MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA"

Transcript

1 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Clemente Rebora Liceo Classico Liceo Scienze Umane Liceo Scienze Economico-Sociali Via Papa Giovanni Rho (MI) Tel: fax: Via Piero della Francesca Rho (MI) Tel: fax: Codice meccanografico :MIPC13000E Codice Fiscale : mail uffici: PEC : Liceo C. Rebora RHO DOCUMENTO FINALE CLASSE 5BS Anno scolastico 2013/14

2 Qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty LICEO C.REBORA uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq Liceo C. Rebora Documento del 15 maggio wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui a.s. 2013/2014 Consiglio di classe 5BS opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc vbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxc Qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwerty uiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasd fghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzx cvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyui 2 opasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

3 Classe V sez. BS Indirizzo: Liceo delle Scienze sociali Composizione del Consiglio di Classe: COMPONENTE Prof. Andrea Marzulli Prof. Antonietta Esposito Prof. Simonetta Andretto Prof. Silvia Persetti Prof.Francesca Tenucci Prof. Francesca Scimemi Prof.Flavio Marelli Prof. Girolamo Franceschini Prof. Lucia Cansirro Prof. Santa Laganà Prof. Luca Pilu Prof. Marcella Diano Prof. Maria Bucolo COORDINATORE MATERIA Italiano, Storia Diritto Inglese Francese Scienze naturali Matematica Filosofia Scienze sociali Educazione Fisica Linguaggi non verbali (arte) Religione Sostegno Sostegno Prof. Girolamo Franceschini DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa. Maria Merola 3

4 Liceo delle Scienze sociali Il liceo delle Scienze sociali nasce da un Decreto Interministeriale del 10 marzo 1997 quando l Istituto magistrale perde la possibilità di abilitare all insegnamento. Da allora parecchia strada si è fatta e l investimento da parte delle istituzioni è stato notevole. Di fatto il Ministero ha bloccato tutte le sperimentazioni che non fossero autonome, da alcuni anni, mentre ha lasciato che questo indirizzo si sviluppasse, naturalmente all insegna del modello di scuola secondaria superiore che la riforma prevedeva e cioè una scuola il cui orario non superi le 30 ore e un curricolo che prevede un monte ore comune, un area d indirizzo e un area dell integrazione con le aree di progetto svolte in compresenza. A tali indicazioni se ne affiancano altre inerenti la didattica che in questo indirizzo si dovrà adeguare a quel modello di modularità, flessibilità organizzativa ed oraria che alcune scuole sul territorio italiano stanno sperimentando da alcuni anni. Le finalità educative e didattiche dell Istituto (dal POF 2010/11) Per valorizzare lo studente come persona e come soggetto attivo nel processo educativo il nostro Istituto si propone le seguenti finalità: Educare al senso di responsabilità etica, civile, sociale per diventare cittadini coscienti e partecipi del proprio tempo e capaci di inserirsi positivamente nel tessuto sociale. Stimolare gli studenti a fare dell apprendimento uno stile di vita, un motore di progettazione del proprio futuro; sviluppare la loro capacità di affrontare il cambiamento. Offrire una formazione culturale di ampio respiro, attenta alla complessità e aperta al confronto con le altre culture nel rispetto reciproco. Favorire la capacità di studio autonomo, l acquisizione di spirito critico, l abilità di attivare le risorse necessarie nella soluzione dei problemi. 4

5 Obiettivi caratterizzanti il corso LICEO C.REBORA Liceo delle SCIENZE SOCIALI 1. Aiutare lo studente a prendere consapevolezza della realtà psicologica e sociale dell uomo attraverso l acquisizione degli opportuni strumenti concettuali per la comprensione del sistema sociale e dei comportamenti umani. 2. mettere in grado lo studente di riflettere, utilizzando basilari ma adeguati riferimenti, su problematiche inerenti i campi psicologico, sociale, educativo, culturale. Profilo in uscita (Competenze) Al temine del corso di studi lo studente possiede una formazione culturale attenta alla complessità dei fenomeni sociali sui quali è in grado di operare una lettura critica e può accedere agevolmente a tutte le facoltà universitarie coerenti con questo indirizzo o prepararsi all esercizio delle professioni nell ambito dei servizi alla persona. OBIETTIVI caratterizzanti del TRIENNIO 5

6 1. Possedere un sistema di valori, coerenti con i principi e le regole della Convivenza civile, in base ai quali valutare i fatti ed ispirare i comportamenti individuali e sociali nell ottica dell integrazione nel tessuto umano e sociale della realtà contemporanea 2. Acquisire strumenti culturali idonei a interpretare la contemporaneità, la complessità del vivere sociale e le sue dinamiche, la pluralità delle culture e i diversi meccanismi comunicativi. 3. Comprendere il legame interdisciplinare tra saperi, in particolar modo quelli che indagano il rapporto tra individui e società. 4. Saper progettare, saper cooperare, saper svolgere attività di ricerca affrontando i problemi con la necessaria pazienza intellettuale, disponibilità al confronto e prudenza nei giudizi. 5. Possedere una adeguata padronanza dei linguaggi specifici e dei contenuti disciplinari 6

7 La scuola Fino allo scorso anno scolastico, il Liceo Rebora ha avuto ben quattro sedi diverse, alcune anche distanti fra di loro. Dal settembre 2013, è dislocato in due sedi: quella di Via Raffaello Sanzio, che condivide con l ìistituto Cannizzaro, e quella di Via Papa Giovanni XXIII, occupata dal Liceo classico. Questo è stato, quindi un anno di adattamento ad una nuova struttura che presenta non pochi aspetti problematici Profilo della classe. L attuale 5BS, è costituita da 16 allievi. Nel corso del quinquennio la classe ha avuto un andamento molto regolare e mantiene il suo attuale assetto dall inizio del terzo anno. In realtà c è stato un breve periodo, dal 7 gennaio al 15 marzo 2014, durante il quale la studentessa Rosa Barillaro, proveniente da altra scuola e altra provincia, è stata inserita nella classe. Anche i docenti sono rimasti stabili negli anni. La classe, nel complesso, ha sempre dimostrato interesse per le attività proposte nelle varie discipline e si è rivelata attenta, partecipe, ben disposta all apprendimento ed all interazione con gli insegnanti. Gli studenti sono stati sempre collaborativi sia durante le lezioni, sia nell organizzazione di verifiche scritte e orali. L impegno personale è stato profuso in maniera diversa a seconda degli interessi e delle capacità degli studenti e, nell insieme, il livello della classe si può definire nel complesso soddisfacente. Alcuni allievi si segnalano per i buoni risultati raggiunti in talune discipline. Presenti casi di reale difficoltà a raggiungere gli obiettivi minimi richiesti. Per alcuni studenti si è ben evidenziata una reale crescita nel corso degli anni, sostenuta da uno studio attento, il che ha portato all acquisizione di buone competenze e al raggiungimento di un profitto di buon livello. I rapporti fra gli studenti e fra studenti e insegnanti sono sempre stati improntati al rispetto e alla correttezza, il che ha contrbuito a creare un ambiente di lavoro sereno. Nella classe sono presenti due studenti che seguono, l uno una programmazione differenziata e l altro una programmazione per obiettivi minimi. Entrambi sono supportati dal sostegno didattico. Sono depositate in segreteria le rispettive relazioni di presentazione alla Commissione d Esame di Stato 7

8 SINTESI DEGLI OBIETTIVI EDUCATIVI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Competenze comportamentali 1. Acquisire consapevolezza del percorso formativo che si sta seguendo Raggiun ti da tutti Raggiunti dalla maggioranza Raggiunti da alcuni X Non raggiunti 2. Sviluppare un consapevole rispetto delle persone e dei beni dell istituzione scolastica X 3. Approfondire la conoscenza reciproca, coltivando tolleranza, solidarietà, attenzione per l altro X 4. Favorire la collaborazione più costruttiva e proficua, fra compagni e con i docenti X 5. Sviluppare autonomia e responsabilità nel lavoro scolastico X 6. Rispettare le regole dell istituto X OBIETTIVI DIDATTICI TRASVERSALI DEL CONSIGLIO DI CLASSE Competenze cognitive e operative 1. Riflettere su alcuni problemi significativi della realtà contemporanea Raggiunt i da tutti Raggiunti dalla maggioranza Raggiun ti da alcuni X Non raggiunti 2. Accentuare la formazione di una mentalità critica, capace di comprendere e accogliere le diversità X 3. Saper cogliere il senso generale di un testo, riconoscendone le informazioni principali e la logica X 4. Saper collegare informazioni apprese in ambiti diversi X 5. Sviluppare le capacità di analisi e di sintesi per X 8

9 la realizzazione di percorsi di studio personalizzati e pluridisciplinari organizzando il proprio lavoro in modo autonomo ATTIVITA INTERDISCIPLINARI /MULTIDISCIPLINARI Disciplina Argomenti Periodo ipotizzato Filosofia - Scienze Sociali La comunicazione Tutto l arco dell anno nelle ore di compresenza Storia -Diritto I totalitarismi Tutto l arco dell anno nelle ore di compresenza Organizzazione dell attività in funzione degli obiettivi Il lavoro collegiale si è fondamentalmente basato sulla tipologia del Consiglio di classe e sull attività di compresenza. La programmazione delle singole discipline è stata effettuata durante regolari riunioni per materia Il Consiglio di Classe, durante il triennio, ha potuto contare sulla continuità dei docenti componenti. 9

10 Religione Ed..mot. Ling.non verbali Scienze Matematica Filosofia Scienze sociali Diritto Francese Inglese Storia Italiano LICEO C.REBORA Lezione x x X x x X X X frontale Lezione x X X seguita da X esercizi Lezione pratica Problem x X X X solving Lavoro di gruppo Discussion x x X x x X X e guidata Simulazio x x x X X X ne prove X d esame Correzione x x x x X X X prove X scritte METODOLOGIA DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Interventi di recupero e di approfondimento Sono stati effettuati percorsi di recupero in itinere, organizzati secondo le necessità degli alunni, o attraverso la partecipazione volontaria dei singoli studenti a corsi di recupero extra curricolari e/o attività di sportello didattico per Filosofia, Italiano e Matematica. 10

11 Esperienze didattiche di sostegno all attività curricolare svolte nel corso del triennio - Partecipazione ad udienze in tribunale - Soggiorno studio a Malta (terzo anno) - Spettacoli teatrali in lingua inglese e francese - Spettacoli teatrali, anche su argomenti filosofici - Attività laboratoriale Cusmibio presso il Politecnico di Milano - Incontri con ASL e Rho Soccorso - Incontro di clown terapia - Rafting - Visite a mostre varie - Conferenza presso la Camera del Lavoro di Milano - Giornata dell arte - Giornate di orientamento universitario - Incontri presso il Penitenziario San Vittore di Milano - Viaggio di istruzione a Barcellona Stage: nel corso del terzo e quarto anno gli alunni hanno effettuato le attività di stage previste per l indirizzo, per il numero di ore richiesto, in diversi ambiti formativi 11

12 Religion e Ed.mot. Ling.non verb. Scienze Matemat ica Filosofia Scienze sociali Francese Inglese Diritto Storia Italiano LICEO C.REBORA STRUMENTI DI VERIFICA MODALITA Scritti e/o tipologie previste per esame Interrogazione orale Interrogazione scritta Prove strutt.e semi-strutt. Ricerche Relazioni Lavoro di gruppo Brevi interv/interv.d al posto x x X X X X x x x X x X X X x x x X X x x x X X X x x x x x X X X 12

13 STRUMENTI Italiano Storia Francese Inglese Scienze Naturali Filosofia Scienze sociali Matematica Ling.non verbali Diritto Ed.Motoria Religione LICEO C.REBORA MEZZI E STRUMENTI Libro di testo Approfondimenti su altri testi Quotidiani e settimanali Audiovisivi Laboratorio informatico Biblioteca comunale x x x x x x x x x x x x x x x x x x x x Attrezzi 13

14 Griglia di valutazione approvata dal Collegio dei Docenti AREA Voto 10 mi Voto 15 mi Giudizio sintetico Giudizio analitico di riferimento 1 2½ 1 3 Insufficienza gravissima Rifiuto della verifica; totale assenza di risposta ai quesiti; esposizione estremamente carente nelle diverse modalità della comunicazione 3 4½ 4 7 Insufficienza grave Prova molto incompleta con errori gravi e/o diffusi. Limitata comprensione dei quesiti/informazioni forniti/e; esposizione carente a causa della scorrettezza nelle diverse modalità di comunicazione; conoscenza lacunosa dei contenuti; sostanziale incapacità ad analizzare, collegare, elaborare concetti, risolvere problemi anche sotto la guida del docente AREA DELLA DIFFICOLTA 5 8 Insufficienza Prova incompleta con errori non gravissimi; comprensione imprecisa dei quesiti/informazioni forniti/e; esposizione un po frammentaria / poco sequenziale con terminologia adottata poco adeguata; conoscenza un po lacunosa dei contenuti; difficoltà nell analizzare, collegare, elaborare concetti, risolvere problemi anche sotto la guida del docente. AREA DELLA SUFFICIENZ A 5½ 6 6½ Quasi sufficienza Sufficienza Prova essenziale, nel complesso corretta con errori non gravi; comprensione abbastanza precisa dei quesiti/informazioni forniti/e; esposizione sufficientemente scorrevole e abbastanza sequenziale con terminologia adottata sostanzialmente corretta; conoscenza accettabile dei contenuti negli aspetti essenziali; sufficiente capacità nell analizzare, collegare, elaborare concetti, risolvere problemi sotto la guida del docente 14

15 7 7½ 8 8½ Discreto Buono Comprensione precisa e completa dei quesiti/informazioni forniti/e; esposizione sicura con adozione di appropriata terminologia specifica; conoscenza approfondita dei contenuti; Discreta/buona capacità nell analizzare, collegare, elaborare concetti (anche in ambito interdisciplinare), risolvere problemi applicativi in modo autonomo. Prova completa e corretta. AREA DELLA POSITIVITA 9 9½ Ottimo Eccellente Comprensione precisa e completa dei quesiti/informazioni forniti/e; esposizione molto sicura, disinvolta ed originale con adozione di appropriata terminologia specifica; conoscenza molto approfondita dei contenuti; ottima capacità nell analizzare, collegare, elaborare concetti (anche in ambito interdisciplinare), risolvere problemi applicativi in modo autonomo, critico e personale. Prova completa e rigorosa, molto approfondita e caratterizzata da critici collegamenti interdisciplinari 15

16 Criteri per l attribuzione del voto di condotta Il Collegio dei docenti del 25 maggio 2010, visti il DPR 249/1988 Statuto delle Studentesse e degli Studenti e successive modifiche (DPR 235/2007); l art.7 del DPR 122/2009; il Regolamento d Istituto e il Regolamento disciplinare, delibera i criteri di valutazione del comportamento degli studenti. Tali criteri si riferiscono a tutto il periodo di permanenza nella sede scolastica, comprendendo anche gli interventi e le attività di carattere educativo che si svolgono al di fuori dell ambito scolastico. La valutazione deve essere espressa collegialmente dal Consiglio di classe, su proposta del docente coordinatore di classe e/o del docente con il maggior numero di ore, e concorre, unitamente alla valutazione degli apprendimenti, alla valutazione complessiva dello studente. Il voto di condotta viene computato ai fini del calcolo della media, nell ambito dell attribuzione del credito scolastico per il triennio. DIECI Valutazione molto positiva. Comportamento corretto, attivo e propositivo che prevede il verificarsi di tutte le seguenti ipotesi. Il voto deve essere attribuito all unanimità NOVE Valutazione positiva. Comportamento corretto e attivo che prevede il verificarsi della maggioranza delle seguenti ipotesi OTTO Valutazione intermedia. Comportamento generalmente corretto che prevede il verificarsi della maggioranza delle seguenti ipotesi. VOTO DI CONDOTTA Rispetta scrupolosamente il Regolamento d Istituto, attivandosi anche presso i compagni perché lo seguano. Rispetta gli altri e l Istituzione scolastica. Frequenta assiduamente e puntualmente tutte le lezioni. Rispetta puntualmente e seriamente le consegne scolastiche. Partecipa con interesse e in modo propositivo alle lezioni e alle attività della scuola. Assume un ruolo propositivo all interno della classe e favorisce il lavoro collaborativo tra i compagni - Non ha mai ricevuto note o sanzioni Rispetta le norme disciplinari d Istituto, il materiale scolastico e le strutture. Frequenta assiduamente e puntualmente le lezioni. Adempie costantemente ai doveri scolastici. - Partecipa attivamente e con interesse alle lezioni. - Mostra equilibrio nei rapporti interpersonali. - Ha un ruolo collaborativo nel gruppo classe. - Non ha mai ricevuto note o sanzioni. Osserva con regolarità le norme fondamentali relative alla vita scolastica. Frequenta con regolarità. -Rispetta con regolarità le consegne Partecipa con discreta attenzione alle attività scolastiche, anche se a volte in modo settoriale. E corretto nei rapporti interpersonali. Ha un ruolo collaborativo all interno del gruppo classe. - Non ha mai ricevuto note o sanzioni 16

17 SETTE Valutazione poco soddisfacente; comportamento non del tutto corretto che prevede il verificarsi di almeno tre delle seguenti ipotesi. SEI Valutazione negativa. Comportamento scorretto che prevede il verificarsi di almeno due delle seguenti ipotesi è protagonista di episodi limitati e non gravi di mancato rispetto del regolamento scolastico. Frequenta in modo non sempre regolare e a volte non rispetta gli orari. Segue non sempre con attenzione e affronta in modo settoriale le tematiche proposte. - Rispetta le consegne solo se sollecitato. - Partecipa all attività didattica in modo discontinuo/parziale. - Ha rapporti scarsamente collaborativi con gli altri. - E stato richiamato verbalmente o con note scritte E protagonista di episodi di mancato rispetto del regolamento scolastico. -Fa frequenti assenze e numerosi ritardi anche non giustificati e spesso esce anticipatamente. - Non rispetta le consegne. - Disturba l attività didattica e non partecipa alle lezioni. Non mostra interesse per alcune discipline. Ha rapporti scorretti con compagni e/o docenti - E stato richiamato verbalmente e ha riportato più note scritte. CINQUE Valutazione totalmente negativa e pregiudicante. Normativa di riferimento: Regolamento d Istituto e Regolamento di Disciplina. DPR 122 del 22/6/2009 G.U. 19/8/2009. La valutazione del comportamento con voto inferiore a sei decimi e' decisa dal consiglio di classe nei confronti dell'alunno cui sia stata precedentemente comminata una grave sanzione disciplinare ai sensi dell'artt. 3, 4, c. 1, DPR 249/1998 e successive modificazioni. Le valutazioni insufficienti saranno assegnate solo ai sensi del D.M. 16 gennaio 2009 (artt.1-5) e D.P.R. n.122 del 22 giugno 2009 (art.7) e con riferimento sia allo Statuto dei studenti e delle Studentesse che al Regolamento di Disciplina dell Istituto e comportano, in sede di scrutinio finale la non ammissione alla classe successiva. CRITERI DI VALUTAZIONE Per la valutazione si è tenuto conto del raggiungimento degli obiettivi cognitivi, operativi e comportamentali fissati dalla programmazione di inizio d anno. 17

18 I singoli docenti per la propria disciplina durante lo svolgimento delle attività didattiche, il Consiglio di Classe per il profilo globale all atto dello scrutinio, si sono basati sui seguenti criteri di valutazione: comprensione dei quesiti e coerenza nelle risposte conoscenza dell argomento esposizione chiara e corretta capacità di applicare almeno le conoscenze di base capacità di individuare collegamenti tra gli argomenti rigore logico e formale La valutazione intermedia e finale, oltre a considerare le valutazioni delle singole discipline, ha tenuto conto del processo evolutivo degli alunni, al fine di verificarne i progressi in rapporto ai risultati attesi. Nelle sedute dei Consigli di Classe e nell ambito degli scrutini si è fatto riferimento ai seguenti indicatori: livello di partenza maturazione complessiva personale e culturale senso di responsabilità nella frequenza, nell impegno e nell attenzione interesse serietà nello studio partecipazione attiva alla vita della scuola ricaduta dei corsi didattici integrativi sul profitto conseguito Le simulazioni della terza prova degli esami di Stato sono state occasioni per sperimentare tipologie diverse dalle correnti e per simulare le tensioni proprie di una prova d esame: stretta sorveglianza da parte dei docenti, lavoro autonomo da parte dei singoli studenti. Si è fatto ricorso a prove con tipologia B per le materie di seguito indicate. Il tempo a disposizione degli studenti è stato di tre ore.(vedi ALLEGATI) 13/12/2013: francese, diritto, ed. motoria, matematica. 08/04/2014: filosofia, arte, scienze naturali, inglese. 18

19 Classe 5^BS ORE EFFETTIVAMENTE SVOLTE AL 15 MAGGIO 2014 (*) Materia I quadrimestre II quadrimestre al Italiano Storia Diritto Inglese Francese Scienze naturali Matematica Filosofia Scienze sociali Educazione Fisica Linguaggi non verbali Religione (*) Le 30 ore settimanali includono 3 ore di compresenza : o scienze sociali filosofia o diritto-storia o scienze sociali -arte 19

20 IL CONSIGLIO DI CLASSE di 5^BS N. DOCENTE MATERIA FIRMA 1 Prof. Andrea Marzulli Italiano, Storia 2 Prof. Simonetta Andretto Inglese 3 Prof. Silvia Persetti Francese 4 Prof. Francesca Tenucci Scienze 5 Prof. Francesca Scimemi Matematica 6 Prof. Flavio Marelli Filosofia 7 Prof. Antonietta Esposito Diritto 8 Prof. Santa Laganà Linguaggi non verbali 9 Prof. Girolamo Franceschini Scienze Socialii 10 Prof. Lucia Cansirro Educazione motoria 11 Prof. Luca Pilu Religione Prof.Marcella Diano Prof. Maria Bucolo Sostegno Sostegno Rho, 10 maggio 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO Dott.ssa Maria Merola 20

21 I contenuti disciplinari : LICEO C.REBORA ALLEGATI 1 italiano storia inglese francese scienze matematica filosofia diritto linguaggi non verbali scienze sociali educazione motoria religione 21

22 Programmi svolti classe VBS a. s (italiano e storia : compresenza con diritto prof.ssa Esposito = 7h) Insegnante: Andrea Marzulli Finalità - Obiettivi Metodologie Italiano Nell ambito del triennio del Liceo delle Scienze Sociali lo studio si configura tendenzialmente come esperienza di carattere formativo, e quindi la didattica delle materie letterarie si propone di contribuire alla conoscenza dei fenomeni storico-sociali e culturali, colti nella loro reciproca interdipendenza e nel loro specifico spessore. In particolare, l'insegnamento specifico della storia della letteratura italiana si propone di promuovere una conoscenza più attenta e approfondita dell opera letteraria soprattutto in relazione all impatto sulla realtà storico-sociale e anche politica del proprio tempo; in relazione alle prospettive che essa ha saputo elaborare e che si sono configurate come superamento della tradizione culturale, linguistica, ideologica. Per questo, momento fondamentale del percorso didattico è la lettura dei testi, interpretati soprattutto nella veste di testimonianze storico-sociali oltre che di creazioni linguistico-espressive. Come finalità complessiva ci si è posta la capacità di comprendere che: 1. la letteratura, come tutte le espressioni del pensiero, è uno degli elementi che vanno nel tempo a costituire/modificare la società; 2. gli autori colgono in modo significativo il loro tempo condividendone e contrastandone le peculiarità, ed attraverso le loro opere emettono messaggi con caratteristiche di perennità, sia nell ambito specificatamente letterario sia soprattutto riguardo alla visione del mondo, dell uomo, della sua esistenza, dei rapporti con se stesso e con gli altri. Attraverso lo studio della letteratura italiana, si è inteso quindi perseguire i seguenti obiettivi: Capacità di analizzare i testi letterari secondo criteri più specialistici rispetto al lavoro svolto nel biennio, ovvero capacità di lettura del testo come: 22

23 a) ricezione e decodificazione del messaggio da esso trasmesso (livello del significato); b) individuazione dei moduli espressivi essenziali e delle basilari tecniche stilistiche e retoriche (livello del significante). 1. Capacità dì inserire i testi in un contesto socio-culturale caratterizzato da peculiari problematiche nonchè da proprie scelte e tendenze espressive. 2. Interpretazione del fatto letterario come testimonianza di un individuo e del suo rapporto con il suo tempo: a) capacità di cogliere la singolarità dei prodotti letterari; b) capacità di collocare i singoli testi nella globalità della produzione artistica di un autore onde comprenderne l' eventuale evoluzione. 3. Assunzione di un atteggiamento critico che permetta un approccio personale e consapevole ai testi, nonché un confronto delle acquisizioni culturali con i propri valori umani e la contestuale formazione di essi. Sulla base dell'esigenza di fondare una sufficiente competenza letteraria, l'approccio metodologico essenziale viene individuato nella pratica testuale intesa come: 1. Analisi diretta del testo come evidenziazione del messaggio, del genere secondo cui si organizza, delle sue strutture. 2. Evidenziazione degli elementi testuali che si connettono al contesto storico, sociale, artistico. 3. Collocazione del testo all'interno di un percorso storico-letterario. 4. Esame delle civiltà letterarie attraverso: le categorie storico-culturali e il loro significato; gli intellettuali e il loro ruolo ; la visione dei mondo, politica, ideologica e morale. 5. Esame degli autori: vicende biografiche essenziali ed esperienze fondamentali in relazione al proprio tempo; formazione culturale e scelte ideologiche, politiche e morali (ricostruite attraverso analisi dei testi); itinerario letterario ricostruito nel suo sviluppo; rapporti con la tradizione : innovazione e conservazione, assenso e dissenso. 23

24 Si sono definiti, in accordo con il Dipartimento Disciplinare, i seguenti obiettivi minimi, validi per tutte e tre le classi del triennio: 1. possesso di informazioni relative ai contenuti, ai concetti e alle definizioni essenziali anche in forma semplice; 2. esposizione coerente e lessicalmente corretta degli stessi sia orale che scritta (nella misura in cui è almeno immediatamente comprensibile da parte dell interlocutore/lettore); 3. capacità di organizzazione almeno in parte autonoma del discorso centrato sui contenuti essenziali del programma di storia delle letteratura italiana; 4. capacità di affrontare un dialogo anche semplice e relativamente breve con l interlocutore sui contenuti essenziali del programma di storia della letteratura italiana; 5. capacità di distinguere le diverse tipologie di scrittura alle quali si inizia a lavorare dalla classe terza applicandone almeno le caratteristiche essenziali al momento della verifica scritta ( il tema di ordine generale e il tema storico dalla terza; l articolo e il saggio breve dalla quarta); 6. capacità di interpretare e analizzare i testi con procedure sufficientemente corrette (e almeno in parte autonome), cioè senza gravi fraintendimenti del significato letterale del testo e del riconoscimento degli aspetti stilistico-retorici strettamente essenziali,; 7. capacità di riconoscere anche in forma semplice i collegamenti strettamente essenziali tra testo, contesto e quadro storico-sociale di riferimento. Metodologia 1. Lezione frontale, impostata sotto forma di dialogo/discussione/ricerca di soluzione a problemi posti. 2. Uso del manuale finalizzato alla comprensione del contesto storico-culturale in cui si inserisce la produzione letteraria. 3. Lettura e analisi in classe di vari testi letterari mirata al riconoscimento e alla differenziazione dei contenuti e degli stili. 4. Esercizi guidati in classe e a casa relativi alla possibilità di operare nella direzione della intertestualità ed extratestualità delle letture affrontate. Criteri per l impostazione e la scelta delle verifiche In generale le verifiche sono state dirette ad accertare: le conoscenze possedute dall'alunno; il grado di interiorizzazione ed applicazione delle stesse; 24

25 il livello di maturazione linguistica, critica e strumentale dello studente (sia nella produzione scritta sia in quella orale); la capacità di reggere un confronto almeno in parte dialettico e di organizzare un discorso di senso compiuto. Per il momento della verifica si sono utilizzate le seguenti tipologie: interrogazioni orali dal posto, tema di carattere personale, tema di ordine generale, tema storico (v. definizioni discusse nei Dipartimenti Disciplinari e allegate al seguente documento ), questionari scritti (a risposta chiusa, aperta e misti), analisi guidata e mirata di testi letterari e/o documenti. Inoltre si è lavorato, in preparazione delle varie tipologie previste dall Esame di Stato, anche su: saggio breve (v. definizioni discusse nei Dipartimenti Disciplinari e allegate al seguente documento: Allegato A). articolo (v. definizioni discusse nei Dipartimenti Disciplinari e allegate al seguente documento: Allegato A). La verifica orale programmaticamente non intende essere momento di estraniazione per gli studenti non direttamente coinvolti, poiché si è svolta dal posto, e ha inteso costituire, per l'insegnante e per la scolaresca, occasione di intervento, discussione, approfondimento e chiarimento di aspetti già affrontati. Frequenti sono stati anche i rapidi sondaggi dal posto per: saggiare la preparazione quotidiana, verificare l'attenzione in classe, sollecitare la partecipazione al dialogo educativo. Valutazione generale delle verifiche Ai fini del raggiungimento della sufficienza (v. anche obiettivi minimi generali), nelle verifiche orali, si richiede il rispetto dei seguenti criteri: 25

26 pertinenza rispetto alla questione trattata; sufficiente livello di precisione delle informazioni fornite rispetto a quanto appreso durante il lavoro in classe e con i testi e i materiali forniti; coerenza e non contradditorietà delle stesse informazioni; rispetto delle basilari regole morfo-sintattiche; proprietà lessicale, da intendersi come utilizzo di un linguaggio non contraddittorio rispetto al contesto e ai concetti in questione; chiarezza dell'esposizione, da intendersi come possibilità di comprensione non faticosa, da parte dell interlocutore, di quanto espresso dallo studente. Criteri di valutazione delle verifiche scritte Le verifiche scritte sono valutate in base a: rispetto delle consegne relative alle modalità di svolgimento delle prove ( tempo a disposizione, eventuali spazi pre-definiti per le risposte etc. ); ordine e chiarezza grafici; comprensione delle richieste; utilizzo di una forma espositiva: 1. immediatamente comprensibile e che non dia adito a dubbi nella comprensione dei concetti espressi; 2. sufficientemente corretta da un punto di vista orto-sintattico, cioè che non contenga errori di questo genere gravi e/o ripetuti o tali da rendere problematica la comprensione del testo; 3. che si avvalga di un lessico almeno coerente rispetto al tema affrontato; 4. che sappia avvalersi di alcuni termini specifici della disciplina, quando richiesto; pertinenza dei contenuti; ( fin qui, elementi minimi per la sufficienza) precisione dei contenuti; capacità di argomentazione; capacità di approccio critico; capacità di sintesi; capacità di analisi/utilizzo di materiali quando richiesto. Le verifiche scritte sono state valutate anche servendosi di apposite griglie ( fornite in allegato B1 e B2), rielaborate sul modello di quelle utilizzate per la valutazione e correzione delle prove scritte dell Esame di Stato. 26

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA:

RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: RAPPORTO GLI ALUNNI CON DISABILITÀ NELLA SCUOLA ITALIANA: BILANCIO E PROPOSTE Edizioni Erickson Presentano il Rapporto: Attilio Oliva Vittorio Nozza Andrea Gavosto Intervengono: Valentina Aprea Maria Letizia

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI

CARTA DEI SERVIZI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO v. Marconi, 62 15058 VIGUZZOLO (AL) Tel. 0131/898035 Fax 0131/899322 Voip 0131974289 Mobile 3454738373 E_mail: info@comprensivoviguzzolo.it

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s.

ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado. SCHEDA DI MONITORAGGIO PROGETTO P.O.F. a.s. ISTITUTO COMPRENSIVO di Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Sede Centrale: Scuola Media Statale "San Francesco d'assisi" Via Jonghi, 3-28877 ORNAVASSO (VB) - cod. fiscale 84009240031

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli