Servizi Applicativi su Internet SIP. Session Initiation Protocol Ing. Pierluigi Gallo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Servizi Applicativi su Internet SIP. Session Initiation Protocol Ing. Pierluigi Gallo"

Transcript

1 Servizi Applicativi su Internet SIP Session Initiation Protocol

2 Introduzione 1/2 2 Protocollo di segnalazione basato su IP Standard IETF (poi accettato anche da 3GPP) Utilizza alcuni paradigmi e strumenti di Internet (URL, DNS, proxy, ) Protocollo di controllo e segnalazione per la gestione delle sessioni tra utenti Registrations, invitations, acceptations, and disconnections Non dipende dai protocolli di livello inferiore (TCP, UDP, X.25, ATM, )

3 Introduzione 2/ Henning Schulzrinne, Mark Handley Prima RFC nel 1999 (RFC n. 2543) RFC 3261 del 2000 Alternativa ad H.323 Flessibile e semplice Offre funzionalità avanzate Consente di gestire sessioni I cui dati possono essere di diverso tipo: Audio (Fonia) Video Instant messaging Notifica presenza

4 4 SIP - Session Initiation Protocol Controlla la segnalazione su reti IP Determina la locazione del terminale chiamato Determina la sua eventuale disponibilità Supporta trasferimento e terminazione chiamata E basato su un modello clientserver E un protocollo text-based (come HTTP) basato su richieste/ risposte Inizia, modifica e termina la sessione Assume che il livello di trasporto sia inattendibile Non definisce attributi di sessione rimanendo indipendente Supporta servizi unicast e multicast Supporta la mobilità Usato per il VoIP

5 SIP ed il livello applicazione 5 Livello applicazione DHCP, HTTP, HTTPS, SMTP, POP3, IMAP, FTP, SFTP, DNS, SSH, IRC, SNMP, SIP, RTSP, Rsync, Telnet, HSRP, RTP, BGP, RIP, IGRP,... Livello di trasporto TCP, UDP, SCTP, DCCP... Livello di rete IPv4, IPv6, ICMP, ICMPv6, IGMP, IPsec, OSPF... Data link Ethernet, WiFi, PPP, Token ring, ARP, ATM, FDDI, LLC, SLIP, WiMAX, HSDPA, MPLS...

6 Caratteristiche E un protocollo di livello applicazione 6 Supporta i seguenti protocolli: SDP (Session Description Protocol) per negoziare le caratteristiche della sessione multimediale RTP (Real-time Transport Protocol) per il trasporto dei dati multimediali RTSP (Realt-Time Streaming Protocol) RTCP (Real Time Control Protocol) per monitorare la qualità del servizio e per comunicare informazioni sui partecipanti di una sessione in corso MGCP (Media Gateway Control Protocol) per controllare un eventuale accesso alla PSTN SAP (Session Announcement Protocol)

7 Caratteristiche Porta di default 5060 (TCP UDP) non criptato 7 porta 5061 (TLS) criptato sessioni unicast e multicast ciascuna sessione puo riguardare uno o piu flussi multimediali I flussi multimediali sono trasportati da altri protocolli RTP/RTSP (SIP si occupa solo della segnalazione) I parametri vengono negoziati mediante altri protocolli porte, protocolli, codec,

8 Applicazioni 8 chiamate voce videoconferenze instant messaging presence notification trasferimento files giochi online mobilita

9 Altri protocolli di segnalazione 9 segnalazione PSTN

10 Architettura 10 Segnalazione e dati viaggiano in flussi differenti UAC: user agent client che fa le richieste UAS: user agent che risponde alle richieste UAC INVITE UAS UAC INVITE UAS CHIAMANTE SIP PROXY UAC CHIAMATO UAS BYE UAC

11 SIP: Funzionalità di base User location: dispositivo terminale usato per la comunicazione User capabilities: mezzo e parametri di trasmissione User availability: capacità, disponibilità e volontà del chiamato di stabilire la comunicazione Call setup: "ringing", instaurazione di una chiamata tra chiamante e chiamato (in modo simile alla PSTN) Call handling: gestione della chiamata dall instaurazione all abbattimento

12 Lo stack protocollare SIP 12 Audio/Video Coding RTP/RTCP SIP UDP o TCP (tipicamente su porta 5060) IP Network Access Layer (ATM, Ethernet, PPP, )

13 Elementi del sistema SIP 13 UA - User Agent UAC - User Agent Client (per l invio delle richieste) UAS - User Agent Server (per ricevere i messaggi ed inviare le risposte) Registrar Server (contiene le informazioni di accesso agli UA per la risoluzione degli indirizzi SIP) Location Server (contiene le corrispondenze tra gli UA e gli indirizzi Ip e consente una loro variazione dinamica per gestire la mobilità) Network Server Proxy Redirect

14 Indirizzi SIP 14 Sono identificati attraverso un URL (Universal Resource Locator) SIP Il formato è identico a quello degli indirizzi Nome utente Oppure Numero di telefono Nome Dominio Oppure Indirizzo IP Esempi:

15 Messaggi: 15 Messaggi di testo simili all HTTP Start line Request (client-server) Response (server-client) Uno o più campi di header Chiamante e chiamato oggetto Una linea vuota che simboleggia le fine degli header Message body (opzionale) Tipo di sessione Tipo di protocollo

16 Message Transaction - Dialog 16 Un messaggio è una richiesta o una risposta L insieme di una richiesta e della/e successiva/e risposta/e viene detta Transaction Una transazione è individuata da una transaction-id che tiene conto della sorgente, del destinatario e del numero di sequenza Una relazione tra entità paritetiche che si scambiano richieste e risposte viene detta Dialog

17 17 Metodi Sono composte da: Metodi Request URI (Universal Resource Identifier) Versione del protocollo SIP in uso I metodi possibili sono: Invite Ack Options Bye Cancel Register Info

18 Metodi 18 Un messaggio SIP contiene un metodo Dopo I metodi vengono gli headers Riga vuota Headers del protocollo SDP

19 19 Richieste

20 Register 20 Consente ad un client di registrare su un register server un utente identificato dall indirizzo contenuto nel campo to Registrazione su più server diverse registrazioni su un unico server

21 Invite 21 Inizia una sessione invitando il chiamato a parteciparvi Indicazione del chiamante e del chiamato Specifica il tipo di dati Contiene, tipicamente, una descrizione di sessione scritta in SDP, con le informazioni sufficienti all instaurazione della connessione Viene confermato con un ACK sulla risposta finale

22 Cancel 22 Permette ad un client di cancellare una richiesta inviata precedentemente Termina una richiesta pendente Si usa cancel quando la sessione non ha ancora avuto inizio, altrimenti BYE

23 BYE 23 Abbatte una sessione (Dialog) Può essere inviato sia dal chiamante che dal chiamato

24 Info 24 Permette lo scambio di informazioni personali lungo un percorso di segnalazione Consente lo scambio di informazioni di sessioni in corso DTMF

25 25 Risposte

26 26 Risposte Sei classi di risposte: Informational 1XX Success Redirection Request Failure 2XX Server Failure 5XX Global Failure 3XX 4XX 6XX Tutte le risposte eccetto le 1xx sono considerate final e quindi vanno seguite da ACK

27 Informational 1XX 27 Viene inviato quando il server sta contattando il chiamato e il tempo risulta superiore a 200ms Esempio: ringing - l utente localizzato è in attesa di risp. Trying Success 2XX Indica che la richiesta è stata accettata con successo Esempio: messaggio di OK Redirection 3XX Vengono passate informazioni riguardo alla nuova posizione dell utente cercato

28 Request Failure 4XX 28 Richiesta fallita a causa del client Esempio: not found - utente non reperibile Server Failure 5XX Richiesta fallita a causa del server Esempio: not implemented - il server non supporta le modalità necessarie per soddisfare la richiesta Global Failure 6XX Il server non risponde ad informazioni definitive

29 29 SIP Diagram A. Proxy. Proxy. B Register 200 Ok (Registrar local services) Register 200 Ok Invite 100 Trying Invite 100 Trying Invite 180 Ringing 180 Ringing 180 Ringing 200 Ok 200 Ok 200 Ok Ack Media Session Bye 200 Ok

30 Registrar server 30 Server dedicato alla registrazione di un utente alla rete Puo essere integrato all interno del Proxy le richieste di registrazione vengono memorizzate all interno dei location server, i quali forniscono la corrispondenza tra indirizzo e location Una registrazione puo essere effettuata in multicast (sip.mcast.net )

31 Registration and invite 31 Tratto dalla RFC 3261

32 Processo di registrazione 32 REGISTER sip:registrar.work.com SIP/2.0 SIP/ OK REGISTER sip:registrar.work.com SIP/2.0 Via: SIP/2.0/UDP station1.work.com; branch=z9hg4bk123 Max-Forwards: 70 From: SIP: To: Call-ID: Cseq: 1 REGISTER Contact: sip: Expires: 7200 Content-Length: 0 SIP/ OK Via: SIP/2/0/UDP station1.work.com; branch=z9hg4bk123 From: Call-ID: CSEQ: 1 REGISTER Contact: Expires: 3600 Content-Length: 0

33 Proxy server Gestisce le richieste o le inoltra ad altri server Può essere usato per inoltrare una chiamata

34 Redirect servers Map the destination address to zero or more new addresses Do not initiate any SIP requests

35 SIP Call Establishment

36 Chiamata ad un numero Prova a chiamare lo stesso utente su più destinazioni Il primo che risponde va a buon fine, gli altri vengono chiusi

37 Header: 37 Consente di specificare: Chiamante Chiamato Percorso Tipo di messaggio Il protocollo prevede 37 tipi di intestazioni, divisi in 4 gruppi: Intestazioni generale (richieste e risposte) Intestazioni di entità (relative a tipo e lunghezza del messaggio) Intestazioni di richiesta (consentono informazioni di richiesta aggiuntive) Intestazioni di risposta (consentono informazioni di risposta aggiuntive)

38 Gestione della mobilità 38 Il messaggio Register consente la registrazione di uno UA nel Registrar Server della rete corrente Il Registrar Server può essere individuato: Mandando un messaggio multicast ad un indirizzo noto Contattando l Home Domain Registrar (individuabile attraverso il server DNS) Usando SLP (Server Location Protocol) SLP è stato progettato per facilitare l operazione di discovery di risorse della rete quali Web Servers, stampanti, fax

39 Uno scenario di funzionamento 39 UA Proxy/Registrar Server Register 200 OK UA Registration Invite 100 Trying 180 Ringing 200 OK Ack Bye 100 Trying 200 OK Invite 180 Ringing 200 OK Ack Bye 200 OK Call Setup Teardown

40 Dettaglio di un pacchetto Invite 40 INVITE SIP/2.0 Via: SIP/2.0/UDP vo1.hq.university.com To: Bob From: Alice tag=18271 Call-ID: CSeq: INVITE Contact: Alice invita Bob. Il pacchetto Invite viene inoltrato dallo UA di Alice al proxy server vo1.hq.university.com. La chiamata viene indentificata univocamente grazie al campo Call-ID.

41 Transactions 41

42 Transazione 42 request request request Client transaction response Server transaction Client transaction response Server transaction Client transaction response Server transaction UAC Outbound Proxy Inbound proxy UAS

43 Client Transaction 43 Una client transaction é implementata con una State Machine TU = transaction user (ogni entita SIP eccetto i proxy stateless) Quando TU vuole iniziare una nuova transaction, crea una client transaction la quale inizia l esecuzione di una macchina a stati (ce ne sono diverse in base al tipo di transaction) Due tipi di client transaction INVITE transaction (relativa ad una richiesta INVITE) hanno una durata maggiore rispetto a quelle di altro tipo in quanto richiedono l intervento umano per accettare la chiamata Non-INVITE transaction (per gli altri tipi di richieste) Terminano immediatamente

44 44 INVITE transaction A. Proxy. Proxy. B Register 200 Ok (Registrar local services) Register 200 Ok 3-way handshake Invite 100 Trying Invite 100 Trying Invite 180 Ringing 180 Ringing 180 Ringing 200 Ok 200 Ok 200 Ok Ack Media Session Bye 200 Ok

45 INVITE transaction 45 Se il protocollo di trasporto é inaffidabile (UDP), la client transaction ritrasmette le richieste con un intervallo che inizialmente é T1 e poi va raddoppiando ad ogni ritrasmissione Se il protocollo di trasporto é affidabile -> no ritrasmissione T = 2 n T i con n = numero di ritrasmissioni T i é l RTT stimato (default 500 ms) T i influenza tutti gli altri timers Dopo la ricezione di un messaggio 1XX cessano le ritrasmissioni

46 FSM INVITE transaction 46 RFC 3261

47 47 SIP Model (1) Simplified message formats: REGISTER <Domain> <To> <From> <Contact(device) > OK <To> <From> INVITE <To> <From><Via><Content> BYE <To> <From> ACK <To> <From>

48 SIP: aspetti di sicurezza 48 Model SIP URI registration and look for registration hijack attacks. Model interdomain session setup and look for message tampering and proxy impersonation attacks. Add proxy-to-proxy authentication and secrecy (TLS) to model.

49 Authentication 49 Server Authentication: using TLS: server offers a certificate to the UA, preventing proxy impersonating User Authentication: using HTTP digest: server challenges a user with a 401 Proxy Authentication, preventing registration hijacking

50 Secretezza del messaggio 50 Mechanisms that rely on existence of end-user certificates are seriously limited (S/MIME). May use self-signed certificates Susceptible to obvious MITM attack, but Attacker can only exploit on initial key exchange. Difficult for attacker to remain in path of all future dialogs. Same vulnerability in SSH => key fingerprints. For VoIP, users could read off key fingerprint. Or, use preconfigured certificates when there is an established trust between all SIP entities.

51 Attacchi DoS 51 Floods of messages directed at proxies can lock up resources on the server. UAs and proxies should challenge questionable requests. Mutual authentication of proxies (TLS) Reduces potential for intermediaries to introduce falsified requests or responses. Harder for attackers to make innocent SIP nodes into agents of amplification.

52 SIP Vulnerabilities 52 Proxy Impersonation Message Tampering Session Teardown Spoofed BYEs Denial of Service Malformed packets REGISTER and INVITE flooding Registration Hijacking

53 53 SIP Security Registration hijacking Authenticate originators of requests Proxy impersonation Authenticate servers Message tampering Secure body and certain headers end-toend Session teardown Authenticate sender of BYE Confidentiality so attacker can t learn To, From tags Denial of Service Authenticate and authorize registrations

54 Esercitazione UA, Proxy, Java API e programmazione 54

55 Esercitazione SIP 55 Visualizzazione dei messaggi tramite Wireshark Utilizzo di un SIP client (softphone e.g. Xlite) Le JAIN API ed implementazione di un semplice UA

56 Software SIP open source 56 Server: Sip X SER Sip Express Router Asterisk User Agents: X-Lite SoftPhone Windows Messenger

57 Jain: API Java per SIP 57 Fornisce un interfaccia standard in Java allo stack di segnalazione SIP interfaccia allo stack interfaccia ai messaggi gestione degli eventi e della loro semantica garantisce la portabilità delle applicazioni API in Java per SIP

58 Caratteristiche del Server: 58 Configurabilità dello stack SIP Implementazione del Location/Registrar Accessibilità controllata dall amministratore Gestione dinamica dei bind secondo le specifiche di protocollo Implementazione del Proxy Statefull Stetelless

59 Implementazione del Registrar 59 Dall RFC 3261: When receiving a REGISTER request, a registrar follows these steps: The registrar inspects the Request-URI to determine whether it has access to bindings for the domain identified in the Request-URI. The registrar extracts the address-of-record from the To header field of the request. If the address-of-record is not valid for the domain in the Request-URI, the registrar MUST send a 404 (Not Found) response and skip the remaining steps.

60 Implementazione del Registrar (2) 60 Dall RFC 3261: The registrar now processes each contact address in the Contact header field in turn. For each address, it determines the expiration interval The registrar returns a 200 (OK) response. The response MUST contain Contact header field values enumerating all current bindings.

61 Implementazione del Proxy (1) 61 Dall RFC 3261: For all new requests, including any with unknown methods, an element intending to proxy the request MUST: 1. Validate the request 2. Preprocess routing information 3. Determine target(s) for the request 4. Forward the request to each target 5. Process all responses

62 Implementazione del Proxy (2) 62 Dettaglio del Forward the request to each target (dall RFC 3261): 1. Make a copy of the received request 2. Update the Request-URI 3. Update the Max-Forwards header field 4. Optionally add a Record-route header field value 5. Optionally add additional header fields 6. Postprocess routing information

63 Implementazione del Proxy (3) 63 Dall RFC 3261: 7. Determine the next-hop address, port, and transport 8. Add a Via header field value 9. Add a Content-Length header field if necessary 10. Forward the new request 11. Set timer C

64 Link utili 64 SIP Center: SIP Forum: Lista di Server Pubblici SIP: GNU o SIP library:

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP

Tutto il VoIP in 45 minuti!! Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP Tutto il in 45 minuti!! Giuseppe Tetti Ambiente Demo 1 Ambiente Demo Ambiente Demo 2 Ambiente Demo ATA Ambiente Demo Internet ATA 3 Ambiente Demo Internet ATA Rete Telefonica pubblica Ambiente Demo Internet

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Il VoIP parla Wireless. Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP. Internet. Soft Phone

Il VoIP parla Wireless. Giuseppe Tetti. Ambiente Demo. VoIP IP PBX SIP. Internet. Soft Phone Il VoIP parla Wireless Giuseppe Tetti Ambiente Demo VoIP IP PBX SIP Internet Soft Phone 1 Obiettivi Realizzare un sistema di comunicazione vocale basato interamente su tecnologie VoIP utilizzando: Trasporto

Dettagli

Real Time Streaming Protocol

Real Time Streaming Protocol Real Time Streaming Protocol Da Wikipedia, l'enciclopedia libera. Il protocollo RTSP è stato sviluppato da RealNetworks, Netscape Communications, e Columbia University. L'RTSP ottimizza il flusso di dati.

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

Indice. Prefazione XIII

Indice. Prefazione XIII Indice Prefazione XIII 1 Introduzione 1 1.1 Breve storia della rete Internet 1 1.2 Protocolli e standard 6 1.3 Le organizzazioni che definiscono gli standard 7 1.4 Gli standard Internet 10 1.5 Amministrazione

Dettagli

SIP (Session Initiation Protocol) Lelio Spadoni

SIP (Session Initiation Protocol) Lelio Spadoni SIP (Session Initiation Protocol) Lelio Spadoni Argomenti trattati Repro SIP Proxy Introduzione al protocollo SIP Analisi di alcuni messaggi (SIP) come: register, invite, ecc Cenni sui protocolli SDP,

Dettagli

www.lug-govonis.net LINUX e le reti

www.lug-govonis.net LINUX e le reti LINUX e le reti Ci troviamo di fronte ad una rete quando 2 o più computer sono in grado di comunicare tra di loro; esistono molti tipi di connessioni di rete divisi per protocollo di trasporto e per tipo

Dettagli

Sicurezza dei servizi Voice over IP con SIP e RTP

Sicurezza dei servizi Voice over IP con SIP e RTP Sicurezza dei servizi Voice con Program Manager: Francesco Limone f.limone@elis.org Project Manager: Emilio Tonelli Team Members CONSEL: Sebastiano Di Gregorio Matteo Mogno Alessandro Tatti Contents Introduzione

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Il Livello delle Applicazioni

Il Livello delle Applicazioni Il Livello delle Applicazioni Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione corrisponde agli ultimi tre livelli dello stack OSI. Il livello Applicazione supporta le applicazioni

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP. Stefano Sotgiu

I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP. Stefano Sotgiu VIP(i VoIP (in)security I rischi e le misure per rendere sicure le reti VoIP Stefano Sotgiu Agenda Il VoIP e la rete telefonica tradizionale Il VoIP più in dettaglio (SIP) Le minacce nel VoIP Cosa e come

Dettagli

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale

VoIP. Introduzione. Telefonia VoIP Prima fase. Telefonia tradizionale Introduzione VoIP Introduzione Il VoIP (Voice over IP) è la trasmissione della voce in tempo reale su una rete IP Rispetto alla rete telefonica tradizionale (PSTN - Public Switched Telephon Network) Consente

Dettagli

Session Initiation Protocol (SIP)

Session Initiation Protocol (SIP) Session Initiation Protocol (SIP) SIP 1 Outline Signalling generalities Signalling in packet networks SIP generalities SIP functionality and architecture SIP components SDP SIP-T SIP 2 Signalling generalities

Dettagli

Il VoIP. Ing. Mario Terranova

Il VoIP. Ing. Mario Terranova Il VoIP Ing. Mario Terranova Ufficio Servizi sicurezza e Certificazione Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione terranova@cnipa.it SOMMARIO Le tecnologie La convergenza Problematiche

Dettagli

La sicurezza delle reti

La sicurezza delle reti La sicurezza delle reti Inserimento dati falsi Cancellazione di dati Letture non autorizzate A quale livello di rete è meglio realizzare la sicurezza? Applicazione TCP IP Data Link Physical firewall? IPSEC?

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Corso di Applicazioni Telematiche

Corso di Applicazioni Telematiche Tecniche e protocolli per l attraversamento di NAT (Network Address Translator) Corso di Applicazioni Telematiche A.A. 2009-10 Prof. Simon Pietro Romano Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà

Dettagli

Reti di Calcolatori. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 2

Reti di Calcolatori. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 2 Reti di Calcolatori Sommario Software di rete TCP/IP Livello Applicazione Http Livello Trasporto (TCP) Livello Rete (IP, Routing, ICMP) Livello di Collegamento (Data-Link) I Protocolli di comunicazione

Dettagli

SVILUPPARE APPLICAZIONI VoIP SU SYMBIAN: UNA CORSA AD OSTACOLI

SVILUPPARE APPLICAZIONI VoIP SU SYMBIAN: UNA CORSA AD OSTACOLI Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica SVILUPPARE APPLICAZIONI VoIP SU SYMBIAN: UNA CORSA AD OSTACOLI Tesi di Laurea

Dettagli

Abraham Gebrehiwot CNR Istituto di Informatica e Telematica - Pisa. Attività di TERENA sulla SIP identity

Abraham Gebrehiwot CNR Istituto di Informatica e Telematica - Pisa. Attività di TERENA sulla SIP identity Abraham Gebrehiwot CNR Istituto di Informatica e Telematica - Pisa 1 Attività di TERENA sulla SIP identity Problema da risolvere: Si vuole accertare l identità del chiamante integrità e autenticità dei

Dettagli

Marco Sommani Il Session Initiation Protocol

Marco Sommani Il Session Initiation Protocol Il Session Initiation Protocol Marco Sommani CNR-IIT, Pisa marco.sommani@cnr.it GARR-WS9, Roma GARR-WS9, 15 giugno 2009 1/44 SIP SIP (Session Initiation Protocol) è un protocollo utilizzato per iniziare,

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Il Livello delle Applicazioni 2 Il livello Applicazione Nello stack protocollare TCP/IP il livello Applicazione

Dettagli

Universita' di Verona Dipartimento di Informatica

Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Universita' di Verona Dipartimento di Informatica 1 2 Problematiche Conferenza e sessione sono la generalizzazione della telefonata Fare una chiamata (protocollo di segnalazione) trovare l'utente negoziare

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30

Indice. Prefazione. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Livello applicazione 30 Prefazione XI Capitolo 1 Introduzione 1 1.1 Internet: una panoramica 2 1.1.1 Le reti 2 1.1.2 Commutazione (switching) 4 1.1.3 Internet 6 1.1.4 L accesso a Internet 6 1.1.5 Capacità e prestazioni delle

Dettagli

TCP/IP un introduzione

TCP/IP un introduzione TCP/IP un introduzione Introduzione Il successo di Internet (rate di crescita annuo > 200 %) e dovuto all uso di protocolli standard aperti (IETF) TCP/IP (Transmission Control Protocol/Internet Protocol)

Dettagli

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in INGEGNERIA DELLE TELECOMUNICAZIONI Tesi di Laurea Sicurezza dei sistemi SIP: analisi sperimentale di possibili attacchi e contromisure

Dettagli

Servizi di rete e web. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Servizi di rete e web. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Servizi di rete e web Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Applicazione Unità di trasmissione dati a livello applicazione Applicazione Presentazione Unità di trasmissione dati a livello presentazione Presentazione

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso

Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso Reti di Telecomunicazioni LB Introduzione al corso A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il corso Seguito di Reti di Telecomunicazioni LA Approfondimento sui protocolli di Internet TCP/IP, protocolli di routing,

Dettagli

Potenzialità e servizi della Core Network IMS nella nuova rete integrata di TLC. Rinaldo Negroni

Potenzialità e servizi della Core Network IMS nella nuova rete integrata di TLC. Rinaldo Negroni Potenzialità e servizi della Core Network IMS nella nuova rete integrata di TLC Rinaldo Negroni Servizi TLC PES Multimedia Connectivity VCC Presence Conference Multimedia Conferencing Internet IPTV Streaming

Dettagli

Modelli di comunicazione

Modelli di comunicazione omunicazione End-to-end o Relayed UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PRM Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http://www.tlc.unipr.it/veltri

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

TCP/IP. Principali caratteristiche

TCP/IP. Principali caratteristiche TCP/IP Principali caratteristiche 1 TCP/IP Caratteristiche del modello TCP/IP Struttura generale della rete Internet IL MONDO INTERNET Reti nazionali e internazionali ROUTER Rete Azienade ROUTER ROUTER

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

Esercitazioni di Tecnologie e Servizi di Rete: Voice over IP (VoIP)

Esercitazioni di Tecnologie e Servizi di Rete: Voice over IP (VoIP) 1 Esercitazioni di Tecnologie e Servizi di Rete: Voice over IP (VoIP) Esercizio 1 Data la cattura riportata in figura relativa alla fase di registrazione di un utente SIP, indicare: 1. L indirizzo IP del

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET

CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET CONNESSIONE DI UN PC ALLA RETE INTERNET Walter Cerroni wcerroni@deis.unibo.it http://deisnet.deis.unibo.it/didattica/master Internetworking Internet è una rete di calcolatori nata con l obiettivo di realizzare

Dettagli

Introduzione (parte I)

Introduzione (parte I) Introduzione (parte I) Argomenti della lezione Argomenti trattati in questo corso Libri di testo e materiale didattico Ripasso degli argomenti del primo corso: reti locali Contenuti del corso La progettazione

Dettagli

I protocolli UDP e TCP

I protocolli UDP e TCP I protocolli UDP e TCP A.A. 2005/2006 Walter Cerroni Il livello di trasporto in Internet APP. APP. TCP UDP IP collegamento logico tra diversi processi applicativi collegamento logico tra diversi host IP

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. Comunicazione End-to. o Relayed. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazioni, a.a. 00/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

La rete è una componente fondamentale della

La rete è una componente fondamentale della automazioneoggi Attenti alle reti La telematica si basa prevalentemente sulle reti come mezzo di comunicazione per cui è indispensabile adottare strategie di sicurezza per difendere i sistemi di supervisione

Dettagli

Streaming unicast. Live media source. Media store. server. internet. Client player. control. 5. Multimedia streaming Pag. 1

Streaming unicast. Live media source. Media store. server. internet. Client player. control. 5. Multimedia streaming Pag. 1 5. Multimedia streaming Pag. 1 Streaming unicast Live media source Unicast streaming is provided in a classic client- fashion At least two flows are established between client and. A distribution flow

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati

SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati SBSAfg.exe nella cartella Tools del DVD Opzioni avanzate: Migration Mode Unattend Mode Attended Mode con dati pre-caricati Collegare il router e tutti i devices interni a Internet ISP connection device

Dettagli

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast.

Modelli di comunicazione. Modelli di comunicazione. o Relayed. Comunicazione End-to. Comunicazione Unicast,, Multicast, Broadcast. omunicazione End-to to-end o Relayed Luca Veltri (mail.to: luca.veltri@.veltri@unipr.it) orso di Reti di Telecomunicazione, a.a. 0/0 http:// ://www.tlc.unipr unipr.it/veltri omunicazione end-to-end quando

Dettagli

La rete di reti: Internet

La rete di reti: Internet La rete di reti: Internet Internet: la rete di reti Internet q Internet (1) definita anche rete di reti composta da diverse reti interconnesse, cioè in grado di collaborare efficacemente in termini di

Dettagli

Ed. 00. Guida SIP Trunking 11. 2006

Ed. 00. Guida SIP Trunking 11. 2006 Ed. 00 Guida SIP Trunking 11. 2006 COPYRIGHT Il presente manuale è esclusivo della SAMSUNG Electronics Italia S.p.A. ed è protetto da copyright. Nessuna informazione in esso contenuta può essere copiata,

Dettagli

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE

Lucidi delle lezioni del corso di SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE Telefonia su IP Voice over IP Traffico vocale storicamente associato alla commutazione di circuito Dal 1995 possibilità di veicolare segnali vocali su reti per computer caratterizzate dall uso della commutazione

Dettagli

imparare & approfondiredi GRAZIA ANCONA

imparare & approfondiredi GRAZIA ANCONA imparare & imparare & approfondiredi GRAZIA ANCONA (parte quarta) INTRODUZIONE AL VOIP In questa quarta e ultima puntata affronteremo insieme il protocollo SIP. Esso rappresenta la tendenza più attuale

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

Elementi sull uso dei firewall

Elementi sull uso dei firewall Laboratorio di Reti di Calcolatori Elementi sull uso dei firewall Carlo Mastroianni Firewall Un firewall è una combinazione di hardware e software che protegge una sottorete dal resto di Internet Il firewall

Dettagli

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.

ICMP. Internet Control Message Protocol. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario. ICMP Internet Control Message Protocol Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ICMP - 1 Copyright: si

Dettagli

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP

Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP Protocollo TCP/IP & Indirizzamento IP L architettura TCP/IP: Nasce per richiesta del Dipartimento della Difesa degli USA che intendeva poter creare una rete in grado di funzionare in qualsiasi tipo di

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Livello cinque (Livello application)

Livello cinque (Livello application) Cap. VII Livello Application pag. 1 Livello cinque (Livello application) 7. Generalità: In questo livello viene effettivamente svolto il lavoro utile per l'utente, contiene al suo interno diverse tipologie

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO ANALISI E SVILUPPO DI UN ANALYZER PER PROTOCOLLO SIP

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO ANALISI E SVILUPPO DI UN ANALYZER PER PROTOCOLLO SIP UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA INFORMATICA Misure Su Reti di Calcolatori ANALISI E SVILUPPO DI UN ANALYZER PER PROTOCOLLO SIP PROF:

Dettagli

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport.

ICMP OSI. Internet Protocol Suite. Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS. Application XDR. Presentation. Session RPC. Transport. ICMP Application Presentation Session Transport Telnet FTP SMTP SNMP TCP e UDP NFS XDR RPC Network Data Link Physical OSI ICMP ARP e RARP IP Non Specificati Protocolli di routing Internet Protocol Suite

Dettagli

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP

IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE IN INTERNET Protocollo IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 4-1 Il Protocollo IP IPv4 Datagram IP: formato Indirizzi IP: formato Protocolli di controllo IP mobile

Dettagli

Architetture Applicative Il Web

Architetture Applicative Il Web Architetture Applicative Il Web Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 18 Marzo 2014 Architetture Architetture Web L Architettura Client-Server HTTP Protocolli di Comunicazione Fondamenti

Dettagli

SIP - Session Initiation Protocol

SIP - Session Initiation Protocol SIP - Session Initiation Protocol courtesy of Marco Sommani CNR-IIT, Pisa marco.sommani@cnr.it 1/44 SIP SIP (Session Initiation Protocol) è un protocollo utilizzato per iniziare, modificare o terminare

Dettagli

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità

Standard: OSi vs TCP/IP. Il livello di trasporto. TCP e UDP. TCP: Transmission Control Protocol. TCP: funzionalità Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi: le raisons d etre della rete Transport TCP

Dettagli

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP

Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Il livello trasporto Protocolli TCP e UDP Standard: OSi vs TCP/IP Application Presentation Session NFS XDR RPC Telnet, FTP SMTP, HTTP SNMP, DNS RTP,... Protocolli per la comunicazione tra applicativi:

Dettagli

Il telefono ST2022 è un apparecchio di qualità elevata che permette la comunicazione vocale attraverso una rete IP.

Il telefono ST2022 è un apparecchio di qualità elevata che permette la comunicazione vocale attraverso una rete IP. Thomson ST2022 Il telefono ST2022 è un apparecchio di qualità elevata che permette la comunicazione vocale attraverso una rete IP. Grazie al terminale Thomson ST2022, le soluzioni di telefonia IP diventano

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) ICMP ARP RARP DHCP - NAT ICMP (Internet

Dettagli

Criticità dei servizi di telecomunicazione nella convergenza voce/dati. Colloquia sulla infrastrutture critiche AIIC Univ. Roma Tre, 27 Febbraio 2008

Criticità dei servizi di telecomunicazione nella convergenza voce/dati. Colloquia sulla infrastrutture critiche AIIC Univ. Roma Tre, 27 Febbraio 2008 Criticità dei servizi di telecomunicazione nella convergenza voce/dati Colloquia sulla infrastrutture critiche AIIC Univ. Roma Tre, 27 Febbraio 2008 Agenda Analisi introduttiva Univocità del problema sicurezza-voip

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet AA 2004-2005 Reti e Sistemi Telematici 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host può essere client e/o server a livello applicazione Router:

Dettagli

La nascita di Internet

La nascita di Internet La nascita di Nel 1969 la DARPA (Defence Advanced Research Project Agency) studia e realizza la prima rete per la comunicazione tra computer (ARPAnet) fra 3 università americane ed 1 istituto di ricerca.

Dettagli

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino

SIP e SDP. Segnalazione nelle reti VoIP. Fulvio Risso. Politecnico di Torino SIP e SDP Segnalazione nelle reti VoIP Fulvio Risso Politecnico di Torino fulvio.risso[at]polito.it http://netgroup.polito.it/netlibrary/voip-intro/text.htm#73 Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi[at]polito.it

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Dipartimento di Informatica. SIPAttack

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Dipartimento di Informatica. SIPAttack UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SALERNO Dipartimento di Informatica CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INFORMATICA SICUREZZA DEI DATI SIPAttack Docenti: Ch.mo Prof. Alfredo De Santis Ch.mo Prof. Francesco Palmieri

Dettagli

SUPPORTO PER IL VOICE-OVER-IP. Introduzione. Tecnologie e Strumenti. Protocolli di Rete

SUPPORTO PER IL VOICE-OVER-IP. Introduzione. Tecnologie e Strumenti. Protocolli di Rete SUPPORTO PER IL VOICE-OVER-IP Progetto di Reti di Calcolatori L-S di Colleluori Mirko (169783) Il VoIP, Voice over Internet Protocol, è il nome con il quale si intende realizzare la telefonia per mezzo

Dettagli

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO

ARP e RARP. Silvano GAI. sgai[at]cisco.com. Mario BALDI. mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi. Fulvio RISSO ARP e RARP Silvano GAI sgai[at]cisco.com Mario BALDI mario.baldi[at]polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi Fulvio RISSO fulvio.risso[at]polito.it ARP - 1 Copyright: si veda nota a pag. 2 Nota di

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 5 Martedì 18-03-2014 1 Livello di applicazione Architetture

Dettagli

Session Initiation Protocol

Session Initiation Protocol 12. SIP-1 Pag. 1 Session Initiation Protocol SIP is a signaling protocol standardized by the IETF; it is used together with other protocols such as Session Description Protocol (SDP), Real Time Streaming

Dettagli

l'introduzione a Voice over IP

l'introduzione a Voice over IP Voice over IP (VoIP) l'introduzione a Voice over IP Voice Over IP (VoIP), noto anche come telefonia tramite Internet, è una tecnologia che consente di effettuare chiamate telefoniche tramite una rete di

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento

Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti. Architettura di riferimento INDICE Motivazioni Integrazione dei servizi Vantaggi e problemi aperti Architettura di riferimento La codifica vocale Il trasporto RTP e RTCP QoS in reti IP e requirements La segnalazione H.323 SIP Cenni

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II: Reti di calcolatori Lezione 9 Giovedì 2-04-2015 1 Come per una pagina Web, anche

Dettagli

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address

Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31. 0 net id host id. 1 0 net id host id. 1 1 0 net id host id. 1 1 1 0 multicast address CAPITOLO 11. INDIRIZZI E DOMAIN NAME SYSTEM 76 Classe bit: 0 1 2 3 4 8 16 24 31 A B C D E 0 net id host id 1 0 net id host id 1 1 0 net id host id 1 1 1 0 multicast address 1 1 1 1 0 riservato per usi

Dettagli

Multimedialità e Web. VoIP

Multimedialità e Web. VoIP Università degli Studi di Napoli Parthenope Multimedialità e Web VoIP M. Del Prete A. Guadagno 1 Sommario 1. VoIp concetti generali 2. La tecnologia di base Rete telefonica e commutazione di circuito Rete

Dettagli

IP-PBX ASTERISK INFORMAZIONI TECNICHE. IP-PBX_Asterisk_Informazioni_Tecniche.doc

IP-PBX ASTERISK INFORMAZIONI TECNICHE. IP-PBX_Asterisk_Informazioni_Tecniche.doc P ROGETTO V.O.C.I. IP-PBX ASTERISK INFORMAZIONI TECNICHE N O M E F I L E: IP-PBX_Asterisk_Informazioni_Tecniche.doc D A T A: 09/10/2009 A T T I V I T À: S T A T O: U R L: AUTORE/ I : Gruppo VoIP Abstract:

Dettagli

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif

Web e HTTP. path name. host name Realizzato da Roberto Savino. www.someschool.edu/somedept/pic.gif Web e HTTP Terminologia Una pagina web consiste di oggetti Un oggetto può essere un file HTML, una immagine JPG, ecc. Una pagina web consiste di un file HTML base che fa riferimento a diversi oggetti al

Dettagli

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi

Protocolli per il Web. Impianti Informatici. Protocolli applicativi Protocolli per il Web Protocolli applicativi I protocolli applicativi 2 Applicazioni Socket interface HTTP (WEB) SMTP (E-MAIL) FTP... NFS RPC DNS... Trasporto TCP UDP Rete ICMP RIP OSPF IP ARP RARP Non

Dettagli

TOPOLOGIA di una rete

TOPOLOGIA di una rete TOPOLOGIA di una rete Protocolli di rete un protocollo prevede la definizione di un linguaggio per far comunicare 2 o più dispositivi. Il protocollo è quindi costituito dai un insieme di convenzioni

Dettagli

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it

Corso GNU/Linux - Lezione 5. Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Corso GNU/Linux - Lezione 5 Davide Giunchi - davidegiunchi@libero.it Reti - Protocollo TCP/IP I pacchetti di dati vengono trasmessi e ricevuti in base a delle regole definite da un protocollo di comunicazione.

Dettagli

Un architettura di servizi integrati di comunicazione su rete IP per una PMI

Un architettura di servizi integrati di comunicazione su rete IP per una PMI tesi di laurea Un architettura di servizi integrati di comunicazione su rete IP per una Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo Prof. Massimo Ficco correlatore Ch.mo Prof. Stefano Russo candidato Raffaele

Dettagli

OSOR. Applicazioni di Rete

OSOR. Applicazioni di Rete OSOR Applicazioni di Rete 1 Client-Server in Sistemi Distribuiti Host A Host B Client TCP/UDP IP Network Interface Internet Risultati Server TCP/UDP IP Network Interface Richiesta Applicazioni di Rete

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming

Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori L-A Strumenti e Protocolli per il controllo dello Streaming Tesi di laurea di: Emanuele

Dettagli

Il modello TCP/IP. Sommario

Il modello TCP/IP. Sommario Il modello TCP/IP Il protocollo IP Mario Cannataro Sommario Introduzione al modello TCP/IP Richiami al modello ISO/OSI Struttura del modello TCP/IP Il protocollo IP Indirizzi IP Concetto di sottorete Struttura

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

VoIP tra teoria e pratica. Michele O-Zone Pinassi

VoIP tra teoria e pratica. Michele O-Zone Pinassi VoIP tra teoria e pratica Michele O-Zone Pinassi Breve storia della telefonia Il telefono è stato inventato attorno al 1860 da Antonio Meucci. Brevemente, l'apparecchio era dotato di un microfono e di

Dettagli

L architettura di TCP/IP

L architettura di TCP/IP L architettura di TCP/IP Mentre non esiste un accordo unanime su come descrivere il modello a strati di TCP/IP, è generalmente accettato il fatto che sia descritto da un numero di livelli inferiore ai

Dettagli

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing

UDP. Livello di Trasporto. Demultiplexing dei Messaggi. Esempio di Demultiplexing a.a. 2002/03 Livello di Trasporto UDP Descrive la comunicazione tra due dispositivi Fornisce un meccanismo per il trasferimento di dati tra sistemi terminali (end user) Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it

Dettagli