Documento del 15 maggio classe V sez. B indirizzo Socio-Psico-Pedagogico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del 15 maggio classe V sez. B indirizzo Socio-Psico-Pedagogico"

Transcript

1 Liceo Classico G. Pantaleo P.za Regina Margherita, 1 Tel Fax C.F.: Castelvetrano Selinunte Liceo Scienze Umane G. Gentile Via delle due Sicilie Tel Fax Anno scolastico 2010/11 Liceo delle Scienze Umane G. Gentile Documento del 15 maggio classe V sez. B indirizzo Socio-Psico-Pedagogico ESAMI DI STATO CONCLUSIVI DEL CORSO DI STUDI (L. 425/97 DPR 323/98 art.5.2) Castelvetrano, Il Dirigente Dr. Francesco Fiordaliso

2 Elenco per argomenti Relazione finale: Composizione del Consiglio di Classe Docenti commissari interni Elenco nominativo degli studenti candidati interni Elenco nominativo degli studenti candidati esterni Profilo dell indirizzo Fisionomia della classe Metodologie Strumenti utilizzati Criteri e strumenti di verifica e valutazione Attività collaterali ed integrative Preparazione alle prove d esame Allegato A: Allegato B: Allegato C: Relazioni finali disciplinari Criteri e griglie di valutazione della simulata Documenti della simulata

3 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Docenti Discipline FIRME Angileri Loredana Religione Garofalo Maria Antonietta Armetta Giuseppe Cuttone Angela Sarullo Vincenzo Maltese Anna Maria Maltese Anna Maria Giardina Rosaria Asaro Rosario Maniscalco Angela Maniscalco Angela Sarno Orazio Casesi Giuseppe Italiano Latino Inglese Storia dell arte Storia Filosofia Diritto Matematica Pedagogia Metodologia Biologia Educazione fisica Rappresentanti dei genitori: Dattolo Carmela Mangogna Anna Rappresentanti degli studenti Lupo Roberta Risalvato Rossana Firme Firme DOCENTI COMMISSARI INTERNI DOCENTI Cuttone Angela Garofalo Maria Antonietta Maltese Anna Maria DISCIPLINE Inglese Italiano Storia

4 ELENCO NOMINATIVO DEI CANDIDATI INTERNI Cognome e nome dei candidati 1. Calandrino Katia 2. Chirco Antonella 3. Cosenza Ambra 4. Di Carlo Cuttone M.Denia 5. Fiore Federica 6. Floridia Francesca 7. Fontana Donatella 8. Giocondo Maria Antonina 9. Grande Pamela 10. Gucciardo Katia 11. Lupo Roberta 12. Maniscalco Annalisa 13. Marchese Marianna 14. Pantaleo Federica 15. Risalvato Rossana 16. Rizzo Marika 17. Titone Roberta 18. Tortorici Irina 19. Vinci Mariachiara Data di nascita Luogo di nascita

5 PROFILO DELL INDIRIZZO L indirizzo socio-psico-pedagogico, presente da tempo nel sistema scolastico italiano, ha sempre riscosso un notevole consenso grazie al suo impianto curriculare caratterizzato da una solida presenza di discipline umanistiche, scientifiche, storico-filosofiche, linguistico-espressive che garantiscono una solida formazione liceale. La presenza di un cospicuo monte ore dedicato a Filosofia, Psicologia, Pedagogia, Sociologia, Metodologia Della Ricerca, oltre a Diritto e Legislazione Sociale, e l attenzione prestata agli aspetti operativi oltre che pratici, dà infatti la possibilità di acquisire competenze e abilità specifiche finalizzate ad una formazione professionale nel campo delle scienze dell uomo. A questo indirizzo va riconosciuta una peculiarità formativa incentrata sulla conoscenza e sulla capacità di comprensione di tutte le forme di comunicazione inerenti i vari linguaggi. L azione pedagogico-didattica permette di realizzare obiettivi quali il potenziamento dell aspetto creativo legato all unicità del rapporto personale e la promozione di attività attraverso le quali la scuola funzioni come luogo di ricerca culturale e educativa. Il percorso di studi permette di far acquisire agli studenti un linguaggio teso a realizzare l espressione adeguata del proprio pensiero, il potenziamento delle capacità logiche, la promozione di un processo culturale consapevole volto a valorizzare e integrare le conoscenze già possedute. Permette, inoltre, il conseguimento dell autonomia operativa in relazione a conoscenze, competenze, abilità comportamentali. FISIONOMIA DELLA CLASSE La classe 5^B è composta da diciannove alunne,di cui undici di Castelvetrano e otto provenienti dai paesi limitrofi (Gibellina,Campobello,Mazara del Vallo)e,quindi,sottoposte ai disagi del pendolarismo. Le alunne si sono sempre mostrate socievoli,interessate e desiderose di apprendere e,dal punto di vista didattico,hanno maturato progressivamente nei confronti della scuola un atteggiamento costruttivo e responsabile volto ad una partecipazione motivata al contesto educativo. Quanto all ambito socio-culturale di provenienza,si possono inserire in una fascia media. La partecipazione dei genitori alla vita scolastica si è espressa,in particolare,negli incontri scuolafamiglia di primo e secondo quadrimestre. Il rapporto con i familiari è risultato,in genere,positivo,efficace,teso al miglioramento delle potenzialità dei propri figli. Il rapporto docenti-alunni è stato improntato al rispetto,al dialogo,ad un soddisfacente livello di comunicazione interpersonale. La classe ha beneficiato di una buona continuità didattica,garantita dalla presenza degli stessi docenti per tutto il quinquennio soltanto per discipline quali inglese e matematica; ha visto,invece,l avvicendamento di diversi docenti per la medesima materia nell arco del triennio (storia e filosofia,pedagogia e psicologia,storia dell arte,latino,educazione fisica);quest anno,in particolare,il Consiglio di classe,nella componente docenti,è variato per quel che concerne il latino,l educazione fisica,la storia dell arte e la biologia. Ciò però non ha condizionato il regolare apprendimento dal momento che le allieve sono riuscite ad adeguarsi ai cambiamenti in modo che il rendimento scolastico non ne fosse in qualche misura condizionato. La carriera scolastica delle alunne può considerarsi regolare,fatta eccezione per alcune alunne le quali,provenienti dal Liceo scientifico, si sono inserite apportando un contributo certamente positivo all interno del gruppo classe. La frequenza è stata,nel complesso soddisfacente,tranne che per alcune alunne per le quali si è rilevato un numero eccessivo di assenze,ingressi a seconda ora e,in misura minore,richieste di uscita anticipata. I programmi preventivati sono stati svolti secondo le direttive stabilite in sede di programmazione annuale.

6 Quanto al rendimento,si sottolinea che atteggiamenti costruttivi quali l assiduità nella frequenza,l impegno,lo studio costante,la capacità di collaborare,l apertura al dialogo sono stati considerati come aspetti da premiare,accanto alla naturale intelligenza e predisposizione allo studio. In generale la classe ha raggiunto gli obiettivi prestabiliti in maniera nel complesso soddisfacente,anche se al suo interno una minoranza si è distinta per livello di preparazione,impegno nello studio,interesse e partecipazione al dialogo educativo e a tutte le attività organizzate dalla scuola,conseguendo risultati più che buoni. Allo stato attuale persiste un esiguo gruppo che,a causa di una frequenza non assidua,di una applicazione allo studio poco incisiva,di carenze disciplinari dovute ad una metodologia non adeguata,incontra qualche difficoltà a conseguire risultati accettabili in alcuni ambiti disciplinari. METODOLOGIE Al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, i docenti hanno fatto ricorso a metodologie diverse, tenendo presenti sia la natura e i bisogni della classe, sia la struttura delle singole discipline. Si è fatto ricorso più frequentemente a: Lezioni frontali e guidate Lavori di gruppo Metodologia induttiva e deduttiva Problem solving Simulazioni Lettura e analisi di testi Analisi e studio di casi concreti e di documenti autentici. STRUMENTI UTILIZZATI Oltre ai libri di testo e ai consueti materiali didattici (vocabolari, altri testi in possesso della biblioteca, riviste, ecc.), si è fatto ricorso a un ampia varietà di strumenti al fine di rendere sempre più puntuale ed efficace l attività didattica. Oltre all aula scolastica diversi sono stati gli spazi utilizzati, sia esterni che interni alla scuola. Da segnalare l uso costante della palestra e dei laboratori scientifici e multimediali. CRITERI E STRUMENTI DI VERIFICA E VALUTAZIONE Ai fini della valutazione sono state utilizzate diverse tipologie di verifica: prove strutturate e semi strutturate, questionari, produzione di testi, colloqui orali, Ai fini della valutazione sono state utilizzate le griglie predisposte dai dipartimenti. Per la valutazione dei colloqui orali, i docenti hanno fatto riferimento alla tabella tassonomica inserita nel POF. Ai fini della valutazione sommativa si è tenuto conto sia dei livelli di profitto raggiunti dallo studente, risultanti dalle verifiche effettuate, sia degli altri parametri previsti dal POF (il progresso rispetto ai livelli di partenza, la partecipazione al dialogo didattico educativo e alle attività extra curriculari organizzate dalla scuola, l esito dei corsi di recupero). :

7 ATTIVITA INTEGRATIVE Tutte le alunne hanno risposto con interesse e partecipazione alle varie attività scolastiche ed extra-scolastiche organizzate dalla scuola. Ricordiamo,nello specifico,la partecipazione a: -conferenze di vario contenuto tematico (lectura Dantis,violenza contro le donne,rapporto genitori-figli,problematiche adolescenziali,presentazione di libri,prevenzione fumo e AVIS nell ambito dell educazione alla salute); -manifestazioni organizzate dal nostro Istituto per i 150 anni dell Unità d Italia; -rappresentazioni teatrali (Le bugie di Anna e Chiara,Fango); -attività di orientamento in sede (guardia di finanza,marina militare,accademia di Milano) e fuori sede,a Palermo,per ricevere informazioni su tutte le facoltà universitarie; -Progetti d Istituto (violenza contro le donne,giovanni Gentile,diritti umani,shoah); -stage formativo a Malta e,in breve,presso la scuola elementare Nino Atria di Castelvetrano. Tutte le attività in cui sono state coinvolte le alunne hanno allargato i loro orizzonti socioculturali,favorendo una personale maturazione e una comprensione maggiore della loro contemporaneità. PREPARAZIONE ALLE PROVE D ESAME Al fine di preparare gli studenti ad affrontare serenamente l esame di Stato è stata effettuata una simulata che ha interessato la prova d italiano, di pedagogia e la terza prova. Per quest ultima il Consiglio di classe ha strutturato la prova utilizzando le tipologie b (quesiti a risposta singola) e c (quesiti a risposta multipla) previste dall art. 2 del D.M.del 20/11/2000, usate cumulativamente ai sensi dell art. 3. L accertamento della lingua straniera (inglese) è stata effettuata a norma dell art. 4, co.1, punto b: breve risposta in lingua straniera a uno o più quesiti appositamente formulati in lingua dalla Commissione. Le discipline oggetto della terza prova sono state: 1. Inglese Quattro quesiti a risposta singola (max.5 righe) 2. Storia Quattro quesiti a risposta singola (max.5 righe) 3. Filosofia Otto quesiti a risposta multipla 4. Biologia Otto quesiti a risposta multipla Si allegano alla presente Relazione finale Allegato A: Relazioni finali disciplinari. Allegato B: Criteri e griglie di valutazione della simulata. Allegato C: Documenti della simulata.

8 Liceo Classico G. Pantaleo P.za Regina Margherita, 1 Tel Fax Castelvetrano Selinunte (TP) Liceo Scienze Umane G. Gentile Via delle due Sicilie Tel Fax Anno scolastico 2010/11 Liceo delle Scienze Umane Classe VB Allegato A Relazioni finali disciplinari

9 RELAZIONE FINALE DI RELIGIONE LICEO SCIENZE UMANE G. GENTILE CLASSE V C ANNO SCOLASICO LA CLASSE NEL CORSO DELL ANNO SCOLASTICO HA MOSTRATO UN ADEGUATO INTERESSE ED UN CERTO APPREZZAMENTO NEI CONFRONTI DELL IRC E DI TUTTE LE ATTIVITA PROPOSTE. L ATTEGGIAMENTO POSITIVO NEI CONFRONTI DELL INSEGNANTE E DELLA DISCIPLINA HANNO FAVORITO UN CLIMA SERENO, PIACEVOLE E DI COLLABORAZIONE RECIPROCA. GLI STUDENTI SONO STATI GUIDATI AL CONFRONTO CON I CONTENUTI PRESENTATI ALL INIZIO DELL ANNO SCOLASTICO E HANNO RIVELATO BUONE CAPACITA CRITICHE. GLI OBIETTIVI SONO STATI RAGGIUNTI IN MODO DIVERSIFICATO. ALCUNI HANNO MOSTRATO UN DISCRETO INTERESSE NEL PARTECIPARE AL DIALOGO EDUCATIVO, SFRUTTANDO LE CAPACITA CRITICHE, RIFLESSIVE E DI RICERCA CONTRIBUENDO AL DIALOGO CON PREZIOSI INTERVENTI E CON RIFERIMENTI AD ESPERIENZE E VISSUTI PERSONALI; MENTRE ALTRI HANNO MOSTRATO UN INTERESSE SALTUARIO, MA CIO NONOSTANTE, HANNO RAGGIUNTO GLI OBIETTIVI MINIMI. PER QUANTO RIGUARDA IL METODO E STATO PRIVILEGIATO QUELLO DEL DIALOGO GUIDATO, LA LEZIONE FRONTALE, L USO DEI MEZZI AUDIOVISIVI E LA RICERCA. LA VALUTAZIONE FINALE HA TENUTO CONTO DEL LIVELLO DI PARTENZA DI CIASCUN ALUNNO, DEL GRADO DI PARTECIPAZIONE PERSONALE E CRITICA, DELL INTERESSE E DELL IMPEGNO MOSTRATI NEL PARTECIPARE ALLE ATTIVITA PROPOSTE. DOCENTE

10 PROGRAMMA DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO CLASSE VC LA DIGNITA DELLA PERSONA UMANA; LA BIOETICA E I SUOI ASPETTI : commento dell enciclica EVAGELIUM VITAE di GIOVANNI PAOLO II (insegnamento morale della chiesa sul valore della vita umana) visione documentario VITA UMANA UNA MERAVIGLIA ; LE BIOTECNOLOGIE CHE MINACCIANO LA SACRALITA DELLA VITA( l intervento della Chiesa sulla fecondazione artificiale); CLONAZIONE ABORTO- PENA DI MORTE -EUTANASIA(lavori di gruppo realizzati in POWER POINT); AUTONOMIA TRA SCIENZA E FEDE; IL PROGETTO DI VITA PROPOSTO DA GESU (IL DISCORSO DELLA MONTAGNA-LE BEATITUDINI); LA PERSONA UMANA TRA LIBERTA E VALORI: ( libertà responsabile la coscienza morale l individuo per la società la società per la persona); I VARI VOLTI DELL AMORE:( l amore come amicizia- amore come erosamore come agàpe); UNA SOCIETA FONDATA SUI VALORI CRISTIANI(LA POSIZIONE DELLA CHIESA DI FRONTE AI PROBLEMI SOCIALI) RELIGIONI A CONFRONTO SU ALCUNE PROBLEMATICHE ETICHE. Alunni Docente

11 Liceo delle Scienze Umane G. Gentile A.S Classe 5 B Relazione finale Italiano La classe composta da 19 alunne, si è assottigliata nel corso degli anni, in virtù di una selezione,ma è stata compensata, in qualche modo, da nuovi ingressi al terzo anno: Pamela Grande, proveniente dal Liceo scientifico di Castelvetrano, Roberta Titone proveniente da Mazara del Vallo al quarto anno,la quale ha ripreso il percorso di studi dopo personali ripensamenti. Ho avuto la fortuna di seguire le alunne già dal secondo anno, accompagnandole nel processo di maturazione personale e culturale, apprezzandone gli sforzi, facilitando il loro percorso curriculare attraverso l idea che la Storia della Letteratura italiana ed europea niente altro è che storia di uomini e di donne vissuti nel loro presente problematico, specchio di società in trasformazione, di contesti politico-economici evoluti o involuti, di situazioni e di vissuti emotivi che hanno segnato la storia personale ed il pensiero di ognuno di loro. Alle lezioni frontali si sono alternate le lezioni dialogiche ed interattive utilizzando tanto il libro di testo quanto gli approfondimenti attraverso fotocopie ed appunti..la classe ha risposto in modo propositivo alle sollecitazioni didattiche, raggiungendo livelli di apprendimento rendimento diversificati in base all impegno profuso, alla continuità nello studio, all interesse mostrato, alle capacità individuali. Si evidenziano elementi di punta per capacità, conoscenze e competenze acquisite e consolidate nel corso del triennio, così come segnalo un caso precipuo che nella sostanza non raggiunge la sufficienza nella produzione scritta le cui difficoltà si legano a vicende personali critiche, degne di rispetto e di attenzione. Nella sua globalità, la classe presenta una preparazione discreta. Sul piano delle relazioni interpersonali, le alunne vivaci e curiose si sono mostrate sempre rispettose e disponibili al dialogo educativo, intercettandone le potenzialità formative. A conclusione del triennio, le alunne hanno conseguito conoscenze, capacità e competenze adeguate agli obiettivi specifici del disciplina. La classe ha partecipato alla Lectura Dantis ed al Progetto Violenza contro le donne. L insegnante Maria Antonietta Garofalo 15 Maggio 2011

12 Liceo delle Scienze Umane G. Gentile A.S Classe 5B Programma di Italiano Il Positivismo: Economia e società Idee e Cultura Le poetiche e la letteratura Il Naturalismo : il nuovo genere di romanzo E. Zola : osservazione e sperimentazione Il romanzo verista: le strategie narrative G. Verga: vita, opere, pensiero,poetica I manifesti del Verismo verghiano: Fantasticheria, L amante di Gramigna, Prefazione ai Malavoglia Da Vita dei campi : Rosso Malpelo La lupa Da Novelle Rusticane : Libertà, La Roba I Malavoglia : temi e stile L addio di Ntoni Mastro Don Gesualdo : temi e stile La morte di Gesualdo La Lirica europea : Il Simbolismo C. Baudelaire : Corrispondenze, L Albatro P. Verlaine : Arte poetica A. Rimbaud : Vocali, Lettera del veggente La Lirica italiana di fine Ottocento tra vero ed ideale: La Scapigliatura milanese : temi, stile A. Boito Dualismo vv 1-5 E. Praga : Preludio La critica al Positivismo: le idee, le poetiche, i contesti La nascita della psicoanalisi, l intuizionismo, il superomismo Il Decadentismo e la crisi dell io G. Pascoli : vita, opere, pensiero, poetica Da Prose : Il Fanciullino, La grande proletaria si è mossa Myricae : temi, stile Da Myricae : Lavandare, Novembre, X Agosto, Temporale, Il Lampo Il Tuono. Canti di Castelvecchio : temi, stile Da Canti di Castelvecchio : La mia sera, Il gelsomino notturno, Nebbia. G. D Annunzio : vita, opere, pensiero, poetica Il Piacere : contenuti,ambienti,stile Da Poema paradisiaco : Consolazione Le Laudi : temi, stile Da Laudi : La sera fiesolana, La pioggia nel pineto, Meriggio La fase notturna : temi, stile. L eroe decadente attraverso il romanzo europeo : temi e stile La lirica italiana e la ricerca del sé: Il Crepuscolarismo: temi, ambienti, stile S. Corazzini : Desolazione di un povero fanciullo che piange G. Gozzano : La signorina Felicita, Totò Merumeni A. Palazzeschi : E lasciatemi divertire. Chi sono?

13 Il Futurismo: temi, stile Manifesto del Futurismo Manifesto politico Manifesto della Letteratura futurista F. T. Marinetti : Zang, Tumb, Tumb Il romanzo della crisi, la destrutturazione del personaggio, della trama, del tempo I. Svevo e la coscienza della crisi: vita, opere, pensiero,poetica L inettitudine attraverso la trilogia de : Una vita, Senilità, La Coscienza di Zeno Ultima sigaretta La morte di mio padre Il relativismo gnoseologico e le maschere L. Pirandello: vita, opere, pensiero,poetica Da Saggio su l umorismo : Il sentimento del contrario Da Novelle per un anno : La patente, il treno ha fischiato, Così è se vi pare, Ciaula scopre la luna. Il fu Mattia Pascal : la struttura,le vicende, i temi Uno,nessuno e centomila : la struttura, le vicende, temi e stile La rivoluzione teatrale : Sei personaggi in cerca d autore La guerra vissuta e raccontata G. Ungaretti: vita, opere, pensiero, poetica Da Allegria :Veglia,San Martino del Carso, Soldati, Fratelli Da Il dolore : Per il figlio morto Da Sentimento del tempo : La madre L essenzialità e il male di vivere E. Montale : Vita, opere, poetica Da Ossi di seppia : I Limoni, Non chiederci la parola, Il male di vivere, Meriggiare pallido e assorto, Cigola la carrucola nel pozzo. Da Xenia : Ho sceso con te, un milione di scale. Dante Alighieri Paradiso : struttura, temi Canti: I,III,VI,XI, XVII, XXXIII vv 1-39 Testo in adozione L Europa degli scrittori,vol.3,tomo A B La Nuova Italia. C. Vetrano 15 Maggio 2011 L Insegnante firmato Maria Antonietta Garofalo I Rappresentanti di classe Firmato

14 Liceo delle Scienze umane G. Gentile RELAZIONE FINALE CLASSE: V Sez. B Indirizzo: Liceo socio psico pedagogico ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 DOCENTE: ARMETTA GIUSEPPE Profilo didattico-disciplinare La classe V B del Liceo delle Scienze umane G. GENTILE di Castelvetrano è composta da diciannove alunne, che nel corso dell anno scolastico hanno mostrato di essere ben inserite socialmente e di essere disponibili al dialogo educativo-didattico. Corrette dal punto di vista comportamentale, le alunne in generale hanno mostrato un accettabile interesse per la disciplina. La classe ha evidenziato, tuttavia, notevoli lacune sul piano della conoscenza delle strutture morfologiche e sintattiche della lingua latina. In considerazione di tale presupposto, infatti, i brani antologici letti e commentati, relativi ai vari autori studiati, sono stati letti prevalentemente in traduzione; soltanto quelli più semplici dal punto di vista delle strutture morfo-sintattiche sono stati tradotti. Gran parte della classe ha mostrato un impegno costante, mentre un gruppo, sia pur esiguo, ha evidenziato un impegno talvolta saltuario e non sempre del tutto adeguato alle effettive necessità di studio. Obiettivi raggiunti In sede di programmazione iniziale dipartimentale, erano stati fissati i seguenti obiettivi disciplinari, individuati in termini di conoscenza, competenza, capacità: Sapere interpretare il senso complessivo di un testo classico Sapere esporre in modo corretto, coeso e coerente. Riconoscere le tematiche fondamentali, il pensiero ed i contesti degli autori classici. Tali obiettivi sono stati raggiunti dalla maggior parte degli studenti in maniera nel complesso soddisfacente, eccezion fatta per un esiguo numero di alunne, che ha conseguito gli obiettivi in maniera appena sufficiente. Metodologia Si è privilegiato in modo particolare il rapporto dialogico, invitando i discenti a confrontare, ogni volta che ciò è stato possibile, i modelli letterari proposti e le relative tematiche trattate dai vari autori oggetto di studio con le vicende e le problematiche attinenti la società odierna e più in generale l uomo, inteso in senso antropologico. Si è utilizzato altresì il metodo della lezione frontale e la costante lettura dei testi, sia pure, come già detto, prevalentemente in traduzione. Utile per la comprensione delle tematiche trattate è risultato pure il ricorso alle mappe concettuali, predisposte durante le lezioni, in quanto rappresentative e riassuntive dei punti fondamentali delle tematiche stesse. Verifiche Per effettuare la misurazione dei livelli di conoscenza raggiunti, sono stati utilizzati come strumenti sia le verifiche orali, per accertare le capacità espositive e rielaborative dei testi, sia i test a risposta aperta e multipla, secondo le tipologie predisposte dal Dipartimento Area Linguistica. Valutazione La valutazione è stata effettuata con l attribuzione dei voti espressi in decimi, tenendo conto dei criteri di valutazione fissati nel POF per la valutazione orale e nella programmazione dipartimentale per la valutazione scritta. Dai risultati emersi dalle verifiche è scaturita la valutazione che,attraverso il voto, ha espresso il livello di conoscenze e competenze raggiunto da ciascun allievo. Nel formulare il giudizio finale su ciascuna alunna, tuttavia, si è tenuto conto della situazione di partenza e, quindi, del percorso formativo complessivo in termini cognitivi e comportamentali. Attività di recupero Pausa didattica (al termine del I quadrimestre) Castelvetrano, 6 maggio 2011 Il docente firmato Giuseppe Armetta

15 Liceo delle Scienze umane G. Gentile PROGRAMMA SVOLTO DI LATINO CLASSE: V Sez. B Indirizzo: Liceo socio psico pedagogico ANNO SCOLASTICO: 2010/2011 DOCENTE: ARMETTA GIUSEPPE Libri di testo: Il bosco sacro, a cura di Maurizio Bettini, La Nuova Italia P.Pagliani, R.Alosi, S.Nicola, E.Malaspina, Il nuovo invito ai classici, Marietti Scuola DA TIBERIO A NERONE (14 68) Il quadro storico Cultura e letteratura FEDRO Antologia: Fedro: Fabulae Il lupo e l agnello (I, 1) La parte del leone (I,5) Il lupo e il cane (III, 7) Socrate e gli amici (III, 9) La novella del soldato e della vedova (Appendix Perottina 13) SENECA Vita Dialoghi e trattati Epistulae morales ad Lucilium Divi Claudii Apokolokyntosis Tragedie Antologia: De brevitatae vitae Siamo noi che rendiamo breve la vita (1) Epistulae morales ad Lucilium Il tempo (1, 1-3) Pochi ma buoni (2) Deus intus est (41) Comportamento con gli inferiori (47, 11-21) L uomo e le api (84, 1-8) Viaggiare (104, 13-24) Medea Le forze del male ( ) PETRONIO Vita Satyricon Struttura e modelli Modelli di vita agli antipodi: Petronio e Seneca Il ritrovamento della sezione del Satyricon, comunemente nota come la Cena di trimalcione, da parte di Marino Statilio Antologia: Satyricon La lingua di un ubriaco(41, 9-12) Una storia di licantropia (61, 6-62) Una storia di streghe (63-64, 1) La matrona di Efeso ( ) L ETA GIULIO-CLAUDIA

16 DAI FLAVI A TRAIANO (69-117) L età dei Flavi L età di Nerva e Traiano QUINTILIANO Vita Institutio oratoria Approfondimenti: Origine e struttura della scuola romana Antologia: Institutio oratoria Il valore educativo del gioco (I, 1, 20) I vantaggi della scuola pubblica (1, 2) Contro le punizioni corporali (I, 3) Il professore ideale secondo Quintiliano ((II, 2) Attenzione ai diversi talenti dei giovani (II, 8) Non antagonismo, ma intesa tra allievi e maestri (II, 9) Lo stile anticlassico di Seneca (X, 1) MARZIALE Vita Epigrammi Antologia: Epigrammi Tipi e situazioni ridicole (I, 103; IX, 37) Un mondo di parolacce (I, 35) Epigrammi funebri (V, 34; 37) TACITO Vita Agricola Germania Dialogus de oratoribus Historiae Annales Antologia: Germania Le usanze matrimoniali (18-19) Historiae L excursus etnografico sulla Giudea (V, 2-6) Annales L incendio di Roma e la costruzione della domus aurea (XV, 38-42) GIOVENALE Vita Satire Antologia: Satire Pregiudizi razzisti nella Roma di Umbricio (3, ) I riti della Bona Dea (6, ) Approfondimenti: Il divieto di bere vino per le donne romane L ETA DI ADRIANO E DEGLI ANTONINI ( ) Il principato di Adriano La dinastia degli Antonini Adriano e il nuovo gusto poetico: i poetae novelli Antologia: La farfallina di Adriano

17 APULEIO Vita Apuleio filosofo Apuleio presunto mago Apuleio conferenziere Metamorfosi Antologia: Apologia Cos è la magia (25-27) Metamorfosi Zatclas, profeta e negromante (II, 28-30) Lo sposo misterioso (V, 22-23) PROGRAMMA DA SVOLGERE Le origini della letteratura cristiana ed i suoi rappresentanti: sintesi Castelvetrano, L insegnante firmato Giuseppe Armetta I rappresentanti di classe firmato

18 RELAZIONE FINALE DI LINGUA E LETTERATURA INGLESE Anno Scolastico: 2010/2011 /Docente: Cuttone Angela Classe: VB Indirizzo: Psicopedagogico Testo in adozione: Lit & Lab.A History and Anthology of English and American Literature with Laboratories.-M. Spiazzi, M. Tavella. Ed. Zanichelli Profilo Didattico Disciplinare La classe V B è composta da 19 studenti. Durante il corso dell anno, la classe ha avuto un comportamento corretto ed è stata disponibile al dialogo. In generale hanno dimostrato interesse per la disciplina, ma raggiungendo risultati diversi a seconda dell impegno profuso nello studio, infatti solo una piccola parte della classe ha raggiunto buoni risultati, mentre una parte ha raggiunto risultati soddisfacenti. Per quanto riguarda il resto della classe nonostante le sollecitazioni continue, l uso di diverse strategie e gli incontri con le famiglie finalizzati ad una partecipazione più attiva ed al raggiungimento di conoscenze adeguate,non ha ancora raggiunto risultati pienamente sufficienti. Obiettivi raggiunti In relazione agli obiettivi educativi si è insistito sul valore della cultura e della civiltà dei paesi di cui si studia e sul importanza della tolleranza, del rispetto reciproco. In relazione agli obiettivi disciplinari fissati in termini di conoscenza, competenza, capacità,essi sono quelli già fissati in sede di programmazione dipartimentale: L alunno sa utilizzare la lingua come mezzo di comunicazione. L alunno sa leggere le opere in lingua originale e analizzarle. L alunno sa confrontarsi con un mondo diverso dal proprio e di conseguenza ha allargato il proprio bagaglio culturale. L alunno sa riconoscere le caratteristiche formali e contenutistiche essenziali dei testi letterari oggetto di studio. In relazione a questi obiettivi, quasi tutti li hanno raggiunti, alcuni sufficientemente, altri in modo soddisfacente. Qualche alunna ha mostrato un ottima attitudine all apprendimento della lingua impegnandosi costantemente tutto l anno e raggiungendo ottimi risultati, mentre un esiguo gruppetto non ha ancora raggiunto la piena sufficienza. Metodologie Al fine di raggiungere gli obiettivi prefissati, i docenti hanno fatto ricorso a metodologie diverse, tenendo presenti sia la natura e i bisogni della classe, sia la struttura delle singole discipline. Costante è stata tuttavia la flessibilità e la disponibilità a cercare sempre le strategie più efficaci. Lo studio della letteratura straniera è avvenuto direttamente dal testo letterario. I ragazzi sono stati impegnati in attività di analisi del testo;la comprensione è stata guidata con domande che miravano, prima alla scoperta del significato superficiale e poi gradualmente a quello più profondo. Si è fatto ricorso più frequentemente all approccio comunicativo, che ha permesso alle alunne di assumere un ruolo attivo e partecipe e ad attività di vero/falso, multiple choice, domande. Strumenti utilizzati Oltre ai libri di testo e ai consueti materiali didattici, vocabolari, altri testi in possesso della biblioteca, riviste, fotocopie audio cd,dvd, si è fatto ricorso ad una ampia varietà di strumenti al fine di rendere sempre più puntuale ed efficace l attività didattica. Criteri e strumenti di verifica e valutazione

19 Ai fini della valutazione sono state utilizzate diverse tipologie di verifica,facendo riferimento alle tipologie previste dalla normativa sull esame di stato: domande a risposta aperta, trattazione breve,prove semi strutturate, colloqui orali. La valutazione è stata effettuata tramite griglie predisposte dai docenti.per la valutazione dei colloqui orali, i docenti hanno fatto riferimento alla tabella tassonomica inserita nel POF. Ai fini della valutazione sommativa si è tenuto conto sia dei livelli di profitto raggiunti dallo studente risultanti dalle verifiche effettuate sia degli altri parametri previsti dal POF (il progresso rispetto ai livelli di partenza, la partecipazione al dialogo didattico educativo e alle attività extra curriculari organizzate dalla scuola, l esito dei corsi di recupero). Contenuti e Attività Il programma presenta delle variazioni rispetto al piano di lavoro preventivato,in relazione all interesse ed alle difficoltà evidenziate dagli studenti. L approfondimento grammaticale è stato svolto solo in minima parte ed è stato effettuato contestualmente alla lettura dei testi letterari. The Romantic Age: The Poetry of the Self W. Wordsworth. Text: I wandered lonely as a cloud(daffodils).analisi testuale. The Novel of Manners J. Austen. Text: Mr and Mrs Bennet. from Pride and Prejudice. Lettura e comprensione. The Victorian compromise :The Victorian Age : The Age of Expansion and Reforms. C. Dickens. Text: Oliver s ninth birthday from Oliver Twist Lettura e comprensione. O. Wilde. Text: The History of a Hanging from The Ballad of Reading Goal Lettura e comprensione. The Modern Age : The Modern Novel and The Stream of Consciousness The Interior Monologue J. Joyce. Text: Eveline from Dubliners. Lettura e comprensione. Analisi testuale V. Woolf. Text: Shakespeare s sister, or The Woman Artist from A room of one s own. Lettura e comprensione. L insegnante Gli alunni

20 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE Materia : Disegno e Storia dell Arte Classe 5^ sez. B A.S. 2010/11 Docente : Vincenzo Sarullo La classe quinta sezione B mi è stata affidata nel corrente anno scolastico ed è formata da 19 alunne tutte frequentanti. La scolaresca è eterogenea per capacità, interesse, provenienza e contesto sociale. Fin dall inizio dell anno scolastico presentava un grado di preparazione di base accettabile e, nonostante alcune eccezioni, erano evidenti l attitudine allo studio sistematico, un preciso metodo di lavoro ed un interesse per l attività scolastica in generale. Il programma di Disegno e Storia dell Arte è stato regolarmente svolto, tenendo conto della situazione di partenza degli allievi, delle difficoltà incontrate nella comprensione dei testi, nell uso di una terminologia specifica, nell uso delle varie tecniche, ed in generale nel collegare date fenomeni ed avvenimenti. Alcuni alunni si sono impegnate più attivamente, raggiungendo risultati ottimi o discreti, ed altri ancora sono rimaste con una sufficiente preparazione. Si è mirato al superamento dei limiti indicati, abituando le alunne alla riflessione, alla ricerca di cause ed effetti, mantenendo viva la curiosità del sapere e del conoscere. L obiettivo che mi sono posto è stato quello di sviluppare le competenze comunicative delle alunne, sia per quanto riguarda la lettura e la comprensione di immagini, sia per quanto riguarda le esperienze visive ed emotive, introducendo con molta semplicità concetti come : messaggio, ruolo attivo dello spettatore, stereotipo, immagine creativa. Per quanto attiene alla conoscenza delle strutture del linguaggio visuale ( linea, colore, composizione, luce ) si è adoperato il metodo intuitivo, attraverso la lettura delle immagini tratte sia dal patrimonio artistico che dalla esperienza operativa quotidiana, con letture ed approfondimenti di note opere d arte. Ciascun argomento trattato è stato preliminarmente presentato ed integrato da numerosi supporti visivi ( fotografie, immagini pubblicitarie, ecc. ), in seguito, sono state date chiare indicazioni per la produzione personale e la rielaborazione sempre più autonoma. Sono stati effettuati interventi individualizzati per alcuni allievi che presentano lacune nella preparazione di base emerse dai colloqui e dalle verifiche. Si sono realizzate attività quali : proiezioni di film., dvd, ecc., unendo immagini di note opere d arte con testi musicali vari al fine di facilitare la comprensione e la sensibilizzazione dei temi trattati. I rapporti con le famiglie sono stati tenuti attraverso periodici ricevimenti organizzati dalla scuola. Si sono valutati gli alunni prendendo in considerazione le capacità operative e le conoscenze aquisite sia in sede divalutazione quadrimestrale che intermedia ; si è anche tenuto conto del livello di partenza individuale e del progressivo grado di sviluppo e maturazione della personalità di ciascun allievo. In relazione alla programmazione curricolare sono stati conseguiti i seguenti obiettivi in termini di :

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

Programmazione educativo-didattica del C.d.C.

Programmazione educativo-didattica del C.d.C. I.I.S. Federico II di Svevia Liceo Scientifico Opzione Scienze Applicate - - Melfi - Programmazione educativo-didattica del C.d.C. Classe V sez. AA a. s. 2015-16 La programmazione educativa e didattica

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009/2010 Contratto Formativo Individuale Classe: III Sez. B Materia : Inglese Docente: prof.ssa Francesca Giorgetti 1.ANALISI DELLA CLASSE (giudizi

Dettagli

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta

I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta I.T.G.C. Salvemini-Duca D'Aosta Anno scolastico 2013-14 classe V sez..a Prof. A. Rogai Programma di Italiano Modulo I: Tra Positivismo e Naturalismo Il Positivismo: un nuovo indirizzo di pensiero Il Naturalismo:

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5CSC Indirizzo:

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE. LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA SCHEDA PROGRAMMAZIONE ATTIVITÀ EDUCATIVE E DIDATTICHE LICEO ARTISTICO Triennio Indirizzo: GRAFICA Anno scolastico 2012 / 2013 Consiglio Classe 3 sezione U Data di approvazione 24 / 10 / 2012 PROFILO DELLA

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: Italiano PROFESSORE: SCUDERI MARIA CLASSE: III D - Turismo A.S.: 2015/2016 DATA: 28\10\2015 SOMMARIO 1.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2010/2011. Programmazione didattica ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE G.V.GRAVINA LICEO DELLE SCIENZE UMANE OPZIONE ECONOMICO-SOCIALE Anno scolastico 2010/2011 Programmazione didattica Materia d insegnamento: Psicologia

Dettagli

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi

PROGRAMMA di Storia dell Arte. Prof. Carlo Bianchi ESAMI DI STATO SESSIONE ORDINARIA 2012/2013 CLASSE V SEZIONE B. PROGRAMMA di Storia dell Arte Prof. Carlo Bianchi Libro/i di testo in adozione: Itinerario nell Arte. Autori: Cricco-Di Teodoro Editore:

Dettagli

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI TORANO CASTELLO/LATTARICO PIANO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE SEZ. SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO SEDE DI a.s. 2014/2015 COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE 1. La

Dettagli

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014

Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 STRUTTURA DELLA CLASSE Alunni iscritti n. Alunni frequentanti n. Alunni ripetenti n. /. Alunni disabili n.. Scuola Secondaria di 1 Grado a. s. 2013-2014 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA Classe 1 TIPOLOGIA

Dettagli

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico

IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L. Indirizzo Linguistico IIS VERONESE-MARCONI PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA A.S. 2015-2016 CLASSE IV L Indirizzo Linguistico COORDINATRICE: SARAGENNE LANZA 1. COMPONENTI DEI CONSIGLI DI CLASSE DOCENTE Lanza Saragenne Filippo

Dettagli

PROGRAMMA PREVENTIVO

PROGRAMMA PREVENTIVO COD. Progr.Prev. PAGINA: 1 PROGRAMMA PREVENTIVO A.S. 2014/2015 SCUOLA Civico Liceo linguistico A.Manzoni DOCENTE: Olivia Maneo MATERIA: Storia dell Arte Classe 5 SezioneHL 800 Il Romanticismo. Europa romantica.

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno degli Istituti Tecnici Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO LICEO SCIENTIFICO E LINGUISTICO DIPARTIMENTO RELIGIONE QUINTO ANNO FINALITA GENERALI L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei

Dettagli

SITUAZIONE DI PARTENZA

SITUAZIONE DI PARTENZA CLASSE ISTITUTO COMPRENSIVO VIA POSEIDONE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DI LAVORO EDUCATIVO-DIDATTICO ANNO SCOLASTICO 2013/14 CLASSE SEZ COORDINATORE Alunni Maschi Femmine Ripetenti Altre culture

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI

SVILUPPARE LE COMPETENZE INDIVIDUALI PROGETTAZIONI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO (1) ITALIANO L allievo interagisce in modo efficace in diverse situazioni comunicative, attraverso modalità dialogiche sempre rispettose delle idee degli altri; con ciò

Dettagli

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati

Istituto Professionale di Stato per i Servizi Commerciali, Turistici, Sociali e della Pubblicità Maffeo Pantaleoni Frascati Maffeo Pantaleoni Frascati DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE V SEZ. F Anno scolastico 2010-2011 INDIRIZZO: TECNICO DEI SERVIZI SOCIALI DIRIGENTE SCOLASTICO: Prof.ssa Maddalena Venditti INDICE 1.

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. V Sezione D Liceo Scientifico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE. V Sezione D Liceo Scientifico ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO SCIENTIFICO LUCIO PICCOLO Con annessa sezione del LICEO CLASSICO Via Consolare Antica 98071 Capo d Orlando Tel. (0941) 902103 Fax (0941) 912533 Distretto Scolastico

Dettagli

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo

La 3L a Salamanca per uno stage di Spagnolo Liceo Scientifico Classico Linguistico G. Novello P. O. F. PARTE III CURRICOLI DISCIPLINARI Liceo Linguistico CLASSE QUARTA ATTIVITÀ E INSEGNAMENTI OBBLIGATORI N ore visiona il curricolo Lingua e letteratura

Dettagli

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE DI BASE E OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Sulla scorta delle indicazioni fornite dal Collegio dei Docenti, dalle riunioni di indirizzo e di dipartimento, i Consigli di Classe di IV e V ginnasio fanno

Dettagli

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G)

I S T I T U T O S T A T A L E D I I S T R U Z I O N E S E CO N D A R I A S U P E R I O R E G. O B E R D A N T R E V I G L I O (B G) GLI INDIRIZZI DI STUDIO E I PROFILI PROFESSIONALI L Istituto, sempre attento alle esigenze formative del territorio nel quale opera, ha diversificato, nel corrente anno scolastico, la propria offerta formativa

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI

LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI LICEO SCIENTIFICO ALBERT EINSTEIN Cervignano del Friuli CLASSE 5^ A PERCORSI DIDATTICI Disciplina: LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Prof.ssa Giuseppina Gambin Anno Scolastico 2008/2009 PERCORSI FORMATIVI

Dettagli

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14

DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 DIPARTIMENTO LINGUISTICO a. s. 2013/14 BIENNIO (S.C., L.S., ITT, T.T.) OBIETTIVI COMPORTAMENTALI E TRASVERSALI Il dipartimento linguistico individua obiettivi comportamentali trasversali indispensabili

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Religione Classe: I AM A.S. 2015-2016 Docente: Emanuela Cerato PREMESSA Anche quest anno la programmazione risulterà aderente ai

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. VERONESE LICEO: SCIENTIFICO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE - CLASSICO - SCIENZE UMANE - LINGUISTICO Via Togliatti, 833 30015 - CHIOGGIA (VE) - Tel. 041/5542997-5543371

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI)

ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Finalità della disciplina ISTITUTO COMPRENSIVO S.ALLENDE Via ITALIA 13-20037 Paderno Dugnano (MI) Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classi prime IRC (= Insegnamento della religione cattolica)

Dettagli

Programma delle singole materie

Programma delle singole materie Programma delle singole materie Materia: Storia dell'arte Anno scolastico 2011-2012 Libro di testo Comunicarte, Omar Calabrese, Ed. Le Monnier, (voll. 5 e 6) Altri strumenti didattici Proiettore; L.I.M.;

Dettagli

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO

LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014. SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO LICEO F. PETRARCA - TRIESTE Liceo Classico Liceo Linguistico ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Schema di PROGETTAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELL ASSE dei LINGUAGGI SECONDO BIENNIO e ULTIMO ANNO 1 SECONDO BIENNIO E

Dettagli

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO

Scuola Secondaria Statale di I grado Manara Valgimigli ALBIGNASEGO PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno scolastico 2011/12 Docente Ketti Demo Disciplina Storia Classe II Sezione A n. alunni 23 SITUAZIONE DI PARTENZA Livello della classe (indicare con X a sinistra):

Dettagli

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche

Programmazione di classe delle attività educative e didattiche ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SUPERIORE Francesco De Sarlo Via Sant Antuono 192-0973/21034 - C.F. 83000510764 PZIS001007 85042 - LAGONEGRO PZ PZPM00101P IST. MAG. LAGONEGRO - PZPS00101N LIC. SC. LAGONEGRO

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE: INGLESE LICEO SCIENTIFICO STATALE MICHELANGELO Via Dei Donoratico 0911 CAGLIARI c.f.80010550921 Tel.070/41917-Fax 070/42482 e-mail: caps04000l@istruzione.it - sito web: www.liceomichelangelo.it PROGRAMMAZIONE

Dettagli

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed

COMPETENZE DA ACQUISIRE A CONCLUSIONE DELL OBBLIGO SCOLASTICO Asse dei linguaggi 1. Padroneggiare gli strumenti espressivi ed ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE Archimede Via Cento, 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE A.S. 2011/2012 CLASSE 2^ SEZ. C Indirizzo Linguistico Coordinatore

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa

A.S. 2015/2016. Documento del Consiglio di classe. Classe IVB cl. MATERIA DOCENTE FIRMA Perretta Marialuisa LICEO STATALE AUGUSTO MONTI SCIENTIFICO CLASSICO - LINGUISTICO Via Montessori n. 2-10023 CHIERI (To) Tel. 011.942.20.04 011.941.48.16 Fax 011.941.31.24 e- mail: TOPS18000P@istruzione.it - TOPS18000P@pec.istruzione.it

Dettagli

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA

Liceo Marco Foscarini - Piano dell Offerta Formativa (P.O.F.) A.S. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA RELIGIONE CATTOLICA L insegnamento della religione cattolica (Irc) risponde all esigenza di riconoscere nei percorsi scolastici il valore della cultura religiosa e il contributo che i principi del cattolicesimo

Dettagli

LICEO LINGUISTICO CAROLINA POERIO. DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO DI CLASSE V H Art.3 L.425-97;Art.5. Anno scolastico 2013/14

LICEO LINGUISTICO CAROLINA POERIO. DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO DI CLASSE V H Art.3 L.425-97;Art.5. Anno scolastico 2013/14 LICEO LINGUISTICO CAROLINA POERIO DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO DI CLASSE V H Art.3 L.425-97;Art.5 Anno scolastico 2013/14 1 INDICE Composizione del Consiglio di classe Elenco dei candidati Presentazione

Dettagli

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO

PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Via dei Carpani 19/B 31033 Castelfranco V. ( TV ) Pag. 1 di 10 Anno Scolastico 2015-2016 PROGETTUALITA DIDATTICA DIPARTIMENTO Disciplina ITALIANO Classe PRIMA DATI IN EVIDENZA IN PREMESSA (richiami al

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO 3-VICENZA DIPARTIMENTO DI RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazio ne nella madre lingua COMPETENZE SPECIFICHE Conoscere il

Dettagli

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A

anno scolastico 2009-10 Istituto Comprensivo N. Scarano di Trivento CB Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE Classe II A Classe II A PROGRAMMAZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE PREMESSA Il presente documento illustra la programmazione del complesso delle attività educative e didattiche che il consiglio della classe II A della

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LICEO SCIENTIFICO V. DE CAPRARIIS Atripalda (Av) DIPARTIMENTO DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE Programmazione didattica-educativa Bienno-triennio a.s. 2013/2014 Premessa Sulla base di una scelta didattica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE Disciplina: Italiano Classe: 4CE A.S. 2015-2016 Docente: Ianaro Federica ANALISI DI SITUAZIONE di partenza - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.it - PEC:

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE DOCENTE: MATERIA: CLASSE: Anno scolastico ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI ENOGASTRONOMICI E L OSPITALITA ALBERGHIERA MICHELANGELO BUONARROTI FIUGGI (Fr) CODICE MECCANOGRAFICO: FRRH03008 C.F.: 92070770604 Via Garibaldi s.n.c. 03014

Dettagli

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico

LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico LICEO STATALE E. BOGGIO LERA Scientifico Ordinario Scientifico Scienze Applicate - Linguistico Programmazione Didattica del Consiglio della Classe II Sez. C Ind linguistico A.S. 2015/16 1. COMPOSIZIONE

Dettagli

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1

MANUALE QUALITA SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE E DIDATTICHE All. 2.1.1 Pag 1 di 6 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE V. CROCETTI V. Tel. 085-8001757- Fax 085-8028562 - C.F.91041900670

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale

ANNO SCOLASTICO 2014 2015. Piano di lavoro individuale ANNO SCOLASTICO 2014 2015 Piano di lavoro individuale Classe: 3 D SIA Materia: Francese Docente: Cavicchi Clara Daniela Situazione di partenza della classe Gli alunni del gruppo di francese, provengono

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B

PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B LICEO SCIENTIFICO STATALE PIETRO SETTE SANTERAMO IN COLLE A.S. 2011/12 PROGRAMMA DI ITALIANO SVOLTO DALLA CLASSE 5ª B Libri di testo adottati: R. Luperini - P. Cataldi - L. Marchiani - F. Marchese, La

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: LINGUA E LETTERATURA LATINA liceo scientifico FINALITÀ FORMATIVE GENERALI Riconoscendo che la cultura classica costituisce una delle radici più significative della cultura europea,

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

Curricolo d Istituto per

Curricolo d Istituto per Istituto Comprensivo Dante Alighieri Trieste Scuola secondaria di primo grado Curricolo d Istituto per LINGUA STRANIERA Le lingue straniere offerte sono le seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo.

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE

PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PIANO DI LAVORO ANNUALE CLASSE IA DISCIPLINA LINGUA FRANCESE PREMESSA FONDAMENTALE Tra gli obiettivi fondamentali della Scuola Secondaria di primo grado c è stata l introduzione dello studio di una seconda

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

IPOTESI DI CURRICOLO

IPOTESI DI CURRICOLO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Enrico Fermi via Capitano Di Castri - 72021 Francavilla Fontana (BR) Tel. e fax 0831/ 852132 (centr.) 0831/852133 (pres.) Specializzazioni: ELETTRONICA E TELECOM. -

Dettagli

1. Competenze trasversali

1. Competenze trasversali 1 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G. CENA SEZIONE TECNICA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA DOCENTI: PROF. ANGERA GIANFRANCO CLASSE V U TUR Secondo le linee guida, il corso

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni

Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Istituto Tecnico Industriale Minerario Giorgio Asproni Programmazione Italiano, storia e geografia. Classe IV Costruzioni, ambiente e territorio Anno 2014/2015 Professoressa Pili Francesca Situazione di

Dettagli

Piano di Lavoro. Secondo Biennio

Piano di Lavoro. Secondo Biennio ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE Aldo MORO Liceo Scientifico Istituto Tecnico Industriale Via Gallo Pecca n. 4/6 10086 RIVAROLO CANAVESE SEZIONE SCIENTIFICA A.S. 2014 2015 Piano di Lavoro DISEGNO E STORIA

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA

LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA LA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA DELLA SCUOLA PRIMARIA Obiettivi generali del processo formativo Costituiscono la base progettuale degli aspetti pedagogico didattici ed organizzativi dell attività didattica.

Dettagli

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing

Piano di lavoro della classe 2^A Amministrazione Finanza Marketing ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE DI SAN DANIELE DEL FRIULI VINCENZO MANZINI CORSI DI STUDIO: Amministrazione, Finanza e Marketing Costruzioni, Ambiente e Territorio Liceo Linguistico Liceo Scientifico

Dettagli

Lingua e letteratura italiana

Lingua e letteratura italiana Lingua e letteratura italiana 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Lingua e letteratura italiana 119 119 119 119 119 Premessa generale La lingua italiana, nel percorso dell obbligo di istruzione riferito

Dettagli

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua

CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI EUROPEE Comunicazione nella madre lingua ISTITUTO COMPRENSIVO 3 - VICENZA DIPARTIMENTO DI ITALIANO CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA SCUOLA SECONDARIA Fine classe terza COMPETENZE CHIAVE COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE

Dettagli

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015

Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Programma di Storia dell'arte Docente: Silvia Verga a.s. 2014/2015 Premessa metodologica L insegnamento della Storia dell Arte mira a fare conoscere le diverse forme espressive dell arte, la cui fruizione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Liceo Artistico Statale di Crema e Cremona Bruno Munari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA INDIVIDUALE Cod. Doc.: M 7.3 A-1 Rev. 1 del : 12/06/03 Anno scolastico 2011 / 2012 INSEGNAMENTO DELLA DISCIPLINA DI LINGUA

Dettagli

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163

ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Istituto di Istruzione Superiore ITALO CALVINO telefono: 0257500115 via Guido Rossa 20089 ROZZANO MI fax: 0257500163 Sezione Associata: telefono: 025300901 via Karl Marx 4 - Noverasco - 20090 OPERA MI

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE

ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO SCUOLA DEL PRIMO CICLO (Scuola Primaria e Scuola Secondaria di primo grado) FINALITÀ SPECIFICHE La scuola del primo ciclo, avviando il pieno sviluppo della persona, concorre

Dettagli

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano

Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano 1 Griglia di valutazione per le prove scritte di Italiano Rispetto della traccia e della tipologia testuale 10 9 8 7 6 5 4 Seguita in maniera pertinente e completa in tutte le sue richieste Seguita in

Dettagli

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta

Meravigliarsi di tutto. è il primo passo della ragione verso la scoperta Meravigliarsi di tutto è il primo passo della ragione verso la scoperta L. P a s t e u r L I C E O S C I E N T I F I C O TA L I S I O T I R I N N A N Z I O r i g i n e Il liceo scientifico è nato nell

Dettagli

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia

Programmazione modulare per la classe quarta Articolazione: Accoglienza turistica Servizi di sala e vendita - Enogastronomia Grazia Batarra, Monica Mainardi Imprese ricettive & ristorative oggi per il quinto anno Edizione mista Tramontana Programmazione modulare per la classe quarta : Accoglienza turistica Servizi di sala e

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa

ROSINA SALVO 2015/2016 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE. Trapani. piano offerta formativa. piano offerta formativa P.O.F. piano offerta formativa piano offerta formativa / LICEO LINGUISTICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE LICEO ECONOMICO LICEO ARTISTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE ROSINA SALVO Trapani P.O.F

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZION DISCIPLINAR PR COMPTNZ PRIMO BINNIO LICO SCINTIFICO OPZION SCINZ APPLICAT ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BINNIO disciplina: INSGNAMNTO RLIGION CATTOLICA docenti: PACHRA RICCARDO C O M

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata

Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Liceo Scientifico G. Galilei Macerata Anno Scolastico 2009-10 Contratto Formativo Individuale Classe 3 Sez H Docente: Prof.ssa Piangiarelli Sandra 1. ANALISI DELLA CLASSE: (dare delle definizioni in termini

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico

FONDAZIONE MALAVASI. Liceo Scientifico FONDAZIONE MALAVASI Liceo Scientifico PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: Storia DOCENTE: Prof.ssa Manuela Maccà CLASSE III SEZ. Tradizionale A.S.2014 /2015 2. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli