Esame di stato DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a E. INDIRIZZO: naturalistico. Anno scolastico:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Esame di stato 2014. DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a E. INDIRIZZO: naturalistico. Anno scolastico: 2013-14"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO F. Lussana Bergamo via A. Maj, 1 Tel: Fax: codice fiscale sito int.: Esame di stato 2014 (L. 425/1997 art. 3 - DPR 323/1998 art. 5) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5 a E INDIRIZZO: naturalistico Anno scolastico:

2 INDICE 1. Il Consiglio di Classe p La classe p La programmazione del C.d.C. p Simulazione prove d esame p Testi delle simulazioni di terza prova p Griglia di valutazione terza prova p Percorsi interdisciplinari del colloquio (tesine) p Foglio firme p. 20 Allegati Programmazioni disciplinari Italiano....pag. 21 Latino... pag. 27 Matematica... pag. 32 Fisica. pag. 37 Inglese... pag. 42 Filosofia pag. 50 Storia.... pag. 54 Scienze... pag. 58 Storia dell arte. pag. 64 Educazione fisica femminile pag. 71 Educazione fisica maschile.. pag. 74 Religione.. pag. 77 N.B. i contenuti disciplinari che si prevede di trattare dopo il 15 maggio sono segnalati da asterisco 2

3 1. IL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di classe è composto da un gruppo di docenti sostanzialmente stabile nel triennio, come evidenziato nella seguente tabella: materia docente Stabilità nel triennio 3^ 4^ 5^ ITALIANO Amalia Colombo si si si LATINO Amalia Colombo si si si INGLESE Angela Testori si si si MATEMATICA Marcella Cotroneo si si si FISICA Marcella Cotroneo si si si STORIA Laura Lavore no si si FILOSOFIA Laura Lavore no si si SCIENZE NATURALI Matteo Rosace no si si DISEGNO E STORIA DELL ARTE Giorgio Walter Candeloro si si si EDUCAZIONE FISICA FEMMINILE Alessandra Scotti si si si EDUCAZIONE FISICA MASCHILE Andrea Fabbri si si si RELIGIONE Daniela Noris si si si Rappresentanti dei genitori: Sig.ra Maria Cristina Carrara e Maria Lorenza Carera Rappresentanti degli studenti: Giulia Lodetti e Valter Vitali Il Consiglio di classe, durante l'anno scolastico, è stato coordinato dal prof.ssa Marcella Cotroneo coadiuvato, con compiti di segretario, dal prof.ssa Laura Lavore 3

4 2. LA CLASSE COMPOSIZIONE Studenti n. 21 maschi n. 9 femmine n. 12 Cognome Nome 1. Albani Rocchetti Marta 2. Andreoli Elisabetta 3. Belotti Martina 4. Bottagisio Giorgio 5. Breno Giovanna 6. Carlessi Sara 7. Cavalleri Alessia 8. Comi Andrea 9. Delcarro Fabio 10. Duzioni Sharon 11. Epis Alessandro 12. Faletti Giulio 13. Locatelli Michele 14. Lodetti Giulia 15. Olivastri Leonardo 16. Previtali Michela 17. Tanzi Giorgia 18. Tengattini Greta 19. Tocchetti Francesca 20. Vitali Valter 21. Zanella Elia PROVENIENZA CLASSE Dalla classe precedenti Ripetenti la stessa classe Provenienti da altri istituti o sezioni Terza Quarta Quinta Totale Note: La classe si compone di 21 studenti. Ai 20 provenienti dalla ex 4^ E, si sono aggiunti due alunne provenienti da altri istituti: Greta Tengattini dal liceo scientifico di Sarnico e Chiara Giavera dal liceo scientifico di Brescia. La studentessa Chiara Giavera si è ritirata nel mese di dicembre

