Editoriale LA PERDONANZA LA PERDONANZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Editoriale LA PERDONANZA LA PERDONANZA"

Transcript

1

2 2 LA PERDONANZA

3 Editoriale RAGIONE e SENTIMENTO di Quirino Salomone La ragione, per quanto la si voglia considerare necessaria, non basta alla perfetta conoscenza dei grandi temi dell esistenza: la vita, il bene, il vero, il bello. Quando penso che queste realtà sono meravigliosamente intrecciate da formare un unica bellezza, una bellezza che è l unica verità, una verità che è l unico bene, l amore che è tutta la vita e la vita è l epifania di tutto il bene, della verità, della bellezza, mi si apre un orizzonte da stupore! Un momento, fatemi scendere, la ragione mi da vertigini, non tocco terra. Ora provo ad inserirmi nel merito di un dramma crescente avvertito da tutti gli autentici cercatori di Dio: un Dio Amore e un mondo senza amore. Noto subito lo scarto, apparentemente insuperabile, tra il mondo come dovrebbe essere e il mondo così com è. Ho detto dramma inteso semplicemente non come fermo della ragione, bensì come suo stimolo. Pensare l essere non come statico ma come dinamico è la positività della ragione, fondamento della ricerca e della scienza. Infatti, scopro la meravigliosa tensione interiore della realtà che genera nuove possibilità e ne disgrega altre. Una realtà che muove inquieta verso il suo compimento, verso la sua perfezione. La ragione stessa sente un fremito, avverte un emozione, è presa da sconosciuta (perché non da sua logica) passione per la vita, amore per la verità, gusto per la giustizia, fascino per la bellezza. Insomma entra nel sentimento, avvertito ora come perfezionamento della conoscenza, come esperienza del mistero, come esperienza del divino. Sarà il sentimento ad introdurci nella realtà dell esistenza, che la coscienza comincia ad avvertire come più grande di sè, ma sicuramente non estranea. L avverte come la dimensione originaria e immensa a cui sente di appartenere da sempre. Il bambino avverte che i genitori sono più grandi e più forti di lui, ma sa con felice certezza che non gli sono estranei. Il sentimento è la primigenia esperienza della vita, il raziocinio viene dopo. Il sentimento ci introduce nelle profondità della vita, al cospetto di un qualcosa molto più grande di noi, che avvolge, non opprime. Esattamente quel che ci accade di fronte ad un panorama, ad un cielo infinito, ad un opera d arte, ad una musica sublime, ad una personalità eccezionale. Sorge spontaneo il sentimento di ammirazione, che significa lo sguardo estasiato, purissima esperienza estetica. Una realtà che si impone, più alta di noi ma di cui abbiamo assoluto bisogno, perché ad essa naturalmente orientati. Ora posso chiamare la ragione di venire a far festa col sentimento. E questa la ragione per cui il bene, la verità, la bellezza non devono comandare niente, perché affascinano, attraggono e coinvolgono l uomo nell unica gioiosa armonia dell essere. La libertà non vuole rimanere eternamente isolata in questo processo in divenire dell uomo, vuole legarsi a ciò che vale. Se la libertà è la qualità fondante della dignità dell uomo, essa, tuttavia, non ne costituisce il senso ultimo. Anche per essa si prefigura un compimento. La libertà si realizza e si compie nella misura in cui si unisce alla verità, al bene, alla bellezza. Quindi l uomo libero si compirà nell essere attratto e nell abbraccio felice col bene, con la verità, con la giustizia, con la bellezza, divenute sue proprie caratteristiche, tracce profonde del suo divino. Goethe direbbe: io non cerco la salvezza nell indifferenza, il fremito è la migliore parte dell umanità. Per quanto il mondo faccia pagar caro il sentimento l uomo, quand è commosso, sente nel profondo l immensità Questa carica di passione per la vita genera entusiasmo, che letteralmente significa muoversi in Dio, con tutta la ricca e stupenda attrezzatura di ragione e sentimento. LA PERDONANZA 1

4 Edizioni Celestiniane LA PERDONANZA Anno XXIV, n.99 - Spedizione in abbonamento postale Filiale L Aquila 45% (art.2, comma 20/b, legge 662/96) Sommario Si ringrazia Consorzio Fabrica per la collaborazione a questo numero Editoriale 1 di Quirino Salomone Castel di Sangro e San Celestino V 3 di M.Domenica Santucci Mistica e Ragione 5 di Giovanni Frassanito Il Papa che amo la chiesa per davvero: 7 San Celestino V di Sabino Lattanzio La mia Perdonanza 10 di Rossana Pellegrino Il Beato Mariano torna a Roccacasale 11 Fuoco del Morrone di Floro Panti 12 La chiesa di Centurelli, l affresco ed i Cavalieri di Floro Panti 15 La gente marcia di Marcello Nissi 18 Edmondo Felici 22 Il pianeta dello scarto di Giuliana del Signore 23 Festa per i 50 anni di sacerdozio di Padre Quirino 24 Convegno a Ferentino di Augusto Cinelli 27 Recensioni libri di Floro Panti 29 Concerto in onore di S. Bernardino 29 Fermare le mafio banche di D. Di Luciano- S. Basile 30 Rivista Culturale del Centro Internazionale Studi Celestiniani Trimestrale di Storia, Spiritualità, Attualità CHIOSTRO ABBAZIA DI COLLEMAGGIO L Aquila Tel Sede operativa post-terremoto: via Raffaele Paolucci, 10, 67100, L Aquila Direttore: P. Quirino Salomone Redazione: Floro Panti, Paolo Giorgi, Alessandra Giorgi, Fabio Iuliano, Marcello Nissi Collaboratori: Aldo Sacchetti, Cesare Matteotti, Giovanni Frassanito, Giuliana del Signore, Luciano Pizziconi, Francesco De Anna, Lucilla Del Giudice. Elaborazione grafica: Datamoving di A.Tocchio - infodatamoving.it Stampa: Reg. Tribunale di L Aquila Autorizzazione n. 257 del 01/10/1998 Spedizione in abbonamento postale filiale di L Aquila 45% (art. 2 comma 20/b legge 662/96) ABBONAMENTI (Italia ed estero) 4 numeri: Euro 15,00 da versare su C/C Postale n intestato a: Centro Internazionale Studi Celestiniani Chiostro di Collemaggio L Aquila Servizio Abbonati: Lun - Ven 8,00/13,00 In copertina: Dipinto restaurato nella Chiesa di Centurelli (AQ) 2 LA PERDONANZA

5 CASTEL DI SANGRO E SAN CELESTINO V di M. Domenica Santucci Quell avvenimento eccezionale del passaggio del corteo papale aveva elettrizzato tutta la popolazione di Castel di Sangro, sui tetti e sulle alture, pareva, insomma, che gli edifici vivessero e parlassero. Durante il pernottamento di Celestino V a Castel di Sangro (il 12 ottobre 1294) muore il suo compagno di vita eremitica e di preghiera Francesco Ronci, noto come Francesco d Atri. Il giorno successivo lascia Castel di Sangro e raggiunge l importante Monastero di San Vincenzo al Volturno dove si trattiene fino al 14 ottobre. Nei tempi di massimo splendore il territorio controllato da questi monaci superava i 400 chilometri quadrati e non c era autorità che potesse ignorarlo. Nei giorni della visita di Celestino V a Castel di Sangro fu fatta convalidare dal Pontefice una deliberazione con la quale si concedeva il prelievo di una ingente somma di fiorini d oro dai depositi di Bonifacio di Calamandrata, Maesto Generale dell Ordine degli Ospedalieri di San Giovanni in Gerusalemme. Questi soldi vennero destinati ad armare le galee per una presunta e non definita Crociata in Terra Santa. Quì il nuovo Papa celebra messa nella Chiesa di San Nicola dove anni prima si rifugiò come eremita e che diventerà Grancia dei Cavalieri di Malta. Celestino compie a Castel di Sangro diversi miracoli: - diede il vedere a Trotta, figliola di Benedetto di Castel di Sangro; - diede la favella a Federico, figliolo di Francesco Cavalieri di Castel di Sangro, muto e sordo. Un tal Romano, di cui non si scrive il nome. - Una donna dello Scontrone, storpiata della mano, raccomandandosi al Gran Servo di Dio, e di subito sgravata dalla flussione rimase libera del tutto. Il 13 dicembre 1294 Papa Celestino V dopo aver convocato il Concistoro rinuncia al Papato in forma solenne sentendosi inesperto e incapace a fronteggiare i giochi di palazzo ed i rischi di quel ruolo così gravoso, per lui abituato a vivere in solitudine e contemplazione. Dopo la rinuncia di Celestino il pontificato viene rifiutato per viltade da Matteo Rosso Orsini che temeva rappresaglie dalla famiglia Colonna poichè sostenitore di Bonifacio VIII. LA PERDONANZA 3

6 Quest ultimo viene eletto Papa ed annulla tutte le bolle ordinandone la restituzione, quella di Celestino compresa per elargire le indulgenze solo durante i giubilei. La città dell Aquila si ribellò e da allora celebra la Perdonanza Celestiniana. La vita e l apostolato di Celestino V sarà rispolverata dopo secoli da Papa Paolo VI, dopo oltre settecento anni. Il 10 dicembre 1294, tre giorni prima della rinuncia al Papato da parte di Celestino V, si apprende che la Casa di Maria a Nazaret arriva in Italia, a Loreto, secondo la leggenda portata dagli angeli. In realtà, venne smontata a Giaffa da maestranze Templari e fatta trasportare per iniziativa della nobile famiglia Angeli, che regnava sull Epiro. Un documento del settembre 1294, scoperto di recente, attesta che Niceforo Angeli, despota dell Epiro, nel dare la propria figlia Ithamar in sposa a Filippo di Taranto, quartogenito di Carlo II d Angiò, re di Napoli, trasmise a lui una serie di beni dotali, fra i quali compaiono con spiccata evidenza: le sante pietre portate via dalla Casa della Nostra Signora la Vergine Madre di Dio. Murate tra le pietre della Santa Casa sono state trovate cinque croci di stoffa rossa di crociati o, più probabilmente, di cavalieri di un ordine militare che nel medioevo difendevano i luoghi santi e le reliquie. A Loreto risulta che la Santa Casa fu donata dai Templari a Celestino V il quale ordinò che fosse posta nella basilica di Collemaggio da lui fatta costruire, di ritorno da Lione nel 1274, esortato dalla Vergine per il buon esito del viaggio che portò alla conferma dell Ordine dei Celestini, con la Bolla di Gregorio X, Il 24 dicembre 1294 Bonifacio VIII venne eletto Papa ed Il 17 luglio 1295 ordinò l incarcerazione di Celestino V e lo fece rinchiudere nella Rocca di Fumone. Tanta era la strettezza di quella torre che dove quel santo teneva i piedi mentre diceva messa, li teneva la testa quando riposava. E poiché ai frati restava assai difficile restare fermi in questo modo, sempre li confortava a sopportare con pazienza per amore di Dio, Mai si turbava o si risentiva per la strettezza della prigione o per l insolenza delle guardie che lo sorvegliavano. Grande vigilanza si faceva giorno e notte su di lui e con i suoi compagni. E in questa rigorosa sorveglianza stettero lì 10 mesi. Morì il 19 maggio Il processo di canonizzazione si apre a Napoli il 13 maggio 1306 su istanza di Filippo il Bello a Papa Clemente V, con l intento di nuocere per sempre alla figura di Bonifacio VIII di cui era acerrimo nemico. L incarico di istruire il processo fu affidato a due personalità di rilievo Giacomo da Viterbo, arcivescovo di Napoli, e Federico De Letto Vescovo di Valva e Sulmona che morì pochi giorni dopo l apertura delle prime fasi processuali, per cui le indagini rimasero tutte a carico del Vescovo di Napoli. Le fasi del processo si svolsero a Napoli dal 13 al 24 maggio 1306, a Capua dal 25 al 26 maggio 1306, a Castel di Sangro dal 27 al 28 maggio 1306, a Sulmona dal 28 al 29 maggio L anno dopo, il 14 settembre 1307, viene deliberato per ordine di Filippo il Bello l arresto dei Templari ed un mese dopo inizia la distruzione sistematica dell Ordine. In un solo giorno vengono arrestati tutti i membri dell Ordine e confiscati tutti i beni. Celestino V non percorre solo la nostra via degli Abruzzi, lui precorre i tempi, la sua storia rinnovata da Paolo VI e dagli ultimi tre Papi è per quanti vogliono sentirsi un poco più vicini al cielo, per quanti salgono gli inerpicati monti della Verità, alla ricerca del sale della verità, nella gloria che cinge le fronti temerarie e resta così vivo per sempre. 4 LA PERDONANZA

7 MISTICA E RAGIONE di Giovanni Frassanito Nel numero scorso ho parlato della psicologia analitica di Jung. E della teoria che ipotizza una specie di <<inconscio collettivo>>, per spiegare sia il sincronismo delle cosiddette coincidenze significative ; sia altri fenomeni paranormali: ivi compreso lo spiritismo, che ispirò Jung a scegliere per l appunto la sua tesi di laurea in medicina sul tema <<Psicologia e patologia dei cosiddetti fenomeni occulti.>> Appena laureato Jung lavorò, infatti, come assistente presso l istituto Burgholzli di Zurigo che all epoca era la clinica per malattie mentali più famosa d Europa. Ma fu proprio questo suo prevalente interesse per gli studi esoterici ( antropologia, yoga, alchimia, astrologia, storia delle religioni) a fargli dilatare in psicologia il concetto di libido oltre la sfera sessuale. Senonché, sarà questa innovazione la causa che segnò la rottura con le teorie di Freud come già gli anticipava con lettera del giugno 1911: un giorno scopriremo nell astrologia un bel po di conoscenza, che è stata intuitivamente proiettata nei cieli. E collegava così l astrologia (fondata sulle immagini universali dello Zodiaco) con la fede nella trascendenza: tramite il <<simbolismo>> della sua psicologia analitica. La rottura definitiva fra i due maestri della psicanalisi arriverà poi nel 1912, con la pubblicazione dell opera junghiana: Trasformazione e simboli della libido. Perché questa formalizza la separazione, mettendo in discussione l autorità scientifica delle teorie pansessualiste di Freud. Di qui si spiega la tendenza a qualificare come << mistico>>il pensiero di Jung in quanto il complesso di Dio porta alla convinzione di possedere una chiave accessibile solo agli eletti, ed un grande interesse per la chiromanzia, divinazione, e perfino astrologia, come per l occultismo e il misticismo in tutte le loro ramificazioni (Gary Lachman, Jung il mistico, ed. Mediterranee, 2012). Specialmente quando il conflitto fra le due scuole della psicoanalisi tenderà alla cattiveria di accusarsi reciprocamente di eresia. Rispetto alla scienza medica. Ed alla psichiatria. Perciò nel 1916 nella Struttura dell inconscio Jung sviluppa queste sue teorie. Senonchè l anno dopo nel 1917 avviene la vera rivoluzione culturale della nostra età. Perché la Madonna a Fatima appare a Lucia, Francesco e Giacinta. A tre bambini. E predice i tre grandi avvenimenti della Storia contemporanea: seconda guerra mondiale (1939); avvento e crollo del comunismo ( ); attentato a papa Wojtyla (che avverrà il giorno dell anniversario di Fatima, il 13 maggio 1981). Al pari di tutta la Tradizione veterotestamentaria, fondata anch essa sulla profezia della Storia antica. Vale a dire: sulla profezia del Messia. Fondata sui grandi profeti che precedono Cristo: Isaia, Geremia, Ezechiele e Daniele. Preceduti da Elia del monte Carmelo. E seguiti da Giovanni Battista del fiume Giordano Ed è qui nel momento della Profezia - che esplode il rapporto fra <<Mistica e Ragione>>. È qui che la <<visione>> diventa Vita. È qui che l <<allucinazione>> si trasforma in Storia. Legando la verità alla <<psicologia del profondo>>. Secondo le ricerche di Jung il mistico. Se è vero com è vero - che questa Apparizione di Fatima coinvolge il cervello dei singoli veggenti. Se è vero che essa cioè ha una spiegazione anche in chiave psicologica (oltre che teologica) : si noti a questo proposito che Lucia vede, sente e parla con la Madonna; mentre Giacinta vede e sente ma non parla; Francesco invece riesce solo a vedere la scena, ma non sente né parla. Se è vero perciò - che è questa <<profezia>> la categoria culturale che contrappone la Mistica alla Ragione. La fede all ateismo. Esplodendo nei fatti della Storia. Perché in altre parole proprio questa Apparizione può spiegare meglio i fenomeni occulti. La presenza infatti della Madonna a Fatima (che i veggenti vedono, e che noi LA PERDONANZA 5

8 tutti invece non vediamo) viene percepita in modo diverso dai tre bambini. Perché evidentemente Dio stesso si serve delle diverse qualità neurologiche, che ha dato a ciascuno di noi per fare miracoli. Per rivelare la profezia. In alcuni casi, sì. In altri, no. Perciò anche la psicologia ha diritto di indagare in merito a questi diversi carismi. Questa Apparizione per la sua importanza rivoluziona davvero tutto: in fatto di fenomeni soprannaturali e paranormali. Perché essa viene qui a coinvolgere la Storia, con la lettera maiuscola. Perché non riguarda più la guarigione di qualche malato ma anticipa fatti futuri, che coinvolgono il mondo intero: Europa, America, Russia, fino al Giappone; personaggi come Hitler, Stalin, Churchill, Eisenhower, Mussolini ecc. E dimostra l esistenza di un disegno teologico per l umanità. Prestabilito. Un disegno universale di Storia della Salvezza. Dimostra, insomma, che il complesso di Dio non è illusione psichica. Né allucinazione di veggenti. Che la mistica non è menzogna. E che gli sviluppi moderni della Scienza non hanno cancellato la <<dimensione simbolica>> dell Inconscio ( come sostiene erroneamente l articolo di Umberto Galimberti su La Repubblica di qualche anno addietro). Perché la Storia tutta antica e moderna - ha bisogno di <<salvarsi>>. Cosicché questa verità è anche psicologica. Non solo filosofica. Non solo teologica. Si sente col pulsare del cuore, prima ancora di capirsi con gli occhi della mente. La profezia di Fatima dimostra ancora di più. Dimostra che questi veggenti anticipando fatti futuri contraddicono la nozione che noi abbiamo del tempo, intesa come successione dinamica di eventi. E si sconvolge, quindi, l intima struttura della legge di causalità, compromettendo persino l idea del libero arbitrio dell uomo, secondo la comune esperienza percepita dai nostri sensi. Il che - per l appunto - suole chiamarsi, tuttora, magia : quell arte, cioè, di produrre effetti senza una causa. Di contraddire il metodo scientifico, la legge di causalità (come s è detto). Si tratta, in sostanza, di fenomeni mistici che si colorano di sorpresa e di stupore, di favola e d incanto. E che sfuggono, di per sé, al metodo sperimentale della Scienza, perché non si possono riprodurre - a volontà - nelle prove di laboratorio. Irripetibili, unici. Senza possibilità di copiarli, come avviene sempre, per la vita creativa dello Spirito. L Apparizione di Fatima dimostra infine che probabilmente è proprio questa << dimensione simbolica>> (che coinvolge l emisfero destro del nostro cervello) a fare gli uomini ad immagine e somiglianza di Dio (Gen. 1-27). Tanto quanto è la <<dimensione logicomatematica>> dell emisfero sinistro. Vale a dire: che la creazione dell artista non è di meno della scoperta dello scienziato. Che la rivelazione del veggente non è di meno del calcolo matematico. Che insomma Simbolo e Logica si equivalgono. Seppure per strade diverse. Usando linguaggi diversi. Perché la complessità del reale è tale che gli strumenti per coglierla devono essere necessariamente molteplici. Molteplici: infatti il nostro cervello è diviso in due diversi emisferi. Uno mistico; e l altro razionale. Il destro e il sinistro. Quello - fatto di immagini simboliche. Questo - fatto di logica raziocinante. Molteplici: l intuizione e la dimostrazione. L arte e la scienza. Conscio ed inconscio. Ipnosi e veglia. Mistica e ragione. Che si confermano, senza contraddirsi: al pari del ritmo della <<musica>>, che si traduce nei numeri della <<matematica>>. Molteplici: perché le stesse leggi matematiche della Natura dimostrano anche una straordinaria fantasia di colori. Come avviene nel processo di fecondazione di una pianta, che si serva all uopo dello spettacolo della fioritura per richiamare le api. Per generare l impollinazione. Si serve dei fiori. Legando così il Bello ed il Vero. Fisica ed Estetica. Mistica e Ragione: legandole insieme. (continua) 6 LA PERDONANZA

9 MONASTERO DELLE BENEDETTINE CELESTINE DI SAN RUGGERO DI BARLETTA: CELEBRAZIONI DEL VII CENTENARIO DELLA CANONIZZAZIONE DEL FONDATORE SAN PIETRO CELESTINO Dal 18 al 21 maggio 2013, le Claustrali Benedettine Celestine del Monastero San Ruggero in Barletta hanno coinvolto la comunità ecclesiale dell Arcidiocesi di Trani-Barletta-Bisceglie e la cittadinanza tutta di Barletta, facendosi promotrici di significative iniziative liturgiche e culturali per la ricorrenza del settimo centenario della canonizzazione del loro santo fondatore, san Pietro Celestino, eremita e papa, avvenuta in Avignone il 5 maggio Le celebrazioni si sono aperte nella serata di sabato 18 maggio, vigilia di Pentecoste, partendo dalla Parrocchia di San Giacomo Maggiore (già abbazia benedettina), con un breve momento di preghiera presieduto dal rev.mo abate emerito dom Ildebrando Scicolone, osb e seguito dalla processione con la nuova statua di san Pietro Celestino che ha raggiunto la Chiesa di San Ruggero, dove si è celebrata la Veglia di Pentecoste, animata dal prevosto mons. Sabino Lattanzio e dai giovani della parrocchia di San Giacomo Maggiore. Nella mattinata di domenica 19 maggio, Solennità di Pentecoste e giorno della Solennità di san Pietro Celestino (che quest anno si è festeggiato il giorno seguente), l abate dom Ildebrando Scicolone ha presieduto nella chiesa monastica la solenne Concelebrazione Eucaristica e ha accolto l oblazione di un novizio. Nella serata di lunedì 20 maggio, Solennità liturgica di san Pietro Celestino, mons. Filippo Salvo, vicario episcopale, ha celebrato l Eucaristia, preceduta dai Vespri solenni presieduti da mons. Sabino Lattanzio, confessore ordinario del Monastero, il quale ha anche tenuto una conferenza, di cui si riporta di seguito il testo. Le Celebrazioni si sono concluse alle ore 20,00 del martedì 21 maggio con un Concerto di musica sacra della Compagnia Voci di Terra d Otranto. All organo il maestro Antonio Papa, autore della già menzionata nuova statua di san Pietro Celestino. Barletta vanta la presenza dei monaci benedettini celestini nell Abbazia della SS. Trinità dagli inizi del XV secolo fino alla prima metà del XIX sec. e, ancora tutt oggi, la presenza delle monache celestine, trasferitesi nel sec. XIX dal monastero della SS. Annunziata a quello di San Ruggero. Il Papa che amo la Chiesa per davvero: San Celestino V di Sabino Lattanzio Carissime sorelle in Cristo, per me è una grande gioia condividere questo evento di grazia nella ricorrenza del settimo centenario della canonizzazione del santo eremita e papa Pietro Celestino, avvenuta nella Cattedrale di Santa Maria in Avignone il 5 maggio 1313 da parte del pontefice Clemente V. Si tratta del vostro Padre, perché vi siete messe alla sequela di Gesù seguendo le orme di questo umile e grande Santo, e del mio Protettore, perché fin da piccolo ho sentito parlare di lui in questa chiesa monastica di San Ruggero delle monache Benedettine Celestine di Barletta, dove ho servito all altare come chierichetto. LA PERDONANZA 7

10 Questa straordinaria figura di discepolo del Signore, ancora tanto discussa per la inaspettata decisione da lui presa nel dare le dimissioni dal soglio di Pietro, è tornata alla ribalta ai nostri giorni allorchè, l 11 febbraio scorso, Benedetto XVI Avendo sempre davanti il bene della Chiesa e non se stessi, dopo aver tanto pregato in merito per discernere la volontà di Dio, lo ha imitato. In tal modo, questi due grandi Pontefici ci hanno insegnato che la Chiesa si ama e si serve anche a costo di mettersi da parte. Cerchiamo di inquadrare san Pietro Celestino nel contesto storico in cui visse. Siamo nel XIII secolo. La Chiesa stava vivendo in capite un momento difficile, mentre dalla base, in modo particolare, si andava sempre più diffondendo un forte movimento di esigenza di riforma, quello degli Spirituali. E significativo il nome con cui essi vennero identificati, proprio perchè anelavano a un ritorno alle origini della Chiesa. Pietro Angeleri, pur facente parte dell Ordine Benedettino, sotto certi aspetti, per lo stile di vita lo vediamo più vicino alla corrente Francescana. Tuttavia, anche all interno dei benedettini egli non fu l unico a desiderare più essenzialità evangelica. Si pensi, prima di lui, alla riforma Pulsanese promossa da Giovanni da Matera sul Gargano, a quella Cistercense o alla riforma Florense del monaco calabrese Gioacchino da Fiore. E significativo che Pietro del Morrone ebbe una particolare devozione verso lo Spirito Santo, tanto da chiamare la sua famiglia monastica Fratelli dello Spirito Santo. Qui c è un richiamo immediato alla Pentecoste e, quindi, alla Chiesa Apostolica! Altro suo vanto fu la croce del Signore nostro Gesù Cristo, per mezzo della quale il mondo è stato crocifisso, come io per il mondo (Gal 6,14). Nel 1275, riunendo in Capitolo i suoi seguaci, condensò nel simbolo del nuovo Ordine questi due aspetti che contraddistinguevano la sua spiritualità: una Croce e una S (che indicava lo Spirito Santo). Sentendo la forte esigenza di seguire Cristo povero e crocifisso, Pietro fu attratto dalla contemplazione nella vita eremitica, desiderio che lo accomunava ai poveri montanari delle sue salubri terre molisane e abruzzesi i quali, a contatto con la natura, si sentivano istintivamente più vicini al Creatore. In solitudine, preghiera e ascesi si lasciò prendere totalmente dalla Parola di Dio che meditava giorno e notte, cercando di imprimere il vero senso evangelico nella sua vita. Conducendo una esistenza essenzialmente semplice, lontana dalle ipocrisie del vivere mondano, unica aspirazione sua e dei primi Fratelli dello Spirito Santo fu, quindi, di vivere nascosti con Cristo in Dio e, seguendo gli insegnamenti del santo padre Benedetto, di cui abbracciò la regola, salì tutti i gradini dell umiltà, convinto di quanto alcuni secoli più tardi, affermerà il grande san Filippo Neri (i santi son tutti uguali!): la nostra vita è come i due piatti della stadera, più ci abbassiamo nella nostra umanità, più ci eleviamo verso l Alto. Tuttavia, c è da sottolineare che egli non era un ingenuo, proprio perché i santi non si lasciano intrappolare dal fascino del vizio che attenta anche gli uomini di Chiesa, ne prendono le distanze, individuando, smascherando e, combattendone l autore: il diavolo, colui che ci separa da Dio e ci divide tra di noi. Il segreto della loro purezza sta nel costante spirito di orazione con cui tengono impegnata la loro mente. Così Pietro visse nella solitudine della Maiella. Nonostante la solitudine eremitica di cui si circondò, non mancarono di giungergli echi del disordine morale che coinvolgeva gli uomini di Chiesa, disorientando i semplici fedeli. Ma ciò che più lo contristava era il fatto che la Chiesa da oltre un anno non aveva il suo supremo pastore, il Vicario di Gesù Cristo sulla terra, a causa dei cardinali che, in seguito alla morte di Nicolò IV, avvenuta il 4 aprile 1292, per interessi per niente evangelici, non si accordavano sulla scelta del candidato. Essendo in gioco gli interessi di Dio, l austero Pietro non restò silente. Per questo, quale novello Giovanni Battista, dalla solitudine del deserto fece sentire la sua voce ai cardinali riuniti in Conclave a Perugia, predicendo gravi castighi se non si fosse provveduto subito alla scelta del successore del Pescatore di Galilea. La profezia fu inviata al cardinale decano, Latino Malabranca, il quale la presentò all attenzione degli altri porporati, proponendo il monaco eremita come Pontefice. Finalmente, dopo ventisette lunghi mesi, emerse dal Conclave, all unanimità, il nome di Pietro Angeleri del Morrone; era il 5 luglio La notizia dell elezione fu recata al monaco eremita da tre vescovi, nella grotta sui monti della Maiella, dove risiedeva. A questo punto sorge spontaneo un dubbio. E indiscutibile che la Chiesa è guidata dallo Spirito Santo, ma è pur vero che gli uomini che la compongono portano il peso delle conseguenze del peccato di origine, infatti solo nella Vita Eterna saranno senza ruga e senza macchia. Ora, come mai i cardinali, che per tanto tempo non erano riusciti a mettere da parte gli intrighi umani, ad un tratto si ritrovarono concordi? La risposta è duplice: o questi si erano lasciati toccare dalla luce divina che passava attraverso quest umile uomo, per niente esaltato - e questo vogliamo credere sia stato il movente della scelta fatta -, o la scelta era stata dettata da sentimenti più bassi. E cioè: Finalmente abbiamo 8 LA PERDONANZA

11 trovato la persona adatta che potremo manovrare come vogliamo!. Ma un altro dubbio ci tormenta. E possibile che il Nostro, proprio perché guidato dallo Spirito Santo, non mise dinanzi alla sua scelta queste perplessità, oltre che i suoi limiti, di cui era pienamente cosciente? La risposta è difficile da dare. Ai nostri giorni, anche Albino Luciani fu preso alla sprovvista; ma fu spinto ad accettare, incoraggiato da un confratello cardinale che gli sussurrò: Se il Signore da una croce, da anche la forza per portarla. Fu sicuramente così anche per il nostro Santo che da quel momento si chiamerà Celestino V e scelse per il giorno dell incoronazione il 29 agosto, giorno della memoria liturgica del martirio del Battista, suo particolare protettore. C è chi ha visto nella scelta di questa data una certa allusione: come Giovanni offrì la testa al carnefice pur di rimanere fedele alla Verità, che è Cristo Gesù, così Pietro del Morrone piegò la testa al giogo del Pontificato pur di salvare la Chiesa. Inizia così il suo servizio di Servo dei servi di Dio, titolo coniato secoli addietro dal suo predecessore Gregorio Magno. Ma subito si accorse che, con tutte le buone intenzioni e, nonostante l assistenza dall Alto, un agnello non poteva resistere a tanti lupi. Nella sua purezza evangelica era ignaro di dove potesse arrivare la scaltrezza di quanti lo circondavano; perfino i suoi monaci cominciavano a reclamare privilegi! Forse non aveva mai letto il De Consideratione che in precedenza san Bernardo aveva scritto per mettere in guardia il suo discepolo divenuto Pontefice, con il nome di Eugenio III. L anziano papa Celestino V riconosce che guidare la Chiesa Universale con tutte le responsabilità che essa comporta è tutt altra cosa che guidare il piccolo gregge di una famiglia monastica. Per questo, assalito dal tormento spirituale che, restando ancora in carica, avrebbe potuto fare del male alla Chiesa stessa, rischiando anche, di dannarsi personalmente, decise di ritornare sui suoi passi. Anche un altro santo Pontefice, Paolo VI, in un certo periodo burrascoso del suo pontificato stava maturando la stessa decisione, tanto che volle recarsi pellegrino a Monte Fumone per chiedere luce al Santo Predecessore presso il castello dove san Pietro Celestino aveva chiuso santamente i suoi giorni terreni il 19 maggio Celestino V, per discernere meglio la volontà di Dio, volle consultarsi anche in materia giuridica col massimo canonista del tempo, il cardinal Benedetto Caetani, il quale lo rappacificò interiormente, dicendo che quanto aveva intenzione di fare era lecito. Il 13 dicembre dello stesso anno 1294, dopo solo tre mesi dall assunzione dell incarico: mosso da ragioni legittime, per bisogno di umiltà, di perfezionamento morale e per obbligo di coscienza, per debolezza del corpo, per difetto di dottrina e per cattiveria del mondo, per l infermità della persona, depose dal capo la tiara col desiderio di continuare a seguire le sorti della Madre Chiesa nella preghiera assidua del tanto agognato ritiro eremitico, così come aveva fatto in passato. Anche Benedetto XVI, nell atto di rinuncia, ha precisato di voler continuare a servire la Chiesa: Non abbandono la LA PERDONANZA croce, ma resto in modo nuovo presso il Signore crocifisso nel servizio della preghiera nel recinto di San Pietro. Alla luce degli ultimi eventi, sembra un segno premonitore il gesto compiuto da Benedetto in quel 28 aprile 2009, nel giorno della sua andata a L Aquila, quando depose sull urna di san Celestino il Pallio da lui accolto sulle spalle nel giorno dell inizio del Pontificato. Così Pietro del Morrone, già Celestino V, si ritirò come nei giorni della giovinezza a cantare incessantemente le lodi al suo Dio, ma non nei luoghi a lui tanto cari, come avrebbe desiderato, ma, di fatto, prigioniero, per volontà del card. Caetani, divenuto suo successore col nome di Bonifacio VIII, il quale lo tenne sotto scorta, temendo che si facesse strumentalizzare, creando ulteriori scismi all interno della Chiesa. Ho menzionato poc anzi Paolo VI, pellegrino a Monte Fumone e Benedetto XVI a L Aquila nel 2009, in seguito al terribile sisma che devastò la terra di Abruzzo. Anche Giovanni Paolo II si recò pellegrino a Santa Maria di Collemaggio, per dire ancora una volta grazie a san Pietro Celestino, a nome di tutta la Chiesa, per la sua coraggiosa testimonianza di vita evangelica. Non dimentichiamo, inoltre, che perfino un laico, lo scrittore Ignazio Silone, affascinato dalla sua personalità, gli ha dedicato l ultima sua opera letteraria: L avventura di un povero cristiano. Chi è, allora, Pietro Celestino? Un poveruomo o un grande che ha fatto onore a Cristo e alla sua Chiesa? Come vero discepolo del Signore egli rientra nella profezia che il vegliardo Simeone rivolse a Maria Santissima, predicendo il futuro del figlio Gesù: Egli è segno di contraddizione! (cfr Lc 2, 34). Chi segue il Vangelo fino in fondo non potrà mai essere capito - tanto meno accettato! - da coloro che si lasciano guidare dalle categorie del mondo. Concludo con una forte provocazione che ho trovato di recente, leggendo un libro scritto da un frate domenicano che opera in terra di fede in prevalenza islamica. Racconta questo frate che un giorno fu fermato da un musulmano il quale gli disse: Io sono discepolo di Cristo. Al che rispose il frate: Forse vuoi dire che sei Cristiano?. No, rispose il musulmano, continuando il discorso: Quando un uomo si fa battezzare voi lo chiamate cristiano. Quando un battezzato frequenta la Messa festiva voi lo chiamate praticante. Quando un cristiano praticante osserva alla lettera le beatitudini proclamate da Gesù voi lo chiamate scemo!. San Pietro Celestino è uno di quei discepoli di Gesù che ha vissuto fino in fondo l avventura con il suo Maestro Divino, fino a passare per stolto agli occhi di coloro che credono di essere sapienti, perché, al dire dell apostolo Paolo, ha sposato la sapienza della Croce. Per questo, mentre - come alcuni ipoteticamente affermano - Dante lo colloca nell Inferno tra i vili per scontare la pena causata dal Gran rifiuto (Inferno, III, vv.59-61), voi, carissime figlie che seguite le sue sante orme, sentitevi, invece, fiere di tanto Padre. 9

12 LA MIA PERDONANZA di Rossana Pellegrino Anche quest anno si è ripetuto l atteso rito della Perdonanza. In tanti anni di vita a L Aquila ho visto rinnovarsi e modificarsi un rito tra il sacro ed il profano con forti accenti religiosi dal significato profondamente intenso e manifestazioni a volte discutibili. Eppure ho sempre cercato di esserci. Ho sfrondato dagli orpelli e cercato il senso di un avvenimento dal valore puro e difficile da cogliere e da accettare. Perdono. Da questa parola dal significato semplice ma dall applicazione estremamente difficoltosa, scaturisce un evento cittadino di rilevanza sociale e religiosa. Perdono, perdono, ha senso ora questa parola? Ora che questa città così fortemente offesa non riesce ancora a risollevarsi ed a ritrovare la coesione sociale che faciliti uno sforzo unico nella ripresa? Povero Celestino! L ho sentito tanto vicino, sfollato anche lui insieme a noi nel primo anno del nostro dopo, quando percorse il viale di Collemaggio portato a spalla dai Vigili del Fuoco, amici cari che ci hanno aiutato a sopportare i disagi; ho pregato, insieme ai miei concittadini, vicino alla sua teca posta ai piedi di un altare improvvisato nel prato dietro la Basilica, poi per un anno pellegrino in altre terre. Terremotato come noi, con la casa inagibile, avrei voluto che fosse rimasto qui, con noi, nella nostra città, a lavorare al nostro fianco, a stringere i denti per far andare avanti il lavoro; a vedere cosa fare per la nostra città, per la ricostruzione, per il futuro, per noi. Ho temuto che si allontanasse come tanti tesori preziosi che non rivedremo più, come tante attività, uffici, spazi, persone. Poi è tornato e con lui il suo messaggio: Perdono. Quest anno nel giorno della Perdonanza abbiamo visto sfilare dietro San Pietro Celestino, ancora una volta sfollato, tanti personaggi che ci rappresentano, queste persone saranno capaci di chiedere perdono? E tutti noi potremo perdonare le incapacità, i ritardi, i traffici, l uso politicizzato delle nostre disgrazie, la bramosia 10 LA PERDONANZA

13 di profitto a discapito di altri, le negligenze? Il perdono ha un senso antico o un senso nuovo, sconosciuto, arcano, ostico? Questa parola tanto facile da pronunciare è un concetto difficile, duro a volte incomprensibile. Il perdono impone una scelta, perché ciascuno di noi lo deve fare proprio e accettarlo e concederlo con un animo puro, libero e senza recriminazioni. Si chiede perdono a Dio ed al prossimo, si invoca per ciò che si è o non si è fatto e, soprattutto, si perdona. Ci si spoglia dell acredine e ci si presenta con animo puro al cospetto del Padre per invocare il perdono. E si perdona. Se è difficile chiederlo, il perdono è ben più difficile concederlo. E quando si dice di aver perdonato, resta a volte, nel fondo dell animo un amarezza invincibile. Potrà Celestino insegnarci a perdonare e sublimare il nostro dolore rendendoci lievi e facendoci sollevare verso l alto ed allontanare dalle miserie che ci circondano? Ci vorrebbe un miracolo, un miracolo di bene. Intanto aspettiamo che San Pietro Celestino torni a casa sua che è anche la nostra e dove desideriamo ritornare viandanti fiaccati da un viaggio lungo e faticoso. Dalla passeggiata del 2009 a quella di quest anno forse Celestino avrà notato tanti cambiamenti non solo nella città ma anche nei nostri visi; avrà letto nei volti le tante fatiche che quotidianamente come aquilani affrontiamo per superare le difficoltà per ricreare una realtà cittadina ed una vita nuova, diversa da quella che non potrà più tornare. E ci ha ricordato l invito nella sua casa, quella che non crolla, quella dello spirito, per farci accomodare ed offrirci qualcosa di buono. Sta a noi riuscire ad accettarlo e cercare di gustare il dono prezioso e sublime della nostra porzione di perdono. Il Beato Mariano torna a Roccacasale Dal 15 al 29 Settembre 2013 a Roccacasale sono state esposti i resti mortali del Beato Mariano. I resti, provenienti dall Eremo di Bellegra, hanno voluto lanciare a tutti i visitatori un messaggio di accoglienza e di ospitalità. L evento è stato patrocinato dal Sindaco di Roccacasale Domenico Spagnuolo e dal Presidente dell Associazione Fra Mariano Giovanni Commito con i suoi collaboratori Francesco Di Filippo, Angelo D Ascanio, Antonio Santangelo, Domenico Tirone, Antonio Anzellotti, Ettore Tollis ed Eva Santilli. Padre Nicola Macale e Padre Quirino nell Eremo di Bellegra. Partecipanti alla Cerimonia LA PERDONANZA 11

14 FUOCO DEL MORRONE di Floro Panti Si è svolto anche quest anno, dal 16 al 23 agosto il tradizionale appuntamento del FUOCO DEL MORRONE. La manifestazione, fin dal suo inizio curata dal Movimento Celestiniano, giunta alla 34^ Edizione, oltre ad essere stata alla base della rinascita della Perdonanza, ne ha segnato da sempre l inizio delle celebrazioni. Alcuni particolari momenti hanno contraddistinto l evento, nell anno settecentenario della Canonizzazione di S. Pietro Celestino V, sia all inizio del percorso, che all arrivo all Aquila. Dopo tre anni di divieto, grazie ai fondi stanziati dalla Provincia dell Aquila che hanno consentito gli interventi di messa in sicurezza di un costone pericolante a causa del terremoto del 2009, è stato possibile ritornare all Eremo di Sant Onofrio,dove al termine di una nutrita e sentita cerimonia religiosa officiata da S.E. Mons. Spina Vescovo di Sulmona, il Fuoco ha potuto riprendere da questa località il rituale consolidato percorso. All Aquila, all arrivo il 23 agosto, non ci è stato possibile invece rendere omaggio al Santo, in quanto la Basilica di Collemaggio era stata chiusa per gravi rischi di stabilità, tanto che tutte le celebrazioni successive legate alla Perdonanza, si sono svolte all aperto sul piazzale antistante. La tappa successiva che ha visto il Fuoco raggiungere la sede Municipale in un centro storico ancora gravemente ferito, è stata particolarmente significativa. Stante le notizie tragiche provenienti dal Medio Oriente, con numerose vittime civili in Egitto, l ultimo tedoforo che ha consegnato la fiaccola nelle mani del Sindaco dell Aquila Dott. Massimo Cialente è stato proprio un ragazzo Egiziano ospite del nostro centro di accoglienza celestiniano. S.E Mons. Spina vescovo di Sulmona officia la Santa Messa all Eremo di S. Onofrio Alcuni tedofori durante la celebrazione della Santa Messa all Eremo di S. Onofrio S.E. Mons. Spina - Vescovo di Sulmona accende il Fuoco del Morrone S. E. Mons Spina e Padre Quirino Salomone alla testa del Fuoco del Morrone S.E. Mons. Spina guida la processione verso Bagnaturo Le Autorità alla Chiesetta di S. Pietro Celestino di Bagnaturo Il saluto di Padre Quirino Salomone alla popolazione davanti alla Chiesa di S. Pietro Celestino I tedofori attraversano Bagnaturo per dirigersi a Sulmona Foto di gruppo dei partecipanti davanti alla Cattedrale di S. Panfilo a Sulmona 12 LA PERDONANZA

15 Il corteo storico accompagna il Fuoco in Sulmona Foto di gruppo dei tedofori al monumento a S. Pietro Celestino a Sulmona Il Fuoco viene ricevuto dalla Autorità a S. Francesco della Scarpa di Sulmona L indirizzo di saluto del Sindaco di Sulmona Ranalli Il Fuoco alla chiesa di S. Pietro Celestino di Pratola Peligna con l accensione della lampada del Cammino del Perdono L indirizzo di saluto del Sindaco di Pratola Peligna de Crescentis L accensione del tripode a Pratola Peligna La lettura della Pergamena delle Perdonanze da parte di F. Panti La benedizione del Fuoco alla Partenza da Castelvecchio Subequo Foto di gruppo alla Chiesa di S. Francesco a Castelvecchio Subequo Il Fuoco viene consegnato nelle mani del Sindaco di Molina Aterno Il Parroco di Molina Aterno Accende la Lampada del Cammino del Perdono in Chiesa Il Fuoco alla Chiesetta della Madonna della Sanità di Acciano La cerimonia religiosa e civile svoltasi all interno della Chiesetta della Madonna della Sanità di Acciano LA PERDONANZA I partecipanti alla cerimonia all interno della Chiesetta della Madonna della Sanità di Acciano 13

16 Il Fuoco sull erta della salita verso Acciano I Giovani di Roccapreturo di Acciano trasportano Il Fuoco a Beffi di Acciano il Fuoco Il Parroco di Beffi di Acciano Benedice il Fuoco L arrivo del Fuoco a Santa Maria del Ponte di L Accensione del tripode a Santa Maria del Ponte Tione degli Abruzzi di Tione degli Abruzzi Il Fuoco scortato dal Gruppo Storico della Perdonanza Celestiniana arriva alla Chiesa di Santa Maria di Centurelli il Fuoco a Santa Maria di Centurelli a Caporciano L Arrivo del Fuoco nella Chiesa di Onna I ragazzi di Onna alla ripresa del cammino del Fuoco Il Fuoco lascia Onna per l ultimo tratto del Cammino fino a L Aquila Il ragazzo Egiziano Yones Mahmoud Ahmed saluta la folla all arrivo del Fuoco a P.za Palazzo a L Aquila La consegna del Fuoco nelle mani del Sindaco dell Aquila Massimo Cialente Il Fuoco del Morrone Agosto LA PERDONANZA

17 di Floro Panti Nell ambito dei festeggiamenti programmati per il Settimo Centenario della Canonizzazione di S. Pietro Celestino V, nella Chiesa di Santa Maria di Centurelli - Madonna del Buon Cammino, ubicata a Caporciano a pochi chilometri dall Aquila, importante e antico sito Celestiniano posto sul Ttratturo Magno L Aquila - Foggia, si sono svolte domenica 12 maggio alcune importanti celebrazioni. Dopo un anno di lavoro di restauro, curato dalla Soprintendenza, è stato riportato all antico splendore il grande affresco ( 5 x3m ) della SS. Trinità risalente al Il bel lavoro effettuato dalla restauratrice Berta Di Giacomantonio, ha fatto emergere anche importanti particolari che con l incuria del tempo e i danni del terremoto stavano per essere definitivamente perduti. E stato fra l altro possibile risalire almeno in parte all autore dell affresco che, secondo quanto risulta dall iscrizione posta in calce, è proveniente da Beffi, quasi a confermare l esistenza in quella località dell Abruzzo Aquilano, in considerazione della celeberrima pala del Trittico di Beffi, di una perdurante nei secoli tradizione pittorica. Non meno importanti e significative sono state le altre cerimonie. Santa Maria di Centurelli è da anni la sede del Movimento Celestiniano nella quale si procede all investitura dei Cavalieri di Celestino e, proprio in questa circostanza, sono stati nominati altri sei nuovi Cavalieri: Valentina Picchioni, Anna Paola Vespa, Andrea Di Giallonardo, Antonella Di Gregorio, Valerio Dell Olio, Luigi Di Massa, ai quali dopo il solenne giuramento, sono state conferite le insegne. Infine, Padre Quirino Salomone ha benedetto i pellegrini: Floro Panti, Agostino Mattei, Domenico Foligno, Manuela Di Cuollo e Genny Caccia in partenza per il tragitto inaugurale a piedi del Cammino del Perdono, che sarebbe poi iniziato da Sant Angelo Limosano per proseguire per oltre 200 chilometri sulle orme di Pietro del Morrone, fino a raggiungere la Basilica di Collemaggio dell Aquila dopo sette giorni. LA PERDONANZA 15

18 16 LA PERDONANZA

19 LA PERDONANZA 17

20 di Marcello Nissi Tranquilli!! Se oggi ci riesco, non vi parlerò dei parassiti che stanno distruggendo il mondo ma di coloro che fanno di tutto per salvarlo. Lo scorso 31 agosto si è svolta, da Celano a Castelvecchio Subequo, la prima MARCIA PER IL CREATO. Un altro tassello è stato aggiunto al progetto SAN FRANCESCO CUSTODE DEL PARCO. Ricordate? Nel 2008, rappresentanti del Parco Sirente-Velino, della Regione Abruzzo e dell Ordine dei Frati Minori, nominarono San Francesco D Assisi custode del Parco Sirente-Velino. Da allora, con l aiuto dei comuni e di tutte le direzioni didattiche interessate, sono state portate a termine molte iniziative finalizzate alla conoscenza e alla difesa dell ambiente. La prima MARCIA PER IL CREATO, organizzata dalla Regione Abruzzo, dal Parco Sirente-Velino, dal C.A.I., dai comuni di Celano, Aielli, Collarmele, Gagliano Aterno e Castelvecchio Subequo, ha visto la partecipazione entusiasta di centinaia di persone di ogni età che hanno potuto scegliere di percorrere tratti di 27, 21, 18 o solo 4 Km. I sentieri montani valicati con l aiuto degli specialisti della Forestale e del C.A.I., sono gli stessi che percorse molte volte lo stesso Francesco D Assisi per raggiungere, da Celano, il Convento di Castelvecchio Subequo. Mentre mi gustavo la marcia tra il verde della Marsica e della Valle Subequana, pensavo a quali impegni dovremmo sostenere tutti noi, nessuno escluso, per rendere il mondo migliore; l attenzione é grande ma è evidente che siamo una minoranza a desiderarlo e i Parchi naturali mi sembrano sempre di più delle piccole isole felici che fanno molta fatica a difendersi dall onta delle scelte globali che hanno ridotto per i soli fini economici il mondo intero ad una discarica. Percorrevo la via di Francesco e pensavo in pace con me stesso che alla bellezza della natura non ci si abitua mai. La tranquillità che trasmette è assoluta. Sarebbe bello se la tranquillità e la pace diventassero dei virus contagiosi. La consapevolezza di quello che sta accadendo nel mondo è diventata una minaccia che si rinnova quotidianamente. Il pensiero è scivolato ad alcuni giorni prima, quando a Damasco per ordine del criminale di turno erano state sterminate 1300 persone, in prevalenza donne e bambini, utilizzando bombe chimiche, gas letale come si fa per le demuscazioni. L imposizione del potere. L annessione di un territorio. E la storia si ripete: Curdi sterminati in Iraq con i gas nervini da Alì il chimico su ordine di Saddam oppure stragi compiute durante l ultima guerra con lo stesso metodo e ferocia da noi Italiani in Etiopia su ordine di Badoglio. Adesso: chi ha messo gli occhi sulla Siria? Chi è il vero mandante della strage? C e chi vuole dare una lezione ad Assad; i sovrani della guerra già si sfregano le mani pensando ai costi degli interventi armati, alle future ricostruzioni, agli aiuti umanitari, ai prestiti finanziari, al cospicuo ritorno economico. Siamo come dei bambini; dobbiamo stare alla larga perché gli adulti stanno lavorando. Le guerre, anche quelle alle quali partecipiamo oggi come missionari di pace, vengono magistralmente programmate e accese facendole gravare nel piano economico. Parte dei nostri debiti sono riconducibili a queste manovre. Mi viene da sorridere quando penso che tra le accise sui carburanti, dal 1935, ancora stiamo pagando quella per il finanziamento della guerra di conquista dell Abissinia. Globalizzati, mano nella mano, in un girotondo dove ci ritroviamo tutti giù per guerra. Lo spread sale!! lo spread scende!! La gente del nostro territorio, già provata dal terremoto del 2009, sta fronteggiando una grande recessione economica mondiale; le conseguenze che subisce l Italia sono 18 LA PERDONANZA

720^ PERDONANZA 35 FUOCO DEL MORRONE IL CAMMINO DEL PERDONO AQUILANO Eremo del Morrone - Sulmona - L Aquila Programma 16-23 Agosto 2014

720^ PERDONANZA 35 FUOCO DEL MORRONE IL CAMMINO DEL PERDONO AQUILANO Eremo del Morrone - Sulmona - L Aquila Programma 16-23 Agosto 2014 Ore 21,30 720^ PERDONANZA 35 FUOCO DEL MORRONE IL CAMMINO DEL PERDONO AQUILANO Eremo del Morrone - Sulmona - L Aquila Programma 16-23 Agosto 2014 sabato 16 agosto - perdonanza morronese CHALET DELL EREMO

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità

COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA. Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità PRINCIPI GENERALI DELLA COMUNITÀ DI VITA CRISTIANA Preambolo Il nostro carisma Vita e organizzazione della Comunità Dio ci ama e ci salva L'azione dello Spirito Una storia di grazia PRINCIPIGENERALIDELLACOMUNITÀ

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

IL PERDONO DI ASSISI

IL PERDONO DI ASSISI IL PERDONO DI ASSISI Il Perdono di Assisi è una manifestazione della Misericordia infinita di Dio e un segno della passione apostolica di San Francesco Indulgenza della Porziuncola 2 AGOSTO Festa della

Dettagli

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI

IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Corso Scegli Gesù SG01 Lezione 1 IL LIBRO PER L UOMO D OGGI Troppo difficile? Antiquato? Solo per persone molto religiose? No! Ti dimostreremo che sono solo pregiudizi. LA NOSTRA GENERAZIONE È INSICURA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese

Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese Scuola dell Infanzia Sacra Famiglia Via Roma,7 Arese RIFERIMENTI LEGISLATIVI DAGLI ORIENTAMENTI PER IL CONTRIBUTO AI PIANI PERSONALIZZATI DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DI INSEGNAMENTO DI RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat

NOVENA DI NATALE le letture antifone maggiori del Magnificat NOVENA DI NATALE I testi liturgici che preparano alla Solennità del Natale del Signore sono densi di una ricchezza notevole. La tradizionale Novena di Natale sorge proprio per colmare la difficoltà dei

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino?

RITI DI ACCOGLIENZA. Che nome date al vostro bambino? RITI DI ACCOGLIENZA DIALOGO CON I GENITORI E I PADRINI Celebrante: Genitori:... Che nome date al vostro bambino? Celebrante: Per... che cosa chiedete alla Chiesa di Dio? Genitori: Il Battesimo. Celebrante:

Dettagli

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010

II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 per l Omelia domenicale a cura del Vescovo Mons. Vincenzo Bertolone II Domenica dell Avvento 5 dicembre 2010 Un cammino di conversione Introduzione In questa II Domenica d Avvento incontriamo due dei più

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO

PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PROGETTAZIONE ANNUALE SCUOLA PRIMARIA ANNO SCOLASTICO 2013 2014 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE VERBICARO PLESSO: PANTANO CLASSI: 1ª 2ª 4ª 5ª PLESSO: ORSOMARSO CLASSI: 1ª 2ª 5ª DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI

TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI TEMI PRINCIPALI DEI MESSAGGI PREGHIERA E IL S. ROSARIO N.B. Queste apparizioni della Madre di Dio non sono ancora state né approvate né smentite dalla Santa Sede. E stata costituita dalla Chiesa una commissione

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Reverendo Arciprete, Reverendo Vicario Foraneo, Reverendi Padri. Carmelitani, Parroci e Clero tutti, Autorità Civili e Militari,

Reverendo Arciprete, Reverendo Vicario Foraneo, Reverendi Padri. Carmelitani, Parroci e Clero tutti, Autorità Civili e Militari, Reverendo Arciprete, Reverendo Vicario Foraneo, Reverendi Padri Carmelitani, Parroci e Clero tutti, Autorità Civili e Militari, concittadini carissimi; permettetemi, anzitutto, di rivolgere un pensiero,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 25 gennaio 2015 S. Famiglia ore 18.00 18.00 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare della Festa

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa.

22 febbraio 2013. Nel periodo della purificazione si assume un maggiordomo, che ha il compito di sorvegliare la casa. 1 22 febbraio 2013 Sesto incontro Introduzione Nella Teologia Spirituale troviamo tre tappe per la crescita dello spirito. Nella Religione Cattolica le tre dimensioni sono: la purificazione, l illuminazione,

Dettagli

I. Celebrazione del battesimo

I. Celebrazione del battesimo I. Celebrazione del battesimo Obiettivi Siamo al momento culminante della prima fase della pastorale pre e post battesimale. Dopo il cammino che ha coinvolto i genitori e ha interessato la comunità cristiana,

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Catholic Fraternity of Charismatic Covenant Communities. Santa Maria in Trastevere, 17 maggio 2013. Eucaristia. Saluto e introduzione

Catholic Fraternity of Charismatic Covenant Communities. Santa Maria in Trastevere, 17 maggio 2013. Eucaristia. Saluto e introduzione Card. Stanisław Ryłko Presidente Pontificio Consiglio per i Laici Città del Vaticano Catholic Fraternity of Charismatic Covenant Communities Santa Maria in Trastevere, 17 maggio 2013 Eucaristia Saluto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015

PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 Scuola Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE FRATELLI CASETTI CREVOLADOSSOLA (VB) WWW.iccasetti.gov.it PROGRAMMAZIONE ANNUALE a. s. 2014-2015 RELIGIONE CATTOLICA COMPETENZE CHIAVE - competenze sociali

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO

SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO SCUOLA DELL INFANZIA PARROCCHIALE Madonna di Fatima Via Don Pietro Cozza GAZZOLO D'ARCOLE (VR) IRC: I DONI DI DIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 L insegnamento della Religione Cattolica, IRC, nella scuola dell

Dettagli

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto.

4. La celebrazione ha inizio presso una chiesa sussidiaria o un luogo adatto. GIUBILEO DELLA MISERICORDIA RITO DI APERTURA NELLE PARROCCHIE _ PREMESSE 1. L Ufficio Liturgico Diocesano in occasione del Giubileo della Misericordia ha predisposto una celebrazione di apertura per le

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Natale del Signore - 25 dicembre

Natale del Signore - 25 dicembre Natale del Signore - 25 dicembre La Messa della notte sviluppa il tema di Gesù luce e pace vera donata agli uomini ( colletta); viene commentata attraverso una lettura tipologica la nascita di Gesù con

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli