ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI ****************************************************************************

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI ****************************************************************************"

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa Classe 3B EDOARDO DE MARCHI Materia ITALIANO anno scolastico 2014/2015 A Situazione iniziale della classe **************************************************************************** B Obiettivi Obiettivi generali del triennio e obiettivi educativo-cognitivi trasversali Al termine del triennio, lo studente deve dimostrare di sapere: esprimersi in modo corretto, dimostrando padronanza della lingua e dei linguaggi specifici; svolgere una relazione orale della durata di alcuni minuti, anche sulla base di appunti, su un argomento culturale o professionale, appositamente preparato; comprendere testi, con la padronanza dei relativi linguaggi specialistici; acquisire selettivamente, raccogliere ed ordinare informazioni da testi diversi; redigere relazioni, intese come sintesi di conoscenze acquisite da esperienze o da fonti molteplici; redigere testi argomentativi su tematiche di interesse personale, culturale, sociale, economico; padroneggiare il linguaggio, il metodo, i contenuti della disciplina; giudicare in modo autonomo e critico i diversi fenomeni culturali; saper cogliere le sollecitazioni provenienti dall attualità per istituire confronti e paralleli con i contenuti affrontati. Per gli obiettivi trasversali si rimanda a quanto verbalizzato nel primo consiglio di classe. Obiettivi specifici del terzo anno A Conoscenze L allievo/a conosce: le caratteristiche generali, autori ed opere principali della Letteratura italiana, con opportuni collegamenti a quella europea, dalle origini al Rinascimento compreso; le caratteristiche generali e alcuni canti significativi della Commedia dantesca; la pluralità di legami che si possono stabilire tra storia letteraria, culturale e sociale; le caratteristiche e alcune particolarità delle diverse tipologie testuali. B Competenze L allievo/a sa: formulare discorsi chiari e corretti;

2 esprimersi in modo formalmente corretto nella produzione scritta, dimostrando padronanza di ortografia, grammatica e sintassi; acquisire gradualmente un lessico appropriato; analizzare, decodificare e comprendere i testi letterari esaminati individuandone i temi significativi e alcune particolarità retoriche; cogliere le relazioni interdisciplinari nelle tematiche affrontate. C Capacità L allievo/a è capace di: esporre in modo logico e coerente gli argomenti affrontati, istituendo opportuni collegamenti; svolgere ed elaborare correttamente analisi testuali (orali e/o scritte) guidate; progettare e sviluppare testi scritti di tipo espositivo e argomentativo; fare esposizioni orali su argomenti appositamente preparati anche servendosi di un piano preordinato (schemi, scalette, altro). C Approccio metodologico Gli argomenti verranno svolti in ampi blocchi di 1 o 2 mesi, trattando una materia per volta. D Organizzazione dell attività didattica L'attività didattica sarà organizzata in linea di massima attraverso lezioni frontali, secondo la seguente scansione. Articolazione dei contenuti Trimestre 1 - LA LETTERATURA ITALIANA DEI SECOLI XIII E XIV. IL QUADRO STORICO- CULTURALE I TEMI DELLA CULTURA Filosofia e teologia I sensi delle scritture La nascita delle lingue volgari La letteratura cavalleresca La lirica cortese e i suoi temi Nobiltà e amor cortese. Andrea Cappellano La ricezione dei temi cortesi in Italia e la scuola siciliana Testi dal De Amore

3 2- LO STIL NOVO Caratteri generali della corrente La rappresentazione dell'amore in Guido Guinizzelli Gli effetti contraddittori dell'amore. Guido Cavalcanti Al cor gentil rempaira sempre amore Lo vostro bel saluto Io voglio del ver Chi è questa che vèn Voi che per gli occhi Perch'i' no spero 3- DANTE La Vita Nuova.Beastrice come tramite dell'ascesa a Dio Le opere dell'esilio La struttura cosmologica ed etico-politica della commedia Dalla Vita Nuova: Il Libro della memoria La prima apparizione di Beatrice Donne ch'avete intelletto d'amore Tanto gentile Oltre la spera La "mirabile visione" Dalla Commedia Inf. Canto I Inf. Canto V Inf. Canto X Inf. Canto XXVI, vv Inf. Canto XXXIII, vv.1-90 Pg. Canto XXX, vv Par. Canto XVIII, vv Par. Canto XXXIII, vv.1-45 La lettura e il commento dei testi danteschi sarà distribuita a cavallo fra trimestre e pentamestre Pentamestre 4 - LETTERATURA E SOCIETA' TRA QUATTRO E CINQUECENTO Umanesimo e rinascimento. Intellettuali, pubblico, centri culturali

4 La concezione del mondo Machiavelli. La posizione storico-intellettuale La concezione della politica Fortuna e virtù Da Discorsi L'imitazione degli antichi Uno solo è atto a ordinare una repubblica, a molti sta mantenerla Da Il principe (parti antologizzate sul testo) Cap. I Cap.VI Cap. XV Cap. XVIII Cap. XXIV Cap XXV Cap. XXVI 5 ARIOSTO Ariosto. Vita e opere La materia cavalleresca e l'ironia Visione del mondo e la struttura narrativa del Furioso L. ARIOSTO Canto I. Proemio e microcosmo del poema fino ottava 38 Il palazzo di Atlante (ottave 1 20) Cloridano e Medoro (ottave XVIII, e XIX, ottave 1 16) La follia di Orlando Astolfo sulla Luna ITALIANO SCRITTO Gli alunni saranno abituati gradualmente a familiarizzarsi con le nuove tipologie di scrittura previste dall Esame di Stato. In vista di questo scopo, si cercherà di svolgere in classe esercizi di lettura, riassunto e rielaborazione di vari tipi di testo scritto, in armonia con quanto previsto dalle nuove linee guida. E Risorse e strumenti Lettura del manuale ed eventuali analisi di altri testi, visione di filmati quando possibile e necessario, discussione. F Modalità di verifica e criteri di valutazione

5 a) Modalità di verifica Le verifiche saranno sia di tipo formativo che sommativo: quanto alla verifica formativa in itinere, si segnala che è attivo un servizio di correzione "on line" gestito direttamente dall'insegnante; le verifiche sommative saranno, per ogni quadrimestre, almeno due da riferire al voto scritto e due a quello orale. Delle due verifiche orali per quadrimestre, una, anche in osservanza alle disposizioni ministeriali sugli esami di stato, potrà essere sostituita e/o costituita da una verifica scritta, nella forma di: risposte a questionari; schemi di sintesi e riassunti; prove scritte di argomento letterario; relazioni orali e/o scritte; presentazioni con il supporto di lucidi o di power point. Saranno introdotte verifiche secondo le tipologie di scrittura previste dall'esame di Stato b) Criteri di valutazione In linea generale, gli indicatori di riferimento sono quelli esplicitati nelle griglie elaborate dai coordinamenti di materie letterarie. I pesi da attribuire ai punteggi delle singole verifiche saranno definiti di volta in relazione al tipo di prova e chiaramente esplicitati alla classe. G Recupero Dato l'elevato numero di ore che i ragazzi già trascorrono a scuola, si cercherà di ricorrere nei limiti del possibile a forme di recupero curricolare nell'ambito dell'orario di lezione. Le indicazioni per il recupero saranno precisate in corso d'anno, tenuto conto della natura dell'apprendimento e delle lacune emerse. In ogni caso sarà dato un peso rilevante al supporto "on-line" di cui sopra. L'INSEGNANTE

6 ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa Classe 4B EDOARDO DE MARCHI Materia ITALIANO anno scolastico 2014/2015 A Situazione iniziale della classe ******************************************************************************* B Obiettivi Obiettivi generali del triennio e obiettivi educativo-cognitivi trasversali Al termine del triennio, lo studente deve dimostrare di sapere: esprimersi in modo corretto, dimostrando padronanza della lingua e dei linguaggi specifici; svolgere una relazione orale della durata di alcuni minuti, anche sulla base di appunti, su un argomento culturale o professionale, appositamente preparato; comprendere testi, con la padronanza dei relativi linguaggi specialistici; acquisire selettivamente, raccogliere ed ordinare informazioni da testi diversi; redigere relazioni, intese come sintesi di conoscenze acquisite da esperienze o da fonti molteplici; redigere testi argomentativi su tematiche di interesse personale, culturale, sociale, economico; padroneggiare il linguaggio, il metodo, i contenuti della disciplina; giudicare in modo autonomo e critico i diversi fenomeni culturali; saper cogliere le sollecitazioni provenienti dall attualità per istituire confronti e paralleli con i contenuti affrontati. Obiettivi specifici del quarto anno A Conoscenze L allievo/a conosce: le caratteristiche generali, autori ed opere principali della Letteratura italiana, con collegamenti a quella europea, dal Cinquecento alla prima metà dell Ottocento; i principali movimenti culturali di questi secoli anche con riferimenti interdisciplinari; le relazioni tra storia letteraria, culturale e sociale; le scelte di poetica di un autore e/o di un movimento letterario; le caratteristiche di queste tipologie testuali: articolo di giornale e saggio breve. B Competenze L allievo/a sa:

7 esporre caratteristiche di movimenti culturali e biografie degli autori analizzati; confrontare opere letterarie tematicamente accostabili anche con confronti extra italiani; indicare le principali scelte di poetica di un autore o di un movimento letterario; decodificare e analizzare testi più lunghi. C Capacità L allievo/a è capace di: impostare una bozza di articolo giornalistico sulla base di documenti; svolgere e elaborare analisi guidate di testi letterari poetici e narrativi. Per gli obiettivi trasversali si rimanda a quanto verbalizzato nel primo consiglio di classe. C Approccio metodologico: Gli argomenti verranno svolti in ampi blocchi di 1 o 2 mesi, trattando una materia per volta. D Organizzazione dell attività didattica: lezione frontale, gruppi di lavoro, processi individualizzati, cooperative learning ecc... L'attività didattica sarà organizzata in linea di massima attraverso lezioni frontali, secondo la seguente scansione. Trimestre 1 - SCIENZA E FILOSOFIA NELL'ETÀ MODERNA Il cosmo aristotelico-tolemaico Dalla rivoluzione copernicana alla nuova scienza. Keplero, Galileo, Newton Il metodo della scienza 2 L'ILLUMINISMO. NUOVI SAPERI, LETTERATURA, SOCIETA'. I presupposti storici dell'illuminismo Cultura scientifica e illuminismo La società e la storia nell'illuminismo 3 ORIGINI E CARATTERI GENERALI DEL ROMANTICISMO La crtitica alla concezione illuministica della storia e della società La nascita dello Sturm und Drang

8 Il neoclassicismo Società e cultura dopo la Rivoluzione Francese Dal preromanticismo al romanticismo Il dibattito tra classicisti e romantici e i nuovi generi letterari TESTI: F.R. DE CHATEAUBRIAND Da René: L' "ardore di desiderio" dell'eroe romantico G. BERCHET Lettera semiseria di Crisostomo Lettura integrale e analisi di W. GOETHE, I dolori del giovane Werther Pentamestre 4 TRA ILLUMINISMO, NEOCLASSICISMO E ROMANTICISMO. UGO FOSCOLO Le concezioni generali di Foscolo Dal Werther all'ortis Foscolo e l'evoluzione del sonetto I Sepolcri Cenni sul Foscolo neoclassico TESTI FOSCOLO Da Le ultime lettere di J.Ortis: Il sacrificio della patria nostra è consumato Il problema di una classe dirigente in Italia Lettera da Ventimiglia La sepoltura lacrimata Alla sera A Zacinto In morte del fratello Giovanni All amica risanata I Sepolcri Da Le Grazie Il velo delle Grazie 5 LEOPARDI

9 Leopardi. Vita e opere Uomo, natura e ragione nello Zibaldone e nelle Operette La poetica Dal primo Leopardi ai grandi idilli L'ultimo Leopardi. Poetica antiidillica e polemica contro l'ottimismo progressista TESTI: G. LEOPARDI Passi dallo Zibaldone Dalle Operette : Dialogo della Natura e di un Islandese Dai Canti : L'infinito La sera del dì di festa A Silvia Il Sabato del villaggio Canto notturno di un pastore errante dell' Asia 5 LA NUOVA LETTERATURA E IL ROMANZO: I PROMESSI SPOSI Manzoni. Vita, opere, idee Dal neoclassicismo al romanticismo La provvidenza dalle tragedie al romanzo Il contesto storico seicentesco come ambiente del romanzo I PROMESSI SPOSI. LETTURA E ANALISI DEI BRANI FONDAMENTALI Con riferimento alle premesse storico-culturali di cui al punto precedente, saranno analizzate la struttura e l'articolazione dell'intero romanzo. Saranno trattati specificamente i capp. I, IV,V, IX, X, XII, XIII, XXVIII, XXXI, XXXII. Per gli altri capitoli sarà fornita una sintesi. Gli elementi di analisi narrativa messi maggiormente in rilievo sono i seguenti: Affabulazione e intreccio Individuazione delle macrosequenze Narratore e punti di vista della narrazione Personaggi e la loro caratterizzazione Rapporto personaggi - paesaggio 6 - TRA REALTA' E SIMBOLO. CESARE PAVESE Il modulo verrà effettuato per familiarizzare fin d ora gli alunni col programma di quinta Vita e scrittura La poetica del ricordo Le tematiche della narrazione Lo stile

10 Lettura integrale e analisi di C. PAVESE, La luna e i falò ITALIANO SCRITTO Gli alunni saranno ulteriormente familiarizzati con le tipologie di scrittura previste dall'esame di Stato, cercando di stimolare il loro interesse per i problemi di attualità E Risorse e strumenti Lettura del manuale ed eventuali analisi di altri testi, visione di filmati quando possibile e opportuno, discussione. F Modalità di verifica e criteri di valutazione a) Modalità di verifica Le verifiche saranno sia di tipo formativo che sommativo: quanto alla verifica formativa in itinere, si segnala che è attivo un servizio di correzione "on line" gestito direttamente dall'insegnante; le verifiche sommative saranno, per ogni quadrimestre, almeno due da riferire al voto scritto e due a quello orale. Delle due verifiche orali per quadrimestre, una, anche in osservanza alle disposizioni ministeriali sugli esami di stato, potrà essere sostituita e/o costituita da una verifica scritta, nella forma di: risposte a questionari; schemi di sintesi e riassunti; prove scritte di argomento letterario; relazioni orali e/o scritte; presentazioni con il supporto di lucidi o di power point. Gli alunni saranno inoltre familiarizzati con le tipologie di scrittura previste dall'esame di Stato b) Criteri di valutazione In linea generale, gli indicatori di riferimento sono quelli esplicitati nelle griglie elaborate dai coordinamenti di materie letterarie. I pesi da attribuire ai punteggi delle singole verifiche saranno definiti di volta in relazione al tipo di prova e chiaramente esplicitati alla classe. H Recupero Dato l'elevato numero di ore che i ragazzi già trascorrono a scuola, si cercherà di ricorrere nei limiti del possibile a forme di recupero curricolare nell'ambito dell'orario di lezione. Le indicazioni per il recupero saranno precisate in corso d'anno, tenuto conto della natura dell'apprendimento e delle lacune emerse. In ogni caso sarà dato un peso rilevante al supporto "on-line" di cui sopra. L'INSEGNANTE

11 ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa Classe 5G EDOARDO DE MARCHI Materia ITALIANO anno scolastico 2014/2015 A Situazione iniziale della classe **************************************************************************** B Obiettivi Obiettivi generali del triennio e obiettivi educativo-cognitivi trasversali Al termine del triennio, lo studente deve dimostrare di sapere: esprimersi in modo corretto, dimostrando padronanza della lingua e dei linguaggi specifici; svolgere una relazione orale della durata di alcuni minuti, anche sulla base di appunti, su un argomento culturale o professionale, appositamente preparato; comprendere testi, con la padronanza dei relativi linguaggi specialistici; acquisire selettivamente, raccogliere ed ordinare informazioni da testi diversi; redigere relazioni, intese come sintesi di conoscenze acquisite da esperienze o da fonti molteplici; redigere testi argomentativi su tematiche di interesse personale, culturale, sociale, economico; padroneggiare il linguaggio, il metodo, i contenuti della disciplina; giudicare in modo autonomo e critico i diversi fenomeni culturali; saper cogliere le sollecitazioni provenienti dall attualità per istituire confronti e paralleli con i contenuti affrontati. Per gli obiettivi trasversali si rimanda a quanto verbalizzato nel primo consiglio di classe. Obiettivi classe quinta Con specifico riferimento alla Quinta, gli obiettivi possono essere così articolati:

12 A Conoscenze - L allievo/a conosce: le caratteristiche generali, autori ed opere principali della Letteratura italiana, con opportuni collegamenti a quelle straniere, dalla seconda metà dell Ottocento ai giorni nostri; proprietà linguistiche e stilistiche dei testi esaminati. B Competenze - L allievo/a sa: formulare giudizi motivati, sulla base di un interpretazione storico-critica, anche in relazione a gusti ed interessi personali; cogliere l unitarietà del sapere e le relazioni inter e pluri disciplinari. C Capacità - L allievo/a è capace di: produrre testi originali attraverso un processo di rielaborazione personale e critica con autonomia di giudizio; comunicare efficacemente, usando anche appropriati linguaggi tecnici; leggere autonomamente e con consapevolezza critica un testo letterario C Approccio metodologico In Storia, come in Italiano, si procederà normalmente per grandi blocchi di argomenti, della durata minima di un mese, in modo che gli argomenti possano essere compattati e vi sia la possibilità di svilupparne e ritenerne in modo più serrato la logica interna. D organizzazione dell'attività didattica L'attività didattica sarà organizzata in linea di massima attraverso lezioni frontali, secondo la seguente scansione Contenuti disciplinari da svolgere Trimestre. Trattazione in blocco nei mesi di Novembre e Dicembre 1 - TRA REALTA' E SIMBOLO. CESARE PAVESE (argomento previsto e non svolto lo scorso anno) Vita e scrittura La poetica del ricordo Le tematiche della narrazione Lo stile Lettura integrale e analisi di C. PAVESE, La luna e i falò 2) MODULO DI RACCORDO - ILLUMINISMO, NEOCLASSICISMO, ROMANTICISMO

13 I temi di questo modulo erano già stati e trattati lo scorso anno. Essi tuttavia sono da considerarsi anche parte integrante del programma dell'ultimo anno e in questo contesto essi verranno consolidati. I temi dei primi moduli erano già stati parzialmente trattati lo scorso anno. Caratteri generali dell'illuminismo Dall'illuminismo al preromanticismo I dolori del giovane Werther e lo Sturm Neoclassicismo e preromanticismo Tra illuminismo, neoclassicismo e romanticismo: Ugo Foscolo Il romanticismo. Idee e generi Leopardi. Vita e opere Uomo, natura e ragione nello Zibaldone e nelle Operette La poetica Dal primo Leopardi ai grandi idilli L'ultimo Leopardi. Poetica antiidillica e polemica contro l'ottimismo progressista La formazione di Manzoni Componenti illuministiche e romantiche dei Promessi Sposi Caratteristiche narrative dei Promessi Sposi 3) LA LETTERATURA NELL'ETA' DEL POSITIVISMO FILOSOFIA E LETTERATURA NELLA FRANCIA BORGHESE Scienza e positivismo Cultura e società in Francia nei primi decenni del XIX secolo Realismo e naturalismo VERGA Il romanzo italiano prima di Verga. Sintesi su Manzoni e il romanzo ottocentesco Verga preverista Verismo e naturalismo L'ideologia verghiana e il ciclo dei Vinti Le tecniche narrative nei Malavoglia e nel Gesualdo TESTI: E. ZOLA Da Il romanzo sperimentale: Lo scrittore come operaio del progresso VERGA Dalle novelle: Rosso Malpelo La roba Da I Malavoglia: I Malavoglia e la comunità del villaggio La conclusione dei Malavoglia Da Mastro don Gesualdo: La morte di Gesualdo

14 Pentamestre. Trattazione in blocco nei mesi di gennaio-aprile 4) INTELLETTUALI E SOCIETA'. IL DISAGIO DEGLI INTELLETTUALI NELLA POESIA DECADENTE I CARATTERI GENERALI DEL DECADENTISMO Collocazione storica del decadentismo Intellettuali e conformismo borghese: l'esibizione del conflitto interiore contro Le caratteristiche generali della poesia decadente Tipologia degli intellettuali decadenti: bohèmiens ed esteti Caratteri generali del simbolismo Crisi del positivismo, irrazionalismo, spiritualismo. INTELLETTUALI E POESIA IN ITALIA TRA OTTO E NOVECENTO Pascoli: la visione del mondo La poetica D'Annunzio: estetismo e superomismo La crisi del superomismo e la poesia "notturna" Avanguardie e futurismo TESTI: BAUDELAIRE : L'albatro Corrispondenze Spleen RIMBAUD : Lettera del veggente Ponti Marine PASCOLI: Il fanciullino Da Myricae: Novembre L'assiuolo X Agosto D'ANNUNZIO: Da Il piacere: Un ritratto allo specchio Il verso è tutto

15 Da Alcyone: La sera fiesolana La pioggia nel pineto 5) PIRANDELLO Vita e collocazione storico-culturale I romanzi siciliani I romanzi umoristici La stagione dei "miti" Il nuovo teatro TESTI: Da L'umorismo: Un'arte che scompone Da Il fu Mattia Pascal: Uno strappo nel cielo di carta La crisi della nuova identità Da Uno, nessuno, centomila: Nessun nome Dalle novelle: La carriola La tragedia di un personaggio La signora Frola e il signor Ponza, suo genero Dal teatro: Così è (se vi pare). Dall'atto I La rappresentazione teatrale tradisce I nessi tra produzione novellistica e teatrale di Pirandello saranno messi in rilievo, qualora ve ne sia il tempo, anche con partecipazione alla rappresentazione di commedie pirandelliane e/o proponendo agli alunni registrazioni di qualche opera rilevante dello scrittore siciliano. 6) SVEVO LA "GRANDE VIENNA" La società asburgica e la "grande Vienna" Il pensiero freudiano LO SVILUPPO DELLA NARRATIVA SVEVIANA

16 Vita e collocazione storico-culturale I romanzi giovanili L'evoluzione letteraria di Svevo (Joyce, Freud, la guerra) Struttura e motivi fondamentali de La Coscienza di Zeno TESTI: Da Senilità: Il ritratto dell'inetto Da La coscienza di Zeno: Prefazione Il fumo La morte del padre La salute malata di Augusta La morte dell'antagonista La profezia dell'apocalisse cosmica Agli alunni sono state assegnate come lavoro estivo la lettura integrale de La coscienza di Zeno, che verrà ripresa nel corso dell'anno scolastico. Oltre a conoscere gli episodi sopra segnalati, quindi, gli alunni dovranno orientarsi nell'insieme del romanzo. E Risorse e strumenti Manuale in adozione, appunti, fotocopie fornite dall'insegnante, eventuale materiale video, discussione.. F Valutazione: modalità di verifica e criteri di valutazione a) Modalità di verifica In osservanza alle disposizioni ministeriali riguardo agli esami di stato, sarà dato particolare rilievo alle nuove prove di valutazione, che prevedono, oltre al tradizionale tema, altre tipologie testuali: saggio breve, articolo di giornale ecc. Anche le verifiche orali potranno a volte essere sostituite da quelle scritte. Le prove di verifica potranno pertanto essere scelte fra le seguenti, tenendo conto del livello degli allievi e dei percorsi didattici: schedature di libri; analisi formali sulla base di griglie; risposte a questionari; schemi di sintesi, riassunti di opere letterarie o di articoli; analisi testuale (poetica, narrativa, drammatica, filmica); articolo di giornale; saggio breve storico- letterario; saggi brevi di commento a testi proposti; relazioni orali e scritte.

17 Quando le produzioni scritte ed orali saranno usate come prova di verifica disciplinare, la misurazione della prestazione linguistica sarà distinta da quella relativa ai contenuti disciplinari. Le verifiche saranno sia di tipo formativo che sommativo: queste ultime saranno, per ogni quadrimestre, almeno due da riferire al voto scritto e due a quello orale. Quanto alla verifica formativa in itinere, si segnala che è attivo un servizio di correzione "on line" gestito direttamente dall'insegnante. b) Criteri di valutazione In linea generale, gli indicatori di riferimento sono quelli esplicitati nelle griglie elaborate dai coordinamenti di materie letterarie. I pesi da attribuire ai punteggi delle singole verifiche saranno definiti di volta in relazione al tipo di prova e chiaramente esplicitati alla classe. G Recupero Dato l'elevato numero di ore che i ragazzi già trascorrono a scuola, si cercherà di ricorrere nei limiti del possibile a forme di recupero curricolare nell'ambito dell'orario di lezione. Le indicazioni per il recupero saranno precisate in corso d'anno, tenuto conto della natura dell'apprendimento e delle lacune emerse. In ogni caso sarà dato un peso rilevante al supporto "on-line" di cui sopra. L'INSEGNANTE

18 ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI PROGRAMMAZIONE INDIVIDUALE ANNUALE Prof /ssa Classe 3B EDOARDO DE MARCHI Materia STORIA anno scolastico 2014/2015 A) Situazione iniziale della classe ******************************************************************************** B) Obiettivi Obiettivi generali del triennio e obiettivi educativo-cognitivi trasversali L allievo dovrà essere in grado di: conoscere le vicende fondamentali di ciascun periodo storico individuando i rapporti tra i singoli fattori; acquisire la consapevolezza che lo studio del passato è fondamento per la comprensione del presente; individuare le concatenazioni tra fattori concomitanti nel fatto storico; consolidare la capacità di problematizzare e di effettuare collegamenti in scala diacronica e sincronica; acquisire dimestichezza con la varietà delle fonti, con il metodo di indagine e con la diversità delle possibili interpretazioni storiografiche; acquisire i concetti ed il linguaggio specifici della disciplina. Obiettivi specifici classe terza A Conoscenze L allievo/a conosce: le caratteristiche generali, gli eventi significativi e le problematiche dalla crisi del Trecento al secolo XVI; l evoluzione delle istituzioni, dei fenomeni economici e sociali di quei secoli; l evoluzione dei modi di vita, della cultura materiale e della mentalità negli stessi secoli; i concetti e il lessico propri di questo arco temporale. B Competenze L allievo/a sa: esporre ordinatamente e chiaramente un definito fenomeno storico; analizzare e organizzare le conoscenze acquisite in senso diacronico; utilizzare strumenti specifici quali: schemi, carte geopolitiche, diagrammi, immagini, ecc. ricavandone dati e informazioni coerenti;

19 produrre sintesi scritte anche schematiche su argomenti noti; impiegare gradualmente un lessico appropriato. C Capacità L allievo/a è capace di: esporre in modo logico e coerente gli argomenti affrontati, istituendo collegamenti tra particolare e generale; risalire alle cause dei fenomeni; individuare i singoli fattori coinvolti nei fenomeni; esporre argomenti appositamente preparati servendosi di un piano preordinato (schemi, scalette, altro). C Approccio metodologico Sia in Italiano che in Storia si procederà normalmente per grandi blocchi di argomenti, della durata minima di un mese, in modo che gli argomenti possano essere compattati e vi sia la possibilità di svilupparne e ritenerne in modo più serrato la logica interna. Essi verranno trattati e verificati in blocchi piuttosto ampi, che in quanto propedeutici al programma di letteratura prenderanno tutte le ore disponibili nella prima parte del primo quadrimestre (punti 1,2,3) e quella finale del secondo (punti 4,5,6 propedeutici alla letteratura di quarta). D organizzazione dell'attività didattica L'attività didattica sarà organizzata in linea di massima attraverso lezioni frontali, secondo la seguente scansione Storia Trimestre La vastità dell'arco coperto dal programma ha reso necessario operare una selezione dei temi e ridurre i contenuti a pochi nuclei tematici essenziali. 1) L'ECONOMIA TRA CRISI E RISTRUTTURAZIONE (secc. XIV XV) o Nozioni generali su politica ed economia nel Medioevo (secc X - XIII) o La fragilità dello sviluppo economico medievale o La grande pestilenza e la ristrutturazione economica o Particolarità e sviluppi dell'economia italiana 2) L'ITALIA DALLA FINE DEL TRECENTO ALLA FINE DEL QUATTROCENTO - L'espansione delle signorie e gli stati regionali - Dai tentativi egemonici all'equilibrio - La difficile salvaguardia della stabilità 3) LE TRASFORMAZIONI POLITICHE IN EUROPA - Francia, Inghilterra e guerra dei cent'anni - La fine della guerra e il rafforzamento delle monarchie Pentamestre

20 4) LE TRASFORMAZIONI ECONOMICHE EUROPEE TRA CINQUE E SEICENTO - Dal Mediterraneo agli oceani - L'espansione economica cinquecentesca - Le nuove gerarchie economiche e la decadenza italiana 5) STATI MODERNI E LOTTA PER L'EGEMONIA EUROPEA - Le innovazioni politico-amministrative dello stato moderno - Francia e Spagna - Le guerre d'italia 6) RIFORMA E GUERRE DI RELIGIONE - Le radici della Riforma - La Riforma in Germania - Egemonia politica e guerre di religione nei secoli XVI e XVII Cittadinanza e Costituzione Il coordinamento degli insegnanti di lettere ha stabilito che l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione debba prendere le mosse da percorsi individuati dai singoli insegnanti e relativi al programma di Storia svolto ogni anno (per tale ragione non sono stati gli obiettivi relativi a Cittadinanza e Costituzione sono assimilati a quelli di Storia e non compaiono specificamente). Percorso 1 - La struttura dello stato dal medioevo all'età moderna Percorso 2 Dalle eresie alla tolleranza I percorsi verranno svolti nel corso di entrambi i quadrimestri E Risorse e strumenti Lettura del manuale ed eventuali analisi di testi, visione di filmati, discussione. F Verifiche e valutazione a) Modalità di verifica Le verifiche saranno sia di tipo formativo che sommativo: quanto alla verifica formativa in itinere, si segnala che è attivo un servizio di correzione "on line" gestito direttamente dall'insegnante; le verifiche sommative saranno, per ogni quadrimestre, almeno due da riferire al voto scritto e due a quello orale. Delle due verifiche orali per quadrimestre, una, anche in osservanza alle disposizioni ministeriali sugli esami di stato, potrà essere sostituita e/o costituita da una verifica scritta, nella forma di: risposte a questionari; schemi di sintesi e riassunti; saggio breve di argomento storico; relazioni orali e/o scritte; presentazioni con il supporto di lucidi o di power point. b) Criteri di valutazione

21 Si rimanda alle griglie allegate alla programmazione di istituto G Recupero Le indicazioni per il recupero saranno precisate in corso d'anno, tenuto conto della natura dell'area di apprendimento e delle lacune emerse. Dato l'elevato numero di ore che i ragazzi già trascorrono a scuola, si cercherà di ricorrere nei limiti del possibile a forme di recupero curricolare nell'ambito dell'orario di lezione. L'INSEGNANTE ISTITUTO TECNICO STATALE PER IL TURISMO FRANCESCO ALGAROTTI A.S Programma preventivo di Storia - Cittadinanza e Costituzione classe IV B Insegnante E. De Marchi A Situazione iniziale della classe *************************************************************************** B Obiettivi Obiettivi generali del triennio ed obiettivi educativo-cognitivi trasversali L allievo dovrà essere in grado di: conoscere le vicende fondamentali di ciascun periodo storico individuando i rapporti tra i singoli fattori; acquisire la consapevolezza che lo studio del passato è fondamento per la comprensione del presente; individuare le concatenazioni tra fattori concomitanti nel fatto storico; consolidare la capacità di problematizzare e di effettuare collegamenti in scala diacronica e sincronica; acquisire dimestichezza con la varietà delle fonti, con il metodo di indagine e con la diversità delle possibili interpretazioni storiografiche; acquisire i concetti ed il linguaggio specifici della disciplina. Per gli obiettivi trasversali si rimanda a quanto già verbalizzato nei consigli di classe. Obiettivi specifici classe quarta A Conoscenze L allievo/a conosce:

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

Q.tà ISBN Cod. Titolo Autore Prezzo. EM2013-G Esp. Manomix "Il sapere dal cielo" - 70 pz. (35 titoli) Novità 483,00

Q.tà ISBN Cod. Titolo Autore Prezzo. EM2013-G Esp. Manomix Il sapere dal cielo - 70 pz. (35 titoli) Novità 483,00 Cedola di prenotazione - Febbraio 2013 C.da Tamarete - Zona Artigianale 66026 ORTONA (CH) P. Iva 02224300695 info@vestigium.it www.vestigium.it tel. 085 9062581 fax 085 9059483 Q.tà ISBN Cod. Titolo Autore

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Schema di regolamento recante Indicazioni nazionali riguardanti gli obiettivi specifici di apprendimento concernenti le attività e gli insegnamenti compresi nei piani degli studi previsti per i percorsi

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

La didattica personalizzata: utopia o realtà?

La didattica personalizzata: utopia o realtà? La didattica personalizzata: utopia o realtà? L integrazione di qualità è anche la qualità positiva per tutti gli attori coinvolti nei processi di integrazione, non solo per l alunno in difficoltà. Se

Dettagli

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo

Tirocinio indiretto. per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Tirocinio indiretto per la classe di abilitazione 91A e 92A Piano organizzativo Studentesse/Studenti senza riduzione oraria: 75 ore indiretto, di queste 15 ore dedicate all inclusione Studentesse/Studenti

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione

10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione 10 parole chiave sul Rapporto di Autovalutazione LA MAPPA Il RAV non è solo prove Invalsi, ci sono molte altre cose da guardare in una scuola: i processi organizzativi, la didattica, le relazioni, ecc.

Dettagli

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale

Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale ISTITUTO COMPRENSIVO ARCOLA-AMEGLIA Curricolo verticale di consapevolezza ed espressione culturale DISCIPLINE DI RIFERIMENTO: Storia, Geografia, Arte e immagine, Musica, Educazione fisica, Religione Anno

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA

Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Fulco Lanchester Gli STRUMENTI della DEMOCRAZIA Lezioni di Diritto costituzionale comparato.-,->'j.*v-;.j.,,* Giuffre Editore INDICE SOMMARIO Premessa Capitolo I LA COMPARAZIONE GIUSPUBBLICISTICA 1. L'ambito

Dettagli

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti

La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la Buona Scuola di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti La Legge di Iniziativa Popolare per una Buona Scuola per la Repubblica (LIP) e la "Buona Scuola" di Matteo Renzi Confronto sintetico per punti Genesi Principi Finalità Metodologia e didattica Apertura

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica

4. Processo di elaborazione: Descrivi brevemente il processo di elaborazione/creazione del vostro progetto/pratica Descrizione della pratica 1. Identificazione Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica ISIS A. GRAMSCI-J.M. KEYNES Nome della pratica/progetto Consumare meno per consumare tutti Persona referente

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s.

La/Il sottoscritta/o.. (cognome e nome) madre padre.. dell alunna/o.. (cognome e nome) CHIEDE L iscrizione dell... stess alunn per l a.s. n..reg.iscriz. n..matr. MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO Liceo Classico e Linguistico Statale ARISTOFANE 00139 ROMA - VIA MONTE RESEGONE, 3 068181809 - FAX

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1

Modena, 10 Febbraio 2015. quale meccanica per nutrire il pianeta_ concept_imprese_studenti_2015 02 10 rev.doc 1 Nutrire il pianeta: qual è il contributo delle tecnologie, e in particolare di quelle meccaniche, elettroniche, digitali realizzate in Emilia-Romagna? Idee per un progetto di ricerca economica sui sistemi

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE CLASSE 5^ SIA. Indirizzo: Sistemi Informatici Aziendali A.S. 2014-2015. Sede Istituto Tecnico Economico 1 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI LUZZATTI www.istluzzatti.gov.it Mail: VIIS00300P@istruzione.it - Pec: VIIS00300P@pec.istruzione.it Tel. 0445 401197 - Fax 0445 408488 Istituto Tecnico Economico

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO

ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva ELEMENTI DI NOVITÀ E DI CAMBIAMENTO Prof. PAOLO SECLÌ Docente di Attività motoria per l età evolutiva

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli