Documento del 15 maggio classe V sez. B indirizzo Socio-Psico-Pedagogico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio classe V sez. B indirizzo Socio-Psico-Pedagogico"

Transcript

1 Liceo Classico G. Pantaleo P.za Regina Margherita, 1 Tel Fax C.F.: Castelvetrano Selinunte Liceo Scienze Umane G. Gentile Via delle due Sicilie Tel Fax Anno scolastico 2010/11 Liceo delle Scienze Umane G. Gentile Documento del 15 maggio classe V sez. B indirizzo Socio-Psico-Pedagogico ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art.5.2) Castelvetrano, Il Dirigente Dr. Francesco Fiordaliso

2 Elenco per argomenti Relazione finale: Composizione del Consiglio di Classe Docenti commissari interni Elenco nominativo degli studenti candidati interni Elenco nominativo degli studenti candidati esterni Profilo dell indirizzo Fisionomia della classe Metodologie Strumenti utilizzati Criteri e strumenti di verifica e valutazione Attività collaterali ed integrative Preparazione alle prove d esame Allegato A: Allegato B: Allegato C: Relazioni finali disciplinari Criteri e griglie di valutazione della simulata Documenti della simulata

3 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Docenti Discipline FIRME Angileri Loredana Religione Garofalo Maria Antonietta Armetta Giuseppe Cuttone Angela Sarullo Vincenzo Maltese Anna Maria Maltese Anna Maria Giardina Rosaria Asaro Rosario Maniscalco Angela Maniscalco Angela Sarno Orazio Casesi Giuseppe Italiano Latino Inglese Storia dell arte Storia Filosofia Diritto Matematica Pedagogia Metodologia Biologia Educazione fisica Rappresentanti dei genitori: Dattolo Carmela Mangogna Anna Rappresentanti degli studenti Lupo Roberta Risalvato Rossana Firme Firme DOCENTI COMMISSARI INTERNI DOCENTI Cuttone Angela Garofalo Maria Antonietta Maltese Anna Maria DISCIPLINE Inglese Italiano Storia

4 ELENCO NOMINATIVO DEI CANDIDATI INTERNI Cognome e nome dei candidati 1. Calandrino Katia 2. Chirco Antonella 3. Cosenza Ambra 4. Di Carlo Cuttone M.Denia 5. Fiore Federica 6. Floridia Francesca 7. Fontana Donatella 8. Giocondo Maria Antonina 9. Grande Pamela 10. Gucciardo Katia 11. Lupo Roberta 12. Maniscalco Annalisa 13. Marchese Marianna 14. Pantaleo Federica 15. Risalvato Rossana 16. Rizzo Marika 17. Titone Roberta 18. Tortorici Irina 19. Vinci Mariachiara Data di nascita Luogo di nascita

5 PROFILO DELL INDIRIZZO L indirizzo socio-psico-pedagogico, presente da tempo nel sistema scolastico italiano, ha sempre riscosso un notevole consenso grazie al suo impianto curriculare caratterizzato da una solida presenza di discipline umanistiche, scientifiche, storico-filosofiche, linguistico-espressive che garantiscono una solida formazione liceale. La presenza di un cospicuo monte ore dedicato a Filosofia, Psicologia, Pedagogia, Sociologia, Metodologia Della Ricerca, oltre a Diritto e Legislazione Sociale, e l attenzione prestata agli aspetti operativi oltre che pratici, dà infatti la possibilità di acquisire competenze e abilità specifiche finalizzate ad una formazione professionale nel campo delle scienze dell uomo. A questo indirizzo va riconosciuta una peculiarità formativa incentrata sulla conoscenza e sulla capacità di comprensione di tutte le forme di comunicazione inerenti i vari linguaggi. L azione pedagogico-didattica permette di realizzare obiettivi quali il potenziamento dell aspetto creativo legato all unicità del rapporto personale e la promozione di attività attraverso le quali la scuola funzioni come luogo di ricerca culturale e educativa. Il percorso di studi permette di far acquisire agli studenti un linguaggio teso a realizzare l espressione adeguata del proprio pensiero, il potenziamento delle capacità logiche, la promozione di un processo culturale consapevole volto a valorizzare e integrare le conoscenze già possedute. Permette, inoltre, il conseguimento dell autonomia operativa in relazione a conoscenze, competenze, abilità comportamentali. FISIONOMIA DELLA CLASSE La classe 5^B è composta da diciannove alunne,di cui undici di Castelvetrano e otto provenienti dai paesi limitrofi (Gibellina,Campobello,Mazara del Vallo)e,quindi,sottoposte ai disagi del pendolarismo. Le alunne si sono sempre mostrate socievoli,interessate e desiderose di apprendere e,dal punto di vista didattico,hanno maturato progressivamente nei confronti della scuola un atteggiamento costruttivo e responsabile volto ad una partecipazione motivata al contesto educativo. Quanto all ambito socio-culturale di provenienza,si possono inserire in una fascia media. La partecipazione dei genitori alla vita scolastica si è espressa,in particolare,negli incontri scuolafamiglia di primo e secondo quadrimestre. Il rapporto con i familiari è risultato,in genere,positivo,efficace,teso al miglioramento delle potenzialità dei propri figli. Il rapporto docenti-alunni è stato improntato al rispetto,al dialogo,ad un soddisfacente livello di comunicazione interpersonale. La classe ha beneficiato di una buona continuità didattica,garantita dalla presenza degli stessi docenti per tutto il quinquennio soltanto per discipline quali inglese e matematica; ha visto,invece,l avvicendamento di diversi docenti per la medesima materia nell arco del triennio (storia e filosofia,pedagogia e psicologia,storia dell arte,latino,educazione fisica);quest anno,in particolare,il Consiglio di classe,nella componente docenti,è variato per quel che concerne il latino,l educazione fisica,la storia dell arte e la biologia. Ciò però non ha condizionato il regolare apprendimento dal momento che le allieve sono riuscite ad adeguarsi ai cambiamenti in modo che il rendimento scolastico non ne fosse in qualche misura condizionato. La carriera scolastica delle alunne può considerarsi regolare,fatta eccezione per alcune alunne le quali,provenienti dal Liceo scientifico, si sono inserite apportando un contributo certamente positivo all interno del gruppo classe. La frequenza è stata,nel complesso soddisfacente,tranne che per alcune alunne per le quali si è rilevato un numero eccessivo di assenze,ingressi a seconda ora e,in misura minore,richieste di uscita anticipata. I programmi preventivati sono stati svolti secondo le direttive stabilite in sede di programmazione annuale.

6 Quanto al rendimento,si sottolinea che atteggiamenti costruttivi quali l assiduità nella frequenza,l impegno,lo studio costante,la capacità di collaborare,l apertura al dialogo sono stati considerati come aspetti da premiare,accanto alla naturale intelligenza e predisposizione allo studio. In generale la classe ha raggiunto gli obiettivi prestabiliti in maniera nel complesso soddisfacente,anche se al suo interno una minoranza si è distinta per livello di preparazione,impegno nello studio,interesse e partecipazione al dialogo educativo e a tutte le attività organizzate dalla scuola,conseguendo risultati più che buoni. Allo stato attuale persiste un esiguo gruppo che,a causa di una frequenza non assidua,di una applicazione allo studio poco incisiva,di carenze disciplinari dovute ad una metodologia non adeguata,incontra qualche difficoltà a conseguire risultati accettabili in alcuni ambiti disciplinari. METODOLOGIE Al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, i docenti hanno fatto ricorso a metodologie diverse, tenendo presenti sia la natura e i bisogni della classe, sia la struttura delle singole discipline. Si è fatto ricorso più frequentemente a: Lezioni frontali e guidate Lavori di gruppo Metodologia induttiva e deduttiva Problem solving Simulazioni Lettura e analisi di testi Analisi e studio di casi concreti e di documenti autentici. STRUMENTI UTILIZZATI Oltre ai libri di testo e ai consueti materiali didattici (vocabolari, altri testi in possesso della biblioteca, riviste, ecc.), si è fatto ricorso a un ampia varietà di strumenti al fine di rendere sempre più puntuale ed efficace l attività didattica. Oltre all aula scolastica diversi sono stati gli spazi utilizzati, sia esterni che interni alla scuola. Da segnalare l uso costante della palestra e dei laboratori scientifici e multimediali. CRITERI E STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Ai fini della valutazione sono state utilizzate diverse tipologie di verifica: prove strutturate e semi strutturate, questionari, produzione di testi, colloqui orali, Ai fini della valutazione sono state utilizzate le griglie predisposte dai dipartimenti. Per la valutazione dei colloqui orali, i docenti hanno fatto riferimento alla tabella tassonomica inserita nel POF. Ai fini della valutazione sommativa si è tenuto conto sia dei livelli di profitto raggiunti dallo studente, risultanti dalle verifiche effettuate, sia degli altri parametri previsti dal POF (il progresso rispetto ai livelli di partenza, la partecipazione al dialogo didattico educativo e alle attività extra curriculari organizzate dalla scuola, l esito dei corsi di recupero). :

7 ATTIVITA INTEGRATIVE Tutte le alunne hanno risposto con interesse e partecipazione alle varie attività scolastiche ed extra-scolastiche organizzate dalla scuola. Ricordiamo,nello specifico,la partecipazione a: -conferenze di vario contenuto tematico (lectura Dantis,violenza contro le donne,rapporto genitori-figli,problematiche adolescenziali,presentazione di libri,prevenzione fumo e AVIS nell ambito dell educazione alla salute); -manifestazioni organizzate dal nostro Istituto per i 150 anni dell Unità d Italia; -rappresentazioni teatrali (Le bugie di Anna e Chiara,Fango); -attività di orientamento in sede (guardia di finanza,marina militare,accademia di Milano) e fuori sede,a Palermo,per ricevere informazioni su tutte le facoltà universitarie; -Progetti d Istituto (violenza contro le donne,giovanni Gentile,diritti umani,shoah); -stage formativo a Malta e,in breve,presso la scuola elementare Nino Atria di Castelvetrano. Tutte le attività in cui sono state coinvolte le alunne hanno allargato i loro orizzonti socioculturali,favorendo una personale maturazione e una comprensione maggiore della loro contemporaneità. PREPARAZIONE ALLE PROVE D ESAME Al fine di preparare gli studenti ad affrontare serenamente l esame di Stato è stata effettuata una simulata che ha interessato la prova d italiano, di pedagogia e la terza prova. Per quest ultima il Consiglio di classe ha strutturato la prova utilizzando le tipologie b (quesiti a risposta singola) e c (quesiti a risposta multipla) previste dall art. 2 del D.M.del 20/11/2000, usate cumulativamente ai sensi dell art. 3. L accertamento della lingua straniera (inglese) è stata effettuata a norma dell art. 4, co.1, punto b: breve risposta in lingua straniera a uno o più quesiti appositamente formulati in lingua dalla Commissione. Le discipline oggetto della terza prova sono state: 1. Inglese Quattro quesiti a risposta singola (max.5 righe) 2. Storia Quattro quesiti a risposta singola (max.5 righe) 3. Filosofia Otto quesiti a risposta multipla 4. Biologia Otto quesiti a risposta multipla Si allegano alla presente Relazione finale Allegato A: Relazioni finali disciplinari. Allegato B: Criteri e griglie di valutazione della simulata. Allegato C: Documenti della simulata.

8 Liceo Classico G. Pantaleo P.za Regina Margherita, 1 Tel Fax Castelvetrano Selinunte (TP) Liceo Scienze Umane G. Gentile Via delle due Sicilie Tel Fax Anno scolastico 2010/11 Liceo delle Scienze Umane Classe VB Allegato A Relazioni finali disciplinari

9 RELAZIONE FINALE DI RELIGIONE LICEO SCIENZE UMANE G. GENTILE CLASSE V C ANNO SCOLASICO LA CLASSE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO HA MOSTRATO UN ADEGUATO INTERESSE ED UN CERTO APPREZZAMENTO NEI CONFRONTI DELL IRC E DI TUTTE LE ATTIVITA PROPOSTE. L ATTEGGIAMENTO POSITIVO NEI CONFRONTI DELL INSEGNANTE E DELLA DISCIPLINA HANNO FAVORITO UN CLIMA SERENO, PIACEVOLE E DI COLLABORAZIONE RECIPROCA. GLI STUDENTI SONO STATI GUIDATI AL CONFRONTO CON I CONTENUTI PRESENTATI ALL INIZIO DELL ANNO SCOLASTICO E HANNO RIVELATO BUONE CAPACITA CRITICHE. GLI OBIETTIVI SONO STATI RAGGIUNTI IN MODO DIVERSIFICATO. ALCUNI HANNO MOSTRATO UN DISCRETO INTERESSE NEL PARTECIPARE AL DIALOGO EDUCATIVO, SFRUTTANDO LE CAPACITA CRITICHE, RIFLESSIVE E DI RICERCA CONTRIBUENDO AL DIALOGO CON PREZIOSI INTERVENTI E CON RIFERIMENTI AD ESPERIENZE E VISSUTI PERSONALI; MENTRE ALTRI HANNO MOSTRATO UN INTERESSE SALTUARIO, MA CIO NONOSTANTE, HANNO RAGGIUNTO GLI OBIETTIVI MINIMI. PER QUANTO RIGUARDA IL METODO E STATO PRIVILEGIATO QUELLO DEL DIALOGO GUIDATO, LA LEZIONE FRONTALE, L USO DEI MEZZI AUDIOVISIVI E LA RICERCA. LA VALUTAZIONE FINALE HA TENUTO CONTO DEL LIVELLO DI PARTENZA DI CIASCUN ALUNNO, DEL GRADO DI PARTECIPAZIONE PERSONALE E CRITICA, DELL INTERESSE E DELL IMPEGNO MOSTRATI NEL PARTECIPARE ALLE ATTIVITA PROPOSTE. DOCENTE

10 PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO CLASSE VC LA DIGNITA DELLA PERSONA UMANA; LA BIOETICA E I SUOI ASPETTI : commento dell enciclica EVAGELIUM VITAE di GIOVANNI PAOLO II (insegnamento morale della chiesa sul valore della vita umana) visione documentario VITA UMANA UNA MERAVIGLIA ; LE BIOTECNOLOGIE CHE MINACCIANO LA SACRALITA DELLA VITA( l intervento della Chiesa sulla fecondazione artificiale); CLONAZIONE ABORTO- PENA DI MORTE -EUTANASIA(lavori di gruppo realizzati in POWER POINT); AUTONOMIA TRA SCIENZA E FEDE; IL PROGETTO DI VITA PROPOSTO DA GESU (IL DISCORSO DELLA MONTAGNA-LE BEATITUDINI); LA PERSONA UMANA TRA LIBERTA E VALORI: ( libertà responsabile la coscienza morale l individuo per la società la società per la persona); I VARI VOLTI DELL AMORE:( l amore come amicizia- amore come erosamore come agàpe); UNA SOCIETA FONDATA SUI VALORI CRISTIANI(LA POSIZIONE DELLA CHIESA DI FRONTE AI PROBLEMI SOCIALI) RELIGIONI A CONFRONTO SU ALCUNE PROBLEMATICHE ETICHE. Alunni Docente

11 Liceo delle Scienze Umane G. Gentile A.S Classe 5 B Relazione finale Italiano La classe composta da 19 alunne, si è assottigliata nel corso degli anni, in virtù di una selezione,ma è stata compensata, in qualche modo, da nuovi ingressi al terzo anno: Pamela Grande, proveniente dal Liceo scientifico di Castelvetrano, Roberta Titone proveniente da Mazara del Vallo al quarto anno,la quale ha ripreso il percorso di studi dopo personali ripensamenti. Ho avuto la fortuna di seguire le alunne già dal secondo anno, accompagnandole nel processo di maturazione personale e culturale, apprezzandone gli sforzi, facilitando il loro percorso curriculare attraverso l idea che la Storia della Letteratura italiana ed europea niente altro è che storia di uomini e di donne vissuti nel loro presente problematico, specchio di società in trasformazione, di contesti politico-economici evoluti o involuti, di situazioni e di vissuti emotivi che hanno segnato la storia personale ed il pensiero di ognuno di loro. Alle lezioni frontali si sono alternate le lezioni dialogiche ed interattive utilizzando tanto il libro di testo quanto gli approfondimenti attraverso fotocopie ed appunti..la classe ha risposto in modo propositivo alle sollecitazioni didattiche, raggiungendo livelli di apprendimento rendimento diversificati in base all impegno profuso, alla continuità nello studio, all interesse mostrato, alle capacità individuali. Si evidenziano elementi di punta per capacità, conoscenze e competenze acquisite e consolidate nel corso del triennio, così come segnalo un caso precipuo che nella sostanza non raggiunge la sufficienza nella produzione scritta le cui difficoltà si legano a vicende personali critiche, degne di rispetto e di attenzione. Nella sua globalità, la classe presenta una preparazione discreta. Sul piano delle relazioni interpersonali, le alunne vivaci e curiose si sono mostrate sempre rispettose e disponibili al dialogo educativo, intercettandone le potenzialità formative. A conclusione del triennio, le alunne hanno conseguito conoscenze, capacità e competenze adeguate agli obiettivi specifici del disciplina. La classe ha partecipato alla Lectura Dantis ed al Progetto Violenza contro le donne. L insegnante Maria Antonietta Garofalo 15 Maggio 2011

12 Liceo delle Scienze Umane G. Gentile A.S Classe 5B Programma di Italiano Il Positivismo: Economia e società Idee e Cultura Le poetiche e la letteratura Il Naturalismo : il nuovo genere di romanzo E. Zola : osservazione e sperimentazione Il romanzo verista: le strategie narrative G. Verga: vita, opere, pensiero,poetica I manifesti del Verismo verghiano: Fantasticheria, L amante di Gramigna, Prefazione ai Malavoglia Da Vita dei campi : Rosso Malpelo La lupa Da Novelle Rusticane : Libertà, La Roba I Malavoglia : temi e stile L addio di Ntoni Mastro Don Gesualdo : temi e stile La morte di Gesualdo La Lirica europea : Il Simbolismo C. Baudelaire : Corrispondenze, L Albatro P. Verlaine : Arte poetica A. Rimbaud : Vocali, Lettera del veggente La Lirica italiana di fine Ottocento tra vero ed ideale: La Scapigliatura milanese : temi, stile A. Boito Dualismo vv 1-5 E. Praga : Preludio La critica al Positivismo: le idee, le poetiche, i contesti La nascita della psicoanalisi, l intuizionismo, il superomismo Il Decadentismo e la crisi dell io G. Pascoli : vita, opere, pensiero, poetica Da Prose : Il Fanciullino, La grande proletaria si è mossa Myricae : temi, stile Da Myricae : Lavandare, Novembre, X Agosto, Temporale, Il Lampo Il Tuono. Canti di Castelvecchio : temi, stile Da Canti di Castelvecchio : La mia sera, Il gelsomino notturno, Nebbia. G. D Annunzio : vita, opere, pensiero, poetica Il Piacere : contenuti,ambienti,stile Da Poema paradisiaco : Consolazione Le Laudi : temi, stile Da Laudi : La sera fiesolana, La pioggia nel pineto, Meriggio La fase notturna : temi, stile. L eroe decadente attraverso il romanzo europeo : temi e stile La lirica italiana e la ricerca del sé: Il Crepuscolarismo: temi, ambienti, stile S. Corazzini : Desolazione di un povero fanciullo che piange G. Gozzano : La signorina Felicita, Totò Merumeni A. Palazzeschi : E lasciatemi divertire. Chi sono?

13 Il Futurismo: temi, stile Manifesto del Futurismo Manifesto politico Manifesto della Letteratura futurista F. T. Marinetti : Zang, Tumb, Tumb Il romanzo della crisi, la destrutturazione del personaggio, della trama, del tempo I. Svevo e la coscienza della crisi: vita, opere, pensiero,poetica L inettitudine attraverso la trilogia de : Una vita, Senilità, La Coscienza di Zeno Ultima sigaretta La morte di mio padre Il relativismo gnoseologico e le maschere L. Pirandello: vita, opere, pensiero,poetica Da Saggio su l umorismo : Il sentimento del contrario Da Novelle per un anno : La patente, il treno ha fischiato, Così è se vi pare, Ciaula scopre la luna. Il fu Mattia Pascal : la struttura,le vicende, i temi Uno,nessuno e centomila : la struttura, le vicende, temi e stile La rivoluzione teatrale : Sei personaggi in cerca d autore La guerra vissuta e raccontata G. Ungaretti: vita, opere, pensiero, poetica Da Allegria :Veglia,San Martino del Carso, Soldati, Fratelli Da Il dolore : Per il figlio morto Da Sentimento del tempo : La madre L essenzialità e il male di vivere E. Montale : Vita, opere, poetica Da Ossi di seppia : I Limoni, Non chiederci la parola, Il male di vivere, Meriggiare pallido e assorto, Cigola la carrucola nel pozzo. Da Xenia : Ho sceso con te, un milione di scale. Dante Alighieri Paradiso : struttura, temi Canti: I,III,VI,XI, XVII, XXXIII vv 1-39 Testo in adozione L Europa degli scrittori,vol.3,tomo A B La Nuova Italia. C. Vetrano 15 Maggio 2011 L Insegnante firmato Maria Antonietta Garofalo I Rappresentanti di classe Firmato

14 Liceo delle Scienze umane G. Gentile RELAZIONE FINALE CLASSE: V Sez. B Indirizzo: Liceo socio psico pedagogico ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 DOCENTE: ARMETTA GIUSEPPE Profilo didattico-disciplinare La classe V B del Liceo delle Scienze umane G. GENTILE di Castelvetrano è composta da diciannove alunne, che nel corso dell anno scolastico hanno mostrato di essere ben inserite socialmente e di essere disponibili al dialogo educativo-didattico. Corrette dal punto di vista comportamentale, le alunne in generale hanno mostrato un accettabile interesse per la disciplina. La classe ha evidenziato, tuttavia, notevoli lacune sul piano della conoscenza delle strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina. In considerazione di tale presupposto, infatti, i brani antologici letti e commentati, relativi ai vari autori studiati, sono stati letti prevalentemente in traduzione; soltanto quelli più semplici dal punto di vista delle strutture morfo-sintattiche sono stati tradotti. Gran parte della classe ha mostrato un impegno costante, mentre un gruppo, sia pur esiguo, ha evidenziato un impegno talvolta saltuario e non sempre del tutto adeguato alle effettive necessità di studio. Obiettivi raggiunti In sede di programmazione iniziale dipartimentale, erano stati fissati i seguenti obiettivi disciplinari, individuati in termini di conoscenza, competenza, capacità: Sapere interpretare il senso complessivo di un testo classico Sapere esporre in modo corretto, coeso e coerente. Riconoscere le tematiche fondamentali, il pensiero ed i contesti degli autori classici. Tali obiettivi sono stati raggiunti dalla maggior parte degli studenti in maniera nel complesso soddisfacente, eccezion fatta per un esiguo numero di alunne, che ha conseguito gli obiettivi in maniera appena sufficiente. Metodologia Si è privilegiato in modo particolare il rapporto dialogico, invitando i discenti a confrontare, ogni volta che ciò è stato possibile, i modelli letterari proposti e le relative tematiche trattate dai vari autori oggetto di studio con le vicende e le problematiche attinenti la società odierna e più in generale l uomo, inteso in senso antropologico. Si è utilizzato altresì il metodo della lezione frontale e la costante lettura dei testi, sia pure, come già detto, prevalentemente in traduzione. Utile per la comprensione delle tematiche trattate è risultato pure il ricorso alle mappe concettuali, predisposte durante le lezioni, in quanto rappresentative e riassuntive dei punti fondamentali delle tematiche stesse. Verifiche Per effettuare la misurazione dei livelli di conoscenza raggiunti, sono stati utilizzati come strumenti sia le verifiche orali, per accertare le capacità espositive e rielaborative dei testi, sia i test a risposta aperta e multipla, secondo le tipologie predisposte dal Dipartimento Area Linguistica. Valutazione La valutazione è stata effettuata con l attribuzione dei voti espressi in decimi, tenendo conto dei criteri di valutazione fissati nel POF per la valutazione orale e nella programmazione dipartimentale per la valutazione scritta. Dai risultati emersi dalle verifiche è scaturita la valutazione che,attraverso il voto, ha espresso il livello di conoscenze e competenze raggiunto da ciascun allievo. Nel formulare il giudizio finale su ciascuna alunna, tuttavia, si è tenuto conto della situazione di partenza e, quindi, del percorso formativo complessivo in termini cognitivi e comportamentali. Attività di recupero Pausa didattica (al termine del I quadrimestre) Castelvetrano, 6 maggio 2011 Il docente firmato Giuseppe Armetta

15 Liceo delle Scienze umane G. Gentile PROGRAMMA SVOLTO DI LATINO CLASSE: V Sez. B Indirizzo: Liceo socio psico pedagogico ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 DOCENTE: ARMETTA GIUSEPPE Libri di testo: Il bosco sacro, a cura di Maurizio Bettini, La Nuova Italia P.Pagliani, R.Alosi, S.Nicola, E.Malaspina, Il nuovo invito ai classici, Marietti Scuola DA TIBERIO A NERONE (14 68) Il quadro storico Cultura e letteratura FEDRO Antologia: Fedro: Fabulae Il lupo e l agnello (I, 1) La parte del leone (I,5) Il lupo e il cane (III, 7) Socrate e gli amici (III, 9) La novella del soldato e della vedova (Appendix Perottina 13) SENECA Vita Dialoghi e trattati Epistulae morales ad Lucilium Divi Claudii Apokolokyntosis Tragedie Antologia: De brevitatae vitae Siamo noi che rendiamo breve la vita (1) Epistulae morales ad Lucilium Il tempo (1, 1-3) Pochi ma buoni (2) Deus intus est (41) Comportamento con gli inferiori (47, 11-21) L uomo e le api (84, 1-8) Viaggiare (104, 13-24) Medea Le forze del male ( ) PETRONIO Vita Satyricon Struttura e modelli Modelli di vita agli antipodi: Petronio e Seneca Il ritrovamento della sezione del Satyricon, comunemente nota come la Cena di trimalcione, da parte di Marino Statilio Antologia: Satyricon La lingua di un ubriaco(41, 9-12) Una storia di licantropia (61, 6-62) Una storia di streghe (63-64, 1) La matrona di Efeso ( ) L ETA GIULIO-CLAUDIA

16 DAI FLAVI A TRAIANO (69-117) L età dei Flavi L età di Nerva e Traiano QUINTILIANO Vita Institutio oratoria Approfondimenti: Origine e struttura della scuola romana Antologia: Institutio oratoria Il valore educativo del gioco (I, 1, 20) I vantaggi della scuola pubblica (1, 2) Contro le punizioni corporali (I, 3) Il professore ideale secondo Quintiliano ((II, 2) Attenzione ai diversi talenti dei giovani (II, 8) Non antagonismo, ma intesa tra allievi e maestri (II, 9) Lo stile anticlassico di Seneca (X, 1) MARZIALE Vita Epigrammi Antologia: Epigrammi Tipi e situazioni ridicole (I, 103; IX, 37) Un mondo di parolacce (I, 35) Epigrammi funebri (V, 34; 37) TACITO Vita Agricola Germania Dialogus de oratoribus Historiae Annales Antologia: Germania Le usanze matrimoniali (18-19) Historiae L excursus etnografico sulla Giudea (V, 2-6) Annales L incendio di Roma e la costruzione della domus aurea (XV, 38-42) GIOVENALE Vita Satire Antologia: Satire Pregiudizi razzisti nella Roma di Umbricio (3, ) I riti della Bona Dea (6, ) Approfondimenti: Il divieto di bere vino per le donne romane L ETA DI ADRIANO E DEGLI ANTONINI ( ) Il principato di Adriano La dinastia degli Antonini Adriano e il nuovo gusto poetico: i poetae novelli Antologia: La farfallina di Adriano

17 APULEIO Vita Apuleio filosofo Apuleio presunto mago Apuleio conferenziere Metamorfosi Antologia: Apologia Cos è la magia (25-27) Metamorfosi Zatclas, profeta e negromante (II, 28-30) Lo sposo misterioso (V, 22-23) PROGRAMMA DA SVOLGERE Le origini della letteratura cristiana ed i suoi rappresentanti: sintesi Castelvetrano, L insegnante firmato Giuseppe Armetta I rappresentanti di classe firmato

18 RELAZIONE FINALE DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE Anno Scolastico: 2010/2011 /Docente: Cuttone Angela Classe: VB Indirizzo: Psicopedagogico Testo in adozione: Lit & Lab.A History and Anthology of English and American Literature with Laboratories.-M. Spiazzi, M. Tavella. Ed. Zanichelli Profilo Didattico Disciplinare La classe V B è composta da 19 studenti. Durante il corso dell anno, la classe ha avuto un comportamento corretto ed è stata disponibile al dialogo. In generale hanno dimostrato interesse per la disciplina, ma raggiungendo risultati diversi a seconda dell impegno profuso nello studio, infatti solo una piccola parte della classe ha raggiunto buoni risultati, mentre una parte ha raggiunto risultati soddisfacenti. Per quanto riguarda il resto della classe nonostante le sollecitazioni continue, l uso di diverse strategie e gli incontri con le famiglie finalizzati ad una partecipazione più attiva ed al raggiungimento di conoscenze adeguate,non ha ancora raggiunto risultati pienamente sufficienti. Obiettivi raggiunti In relazione agli obiettivi educativi si è insistito sul valore della cultura e della civiltà dei paesi di cui si studia e sul importanza della tolleranza, del rispetto reciproco. In relazione agli obiettivi disciplinari fissati in termini di conoscenza, competenza, capacità,essi sono quelli già fissati in sede di programmazione dipartimentale: L alunno sa utilizzare la lingua come mezzo di comunicazione. L alunno sa leggere le opere in lingua originale e analizzarle. L alunno sa confrontarsi con un mondo diverso dal proprio e di conseguenza ha allargato il proprio bagaglio culturale. L alunno sa riconoscere le caratteristiche formali e contenutistiche essenziali dei testi letterari oggetto di studio. In relazione a questi obiettivi, quasi tutti li hanno raggiunti, alcuni sufficientemente, altri in modo soddisfacente. Qualche alunna ha mostrato un ottima attitudine all apprendimento della lingua impegnandosi costantemente tutto l anno e raggiungendo ottimi risultati, mentre un esiguo gruppetto non ha ancora raggiunto la piena sufficienza. Metodologie Al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, i docenti hanno fatto ricorso a metodologie diverse, tenendo presenti sia la natura e i bisogni della classe, sia la struttura delle singole discipline. Costante è stata tuttavia la flessibilità e la disponibilità a cercare sempre le strategie più efficaci. Lo studio della letteratura straniera è avvenuto direttamente dal testo letterario. I ragazzi sono stati impegnati in attività di analisi del testo;la comprensione è stata guidata con domande che miravano, prima alla scoperta del significato superficiale e poi gradualmente a quello più profondo. Si è fatto ricorso più frequentemente all approccio comunicativo, che ha permesso alle alunne di assumere un ruolo attivo e partecipe e ad attività di vero/falso, multiple choice, domande. Strumenti utilizzati Oltre ai libri di testo e ai consueti materiali didattici, vocabolari, altri testi in possesso della biblioteca, riviste, fotocopie audio cd,dvd, si è fatto ricorso ad una ampia varietà di strumenti al fine di rendere sempre più puntuale ed efficace l attività didattica. Criteri e strumenti di verifica e valutazione

19 Ai fini della valutazione sono state utilizzate diverse tipologie di verifica,facendo riferimento alle tipologie previste dalla normativa sull esame di stato: domande a risposta aperta, trattazione breve,prove semi strutturate, colloqui orali. La valutazione è stata effettuata tramite griglie predisposte dai docenti.per la valutazione dei colloqui orali, i docenti hanno fatto riferimento alla tabella tassonomica inserita nel POF. Ai fini della valutazione sommativa si è tenuto conto sia dei livelli di profitto raggiunti dallo studente risultanti dalle verifiche effettuate sia degli altri parametri previsti dal POF (il progresso rispetto ai livelli di partenza, la partecipazione al dialogo didattico educativo e alle attività extra curriculari organizzate dalla scuola, l esito dei corsi di recupero). Contenuti e Attività Il programma presenta delle variazioni rispetto al piano di lavoro preventivato,in relazione all interesse ed alle difficoltà evidenziate dagli studenti. L approfondimento grammaticale è stato svolto solo in minima parte ed è stato effettuato contestualmente alla lettura dei testi letterari. The Romantic Age: The Poetry of the Self W. Wordsworth. Text: I wandered lonely as a cloud(daffodils).analisi testuale. The Novel of Manners J. Austen. Text: Mr and Mrs Bennet. from Pride and Prejudice. Lettura e comprensione. The Victorian compromise :The Victorian Age : The Age of Expansion and Reforms. C. Dickens. Text: Oliver s ninth birthday from Oliver Twist Lettura e comprensione. O. Wilde. Text: The History of a Hanging from The Ballad of Reading Goal Lettura e comprensione. The Modern Age : The Modern Novel and The Stream of Consciousness The Interior Monologue J. Joyce. Text: Eveline from Dubliners. Lettura e comprensione. Analisi testuale V. Woolf. Text: Shakespeare s sister, or The Woman Artist from A room of one s own. Lettura e comprensione. L insegnante Gli alunni

20 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia : Disegno e Storia dell Arte Classe 5^ sez. B A.S. 2010/11 Docente : Vincenzo Sarullo La classe quinta sezione B mi è stata affidata nel corrente anno scolastico ed è formata da 19 alunne tutte frequentanti. La scolaresca è eterogenea per capacità, interesse, provenienza e contesto sociale. Fin dall inizio dell anno scolastico presentava un grado di preparazione di base accettabile e, nonostante alcune eccezioni, erano evidenti l attitudine allo studio sistematico, un preciso metodo di lavoro ed un interesse per l attività scolastica in generale. Il programma di Disegno e Storia dell Arte è stato regolarmente svolto, tenendo conto della situazione di partenza degli allievi, delle difficoltà incontrate nella comprensione dei testi, nell uso di una terminologia specifica, nell uso delle varie tecniche, ed in generale nel collegare date fenomeni ed avvenimenti. Alcuni alunni si sono impegnate più attivamente, raggiungendo risultati ottimi o discreti, ed altri ancora sono rimaste con una sufficiente preparazione. Si è mirato al superamento dei limiti indicati, abituando le alunne alla riflessione, alla ricerca di cause ed effetti, mantenendo viva la curiosità del sapere e del conoscere. L obiettivo che mi sono posto è stato quello di sviluppare le competenze comunicative delle alunne, sia per quanto riguarda la lettura e la comprensione di immagini, sia per quanto riguarda le esperienze visive ed emotive, introducendo con molta semplicità concetti come : messaggio, ruolo attivo dello spettatore, stereotipo, immagine creativa. Per quanto attiene alla conoscenza delle strutture del linguaggio visuale ( linea, colore, composizione, luce ) si è adoperato il metodo intuitivo, attraverso la lettura delle immagini tratte sia dal patrimonio artistico che dalla esperienza operativa quotidiana, con letture ed approfondimenti di note opere d arte. Ciascun argomento trattato è stato preliminarmente presentato ed integrato da numerosi supporti visivi ( fotografie, immagini pubblicitarie, ecc. ), in seguito, sono state date chiare indicazioni per la produzione personale e la rielaborazione sempre più autonoma. Sono stati effettuati interventi individualizzati per alcuni allievi che presentano lacune nella preparazione di base emerse dai colloqui e dalle verifiche. Si sono realizzate attività quali : proiezioni di film., dvd, ecc., unendo immagini di note opere d arte con testi musicali vari al fine di facilitare la comprensione e la sensibilizzazione dei temi trattati. I rapporti con le famiglie sono stati tenuti attraverso periodici ricevimenti organizzati dalla scuola. Si sono valutati gli alunni prendendo in considerazione le capacità operative e le conoscenze aquisite sia in sede divalutazione quadrimestrale che intermedia ; si è anche tenuto conto del livello di partenza individuale e del progressivo grado di sviluppo e maturazione della personalità di ciascun allievo. In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di :

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica

Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Scuola secondaria di primo grado: Educazione fisica Prof. CRONISTORIA DELLA DISCIPLINA DAL 1979

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione

Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Università degli Studi di Udine Dai giochi del far finta ai giochi di ruolo e di simulazione Dott. Davide Zoletto Facoltà di Scienze della Formazione Il gioco del far finta Rappresentazione della realtà:

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale)

Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Codice di autoregolamentazione Polite Pari Opportunità nei Libri di Testo (testo integrale) Premesso che A) IL CONTESTO POLITICO - CULTURALE 1. Col Quarto Programma d azione (1996-2000) la politica europea

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale

Management delle Strutture di Prossimità e delle Forme Associative nell Assistenza Territoriale - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, SANITÀ E NON

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli