LICEO SCIENTIFICO L. COCITO Corso Europa, 2 Alba

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LICEO SCIENTIFICO L. COCITO Corso Europa, 2 Alba"

Transcript

1 LICEO SCIENTIFICO L. COCITO Corso Europa, 2 Alba Classe V H A.S. 2011/2012

2 SCHEDA DELLA MATERIA: ITALIANO Docente: Aldo FILOSA A.s. 2011/ 12 Testo/i in adozione: DI SACCO P., Le basi della letteratura, Edizioni Scolastiche Bruno Mondadori, voll. 2 e 3. DANTE ALIGHIERI, La Divina Commedia, a cura di M. Zoli e G. Sbrilli, Firenze, Bulgarini Specificità disciplinari Conoscenze Competenze Capacità Svolgimento della letteratura italiana dal tardo Settecento ai primi del Novecento. Applicare al testo elementi di analisi formale Collegare il testo all autore e al contesto storico-culturale Elaborare diverse tipologie di testi scritti Consapevolezza di appartenere ad una tradizione culturale nazionale ed europea. Consapevolezza di avere, nel linguaggio, il principale strumento di acquisizione e trasmissione delle conoscenze, oltre che uno dei maggiori legami con la storia del proprio Paese e con le sue vicende culturali. Capacità di rapportare il testo alla propria esperienza e di studiarlo in relazione ai propri interessi e bisogni interiori. INDICE DELLE UNITÀ DIDATTICHE N U.D. ARGOMENTO PERIODO DI SVOLGIMENTO 1. Ugo Foscolo Settembre 2. Il romanticismo europeo ed italiano Settembre 3. Alessandro Manzoni Settembre/ Ottobre 4. Giacomo Leopardi Ottobre/ Dicembre 5. Naturalismo e Verismo Gennaio 6. Giovanni Verga Gennaio/ Febbraio 7. Il Decadentismo Marzo 8. Gabriele D Annunzio Marzo 9. Giovanni Pascoli Aprile 10. Il Futurismo Aprile 11. I Crepuscolari Maggio 12. Italo Svevo Maggio 13. Luigi Pirandello Maggio/ Giugno 14. Dante Alighieri. Paradiso Novembre/ Maggio 1

3 U.D. N 1 DETTAGLIO DELLE UNITA DIDATTICHE Argomento: Ugo Foscolo La vita La personalità di Foscolo La poetica tra Classicismo e Romanticismo Ultime lettere di Jacopo Ortis Il sacrificio della patria nostra è consumato Paesaggio notturno e riflessione filosofica Le Poesie A Zacinto Alla sera Dei Sepolcri. L origine del carme. Il messaggio civile e morale. Struttura e contenuti. Anche la Speme, ultima Dea, fugge i sepolcri, vv U.D. N 2 Argomento: Il romanticismo europeo ed italiano La poetica romantica. La poesia della vita umile e il linguaggio della semplicità. La poesia romantica è una poesia universale progressiva Il Romanticismo italiano L invito di M.me de Staël ai letterati italiani Berchet: poesia dei morti e poesia dei vivi. U.D. N 3 Argomento: Alessandro Manzoni La vita La personalità La poetica e le opere Dalla Lettre à M. Chauvet, A cosa s interessa la poesia? Al «segreto dell anima umana». Dalla Lettera sul Romanticismo, I tre fini della poesia: il vero, l interessante e l utile. Le poesie civili Il cinque maggio Marzo 1821 I promessi sposi Don Abbondio La monaca di Monza Lucia e l Innominato L epilogo. Fotocopie di approfondimento relative all ambientazione storia del romanzo, al tema della Provvidenza, alle posizioni politiche ed economiche di Manzoni, alla prospettiva del narratore autoritario. 2

4 U.D. N 4 Argomento: Giacomo Leopardi La vita Il pensiero filosofico e la posizione culturale La poetica del classicismo romantico Il dibattito classici-romantici La posizione di Leopardi Un classicismo romantico Le fasi della poesia leopardiana Le quattro fasi della poesia di Leopardi Le canzoni giovanili Gli idilli I grandi idilli. Dallo Zibaldone di pensieri, La vita: il giardino della sofferenza; Le qualità poetiche dell indefinito; La rimembranza. La teoria del piacere e la sua applicazione poetica I Canti L infinito Il sabato del villaggio La quiete dopo la tempesta La ginestra o il fiore del deserto, strofe I, III, VII. Le Operette morali Dialogo della Natura e di un Islandese Dialogo di un Venditore d almanacchi e di un Passeggere U.D. N 5 Argomento: Naturalismo e Verismo Il Positivismo La nuova immagine della scienza La discussione sul progresso La filosofia del Positivismo Naturalismo e Verismo La poetica del Naturalismo Zola: letteratura e analisi scientifica Dal Naturalismo al Verismo U.D. N 6 Argomento: Giovanni Verga La vita L apprendistato del romanziere: sintesi La stagione del Verismo Da Vita dei campi, Lettera-prefazione a L amante di Gramigna; Cavalleria rusticana; Fantasticheria. I Malavoglia Prefazione 3

5 La famiglia Toscano L addio alla casa del nespolo Da Novelle rusticane, Libertà U.D. N 7 Argomento: Il Decadentismo La nuova cultura del primo Novecento Freud: L Io non è padrone in casa propria Società e cultura di massa Simbolismo e rinnovamento del linguaggio poetico Ch. Baudelaire, Perdita d aureola A. Rimbaud, Lettera del poeta veggente L Estetismo secondo Wilde U.D. N 8 Argomento: Gabriele D Annunzio La vita La poetica: sperimentalismo ed estetismo I romanzi del superuomo Da Il piacere, Ritratto d esteta Da Le vergini delle rocce, Il programma del superuomo Alcyone La pioggia nel pineto U.D. N 9 Argomento: Giovanni Pascoli La vita e la personalità La poetica del fanciullino e il suo mondo simbolico Lo stile e le tecniche espressive Da Il fanciullino, Il fanciullo che è in noi; Il poeta è poeta, non oratore o predicatore Myricae Arano Lavandare Il lampo Il tuono X agosto Da Canti di Castelvecchio, Il gelsomino notturno La tecnica analogica nella poesia di Pascoli Pascoli e l onomatopea U.D. N 10 Argomento: Il Futurismo La sola, vera avanguardia italiana La poetica futurista F. T. Marinetti, All automobile da corsa; Bombardamento 4

6 U.D. N 11 Argomento: I crepuscolari La denominazione e la poetica Un bilancio del crepuscolarismo G. Gozzano, L amica di nonna Speranza S. Corazzini, Desolazione del povero poeta sentimentale M. Moretti, A Cesena U.D. N 12 Argomento: Italo Svevo La vita e il contesto culturale La formazione e le idee Una poetica di riduzione della letteratura Il percorso delle opere La coscienza di Zeno Il fumo Il funerale mancato Psico-analisi U.D. N 13 Argomento: Luigi Pirandello La vita Le idee e la poetica: relativismo e umorismo L itinerario di uno scrittore sperimentale L umorismo L arte umoristica scompone, non riconosce eroi e sa cogliere la vita nuda. Esempi di umorismo Il fu Mattia Pascal Adriano Meis Io sono il fu Mattia Pascal Sei personaggi in cerca d autore L ingresso dei sei personaggi Nel retrobottega di Madama Pace: la scena interrotta U.D. N 14 Argomento: Il Paradiso Canto I, vv Canto VI, vv Canto XI, Canto XV, vv Canto XVII, vv Canto XXXIII, La genesi politico-religiosa della Commedia. La missione del poeta. 5

7 SCHEDA DELLA MATERIA: INGLESE Docente: Sara NERVO A.s. 2011/ 12 Testo/i in adozione: SPIAZZI M., TAVELLA M., Now and then, Second edition, Bologna, Zanichelli. Specificità disciplinari Conoscenze Competenze Capacità Conoscenza dello sviluppo della letteratura inglese dall Ottocento all età moderna. Competenza comunicativa adeguata all esposizione dei temi e degli stili degli autori ed all analisi dei testi letterari esaminati. Acquisizione di un metodo atto ad individuare percorsi anche autonomi d apprendimento, analisi e valutazione personale del testo letterario INDICE DELLE UNITÀ DIDATTICHE N U.D. ARGOMENTO PERIODO DI SVOLGIMENTO 1. Oscar Wilde: The picture of Dorian Gray Settembre 2. The Romantic Age: poetry Ottobre 3. The Romantic Age: prose Novembre 4. The Victorian Age: prose Dicembre/ Gennaio 5. The Victorian Age: theatre and poetryu Febbraio 6. George Orwell: 1984 Febbraio/ Marzo 7. The Twentieth Century: poetry Aprile 8. The Twentieth Century: prose Maggio/ Giugno 6

8 DETTAGLIO DELLE UNITA DIDATTICHE U.D. N 1 Argomento: Oscar Wilde: The picture of Dorian Gray Reading and text analysis of The Picture of Dorian Gray by Oscar Wilde, Black Cat Edition U.D. N 2 Argomento: The Romantic Age: poetry Emotion versus Reason A new Sensibility A new concept of nature The importance of imagination and childhood Emphasis on the individual The cult of the exotic Facts people and places: The changing face of Britain and America The Industrial Revolution Social implications of Industrialism Transport improvements The Agrarian Revolution The American Revolution The Declaration of Independence The beginning of an American Identity The new colonies: India, Australia and Canada The Napoleonic Wars Social unrest: from the Luddites to 1837 A closer look at literature: Features of Romantic Poetry William Wordsworth and the theme of nature Preface to the Lyrical Ballads: A Certain Colouring of Imagination (on copies); Daffodils (p ) Samuel Taylor Coleridge and the theme of supernatural From The Rime of the Ancient Mariner: The Killing of the Albatross (p ) George Gordon Byron and the Romantic Rebel U.D. N 3 Argomento: The Romantic Age: prose A closer look at literature: The Gothic Novel Mary Shelley and the theme of science From Frankenstein or The Modern Prometheus: The Creation of the Monster (p ) The Historical Novel The Novel of Manners Jane Austen and the theme of decorum 7

9 From Pride and Prejudice: Mr and Mrs Bennet (p ) The Short Story Edgar Allan Poe and the theme of perverseness From Tales of the Grotesque and the Arabesque : The Tell-Tale Heart (p ) U.D. N 4 Argomento: The Victorian Age: prose The Victorian Compromise Victorian values Victorian education Darwinism Utilitarianism and Empiricism Facts people and places: The Age of Expansion and Reform Queen Victoria s reign The Chartist Movement Social Reforms Political Parties The Irish Question European Policy The Boer War The Great Exhibition The urban habitat The British Empire Colonies of Settlement The American Civil War The abolition of slavery The Gold Rush and the Gilded Age A closer look at literature: The Victorian Novel Features of Victorian Novels Charles Dickens and the theme of industrialism From Hard times: A Town of Red Brick (p ) From Hard times: A Man of Realities (p ) Robert Louis Stevenson and the theme of the double From The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde: Jekyll s Experiment (p ) Art for Art s Sake Oscar Wilde and the theme of beauty From The Picture of Dorian Gray: I would give my soul (p ) 8

10 U.D. N 5 Argomento: The Victorian Age: theatre and poetry A closer look at literature: Oscar Wilde: A Portrait of Victorian society From The Importance of Being Earnest: The Vital Importance of Being Earnest (p ) Walt Whitman and the theme of democracy From Leaves of Grass: I hear America Singing (p.6-7) From Leaves of Grass: O Captain! My Captain (on copies) U.D. N 6 Argomento: George Orwell: 1984 Reading and text analysis of 1984 by George Orwell, Penguin Edition U.D. N 7 Argomento: The Twentieth Century: poetry Anxiety and Rebellion A deep cultural crisis Freud s theories A new concept of time: Henri Bergson The Stream of consciousness: William James Facts people and places: Two World Wars and After The reign of Edward VII The Suffragettes and Women s Emancipation World War I The Irish Question and the Easter Rising Pacifism and the League of Nations The Rise of the Labour Party The Jazz Age The Great Depression of 1929 The New Deal From Empire to Commonwealth World War II The Welfare State A closer look at literature William Butler Yeats and Irish Nationalism From Michael Robartes and the Dancer : Easter 1916 ( p ) 9

11 U.D. N 8 Argomento: The Twentieth Century: prose A closer look at literature: The stream of Consciousness and the Interior Monologue James Joyce and the theme of Paralysis From Dubliners : Eveline ( p ) Virginia Woolf and the Moments of Being From To the Lighthouse : My Dear Stand Still ( p. 260 ) From To the Lighthouse : The Window (on copies) George Orwell and the theme of anti-utopia Reading and analysis of 1984, Penguin Edition From 1984: Big Brother is watching you (p ) Ernest Hemingway and an evocation of war From Farewell to Arms: Viva la Pace (p ) Jack Kerouac and the Beat Generation From On the Road: The Mad Ones.(p ) 10

12 SCHEDA DELLA MATERIA: STORIA Docente: Daniele Ferrero A.s. 2011/12 Testo/i in adozione: Castronovo, Un mondo al plurale, vol. 2-3a-3b, Firenze, La Nuova Italia Specificità disciplinari Conoscenze Competenze Capacità - gli eventi fondamentali di ciascun periodo storico - gli elementi caratterizzanti di ciascun periodo storico a livello economico, sociale, politico, culturale - saper cogliere e connettere gli elementi caratterizzanti un periodo dai punti di osservazione della storia economica, sociale, politica e culturale - saper produrre sequenze coerenti di eventi effettuando una selezione tra i fatti - saper ricondurre fatti e processi storici a un quadro complessivo di riferimento - saper individuare possibili interpretazioni degli eventi e delle reciproche interconnessioni N U.D. ARGOMENTO INDICE DELLE UNITÀ DIDATTICHE PERIODO DI SVOLGIMENTO 1. L età dell imperialismo Settembre 2. L Italia nell età giolittiana Ottobre 3. La Prima guerra mondiale Novembre 4. Il biennio rosso e l agonia dello Stato liberale Dicembre 5. Dalla Rivoluzione russa allo stalinismo Gennaio 6. Fascismo e nazismo Gennaio/ Febbraio 7. La crisi del 29 negli Stati Uniti Febbraio 8. La Seconda guerra mondiale Febbraio/ Marzo 9. L Italia dalla Resistenza alla Liberazione Marzo 10. La guerra fredda Aprile/ Maggio 11. L Italia dalla nascita della Repubblica agli anni 60 Maggio 11

13 U.D. N 1 DETTAGLIO DELLE UNITA DIDATTICHE Argomento: L età dell imperialismo 1A: Il colonialismo: cause economiche e politiche, giustificazioni ideologiche e culturali dell imperialismo europeo; la colonizzazione negli ultimi tre decenni dell Ottocento in Africa e in Asia, l espansione degli imperi coloniali francese e inglese. 1B: L età crispina e i governi autoritari di fine secolo in Italia; il ricorso di Crispi alla repressione, la politica estera, la crisi di fine secolo. U.D. N 2 Argomento: L Italia nell età giolittiana 2A: Una politica di mediazione tra i gruppi politici parlamentari e tra le diverse classi sociali presenti nel Paese. 2B: I principali provvedimenti di riforma attuati da Giolitti. U.D. N 3 Argomento: La Prima guerra mondiale 3A: Verso la prima guerra mondiale: tensioni internazionali in Europa tra fine Ottocento e inizio Novecento; le cause della guerra e il progressivo emergere delle alleanze e delle contrapposizioni tra Stati: Triplice alleanza e Triplice intesa. 3B: Le prime fasi del conflitto: l attacco della Germania contro la Francia, dalla guerra di movimento alla guerra di usura. 3C: La neutralità dell Italia allo scoppio del conflitto, l opposizione tra neutralisti e interventisti, la questione dell irredentismo, l entrata in guerra contro l Austria. 3D: Gli anni centrali del conflitto: la staticità e il reciproco logoramento degli eserciti sui diversi fronti, la trincea. 3E: Gli eventi del 1917: l intervento degli Stati Uniti e il disimpegno dalla guerra da parte della Russia, la sconfitta subita dall Italia a Caporetto. 3F: Verso la conclusione: il collasso degli Imperi centrali, la rivincita dell Italia a Vittorio Veneto; le trattative di pace: prevale la linea della pace punitiva nei confronti di Austria e Germania. U.D. N 4 Argomento: il biennio rosso e l agonia dello Stato liberale 4A: Il dopoguerra in Germania: le tensioni sociali, la nascita della Repubblica di Weimar; dalla crisi economica alla normalizzazione nella seconda metà degli anni 20. 4B: Il dopoguerra in Italia: le tensioni sociali, la debolezza dei governi liberali, la nascita e il rafforzarsi del movimento fascista. U.D. N 5 Argomento: Dalla Rivoluzione russa allo stalinismo 5A: Partiti e raggruppamenti politici nella Russia del 1917: la rivoluzione di febbraio e l abbattimento dello zarismo; tra febbraio e ottobre: dualismo di potere tra i governi e i soviet; la rivoluzione bolscevica: la presa del potere sotto la guida di Lenin. 5B: Uscita della Russia dal conflitto e instaurazione delle rigide misure del comunismo di guerra; l attuazione della NEP, la morte di Lenin e la lotta per la successione al potere nell URSS: l emergere della figura autoritaria di Stalin. 5C: Lo stalinismo: la teoria del socialismo in un paese solo, l industrializzazione forzata, la programmazione economica centralistica e autoritaria attraverso i piani quinquennali, consenso e repressione del dissenso: i gulag. 12

14 U.D. N 6 Argomento: Fascismo e nazismo 6A: La marcia su Roma e la presa del potere di Mussolini: la fase del regime autoritario, le elezioni del 1924, l assassinio Matteotti e la secessione aventiniana dei partiti antifascisti. 6B: la dittatura a viso aperto : la promulgazione delle leggi fascistissime e la repressione degli oppositori; la politica del regime fascista tra la seconda metà degli anni venti e gli anni trenta. - Politica interna del regime fascista: il controllo del consenso, il sistema elettorale plebiscitario, i Patti Lateranensi con la Chiesa cattolica, tecniche e mezzi di propaganda. - Politica economica: dalla fase liberista al ruolo dirigista dello Stato in economia. - Politica estera: la conquista dell Etiopia e il progressivo avvicinamento alla Germania nazista. 6C: La crisi della Repubblica di Weimar e il dilagare delle idee nazionalsocialiste nei primi anni 30; il regime nazista: ideologia politica, organizzazione del consenso e repressione. U.D. N 7 Argomento: La crisi del 29 negli Stati Uniti 7A: Gli USA negli anni venti: crescita economica e investimenti finanziari nell età dorata. 7B: Motivi della crisi: progressiva diminuzione dei consumi ed eccessiva crescita dei titoli azionari rispetto al valore reale. 7C: Ottobre 29: crollo della Borsa di Wall Street e polverizzazione del valore dei titoli, l innesco della crisi e relativi effetti: arresto dei consumi, fallimenti, disoccupazione. 7D: Il New Deal di Roosevelt: intervento dello Stato nell economia, aumento della spesa pubblica e misure di tutela sociale, il progressivo risollevarsi dell economia. U.D. N 8 Argomento: La Seconda guerra mondiale 8A: L Europa verso la seconda guerra mondiale. - La Guerra civile spagnola - L espansionismo nazista: l annessione dell Austria, il controllo sui Sudeti e lo smembramento della Cecoslovacchia, le mire sulla Polonia - L atteggiamento di Francia e Inghilterra: la politica dell appeasement, la Conferenza di Monaco - Il patto Molotov-Ribbentropp e la presa di Danzica: scoppia la guerra. 8B: La prima fase del conflitto: l espansione nazista, l occupazione della Francia, la battaglia d Inghilterra; l entrata in guerra dell Italia: il progetto di guerra parallela, il fronte africano. 8C: Dall invasione tedesca dell URSS alla battaglia di Stalingrado: la svolta nel conflitto. L intervento in guerra degli Stati Uniti e gli sbarchi degli Alleati in Sicilia e in Normandia; l avanzata dell Armata rossa e degli Alleati: la liberazione dell Europa, la resa della Germania; l impiego della bomba atomica e la resa del Giappone. 8D: La Shoah :le caratteristiche del sistema concentrazionario nella prospettiva della soluzione finale. U.D. N 9 Argomento: L Italia dalla Resistenza alla Liberazione 9A: Gli insuccessi bellici dell Italia e la caduta del regime fascista. 9B: L 8 settembre: l armistizio con gli Anglo-americani, la divisione dell Italia tra la Repubblica di Salò e il regno del Sud. 9C: La rinascita dei partiti antifascisti, la costituzione del CLN, la Resistenza, la Liberazione; i governi di unità nazionale successivi alla caduta del fascismo. 13

15 U.D. N 10 Argomento: La guerra fredda 10A: L emergere dei due blocchi contrapposti egemonizzati dagli USA e dall URSS; le aree di tensione, la corsa agli armamenti. 10B: La decolonizzazione: la dissoluzione degli imperi coloniali in Asia e in Africa. 10C: Stati Uniti: la mobilitazione contro il comunismo; Kennedy e il sogno della Nuova frontiera. 10D: Unione Sovietica: lo stalinismo dopo la seconda guerra mondiale, Krusciov e la destalinizzazione; la primavera di Praga. 10E: Le relazioni internazionali: dal disgelo alle crisi di Berlino e di Cuba. U.D. N 11 Argomento: L Italia dalla nascita della Repubblica agli anni 60 11A: Le elezioni dell Assemblea Costituente e il referendum del 2 giugno 1946; i lavori della Costituente e l entrata in vigore della Costituzione; le elezioni del B: Dai governi centristi al centro-sinistra degli anni sessanta; la rinascita economica dell Italia; cambiamenti e tensioni sociali sul finire degli anni Sessanta. 14

16 SCHEDA DELLA MATERIA: FILOSOFIA Docente: Daniele Ferrero A.s. 2011/12 Testo/i in adozione: Abbagnano - Fornero, Figure della filosofia, Paravia, volumi C, D1 Specificità disciplinari Conoscenze Competenze Capacità - i concetti chiave delle teorie filosofiche e la relativa origine nel contesto storico-culturale di appartenenza - eventuali connessioni tra teorie di momenti storici e ambiti culturali differenti - saper indicare l ambito problematico di provenienza delle questioni e dei concetti presi in esame - saper cogliere e spiegare analogie e differenze tra teorie - saper comprendere punti di vista differenti all interno di una stessa questione - saper riconoscere rapporti significativi tra teorie filosofiche e metodi di ragionamento elaborati dalla tradizione, per rispondere ai problemi dell uomo INDICE DELLE UNITÀ DIDATTICHE N U.D. ARGOMENTO PERIODO DI SVOLGIMENTO 1. Il Romanticismo Settembre 2. Hegel Settembre/ Ottobre 3. Contro e oltre Hegel Novembre 4. Feuerbach e Marx Novembre/ Dicembre 5. Il Positivismo Dicembre 6. Maestri del sospetto Gennaio/ Marzo 7. La riflessione sull esistenza Aprile 8. Percorsi ermeneutici Maggio 15

17 DETTAGLIO DELLE UNITA DIDATTICHE U.D. N 1 Argomento: il Romanticismo 1A: Inquietudini e lacerazioni dell anima romantica: tensione nostalgica verso l infinito e Sehnsucht. La sensibilità romantica: il privilegiamento della dimensione spirituale in rapporto alla natura; la concezione romantica della poesia. 1B: Figure significative del Romanticismo tedesco: Schlegel e il tema dell ironia; la concezione della natura in Hölderlin e il rapporto con il mito della Grecia antica, Schiller e l anima bella. U.D. N 2 Argomento: Hegel 2A: I cardini del sistema: coincidenza di realtà e razionalità nello Spirito attraverso la dialettica quale processo razionale del reale. 2B: La scienza dell esperienza della coscienza: la Fenomenologia dello Spirito. Itinerario di formazione della coscienza che ripercorre le figure attraverso cui lo Spirito si è manifestato: coscienza, autocoscienza, ragione, spirito, religione, sapere assoluto. 2C: Dall itinerario fenomenologico all esposizione sistematica delle articolazioni dello Spirito. - Lo strutturarsi della razionalità nell Idea: identificazione di logica e ontologia. - Lo Spirito nella forma dell esser altro da sé: l alienarsi dello Spirito nella natura intesa come oggettivazione e alterità. - Lo Spirito che ritorna in sé: lo Spirito soggettivo e il riemergere della coscienza dall alienazione nella natura. - Filosofia dello Spirito oggettivo. Diritto, moralità, eticità; lo Stato, sintesi di famiglia e società civile, quale culmine dell eticità e del manifestarsi dello Spirito nel mondo; la filosofia della storia. - Lo spirito assoluto: la filosofia dell arte. Religione e filosofia quali momenti culminanti dello spirito assoluto: lo spirito nella forma della rappresentazione (religione) e del concetto (filosofia). U.D. N 3 Argomento: Contro e oltre Hegel 3A: Kierkegaard - La polemica contro Hegel: dall universale hegeliano al primato del singolo, dall essenza razionale alla riflessione sull esistenza. - L irriducibile libertà dell uomo di fronte alla scelta: il possibile quale orizzonte dell esistenza umana; il sentimento del possibile: l angoscia. - Le alternative esistenziali di fronte all uomo: stadio estetico, stadio etico e stadio religioso. 3B: Schopenhauer - La conoscenza fenomenica del mondo nella forma della rappresentazione e l individuazione della volontà quale sostanza irrazionale del reale. L emergere della volontà nell uomo attraverso il corpo e la sfera dei bisogni. - Le vie di liberazione dalla volontà: arte, morale della compassione, ascesi. 16

18 U.D. N 4 Argomento: Feuerbach e Marx 4A: Feuerbach - Il privilegiamento della dimensione concreta e materiale, in opposizione al primato dell astratto e dello spirituale in Hegel; il concetto di alienazione: la riduzione della teologia ad antropologia; l umanismo naturalistico. 4B: Marx - L eredità della dialettica hegeliana e della critica di Feuerbach. - L antropologia marxiana: il lavoro e la trasformazione della realtà in vista dei bisogni umani; il concetto di alienazione; la disalienazione e il riemergere dell essenza umana attraverso l abolizione della proprietà privata. - Struttura e sovrastruttura; materialismo storico e materialismo dialettico: la lotta di classe è il motore della storia. La fine della dialettica storica: l avvento del comunismo. - L analisi dell economia capitalista, valore d uso e valore di scambio, il plusvalore, il profitto e il capitale. - La rivoluzione, la dittatura del proletariato, la società comunista. U.D. N 5 Argomento: Il Positivismo 5A: Il Positivismo. Origini nel contesto storico europeo: i successi della scienza e della tecnica, l industria, la fiducia nel progresso dell umanità. 5B: Comte: la teoria del tre stadi e la progressiva acquisizione di uno statuto scientifico da parte delle discipline. La sociologia e il progetto di società industriale positiva. U.D. N 6 Argomento: Maestri del sospetto 6A: Freud - La scoperta dell inconscio a partire dai primi studi sull isteria. - La suddivisione della psiche in luoghi. La prima topica: conscio, preconscio e inconscio; la seconda topica: Es, Io e Super-Io. - Lo studio dell infanzia: i tre stadi della sessualità infantile e il complesso di Edipo. - Il disagio della civiltà: la riflessione psicoanalitica sul rapporto tra individuo e società. 6B: Nietzsche - La formazione e le opere giovanili: il ribaltamento della valutazione sulla cultura greca: esaltazione della tragedia e dei Greci prima di Socrate; spirito apollineo e spirito dionisiaco. - Il periodo illuministico e lo smascheramento dei valori morali, delle verità metafisiche e religiose: la morte di Dio. - L oltreuomo nell annuncio profetico di Zarathustra; la questione dell eterno ritorno. La volontà di potenza e l oltreuomo, la creazione di valori e l interpretazione: il prospettivismo. - La critica genealogica della morale: morale dei servi e morale dei signori. 17

19 U.D. N 7 Argomento: La riflessione sull esistenza 7A: Heidegger - Contro la tradizione metafisica occidentale, colpevole di un oblio dell essere, il riproporsi della domanda sull essere. - Preliminare analisi sull ente che si interroga sull essere: l Esserci. L essere-nel-mondo: possibilità, angoscia e progettualità dell uomo. Esistenza inautentica e autentica. L essere-per-la-morte. - La temporalità come dimensione costitutiva dell Esserci; lo slancio verso il futuro, l uomo come progetto e trascendenza; temporalità e destino. 7B: Sartre - la dimensione dell esistenza umana nell ontologia de L essere e il nulla: l in-sé e il per-sé, possibilità e libertà. - l esistenzialismo come forma di umanismo: la responsabilità dell uomo, oltre le verità metafisiche e i sistemi costituiti di valori l autenticità dell esistenza umana come progetto. U.D. N 8 Argomento: percorsi ermeneutici 8A: Heidegger - il superamento della riflessione sull esistenza dell uomo alla ricerca del senso dell essere oltre ogni possibile definizione metafisica: il linguaggio e la poesia. - dall ermeneutica nell orizzonte dell esistenza alla comprensione in ascolto dell essere e della verità che si rivela e manifesta nel linguaggio dei poeti. 8B: Gadamer - il problema della verità e l esperienza dell arte; l essenza dell opera d arte come gioco che sospende i significati ordinari della vita. - il circolo ermeneutico e la comprensione in quanto processo di fusione di orizzonti ; lo statuto ermeneutico della verità in Gadamer e in Heidegger. 8C: Ricoeur - l aspetto critico dell ermeneutica: l interpretazione nella forma del sospetto svolta da Marx, Nietzsche e Freud. - l innovazione di senso della metafora viva : la liberazione dai significati ordinari delle cose nella ricerca di nuovi significati; la costruzione del senso delle cose e della verità. 18

20 SCHEDA DELLA MATERIA: MATEMATICA Docente: MARCO COSTA Anno Scolastico 2011/2012 Testo in adozione: N. DODERO P. BARONCINI R. MANFREDI Nuovi lineamenti di matematica, vol. C, Ghisetti e Corvi Editori Specificità disciplinari Conoscenze Esprimere in linguaggio corretto definizioni e contenuti. Dimostrare la teoria esposta. Competenze Interpretare i quesiti riconoscendo il contesto teorico in cui sono inseriti. Impostare formalmente ed in modo efficace un ragionamento. Utilizzare le tecniche di calcolo e le rappresentazioni grafiche fondamentali. Capacità Operare collegamenti. Impostare percorsi risolutivi sintetici e originali. Discutere e interpretare i risultati. INDICE DELLE UNITÀ DIDATTICHE N U.D. ARGOMENTO PERIODO DI SVOLGIMENTO 1 Funzioni reali di variabile reale Settembre/ Ottobre 2 Limiti di funzioni Ottobre/ Novembre 3 Funzioni continue Dicembre 4 Derivata di una funzione Gennaio 5 Applicazione del calcolo differenziale Febbraio/ Marzo 6 Teoremi sulle funzioni derivabili Marzo/ Aprile 7 Integrale indefinito Maggio 8 Integrale definito e il problema delle aree Maggio/ Giugno 19

21 DETTAGLIO DELLE UNITÀ DIDATTICHE Funzioni reali di variabile reale U.D. N 1 Definizione di funzione reale di variabile reale. Dominio di una funzione. Codominio di una funzione. Iniettività. Suriettività. Funzioni invertibili. Simmetrie: funzioni pari e funzioni dispari. Studio del segno di una funzione. Composizione di funzioni. Inversa di una funzione. Grafici di funzioni elementari. Traslazione dei grafici lungo l asse delle ascisse, delle ordinate. Grafico del modulo di una funzione. Limiti di funzioni U.D. N 2 Introduzione al concetto di limite. Limite finito di una funzione per x che tende a un valore finito. Limite infinito di una funzione per x che tende a un valore finito. Limite finito di una funzione per x che tende a un valore infinito. Limite infinito di una funzione per x che tende a un valore infinito. Teoremi sui limiti: Teorema dell'unicità del limite(senza dimostrazione). Teorema della permanenza del segno (senza dimostrazione). Teoremi del confronto (senza dimostrazione). Teorema del limite per le funzioni monotone (senza dimostrazione). Funzioni continue e operazioni con i limiti. Calcolo e verifica dei limiti. Forme indeterminate. Calcolo di forme indeterminate. Limiti notevoli: lim senx 1 1 x 0 (con dimostrazione ), lim 1 e (senza dimostrazione) e loro x x x corollari. x Funzioni continue U.D. N 3 Continuità di una funzione in un punto. Classificazione dei punti di discontinuità. Continuità di una funzione in un intervallo. Teoremi sulle funzioni continue: Teorema di esistenza degli zeri (senza dimostrazione) e Teorema di Weierstrass (senza dimostrazione). Applicazioni. Asintoti di funzioni. Asintoto verticale. Asintoto orizzontale. Asintoto obliquo. Grafico probabile di una funzione. 20

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria

LICEO SCIENTIFICO  L. DA VINCI  Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria LICEO SCIENTIFICO " L. DA VINCI " Reggio Calabria PROGRAMMA di FISICA Classe II G Anno scolastico 2014/15 Docente: Bagnato Maria La velocità Il punto materiale in movimento. I sistemi di riferimento. Il

Dettagli

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15

I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 I.I.S. N. BOBBIO DI CARIGNANO - PROGRAMMAZIONE PER L A. S. 2014-15 DISCIPLINA: FISICA (Indirizzi scientifico e scientifico sportivo) CLASSE: QUARTA (tutte le sezioni) COMPETENZE DISCIPLINARI ABILITA CONTENUTI

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

FISICA E LABORATORIO

FISICA E LABORATORIO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2014-2015 Classe V P indirizzo OTTICO Docente Giuseppe CORSINO Programma di FISICA E LABORATORIO Anno Scolastico 2013-2014 Classe V P indirizzo OTTICO

Dettagli

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015

LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LICEO STATALE A.VOLTA COLLE DI VAL D ELSA PROGRAMMA DI FISICA SVOLTO NELLA CLASSE VA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 Insegnante: LUCIA CERVELLI Testo in uso: Claudio Romeni FISICA E REALTA Zanichelli Su alcuni

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo

MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo MATEMATICA Prof. ssa Monica Sambo Nella classe vi sono delle differenze sul piano linguistico e nel possesso di contenuti ed abilità; la classe risulta sostanzialmente eterogenea con ottimi risultati per

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

I.I.S. "MARGHERITA DI SAVOIA" a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA a.s. 20014-2015 LICEO LINGUISTICO classe I BL Programma di MATEMATICA classe I BL Numeri naturali L insieme dei numeri naturali e le quattro operazioni aritmetiche. Le potenze. Espressioni. Divisibilità, numeri primi. M.C.D. e m.c.m. Numeri interi relativi L insieme dei

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013

LICEO STATALE TERESA CICERI COMO 11 settembre 2012 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DI FISICA A. S. 2012/2013 TRIENNIO BROCCA LICEO SOCIO PSICO - PEDAGOGICO TRIENNIO BROCCA LICEO LINGUISTICO FINALITA GENERALI Il Progetto Brocca individua le seguenti finalità

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI

PIANO DI LAVORO DEI DOCENTI PROGRAMMAZIONE PERCORSO FORMATIVO DISCIPLINARE A. S. 2009/2010 Fisica Classe quinta C liceo Ore annuali: DOCENTE: Giorgio Follo Obiettivi disciplinari Conoscenze Elettromagnetismo: teoria e semplici applicazioni.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Pagina 1 di 6 Il profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale: I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing

-Virginia Evans,FCE Use of English,Express Publishing ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE 5 SEZ. B. INDIRIZZO ling. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Cristina Conti Lingua Inglese - Spiazzi-Tavella, ONLY CONNECT-New directions, Vol.2-3

Dettagli

Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11

Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11 Argomenti delle lezioni del corso di Elettromagnetismo 2010-11 14 marzo (2 ore) Introduzione al corso, modalità del corso, libri di testo, esercitazioni. Il fenomeno dell elettricità. Elettrizzazione per

Dettagli

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA

I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015. CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA I.I.S. MARGHERITA DI SAVOIA NAPOLI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 CLASSE III SEZ. Ae INDIRIZZO LICEO ECONOMICO PROGRAMMA DI FISICA PROFESSORESSA: REGALBUTO PAOLA LE GRANDEZZE: LE GRANDEZZE FONDAMENTALI E DERIVATE,

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web

3B BIO classe partecipante al progetto Generazione Web Anno scolastico 2012-13 ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO INDIRIZZO CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE (Articolazione: Biotecnologie sanitarie) PROGRAMMA PREVENTIVO MATERIA Biologia, Microbiologia e

Dettagli

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA

CLASSE 3C ALGEBRA GONIOMETRIA GEOMETRIA GEOMETRIA NEL PIANO RECUPERO PROGRAMMA A.S. PRECEDENTE. CALORIMETRIA e TERMODINAMICA CLASSE 3C La programmazione didattica per le discipline Matematica e Fisica prevede i temi di seguito elencati. Sia le famiglie che gli alunni hanno quindi possono seguire l agenda dei lavori in classe

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Vincenzo Manzini Corsi di Studio: Amministrazione, Finanza e Marketing/IGEA- Costruzioni, Ambiente e Territorio/Geometra Liceo Linguistico/Linguistico Moderno -

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Programmazione di Scienze A.S. 2013-2014 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe IIIB Liceo Linguistico-Europeo Le trasformazioni fisiche della materia Gli stati fisici della materia I sistemi omogenei ed eterogenei Le sostanze pure ed i miscugli

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico

PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 Liceo Scientifico-tecnologico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE CLASSI 5 -tecnologico pag. 1 PROGRAMMAZIONE COORDINATA TEMPORALMENTE A.S. 2013/2014 CLASSI 5 -tecnologico DISCIPLINA: LINGUA STRANIERA

Dettagli

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro.

Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016. Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia. Piano di lavoro. Liceo Scientifico Galileo Galilei - Siena A.S. 2015-2016 Classi III B III E Docente Chiara Agostini Materia Filosofia Piano di lavoro Settembre La nascita della filosofia : il contesto storico-culturale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15

PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 LICEO CLASSICO/SCIENTIFICO G. SPINELLI PROGRAMMAZIONE INGLESE ANNO 2014-15 PROF.SSA AMENDOLAGINE ORIANA QUINTO ANNO Ac 1. COMPETENZE DISCIPLINARI LINGUA 1_ Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative

Dettagli

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA.

LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE. Anno scolastico 2012-2013. CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA. LICEO ARTISTICO P. GOBETTI OMEGNA PIANO DI LAVORO ANNUALE Anno scolastico 2012-2013 CLASSE II A Musicale SCIENZE BIOLOGIA 2 ore settimanali Docente: Prof.ssa Negri Maria Rosa Testo: Le basi della Biologia

Dettagli

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE

Allegato al documento di classe no. 1.6 RELAZIONE FINALE Allegato al documento di classe no. 1.6 Docente Materia Classe Maria Stefania Strati Matematica P.N.I. 5D RELAZIONE FINALE 1. Considerazioni generali La classe ha avuto una stessa insegnante di matematica

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE

PROGRAMMA PREVENTIVO PREMESSA DISCIPLINARE COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/15 SCUOLA LICEO LINGUISTICO A. MANZONI DOCENTE: CRISTINA FRESCURA MATERIA: FISICA Classe 5 Sezione B FINALITÀ DELLA DISCIPLINA PREMESSA DISCIPLINARE

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora

Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E. Prof.ssa Fulvia Spatafora !1 Programma svolto Storia, Geografia, Cittadinanza e Costituzione Anno scolastico 2013-2014 Classe 3E Storia L Italia dopo l unificazione Prof.ssa Fulvia Spatafora I problemi del Regno d Italia I grandi

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Statale «Via Silvestri 301» Programma di BIOLOGIA Classe 2 a A Indirizzo ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA n.1 Titolo La cellula La struttura della cellula La teoria

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 2 a SEZ. Q A.S. 2012/2013 CHIMICA NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO ISTITUTO TECNICO

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO MATERIA: MATEMATICA ANNO SCOLASTICO: 2014-2015 PROF: MASSIMO BANFI

Dettagli

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN.

ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE EDITH STEIN. PIANO DI LAVORO DELLA DISCIPLINA: SCIENZE NATURALI CLASSI: QUINTE CORSO: LICEO SCIENTIFICO e CLASSICO AS 2014-2015 Moduli Libro Di Testo Competenze di base Abilità Conoscenze Disciplina Concorrenti Atomi,

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA

PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA ALLEGATO 6 PROGRAMMA DELLE PROVE ORALI DEL CONCORSO PER L AMMISSIONE AL 113 CORSO ALLIEVI UFFICIALI STORIA ED EDUCAZIONE CIVICA Storia d Italia e d Europa dal 1860 ai giorni nostri Tendenze e problemi

Dettagli

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA

Liceo scientifico Albert Einstein. Anno scolastico 2009-2010. Classe V H. Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati. Materia: MATEMATICA Liceo scientifico Albert Einstein Anno scolastico 2009-2010 Classe V H Lavoro svolto dalla prof.ssa Irene Galbiati Materia: MATEMATICA PROGRAMMA DI MATEMATICA CLASSE V H Contenuti Ripasso dei prerequisiti

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15

Programmi svolti nell anno scolastico 2014/15 Disciplina d insegnamento/apprendimento EDUCAZIONE FISICA PEZZULLO GIOVANNI 1 Le prestazioni fisiche di resistenza, forza e velocità Metodologie semplici per l allenamento delle capacità condizionali di

Dettagli

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014

DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 DISCIPLINA CHIMICA ORGANICA E LABORATORIO A.S. 2013-2014 Personale dei docenti Loredana Decarlo Mascaro Salvatore per la classe V CH. Serale 1) PREREQUISITI Conoscenza dei gruppi funzionali e dei modelli

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I

ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016. Programmazione di Matematica. Classe V I ISIS G. Tassinari a.s. 2015-2016 Programmazione di Matematica Classe V I Prof.ssa C. Pirozzi Analisi della situazione di partenza La classe V sezione I è costituita da un gruppo di 16 allievi non sempre

Dettagli

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011

Dipartimento di Fisica Programmazione classi seconde Anno scolastico2010-2011 Liceo Tecnico Chimica Industriale Meccanica Elettrotecnica e Automazione Elettronica e Telecomunicazioni Istituto Tecnico Industriale Statale Alessandro Volta Via Assisana, 40/E - loc. Piscille - 06087

Dettagli

Tipo Scuola : LICEO SCIENTIFICO Classi: Quinte. Codice Volume Autore1 / Autore2 / Autore3 Titolo / Sottotitolo Vol. Editore Prezzo Sez./Comb.

Tipo Scuola : LICEO SCIENTIFICO Classi: Quinte. Codice Volume Autore1 / Autore2 / Autore3 Titolo / Sottotitolo Vol. Editore Prezzo Sez./Comb. RELIGIONE CATTOLICA 9788810612521 BOCCHINI SERGIO NUOVO RELIGIONE E RELIGIONI + CD ROM / VOLUME UNICO U EDB EDIZ.DEHONIANE BO (CED) 20,30 A/5, B/3, C/6, D/6, ITALIANO 9788820133184 DANTE ALIGHIERI POEMA

Dettagli

Decreto Ministeriale 2015 per l ammissione a MEDICINA-ODONTOIATRIA VETERINARIA PROFESSIONI SANITARIE ARCHITETTURA

Decreto Ministeriale 2015 per l ammissione a MEDICINA-ODONTOIATRIA VETERINARIA PROFESSIONI SANITARIE ARCHITETTURA Decreto Ministeriale 2015 per l ammissione a MEDICINA-ODONTOIATRIA VETERINARIA PROFESSIONI SANITARIE ARCHITETTURA Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato A Programmi

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA

PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15. Insegnante: Roberto Bottazzo Materia: FISICA PROGRAMMA SVOLTO - CLASSE PRIMA sez. R - ITT. ALGAROTTI - A.S. 2014/15 Materia: FISICA 1) INTRODUZIONE ALLA SCIENZA E AL METODO SCIENTIFICO La Scienza moderna. Galileo ed il metodo sperimentale. Grandezze

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015. Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2014/2015 Prof.ssa Roberta Tadini Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano ASCOLTARE IN MODO ATTIVO E PARTECIPE. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

I.I.S. "PAOLO FRISI"

I.I.S. PAOLO FRISI I.I.S. "PAOLO FRISI" Via Otranto angolo Cittadini, 1-20157 - MILANO www.ipsfrisi.it PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DI FISICA Anno Scolastico:2014-15 CLASSI TUTTE III, IV E V LICEO DOCENTE : _ Rinaldi.

Dettagli

LICEO STATALE MARIE CURIE

LICEO STATALE MARIE CURIE Via Mons. Brioschi - 21049 (Va) - tel. 0331 842220 - Fax 0331 811080 FORMAT LICEO SCIENTIFICO Lingua e letteratura italiana CONTENUTI ESSENZIALI QUARTO ANNO Il Rinascimento: Torquato Tasso: La vita, le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO SCIENTIFICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LICEO SCIENTIFICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE 5C LICEO SCIENTIFICO 2015-16 Anno scolastico 2015/16 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE Docente: Offidani Rodolfo Materia: Filosofia Classe : 5 C Indirizzo Scientifico STRATEGIE DIDATTICHE

Dettagli

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE

ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE pag.1 ISTITUTO STATALE ISTRUZIONE SUPERIORE ZENALE E BUTINONE Vale la pena di insegnare un argomento solo se si ritiene di poterlo approfondire ad un punto tale da poter formulare domande non banali con

Dettagli

Istituto F. Algarotti. Programma di Scienze. Classe 1 A FM

Istituto F. Algarotti. Programma di Scienze. Classe 1 A FM Istituto F. Algarotti Programma di Scienze Classe 1 A FM L Universo Caratteristiche delle stelle Le galassie La nascita delle stelle L origine dell universo Il sistema solare Il sole I pianeti terrestri

Dettagli

Revisione a.s. 2014 15 1

Revisione a.s. 2014 15 1 Fisica Obiettivi Generali dell Area scientifica, matematica e tecnologica Comprendere il linguaggio formale specifico della matematica, saper utilizzare le procedure tipiche del pensiero matematico, conoscere

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014

LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 CHIMICA LICEO SCIENTIFICO LEONARDO da VINCI REGGIO CALABRIA PROGRAMMA DI SCIENZE NATURALI CLASSE 1 a SEZ. Q a. s. 2013/2014 NUCLEO FONDANTE A : MISURE E GRANDEZZE TRASFORMAZIONI CHIMICO-FISICHE DELLA MATERIA

Dettagli

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013

Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Istituto S. Giuliana Falconieri Classe II A Classico - Scientifico Programmazione didattica di Scienze A.S. 2012-2013 Obiettivi e finalità: Al termine del corso gli allievi dovranno essere in grado di:

Dettagli

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord.

Competenze. Riconoscere che una calamita esercita una forza su una seconda calamita. Riconoscere che l ago di una bussola ruota in direzione Sud-Nord. Ist.Magistrale G. Comi Tricase ( LE Allegata al verbale del Consiglio di classe del 19/10/2015 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE della CLASSE 5 AA Anno scolastico 2015/2016 MATERIA Fisica DOCENTE Nicolì Pasquale

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE

CLASSI PRIME tecnico 4 ORE PIANO ANNUALE a.s. 2012/2013 CLASSI PRIME tecnico 4 ORE Settembre Ottobre Novembre dicembre dicembre gennaio- 15 aprile 15 aprile 15 maggio Somministrazione di test di ingresso. Insiemi numerici Operazioni

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare

OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare OBIETTIVI MINIMI MATEMATICA PER IL LICEO SCIENTIFICO E PER IL LICEO SCIENTIFICO INDIRIZZO SCIENZE APPLICATE CLASSE I Operare con gli insiemi, operare negli insiemi numerici N, Z, Q, calcolare espressioni,

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 09 /09 /2014 Pag. di. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2014 / 2015 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I RISULTATI DI APPRENDIMENTO - al termine del percorso quinquennale - al cui raggiungimento contribuisce la disciplina MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... SERVIZI SOCIO-SANITARI 1 di 5 23/01/2015 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO PROFESSIONALE SERVIZI SOCIO-SANITARI 1. QUINTO ANNO DISCIPLINA: Matematica DOCENTI : Provoli, Silva, Vassallo MODULI CONOSCENZE

Dettagli

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15

Programma di Fisica Classe I A AFM a.s. 2014/15 Classe I A AFM Il metodo sperimentale. Misurazione e misura. Il Sistema Internazionale Grandezze fondamentali: lunghezza, massa e tempo. Grandezze derivate Unità di misura S.I. : metro, kilogrammo e secondo.

Dettagli

Classe: 5ESC Indirizzo: Liceo Scientifico Materia: Scienze naturali (Chimica, Biologia,

Classe: 5ESC Indirizzo: Liceo Scientifico Materia: Scienze naturali (Chimica, Biologia, LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5ESC Indirizzo:

Dettagli

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA

Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Corso di Laurea in TECNICHE DI RADIOLOGIA MEDICA, PER IMMAGINI E RADIOTERAPIA Anno: 1 Semestre: 1 Corso integrato: MATEMATICA, FISICA, STATISTICA ED INFORMATICA Disciplina: FISICA MEDICA Docente: Prof.

Dettagli

LICEO LINGUISTICO «NOSTRA SIGNORA DELLA MERCEDE» ANZIO ANNO SCOLASTICO 2005-2006 PROGRAMMA DIDATTICO STORIA CLASSE QUINTA LICEO LINGUISTICO

LICEO LINGUISTICO «NOSTRA SIGNORA DELLA MERCEDE» ANZIO ANNO SCOLASTICO 2005-2006 PROGRAMMA DIDATTICO STORIA CLASSE QUINTA LICEO LINGUISTICO LICEO LINGUISTICO «NOSTRA SIGNORA DELLA MERCEDE» ANZIO ANNO SCOLASTICO 2005-2006 PROGRAMMA DIDATTICO STORIA CLASSE QUINTA LICEO LINGUISTICO Materia: Storia, Educazione Civica Libro di testo: Marco Fossati,

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2013 / 2014 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: ROVETTA ROBERTA Classe: 5 Indirizzo: TECNICO DEI SERVIZI TURISTICI Ore di insegnamento settimanale:

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014 / 2015 Dipartimento: MATEMATICA Coordinatore: TRIMBOLI SILVIA Classe: 4 Indirizzo: Istituto Tecnico per il Turismo orientamento sportivo Ore di insegnamento

Dettagli

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale

Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione generale Comunicare con la scuola I nuovi Istituti Tecnici del settore tecnologico Roma, 9 novembre 2009 Istituto tecnico industriale Galileo Galilei Presentazione dei risultati di apprendimento dell area di istruzione

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE

RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE Allegato A Istituto paritario di Istruzione Secondaria Superiore Ivo de Carneri Civezzano Indirizzo I.T.A.S. indirizzo Biologico RELAZIONE E PROGRAMMA FINALE DI BIOCHIMICA e BIOLOGIA MOLECOLARE A.S. 2012/2013

Dettagli

PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe III B Liceo Scientifico, opzione Scienze applicate Docente: Fabio Mulas Anno scolastico 2014/2015.

PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe III B Liceo Scientifico, opzione Scienze applicate Docente: Fabio Mulas Anno scolastico 2014/2015. PROGRAMMA DI FILOSOFIA Classe III B Liceo Scientifico, opzione Scienze applicate Docente: Fabio Mulas Anno scolastico 2014/2015 Programma svolto I contenuti culturali sono stati proposti dal manuale L

Dettagli

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO)

Facoltà di Economia. Anno Accademico 2009-2010 - Programma del Corso. Matematica Generale (PROGRAMMA EFFETTIVAMENTE SVOLTO) Insegnamento Docente Corso di Laurea CFU 8 Lingua di Insegnamento Italiano Semestre di svolgimento Primo Tipologia Fondamentale SSD SECS-S/06 Codice di Ateneo Anno di Corso Primo Matematica Generale (PROGRAMMA

Dettagli

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte

GIAPPONE. ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte GIAPPONE ideologia nazionalista (kokutai) società armonica, paese ricco, esercito forte 1913/1920 grande sviluppo industriale e urbano: occupazione mercato asiatico Con la pace: crisi economica, revanchismo.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE

PROGRAMMAZIONE ANNUALE PROGRAMMAZIONE ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2010/11 Docente: Antonio Gottardo Materia: Matematica Classe: 5BSo Liceo delle Scienze Sociali 1. Nel primo consiglio di classe sono stati definiti gli obiettivi

Dettagli

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo.

La politica economica degli stati e la nascita dell economia come scienza. Fisiocrazia e liberismo. PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA CLASSE IV B geo A.S. 2010-2011 DOCENTE: CRISTINA FORNARO L antica aspirazione alla riforma della Chiesa. La riforma di Lutero. La diffusione della riforma in Germania e in Europa.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a. s. 2011/2012

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a. s. 2011/2012 Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA a. s. 2011/2012 Prof. ssa Fiorella Binotto Materia : Lingua e Letteratura Inglese Classe V Sez. A su Testo adottato : M. Spiazzi, M. Tavella, Now and Then, 2nd edition,

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie L indirizzo Chimica, Materiali e Biotecnologie è finalizzato all acquisizione di un complesso di competenze riguardanti:

Dettagli

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti

ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE. A. A. 2014-2015 L. Doretti ISTITUZIONI DI MATEMATICHE E FONDAMENTI DI BIOSTATISTICA 7. DERIVATE A. A. 2014-2015 L. Doretti 1 Il concetto di derivata di una funzione è uno dei più importanti e fecondi di tutta la matematica sia per

Dettagli

Nota dell editore Presentazione

Nota dell editore Presentazione 00PrPag 3-08-2007 11:42 Pagina V Autori Nota dell editore Presentazione XI XIII XV Parte I Chimica 1 Struttura dell atomo 3 Teorie atomiche 3 Costituenti dell atomo 4 Numeri quantici 5 Tipi di orbitali

Dettagli

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO

Classe: 5C Indirizzo: SCIENTIFICO Materia: LINGUA E LETTERATURA INGLESE Docente: ELENA RUFFATTO LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5C Indirizzo:

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA Anno Accademico 2012/2013 REGISTRO DELL ATTIVITÀ DIDATTICA Docente: ANDREOTTI MIRCO Titolo del corso: MATEMATICA ED ELEMENTI DI STATISTICA Corso: CORSO UFFICIALE Corso

Dettagli

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO

RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO RIASSUNTO DI FISICA 3 a LICEO ELETTROLOGIA 1) CONCETTI FONDAMENTALI Cariche elettriche: cariche elettriche dello stesso segno si respingono e cariche elettriche di segno opposto si attraggono. Conduttore:

Dettagli