DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Anno Scolastico 203/204 ESAMI DI STATO conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore Liceo Scientifico Classe: 5 a F Corso di Ordinamento DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

2 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE - 5 a F- A.S Sintetica descrizione della Scuola Il Liceo Scientifico "Bruno Touschek", intitolato nel 982 al famoso fisico austriaco, è l unico Liceo Scientifico Statale del 37 Distretto Scolastico, che comprende le scuole della zona dei Castelli Romani, ed è diventato autonomo nel 974, quando si separò dal Liceo Scientifico "V. Volterra" di Ciampino. Situato nel territorio del Comune di Grottaferrata (RM), ha due ingressi: l'ingresso principale è ubicato su Viale Kennedy snc, mentre il secondo è collocato sulla Via Anagnina, vicino all ampio parcheggio recentemente costruito dal Comune; a poca distanza si trovano le fermate delle linee di trasporto pubblico COTRAL utilizzate da molti studenti provenienti da Roma e dai paesi limitrofi. L'edificio che ospita il Liceo dall'anno scolastico è una struttura luminosa e moderna con ampi spazi esterni ed interni; nel 2005 è stata inaugurata una nuova ala per soddisfare il crescente numero di richieste di iscrizione. Al suo interno si trovano tra l'altro la palestra, utilizzata anche per attività sportive pomeridiane, l'aula Magna, la Biblioteca, i laboratori di chimica, di fisica e di informatica e un'aula destinata a sede permanente del rilevatore di raggi cosmici nell'ambito del progetto Extreme Energy Events. All'esterno dell'edificio si trovano un campo polivalente e il parcheggio per auto e motorini. Il Liceo è inserito attivamente nella realtà territoriale circostante; frequenti sono gli scambi con gli enti culturali, sociali, scientifici presenti nel territorio, presso i quali gli studenti del Liceo partecipano a stages, conferenze e altre attività. Il contesto socio-economico-culturale di provenienza degli alunni è di livello medio. Stabilità dei docenti della 5a F MATERIA TERZA LICEO QUARTA LICEO QUINTA LICEO RELIGIONE CAROSELLI CAROSELLI CAROSELLI ITALIANO MONGIARDO SBARDELLA SICILIANO LATINO MONGIARDO SBARDELLA SICILIANO INGLESE BARAGETTI BARAGETTI ESPOSITO STORIA ARDINO BACCIN BACCIN FILOSOFIA ARDINO BACCIN BACCIN MATEMATICA CALDOVINO CALDOVINO CALDOVINO FISICA CALDOVINO BORRELLO CALDOVINO SCIENZE FARDELLI FARDELLI FARDELLI ST. ARTE - DISEGNO FONTANA FONTANA FONTANA Ed. FISICA ROSSI ROSSI ROSSI 2

3 2. Profilo della classe 5 a F La classe 5 a F, che risulta formata da 9 alunni, di cui 2 ragazzi e 7 ragazze. Una breve storia della classe nel triennio: Anno Scolastico Classe Iscritti Trasferiti Nuovi inseriti Promossi Non ammessi alla classe successiva F 23 3 / F 2 / / F 20 / / / MATERIA NUMERO di alunni PROMOSSI IN QUINTA con: 6/0 7/0 8/0 9-0/0 ITALIANO 5 3 / LATINO / INGLESE 5 / / 4 STORIA / FILOSOFIA / MATEMATICA / FISICA 6 3 / / SCIENZE DISEGNO 0 4 / 5 Ed. FISICA Frequenza e partecipazione alla vita scolastica. La frequenza delle lezioni in alcuni casi non e' stata del tutto regolare In linea generale, gli alunni hanno avuto un atteggiamento rispettoso ma non particolarmente collaborativo Il dialogo tra docenti e studenti è stato globalmente sereno La partecipazioni ad iniziative extracurriculari e' stata vivace 4. Partecipazione delle famiglie E' stata regolare e limitata a momenti istituzionali. 3

4 ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI. Percorso formativo Tali obiettivi didattici concordati e perseguiti dal consiglio di classe in sede di programmazione annuale sono riassunti nella tabella che segue, e di ciascuno di essi viene indicato il livello di conseguimento a fine anno, secondo la seguente legenda: () obiettivo raggiunto dall intera classe (2) obiettivo raggiunto da buona parte della classe (3) obiettivo raggiunto solo da alcuni alunni Obiettivi Conoscenze fondamentali relative alle diverse discipline Capacità di interpretazione di messaggi espressi in codici diversi Capacità di analisi Capacità di sintesi Capacità di operare collegamenti interdisciplinari Capacità di elaborazione di sintesi personali anche di carattere interdisciplinare Elaborazione di un personale metodo di studio e di organizzazione della propria attività Completezza e correttezza di esposizione con uso di linguaggi specifici Livello () (2) (3) x x x x x x x x 2. Attività finalizzate all integrazione del percorso formativo Qui vanno elencate attività integrative svolte dalla classe: La classe 5 a F ha preso parte a una serie di uscite didattiche della durata di una mattinata: Teatro Orione Roma Ritratto di Dorian Grey Museo MAXXI Roma Scuderie Aldobrandini Frascati Gli alunni della 5 a F hanno inoltre partecipato, tutti o in gruppi, alle seguenti attività culturali in orario extra-scolastico, proposte dalla Scuola o da Enti locali esterni: Viaggio di istruzione Vienna 4

5 Per i programmi svolti e per eventuali ulteriori osservazioni sulla classe si rimanda ai singoli allegati (compilati dai docenti di ogni materia), che costituiscono parte integrante del presente Documento. Orientamento scolastico e professionale Universita' La Sapienza Facolta' di Medicina ed Ingegneria. Tipologia delle attività formative per ciascuna disciplina Metodi adottati DISCIPLINA Relig. Ital. Lat. Ingl. Storia Filos. Mat. Fisica Scien Dis. E. fis. Lavori di gruppo x x x Lezioni frontali x x x x x x x x x x x Ricerche-Relazioni x x x x x x x Tesine x x x x Recupero x x x x Integrazione x Laboratorio x x Palestra x Valutazioni intermedie (Si sono basate sul lavoro svolto, sui progressi compiuti dagli alunni rispetto alla situazione di partenza in termini di conoscenze, competenze e capacità; sull impegno e interesse dimostrati, sulla partecipazione attiva e responsabile all attività formativa e didattica svolta in classe e fuori.) Al presente documento vengono allegate le griglie utilizzate e/o proposte per la valutazione dei lavori scritti e orali: valutazione dello scritto di Italiano (allegato ); valutazione di Matematica e Fisica (allegato 2); proposta di valutazione della seconda prova (Matematica) (allegato 3) valutazione delle simulazioni di Terza prova (allegato 4); proposta di valutazione per il Colloquio (allegato 5); valutazione dello scritto di Latino (allegato 6); valutazione degli orali di Storia e Filosofia (allegato 7) valutazione Disegno e Storia dell Arte (allegato 8) 5

6 Religione italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Disegno Ed. fisica valutazione Educazione fisica (allegato 9) Eventuali altre note saranno allegate ai programmi dei singoli docenti. 3. Strumenti utilizzati Gli strumenti utilizzati per l accertamento di conoscenze, competenze e capacità sono stati i seguenti: Modalità Prove strutturate a risposta chiusa x Prove strutturate a risposta aperta x x x x x x x Prove tradizionali x x x x x x x Prove pluridisciplinari (simulazioni) x x x x x x x x x x Interrogazioni orali x x x x x x x x x x x Interventi dal banco x x x x x x x x x x x Compiti a casa x x x x x x x x x x PREPARAZIONE ALLE PROVE SCRITTE Esempi di terza prova definiti dal Consiglio di classe Sono state effettuate due simulazioni: 25/03/4 Tipologia A. Quattro quesiti-quattro materie-venti righe-trattazione breve Latino-Fisica-Filosofia-Scienze. 2/04/4 Tipologia A-dieci quesiti-quattro materie-dieci righe-trattazione sintetica Storia dell'arte-inglese-educazione fisica-storia Si allega copia dei testi delle simulazioni di Terza prova effettuate (allegato 0). 6

7 Liceo Scientifico Bruno Touschek- Grottaferrata Simulazione terza prova Tipologia A Classe V F AS 203/204 Discipline coinvolte: Latino Fisica Storia Scienze 7

8 LATINO Simulazione di terza prova (tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Lucano e l'epica storica ( max 20 righe) Criteri di valutazione a) correttezza e semplicità linguistica b) pertinenza dei contenuti alla richiesta della traccia c)individuazione dei nuclei concettuali fondamentali e organicità argomentativa 8

9 SCIENZE Simulazione terza prova (tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Descrivi il moto di rotazione terrestre e spiega l'unita' di misura del tempo che ne deriva, precisando i due riferimenti diversi utilizzati nel calcolo e quale e' quella che viene usata comunemente ( max 20 righe) 9

10 FISICA Simulazione terza prova (tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Si enunci il teorema di Gauss e si illustri almeno un esempio della sua applicazione ( max 20 righe) 0

11 FILOSOFIA Simulazione terza prova ( tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Si confronti il concetto di Stato in Fichte e in Hegel, sottolineandole differenze ed eventuali affinita' e mettendoli in relazioni ai loro rispettivi presupposti filosofici ( max 20 righe)

12 Seconda simulazione terza prova Tipologia A trattazione breve Classe V F AS 203/204 Discipline coinvolte: Inglese Storia dell'arte Storia Educazione Fisica 2

13 Inglese Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve ) Nome Classe Data Answer these questions ( max 0 lines each) Which are according to you, the most meaningful lines in Ode on a Grecian Urn by John Keats? Which are the main features of Victorian novels? 3

14 Storia dell'arte Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve) ( max 0 righe) Nome Classe Data Il candidato elenchi argomentando sinteticamente i cinque punti per un'architettura Razionalista Il candidato definiìsca il termine Post Impressionismo inserendolo nel contesto artistico di riferimento Il candidato individui le tematiche proprie dell' Impressionismo fornendo opportuni riferimenti iconografici. 4

15 Storia Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve ) ( max 0 righe) Nome Classe Data Si spieghi perche' le condizioni di pace, alla fine della Grande Guerra, posero una grave ipoteca sul futuro politico ed economico dell' Europa Metti in luce come gli esiti della Rivoluzione di Ottobre crearono un modello ai movimenti e agli attivisti durante i conflitti sociali del dopoguerra 5

16 Educazione fisica Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve ) ( max 0 righe) Nome Classe Data L'attivita' motoria ha avuto nel corso della storia finalita' condizionate anche da ideologie che la hanno strumentalizzata a fini propagandistici. Quali esempi conosci da poter citare? Quali sono i principi per cui lo sport moderno e' sempre stato considerato uno strumento indispensabile al miglioramento delle relazioni internazionali? L'evoluzione dello sport e' stata fortemente condizionata dall'industria in moltissimi settori. Quali consideri significativi da dover citare sinteticamente? 6

17 IL CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 5 a F N. MATERIE DOCENTE FIRMA. RELIGIONE CAROSELLI 2. ITALIANO SICILIANO 3. LATINO SICILIANO 4. LINGUA INGLESE ESPOSITO 5. STORIA BACCIN 6. FILOSOFIA BACCIN 7. MATEMATICA CALDOVINO 8. FISICA CALDOVINO 9. SCIENZE FARDELLI 0. DISEGNO e STORIA FONTANA DELL ARTE. EDUCAZIONE FISICA ROSSI Grottaferrata, 5 maggio 204 Il Dirigente Scolastico Preside A. Cardillo 7

18 Allegato ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO Commissione N. Classe 5 a Sezione: F CANDIDATO/A:.. GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA (PROPOSTA ITALIANO) A Indicatori Livello di prestazione Livello di valore Padronanza della lingua (ortografia, sintassi, lessico) e dei linguaggi specifici Punti Punti dati su Punti disponibili Scarsa Grav. insuff. 0,5 Limitata Insufficiente - 2 Adeguata Sufficiente 2,5 /4 Appropriata Discreto -Buono 3 3,5 Articolata e pertinente Ottimo 4 B Conoscenza degli argomenti Non rappresentata o errata Gravemente 0,5 - insufficiente Frammentata e lacunosa Insufficiente,5 3 Essenziale ma poco Sufficiente 3,5 /5 articolata Ampia e adeguata Discreto -Buono 4 4,5 Specifica e articolata Ottimo 5 C Capacità di organizzazione e di elaborazione critica, con rispondenza alla tipologia proposta Incoerente e disorganica Coerente per logica ma frammentaria Gravemente 0,5,5 insufficiente Insufficiente 2 3,5 Coerente Sufficiente 4 /6 Coerente e organica Discreto -Buono 4,5 5,5 Articolata e pertinente Ottimo 6 TOTALE PUNTI: su 5 VALUTAZIONE FINALE: /5 La Commissione: Il Presidente Grottaferrata, 8

19 Allegato 2 CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE E ORALI MATEMATICA E FISICA VOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA Nessuna 2 Non riesce ad orientarsi anche se guidato 3 Frammentarie e gravemente lacunose 4 Lacunose e parziali 5 Limitate e superficiali Applica le conoscenze minime solo se guidato, ma con gravi errori. Si esprime in modo scorretto ed improprio. Compie analisi errate Applica le conoscenze minime se guidato, ma con errori. Si esprime in modo scorretto ed improprio; compie analisi lacunose e con errori Applica le conoscenze con imperfezioni. Si esprime in modo impreciso Compie analisi parziali Compie sintesi scorrette Gestisce con difficoltà situazioni nuove anche se semplici 6 Di ordine generale ma non approfondite Applica le conoscenze senza commettere errori sostanziali. Si esprime in modo semplice e corretto. Sa individuare elementi e relazioni con sufficiente correttezza Rielabora sufficientemente le informazioni e gestisce situazioni nuove purché semplici 7 Complete, se guidato sa approfondire 8 Complete, con qualche approfondimento autonomo Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi, ma con lievi imperfezioni. Espone in modo corretto e linguisticamente appropriato Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi. Espone con proprietà linguistica e in modo corretto. Compie analisi corrette; coglie implicazioni, individua relazioni Rielabora in modo corretto le informazioni e gestisce correttamente le situazioni nuove Rielabora in modo corretto e completo. Sa gestire in modo sicuro le situazioni problematiche. 9 Complete, organiche, articolate e con approfondimenti autonomi Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo anche a problemi complessi. Espone in modo fluido ed utilizza i linguaggi specifici. Compie analisi approfondite e correlazioni Rielabora in modo corretto, completo ed autonomo. Sa gestire in modo sicuro le situazioni problematiche complesse. 0 Organiche, approfondite ed ampliate in modo autonomo e personale Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo anche a problemi complessi e trova da solo le soluzioni migliori. Espone in modo fluido, utilizzando un lessico ricco ed appropriato Sa rielaborare correttamente ed approfondire in modo autonomo e critico. Sa gestire in modo sicuro e originale le situazioni problematiche complesse 9

20 ivelli alori Parzialeunteggio Allegato 3 MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE BRUNO TOUSCHEK Criteri di valutazione Prova scritta di MATEMATICA (PROPOSTA) Classe 5 Sez F Candidato/a Data.. Nella produzione dell elaborato il candidato mostra di possedere Indicatori Di tipo Descrittori Conoscenze degli argomenti Capacità di impostare ed attivare le procedure di risoluzione Competenze nell uso del formalismo e del linguaggio matematico Capacità di calcolo Procedure, definizioni, teoremi, tecniche di calcolo, proprietà, simbologia, terminologia specifiche. Utilizzo di un idonea e coerente strategia risolutiva. Individuazione di procedimenti, efficaci originali, di soluzioni rielaborate in modo personale. Utilizzo della simbologia e della terminologia specifica nell ambito di un linguaggio rigoroso, sintetico e pertinente. Utilizzo efficace e coerente delle tecniche di calcolo nella produzione della soluzione. A Corretta e completa 6 B Sufficiente 5 C Essenziale 3 D Superficiale 2 E Inadeguata A Imposta ed attiva correttamente le 4 procedure di risoluzione B Imposta ed attiva le procedure di 3 risoluzione fondamentali C Imposta solo alcune procedure di 2 risoluzione in modo corretto D Non riesce ad impostare le procedure di risoluzione A Usa correttamente la simbologia e la 3 terminologia specifiche Usa non sempre correttamente la B simbologia e la terminologia 2 specifiche C Non sa usare la simbologia e la terminologia specifiche A Produce risultati corretti B Non produce risultati corretti 2 PUNTEGGIO DELLA PROVA /5 La Commissione IL Presidente 2 0

21 Allegato 4 ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO Commissione N. Classe 5 a Sezione: F CANDIDATO/A:.. Criteri di valutazione Terza Prova scritta (PROPOSTA) Data della Prova: Tipologia della prova:... Tempo a disposizione: Osservazioni sulle singole prove Indicatori Descrittori Materie oggetto della prova Conoscenze dei contenuti disciplinari Applicazione, analisi e sintesi Linguaggio specifico Superficiali e disomogenee Conosce gli aspetti fondamentali senza approfondire Conosce gli aspetti fondamentali e approfondisce opportunamente Conoscenze complete ed esaurienti Applica in modo meccanico le conoscenze Analizza e utilizza in modo consapevole le conoscenze Analizza e sintetizza applicando in modo appropriato le conoscenze Linguaggio specifico e articolazione piuttosto superficiali Linguaggio specifico soddisfacente ma articolazione dei contenuti non sempre coerente Padronanza del linguaggio specifico ed esposizione dei contenuti articolata e coerente 2

22 ESAME DI STATO - COMMISSIONE SINTESI VALUTATIVA III Prova Scritta per il Candidato/a.. Indicatori Descrittori Punti Punti attribuiti CONOSCENZE Conoscenze dei Superficiali e disomogenee -2 contenuti disciplinari Conosce gli aspetti fondamentali senza 3-4 approfondire Conosce gli aspetti fondamentali e 5-6 approfondisce opportunamente Conoscenze complete ed esaurienti 7-8 CAPACITA Applicazione, analisi e Applica in modo meccanico le conoscenze -2 sintesi Analizza e utilizza in modo consapevole le 3 conoscenze Analizza e sintetizza applicando in modo 4 appropriato le conoscenze COMPETENZE Linguaggio specifico Linguaggio specifico e articolazione piuttosto superficiali Linguaggio specifico soddisfacente ma 2 articolazione dei contenuti non sempre coerente Padronanza del linguaggio specifico ed esposizione dei contenuti articolata e coerente 3 5 Il Presidente La Commissione 2 2

23 Allegato 5 ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO Commissione N. Classe 5 a Sezione: F CANDIDATO:.. GRIGLIA DI VALUTAZIONE COLLOQUIO (PROPOSTA) Parametri e indicatori Livelli di prestazione Valutazione Banda Punti Padronanza della lingua Chiarezza Correttezza Fluidità Contenuto e organizzazione a) conoscenze comprensione b) coerenza organicità Elementi di merito: Criticità Originalità Discussione elaborati - Esposizione fluida, chiara, corretta; lessico ricco ed appropriato - Esposizione quasi sempre fluida, chiara e corretta; lessico vario - Esposizione generalmente sicura, comprensibile e corretta; lessico generico, talvolta impreciso - Esposizione non sempre sicura, comprensibile e corretta; lessico generico, talvolta impreciso - Esposizione incerta e frammentaria; lessico generico e del tutto impreciso - Conoscenze molteplici ed esaustive, comprensione ampia ed approfondita - Conoscenze complete e abbastanza approfondite; comprensione esauriente - Conoscenze complete, ma non abbastanza approfondite; comprensione essenziale - Conoscenze incomplete e/o superficiali; comprensione mnemonica Ottimo/ eccell. 7 Discreto/ buono 6 Sufficiente 5 Insufficiente 4-3 Gravem. insuff. 2 Ottimo/ eccell. 3 Discreto/ buono 2 Sufficiente Insufficiente Conoscenze pressoché nulle Gravem. insuff Argomentazione organica e consequenziale Ottimo/ eccell. 6 - Argomentazione organica e fondamentalmente consequenziale Discreto/ buono 5 - Argomentazione abbastanza organica Sufficiente 4 - Argomentazione poco organica e non sempre coerente Insufficiente 3 - Argomentazione frammentaria e incoerente Gravem. insuff Spunti personali, originali, pertinenti e profondi Ottimo/ eccell. 2 - Giudizi adeguati, motivati e consapevoli Discreto/ buono - Non presenti Nessuna 0 - Notevoli capacità di autocorrezione e di argomentazione - Discrete capacità di autocorrezione e di argomentazione Ottimo/ eccell. 2 Discreto/ buono - Nessuna autocorrezione Nessuna 0 LA COMMISSIONE IL PRESIDENTE Grottaferrata,

24 Allegato 6 LICEO SCIENTIFICO STATALE B. TOUSCHEK - GROTTAFERRATA a.s Docente di Latino: GRIGLIA DI VALUTAZIONE PROVA SCRITTA DI LATINO CLASSE 5 a F Studente: Tipologia della prova:.. Data: Indicatori Livello di prestazione Punti Punti dati Punti disponibili A Conoscenze morfosintattiche Molto scarse Limitate 2 Essenziali 3 5 Soddisfacenti 4 Complete 5 B Competenze traduttive (comprensione ed interpretazione del testo) Molto scarse (traduzione gravemente scorretta) Insufficienti (traduzione talora errata lavoro complessivo impreciso) Sufficienti (rispetto delle varie fasi di lavoro - traduzione lineare alquanto letterale ) Buone (rispetto delle varie fasi di lavoro - traduzione fedele ed espressiva) Ottime (rispetto delle varie fasi di lavoro - traduzione fedele ed espressiva - interpretazione approfondita) TOTALE PUNTI: su 0 VALUTAZIONE FINALE: /0 2 4

25 Allegato7 Liceo Scientifico Statale Bruno Touschek - Grottaferrata - DIPARTIMENTO STORIA/FILOSOFIA a.s Tabella di valutazione - Verifiche orali e scritte Conoscenza degli argomenti Uso del linguaggio specifico Concettualizzazione Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Capacità argomentative Elaborazione personale e originalità Conoscenza degli argomenti Uso del linguaggio specifico Concettualizzazione Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Capacità argomentative Elaborazione personale e originalità Conoscenza degli argomenti Uso del linguaggio specifico Concettualizzazione Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Capacità argomentative Elaborazione personale e originalità 2 5

26 Dipartimento di Disegno e Storia dell'arte Allegato 8 * TABELLA VALUTAZIONE - Storia dell'arte (revisione e integrazione anno ) Obiettivi I Parametri I Valore I Valutazione comprensione del significato correttezza e completezza -4 intrinseco della storia dell'arte in quanto dell'informazione scienza ed espressione dell'uomo in uno specifico contesto storico/politico sviluppare capacita'specifiche di lettura uso del linguaggio specifico -3 (analisi e sintesi ) dei linguaggi artistici in architettura,pittura.scultura acquisire la capacita' di inserire in un capacita' critiche -3 preciso contesto storico culturale ll'opera d'arte intesa come singolarita',e saperne proporre una corretta lettura

27 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DI EDUCAZIONE FISICA ARGOMENTI TEORICI SCRITTI E ORALI Allegato 9 ALLIEVO/A CLASSE 5 F DATA Gravemente insufficiente mediocre sufficiente discreto buono ottimo insufficiente In decimi Quindicesimi Conoscenze Dell argomento Capacità Argomentativi e comprensione Utilizzo del linguaggio specifico Errate o presenza di pochi elementi, solo parzialmente corrette e/o non fondamentali Argomento assente o illogico e incoerente Prive di linguaggio specifico Presenza di pochi elementi e solo accennati quelli fondamentali Argomento carente e comprensione mnemonica e parziale Uso improprio del linguaggio specifico Individuazione di alcuni elementi fondamentali e/o presenza corretta solo di alcuni di essi Argomentazione semplice e coerente e comprensione solo mnemonica Uso incerto del linguaggio specifico Presenza superficiale Degli elementi fondamentali e/o presenza corretta solo di alcuni di essi Argomentazione semplice e coerente e comprensione solo degli elementi essenziali Corretto e semplice l uso del linguaggio specifico Presenza corretta degli elementi fondamentali Argomentazione efficace e coerente e comprensione soddisfacente,o argomentazione semplice e coerente e comprensione piena Corretto e appropriato l uso del linguaggio specifico Conoscenza corretta e ampiamente soddisfacente dell argomento Argomentazione efficace e coerente e articolata e comprensione piena Corretto e appropriato l uso del linguaggio specifico Conoscenza corretta e approfondita Argomentazione puntuale,articolata e coerente e comprensione piena Vario,rigoroso e ricco TOTALE PUNTEGGIO ASSEGNATO EVENTUALI OSSERVAZIONI: 2 7

28 Esame di Stato A.S GRIGLIA DI VALUTAZIONE ( PROPOSTA) PROVA SCRITTA E ORALE DI Lingua e Civiltà Inglese Classe 5^ sezione D Conoscenza dell argoment o Rispondenza alle consegne Efficacia comunicativa nell uso del linguaggio specifico e correttezza grammaticale Capacità critica e coerenza logica -3 scarso 4 gravement e insufficient e 5 insufficient e 6 sufficient e 7 più che sufficient e 8 buono 9-0 ottimo Classe V F anno scolastico 203/204 Programma di Italiano Prof. Enzo Siciliano - Finalità generale dello studio letterario: educazione a cogliere attraverso una accurata e rigorosa lettura dei testi il progetto ideale che l autore è riuscito ad esprimere nel confronto con una precisa realtà storica e ad attualizzarlo. - Obiettivi di contenuto: conoscenza della letteratura italiana dal Congresso di Vienna (85) al boom economico (960) secondo una mappa concettuale allegata nella pagine seguenti. - Obiettivi strumentali: acquisizione di un metodo di studio autonomo e capacità di comunicare il proprio pensiero in modo chiaro e corretto. - Svolgimento delle lezioni: a. Lezione frontale nel caso di delineazione di periodi storico-letterari privi di analisi testuale con schematizzazione conclusiva dei nuclei concettuali fondamentali affrontati come indice-guida agli appunti presi dagli allievi nel corso della lezione. b. Lezione interattiva (nel caso di analisi e commento di un testo) con richiesta agli allievi di mettere in pratica le proprie abilità strumentali specifiche (linguistiche, metriche e retoriche) e conoscenze contenutistiche (altri testi e coordinate storico-culturali) e schematizzazione conclusiva 2 8

29 del lavoro con scansione netta tra osservazioni (sul testo) e riflessioni. (Commento contestualizzazione, concettualizzazione). - Verifiche: sia quotidiane (nel corso delle lezioni interattive); sia periodiche, non programmate, in cui all allievo è richiesto, a partire dall analisi di un testo già affrontato assieme (con pertinenza di contenuto e forma), di contestualizzarlo, individuando la poetica dell autore in oggetto e la dinamica dei rapporti con la realtà storico-culturale di cui è parte. - Parametri di valutazione: a. Correttezza e proprietà linguistica. b. Conoscenza dei contenuti relativi all argomento in oggetto. c. Organicità e logicità argomentativa. d. Eventuale capacità di rielaborare criticamente gli argomenti trattati (a partire dalla concreta osservazione dei fatti in un linguaggio adeguato per proprietà e ricchezza al grado di concettualizzazione espresso). - Verifiche scritte: sia sotto forma di temi tradizionali, sia come esercizio all analisi e al commento del testo letterario, sia alla costruzione dei testi nella forma del saggio breve. Il Romanticismo e Manzoni:. Differenza tra preromanticismo e romanticismo: dal gusto per la dimensione notturna dell uomo alla teorizzazione ideologica del romanticismo. 2. La poesia ingenua e la poesia sentimentale dei fratelli Schlegel. 3. Dalla frattura tra l io e la natura al rifiuto del concetto di imitazione. 4. Idea del wanderer e la poesia come streben. 5. Il superamento del solipsismo nella scoperta della comune appartenenza ad una nazione. 6. Il conseguente recupero della memoria di una nazione come rivalutazione del medioevo e della cultura popolare. 7. L articolo di Madame De Stael e il dibattito tra romantici e neoclassici. 8. I limiti del romanticismo italiano e la focalizzazione della poesia sul pubblico medio: lettera di Berchet. 9. Biografia di Manzoni. 0. La poetica di Manzoni: la lettera a Monsieur Chauvet e la lettera a D Azeglio. Posizione di Manzoni nel dibattito tra romantici e neoclassici.. Le due tragedie, l ufficio del coro e il pessimismo giansenistico manzoniano. 2. Analisi e commento del Cinque Maggio : dal vero storico al vero poetico alla riflessione morale. Novità romantiche della lirica manzoniana e persistenza di elementi neoclassici. 3. I Promessi Sposi: presentazione delle varie redazioni. 4. La questione della lingua e la relazione al ministro Broglio. 5. La scelta del romanzo. 6. Presentazione e analisi dei contenuti de I Promessi Sposi. 7. La tecnica narrativa di Manzoni. 8. Analisi e commento dell introduzione a I Promessi Sposi e del capitolo XIII: a. Narratore giudicante e onnisciente b. Questione della lingua c. Dal vero storico al vero poetico all utile morale. Leopardi e il sistema della natura:. Lettura, analisi e commento de L Infinito : a. Poesia come percezione della natura e allontanamento della realtà nello spazio e nel tempo. b. Formazione sensistica di Leopardi. c. Processo immaginativo come estetica del vago e dell indefinito. d. Differenza tra la poesia classica e quella moderna. e. Pessimismo storico. f. Riflessione sul potere poetico del linguaggio. 2. Formazione culturale di Giacomo Leopardi 2 9

30 3. Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica : a. Affermazione della cultura scientifica che porta alla morte della poesia, al pessimismo storico e a coltivare come unico genere possibile quello lirico a individuale e solitario. 4. Analisi e commento de La sera del dì di festa : a. Riaffermazione dell estetica del vago e dell indefinito. b. Teoria del piacere. 5. Analisi e commento de Ultimo canto di Saffo : a. Crisi del sistema io-natura. 6. Lo Zibaldone dei pensieri. 7. Lettura, analisi e commento del Dialogo della natura e di un islandese : a. Dal pessimismo storico al pessimismo cosmico. 8. Canti Pisano-Recanatesi: a. Analisi, commento di A Silvia e de Il sabato del villaggio :poetica della ricordanza del vago e dell indefinito nella coscienza della condizione umana universale. 9. Lettura e analisi de La ginestra (prosa vv. -5, -44, 58-20, 289-fine) a. Ideologia del vero come sostanza della poesia e il messaggio di solidarietà tra gli uomini e l estetica del pensiero che contempla l universo. Verga e il Verismo:. Cultura del positivismo e la corrente del naturalismo francese. 2. Verga tra il modello del romanzo manzoniano e i modelli stranieri che si rivolgono al gusto del pubblico borghese. 3. Ispirazione ai principi estetici della scapigliatura. 4. Avvicinamento di Verga al Verismo attraverso le opere di Emile Zolà: Il romanzo sperimentale e la visione dello scrittore come osservatore della realtà. 5. Prefazione a I Malavoglia: a. Romanzo come studio dei meccanismi che spingono l uomo al progresso. b. La cultura del positivismo e la fiumana del progresso. 6. Rosso Malpelo : a. Realizzazione della tecnica dell impersonalità:l opera d arte deve sembrare essersi fatta da sé. b. Narratore interno, degradato, popolare, orale e anonimo. c. Verga come scrittore nazionale dell Italia Unita. d. Presenza di due livelli di lettura: differenza tra livello letterario (punto di vista del narratore) e reinterpretazione del lettore (punto di vista dell autore). 7. L Addio di Ntoni : a. Confronto con L Odissea: differenza tra realtà epica e realtà moderna. b. Riferimento a Manzoni: declino della tecnica dell impersonalità. c. Tradizionalismo di Verga e sfiducia nel progresso. 8. Mastro don Gesualdo : a. Realizzazione della tecnica dell impersonalità attraverso la teatralità (narratore non più degradato): la drammaticità a servizio dell oggettività (realtà narrata attraverso i dialoghi). 9. Confronto tra il naturalismo e il verismo; in particolare il ruolo dell intellettuale nella società contemporanea (affaire Dreyfus). La lirica italiana di fronte al simbolismo francese ( ): Charles Baudelaire:. Lettura, analisi e commento di Albatros a. Nuova figura del poeta esiliato tra gli uomini e il rifiuto del poeta vate. b. Per scrutare negli amari abissi l albatro-poeta deve rifiutare ogni pregiudizio morale della società borghese. 2. Lettura, analisi e commento di Corrispondences : 3 0

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA I.I.S. FEDERICO II DI SVEVIA LICEO SCIENTIFICO - OPZIONE SCIENZE APPLICATE - MELFI - PIANO DI LAVORO ANNUALE LINGUA E LETTERATURA ITALIANA CLASSE V AA A.S. 2015/2016 PROF.SSA VIOLANTE RIZZO FINALITÀ SPECIFICHE

Dettagli

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher

TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura Terzo Millennio Voll 2, 3.1, 3.2 Casa Editrice: Loescher PERCORSO DISCIPLINARE ITALIANO DOCENTE: prof.ssa Maria Siliquini DISCIPLINA: ITALIANO CONTENUTI DISCIPLINARI SVILUPPATI TESTI IN ADOZIONE : Marina Polacco, Pierpaolo Eramo, Francesco De Rosa Letteratura

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino

PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino Anno Scolastico PROGRAMMA SVOLTO Sede di Bardolino 2012-2013 Classe: V D Sezione TURISTIC O Docente: Disciplina: Pericolosi Walter Italiano e storia Descrizione: PROGRAMMA DI ITALIANO Modulo 1 L età del

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO LETTERE MODERNE 2013/2014 ITALIANO (BIENNIO CLASSICO E SCIENTIFICO) Obiettivi generali dell insegnamento della lingua italiana nel biennio sono: affinare le capacità espressive

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 2014-15 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI STORIA TRIENNIO Anno Scolastico 04-5 Competenze previste Abilità dello studente Conoscenze sapersi orientare sui concetti generali relativi alle istituzioni statali,

Dettagli

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO

MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE 5 PASTICCERIA MOD.1 L ETÀ DEL SIMBOLISMO E DEL DECADENTISMO Inquadramento storico culturale: la crisi del Positivismo La poesia simbolista in Francia. C. Baudelaire Da I Fiori

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PROGRAMMA CONSUNTIVO Anno scolastico 2014-2015 MATERIA ITALIANO CLASSE 5 SEZIONE A Liceo scientifico opzione scienze applicate DOCENTE DOSSO BARBARA ORE DI LEZIONE 4 SETTIMANALI **************** OBIETTIVI

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. 2013/14 SCUOLA: Liceo linguistico Manzoni DOCENTE: Elena Bordin MATERIA: Italiano Classe: V Sezione: M OBIETTIVI: COGNITIVI (Conoscenze, competenze): Riconoscere i sottocodici

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente

Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Abilità dello studente Liceo Scientifico Nomentano PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Lingua e cultura latina secondo biennio e ultimo anno a.s. 2015-2016 Competenze Abilità dello studente A Padroneggiare gli strumenti espressivi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO SECONDO BIENNIO E QUINTO ANNO Anno scolastico 2015-2016 1 Obiettivi disciplinari minimi metacognitivi - acquisizione della consapevolezza delle proprie strategie di

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE

DIPARTIMENTO DI MATERIA COMPETENZE/CONOSCENZE MINIME PER IL RECUPERO DELL INSUFFICIENZA E CRITERI DI VALUTAZIONE E CORREZIONE DELLE PROVE Pagina di 4 ANNO SCOLASTICO 0/03 DIPARTIMENTO DI: INDIRIZZO: Materie letterarie Liceo scientifico BIENNIO TRIENNIO RIUNIONE DEL 9 aprile 03 Orario di inizio 4,30 orario di conclusione 6,00 PRESENTI: ASSENTI:

Dettagli

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS

ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS 1 ITI Faraday Programmazione individuale Lettere (italiano e storia) Docente: Stefano Marmigi Anno scolastico 2015/2016 Classe 4AIS SCANSIONE MODULARE DEL PERCORSO DIDATTICO Materia Italiano e Storia Modulo

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE LICEO CLASSICO Luca Signorelli ITALIANO BIENNIO Il Liceo Classico promuove lo sviluppo e l approfondimento delle quattro abilità di base (ascolto, lettura, rielaborazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA EDUCATIVA DI AREA LATINO TRIENNIO a.s. 2007 2008 PREMESSA Questa programmazione si ispira ai seguenti criteri: 1. riconsiderare il ruolo dello

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO. Scuola: Liceo D. Alighieri. INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE R. DEL ROSSO G. DA VERRAZZANO Scuola: Liceo D. Alighieri INDIRIZZO: Linguistico RELAZIONE FINALE DISCIPLINA: Italiano CLASSE:IV A DOCENTE: Marcella Ferrini Obiettivi

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone

Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Istituto di istruzione secondaria di II grado - Bressanone Anno scolastico 2015 / 2016 Piano di lavoro individuale LICEO "Dante Alighieri" Classe: V LICEO linguistico e scientifico Insegnante: ZERBI Raffaella

Dettagli

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

MODELLO DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO CLASSICO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX.

conoscere lo svolgimento della storia letteraria italiana dei secoli XIX e XX. ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 SEZ.F INDIRIZZO scientifico PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE DOCENTE MATERIA TESTI Prof. Marina Lugetti Italiano Langella, Frare, Gresti, Motta, Letteratura. it, ed. Bruno

Dettagli

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE 1 di 6 02/01/2014 12.36 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO: 2013/2014 1. SECONDO BIENNIO DISCIPLINA : Italiano Competenze

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5 C Indirizzo:

Dettagli

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno*

Poesia narrativa cavalleresca: Ariosto e Tasso. Dante, Divina Commedia: selezione di canti e/o brani dell Inferno* Programmazione di Dipartimento (Area 1) Lettere Programmazione di Lingua Letteratura Italiana Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico II Biennio A. S. 2013-2014 Programmazione disciplinare per anno

Dettagli

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14

scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 scheda 3. PROGRAMMA PREVENTIVO 2013.14 MATERIA ITALIANO N ore settimanali n.4 INSEGNANTE Sergio Spadoni CLASSE IV C LIVELLO DI PARTENZA Il comportamento degli allievi non è sempre corretto e disciplinato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

PROGRAMMA CONSUNTIVO

PROGRAMMA CONSUNTIVO PAGINA: 1 PROGRAMMA CONSUNTIVO A.S. SCUOLA: CIVICO LICEO LINGUISTICO A.MANZONI DOCENTE: FABIO NUNZIATA MATERIA: ITALIANO Classe 5 Sezione H OBIETTIVI Cognitivi 1. conoscere adeguatamente le regole del

Dettagli

LICEO STATALE G. GUACCI

LICEO STATALE G. GUACCI LICEO STATALE G. GUACCI BENEVENTO Programmazione Didattica Modulare di Lingua e Letteratura Italiana Classe III sezione B Ind. Scienze Applicate Anno scolastico 2015 2016 Presentazione della classe: La

Dettagli

PROGRAMMA DI ITALIANO

PROGRAMMA DI ITALIANO LICEO SCIENTIFICO "A. EINSTEIN" ANNO SCOLASTICO 2012/2013 CLASSE V C Prof. Paolo Albergati PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: G. Baldi, S. Giusso, M. Razetti, G. Zaccaria, La letteratura, Paravia,

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, Il piacere dei testi, vol. 5 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volume

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) Anno scolastico 2014-2015 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe: 5FSC Indirizzo:

Dettagli

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze

CLASSI PRIME PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO. Conoscenze PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO CLASSI PRIME Conoscenze Il sistema e le strutture fondamentali della lingua italiana ai diversi livelli: fonologia, ortografia, morfologia, sintassi del verbo. Le strutture della

Dettagli

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI

LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI LICEO GINNASIO JACOPO STELLINI Piazza I Maggio, 26-33100 Udine Tel. 0432 504577 Fax. 0432 511490 Codice fiscale 80023240304 e-mail: info@liceostellini.it - Indirizzo Internet: www.stelliniudine.gov.it

Dettagli

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin)

Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) Dipartimento di Lettere (Coordinatore: prof. Maria Elisa Tessarin) PROGRAMMAZIONE GENERALE DI ITALIANO PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO 1 biennio, 2 biennio, 5 anno. Conoscenze disciplinari Conoscere le strutture

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015

PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA ANNUALE: ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ISTITUTO: LINGUISTICO CLASSE: V MATERIA: FILOSOFIA Modulo n 1 KANT E LA FILOFOFIA CRITICA Il significato del criticismo come filosofia del limite. La Critica

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16

ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA. PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 ISTITUTO COMPRENSIVO n. 21 - BOLOGNA *** *** *** DOCENTE: ELISABETTA PILLASTRINI CLASSE: III B MATERIA: ITALIANO PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno Scolastico 2015/16 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO (CURRICOLO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di LATINO DIPARTIMENTO DI LETTERE LICEO CLASSICO ANNO SCOLASTICO 2013-14 Triennio Questa programmazione è stata elaborata dal Dipartimento di Greco-Latino, tenuti presenti il D.P.R.

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo : LICEO SCIENTIFICO MATERIA: INGLESE ANNO SCOLASTICO 2014/15 Profssa TERESA VOLGARINO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo

PROGRAMMA. MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo PROGRAMMA MATERIA: ITALIANO DOCENTE: RAIMONDO Carlo LIBRI DI TESTO ADOTTATI: G. Baldi, S Giusso, La letteratura, vol. 4 R, Luperini, P. Cataldi, Il nuovo la scrittura e l interpretazione - Volumi 5 e 6

Dettagli

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

... a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA a.s. 2014/2015 PROGRAMMA SVOLTO DI LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Docente: Nicoletta Antolini MODULO N. 1 (ritratto d autore) - ALESSANDRO MANZONI 1. ALESSANDRO MANZONI La vita Le opere: caratteri generali

Dettagli

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico;

CONOSCENZE Riconoscere i fenomeni linguistici a livello lessicale, morfologico e sintattico; Istituto di Istruzione Superiore Liceo Scientifico, Liceo Classico, Liceo delle Scienze Umane, Liceo Linguistico TITO LUCREZIO CARO 35013 CITTADELLA (PD) Via Alfieri, 58 PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. : 2010

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE

GRIGLIA DI CORREZIONE ISTITUTO D ISTRUZIONE SECONDARIA ITCG-LC San Marco Argentano a.s. 0/5 GRIGLIA DI CORREZIONE TIOLOGIA A (Analisi del testo) Candidato/a: Classe: Indicatori Comprensione Sintesi Analisi Commento Interpretazione

Dettagli

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO

Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Liceo Scientifico C. Jucci PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Italiano Secondo biennio e V anno ITALIANO Finalità formative generali di tipo cognitivo I docenti di Italiano e Latino del triennio riconoscono

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Dipartimento di Materia: ITALIANO Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14

GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 1 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA VERIFICA DI ITALIANO - 1 BIENNIO Anno scolastico 2013/14 LINGUA: correttezza morfo-sintattica//competenza lessicale e stilistica Numerosi e ripetuti errori in ambito ortografico

Dettagli

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno

LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Secondo biennio e quinto anno Premessa Come già nel primo biennio, anche nel secondo biennio e nel quinto anno l apprendimento della lingua italiana continua a fare parte

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA

GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA LETTERE ITALIANE SCRITTO Primo Biennio GRIGLIE DI VALUTAZIONE PER DISCIPLINA INDICATORI DESCRITTORI PUNTEGGIO Correttezza formale Conoscenza dell argomento e del contesto di riferimento Capacità logico-critiche

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE

PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE PIANO DI LAVORO ANNUALE-PROGETTAZIONE INDIVIDUALE PER SINGOLA DISCIPLINA E PER CLASSE Classe 4 a C A.S. 2015/2016 Disciplina: Italiano Docente: prof. ssa Anna Schiavo Ore settimanali: quattro Libro di

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI

LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI LICEO SCIENTIFICO STATALE A. VALLISNERI Via delle Rose, 68 LUCCA - Tel. 0583/58211 Fax 0583/418619 E-mail: info@liceovallisneri.it Sito Internet: http://www.liceovallisneri.it A. S. 2014/2015 PROGRAMMAZIONE

Dettagli

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014

RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTE MATERIA CLASSE/I Livio Gnucci Italiano V CO OBIETTIVI DIDATTICI DISCIPLINARI CONSEGUITI IN TERMINI DI COMPETENZE, CONOSCENZE, ABILITÀ PRESENTAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F

PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F LICEO SCIENTIFICO STATALE G. CASTELNUOVO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PROGRAMMA SVOLTO ITALIANO CLASSE V SEZ. F Testi adottati: Corrado Bologna, Paola Rocchi, Rosa fresca aulentissima, ed.loescher (vol.4-5-6)

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE PER I SERVIZI ALBERGHIERI E DELLA RISTORAZIONE PREMESSA GENERALE AI PROGRAMMI DI MATERIE LETTERARIE BIENNIO POST-QUALIFICA OBIETTIVI FORMATIVI GENERALI DELLE DISCIPLINE LETTERARIE

Dettagli

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Storia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 superamento della conoscenza della storia legata al singolo evento e avvio alla

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI"

LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI LICEO SCIENTIFICO STATALE LEONARDO DA VINCI" Indirizzi: Scienze applicate- Scienze umane- Economico-sociale - Linguistico- Classico-Musicale Via Roma, 66-81059 VAIRANO PATENORA-SCALO (CE) Tel.-fax- 0823/988081

Dettagli

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione.

Saper ricostruire il contesto sociale che fa da sfondo alla rappresentazione. Piano di lavoro annuale Secondo biennio a.s. 2013/2014 IL PIANO DI LAVORO RAPPRESENTA UNA IMPOSTAZIONE DEL PERCORSO PREVISTO DAL DOCENTE CHE PUÒ ESSERE MODIFICATO, INTEGRATO, PERSONALIZZATO NEL CORSO DELL

Dettagli

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA

CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Ricavare da fonti di tipo diverso informazioni e conoscenze su aspetti del passato. CLASSE PRIMA - SCUOLA PRIMARIA Individuazione delle parole del tempo (prima, dopo, poi, infine, mentre ). Individuazione

Dettagli

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro

Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO. Docentte:: Sandro Marchioro ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE G.VERONESE-G.MARCONI SEDE ASSOCIATA G.. MARCONII Cavarzere (VE) PROGRAMMA PREVENTIVO DI ITALIANO Docentte:: Sandro Marchioro Classe 2 IFP I a..s:: 20015/ /2016 FINALITA

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE

PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE IRIS VERSARI - Cesano Maderno (MB) PIANO DI LAVORO DEL PROFESSORE Indirizzo: LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENTIFICO Scienze Applicate LICEO TECNICO X ISTITUTO TECNICO

Dettagli

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali STORIA E FILOSOFIA I programmi delle nostre discipline si ispirano alla scansione individuata dalle indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli della scuola secondaria di secondo grado in

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII

LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE 74 XVII LICEO GINNASIO STATALE FRANCESCO PETRARCA 34139 TRIESTE Via Domenico Rossetti, 74 XVII Distretto Tel.: 040390202 Fax: 0409383360 e-mail: scrivici@liceopetrarcats.it Anno Scolastico 2010-2011 RELAZIONE

Dettagli

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.

LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s. LICEO CLASSICO STATALE VIRGILIO PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DEL DIPARTIMENTO DI STORIA DELL ARTE E DISEGNO E STORIA DELL'ARTE a.s.2014/2015 OBIETTIVI DIDATTICI SAPER STUDIARE: saper riassumere, sintetizzare,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE Istituto Statale d'istruzione Superiore R.FORESI LICEO CLASSICO LICEO SCIENTIFICO LICEO SCIENZE UMANE FORESI ISTITUTO PROFESSIONALE PER L INDUSTRIA E L ARTIGIANATO BRIGNETTI ISTITUTO ALBERGHIERO E DELLA

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA

I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA I.P.S.S.S. DE AMICIS ROMA PROGRAMMAZIONE a.s, 2014 2015 DIPARTIMENTO: MATERIE LETTERARIE MATERIA: ITALIANO COORDINATORE: De Benedictis Rosa Maria Classi: Quinte ARGOMENTO I: POSITIVISMO, NATURALISMO, VERISMO.

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 CLASSE 1AC Indirizzo di studio Liceo Classico Docente Disciplina Tiziana Soressi Latino

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE

LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LICEO CLASSICO ORDINAMENTALE LETTERE AL GINNASIO Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, oltre a raggiungere i risultati di apprendimento comuni, dovranno: aver raggiunto una conoscenza adeguata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento)

PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE P. LEVI PROGRAMMAZIONE DI LINGUA E CULTURA LATINA a.s. 2014-15 (Programmazione di Dipartimento) LINGUA E CULTURA LATINA / Primo biennio / Secondo biennio / Quinto anno

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura

Conoscenze, abilità e competenze. Saper collocare. fatti nel tempo e nello spazio;conoscere il contesto storico in cui nasce la letteratura Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 2015/16 5^ AS CLASSE Indirizzo di studio Liceo Scientifico Docente Disciplina Prof.ssa Giuliana

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari

ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari ISTITUTO COMPRENSIVO ROSSELLA CASINI Scuola Secondaria di primo grado Gianni Rodari PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE LETTERE SULLA BASE DELLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICULO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

Dettagli

RELAZIONE FINALE DI GRECO

RELAZIONE FINALE DI GRECO Liceo Classico Statale T. Fazello - Sciacca (AG) ALL.B RELAZIONE FINALE DI GRECO Prof.ssa Vita Ciaccio Anno Scolastico 2011-2012 Classe III D OBIETTIVI In relazione al piano di lavoro curriculare sono

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: ITALIANO Classe: QUINTA B A.S. 2015 / 2016 Docente: DALLA VECCHIA MARIA TERESA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da diciotto alunni, di cui undici femmine e sette

Dettagli

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico

Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico Liceo Marie Curie (Meda) Scientifico Classico Linguistico PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE a.s. 205/6 CLASSE 2ASA Indirizzo di studio Liceo scientifico tecnologico Nuovo ordinamento Docente Disciplina

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS

LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS LICEO SCIENTIFICO G. FERRARIS Via Sorrisole, 6-21100 - VARESE Esami di stato conclusivi del corso di studi (Legge 425/97 - DPR 323/98 art. 5.2) DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Documento predisposto dal

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE)

LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) LICEO SCIENTIFICO CLASSE QUINTA (INGLESE E FRANCESE) e LICEO CLASSICO CLASSE TERZA (INGLESE) OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Lo studente acquisisce competenze linguistico-comunicative corrispondenti

Dettagli

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio

Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15. CLASSE 5 a B. Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Istituto Statale di Istruzione Superiore «Pio Paschini» Tolmezzo A.S. 2014/15 CLASSE 5 a B Liceo Scientifico Documento del 15 maggio Liceo Scientifico - Piano di studi Discipline 1 Biennio 2 Biennio 5

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C

PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO STORIA E GEOGRAFIA TERZA C Insegnante : Piera Buono ITALIANO : obiettivi COMPRENSIONE DELLA LINGUA ORALE - prestare attenzione in situazione di ascolto - individuare gli elementi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO

PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO FINALITÀ FORMATIVE GENERALI PROGRAMMAZIONE DI ISTITUTO: ITALIANO EDUCAZIONE LINGUISTICA - padronanza della lingua italiana per un uso appropriato della stessa in tutti i suoi aspetti - possesso sicuro

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA Anno Scolastico 2014-2015 Istituto PROFESSIONALE grafico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA RIFERITA ALLA DISCIPLINA :LINGUA E LETTERATURA ITALIANA PRIMO BIENNIO OBIETTIVI GENERALI/ FINALITA' OBIETTIVI EDUCATIVI

Dettagli

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane)

ITALIANO. PRIMO ANNO (Liceo delle Scienze Umane) 1/6 ITALIANO PRIMO ANNO Testi: qualsiasi testo di Italiano (biennio) in adozione presso i Licei Classici o Scientifici. Per i testi di epica: consultare i siti Internet con il testo integrale in traduzione

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno

Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno LICEO A. MEUCCI - APRILIA (LT) Linee guida per la programmazione annuale del Dipartimento disciplinare di Storia dell Arte e Disegno Le linee guida per la programmazione annuale si riferiscono al secondo

Dettagli

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina

FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA. RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA. Autore Codice Titolo e Percorso Pagina I.I.S. Istituto Istruzione Superiore A.Volta LIBRETTO delle GRIGLIE di VALUTAZIONE PROPOSTO APPROVATO FUNZIONE FIRMA FUNZIONE FIRMA RdQ Prof.ssa Exarchacu Paraskevi DS DATA Il presente documento è stato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6)

LICEO SCIENTIFICO STATALE G.B.QUADRI VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento, art.5; O. M. 38 art.6) LICEO SCIENTIFICO STATALE "G.B.QUADRI" VICENZA DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (Regolamento,art.5;O.M.38art.6) Annoscolastico2015 2016 RELAZIONE FINALE DEL DOCENTE All. A Classe:5A Indirizzo:economicosociale

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE SCRITTE (PRIMO BIENNIO)

GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE SCRITTE (PRIMO BIENNIO) GRIGLIA DI VALUTAZIONE VERIFICHE SCRITTE (PRIMO BIENNIO) Indicatori Descrittori Esiti Organizzazione testuale Rispetto delle consegne Uso del registro linguistico complessivo adeguato alla tipologia testuale

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014 PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI LATINO E GRECO TRIENNIO anno scolastico 2013-2014 FINALITA GENERALI Finalità precipua dello studio dell antichità classica è quella di sollecitare una visione senza fratture

Dettagli

ALLEGATO N. 5 bis GRIGLIE DI VALUTAZIONE

ALLEGATO N. 5 bis GRIGLIE DI VALUTAZIONE ALLEGATO N. 5 bis GRIGLIE DI VALUTAZIONE 1 ITALIANO ORALE BIENNIO CONOSCENZE COMPETENZE OTTIMO (9-10) Conoscenze articolate, approfondite e con apporti personali. Capacità di giudizio critico originale

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014

LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO. PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 LICEO SCIENTIFICO F. LUSSANA - BERGAMO PROGRAMMAZIONE DIDATTICO-EDUCATIVA DI DIPARTIMENTO ITALIANO TRIENNIO a.s. 2013-2014 Nulla di sé e del mondo sa la generalità degli uomini se la letteratura non glielo

Dettagli