Linux Day Nagios. Controllare i servizi e le risorse

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linux Day 2005. Nagios. Controllare i servizi e le risorse"

Transcript

1 Linux Day 2005 Nagios Controllare i servizi e le risorse

2 Programma Introduzione La teoria Dettaglio delle funzioni La pratica Configurazione Personalizzazione Esempi concreti Nagios Linux Day 2005 Pag 2

3 Cos'e' Nagios? Applicazione di monitoraggio rete Controlla host, servizi e risorse (% carico cpu, utenti, traffico) di diverse piattaforme Estensibile e personalizzabile Capacita' di notificare problemi Open Source (GPL) Funziona su sistemi Unix Like (Linux, BSD, Solaris) Sito : Nagios Linux Day 2005 Pag 3

4 A cosa serve? Conoscere i problemi non solo prima che sia il cliente a segnalarlo, ma possibilmente prevenirli prima che si verifichino Spazio libero su disco: 5 giga Spazio libero su disco: 100 mega : ATTENZIONE Spazio libero su disco: 1 mega: PROBLEMA La posta funziona? Occorre avere sotto controllo la situazione senza perdere troppo tempo inutilmente Nagios Linux Day 2005 Pag 4

5 C'è proprio bisogno di Nagios? Evita di realizzare soluzioni ad hoc per ogni servizio nuovo nella rete Nagios realizza l'infrastruttura di controllo Permette di concentrarsi sull' organizzazione dei test e dei servizi E' scalabile, documentato, affidabile ed estensibile Nagios Linux Day 2005 Pag 5

6 Nagios e' unico? Naturalmente no Soluzioni Open Source Soluzioni proprietarie Soluzioni proprietarie basate su Nagios Vasta base di installato Affidabilità Uno dei programmi piu' diffusi in ambito Open Source Nagios Linux Day 2005 Pag 6

7 Qualche cifra (fonte:nagios.org) Installazioni con più host ALLiNET USA ITI e Dataprev (gov. brasiliano) Installazioni per numero di servizi ALLiNET USA Müller Ltd.&Co.KG Germania Ementor Norvegia Numero di host controllati: Sul sito: dati e statistiche di utenti registrati Nagios Linux Day 2005 Pag 7

8 Design Modulare ed espandibile Un struttura centrale che schedula e coordina Plugin che eseguono il compito specifico di controllo Si possono scrivere plugin personalizzati Si può controllarne lo stato da remoto attraverso una interfaccia web opzionale Può interagire con altre applicazioni per gestire allarmi e cambiamenti di stato Nagios Linux Day 2005 Pag 8

9 Parte I Architettura Oggetti e soggetti plugin, host, servizi Gestione dei problemi Interfacciamento con applicazioni esterne Utilizzo avanzato Nagios Linux Day 2005 Pag 9

10 Architettura Core Host di Monitoraggio Opzionale Nagios Dati Cfg Stato Interfaccia WEB Comandi di controllo Altri Comandi File Comandi Esterno Altre applicazioni Hosts Nagios Linux Day 2005 Pag 10

11 Cosa possiamo monitorare? I soggetti di Nagios sono servizi contenuti negli host In pratica POP3, HTTP, IMAP, MYSQL, ecc Posta, web, database, connettivita', traffico di rete Vengono forniti plugin per i servizi più comuni Gli host hanno fra loro relazioni padre-figlio Gestione della topologia della rete Nagios Linux Day 2005 Pag 11

12 Esempio: host e servizi Switch Firewall packet Loss bandwidth Web Server 1 Apache CPU Load SAMBA Utenti CPU Load Utenti Nagios Linux Day 2005 Pag 12

13 Nagios: il core Nagios coordina schedula i check dei servizi I controlli sono eseguiti dai plugin gestisce le informazioni passate ai plugin i plugin eseguono le misure e comunicano il risultato a nagios Esegue valutazioni di stato, gestione dei logs e sa chi contattare, come e perché in caso di problemi Diversi parametri possono essere modificati dinamicamente senza fermare e far ripartire il servizio Nagios Linux Day 2005 Pag 13

14 I Plugin Svolgono un lavoro specifico Sono script della shell o eseguibili Ritornano un codice numerico dello stato 0:ok 1:warning 2:critical 3:unknown Stampano un messaggio su stdout Possono essere estesi e/o personalizzati vengono passate tramite macro e variabili d'ambiente tutte le informazioni di cui si necessita Comunità per la condivisione dei plugin Nagios Linux Day 2005 Pag 14

15 I parametri dei Plugin Esiste uno standard per lo sviluppo dei plugin Utilizzo di una sintassi consistente di passaggio dei parametri Soglie di attenzione (warning) e criticità Utilizzo di uno stesso plugin per controlli parametrizzati spazio su disco ping di hosts larghezza di banda Nagios Linux Day 2005 Pag 15

16 Servizi Oggetto delle misure Controllati ad intervalli di tempo regolare Possono essere controllati in parallelo Possiamo scrivere un plugin per controllare un nostro servizio Possiamo impostare regole ad hoc per ogni servizio Nagios Linux Day 2005 Pag 16

17 Stati ed eventi dei servizi Corrispondono al valore ritornato dal plugin ok warning critical unknown Hard e soft per minimizzare i falsi allarmi Soft: errore (o recovery) se si trova in non OK per un numero di volte inferiore ad un limite prefissato Hard: limite precedente superato o l'host relativo e' down Si utilizza il flag volatile per azioni one-shot (security alerts) Informazioni ripassate al plugin o a programmi esterni che possono intraprendere azioni correttive Nagios Linux Day 2005 Pag 17

18 Controllo degli Host Host: contenitori di servizi Si controllano i servizi ma non l'host Se un servizio fallisce si controlla l'host se il controllo fallisce si fermano le notifiche e si procede alla verifica della rete testando l'host collegato logicamente come padre Tre stati UP DOWN UNREACHABLE Nagios Linux Day 2005 Pag 18

19 Individuazione dei problemi Un host può non rispondere perché e' DOWN o non raggiungibile o perché e' fuori uso il dispositivo (es: router) cui e' collegato Nagios esegue una verifica del routing per individuare la vera causa del problema Nagios Linux Day 2005 Pag 19

20 Verifica del routing Up Not Up Down Non raggiungibile!! Nagios Linux Day 2005 Pag 20

21 Gestione dei problemi Notifiche Fuorilinea schedulato Gestione delle fluttuazioni di stato ( Flap ) Nagios Linux Day 2005 Pag 21

22 Notifiche Generate Alla prima occorrenza di un problema Ogni X minuti se il problema persiste Nei cambiamenti di stato All'inizio e fine del flapping A chi vengono inoltrate? Al contatto principale di un host o servizio Propagazione (escalation) a contatti diversi per emergenze in dipendenza da stato dell'host/servizio periodo temporale numero di notifiche Nagios Linux Day 2005 Pag 22

23 Inoltro delle Notifiche Inoltrate via comandi definiti dall'utente shell scripts o eseguibili informazioni passate via variabili d'ambiente ogni contatto può essere definito indipendentemente Esempi: SMS via modem per evitare di usare la rete Nagios Linux Day 2005 Pag 23

24 Escalation Meccanismo per gestione di emergenza parametrizzato Numero di notifiche di errore dopo le quali inoltrare l'avviso Numero limite di notifiche che spengono l'escalation Periodo temporale di validità (es: domenica 0-24) intervallo tra gli invii di notifiche di emergenza gestione dell'intervallo minimo in caso di escalations concomitanti Nagios Linux Day 2005 Pag 24

25 Downtime Schedulato Manutenzione o periodi in cui il servizio e' offline Patch del sistema Evita notifiche inviate senza necessita' 3 tipi diversi Fixed Flexible Triggered Gestito dinamicamente via pagina Web o comandi Nagios Linux Day 2005 Pag 25

26 Downtime Schedulato Fisso Inizia al tempo t e finisce a t1 Flessibile Inizia fra t1 e t2, quando l'host non risponde e dura x Triggered quando non si sa esattamente quando iniziare Triggerato da un servizio leader che va offline. usato quando si hanno più host in manutenzione Dipendenze fra servizi Nagios Linux Day 2005 Pag 26

27 Flap Fluttuazione nello stato di un host o servizio Verrebbero spedite moltissime notifiche Definito da % di cambiamento di stato calcolato per ogni soggetto Soglie definite dall'utente Media ponderata degli ultimi 21 valori maggiore rilevanza ai valori più recenti Viene spedita una sola notifica all'inizio ed alla fine della fluttuazione Nagios Linux Day 2005 Pag 27

28 Interfacciamento ad Applicazioni esterne Comandi esterni Controlli passivi Gestori di eventi Comandi OCSP/OCHP Misure (performance data) WEB Nagios Linux Day 2005 Pag 28

29 Comandi esterni Nagios crea una named pipe creata e la legge ad intervalli regolari Servono a abilitare/disabilitare controlli per un particolare soggetto abilitare/disabilitare notifiche inviare risultati di misure Usata anche dai comandi CGI via WEB Nagios Linux Day 2005 Pag 29

30 Controlli Passivi Risultati inviati via external command file e processati con la stessa logica di quelli interni Asincroni (attivi: sincroni) Gestiti da applicazioni esterne (attivi: schedulato da Nagios) Usati per incorporare security alerts TCP Wrappers, NMAP Formato [<timestamp>] PROCESS_SERVICE_CHECK_RESULT ;<host_name>; <description>; <return_code>; <plugin_output> Nagios Linux Day 2005 Pag 30

31 Gestori di eventi Comandi esterni eseguiti durante i cambiamenti di stato globali e/o specifici per l'evento per host e/o servizi Informano altre applicazioni dei cambiamenti di stato utili per far ripartire servizi bloccati aprire automaticamente una segnalazione Nagios Linux Day 2005 Pag 31

32 Stati ed Eventi Eventi lanciati quando un servizio o host e' in stato di errore "soft" entra in stato di errore "hard" esce da uno stato di errore "soft" o "hard" Stati recovery, warning, unknown/unreachable, critical, flapping Nagios Linux Day 2005 Pag 32

33 Comandi OCSP/OCHP Obsessive Compulsive Host/Service Processor Eseguiti opzionalmente dopo OGNI controllo di host (H) controllo di servizio (S) Inviano ad applicazioni esterne i risultati dei controlli Utile per implementare ridondanze Nagios Linux Day 2005 Pag 33

34 Metriche (Performance Data) Dati ritornati opzionalmente dai plugin Dopo ogni controllo possono essere passati ad applicazioni esterne per la registrazione Possono essere usati per graficare i valori Nagios Linux Day 2005 Pag 34

35 Parte WEB Via WEB possiamo Conoscere lo stato di host e servizi Conoscere lo stato di Nagios stesso Impartire comandi via interfaccia applicazioni esterne controllo di accesso Produrre report e statistiche Nagios Linux Day 2005 Pag 35

36 Impieghi avanzati Monitoraggio distribuito Monitoraggio con ridondanza Failover Nagios Linux Day 2005 Pag 36

37 Monitoraggio distribuito Distribuzione del monitoraggio su più server In caso di servizi remoti su tronconi di rete nascosti da firewalls Un server centrale attende passivamente i risultati sul file dei comandi esterni controllando la temporizzazione dei dati Server di monitoraggio remoti controlli svolti localmente risultati inviati via OCSP al server principale Si usa il plugin NCSA Nagios Linux Day 2005 Pag 37

38 Ridondanza Utilizzata per sopperire a offline del server principale Slave configurato come il master, in più deve controllare il processo Nagios del master Slave funziona contemporaneamente al master Solo il master corrente invia notifiche Se il master fallisce, un event handler invia comandi allo slave per farlo diventare il nuovo master Se il master torna online, un event handler invia un comando per far tornare slave il master attuale Nagios Linux Day 2005 Pag 38

39 Failover del controllore Simile alla ridondanza, ma i servizi sono monitorati su un solo server per volta Lo slave parte in modo passivo e riceve i risultati dal master Se il master non da' segni di vita lo slave si attiva via file dei comandi esterni attraverso un meccanismo esterno (cron) Nagios Linux Day 2005 Pag 39

40 Parallelismo Solo l'esecuzione dei controlli dei servizi e' parallelizzabile Non lo sono in particolare Event handlers possono cercare di far ripartire un servizio a insaputa degli altri gestori Notifiche possono usare risorse condivise come modem Processing del risultato dei controlli evitare inutili notifiche multiple Nagios Linux Day 2005 Pag 40

41 Web: vediamo Interfaccia di controllo ed amministrazione Posso legare il dettaglio servizi a pagine personalizzate via configurazione etc/serviceextinfo.cfg Accesso controllato Non si accede a tutte le informazioni di configurazione Comunica con nagios via interfaccia comandi esterni Visione schermate Nagios Linux Day 2005 Pag 41

42 Vediamo qualche schermata Visione della parte WEB Schermate di esempio Sistema vivo Controlliamo lo stato Vediamo i grafici dei servizi Scheduliamo un downtime Layout della rete Nagios Linux Day 2005 Pag 42

43 Parte II Esempi ed applicazioni concrete Nagios Linux Day 2005 Pag 43

44 Configurazione Nagios e' un servizio Installazione./configure: opzioni per URL e dir virtuali per Apache Struttura delle directories etc: files di configurazione bin: comando principale libexec: plugins sbin: comandi cgi (WEB) share: documentazione e HTML statici var: files di lavoro Nagios Linux Day 2005 Pag 44

45 Configurazione Il file principale e' nagios.cfg Si puo' controllare con l'opzione -v nagios -v /etc/nagios/nagios.cfg Inclusione di tutti i files che definiscono host e servizi La parte web si configura tramite cgi.cfg opzioni di sicurezza permessi di accesso link a nagios.cfg Estensioni per pagine web personalizzate Nagios Linux Day 2005 Pag 45

46 Esempi Esempio semplice Un solo host, servizi in locale Esempio complesso Monitoraggio via SNMP accenno a SNMP Esame dei files di configurazione file di testo con sintassi semplice Estendere Nagios con grafici e RRD Visione gestione via WEB Scrittura di un plugin (shell e Java) Nagios Linux Day 2005 Pag 46

47 Oggetti Oggetti riconosciuti e configurabili Host e Servizi Contatti Varie Services, Service Groups, Hosts, Host Groups Contacts, Contact Groups, Commands, Time Periods, Service Escalations, Service Dependencies, Host Escalations, Host Dependencies, Extended Host Information, Extended Service Information Nagios Linux Day 2005 Pag 47

48 Oggetti di base: periodi temporali Intervalli temporali su base settimanale define timeperiod{ timeperiod_name name alias alias sunday timeranges monday timeranges tuesday timeranges wednesday timeranges thursday timeranges friday timeranges saturday timeranges } define timeperiod{ timeperiod_name extralavoro alias Ore non lavorative sunday 00:00-24:00 monday 00:00-09:00,18:00-24:00 tuesday 00:00-09:00,18:00-24:00 wednesday 00:00-09:00,18:00-24:00 thursday 00:00-09:00,18:00-24:00 friday 00:00-09:00,18:00-24:00 saturday 00:00-24:00 } Nagios Linux Day 2005 Pag 48

49 Oggetti di base: Contatti Contatti: cosa configuriamo Comandi di notifica Periodo temporale di notifica Opzioni di notifica Nagios Linux Day 2005 Pag 49

50 Contatti Contatti e gruppi define contact{ contact_name contact_name alias alias contactgroups contactgroup_names host_notification_period timeperiod_name service_notification_period timeperiod_name host_notification_options [d,u,r,f,n] service_notification_options [w,u,c,r,f,n] host_notification_commands command_name service_notification_commands command_name _address pager pager_number/gateway addressx additional_contact_address define contact { contact_name root alias root service_notification_period 24x7 host_notification_period 24x7 service_notification_options c,r host_notification_options d,r service_notification_commands notify-by- host_notification_commands host-notify-by- } define contactgroup { contactgroup_name alias members } localhost-admins localhost Administrators nagios,root,lbell Nagios Linux Day 2005 Pag 50

51 Oggetti di base: Host Uso di template che vengono utilizzati per diverse definizioni di host define host { name } generic-host notifications_enabled 1 event_handler_enabled 1 flap_detection_enabled 1 process_perf_data 1 retain_status_information 1 retain_nonstatus_information 1 register 0 contact_groups localhost-admins define host { use generic-host host_name localhost alias localhost address check_command check-host-alive max_check_attempts 10 notification_interval 120 notification_period 24x7 notification_options d,u,r } Nagios Linux Day 2005 Pag 51

52 Host Configurazione (xodtemplate.html) dati obbligatori dati di notifica contatti gestione flap dipendenze (parent) template da utilizzare Nagios Linux Day 2005 Pag 52

53 Servizi define service{ host_name host_name service_description service_description servicegroups servicegroup_names is_volatile [0/1] check_command command_name max_check_attempts # normal_check_interval # retry_check_interval # active_checks_enabled [0/1] passive_checks_enabled [0/1] check_period timeperiod_name parallelize_check [0/1] obsess_over_service [0/1] check_freshness [0/1] freshness_threshold # event_handler command_name event_handler_enabled [0/1] low_flap_threshold # high_flap_threshold # flap_detection_enabled [0/1] process_perf_data [0/1] retain_status_information [0/1] retain_nonstatus_information [0/1] notification_interval # notification_period timeperiod_name notification_options [w,u,c,r,f] notifications_enabled [0/1] contact_groups contact_groups stalking_options [o,w,u,c] } define service { use generic-service host_name localhost service_description /dev/sda7 Free Space is_volatile 0 check_period 24x7 max_check_attempts 3 normal_check_interval 5 retry_check_interval 1 contact_groups localhost-admins notification_interval 120 notification_period 24x7 notification_options w,u,c,r check_command check_local_disk!20%!10%!/dev/sda7 } 1) Comando da utilizzare 2) Parametri i parametri sono separati da! Nagios Linux Day 2005 Pag 53

54 Comandi Il cuore di Nagios Uso dei parametri # 'check_snmp_disk' command definition define command { command_name check_snmp_disk command_line $USER1$/check_snmp_disk -H $HOSTADDRESS$ -C $USER3$ } # 'check_ping' command definition define command{ command_name check_ping command_line $USER1$/check_ping -H $HOSTADDRESS$ -w $ARG1$ -c $ARG2$ -p 5 } Nagios Linux Day 2005 Pag 54

55 Macro Nagios mette a disposizione alcune macro Relative all'ambiente $SERVICE$ $HOSTADDRESS$ $ARGn$ :argomenti on demand $HOSTMACRO:hostname$ (relative all'host) Private (passwords...)non lette dalla parte WEB (file di risorse) $USERn$ File: macros.html per un elenco visione /tmp/nag per verifica Nagios Linux Day 2005 Pag 55

56 Comandi di notifica Esempio di notifica via mail # 'notify-by- ' command definition define command{ command_name notify-by- command_line /usr/bin/printf "%b" "***** Nagios *****\n\nnotification Type: $NOTIFICATIONTYPE$\n\nService: $SERVICEDESC$\nHost: $HOSTALIAS$\n Address: $HOSTADDRESS$\nState: $SERVICESTATE$\n\nDate/Time: $LONGDATETIME$\n\nAdditional Info:\n\n$SERVICEOUTPUT$" /bin/mail -s "** $NOTIFICATIONTYPE$ alert - $HOSTALIAS$/$SERVICEDESC$ is $SERVICESTATE$ **" $CONTACT $ } Nagios Linux Day 2005 Pag 56

57 Gestori di eventi Visione degli esempi del file eventhandlers.html Vediamo come far ripartire un servizio http bloccato prima che siano spedite notifiche di malfunzionamento Nagios Linux Day 2005 Pag 57

58 Monitorare servizi in rete Come acquisire dati su macchine remote con diversi sistemi operativi? SNMP: Simple Network Management Protocol Protocollo per monitorare e cambiare lo stato di dispositivi via rete Semplice: UDP Nagios Linux Day 2005 Pag 58

59 SNMP 3 modelli di sicurezza, problemi di protezione alta diffusione della versione 1, la meno sicura Il collegamento in rete va protetto Composto da Server (Agent) Client (Manager) Agent viene pollato, ma può spedire alerts (trap) al client Nagios Linux Day 2005 Pag 59

60 SNMP Definizione degli oggetti da monitorare e loro tipi tramite MIB (Management Information Base) Agenti riconoscono Set di base di MIB altri oggetti definiti dal particolare agent Oggetti, identificati via OID numerici (Object Identifiers) Stringhe, corrispondenti agli OID Nagios Linux Day 2005 Pag 60

61 MIB Organizzato gerarchicamente a livelli Codificato con un linguaggio derivato da ASN.1 Ogni livello e' responsabile degli oggetti contenuti Nagios Linux Day 2005 Pag 61 Gli OID di livello più alto sono assegnati da organizzazioni standard (ISO, ccitt) Quelli di livello più basso dalle organizzazioni associate E' possibile estendere l'albero con oggetti specifici di una determinata azienda o ente. Due tipi di oggetti Scalari Tabellari

62 SNMP OID root (.) ccitt (0) iso (1) joint (2) org (3) iso.org.dod.internet.mgmt dod (6) internet (1) mgmt (2) snmpv2 (6) mib-2 (1) snmpmodules (3) Nagios Linux Day 2005 Pag 62

63 MIB ucdavis MODULE-IDENTITY DESCRIPTION "SMIv2 converted from older MIB definitions." ::= { enterprises 2021 } -- Current UCD core mib table entries: -- prtable OBJECT IDENTIFIER ::= { ucdavis 2 } -- memory OBJECT IDENTIFIER ::= { ucdavis 4 } -- exttable OBJ... IFIER ::= { ucdavis 8 } -- disktable OBJ... IFIER ::= { ucdavis 9 } -- loadtable OBJ... IFIER ::= { ucdavis 10 } -- systemstats OBJ... IFIER ::= { ucdavis 11 } -- filetable OBJ... IFIER ::= { ucdavis 15 } -- logmatch OBJ... IFIER ::= { ucdavis 15 } -- version OBJ... IFIER ::= { ucdavis 100 } -- snmperrs OBJ... IFIER ::= { ucdavis 101 } memory OBJECT IDENTIFIER ::= { ucdavis 4 } memindex OBJECT-TYPE SYNTAX Integer32 MAX-ACCESS read-only STATUS current DESCRIPTION " always return the integer 0." ::= { memory 1 } memtotalswap OBJECT-TYPE SYNTAX Integer32 MAX-ACCESS read-only STATUS current DESCRIPTION "Total Swap Size configured for the host." ::= { memory 3 } memavailswap OBJECT-TYPE SYNTAX Integer32 MAX-ACCESS read-only STATUS current DESCRIPTION "Available Swap Space on the host." ::= { memory 4 } memtotalswaptxt OBJECT-TYPE SYNTAX Integer32 MAX-ACCESS read-only STATUS current DESCRIPTION "Total virtual memory used by text." ::= { memory 7 } Nagios Linux Day 2005 Pag 63

64 MIB Esempio di richiesta tramite snmpwalk >snmpwalk -v 1 -c public localhost memory UCD-SNMP-MIB::memIndex.0 0 UCD-SNMP-MIB::memErrorName.0 swap UCD-SNMP-MIB::memTotalSwap UCD-SNMP-MIB::memAvailSwap UCD-SNMP-MIB::memTotalReal UCD-SNMP-MIB::memAvailReal UCD-SNMP-MIB::memTotalFree UCD-SNMP-MIB::memMinimumSwap UCD-SNMP-MIB::memShared.0 0 UCD-SNMP-MIB::memBuffer UCD-SNMP-MIB::memCached UCD-SNMP-MIB::memSwapError.0 0 UCD-SNMP-MIB::memSwapErrorMsg.0 Nagios Linux Day 2005 Pag 64

65 snmpwalk e snmptranslate Richiesta host snmptranslate: ottenere informazioni sui mib > snmpwalk -v 1 -c public localhost host.hrsystem HOST-RESOURCES-MIB::hrSystemUptime HOST-RESOURCES-MIB::hrSystemDate ,22:24:48.0,+2:0 HOST-RESOURCES-MIB::hrSystemInitialLoadDevice HOST-RESOURCES-MIB::hrSystemInitialLoadParameters.0 "root=/dev/sda7 HOST-RESOURCES-MIB::hrSystemNumUsers.0 1 HOST-RESOURCES-MIB::hrSystemProcesses HOST-RESOURCES-MIB::hrSystemMaxProcesses.0 0 > snmptranslate -Tp (provare per credere...) Nagios Linux Day 2005 Pag 65

66 Usare SNMP Come usiamo SNMP? Plugin, che accetta OID define command { command_name snmp_swap command_line $USER1$/check_snmp -H $HOSTADDRESS$ } -C $USER3$ -o , w $ARG1$:100 -c $ARG2$:100 -d ' ' Nagios Linux Day 2005 Pag 66

67 Un passo in piu' Registrare i dati Plugin apan con integrazione con RRD Il plugin oltre a notificare, registra i valori CGI per accedere ai grafici via web Visione del file per i dettagli Nagios Linux Day 2005 Pag 67

68 RRD Gestisce serie temporali di dati Utilizzabile a linea di comando anche via script Creiamo un database DS:swap:GAUGE:900:0:U RRA:AVERAGE:0.5:1:50400 Nagios Linux Day 2005 Pag 68

69 Creazione del database Creiamo un database DS:swap:GAUGE:900:0:U DS comando data source swap nome della sorgente GAUGE tipo di dato 900 intervallo di valutazione (frequenza temporale) 0:U limiti (U:unknown senza limiti) Nagios Linux Day 2005 Pag 69

70 Definizione della gestione temporale RRA:AVERAGE:0.5:1:50400 RRA tipo di archivio Round Robin Archive AVERAGE tipo di consolidamento dei dati (min, max, last) 0.5 fino al 50% dei punti consolidati puo' essere unknown considerando la media valida 1 dati utilizzati per calcolare la media quante generazioni di dati sono conservate nell'archivio Nagios Linux Day 2005 Pag 70

71 RRD Utilizzo Posso avere più serie temporali in un unico archivio rrdtool update file ds1:ds2 N:valore1:valore2 tool per generare un grafico dai dati Nagios Linux Day 2005 Pag 71

72 Scriviamo un plugin Shell: esame di apan in dettaglio Java: controllare Oracle via jdbc utilizziamo Java per installare solo il driver jdbc Oracle con il plugin controlliamo lo spazio utilizzato visione di oracheck.java (Oracle/mainCheck.java) Opzioni minime da supportare doc/developer-guidelines.html Nagios Linux Day 2005 Pag 72

73 Esempi pratici Visione e configurazione dei files in etc con controllo via interfaccia web Esame dell'output del plugin prova Variabili di ambiente Nagios Linux Day 2005 Pag 73

74 Fine

Nagios: un tool per resource & LAN/WAN monitoring. Giuseppe Sava [sava@ct.infn.it] Gennaro Tortone [tortone@na.infn.it]

Nagios: un tool per resource & LAN/WAN monitoring. Giuseppe Sava [sava@ct.infn.it] Gennaro Tortone [tortone@na.infn.it] Nagios: un tool per resource & LAN/WAN monitoring Giuseppe Sava [sava@ct.infn.it] Gennaro Tortone [tortone@na.infn.it] Workshop CCR INFN La Biodola Maggio 2002 Introduzione Nagios (evoluzione di NetSaint)

Dettagli

Monitoraggio di sistemi

Monitoraggio di sistemi Monitoraggio di sistemi di Rudi Giacomini Pilon Revisione.0 Questo documento tratterà di monitoraggio di sistemi e servizi distribuiti all interno di una LAN o di una WAN. Ove possibile saranno portati,

Dettagli

Linux Day 2014. Network Monitoring. Nagios. Alessandro Costetti alle@costetti.it. Luca Ferrarini luca@ferrarini.info 25/10/2014

Linux Day 2014. Network Monitoring. Nagios. Alessandro Costetti alle@costetti.it. Luca Ferrarini luca@ferrarini.info 25/10/2014 Linux Day 2014 Network Monitoring Nagios Alessandro Costetti alle@costetti.it Luca Ferrarini luca@ferrarini.info 25/10/2014 Network Monitoring può essere definito come l insieme dei controlli che è necessario

Dettagli

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DI RETE L.A.N. CON TOOLS OPEN SOURCE

IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DI RETE L.A.N. CON TOOLS OPEN SOURCE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA IMPLEMENTAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DI RETE L.A.N. CON TOOLS OPEN SOURCE Tutore Aziendale: Mauro

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Tutto quello di cui un amministratore di sistema necessita

Tutto quello di cui un amministratore di sistema necessita NAGIOS: Una rete sotto controllo Parte 1: Installazione e configurazione Controllare e monitorare adeguatamente un sistema informativo non è mai molto semplice, ma con Nagios è possibile farlo anche nel

Dettagli

NETSAINT. 0. Introduzione. Netsaint è un applicazione per il network-monitoring progettata per Linux (anche se esistono diversi porting)

NETSAINT. 0. Introduzione. Netsaint è un applicazione per il network-monitoring progettata per Linux (anche se esistono diversi porting) NETSAINT 0. Introduzione Cos è Netsaint Netsaint è un applicazione per il network-monitoring progettata per Linux (anche se esistono diversi porting) Caratteristiche principali monitoraggio dei servizi

Dettagli

Network Monitoring. Utilizzare Cacti ed SNMP per il monitoraggio della rete. Gianluca Renzi. IT Integration and Security www.systemeng.

Network Monitoring. Utilizzare Cacti ed SNMP per il monitoraggio della rete. Gianluca Renzi. IT Integration and Security www.systemeng. Utilizzare ed per il monitoraggio della rete IT Integration and Security www.systemeng.it Linux Day Università di Cassino - 27 Ottobre 2012 Sommario Architettura MIB Versioni NET- Esempi Installazione

Dettagli

STUDIO E IMPLEMENTAZIONE DEI MODULI DEL PROGRAMMA DI MONITORAGGIO DI RETE NAGIOS

STUDIO E IMPLEMENTAZIONE DEI MODULI DEL PROGRAMMA DI MONITORAGGIO DI RETE NAGIOS ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÁ DI BOLOGNA SEDE DI CESENA II FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA TITOLO DELL ELABORATO STUDIO E IMPLEMENTAZIONE DEI MODULI

Dettagli

Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica

Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica Università degli studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche, Naturali Dipartimento di Informatica Progetto di Sistemi per la gestione di reti MIB SNMP per il controllo di sistemi remoti Susanna

Dettagli

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011

Manuale utente. ver 1.0 del 31/10/2011 Manuale utente ver 1.0 del 31/10/2011 Sommario 1. Il Servizio... 2 2. Requisiti minimi... 2 3. L architettura... 2 4. Creazione del profilo... 3 5. Aggiunta di un nuovo dispositivo... 3 5.1. Installazione

Dettagli

M onitoring di ogni cosa con Nagios

M onitoring di ogni cosa con Nagios and M onitoring di ogni cosa con Nagios info@cutaway.it http://www.cutaway.it Di cosa Parleremo? Come funziona Nagios Diversi tipi di controllo Demo Cosa è Nagios? Nagios è un applicativo Open Source dedicato

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server.

Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Definizione di un MIB SNMP per la gestione di un print server. Luca Morlando Corso di Sistemi per l'elaborazione dell'informazione: complementi di Gestione di Reti pagina 1 di 33 Indice generale Definizione

Dettagli

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla

NetCrunch 6. Server per il controllo della rete aziendale. Controlla AdRem NetCrunch 6 Server per il controllo della rete aziendale Con NetCrunch puoi tenere sotto controllo ogni applicazione, servizio, server e apparato critico della tua azienda. Documenta Esplora la topologia

Dettagli

'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH DSSOLFDWLYR

'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH DSSOLFDWLYR 8QLYHUVLWjGHJOL6WXGLGL3LVD )DFROWjGL6FLHQ]H0DWHPDWLFKH)LVLFKHH1DWXUDOL &RUVRGLODXUHDLQ,QIRUPDWLFD 6LVWHPLGL(ODERUD]LRQHGHOO LQIRUPD]LRQH *HVWLRQHGLUHWL SURI/XFD'HUL 'HILQL]LRQHGLXQ0,%6103SHULOFRQWUROORGLVRIWZDUH

Dettagli

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature

Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Protocollo SNMP e gestione remota delle apparecchiature Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza

Dettagli

EyesServ. La piattaforma di monitoraggio per la tua sala server. Soluzioni Informatiche

EyesServ. La piattaforma di monitoraggio per la tua sala server. Soluzioni Informatiche EyesServ - La piattaforma di monitoraggio per la tua sala server Soluzioni Informatiche Che cos è EyesServ? EyesServ è una nuova soluzione per il monitoraggio infrastrutturale IT. E costituita da un pacchetto

Dettagli

MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti

MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti Universita degli studi di Pisa Facolta di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica MIB SNMP per l accesso ai dati di configurazione di pc: Gestione degli Utenti Sistemi di

Dettagli

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog

Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Corso di SGR 2000/2001 Realizzazione di un MIB SNMP per il controllo del servizio syslog Di Bruni Eden Diploma di Informatica Università degli studi di Pisa Pisa Italy E-Mail: bruni@cli.di.unipi.it 1.

Dettagli

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Network Management. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Network Management Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Cos è il network management? Gli autonomous system (o network ): centinaia o migliaia di oggetti hardware e software che interagiscono Come

Dettagli

NethMonitor: Tutto sotto controllo

NethMonitor: Tutto sotto controllo NethMonitor: Tutto sotto controllo Che cos'è NethMonitor? NethMonitor è una soluzione completa per il monitoraggio di reti, sistemi e servizi: Autodiscovery di reti e sistemi Monitoraggio di servizi locali

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA ANNO ACCADEMICO 2002/2003 DIPARTIMENTO DI INFORMATICA CORSO DI SISTEMI DI GESTIONE DI RETI DEFINIZIONE DI UN MIB SNMP PER IL CONTROLLO DI SISTEMI DI DISTRIBUZIONE AUTOMATICA

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution

Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution Una soluzione per il Provisioning e la Software Distribution Scenario Svariati server, con funzione in base all'area di competenza, dislocati nel territorio su Nodi Periferici collegati in rete (VPN) Un

Dettagli

Rapporto dei test della SM, sottosistema validato Deliverable 3.17.2. Versione 0.2 Data 27/06/2014

Rapporto dei test della SM, sottosistema validato Deliverable 3.17.2. Versione 0.2 Data 27/06/2014 Rapporto dei test della SM, sottosistema validato Deliverable 3.17.2 Versione 0.2 Data 27/06/2014 Informazioni sul documento ID Deliverable Titolo Deliverable D3.17.2 Rapporto dei test della SM, sottosistema

Dettagli

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER

MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER-DJ MIXER: gestione trasmissioni DJ: governance di MIXER MIXER Mixer è un ambiente applicativo di tipo Enterprise Service Bus (ESB) per la gestione delle trasmissioni di file su Linux. All'interno

Dettagli

Note sul tema IT METERING. Newits 2010

Note sul tema IT METERING. Newits 2010 Note sul tema IT METERING IT Metering La telemetria è una tecnologia informatica che permette la misurazione e la trascrizione di informazioni di interesse al progettista di sistema o all'operatore. Come

Dettagli

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix

I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT. Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix I veri benefici dell Open Source nell ambito del monitoraggio IT Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno

Dettagli

Nanemon Network Monitor

Nanemon Network Monitor Nanemon Network Monitor www.navynet.it www.navynet.it Tutto sotto controllo......nanemon è lo strumento adatto per fare in modo che la tua infrastruttura informatica non abbia problemi. Cos é Nanemon?

Dettagli

Gestione Quota. Orazio Battaglia

Gestione Quota. Orazio Battaglia Gestione Quota Orazio Battaglia Gestione Quota Windows Server 2008 R2 mette a disposizione strumenti per la definizione delle quote disco a due livelli: Livello utente Livello di cartella Definire delle

Dettagli

Server web e protocollo HTTP

Server web e protocollo HTTP Server web e protocollo HTTP Dott. Emiliano Bruni (info@ebruni.it) Argomenti del corso Cenni generali sul web IIS e Apache Il server web Micsosoft Internet Information Server 5.0 Il server web Apache 2.0

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 6

Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Reti di Telecomunicazione Lezione 6 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Lo strato di applicazione protocolli Programma della lezione Applicazioni di rete client - server

Dettagli

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera

Il Sistema Operativo. Introduzione di programmi di utilità. Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera CPU Memoria principale Il Sistema Operativo Elementi di Informatica Docente: Giorgio Fumera Corso di Laurea in Edilizia Facoltà di Architettura A.A. 2009/2010 ALU Unità di controllo Registri A indirizzi

Dettagli

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi

Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Capitolo 3: Strutture dei sistemi operativi Componenti del sistema Servizi di un sistema operativo Chiamate del sistema Programmi di sistema Struttura del sistema Macchine virtuali Progettazione e realizzazione

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP

Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP Corso di SGR 2001/2002 Definizione di un MIB SNMP per il controllo dello stato di un server DHCP GISELLA BRONZETTI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PISA MAIL: bronzett@cli.di.unipi.it

Dettagli

Nuvola It Data Space Easy Tutorial per l Amministratore. Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services

Nuvola It Data Space Easy Tutorial per l Amministratore. Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services Easy Tutorial per l Amministratore Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services Contents Introduzione Profilo Ammistratore Portale di gestione: Team Portal Il cliente che sottoscrive

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

Monitoraggio dei servizi di una intranet

Monitoraggio dei servizi di una intranet Monitoraggio dei servizi di una intranet Dai numerosi sondaggi e ricerche che compaiono su internet si desume che si sta andando sempre più verso l'integrazione di servizi e sistemi ogni giorno più complessi.

Dettagli

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica

Laboratorio di Networking Operating Systems. Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Dipartimento di Informatica - Università di Verona Laboratorio di Networking Operating Systems Lezione 2 Principali strumenti di diagnostica Master in progettazione e gestione di sistemi di rete edizione

Dettagli

Progetto di rete: Capacity Planning

Progetto di rete: Capacity Planning Progetto di rete: Capacity Planning Il Capacity Planning comprende tutta una serie di attività, che vanno dal monitoraggio e controllo dei carichi di rete al design della topologia, mediante le quali si

Dettagli

Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale

Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale Tecnologie Gnu Linux per la sicurezza della rete aziendale Massimiliano Dal Cero, Stefano Fratepietro ERLUG 1 Chi siamo Massimiliano Dal Cero CTO presso Tesla Consulting Sicurezza applicativa e sistemistica

Dettagli

Cambiamenti e novità della terza edizione...xix. Condivisione delle risorse in un workgroup con Samba...1

Cambiamenti e novità della terza edizione...xix. Condivisione delle risorse in un workgroup con Samba...1 Introduzione...xv Cambiamenti e novità della terza edizione...xix Ringraziamenti...xxi Capitolo 1 Condivisione delle risorse in un workgroup con Samba...1 Reti Windows... 2 Struttura base di Samba... 3

Dettagli

Nuvola It Data Space Easy Reseller Tutorial per l Amministratore. Top Clients Marketing ICT services

Nuvola It Data Space Easy Reseller Tutorial per l Amministratore. Top Clients Marketing ICT services Tutorial per l Amministratore Telecom Italia Business/Marketing Top Clients Marketing ICT services Portale di gestione: Reseller Portal Il cliente che sottoscrive il profilo di servizio può utilizzare

Dettagli

CUBE firewall. Lic. Computers Center. aprile 2003 Villafranca di Verona, Italia

CUBE firewall. Lic. Computers Center. aprile 2003 Villafranca di Verona, Italia CUBE firewall Lic. Computers Center aprile 2003 Villafranca di Verona, Italia ! " #! $ # % $ & 2000 1500 1000 Costo 500 0 Costo per l implentazione delle misure di sicurezza Livello di sicurezza ottimale

Dettagli

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag.

SNMP e RMON. Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s. Mario Baldi Politecnico di Torino. SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. SNMP e RMON Pietro Nicoletti Studio Reti s.a.s Mario Baldi Politecnico di Torino SNMP-RMON - 1 P. Nicoletti: si veda nota a pag. 2 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slides)

Dettagli

Network and IT Infrastructure Monitoring System

Network and IT Infrastructure Monitoring System NIMS+ Network and IT Infrastructure Monitoring System Software web based per il monitoraggio avanzato delle reti di telecomunicazioni, dell infrastruttura IT e delle Applicazioni 2 Soluzione software modulare,

Dettagli

Corso di SGR 2000/2001

Corso di SGR 2000/2001 Corso di SGR 2000/2001 Realizzazione di un MIB SNMP per la gestione di un server di Posta, inserito in un cluster di macchine che forniscono l accesso alle caselle e-mail ad utenti di un ISP Di Roberto

Dettagli

Esercitazione 5 Firewall

Esercitazione 5 Firewall Sommario Esercitazione 5 Firewall Laboratorio di Sicurezza 2015/2016 Andrea Nuzzolese Packet Filtering ICMP Descrizione esercitazione Applicazioni da usare: Firewall: netfilter Packet sniffer: wireshark

Dettagli

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba...

Introduzione...xv. I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix. Ringraziamenti...xxi. Condivisione delle risorse con Samba... Indice generale Introduzione...xv I cambiamenti e le novità della quinta edizione...xix Ringraziamenti...xxi Capitolo 1 Capitolo 2 Condivisione delle risorse con Samba...1 Reti Windows... 2 Struttura base

Dettagli

Capitolo 16 I servizi Internet

Capitolo 16 I servizi Internet Capitolo 16 I servizi Internet Storia di Internet Il protocollo TCP/IP Indirizzi IP Intranet e indirizzi privati Nomi di dominio World Wide Web Ipertesti URL e HTTP Motori di ricerca Posta elettronica

Dettagli

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL

Sistemi Operativi STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1. Sistemi Operativi. D. Talia - UNICAL STRUTTURA DEI SISTEMI OPERATIVI 3.1 Struttura dei Componenti Servizi di un sistema operativo System Call Programmi di sistema Struttura del sistema operativo Macchine virtuali Progettazione e Realizzazione

Dettagli

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1

Indice. Indice V INTRODUZIONE... XIII PARTE PRIMA... 1 Indice V Indice INTRODUZIONE................................................ XIII PARTE PRIMA...................................................... 1 1 Il business delle reti di computer.........................................

Dettagli

Monitoring & Reporting

Monitoring & Reporting Monitoring & Reporting Concetti di base sul monitoraggio dell infrastruttura IT di Michelangelo Uberti Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it Agenda Monitoraggio:

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Virtualizzazione e Network management

Virtualizzazione e Network management Open Source per le infrastrutture IT aziendali Virtualizzazione e Network management Marco Vanino Spin S.r.l. Servizi IT aziendali File/Printer Server ERP CRM EMail Doc Mgmt Servizi IT aziendali File/Printer

Dettagli

Indice. Indice V. Introduzione... XI

Indice. Indice V. Introduzione... XI V Introduzione........................................................ XI PARTE I Installazione di Linux come Server.............................. 1 1 Riepilogo tecnico delle distribuzioni Linux e di Windows

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Internet e Tecnologia Web

Internet e Tecnologia Web INTERNET E TECNOLOGIA WEB Corso WebGis per Master in Sistemi Informativi Territoriali AA 2005/2006 ISTI- CNR c.renso@isti.cnr.it Internet e Tecnologia Web...1 TCP/IP...2 Architettura Client-Server...6

Dettagli

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate

Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate protezione delle reti Il firewall Packet filtering statico in architetture avanzate FABIO GARZIA DOCENTE ESPERTO DI SECURITY UN FIREWALL PERIMETRALE È IL PUNTO CENTRALE DI DIFESA NEL PERIMETRO DI UNA RETE

Dettagli

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi

Contenuti. Applicazioni di rete e protocolli applicativi Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Chi ha già scelto nel mondo la nostra soluzione

Chi ha già scelto nel mondo la nostra soluzione InterMapper è un software di Network Monitoring, pensato per analizzare il traffico di rete. Le reti sono in continua evoluzione ed InterMapper rende la loro gestione più facile. Il monitoraggio, la mappatura

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Risponde alla necessità delle normative di tracciabilità Giustificazione delle transazioni

Risponde alla necessità delle normative di tracciabilità Giustificazione delle transazioni Perché Quick-CSi Risponde alla necessità delle normative di tracciabilità Giustificazione delle transazioni Protegge il sistema Informativo Finanza : Appropriazione indebita Sistema di pagamenti : Data

Dettagli

CORSO LINUX Sul Sistema RedHat Installazione Nagios Versione 1.0

CORSO LINUX Sul Sistema RedHat Installazione Nagios Versione 1.0 CORSO LINUX Sul Sistema RedHat Installazione Nagios Versione 1.0 Presentazione di: Ing. Introduzione a Nagios Situazione sotto controllo OpenSource e programmi affidabili Realtà distribuita Plugins e programmi

Dettagli

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003

Reti e Domini Windows 2000. Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Reti e Domini Windows 2000 Corso di Amministrazione di Reti A.A. 2002/2003 Materiale preparato utilizzando dove possibile materiale AIPA http://www.aipa.it/attivita[2/formazione[6/corsi[2/materiali/reti%20di%20calcolatori/welcome.htm

Dettagli

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma

Corso amministratore di sistema Linux. Corso amministratore di sistema Linux Programma Corso amministratore di sistema Linux Programma 1 OBIETTIVI E MODALITA DI FRUIZIONE E VALUTAZIONE 1.1 Obiettivo e modalità di fruizione L obiettivo del corso è di fornire le conoscenze tecniche e metodologiche

Dettagli

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor

Descrizione della piattaforma software MPS Monitor Descrizione della piattaforma software MPS Monitor MPS Monitor è il più completo sistema di monitoraggio remoto e di gestione integrata ed automatizzata dei dati e degli allarmi relativi ai dispositivi

Dettagli

Software di gestione della stampante

Software di gestione della stampante Questo argomento include le seguenti sezioni: "Uso del software CentreWare" a pagina 3-11 "Uso delle funzioni di gestione della stampante" a pagina 3-13 Uso del software CentreWare CentreWare Internet

Dettagli

Approfondimenti tecnici su framework v6.3

Approfondimenti tecnici su framework v6.3 Sito http://www.icu.fitb.eu/ pagina 1 I.C.U. "I See You" Sito...1 Cosa è...3 Cosa fa...3 Alcune funzionalità Base:...3 Alcune funzionalità Avanzate:...3 Personalizzazioni...3 Elenco Moduli base...4 Elenco

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Improve your management productivity

Improve your management productivity lob Balancing Power Improve your management productivity In molti ambienti aziendali la scalabilità, l'affidabilità e la ridondanza dei servizi informatici sono i punti chiave per fornire una soluzione

Dettagli

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione

Livello Applicazione. Davide Quaglia. Motivazione Livello Applicazione Davide Quaglia 1 Motivazione Nell'architettura ibrida TCP/IP sopra il livello trasporto esiste un unico livello che si occupa di: Gestire il concetto di sessione di lavoro Autenticazione

Dettagli

Sophos Virtualization Scan Controller guida per utenti. Versione prodotto: 1.0

Sophos Virtualization Scan Controller guida per utenti. Versione prodotto: 1.0 Sophos Virtualization Scan Controller guida per utenti Versione prodotto: 1.0 Data documento: luglio 2011 (rivista) Sommario 1 Informazioni sulla guida...3 2 Virtualization Scan Controller...3 3 Dove installare...3

Dettagli

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE

Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Servizio Sistemi Informativi SPERIMENTAZIONE DI RETI PRIVATE VIRTUALI CON L'UTILIZZO DI SOFTWARE OPEN SOURCE Redatto: Nucleo Gestione Innovazione e fornitori IT Versione: 1.0 Data emissione: 9/11/2006

Dettagli

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003

Il clustering. Sistemi Distribuiti 2002/2003 Il clustering Sistemi Distribuiti 2002/2003 Introduzione In termini generali, un cluster è un gruppo di sistemi indipendenti che funzionano come un sistema unico Un client interagisce con un cluster come

Dettagli

AGENDA.. Mission. Componenti SMC. Security Environment. Report. Eventi. Update prodotti. Faq. Achab 2009 pagina 1

AGENDA.. Mission. Componenti SMC. Security Environment. Report. Eventi. Update prodotti. Faq. Achab 2009 pagina 1 AGENDA. Mission. Componenti SMC. Security Environment. Report. Eventi. Update prodotti. Faq Achab 2009 pagina 1 SMC Il problema da risolvere Gestire in modo centralizzato i prodotti Avira Antivir installati

Dettagli

SNMP Watch Dog (Specifiche)

SNMP Watch Dog (Specifiche) SNMP Watch Dog (Specifiche) Progetto di Esame di Reti di Calcolatori Corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Realizzato da Scocco Gianfranco, matricola n. 21 03 50701 SNMP Watch Dog Sistema

Dettagli

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client

Sommario. Configurazione della rete con DHCP. Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client Seconda esercitazione Sommario Configurazione della rete con DHCP Funzionamento Configurazione lato server Configurazione lato client 2 Sommario Test di connettività ping traceroute Test del DNS nslookup

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET)

Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Tratte da (18. TECNICHE DI ACCESSO AI DATABASE IN AMBIENTE INTERNET) Ipotesi di partenza: concetti di base del networking Le ipotesi di partenza indispensabili per poter parlare di tecniche di accesso

Dettagli

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio

Sicurezza negli ambienti di testing. Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Sicurezza negli ambienti di testing Grancagnolo Simone Palumbo Claudio Obiettivo iniziale: analizzare e testare il Check Point VPN-1/FireWall-1 Condurre uno studio quanto più approfondito possibile sulle

Dettagli

DOUBLE-TAKE 5.0. Antonio Tonani Clever Consulting S.r.l. - Gen 2008. www.doubletake.com

DOUBLE-TAKE 5.0. Antonio Tonani Clever Consulting S.r.l. - Gen 2008. www.doubletake.com DOUBLE-TAKE 5.0 Antonio Tonani Clever Consulting S.r.l. - Gen 2008 Agenda Introduzione a Double-Take Software La nuova piattaforma Double-Take 5.0 Double-Take 5.0: Soluzioni per il Failover e il Ripristino

Dettagli

Schedulatore per la comunicazione con le Porte di Dominio

Schedulatore per la comunicazione con le Porte di Dominio Schedulatore per la comunicazione con le Porte di Dominio Configurazione e Supporto Versione 1.00 4 novembre 2004 Centro Servizi Ingegnerizzazione Prodotti Insiel S.p.A. 1/7 Sommario Introduzione...3 Linguaggio

Dettagli

Laboratorio di Progettazione Web

Laboratorio di Progettazione Web Il Server web Laboratorio di Progettazione Web AA 2009/2010 Chiara Renso ISTI- CNR - c.renso@isti.cnr.it E un programma sempre attivo che ascolta su una porta le richieste HTTP. All arrivo di una richiesta

Dettagli

VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN

VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN COME CONFIGURARE IL DISPOSITIVO DI TELEASSISTENZA VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN Requisiti hardware: Dispositivo VIPA 900-2E651 GSM/GPRS VPN con versione di firmware almeno 6_1_s2. SIM Card abilitata al traffico

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

Convertitore di rete NETCON

Convertitore di rete NETCON MANUALE DI PROGRAMMAZIONE INTERFACCIA TCP/IP PER SISTEMI REVERBERI Convertitore di rete NETCON RMNE24I0 rev. 1 0708 I N D I C E 1. Scopo... 4 2. Descrizione... 4 3. Collegamenti elettrici del dispositivo...

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

MIB SNMP PER LA GESTIONE DI UN SERVER WWW. Paola Filippini

MIB SNMP PER LA GESTIONE DI UN SERVER WWW. Paola Filippini <filippin@cli.di.unipi.it> MIB SNMP PER LA GESTIONE DI UN SERVER WWW Paola Filippini 1. Introduzione Il MIB e l unione di tutti gli oggetti gestiti (MO) all interno di un sistema, che astraggono una determinata

Dettagli

INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e sicurezza in architetture complesse

INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e sicurezza in architetture complesse INFOSECURITY 2006 9 febbraio 2006 La difficile arte del compromesso fra semplicità e security @ gelpi.it www.gelpi.it I computer sono al servizio dell'uomo e non l'uomo al servizio dei computer. Negli

Dettagli

Installation Guide. Pagina 1

Installation Guide. Pagina 1 Installation Guide Pagina 1 Introduzione Questo manuale illustra la procedura di Set up e prima installazione dell ambiente Tempest e del configuratore IVR. Questo manuale si riferisce alla sola procedura

Dettagli

Petra Provisioning Center, rel 3.1

Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Petra Provisioning Center, rel 3.1 Copyright 1996,2006Link s.r.l. 1 Questo documento contiene informazioni di proprietà riservata, protette da copyright. Tutti i diritti

Dettagli

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi

Database e reti. Piero Gallo Pasquale Sirsi Database e reti Piero Gallo Pasquale Sirsi Approcci per l interfacciamento Il nostro obiettivo è, ora, quello di individuare i possibili approcci per integrare una base di dati gestita da un in un ambiente

Dettagli

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale

Network Monitoring. Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Network Monitoring & Introduzione all attività di Network Monitoring introduzione a Nagios come motore ideale Nicholas Pocher Poker SpA - Settimo Torinese, Novembre 2013 1 Indice Il Network Monitoring:

Dettagli

Riccardo Paterna

Riccardo Paterna <paterna@ntop.org> Monitoring high-speed networks using ntop Riccardo Paterna Project History Iniziato nel 1997 come monitoring application per l'università di Pisa 1998: Prima release pubblica v 0.4 (GPL2)

Dettagli