ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE"

Transcript

1 ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE ISTITUTO TECNICO PER LE ATTIVITÀ SOCIALI G. D ANNUNZIO ISTITUTO STATALE D ARTE M. FABIANI Sede legale: Via Italico Brass Gorizia Tel.uffici 0481/ Fax 0481/ C.F Posta certificata: ANNO SCOLASTICO 2014/15 DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DELLA CLASSE 5ATT DOCENTI: Area linguisticostorico-letteraria Cognome Nome Materie Mollame Silvia Italiano Buccheri Antonella Spagnolo Cecchini Ornella Tedesco La Stella Franca Inglese Roperto Maria Grazia Arte e territorio Collenzini Cristina Storia Preo Dionella Religione Puzone Giovanni (sostit. Zago Antonella) Scienze motorie Area scientifico- tecnica Cognome Nome Materie Cardegna Massimo Discipline turistiche aziendali Grahonja Martina Matematica Cumbo Gisella Discipline giuridiche Tescione Ettore Geografia turistica 1

2 ALUNNI: Cognome Nome Cognome Nome 1. Angelino Serena 11. Lo Re Letizia 2. Anzolin Nicol 12. Marini Elena 3. Bazzaro Martina 13. Pasquali Stefania 4. Devidè Gaia 14. Puia Arianna 5. Dubinovic Medina 15. Pupovac Lidia 6. Franzot Marco 16. Trivellato Martina 7. Gonella Elisa 17. Viezzi Monica 8. Gramegna Elisa 18. Viola Elisa 9. Ieroncic Chiara 19. Vucinovic Ana 10. Kobal Sofia Allegati Relazioni finali dei docenti e programmi delle singole discipline Testi e griglie di correzione e valutazione delle simulazioni di prima, seconda e terza prova dell esame di stato. izia, INDICE 1. Presentazione della classe pag Quadro della classe.pag Obiettivi formativi e cognitivi del triennio.. pag Contenuti disciplinari e pluridisciplinari. pag Strategia operativa (metodi, strumenti, verifiche, uso dei materiali didattici ).. pag Tempi pag. 10 2

3 7. Attività curricolari. pag Attività extracurricolari.pag Attività di recupero e/o di sostegno.. pag Misurazione e valutazione.. pag Simulazioni delle prove d esame... pag Composizione del Consiglio della classe 5ATT (a.s. 2014/15). pag. 14 Relazioni finali dei docenti e programmi svolti: Relazione finale del docente di Italiano e programma svolto pag. 15 Relazione finale del docente di Storia e programma svolto pag. 24 Relazione finale del docente di Spagnolo e programma svolto.. pag. 27 Relazione finale del docente di Inglese e programma svolto.. pag. 30 Relazione finale del docente di Tedesco e programma svolto... pag. 35 Relazione finale del docente di Arte e territorio e programma svolto pag. 40 Relazione finale del docente di Scienze motorie e programma svolto.pag. 45 Relazione finale del docente di Religione e programma svolto...pag. 48 Relazione finale del docente di Matematica e programma svolto pag. 50 Relazione finale del docente di Discipline turistiche aziendali e programma svolto. pag. 55 Relazione finale del docente di Discipline giuridiche e programma svolto.. pag. 60 Relazione finale del docente di Geografia turistica e programma svolto.. pag. 65 Simulazioni svolte e griglie di correzione e valutazione N 1 simulazione di prima prova pag. 68 Griglie di correzione e valutazione della prima prova pag. 79 N 2 simulazioni di terza prova. pag. 83 Griglie di correzione e valutazione della terza prova pag. 95 N 1 simulazione di seconda prova (ESAME DI STATO 2011/2012) pag. 96 Griglie di correzione e valutazione della seconda prova..pag. 99 3

4 1. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La classe, che alla sua costituzione in prima contava 29 elementi, è da quest' anno scolastico composta da 19 alunni, di cui un maschio. Nel corso degli anni, ma soprattutto nel Biennio, la classe ha subito profondi cambiamenti nella sua composizione. Della classe originaria sono rimasti attualmente solo 9 elementi. Fin dal primo anno del corso si sono rese evidenti determinate caratteristiche di passività e carenze nel metodo, nonchè mancanza di adeguato impegno e organizzazione dello studio e dei saperi, di cui al punto 2, che non sono mutate col passare degli anni, neanche nei diversi assetti conseguenti a non ammissioni alle classi successive, a cambio di scuola o all arrivo di alunni ripetenti. In diverse discipline, anche caratterizzanti il corso, è da registrare un avvicendamento di docenti nel corso dei cinque anni, triennio compreso, meno evidente negli ultimi due anni. CONFIGURAZIONE DELLA CLASSE NEL TRIENNIO anno scolastico Classe Iscritti Provenienza Promossi a giugno Promossi ad agosto Non promossi (% promossi) 2012/13 3^ ATT 27 alunni (21 femmine e 6 maschi) 24 dalla classe 2^ATT, 2 dalla classe 3BT e 1 da altro Istit. (a.s. 2011/12); /14 4^ATT 24 alunni (20 femmine e 4 maschi) 24 dalla classe 3^ATT (a.s. 2012/13) /15 5^ ATT 19 alunni (18 femmine e 1 maschio) 19 dalla classe 4^ATT (a.s. 2013/14) COMPOSIZIONE DEL CONSIGLIO DI CLASSE NEL TRIENNIO Discipline Anni di corso Docenti classe terza a.s. 2012/13 Italiano Storia Docenti classe quarta a.s. 2013/14 Docenti classe quinta a.s. 2014/15 5 Loricchio Elisabetta Mollame Silvia Mollame Silvia Zorzut Vincenzo Marangon Edoardo Collenzini Cristina Spagnolo 3 Buccheri Antonella Stefani Raffaella Buccheri Antonella Tedesco 5 Cecchini Ornella Cecchini Ornella Cecchini Ornella Inglese 5 De Giorgio Marco Tucci Nella La Stella Franca Arte e territorio 3 Pasqualetti Riccardo Marri Franca Roperto Maria Grazia Religione 5 Preo Dionella Preo Dionella Preo Dionella Discipline turistiche 5 Pecorari Elisabetta Pecorari Elisabetta Cardegna Massimo 4

5 aziendali Matematica 5 Balzan Dolores Grahonja Martina Grahonja Martina Scienze motorie 5 Zago Antonella Zago Antonella Puzone Giovanni (Zago Antonella) Discipline giuridiche 5 Cumbo Gisella Cumbo Gisella Cumbo Gisella Geografia Turistica 3 Borra Alessandra (Brumat Sandra, Manco Irene) Tescione Ettore Tescione Ettore 2. QUADRO DELLA CLASSE La classe è risultata nell insieme piuttosto debole, modesta nelle sue potenzialità e scolastica, con interessi e impegno saltuari, in genere funzionali alle scadenze di verifica, limitati per lo più all esito in termini di voto e non di crescita personale. Si vuole evidenziare inoltre una tendenza allo studio mnemonico e competenze in molti casi compromesse dalle lacune accumulate nel corso del triennio. Non irrilevanti le diffuse difficoltà degli alunni nella produzione scritta. L insieme delle caratteristiche sopra descritte hanno reso piuttosto faticoso per tutta la classe il raggiungimento di obiettivi solidi. Nonostante l impostazione data dai docenti alla propria programmazione iniziale e in itinere, che ha privilegiato il sostegno al metodo di studio e allo sviluppo di valide competenze e rispettando anche i tempi di recupero di alcuni alunni, i risultati sono stati complessivamente modesti. Nella valutazione finale si tiene conto delle effettive possibilità e del profilo di ciascun alunno, premiando chi è stato costante nello studio o chi ha comunque fatto un personale percorso di crescita e maturazione. 3. OBIETTIVI DEL TRIENNIO Si fa riferimento agli obiettivi presenti nel Piano dell offerta formativa della scuola, fatti propri dal Consiglio di Classe, all PCUP dell Istituto, alle Competenze di Cittadinanza e alle Competenze di Asse individuate dai singoli Dipartimenti: 3.1 OBIETTIVI FORMATIVI sapersi rapportare agli altri nel rispetto delle regole partecipare costruttivamente al lavoro di classe eseguire con puntualità e precisione le consegne pianificare l impegno scolastico acquisire capacità di concentrazione e attenzione sapersi confrontare con la realtà che ci circonda e con l attualità 3.2 OBIETTIVI COGNITIVI TRASVERSALI comprendere le consegne date individuare le informazioni essenziali in un contesto per risolvere problemi utilizzare la terminologia disciplinare comprendere e analizzare testi orali e scritti saper fare una sintesi correlare argomenti, procedure ed esperienze attuare raccordi interdisciplinari, valorizzando anche le esperienze esterne allo stretto ambito scolastico produrre testi tipologicamente differenziati leggere semplici diagrammi, schemi, grafici e iconografie consultare riviste, vocabolari, manuali usare un PC, Internet e strumenti di calcolo 5

6 3.3 OBIETTIVI COGNITIVI Asse dei linguaggi Competenze Abilità Disciplina di riferimento Discipline concorrenti Gestisce autonomamente le abilità motorie E consapevole della propria corporeità come strumento di benessere e mezzo espressivo di comunicazione Trasferisce la teoria alla base dell attività motoria in stile di vita corretto Pratica con cognizione Gioco, Sport e gioco-sport con un etica corretta Elabora risposte motorie efficaci e consapevoli, al meglio delle capacità fisiche, economiche e personali in situazioni complesse Costruisce e realizza sequenze di movimento in situazioni di espressione corporea Padroneggia gli aspetti non verbali della comunicazione Assume comportamenti funzionali alla sicurezza in palestra e negli spazi aperti Trasferisce e riconosce tecniche, strategie e regole adattandole alle capacità ed a ciò di cui dispone (spazi- tempi) SCIENZE MOTORIE E SPORTIVE Imparare a imparare Utilizzare le reti informatiche nelle attività di studio, ricerca e approfondimento disciplinare tutte Progettare Produrre testi di diversa tipologia esprimendo anche opinioni personali tutte Usare la lingua con efficacia nella vita sociale e professionale, anche per esprimere opinioni. Italiano Lingue, Arte, Scienze Motorie Geografia Turistica Comunicare Padroneggiare gli aspetti non verbali Scienze Motorie 6

7 della comunicazione. Arte Distinguere e utilizzare consapevolmente stili e registri diversi. Italiano Lingue, Arte, Scienze Motorie Collaborare e partecipare Relazionarsi con abilità di interventi ad altri interlocutori tutte Sapersi confrontare con consapevolezza e responsabilità in tutte le situazioni. tutte Agire e comunicare in modo autonomo e responsabile Interagire a livello formale ed informale in situazioni comunicative di carattere generale e specialistico. tutte Risolvere problemi Utilizzare con consapevolezza e responsabilità gli strumenti linguistico- espressivi acquisiti per risolvere situazioni problematiche in compiti di realtà tutte Individuare collegamenti e relazioni Collegare tra loro i vari codici espressivi artistico-letterari. Operare collegamenti e stabilire relazioni nell ambito dei diversi ambiti disciplinari Italiano Arte tutte Acquisire e interpretare l informazione Appropriarsi delle informazioni tratte da vari testi per una crescita consapevole della propria persona nel rispetto del diverso da sé. tutte Analizzare la realtà del proprio territorio per riconoscerne la specificità del partimonio culturale e ambientale. tutte Asse storico-sociale Competenze Abilità Disciplina di Discipline concorrenti 7

8 riferimento 1. Comprendere, anche in una prospettiva interculturale, il cambiamento e la diversità dei tempi storici in dimensione diacronica attraverso il confronto epoche e in dimensione sincronica attraverso il confronto tra aree geografiche e culturali. Orientarsi all'interno dei più significativi eventi storici analizzati soprattutto relativamente alla loro evoluzione politica, economica e sociale tra IL XIX E IL XXI sec. Confrontare le proposte della tradizione filosofica e delle scienze umane con problemi significativi della realtà contemporanea. Saper esporre gli eventi storici seguendo criteri spazio-temporali e logico-consequenziali. Saper individuare i principi e i valori di una società equa e solidale Individuare i tratti caratteristici della multiculturalità e interculturalità nella prospettiva della coesione sociale Riconoscere gli elementi caratterizzanti la struttura sociale. Consolidare una mentalità ispirata al pluralismo, al riconoscimento e al rispetto delle diversità di pensiero, culturali e valoriali, ancorando l oggetto di studio anche alla propria esperienza personale. storia Geografia Turistica religione Legislazione 2.Condividere principi e valori per l'esercizio della cittadinanza alla luce del dettato della Costituzione italiana, dei trattati europei, della dichiarazione universale dei diritti umani a tutela della persona, della collettività e dell'ambiente Comprendere l'organizzazione costituzionale del nostro Paese anche per esercitare con consapevolezza diritti e doveri. Identificare i principi e i valori fondamentali propri della cittadinanza europea. Comprendere le problematiche relative alla tutela dei diritti umani Riconoscere i valori fondamentali della cittadinanza attiva nei materiali storici presentati reinterpretati in chiave personale Legislazione Storia Religione Geografia Turistica 3. Cogliere le implicazioni storiche, etiche, sociali, produttive ed economiche Individuare le relazioni tra i fenomeni affrontati e la contemporaneità. Tecnica turistica Storia Geografia Turistica 8

9 ed ambientali dell'innovazione scientificotecnologica e, in particolare, il loro impatto sul mondo del lavoro e sulle dinamiche sociali asse matematico Competenze Abilità Disciplina di riferimento Discipline concorrenti Utilizzare il linguaggio, i concetti e le procedure del pensiero matematico per formalizzare, modellizzare e risolvere problemi anche legati alla descrizione della realtà Si fa riferimento al piano di lavoro individuale Matematica Analizzare dati e interpretarli sviluppando deduzioni e ragionamenti sugli stessi anche con l'ausilio di rappresentazioni grafiche, usando consapevolmente gli strumenti di calcolo e le potenzialità offerte da applicazioni specifiche di tipo informatico Matematica Geografia Turistica Confrontare ed analizzare figure geometriche, individuando invarianti e relazioni Matematica Utilizzare le tecniche e le procedure dell analisi matematica. Matematica Il Consiglio di classe ritiene che la classe, nell insieme, abbia conseguito gli obiettivi formativi e cognitivi sopra richiamati in misura strettamente sufficiente. 4. CONTENUTI Disciplinari I contenuti disciplinari programmati sono stati svolti nella loro sostanza (si rimanda ai programmi dettagliati predisposti dai singoli docenti ed allegati al presente documento). Pluridisciplinari Per mantenere una certa elasticità nel percorso didattico, non sono stati concordati fra i docenti contenuti specifici, tuttavia si è presentata più volte l occasione nel corso dell anno scolastico di fare richiami tra le varie discipline su argomenti comuni o di reciproco sostegno. I corsi di studi del nostro Istituto hanno infatti, tra i loro traguardi formativi, quello di permettere allo studente di acquisire una professionalità polivalente, capace di adeguarsi alla complessità e ai mutamenti della nostra società. Il corso turistico, in particolare, basa la sua specificità proprio su un approccio pluridisciplinare avendo nel proprio 9

10 curricolo discipline sia di area storico-linguistica-letteraria, sia tecnica-scientifica, profondamente connesse e complementari tra di loro. Al proposito si rimanda ai programmi dei singoli docenti. 5. STRATEGIA OPERATIVA Metodi Lezione frontale Lavori di gruppo Discussione in classe Attività di conversazione Ricerca guidata Insegnamento per problemi, cercando di trovare insieme la soluzione Risoluzione di esercizi di diverso livello di difficoltà Strumenti Libro di testo Materiali degli insegnanti Internet Uso di audiovisivi e del laboratorio di informatica Uscite didattiche o approfondimenti con esperti Attività progettuali con enti esterni Verifiche In linea di massima per tutte le discipline: due verifiche sommative scritte e due orali nel Primo Periodo e tre scritte e tre orali nel Secondo Periodo Correzione elaborati domestici Verifiche formative Uso dei laboratori, delle attrezzature, delle tecnologie, della biblioteca. dei materiali didattici e dei libri di testo Il laboratorio di informatica è stato utilizzato principalmente nelle materie di indirizzo; lo stesso per quello di arte; il PC presente in classe è stato anche occasionalmente utilizzato per la presentazione ed il reperimento di materiali e lo svolgimento di lezioni. I testi in adozione sono stati costante riferimento e le aule speciali della scuola sono state rese disponibili per incontri culturali o altro. Le lezioni di Scienze motorie si sono svolte in diverse strutture esterne alla sede, in quanto questa è sprovvista di palestra. 6. TEMPI Tempi previsti dai programmi ministeriali: 32 ore (unità orarie) settimanali + 3 ore di potenziamento nelle discipline Storia, Discipline turistico aziendali, Inglese per un totale di 33 settimane di scuola. 7. ATTIVITA' CURRICOLARI A.s (classe terza) Incontro "La legalità oggi per la sicurezza domani" nell'ambito del Progetto "Educazione alla Legalità" Visita degli alberghi della Provincia A.s (classe quarta) 10

11 Visita in lingua inglese presso Osservatorio Astronomico di Farra d Isonzo Partecipazione al Progetto FIXO S & U Partecipazione individuale ai Giochi di Archimede (matematica) Stage di lingua spagnola a Salamanca Uscita didattica al Monastero di S.Orsola a Gorizia Uscita didattica al Monastero di Castagnavizza Visita dell Hotel Entourage di Gorizia Uscita didattica a Vicenza con visita della mostra Verso Monet Visita della mostra Vito Timmel. Suggestioni secessioniste nella Monfalcone degli anni venti Partecipazione al convegno A Gorizia fra Europa e Adriatico, dialoghi tra Istituzioni, giornalisti e giovani sul futuro dell Europa, dell allargamento e dell integrazione Corso di formazione sulla sicurezza Corso di Tennis Incontro con il presidente dell ADVS (donatori di sangue) A.s (classe quinta) Attività di orientamento in uscita previste dalle Università di Trieste e Udine Orientamento delle Forze Armate Partecipazione individuale ai Giochi di Archimede (matematica) Viaggio di istruzione a Berlino ( ) Autoemoteca donazione del sangue Corso di Tennis Incontri con l Accademia Europeistica Uscita didattica a Ferrara con visita delle mostre La rosa di fuoco. La Barcellona di Picasso e Gaudì e L Arte per l Arte. Il Castello estense ospita Giovanni Boldini e Filippo De Pisis Incontro Legalità nell economia con la Guardia di Finanza Eventuale partecipazione alla manifestazione èstoria (che ha luogo dopo il 15 di maggio) 8. ATTIVITA' EXTRACURRICOLARI Partecipazione, nel corso del triennio, alle seguenti iniziative culturali, sociali e sportive: Adesione GSS (avviamento alla pratica sportiva anche in orario extracurricolare) Stage lavorativo in azienda in quarta per tutti gli alunni 9. ATTIVITA' DI RECUPERO E/O SOSTEGNO Tutti i docenti hanno svolto recupero in orario curricolare, oppure sono state date indicazioni di studio individuale. 10. MISURAZIONE E VALUTAZIONE Ci si è avvalsi delle tabelle di seguito riportate e presenti nel P.O.F. come riferimento per l attribuzione di giudizi e voti. Indicatori e descrittori per l'attribuzione dei voti voto definizione livelli di apprendimento 10 Lo studente dimostra di possedere tutte le competenze richieste dal compito e totale autonomia anche in contesti non noti. Si esprime in modo sicuro ed appropriato, sa formulare valutazioni critiche ed attivare un processo di autovalutazione. 9 Lo studente dimostra di possedere tutte le competenze richieste dal compito, dimostra autonomia e capacità di trasferire le competenze in contesti noti e non noti. Possiede ricchezza e proprietà di linguaggio. E in grado di attuare un processo di autovalutazione. 8 Lo studente dimostra di possedere tutte le competenze richieste dal compito, dimostra autonomia e capacità di trasferire le competenze in contesti noti e anche parzialmente in contesti non noti. Il linguaggio è corretto ed appropriato. 11

12 7 Lo studente dimostra di possedere competenze su contenuti fondamentali, autonomia e capacità di trasferire le competenze in contesti noti al di fuori dei quali evidenzia difficoltà. Si esprime in modo sostanzialmente corretto e appropriato. 6 Lo studente dimostra di conoscere gli argomenti proposti e di saper svolgere i compiti assegnati solo nei loro aspetti fondamentali. Le competenze raggiunte gli consentono una parziale autonomia solo nei contesti noti. L espressione risulta incerta e non sempre appropriata. 5 Lo studente evidenzia delle lacune nella conoscenza degli argomenti proposti e svolge solo in modo parziale i compiti assegnati; si orienta con difficoltà e possiede un linguaggio non sempre corretto e appropriato. 4 Lo studente evidenzia diffuse lacune nella conoscenza degli argomenti proposti e svolge i compiti assegnati con difficoltà ed in modo incompleto. Si esprime in modo stentato commettendo errori sostanziali. 3 Lo studente evidenzia gravi e diffuse lacune nella conoscenza degli argomenti proposti e svolge i compiti assegnati solo in parte minima e non significativa. Si esprime con grande difficoltà, commettendo errori gravi e sostanziali. 2 Lo studente non ha alcuna conoscenza degli argomenti trattati e non è in grado di svolgere anche semplici compiti assegnati. 1 Lo studente non fornisce alcuna risposta o non esegue nessun compito. Griglia di valutazione del comportamento degli studenti Indicatori Scrupoloso rispetto del regolamento scolastico Rispetto degli altri e dell istituzione scolastica Frequenza assidua o assenze sporadiche, rari ritardi e/o uscite anticipate Puntuale e serio svolgimento delle consegne scolastiche Interesse e partecipazione propositiva alle lezioni ed alle attività della scuola Ruolo propositivo all interno della classe e ottima socializzazione Corretto utilizzo del patrimonio della scuola Rispetto delle norme disciplinari d Istituto Frequenza assidua o assenze sporadiche, rari ritardi e/o uscite anticipate Costante adempimento dei doveri scolastici Interesse e partecipazione attiva alle lezioni Equilibrio nei rapporti interpersonali Ruolo positivo e collaborazione nel gruppo classe Corretto utilizzo del patrimonio della scuola Osservazione regolare delle norme fondamentali relative alla vita scolastica Alcune assenze, ritardi e/o uscite anticipate Svolgimento regolare dei compiti assegnati Discreta attenzione e partecipazione alle attività scolastiche Correttezza nei rapporti interpersonali Ruolo collaborativo al funzionamento del gruppo classe Corretto utilizzo del patrimonio della scuola Episodi limitati e non gravi di mancato rispetto del regolamento scolastico documentati sul registro di classe Ricorrenti assenze, ritardi e/o uscite anticipate Saltuario svolgimento dei compiti assegnati Partecipazione discontinua all attività didattica Interesse selettivo Rapporti sufficientemente collaborativi con gli altri Episodi lievi di non corretto utilizzo del patrimonio della scuola Episodi di mancato rispetto del regolamento scolastico, anche soggetti a sanzioni disciplinari purché seguiti da un significativo miglioramento Frequenti assenze e numerosi ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Scarsa partecipazione alle lezioni e disturbo dell attività didattica Disinteresse per alcune discipline Rapporti problematici con gli altri Episodi di non corretto utilizzo del patrimonio della scuola Precedente irrogazione sanzione disciplinare per: Mancato rispetto del regolamento scolastico Numerose assenze e continui ritardi e/o uscite anticipate Mancato svolgimento dei compiti assegnati Continuo disturbo delle lezioni Completo disinteresse per le attività didattiche Comportamento scorretto nel rapporto con insegnanti, compagni e personale scolastico Funzione negativa nel gruppo classe Valutazione minore/uguale a 5 12

13 Mancanze gravi nel corretto utilizzo del patrimonio della scuola Nell individuazione dei suddetti livelli di apprendimento e nella conseguente attribuzione dei corrispondenti voti intermedi e finali si tiene, altresì, conto delle seguenti voci: Evoluzione delle conoscenze, abilità e competenze Interesse Impegno Partecipazione all'attività didattica Metodo di lavoro 11. SIMULAZIONE DELLE PROVE D'ESAME Sono state effettuate alla data del 11 maggio 2015 le seguenti simulazioni: prima simulazione di terza prova: data: durata: 180 minuti tipologia: B discipline: Tedesco, Arte e territorio, Matematica, Discipline giuridiche, Storia seconda simulazione di terza prova: data: durata: 180 minuti tipologia: B discipline: Spagnolo, Tedesco, Arte e territorio, Economia turistica aziendale, Geografia turistica simulazione di prima prova ( italiano): data: durata: 6 ore tipologia: viene somministrata una delle prove di precedenti Esami di Stato simulazione seconda prova (inglese): data: durata: 6 ore tipologia: viene somministrata una delle prove di precedenti Esami di Stato Delle simulazioni di prima, seconda e di terza prova sono allegati i testi e le griglie di valutazione. 13

14 12. IL CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 5^ATT Cognome e Nome Disciplina insegnata Firma Mollame Silvia Italiano Buccheri Antonella Spagnolo Cecchini Ornella Tedesco La Stella Franca Inglese Roperto Maria Grazia Arte e territorio Collenzini Cristina Storia Tescione Ettore Geografia turistica Preo Dionella Religione Grahonja Martina Matematica Puzone Giovanni (in sostit. Scienze motorie di Zago Antonella) Cumbo Gisella Discipline giuridiche Cardegna Massimo Discipline turistiche ed aziendali Gorizia, 11 maggio 2015 il Coordinatore del C.d.C. Il Segretario del C.d.C. ALLEGATE DI SEGUITO: - LE PROGRAMMAZIONI - LE SIMULAZIONI - LE GRIGLIE DI VALUTAZIONE 14

15 ALLEGATO AL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5ATT A.S. 2014/2015 R E L A Z I O N E F I N A L E DISCIPLINA: ITALIANO DOCENTE:SILVIA MOLLAME Ore settimanali curricolari: 4 Ore complessive previste: 132 Ore di lezione effettivamente svolte al giorno 11 maggio 2015: 101 Ore preventivate da effettuare fino alla conclusione dell anno scolastico : 17 Libro di testo adottato : : Roncoroni, Cappellini, Dendi, Sada, Tribulato Il rosso e il blu vol. 3a (tra Ottocento e Novecento ) e 3b (Dal Novecento a oggi). Edizioni Signorelli Scuola QUADRO DEL PROFITTO DELLA CLASSE Livello di partenza della classe La situazione della classe, all inizio dell anno scolastico, risulta sufficientemente omogenea per livello culturale, meno per capacità e attitudini. Si rileva nel complesso interesse e partecipazione al dialogo educativo mediamente sufficienti, un applicazione allo studio discontinua e piuttosto mnemonica ; solo alcuni alunni dimostrano di aver acquisito, durante il loro corso di studi, una soddisfacente attitudine al dialogo e alla riflessione personale degli argomenti studiati. Diversi alunni presentano difficoltà o incertezze nella produzione scritta. Obiettivi : CONOSCENZE -Conoscere i generi letterari, il loro sviluppo e le loro caratteristiche - Conoscere le tappe significative del percorso letterario compiuto dagli autori proposti - Conoscere il contesto storico-culturale in cui operano gli autori - Conoscere le strutture morfologiche e sintattiche della lingua italiana e il corretto uso dei lessemi e dei registri COMPETENZE - Individuare ed esplicitare le relazioni tra i vari autori e i testi esaminati - Analizzare i testi sotto il profilo tematico, metrico, linguistico e stilistico - Sintetizzare e rielaborare in modo personale, per iscritto e oralmente, i concetti portanti presenti nelle opere trattate - Operare confronti tra testi dello stesso autore e/o autori diversi - Contestualizzare i testi presi in esame - Esprimere le proprie conoscenze e riflessioni in modo chiaro, corretto ed appropriato, sia in 15

16 forma orale che scritta - Scrivere testi coesi e coerenti secondo modalità definite ABILITA - Individuare i concetti fondamentali espressi in un testo - Ricavare le idee e i principi di poetica dei vari autori - Organizzare il proprio pensiero in modo logico e coerente QUADRO DEL PROFITTO DELLA CLASSE Partecipazione al dialogo educativo ; modesta; alcuni studenti hanno lavorato in modo più autonomo, altri hanno esibito un atteggiamento più passivo. Interesse e attitudine alla disciplina mediamente sufficiente, ma si rilevano ancora diffuse difficoltà nella produzione scritta. Impegno nello studio discontinuo, talvolta superficiale in parte della classe, più costante per altri. Metodo di studio per alcuni è stato abbastanza organizzato, per altri più assimilativo e mnemonico. Un ridotto numero di allievi con discrete capacità di analisi e di sintesi, con uno studio diligente ha acquisito un livello soddisfacente di conoscenze, competenze ed abilità. Un secondo gruppo, più numeroso, si è impegnato con discontinuità, per lo più in previsione di scadenze e verifiche, e ha raggiunto una preparazione anche sufficiente, ma poco rielaborata. Per qualche allievo gli obiettivi non sono stati conseguiti in maniera del tutto sufficiente, principalmente a causa di un metodo di studio inadeguato, assimilativo e mnemonico, delle difficoltà espressive e dell incerta preparazione di base. Nel complesso parte degli alunni incontra ancora difficoltà nell organizzazione dei contenuti, soprattutto in relazione ad organicità e correttezza espressiva, rispetto delle consegne e consapevolezza comunicativa. Poco significativi sono stati i progressi compiuti in riferimento a competenze critico-espressive e autonomia di approfondimento e collegamenti inter e intradisciplinari. STRATEGIA OPERATIVA Metodi: Per l acquisizione degli obiettivi prefissati è stata utilizzata, come momento imprescindibile nella prassi didattica, la tradizionale lezione frontale, volta a fornire agli alunni di volta in volta il nuovo argomento di studio e i suoi punti essenziali. E stata utilizzata, inoltre, la forma della lezione partecipata e dialogata, al fine di abituare gli allievi ad ancorare i nuovi argomenti alle conoscenze pregresse, ad esprimere, motivandole, le loro impressioni e ad operare confronti. Il programma è stato impostato secondo percorsi modulari. La presentazione delle singole correnti o degli autori è stata per lo più sintetica o schematica per essere d aiuto a chi ha dimostrato incertezza 16

17 nei collegamenti Si è ritenuto opportuno privilegiare la lettura, la comprensione e l analisi dei testi, strumento essenziale per meglio cogliere la specificità dell autore nel suo contesto culturale. Sussidi didattici - il manuale in uso - schemi ed appunti personali - materiale fornito in fotocopia dall insegnante Verifiche: Interrogazioni orali, colloqui, prove scritte di varia tipologia. MISURAZIONE E VALUTAZIONE Criteri: Le verifiche orali sono consistite principalmente in colloqui che, partendo di norma dalla lettura e dall analisi di un testo affrontato in classe, hanno mirato ad accertare le abilità di analisi, la conoscenza degli argomenti, la padronanza della lingua italiana e del registro linguistico, la capacità di rielaborazione personale dei contenuti, l attitudine ad operare collegamenti, la presenza di riflessioni personali. Nelle prove scritte si sono valutate la correttezza formale, la proprietà lessicale, la fluidità espositiva, la conoscenza dei contenuti, la validità e originalità dell argomentazione, il senso critico, il rispetto delle consegne. Strumenti: Il controllo dell apprendimento è stato effettuato sia attraverso il continuo dialogo educativo, inteso a sollecitare interventi dal posto, sia attraverso interrogazioni tradizionali, sia attraverso prove scritte di conoscenza e comprensione degli argomenti studiati, sia tramite ricerche personali. In preparazione della prova scritta d esame sono state proposte verifiche sia sul tema tradizionale, sia sul modello di scrittura dell analisi del testo e del saggio. ATTIVITA DI RECUPERO E SOSTEGNO Sono stati effettuate, durante le ore curricolari, attività di recupero finalizzato a potenziare le capacità di organizzazione logica del discorso, le competenze espressivo -comunicative e le conoscenze di base per l analisi e l interpretazione di un testo letterario. La correzione e il commento degli elaborati prodotti dagli allievi, inoltre, hanno costituito l occasione per ripassare contenuti, regole grammaticali e usi linguistici e per riflettere sugli errori e sui meccanismi che li hanno generati. 17

18 ENTUALI FATTORI CHE HANNO OSTACOLATO IL PROCESSO DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO -Utilizzo di parecchie ore di lezione per uscite didattiche, incontri culturali ed iniziative varie. Lavoro domestico incostante - Impegno non adeguato da parte di alcuni alunni - - Lacune pregresse non colmate INDICATORI E DESCRITTORI PER L ATTRIBUZIONE DEI VOTI Durante tutto l anno nell attribuzione dei voti alle prove si è fatto costantemente riferimento alla tabella inserita nel documento del 15 maggio tratta dal P.O.F. di Istituto. Gorizia, 11 maggio 2015 L insegnante Prof.ssa Silvia Mollame 18

19 ALLEGATO AL DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE 5ATT A.S. 2014/2015 CONTENUTI DISCIPLINARI DISCIPLINA: ITALIANO DOCENTE: SILVIA MOLLAME Libro di testo adottato : Roncoroni, Cappellini, Dendi, Sada, Tribulato Il rosso e il blu vol. 3a (tra Ottocento e Novecento ) e 3b (Dal Novecento a oggi). Edizioni Signorelli scuola Organizzazione dei moduli (con indicazione dei tempi) Ore di lezione preventivate all inizio dell anno : 132 Ore di lezione effettivamente svolte al 11 maggio 2015: 101 Ore preventivate da effettuare fino alla conclusione dell anno scolastico : 17 - Giacomo Leopardi : ore 16 - Manzoni e il romanzo storico : ore 18 - La narrativa tra Ottocento e Novecento: ore 25 - La poesia tra Ottocento e Novecento : ore 28 - E Montale : ore 6 - La letteratura come testimonianza : ore 5 - La produzione scritta : ore 20 19

20 Romanticismo: la cultura romantica, origini e diffusione del Romanticismo, i manifesti romantici, la polemica classicoromantica in Italia, le poetiche, i generi, il pubblico. Il secolo del romanzo Giacomo Leopardi: dati Da Zibaldone: biografici e contestualizzazione Un giardino di piante di erbe e di fiori.. dell autore; il pensiero, la poetica La teoria del piacere le opere La poetica del vago e dell indefinito da I Canti : L infinito A Silvia La quiete dopo la tempesta Il sabato del villaggio A se stesso Canto notturno di un pastore errante dell Asia sintesi de La ginestra da Operette morali : Dialogo della natura e di un islandese Dialogo di Tristano e di un amico Dialogo di un venditore di almanacchi e di un passeggere Alessandro Manzoni : dati biografici; vero storico e vero poetico; le odi e le tragedie, il romanzo storico dalla Lettre à Monsieur Chauvet...: Storia e poesia dalla Lettera a C. d' Azeglio sul Romanticismo L'utile, il vero, l interessante dall Adelchi : Coro dell atto III dalle Odi: Il cinque maggio I Promessi Sposi ( conoscenza generale dell opera e sua interpretazione, le diverse edizioni e la soluzione del problema linguistico. Analisi in particolare di L incontro con i bravi Gertrude, la monaca di Monza 20

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO

CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO CURRICOLO D ISTITUTO PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE-SCUOLA SECONDARIA I GRADO Competenze chiave del Parlamento europeo e del Consiglio d Europa per l apprendimento permanente (Racc. UE 18/12/2006). Competenze

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio

nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Strumee nti materiali per la certificazione delle competenze Diritto D ed E conomia primo biennio Giorgia Lorenzato 2011 by Mondadori Education S.p.A., Milano Tutti i diritti riservati www.mondadorieducation.it

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI

la rilevazione degli apprendimenti INVALSI I quadri di riferimento: Matematica Il Quadro di Riferimento (QdR) per le prove di valutazione dell'invalsi di matematica presenta le idee chiave che guidano la progettazione delle prove, per quanto riguarda:

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura

CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura CURRICOLI SCUOLA DELL INFANZIA LA CONOSCENZA DEL MONDO Ordine, misura, spazio, tempo, natura TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino raggruppa e ordina secondo criteri diversi, confronta

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

LICEO STATALE Carlo Montanari

LICEO STATALE Carlo Montanari Classe 1 Simple del verbo to be in tutte le sue forme Il Present Simple del verbo to have (got) in tutte le sue forme Gli aggettivi e pronomi possessivi Gli articoli a/an, the Il caso possessivo dei sostantivi

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e

La prova di matematica nelle indagini IEA TIMSS e PIANO DI INFORMAZIONE E FORMAZIONE SULL INDAGINE OCSE-PISA E ALTRE RICERCHE NAZIONALI E INTERNAZIONALI Seminario provinciale rivolto ai docenti del Primo Ciclo La prova di matematica nelle indagini IEA

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

Documento del 15 maggio

Documento del 15 maggio Educazione&Scuola Documento del 15 maggio Esempi prodotti da: 1. Seminario presidi - Piemonte 2. IRRSAE del Veneto 3. IPSS "Bartolomeo Montagna" di Vicenza 4. IPSIA "Duca d'aosta" di Roma 5. ITSCG "Pier

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ

SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ SCHEDA RILEVAZIONE DELLE ATTIVITÀ Cognome Nome: Data: P a g i n a 2 MODALITA DI CONDUZIONE DELL INTERVISTA La rilevazione delle attività dichiarate dall intervistato/a in merito alla professione dell assistente

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi.

Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle conoscenze e abilità degli allievi. Risultati delle prove di ingresso delle classi prime e raffigurazione del profilo medio delle abilità degli allievi. I risultati sono stati raccolti in un foglio elettronico e visualizzati con grafici,

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli