Indirizzo: Scientifico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indirizzo: Scientifico"

Transcript

1 I S T I T U T O S T A T A L E I S T R U Z I O N E S U P E R I O R E Liceo Scientifico Liceo delle Scienze Umane Istituto Tecnico Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali e Turistici Istituto Tecnico Amministrazione, Finanza e Marketing Relazioni Internazionali Via Roma, Bisuschio (VA) DOCUMENTO FINALE del CONSIGLIO DI CLASSE Classe 5^ F Indirizzo: Scientifico ANNO SCOLASTICO 2014/15 15 Maggio

2 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE VALCERESIO BISUSCHIO Anno Scolastico 2014/2015 DOCUMENTO FINALE DEL 15 MAGGIO DEL CONSIGLIO DI CLASSE DI 5^ 1. Italiano Prof. ssa Di Lorenzo 2. Latino Prof. ssa Debora Picozzi 3. Inglese Prof. ssa Claudia Nirella 4. Storia Prof. ssa Isabella Resta 5. Filosofia Prof.ssa Isabella Resta 6. Matematica Prof.ssa Anna Soldati 7. Fisica Prof.ssa Anna Soldati 8. Scienze Prof.ssa Antonietta Mondo 9. Disegno e storia dell arte Prof. Luca Violini 10. Educazione fisica Prof. Piero Ragazzi 11. Religione Prof. Adriano Brazzale Il Dirigente Scolastico Maurizio Francesco Tallone 2

3 PREMESSA Analisi della situazione della classe 1. Provenienza - [breve excursus storico, continuità didattica] A. S. precedente Iscritti Ammessi alla classe successiva Non ammessi A. S. in corso Iscritti Nuovi inserimenti da inizio anno Ritirati M F M F M F M 6 F 12 M 6 F 12 M - F La classe, costituita da 21 studenti, risulta formata da un nucleo originario, in cui si sono inseriti altri alunni nel corso del triennio: 5 in terza liceo, 1 in quarta e 3 alunni durante quest anno scolastico, provenienti da altri istituti della provincia. In merito alla continuità didattica durante il triennio il percorso degli studi si è sviluppato in modo piuttosto regolare, anche se si segnala che nel corso del triennio è avvenuto il cambiamento di insegnante per quanto riguarda le discipline di latino, fisica e storia dalla terza alla quarta, fisica, storia e disegno e storia dell arte dalla quarta alla quinta. 2. Interesse e partecipazione La maggior parte degli alunni ha seguito le lezioni mostrando interesse ed attenzione nei confronti delle diverse attività didattiche e delle varie iniziative culturali loro proposte dal Consiglio di classe. L atteggiamento assunto verso gli insegnanti e la vita della classe è nel complesso corretto e disponibile al dialogo educativo. 3. Impegno ed applicazione Gli studenti hanno mostrato nel complesso impegno ed applicazione, nel rispetto delle consegne e delle scadenze previste per i momenti valutativi; solo per pochi l impegno è stato discontinuo o non del tutto adeguato rispetto alle attività loro presentate. Alcuni alunni hanno raggiunto una buona preparazione, accompagnata da padronanza nella rielaborazione e nell esposizione delle conoscenze acquisite; altri hanno ottenuto risultati discreti o pienamente sufficienti, mentre pochi hanno incontrato difficoltà in alcune discipline raggiungendo a fatica una preparazione sufficiente. 4. Assiduità nella frequenza, astensione dalle lezioni. La frequenza scolastica degli alunni è stata nel complesso assidua e regolare. 3

4 5. Programmazione trasversale del Consiglio di classe Obiettivi trasversali del Consiglio di classe Sviluppare senso di responsabilità nei confronti di compagni e insegnanti, contribuendo costruttivamente al lavoro comune Rispettare l ambiente, le strutture e i materiali a disposizione Perfezionare il proprio metodo di studio e organizzare il lavoro con un applicazione sistematica e consapevole Acquisire i contenuti fondamentali alla base delle singole discipline Saper riconoscere e applicare regole e procedimenti Utilizzare i linguaggi specifici disciplinari e le relative forme espressive, adeguandoli ai vari ambiti e alle diverse situazioni comunicative. Ricostruire quadri concettuali e contesti, collegando e confrontando fenomeni di tipo letterario, storico, artistico, filosofico e scientifico, anche in modo pluridisciplinare Individuare i rapporti che collegano un testo (letterario, scientifico, artistico) sia alla situazione storica di cui è documento, sia all evoluzione scientifica Possedere capacità d approfondimento, di riflessione e di elaborazione critica personale su problemi e aspetti culturali rilevanti, anche d attualità A A B B B B B B C LIVELLI di RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI A: obiettivo raggiunto pienamente B: obiettivo mediamente raggiunto C: obiettivo sufficientemente raggiunto D: obiettivo raggiunto in parte 6. Modalità di recupero Durante l anno scolastico sono state effettuate attività di recupero unicamente in itinere concernenti le discipline in cui si è presentata la necessità. Una delle prime settimane del secondo quadrimestre è stata dedicata, come stabilito dal Collegio dei Docenti, alle attività di recupero. 7. Attività curriculari ed extracurriculari 7.1. Attività curriculari Tutto il gruppo classe ha partecipato alle seguenti attività proposte dal Consiglio di Classe: 4

5 Progetti Sono state proposte varie attività del Progetto Orientamento per la scelta del corso universitario, in particolare tutta la classe si è recata il 13 marzo 2015 al Salone dell orientamento Alla classe sono state presentati alcuni argomenti in lingua inglese, secondo il progetto CLIL, dall insegnante di scienze La classe ha partecipato al progetto Alternanza scuola-lavoro DLgs 77/05, nel corso delle classi terza e quarta. Visite guidate Visita d istruzione al Vittoriale di Gabriele D Annunzio, a Gardone Riviera e alle Grotte di Catullo a Sirmione, effettuata il 14 ottobre 2014 Spettacoli teatrali Partecipazione allo spettacolo teatrale su La banalità del male di Hannah Arendt, presso il Centro Asteria di Milano il 26 gennaio 2015 Partecipazione allo spettacolo teatrale Progetto Pesciolino rosso, sul tema della prevenzione delle droghe presso il Teatro S. Giorgio di Bisuschio, il Lezioni con esperti Partecipazione all incontro con il Rotary Club sul tema relativo alle attività proposte ai giovani iscritti allo stesso club presso il Teatro S. Giorgio di Bisuschio il giorno 07 marzo 2015 Lezioni sui polimeri Biotecnologie Viaggio d Istruzione E stato effettuato il viaggio d istruzione a Vienna dal 23 al 27 marzo Attività extracurriculari Le attività sono state svolte da alcuni studenti della classe in orario pomeridiano: Partecipazione al progetto proposto dalla Protezione civile 8. Esercitazioni effettuate in vista dell Esame di Stato Durante l anno scolastico sono state effettuate due simulazioni di III prova dell Esame di Stato, in base alla tipologia B. La durata di ogni prova è stata di 2 ore e 30 minuti: la prima si è svolta il 13 dicembre 2014 e ha coinvolto le discipline di filosofia, latino, inglese e scienze; la seconda si è svolta il 20 marzo, coinvolgendo le discipline di storia, storia dell arte, scienze e inglese. Sono stata effettuate due simulazioni di II prova redatte dal Ministero della Pubblica Istruzione il 25 febbraio 2015 e il 22 aprile E stata fissata per il 26 maggio p.v. una terza simulazione della Terza prova dell Esame di Stato. La simulazione della prima prova dell Esame di Stato sarà effettuata, insieme con le classi quinte dell Istituto, il 18 maggio p.v. Le prove somministrate sono allegate al presente documento. 9. Partecipazione attiva e responsabile degli alunni ai sensi del Regolamento recante le norme dello Statuto delle studentesse e degli studenti emanato con decreto del Presidente della Repubblica 24 giugno 1998, n

6 PROGRAMMA DELLE SINGOLE DISCIPLINE ITALIANO PERCORSO FORMATIVO: CONTENUTI DISCIPLINARI: GIACOMO LEOPARDI Vita, personalità, pensiero filosofico (pessimismo storico e cosmico, natura madre e matrigna, teoria del piacere), poetica e opere principali - dallo Zibaldone di pensieri: - La teoria del piacere - Il giardino della sofferenza - La poetica e lo stile del vago e della rimembranza - dai Canti: - Idilli: Il passero solitario - L infinito - La sera del dì di festa - Alla luna - Canzoni: L ultimo canto di Saffo - Canti pisano-recanatesi:; A Silvia; Canto notturno di un pastore errante dell Asia; Il sabato del villaggio; La quiete dopo la tempesta - Ciclo di Aspasia, A se stesso - Opere napoletane, La ginestra (vv ; ) - dalle Operette morali, Dialogo della Natura e di un Islandese; Dialogo di Tristano e di un amico IL SECONDO OTTOCENTO Quadro storico - Il clima post- unitario - -Lo spirito prometeico e il Positivismo - Scienza e letteratura - Verso l unificazione linguistica e culturale dell Italia - Il trionfo del romanzo - La letteratura postrisorgimentale - Carducci giambico: da Giambi ed epodi, Per Vincenzo Caldesi otto mesi dopo la sua morte LA SCAPIGLIATURA E IL MODELLO BAUDELAIRE Charles Baudelaire, L Albatro, Corrispondenze Igino Ugo Tarchetti, Fosca, o della malattia personificata (Fosca XII,XIII,, XV) Arrigo Boito, Dualismo(Libro dei versi I) NATURALISMO E VERISMO Il Naturalismo francese: H. de Balzac, G. Flaubert, H. Taine, I fratelli de Goncourt, É. Zola Gli autori veristi: Un realismo senza eccessi, le differenze tra Verismo e Naturalismo, la tecnica dell impersonalità, la poetica della lontananza, verso una sensibilità decadente 6

7 GIOVANNI VERGA Vita, la poetica verista, le tecniche narrative - Il ciclo dei Vinti - I Malavoglia (lettura integrale) - Mastro-don Gesualdo: temi e struttura. Lettura e analisi di Qui c è roba(iv,iv) - Da Vita dei campi: Prefazione all Amante di Gramigna; L amante di Gramigna; Rosso Malpelo; La lupa - Da Novelle rusticane: Libertà IL SENTIMENTO DELLA FINE E IL DECADENTISMO(1h) IL SIMBOLISMO - Il sentimento del mistero - Rimbaud e il poeta veggente - La poesia come musica - Il linguaggio simbolico e l oscurità - I maestri francesi: Verlaine e Mallarmé - A. Rimbaud, Il poeta veggente (Lettera del veggente) - P. Verlaine, Canzone d autunno (Poemi saturnini, paesaggi tristi) GIOVANNI PASCOLI - Vita, la poetica del fanciullino; Myricae; Canti di Castelvecchio; Poemetti; Poemi conviviali - Lettura di La poetica del fanciullino (I-VI, VII-IX e XII) - Da Myricae: Il tuono; Il piccolo bucato; X Agosto; L assiuolo - Da Canti di Castelvecchio:La tovaglia; Il gelsomino notturno; Il fringuello cieco - Da Poemetti: Il libro GABRIELE D ANNUNZIO - Vita, personalità, l estetismo e il superomismo - Le costanti letterarie - Gli esordi poetici e narrativi: Primo vere, Canto novo, Intermezzo di rime, Il poema paradisiaco - Il piacere - La trilogia degli assassini: Giovanni Episcopo, L Innocente, Il Trionfo della morte - Le vergini delle rocce - Il fuoco - Le opere drammaturgiche: La città morta, La figlia di Iorio - Le laudi - L ultima stagione - Da Il piacere: La vita come un opera d arte (I,II) - Da L innocente: Una lucida follia omicida (XXXIX e XLIV) - Da Poema paradisiaco: Climene - Da Alcyone: La pioggia nel pineto( il panismo, il valore - estetico della parola, la musicalità) LA LETTERATURA DEL NOVECENTO - Il Novecento: inquadramento storico - La crisi dell uomo novecentesco - La crisi della scienza e la scoperta dell inconscio 7

8 LA LETTERATURA NELL ETÀ DELLE AVANGUARDIE - I temi della malattia, dell inconscio, del sogno, del doppio, dell inetto e dell impiegato - Il rapporto conflittuale padre-figlio - Lo smantellamento della tradizione e la poesia crepuscolare - I futuristi - I vociani - I crepuscolari - G.Gozzano: la vita e la poetica - Da I colloqui, sez. Alle soglie, vv , , La signorina Felicita ovvero la felicità - Da I colloqui, sez. Il reduce, Totò Merùmeni UMBERTO SABA - La vita: i fatti principali - Le costanti letterarie - Quello che resta da fare ai poeti - Poesia, filosofia e psicanalisi - Il canzoniere: La genesi e la struttura, i temi - Dal Canzoniere: A mia moglie; Mio padre è stato per me l assassino ; Un grido ITALO SVEVO - La vita - Le costanti letterarie - La coscienza di Zeno (lettura integrale) - LUIGI PIRANDELLO - Vita, pensiero( il relativismo filosofico, il contrasto tra forma e vita, la maschera, l umorismo e il sentimento del contrario), i personaggi pirandelliani e la perdita dell identità - I romanzi: Il fu Mattia Pascal; Uno, nessuno, centomila; I quaderni di Serafino Gubbio operatore; I vecchi e i giovani - Il teatro: le maschere nude - Teatro in dialetto - IL teatro grottesco e la critica del mondo borghese: Pensaci Giacomino; Il giuoco delle parti; Il berretto a sonagli - La sindrome della pazzia: Enrico IV; Così è, se vi pare - La trilogia del teatro nel teatro: Sei personaggi in cerca d autore - I giganti della montagna: il mito della redenzione dell umanità grazie agli insegnamenti e alla seduzione dell arte - da Novelle per un anno: La signora Frola e il signor Ponza suo genero; La carriola; La patente; Il treno ha fischiato - Lettura a scelta di Il fu Mattia Pascal o di Uno, nessuno, centomila - Da Sei personaggi in cerca d autore, Dalla vita al teatro; La scena contraffatta GIUSEPPE UNGARETTI - La vita, l esperienza della Grande guerra - La poetica della parola - Il porto sepolto - L allegria - Sentimento del tempo - Il dolore - Da Il porto sepolto, Il porto sepolto; Veglia; I fiumi; San Martino del Carso - da L allegria: Soldati 8

9 - da Sentimento del tempo, Di Luglio - da Il dolore, Giorno per giorno (2, 3, 5, 6, 8, 17) EUGENIO MONTALE - Vita e poetica. - Ossi di seppia - Le occasioni - La bufera e altro - L ultima stagione: poesie in pigiama, Satura - da Ossi di seppia:i limoni; Non chiederci la parola; Meriggiare pallido assorto; Spesso il male di vivere ho incontrato; Casa sul mare - da Le Occasioni, Dora Markus; Ti libero la fronte dai ghiaccioli - da La bufera e altro, La primavera hitleriana - da Satura, Alla Mosca (Xenia I,1, 4-5 e 14; Xenia II,5) L ERMETISMO - La categoria dell Ermetismo - Geografia e storia dell Ermetismo - MARIO LUZI - La vita e la poetica - Da La barca, Alla vita - Da Primizie del deserto, Notizie a Giuseppina - Da Onore del vero, Nell imminenza dei quarant anni - Da Viaggio terrestre e celeste di Simone Martini, Seme Lettura dei seguenti romanzi: E. Corti, Il cavallo rosso S. Marai, Le braci F. Dostoevskij, Delitto e castigo DIVINA COMMEDIA: PARADISO Struttura, tematiche; cosmologia del Paradiso dantesco. Lettura, parafrasi e commento dei canti: I, III, V,vv , VI, XI, XV,vv , , XVII, XXXIII OBIETTIVI RAGGIUNTI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELLE CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA Conoscenza e contestualizzazione di fenomeni culturali e letterari, dei singoli autori e delle loro opere. Lettura autonoma e alla rielaborazione personale dei testi. Comprensione, parafrasi e analisi del testo letterario. Sintesi di concetti fondamentali. Esposizione corretta e coerente ed efficace nello scritto e nell orale. Produzione scritta delle diverse tipologie testuali (analisi testuale, saggio breve, articolo di giornale, tema storico e d ordine generale). Collegamenti tra la letteratura italiana e la letteratura straniera (francese e inglese), tra correnti letterarie e movimenti artistici. 9

10 Elaborazione e realizzazione di percorsi multidisciplinari autonomi. METODI E STRUMENTI Lo studio della disciplina è stato condotto principalmente attraverso la lettura diretta dei testi alternata a lezioni frontali in modo da introdurre i fenomeni letterari a partire dal relativo contesto storico-culturale. Si è cercato di porre gli alunni in una posizione critica di fronte alle varie affermazioni, rilevando, eventualmente, l esistenza di più interpretazioni su un determinato problema. Si è dato spazio ai fondamenti della varie correnti letterarie e a testi che contengono esplicite dichiarazioni di poetica; nello studio del singolo autore si è cercato di mettere in luce la linea evolutiva o comunque le più rilevanti tematiche alla base dei suoi scritti. Per quanto riguarda l analisi letteraria, i testi sono stati generalmente letti, commentati ed analizzati in classe; di alcune opere sono stati letti e commentati solo i passi più significativi, assegnandone eventualmente il completamento agli studenti anche per stimolare il raggiungimento di una maggiore autonomia di studio. Il recupero delle carenze è stato svolto in base alle indicazioni fornite dal Consiglio di classe. A supporto della didattica è stato organizzato il viaggio di istruzione a Vienna e gli studenti sono stati invitati anche a partecipare a conferenze e a spettacoli teatrali. Strumenti: libri di testo e fotocopie CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE TIPOLOGIE DI VERIFICA Per la valutazione orale sono state utilizzate le seguenti tipologie di verifica: a. interrogazioni orali; b. questionari, test a risposta multipla, chiusa o sintetica, verifiche strutturate Per la valutazione scritta sono state utilizzate le seguenti tipologie di verifica: a. TIPOLOGIA A : ANALISI DI UN TESTO POETICO O IN PROSA. b. TIPOLOGIA B: SAGGIO BREVE E ARTICOLO DI GIORNALE. c. TEMA D ORDINE GENERALE d. TEMA STORICO Nel primo quadrimestre sono state effettuate due verifiche scritte e due orali. Nel secondo quadrimestre minimo due prove scritte e minimo due orali. Le prove di verifica sono state calibrate nel tempo in modo da essere attinenti agli argomenti studiati e rapportate al livello di preparazione della classe e sono state effettuate per accertare la conoscenza dei contenuti studiati e il raggiungimento degli obiettivi disciplinari. La valutazione è stata distinta in due momenti: formativa e sommativa. La prima è stata effettuata in itinere per avere la possibilità di riflettere sul processo di insegnamento/apprendimento e per progettare così eventuali interventi di recupero per quegli alunni che non avevano raggiunto gli obiettivi stabiliti nella riunione per materia di settembre e, contemporaneamente, per fornire ulteriori approfondimenti agli allievi particolarmente interessati. Per la valutazione sommativa ho tenuto conto della situazione di partenza degli alunni, del loro ritmo di apprendimento, della partecipazione alle attività didattiche, e anche di eventuali problemi che hanno potuto compromettere il processo di apprendimento. Ho utilizzato per la correzione delle prove scritte le griglie approvate nella riunione per materia di settembre e di seguito allegate. Per la valutazione dei quesiti a risposta aperta mi sono avvalsa della griglia per la correzione della terza prova. 10

11 TESTI IN ADOZIONE Divina commedia, Paradiso: edizione a scelta Letteratura: G. Langella, P. Frare, P. Gresti, U. Motta Letteratura.it - storia e testi della letteratura italiana, Edizioni scolastiche Bruno Mondadori, volumi 3a, 3b 11

12 LATINO Contenuti disciplinari: LETTERATURA E AUTORI ORAZIO Vita e opere Epodi Sermones: - Il topo di campagna e il topo di città (II, 6, vv ) (in latino) Odi: - Compimento del programma (Carmina, III, 30) (in latino) - Carpe diem (Carmina, I, 11) (in latino) - Aurea mediocritas (Carmina, II, 10) (in latino) Epistole L ELEGIA: TIBULLO E PROPERZIO Caratteri dell elegia romana Vita e opere di Tibullo (cenni) e Properzio OVIDIO Vita e opere Amores: - La milizia di amore (I, 9, vv.1-46) (in latino) Ars Amatoria Remedia amoris e Medicamina faciei (cenni) Heroides: - Arianna abbandonata (X) (in traduzione) Metamorfosi: - Apollo e Dafne (I, vv ) - Narciso innamorato (III, vv ) (in traduzione) - Tereo, Procne e Filomela (VI, vv ) (in traduzione) Fasti: - Il Regifugium e l eroico suicidio di Lucrezia (II, vv ) (in traduzione) Tristia: - La partenza da Roma (I, 3) (in traduzione) Epistulae ex Ponto LIVIO Vita, opera e stile Ab urbe condita libri: - La fondazione della città (I, 6,3 7,3) (in latino) - La pudicizia di Lucrezia (I, 57, 4/11 58, 1/12) (in latino) La letteratura minore: VITRUVIO Vita e opera 12

13 L ETÀ GIULIO-CLAUDIA Quadro storico, culturale e letterario SENECA Vita e opere Dialogi e trattati: - dal De ira: La forza dell ira è incontrollabile (I, 8, 1-5) (in latino) - dal De ira: L ira offusca la capacità di giudizio (I, 18, 1-2) (in latino) - dal De brevitate vitae: Siamo noi che rendiamo breve la vita (I, 1 e I, 3-4) (in latino) - dal De brevitate vitae: L uomo è prodigo del proprio tempo (3) (in traduzione) - da Ad Helviam matrem de consolatione: La consolazione e l esempio di una donna modello (19) (in traduzione) Epistulae morales ad Lucilium: - Il tempo (1, 1-3) (in latino) - Lo schiavo (47) (in traduzione) Divi Claudii Apokolokyntosis: - Claudio assiste al proprio funerale (11, 6 13, 1) (in traduzione) Tragedie: - da Oedipus: Incesto e parricidio ( ) (in traduzione) PERSIO Vita e opera Saturae: - Prima di giudicare gli altri guarda te stesso! (IV) (in traduzione) LUCANO Vita, opera, personaggi dell opera e stile Bellum civile: - Proemio e lodi di Nerone (I, 1-66) (in traduzione) - La terribile Erichto (VI, ) (in traduzione) - La scena della necromanzia (VI, ) (in traduzione) PETRONIO Vita, opera, struttura dell opera e modelli Satyricon: - La larva meccanica di Trimalcione (34, 4-10) (in traduzione) - La lingua di un ubriaco (41, 9-12) ( in latino) - Una storia di licantropia (61, 6-62) (in traduzione) L ETÀ DAI FLAVI A TRAIANO Quadro storico, culturale, letterario. PLINIO IL VECCHIO Vita e opera Naturalis Historia: - Il confine dell umano: i cannibali (VII, 6-12) (in traduzione) QUINTILIANO Vita e opera Institutio oratoria: - Il valore educativo del gioco (I, 1, 20) ((in traduzione) 13

14 - I vantaggi dell apprendimento collettivo (I, 2) (in traduzione) - Non antagonismo, ma intesa tra allievi e maestri (II, 9, 1-3) (in latino) MARZIALE Vita e opere Epigrammi: - La bellezza di Maronilla (I, 10) (in traduzione) - In morte della piccola Erotion (V, 34 e V, 37) (in traduzione) PLINIO IL GIOVANE Epistole: - La morte di Plinio il Vecchio (VI, 16, 13-14; 17/20) (in traduzione) TACITO Vita e opere Agricola: - Il discorso di Calgaco (30) (in traduzione) Germania: - La sincerità genetica dei Germani (4,1) (in latino) - Capi condottieri, sacerdoti e donne (7-8) (in traduzione) Dialogus de oratoribus: - Eloquenza e libertà (36) (in traduzione) Historiae: - L excursus etnografico sulla Giudea (V, 2-5) (in traduzione) Annales: - La distanza dello storico (I, 1) (in traduzione) - L uccisione di Ottavia (XIV, 63-64) (in traduzione) - L incendio di Roma e la costruzione della domus aurea (XV, 38-42) ( in traduzione) - La grottesca morte di Poppea (XVI, 6) (in latino) GIOVENALE Vita e opere Saturae: - Pregiudizi razzisti (3, ) (in traduzione) - Le donne del buon tempo antico (6, 1-20) (in traduzione) - Eppia la gladiatrice, Messalina Augusta meretrix (6, ) (in traduzione) L ETÀ DI ADRIANO E DEGLI ANTONINI APULEIO Vita e opera Metamorfosi: - Una mutilazione magica (II, 28-30) (in traduzione) - Lo sposo misterioso (V, 21, 5-23) (in traduzione) ESERCIZI DI TRADUZIONE Durante l anno gli alunni si sono esercitati nella traduzione autonoma di passi d autore, in particolare da Livio e Seneca. 14 ore sono state dedicate al recupero in itinere di lingua. Sono state utilizzate circa 23 ore per le interrogazioni o per le verifiche valide per l orale. 14

15 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Obiettivi specifici della disciplina Minimi disciplinari Comprensione autonoma e traduzione corretta in lingua italiana di testi storici e filosofici Appropriata conoscenza di opere e argomenti letterari relativi all età imperiale Sintesi ed esposizione coerenti ed efficaci dei contenuti letterari Comprensione, traduzione e interpretazione in prospettiva diacronica e sincronica di un testo d autore: - a livello di contenuto per i testi letti in traduzione - a livello morfologico e sintattico per i testi in lingua. Traduzione autonoma sostanzialmente corretta di brani non complessi a carattere storico e filosofico Esposizione lineare e chiara delle tematiche letterarie Comprensione globale e traduzione complessivamente corretta dei testi d autore. RISULTATI OTTENUTI E DIFFICOLTÀ INCONTRATE Gli obiettivi sopra indicati sono stati raggiunti con modalità differenti dagli alunni della classe, dal momento che qualche studente ha conseguito buoni risultati sia per quanto concerne la competenza linguistica che per quanto riguarda lo studio letterario; altri hanno, invece, ottenuto una preparazione discreta in particolare grazie allo studio della parte orale; diversi infine si sono attestati sulla sufficienza raggiungendo con difficoltà gli obiettivi minimi disciplinari a causa di problemi nella traduzione. L atteggiamento degli alunni nei confronti dell insegnante e della disciplina è stato in genere positivo e corretto: la maggior parte di loro ha infatti manifestato attenzione e impegno. METODI E STRUMENTI Per rendere l insegnamento e l apprendimento più organici e coerenti, nel corso dell anno è stato proposto uno studio il più possibile in parallelo della storia della letteratura e dei testi d autore. Gli autori, infatti, sono stati presentati soprattutto attraverso la lettura di passi delle loro opere affrontati in italiano o in latino e analizzati dai punti di vista tematico e stilistico. Il quadro è stato completato con informazioni relative al contesto storico- culturale. Strumenti: libri di testo MODALITÀ DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE Tipologie di verifica Verifiche orali: interrogazioni orali, questionari con domande attinenti ad una breve trattazione dell argomento proposto (tipologia B della terza prova - quesiti a risposta singola); è stata effettuata una simulazione della terza prova - tipologia B. Verifiche scritte: traduzioni dal latino all italiano Modalità di valutazione Per le verifiche orali, sono stati considerati i seguenti criteri: Conoscenza dell autore, del testo e del contesto storico-culturale Comprensione del significato di un testo e dei rapporti tra testo e contesto Analisi degli elementi di un testo Sintesi del messaggio centrale di un testo o di un opera Correttezza ed efficacia dell esposizione 15

16 Per la valutazione delle prove di traduzione valide per lo scritto si è fatto ricorso alla tabella di valutazione concordata con i colleghi di disciplina e in uso nell istituto. TESTI IN ADOZIONE - M. Bettini, Limina, Letteratura e antropologia di Roma antica, (volumi 3, 4); La Nuova Italia - L. Griffa, Nuovo latina lectio. Versioni latine per il triennio, Petrini 16

17 INGLESE PERCORSO FORMATIVO CONTENUTI DISCIPLINARI E TEMPI An Age of Revolutions An age of Revolutions Industrial Society ; How Child Labour changed the world 185 William Blake and the victims of industrialization London (Songs of Experience ) 188 W. Wordsworth : Composed Upon Westminster Bridge fotocopie The Chimney Sweeper (1) (Songs of Innocence ) 189 The Chimney Sweeper (2) (Songs of Experience ) 190 The long-term impact of the Industrial Revolution 191 Don DeLillo A toxic event (White Noise) The Victorian Age The life of young Victoria The first half of Queen Victoria s reign Life in the Victorian town 290 The birth of the high street 291 Charles Dickens; Coketown (Hard Times) The Victorian Compromise 299 The Victorian novel 300 Charles Dickens and children 301 Oliver wants some more (Oliver Twist) Visione del film: Oliver Twist The exploitation of children: Dickens and Verga 306 Child labour and exploitation (The Guardian ) fotocopie Bangladesh garment factories still exploiting child labour for UK products video (BBC) Modernism Sigmung Freud : a window on the unconscious Freud and the psyche 441 The Modernist Spirit 447 The Modern Novel 448 The stream of consciousness and the interior monologue 449 James Joyce ; The funeral (Ulysses ) 449 James Joyce : a modernist writer 463 Dubliners 464 Eveline (Dubliners) Gabriel s epiphany (The Dead : Dubliners ) An Encounter (Dubliners) Araby (Dubliners) The Bloomsbury Group 473 Virginia Woolf and moments of being 475 Mrs Dalloway

18 Clarissa and Septimus (Mrs Dalloway ) Don DeLillo and 9/11 America 589 The Falling Man 589 Down the Tower (Falling Man) The Modern Novel vs other types of novels The Gothic Novel 202 Mary Shelley and a new interest in science 203 Frankenstein The Creation of the Monster (Frankenstein, or the Modern Prometheus) Modernism : Poetry Modern poetry : tradition and experimentation 415 The War Poets Rupert Brooke : The Soldier 418 Wilfred Owen : Dulce et Decorum Est Man at war : The Age of Total War (Adapted from The Age of Extremes : A History of the World, by Eric Hobsbawm) Modern poetry vs other types of poetry Thomas Stearns Eliot and the alienation of modern man 431 The Waste Land 432 The Burial of the Dead (I) 433 The Burial of the Dead (2) 434 The Fire Sermon Modern poetry vs Romantic poetry Emotion vs reason ; English Romanticism 213 A new sensibility 214 The emphasis on the individual 215 William Wordsworth and nature Daffodils 218 Nature in the second generation of Romantic poets 230 Byron s individualism ; The Romantic rebel 231 Vision of the movie : Into the Wild The Irish Question The Easter Rising and the Irish War of Independence 426 William Butler Yeats and Irish nationalism 427 Easter The Irish Troubles 576 Seamus Heaney and Irish politics 577 The Tollund Man (Wintering Out) Frank McCourt and the experience of poverty 509 Christmas Dinner (Angela s Ashes) Visione del film : Angela s Ashes New aesthetic theories The Pre-Raphaelite Brotherhood 347 Aestheticism : Walter Pater and the Aesthetic Movement 349 Oscar Wilde : The brilliant artist and the dandy 351 The Picture of Dorian Gray and the theme of beauty 352 Basil s studio (The Picture of Dorian Gray)

19 I would give my soul (The Picture of Dorian Gray) Committed writers Britain between the wars The dystopian novel 531 George Orwell and political dystopia 532 Nineteen Eighty- Four 533 Big Brother is watching you (Nineteen Eighty- Four) OBIETTIVI RAGGIUNTI AI FINI DELL ACCERTAMENTO DELLE CONOSCENZE, COMPETENZE E CAPACITA a Comprensione di un messaggio scritto e orale, in lingua straniera nel suo contesto globale. b Esposizione di dati informativi con lessico adeguato, pronuncia accettabile e correttezza grammaticale. c Collocazione di un testo letterario nel contesto storico-sociale-letterario, dimostrando di avere acquisito i dati informativi e di saperli esporre in modo lineare. d Analisi di un testo letterario dal punto di vista del contenuto e degli aspetti stilistici. e Comprensione, esposizione e sintesi di un testo di contenuto di attualità affrontato RISULTATI OTTENUTI E DIFFICOLTA INCONTRATE Una buona parte degli studenti ha acquisito competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue, e ha consolidato il metodo di studio della lingua straniera per l apprendimento di contenuti non linguistici. Alcuni di questi studenti hanno anche sostenuto l esame FCE nella classe quarta. Alcuni studenti presentano carenze soprattutto nella produzione scritta, a causa di lacune pregresse e studio a volte superficiale. Le difficoltà incontrate nell analisi autonoma di un testo sono state ovviate svolgendo il programma completamente in classe, sia per quanto riguarda l introduzione al contesto storico-socialeletterario a cui si è accennato, sia per quanto riguarda l analisi dei singoli autori e testi letterari. Sono stati effettuati confronti e collegamenti tra i vari autori affrontati, con la partecipazione al dibattito da parte degli studenti e tramite loro interventi critici personali. A casa è stato demandato il compito dell assimilazione dei dati informativi trasmessi. CRITERI E STRUMENTI DI VALUTAZIONE Metodi Le lezioni sono state svolte in lingua inglese e agli studenti è stato richiesto di esprimersi in tale lingua. Tramite la lezione frontale e la discussione in classe gli studenti sono stati stimolati a mettere in luce le caratteristiche di un testo o di un autore; a individuare collegamenti tra i vari autori e movimenti letterari presi in esame. Il programma è stato affrontato per tematiche, attraverso l analisi di testi presenti sui libri di testo adottati o articoli presi dai media inglesi. Gli studenti sono stati esposti continuamente alla lingua, visionando o ascoltando documenti in Inglese. Si è fatto ampio uso delle nuove tecnologie e.g. Internet, LIM, word, video. Strumenti Strumenti per la verifica formativa: a Partecipazione attiva dello studente b Partecipazione alla spiegazione e all analisi del testo presentato c partecipazione al dibattito 19

20 TIPOLOGIE DI VERIFICA Le verifiche scritte somministrate hanno permesso agli studenti di affrontare soprattutto la tipologia B della terza prova dell esame di stato; nel corso di tali prove è stato consentito l uso del dizionario bilingue e monolingue (le simulazioni somministrate nell anno scolastico in corso vengono allegate al presente documento). La verifica orale dell apprendimento si è generalmente svolta rispondendo alle domande rivolte dall insegnante, con l obiettivo di verificare non solo conoscenze ma anche la capacità di interagire in lingua esponendo il proprio pensiero riguardo ad un autore, un opera o movimento letterario affrontati o un argomento di attualità preso in esame. E stata utilizzata la griglia di valutazione per la terza prova elaborata dai docenti dell Istituto. TESTI IN ADOZIONE Performer : Culture and Literature (volumi.2;3) The Nineteenth Century in Britain and America ; The Twentieth Century and the Present Terza edizione: libro multimediale (e-book) Autori: M. Spiazzi, M. Tavella, M. Layton Casa ed. Zanichelli 20

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI

GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI GUIDA ALLA RIFORMA DEI LICEI Profili d uscita, obiettivi specifici di apprendimento e quadri orari dei nuovi licei, con le indicazioni dei cambiamenti rispetto al vecchio ordinamento Il futuro è la nostra

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE

ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE ALCUNE APPLICAZIONI DEL CALCOLO DIFFERENZIALE Sia I un intervallo di R e siano a = inf(i) R { } e b = sup(i) R {+ }; i punti di I diversi dagli estremi a e b, ( e quindi appartenenti all intervallo aperto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO TRIENNIO Classe: 3 A Corso: INDUSTRIA RELIGIONE 9788839302229 MARINONI GIANMARIO / CASSINOTTI DOMANDA DELL'UOMO (LA) - VOLUME UNICO - EDIZIONE AZZURRA / CORSO DI RELIGIONE

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

(da I Malavoglia, cap. XV)

(da I Malavoglia, cap. XV) 4. GIOVANNI VERGA (ANALISI DEL TESTO) L addio di Ntoni Una sera, tardi, il cane si mise ad abbaiare dietro l uscio del cortile, e lo stesso Alessi, che andò ad aprire, non riconobbe Ntoni il quale tornava

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Funzione reale di variabile reale

Funzione reale di variabile reale Funzione reale di variabile reale Siano A e B due sottoinsiemi non vuoti di. Si chiama funzione reale di variabile reale, di A in B, una qualsiasi legge che faccia corrispondere, a ogni elemento A x A

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p.

Indice. Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2. Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. LICEO SCIENTIFICO Indice Nota introduttiva alle Indicazioni nazionali p. 2 Profilo educativo, culturale e professionale dello studente liceale p. 10 Piano degli studi p. 14 Indicazioni nazionali riguardanti

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante

Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante COME SI FA UN EDIZIONE CRITICA Vediamo concretamente come si fa l edizione critica di un manoscritto recante varie serie di correzioni. Prendiamo come esempio un testo leopardiano molto noto, e particolarmente

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Documento del Consiglio di Classe

Documento del Consiglio di Classe Istituto Stat. di Istruzione Secondaria Superiore Giovanni Maria Sforza Palagiano (TA) con sede aggregata di Palagianello Documento del Consiglio di Classe Classe 5 sez. A Palagiano COM GEO X Palagianello

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it

186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it 186. Un gioco d incertezza: Forse che sì, forse che no Rosa Marincola rosamarincola@virgilio.it Premessa Durante una mia visita al Palazzo Ducale di Mantova, nell ammirare i tanti capolavori che custodisce,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento

esame di stato 2014 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento ARTICOLO Archimede 4 4 esame di stato 4 seconda prova scritta per i licei scientifici di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMA Nella figura

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DOCUMENTO DI CLASSE 5^ A su Il Coordinatore della classe SUSANNA BRUNELLO

LICEO DELLE SCIENZE UMANE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DOCUMENTO DI CLASSE 5^ A su Il Coordinatore della classe SUSANNA BRUNELLO LICEO DELLE SCIENZE UMANE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 DOCUMENTO DI CLASSE 5^ A su Il Coordinatore della classe SUSANNA BRUNELLO INDICE ELENCO DOCENTI DELLA CLASSE 3 ELENCO STUDENTI DELLA CLASSE 4 PARTE PRIMA:

Dettagli

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico

I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione. Un ipotesi di percorso didattico I ROMANI E GLI ALTRI POPOLI: tra conflitto e integrazione Un ipotesi di percorso didattico Motivazioni culturali ed educative rilevanza del tema nella storia e nella cultura romana codici di interpretazione

Dettagli

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

ESAME DI STATO a.s. 2011/2012 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Istituto Statale Superiore Ernesto Balducci Via Aretina, 78/a 50065 Pontassieve (FI) tel. 055/8316806 fax 055/8316809 www.istitutobalducci.it - mail presidenza@istitutobalducci.it Codice fiscale n. 94052770487

Dettagli

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale

Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Studio grafico-analitico delle funzioni reali a variabile reale Sequenza dei passi Classificazione In pratica Classifica il tipo di funzione: Funzione razionale: intera / fratta Funzione irrazionale: intera

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE

Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE Tipo Scuola: NUOVO ORDINAMENTO II GRADO 1-2 Classe: 1 P Corso: MANUTENZIONE ED ASSISTENZA TECNICA (BIENNIO COMUNE RELIGIONE 9788805070800 CAMPOLEONI ALBERTO / CRIPPA LUCA ORIZZONTI / CON NULLA OSTA CEI

Dettagli

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015.

CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014. Si trasmette, in allegato, il piano delle attività per l a. s. 2014-2015. CIRCOLARE N. 9 Ravenna, 13 settembre 2014 Ai Docenti Agli Studenti Al Personale A.T.A. Alle Famiglie Al D.S.G.A. Oggetto: Piano delle attività a.s. 2014-2015 Si trasmette, in allegato, il piano delle attività

Dettagli