cognome Classe 5I L Alunna risponda ai quesiti proposti, fornendo risposte esaurienti, sintetiche e corrette nell utilizzo del linguaggio specifico. 1 Quesito: Perché si può ritenere che l accoppiamento non casuale, col passare del tempo, finisca per modificare le frequenze genotipiche, ma non necessariamente le frequenze alleliche? 2 Quesito: Che differenza c è tra evoluzione convergente e divergente? Perché l evoluzione divergente è strettamente legata al fenomeno della speciazione? 3 Quesito: Perché i chemiocettori che rilevano la concentrazione di ossigeno e anidride carbonica nel sangue sono poste nelle carotidi?spiega, inoltre,riferendoti alla domanda precedente, l impossibilità a trattenere il respiro, oltre un certo limite 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 15

16 Si precisa che ai fini della correzione della prima e della seconda prova scritta per aree disciplinari, il Consiglio di classe propone di distinguere (ai sensi del D.M.358/98) le diverse discipline oggetto d esame nelle due seguenti aree: 1)Discipline scientifiche e di indirizzo (Biologia, Matematica, Pedagogia Metodologia della ricerca, Ed. Fisica) 2)Discipline umanistiche e linguistiche (Filosofia, Inglese, Italiano, latino, Storia, Musica, Religione) Tabella di equivalenza dei voti proposta (in decimi, in quindicesimi, in trentesimi) Tabella di equivalenza dei voti Livello competenze Voto: /10 Voto: /15 Voto: /30 Inesistente Assolutamente insufficiente Gravemente insufficiente Insufficiente Sufficiente Discreto Buono Ottimo/Eccellente Si allegano le griglie di valutazione delle prove d esame (prima, seconda, terza, colloquio) 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 16

17 1. GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA TIPOLOGIA A (analisi del testo) Classe: Cognome e nome del candidato: ANALISI Analizza il contenuto del testo: 1. In modo molto superficiale 2. In modo spesso superficiale 3. In modo corretto ma con qualche imprecisione 4. In modo approfondito ma con qualche discontinuità 5. In modo approfondito Analizza i livelli del testo: 1. In modo gravemente incompleto 2. In modo incompleto 3. In modo corretto ma con alcune lacune 4. In modo quasi esauriente 5. In modo esauriente RIFERIMENTI CULTURALI E/O DISCIPLINARI SPECIFICI 1-2 Assenti e/o inesatti 3-5 Generici e superficiali 6-7 Corretti ma essenziali 8 Adeguati 9-10 Approfonditi, presenza di citazioni e considerazioni personali STRUTTURA DEL TESTO 1. Disorganica, confusa e/o involuta e/o contraddittoria 2. Parzialmente strutturata, con frequenti dispersioni 3. Coerente, con qualche interruzione di consequenzialità e/o schematica 4. Organica e coerente 5. Organica, articolata, efficace CORRETTEZZA ORTOGRAFICA E MORFO-SINTATTICA 1. Gravi scorrettezze di sintassi del periodo, di ortografia, lessicali 2. Vari errori/uso improprio della punteggiatura 3. Sintassi corretta ma con qualche imprecisione 4. Sintassi fluida con qualche incertezza 5. Sintassi fluida e senza imprecisioni LESSICO E REGISTRO 1. Generico, improprio o erroneo/registro inadeguato 2. Generico con diverse improprietà 3. Corretto ma con qualche imprecisione 4. Proprietà e adeguatezza 5. Proprietà, incisività, varietà 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 17

18 Livello Punteggio grezzo Voto in quindicesimi Eccellente Ottimo Buono Più che suff Suff Non pienam. Suff Insuff Gravem. Insuff Negativo Totale punteggio Voto/ Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 18

19 TIPOLOGIA B (saggio breve articolo di giornale) Classe: Cognome e nome del candidato: ATTINENZA ALLE CONSEGNE 1. Non pertinente 2. Incompleto e/o scarsamente pertinente 3. Pertinente 4. Pertinente e completo 5. Pertinente, completo e approfondito STRUTTURA DEL TESTO 1. Disorganica, confusa e/o involuta e/o contraddittoria 2. Parzialmente strutturata, con frequenti dispersioni 3. Coerente ma con qualche interruzione di consequenzialità 4. Organica e coerente 5. Organica, articolata, efficace SVILUPPO DELLE ARGOMENTAZIONI 1-2 Presenza di luoghi comuni e/o affermazioni banalizzanti 3-5 Sono presenti interpretazioni e/o valutazioni insufficientemente fondate 6-7 Sono presenti alcune riflessioni motivate 8 Sono presenti riflessioni personali motivate 9-10 Sono presenti valutazioni personali, motivate in modo originale RIFERIMENTI AI DOCUMENTI IN DOTAZIONE 1. Assenti e/o inesatti 2. Generici e superficiali 3. Essenziali 4. Adeguati 5. Approfonditi, presenza di citazioni e considerazioni personali CORRETTEZZA ORTOGRAFICA E MORFO-SINTATTICA 1. Gravi scorrettezze di sintassi del periodo, di ortografia, lessicali 2. Vari errori/uso improprio della punteggiatura 3. Sintassi corretta ma con qualche imprecisione 4. Sintassi fluida con qualche incertezza 5. Sintassi fluida e senza imprecisioni LESSICO E REGISTRO 1. Generico, improprio o erroneo/registro inadeguato 2. Generico con diverse improprietà 3. Corretto ma con qualche imprecisione 4. Proprietà e adeguatezza 5. Proprietà, incisività, varietà 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 19

20 Livello Punteggio grezzo Voto in quindicesimi Eccellente Ottimo Buono Più che suff Suff Non pienam. Suff Insuff Gravem. Insuff Negativo Totale punteggio Voto/ Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 20

21 TIPOLOGIA C (traccia di argomento storico), D (traccia di cultura generale e di attualità) Classe: Cognome e nome del candidato: PERTINENZA DELLO SVOLGIMENTO 1. Non pertinente 2. Incompleto e/o scarsamente pertinente 3. Pertinente 4. Pertinente e completo 5. Pertinente, completo e approfondito SVOLGIMENTO DELLE ARGOMENTAZIONI 1. Presenza di luoghi comuni e/o affermazioni banalizzanti 2. Sono presenti interpretazioni e/o valutazioni insufficientemente fondate 3. Sono presenti riflessioni motivate 4. Sono presenti riflessioni motivate e personali 5. Sono presenti valutazioni personali, originali e motivate RIFERIMENTI CULTURALI E/O DISCIPLINARI SPECIFICI (tipologia C) RICCHEZZA DELLE ARGOMENTAZIONI (tipologia D) 1-2 Assenti e/o inesatti 3-5 Generici e superficiali 6-7 Corretti ma essenziali 8 Adeguati 9-10 Approfonditi, presenza di citazioni e considerazioni personali STRUTTURA DEL TESTO 1. Disorganica, confusa e/o involuta e/o contraddittoria 2. Parzialmente strutturata, con frequenti dispersioni 3. Coerente ma con qualche interruzione di consequenzialità 4. Organica e coerente 5. Organica, articolata, efficace CORRETTEZZA ORTOGRAFICA E MORFO-SINTATTICA 1. Gravi scorrettezze di sintassi del periodo, di ortografia, lessicali 2. Vari errori/uso improprio della punteggiatura 3. Sintassi corretta ma con qualche imprecisione 4. Sintassi fluida con qualche incertezza 5. Sintassi fluida e senza imprecisioni LESSICO E REGISTRO 1. Generico, improprio o erroneo/registro inadeguato 2. Generico con diverse improprietà 3. Corretto ma con e qualche imprecisione 4. Proprietà e adeguatezza 5. Proprietà, incisività, varietà 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 21

22 Livello Punteggio grezzo Voto in quindicesimi Eccellente Ottimo Buono Più che suff Suff Non pienam. Suff Insuff Gravem. Insuff Negativo Totale punteggio Voto/ Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 22

23 2. GRIGLIA DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA: PEDAGOGIA Candidato: Classe: INDICATORI Aderenza, consequenzialità e completezza nello sviluppo della traccia Uso e padronanza del lessico e/o del linguaggio specifico Competenze morfosintattiche Conoscenza e approfondimento dei contenuti PUNTEGGI e DESCRITTORI Incompleto / Sufficientemente Completo in ogni incoerente completo e parte (privo di almeno consequenziale due punti (privo di un punto fondamentali) fondamentale, o della introduzione o della conclusione); qualche incongruenza Carente, sostanzialmente scorretto, inadeguato Scorretto e disorganico Conoscenze scarse e in gran parte scorrette Sufficiente, con qualche imprecisione, ma accettabile Con diversi errori, poco fluido Conoscenze superficiali e frammentarie PUNTEGGI ASSEGNATI Rigoroso e/o appropriato al contesto Con qualche lieve errore, ma sufficientemente scorrevole Conoscenze sufficienti (di carattere generale, non particolarmente approfondite e/o rielaborate) Corretto e ben strutturato, chiaro e fluido Ampie e piuttosto approfondite con vari riferimenti ad autori e teorie Conoscenze ampie, approfondite e ben argomentate con puntuali riferimenti ad autori, teorie e critiche N della traccia svolta Sviluppo traccia Linguaggio spec., lessico Competenze morfosintattiche Conoscenza e approf. Contenuti Voto traccia VOTO COMPLESSIVO 190 Vc rev. 01 Documento del Consiglio di classe Rev.00 23

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA

PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA PROVE DI APPRENDIMENTO di ITALIANO CLASSE II MEDIA Comprensione della lettura Es. 1 Leggere il testo LA SIGNORINA MONICA e rispondere alle domande Tempo previsto per lo svolgimento : 1 h Punteggio massimo:

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA)

ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) ISTITUTO TECNICO STATALE ECONOMICO e TECNOLOGICO PADRE A.M. TANNOIA Corato (BA) DOCUMENTO ELABORATO DAL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a sez.c indirizzo "SIA" ESAMI DI STATO Conclusivi dei corsi di istruzione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE

DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE Prot. n. 21096/II/1 dell 11 giugno 2009 UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE DECRETO N.173 IL CAPO DELL UFFICIO NAZIONALE VISTA la Legge 8 luglio 1998, n. 230, recante "Nuove norme in materia di obiezione

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana

PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008. A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana PERCORSO di SENSIBILIZZAZIONE ALLA LETTURA cl. seconda e terza a.s. 2007-2008 A cura delle Dott.sse nonché Maestre Giuditta Pina e Barzaghi Eliana LA LETTURA COME BISOGNO CULTURALE PER CRESCERE Il desiderio

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli