Piattaforme Evolute di Telecomunicazioni e di Information Technology per l Offerta di Servizi al settore Ambiente PETIT-OSA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piattaforme Evolute di Telecomunicazioni e di Information Technology per l Offerta di Servizi al settore Ambiente PETIT-OSA"

Transcript

1 A4 18

2

3 Piattaforme Evolute di Telecomunicazioni e di Information Technology per l Offerta di Servizi al settore Ambiente PETIT-OSA a cura di Concettina Nunziata

4 Copyright MMVII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B 173 Roma (6) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: giugno 27

5 INDICE Introduzione..1 Sistema Information and Communication Technology...9 Telemetry Seismological Monitoring System...43 Centro Monitoraggio Suolo e Costruito in aree soggette a movimenti lenti..67 Centro Specializzato Vegetazione e Incendi Centro Specializzato Monitoraggio Aria..115 Centro Specializzato Monitoraggio Geochimico dei Vulcani..143 Centro Specializzato Monitoraggio Zonazione Sismica Centro Specializzato Monitoraggio Suoli e Acque Centro Specializzato Monitoraggio Frane 253

6

7 INTRODUZIONE A cura di Giuseppe Argento 1 Responsabile del Progetto PETIT-OSA Il progetto PETIT-OSA è un iniziativa, nata nel 21 e continuata fino al 26, per lo sviluppo di studi e ricerche sulle tematiche del controllo ambientale e sulle prospettive e possibilità di utilizzo di piattaforme tecnologicamente evolute a supporto dell ambiente di ricerca. Il progetto è basato sulla ricerca di sinergie tra le attività di ricerca privata, rappresentate da Italtel e la ricerca pubblica rappresentata nel progetto dalle Università degli studi di Napoli Federico II e dall Università degli Studi del Sannio oltre ad enti pubblici di ricerca come l istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Osservatorio Vesuviano), l Ente per le Nuove tecnologie, l'energia e l'ambiente (con il coinvolgimento della sede di Portici) ed il Consorzio Interuniversitario per l Informatica della città di Napoli. Il principale obiettivo del progetto è lo sviluppo e la sperimentazione di un modello di sistema integrato per lo sviluppo di ricerche sul tema dell ambiente e l elaborazione di metodologie per permettere di condividere applicazioni e risultati delle attività tra tutti i gruppi di ricercatori impegnati; a tal fine e per definire un obiettivo comune, come legante per le attività, lo scopo del sistema Petit-Osa è il monitoraggio ambientale ed il controllo, la prevenzione e la gestione delle emergenze collegate all ambiente. L adozione e lo sviluppo di piattaforme ITT (Information and Telecomunication Technology) basate sull integrazione di elementi e metodologie derivate da Information and Communication Technology con servizi di telecomunicazioni ha permesso di mettere a disposizione una piattaforma per la condivisione dei dati associata alla sperimentazione, per la distribuzione automatica delle informazioni e per la gestione delle emergenze. A supporto del lavoro degli specialisti di ricerca sono stati sperimentati ed integrati alcuni servizi come Instant Messaging e conferenza sviluppati sul paradigma IP alla base della condivisione degli ambienti per la facilità di collegamenti, la gestione delle informazioni e negli ultimi anni nell evoluzione dei servizi agli utenti. Il modello è basato sulla raccolta, realizzata attraverso metodologie e sistemi standard, delle informazioni provenienti dalle sorgenti di monitoraggio ambientale distribuite sul territorio, sulla loro correlazione ed aggregazione, dove possibile, in funzione delle applicazioni oggetto di studio e definizione all interno del progetto, ed infine sulla presentazione dei risultati in modo coerente col profilo dell utente a cui sono destinate. Oltre all obiettivo primario della realizzazione del modello, il progetto ha permesso lo sviluppo di un prototipo che implementa il modello stesso su un architettura che, stratificando i livelli di adattamento delle informazioni fornite dal Campo, rende il sistema indipendente dalle sue periferie (sorgenti di informazione, tipo di terminazione, reti, ecc.), in modo da consentire la maggiore interconnettibilità possibile. Il prototipo è stato sperimentato in Campania per via delle caratteristiche grandemente significative della regione dal punto di vista dei fenomeni ambientali (vulcano, bradisismo, boschi, mare, fiumi, abusivismo, frane, incendi,.) e per la localizzazione dei laboratori dei partner. 1 Italtel S.p.A.

8 Maggior onere in termine di risorse umane è stato sopportato dal territorio napoletano e del Sannio. Nel progetto sono stete impegnate le risorse del laboratorio di ricerca Italtel sito in Carini (Palermo) e le risorse del laboratorio della società ITS, sito in Santa Maria Capua Vetere, coinvolte nel progetto da Italtel stessa, per ragioni di continuità con la fase di progettazione gestita dai ricercatori dello stesso laboratorio. Tale differenziazione geografica ha permesso inoltre di sperimentare con successo la stessa struttura TLC ed ICT come test plant allargato con sistemi ed applicazioni distribuiti tra Carini, Santa Maria Capua Vetere ed i laboratori del CINI e del dipartimento di Ingegneria Informatica e Sistemistica siti a Napoli. Di seguito sono sinteticamente riportati i principali risultati ottenuti suddivisi per tematiche e poi ampiamenti descritti nei capitoli successivi: Sistema Information and Comunication Technology (ICT) La piattaforma è costruita in base a scelte architetturali allineate all evoluzione dei sistemi di telecomunicazione ed ai modelli definiti in ambito internazionali come IP Multimedia System (IMS); sono stati adottati protocolli standard per il dialogo e l integrazione dei differenti sistemi ed l architettura a livelli con lo strato di controllo delle connessioni, il core della rete e il livello di servizio. Per ottenere le garanzie di facile evoluzione e di scalabilità dei sistemi è stato realizzato un modello Service Creation Enviroment (SCE)/ Service Logic Execution Enviroment (SLEE); tale scelta permetterà il riuso del SW scritto per la fase di prototipazione e la sua adattabilità per lo sviluppo di nuovi servizi. La gestione della QoS è stata studiata in relazione alla gestione della parte di comunicazione su IP con lo studio e l adozione di algoritmi adattativi che agiscano su parametri sotto il diretto controllo dell applicazione quali bit rate, lunghezza dei pacchetti. Tali studi non sono stati realizzati a supporto della connessione dati su internet ed alle funzioni presenti sul centro servizio perché il basso troughput di dati necessario a queste funzionalità non è collegabile a limiti di banda o esigenze stringenti di velocità di trasmissione; la QoS è stata studiata a supporto dei servizi voce a supporto degli utenti del CS. Le richieste, in termini di necessità di banda, tempi di connessione e sicurezza degli accessi, non si sono presentate nella realtà perchè la dinamicità di aggiornamento dei dati dai centri di monitoraggio non prevedeva mai collegamenti real time e non necessitava di collegamenti broadband. In definitiva per le necessità di collegamento si è verificato da subito che un collegamento ADSL era più che sufficiente a garantire i requisiti di collegamento. Particolare cura è stata riservata allo studio della sicurezza del sistema in termini di affidabilità ma anche di protezione da accessi indesiderati implementando un sistema di verifica e controllo degli accessi basato su un server di autenticazione basato su protocollo LDAP. Sono stati inoltre sviluppati i servizi di conferenza audio su IP e sviluppate e testata la piattaforme con interazione tra Internet e le reti pubbliche, adottando il modello proposto dall architettura IMS. Tutte le funzionalità richieste, e non disponibili in rete, sono state realizzate ex-novo e rilasciate anch esse come componenti open source. Il sistema è configurato come un Application Server SIP, indirizzato tramite la funzione Proxy implementata a bordo del PBX open source Asterisk. Sono state sviluppate alcune innovative funzioni di Media Resource Function Control (MRFC) per la gestione dei flussi multimediali in modalità streaming. Telemetry Seismological Monitoring System (TSMS) Le attività realizzate sono state indirizzate allo studio di fenomeni di : Monitoraggio sismologico dei vulcani, con le sperimentazioni dell antenna sismica collocata sul Vesuvio supportata da modalità di trasferimento dei dati in modalità continua basato su tecnologia wireless verso la sede dell osservatorio vesuviano di Napoli. E stata realizzata un applicazione per il processamento dei dati e la visualizzazione e la pubblicazione degli stessi via web. 2

9 Monitoraggio sismologico zona di faglia, con il collegamento del sistema TSMS alla rete di monitoraggio sismico e, dopo aver definito l insieme di parametri rilevati e/o calcolati, è stato completato il sistema di acquisizione e l interconnessione con il sito di INGV-OV. Centro Monitoraggio Suolo e Costruito in aree soggette a movimenti lenti (SRD/SMC) Il progetto ha mostrato la possibilità di attivare il monitoraggio di edifici campione utilizzati come macro sensori del danneggiamento in caso di ripresa del fenomeno bradisismico ai Campi Flegrei. All interno del progetto è stato realizzato un prototipo del sistema di monitoraggio integrato con un sistema di monitoraggio geodetico (sperimentato da INGV) per l acquisizione del dato di deformazione del suolo effettuata con tecniche GPS. Una campagna di acquisizione dati con cadenza variabile (da ogni ora a diverse settimane) per le diverse tipologie di sensori è stata realizzata ed i dati sono stati raccolti ed elaborati presso il laboratorio del Dipartimento di Scienza delle Costruzioni. Sono state definite le regole in base alle quali è possibile effettuare una interpretazione euristica dei dati di deformazione associando ad essi dei livelli di danneggiamento (event-tree). I test di laboratorio hanno mostrato che ripetendo gli esperimenti la procedura è abbastanza attendibile. I sistemi di informazione installati sulla struttura e quello geodetico prevedono una centralina con una scheda di rete. Pertanto utilizzando linee ADSL sarà possibile il trasferimento dei dati e l utilizzo dell applicazione in real time. Centro Specializzato Vegetazione e Incendi (CSVI) Le attività di ricerca e sperimentazione realizzate sono sinteticamente collegabili a: monitoraggio e rilevamento: è stato sviluppato ed è fruibile sul prototipo il sistema di rilevamento incendi basato sull automazione e sulla disponibilità real time della scheda AIB (Anti Incendio Boschiva). Modellizzazione: è stato studiato un modello di propagazione incendi e, collegato al modello, è stato sviluppato un dimostratore battezzato con il nome Fire site. E stato inoltre definito il quadro di riferimento per la redazione di piani anti-incendio boschivi che ha trovato applicazione nel supporto alla redazione del documento di piano del Parco Nazionale del Cilento e Valle di Diano per l'anno 24 e 25. Centro Specializzato Monitoraggio Aria (CSMA) Sono state realizzate attraverso il posizionamento e la gestione di una centralina di raccolta dati collegata al centro di monitoraggio attraverso tecnica GSM. Utilizzando i dati raccolti sono stati elaborati modelli predittivi. La precisa e nota collocazione geografica e la conoscenza dei dati relativi al sito hanno permesso di validare il modello predittivo elaborato. Per la diffusione del biomonitoraggio, quale strumento prescritto dalla normativa per la valutazione dell impatto ambientale di insediamenti industriali, risultano importanti le esperienze fatte nel definire le tecniche di allevamento delle piante più idonee al fine di evitare quegli errori che possono portare ad una sottostima degli effetti dell inquinamento. Va valutata come ricaduta diretta dell attività del progetto Petit-Osa la possibilità di introduzione di normative e dispositivi di monitoraggio per la presenza di metallo nell atmosfera. In questo campo è incoraggiante la possibilità di impiego di bio-materiali e materiali sintetici con proprietà di superficie tali da ottimizzare il processo di uptake dei materiali biologici fino ad oggi utilizzati. Centro Specializzato Monitoraggio Geochimico dei Vulcani (CSMGV) Un intensa attività di rilevazione e studio dei fenomeni vulcanici è stato condotto attraverso l analisi dei dati geochimici. 3

10 I dati, raccolti ed organizzati in articoli e pubblicazioni, hanno permesso di definire lo stato dei luoghi ed hanno permesso lo sviluppo di innovative metodologie di tipo teorico e sperimentale, che avranno in prospettiva una importante ricaduta sulla società in quanto consentiranno di approntare modelli di funzionamento dei vulcani oggetto dello studio. Centro Specializzato di Monitoraggio di Zonazione Sismica (CSMZS) Partendo dall analisi dei terremoti storici e dalla conoscenza del sottosuolo dell area urbana di Napoli, da un punto di vista sismico e geologico, è stato definito un modello per la stima realistica della pericolosità di un evento sismico. Con riferimento allo studio degli effetti del rumore sismico di natura antropica sono state messe a punto le metodologie di misura di vibrazioni sismiche per valutare l effetto sugli edifici e stimare gli effetti di sito. E stata inoltre sperimentata la metodologia di utilizzo del rumore per la misura di profili di velocità sismiche di taglio. Il calcolo dei parametri del moto al suolo ha una ricaduta notevole sulla programmazione degli interventi per la manutenzione di edifici esistenti o per la scelta della tipologia degli edifici da costruire. Sono state messe in funzione 3 stazioni accelerometriche broad-band, di cui una fissa raggiungibile in telemetria nei sotterranei del complesso monumentale di S. Marcellino e le altre mobili. Centro Specializzato Monitoraggio Suoli e Acque (CSMSA) All interno delle attività è stata realizzata la pubblicazione della cartografia geochimica che riveste notevole importanza perché colma una lacuna nelle informazioni a disposizione dei comuni della Regione Campania che non avevano a disposizione valori di partenza a cui riferirsi al determinarsi di alterazione dei parametri geochimici conseguenti a nuove destinazioni d uso dei territori. La cartografia geochimica della Regione Campania, prodotta con la campionatura dei sedimenti fluviali, potrà essere utilizzata come riferimento allo scopo di fissare le soglie di intervento di Legge cui bisogna attenersi per l inquinamento ambientale. Centro Specializzato Monitoraggio Frane (CSMF) Le attività si possono sintetizzare in tre blocchi: Studi a carattere areale. Sono stati rilevati i dati per la redazione di carte geotematiche connesse ai fenomeni franosi Monitoraggio dei fenomeni franosi e dei fattori innescanti individuati in eventi meteorologici estremi o comunque gravosi. Attraverso analisi di campo e l elaborazione di cartografie tematiche, è stata messa a punto una procedura di previsione della pericolosità da frana, con riferimento ai seguenti scenari: frane in atto e frane quiescenti, franosità potenziale. Modello previsionale E stato messo a punto un modello prototipo per lo studio dell interazione fra il sottosuolo e l atmosfera: il modello è in grado di prevedere il regime delle pressioni neutre nei pendii e valutare la sua influenza sulle condizioni di stabilità, in funzione della variazione dei fattori climatici. Il modello è utilizzabile come efficace strumento di supporto alle decisioni Tempistiche e risorse Il progetto Petit Osa ha cominciato le attività il primo ottobre 22 ed esse sono proseguite fino alla data del trenta settembre 26. Il progetto ha consuntivato un numero molto elevato di ore di attività realizzate da : personale strutturato intendendo con questo termine risorse di ricerca messe a disposizione direttamente dagli enti coinvolti nel progetto 4

11 personale esterno coinvolto tramite progetti e/o attività di consulenza oppure inseriti temporaneamente nelle unità di ricerca tramite contratti a progetto o contratti di ricerca. Nei diagrammi seguenti è riportato l andamento delle risorse impegnate per semestri di avanzamento per attività di ricerca industriale e sviluppo precompetitivo. Attività Ricerca Industriale ore/uomo ott-2 feb-3 giu-3 ott-3 feb-4 giu-4 ott-4 semestri feb-5 giu-5 ott-5 feb-6 giu-6 attiv. RI pers. strutturato attiv. RI pers. a contratto/cons Attivita Sviluppo Precompetitivo ore/uomo ott-2 feb-3 giu-3 ott-3 feb-4 giu-4 ott-4 semestri feb-5 giu-5 ott-5 feb-6 giu-6 attiv SP pers. strutturato attiv. SP person. a contratto/cons. Attività Petit-Osa ore/uomo ott-2 feb-3 giu-3 ott-3 feb-4 giu-4 ott-4 semestri feb-5 giu-5 ott-5 feb-6 giu-6 Attività peronale strutturato attività pers. a contratto/consul. totale attività 5

12 Dall analisi dell ultimo diagramma si vede che le attività in corso alla data di chiusura del progetto coinvolgevano in maniera consistente personale a contratto coinvolto dalle Università nella fase finale di ricerca per via di limiti e disponibilità di risorse finanziarie. Questa situazione è stata affrontata spostando verso la fase finale del progetto tutte le attività di misura, prove, verifica e tuning dei modelli. Il valore totale delle risorse coinvolte ammonta a 22 anni uomo dei quali 135 per attività di ricerca industriale e 85 per attività collegate allo sviluppo precompetitivo. In media per ogni semestre sono state coinvolte contemporaneamente nel progetto 2 ricercatori/tecnici qualificati. Associato al progetto è stato portato avanti un programma di alta formazione per la preparazione di 24 tecnici esperti nella gestione di tematiche ambientali. Il corso ha avuto una durata di ben 18 mesi erogando 9 moduli formativi dei quali 57 di specializzazione per un monte ore di moduli frontali pari a 2286 ore ed a moduli di tirocinio svolti in laboratorio presso le Università e gli enti di ricerca coinvolti in Petit Osa. Il corso è stato gestito presso la sede e con il diretto coinvolgimento della società ITForm del gruppo ITS di Napoli Struttura gestionale del progetto Il progetto è stato sottoscritto da sei partner indipendenti, ognuno con una quota del progetto collegata ad attività descritte all interno del capitolato tecnico. I partner sono rappresentati dai loro rappresentanti legali responsabili, insieme al responsabile del progetto, Ing. Giuseppe Argento, espresso da Italtel, degli stati di avanzamento tecnici/economici redatti con cadenza semestrale. Ogni struttura ha definito un responsabile interno del progetto per il coordinamento delle attività delle proprie risorse dedicate ad obiettivi realizzativi diversi e coinvolte nel progetto in gruppi di lavoro condivisi con gli altri partner. Di seguito la lista dei responsabili interni: - Italtel : Ing. Giuseppe Argento - Università Federico II : Prof. Concettina Nunziata - Università del Sannio : Prof. Armando Simonelli - INGV-OV : Dott. Flora Giudicepietro - CINI : Ing. Francesco Delfino(dal sesto sem. Prof. Giorgio Ventre) - ENEA : Dott. Giovanni Grandoni. Compito di questa struttura era l identificazione delle attività ed il coordinamento tecnico economico all interno del singolo ente. Il progetto è articolato su 12 Obiettivi realizzativi divisi in attività di Ricerca Industriale ed attività di Sviluppo Precompetitivo. Sono stati definiti i responsabili degli Obiettivi realizzativi con il compito di coordinamento delle attività di tutte le strutture coinvolte e di redazione, in collaborazione con il responsabile del progetto, degli avanzamenti tecnici semestrali. 6

13 Di seguito la lista dei responsabili e degli enti coinvolti per ogni Obiettivo Realizzativo OR2: SISTEMA ICT Responsabile: Ing. Giuseppe Argento Enti coinvolti: ITALTEL S.P.A.: Università degli Studi Federico II di Napoli Dipartimento di Informatica e Sistemistica: C.I.N.I: Ing. Loreto Fiorella Ing. Simon Pietro Romano Ing. Francesco Delfino ( dal sesto semestre Prof. Giorgio Ventre) OR4: Telemetry Seismological Monitoring System (TSMS) Responsabile: Prof. Flora Giudicepietro Enti coinvolti: INGV-OV : Prof. Flora Giudicepietro OR5: Monitoraggio suolo e costruito in aree soggette a movimenti lenti (SRD/SMC) Responsabile del SRD/SMC: Prof. Giulio Zuccaro Enti coinvolti: Università degli Studi Federico II di Napoli: Dipartimento di Scienza delle Costruzioni INGV-OV: Prof. Giulio Zuccaro Dott. Folco Pingue OR6: Centro Specializzato Vegetazione e Incendi (CSVI) Responsabile del CSVIESPONSABILE DEL CSVI: Prof. Stefano Mazzoleni Enti coinvolti: Università degli Studi Federico II di Napoli Dip. di Arboricoltura, Botanica e Patologia Vegetale: Prof. Stefano Mazzoleni ITALTEL S.P.A.: Ing. Giuseppe Argento OR7: Centro Specializzato Monitoraggio Aria (CSMA) Responsabile del CSMA: Prof. Fabio Murena Enti coinvolti: Università degli Studi Federico II di Napoli: Dipartimento di Biologia Strutturale e Funzionale: Prof. Simonetta Giordano Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia (dal 26 unificato con il Dip. di Scienze della Terra): Prof. Adriano Mazzarella Dipartimento di Ingegneria Agraria ed Agronomia del Territorio: Prof. Massimo Fagnano Dipartimento di Ingegneria Chimica: Prof. Fabio Murena Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e dell Ambiente: Prof. Paola Adamo ENEA : Dott. Giovanni Grandoni 7

14 OR8: Centro Specializzato Monitoraggio Geochimico dei Vulcani (CSMGV) Responsabile del CSMGV: Prof. Benedetto De Vivo Enti coinvolti: Università degli Studi Federico II di Napoli Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia (dal 26 unificato con il Dip. di Scienze della Terra): INGV-OV: Prof. Benedetto De Vivo Dott. Rosario Avino OR9: Centro Specializzato di Monitoraggio di Zonazione Sismica (CSMZS) Responsabile del CSMZS: Prof. Concettina Nunziata Enti coinvolti: Università degli Studi Federico II di Napoli Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia (dal 26 unificato con il Dip. di Scienze della Terra): Prof. Concettina Nunziata OR1: Centro Specializzato Monitoraggio Suoli e Acque (CSMSA) Responsabile del CSMSA: Prof. Francesco Aliberti Enti coinvolti: Università degli Studi Federico II di Napoli: Dipartimento di Geofisica e Vulcanologia (dal 26 unificato con il Dip. di Scienze della Terra): Prof. Benedetto De Vivo Dipartimento di Scienze del Suolo, della pianta e dell ambiente: Prof. Paola Adamo Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed ambientale: Prof. Massimo Greco Dipartimento di Scienze Biologiche, sex. di Zoologia : Prof. Gaetano Ciarcia Dipartimento di Chimica: Prof. Luciano Ferrara Dipartimento di Scienze Biologiche, sez di Fisiologia Igiene : Prof. Francesco Aliberti OR11: Centro Specializzato Monitoraggio Frane (CSMF) Responsabile: Prof. Ing. Gianfranco Urciuoli Enti coinvolti: Università di Napoli Federico II Dipartimento Ingegneria Geotecnica, sez. Geotecnica: Prof. Ing. Gianfranco Urciuoli Dipartimento Ingegneria Geotecnica, sez. Geologia Applicata: Prof. Roberto de Riso Dipartimento di Ingegneria Idraulica ed Ambientale: Prof. Armando Carravetta Dipartimento di Ingegneria Agraria ed Agronomia del Territorio: Prof. Nunzio Romano Dipartimento di Arboricoltura, Botanica e Patologia Vegetale: Prof. Stefano Mazzoleni Dipartimento di Scienza della Terra: Prof. Silvio Di Nocera Università del Sannio Dipartimento Ingegneria: Prof. Armando Simonelli Dipartimento di Studi Geologici ed Ambientali: Prof. Tullio S. Pescatore 8

15 SISTEMA INFORMATION AND COMMUNICATION TECHNOLOGY Referente: S.P. Romano 1 T. Castaldi 1, L. Miniero 1, G. Argento 2, L. Fiorella 2, F. Fici 2 Nell ambito del progetto PETIT-OSA, i partner cosiddetti tecnologici (Italtel/ITS, consorzio CINI di Napoli e Dipartimento di Informatica e Sistemistica della Federico II ) si sono occupati della progettazione e realizzazione di un architettura avanzata di comunicazione e di condivisione delle informazioni, al servizio delle altre unità di ricerca coinvolte nel progetto, nonché delle numerose comunità di utenti interessati alla fruizione dei dati provenienti dalle varie sorgenti informative. È stato dunque sviluppato un prototipo che implementa il modello funzionale basato su un architettura che, stratificando i livelli di adattamento delle informazioni fornite dal Campo, renda il sistema indipendente dalle sue periferie (sorgenti di informazione, tipo di terminazione, reti ecc.), in modo da consentire il più alto grado di integrazione possibile. La Italtel, leader storico nel settore delle Telecomunicazioni, attraverso la sinergia tra Enti di Ricerca Pubblica ed Enti di Ricerca Privata, ha operato da catalizzatore delle iniziative già in atto sull argomento, utilizzando il suo know how di system integrator e le sue soluzioni di rete, nonché le metodologie consolidate di Ricerca e Sviluppo, per trasformare, in sinergia con i partner accademici, questa idea in un modello concreto. Le soluzioni di rete e gli elementi progettati, sviluppati, e validati nel contesto del progetto sono caratterizzabili come elementi autoconsistenti, quindi utilizzabili per le loro singole specificità e funzioni anche estrapolati dal progetto PETIT-OSA; le funzionalità realizzate sono state integrate in un test plant distribuito tra le sedi di Napoli (DIS e CINI), Carini (Italtel) e Santa Maria Capua Vetere (ITS per conto di Italtel). La struttura del sistema nel suo complesso, comprensiva delle principali funzioni implementate, è rappresentata Figura 1. Centro servizi - decomposizione funzionale nella figura seguente (fig. 1). 1 Dipartimento di Informatica e Sistemistica Univ. di Napoli Federico II 2 Italtel S.p.A.

16 Sistema Information and Communication Technology I dati relativi all ambiente, provenienti dai Centri Specializzati (Monitoraggio Aria, Vegetazione ed Incendi, Frane, Zonazione Sismica) vengono convogliati ad un centro servizi che genera le informazioni necessarie ai vari profili utente connessi alla rete. I centri specializzati costituiscono tutte quelle iniziative preesistenti, in corso di realizzazione o realizzate in seno alle attività del progetto, che generano informazioni specialistiche per determinati settori. Il centro servizi, che rappresenta il fulcro dell intera architettura realizzata, cura gli aspetti di gestione e manutenzione del sistema nel suo complesso. L architettura funzionale del sistema è basata sulla piattaforma integrata per la gestione dei dati dei centri di monitoraggio, su un sistema di gestione della comunicazione articolata su un core layer e su un service layer; quest ultimo è articolato su application server per la fruizione di servizi agli utenti del sistema integrato, sviluppati dai partner tecnologici del progetto. Di seguito la descrizione degli elementi funzionali. Communication Service System (CSS) Il Communication Service System (CSS) fornisce i servizi di comunicazione di interesse (voce, dati, servizi di tipo integrato) ed è stato sviluppato a partire dalle funzioni messe a disposizione dal sistema imss (Italtel MultiService System) della Italtel. Vista la tipologia di rete integrata, particolare risalto è stato dato alle problematiche della Qualità di Servizio (QoS). Traffico di tipo diverso, infatti, necessita di politiche di servizio differenziate. In tale scenario risultano di interesse sia la QoS percepita dall utente finale (la cosiddetta qualità del servizio end-to-end ), sia la QoS garantita nei nodi intermedi di rete. Il sistema realizzato effettua dunque attività di monitoraggio della qualità del servizio e di configurazione dei dispositivi di rete sfruttando le più moderne tecnologie attualmente disponibili in ambito di ricerca (architetture di tipo Integrated Services IntServ, Differentiated Services Diffserv, Multi Protocol Label Switching MPLS). La realizzazione dell infrastruttura di rete è stata resa possibile da tutta una serie di attività di ricerca portate avanti dai partner accademici. In particolare, la valutazione del livello di possibile integrazione delle tecnologie per la QoS nel progetto è stata effettuata attraverso l utilizzo di testbed sperimentali basati su sistemi operativi orientati alle problematiche di rete (es. FreeBSD, Linux), nonché di testbed realizzati attraverso l utilizzo di hardware dedicato o commerciale. Tale analisi ha consentito di individuare le aree critiche del progetto dove l impiego delle sopramenzionate tecnologie ha consentito di migliorare sensibilmente le prestazioni del sistema. A supporto della precedente attività, è stata svolta una fase preliminare di progettazione, implementazione e test del componente di monitoraggio della QoS, la cui presenza risulta indispensabile in un ambiente che deve essere capace di riconfigurarsi dinamicamente, in risposta a variazioni dei parametri che caratterizzano la comunicazione. Il CSS è anche il componente che si occupa di facilitare l interazione del sistema con i fruitori delle informazioni che esso mette a disposizione. Un importante attività ha dunque riguardato l Individuazione dei terminali e delle modalità di comunicazione attraverso cui gli utenti ricevono le informazioni (Personal Computer, Telefono, Fax, SMS, PDA, terminali mobili evoluti, Set Top Box, Televideo, quadri sinottici, display giganti, cartellonistica elettronica, dispositivi acustici di allarme). Con riferimento alle problematiche relative alla localizzazione, il sistema riceve le informazioni spaziali mediante terminali GPS e/o sistemi di localizzazione in tecnologia GSM o GPRS. Il Communication Service System si occupa di gestire, da un lato, l interfaccia verso le varie sorgenti di informazione, dall altro, l interazione con i numerosi dispositivi di allarme presenti sul territorio monitorato. Nel primo caso, si sono dovute affrontare le problematiche relative alla ricezione di dati provenienti da fonti eterogenee, quali sonde e sottosistemi di rilevamento terrestre, satelliti e sottosistemi di rilevamento satellitare, centri di sondaggio demoscopici, centri specializzati su tematiche ambientali, dispositivi di monitoraggio qualitativo (come ad esempio telecamere brandeggiabili). Nel secondo caso, si è concepita un interfaccia univoca, basata sull impiego del protocollo SNMP (Simple Network Management Protocol), che permette di 1

17 Sistema Information and Communication Technology trasferire l informazione di allarme o di gestione dell emergenza alla piattaforma di comunicazione per innescare i processi per l inoltro della messaggistica verso utenti predefiniti. Per utenti si intendono specifiche classi di fornitori e/o fruitori delle informazioni, classi alle quali sono associate informazioni quali i servizi di interesse, il tipo di interfaccia preferita, la qualità del servizio attesa, l eventuale degradazione controllata del livello di qualità ritenuta accettabile nella fruizione dei singoli servizi, le necessità gestionali. La progettazione e la realizzazione del componente CSS hanno richiesto notevoli sforzi e sono state rese possibili dall impiego di strumenti avanzati frutto delle ricerche condotte dai partner del progetto, soprattutto nel campo delle tecnologie multimediali, delle applicazioni peer-to-peer e delle applicazioni per la localizzazione geografica su terminali fissi e mobili. Una parte importante del lavoro di progettazione ha riguardato lo studio delle caratteristiche e delle prestazioni dello stato dell arte delle tecnologie di localizzazione geografica per l utilizzo in applicazioni in ambito ambientale, nonché l analisi approfondita delle caratteristiche e delle prestazioni dei più moderni sistemi di telecomunicazione mobile utilizzabili in ambito ambientale. Tale fase di studio ha portato alla individuazione degli scenari applicativi di interesse per il progetto, relativi all impiego di tecnologie peer-to-peer e di terminali mobili per il coordinamento della forza lavoro e la gestione delle risorse sul territorio, nelle fasi di rilevamento, analisi e monitoraggio ambientale. Una delle applicazioni individuate, relativa alla comunicazione ed al coordinamento in tempo reale, mediante videoconferenza, della forza lavoro disponibile sul territorio, è stata implementata nell ambito delle attività del progetto ed utilizzata come dimostratore delle potenzialità della piattaforma nel suo complesso. Tale applicazione, sviluppata dai componenti delle unità di ricerca del CINI e del DIS, sarà presentata in questo capitolo. Application Service System (ASS) Il componente Application Service System (ASS) mette a disposizione, su piattaforma commerciale, un modello di fornitura di servizi di interesse per il settore ambiente grazie alla realizzazione di un Service Creation Environment (SCE) e di un Service Execution Environment (SEE). Esso è stato sviluppato adottando i più avanzati criteri della progettazione a componenti e delle cosiddette Service Oriented Architectures (SOA) e si compone di alcune parti di supporto, sulle quali si appoggiano componenti specializzati. Le parti di supporto comprendono: un Data Base cosiddetto di backend, dotato di un DBMS (Data Base Management System) commerciale atto alla gestione di grosse moli di dati. Tale base di dati è stata impiegata per fornire il supporto per un adeguata strutturazione e gestione delle diverse tipologie di dati (profili di utenti, misure dei dati ambientali, dati dei centri specializzati, dati degli elementi costituenti il sistema, ecc.); un complesso insieme di strumenti per consentire un adeguato sistema di comunicazione sia tra i componenti stessi dell ASS che verso l esterno. I componenti specializzati sono, in effetti, i cosiddetti Application Server, ovvero sistemi che implementano le funzioni e le prestazioni che il sistema intende offrire ai suoi utenti. Come menzionato nella precedente sezione, lo sviluppo dell ASS ha previsto un impegno specifico per la analisi e la progettazione di servizi per il lavoro collaborativo (Collaborative Work Services, CWS) utilizzando tecnologie innovative ed uniformandosi agli standard di ultima generazione quali quelli proposti nell ambito dell architettura IMS (IP Multimedia Subsystem). Application and Service Management (ASM) L ASM si occupa di tutte le problematiche relative alla gestione dei servizi e degli applicativi, ivi comprese le attività di Fault Management, Monitoring, Performance management, Qualità del Servizio (QoS). 11

18 Sistema Information and Communication Technology In particolare, riguardo le problematiche di QoS, il componente acquisisce dati da diversi apparati di trasmissione e tipologie di rete, produce e pubblica report relativi a parametri quali il traffico sulla rete, il carico dei dispositivi, gli eventuali errori di trasmissione, la latenza associata all invio dei dati, la varianza dei ritardi (cosiddetto jitter di trasmissione), la presenza di pacchetti fuori sequenza oppure scartati, la disponibilità dei servizi, la raggiungibilità dei vari componenti della piattaforma integrata. Avendo adottato la rete Internet come tecnologia di interconnessione dei vari componenti del sistema, per le misure di qualità del servizio si è fatto uso delle più moderne tecniche di misura con protocollo IP, tra cui: capacità di classificazione, scarto, accodamento e riclassificazione dei pacchetti; prestazioni dei meccanismi di Qualità di servizio; costruzione di una rete che possa fornire una definita Qualità di Servizio end-to-end; configurazione ottimale delle apparecchiature in funzione della topologia; controllo ed accounting della QoS; interoperabilità fra apparecchiature di diversi fornitori. Service Management System (SMS) Il componente per a gestione dei servizi (Service Management System SMS) fornisce tutte le funzionalità necessarie per: consentire la configurazione dei servizi, in termini di distribuzione in rete dei vari componenti da attivare e controllo del loro funzionamento; controllare l accesso alle risorse, in termini sia di sicurezza (controllo degli accessi degli utenti basato sul concetto di ruolo ), sia di possibilità di personalizzazioni; consentire un efficiente gestione degli ambienti dei centri specializzati. Un esempio di prototipo: progetto e realizzazione del dimostratore Architettura e funzionalità del centro servizi Le figure seguenti (fig. 2-3) riportano l architettura funzionale e la mappa topologica del centro servizi e del dimostratore sviluppato presso i laboratori Italtel di Carini. Funzionalmente il sistema è articolato su un portale con le applicazioni web, su una funzione di authoring ed una di gestione manutenzione sviluppate su UDB, su applicazioni per il monitoraggio sviluppate su application server connessi al sistema ed infine su un sistema di gestione delle emergenze realizzato con un applicazione Service Creation Enviroment (SCE) sviluppato su application server ed un sistema Service Logic Execution Enviroment (SLEE) sviluppato su moduli telefonici della linea imss Italtel. 12

19 Sistema Information and Communication Technology OPERATION & MAINTENANCE Utenti / Cittadini Ricercatori Enti pubblici FAULT MANAGEMENT Allarmi Configurazione e Gestione Faults - Allarmi Accesso profilato via Web a dati ed applicazioni PRI Chiamate Telefonic he, Fax Allarmi Telefonia (imss) Piattaforma Servizi PETITOSA Gestione Servizi Telefonici Allarmi Definizione,costru zione e DB Utenze realizzazione dei Sms,mms Telefoniche servizi telefonici Dati grezzi e/o elaborati Centro Specializzato 1 Allarmi WEB SERVER NORMALIZZAZIONE DATI ACQUISIZIONE DATI Dati grezzi e/o elaborati Centro Specializzato 2 Invio dati alla procedura di Normalizzazione Accesso alle applicazioni UNIVERSAL DB ITALTEL Archiviazione dati normalizzati APPLICAZIONI TELEFONICHE. Accesso ai Dati normalizzati Accesso alle applicazioni APPLICAZIONI CORRELAZIONE DATI Dati grezzi e/o elaborati Centro Specializzato N Figura 2. Piattaforma PETIT-OSA CSMZS (Napoli) Interne Progetto PETIT-OSA Prototipo dimostratore Architettura Centri Specializzati DMZ Archivio sorgenti Utenti CSMZS Centro Specializzato Zonazione CSVI Centro Specializzato Vegetazione Ambiente di sviluppo PC Windows XP UDP/I Test Integrazione SUN FIRE V12 s.o. 5.8 Firewall Firewall Intrane HP Configuratore liste di chiamata PC Windows XP SNM OMS Rete IP WAN LAN i-mss BSH OPM PABX PORTALE Ambiente rilascio SUN FIRE V12 s.o. 5.8 L D A P/ S i- i- GUI SUN SF28R s.o. 5.8 SMS Figura 3. Descrizione topologica del sistema presso Italtel test lab 13

20 Sistema Information and Communication Technology i-udb Universal Database Architettura Data Base I_UDB è un sistema sviluppato in Italtel ed utilizzato in soluzioni di rete come Universal Data Base e nell evoluzione delle reti IMS come HSS. In termini di flessibilità e facilità di integrazione l utilizzo di questo sistema permette lo sviluppo di servizi multimedia e di rilasci per utenza residenziale e business. Nelle soluzioni Italtel i_udb sarà utilizzato per la gestione di profili di utenti ma grazie alla struttura del progetto è configurabile anche come Data Base centralizzato. Le principali funzioni realizzate sono: Data base per i profili di utenti Supporto per la fornitura di servizi a valore aggiunto insieme ad Application Server ( o Server Farm ) esterne Service Oriented Architecture (SOA) per la gestione dei dati di utente via web services Interfacce standard verso OSS (Operation and Maintenance functions). Affidabilità e disponibilità di servizio "Carrier Class" Elevata scalabilità della soluzione Disponibilità di architetture di rete per soddisfare requisiti per funzioni di disaster recovery" attraverso l allinemento dei dati tra due differenti sistemi Universal Data Base (i-udb) è composto dai seguenti sottosistemi: Funzioni Front-End fornite da USDH (Universal Subscriber Data Handler). Funzioni Back-End fornite da USDS (Universal Subscriber Data Server). Funzioni di configurazione fornite da PE (Provisioning Engine) Funzioni di gestione e monitoraggio fornite da UMS (Unified Management Suite). Sui nodi USDH sono allocati i seguenti elementi: Application Server Tomcat per gestire richieste HTTP. Un DBMS TimesTen per accessi al Data Base con elevate performance. Sui nodi USDS / UMS / PE sono allocati i seguenti componenti: un Oracle Database Server per la gestione di dati permanenti un Oracle Database Server for UMS un application server Tomcat per la gestione di richieste UMS HTTP (UMS GUI). Un application server Tomcat per la gestione di richieste PE HTTP. 14

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni

Facility management. per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ope Facility management per gli immobili adibiti prevalentemente ad uso ufficio, in uso a qualsiasi titolo alle Pubbliche Amministrazioni Ingegneria dell efficienza aziendale Società per i Servizi Integrati

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE

SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI PUGLIA SLAM: UN PROGETTO PER LA MAPPATURA E IL MONITORAGGIO DELLE FRANE Antonio Buonavoglia & Vincenzo Barbieri Planetek Italia s.r.l. n 2/2004 pagg. 32-36 PREMESSA Il progetto

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Servizi di consulenza e soluzioni ICT

Servizi di consulenza e soluzioni ICT Servizi di consulenza e soluzioni ICT Juniortek S.r.l. Fondata nell'anno 2004, Juniortek offre consulenza e servizi nell ambito dell informatica ad imprese e professionisti. L'organizzazione dell'azienda

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

May Informatica S.r.l.

May Informatica S.r.l. May Informatica S.r.l. Brochure Aziendale Copyright 2010 May Informatica S.r.l. nasce con il preciso scopo di dare soluzioni avanzate alle problematiche legate all'information Technology. LA NOSTRA MISSIONE

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS

www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS www.sms2biz.it Soluzioni professionali per la gestione e l invio di SMS Introduzione La nostra soluzione sms2biz.it, Vi mette a disposizione un ambiente web per una gestione professionale dell invio di

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10

B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 B.P.S. Business Process Server ALLEGATO C10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE UFFICIO SISTEMA INFORMATIVO REGIONALE E STATISTICA Via V. Verrastro, n. 4 85100 Potenza tel

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing

Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Managed Services e Unified Communication & Collaboration: verso il paradigma del Cloud Computing Claudio Chiarenza (General Manager and Chief Strategy Officer) Italtel, Italtel logo and imss (Italtel Multi-Service

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management

Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Dalla Mappatura dei Processi al Business Process Management Romano Stasi Responsabile Segreteria Tecnica ABI Lab Roma, 4 dicembre 2007 Agenda Il percorso metodologico Analizzare per conoscere: la mappatura

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto

Scheda descrittiva del programma. Open-DAI. ceduto in riuso. CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Scheda descrittiva del programma Open-DAI ceduto in riuso CSI-Piemonte in rappresentanza del Consorzio di progetto Agenzia per l Italia Digitale - Via Liszt 21-00144 Roma Pagina 1 di 19 1 SEZIONE 1 CONTESTO

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof.

Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Soggetto proponente (docente, gruppo di docenti e struttura didattica) Facoltà di Pianificazione del Territorio, prof. Luigi Di Prinzio Titolo del master Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie II livello

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source

Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Gestire le comunicazione aziendali con software Open Source Data: Ottobre 2012 Firewall pfsense Mail Server Zimbra Centralino Telefonico Asterisk e FreePBX Fax Server centralizzato Hylafax ed Avantfax

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Attività relative al primo anno

Attività relative al primo anno PIANO OPERATIVO L obiettivo delle attività oggetto di convenzione è il perfezionamento dei sistemi software, l allineamento dei dati pregressi e il costante aggiornamento dei report delle partecipazioni

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it

SMS API. Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API. YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it SMS API Documentazione Tecnica YouSMS SOAP API YouSMS Evet Limited 2015 http://www.yousms.it INDICE DEI CONTENUTI Introduzione... 2 Autenticazione & Sicurezza... 2 Username e Password... 2 Connessione

Dettagli

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA

CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA CLOUD SURVEY 2012: LO STATO DEL CLOUD COMPUTING IN ITALIA 2ª PARTE NEL CAPITOLO PRECEDENTE NOTA METODOLOGICA LA PAROLA AI CIO I MIGLIORI HYPERVISOR AFFIDARSI AI VENDOR INVESTIRE PER IL CLOUD APPLICAZIONI

Dettagli