DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE"

Transcript

1 Anno Scolastico 203/204 ESAMI DI STATO conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria superiore Liceo Scientifico Classe: 5 a F Corso di Ordinamento DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

2 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE - 5 a F- A.S Sintetica descrizione della Scuola Il Liceo Scientifico "Bruno Touschek", intitolato nel 982 al famoso fisico austriaco, è l unico Liceo Scientifico Statale del 37 Distretto Scolastico, che comprende le scuole della zona dei Castelli Romani, ed è diventato autonomo nel 974, quando si separò dal Liceo Scientifico "V. Volterra" di Ciampino. Situato nel territorio del Comune di Grottaferrata (RM), ha due ingressi: l'ingresso principale è ubicato su Viale Kennedy snc, mentre il secondo è collocato sulla Via Anagnina, vicino all ampio parcheggio recentemente costruito dal Comune; a poca distanza si trovano le fermate delle linee di trasporto pubblico COTRAL utilizzate da molti studenti provenienti da Roma e dai paesi limitrofi. L'edificio che ospita il Liceo dall'anno scolastico è una struttura luminosa e moderna con ampi spazi esterni ed interni; nel 2005 è stata inaugurata una nuova ala per soddisfare il crescente numero di richieste di iscrizione. Al suo interno si trovano tra l'altro la palestra, utilizzata anche per attività sportive pomeridiane, l'aula Magna, la Biblioteca, i laboratori di chimica, di fisica e di informatica e un'aula destinata a sede permanente del rilevatore di raggi cosmici nell'ambito del progetto Extreme Energy Events. All'esterno dell'edificio si trovano un campo polivalente e il parcheggio per auto e motorini. Il Liceo è inserito attivamente nella realtà territoriale circostante; frequenti sono gli scambi con gli enti culturali, sociali, scientifici presenti nel territorio, presso i quali gli studenti del Liceo partecipano a stages, conferenze e altre attività. Il contesto socio-economico-culturale di provenienza degli alunni è di livello medio. Stabilità dei docenti della 5a F MATERIA TERZA LICEO QUARTA LICEO QUINTA LICEO RELIGIONE CAROSELLI CAROSELLI CAROSELLI ITALIANO MONGIARDO SBARDELLA SICILIANO LATINO MONGIARDO SBARDELLA SICILIANO INGLESE BARAGETTI BARAGETTI ESPOSITO STORIA ARDINO BACCIN BACCIN FILOSOFIA ARDINO BACCIN BACCIN MATEMATICA CALDOVINO CALDOVINO CALDOVINO FISICA CALDOVINO BORRELLO CALDOVINO SCIENZE FARDELLI FARDELLI FARDELLI ST. ARTE - DISEGNO FONTANA FONTANA FONTANA Ed. FISICA ROSSI ROSSI ROSSI 2

3 2. Profilo della classe 5 a F La classe 5 a F, che risulta formata da 9 alunni, di cui 2 ragazzi e 7 ragazze. Una breve storia della classe nel triennio: Anno Scolastico Classe Iscritti Trasferiti Nuovi inseriti Promossi Non ammessi alla classe successiva F 23 3 / F 2 / / F 20 / / / MATERIA NUMERO di alunni PROMOSSI IN QUINTA con: 6/0 7/0 8/0 9-0/0 ITALIANO 5 3 / LATINO / INGLESE 5 / / 4 STORIA / FILOSOFIA / MATEMATICA / FISICA 6 3 / / SCIENZE DISEGNO 0 4 / 5 Ed. FISICA Frequenza e partecipazione alla vita scolastica. La frequenza delle lezioni in alcuni casi non e' stata del tutto regolare In linea generale, gli alunni hanno avuto un atteggiamento rispettoso ma non particolarmente collaborativo Il dialogo tra docenti e studenti è stato globalmente sereno La partecipazioni ad iniziative extracurriculari e' stata vivace 4. Partecipazione delle famiglie E' stata regolare e limitata a momenti istituzionali. 3

4 ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA RISPETTO AGLI OBIETTIVI FISSATI. Percorso formativo Tali obiettivi didattici concordati e perseguiti dal consiglio di classe in sede di programmazione annuale sono riassunti nella tabella che segue, e di ciascuno di essi viene indicato il livello di conseguimento a fine anno, secondo la seguente legenda: () obiettivo raggiunto dall intera classe (2) obiettivo raggiunto da buona parte della classe (3) obiettivo raggiunto solo da alcuni alunni Obiettivi Conoscenze fondamentali relative alle diverse discipline Capacità di interpretazione di messaggi espressi in codici diversi Capacità di analisi Capacità di sintesi Capacità di operare collegamenti interdisciplinari Capacità di elaborazione di sintesi personali anche di carattere interdisciplinare Elaborazione di un personale metodo di studio e di organizzazione della propria attività Completezza e correttezza di esposizione con uso di linguaggi specifici Livello () (2) (3) x x x x x x x x 2. Attività finalizzate all integrazione del percorso formativo Qui vanno elencate attività integrative svolte dalla classe: La classe 5 a F ha preso parte a una serie di uscite didattiche della durata di una mattinata: Teatro Orione Roma Ritratto di Dorian Grey Museo MAXXI Roma Scuderie Aldobrandini Frascati Gli alunni della 5 a F hanno inoltre partecipato, tutti o in gruppi, alle seguenti attività culturali in orario extra-scolastico, proposte dalla Scuola o da Enti locali esterni: Viaggio di istruzione Vienna 4

5 Per i programmi svolti e per eventuali ulteriori osservazioni sulla classe si rimanda ai singoli allegati (compilati dai docenti di ogni materia), che costituiscono parte integrante del presente Documento. Orientamento scolastico e professionale Universita' La Sapienza Facolta' di Medicina ed Ingegneria. Tipologia delle attività formative per ciascuna disciplina Metodi adottati DISCIPLINA Relig. Ital. Lat. Ingl. Storia Filos. Mat. Fisica Scien Dis. E. fis. Lavori di gruppo x x x Lezioni frontali x x x x x x x x x x x Ricerche-Relazioni x x x x x x x Tesine x x x x Recupero x x x x Integrazione x Laboratorio x x Palestra x Valutazioni intermedie (Si sono basate sul lavoro svolto, sui progressi compiuti dagli alunni rispetto alla situazione di partenza in termini di conoscenze, competenze e capacità; sull impegno e interesse dimostrati, sulla partecipazione attiva e responsabile all attività formativa e didattica svolta in classe e fuori.) Al presente documento vengono allegate le griglie utilizzate e/o proposte per la valutazione dei lavori scritti e orali: valutazione dello scritto di Italiano (allegato ); valutazione di Matematica e Fisica (allegato 2); proposta di valutazione della seconda prova (Matematica) (allegato 3) valutazione delle simulazioni di Terza prova (allegato 4); proposta di valutazione per il Colloquio (allegato 5); valutazione dello scritto di Latino (allegato 6); valutazione degli orali di Storia e Filosofia (allegato 7) valutazione Disegno e Storia dell Arte (allegato 8) 5

6 Religione italiano Latino Inglese Storia Filosofia Matematica Fisica Scienze Disegno Ed. fisica valutazione Educazione fisica (allegato 9) Eventuali altre note saranno allegate ai programmi dei singoli docenti. 3. Strumenti utilizzati Gli strumenti utilizzati per l accertamento di conoscenze, competenze e capacità sono stati i seguenti: Modalità Prove strutturate a risposta chiusa x Prove strutturate a risposta aperta x x x x x x x Prove tradizionali x x x x x x x Prove pluridisciplinari (simulazioni) x x x x x x x x x x Interrogazioni orali x x x x x x x x x x x Interventi dal banco x x x x x x x x x x x Compiti a casa x x x x x x x x x x PREPARAZIONE ALLE PROVE SCRITTE Esempi di terza prova definiti dal Consiglio di classe Sono state effettuate due simulazioni: 25/03/4 Tipologia A. Quattro quesiti-quattro materie-venti righe-trattazione breve Latino-Fisica-Filosofia-Scienze. 2/04/4 Tipologia A-dieci quesiti-quattro materie-dieci righe-trattazione sintetica Storia dell'arte-inglese-educazione fisica-storia Si allega copia dei testi delle simulazioni di Terza prova effettuate (allegato 0). 6

7 Liceo Scientifico Bruno Touschek- Grottaferrata Simulazione terza prova Tipologia A Classe V F AS 203/204 Discipline coinvolte: Latino Fisica Storia Scienze 7

8 LATINO Simulazione di terza prova (tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Lucano e l'epica storica ( max 20 righe) Criteri di valutazione a) correttezza e semplicità linguistica b) pertinenza dei contenuti alla richiesta della traccia c)individuazione dei nuclei concettuali fondamentali e organicità argomentativa 8

9 SCIENZE Simulazione terza prova (tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Descrivi il moto di rotazione terrestre e spiega l'unita' di misura del tempo che ne deriva, precisando i due riferimenti diversi utilizzati nel calcolo e quale e' quella che viene usata comunemente ( max 20 righe) 9

10 FISICA Simulazione terza prova (tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Si enunci il teorema di Gauss e si illustri almeno un esempio della sua applicazione ( max 20 righe) 0

11 FILOSOFIA Simulazione terza prova ( tipologia A trattazione sintetica) Nome Classe Data Si confronti il concetto di Stato in Fichte e in Hegel, sottolineandole differenze ed eventuali affinita' e mettendoli in relazioni ai loro rispettivi presupposti filosofici ( max 20 righe)

12 Seconda simulazione terza prova Tipologia A trattazione breve Classe V F AS 203/204 Discipline coinvolte: Inglese Storia dell'arte Storia Educazione Fisica 2

13 Inglese Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve ) Nome Classe Data Answer these questions ( max 0 lines each) Which are according to you, the most meaningful lines in Ode on a Grecian Urn by John Keats? Which are the main features of Victorian novels? 3

14 Storia dell'arte Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve) ( max 0 righe) Nome Classe Data Il candidato elenchi argomentando sinteticamente i cinque punti per un'architettura Razionalista Il candidato definiìsca il termine Post Impressionismo inserendolo nel contesto artistico di riferimento Il candidato individui le tematiche proprie dell' Impressionismo fornendo opportuni riferimenti iconografici. 4

15 Storia Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve ) ( max 0 righe) Nome Classe Data Si spieghi perche' le condizioni di pace, alla fine della Grande Guerra, posero una grave ipoteca sul futuro politico ed economico dell' Europa Metti in luce come gli esiti della Rivoluzione di Ottobre crearono un modello ai movimenti e agli attivisti durante i conflitti sociali del dopoguerra 5

16 Educazione fisica Simulazione di terza prova ( tipologia A trattazione breve ) ( max 0 righe) Nome Classe Data L'attivita' motoria ha avuto nel corso della storia finalita' condizionate anche da ideologie che la hanno strumentalizzata a fini propagandistici. Quali esempi conosci da poter citare? Quali sono i principi per cui lo sport moderno e' sempre stato considerato uno strumento indispensabile al miglioramento delle relazioni internazionali? L'evoluzione dello sport e' stata fortemente condizionata dall'industria in moltissimi settori. Quali consideri significativi da dover citare sinteticamente? 6

17 IL CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 5 a F N. MATERIE DOCENTE FIRMA. RELIGIONE CAROSELLI 2. ITALIANO SICILIANO 3. LATINO SICILIANO 4. LINGUA INGLESE ESPOSITO 5. STORIA BACCIN 6. FILOSOFIA BACCIN 7. MATEMATICA CALDOVINO 8. FISICA CALDOVINO 9. SCIENZE FARDELLI 0. DISEGNO e STORIA FONTANA DELL ARTE. EDUCAZIONE FISICA ROSSI Grottaferrata, 5 maggio 204 Il Dirigente Scolastico Preside A. Cardillo 7

18 Allegato ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO Commissione N. Classe 5 a Sezione: F CANDIDATO/A:.. GRIGLIA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA (PROPOSTA ITALIANO) A Indicatori Livello di prestazione Livello di valore Padronanza della lingua (ortografia, sintassi, lessico) e dei linguaggi specifici Punti Punti dati su Punti disponibili Scarsa Grav. insuff. 0,5 Limitata Insufficiente - 2 Adeguata Sufficiente 2,5 /4 Appropriata Discreto -Buono 3 3,5 Articolata e pertinente Ottimo 4 B Conoscenza degli argomenti Non rappresentata o errata Gravemente 0,5 - insufficiente Frammentata e lacunosa Insufficiente,5 3 Essenziale ma poco Sufficiente 3,5 /5 articolata Ampia e adeguata Discreto -Buono 4 4,5 Specifica e articolata Ottimo 5 C Capacità di organizzazione e di elaborazione critica, con rispondenza alla tipologia proposta Incoerente e disorganica Coerente per logica ma frammentaria Gravemente 0,5,5 insufficiente Insufficiente 2 3,5 Coerente Sufficiente 4 /6 Coerente e organica Discreto -Buono 4,5 5,5 Articolata e pertinente Ottimo 6 TOTALE PUNTI: su 5 VALUTAZIONE FINALE: /5 La Commissione: Il Presidente Grottaferrata, 8

19 Allegato 2 CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE E ORALI MATEMATICA E FISICA VOTO CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITA Nessuna 2 Non riesce ad orientarsi anche se guidato 3 Frammentarie e gravemente lacunose 4 Lacunose e parziali 5 Limitate e superficiali Applica le conoscenze minime solo se guidato, ma con gravi errori. Si esprime in modo scorretto ed improprio. Compie analisi errate Applica le conoscenze minime se guidato, ma con errori. Si esprime in modo scorretto ed improprio; compie analisi lacunose e con errori Applica le conoscenze con imperfezioni. Si esprime in modo impreciso Compie analisi parziali Compie sintesi scorrette Gestisce con difficoltà situazioni nuove anche se semplici 6 Di ordine generale ma non approfondite Applica le conoscenze senza commettere errori sostanziali. Si esprime in modo semplice e corretto. Sa individuare elementi e relazioni con sufficiente correttezza Rielabora sufficientemente le informazioni e gestisce situazioni nuove purché semplici 7 Complete, se guidato sa approfondire 8 Complete, con qualche approfondimento autonomo Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi, ma con lievi imperfezioni. Espone in modo corretto e linguisticamente appropriato Applica autonomamente le conoscenze anche a problemi più complessi. Espone con proprietà linguistica e in modo corretto. Compie analisi corrette; coglie implicazioni, individua relazioni Rielabora in modo corretto le informazioni e gestisce correttamente le situazioni nuove Rielabora in modo corretto e completo. Sa gestire in modo sicuro le situazioni problematiche. 9 Complete, organiche, articolate e con approfondimenti autonomi Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo anche a problemi complessi. Espone in modo fluido ed utilizza i linguaggi specifici. Compie analisi approfondite e correlazioni Rielabora in modo corretto, completo ed autonomo. Sa gestire in modo sicuro le situazioni problematiche complesse. 0 Organiche, approfondite ed ampliate in modo autonomo e personale Applica le conoscenze in modo corretto ed autonomo anche a problemi complessi e trova da solo le soluzioni migliori. Espone in modo fluido, utilizzando un lessico ricco ed appropriato Sa rielaborare correttamente ed approfondire in modo autonomo e critico. Sa gestire in modo sicuro e originale le situazioni problematiche complesse 9

20 ivelli alori Parzialeunteggio Allegato 3 MINISTERO dell ISTRUZIONE, dell UNIVERSITA e della RICERCA DIREZIONE REGIONALE PER IL LAZIO LICEO SCIENTIFICO STATALE BRUNO TOUSCHEK Criteri di valutazione Prova scritta di MATEMATICA (PROPOSTA) Classe 5 Sez F Candidato/a Data.. Nella produzione dell elaborato il candidato mostra di possedere Indicatori Di tipo Descrittori Conoscenze degli argomenti Capacità di impostare ed attivare le procedure di risoluzione Competenze nell uso del formalismo e del linguaggio matematico Capacità di calcolo Procedure, definizioni, teoremi, tecniche di calcolo, proprietà, simbologia, terminologia specifiche. Utilizzo di un idonea e coerente strategia risolutiva. Individuazione di procedimenti, efficaci originali, di soluzioni rielaborate in modo personale. Utilizzo della simbologia e della terminologia specifica nell ambito di un linguaggio rigoroso, sintetico e pertinente. Utilizzo efficace e coerente delle tecniche di calcolo nella produzione della soluzione. A Corretta e completa 6 B Sufficiente 5 C Essenziale 3 D Superficiale 2 E Inadeguata A Imposta ed attiva correttamente le 4 procedure di risoluzione B Imposta ed attiva le procedure di 3 risoluzione fondamentali C Imposta solo alcune procedure di 2 risoluzione in modo corretto D Non riesce ad impostare le procedure di risoluzione A Usa correttamente la simbologia e la 3 terminologia specifiche Usa non sempre correttamente la B simbologia e la terminologia 2 specifiche C Non sa usare la simbologia e la terminologia specifiche A Produce risultati corretti B Non produce risultati corretti 2 PUNTEGGIO DELLA PROVA /5 La Commissione IL Presidente 2 0

21 Allegato 4 ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO Commissione N. Classe 5 a Sezione: F CANDIDATO/A:.. Criteri di valutazione Terza Prova scritta (PROPOSTA) Data della Prova: Tipologia della prova:... Tempo a disposizione: Osservazioni sulle singole prove Indicatori Descrittori Materie oggetto della prova Conoscenze dei contenuti disciplinari Applicazione, analisi e sintesi Linguaggio specifico Superficiali e disomogenee Conosce gli aspetti fondamentali senza approfondire Conosce gli aspetti fondamentali e approfondisce opportunamente Conoscenze complete ed esaurienti Applica in modo meccanico le conoscenze Analizza e utilizza in modo consapevole le conoscenze Analizza e sintetizza applicando in modo appropriato le conoscenze Linguaggio specifico e articolazione piuttosto superficiali Linguaggio specifico soddisfacente ma articolazione dei contenuti non sempre coerente Padronanza del linguaggio specifico ed esposizione dei contenuti articolata e coerente 2

22 ESAME DI STATO - COMMISSIONE SINTESI VALUTATIVA III Prova Scritta per il Candidato/a.. Indicatori Descrittori Punti Punti attribuiti CONOSCENZE Conoscenze dei Superficiali e disomogenee -2 contenuti disciplinari Conosce gli aspetti fondamentali senza 3-4 approfondire Conosce gli aspetti fondamentali e 5-6 approfondisce opportunamente Conoscenze complete ed esaurienti 7-8 CAPACITA Applicazione, analisi e Applica in modo meccanico le conoscenze -2 sintesi Analizza e utilizza in modo consapevole le 3 conoscenze Analizza e sintetizza applicando in modo 4 appropriato le conoscenze COMPETENZE Linguaggio specifico Linguaggio specifico e articolazione piuttosto superficiali Linguaggio specifico soddisfacente ma 2 articolazione dei contenuti non sempre coerente Padronanza del linguaggio specifico ed esposizione dei contenuti articolata e coerente 3 5 Il Presidente La Commissione 2 2

23 Allegato 5 ESAME DI STATO ANNO SCOLASTICO Commissione N. Classe 5 a Sezione: F CANDIDATO:.. GRIGLIA DI VALUTAZIONE COLLOQUIO (PROPOSTA) Parametri e indicatori Livelli di prestazione Valutazione Banda Punti Padronanza della lingua Chiarezza Correttezza Fluidità Contenuto e organizzazione a) conoscenze comprensione b) coerenza organicità Elementi di merito: Criticità Originalità Discussione elaborati - Esposizione fluida, chiara, corretta; lessico ricco ed appropriato - Esposizione quasi sempre fluida, chiara e corretta; lessico vario - Esposizione generalmente sicura, comprensibile e corretta; lessico generico, talvolta impreciso - Esposizione non sempre sicura, comprensibile e corretta; lessico generico, talvolta impreciso - Esposizione incerta e frammentaria; lessico generico e del tutto impreciso - Conoscenze molteplici ed esaustive, comprensione ampia ed approfondita - Conoscenze complete e abbastanza approfondite; comprensione esauriente - Conoscenze complete, ma non abbastanza approfondite; comprensione essenziale - Conoscenze incomplete e/o superficiali; comprensione mnemonica Ottimo/ eccell. 7 Discreto/ buono 6 Sufficiente 5 Insufficiente 4-3 Gravem. insuff. 2 Ottimo/ eccell. 3 Discreto/ buono 2 Sufficiente Insufficiente Conoscenze pressoché nulle Gravem. insuff Argomentazione organica e consequenziale Ottimo/ eccell. 6 - Argomentazione organica e fondamentalmente consequenziale Discreto/ buono 5 - Argomentazione abbastanza organica Sufficiente 4 - Argomentazione poco organica e non sempre coerente Insufficiente 3 - Argomentazione frammentaria e incoerente Gravem. insuff Spunti personali, originali, pertinenti e profondi Ottimo/ eccell. 2 - Giudizi adeguati, motivati e consapevoli Discreto/ buono - Non presenti Nessuna 0 - Notevoli capacità di autocorrezione e di argomentazione - Discrete capacità di autocorrezione e di argomentazione Ottimo/ eccell. 2 Discreto/ buono - Nessuna autocorrezione Nessuna 0 LA COMMISSIONE IL PRESIDENTE Grottaferrata,

24 Allegato 6 LICEO SCIENTIFICO STATALE B. TOUSCHEK - GROTTAFERRATA a.s Docente di Latino: GRIGLIA DI VALUTAZIONE PROVA SCRITTA DI LATINO CLASSE 5 a F Studente: Tipologia della prova:.. Data: Indicatori Livello di prestazione Punti Punti dati Punti disponibili A Conoscenze morfosintattiche Molto scarse Limitate 2 Essenziali 3 5 Soddisfacenti 4 Complete 5 B Competenze traduttive (comprensione ed interpretazione del testo) Molto scarse (traduzione gravemente scorretta) Insufficienti (traduzione talora errata lavoro complessivo impreciso) Sufficienti (rispetto delle varie fasi di lavoro - traduzione lineare alquanto letterale ) Buone (rispetto delle varie fasi di lavoro - traduzione fedele ed espressiva) Ottime (rispetto delle varie fasi di lavoro - traduzione fedele ed espressiva - interpretazione approfondita) TOTALE PUNTI: su 0 VALUTAZIONE FINALE: /0 2 4

25 Allegato7 Liceo Scientifico Statale Bruno Touschek - Grottaferrata - DIPARTIMENTO STORIA/FILOSOFIA a.s Tabella di valutazione - Verifiche orali e scritte Conoscenza degli argomenti Uso del linguaggio specifico Concettualizzazione Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Capacità argomentative Elaborazione personale e originalità Conoscenza degli argomenti Uso del linguaggio specifico Concettualizzazione Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Capacità argomentative Elaborazione personale e originalità Conoscenza degli argomenti Uso del linguaggio specifico Concettualizzazione Insufficiente Mediocre Sufficiente Discreto Buono Ottimo Capacità argomentative Elaborazione personale e originalità 2 5

26 Dipartimento di Disegno e Storia dell'arte Allegato 8 * TABELLA VALUTAZIONE - Storia dell'arte (revisione e integrazione anno ) Obiettivi I Parametri I Valore I Valutazione comprensione del significato correttezza e completezza -4 intrinseco della storia dell'arte in quanto dell'informazione scienza ed espressione dell'uomo in uno specifico contesto storico/politico sviluppare capacita'specifiche di lettura uso del linguaggio specifico -3 (analisi e sintesi ) dei linguaggi artistici in architettura,pittura.scultura acquisire la capacita' di inserire in un capacita' critiche -3 preciso contesto storico culturale ll'opera d'arte intesa come singolarita',e saperne proporre una corretta lettura

27 GRIGLIA DI VALUTAZIONE DI EDUCAZIONE FISICA ARGOMENTI TEORICI SCRITTI E ORALI Allegato 9 ALLIEVO/A CLASSE 5 F DATA Gravemente insufficiente mediocre sufficiente discreto buono ottimo insufficiente In decimi Quindicesimi Conoscenze Dell argomento Capacità Argomentativi e comprensione Utilizzo del linguaggio specifico Errate o presenza di pochi elementi, solo parzialmente corrette e/o non fondamentali Argomento assente o illogico e incoerente Prive di linguaggio specifico Presenza di pochi elementi e solo accennati quelli fondamentali Argomento carente e comprensione mnemonica e parziale Uso improprio del linguaggio specifico Individuazione di alcuni elementi fondamentali e/o presenza corretta solo di alcuni di essi Argomentazione semplice e coerente e comprensione solo mnemonica Uso incerto del linguaggio specifico Presenza superficiale Degli elementi fondamentali e/o presenza corretta solo di alcuni di essi Argomentazione semplice e coerente e comprensione solo degli elementi essenziali Corretto e semplice l uso del linguaggio specifico Presenza corretta degli elementi fondamentali Argomentazione efficace e coerente e comprensione soddisfacente,o argomentazione semplice e coerente e comprensione piena Corretto e appropriato l uso del linguaggio specifico Conoscenza corretta e ampiamente soddisfacente dell argomento Argomentazione efficace e coerente e articolata e comprensione piena Corretto e appropriato l uso del linguaggio specifico Conoscenza corretta e approfondita Argomentazione puntuale,articolata e coerente e comprensione piena Vario,rigoroso e ricco TOTALE PUNTEGGIO ASSEGNATO EVENTUALI OSSERVAZIONI: 2 7

28 Esame di Stato A.S GRIGLIA DI VALUTAZIONE ( PROPOSTA) PROVA SCRITTA E ORALE DI Lingua e Civiltà Inglese Classe 5^ sezione D Conoscenza dell argoment o Rispondenza alle consegne Efficacia comunicativa nell uso del linguaggio specifico e correttezza grammaticale Capacità critica e coerenza logica -3 scarso 4 gravement e insufficient e 5 insufficient e 6 sufficient e 7 più che sufficient e 8 buono 9-0 ottimo Classe V F anno scolastico 203/204 Programma di Italiano Prof. Enzo Siciliano - Finalità generale dello studio letterario: educazione a cogliere attraverso una accurata e rigorosa lettura dei testi il progetto ideale che l autore è riuscito ad esprimere nel confronto con una precisa realtà storica e ad attualizzarlo. - Obiettivi di contenuto: conoscenza della letteratura italiana dal Congresso di Vienna (85) al boom economico (960) secondo una mappa concettuale allegata nella pagine seguenti. - Obiettivi strumentali: acquisizione di un metodo di studio autonomo e capacità di comunicare il proprio pensiero in modo chiaro e corretto. - Svolgimento delle lezioni: a. Lezione frontale nel caso di delineazione di periodi storico-letterari privi di analisi testuale con schematizzazione conclusiva dei nuclei concettuali fondamentali affrontati come indice-guida agli appunti presi dagli allievi nel corso della lezione. b. Lezione interattiva (nel caso di analisi e commento di un testo) con richiesta agli allievi di mettere in pratica le proprie abilità strumentali specifiche (linguistiche, metriche e retoriche) e conoscenze contenutistiche (altri testi e coordinate storico-culturali) e schematizzazione conclusiva 2 8

29 del lavoro con scansione netta tra osservazioni (sul testo) e riflessioni. (Commento contestualizzazione, concettualizzazione). - Verifiche: sia quotidiane (nel corso delle lezioni interattive); sia periodiche, non programmate, in cui all allievo è richiesto, a partire dall analisi di un testo già affrontato assieme (con pertinenza di contenuto e forma), di contestualizzarlo, individuando la poetica dell autore in oggetto e la dinamica dei rapporti con la realtà storico-culturale di cui è parte. - Parametri di valutazione: a. Correttezza e proprietà linguistica. b. Conoscenza dei contenuti relativi all argomento in oggetto. c. Organicità e logicità argomentativa. d. Eventuale capacità di rielaborare criticamente gli argomenti trattati (a partire dalla concreta osservazione dei fatti in un linguaggio adeguato per proprietà e ricchezza al grado di concettualizzazione espresso). - Verifiche scritte: sia sotto forma di temi tradizionali, sia come esercizio all analisi e al commento del testo letterario, sia alla costruzione dei testi nella forma del saggio breve. Il Romanticismo e Manzoni:. Differenza tra preromanticismo e romanticismo: dal gusto per la dimensione notturna dell uomo alla teorizzazione ideologica del romanticismo. 2. La poesia ingenua e la poesia sentimentale dei fratelli Schlegel. 3. Dalla frattura tra l io e la natura al rifiuto del concetto di imitazione. 4. Idea del wanderer e la poesia come streben. 5. Il superamento del solipsismo nella scoperta della comune appartenenza ad una nazione. 6. Il conseguente recupero della memoria di una nazione come rivalutazione del medioevo e della cultura popolare. 7. L articolo di Madame De Stael e il dibattito tra romantici e neoclassici. 8. I limiti del romanticismo italiano e la focalizzazione della poesia sul pubblico medio: lettera di Berchet. 9. Biografia di Manzoni. 0. La poetica di Manzoni: la lettera a Monsieur Chauvet e la lettera a D Azeglio. Posizione di Manzoni nel dibattito tra romantici e neoclassici.. Le due tragedie, l ufficio del coro e il pessimismo giansenistico manzoniano. 2. Analisi e commento del Cinque Maggio : dal vero storico al vero poetico alla riflessione morale. Novità romantiche della lirica manzoniana e persistenza di elementi neoclassici. 3. I Promessi Sposi: presentazione delle varie redazioni. 4. La questione della lingua e la relazione al ministro Broglio. 5. La scelta del romanzo. 6. Presentazione e analisi dei contenuti de I Promessi Sposi. 7. La tecnica narrativa di Manzoni. 8. Analisi e commento dell introduzione a I Promessi Sposi e del capitolo XIII: a. Narratore giudicante e onnisciente b. Questione della lingua c. Dal vero storico al vero poetico all utile morale. Leopardi e il sistema della natura:. Lettura, analisi e commento de L Infinito : a. Poesia come percezione della natura e allontanamento della realtà nello spazio e nel tempo. b. Formazione sensistica di Leopardi. c. Processo immaginativo come estetica del vago e dell indefinito. d. Differenza tra la poesia classica e quella moderna. e. Pessimismo storico. f. Riflessione sul potere poetico del linguaggio. 2. Formazione culturale di Giacomo Leopardi 2 9

30 3. Discorso di un italiano intorno alla poesia romantica : a. Affermazione della cultura scientifica che porta alla morte della poesia, al pessimismo storico e a coltivare come unico genere possibile quello lirico a individuale e solitario. 4. Analisi e commento de La sera del dì di festa : a. Riaffermazione dell estetica del vago e dell indefinito. b. Teoria del piacere. 5. Analisi e commento de Ultimo canto di Saffo : a. Crisi del sistema io-natura. 6. Lo Zibaldone dei pensieri. 7. Lettura, analisi e commento del Dialogo della natura e di un islandese : a. Dal pessimismo storico al pessimismo cosmico. 8. Canti Pisano-Recanatesi: a. Analisi, commento di A Silvia e de Il sabato del villaggio :poetica della ricordanza del vago e dell indefinito nella coscienza della condizione umana universale. 9. Lettura e analisi de La ginestra (prosa vv. -5, -44, 58-20, 289-fine) a. Ideologia del vero come sostanza della poesia e il messaggio di solidarietà tra gli uomini e l estetica del pensiero che contempla l universo. Verga e il Verismo:. Cultura del positivismo e la corrente del naturalismo francese. 2. Verga tra il modello del romanzo manzoniano e i modelli stranieri che si rivolgono al gusto del pubblico borghese. 3. Ispirazione ai principi estetici della scapigliatura. 4. Avvicinamento di Verga al Verismo attraverso le opere di Emile Zolà: Il romanzo sperimentale e la visione dello scrittore come osservatore della realtà. 5. Prefazione a I Malavoglia: a. Romanzo come studio dei meccanismi che spingono l uomo al progresso. b. La cultura del positivismo e la fiumana del progresso. 6. Rosso Malpelo : a. Realizzazione della tecnica dell impersonalità:l opera d arte deve sembrare essersi fatta da sé. b. Narratore interno, degradato, popolare, orale e anonimo. c. Verga come scrittore nazionale dell Italia Unita. d. Presenza di due livelli di lettura: differenza tra livello letterario (punto di vista del narratore) e reinterpretazione del lettore (punto di vista dell autore). 7. L Addio di Ntoni : a. Confronto con L Odissea: differenza tra realtà epica e realtà moderna. b. Riferimento a Manzoni: declino della tecnica dell impersonalità. c. Tradizionalismo di Verga e sfiducia nel progresso. 8. Mastro don Gesualdo : a. Realizzazione della tecnica dell impersonalità attraverso la teatralità (narratore non più degradato): la drammaticità a servizio dell oggettività (realtà narrata attraverso i dialoghi). 9. Confronto tra il naturalismo e il verismo; in particolare il ruolo dell intellettuale nella società contemporanea (affaire Dreyfus). La lirica italiana di fronte al simbolismo francese ( ): Charles Baudelaire:. Lettura, analisi e commento di Albatros a. Nuova figura del poeta esiliato tra gli uomini e il rifiuto del poeta vate. b. Per scrutare negli amari abissi l albatro-poeta deve rifiutare ogni pregiudizio morale della società borghese. 2. Lettura, analisi e commento di Corrispondences : 3 0

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014

OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI E GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE DISCIPLINE 2013-2014 OBIETTIVI MINIMI DI ITALIANO - BIENNIO DI TUTTI GLI INDIRIZZI Conoscenze a) Conoscenza completa e ragionata della grammatica e dell

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda

ANDREA FONTANA. Storyselling. Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda ANDREA FONTANA Storyselling Strategie del racconto per vendere se stessi, i propri prodotti, la propria azienda Impostazione grafica di Matteo Bologna Design, NY Fotocomposizione e redazione: Studio Norma,

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO

ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO ISTITUTO SUPERIORE GUARINO VERONESE REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO NO SI REGOLE DEL DIBATTITO ARGOMENTATIVO Per cominciare Che cosa è un dibattito argomentativo 1. Un dibattito argomentativo è un dialogo

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE PER GLI ESAMI DI STATO 2008/2009 ( Regolamento art. 5 ) CLASSE 5 a. sez. A ISTITUTO TECNICO AGRARIO O. Munerati C.F. 80004570299 ISTITUTO TECNICO PER GEOMETRI A. Bernini Via Cappello,10 45100 S. Apollinare-RO Corso del Popolo, 274 45100 Rovigo Tel. 0425 492404 Dir. 0425 49900

Dettagli