5 3. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Liceo Scientifico Filippo Lussana - Bergamo Programmazione del Consiglio di Classe 5^ E 1. Profilo della classe Anno scolastico La classe è composta da 22 alunni di cui 9 maschi e 13 femmine. Tutti gli alunni provengono dalla classe 4^ E, fatta eccezione per due studentesse: una proviene dal liceo scientifico di Sarnico invece l altra alunna dal liceo scientifico di Crema. La classe partecipa con interesse alle attività didattiche proposte. Alcuni studenti, ben motivati ed in possesso di adeguate capacità, si contraddistinguono, conseguendo risultati positivi in tutte le materie, altri, invece, non riescono a mettere in risalto le proprie potenzialità a causa di uno studio superficiale e non ben organizzato, mentre un gruppo di studenti ha fragilità di tipo strutturale e riporta risultati insufficienti in diverse discipline Composizione del Consiglio di Classe Il Consiglio di classe è composto dai seguenti docenti: Religione Noris Daniela Italiano Colombo Amalia Latino Colombo Amalia Inglese Testori Angela Storia Lavore Laura Filosofia Lavore Laura Matematica Cotroneo Marcella Fisica Cotroneo Marcella Scienze Rosace Matteo Disegno e Storia dell Arte Candeloro Giorgio Walter Educazione fisica maschile Fabbri Andrea Educazione fisica femminile Scotti Alessandra Il Consiglio di classe, durante l anno scolastico, sarà coordinato dalla prof.ssa Marcella Cotroneo coadiuvato, con compiti di segretaria, dalla prof.ssa Laura Lavore. I rappresentanti degli studenti sono: Giulia Lodetti e Valter Vitali. I rappresentanti dei genitori sono la sig.ra Maria Cristina Carrara e la sig.ra Maria Lorenza Carera. 2. Obiettivi generali Gli insegnanti condividono i seguenti obiettivi generali del corso di studi presentati nel P.O.F. comuni ai diversi indirizzi del nostro Liceo. Conoscenze Lo studente, al termine del triennio dovrà: possedere un articolata cultura generale conoscere i nuclei tematici delle singole discipline ed i loro linguaggi specifici conoscere le leggi, i principi, le categorie e i differenti modelli interpretativi tipici delle singole discipline conoscere le possibili interazioni disciplinari 5

6 Competenze utilizzare metodi, strumenti e tecniche per una corretta acquisizione dei saperi utilizzare i linguaggi settoriali per comprendere e comunicare possedere gli strumenti specifici di interpretazione di fatti, fenomeni e problemi nei vari settori del sapere integrare le informazioni con ricerche personali, utilizzando un approccio personale, per comprendere i fatti e fenomeni Capacità analizzare ed interpretare i fenomeni culturali elaborare i dati in modo funzionale ed efficace analizzare e interpretare le situazioni e rappresentarle con modelli funzionali ai problemi da risolvere valutare la complessità delle tematiche affrontate dimostrando capacità analitiche, sintetiche e critico-valutative. 3. Obiettivi trasversali Obiettivi comportamentali Il Consiglio di Classe ritiene che gli studenti abbiano acquisito in gran parte gli obiettivi comportamentali indicati nella programmazione della classe quarta; ciò nonostante ritiene utile ribadirli per sottolinearne l importanza. Lo studente deve: maturare un atteggiamento responsabile, come individuo e nelle relazioni di gruppo, assicurando presenza regolare, puntualità, attenzione costante, rispetto delle scadenze. acquisire senso di responsabilità e rispetto nei confronti dell ambiente e del materiale didattico acquisire, nei successi come negli insuccessi, atteggiamenti di sereno autocontrollo ed autovalutazione, nella consapevolezza dei propri limiti e nell equilibrata valorizzazione delle proprie potenzialità collaborare con i compagni e gli insegnanti partecipando attivamente alle lezioni consolidare gli elementi essenziali della convivenza civile intervenire in modo pertinente e propositivo utilizzare al meglio gli interventi dei compagni favorendo un clima di reciproco rispetto migliorare il proprio grado di autonomia, sia nel lavoro individuale che di gruppo cogliere le opportunità offerte dalle varie proposte culturali e da tutte le esperienze didattiche Obiettivi cognitivi Poiché gli obiettivi cognitivi vanno perseguiti nell intero arco del triennio vengono integralmente riproposti. Lo studente deve: consolidare un adeguato metodo di lavoro saper organizzare con ordine un lavoro a casa e in classe saper utilizzare il tempo a disposizione saper riflettere sul procedimento proposto e guidato dall insegnante ed acquisire autonomia acquisire con consapevolezza conoscenze e capacità logico-formali conoscere i contenuti fondamentali trarre conclusioni coerenti rispetto agli assunti di partenza e al procedimento dimostrativo ed esplicativo impiegato consolidare l attitudine all analisi e alla sintesi cogliere analogie e differenze tra le diverse discipline acquisire adeguate competenze comunicative 6

7 acquisire una corretta ed appropriata capacità espressiva sia orale che scritta acquisire capacità di decodificazione e produzione di testi utilizzare i linguaggi specifici in modo rigoroso e appropriato acquisire gradualmente autonomia di giudizio Obiettivi didattici Per gli obiettivi didattici si rinvia alla programmazione dei singoli docenti e alle indicazioni dei gruppi di area. 4. Metodologia e strumenti didattici Gli insegnanti ritengono opportuno condividere una serie di atteggiamenti allo scopo di rendere più incisiva l azione educativa. In particolare sottolineano l importanza di: verificare che gli alunni rispettino le regole della vita scolastica stimolare la partecipazione consentire l espressione di opinioni diverse dalle proprie incoraggiare la fiducia nelle proprie possibilità favorire l autovalutazione riconoscere la specificità dei modi e dei tempi di apprendimento affrontare i contenuti con chiarezza argomentativa ed adeguato dialogo operare collegamenti interni alla disciplina operare riferimenti interdisciplinari effettuare richiami all attualità, dove è possibile assegnare il lavoro domestico in misura adeguata ai carichi globali programmare adeguatamente le verifiche in modo tale da evitare, nei limiti del possibile, eccessive concentrazioni delle stesse chiarire le modalità di valutazione delle verifiche avvalersi dei sussidi audiovisivi utilizzare opportunamente i laboratori linguistici, scientifici ed informatici effettuare uscite per partecipare a mostre assistere a conferenze, rappresentazioni teatrali ecc. Per quanto riguarda in modo specifico la metodologia di insegnamento, si terranno per lo più lezioni frontali e dialogate. Gradualmente i docenti cureranno i collegamenti possibili con le altre discipline per preparare gli studenti alle prove di esame. Sempre a tale scopo il Consiglio di Classe effettuerà simulazioni delle tre prove scritte dell esame di stato. Le simulazioni della prima e seconda prova scritta saranno svolte in parallelo con le altre classi la terza settimana del mese di maggio 2014 (22/05/14 la prova d italiano, 23/05/14 la prova di matematica). Si prevedono due simulazioni della terza prova scritta: una il 30 gennaio 2014 e l altra entro fine aprile. La tipologia scelta dal consiglio di classe è la tipologia B. 5. Pianificazione delle verifiche Il Consiglio di Classe si impegna a: recepire le indicazioni dei gruppi d area per quanto riguarda il numero minimo della prove scritte e orali da somministrare nei due periodi dell anno scolastico. non programmare più verifiche scritte nello stesso giorno, salvo improrogabili esigenze didattiche. consegnare le verifiche corrette e valutate entro 15 giorni e comunque prima della verifica successiva. comunicare espressamente e registrare con tempestività il voto orale. 7

8 Il C.d.c recepisce la delibera del Collegio docenti del in merito alle valutazioni delle discipline orali. (Eventuali esiti conclusivi di insufficienza dovranno essere legittimati da almeno due interrogazioni orali). 6. Criteri di valutazione Al fine dell attribuzione del voto o giudizio si terranno presenti i seguenti elementi: conoscenza e comprensione dei contenuti competenze comunicative capacità di procedura logica nella risoluzione dei problemi capacità di analisi e di sintesi rielaborazione personale originalità. Per quanto riguarda la valutazione, gli insegnanti sono concordi nell attenersi alla griglia di Istituto inserita nel POF di seguito riportata. VOTI RENDIMENTO SIGNIFICATO 9-10 Ottimo lavori completi assenza totale di errori ampiezza dei temi trattati rielaborazione autonoma, critica e personale originalità esposizione rigorosa, ricca, fluida ed articolata 8 Buono 7 Discreto 6 Sufficiente 5 Insufficiente 4 Gravemente insufficiente 3-1 assolutamente insufficiente conoscenze approfondite e sicurezza nei procedimenti assenza di errori concettuali originalità rielaborazione critica soddisfacente esposizione esposizione rigorosa, articolata ricca, e fluida fluida ed articolata lavori sicurezza completi; nelle conoscenze assenza totale e nell applicazione, di ogni errore; pur ampiezza con di qualche temi trattati errore non grave presenza di elementi di rielaborazione personale esposizione logica e coerente, abbastanza scorrevole e precisa conoscenza degli elementi essenziali capacità di procedere nelle applicazioni dei contenuti, pur con errori non molto gravi esposizione semplice, abbastanza chiara e coerente conoscenza parziale e frammentaria dei contenuti minimi disciplinari difficoltà a procedere nell applicazione anche con la guida dell insegnante incertezze e carenze significative nell analisi esposizione incerta, lessico impreciso mancata acquisizione degli elementi essenziali gravi errori che determinano impossibilità a procedere nell applicazione lavoro incompleto nelle parti essenziali esposizione frammentaria e scorretta, linguaggio inappropriato assenza totale o pressoché totale di conoscenze incapacità di applicazione delle stesse gravissime lacune di ordine logico-linguistico 8

9 Nella valutazione dello scrutinio finale saranno presi in considerazione anche i seguenti elementi: livelli di partenza e successive evoluzioni livelli di partecipazione ed interesse impegno nel lavoro scolastico e domestico 6.1. Criteri di assegnazione del voto di condotta (riferimenti normativi: DPR 249/1998 e successive modifiche: Statuto delle Studentesse e degli Studenti; DPR 122/2009: Regolamento per la valutazione degli alunni) La valutazione della condotta, attribuita collegialmente dal consiglio di classe, prevede l'utilizzo dell intera scala decimale. Il voto di condotta concorre alla valutazione complessiva dello studente nella stessa misura dei voti conseguiti nelle diverse discipline; nel triennio ha dunque rilievo anche nella determinazione dei crediti scolastici. Se inferiore a sei decimi, il voto determina la non ammissione al successivo anno di corso e all'esame conclusivo del ciclo. In considerazione del ruolo assunto dal voto di condotta nella determinazione della media, il voto 8 non può essere considerato l espressione di un giudizio negativo sul comportamento dello studente, configurandosi piuttosto come l indicazione di un profilo di condotta adeguato, coerente con le regole che presiedono alla vita dell istituto e con gli impegni assunti dallo studente nelle relazioni educative e didattiche. Sulla base di questi riferimenti si definisce la seguente corrispondenza, precisando che l attribuzione del voto non richiede che siano rispettati tutti i descrittori: 10 frequenza regolare; rispetto delle consegne di lavoro; partecipazione propositiva e/o motivata all attività didattica; comportamento collaborativo con compagni e docenti; cura nell utilizzo degli ambienti, delle strutture e dei materiali della scuola; impegno eventuale nei compiti di rappresentanza; impegno eventuale nell organizzazione di attività extracurricolari 9 frequenza regolare; rispetto delle consegne di lavoro; partecipazione motivata e corretta all attività didattica; comportamento corretto con compagni e docenti; cura nell utilizzo degli ambienti, delle strutture e dei materiali della scuola 8 frequenza sostanzialmente regolare; sostanziale rispetto delle consegne di lavoro; partecipazione corretta all attività didattica; comportamento corretto con compagni e docenti; rispettoso utilizzo degli ambienti, delle strutture e dei materiali della scuola 7 frequenza con irregolarità (superamento della soglia prevista per i ritardi imputabili a responsabilità personale); saltuario mancato rispetto delle consegne di lavoro; disturbo dell attività didattica, curricolare o extracurricolare; comportamento talvolta non corretto nei confronti dei compagni e/o degli insegnanti e/o del personale non docente e/o del dirigente scolastico; danni dolosi o colposi non gravi arrecati ai materiali o alle strutture della scuola; infrazioni disciplinari che comportano ammonizione sul registro di classe 9

10 6 frequenza con rilevanti irregolarità (reiterato superamento della soglia prevista per i ritardi imputabili a responsabilità personale); reiterato mancato rispetto delle consegne di lavoro; reiterato disturbo dell attività didattica, curricolare o extracurricolare; reiterato comportamento non corretto nei confronti dei compagni e/o degli insegnanti e/o del personale non docente e/o del Dirigente scolastico; danni dolosi o colposi arrecati ai materiali o alle strutture della scuola 5 * gravi violazioni del rispetto della dignità personale nei confronti dei compagni e/o degli insegnanti e/o del personale non docente e/o del Dirigente scolastico; gravi danni dolosi arrecati ai materiali o alle strutture della scuola; frequenza gravemente irregolare in assenza di documentate cause di forza maggiore; nessun rispetto delle consegne di lavoro; impegno, interesse e partecipazione assenti o quasi assenti in tutte o quasi tutte le discipline Eventuali sanzioni di sospensione concorreranno alla determinazione del voto di condotta in proporzione all infrazione commessa. * Si ricorda che per l attribuzione del 5 in condotta è sempre necessario che lo studente sia già stato sanzionato con allontanamento dalla comunità scolastica per un periodo superiore a quindici giorni e che successivamente alla irrogazione delle sanzioni di natura educativa e riparatoria previste dal sistema disciplinare, non abbia dimostrato apprezzabili cambiamenti nel comportamento. 7. Attività di recupero Per la programmazione delle attività di recupero si prevede oltre al normale lavoro in itinere, anche la possibilità di interventi in sesta ora, in particolare nel secondo periodo. 8. Attività integrative (al momento non è possibile avere per ogni attività proposta tutte le indicazioni relative ai costi o all argomento) Si prevedono le seguenti attività: Fisica: in occasione della XI edizione di Bergamo scienza, conferenza dal titolo Luce e materia venerdì 18 ottobre 2013, ore al Teatro Donizetti. Viaggio di istruzione a Lisbona. Periodo: 13 novembre novembre Accompagnatori: prof.sse Angela Testori e Alessandra Scotti. Costi: 350,00 euro pro capite, comprensivo di volo e soggiorno mezza pensione. Fisica e Matematica. Partecipazione volontaria ad una conferenza di fisica e/o di matematica. (periodo ed argomento ancora da definire, costo: 3 euro per ogni studente) Arte. Visita al museo del novecento di Milano, periodo aprile, costo circa 5 euro per la guida a cui aggiungere il costo del trasporto. Scienze: - Giornata a Monte di Nese. Periodo previsto aprile, costi da definire. - Promozione della salute attraverso la conoscenza e il corretto uso dei farmaci: come funziona un farmaco (farmacocinetica e farmacodinamica) Filosofia: - Eventuale conferenza. (periodo ed argomento da definire, costo: 50 euro l intera classe) 10

11 Storia: Inglese: Italiano: Religione: Conferenza dal titolo Questa terra ha bisogno di ponti non di muri relatore il prof. Rocchetti, 14 ottobre dalle ore alle Conferenza Antonia Arslan 5 novembre genocidio degli armeni. - Conferenza sulla politica internazionale otto ore di lezioni in compresenza con insegnante di madre-lingua. - Spettacoli teatrali al Piccolo di Milano (adesione volontaria di alcuni studenti). - La coscienza di Zeno di Tullio Kezich dal romanzo di Italo Svevo, giovedì 3 aprile 2014, ore 10.00, costo circa 10 euro. - Così è se vi pare di L. Pirandello, Casa del Giovane, 25 febbraio ore 10.30, costo 9 euro. Eventuale conferenza Ed. Fisica: - Educazione al gusto (6 ore), con intervento dell agronomo Marco Zonca (orario curricolare ed. fisica); costo circa 5 euro. - Attività di gruppo sportivo, gratuito, partecipazione volontaria. - Progetto sport e natura (Sci e vela), partecipazione volontaria, non gratuita. Il Consiglio di classe si riserva comunque di proporre ulteriori iniziative qualora se ne presenti l occasione e se ne riconosca l effettiva validità. 9. Attività di orientamento I docenti del Consiglio di Classe si impegnano ad informare gli studenti circa le attività di orientamento proposte dalla scuola e dalle varie istituzioni presenti sul territorio. Il docente facilitatore è la prof. Daniela Noris 10. Rapporti con i genitori Il Consiglio di classe auspica incontri regolari con i genitori da tenersi su appuntamento secondo l orario di ricevimento e/o, se impossibilitati in tali orari, nelle due udienze pomeridiane con la presenza di tutti i docenti. Il coordinatore invita soprattutto i rappresentanti a comunicare nel più breve tempo possibile eventuali problemi che si ritengano urgenti. Egli, inoltre, prenderà contatto con i genitori nei casi di dinamiche comportamentali inadeguate e/o di grave carenza nell apprendimento degli studenti. Bergamo, 8 novembre 2013 Per il Consiglio di classe il coordinatore Marcella Cotroneo 11

12 MAGGIO 2013 PRESENTAZIONE DELLA CLASSE Nel corso del triennio, gli alunni della classe V E hanno mostrato un accettabile crescita culturale. La regolarità nella progressione degli apprendimenti è stata piuttosto difficoltosa specialmente nelle discipline dell area scientifica, in particolare matematica e fisica. Nel complesso la classe ha partecipato con crescente interesse alle attività didattiche proposte ed alcuni studenti, ben motivati ed in possesso di adeguate capacità, si sono contraddistinti, conseguendo risultati positivi in tutte le materie, altri, invece, non sono riusciti a mettere in risalto le proprie potenzialità in tutte le discipline. Il comportamento della classe è stato abbastanza corretto e si è instaurato un clima di collaborazione globalmente discreto. Gli alunni hanno frequentato le lezioni in modo discontinuo soprattutto in concomitanza con lo svolgimento dei test d ingresso universitari. Nel corso del triennio gli studenti hanno usufruito di molteplici attività di recupero (corsi di recupero, recupero in itinere e ore extracurricolari). VERIFICA E VALUTAZIONE Per le tipologie di verifica e i criteri di valutazione si rinvia alle singole programmazioni disciplinari allegate al documento ATTIVITÀ INTEGRATIVE EFFETTIVAMENTE SVOLTE Fisica: in occasione della XI edizione di Bergamo scienza, conferenza dal titolo Luce e materia venerdì 18 ottobre 2013, ore al Teatro Donizetti. Viaggio di istruzione a Lisbona. Periodo: 13 novembre novembre Accompagnatori: prof.sse Angela Testori e Alessandra Scotti. Costi: 350,00 euro pro capite, comprensivo di volo e soggiorno mezza pensione. Fisica e Matematica. Partecipazione volontaria alla conferenza di matematica dal titolo Tassellazioni regolari iperboliche, il 17 marzo 2014 e alla conferenza di fisica dal titolo Dal Big Bang all energia oscura: la missione spaziale Planck, il 29 aprile (costo: 2,50 euro per ogni studente) Arte. Visita al museo del novecento di Milano, 4 aprile 2014, costo 5 euro per la guida a cui si è aggiunto il costo del trasporto. Scienze. Giornata a Monte di Nese il 12 maggio 2014, costo 12 euro. Filosofia. Conferenza di filosofia dal titolo Utilità e danno della storia per la vita, il 5 aprile 2014, costo 40 euro l intera classe. Storia. Inglese. - Conferenza dal titolo Questa terra ha bisogno di ponti non di muri, relatore il prof. Rocchetti, il 14 ottobre dalle ore alle Conferenza di storia, relatore la scrittrice Antonia Arslan sul tema Il genocidio degli armeni, il 5 novembre Conferenza sulla politica internazionale, il 18 marzo Otto ore di lezioni in compresenza con insegnante di madre-lingua. Italiano. - Spettacoli teatrali al Piccolo di Milano (adesione volontaria di alcuni studenti). 12

13 - Così è se vi pare di L. Pirandello, Casa del Giovane, 25 febbraio ore 10.30, costo 9 euro. Ed. Fisica: - Educazione al gusto (6 ore), con intervento dell agronomo Marco Zonca (orario curricolare ed. fisica); costo 10 euro - Attività di gruppo sportivo, gratuito, partecipazione volontaria. - Progetto sport e natura (Sci e vela), partecipazione volontaria, non gratuita. 4. SIMULAZIONE PROVE D ESAME PRIMA E SECONDA PROVA DATA TIPOLOGIA E DURATA ARGOMENTO 22 maggio 2014 Tutti i tipi previsti dalla Italiano normativa (5 ore) 23 maggio 2014 Due temi e dieci quesiti sul Matematica programma del triennio (5 ore) Si tratta di prove parallele per tutte le classi quinte dell istituto preparate dai rispettivi gruppi d area. La copia delle tracce sarà reperibile in segreteria. TERZA PROVA DATA TIPOLOGIA E DURATA MATERIE 30 gennaio 2014 Tipologia B trattazione breve, 3 ore Inglese, scienze, fisica, filosofia. 6 maggio 2014 Tipologia B trattazione breve, 3 ore Storia dell arte, inglese, scienze, latino. FILOSOFIA 5. TESTI DELLE SIMULAZIONI DI TERZA PROVA Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo Simulazione della terza prova dell esame di stato Tipologia B Classe 5 a E - 30 gennaio Analizzate le caratteristiche della volontà di vivere tenendo presente che, per Schopenhauer, la realtà, trovandosi al di là del mondo fenomenico, non può essere indicata da nessuna delle categorie kantiane. (15 righe) 2. Lo Stato è la sostanza etica consapevole di sé ( Hegel, Enciclopedia delle scienze filosofiche in compendio, pag. 535 ). Spiegate la concezione hegeliana di stato etico, dello Stato che rappresenta il momento culminante della triade dell eticità dello spirito oggettivo, lo spirito fattosi mondo. (15 righe) 13

14 LINGUA INGLESE 14

15 FISICA 1) Enuncia il teorema di Gauss per il campo elettrico e fornisci un esempio della sua applicazione. Max. 15 righe 2) Una delle più importanti funzioni della corrente elettrica nei circuiti è quella di trasportare energia dal generatore di tensione a un dispositivo elettrico. Descrivi e giustifica come varia l energia potenziale elettrica della quantità di carica positiva sia attraverso il dispositivo sia attraverso la batteria. Max. 15 righe 3) Siano A e B due lampadine. La potenza della lampadina A è quattro volte quella della lampadina B. Se le due lampadine funzionano alla stessa differenza di potenziale, quale delle due ha la resistenza maggiore? Se le due lampadine funzionano con la stessa corrente, quale delle due è collegata alla differenza di potenziale maggiore? Motiva esaurientemente le risposte date e calcola nel primo caso il rapporto tra le due resistenze, nel secondo caso il rapporto tra le due differenze di potenziale. Max. 15 righe SCIENZE La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le righe. 1. Le figure sottostanti dimostrano i risultati degli esperimenti di laboratorio condotti su due specie di lenticchie d'acqua Lemna gibba e Lemna polyrrhiza. In "A" e "B" le due piante sono fatte crescere individualmente, in "C" vengono messe insieme. Fornisci una esauriente spiegazione dei seguenti risultati utilizzando le conoscenze acquisite sulle interazioni ecologiche. 2. Descrivi i processi di fotofosforilazione e di fosforilazione ossidativa mettendo in evidenza le somiglianze e le differenze tra i due processi. 15

16 3. Durante il suo viaggio sul brigantino Beagle, Darwin osservò con particolare interesse gli animali e le piante che popolavano un piccolo arcipelago di isole quasi aride, le Galalapagos, che si trovano a 950 Km dalle coste dell Ecuador. Egli catalogò 13 specie diverse di fringuelli che differivano tra loro per la forma dei corpi, dei becchi e per il tipo di cibo di cui si nutrivano. A questo proposito Darwin scrisse: Si potrebbe davvero fantasticare che in questo arcipelago ogni specie sia stata presa e modificata per scopi diversi a partire da una esigua varietà iniziale di fringuelli. Il candidato spieghi come venne interpretata da Darwin tale varietà di specie e come la si interpreta oggi, alla luce delle moderne conoscenze di genetica. Liceo Scientifico F. Lussana - Bergamo Simulazione della terza prova dell esame di stato Tipologia B Classe 5 a E - 06 Maggio 2014 ARTE Rispondi ad ogni quesito in quindici righe. 1. Le Avanguardie artistiche del novecento segnano il riscatto definitivo delle arti visive, soprattutto della pittura, rispetto alle altre arti. Ciò segna anche una rivoluzione nei paradigmi interpretativi dell'opera d'arte rispetto al recente passato. Tratta brevemente l'argomento citando i precursori e gli artefici principali di questa nuova visione e come viene affrontata nelle forme e nei contenuti dagli artisti del periodo. 2. Il Cubismo introduce una nuova visione dello spazio e del tempo nella pittura, cogliendo il concetto di continuità tra il supporto e la rappresentazione su di esso riportata. Tratta brevemente l'argomento facendo riferimento alla storia del pensiero dell'epoca ed al modo di trattare i soggetti messo in opera dagli artisti cubisti. 3. L'architettura del '900 con il movimento moderno è caratterizzata dal distacco dal decorativismo stilistico ottocentesco, seguendo due filoni fondamentali: quello europeo più funzionalista e razionale e quello americano più organico. Tratta brevemente il tema proposto facendo riferimento agli architetti, ai programmi ed alle opere prodotte. SCIENZE La trattazione deve essere contenuta orientativamente entro le 15 righe. 1) Da che cosa dipende l'attività vulcanica di tipo effusivo? Descrivi il tipo di prodotti a cui può dare origine e il tipo di edificio vulcanico, riferendoti a vulcani in attività. 2) Spiega in che modo è possibile determinare l'epicentro e l'ipocentro di un terremoto. 3) Spiega come le zone d'ombra vengono utilizzate per individuare la discontinuità di Gutenberg e quella di Lehmann. 16

17 INGLESE 1. EXPLAIN what an epiphany is in Joyce s view. 2. CONSIDER the short story Eveline and SAY what triggers off Eveline s epiphany and what it helps her become aware of. (Max 12 lines) LATINO 1. Ricchezza e povertà nella poesia latina del I secolo d.c. 2. Ritratti di Nerone in Tacito e Svetonio. 17

18 6. GRIGLIA DI VALUTAZIONE TERZA PROVA Candidato Tipologia della prova: Durata della prova: ORE Discipline: 1) ; 2) ; 3) ;4). CONOSCENZE DEI CONTENUTI DISCIPLINARI Conosce gli argomenti molto approfonditamente 15 Conosce gli argomenti in modo approfondito Conosce gli argomenti in modo articolato Conosce gli argomenti in modo essenziale 10 Conosce gli argomenti con lacune 9 Conosce gli argomenti con lacune rilevanti 7 8 Non conosce gli argomenti 1-6 COMPETENZE NELL UTILIZZO DI LINGUAGGI E STRUMENTI SPECIFICI Si esprime in modo efficace utilizzando la terminologia 15 specifica Si esprime in modo corretto e funzionale Si esprime in modo corretto Si esprime in modo corretto, con imprecisioni non gravi 10 Si esprime in modo talvolta poco corretto o poco rigoroso 9 Si esprime con improprietà rilevanti 7 8 Si esprime con improprietà molto gravi 1-6 CAPACITÀ DI RIELABORAZIONE E DI CORRELAZIONE Propone analisi rigorose/sviluppa criticamente gli 15 argomenti Chiarisce in modo approfondito l articolazione degli argomenti Presenta l articolazione degli argomenti Esamina in modo essenziale gli argomenti 10 Esamina in modo parziale/ superficiale gli argomenti 9 Esamina gli argomenti con errori rilevanti di analisi 7 8 Non è in grado di esaminare gli argomenti 1-6 TOTALE PUNTEGGIO PROPOSTO PUNTEGGIO DEFINITIVO IL PUNTEGGIO PROPOSTO è calcolato dividendo per 3 il TOTALE e approssimando per difetto se la prima cifra decimale è minore di 5, per eccesso se la prima cifra decimale è maggiore o uguale a 5. 18

19 7. PERCORSI INTERDISCIPLINARI DEL COLLOQUIO (TESINE) NOME CANDIDATO TITOLO / ARGOMENTO 1. Albani Rocchetti Marta L effetto farfalla 2. Andreoli Elisabetta Il Futurismo 3. Belotti Martina Peter Pan 4. Bottagisio Giorgio La maschera e la pazzia 5. Breno Giovanna La musica 6. Carlessi Sara Il genoma umano 7. Cavalleri Alessia La memoria 8. Comi Andrea La quarta dimensione 9. Delcarro Fabio Il controllo 10. Duzioni Sharon L aurora 11. Epis Alessandro Il capitalismo e gli altri sistemi economici 12. Faletti Giulio Galileo Galilei 13. Locatelli Michele Lo sport 14. Lodetti Giulia Marcel Duchamp 15. Olivastri Leonardo Rapporto uomo-natura 16. Previtali Michela I sogni 17. Tanzi Giorgia Eugenetica 18. Tengattini Greta Lo specchio 19. Tocchetti Francesca Il fanciullino 20. Vitali Valter Il principio di indeterminazione 21. Zanella Elia Il libero arbitrio Gli studenti hanno lavorato secondo le seguenti indicazioni date dal Consiglio di classe: Trattazione di un argomento da un punto di vista pluridisciplinare (2-4 discipline). Consegna del lavoro sotto forma di mappa concettuale con indicazioni bibliografiche allegate da presentare il giorno della prima prova. Al colloquio esposizione orale o attraverso l ausilio di PowerPoint. 19

20 Il presente documento è condiviso e sottoscritto in tutte le sue parti dai docenti del Consiglio di Classe Nome Amalia Colombo Angela Testori Laura Lavore Marcella Cotroneo Matteo Rosace Giorgio Walter Candeloro Daniela Noris Alessandra Scotti Andrea Fabbri Firma 15 maggio 2014 Il Coordinatore di classe Il Dirigente Prof. Cesare Quarenghi 20

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Compiti di prestazione e prove di competenza

Compiti di prestazione e prove di competenza SPF www.successoformativo.it Compiti di prestazione e prove di competenza Maurizio Gentile www.successoformativo.it www.iprase.tn.it www.erickson.it Definizione 2 I compiti di prestazione possono essere

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione?

Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Scrive Thomas Eliot: Dov è la saggezza che abbiamo perso in conoscenza? Dov è la conoscenza che abbiamo perso in informazione? Interrogativi integrati da: Dov è l informazione che abbiamo perso nei dati?

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1

RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA ISTITUTO COMPRENSIVO C. LEVI MANIACE RELAZIONE FINALE FUNZIONE STRUMENTALE AREA 1 AUTOANALISI D ISTITUTO Anno scolastico 2012/2013 RELAZIONE In data

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Regolamento di disciplina alunne/i

Regolamento di disciplina alunne/i Regolamento di disciplina alunne/i Premessa: La scuola, quale luogo di crescita civile e culturale della persona, rappresenta, insieme alla famiglia, la risorsa più idonea ad arginare il rischio del dilagare

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti

Carta dei Servizi. Dirigente Scolastico M.Augusta Mozzetti M.I.U.R. - Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio Istituto Comprensivo Via Casalotti n. 259-00166 Roma tel. 06 61560257 fax 06 61566568 - C.F. 97714450588 Cod. mecc. RMIC8GM00D Plesso scuola primaria:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina

Come faccio esercitare l acquisizione dei contenuti della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 6 formatori dei CFP di cui 47 del CIOFS FP e 6 del CNOS - FAP Dall analisi dei dati emerge che l 8 % dei formatori conosce abbastanza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

STORIA CLASSI I E II

STORIA CLASSI I E II STORIA CLASSI I E II INDICATORE N 1 Descrittori di /livelli di comportamento Organizzazione delle informazioni. Riordinare graficamente e/o verbalmente i fatti vissuti e narrati, riconoscendo relazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni

Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni Progetto educativo-didattico di lingua inglese per il gruppo di bambini di cinque anni A.S. 2011/2012 Giulia Tavellin Via Palesella 3/a 37053 Cerea (Verona) giulia.tavellin@tiscali.it cell. 349/2845085

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Istituto Comprensivo 1 F. GRAVA CONEGLIANO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012/ 2013 A pagina 2 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA MEDIA A pagina 9 PIANO OFFERTA FORMATIVA PER LA SCUOLA

Dettagli