LOOP di Eleonora Roaro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOOP di Eleonora Roaro"

Transcript

1 LOOP di Eleonora Roaro PREFAZIONE ILLUSIONI E OMBRE LUNGHE We shall not cease from exploration And the end of all our exploring Will be to arrive where we started And know the place for the first time. T.S. Eliot - Little Gidding Chi racconta storie con l arte della parola o dell immagine, chi crede nella fantasia e nel potere dei sogni è come un alchimista, in grado di trasformare la materia quotidiana in qualcosa di prezioso. Egli prova ad avvicinarsi al segreto delle cose, ma sa anche che ciò che è misterioso e nascosto non deve mai essere rivelato. È un mago, un artista dell illusione che, con i suoi trucchi, difende il senso dell effimero, inventa mitologie e menzogne, custodisce allucinazioni e ricordi. Sa che l immaginazione ha il potere di plasmare la realtà (la ribalta, la sposta), di liberare l uomo dalle sue ossessioni, di avvicinare la verità, di trascendere la morte. Per questo conosce e ama la geometria senza limiti dello schermo cinematografico, le ombre fisse ed articolate, le silhoeutte, i giochi di specchi, le camere oscure e chiare, le anamorfosi, le scatole ottiche, i paradossi diottrici, le lanterne magiche, le fantasmagorie, i dischi stroboscopici, le strisce zootropiche, le immagini truccate, panoramiche, dioramiche, diurne e notturne, cronofotografiche. Ogni cosa in questi giochi di proiezione e di colori cambia in continuazione. Nulla è mai fermo. Nel buio della sala cinematografica avviene una continua metamorfosi. Il mito di Proteo rivive ogni giorno: è il luogo dell inganno. Questa stessa penombra è fondamentale perché il mio lavoro possa esistere. Nasce dall oscurità e come risposta ad essa. Le mie immagini, nate nella luccicante era di Turing, sono mosse e confuse. Racconto storie semplici, essenziali, che continuano a ripetersi sempre uguali, in una ciclicità spesso ossessiva. Sono storie che non cambiano mai. Gli stessi archetipi e le stesse mitologie si ripropongono in ogni epoca. Come i ricorsi storici di matrice

2 vichiana, le micronarrazioni quotidiane, il ciclo della natura, l alternanza delle stagioni, il movimento degli astri. La vita, la morte e poi ancora la vita che ritorna. Tendo all accumulo, alla stratificazione. Ogni cosa uno sguardo, un gesto, una parola sembra essere fondamentale. Ho provato a semplificare, a eliminare i pensieri, ma non sono in grado, non ora almeno. È difficile fermarsi, trovare un punto fermo, focalizzarsi su una cosa sola. Ancora più complesso è avere delle idee stabili, un punto di vista fisso sulle cose. Questa è la più grande delle impossibilità: quella di condensare tutto il significato in un solo segno. Perché c è molto, molto di più. aprile 2012

3 L ARTE INGANNEVOLE Molti oggetti, invenzioni, giochi, trucchi magici che stanno alla base del concetto di fotografia e di cinema affondano le radici nella tradizione rinascimentale della magia naturale. Questa, per alcuni filosofi come Agrippa, Cardano, Marsilio Ficino e Pico della Mirandola, permette di conoscere empiricamente il mondo e di dominare i fenomeni più oscuri della natura. Il mago naturale indaga i segreti del cosmo in un incomunicabile esperienza mistica ed utilizza ciò che conosce per produrre effetti meravigliosi e stupefacenti. Ad esempio, Giovan Battista della Porta nel 1589 in Magiae Naturalis, descrive la camera oscura intuendone le potenzialità non solo in quanto dispositivo deputato alla riproduzione del reale, ma anche come esperienza simile a quella teatrale, possibile grazie alla fantasia e all ingegnosità dell artefice della rappresentazione. Il Seicento barocco celebra il divorzio tra essere e apparire. Crolla il sistema tolemaico di rappresentazione del mondo, distruggendo così paradigma che aveva fondato la religione, la filosofia e che rispondeva perfettamente ad ogni cosa. Il Sole non gira più attorno alla Terra, l uomo non è più al centro dell Universo: la scienza ha dimostrato che non è vero. Maledetto sia Copernico! dirà un letterato siciliano qualche secolo più avanti. Il reale non è conoscibile con norme consolidate da tempo. È anzi sfuggente, criptico, mutevole. Le verità non è mai evidente e limpida, e le acquisizioni non sono durature. Ogni cosa viene messa in dubbio. Le apparenze sono ingannevoli. Tutto è illusione e spettacolo, vacuità e sogno. In un secolo che privilegia il senso della vista, la messa in scena e l artificio, dove lo scopo dell arte è quello di meravigliare e di causare stupore (È del poeta il fin la meraviglia/(parlo dell eccellente, non del goffo)/chi non sa far stupir vada alla striglia - Giovan Battista Marino) pare scontato che dispositivi come la lanterna magica (che verrà definita anche taumaturgica, ovvero capace di produrre meraviglie) o la camera oscura incontrino un enorme successo. Questi rispondono infatti a quel senso dell effimero e a quel gusto per l illusionismo tipici del Barocco. Se la camera oscura nasce come mezzo di rappresentazione e di riproduzione del reale, seppur spettacolare nell irrompere nel buio di riflessi simili alle immagini del mondo, la lanterna magica, antenata del moderno proiettore, è

4 invece uno strumento di creazione e di raffigurazione di una realtà artificiale. Essa è figlia della scienza e dell ottica, ma anche della magia, dell illusione e delle arti. Questa dicotomia l accompagna sin dalle sue origini: probabilmente nata nel 1659 nel laboratorio del famoso scienziato olandese Christiaan Huygens, la prima immagine che viene rappresentata è un metafisico memento mori, una Danza della Morte. Nonostante le finalità pedagogiche, attribuitele soprattutto in seguito alla sua volgarizzazione da parte dell abate Nollet, non è mai riuscita a liberarsi di una reputazione sulfurea e diabolica, dovuta innanzitutto al suo nome (era stata ribattezzata anche lanterna di paura), ma anche per l ignoranza del pubblico in materia dell ottica. Secondo Pierre Le Lorrain (1693) viene chiamata magica senza dubbio a causa dei suoi effetti prodigiosi, degli spettri e dei mostri spaventosi che fa vedere e che le persone ignare del suo segreto attribuiscono alla magia. La lanterna magica, come un demiurgo, ricrea il mondo e ricostruisce artificialmente la vita umana, senza l aiuto di Dio, prerogativa che la rende ambigua agli occhi degli scienziati e dei religiosi. È quest Arte che può concentrare la metà del mondo in un punto, che ha trovato il modo di far uscire delle eco visive dal cristallo e di avvicinare gli oggetti più lontani ( ). È quest arte ingannevole che si prende gioco degli occhi e sconvolge tutti i sensi scriverà Patin nel 1674 in Relations Historiques et Curioses de Voyages. Queste parole sembrano anticipare quel dereglement de tout le sense a cui aspira Rimbaud nella Lettera del Veggente del 1870, nella quale dichiara anche l urgenza di un nuovo linguaggio universale, in grado di riassumere tutto: profumi, suoni, colori e pensiero. Potenti metafore della mente, le immagini delle scatole ottiche, delle lanterna magiche, delle camera oscure e, in generale, delle più importanti esperienze visive che hanno preceduto lo spettacolo cinematografico, creano un canale di comunicazione privilegiato con il lettore, diventando così uno strumento di supporto alle insufficienze della ligua parlata o scritta. Si conferma quindi la straordinaria forza evocativa di un linguaggio che porterà il 28 dicembre 1895 alla proiezione del primo film a pagamento da parte dei fratelli Lumière nel buio del Gran Café di Parigi.

5 LA SCIENZA DELLA VISIONE Altre esperienze fondamentali per la nascita del cinema sono alcuni giocattoli filosofici messi a punto durante l Ottocento. In questi dispositivi le illusioni ottiche non hanno la natura spettacolare e fantastica delle lanterne magiche. La loro finalità è educativa: grazie ad essi è possibile, divertendosi, sperimentare e comprendere i principi scientifici sui quali si basano. Questa modalità d apprendimento non è nuova: infatti, già durante l Illuminismo, i gabinetti di fisica avevano contribuito alla diffusione di un nuovo modello di divulgazione che prevedeva l osservazione diretta dei fenomeni naturali attraverso alcuni strumenti filosofici, come cannocchiali, microscopi o scatole ottiche. Sono anni di fede nella razionalità umana, con la quale si è in grado di comprendere le leggi che governano la realtà fenomenica. L uomo grazie alla tecnica domina la natura, crea l ordine dal Caos. Con la Rivoluzione Industriale, che portò alla fede nel progresso ed una diversa concezione del tempo e dello spazio, nasce un interesse verso la fisiologia della visione e verso lo studio del movimento. Nel 1825 il geologo William Henry Fitton raffigura su due facce di un disco di cartone due disegni complementari (un uccello ed una gabbia vuota) che, fatti rotare, danno origine ad una terza immagine (un uccello in gabbia). Lo stesso anno il brevetto di tale dispositivo è presentato alla comunità scientifica di Londra da John Ayrton Paris con il nome di taumatropio. Il principio su cui esso si basa è descritto da Joseph Plateau nel 1829 nella sua Dissertation sur quelques propriétés des impressions produites par la lumière sur l organe de la vue: è il fenomeno della persistenza retinica, secondo la quale l occhio umano trattiene ogni singola impressione luminosa dell oggetto per qualche frazione di secondo anche quando questo non è più visibile. In questo modo cogliamo un movimento apparente a partire da una serie di immagini statiche. Egli studia, in particolare, gli effetti dei colori sulla retina (intensità e durata a seconda del colore), la distorsione delle immagini in movimento e la ricostruzione delle immagini distorte, che lo portarono all invenzione dell anortoscopio (dispositivo che dà origine ad una specie tutta nuova d anamorfosi) nel 1830 e il fenachistoscopio (strumento ottico costituito da due dischi sovrapposti che consentono di vedere immagini animate) nel 1832.

6 Nel 1834 il matematico inglese William Geroge Hernel presenta in una comunicazione pubblicata dalla London and Edinburgh Philosophical Magazine un giocattolo filosofico che riproduce l illusione del movimento a partire da una sequenza di immagini fisse, il deadalum o zootropio (dal greco, ruota della vita). L apparecchio è semplicemente un cilindro vuoto, dai bordi mediamente alti, con le aperture a uguale distanza e collocate sulla circonferenza del cilindro che viene fatto ruotare. I disegni, raffigurati sulla superficie interna tra gli intervalli delle aperture, saranno visibili attraverso le opposte aperture e, se sono realizzati secondo lo stesso principio del movimento progressivo, produrranno il medesimo sorprendete effetto dei movimenti periodici che si verifica con il comune disco magio quando viene fatto ruotare davanti ad uno specchio ( ) Ho chiamato questo strumento daedalum perché imita la tecnica adottata per la creazione delle figure umane e animali dotate di movimento che, secondo la leggenda, sarebbe stata inventata da un celebre artista dell antichità. Tale dispositivo è perfezionato nel prassinoscopio di Emile Reynaud (1876), in cui il movimento delle figure più luminoso, fluido e nitido rispetto alle esperienze precedenti è reso da un tamburo centrale poligonale costituito da specchi, uno per ogni imagine. In seguito l inventore francese abbina questo dispositivo a una lanterna magica, consentendo così di proiettare la sequenza animata su uno schermo (prassinoscopio da proiezione), per poi diventare, nel 1888, il teatro ottico, dispositivo in grado di proiettare vere e proprie storie animate, non più limitate alla ripetizione ciclica di una singola azione. Seppur imperfette, perché a scatti o troppo lente, le sue pantomime luminose, delle quali sono giunte a noi solo Pauvre Pierrot e Autour d une cabine, sono le prime proiezioni in pubblico di immagini in movimento. Queste sono rappresentate un ultima volta il 28 febbraio del 1900, e si conclude così l era iniziata con le lanterne magiche di Kircher, lasciando il posto alla nascente fotografia animata. Un altra esperienza di proto-animazione è il flip book che letteralmente significa libro che scorre o kineograph, inventato da Linnet nel 1868 e costituito da una serie di immagini disegnate in successione su cartoncini rettangolari, che, se fatti scorrere, appaiono in movimento.

7 FOTOGRAFARE IL MOVIMENTO La prima fotografia risale al 1826: è la celebre Vista dalla finestra a La Gras, realizzata con un esposizione di circa otto ore da Joseph Nicéphore Niépce. Quest arte esprime perfettamente le istanze positiviste per la sua precisione, il forte legame con il reale visibile e la resa fedele di ciò che rappresenta. Fin dal momento della sua invenzione si cerca di vincere i limiti della tecnica riducendo i tempi di posa, al fine di ottenere un immagine perfettamente nitida. Dai venti minuti di esposizione si passa ai pochi secondi dei primi anni Quaranta, che diventano pochi centesimi di secondo negli anni Cinquanta e, infine, un millesimo di secondo tra la fine del Diciannovesimo secolo e l inizio del Ventesimo: viene messa a punto l istantanea, con la quale si ha una sincronicità pressoché totale tra tempo del soggetto e tempo della macchina. Questo perfezionamento tecnico è fondamentale per lo studio del movimento, in quegli anni centrale per la ricerca scientifica, tanto da essere analizzato in tutte le sue possibili manifestazioni. Il tempo viene de-composto in istanti che, come ricorda Benjamin, sono invisibili all occhio umano, e si esaminano le posizioni occupate da soggetti animati nello spazio. Il mondo intorno a noi è un ordinata e progressiva sequenza temporale, non un puzzle di immagini singole, distinte, scollegate tra loro. Le sequenze di Edward Muybrdige sono costituite da momenti scientificamente misurabili, bloccati e separati. Egli costruisce un complesso meccanismo per la ripresa che, impiegando molti apparecchi fotografici, consente di ottenere le celebri sequenze in cui dodici immagini sezionano il movimento delle gambe del cavallo al trotto. I risultati di questo progetto, iniziato nel 1872, sono pubblicati nel 1878 a Palo Alto. L anno successivo, per mostrare al pubblico gli esiti dei suoi esperimenti, costruisce una particolare lanterna magica, lo zoopraxinoscope, che proietta su uno schermo sequenze di oggetti in movimento, dipinte a partire dalle fotografie originali. Il tempo rappresentato nelle fotografie di Marey, medico e fisiologo, è profondo, stratificato; è un flusso dove passato, presente e futuro si compenetrano. Nel

8 1882 mette a punto il cronofotografo a lastra fissa, che consente di registrare sullo stesso supporto ciascuna fase del movimento e ogni posizione occupata dal soggetto. Così afferma nel 1878: Che cosa c è di più complesso di un movimento? Di esso bisogna considerare l ampiezza, la forza, la durata, la regolarità, la forma ( ). Un movimento che cambia ad ogni istante, che prende un andamento differente a ogni frazione di secondo e sfida l occhio a seguirlo e il pensiero ad analizzarlo, sfuggirà forse al fisico? Assolutamente no. Ecco registrato da un apparecchio e fissato sulla carta. Si sottomerà allora alla squadra e al compasso. Poco fa volava e ora, prigioniero, spiega da sé le leggi che lo governano: è capito. Se le sequenze di Muybrdige influenzarono numerosi artisti, come Degas, i futuristi e Francis Bacon, l opera di Marey fu fondamentale per Boccioni, Balla, Carrà (Così un cavallo in corsa non ha quattro gambe: ne ha venti e i loro movimenti sono triangolari, da La pittura futurista, manifesto tecnico, aprile 1910) e per Marcel Duchamp, che afferma di aver realizzato Nu descendant une escalier #2 (1912) a partire dalle cronofotografie. L immagine scientifica si rivela un linguaggio aperto, denso di implicazioni concettuali e filosofiche, capace di contribuire al rivoluzionario processo di decostruzione dell arte sviluppato dalle avanguardie. Ben presto con la produzione e proiezione meccanica delle immagini si concretizza l idea di sfruttare commercialmente lo spettacolo delle fotografie in movimento, con il kinetoscopio di Edison (1891) e il cinématographe dei fratelli Lumière. Queste macchine proiettano le immagini in sequenza in modo uniforme, come una catena di montaggio: hanno tutte con lo stesso aspetto e le stesse dimensioni, e tutte la stessa velocità. L irregolarità, il caso e altre tracce del corpo umano che in precedenza avevano inevitabilmenteaccompagnato le rappresentazioni basate su delle immagini in movimento, sono solo un ricordo. Tutto ciò che aveva caratterizzato strumenti come zootropi e prassinoscopi la costruzione manuale delle immagini, la discontinuità, l artificiosità, la natura discreta dello spazio, le azioni a circuito diventa appannaggio dell animazione, relegata a un ruolo marginale.

9 L IMMAGINE DIGITALE: L ARTE DELLA PITTURA Alcuni elementi delle esperienze paleo-cinematografiche si ritrovano, per analogia, nel cinema digitale, definito da William J. Mitchell come arte della pittura. La caratteristica essenziale delle informazioni digitali è la manipolazione, facile e rapida. Si tratta di sostuitire nuove cifre alle vecchie. Gli strumenti di calcolo automatico che permettono di trasformare, combinare, modificare e analizzare le immagini sono essenziali per l artista digitale come i pennelli e i pigmenti per il pittore. L esempio più evidente è la pratica della colorazione manuale dei fotogrammi, usuale nell Ottocento, ma abbandonata negli anni successivi. Storicamente nel cinema gli interventi di postproduzione fatti sulla pellicola erano del tutto trascurabili rispetto all intervento di modificazione della realtà in presa diretta. Manipolare le immagini dopo averle registrate era difficile, e questo conferiva alla settima arte un valore documentaristico, di analogon. Con gli effetti speciali e l animazione in 3D ciò viene meno, recuperando così quel lato artificioso più vicino alle esperienze delle lanterne magiche e dei giocattoli filosofici. Con il cinema digitale la ripresa diretta non è più la materia prima nella costruzione cinematografica e i computer non fanno differenza tra immagini costruite ex novo da un software e quelle registrate dal vivo da una cinepresa: entrambe sono costituite da pixel, cioè da numeri. Le Lev Manovich nel 2001, nel suo Il linguaggio dei nuovi media, scrive a riguardo: Non è errato leggere la breve storia dell immagine digitale in movimento come uno sviluppo teleologico che rimette in scena la nascita del cinema di cent anni fa. Anzi, aumentando la velocità dei computer, i creatori di CD-ROM sono riusciti a passare dal formato dia schermo. Questa evoluzione ricalca la progressione avvenuta nel XIX secolo da sequenze d immagini statiche (le rappresentazioni della lanterna magica) a personaggi in movimento su sfondi statici (come nel Praxinoscope theater di Reynaud) al movimento pieno (in cinematografo dei fratelli Lumière). Inoltre, l introduzione di QuickTime (1991) si può paragonare all avvento del Kinetoscopio (1892): entrambi sono stati impiegati per presentare brevi filmati; entrambi utilizzavano immagini alte dai sei

10 ai dieci centimetri, entrambi richiedevano la visione individuale anziché quella collettiva. Le due tecnologie sembrano addirittura giocare un ruolo culturale analogo. Se nei primi anni Novanta del XIX secolo il pubblico si affollava nei cinetoscopi, dove attraverso un piccolo spioncino potevano osservare l ultimo ritrovato di quella cinematografia embrionale piccole fotografie in movimento organizzate in brevi presentazioni a circuito esattamente cento anni dopo gli utenti del computer provavano un identica fascinazione per i piccoli filmati QuickTime che trasformavano il computer in un proiettore cinematografico, anche se imperfetto. Infine, i primi film dei Lumière (1895), che scioccarono il pubblico con delle gigantesche immagini in movimento, hanno trovato il loro equivalente nei CD-ROM del 1995, in cui l immagine in movimento riempie l intero schermo del computer (è il caso di Johnny Mnemonic). Dunque, esattamente cento anni dopo la sua comparsa ufficiale, il cinema viene reinventato sullo schermo del computer. LOOP Tutte le esperienze pre-cinematografiche fino al Kinetoscope di Edison si basano, per dei limiti tecnici, su dei brevi loop, nei quali sono rappresentate brevi azioni complete e ripetute in continuazione, come persone che camminano, animali in corsa, scheletri danzanti o ballerine. Il taumatropio è un loop ridotto in forma essenziale: due elementi si sostituiscono uno all altro in successione. Nello zootropio una dozzina di immagini sono posizionate lungo una circonferenza, soluzione già adottata nelle proiezioni della lanterna magica. Anche il Kinetoscopio di Edison, il primo di questi apparecchi ad usare la pellicola, dispone le immagini in un circuito: quindici metri di pellicola per una presentazione di venti secondi. Tuttavia, già Émile Reynaud, considerato il padre dell animazione grazie alle sue pantomime luminose, supera questo limite imposto dalla tecnologia costruendo il teatro ottico (1888), con la quale rappresenta storie con un inizio ed una fine. Con questa macchina si ottiene l illusione del movimento senza essere vincolati alla ripetizione delle stesse pose a ogni giro dello strumento, perché consente,

11 al contrario, di avere una varietà e una durata indefinite e di creare vere scene animate in uno spazio illimitato. Poco dopo nasce la settima arte, la quale evita tutte le ripetizioni, proponendo un concetto di esistenza umana come progressione lineare attraverso una serie di eventi unici ed irripetibili, in linea con le forme narrative moderne. Il loop è così relegato ad aspetti marginali della rappresentazione visiva, come documentari, peep-shows pornografici, cartoni animati e, non ultimi, video musicali. Sempre Manovich scrive, a proposito dei loop: I primi film digitali hanno gli stessi limiti tecnologici degli strumenti pre-cinematografici. Probabilmente è per questo che la funzione di playback a circuito, equivalente alla funzione play, viene inserita nell interfaccia. Ecco perché, probabilmente, i creatori di QuickTime hanno direttamente inserito nell interfaccia il comando Loop, dandogli la stessa importanza del tasto Forward nei videoregistratori. Anche i videogiochi si affidavano in gran parte ai loop. Poiché non era possibile animare tutti i personaggi in tempo reale, i progettisti archiviavano elettronicamente dei brevi loop con i movimenti dei personaggi. ( ) La storia dei nuovi media insegna che non è possibile eliminare i limiti dell hardware: scompaiono da una parte per ricoparire in un altra. Ad esempio, negli anni 90 i mondi virtuali apparivano in tempo reale su internet. La tradizionale lentezza dei CPU si ripresentò con la lentezza delle connessioni. Una logica analoga si applica ai loop. I primi filmati QuickTime e i primi videogiochi utilizzavano molto i loop. Quando la velocità delle CPU aumentò e uscirono sul mercato i CD-ROM e i poi i DVD con notevoli capacità d archiviazione, l utilizzo dei loop cominciò a declinare. Tuttavia, mondi virtuali on-line come quelli della Active Worlds hanno fatto largo uso dei loop visto che rappresentano un mezzo economico (in termini di ampiezza della banda e di elaborazione) per aggiungere segnali di vita ai loro ambienti geometrici. Così, quando i video digitali appariranno sui piccoli display dei nostri cellulari, dei palmari o di altri strumenti di comunicazione senza fili, molto probabilmente utilizzeranno nuovamente il loop a causa dei limiti legati all ampiezza della banda, alla capacità di archiviazione e alla potenza delle CPU (era il 2001!). Il loop può essere anche una nuova forma narrativa, dell era dei computer. In

12 questo senso, è importante ricordare che il loop ha dato i natali non solo al cinema, ma anche alla programmazione informatica. La programmazione implica l alterazione del flusso lineare di dati attraverso strutture di controllo, come if/then e repeat/while e il loop è la più elementare di queste strutture. Quasi tutti i programmi si basano sulla ripetizione di un determinato numero di fasi; questa ripetizione viene controllata dal loop principale del programma. Il loop e la progressione sequenziale non si escludono a vicenda. Un programma informatico procede dall inizio alla fine eseguendo una serie di loop. ( ) Non ultimo, nell animazione tradizionale per celle le azioni vengono organizzate in brevi loop, come i movimenti delle gambe, delle braccia, degli occhi dei personaggi, e li ripetono di continuo. Il loop, invece di essere considerato come un limite tecnico temporaneo, può essere una fonte di nuove possibilità per i nuovi media, un nuovo strumento espressivo, un codice diverso con cui comunicare e creare soluzioni narrative inedite. È l uomo con la macchina da presa di Vertov che gira la manovella senza mai fermarsi, continuando così a raccontare storie. Aprile 2012

Lezione 15: Animazione

Lezione 15: Animazione Lezione 15: Animazione Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione Origini Produrre animazioni Animazione tradizionale (2D) Animazione digitale 2D Animazione digitale 3D

Dettagli

Prima della fotografia

Prima della fotografia LA FOTOGRAFIA Prima della fotografia Gli esperimenti sul rapporto fra luce e immagine cominciano nell'antica Grecia e attraversano tutta la storia della società occidentale. Antenati della foto e del cinema

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO G. SOLARI LORETO http://www.istitutocomprensivosolari.it/ INDICATORI DI APPRENDIMENTO DELLA SCUOLA PRIMARIA anno scolastico 2013 2014 1 CLASSE PRIMA ITALIANO - Ascoltare, comprendere

Dettagli

Introduzione INTRODUZIONE

Introduzione INTRODUZIONE INTRODUZIONE INTRODUZIONE 15 Introduzione Contenuti: Come usare questa guida all uso Cos è una animazione? Gli elementi della animazione 3D Apprendere le capacità di un Animatore 3D Quanto tempo si impiega

Dettagli

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

La chimica e il metodo scientifico. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti La chimica e il metodo scientifico Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti INTRODUZIONE (I) VIDEO INTRODUZIONE (II) VIDEO INTRODUZIONE (III) Fino alla fine del settecento, la manipolazione dei metalli, degli

Dettagli

Laboratorio di educazione multimediale all'immagine. Luisa Bortolotti Università di Trento, novembre 2006 1

Laboratorio di educazione multimediale all'immagine. Luisa Bortolotti Università di Trento, novembre 2006 1 Laboratorio di educazione multimediale all'immagine Luisa Bortolotti Università di Trento, novembre 2006 1 1 incontro LE IMMAGINI E LE ARTI FIGURATIVE IN INTERNET Educazione Multimediale Sommario 1.1.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI TRAMONTI (SA) ARTE E IMMAGINE Classe 1 ARTE E IMMAGINE - Decodificare una sequenza d immagini; - Discriminare uguaglianze e differenze; - Percepire la figura-sfondo; - Eseguire riproduzioni di figure rispettando le relazioni spaziali; - Discriminare

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

STORIA DEI LINGUAGGI Parte 5 Cinema, Animazione, Internet

STORIA DEI LINGUAGGI Parte 5 Cinema, Animazione, Internet Progettazione Multimediale STORIA DEI LINGUAGGI Parte 5 Cinema, Animazione, Internet Prof. Gianfranco Ciaschetti Al giorno d oggi, tutti noi vediamo video, film, cartoni animati o giochiamo con un videogame.

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete

TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY. Gioia Loprete TESINA DI FISICA L ESPERIMENTO DI MICHELSON E MORLEY Gioia Loprete 2 INDICE INTRODUZIONE 3 ESPERIMENTO STANDARD 4 ESPERIMENTO EFFETTUATO CON ROTAZIONE DI 90 7 CONCLUSIONE 8 3 INTRODUZIONE Già al tempo

Dettagli

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino

Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino Proposta di laboratorio per il progetto 1,2,3 click!!! A cura di Ivan Catalano e Annalisa Pellino A- Acquisizione di strumenti utili a sviluppare una lettura critica ed autonoma dello spazio; acquisizione

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Primaria A.Manzi Bellaria Igea Marina Per l anno scolastico 2011 la scuola primaria Alberto Manzi di Bellaria Igea Marina ha scelto per la II A, II B e II C il laboratorio Eroi della mia fantasia,

Dettagli

Lucia Baldini immagini

Lucia Baldini immagini Lucia Baldini immagini www.luciabaldini.it MUSEI FIORENTINI Questo lavoro fotografico ha come soggetto uno sguardo in bianco e nero ai Musei Fiorentini. E stato un lavoro molto coinvolgente e appassionante

Dettagli

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014

IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 Posizione del proprio corpo in relazione agli oggettiprogettazione 2^UdA SCUOLA INFANZIA Dicembre 2013 -- Gennaio 2014 a.s. 2013-2014 Aurora dalle dita di rosa IIPeriodo Dicembre 2013- Gennaio 2014 AFRODITE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

LA VISIONE STEREOSCOPICA

LA VISIONE STEREOSCOPICA LA VISIONE STEREOSCOPICA ELABORAZIONE DELLE IMMAGINI Università degli Studi dell Insubria A.A. 2004/2005 Sinardi Matteo Zappino Massimo Indice Introduzione Cenni storici L'occhio umano La stereopsi Stereogrammi

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante

LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante LA SCIENZA, GLI SCIENZIATI E IL METODO SCIENTIFICO SPERIMENTALE Pagine per l insegnante La scienza è lo studio di tutte le cose, viventi e non viventi, che ci sono sulla Terra e nell Universo. La scienza

Dettagli

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE

PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE PROGETTI DI EDUCAZIONE MUSICALE INTRODUZIONE I progetti di educazione musicale da me proposti si articolano in differenti approcci che variano a seconda dell età dei bambini. La differenziazione avviene

Dettagli

icartoon manuale d uso

icartoon manuale d uso icartoon manuale d uso icartoon ti consente di creare animazioni anche complesse e di esportarle. Quello che esporti da icartoon è basato su QuickTime che è uno standard per il multimedia: può quindi essere

Dettagli

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO

WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO WORKSHOP DRAMMATURGIA DELL OGGETTO 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 CONTENUTI. Drammaturgia dell oggetto... 5 MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 7 DESTINATARI... 7 OBIETTIVI E FINALITÀ DIDATTICHE... 7 2 PREMESSA Dire

Dettagli

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012

ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 ATTIVITA LABORATORIALI SVOLTE CON ROSANNA PETITI novembre 2011 / gennaio 2012 Scuola primaria «Calvino» - Moncalieri - Laboratorio "LUCE E VISIONE" con Rosanna Petiti 1 1^ incontro Scoprire quali sono

Dettagli

Animare. L animazione costituisce il modo con cui un immagine (digitale o creata con modellazione e rendering) acquista vita.

Animare. L animazione costituisce il modo con cui un immagine (digitale o creata con modellazione e rendering) acquista vita. Animare L animazione costituisce il modo con cui un immagine (digitale o creata con modellazione e rendering) acquista vita. Cinema Videogiochi Siti internet Sempre più animazioni create al computer Ispirandosi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

Orietta Bay - Sestri Levante 2011

Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Orietta Bay - Sestri Levante 2011 Per -corso Fotografare è saper cogliere l essenza delle cose e degli avvenimenti e Scriverli con la luce La macchina fotografica Il cuore originario della

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

CEPIM-Torino Centro Persone Down Museo Nazionale del Cinema

CEPIM-Torino Centro Persone Down Museo Nazionale del Cinema È un associazione di volontariato fondata e guidata da genitori, impegnata ad accogliere le famiglie fin dai primi giorni di vita del figlio e ad accompagnarle in un percorso di sviluppo delle sue potenzialità,

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

CHE COS È L INFORMATICA

CHE COS È L INFORMATICA CHE COS È L INFORMATICA Prof. Enrico Terrone A. S. 2011/12 Definizione L informatica è la scienza che studia il computer sotto tutti i suoi aspetti. In inglese si usa l espressione computer science, mentre

Dettagli

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco

Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco Esperienza d arte presso l asilo nido comunale Collodi Piossasco. L asilo nido Collodi, gestito dalla Cooperativa Accomazzi per conto della Città di Piossasco, accoglie 45 bambini dai 6 ai 36 mesi. Aspetto

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

DoudouLinux. www.doudoulinux.org

DoudouLinux. www.doudoulinux.org DoudouLinux Cos'è DoudouLinux DoudouLinux è una distribuzione GNU/Linux che offre una collezione di giochi sia educativi che facili da usare per divertirsi mentre si impara. Può essere avviata da disco

Dettagli

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA

LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA LINGUAGGI, CREATIVITA, ESPRESSIONE TECNOLOGIA - INFORMATICA FINALITA EDUCATIVE La tecnica è la struttura razionale del lavoro, cioè l uso consapevole e finalizzato di mezzi, materiali e procedimenti operativi

Dettagli

Obiettivi formativi. Età dei bambini

Obiettivi formativi. Età dei bambini È l area di apprendimento nella quale si determina l apertura del bambino all altro, non rinunciando con questo alla propria UNICITA ma affermandola proprio attraverso il processo d interazione con gli

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME

CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME CURRICOLO FORMATIVO CLASSI PRIME Disciplina Indicatori Descrittori Ascoltare, comprendere e comunicare oralmente Esprimere oralmente le proprie emozioni ed esperienze mediante linguaggi diversi verbali

Dettagli

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la

PREMESSA. È sembrato opportuno partire, in questo elaborato, da. un analisi del mezzo usato per l emissione del messaggio e la PREMESSA Lo studio dei mass media non può mai prescindere dal contesto storico-sociale in cui opera e di cui tratta influenzando, spesso, i soggetti che vi vivono. È sembrato opportuno partire, in questo

Dettagli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli

identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Disegni di Giacomo Cardelli identità virtuali 20 maggio 17 luglio 2011 Questa mostra affronta il nostro rapporto con il computer e con gli altri strumenti digitali tramite cui possiamo accedere al mondo di internet: un mondo senza

Dettagli

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA

SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA SCUOLA ELEMENTARE VIA MASSAUA 5 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE CLASSE QUINTA ANNO SCOLASTICO 2009-2010 LINGUA ITALIANA 1. ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE o Intervenire nelle conversazioni

Dettagli

FARE SCIENZA A SCUOLA

FARE SCIENZA A SCUOLA ISTITUTO COMPRENSIVO DI NOTARESCO SCUOLA DELL INFANZIA A.S. 2015/16 PROGETTO DI RICERCA AZIONE (Sviluppo del pensiero scientifico) FARE SCIENZA A SCUOLA NOI LA LUCE E LE OMBRE NELLO SPAZIO E NEL TEMPO

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

STORIA CLASSE 1 1. COLLOCARE IN SUCCESSIONE TEMPORALE FATTI ED EVENTI VISSUTI. *

STORIA CLASSE 1 1. COLLOCARE IN SUCCESSIONE TEMPORALE FATTI ED EVENTI VISSUTI. * STORIA CLASSE 1 1. COLLOCARE IN SUCCESSIONE TEMPORALE FATTI ED EVENTI VISSUTI. * 1.1 Riconoscere rapporti di successione e collocare nel tempo fatti ed eventi vissuti. 2. RICONOSCERE EMPIRICAMENTE LA DURATA

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T1 4-Panoramica delle generazioni 1 Prerequisiti Monoprogrammazione e multiprogrammazione Multielaborazione Linguaggio macchina Linguaggi di programmazione e compilatori Struttura

Dettagli

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO

GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO (BAMBINI DI 4 ANNI) GLI ELEMENTI DELLA VITA TERRA ACQUA ARIA FUOCO Premessa Acqua, Terra, Fuoco, Aria sono i quattro elementi costitutivi dell ambiente in cui viviamo. Il contatto con la natura concorre

Dettagli

Il fumetto Creazione di storie per immagini

Il fumetto Creazione di storie per immagini Il fumetto Creazione di storie per immagini Introduzione Il fumetto è un linguaggio che a sua volta utilizza un linguaggio molto semplice. L efficacia di questo mezzo espressivo è resa dall equilibrio

Dettagli

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA

AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI GEOGRAFIA AMBITO ANTROPOLOGICO CURRICOLO E DI GEOGRAFIA 1- IDEA, SVILUPPO E RAPPRESENTAZIONE DELLO SPAZIO CLASSE 1^ CURRICOLO - Uso corretto dei principali indicatori topologici Riconoscere la propria posizione

Dettagli

Pensieri di Reza Kathir

Pensieri di Reza Kathir REZA KATHIR UN PERCORSO Prima che l'uomo inventasse la parola viveva con le immagini, ma in nessun altra epoca come l'attuale l'essere umano ha pensato di essere padrone di ciò che si vede, potendolo fotografare.

Dettagli

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE

LE COMPETENZE ESSENZIALI DI DISEGNO E STORIA DELL ARTE LE ESSENZIALI DI DISEGNO E classe prima Liceo scientifico utilizzare regole e tecniche grafiche progettare un minimo percorso grafico costruire un disegno geometrico, impiegando in maniera appropriata

Dettagli

Viaggiare, fotografare, guadagnare

Viaggiare, fotografare, guadagnare Paolo Gallo Viaggiare, fotografare, guadagnare Crea il tuo secondo stipendio con il Microstock Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna parte di questo libro può essere riprodotta con alcun

Dettagli

1.6 Che cosa vede l astronomo

1.6 Che cosa vede l astronomo 1.6 Che cosa vede l astronomo Stelle in rotazione Nel corso della notte, la Sfera celeste sembra ruotare attorno a noi. Soltanto un punto detto Polo nord celeste resta fermo; esso si trova vicino a una

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO INDICATORI PER LA VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Comunicare oralmente in modo adeguato. Leggere e comprendere parole, frasi e semplici brani. Produrre semplici testi scritti. Svolgere attività esplicite

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA

UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA TITOLO: TEMPO CAMBIA COLORE UNITA DI APPRENDIMENTO UNICA DATI IDENTIFICATIVI TIPOLOGIA DELL UA: Pluridisciplinare ANNO SCOLASTICO:2012/2013 DESTINATARI: alunni di classe prima di Porticino DOCENTI COINVOLTI:

Dettagli

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V

Anno Scolastico 2014 2015 Classi I II III IV V Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Stoppani Scuole primarie Cadorna e Stoppani Scuola secondaria di primo grado ad indirizzo musicale Don Milani Via Carroccio,

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi

DISCIPINA: SCIENZE SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA APPRENDIMENTO. 1. Esplorare il mondo attraverso i cinque sensi SCUOLA PRIMARIA: CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITA - VERIFICA E VALUTAZIONE 1. Osserva persone e oggetti nell ambiente circostante 2. Classifica, identifica relazioni, produce

Dettagli

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015

PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 PRIMO ISTITUTO COMPRENSIVO di PALAZZOLO S/O via Zanardelli n.34 Anno scolastico 2014/2015 CURRICOLI DISCIPLINARI SCUOLA DELL INFANZIA e PRIMO CICLO di ISTRUZIONE Percorso delle singole discipline sulla

Dettagli

Lezione 16: Animazione (2)

Lezione 16: Animazione (2) Lezione 16: Animazione (2) Informatica Multimediale Docente: Umberto Castellani Sommario Introduzione Origini Produrre animazioni Animazione tradizionale (2D) Animazione digitale 2 Animazione 3D Animazione

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE

UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016. TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE UDA N 4 Tecniche di Confezione nell abbigliamento UNITÀ DIDATTICA di APPRENDIMENTO RIF.Competenza: 4 A.S. 2015/2016 TITOLO: Tecniche di Confezione nell abbigliamento COD. UDA N 4 A PRESENTAZIONE Destinatari

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding»

Insegnare il coding. In Italia tra le linee guida del governo sulla «Buona scuola» «L educazione al pensiero computazionale e al coding» Il codingnella nella didattica metacognitiva Cos è il coding? Per coding si intende la stesura di un programma, cioè di una sequenza di istruzioni che eseguite da un calcolatore danno vita alla maggior

Dettagli

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI?

Sezioni VERDE e GIALLA PROGETTO ALIMENTAZIONE COSA MANGIO OGGI? Sezioni VRD e GIALLA PROGTTO ALIMNTAZION COSA MANGIO OGGI? IL Bruco Maisazio, personaggio che ha accompagnato i bambini nel progetto di continuità nido-infanzia, quest anno ci porterà alla scoperta dei

Dettagli

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu

02 L Informatica oggi. Dott.ssa Ramona Congiu 02 L Informatica oggi Dott.ssa Ramona Congiu 1 Introduzione all Informatica Dott.ssa Ramona Congiu 2 Che cos è l Informatica? Con il termine Informatica si indica l insieme dei processi e delle tecnologie

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE. Classi Prime PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI ARTE E IMMAGINE Classi Prime Progettazione annuale 1. Rilevazione dei livelli di partenza della classe ed individuazione delle competenze precedentemente acquisite. Profilo

Dettagli

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi

Descrizione dell unità. Titolo Frazioni con la LIM. Autore Barbara Bianconi Descrizione dell unità Titolo Frazioni con la LIM Autore Barbara Bianconi Tematica Come si traducono nel linguaggio della matematica un quarto in musica, una fetta di pizza, un terzo di un percorso prestabilito?

Dettagli

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015

Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 Istituto Comprensivo I. NIEVO SAN DONA DI PIAVE (VE) PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA a.s. 2014-2015 PREMESSA L Insegnamento della Religione Cattolica (I.R.C.) fa sì che gli alunni

Dettagli

Motivazioni del percorso

Motivazioni del percorso "Fiabe di tutti i colori " Motivazioni del percorso Scegliere la fiaba come oggetto di un percorso permette di offrire ai bambini un genere letterario già conosciuto, coinvolgente a livello emotivo, rassicurante

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

Mio figlio ha ricevuto in

Mio figlio ha ricevuto in Appunti di una Lego terapia Mio figlio ha ricevuto in regalo per i suoi 5 anni la casetta Lego. Consiglio di acquistarlo per le sue potenzialità psicopedagogiche. Il piccolo G. ha subito proiettato se

Dettagli

PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO

PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO PRIMO BIENNIO CLASSE SECONDA - ITALIANO OBIETTIVI MINIMI 1. ASCOLTARE/PARLARE: Ascoltare e comprendere testi orali di diverso tipo. Esprimersi oralmente in modo corretto (e pertinente), producendo testi

Dettagli

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA

ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO Magistri Intelvesi San Fedele Intelvi (Como) Anno Scolastico 2012-2013 PROGETTO CINEMA Il progetto si propone di avvicinare i ragazzi al mondo del cinema con un approccio ludico

Dettagli

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo

Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo Lezione 2 - pag.1 Lezione 2: come si descrive il trascorrere del tempo 2.1. Il tempo: un concetto complesso Che cos è il tempo? Sembra una domanda tanto innocua, eppure Sembra innocua perché, in fin dei

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA PIANO DI LAVORO ANNUALE IRC SCUOLA DELL INFANZIA 1 ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L educazione religiosa nella scuola dell infanzia concorre alla formazione integrale del bambino, promovendo la maturazione

Dettagli

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni

Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Liceo Artistico Statale Liceo Artistico Statale Aldo Passoni Via della Rocca,7-10123 Torino - Tel.: 011.8177377 - Fax: 011.8127290 Mail: istpassoni@tin.it - sito web: http://www.lapassoni.it 1 2 Liceo

Dettagli

Tecniche di animazione. Giacomo Prati

Tecniche di animazione. Giacomo Prati + Tecniche di animazione Giacomo Prati + Cosa vedremo, sentiremo e faremo TECNICHE DI ANIMAZIONE Competenze di base per l animazione Tecniche di base per l animazione Esempi concreti di animazione in oratorio

Dettagli

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI

LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO SEI UN TESORO! TERRA, ACQUA E SEMI LA CASA PIÙ GRANDE DEL MONDO Dai disegni dei bambini e dal loro concetto di casa, spazio vissuto o luogo magico, inizia l esplorazione del palazzo che, così importante per dimensioni e storia, è stato

Dettagli

IMMAGINI, SUONI, COLORI

IMMAGINI, SUONI, COLORI IMMAGINI, SUONI, COLORI TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Il bambino comunica, esprime emozioni, racconta, utilizzando le varie possibilità che il linguaggio del corpo consente 2. Inventa storie

Dettagli

SCHEMA DI SCENEGGIATURA. Bruzzi Alessandra, Guardincerri Patrizia, Montesissa Giuliana, Giorgi Donatella, Vilardo Mariarosa

SCHEMA DI SCENEGGIATURA. Bruzzi Alessandra, Guardincerri Patrizia, Montesissa Giuliana, Giorgi Donatella, Vilardo Mariarosa SCHEMA DI SCENEGGIATURA DOCENTE/I TITOLO UNITA (termine generico per indicare un attività didattica omogenea e congruente, a scelta dei docenti può trattarsi di una singola unità, di più unità, di un modulo)

Dettagli

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione

Imparo giocando: videogiochi e apprendimento. Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Imparo giocando: videogiochi e apprendimento Rapporto di ricerca sul quadriennio di sperimentazione Proprietà intellettuale. Di chi è questo rapporto di ricerca? Della comunità dei docenti sperimentatori,

Dettagli

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto

STORIA. CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO indicazioni ministeriali e curricolo di Istituto CURRICOLO VERTICALE PRIMO CICLO e curricolo di Istituto TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA. L alunno/a conosce elementi significativi del passato del suo ambiente

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa).

Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire parecchie cose sulla sorgente che lo ha emesso (che si chiama sorgente luminosa). Ciao a tutti! Il segnale che arriva, sotto forma di luce visibile, è quello che permette di studiare quei puntini luminosi che vediamo in cielo la notte. Se analizziamo quel segnale luminoso possiamo capire

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

Alla ricerca della topologia nascosta in difesa della geometria perduta. Viareggio, 10 settembre 2010 M. Dedò

Alla ricerca della topologia nascosta in difesa della geometria perduta. Viareggio, 10 settembre 2010 M. Dedò Alla ricerca della topologia nascosta in difesa della geometria perduta Viareggio, 10 settembre 2010 M. Dedò Il Centro matematita ha da tempo inserito la topologia fra le sue proposte dirette alle scuole

Dettagli

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI:

ARTE ED IMMAGINE MODULI OPERATIVI: ARTE ED IMMAGINE INDICATORE DISCIPLINARE Promuovere l alfabetizzazione dei linguaggi visivi per la costruzione e la lettura dei messaggi iconici e per la conoscenza delle opere d arte con particolare riferimento

Dettagli

Alessandro Volta e la storia della pila

Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta fu uno dei più famosi fisici della storia: visse tra il Settecento e l Ottocento, inventò e perfezionò la pila elettrochimica e scoprì caratteristiche

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

IO, CITTADINO DEL MONDO

IO, CITTADINO DEL MONDO Scuola dell Infanzia S.Giuseppe via Emaldi13, Lugo (RA) IO, CITTADINO DEL MONDO VIAGGIARE E UN AVVENTURA FANTASTICA A.S. 2013 / 2014 INTRODUZIONE Quest anno si parte per un viaggio di gruppo tra le culture

Dettagli

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI

LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Carlo Scataglini LA ROSA DEI SETTE DESIDERI Il mio quaderno degli esercizi SERIE BLU Prime letture: fino a 1000 parole Erickson Indice 7 Introduzione 11 PRIMA SEZIONE Ecco i personaggi della storia 15

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

--- il Surrealismo ---

--- il Surrealismo --- --- il Surrealismo --- Nascita del movimento Il termine surrealista fu inventato nel 1917 dallo scrittore Guillaume Apollinaire, ma il Surrealismo come movimento artistico, in realtà, nacque solo nel 1924

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli