Corso di formazione sulle procedure d acquisto mediante Convenzioni Consip e Mercato Elettronico

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di formazione sulle procedure d acquisto mediante Convenzioni Consip e Mercato Elettronico"

Transcript

1 Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Corso di formazione sulle procedure d acquisto mediante Convenzioni Consip e Mercato Elettronico Dott.ssa Patrizia Bonardo Dott.ssa Anna Vidoni Dott.ssa Valeria Bonifazi Catania

2 Il Sistema normativo degli appalti e la disciplina del Mercato Elettronico della PA Dott.ssa Patrizia Bonardo Assistenza Legale alla Direzione Acquisti PA 1

3 Il sistema normativo degli appalti pubblici L attività contrattuale della PA, qualora agisca nell interesse pubblico e non in qualità di privato, è regolata dalla cd. Procedura ad evidenza pubblica. Il legislatore per la regolamentazione dell attività contrattuale della Pubblica Amministrazione opera su tre direttive fondamentali: 1. Normativa nazionale e sovranazionale che disciplina le procedure di approvvigionamento operate da soggetti pubblici (D. Lgs. 163/2006) 2. Programma di Razionalizzazione della Spesa Pubblica (L.488/1999) 2 3. E-procurement (D.P.R. 101/2002)

4 1. Normativa nazionale e sovranazionale che disciplina le procedure di approvvigionamento operate da soggetti pubblici (D. Lgs. 163/2006) La normativa in materia di contratti dei soggetti pubblici è rappresentata dal D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163, Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle nuove direttive UE ed il relativo Regolamento di attuazione, non ancora formalmente emanato. Il sistema degli appalti pubblici, come delineato dalla richiamata normativa, è regolato da una complessa disciplina, articolata con riferimento a due aspetti essenziali del contratto di appalto: 1) l oggetto del contratto 2) il valore del contratto Per quanto concerne il primo si è proceduto ad uniformare la disciplina, dapprima differenziata, per gli appalti aventi ad oggetto servizi e forniture da un lato e per gli appalti aventi ad oggetto opere dall altro. 3 Riguardo al secondo, la circostanza che il contratto da stipulare abbia un valore pari o superiore al limite di rilievo comunitario determina la necessaria applicazione della normativa interna di recepimento delle direttive comunitarie in materia (Parte II contratti di rilevanza comunitaria).

5 Ambito oggettivo e soggettivo I contratti di appalto sono i contratti a titolo oneroso, stipulati per iscritto tra una stazione appaltante o un ente aggiudicatore e uno o piu operatori economici, aventi per oggetto l esecuzione di lavori, la fornitura di prodotti e la prestazione di servizi Caratteri essenziali:» titolo oneroso» conclusi per iscritto» tra un operatore economico e un'amministrazione aggiudicatrice 4

6 Ambito soggettivo Amministrazioni aggiudicatrici: Soggetti sottoposti all obbligo di applicazione delle procedure previste dalla normativa: Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato; Enti pubblici territoriali; Altri enti pubblici non economici; le associazioni, unioni, consorzi costituiti da detti soggetti Organismi di diritto pubblico Elenco amministrazioni aggiudicatrici nell'allegato alla direttiva. Gli Stati membri notificano periodicamente alla Commissione le modificazioni intervenute nei loro elenchi. «Operatore economico»: comprende l'imprenditore, il fornitore e il prestatore di servizi o un raggruppamento o consorzio di essi. 5

7 Ambito oggettivo: il valore del contratto Il calcolo del valore stimato degli appalti pubblici è basato sull'importo totale pagabile al netto dell'iva, valutato dalle stazioni appaltanti. Questo calcolo tiene conto dell'importo massimo stimato, ivi compresa qualsiasi forma di opzione o rinnovo del contratto. Riguardo al valore dell appalto, il regime degli acquisti delle pubbliche amministrazioni risulta strutturato nel modo seguente Importo Amministrazioni centrali Altre amministrazioni 6 >= Euro Gara comunitaria Gara comunitaria <= Euro Gara comunitaria Regime dei contratti sotto soglia comunitaria di cui alla Parte II Titolo II del Codice o procedura in economia ex art. 125 <= Euro Regime dei contratti sotto soglia comunitaria di cui alla Parte II Titolo II del Codice o procedura in economia ex art. 125

8 La scelta del contraente: le procedure Procedura aperta procedura dove tutti i fornitori interessati possono presentare offerta Procedura ristretta procedura in cui ogni operatore economico può chiedere di partecipare e in cui possono presentare un'offerta soltanto gli operatori economici invitati dalle stazioni appaltanti 7 Procedura negoziata la procedura in cui l'amministrazione aggiudicatrice consulta le imprese di propria scelta e negozia con una o più di esse i termini del contratto

9 Requisiti dei partecipanti alle procedure di affidamento I REQUISITI DI PARTECIPAZIONE REQUISITI ORDINE GENERALE individuati dall art. 38 del D.lgs. 163/2006 8

10 Articolo 11 Procedura di aggiudicazione Al termine della procedura è dichiarata l aggiudicazione provvisoria a favore del miglior offerente. La stazione appaltante, previa verifica dell aggiudicazione provvisoria ai sensi dell articolo 12, provvede all aggiudicazione definitiva. L aggiudicazione definitiva diventa efficace dopo la verifica del possesso dei prescritti requisiti. La comunicazione deve avvenire entro 5gg dalla efficacia dell aggiudicazione e deve essere inviata all aggiudicatario, al concorrente che segue nella graduatoria, a tutti i candidati che hanno presentato un offerta ammessa in gara, nonché a coloro la cui offerta sia stata esclusa, se hanno proposto impugnazione avverso l esclusione, o sono in termini per presentare detta impugnazione. Il contratto è sottoposto alla condizione sospensiva dell esito positivo dell eventuale approvazione e degli altri controlli previsti dalle norme proprie delle stazioni appaltanti o degli enti aggiudicatori. 9 Il contratto è stipulato mediante atto pubblico notarile, o mediante forma pubblica amministrativa a cura dell Ufficiale rogante dell amministrazione aggiudicatrice, nonchè in forma elettronica secondo le norme vigenti per ciascuna stazione appaltante

11 Il Codice: gli istituti innovativi - accordo quadro Accordo Quadro (art. 3, comma 13 e 59) E un Accordo concluso tra una o più amministrazioni aggiudicatrici e uno o più operatori economici e il cui scopo è quello di stabilire le clausole relative agli appalti da aggiudicare durante un dato periodo, in particolare per quanto riguarda i prezzi e, se del caso, le quantità previste Oggetto: servizi, forniture, lavori (esclusivamente in relazione ai lavori di manutenzione).non sono ammessi per la progettazione e per gli altri servizi di natura intellettuale. Procedure: procedure ad evidenza pubblica (aperte, ristrette e negoziate) in tutte le fasi, con ordinari criteri di aggiudicazione (prezzo più basso, offerta economicamente vantaggiosa); Valore: max stimato, netto IVA, del complesso degli appalti previsti per la durata dell A.Q.; Durata: max 4 anni (salvo eccezioni motivate); 10 Immodificabilità: In sede di aggiudicazione degli appalti pubblici basati su un A.Q. le parti non possono in nessun caso apportare modifiche sostanziali alle condizioni fissate in tale A.Q., in particolare nel caso di un solo operatore (art. 59, 3)

12 Il Codice: gli istituti innovativi sistema dinamico di acquisizione Sistemi dinamici di acquisizione (art. 3 co.14 e 60) Un sistema dinamico di acquisto è un processo di acquisizione interamente elettronico, per acquisti di uso corrente, le cui caratteristiche generalmente disponibili sul mercato soddisfano le esigenze dell'amministrazione aggiudicatrice, limitato nel tempo (max 4 anni) ed aperto per tutta la sua durata (requisiti di selezione offerta indicativa) a qualsivoglia operatore economico che soddisfi i criteri di selezione e che abbia presentato un'offerta indicativa conforme al capitolato d'oneri. E caratterizzato da dinamismo della partecipazione e delle offerte (è possibile migliorare successivamente l offerta presentata) 11 Caratteristiche Suddivisione del procedimento in due fasi Informatizzazione dell intero procedimento Dinamismo della partecipazione Dinamismo delle offerte Concorrenzialità della procedura

13 Il Codice: gli istituti innovativi asta elettronica Asta Elettronica (artt. 3 co.15 e 85) Processo per fasi successive basato su un dispositivo elettronico di presentazione di nuovi prezzi, modificati al ribasso o di nuovi valori riguardanti taluni elementi delle offerte, che interviene dopo una prima valutazione completa delle offerte permettendo che la loro classificazione possa essere effettuata sulla base di un trattamento automatico. Gli appalti di servizi e di lavori che hanno per oggetto prestazioni intellettuali, come la progettazione di lavori, non possono essere oggetto di aste elettroniche. Può essere utilizzata quando le specifiche dell appalto possono essere fissate in maniera precisa (con elementi espressi in cifre o percentuali): Nelle procedure aperte, ristrette o negoziate con pubblicazione di bando Nell ambito del sistema dinamico di acquisizione In occasione del rilancio del confronto competitivo tra le parti di un accordo quadro Preventiva valutazione completa delle offerte con classificazione automatica Gli offerenti ammessi sono invitati simultaneamente per via elettronica a presentare nuovi prezzi e/o nuovi valori nel corso di un unica seduta 12 Non è una nuova procedura di gara ma uno strumento di negoziazione che consente una classificazione automatica delle offerte

14 Il Codice: gli istituti innovativi CENTRALE DI COMMITTENZA In alcuni Stati si sono sviluppate tecniche di centralizzazione delle committenze; tali tecniche consentono, dato il volume degli acquisti, un aumento della concorrenza e dell'efficacia della commessa pubblica (Considerando 15 Dir. 2004/18 e 23 Dir. 2004/17) 13 E un'amministrazione aggiudicatrice che: acquista forniture e/o servizi destinati ad amministrazioni aggiudicatrici, aggiudica appalti pubblici o conclude accordi quadro di lavori, forniture o servizi destinati ad amministrazioni aggiudicatrici. Le amministrazioni possono acquisire lavori, servizi e forniture facendo ricorso a centrali di committenza, anche associandosi o consorziandosi. Resta ferma la normativa vigente relativa alla CONSIP (art. 252). Modello ormai ampiamente diffuso in gran parte degli Stati europei, basato solitamente sul sistema delle c.d. convenzioni-quadro. Attraverso tali strumenti, le P.A. affidano ad un unico soggetto, solitamente di natura pubblica o comunque sotto il controllo, diretto o indiretto, delle autorità pubbliche, il compito di gestire in modo centralizzato, attraverso procedure ad evidenza pubblica, e col ricorso a strumenti telematici, l approvvigionamento di predeterminati quantitativi di beni e servizi, sulla base delle esigenze manifestate dalle amministrazioni.

15 2. Programma di Razionalizzazione della Spesa Pubblica (L.488/1999) Nel 2000 il Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF) ha avviato un Programma per la Razionalizzazione della Spesa per beni e servizi della Pubblica Amministrazione nel rispetto di quanto sancito dalla Legge Finanziaria del 2000 La realizzazione del Programma ed il suo sviluppo operativo sono stati affidati dal MEF alla Consip S.p.A. tramite DDMM. L evoluzione del Programma, con le successive Leggi Finanziarie, ha portato a definire l ambito di intervento e gli obiettivi da perseguire. 14 Il Programma si basa su modelli innovativi di gestione degli acquisti finalizzati a razionalizzare la spesa ed a semplificare i processi di procurement pubblico, nel rispetto dei principi di trasparenza e concorrenzialità.

16 L evoluzione dello scenario normativo di riferimento (1/3) Legge Finanziaria 2000 L. 488/99 L art 26 definisce gli ambiti del Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti per beni e servizi. Il MEF stipula, a seguito di una gara, Convenzioni quadro a cui le P.A. centrali e periferiche dello Stato hanno l obbligo di aderire mentre tutte le altre P.A. hanno la facoltà di aderirvi ovvero l obbligo di utlizzarne i parametri di qualità e prezzo per l acquisto di beni comparabili. Il MEF conferisce alla Consip S.p.A l incarico di stipulare Convenzioni e Contratti quadro per l acquisto di beni e servizi per conto delle Amministrazioni dello Stato (D.M. 24/2/2000) Legge Finanziaria 2001 L. 388/00 Si amplia l ambito di intervento del Programma di Razionalizzazione degli Acquisti. Viene attribuito al MEF il compito di promuovere aggregazioni di enti elaborando strategie comuni di acquisto e l eventuale stipula di Convenzioni valide su parte del territorio nazionale (art.59 co. 2). Legge Finanziaria 2002 L. 448/01 L art. 24 ribadisce l obbligo per gli enti locali di utilizzare i parametri prezzo-qualità delle Convenzioni per gli acquisti autonomi di beni comparabili. L art. 32 prevede l obbligo per gli enti pubblici e privati interamente partecipati dallo Stato di aderire al sistema delle Convenzioni. Legge Finanziaria 2003 L. 289/02 L art. 24 stabilisce che: le P.A. hanno l obbligo, per l acquisto di beni e servizi caratterizzati da alta qualità dei servizi e bassa intensità di lavoro, di utilizzare le Convenzioni Consip. i contratti stipulati in violazione di tale obbligo sono nulli e la stipula degli stessi è causa di responsabilità amministrativa. le P.A., esclusi gli uffici centrali di quelle statali, possono non utilizzare le Convenzioni Consip qualora il valore dei contratti sia uguale o inferiore a quello delle Convenzioni. 15

17 Legge Finanziaria 2004 L. 350/03 L evoluzione dello scenario normativo di riferimento (2/3) La L. 350/03 abroga il riferimento ai servizi caratterizzati da alta qualità dei servizi e bassa intensità di lavoro, introducendo il concetto di servizi a rilevanza nazionale e la possibilità per Consip di fornire, attraverso articolazioni territoriali, supporto e consulenza per le esigenze di approvvigionamento di beni e servizi da parte di enti locali assicurandola partecipazione anche alle pmi locali nel rispetto dei principi di concorrenza. Il D.L. 168/04, convertito in L. 191/04, elimina il riferimento ai servizi a rilevanza nazionale e stabilisce che le PA possono ricorrere alle Convenzioni Consip, ovvero ne utilizzano i parametri di prezzo-qualità, come limiti massimi, per l acquisto di beni e servizi comparabili con quelli oggetto di convenzionamento. Il DPCM 11 nov 2004, n325 conferma la centralità dei principi di concorrenza, trasparenza e pubblicità delle iniziative e prevede che la Consip predisponga appositi formulari per rilevare i fabbisogni qualitativi e quantitativi della P.A. Legge Finanziaria 2006 L. 266/05 Legge Finanziaria 2007 L. 296/06 16 comma 22: se nel II bimestre 2006 l andamento della spesa per beni e servizi è tale da pregiudicare il patto di stabilità, le P.A., ad eccezione delle Regioni, Province Autonome, EE.LL. e Enti del SSN, hanno l obbligo di aderire alle Convenzioni Consip o di acquistare con una riduzione del 20% rispetto ai parametri delle convenzioni Consip. comma 158: le aggregazioni di EE.LL. (promosse anche ai sensi dell art. 59 finanziaria 2001) assumono le funzioni di centrali di committenza operando valutazioni in ordine alla utilizzabilità delle Convenzioni o degli acquisti effettuati ai fini del rispetto dei parametri di qualità-prezzo di cui all art.26 L.488/1999. comma 160: per l armonizzazione dei sistemi, gli EELL e decentrati di spesa possono avvalersi della consulenza e del supporto della CONSIP S.p.A., anche nelle sue articolazioni territoriali. comma 449. Sono individuati dal MEF entro il mese di gennaio di ogni anno le tipologie di beni e servizi per le quali tutte le amministrazioni statali centrali e periferiche sono tenute ad approvvigionarsi utilizzando le convenzioni quadro. comma 450. Dal 1 luglio 2007, le Amministrazioni statali centrali e periferiche, per gli acquisti di beni e servizi al di sotto della soglia di rilievo comunitario, sono tenute a far ricorso al Mercato Elettronico della P.A.. comma 452. Le transazioni compiute dalle amministrazioni statali centrali e periferiche avvengono - per le Convenzioni che hanno attivo il negozio elettronico - attraverso la rete telematica Commi 455 e 456. Le Regioni possono costituire centrali di acquisto anche unitamente ad altre Regioni, che operano quali centrali di committenza: dette centrali possono stipulare, per gli ambiti territoriali di propria competenza, le convenzioni di cui all'articolo 26 comma 1, L.488/1999. comma 457. Le centrali regionali e la Consip Spa costituiscono un sistema a rete, perseguendo l armonizzazione dei piani di razionalizzazione della spesa. comma 458. E abrogato l art.59 della legge 23 dicembre 2000, n.388 che promuoveva aggregazioni di enti decentrati di spesa per l'elaborazione di strategie comuni di acquisto e la stipula di convenzioni valide su parte del territorio nazionale

18 L evoluzione dello scenario normativo di riferimento (3/3) Legge Finanziaria Comma 569: Le Amministrazioni statali centrali e periferiche, ad esclusione degli istituti scolastici e delle istituzioni educative ed universitarie, inviano entro il 28 febbraio per l anno 2008 ed entro il 31 dicembre per gli anni successivi, al MEF un prospetto contenente i dati relativi alla previsione annuale dei propri fabbisogni di beni e servizi Comma 570: Consip per conto del MEF individua sulla base delle informazioni fornite e dei dati degli acquisti delle Amministrazioni, tramite il Sistema di contabilità gestionale, indicatori di spesa sostenibile per il soddisfacimento dei fabbisogni collegati funzionalmente alle attività da svolgere Comma 571: Gli indicatori di spesa devono essere messi a disposizione delle Amministrazioni anche attraverso la pubblicazione sul portale Acquisti in rete. Comma 572: In relazione ai parametri di prezzo-qualità di cui al comma 3 dell articolo 26 L.488/1999, il MEF, attraverso Consip, entro il 1 aprile 2008, predispone e mette a disposizione delle amministrazioni pubbliche gli strumenti di supporto per la valutazione della comparabilità del bene e del servizio e per l utilizzo dei detti parametri, anche con indicazione di una misura minima e massima degli stessi. Comma 573: i soggetti aggiudicatori di cui all articolo 3 comma 25, del codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture, possono ricorrere per l acquisto di beni e servizi alle Convenzioni stipulate da Consip Comma 574: Sulla base dei prospetti contenenti i dati di previsione annuale dei fabbisogni di beni e servizi, il MEF individua entro il mese di marzo di ogni anno, il grado di standardizzazione dei beni e dei servizi ed il livello di aggregazione della relativa domanda, nonché le tipologie di beni e servizi non oggetto di Convenzioni stipulate da Consip per le quali le Amministrazioni statali centrali e periferiche, ad esclusione degli istituti educativi e delle istituzioni universitarie, sono tenute a ricorrere alla Consip, in qualità di stazione appaltante ai fini dell espletamento dell appalto e dell accordo quadro, anche con l utilizzo dei sistemi telematici.

19 Aspetti normativi Riepilogo 1/3 L art. 26 (Acquisto di beni e servizi) L. n. 488 del 23/12/1999 e s.m.i., così come modificato dal D.L. n. 168 del , convertito in L. n. 191 del statuisce che il Ministero del tesoro, del bilancio e della programmazione economica, stipula, anche avvalendosi di società di consulenza specializzate, Convenzioni con le quali l'impresa prescelta si impegna ad accettare, sino a concorrenza della quantità massima complessiva stabilita dalla Convenzione ed ai prezzi e condizioni ivi previsti, ordinativi di fornitura di beni e servizi deliberati dalle Amministrazioni dello Stato. Il decreto del Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica 24 febbraio 2000, conferisce alla Consip S.P.A. l'incarico di stipulare Convenzioni e contratti quadro per l'acquisto di beni e servizi per conto delle Amministrazioni dello Stato. Ai sensi di quanto disposto dall art. 2, comma 5 del DPR 101/2001 le procedure telematiche di scelta del contraente previste dal Regolamento, possono essere adottate anche ai fini della stipula delle convenzioni di cui all'articolo 26 della legge 23 dicembre 1999, n La stipulazione di un contratto in violazione della suddetta normativa è causa di responsabilità amministrativa; ai fini della determinazione del danno erariale si tiene anche conto della differenza tra il prezzo previsto nelle Convenzioni e quello indicato nel contratto. 18 La legge 191/2004 ha rafforzato la verifica da parte di uffici preposti al controllo interno delle Amministrazioni introducendo una maggiore responsabilizzazione delle Amministrazioni medesime e dei dipendenti preposti alla funzioni acquisti, i quali sono chiamati anche in prima persona alla verifica della rispetto dei parametri di qualità e prezzo.

20 Aspetti normativi Riepilogo 2/3 L ambito soggettivo di riferimento è stato più volte modificato dal succedersi delle leggi finanziarie, prima individuato solo nelle Amministrazioni Pubbliche, di cui all art. 1, comma 2, del Dlgs. N. 165/2001, oggi così come disciplinato dall art. 2, comma 573 della L. n. 244/2007 (finanziaria 2008), anche negli organismi di diritto pubblico. Le Amministrazioni Pubbliche possono fare ricorso alle Convenzioni stipulate dalla Consip, ovvero ne utilizzano i parametri di prezzo-qualità per l'acquisto di beni e servizi comparabili oggetto delle stesse. Tuttavia, occorre precisare come le leggi finanziarie 2006 e 2007 hanno introdotto in capo a determinati soggetti e a determinate condizioni, l obbligo di adesione alle Convezioni Consip. In particolare: Finanziaria L art. 1, comma 22 della L n. 266/2005 prevede che, qualora a seguito del monitoraggio della spesa per beni e servizi, emerga il superamento degli obiettivi del patto di stabilità, le Pubbliche Amministrazioni centrali avranno l obbligo di aderire alle convenzioni, ovvero di utilizzare i relativi parametri con un ulteriore ribasso del 20%. Il Legislatore ha, tuttavia, previsto lo strumento del DPCM, su proposta del Ministero dell Economia e delle Finanze, ad oggi non ancora emanato, per la regolamentazione del nuovo scenario.

21 Aspetti normativi Riepilogo 3/3 Finanziaria L art. 1, comma 449, ha introdotto, in capo a tutte le amministrazioni statali centrali e periferiche, l ulteriore obbligo di aderire alle Convenzioni stipulate dalla Consip per quelle tipologie di beni e servizi individuati con decreto del Ministero dell economia e delle finanze, entro il mese di gennaio. Restano, invece, espressamente escluse dal predetto obbligo gli istituti e le scuole di ogni ordine e grado, le istituzioni educative e le istituzioni universitarie, le quali conservano, invece, la facoltà di ricorrere alle convenzioni Consip o a quelle stipulate dalle centrali di acquisto regionali per il loro ambito territoriale di competenza, ove esistenti. Resta ferma, comunque, la facoltà per le suddette Amministrazioni di approvvigionarsi in modo autonomo per i beni e i servizi oggetto di convenzionamento, utilizzando comunque i parametri di prezzo-qualità come limiti massimi per la stipula dei contratti. E previsto, poi, per gli enti del Servizio sanitario nazionale l obbligo di approvvigionarsi utilizzando le convenzioni stipulate dalle centrali regionali di riferimento. 20 L art. 1, comma 450 inoltre, con specifico riguardo agli acquisti al di sotto della soglia di rilievo comunitario, prevede che, le amministrazioni statali centrali e periferiche, ad esclusione degli istituti e delle scuole di ogni ordine e grado, delle istituzioni educative e delle istituzioni universitarie, sono tenute a fare ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione di cui all articolo 11, comma 5, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 4 aprile 2002, n Per l effetto il mercato elettronico, di cui al D.P.R. n. 101/2002, diventa strumento obbligatorio per l acquisto di beni e servizi sotto soglia, laddove questi siano effettuate da Amministrazioni centrali e periferiche dello Stato.

22 21 Ambito Soggettivo - SINTESI Devono aderire alle convenzioni: amministrazioni centrali e periferiche dello Stato; Possono aderire alle Convenzioni ovvero ne utilizzano i parametri qualità prezzo: scuole ed università; aziende ed amministrazioni dello Stato ad ordinamento autonomo (autorità amministrative indipendenti); enti pubblici territoriali locali: regioni, province, comuni, comunità montane; aggregazioni di enti locali e loro consorzi; istituti autonomi case popolari; camere di commercio, industria e artigianato; amministrazioni, aziende ed enti del servizio sanitario nazionale; tutti gli enti pubblici non economici nazionali, regionali o locali; Possono aderire alle Convenzioni: movimenti e partiti politici; organismi di diritto pubblico di cui all art. 3, del D.Lgs. 163/2006; Non possono aderire alle convenzioni: enti pubblici economici; imprese pubbliche (che non siano organismi di diritto pubblico) i concessionari di pubblici servizi (che non siano organismi di diritto pubblico) enti di natura privatistica (ad eccezione dei movimenti e partiti politici). La violazione dei parametri qualità-prezzo è causa di responsabilità amministrativa. Danno erariale: differenza tra il prezzo delle Convenzioni Consip e quello indicato nel contratto

23 Finalità del Programma Finalità Strumenti Razionalizzare la Spesa Ottenere economie di scala mediante aggregazione della domanda ed offerta di prodotti standardizzabili Apertura alla concorrenza Garantire efficienza, trasparenza e qualità dei processi d acquisto Ampiezza della gamma offerta Monitoraggio sistematico livelli servizio Ottimizzazione delle procedure Promuovere gli strumenti di e-procurement Supportare esigenze specifiche della PA Acquisti on-line Gare telematiche; Mercato elettronico della PA Supporto all innovazione e alla gestione del cambiamento Promozione e utilizzo dello strumento telematico Effetti indotti 22 Trasparenza ed efficienza nella spesa della Pubblica Amministrazione Incentivazione dinamiche del mercato Aumento della concorrenza e dell efficacia della commessa pubblica

24 Gli strumenti di e-procurement di Consip Negozi Elettronici Accordo Quadro Gare telematiche / smaterializzate Mercato Elettronico Sistema Dinamico di Acquisizione (disponibile dal 2010) Acquisti in Convenzione (ex art. 26) Standardizzati Alti volumi di spesa Aggregazione domanda 23 Acquisti in Convenzione (ex art. 26) Standardizzati Alti volumi di spesa Aggregazione domanda Stipula di Convenzioni (ex art. 26), Accordi Quadro e/o risposta a esigenze specifiche: Beni valutabili su parametri oggettivi Possibilità di servizio ASP verso altre P.A. Acquisti sotto soglia Gamma diversificata Domanda e offerta frammentate Multi prodotto e multi fornitore Acquisti sotto soglia Gamma diversificata Domanda e offerta frammentate Multi prodotto e multi fornitore

25 3.E-procurement (D.P.R. 101/2002) COSA è L E-PROCUREMENT? e-procurement", letteralmente approvvigionamento elettronico, mercato elettronico virtuale, parallelo a quello di tipo tradizionale indica l insieme di tecnologie e procedure di acquisto di beni e servizi per via telematica, utilizzate sia da soggetti privati che pubblici, che si attua tramite l utilizzo di strumenti informatici e della rete internet. 24

26 Quadro normativo nazionale di riferimento La struttura del sistema di e-procurement italiano si fonda principalmente su tre testi normativi: 1) D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82, (Codice dell'amministrazione digitale) Documento informatico (artt. 21 e 22) 25 2) D.Lgs 163/2006 (Codice degli appalti, che recepisce le novità in fatto di utilizzo dei mezzi elettronici nelle procedure di gara). uso del mezzo elettronico nelle comunicazioni e nelle presentazioni delle offerte (artt. 66, 70, 71, 72, 73, 74, 77); sistemi dinamici d acquisto (art. 60); aste elettroniche (art. 85); Per l acquisto di beni e servizi, alle condizioni di cui al comma 3, le stazioni appaltanti possono stabilire di ricorrere a procedure di gara interamente gestite con sistemi telematici, disciplinate con il regolamento nel rispetto delle disposizioni di cui al presente codice. (art. 85, comma 13); 3) D.P.R. 4 aprile 2002 n. 101 (Regolamento recante criteri e modalità per l espletamento da parte delle P.A. di procedure telematiche di acquisto per l approvvigionamento di beni e servizi). Art. 9: Gara telematica Art.11: Il mercato elettronico della Pubblica Amministrazione (cd. Marketplace) Le procedure telematiche introdotte dal DPR 101/2002 nel nuovo contesto normativo: Art. 256, comma 4: abrogazione, con decorrenza dall entrata in vigore del Regolamento di cui all art. 5 del codice, del D.P.R. 101/2002; Art. 253, comma 14: In relazione all articolo 85, comma 13, fino all entrata in vigore del regolamento si applicano le disposizioni di cui al D.P.R. 4 aprile 2002, n. 101, nei limiti di compatibilità con il presente codice.

27 La normativa italiana previgente alle direttive comunitarie: D.P.R. 101/2002 Il D.P.R. n. 101 del 4 aprile 2002 ha introdotto la disciplina per lo volgimento delle procedure telematiche di acquisto per beni e servizi. mercato elettronico virtuale, parallelo a quello di tipo tradizionale Le procedure telematiche di acquisto assicurano la parità di condizioni dei partecipanti, nel rispetto dei principi di trasparenza e di semplificazione delle procedure nonché delle disposizioni, anche tecniche, di recepimento della normativa comunitaria sulle firme elettroniche e sulla documentazione amministrativa. 26

28 D.P.R. 101 del 2002: AMBITO SOGGETTIVO DI APPLICAZIONE Amministrazioni: tutti i soggetti, gli enti e gli organismi tenuti all'applicazione delle normative in tema di appalti pubblici, con esclusione delle regioni, delle province, delle città metropolitane, dei comuni e delle comunità montane Le regioni, le province, le città metropolitane, i comuni e le comunità montane possono applicare le disposizioni del presente regolamento se così dispongano nell'ambito della propria autonomia... Rimane ferma la possibilità per le amministrazioni di effettuare gli approvvigionamenti di beni e servizi con le tradizionali procedure di scelta del contraente... * * Fatto salvo l obbligo di ricorrere al mercato elettronico posto in capo alle amministrazioni statali dall art. 1, comma 450, della L. 296/2006 (legge finanziaria 2007). 27

29 D.P.R. 101/2002 Le P.A. possono utilizzare in via alternativa o come supporto ai tradizionali sistemi di scelta del contraente: Gare Telematiche, per attuare la gestione on-line dell intero processo di gara, per acquisti sia sopra che sotto la soglia di rilievo comunitario Mercato Elettronico, soltanto per acquisti sotto soglia Il DPR n. 101/2002, art. 11, comma 5, assegna al Ministero dell Economia e delle Finanze ed al Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie della Presidenza del Consiglio dei Ministri il compito di predisporre, anche attraverso proprie concessionarie, un Mercato Elettronico cui tutte le P.A. possano accedere. Il M.E.F. ha dato incarico alla Consip S.p.A. di realizzare il Mercato Elettronico della P.A. 28

30 Il Mercato Elettronico della PA - MEPA Le Amministrazioni possono avvalersi del Mercato Elettronico della PA per gli acquisti di beni e servizi al di sotto della soglia di rilievo comunitario (Parte II,Tit.II. D.Lgs. 163/06). L Amministrazione interessata utilizzerà il mercato elettronico nel rispetto dei principi che disciplinano la materia degli approvvigionamenti sotto soglia ad esso applicabili. In generale, il ricorso alle procedure di cui Decreto 101 implica che il regolamento contratti o un apposito regolamento interno dell Amministrazione prevedano la possibilità di effettuare acquisti in via telematica. Della decisione di utilizzare le procedure telematiche verrà quindi dato atto nella relativa determinazione di acquisto dell ente procedente: il Decreto dispone infatti che esso si applica alle amministrazioni che per gli approvvigionamenti di beni e servizi, anche d importo inferiore alla soglia di rilievo comunitario, di volta in volta decidano, con provvedimento motivato e secondo le modalità richieste dai rispettivi ordinamenti, di effettuare gli stessi attraverso le procedure telematiche di acquisto [*] In ogni caso per gli acquisti in economia il D.P.R. 101/2002, richiede peraltro che vengano osservate le procedure previste dal D.P.R. 20 agosto 2001, n. 384**. 29 * Art. 2 comma 3 del D.p.r. 101/2002 ** Art. 253, comma 22, lett. b): le forniture e i servizi in economia sono disciplinati dal decreto del Presidente della Repubblica 20 agosto 2001, n. 384, nei limiti di compatibilità con le disposizioni del presente codice ( ).

31 Art. 125 D.lgs. 163/2006: Lavori servizi e forniture in economia Gli acquisti di beni e servizi relativi a spese in economia, previsti ora dall art. 125 del Codice, sono disciplinati - in quanto compatibili con le disposizioni del Codice stesso e fino all entrata in vigore del Regolamento - dal D.P.R. 20 agosto 2001, n In particolare, le acquisizioni in economia di beni e servizi sono ammesse per importi inferiori a per le amministrazioni aggiudicatrici di cui all articolo 28, comma 1, lettera a), e per importi inferiori a euro per le stazioni appaltanti di cui all articolo 28, comma 1, lettera b) e possono avvenire: a) mediante amministrazione diretta: in tal caso le acquisizioni sono effettuate dall Amministrazione essenzialmente con materiali e mezzi propri o appositamente acquistati o noleggiati e con personale proprio; b) mediante procedura di cottimo fiduciario: è una procedura negoziata in cui le acquisizioni avvengono mediante affidamento a terzi, a persone o imprese estranee all amministrazione, richiedendo, per servizi o forniture di importo pari o superiore a euro e fino alle soglie di cui sopra, almeno cinque preventivi. 30 Per servizi o forniture inferiori a euro, è consentito l affidamento diretto ad un solo fornitore.

32 L acquisto sul MEPA: Ordine Diretto d Acquisto e Richiesta d Offerta Il Mercato Elettronico è costituito da una piattaforma informatica gestita da Consip nell ambito della quale si concludono contratti di approvvigionamento di beni e servizi tra le amministrazioni e i fornitori. Coerentemente con quanto disposto dal Decreto 101, il sistema informatico offre alle amministrazioni registrate la possibilità di utilizzare due diverse procedure di acquisto: Ordine Diretto d Acquisto (OdA) Richiesta di Offerta (RdO) 31 Art. 11, comma 1: le amministrazioni possono acquistare direttamente dai cataloghi dei fornitori presenti sul sito : Ordine diretto. L Ordine diretto viene effettuato dal Catalogo dell impresa abilitata, in quanto la pubblicazione del catalogo dei prodotti sul sito concreta un offerta al pubblico ai sensi dell art del codice civile ( PUBBLICO = PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI REGISTRATE AL MERCATO ELETTRONICO). OdA: può essere utilizzato per gli acquisti in economia quando l importo della spesa non superi l ammontare di : affidamento diretto. Art. 11, comma 2: Il Mercato Elettronico consente altresì di richiedere ulteriori offerte agli utenti : RdO. Il procedimento di RdO concreta invece un invito ad offrire rivolto dall amministrazione a uno o più fornitori. Il Fornitore che riceve una RdO è libero di formulare o meno un offerta. Nel caso venga formulata un offerta, l amministrazione riceve dal fornitore una proposta valida per un certo periodo di tempo e, in base alla propria disciplina che ne regola gli acquisti, deciderà se accettarla o meno entro il termine stabilito. RdO: può essere utilizzata per gli acquisti in economia mediante richiesta di almeno cinque preventivi: cottimo fiduciario.

33 Quando possono essere utilizzati l Ordine Diretto o la Richiesta d offerta (RDO) Gli acquisti mediante Ordine diretto (OdA) seguenti casi: o Richiesta d offerta (RDO) potranno essere effettuati nei qualora la disciplina che governa gli acquisti dell amministrazione procedente disciplini espressamente le modalità e gli ambiti di utilizzo delle nuove procedure telematiche di acquisto previste dal DPR 101/2002, in tutti i casi in cui tale disciplina prevede il ricorso all Ordine Diretto o l RDO per gli acquisti sotto soglia ; in assenza di uno specifico Regolamento attuativo del DPR 101/2002 applicabile all amministrazione procedente quindi nel caso in cui l amministrazione procedente non abbia adottato o comunque non sia destinataria di una specifica regolamentazione delle procedure telematiche di acquisto tramite mercato elettronico, in tutti i casi in cui la procedura di acquisto mediante ODA può essere utilizzata per dare attuazione tramite modalità telematiche alle procedure di acquisto tradizionali applicabili all amministrazione o, nel caso di RDO, nei casi in cui la disciplina degli acquisti sotto soglia applicabile all ente consente il ricorso a procedure ristrette negoziate compatibili con le caratteristiche del sistema di acquisto tramite RDO offerto dal mercato elettronico. Sta pertanto alla singola amministrazione utilizzare gli strumenti di acquisto forniti dal Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione sulla base e nel rispetto di quanto stabilito dalla normativa e dalla disciplina interna che regola la materia degli approvvigionamenti di beni e servizi sotto la soglia di rilievo comunitario. 32

34 La disciplina del Mercato Elettronico della PA L art. 11 del DPR 101/02 non disciplina in modo esaustivo le fasi e le procedure nelle quali si articola un mercato elettronico. Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione ha pertanto una propria regolamentazione interna che stabilisce le procedure che coinvolgono gli attori principali del sistema: le pubbliche amministrazioni e leimprese. La disciplina del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione che si rivolge sia alle amministrazioni acquirenti, che attraverso la registrazione fanno propria e accettano tale regolamentazione, sia ai fornitori, che per partecipare devono ottemperare ai requisiti e alle prescrizioni imposte da tale disciplina è composta da: Regole per l accesso e l utilizzo che prevedono l oggetto e le finalità del MEPA descrivendo, tra l altro, le fasi di registrazione e abilitazione degli utenti, i sistemi di acquisto (ordine diretto e richiesta d ordine), il valore giuridico del catalogo, dei prodotti abilitati e dei sistemi di acquisto, i compiti attribuiti a Consip S.p.A. e al gestore del sistema. Tali regole hanno carattere generale, valevole per tutti i bandi di abilitazione e comune a tutte le Amministrazioni e fornitori. Bando e Capitolato Tecnico che stabiliscono i requisiti soggettivi che i fornitori devono possedere per essere abilitati al MEPA, le specifiche nonché gli attributi tecnici minimi che i prodotti devono possedere per essere inseriti nel catalogo, nonché le modalità di esecuzione della fornitura. 33 Condizioni Generali di Contratto che individuano le obbligazioni specifiche relative alla fornitura (con particolare riguardo alla consegna e verifica o collaudo dei beni), alle prestazioni accessorie (quali, ad esempio, particolari garanzie sul prodotto), al pagamento del corrispettivo, alle penali applicabili nonché alle ipotesi di risoluzione o recesso dal contratto. Possono essere derogate o integrate dall Amministrazione indicando ulteriori condizioni per far fronte a specifiche esigenze quando procede ad acquistare tramite RDO. Il contenuto dei Bandi e le Condizioni generali di contratto, a differenza delle Regole, è specifico per ciascuna categoria merceologica.

35 Il Mercato Elettronico della P.A. : Funzionamento e dati di analisi Dott.ssa Anna Vidoni Area Strategie Innovative d Acquisto 34

36 MePA - Cos è Il Mercato Elettronico della P.A., utilizzabile solo per acquisti di importo inferiore alla soglia comunitaria, è un mercato digitale all interno del quale i fornitori abilitati offrono i propri beni e servizi alle Pubbliche Amministrazioni che effettuano acquisti mediante ordini diretti a catalogo o tramite richieste di offerta. Gli attori del Mercato Elettronico Imprese I Fornitori: aziende private che intendano proporre i propri articoli e divenire in questo modo potenziali fornitori della Pubblica Amministrazione MEF/Consip Qualifica i fornitori Gestisce i Cataloghi Fornisce assistenza tecnica e formazione alla Pubblica Amministrazione e alle imprese Marketplace Pubblica Amministrazione Unico soggetto acquirente: Amministrazioni Centrali, Sanità, Enti Locali, Università e Istituti di Ricerca, ecc 35 Il Mercato Elettronico della P.A. rappresenta uno strumento ad alta potenzialità per le Amministrazioni e le Imprese.

37 Il Mercato Elettronico della P.A. - Come funziona Il DPR 101 del 2002 ha introdotto il Mercato Elettronico della P.A. quale nuovo strumento d acquisto, utilizzabile da tutte le P.A., per approvvigionamenti di importo inferiore alla soglia comunitaria. Il Mercato Elettronico della P.A è un Marketplace di tipo selettivo, cioè accessibile solo ad utenti (Amministrazioni e Fornitori) abilitati, B2G (Business to Government) su cui è possibile effettuare acquisti diretti da catalogo (OdA) e richieste di offerta (RdO). 36 MEF/Consip Emette il Bando di abilitazione Abilita i fornitori Registra i PO Bando di abilitazione Fornitori abilitati Pubblicano ed aggiornano il catalogo Ricevono OdA Rispondono alle RdO Mercato Elettronico della P.A. Qualifica fornitori Gestione catalogo Gestione doc.le Reporting PO registrati Ricercano prodotti Confrontano offerte Effettuano RdO e OdA

38 Descrizione macro-funzionalità - lato PO Attività Ricercare Prodotti Descrizione Utilizzando un motore di ricerca, è possibile individuare i prodotti rispondenti alle proprie esigenze, nell ambito del catalogo costituito dalle offerte dei diversi fornitori abilitati Confrontare Offerte Il sistema consente di paragonare le diverse offerte individuate nel catalogo, in base alle caratteristiche qualitative e commerciali, per procedere alla scelta Effettuare Ordini di Acquisto I beni scelti, anche attraverso delle richieste di offerta, possono essere inseriti nel carrello virtuale e acquistati mediante l emissione di ordini on-line Emettere Richieste di Offerta Inviare a fornitori selezionati tra quelli abilitati richieste di offerta per l acquisto di prodotti presenti nel catalogo e valutare le relative offerte con il supporto del sistema 37

39 Descrizione macro-funzionalità - lato fornitore Attività Presentare Aggiornare catalogo Ricevere Ordini di Acquisto Descrizione Nell ambito delle categorie merceologiche e delle relative specifiche previste dai bandi di abilitazione i fornitori possono pubblicare ed aggiornare sul Mercato Elettronico, previa verifica da parte di Consip, il proprio catalogo Gli ordini di acquisto emessi on-line dai Punti Ordinanti vengono recapitati al fornitore in tempo reale dal sistema Rispondere a richieste di offerta I fornitori invitati a presentare offerta dai PO possono rispondere predisponendo ed inviando la propria offerta online 38

40 MePA Ordine diretto d acquisto Principali funzioni Il responsabile degli acquisti dell Amministrazione esegue un acquisto diretto attraverso l utilizzo del catalogo elettronico. Ordini di Acquisto diretto (OdA) I beni presenti in catalogo costituiscono offerte irrevocabili di vendita da parte dei fornitori e possono essere acquistati mediante emissione on-line di OdA. Ordini di Acquisto diretto (OdA) Richieste di Offerta (RdO) Ricerca Prodotti Consultando il catalogo costituito dalle offerte dei diversi fornitori Confronto Prodotti Selezionandoli nel catalogo in base alle loro caratteristiche 39 Emissione Ordini Riempiendo un carrello virtuale ed inviando l ordine

41 MePA Come emettere un Ordine d acquisto 1 COMPOSIZIONE CARRELLO 2 VERIFICHE 3 COMPILAZIONE MODULO D ORDINE 4 FIRMA DIGITALE E INVIO Il PO compone il carrello selezionando gli articoli di interesse e specificandone le quantità richieste - Copertura area geografica? - Rispetto dell importo minimo per luogo di consegna? - Rispetto del lotto minimo ordinabile? Il PO inserisce on-line: -informaz. generali -dati di spedizione -dati di fatturazione Il PO scarica il modulo, appone la firma digitale e carica di nuovo il file a sistema 40 7 EVASIONE DELL ORDINE Il fornitore evade l ordine (o, ad esito negativo della verifica, ne invia) 6 VERIFICA CONTENUTI DELL ORDINE Il fornitore verifica i contenuti dell ordine, il rispetto dell importo minimo per luogo di consegna e del lotto minimo ordinabile. 5 RICEZIONE NOTIFICA DELL ORDINE Il sistema invia in automatico al fornitore una notifica sul sistema e per posta elettronica

42 MePA Richiesta di Offerta Principali Funzioni Il responsabile degli acquisti dell Amministrazione ha la possibilità di emettere Richieste d Offerta per i prodotti a catalogo. Ordini di Richieste di Offerta (RdO) È possibile inviare richieste di offerta, a fornitori selezionati tra quelli abilitati, per prodotti con caratteristiche particolari o per condizioni di fornitura diverse da quelle standard. Acquisto diretto (OdA) Richieste di Offerta (RdO) Emissione Richieste d offerta Confronto Offerte Inviando a fornitori selezionati, tra quelli abilitati, RdO per i prodotti presenti nel catalogo Valutando, con il supporto del sistema, quelle ricevute entro i termini prefissati Aggiudicazione Offerta Selezionando quella più conveniente per la propria Amministrazione 41

43 MePA Richiesta di Offerta Come creare una RDO 1 COMPOSIZIONE CARRELLO Il PO compone il carrello selezionando gli articoli di interesse e digita il comando di creazione RdO 2 CREAZIONE RdO Il PO inserisce: - oggetto RdO - dati di spedizione fatturazione - note/allegati - caratteristiche e degli articoli richieste Il PO specifica: - data apertura 3 DEFINIZIONE CICLO DI VITA RdO - data anteprima - data chiusura - data accettazione - data ultima di consegna 4 LISTA FORNITORI da INVITARE Il sistema propone in automatico una lista di fornitori, che il PO può modificare e integrare 5 INVIO RICHIESTA Il PO inserisce il proprio codice PIN e procede all invio della richiesta ai fornitori selezionati 42 9 AGGIUDICA-ZIONE Alla data aggiudicazione il PO può accettare l offerta più vantaggiosa, firmando digitalmente l accettazione 8 VALUTAZIONE PROPOSTE PERVENUTE Alla data chiusura il PO visualizza le offerte pervenute: il sistema elabora in automatico una graduatoria non vincolante, sulla base dei criteri economici 7 INVIO PROPOSTE D OFFERTA A partire dalla data apertura i fornitori interessati inviano proposte firmate digitalmente 6 RICEZIONE NOTIFICA DELLA RdO Il sistema invia in automatico ai fornitori una notifica per posta elettronica della RdO

44 MePA I requisiti per la registrazione Per poter accedere al Mercato Elettronico, i Punti Ordinanti devono essere dotati di alcuni strumenti. Requisiti tecnologici Kit di firma digitale Hardware Software (Sistema operativo e Browser) Connessione Internet Descrizione Smart Card, Lettore di Smart Card e Software di firma. Deve essere intestata al soggetto che può impegnare l Amministrazione di appartenenza per acquisti di beni e servizi sotto la soglia di rilievo comunitario. PC dotato di una porta USB o seriale e attacco PS/2 cui collegare il lettore di Smart Card per la firma digitale. Lettore CD-rom. Sistema Operativo: Windows 98, ME, NT SP6, 2000 SP3 32 Mb Ram, Windows NT/2000/XP 64 Mb Ram. Browser:Netscape 4.7 e successivi, 128 bit; Microsoft Explorer 5.0 e successivi, 128 bit Non è richiesta una connessione con prestazioni particolari per l accesso alla piattaforma. 43

45 Il Mercato Elettronico della P.A. i vantaggi Il Mercato Elettronico della P.A. favorisce l apertura e la trasparenza del mercato. I principali vantaggi per 44 La Pubblica Amministrazione Riduzione di costi e tempi di acquisto Accessibilità a una base potenzialmente maggiore di fornitori abilitati (che rispondono a standard comprovati di efficienza e affidabilità) Facilità di confronto dei prodotti e trasparenza informativa Possibilità di tracciare gli acquisti e quindi di controllare la spesa, eliminando ogni supporto cartaceo Negoziazione diretta con i fornitori di tempi, prezzi e condizioni Le Imprese Ottimizzazione dei costi di intermediazione commerciale Possibilità di utilizzo di un nuovo canale di vendita, complementare a quelli già attivati Opportunità di accedere al mercato della P.A. anche solo su base provinciale Recupero di competitività, in particolar modo nei mercati locali Maggiore visibilità dei propri prodotti

46 Le categorie merceologiche sul MEPA: le offerte commerciali Arredi e complementi di arredo: Beni e Servizi ICT: Cancelleria: Beni e Servizi Sanità: Dispositivi di protezione individuale: Manutenzione Impianti Elettrici: Manutenzione Impianti Elevatori: n. complessivo Materiale Elettrico: Materiale Igienico Sanitario: Prodotti per l ufficio: Manutenzione Termoidraulici: Manutenzione Imp. Antincendio: 139 Segnaletica: Servizi di Igiene Ambientale: N. complessivo articoli:

47 Principali risultati del MEPA agosto Note Iniziative merceologic he Focus sulle categorie merceologiche chiave PO ATTIVI PO registrati: N. Cataloghi abilitati Articoli on line Imprese on line: Circa il 90% è rappresentato da micro e piccole imprese. La categoria micro (< 10 dipendenti) è la più numerosa, pari al 64% del totale 87% circa degli articoli appartiene alla macro categoria ICT/Office supply Transazioni Cumulato: Cumulato: Cumulato: Cumulato: Cumulato: % su OdA 19% su RdO (% calcolata su 2009) 29,8 mio mio 38,2 mio 83,6 mio 172,2 mio 129,9 33% su OdA 67% su RdO (% calcolata su 2009) Transato 46 mio 8,3 Cumulato: mio 38,1 Cumulato: mio 76,3 Cumulato: mio 159,9 Cumulato: mio 323,8 Cumulato: mio 453,7 Valore medio mobile OdA: Valore medio mobile RdO: Valore medio mobile transazione: (per valore medio mobile si intende il valore relativo ai 12 mesi precedenti il mese in questione)

48 Transazioni n. n Transato (mlioni ). Il volume d affari: Transazioni (valore e numero ) % 129,9 114,8 107,3 84,8 63,5 49,9 35,7 20,9 9,8 9,4 19,6 30,4 38,9 50,4 63,4 78,7 83,4 93,4 109,2 130,7 172,2 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre ,8 5,8 9,3 11,6 15,2 18,9 23,9 25,1 29,9 39,3 50,8 83, ,4 19,6 30,4 38,9 50,4 63,4 78,7 83,4 93,4 109,2 130,7 172, ,8 20,9 35,7 49,9 63,5 84,8 107,3 114,8 129, % Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

49 48 Il Mercato Elettronico della PA il valore del transato

50 Rapporto tra acquisti e vendite nelle regioni Dati Nel computo vendite dei fornitori non sono conteggiati circa 4 milioni di euro fatturati da aziende estere

51 Le linee di sviluppo nel breve-medio periodo Consolidamento/ ottimizzazione del sistema Organizzazione: Potenziamento del Customer Care Semplificazione Abilitazione delle imprese/gestione catalogo Tecnologia; Miglioramento usabilità e funzionalità del sistema Miglioramento dell offerta Piena attivazione dei bandi di più recente pubblicazione Ampliamento della copertura geografica Arricchimento categorie già attive Evoluzione nel medio periodo 50 Sviluppo di un modello collaborativo con Amministrazioni e Imprese, coinvolgendo le aggregazioni di Pubbliche Amministrazioni e le Associazione imprenditoriali (Sportelli In Rete) per la diffusione dei nuovi strumenti di e-procurement presso PA e Imprese Sperimentazione della interoperabilità con le iniziative di e-procurement pubblico in via di progettazione e realizzazione in ambito locale dalle Pubbliche Amministrazioni. Integrazione del sistema di e-procurement centrale con i sistemi gestionali utilizzati dalle Amministrazioni. Armonizzazione del sistema con i nuovi strumenti previsti dalla Direttiva UE sugli appalti

52 Il sistema delle Convenzioni, la registrazione al Programma di Razionalizzazione e gli Sportelli in Rete 51 Dott.ssa Valeria Bonifazi Area Promozione Amministrazioni Territoriali Regione Sicilia

53 Il sistema delle Convenzioni Le Convenzioni sono contratti quadro stipulati attraverso Consip - dal Ministero dell Economia e delle Finanze. Stipulate a seguito di una procedura di gara tradizionale o telematica, tale strumento d acquisto mette a disposizione delle Amministrazioni beni e servizi, individuati attraverso l analisi delle esigenze della P.A., e offrono alle Imprese l opportunità di soddisfare la domanda pubblica assicurando il rispetto dei principi di concorrenza e trasparenza. Le Convenzioni pongono in essere un sistema di impegni caratterizzato principalmente da: l oggetto della Convenzione (ovvero i beni/servizi oggetto della fornitura) i tempi di esecuzione e la durata della Convenzione la durata dei singoli contratti stipulati tra le P.A. ed il fornitore Convenzioni 52 i responsabili del servizio di fornitura le modalità di erogazione del servizio di fornitura (ad es. modalità di consegna del bene/servizio ecc.) i quantitativi massimi e le caratteristiche degli ordinativi del bene/servizio

54 Informazione/Comunicazione Il sistema delle Convenzioni Attori coinvolti Il sistema delle Convenzioni si basa su un modello di funzionamento che coinvolge diversi soggetti. Nell ambito di questo modello la Consip è un soggetto terzo rispetto alla fornitura dei beni e dei servizi che sono oggetto della Convenzione e che riguarda direttamente le Amministrazioni ed il Fornitore aggiudicatario. La Consip monitora il buon andamento della Convenzione interagendo sia con le Amministrazioni che con i Fornitori. MEF Pareri AUTORITA Coordinamento Programma CONSIP Stipula contratti quadro attivazioni negozi elettronici Reportistica del venduto FORNITORI Strumenti di monitoraggio Requisiti Livello di soddisfazione 53 AMMINISTRAZIONI Ordini On line/fax Fornitura Pagamento

55 Il sistema delle Convenzioni - Peculiarità Da un punto di vista contrattuale il sistema presenta diverse novità finalizzate al superamento del modello di acquisto precedentemente adottato Contengono tutte le clausole contrattuali necessarie a regolare completamente sia i rapporti tra la Consip ed il Fornitore, sia quelli tra il Fornitore e le Amministrazioni Realizzazione di Convenzioni aventi le caratteristiche di un contratto quadro ovvero per adesione: Le Amministrazioni si limitano a stipulare i loro singoli contratti mediante l invio del solo Ordinativo di fornitura I contratti così conclusi sono disciplinati per intero delle clausole contenute nella Convenzione Le Amministrazioni conservano la propria autonomia nella determinazione della politica degli acquisti di beni e servizi 54 Le Amministrazioni possono usufruire velocemente e tempestivamente dei beni e dei servizi di cui effettivamente necessitano

56 Il sistema delle Convenzioni - i vantaggi Tra i principali benefici per le Amministrazioni acquirenti vi sono: la semplificazione del processo di acquisto, con riduzione dei costi e dei tempi di approvvigionamento (per effetto della eliminazione di tempi e costi di gara) e aumento della trasparenza il miglioramento della qualità della fornitura sia di prodotto sia di servizio la reale concorrenza tra i partecipanti alle gare anche grazie alla collaborazione con le Autorità garanti l abbattimento dei costi legati alla gestione dei contenziosi legati al procedimento di gara, che sono attribuiti a Consip la possibilità di dedicare le risorse della funzione acquisti ad attività a maggior valore aggiunto (programmazione, controllo, etc.) 55 l opportunità di effettuare acquisti verdi nell ottica di favorire la diffusione del green public procurement il monitoraggio della spesa attraverso la tracciabilità degli acquisti, anche se effettuati da strutture decentrate

57 La semplificazione del processo Il nuovo processo per l acquisizione di beni e servizi Operazioni svolte da Consip Analisi Fabbisogno Contratto e documentazi one di gara Selezione del fornitore Eventuale contenzioso di gara con fornitori Stipula del contratto Consegna beni/ servizi Pagamento Ordine on line/fax 56 Riduzione del numero di procedure amministrative sia per le Pubbliche Amministrazioni sia per il mercato della fornitura

58 Realizzazione di una Convenzione - Processo e sottofasi Studio di fattibilità e definizione della strategia Scelta del fornitore e stipula della Convenzione Gestione della Convenzione Monitoraggio dei livelli di servizio Individuazione opportunità Predisposizione documentazione di gara Monitoraggio del livello di massimale Effettuazione verifiche ispettive Studio di fattibilità Definizione strategia di gara Acquisizione pareri Autorità competenti Pubblicazione documentazione di gara Eventuale estensione/pror oga Convenzione Eventuale proroga temporale Erogazione survey Analisi reclami 57 Stipula Convenzione Promozione azioni correttive

59 Categoria Merceologica Alimenti e ristorazione Alimenti e ristorazione Le iniziative attive Aggiornata al 10 settembre 2009 Convenzione Attivazione Durata Scadenza Buoni pasto 4 Agosto '08 12 mesi (+12) febbraio '10 Derrate Alimentari 3 Novembre '08 12 mesi Novembre '09 Arredi e complementi di arredo Arredi e complementi di arredo Arredi e complementi di arredo Arredi didattici 3 Marzo '09 12 mesi (+12) Marzo '10 Arredi per ufficio 3 Maggio '08 12 mesi (+12) Luglio 10 Arredi scolastici 3 Marzo '09 12 mesi (+12) Marzo '10 58 Beni e servizi per gli immobili Beni e servizi per gli immobili Beni e servizi per gli immobili Beni e servizi per gli immobili Beni e servizi per gli immobili Beni e servizi per la Sanità Beni e servizi per la Sanità Consulenza e Assistenza per la gestione del Facility Management Uffici Ottobre mesi (+12) Luglio '10 Facility Management Uffici Giugno mesi Dicembre 09 Gasolio da riscaldamento 5 Aprile '09 12 mesi (+12) Aprile '10 Servizio Integrato Energia Ottobre mesi (+12) Novembre '09 Sistema Integrato di Servizi per la Gestione e Conduzione degli Impianti Tecnologici in Sanità Gennaio '09 24 mesi Marzo '11 Ausili ad assorbenza per incontinenti 2 Novembre '07 12 mesi (+12) Dicembre 09 Service dialisi 2 Settembre '08 12 mesi (+12) Settembre '09 Tutte le informazioni aggiornate sulle Convenzioni attive e in attivazione sono disponibili sul Portale nella sezione Convenzioni.

60 Le iniziative attive Aggiornata al 10 settembre 2009 Categoria Merceologica Convenzione Attivazione Durata Scadenza Cancelleria, macchine per ufficio e materiale di consumo Cancelleria, macchine per ufficio e materiale di consumo Cancelleria, macchine per ufficio e materiale di consumo Energia elettrica e gas naturale Fotocopiatrici in noleggio 14 Marzo mesi (+6) Settembre 09 Fotocopiatrici 15 Febbraio '09 12 mesi (+ 6) Marzo '10 Stampanti 8 Gennaio '09 6 mesi (+ 6) Marzo '10 Energia elettrica 6 Ottobre '08 12 (+3) Ottobre '09 Hardware e software Microsoft 8 Maggio mesi (+6) Maggio 10 Hardware e software Pc portatili 8 Aprile '09 6 mesi (+6) Ottobre '09 Hardware e software Server 3 (solo componenti aggiuntive) Marzo 07 9 mesi (+6) Marzo 08 Hardware e software Server Entry-Midrange 4 Aprile 08 9 mesi (+3) Maggio 09 Hardware e software Server Midrange (solo componenti aggiuntive) Marzo 06 6 mesi (+ 3) Dicembre 09 Telecomunicazioni, elettronica e servizi accessori Telecomunicazioni, elettronica e servizi accessori Servizi assicurativi e finanziari Centrali Telefoniche 4 Settembre '08 18 mesi (+6) Marzo '10 Telefonia mobile 4 Aprile mesi (+6) Aprile 10 Carte di credito 2 Marzo '09 24 mesi Marzo '11 59 Tutte le informazioni aggiornate sulle Convenzioni attive e in attivazione sono disponibili sul Portale nella sezione Convenzioni.

61 Le iniziative attive Aggiornata al 10 settembre 2009 Categoria Merceologica Veicoli, carburanti e lubrificanti Veicoli, carburanti e lubrificanti Veicoli, carburanti e lubrificanti Veicoli, carburanti e lubrificanti Veicoli, carburanti e lubrificanti Convenzione Attivazione Durata Scadenza Autoveicoli in acquisto 4 Dicembre '08 12 mesi (+12) Marzo '10 Autoveicoli in noleggio 6 Ottobre mesi (+12) Settembre '09 Autoveicoli in noleggio 7 Dicembre '08 12 mesi (+12) Gennaio '10 Carburanti extrarete 5 Aprile '09 12 mesi (+12) Aprile '10 Carburanti rete Buoni Acquisto 3 Giugno '08 12 mesi (+ 6) Giugno '09 Hardware e software Server 5 Agosto 09 9 mesi (+ 3) Maggio Tutte le informazioni aggiornate sulle Convenzioni attive e in attivazione sono disponibili sul Portale nella sezione Convenzioni.

62 La complementarietà tra Convenzioni e MePA Il Mercato Elettronico è un canale di acquisto diverso e complementare rispetto alle Convenzioni ex art. 26. L utilizzo combinato di entrambi gli strumenti, offre alle PA l opportunità di scegliere lo strumento ottimale. Convenzioni Mercato Elettronico Aggregazione domanda Standardizzazione offerta Acquisti sopra e sotto soglia Condizioni di fornitura predefinite Unico aggiudicatario per l intero territorio nazionale, per una determinata area geografica o merceologica (lotto) Fornitori di dimensioni medio-grandi, in grado di soddisfare una domanda per volumi rilevanti Risparmi derivanti dall aggregazione della domanda Soddisfacimento domanda specifica Apertura mercati locali e PMI locali Acquisti sotto soglia Personalizzazione condizioni di fornitura Presenza di fornitori diversi per gli stessi beni con possibilità di acquisto sulla base delle puntuali esigenze delle P.A. accesso anche ai piccoli fornitori, che possono sfruttare il vantaggio competitivo della vicinanza geografica alle P.A. locali Risparmi derivanti dal confronto delle offerte di più fornitori in maniera agevole e veloce 61 La complementarietà tra i due strumenti garantisce una copertura ottimale delle esigenze di acquisto delle P.A.

63 Il sistema delle Convenzioni - Come aderire Per acquistare in Convenzione le Amministrazioni devono registrarsi sul Portale Acquisti in Rete della P.A.: Requisiti: essere un dipendente pubblico autorizzato ad impegnare la spesa all interno della propria Amministrazione Cosa occorre: compilare il Modulo di registrazione on line definire la password e l'eventuale PIN inviare la documentazione richiesta 62 Tutte le informazioni sulla procedura di registrazione sono disponibili sul Portale nella sezione Registrati.

64 Collaborazione con le Associazioni di categoria La collaborazione con le Confederazioni di imprese nasce allo scopo di superare l iniziale diffidenza e scarso coinvolgimento delle PMI nel Programma di razionalizzazione della Spesa (fino al 2003) L obiettivo era quindi quello di avviare linee di collaborazione con le Confederazioni che mirassero ad un maggior coinvolgimento delle PMI con particolare attenzione alle realtà locali Le Confederazioni con cui sono stati attivati rapporti di collaborazione rappresentano normalmente le imprese di piccole dimensioni: CNA Confapi Confcommercio Confartigianato Confcooperative-Federlavoro Federlazio Confindustria Unioncamere 63

65 L iniziativa Sportelli in Rete Per facilitare l accesso delle imprese locali alle iniziative realizzate dal Programma di Razionalizzazione della Spesa, e tramite questo alla domanda pubblica, è stato sviluppato, a partire dal 2004, il progetto Sportelli in Rete Oggetto Attivazione, presso le Associazioni territoriali, di strutture a supporto delle imprese per l utilizzo del Mercato Elettronico della PA Obiettivi Aumentare la confidenza delle PMI verso l innovazione tecnologica accompagnandole nel primo approccio allo strumento Creare un effetto moltiplicatore nella diffusione di azioni informative/ formative sul Programma, e sul MEPA in particolare, valorizzando il ruolo dei sistemi confederali, la loro capillarità territoriale e la profonda conoscenza dei loro Associati Supportare operativamente le imprese nell utilizzo del ME della PA (in particolare nella fase di abilitazione e di creazione dei cataloghi elettronici) Ruolo Associazioni Le Associazioni territoriali che aderiscono all iniziativa possono decidere il livello di servizio da offrire alle imprese qualificandosi come: - Sportello: svolge un ruolo attivo di formazione e assistenza alle imprese per l utilizzo del Mercato Elettronico e costituisce un polo strategico di divulgazione sul territorio delle iniziative inerenti il Programma di razionalizzazione della Spesa - Punto informativo fornisce informazioni e materiale divulgativo sul Programma. Per potersi qualificare come Sportello è necessario sottoscrivere la Lettera di adesione all iniziativa. 64

66 Supporto Consip attraverso una struttura dedicata ( ) Il supporto alle imprese L Associazione può decidere il livello di servizio da offrire alle imprese Informazione Le Associazioni informano le imprese, attraverso i propri canali di comunicazione (siti, newsletter, comunicati), riguardo alle nuove opportunità di business offerte dal Mepa Formazione Le Associazioni attraverso workshop e incontri con le imprese illustrano il funzionamento e le caratteristiche del Mepa Punto informativo In aggiunta alle attività di informazione e formazione le Associazioni possono fornire supporto operativo alle imprese Supporto operativo Le Associazioni, con il supporto in remoto di Consip, aiutano le imprese nelle fasi di abilitazione e gestione del catalogo, minimizzando i tempi di accesso allo strumento e ottimizzando i risultati (pre-verifica dei cataloghi, monitoraggio del corretto rispetto delle procedure, ecc.) 65 Sportello

67 Il ruolo degli Sportelli L attività di assistenza da parte degli sportelli è incentrata principalmente sul supporto alle imprese nell abilitazione e nell utilizzo del Mercato Elettronico, strumento particolarmente utilizzato dalle PMI. Ma non solo Consip vs Sportelli MEPA Supporto informativo/ formativo per permettere agli sportelli di assistere le imprese MEPA Sportelli vs PMI Supporto informativo/formativo e assistenza alle imprese per l abilitazione al MEPA Beneficio PMI Possibilità per le imprese di accedere ad un nuovo canale per il proprio business GARE e CONVENZIONI Organizzazione di incontri sul territorio per illustrare alle imprese le modalità di partecipazione a gare tradizionali e telematiche NUOVI STRUMENTI DI ACQUISTO Organizzazione di incontri sul territorio per introdurre le imprese ai nuovi strumenti di acquisto previsti dal Codice degli appalti Formazione sull utilizzo del sistema telematico per partecipare a GT e sulla procedura Aggiornamento sulle nuove opportunità di business connesse all evoluzione dell e-procurement in Italia 66 l obiettivo della collaborazione tra Consip e le Associazioni di categoria è quello di attribuire sempre maggiori competenze agli Sportelli affinchè questi possano progressivamente assumere il ruolo di punto di eccellenza sul territorio in materia di e-procurement.

68 Sportelli in Rete sul Portale L elenco degli sportelli abilitati, nonchè i dettagli sulla collaborazione con le Organizzazioni di rappresentanza imprenditoriale, sono disponibili nel sito: cliccando sul link Sportelli in Rete dalla finestra delle Scorciatoie. 67

69 Le strutture a supporto delle imprese del territorio 1/2 Grazie alla collaborazione con le Associazioni locali le imprese possono rivolgersi alla struttura più vicina per essere aiutate nell accesso e utilizzo del Mercato Elettronico. A seconda del livello di servizio offerto dalle Associazioni le imprese avranno a disposizione uno Sportello che sarà in grado di assisterle in tutte le fasi di abilitazione e gestione dei cataloghi oppure un Punto informativo che fornirà utili indicazioni sul funzionamento del Mercato Elettronico e sulle altre attività svolte nell ambito del Programma di razionalizzazione della spesa. Le strutture attive in zona: Sportelli Confartigianato Agrigento: rif. Enza fazio Via XXV Aprile, Confartigianato Catania: rif. Laura Guarino Via F. Ciccaglione, Confartigianato Enna: rif. Rosa Zarbo Via L. Grimaldi Confartigianato Palermo: rif. Giovanni Rafti Via F. Laurana, Confcommercio Palermo: rif. Antonino Brucoli, Fabrizio Monaco Via Emerico Amari,

70 Le strutture a supporto delle imprese del territorio 2/2 Punti informazione Confcommercio Agrigento: rif. Vincenzo Cipolla Via Imera, 223/C Confcommercio Enna: rif. Piera Lucia Lambritto, Maurizio Campagna Piazza Garibaldi, 2 Pal.Cam.Comm Confcommercio Messina: rif. Aurelio Giordano Via Giordano Bruno, 1 Pal. Cam. Comm Confartigianato Palermo: (coordinamento regionale) rif. Natale Ferla Via V. di Marco, 1/B Confcommercio Ragusa: rif. Alessandro Di Martino Via Roma, Confcommercio Siracusa: rif. Tiberio Puglisi Via Laurana,

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione

Il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione Pubblica Amministrazione Principali tematiche il Mercato al Mercato 2/17 Il presente documento ha la finalità di supportare le Amministrazioni nell abilitazione al Mercato e nel suo concreto utilizzo.

Dettagli

Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Pierpaolo Agostini, Responsabile Gestione e Monitoraggio Servizi Milano, 21 novembre 2013 consip profilo aziendale e missione Consip è una

Dettagli

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA

Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Il Programma di Razionalizzazione degli acquisti della PA Dott. Pierpaolo Agostini Promozione Amministrazioni Territoriali

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Anno Finanziario 2012 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre

Dettagli

Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione

Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Programma per la Razionalizzazione degli Acquisti nella Pubblica Amministrazione Convenzioni e Mercato Elettronico Dott.ssa Silvia Pibiri Promozione Amministrazioni territoriali - Sardegna Oristano, 12-13

Dettagli

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO

COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO COMUNE DI MONTELEPRE LIBERO CONSORZIO COMUNALE DI PALERMO ORIGINALE SETTORE IV - URBANISTICA - INFRASTRUTTURE E SERVIZI ALLE IMPRESE SUAP N. Generale : 344 del 14/10/2014 DETERMINAZIONE N. 116 DEL 14 ottobre

Dettagli

Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia

Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia Gli acquisti telematici, tramite il Programma Consip ed in autonomia convenzioni, gare telematiche, negozio elettronico e mercato elettronico SINTESI DELL INTERVENTO per la versione integrale, contattare

Dettagli

Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi

Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi Esercizio delle funzioni di sorveglianza e controllo in materia di acquisto di beni e servizi (art. 26, comma 4, L. n. 488/99 Legge Finanziaria 2000 e successive modificazioni e integrazioni) RELAZIONE

Dettagli

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010

IL Mercato Elettronico della PA. Cagliari, 10 giugno 2010 IL Mercato Elettronico della PA Cagliari, 10 giugno 2010 MEPA - Cos è Il Mercato Elettronico della P.A., gestito da Consip per conto del MEF, è un mercato digitale all interno del quale i fornitori abilitati

Dettagli

Università degli Studi Roma Tre

Università degli Studi Roma Tre Università degli Studi Roma Tre Relazione annuale Consip Ai sensi dell art. 26, comma 4, della L. 488/1999 Esercizio 2013 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della Legge 488 del 23 dicembre 1999,

Dettagli

Approvvigionamento di beni e servizi

Approvvigionamento di beni e servizi Approvvigionamento di beni e servizi Sistemi e procedure di affidamento A cura dell Ufficio Risorse (ultimo aggiornato del 01/10/2012) Procedure di affidamento ordinarie soprasoglia e sottosoglia La soglia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA)

Manuale d uso del Sistema di e-procurement. Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Manuale d uso del Sistema di e-procurement Linee guida per l utilizzo del Sistema dinamico d acquisizione della Pubblica Amministrazione (SDAPA) Data ultimo aggiornamento: 19 dicembre 2014 Pagina 1 di

Dettagli

(Finalità e ambito di applicazione)

(Finalità e ambito di applicazione) 6 15.1.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 gennaio 2003, n. 3/R Regolamento per lo svolgimento delle procedure telematiche di acquisto

Dettagli

IL MERCATO ELETTRONICO DELLA P.A. Semplificazione per Amministrazioni e Imprese

IL MERCATO ELETTRONICO DELLA P.A. Semplificazione per Amministrazioni e Imprese IL MERCATO ELETTRONICO DELLA P.A. Semplificazione per Amministrazioni e Imprese NORMATIVA Il Mercato Elettronico della P.A. nasce con il D.P.R. 101/2002 che disciplina lo svolgimento di procedure telematiche

Dettagli

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture

Oggetto: Novità introdotte dalla Legge di stabilità 2016 e Milleproroghe in materia di appalti di lavori, servizi e forniture USG 246 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA AREA APPROVVIGIONAMENTI E PATRIMONIO Servizio negoziale Settore supporto e consulenza all'attività dei RUP Via Balbi, 5-16126 Genova tel. 010/20951631 e-mail: supportorup@unige.it

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Definizioni REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI ACQUISTO IN ECONOMIA, AI SENSI DELL ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/2006 E SS.MM.II. DELL AGENZIA REGIONALE PER LA TECNOLOGIA E L INNOVAZIONE Art. 1 Oggetto

Dettagli

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi

LINEA OPERATIVA PON ATAS. Appalto di forniture e servizi LINEA OPERATIVA PON ATAS Appalto di forniture e servizi Evoluzione normativa (1) Fino agli anni 70 del secolo scorso la principale fonte normativa di carattere generale in materia di servizi e forniture

Dettagli

Consip Public. Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese

Consip Public. Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese Consip Public Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Nel 2000 il Ministero dell

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento dell Amministrazione Generale, del Personale e dei Servizi Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato Alle Amministrazioni centrali e periferiche

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA Direzione Patrocinio innanzi alle Giurisdizioni Superiori Consulenze e pareri dell Ente

CITTA METROPOLITANA DI NAPOLI AREA AVVOCATURA Direzione Patrocinio innanzi alle Giurisdizioni Superiori Consulenze e pareri dell Ente Progressivo determinazioni n. 383 DETERMINAZIONE N. DEL Oggetto: N. 1 casella di posta elettronica certificata a favore del personale togato in servizio presso l Avvocatura. Aggiudicazione del servizio,

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Dott.ssa Giuseppina Galluzzo Roma, 14 Dicembre 2012 il mercato elettronico della p.a. cosa è Il Mercato Elettronico della P.A. è un mercato

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1502 / 2013 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo OGGETTO: DETERMINAZIONE A CONTRARRE AI SENSI DELL'ARTICOLO 192 DECRETO LEGISLATIVO 18

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

C O M U N E D I G I O V I N A Z Z O Provincia di Bari DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE ORIGINALE. N. del

C O M U N E D I G I O V I N A Z Z O Provincia di Bari DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE ORIGINALE. N. del + C O M U N E D I G I O V I N A Z Z O Provincia di Bari SETTORE 2 n. 190 Ufficio gare e appalti data 16.06.2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE ORIGINALE N. del Oggetto: fornitura di materiale di cancelleria

Dettagli

DETERMINAZIONE N.115/2013

DETERMINAZIONE N.115/2013 COMUNE DI PAVIA DI UDINE P r o v i n c i a d i U d i n e w w w. c o m u n e. p a v i a d i u d i n e. u d. i t AREA TECNICA E GESTIONE DEL TERRITORIO Piazza Julia, 1-33050 Lauzacco C. F. e P. I. V. A.

Dettagli

IL CAPO DEL SETT. ECONOMICO-FINANZIARIO GABRIELE NUNZIATA

IL CAPO DEL SETT. ECONOMICO-FINANZIARIO GABRIELE NUNZIATA SETTORE ECONOMICO-FINANZIARIO SERVIZIO ECONOMATO DETERMINA N. 3 ANNO 2015 DEL 14-01-2015 NUMERO DETERMINA DI SETTORE: 2 OGGETTO: TRAPANI IACP SEF FORNITURA ANNUALE DI ENERGIA ELETTRICA PER LA SEDE IACP

Dettagli

LA SPESA PUBBLICA E IL RUOLO DELLA CONSIP

LA SPESA PUBBLICA E IL RUOLO DELLA CONSIP LA SPESA PUBBLICA E IL RUOLO DELLA CONSIP Milano, 16 dicembre 2005 Rosario Calandruccio www.acquistinretepa.it La Consip e il Programma Consip è una S.p.A. totalmente partecipata e controllata dal Ministero

Dettagli

COMUNE DI MONTECATINI TERME

COMUNE DI MONTECATINI TERME COMUNE DI MONTECATINI TERME SETTORE POLITICHE SOCIALI E GIOVANILI POLITICHE GIOVANILI DETERMINAZIONE N. 386 DEL 20/05/2016 OGGETTO: ASSEMBLEE CON I CITTADINI - ACQUISIZIONE TRAMITE ODA DA EFFETTUARSI SUL

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore Amministrativo Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 133 in data 18/02/2014 OGGETTO: ACQUISTO CLIMATIZZATORI PER IL CENTRO ANZIANI COMUNALE - PUBBLICAZIONE

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Classificazione Consip Public

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Classificazione Consip Public Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Classificazione Consip Public MEPA e fatturazione elettronica: misure di supporto alle PMI 2 Principali risultati del MePA Nell ambito del

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 108 DEL 13.04.2015 OGGETTO: Affidamento diretto tramite cottimo fiduciario nel Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione M.E.P.A. per l acquisizione del servizio di telefonia

Dettagli

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 03/10/2013. in data

COMUNE DI SESTU. Affari Generali - Personale SETTORE : Licheri Sandra. Responsabile: DETERMINAZIONE N. 03/10/2013. in data COMUNE DI SESTU SETTORE : Responsabile: Affari Generali - Personale Licheri Sandra DETERMINAZIONE N. in data 1940 03/10/2013 OGGETTO: Indizione di richiesta di offerta tramite procedura di acquisto in

Dettagli

COMUNE DI USSANA. Area Giuridica. DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015

COMUNE DI USSANA. Area Giuridica. DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015 COMUNE DI USSANA Area Giuridica DETERMINAZIONE N. 316 in data 23/12/2015 OGGETTO: Acquisizione di servizi mediante ricorso al mercato elettronico della pubblica amministrazione. Acquisizione espansione

Dettagli

Comune di Ladispoli. Servizio 1125 AREA II SETTORE II PARTECIPATE E SERVIZI INFORMATICI. e-mail: riccardo.rapalli@comune.ladispoli.rm.gov.

Comune di Ladispoli. Servizio 1125 AREA II SETTORE II PARTECIPATE E SERVIZI INFORMATICI. e-mail: riccardo.rapalli@comune.ladispoli.rm.gov. Comune di Ladispoli Servizio 1125 AREA II SETTORE II PARTECIPATE E SERVIZI INFORMATICI e-mail: riccardo.rapalli@comune.ladispoli.rm.gov.it UFFICIO DETERMINAZIONI Registro Unico n. 512 del 02/04/2014 RIFERIMENTI

Dettagli

Il Programma di Razionalizzazione della Spesa per Beni e Servizi della P.A.

Il Programma di Razionalizzazione della Spesa per Beni e Servizi della P.A. Il Programma di Razionalizzazione della Spesa per Beni e Servizi della P.A. L innovazione tecnologica ed organizzativa delle amministrazioni: le nuove modalità di acquisto Potenza, 28 novembre 2003 Il

Dettagli

Consip Public. Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese, un vantaggio per tutti

Consip Public. Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese, un vantaggio per tutti Consip Public Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese, un vantaggio per tutti il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Nel

Dettagli

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che

Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete. considerato che Lettera di adesione all iniziativa Sportelli in Rete considerato che - il Ministero dell Economia e delle Finanze, con il D.M. 24 febbraio 2000 e con il successivo D.M. 2 maggio 2001, ha deliberato di

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 95 DEL 15.04.2014 OGGETTO: RDO nel mercato elettronico per la manutenzione degli impianti antincendio degli edifici dell ESU di Verona. CIG n Z150E7494E. IL DIRETTORE RICHIAMATO

Dettagli

Il MERCATO ELETTRONICO NELLA PA ANALISI NORMATIVA E IMPLICAZIONI PRATICHE. di Vincenzo Tedesco

Il MERCATO ELETTRONICO NELLA PA ANALISI NORMATIVA E IMPLICAZIONI PRATICHE. di Vincenzo Tedesco Il MERCATO ELETTRONICO NELLA PA ANALISI NORMATIVA E IMPLICAZIONI PRATICHE di Vincenzo Tedesco Bruxelles, 20/4/2012 COM (2012) 179 final Una strategia per gli appalti elettronici La Commissione ha presentato

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SOTTO I 40.000 EURO Sede Legale ed Amministrativa: Via Biagio di Montluc 2, 53100 Siena (SI) - Tel 0577 48154 Fax 0577 42449 Capitale Sociale

Dettagli

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni

STUDIO OLIVERI Consulenze e progettazioni Sciacca, 22 Settembre 2014 Spett.le Dipartimento Lavori Pubblici e Concorsi CNAPPC Via Santa Maria dell'anima 10 00186 ROMA TRASMESSA VIA E-MAIL Oggetto: BANDO P.O.I. ENERGIE RINNOVABILI E RISPARMIO ENERGETICO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 265 DEL 20.11.2014 OGGETTO: Ordine diretto nel mercato elettronico per l acquisizione di un software gestionale per la contabilità armonizzata, il patrimonio e la fatturazione

Dettagli

- Degli artt. 107, 151 comma 4, 183 comma 9 D.Lgs.vo 267 del 18.8.2000 (T.U. Leggi sull ordinamento

- Degli artt. 107, 151 comma 4, 183 comma 9 D.Lgs.vo 267 del 18.8.2000 (T.U. Leggi sull ordinamento C O M U N E D I G I O V I N A Z Z O Provincia di Bari SETTORE 2 n. 454 Ufficio gare e appalti data 10/12/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE COPIA N.836 del 16.12.2014 Oggetto: fornitura di tende e armadi

Dettagli

NEGOZIO ELETTRONICO PREMESSE E FUNZIONALITÀ

NEGOZIO ELETTRONICO PREMESSE E FUNZIONALITÀ NEGOZIO ELETTRONICO PREMESSE E FUNZIONALITÀ INTRODUZIONE AL NEGOZIO ELETTRONICO Il Negozio Elettronico è uno strumento informatico che la Provincia Autonoma di Trento, tramite l APAC, mette a disposizione

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 77 DEL 27.03.2014 OGGETTO: RDO nel mercato elettronico per la manutenzione degli ascensori delle residenze dell ESU di Verona. CIG n. Z7F0E74971. IL DIRETTORE RICHIAMATO l art.

Dettagli

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Oggetto. Art. 2 Ambito di applicazione Regolamento per l affidamento degli appalti di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alla soglia di rilevanza comunitaria, ai sensi dell articolo 238, comma 7 del d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163.

Dettagli

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres.

L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. L.R. 12/2003, art. 4 B.U.R. 24/3/2010, n. 12 L.R. 14/2002, art. 23 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 marzo 2010, n. 051/ Pres. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori e servizi attinenti

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI PROVINCIA DI IM c/o Comune di Pigna P.za Umberto I - 18037 Pigna Tel. 0184 1928312 Fax 0184 1928330 Originale DETERMINAZIONE DIRETTORE N. 96 DEL 29/07/2015 OGGETTO:

Dettagli

E-PROCUREMENT E GARE TRADIZIONALI NEL MINISTERO DELLA DIFESA

E-PROCUREMENT E GARE TRADIZIONALI NEL MINISTERO DELLA DIFESA E-PROCUREMENT E GARE TRADIZIONALI NEL Consip e Commiservizi Deliberazione n. 3/2013/G della Corte dei conti in data 16/5/2013. Sono riportati gli esiti dell indagine condotta su: L attività contrattuale

Dettagli

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico

Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Evoluzione delle Linee guida: la Direttiva CE/18/2004 sull appalto pubblico Annalisa Quagliata Componente del gruppo di lavoro Linee Guida Convegno Forum PA Linee guida sulla Qualità delle Forniture ICT:

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri DECRETO 400/2015 VISTA la Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni ed integrazioni;

Dettagli

Consip Public. Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese

Consip Public. Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese Consip Public Il Mercato Elettronico della PA: un obbligo per le Amministrazioni, un opportunità per le Imprese il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Nel 2000 il Ministero dell

Dettagli

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza

Le sfide della nuova direttiva per la centrale di committenza Le sfide della nuova direttiva per la centrale di VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA E DELL EFFICACIA DELLA DIRETTIVA 2004/18 1 Frammentazione ed eterogeneità delle stazioni appaltanti (250.000); 2 Le piccole

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti

PROVINCIA DI PRATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali. Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Registro generale n. 296 del 2012 Determina senza Impegno di spesa DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA: Area Entrate e Affari Generali Servizio Gare Provveditorato e Acquisti Oggetto AREA ENTRATE

Dettagli

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTEE - BASSO PAVESE

UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTEE - BASSO PAVESE Copia UNIONE DI COMUNI LOMBARDA TERRE VISCONTEE - BASSO PAVESE DETERMINAZIONE N. 191 del 26/08/2015 PIANO DI ZONA_ INTEGRAZIONE FORNITURA, CONFIGURAZIONE E INSTALLAZIONE DI HARDWARE E SOFTWARE IN AMBIENTE

Dettagli

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO Determinazione n. 106 del 03/02/2015 Oggetto: ACQUISTO MATERIALE TIPOGRAFICO '' DIVORZIO BREVE- SEPARAZIONI CONSENSUALI'' PER IL

Dettagli

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO

STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO STAZIONE UNICA APPALTANTE DELLA PROVINCIA DI TREVISO BOZZA DI CONVENZIONE L anno duemilaquattordici (2014) addì (.) del mese di in Treviso Via Cal di Breda, 116, nella sede della Provincia di Treviso,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827

REPUBBLICA ITALIANA NUMERO DI CODICE FISCALE 80012000826 PARTITA I.V.A. 02711070827 Oggetto: Coordinamento attività di acquisizione di beni e servizi per gli uffici regionali - Procedura applicativa Ai Dirigenti Generali preposti alle strutture di massima dimensione ed uffici equiparati

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE NR. 48 DEL 28.3.2013 OGGETTO: Appalto servizio pulizie Sedi Comunali 2013/2014. Determinazione a contrarre ai sensi dell

Dettagli

Area Metropolitana di Bari

Area Metropolitana di Bari Area Metropolitana di Bari SETTORE SECONDO N. 415 SERVIZIO GARE E APPALTI del 06.11.2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE ORIGINALE N.719 /2015 Oggetto: Procedura l acquisto di un servizio di backup remoto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Determinazione del Direttore Generale n. 25 del 5 marzo 2013 REGOLAMENTO PER

Dettagli

CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 943/2015 1755/2015. Vedi capitoli DETERMINAZIONE DI IMPEGNO. DEL 31 dicembre 2015

CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 943/2015 1755/2015. Vedi capitoli DETERMINAZIONE DI IMPEGNO. DEL 31 dicembre 2015 CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 Dedel Imp. 943/2015 1755/2015 Arm. Vedi capitoli SERVIZIO 13 SERVIZIO INFORMATICO N.ro determina servizio del 23 dicembre 2015 DETERMINAZIONE DI IMPEGNO

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 71 DEL 24.03.2014 OGGETTO: Indizione di RDO nel mercato elettronico per il servizio di derattizzazione presso le residenze di Piazzale Scuro 12, Vicolo Campofiore 2/b e Via S.

Dettagli

Aggregazione della domanda e partecipazione delle PMI

Aggregazione della domanda e partecipazione delle PMI Aggregazione della domanda e partecipazione delle PMI Avv. Martina Beneventi Direttore legale e Societario Consip S.p.A. Roma, 2 dicembre 2014 Classificazione: Consip Public 1 AGENDA Quadro normativo di

Dettagli

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGION AUTONOME VALLEE D AOSTE COMUNE DI CHARVENSOD COPIA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA OGGETTO: N. 15 DEL 24/02/2015 ADESIONE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AREA SISTEMA INFORMATIVO LAVORO VENETO

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AREA SISTEMA INFORMATIVO LAVORO VENETO N. 26 DEL 04/06/2015 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE AREA SISTEMA INFORMATIVO LAVORO VENETO OGGETTO: Affidamento, mediante procedura CONSIP, della fornitura di componenti HW per server, storage, PdL e firewall.

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari DI DETERMINAZIONE

COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari DI DETERMINAZIONE COMUNE DI SAN VITO Provincia di Cagliari Servizio Affari Generali COPIA DI DETERMINAZIONE Registro del Servizio N. 1 del 07.01.2014 OGGETTO: Acquisizione in economia mediante cottimo fiduciario tramite

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE LICEO SCIENTIFICO STATALE Fulcieri Paulucci di Calboli Via Aldo Moro, 13-47100 FORLI Tel 0543-63095 Fax 0543-65245 e-mail: fops040002@istruzione.it casella di posta elettronica certificata: fops040002@pec.istruzione.it

Dettagli

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE

CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE CITTA DI PARABITA C.A.P. 73052 PROVINCIA DI LECCE ORIGINALE DETERMINAZIONE SETTORE: SETTORE POLITICHE ECONOMICHE FINANZIARIE E TRIBUTARIE REG. GEN.LE N. 81300DEL 10/10/2014 REG. SERVIZIO N. 970DEL 09/10/2014

Dettagli

CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 546/2015 1034/2015. Vedi capitoli. N.ro determina servizio DETERMINAZIONE DI IMPEGNO

CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 546/2015 1034/2015. Vedi capitoli. N.ro determina servizio DETERMINAZIONE DI IMPEGNO CITTA' DI ASOLO PIANO RISORSE ED OBIETTIVI 2015 Dedel Imp. 546/2015 1034/2015 Vedi capitoli SERVIZIO 11 SERVIZIO CULTURALE N.ro determina servizio del 18 agosto 2015 DETERMINAZIONE DI IMPEGNO NR. 330/15

Dettagli

Il Mercato Elettronico della PA e la collaborazione con le Associazioni di Categoria marzo 2013. Area Strategie innovative di acquisto

Il Mercato Elettronico della PA e la collaborazione con le Associazioni di Categoria marzo 2013. Area Strategie innovative di acquisto Il Mercato Elettronico della PA e la collaborazione con le Associazioni di Categoria marzo 2013 Area Strategie innovative di acquisto il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Nel

Dettagli

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 1398 del 10/07/2014

Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO. Determinazione n. 1398 del 10/07/2014 Il DIPARTIMENTO RISORSE FINANZIARIE ED ECONOMICHE UFFICIO PROVVEDITORATO Determinazione n. 1398 del 10/07/2014 Oggetto: ACQUISTO DI CARTE IN RISME A4 E A3 PER L'ENTE - AFFIDAMENTO E IMPEGNO ( CIG:Z131015BCC)

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

Centrali Uniche di Committenza

Centrali Uniche di Committenza Centrali Uniche di Committenza Si segnalano i primi rilevanti orientamenti adottati dall Autorità Nazionale Anticorruzione 1. Determinazione n. 3 del 25 febbraio 2015 Oggetto: rapporto tra stazione unica

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Via Mons. Saba, 10 - Tel. 070/744121 - Fax 070/743233

COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Via Mons. Saba, 10 - Tel. 070/744121 - Fax 070/743233 COMUNE DI SERDIANA Provincia di Cagliari Via Mons. Saba, 10 - Tel. 070/744121 - Fax 070/743233 SERVIZIO ASSETTO DEL TERRITORIO Ufficio: EDILIZIA PUBBLICA 2 DETERMINAZIONE n. 160 del 12-12-2014 Oggetto:

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1766 / 2013 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo OGGETTO: DETERMINAZIONE A CONTRARRE AI SENSI DELL'ARTICOLO 192 DECRETO LEGISLATIVO 18

Dettagli

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI

Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI Allegato 12 al verbale CdP 23 febbraio 2012 CHECK LIST SU APPALTI E PROCEDURE DI AFFIDAMENTO GUIDA ALLA COMPILAZIONE E APPROFONDIMENTI NORMATIVI 1. GUIDA ALLA COMPILAZIONE QUANDO DEVE ESSERE COMPILATA?

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60)

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) SETTORE AFFARI GENERALI, CONTABILIZZAZIONE E CONTROLLI AZIANDALI INTEGRATI Decreto n. 72 del 11 giugno 2015 Oggetto:

Dettagli

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo COMUNE DI CALCIO Provincia di Bergamo AREA AFFARI GENERALI COPIA DETERMINAZIONE N.6/ 2 DEL 09/01/2015 OGGETTO: AFFIDAMENTO DIRETTO DEL SERVIZIO DI POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA - NR. 5 CASELLE PEC PER

Dettagli

Procedure per l acquisizione di beni e servizi

Procedure per l acquisizione di beni e servizi Procedure per l acquisizione di beni e servizi Prof. Roberto CAVALLO PERIN Ordinario di Diritto amministrativo Università degli Studi di Torino Via Bogino, n. 9 10123 Torino roberto@cavalloperin.com Le

Dettagli

PROVINCIA DI ORISTANO

PROVINCIA DI ORISTANO PROVINCIA DI ORISTANO PROVÌNTZIA DE ARISTANIS SETTORE LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, POLITICHE SOCIALI E AVVOCATURA Servizi Amministrativi Politiche per il Lavoro e Formazione professionale DETERMINAZIONE

Dettagli

consip profilo aziendale e missione

consip profilo aziendale e missione consip profilo aziendale e missione Consip è una società per azioni creata nel 1997 dal Ministero del Tesoro (oggi Ministero dell Economia e delle Finanze, MEF), che ne è azionista unico. La sua missione

Dettagli

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA COMUNE DI OSSI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI SPESA PER ACQUISIZIONE DI SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina il sistema delle

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino Determinazione del Responsabile Servizio: TECNICO N. 30/8 del 16/04/2014 Responsabile del Servizio : Arch. CARRA Franco OGGETTO : SERVIZI CIMITERIALI

Dettagli

Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno 2013

Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno 2013 Relazione ex art. 26, comma 4 L. 488/99 Anno 2013 Il Segretario generale Dott.ssa Cristina Martelli 1 Quadro normativo di riferimento L art. 26 della L. 488/1999 (Legge Finanziaria 2000) regolamenta le

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R.

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06. Dell A.L.E.R. Approvato con atto del Direttore Generale n 102/13 REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Dell A.L.E.R. DI PAVIA 1.

Dettagli

DECRETO DEL DIRETTORE

DECRETO DEL DIRETTORE DECRETO DEL DIRETTORE N. 109 DEL 13.04.2015 OGGETTO: Ordine diretto tramite cottimo fiduciario nel Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione M.E.P.A. per il servizio di assistenza tecnica on-site

Dettagli

Normativa sugli Appalti

Normativa sugli Appalti Normativa sugli Appalti Verifiche sul rispetto della normativa in materia di appalti pubblici Milano, 7 giugno 2012 Francesca Barletta Archidata Srl Assistenza tecnica PO Italia Svizzera 2007-2013 Agenda

Dettagli

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO

ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO ISTITUTO SCOLASTICO COMPRENSIVO DI SAN CIPIRELLO SCUOLA DELL'INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA A. GRAMSCI, 2-90040 SAN CIPIRELLO PAIC81500G C.F. 97030190827 091/8573400 paic81500g@pec.istruzione.it

Dettagli

Visto l art. 107 del Testo Unico delle Leggi sull Ordinamento degli Enti Locali,

Visto l art. 107 del Testo Unico delle Leggi sull Ordinamento degli Enti Locali, Controllo Strategico e Direzionale 2015 07136/008 Servizio Controllo Utenze e Contabilità Fornitori CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 689 approvata il 16 dicembre 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

CONSIP S.P.A. A SOCIO UNICO BANDO DI GARA D APPALTO

CONSIP S.P.A. A SOCIO UNICO BANDO DI GARA D APPALTO CONSIP S.P.A. A SOCIO UNICO BANDO DI GARA D APPALTO SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto Consip S.p.A. a socio unico- Via Isonzo, 19/E Roma 00198

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 308/2013

DETERMINAZIONE N. 308/2013 COMUNE DI PAVIA DI UDINE Provincia di Udine w w w. c o m u n e. p a v i a d i u d i n e. u d. i t AREA TECNICA E GESTIONE DEL TERRITORIO Piazza Julia, 1-33050 Lauzacco C. F. e P. I. V. A. 0 0 4 6 9 8 9

Dettagli

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Copia. Determinazione del responsabile del SETTORE AFFARI GENERALI E GESTIONE DEL PERSONALE

COMUNE DI PAGANI. Provincia di Salerno. Copia. Determinazione del responsabile del SETTORE AFFARI GENERALI E GESTIONE DEL PERSONALE COMUNE DI PAGANI Provincia di Salerno Copia Determinazione del responsabile del SETTORE AFFARI GENERALI E GESTIONE DEL PERSONALE Num. determina: 85 Proposta n. 1244 del 20/10/2015 Determina generale num.

Dettagli

Comune di Bassano del Grappa

Comune di Bassano del Grappa Comune di Bassano del Grappa DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Registro Unico 1368 / 2015 Area A1 - Area Risorse, Sviluppo OGGETTO: ACQUISTO TRAMITE ODA SUL MERCATO ELETTRONICO DI CARTA BIANCA NEL FORMATO A4

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Settore 2 Area P.O. N. 142 DEL 13/03/2015 DETERMINAZIONE A CONTRARRE EX ART. 192 D.LGS. 267/2000 E AFFIDAMENTO DELL'INCARICO

Dettagli