Capitolato Tecnico. Progetto per l'evoluzione della MAN dell'università degli Studi di Perugia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Capitolato Tecnico. Progetto per l'evoluzione della MAN dell'università degli Studi di Perugia"

Transcript

1 Capitolato Tecnico Progetto per l'evoluzione della MAN dell'università degli Studi di Perugia Pag. 1 di 29

2 Indice 1 Premessa Oggetto della gara Descrizione Caratteristiche della fornitura Fibra spenta Manutenzione della fibra spenta e SLA (Service Level Agreement) Apparati di rete Manutenzione degli apparati Aspetti contrattuali Penali Schema presentazione offerte Presentazione dell'offerta tecnica Presentazione dell'offerta economica Criteri di aggiudicazione Pagamenti, revisione prezzi, spese di contratto A. Sedi da collegare A.1 Mappa geografica A.2 Elenco sedi...14 B. Requisiti Tecnici - fibra ottica B.1 Fibra spenta...15 B.2 Installazione...17 B.3 Manutenzione...17 B.4 Livello di servizio e disponibilità (SLA)...18 B.5 Reports...18 C. Requisiti Tecnici - apparati di rete C.1 Caratteristiche...19 C.2 Installazione...22 C.3 Manutenzione e livello di servizio e disponibilità (SLA)...22 C.4 Accesso alle apparecchiature...24 C.5 Servizio di formazione del personale e training on the job Appendice D...25 Scheda dati tecnici fibra ottica Appendice E Relazione requisiti tecnici apparati di rete...26 Relazione valutazione offerta tecnica Pag. 2 di 29

3 1 Premessa L'Università degli Studi di Perugia nell'obiettivo di razionalizzare, ottimizzare, migliorare ed integrare i collegamenti dati con il sistema di telefonia intende aggiornare i circuiti per la trasmissione dati tra le principali sedi universitarie presenti nella città di Perugia. Tale obiettivo è la base per future implementazioni di servizi a valore aggiunto e permetterà inoltre di mettere a disposizione dei Dipartimenti e gruppi di lavoro sufficiente capacità di comunicazione e sufficiente garanzia per la funzionalità del servizio. 2 Oggetto della gara L'appalto in oggetto nel suo complesso riguarda: l'acquisizione di fibra ottica spenta, concessa al committente in uso esclusivo irrevocabile (I.R.U.) per un periodo non inferiore a 15 anni, fermo restando l'importo posto a base d'asta. La fibra per la quale verranno richiesti anche i servizi di manutenzione, verrà utilizzata per la realizzazione di una rete metropolitana per le strutture universitarie presenti nella città di Perugia; la fornitura dei dispositivi per la trasmissione dati utilizzati per la comunicazione in rete. Il corrispettivo a base d'asta, comprensivo della fibra ottica, degli apparati di rete e dei servizi di manutenzione e supporto, è di ,62 (cinquecentoventottomilanocentoventicinque/62) oltre IVA. 3 Descrizione Il presente appalto è volto all'acquisizione di fibra ottica spenta necessaria per la realizzazione di una rete ottica metropolitana. Tali collegamenti dovranno supportare velocità pari a 10Gbps e compatibili con tecnologie xwdm per future evoluzioni della rete stessa. I concorrenti oltre a fornire quanto indicato nel presente documento possono offrire ulteriori percorsi della fibra variando e migliorando la topologia di rete. La scelta avrà, conseguentemente, implicazioni sia per quanto riguarda le caratteristiche dei dispositivi che il committente dovrà necessariamente fornire, sia per quanto riguarda il livello di servizio ottenibile. Gli apparati di rete, che fanno parte del suddetto appalto, dovranno avere caratteristiche tali da garantire ampia disponibilità di banda e quanto più possibile continuità di servizio. La soluzione proposta sarà dunque valutata sia in termini di costo che in termini di caratteristiche tecniche e di operatività di rete. 4 Caratteristiche della fornitura Pag. 3 di 29

4 4.1 Fibra spenta E' richiesta la fornitura di una o più coppie di fibre ottiche monomodali che interconnettano le sedi indicate nell'appendice A.2 Elenco sedi. Per ogni collegamento è richiesto almeno una coppia di fibre ottiche monomodali punto-punto (tratta) ad uso esclusivo e senza alcun dispositivo ottico frapposto, fatta eccezione, eventualmente, per i giunti meccanici ed i pannelli di attestazione. I criteri di progettazione di seguito esposti devono essere considerati indicativi e non costituiscono elementi obbligatori dell'offerta presentata. Saranno valutate favorevolmente le offerte tecniche che prevedono che: le sedi risultino connesse in doppia via per la realizzazione di una maggiore ridondanza funzionale. Siano ridotte al minimo le sovrapposizioni dei percorsi delle fibre per i collegamenti dei poli/nodi. I collegamenti minimi che si dovranno realizzare sono: 1. Polo Ingegneria Polo Silvestrini 2. Polo Silvestrini Polo Pallotta 3. Polo Pallotta Polo Giochetto 4. Polo Giochetto Polo Conca 5. Polo Conca Polo Umanistico Eventuali ulteriori collegamenti posso essere offerti e saranno oggetto di valutazione della commissione tecnica. Eventuali offerte di più fibre per la stessa tratta verranno valutate solo se realizzate in doppia via. Nell'appendice B. Requisiti Tecnici - fibra ottica sono descritte in dettaglio le caratteristiche tecniche richieste per la fibra ottica. 4.2 Manutenzione della fibra spenta e SLA (Service Level Agreement) Lo scopo del servizio di manutenzione è il mantenimento in perfetta efficienza dell'infrastruttura e del cavo di fibra ottica, garantendo la continuità e la regolarità del servizio per il committente, prevedendo le potenziali cause di danneggiamento ed eseguendo il ripristino in caso di guasto o deterioramento della coppia in fibra concessa in uso. L'aggiudicatario dovrà farsi carico della manutenzione di ogni tratta in fibra ottica offerta garantendo il livello di servizio contrattualmente previsto per ogni collegamento punto-punto fra ogni coppia di sedi connesse. In caso di intervento non programmato, il concorrente dovrà agire completando la riparazione nel minor tempo possibile. Pag. 4 di 29

5 Nell'appendice B. Requisiti Tecnici - fibra ottica sezioni B.3 Manutenzione e B.4 Livello di servizio e disponibilità (SLA) sono riportate le indicazioni per l'offerta applicabile alla fibra spenta, che verrà valutata dalla commissione in base alla loro ricaduta diretta sulla disponibilità dell'infrastruttura, secondo i criteri presenti, nel paragrafo 8. In caso di mancata osservanza dei tempi di ripristino della funzionalità della fibra ottica verranno applicate le clausole riportate nel paragrafo 6 Penali. 4.3 Apparati di rete Si intende chiarire che la soluzione proposta dovrà essere composta da apparati del medesimo marchio. Uniformità tecnologica della soluzione proposta Si richiede che tutti gli apparati proposti dal Fornitore appartengano alle medesime piattaforme trasmissive. Per ogni tipologia di apparati è richiesta l uniformità tecnologica in termini di funzionalità, di omogeneità operativa e livello di prestazione raggiungibile. Vincoli per la fornitura Si richiede la fornitura ed installazione minima di n. 5 (cinque) apparati di rete con le caratteristiche minimali indicate nell'appendice C. Requisiti Tecnici - apparati di rete. Le caratteristiche di ridondanza o soluzioni ridondanti, che non sono elementi obbligatori della presente offerta, se presenti ed adeguatamente dettagliati nell'offerta tecnica migliorativa saranno valutati dalla commissione. Se presenti ulteriori offerte di fibre che interconnettano le sedi creando forme di ridondanza della rete queste possono essere collegate alla velocità che il fornitore ritiene più opportuno e saranno oggetto di valutazione della commissione tecnica. Onde evitare forniture di licenze software non autorizzate ed apparati non originali o rigenerati o usati o provenienti da canali non autorizzati, Il committente si riserva la possibilità di richiedere opportune verifiche per documentarne l origine, a conferma delle necessarie certificazioni sulla genuinità, provenienza e garanzia dal produttore stesso, attraverso le sue sedi in Italia. Il servizio di formazione del personale e training on the job se offerto è da includersi come elemento migliorativo del progetto e sarà valutato dalla commissione tecnica. Nel paragrafo C.5 Servizio di formazione del personale e training on the job è descritta la modalità base per l'erogazione del suddetto servizio. Pag. 5 di 29

6 4.4 Manutenzione degli apparati Lo scopo del servizio di manutenzione è il mantenimento in perfetta efficienza della parte attiva dei collegamenti. L'aggiudicatario dovrà farsi carico della manutenzione di ogni apparato attivo offerto garantendo il livello di servizio contrattualmente previsto. Gli apparati oggetto del servizio di manutenzione, sono da intendersi all-in-one, cioè completi di tutte le loro componenti necessarie alla loro piena funzionalità (a titolo di esempio: chassis, alimentatori, moduli ottici, schede/moduli di I/O e dispositivi di memorizzazione di massa esterni). Il servizio obbliga l Impresa aggiudicataria, in caso di malfunzionamento, a ripristinarne la piena funzionalità. Per malfunzionamento si intende qualsiasi anomalia funzionale che direttamente o indirettamente, provochi l interruzione o la non completa disponibilità del servizio all utenza e, in ogni caso, ogni difformità nel funzionamento delle apparecchiature. Nell'appendice C. Requisiti Tecnici - apparati di rete sono riportate le informazioni sulla manutenzione degli apparati di rete e le indicazioni per una eventuale offerta migliorativa, applicabile ai dispositivi, che verrà valutata dalla commissione in base alla ricaduta diretta sulla disponibilità del servizio, secondo i criteri presenti, nel paragrafo 8. In caso di mancata osservanza dei tempi di ripristino della funzionalità dei dispositivi verranno applicate le clausole riportate nel paragrafo 6 Penali. 5 Aspetti contrattuali Considerazioni generiche Il committente si riserva il diritto di non aggiudicare il presente appalto. Tutte le spese relative alla partecipazione all'appalto saranno a carico dei partecipanti. Le offerte devono essere valide ed immutabili per 180 gg. consecutivi a decorrere dalla scadenza del termine per la presentazione delle offerte. I tempi per il pagamento dell'importo contrattuale nelle modalità previste nel paragrafo 9 partirà a decorrere dal collaudo finale esperito con esito positivo. Durata del contratto L acquisizione della fibra ottica spenta avverrà tramite la formula del diritto irrevocabile d uso (IRU) per una durata minima di 15 anni. Maggiori durate potranno essere proposte nell'offerta tecnica migliorativa e soggetta alla valutazione della commissione. Il periodo contrattuale per l IRU decorrerà dalla data del collaudo finale, esperito con esisto positivo, secondo quanto previsto nel punto termini per il collaudo. Analogamente anche per gli apparati di rete i termini per le garanzie avranno inizio dalla data del collaudo finale. Riserve I concorrenti sono tenuti a dichiarare se sussistono restrizioni d uso su quanto offerto che possano influire sulla fruibilità del servizio da parte di enti pubblici. In caso ciò avvenisse le limitazioni Pag. 6 di 29

7 influiranno sul punteggio tecnico come previsto nel criterio di aggiudicazione. Presa in consegna dei collegamenti ultimati I termini di consegna richiesti sono definiti nel paragrafo 8 Criteri di aggiudicazione- punto b; I concorrenti possono riformulare, nell'offerta tecnica, i termini di consegna, con conseguente riformulazione del punteggio; Non verranno prese in considerazione offerte con consegna dei lavori oltre i 180 giorni solari consecutivi. Il committente si riserva di prendere in consegna parzialmente le forniture (collegamenti) appaltate subito dopo l'ultimazione dei lavori e comunque successive al collaudo parziale. Qualora il committente si avvalga di tale facoltà, che viene comunicata all appaltatore per iscritto, lo stesso appaltatore non può opporvisi per alcun motivo, né può reclamare compensi di sorta. L'appaltatore è comunque obbligato a mantenere funzionanti le forniture con collaudo parziale nei termini e modi previsti nella manutenzione e negli SLA. Termini per il collaudo Per il collaudo delle fibre ottiche l'aggiudicatario dovrà mettere a disposizione del committente una relazione che soddisfi le indicazioni presenti al punto B.1 Fibra spenta Il collaudo per gli apparati di rete si intende positivo quanto è riscontrata la corrispondenza con quanto offerto in termini hardware, software e di funzionalità. I collaudi parziali della fibra ottica saranno effettuati qualora il Committente manifesti per iscritto all'appaltatore la volontà di prendere in consegna le forniture per le quali sono ultimati i lavori. Entro 20 giorni dalla comunicazione verrà effettuato il suddetto collaudo nelle modalità precedentemente indicate e farà parte integrante del collaudo finale. Il collaudo finale sarà effettuato entro 30 giorni dalla comunicazione per iscritto di pronti al collaudo da parte dell aggiudicatario. Saranno effettuati i collaudi della fibra ottica secondo le modalità indicate precedentemente. Qualora il committente abbia effettuato collaudi parziali, tale documentazione farà parte integrante del collaudo finale. Per gli apparati attivi sarà verificata la corrispondenza sia in termini hardware e software di quanto installato con quello offerto. Saranno poi effettuati test di funzionamento dell'intero circuito verificando le funzionalità di convergenza del sistema in caso di fault di un collegamento o di un dispositivo. 6 Penali Penali in caso di ritardo Nel caso di mancato rispetto dei termini offerti per la fornitura di fibra ottica e/o degli apparati di rete, non imputabile al committente, per ogni giorno naturale consecutivo di ritardo, verrà applicata una penale pari al 0,5 (0 virgola 5 per mille) dell importo netto di aggiudicazione Il fornitore sarà considerato in ritardo rispetto ai termini contrattualizzati anche nel caso in cui esegua la fornitura e/o le attività in modo anche solo parzialmente difforme dal capitolato tecnico e/o dall'offerta tecnica. Pag. 7 di 29

8 La penale di cui al punto sarà detratta dall'importo contrattuale L importo complessivo della penale irrogata non può superare il 10% (dieci per cento) dell importo contrattuale. Qualora il ritardo sia tale da comportare una penale di importo superiore alla predetta percentuale trova applicazione l istituto della risoluzione del contratto per grave ritardo L applicazione della penale di cui al presente articolo non pregiudica il risarcimento di eventuali danni o ulteriori oneri sostenuti dal committente a causa del ritardo. Penali per il mancato rispetto degli SLA In caso di mancato rispetto dei termini dell accordo di SLA saranno riconosciuti i seguenti oneri per disservizio. Per la fibra ottica: % per ogni ora di ritardo rispetto al limite massimo di ripristino stabilito dallo SLA calcolati sull'importo annuale del canone Nel caso in cui in un anno solare il livello di disponibilità, di una singola tratta, dovesse scendere sotto il 99% verrà applicata una penale pari al 30% dell'importo annuale complessivo del canone di manutenzione di tutte le connessioni. Per gli apparati di rete: In caso di ritardo rispetto ai tempi di ripristino del normale funzionamento, sarà applicata una penalità nella misura di 200,00 ogni 12 ore nella finestra temporale indicate nello SLA1. Se il mancato ripristino sarà superiore ai 10 giorni solari, il suddetto Ateneo si riserva la facoltà di risolvere il contratto Nel caso di offerta migliorativa dello SLA la penali al punto sarà incrementata del 20% Nel caso di ritardo nella riparazione simultanea di più componenti anche in sedi diverse, la penale verrà calcolata per ogni componente. Penale nel caso di non corrispondenza della lunghezza delle sovrapposizioni della fibra Per ogni tratta si applica la suddetta penale solo nel caso in cui la lunghezza delle sovrapposizioni della fibra dichiarata in fase di collaudo e' superiore alla lunghezza delle sovrapposizioni dichiarata in fase di gara. Se la differenza e' superiore al 10% della lunghezza della tratta considerata si applicheranno 500,00 ogni cinque punti percentuali di scarto. Disapplicazione delle penali È ammessa, su motivata richiesta dell'appaltatore, la totale o parziale disapplicazione della penale, quando si riconosca che il ritardo non è imputabile all'impresa, La disapplicazione non comporta il riconoscimento di compensi o indennizzi all'appaltatore. Iter procedurale per l irrogazione delle penali L'applicazione delle penalità sarà preceduta da regolare contestazione dell'inadempienza, verso cui la Società avrà facoltà di presentare le proprie controdeduzioni entro e non oltre 10 (dieci) giorni dal ricevimento della comunicazione di contestazione inviata dall'università. In caso di assenza o di non accoglimento delle controdeduzioni, l'università procederà all'applicazione delle penali. E' fatto salvo il diritto dell'università al risarcimento dell'eventuale ulteriore danno. Pag. 8 di 29

9 7 Schema presentazione offerte 7.1 Presentazione dell'offerta tecnica I fornitori devono presentare l'offerta tecnica redatta in lingua italiana in risposta al bando per la partecipazione al presente appalto. Solo in seguito alla valutazione tecnica positiva da parte della Commissione, sulla base dei criteri definiti nel paragrafo 8, sarà valutata l'offerta economica. L Offerta Tecnica di ciascun fornitore dovrà essere articolata nel seguente modo: relazione descrittiva che riassuma le principali caratteristiche dell'offerta tecnica; relazione descrittiva su facsimile dell'appendice E Modello 1 che riporti le caratteristiche tecniche indicate nell'appendice C. Requisiti Tecnici - apparati di rete per i punti che vanno da C.1.1. a C L'assenza di una sola caratteristica e' motivo di esclusione; relazione che descriva punto per punto quanto indicato nel paragrafo B.1 Fibra spenta con particolare attenzione ai punti B.1.7. e B.1.8.; relazione descrittiva su facsimile dell'appendice E Modello 2 che descriva l'offerta tecnica ai fini dell'assegnazione del punteggio tecnico. 7.2 Presentazione dell'offerta economica L Offerta Economica del Fornitore dovrà essere redatta in lingua italiana secondo lo schema presente nel Disciplinare di gara. Tutte le indicazioni numeriche dovranno essere espresse in cifre ed in lettere, senza abrasioni o correzioni di sorta. In caso di discordanza tra quelle in cifre e quelle in lettere sarà ritenuta valida quella in lettere. 8 Criteri di aggiudicazione L aggiudicazione sarà effettuata con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, attribuendo a ciascun concorrente un punteggio tecnico fino ad un massimo di 65 punti ed un punteggio economico fino ad un massimo di 35 punti. Risulta aggiudicataria l Impresa che, sommando i punti della offerta tecnica all'offerta economica, avrà ottenuto il valore massimo. Per il calcolo dell'offerta economicamente più vantaggiosa si farà riferimento a quanto previsto nel DPR 207/2010 Allegato P punto II). In particolare per le valutazioni di tipo qualitativo sarà applicato il punto a) 4. che riporta la media dei coefficienti attribuiti discrezionalmente dai singoli commissari.. Per le valutazioni di tipo quantitativo (sempre con riferimento a quanto previsto nel DPR 207/2010 Allegato P punto II), si utilizza la formula V(a) i =R(a)/R MAX dove V(a) i è il coefficiente della prestazione dell'offerta (a) rispetto al requisito (i) variabile tra 0 e 1; R(a) è il valore offerto dal concorrente (a) e R MAX è il valore dell'offerta più conveniente. Pag. 9 di 29

10 Eventuali valori decimali saranno arrotondati alla terza cifra nel seguente modo: se la quarta cifra è uguale o superiore a 5, l'arrotondamento al centesimo va effettuato per eccesso (10,9555 arrotondato diventa 10,956) se la quarta cifra è inferiore a 5, l'arrotondamento va effettuato per difetto (10,9552 arrotondato diventa 10,955). Offerta tecnica: fino a 65 punti, con i seguenti sottopunteggi: a) Oltre la quinta tratta in fibra ottica per ogni ulteriore collegamento offerto si assegneranno 1,5 punti fino ad un massimo di 7,5 punti. Sono esclusi i collegamenti in doppia via ed il collegamento polo Conca con polo Ingegneria. b) Non verrà assegnato punteggio aggiuntivo qualora la consegna delle connessioni avvenga secondo lo schema seguente, espresso in giorni naturali consecutivi: b.1) 60% del numero dei collegamenti entro 120 giorni dalla stipula del contratto. b.2) 100% del numero dei collegamenti entro 180 giorni dalla stipula del contratto b.3) consegna ed installazione degli apparati di rete entro la scadenza di cui al precedente punto b.1). Schemi di consegna più favorevoli alla stazione appaltante verranno valutati nel seguente modo: - punti 0,25 ogni 15 giorni che migliorano i tempi di consegna relativi ai punti b.1) e b.2) fino ad un massimo di 2,5 punti. c) Si assegnerà 1 punto per ogni sede connessa in doppia via 1 fino ad un massimo di 5 punti. d) Fino a 2,5 punti per le offerte che riducono al minimo le sovrapposizioni dei percorsi 2. Tali punti saranno assegnati nel seguente modo: assegnazione del massimo dei punti all'offerta con la quantità (espressa in km) minima di sovrapposizioni, zero all'offerta con la quantità (espressa in km) massima ed in proporzione le altre. e) Si assegneranno 2,5 punti se l'offerta comprende anche la tratta tra il polo Conca e polo Ingegneria. f) Fino ad un massimo di 8,5 punti per le condizioni generali dell'offerta di fibra ottica, della manutenzione ed assistenza da assegnare ad insindacabile e motivato giudizio della commissione in base ai requisti elencati nel paragrafo B.1 Fibra spenta alle informazioni prodotte come indicato nei paragrafi B.3 Manutenzione e B.4 Livello di servizio e disponibilità (SLA). g) Si assegnerà 1 punto per ogni ulteriore anno di estensione alla durata dell'iru fino ad un massimo di 5 punti. h) Nel caso non sussistano restrizioni d'uso su quanto offerto, come indicato nel paragrafo 5 sezione Riserve, si assegneranno 7 punti. i) Si assegneranno 2,5 punti se offerto quanto indicato nel paragrafo C.5 Servizio di formazione del personale e training on the job. j) Si assegneranno 2 punti se, per ogni dispositivo, saranno offerte ulteriori 8 porte SFP incluse di transceiver oltre quelle previste al punto C k) Si assegneranno 2 punti se, per ogni dispositivo, saranno offerte ulteriori 8 porte 1000Base- 1 Definizione doppia via : secondo percorso tra due sedi che non ha sovrapposizioni con il collegamento esistente. Con percorso fra due sedi si intende un collegamento che termina presso gli armadi trasmissione dati del committente. 2 Per sovrapposizione si intente che le fibre offerte siano all'interno dello stesso scavo. Pag. 10 di 29

11 T oltre quelle previste al punto C l) Fino a 3 punti distribuiti nel seguente modo: 1,5 punti per ogni ulteriore porta 10GigabitEthernet comprensiva di transceiver oltre quelle indicate al punto C L'incremento della porta va inteso applicato per tutti i dispositivi offerti. m) Si assegnerà 0,50 punto se, per ogni dispositivo, sarà offerto quanto indicato al punto C n) Si assegnerà 0,50 punto se, per ogni dispositivo, sarà offerto quanto indicato al punto C o) Si assegneranno 2 punti se, per ogni dispositivo, sarà offerto quanto indicato al punto C p) Si assegneranno 2 punti se per ogni dispositivo sarà offerto quanto indicato al punto C q) Si assegneranno 1,5 punti per ogni anno di estensione della durata del contratto di manutenzione per tutti i dispositivi offerti fino ad un massimo di 6 punti. r) Fino ad un massimo di 4 punti da assegnare ad insindacabile e motivato giudizio della commissione in base alle informazioni prodotte come indicato nei punti C.3.8. e C Offerta economica: fino a 35 punti si applicherà quanto previsto nel DPR 207/2010 Allegato P relativamente alla valutazione quantitativa dell'elemento prezzo assegnando al coefficiente X il valore 0,9. Non saranno ammesse offerte in aumento rispetto al prezzo posto a base del presente appalto. 9 Pagamenti, revisione prezzi, spese di contratto Riguardo la fornitura dei servizi oggetto del contratto, l aggiudicatario potrà emettere fattura nelle modalità di seguito descritte: un importo 'una tantum', dopo 6 mesi dalla data di collaudo finale, pari alla somma della metà del costo complessivo dell'iru con la metà del costo complessivo degli apparati; un importo 'una tantum', dopo 12 mesi dalla data di collaudo finale, pari alla somma della metà del costo complessivo dell'iru con la metà del costo complessivo degli apparati. A tale importo si dovrà aggiungere il costo dei canoni di manutenzione annuale sia degli apparati sia della fibra per il primo anno; un importo calcolato come metà dei canoni annuali di manutenzione degli apparati di rete della fibra ottica, ogni sei mesi a partire dalla seconda data di pagamento (rata semestrale posticipata). Tale fatturazione procederà fino al termine della durata delle rispettive manutenzioni. Gli importi sono desumibili dalle informazioni presenti nell'offerta economica secondo quanto previsto nel Disciplinare di gara. Ogni fattura dovrà riportare il riferimento al nome del suddetto appalto e dettagliare tutti gli importi. Il pagamento delle fatture accettate sarà effettuato entro 30 giorni naturali e consecutivi dalla data di ricevimento della fattura, mediante accredito su conto corrente intestato all Aggiudicatario. Eventuali crediti derivanti dal mancato rispetto del SLA saranno riscossi dal committente compensando l importo della prima fattura di manutenzione successiva al rilevamento Pag. 11 di 29

12 dell inadempienza e, eventualmente, delle tre fatture successive. Ove l importo della penale fosse superiore, si provvederà d'ufficio previa comunicazione scritta, all'incameramento della somma corrispondente secondo le norme previste. Revisione prezzi E esclusa qualsiasi revisione dei prezzi e non trova applicazione l articolo 1664, comma 1, del codice civile; Spese di contratto, di registro ed accessorie Sono a carico dell appaltatore - senza diritto di rivalsa - tutte le spese, imposte (eccetto l I.V.A.), diritti di segreteria, tasse ed altri oneri direttamente o indirettamente attinenti alla predisposizione, stipulazione e registrazione del contratto, alla gestione tecnico-amministrativa all appalto. Sono pure a carico dell'appaltatore tutte le spese di bollo e registro inerenti agli atti occorrenti per la gestione dell appalto e per tutta la sua durata. Pag. 12 di 29

13 Università degli Studi di Perugia Appendice A.1 A. Sedi da collegare A.1 Mappa geografica Pag. 13 di 29

14 Appendice A.2 A.2 Elenco sedi Nodo Denominazione Polo Coordinate GPS Punto di arrivo 1 Polo Ingegneria N 43 07' 06.46" - E 12 21' 18.91" Via duranti, 93 edificio presidenza piano -1 locale CED 2 Polo Silvestrini N 43 4' 39.07" - E 12 21' 17.15" Via Gambuli, 1 Torre Ellittica - Edificio A - piano -2, locale Control room 3 Polo Pallotta N 43 5' 43.74" - E 12 23' 52.23" Via Tuderte, 59 - Ex Segreterie Studenti - piano 0 - locale CED 4 Polo Giochetto N 43 6' 46.88" E 12 24'19.05" via Enrico dal Pozzo ex padiglione Biblioteca locale CED 5 Polo Conca N 43 6' 57.88" E 12 23'12.15" P.zza Università, 1 - Palazzo Murena - piano III seminterrato - locale Centralino Telefonico 6 Polo Umanistico N 43 6' 46.51" - E 12 23' 14.08" Piazza Morlacchi - Biblioteca umanistica piano 0 locale CED Pag. 14 di 29

15 Appendice B B. Requisiti Tecnici - fibra ottica B.1 Fibra spenta La scelta del percorso unifilare della fibra è completamente libera. Ciononostante il committente richiederà ai concorrenti di dimostrare che la fibra offerta possa supportare una comunicazione affidabile e priva di errori tra gli apparati di rete gestiti e di proprietà del committente. La lunghezza ottica di ciascuna tratta deve essere ottimizzata allo scopo di ridurre la distanza di collegamento e deve essere assicurata con un ridotto numero di transiti in nodi intermedi e comunque generalmente contenuta entro i 30 km. Ai concorrenti è richiesto di fornire le seguenti informazioni e/o soddisfare i seguenti requisiti: B.1.1. lista delle sedi fra quelle indicate nell'appendice A.2 per cui è offerta la coppia di fibre. B.1.2. Una planimetria che riporti il layout dei collegamenti proposti con indicazioni sulla posizione dei cavidotti utilizzati che ospitano i cavi in fibra ottica fornendo dettagli utili a valutare il grado di protezione (es. livello di profondità nel sottosuolo, tipo di terreno attraversato, eventuali utilizzo di percorsi in gallerie o su ferrovia, etc etc). Sono da evidenziare anche eventuali tratte non protette da cavidotto (ad es. tratte aeree attrezzate in strutture palificate, etc etc... B.1.3. Per ogni sede interconnessa indicare la lunghezza della tratta in comune con altri cammini ottici all'interno dello stesso cavidotto. B.1.4. Non è ammessa la presenza di dispositivi ottici e/o apparati di trasmissione attivi o passivi lungo il cammino della tratta offerta. Questi includono transponder WDM, multiplexer WDM, apparati di cross-connessione WDM (attivi o passivi), filtri ottici, amplificatori ottici o dispositivi DCF (dispersion compensation filters). Se necessari, oltre agli inevitabili giunti a fusione fra le diverse pezzature della fibra spenta, sono ammessi connettori ottici e/o pannelli di attestazione. B.1.5. Nel caso la fibra non sia composta da una pezzatura unica (intesa come unbroken fibre straight from the reel ), il concorrente deve fornire una descrizione accurata dei giunti a fusione e/o connettori meccanici presenti nel cammino ottico specificandone il numero. B.1.6. Ai concorrenti è richiesto di installare il pannello di distribuzione ottica e/o patch- panel del tipo passante (completo di cassetto ottico e connettori) nell armadio rack messo a disposizione dal committente, ove verrà predisposto uno spazio di 1 RU (rack units) standard ETSI da 19. I connettori meccanici dovranno essere di tipo standard (ad es. FC/PC, SC/PC, ecc...). Il punto d entrata nella proprietà, la posizione dei suddetti locali ed il percorso per raggiungerli sarà concordata in fase di realizzazione. Il pannello verrà assunto quale punto di demarcazione della fibra ottica ceduta. B.1.7. Per ogni tratta in fibra ottica spenta offerta, i concorrenti dovranno produrre le seguenti informazioni come riportato nell'appendice D in tabella D.1-1: La lunghezza di ogni tratta Pag. 15 di 29

16 il numero di fibre ottiche singole cedute il tipo di fibra secondo lo standard internazionale (G.652/G.653/G.655/...) * la marca e modello del cavo (Corning LEAF, Lucent TrueWave, etc) * i dati di targa dichiarati dal produttore del cavo * il numero di giunti a fusione il numero di connettori meccanici l età della fibra in anni* quanto del percorso è lo stesso utilizzato dalle altre tratte offerte, ovvero la quantità espressa in km di tubazioni che servono per il passaggio di fibre ottiche di più tratte. Nel percorso si include anche l'arrivo all'armadio presso le sedi del committente. Lunghezza del percorso (km) per il quale non è necessario richiedere permessi di scavo. il valore massimo e minimo di attenuazione (fra i punti di demarcazione del servizio) all interno della banda dello spettro standardizzato per la trasmissione in CWDM (ITU-T G Spectral grid for WDM application: CWDM wavelenght grid ), in entrambe le direzioni [db] il valore massimo per l optical return loss (ad entrambi i lati della sezione) [db] il valore massimo per la dispersione cromatica (CD) [ps/nm] il valore massimo per la dispersione modale (PMD) [ps/km 1/2 ] tempo consegna previsto per la tratta *laddove la tratta in oggetto sia composta da pezzature eterogenee (giuntate a fusione o meccanicamente) è richiesto di fornire il dettaglio per le singole pezzature. B.1.8. Per ogni tratta in fibra ceduta, i parametri di cui al punto B.1.7. devono essere testati ad opera del concorrente (e documentati mediante l'appendice D). Se la tratta e/o i dati di misura non fossero disponibili al momento dell offerta, è richiesto di fornire una previsione per i suddetti parametri, che dovranno essere testati ad installazione ultimata. In aggiunta, i concorrenti dovranno fornire un indicazione dell'eventuale deterioramento previsto per i parametri di cui sopra nel corso degli anni. B.1.9. Per ogni tratta di fibra ceduta, ad installazione ultimata, il concorrente è tenuto a consegnare un allegato che includa la tabella di cui al punto B.1.7. con i dati reali misurati, il diagramma della risposta OTDR della fibra come rilevato attestando la strumentazione sui connettori del pannello di distribuzione ottica installato ed infine la planimetria finale della tratta ceduta. B Si richiede ai concorrenti di fornire una descrizione dell equipaggiamento utilizzato per il test ottico della fibra di cui ai punti B.1.8. e B.1.9. (usato direttamente o dalla terza parte a cui è affidata la manutenzione per proprio conto) nonché l equipaggiamento finalizzato alla ricerca del guasto e/o per la risoluzione dei problemi sulla fibra (ad es. OTDR, LTS e/o strumentazione per la misura di CD/PDM). B Si richiede ai concorrenti di fornire una descrizione della procedura utilizzata o che si prevede di utilizzare per eseguire le misure relative al test ottico della fibra di cui ai punti B.1.8. e B.1.9. ed eventualmente lo standard di riferimento adottato (direttamente o dalla terza parte a cui è affidata la manutenzione per proprio conto). B Il committente si riserva di proporre appropriati test di trasmissione che simulino l utilizzo reale della fibra e siano vincolanti per un esito positivo del collaudo. Pag. 16 di 29

17 B.2 Installazione Il concorrente aggiudicatario si farà carico di tutti gli aspetti relativi all installazione, inclusa la fornitura del pannello di distribuzione ottica e/o patch panel e di quanto necessario per la messa in opera a regola d'arte. Come indicato nel paragrafo B.1.6. il pannello di distribuzione sarà il punto di demarcazione della fibra ottica ceduta e sarà preso come riferimento anche per il confine di competenza. Terminata l installazione, ai concorrenti è richiesto di farsi carico delle operazioni di test di cui al paragrafo precedente. B.3 Manutenzione Le operazioni di manutenzione sono intese: come ordinarie, quando si riferiscono all insieme delle operazioni preventive cicliche atte a verificare il corretto funzionamento delle fibre ottiche, a garantire la conservazione e l efficienza dell impianto, la regolarità del servizio ed a prevenire potenziali cause di malfunzionamento; come straordinarie quando riguardano l insieme degli interventi e delle operazioni non programmate (correttive) o programmate (atte a risolvere una situazione di degrado o malfunzionamento). I concorrenti dovranno specificare gli aspetti qualitativi e quantitativi dei sottoelencati punti: B.3.1. indicazione dei riferimenti del Customer Care, responsabile della gestione della comunicazione con il committente; B.3.2. la disponibilità oraria del Customer Care; B.3.3. il mezzo di comunicazione utilizzato, le informazioni scambiate, i riferimenti, la modalità, i tempi di notifica, e le procedure attuate dall aggiudicatario nei confronti del committente in occasione di un intervento invasivo sulla fibra (sia programmato che straordinario); B.3.4. il mezzo di comunicazione utilizzato, le informazioni scambiate, i riferimenti, la modalità, le procedure, ed i tempi di intervento dell aggiudicatario a fronte di una segnalazione da parte del committente (sia programmata che straordinaria); B.3.5. le operazioni inerenti la manutenzione ordinaria; B.3.6. la descrizione delle misure usate per la diagnosi e la correzione del guasto ed in particolare la definizione delle priorità e le azioni intraprese per fornire il ripristino immediato della connettività e/o una via di backup/ripristino della connettività in caso di fuori-servizio di lunga durata (es. backup/ripristino della connettività attraverso percorso fisico alternativo), e delle procedure di rientro nelle condizioni di normalità in seguito alla risoluzione del guasto; B.3.7. il tempo massimo impiegato per completare le azioni di cui al punto precedente in caso di evento non programmato, a partire dalla notifica del malfunzionamento da parte del committente o quando intraprese autonomamente in conseguenza ad un malfunzionamento rilevato dal concorrente stesso. E possibile definire e prevedere tempistiche ed azioni da intraprendere per guasti con o senza disservizio, nonché distinguere fra le tempistiche e le azioni da intraprendere in modo provvisorio e definitivo; B.3.8. i riferimenti dei livelli, le procedure e le tempistiche per l eventuale azione di escalation Pag. 17 di 29

18 B.3.9. del guasto; il sistema di trouble ticketing e la modalità di accesso on-line allo stesso, incluso lo scheduling delle attività programmate sulla fibra. B.4 Livello di servizio e disponibilità (SLA) Dipendentemente ed in linea con quanto offerto per il servizio di manutenzione di cui al punto B.3 Manutenzione, ai concorrenti è richiesto inoltre di fornire le seguenti informazioni: B.4.1 Definizioni proposte per disponibilità e fuori servizio ; B.4.2 Valori proposti per il livello garantito di disponibilità, per tempo di intervento e tempo di ripristino B.5 Reports All aggiudicatario è richiesto di fornire un report periodico in formato elettronico (sia PDF, sia TXT - formato testo, sia CSV - Comma Separated Values), comprensivo di: registrazione e descrizione delle operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria effettuata che includa per lo meno le informazioni seguenti (ognuna accompagnate dal relativo timestamp): numero del provider ticket, numero del ticket del committente (se applicabile), descrizione del fuori servizio (inclusa tipologia e causa), delle parti interessate e delle persone coinvolte nella risoluzione, del problem start, delle azioni intraprese per il ripristino e del problem end, che includa, in caso di intervento straordinario, l aggiornamento della condizione d impianto mediante la revisione dell allegato di cui al punto B Pag. 18 di 29

19 Appendice C C. Requisiti Tecnici - apparati di rete C.1 Caratteristiche Nella presente appendice vengono descritti i requisiti tecnici (hardware e software) per gli apparati di rete (router e/o switch L2/L3) oggetto della fornitura. Gli apparati devono presentare caratteristiche di monitoraggio e gestione remota tali da garantire che tutte le operazioni di configurazione e diagnostica possano essere eseguite dall'ufficio reti di Ateneo perugino senza che questo rappresenti una limitazione. In particolare il software del nodo (genericamente indicato come Sistema Operativo) deve prevedere: C.1.1. Accesso remoto ai nodi: tutti gli apparati devono essere accessibili da remoto sia via Telnet che via Secure Shell (ssh) almeno versione 2. L accesso deve essere possibile previa autenticazione via Radius e, in caso di impossibilità di dialogo con Radius, utilizzando una autenticazione locale. C.1.2. Profilatura degli accessi remoti: gli utenti a cui viene consentito l accesso da remoto devono poter essere organizzati in gruppi e poter accedere a sottoinsiemi di funzioni di configurazione/diagnostica in funzione del gruppo di appartenenza. C.1.3. Gestione remota: gli apparati devono disporre di un agent SNMP in grado di fornire, su richiesta, tutte le informazioni disponibili sugli apparati ed accettare parametri di configurazione. L accesso deve essere in lettura e scrittura, configurabile da software e deve rispondere almeno alle specifiche del protocollo SNMP v1, v2 e v3. Inoltre l agent deve essere in grado di generare opportune trap SNMP a fronte sia di eventi bloccanti che di eventi non bloccanti, tale livello di notifica deve essere configurabile via software. Le MIB disponibili devono essere tutte quelle previste dagli standard con la aggiunta delle MIB derivanti da eventuali agent per la misura di prestazioni (jitter, delay, ecc.). C.1.4. Strumenti di misurazione ed analisi dei flussi di traffico: gli apparati devono mettere a disposizione uno o più meccanismi attivi di misurazione ed analisi del traffico in transito (netflow, cflowd, ecc.). L attivazione di queste funzionalità non deve impattare sulle prestazioni complessive del nodo. C.1.5. Protezione dei nodi: si richiede il supporto di meccanismi di protezione degli apparati da accessi non autorizzati. L utilizzo anche intensivo di questi meccanismi non deve in nessun caso compromettere le performance complessive del nodo e non deve rappresentare pregiudiziale di alcun tipo rispetto all attivazione di nuove funzionalità. C.1.6. Logging: tutte le attività eseguite da remoto devono essere tracciate ed accessibili sia mediante opportuni comandi via CLI sia inviati ad un server remoto di accounting basato su SYSLOG. Tutta l attività di logging anche se intensa non deve, in nessun caso, incidere sulle performance complessive del sistema. C.1.7. Debugging: l apparato deve disporre di meccanismi di debugging in grado di presentare a video le informazioni relative alle singole attività svolte. Il livello di dettaglio delle informazioni presentate deve essere configurabile e l uso, anche Pag. 19 di 29

20 intensivo, del debug non deve incidere sulle performance complessive del nodo. Inoltre ogni router e/o switch deve avere le seguenti caratteristiche: C.1.8. Operare a velocità di linea (wire speed) con tutte le interfacce messe a disposizione: ciascun router deve essere in grado di operare l inoltro del traffico a velocità di linea (o a banda piena non ammesso oversubscription) fra tutte le interfacce che compongono la sua fornitura. C.1.9. Disporre di almeno 8 porte (SFP 1 Gigabit Ethernet) per apparato in alta affidabilità 3 : ciascun apparato deve supportare configurazioni HW/SW con 8 o più porte 1Gigabit Ethernet senza che questo ne degradi le performance. Le porte dovranno disporre di ottiche intercambiabili del tipo SFP compatibili con gli standard 1000Base-SX, 1000Base-LX, 1000Base-LH e/o 1000Base-ZX. Le porte ottiche dovranno essere dotate della funzione di Digital Optical Monitoring (DOM) in grado di fornire informazioni sui parametri ottici di funzionamento, quali potenza ottica in trasmissione e ricezione, temperatura, corrente, tensione e soglie di funzionamento. Tali informazioni dovranno essere ottenibili sia via CLI che via SNMP. Sono inclusi anche n.8 transceiver, genericamente di tipo 1000BaseLX, e comunque la tipologia sarà concordata con il direttore dell'esecuzione del contratto. Tali transceiver possono essere anche di marca compatibile ma comunque dovranno essere certificati dal produttore degli stessi per il funzionamento con l'apparato proposto. C Disporre di almeno 8 porte (interfacce 1000Base-T) per apparato in alta affidabilità 3 : ciascun apparato deve supportare configurazioni HW/SW con 8 o più porte 1000Base- T senza che questo ne degradi le performance. Sono accettate anche porte SFP dotate di transceiver 1000Base-T. C Disporre di almeno 2 interfacce 10 GigabitEthernet per apparato in alta affidabilità 3 : ciascun apparato deve supportare configurazioni HW/SW con 6 o più porte 10 GigabitEthernet senza che questo ne degradi le performance. Le porte dovranno disporre di ottiche intercambiabili del tipo XFP/SFP compatibili con gli standard 10GBase-SR, 10GBase-LR, 10GBase-ER e 10GBase-ZR. Le porte ottiche dovranno essere dotate della funzione di Digital Optical Monitoring (DOM) in grado di fornire informazioni sui parametri ottici di funzionamento, quali potenza ottica in trasmissione e ricezione, temperatura, corrente, tensione e soglie di funzionamento. Tali informazioni dovranno essere ottenibili sia via CLI che via SNMP. Si dovranno fornire almeno 2 porte per apparato a 10GigabitEthernet in alta affidabilità. Sono inclusi anche n.2 transceiver, genericamente di tipo 10GBase-ER, e comunque la tipologia sarà concordata con il direttore dell'esecuzione del contratto. Tali transceiver possono essere anche di marca compatibile ma comunque dovranno essere certificati dal produttore degli stessi per il funzionamento con l'apparato proposto. C Supporto di interfacce 10 GigabitEthenet con ottica colorata: ciascun apparato deve supportare transceiver 10GigabitEthernet colorati la cui lunghezza d'onda si possa scegliere nell'ambito dello spettro della banda C con spaziatura massima di 100GHz. C Interfacce di gestione: disporre di almeno 1 interfaccia seriale EIA/TIA RS-232 console, e opzionalmente 1 interfacce Fast Ethernet (10/100) o 1 Gigabit Ethernet (10/100/1000) per la connessione dell'apparato a sistemi di gestione remota. C Alimentazione: alimentazione di tipo AC. Nel caso di apparati con alimentazione 3 Alta Affidabilità: e' obbligo dell'aggiudicatario prevedere che il 50% delle porte siano distribuite su differenti moduli Pag. 20 di 29

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA

PRESIDÈNTZIA PRESIDENZA AVVISO PUBBLICO PER UNA INDAGINE DI MERCATO FINALIZZATA ALL AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIREZIONE DELL ESECUZIONE DELL APPALTO PER LA FORNITURA, INSTALLAZIONE E MESSA IN OPERA DI UN SISTEMA DI RADIOCOMUNICAZIONI

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica

Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Caratteristiche e modalità di erogazione dell assistenza tecnica Termini del servizio La funzione dell Help Desk è quella di assicurare il mantenimento delle caratteristiche ottimali di funzionamento della

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

GESTIONE DELLA PROCEDURA

GESTIONE DELLA PROCEDURA Manuale di supporto all utilizzo di Sintel per Stazione Appaltante GESTIONE DELLA PROCEDURA Data pubblicazione: 17/06/2015 Pagina 1 di 41 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo e campo di applicazione...

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni

Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di indennizzi applicabili nella definizione delle controversie tra utenti ed operatori Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento s intendono per: a) "Autorità",

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA Allegato A alla deliberazione ARG/elt 99/08 - Versione integrata e modificata dalle deliberazioni ARG/elt 179/08, 205/08, 130/09 e 125/10 TESTO INTEGRATO DELLE CONDIZIONI TECNICHE ED ECONOMICHE PER LA

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI

Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Risposte ai quesiti ricevuti per l Avviso di gara per la realizzazione del sistema informatico per la gestione richieste di finanziamento FAPISI Forniamo in questo articolo le risposte ai 53 quesiti ricevuti

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850

MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE. DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 1/5 MERCATO ELETTRONICO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DOCUMENTO DI STIPULA RELATIVO A: Numero RdO 645850 Descrizione RdO Servizio ordinario di pulizia CIG ZDD118457B CUP non inserito Criterio di Aggiudicazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV)

TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) Allegato A TESTO INTEGRATO DELLA REGOLAZIONE DELLA QUALITÀ DEI SERVIZI DI VENDITA DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE (TIQV) (Versione integrata con le modifiche apportate con le deliberazioni ARG/com

Dettagli

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI ALLEGATO 2 CAPITOLATO SPECIALE POI CATEGORIA: IMPIANTI SOLARI TERMICI E SERVIZI CONNESSI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO SOLARE TERMICO ACS PER UFFICI PRODOTTO: POI ENERGIA/CSE 2015 - IMPIANTO

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica

PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica ALLEGATO F PROVINCIA DI SAVONA Settore Gestione della Viabilità, Strutture, Infrastrutture, Urbanistica Appalto n. 1649 - S.P. n. 29 del Colle di Cadibona. Lavori di adeguamento del tracciato stradale

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015

A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 A CONTI FATTI Edizione 2014-2015 RAI-Radiotelevisione italiana dall 8 settembre 2014 al 29 maggio 2015 realizza un programma televisivo dal titolo A CONTI FATTI diffuso da RAIUNO tutti i giorni, dal lunedì

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE

PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE PIANO DEGLI ELETTRODOTTI DELLA RETE ELETTRICA DI TRASMISSIONE NAZIONALE Nuovo collegamento sottomarino a 500 kv in corrente continua SAPEI (Sardegna-Penisola Italiana) SCHEDA N. 178 LOCALIZZAZIONE CUP:

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Il Termine di Esecuzione Lavori

Il Termine di Esecuzione Lavori Il Termine di Esecuzione Lavori Il carattere non essenziale del termine Di regola negli appalti di lavori pubblici il termine contrattuale di ultimazione non è essenziale (art. 1457 del cod.civ.). Come

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA

INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA INDENNIZZI A FAVORE DEI CONSUMATORI PREVISTI DALL AUTORITA PER L ENERGIA Per tutelare i clienti che subiscono interruzioni o disservizi nella fornitura di energia elettrica e gas e per incentivare le società

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.

L offerta economicamente più vantaggiosa. Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail. L offerta economicamente più vantaggiosa Alessandro Simonetta Consulenza per l Innovazione Tecnologica alessandro.simonetta@gmail.com 1 Quadro Legislativo D.P.R. n.544/99 D.Lgs n.163/06 e s.m.i. D. Lgs

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana

Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana Condizioni Generali Parte II - Servizi di Borsa Italiana 1. Definizioni 1.1 I termini con la lettera iniziale maiuscola impiegati nelle presenti Condizioni Generali Parte II si intendono usati salvo diversa

Dettagli

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro.

Costi della Qualità. La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Costi della Qualità La Qualità costa! Ma quanto costa la non Qualità? La Qualità fa risparmiare denaro. La non Qualità fa perdere denaro. Per anni le aziende, in particolare quelle di produzione, hanno

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA

LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA LA CARTA DEI SERVIZI DI NOWIRE SPA INDICE 1. CARTA DEI SERVIZI...2 2. L OPERATORE...2 3. I PRINCIPI FONDAMENTALI...2 3.1 EGUAGLIANZA ED IMPARZIALITÀ DI TRATTAMENTO...3 3.2 CONTINUITÀ...3 3.3 PARTECIPAZIONE,

Dettagli

Servizio HP Hardware Support Exchange

Servizio HP Hardware Support Exchange Servizio HP Hardware Support Exchange Servizi HP Il servizio HP Hardware Support Exchange offre un supporto affidabile e rapido per la sostituzione dei prodotti HP. Studiato in modo specifico per i prodotti

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti

Gara LOCO- Richiesta di chiarimenti Domanda 1 Si chiede di specificare il numero orientativo dei partecipanti ai corsi di formazione diviso per tipologia (dirigenti, utenti e personale informatico) (cfr. Capitolato capitolo 10). Risposta

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT

LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT LA DISCIPLINA DEGLI APPALTI PUBBLICI NELL'UNIONE EUROPEA E IL GREEN PROCUREMENT Perché l'ue disciplina gli appalti pubblici? La disciplina degli appalti fa parte degli obiettivi del mercato interno. Si

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A.

CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. CARTA DEI SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS S.p.A. Indice INTRODUZIONE 1- PRINCIPI FONDAMENTALI... 1 2- IMPEGNI... 3 3- I SERVIZI DI UNO COMMUNICATIONS... 3 4- STANDARD DI QUALITÀ... 5 5- RAPPORTO CONTRATTUALE

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI

REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI REGOLAMENTO RIGUARDANTE LA PORTABILITA DEI NUMERI PER I SERVIZI DI COMUNICAZIONI MOBILI E PERSONALI Articolo 1 (Definizioni)... 2 Articolo 2 (Disposizioni Generali)... 3 Articolo 3 (Soluzioni tecniche

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente

Ente aderente. Ente aderente. Ente aderente STAZIONE UNICA APPALTANTE GUIDA ALLA CONVENZIONE AMBITO DI OPERATIVITA La si occupa dei seguenti appalti: lavori pubblici di importo pari o superiore ad 150.000,00 forniture e servizi di importo pari o

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA

Regione Autonoma della Sardegna REALIZZAZIONE E SVILUPPO DEL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE (SITR) DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Regione Autonoma della Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza Edilizia Servizio della Pianificazione

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Progetto Istanze On Line

Progetto Istanze On Line 2014 Progetto Istanze On Line 09 aprile 2014 INDICE 1 INTRODUZIONE ALL USO DELLA GUIDA... 3 1.1 SIMBOLI USATI E DESCRIZIONI... 3 2 GESTIONE DELL UTENZA... 4 2.1 COS È E A CHI È RIVOLTO... 4 2.2 NORMATIVA

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli