Guida alle Normative

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida alle Normative"

Transcript

1 PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA VERIFICA IMPIANTI TERMICI ai sensi D.P.R. 412/93 e s.m.i. Guida alle Normative per l esercizio e la manutenzione degli Impianti Termici

2 a cura del Settore Ambiente ed Energia Servizio Risparmio Energetico Responsabile Geom. Francesco Fazzello Uno strumento al servizio del cittadino

3 Dopo anni di informazione in materia ambientale, oggi esiste una coscienza comune che sostiene e condivide l impegno concreto per la salvaguardia dell ambiente e del nostro ecosistema. È, invece, diverso l approccio con il mondo energetico. Spesso, da cittadini, inconsapevolmente, contribuiamo ad elevare i consumi energetici, e, tra l altro, involontariamente, forniamo un forte contributo alle emissioni dannose. L ottimizzazione dell uso di energia è un imperativo per ogni cittadino, non solo perché la normativa vigente lo impone, ma soprattutto perché è elemento indispensabile per la salvaguardia dell ambiente e delle risorse. Ognuno di noi deve fornire il proprio contributo, scegliendo energia pulita ed utilizzandola nel modo migliore. L obiettivo di questa guida è fornire ad ogni cittadino uno strumento di informazione corretta, appropriata e comprensibile su un tema centrale per il nostro futuro, divulgando l uso ottimale e intelligente dell energia, a partire dalla quotidianità e dal controllo degli impianti termici. La Provincia di Reggio Calabria, consapevole che alla base di un ambiente vivibile e di uno sviluppo sostenibile c è l energia, nelle sue molteplici forme, vuole offrire a tutti i cittadini la possibilità di risparmiare, contribuendo fattivamente, nel contempo, alla salvaguardia del territorio. Da sempre attenta ai problemi ambientali, sensibile alla qualità della vita, l Amministrazione Provinciale promuove e sostiene questa azione nella consapevolezza che amministrare significa, innanzi tutto, stare dalla parte del cittadini, metterli nelle condizioni di fare scelte appropriate, economicamente certe e tecnicamente sicure. In questo senso vogliamo aprire un dialogo serio, costruttivo, che ci permetta di raggiungere tre fondamentali obiettivi che, in realtà, costituiscono la vera missione del nostro lavoro: la sicurezza, il rispetto dell ambiente, il risparmio energetico. È nostra precisa volontà dare vita a un meccanismo di ampia collaborazione, che trovi proprio nel cittadino il soggetto più convinto della validità e bontà di questi controlli, perché consapevole che l Ente pubblico sta lavorando nell interesse comune del territorio.

4 Riscaldiamo. L Ambiente! Ogni anno in Italia per riscaldare le nostre abitazioni bruciamo circa 14 miliardi di metri cubi di gas, 6,5 miliardi di litri di gasolio, oltre a 2,4 milioni di tonnellate di combustibili solidi, come il carbone e la legna. Così facendo si riversano nell aria circa tonnellate di sostanze inquinanti come ossidi di zolfo, di azoto, di carbonio, ecc. Il riscaldamento è infatti, dopo il traffico, la maggiore causa dell inquinamento delle nostre città. In termini economici, il nostro paese deve spendere globalmente miliardi di vecchie lire per l acquisto all estero dell energia, ed ogni famiglia italiana spende in media un milione di lire l anno per riscaldarsi. Le cifre si commentano da sole. Tuttavia si può fare molto per migliorare la situazione, senza sacrifici e senza rinunciare al confort a cui siamo abituati. È necessario, però, che ogni cittadino rispetti le leggi vigenti, il cui obiettivo è quello di salvaguardare l ambiente e, contestualmente, l incolumità e la sicurezza delle persone. Principale obiettivo della normativa nazionale è, oltre alla difesa dell ambiente, la sicurezza degli utenti, attraverso le quali il proprietario di un impianto termico, e per lui il tecnico manutentore qualificato, ha l obbligo, oltre che il compito, di controllare che il rendimento di combustione sia superiore ai limiti minimi imposti.

5 Ciò avviene attraverso una accurata manutenzione periodica da parte di ditte specializzate ed abilitate, che dovranno redigere e sottoscrivere un apposito rapporto sulla funzionalità dell impianto riportando i parametri di combustione. La Provincia ha il compito di effettuare le verifiche degli impianti termici affinché si rispettino i parametri tecnici. Per questo si è dotata di un proprio Regolamento stabilendo, tra l altro, le tariffe da applicare ai possessori di tali impianti. L applicazione di tali normative risulta di fondamentale importanza per consentire il monitoraggio ed il corretto uso degli impianti termici, finalizzati al risparmio energetico ed al miglioramento della qualità dell ambiente. Le Competenze della Provincia Norme specifiche assegnano alla Provincia il compito di controllare lo stato di salute delle caldaie esistenti sul territorio provinciale e di procedere alla realizzazione di un catasto degli impianti termici. La Legge 10/91 stabilisce che alla Provincia spetta il controllo degli impianti nei Comuni con meno di abitanti, mentre nei comuni con più di abitanti la competenza è delle stesse Amministrazioni comunali. Attraverso una serie di programmi e di progetti l Amministrazione Provinciale può sviluppare una nuova coscienza energetico-ambientale nei consumatori di energia, dando avvio a specifici progetti e organizzando appropriate campagne informative sul corretto utilizzo delle risorse energetiche, predisponendo materiale informativo, attuando convegni e corsi di informazione in collaborazione con le associazioni dei Consumatori e le associazioni di Categoria. L obiettivo è quello di dare vita ad un vero centro di informazione e divulgazione sul corretto e ottimale uso dell energia da parte del cittadino. Controllo Impianti Termici

6 Per qualche tempo, in passato, è stato applicato il principio chi inquina paga, offrendo la possibilità di mantenere in vita impianti inquinanti e obsoleti a fronte della riscossione di una tassa. Logica che da tempo è stata accantonata, anche sulla base di precisi accordi internazionali in materia ambientale ed energetica. Oggi si incentivano sempre più tutti quei progetti che consentono la riduzione di emissioni dannose e lo sviluppo di processi a basso impatto ambientale, grazie all utilizzo di nuove tecnologie, e di energie pulite. In questo ambito, risulta di grande importanza il controllo degli impianti termici, che devono garantire la corretta combustione della caldaia, evitando emissioni dannose per l ambiente. Cosa deve fare il Cittadino? Il cittadino responsabile dell impianto termico si deve rivolgere ad un Manutentore abilitato ai sensi della Legge 46/90, tramite il quale è necessario effettuare alcune importanti operazioni: Impianti con potenza inferiore a 35 kw: ogni due anni prova di combustione (autocertificazione modello H da inviare all Amministrazione Provinciale), ogni anno manutenzione. Impianti con potenza compresa tra i 35 kw e i 350 kw: ogni anno prova di combustione e manutenzione. Impianti con potenza superiore a 350 kw: due volte l anno prova di combustione, una volta l anno la manutenzione. Impianti con potenza inferiore a 35 kw : Limitatamente agli impianti termici sotto la potenza nominale 35 kw, la legge dà la possibilità di procedere ad un autocertificazione, compilando il modello H (allegando relativo versamento descritto in tabella), con il quale si dichiara che il proprio impianto è in regola con le leggi e le norme tecniche di riferimento. Questa autocertificazione, che deve essere compilata dal manutentore per il responsabile dell impianto, ha validità biennale, e rende gratuito l intervento di controllo da parte dell Ente, che tramite specifiche figure professionali, i Verificatori, attuerà controlli a campione sul 5% annuo degli impianti autocertificati. Gli impianti sprovvisti dell autocertificazione o con situazioni di non conformità alle norme vigenti, verranno invece controllati con costo a carico del responsabile dell impianto.

7 Impianti con potenza superiore a 35 kw : Per gli impianti con potenza superiore a 35 kw le verifiche saranno effettuate sempre ogni due anni sulla totalità degli stessi presenti nel territorio, con costo a carico dell utente (Vedi Tabella tariffe). I costi biennali, che gli utenti utilizzatori di impianti termici devono versare tramite bollettino postale, sono descritti nella tabella seguente : Tariffe e Documentazione Potenza nominale al focolare Costi in Documenti da esibire minore di 35 kw 13,00 Modello H + bollettino di versamento da 35 kw a 116 kw 60,00 Solo bollettino di versamento da 117 kw a 350 kw 150,00 Solo bollettino di versamento maggiore di 350 kw 180,00 Solo bollettino di versamento Modalità di pagamento Causale versamento c/c Postale n intestato a : Verifica Impianti Termici ai Biennio 200 / 0 Pot. kw. Provincia di Reggio Calabria sensi D.P.R. 412/93 e D.P.R. 551/99 Ubicazione Impianto :Via Comune..

8 RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO (Allegato G) PER IMPIANTO TERMICO CON POTENZATERMICA NOMINALE AL FOCOLARE < 35 kw Il rapporto di controllo deve essere compilato dall'operatore incaricato e consegnato in copia al responsabile dell'impianto, che ne deve confermare ricevuta per presa visione. Rapporto Di Controllo N Data del controllo.... Impianto termico sito nel Comune di ( ) in via/piazza..... nc... piano..... interno... Cap..... Responsabile dell impianto: c.f.:.. tel.: Indirizzo:... in qualità di: proprietario occupante terzo responsabile amministratore Proprietario dell impianto (se diverso dal responsabile).. c.f.:...tel.:.. Indirizzo :. A. IDENTIFICAZIONE DELL IMPIANTO Catasto impianti/codice Costruttore Modello..... Matr Pot. term. nom. utile (kw).....pot. term. nom. al focolare (kw)...anno di costruzione... Data installazione... Marcatura efficienza energetica: (DPR 660/96): Uso: riscaldamento acqua calda sanitaria Caldaia tipo: B C Combustibile: gas naturale Gpl Gasolio Kerosene Altro Volumetria riscaldata.. (m 3 ) Consumi di combustibile:stagione di riscaldamento. /.. Consumi (m 3 /kg) - stagione di riscaldamento. / Consumi (m 3 /kg) Tiraggio: naturale forzato Locale installazione: Locale tecnico Esterno Interno...

9 B. DOCUMENTAZIONE TECNICA DI CORREDO Dichiarazione di conformità dell'impianto SI NO N.C. Dispositivo rompitiraggio-antivento privo di evidenti tracce di deterioramento, ossidazione e/o corrosione SI NO N.C. Libretto di impianto Libretto d'uso e manutenzione Scambiatore lato fumi pulito C. ESAME VISIVO DEL LOCALE DI INSTALLAZIONE Accensione e funzionamento regolari Idoneità del locale di installazione Adeguate dimensioni aperture ventilazione Aperture di ventilazione libere da ostruzioni D. ESAME VISIVO DEI CANALI DA FUMO ES Dispositivi di comando e regolazione funzionanti correttamente Assenza di perdite e ossidazioni dai/sui raccordi Valvola di sicurezza contro la sovrapressione a scarico libero Vaso di espansione carico Dispositivi di sicurezza non manomessi e/o cortocircuitati Pendenza corretta Sezioni corrette Curve corrette Lunghezza corretta Buono stato di conservazione - Organi soggetti a sollecitazioni termiche integri

10 E. CONTROLLO EVACUAZIONE PRODOTTI DI COMBUSTIONE e senza segni di usura e/o deformazione Scarico in camino singolo Scarico in canna fumaria collettiva ramificata Scarico a parete Per apparecchio a tiraggio naturale: non esistono riflussi dei fumi nel locale Per apparecchi a tiraggio forzato: assenza di perdite dai condotti di scarico F. CONTROLLO DELL'APPARECCHIO Circuito aria pulito e libero da qualsiasi impedimento Guarnizione di accoppiamento al generatore integra 7. CONTROLLO DELL'IMPIANTO P=positivo N=negativo N.A.=non applicabile - Ugelli del bruciatore principale e del bruciatore pilota (se esiste) puliti P N N.A. Controllo assenza fughe di gas Ispezione visiva coibentazioni Ispezione efficienza evacuazione fumi H. CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE (Rif. UNI UNI e succ. mod.) Effettuato Non effettuato Temp. fumi ( C) Temp. aria comb. ( C) O 2 (%) CO 2 (%) Bacharach (n) CO calc. (ppm) Rend.to Combustione (%) Tiraggio (Pa)

11 OSSERVAZIONI: RACCOMANDAZIONI (in attesa di questi interventi l impianto può essere messo in funzione): PRESCRIZIONI (in attesa di questi interventi l impianto non può essere messo funzione): In mancanza di prescrizioni esplicite, il tecnico dichiara che l'apparecchio può essere messo in servizio ed usato normalmente senza compromettere la sicurezza delle persone, degli animali e dei beni. Ai fini della sicurezza l impianto può funzionare SI NO Il tecnico declina altresì ogni responsabilità per sinistri a persone, animali o cose derivanti da manomissione dell'impianto o dell'apparecchio da parte di terzi, ovvero da carenze di manutenzione successiva. In presenza di carenza riscontrate e non eliminate, il responsabile dell impianto si impegna, entro breve tempo, a provvedere alla loro risoluzione dandone notizia all operatore incaricato. TECNICO CHE HA EFFETTUATO IL CONTROLLO: Nome e Cognome... Ragione Sociale... Telefono. Indirizzo.... Estremi del documento di qualifica... Orario di arrivo presso l impianto.... Orario di partenza dall impianto.. Timbro e firma dell operatore Firma del responsabile dell impianto (per presa visione) Avvertenze per il tecnico e per il responsabile di impianto 1. Per tipo B e C si intende rispettivamente generatore a focolare aperto o chiuso, indipendentemente dal tipo di combustibile utilizzato. 2. Per N.C. si intende "Non Controllabile", nel senso che per il singolo aspetto non è possibile effettuare tutti i necessari riscontri diretti senza ricorrere ad attrezzature speciali (ad esempio per ispezionere l'assenza di ostruzioni in un camino non rettilineo), tuttavia le parti controllabili sono in regola e non si ha alcuna indicazione di anomalia nelle parti non controllabili.

12 3. Nel caso di installazione all'esterno al punto C deve essere barrata solo la scritta ES. 4. Il dato relativo al tiraggio, espresso in Pa, è necessario solo per generatori di calore di tipo B 5. Nello spazio OSSERVAZIONI deve essere indicata dal tecnico la causa di ogni dato negativo riscontrato e gli interventi manutentivi effettuati per risolvere il problema. 6. Nello spazio RACCOMANDAZIONI devono essere fornite dal tecnico le raccomandazioni ritenute opportune in merito ad eventuali carenze riscontrate e non eliminate, tali comunque da non arrecare un immediato pericolo alle persone, agli animali domestici e ai beni. Il tecnico indica le operazioni necessarie per il ripristino delle normali condizioni di funzionamento dell impianto a cui il responsabile dell impianto deve provvedere entro breve tempo. 7. Nello spazio PRESCRIZIONI il tecnico, avendo riscontrato e non eliminato carenze tali da arrecare un immediato pericolo alle persone, agli animali domestici e ai beni, dopo aver messo fuori servizio l'apparecchio e diffidato l'occupante dal suo utilizzo, indica le operazioni necessarie per il ripristino delle condizioni di sicurezza. 8. Tutte le note riportate negli spazi OSSERVAZIONI, RACCOMANDAZIONI; PRESCRIZIONI devono essere specificate dettagliatamente (ad esempio: non foro di ventilazione insufficiente, ma foro di ventilazione esistente di 100 cm 2 da portare a 160 cm 2 ). Si rammenta che il controllo del rendimento di combustione, di cui al punto H, deve essere effettuato contestualmente alla manutenzione e con periodicità biennale per gli impianti alimentati a combustibile gassoso e annuale per gli impianti alimentati a combustibile liquido o solido. Le verifiche degli impianti termici, effettuate dalla Provincia, sono a carico degli utenti secondo le seguenti modalità: Visita su un impianto con potenza nominale inferiore a 35 kw:

13 - se è stato correttamente trasmesso il mod. G: gratuita ovvero compresa nella somma già versata alla consegna del mod. G (vedi tabella ) ; - se non è stato trasmesso o qualora risultino situazioni non conformi alle normative vigenti: il costo è di 51,65 Visita su un impianto di potenza nominale da 35 kw a 116 kw: - se risulta che l impianto è stato correttamente sottoposto alle operazioni di manutenzione: gratuita ovvero compresa nel versamento se effettuato (vedi tabella) - se non è stato effettuato: si applica una maggiorazione del 10%. - se risulta che l impianto non è stato correttamente sottoposto alle operazioni di manutenzione: saranno adottati i provvedimenti previsti dagli artt. 13, 14 e 15 del Regolamento della Provincia di Reggio Calabria con l applicazione, in caso di ulteriore anomalia riscontrata, di una somma pari a 129,11. Visita su un impianto di potenza nominale maggiore 116 kw fino a 350 kw: - se risulta che l impianto è stato correttamente sottoposto alle operazioni di manutenzione: gratuita ovvero compresa nel versamento (tabella, se effettuato) - se non è stato effettuato: si applica una maggiorazione del 10%. - se risulta che l impianto non è stato correttamente sottoposto alle operazioni di manutenzione: saranno adottati i provvedimenti previsti dagli artt. 13, 14 e 15 del Regolamento della Provincia di Reggio Calabria, con l applicazione, in caso di ulteriore anomalia riscontrata, di una somma pari a 516,43. Visita su un impianto di potenza nominale superiore a 350 kw: - se risulta che l impianto è stato correttamente sottoposto alle operazioni di manutenzione: gratuita ovvero compresa nel versamento (tabella, se effettuato) - se non è stato effettuato: si applica una maggiorazione del 10%.

14 - se risulta che l impianto non è stato correttamente sottoposto alle operazioni di manutenzione: saranno adottati i provvedimenti previsti dagli artt. 13, 14 e 15 del Regolamento della Provincia di Reggio Calabria, con l applicazione, in caso di ulteriore anomalia riscontrata, di una somma pari a 1291,14. Il Manutentore Il Manutentore è il soggetto abilitato ad intervenire sull impianto termico, a provvedere a qualsiasi intervento ed alla compilazione del modello G (se l impianto è inferiore a 35 kw). Il Manutentore è un professionista la cui abilitazione viene dimostrata tramite la Camera di Commercio, ed è l unico che può, a buona ragione, mettere le mani sugli impianti termici. Anche a seguito delle novità legislative introdotte nel settore, i Manutentori hanno acquisito e ottenuto il riconoscimento della professionalità necessaria a garanzia dell utente (Legge 46/90). Le principali operazioni alle quali il Manutentore dovrebbe provvedere sono: Verifica visiva delle aperture di ventilazione, dell evacuazione dei fumi e dello scarico all esterno dei prodotti della combustione, della linea di alimentazione del combustibile (UNI 7129); Controllo strumentale della tenuta della caldaia e dell impianto a gas; Pulizia e controllo del bruciatore, dello scambiatore (lato fumi), dei componenti della caldaia e dei materiali isolanti; Controllo dell efficienza dello scambiatore relativo all acqua ed eventuale pulizia; Esistenza e funzionalità dei dispositivi di controllo; Compilazione del modello H (autocertificazione); Prova di combustione (per mezzo di un analizzatore il manutentore rileverà: temperatura dei fumi, temperatura ambiente, O 2, CO 2, indice dei Bacharach, CO, NO, perdita di calore sensibile, Rendimento di combustione, stato delle coibentazioni, funzionalità dei dispositivi di regolazione e controllo nonché dei dispositivi di sicurezza).

15 Il Manutentore deve provvedere anche alla verifica della documentazione (dichiarazione di conformità, libretto di impianto, libretto di uso e manutenzione, modello G). Il manutentore si assume la responsabilità per le prestazioni eseguite,in relazione a quanto previsto dal D.P.R. 412/93 e s.m.i., impegnandosi a sottoscrivere e aggiornare il libretto d impianto per le parti di competenza del responsabile della manutenzione. Il Manutentore garantisce il risultato di qualità e sicurezza delle proprie prestazioni, limitatamente a quanto dichiarato al momento della compilazione del rapporto di manutenzione dell impianto termico. Il Verificatore Il verificatore degli impianti termici è una figura altamente professionale, autorizzata a norma di legge ad effettuare i controlli tecnici sugli impianti termici. La verifica dell impianto termico non è da considerare come un ulteriore controllo, ma come un assicurazione dell effettiva efficienza della caldaia, che da utile mezzo di riscaldamento delle nostre abitazioni può diventare, se non tenuta in buono stato di funzionamento, un serio pericolo per l ambiente e in casi estremi anche per la nostra vita. Le verifiche della combustione sono effettuate da personale altamente qualificato la cui professionalità è stata accertata da un esame da parte dell ENEA (Ente Nazionale per le Nuove Tecnologia Energia ed Ambiente). All esame si può accedere solo dopo aver frequentato un apposito corso di formazione e preparazione. I Verificatori verranno iscritti in un apposito Albo Professionale. Il Responsabile dell impianto sarà preavvisato della visita del verificatore, con il quale concorderà la data e l ora del controllo. Il Verificatore della combustione, nello svolgimento della propria attività di controllo, che ha le caratteristiche della pubblica funzione, riveste la qualifica del pubblico ufficiale. La visita del verificatore non comporterà nessun onere a carico del responsabile d impianto che abbia compilato il modello H, mentre gli utenti non autocertificati dovranno sostenere in toto la spesa del controllo. L attività dei verificatori è motivata dall esigenza di promuovere la tutela dell ambiente, fornendo al contempo garanzia di sicurezza e di redditività dell impianto termico. Una caldaia perfettamente funzionante, il cui controllo sia garantito da professionisti esperti che operano secondo precisi criteri tecnici, non solo costituisce un importante contributo per abbassare il tasso di inquinamento atmosferico, ma dà anche ampie garanzie di sicurezza al cittadino, permettendogli di dormire sonni tranquilli, nella certezza che l impianto non scoppierà, ne avrà perdite o fughe di gas. In più una caldaia in perfetta funzionalità permetterà un sicuro risparmio per il singolo utente con benefici economici rilevanti per l intera collettività. Per informazioni: Provincia RC Settore Ambiente ed Energia Servizio Risparmio Energetico Geom. Francesco Fazzello Via S. Anna II Tronco Località Spirito Santo Tel. 0965/ Fax 0965/364874

16

17

24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13

24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13 24 30-3-2012 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 13 ASSESSORATO DELL ENERGIA E DEI SERVIZI DI PUBBLICA UTILITÀ DECRETO 1 marzo 2012. Disposizioni in materia di impianti termici degli

Dettagli

CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA INFERIORE AI 35 KW

CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA INFERIORE AI 35 KW Confederazione Nazionale dell'artigianato della Piccola e Media Impresa Associazione Provinciale di Cuneo CONTRATTO BIENNALE PER LA MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE CON POTENZA

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw Allegati alla Dichiarazione di conformità n data Committente. Le presenti istruzioni d uso e manutenzione dell

Dettagli

LIBRETTO DI IMPIANTO

LIBRETTO DI IMPIANTO 1 LIBRETTO DI IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) (Sono già

Dettagli

TITOLO I - PRINCIPI Articolo 1 - Oggetto del Regolamento e decorrenza Articolo 2 - Definizioni Impianto termico

TITOLO I - PRINCIPI Articolo 1 - Oggetto del Regolamento e decorrenza Articolo 2 - Definizioni Impianto termico TITOLO I - PRINCIPI Articolo 1 - Oggetto del Regolamento e decorrenza 1) Il presente regolamento disciplina le modalità operative, i criteri gestionali per l effettuazione dei controlli degli impianti

Dettagli

Domande e risposte sulla legge 10/91

Domande e risposte sulla legge 10/91 Domande e risposte sulla legge 10/91 Di cosa si occupa la legge 10/91? La legge 10/91 contiene le norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio

Dettagli

PREMESSA ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

PREMESSA ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO COMUNE DI MASSA REGOLAMENTO PER L EFFETTUAZIONE DEI CONTROLLI NECESSARI AD ACCERTARE L EFFETTIVO STATO DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI IN ATTUAZIONE DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N 10 E D.P.R. 26 AGOSTO

Dettagli

Modello G Impianti inferiori a 35 kw

Modello G Impianti inferiori a 35 kw Tracciati Modello G Impianti inferiori a 35 kw Nome Campo Tipo Obbligatorio Specifiche CODICE IMPIANTO varchar(20) si deve esistere nei codici impianto quando ente provvederà alla targatura DATA CONTROLLO

Dettagli

Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione

Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione NORMA ITALIANA Caldaie a gas di portata termica nominale non maggiore di 35 kw Controllo e manutenzione UNI 10436 GIUGNO 1996 Gas-fired heating boilers of nominal heat input not exceeding 35 kw Inspection

Dettagli

tutto ciò premesso la Giunta Regionale, con voto unanime espresso nelle forme di legge, delibera

tutto ciò premesso la Giunta Regionale, con voto unanime espresso nelle forme di legge, delibera REGIONE PIEMONTE BU45S1 06/11/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 3 novembre 2014, n. 27-514 Integrazioni e rettifica errori materiali dei nuovi libretti di impianto e di rapporto di controllo di

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti

per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti Linee Guida per la verifica dello stato di manutenzione ed esercizio degli impianti termici da parte degli Enti locali competenti RICORDATI DI CHIEDERE AL TUO MANUTENTORE DI APPLICARE IL BOLLINO Provincia

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia...

UBICAZIONE DELL UNITA MOBILE Indirizzo... Nr... Palazzo... Scala...Piano...Interno...CAP... Località...Comune... Provincia... LIBRETTO IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) 2 Libretto impianto

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015

Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Disposizioni per l esercizio, il controllo e la manutenzione degli impianti termici. Incontro Asl 27 marzo 2015 Relatore : Teresa Mauri - Responsabile Servizio Energia RUOLO PROVINCIA La Provincia, mediante

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI. Provincia di Perugia. Confindustria Perugia. Confapi Perugia. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA GESTIONE ED IL CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI Provincia di Perugia Confindustria Perugia Confapi Perugia CNA Perugia Confartigianato Perugia Adiconsum Umbria ADOC Umbria ACU

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

CONTRATTO-TIPO DI MANUTENZIONE BIENNALE IMPIANTI TERMICI CON POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw. Telefono: Fax.:. Partita I.V.A.:

CONTRATTO-TIPO DI MANUTENZIONE BIENNALE IMPIANTI TERMICI CON POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw. Telefono: Fax.:. Partita I.V.A.: All. 1b CONTRATTO-TIPO DI MANUTENZIONE BIENNALE IMPIANTI TERMICI CON POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw Art. 1 - LE PARTI - CONDIZIONI PARTICOLARI Il presente contratto è stipulato tra la ditta: Attestato

Dettagli

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello CONVENZIONE TRA COMUNE DI ROVIGO, ASSOCIAZIONI ARTIGIANE ED ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI PER L ATTUAZIONE DI CAMPAGNE DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI DI POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw SUL TERRITORIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

UNI 10683. ed. Ottobre 2012

UNI 10683. ed. Ottobre 2012 UNI 10683 ed. Ottobre 2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri biocombustibili solidi Potenza termica nom< 35 kw VERIFICA INSTALLAZIONE CONTROLLO (NEW) MANUTENZIONE (NEW) APPARECCHI Categorie

Dettagli

art. 1 Oggetto art. 2 Il sistema della dichiarazione Dichiarazione di Avvenuta Manutenzione Etichetta della Provincia di Milano, Etichetta

art. 1 Oggetto art. 2 Il sistema della dichiarazione Dichiarazione di Avvenuta Manutenzione Etichetta della Provincia di Milano, Etichetta CONVENZIONE TIPO Convenzione tra la Provincia di Milano e le Imprese di manutenzione per l attività di manutenzione e di verifica degli impianti termici alimentati a gas di potenza inferiore a 35 kw, sul

Dettagli

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO

1. SCHEDA IDENTIFICATIVA DELL IMPIANTO LIBRETTO di IMPIANTO OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE INFERIORE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI) Conforme

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA ALL. 2 PROVINCIA DELL AQUILA MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO G QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE INFERIORE A 35 kw ARTI SPA - MANUALE PREMESSA

Dettagli

attribuito dal Comune e/o dalla Provincia di Venezia per il tramite di A.R.T.I. S.p.A qualora reso noto o accessibile dagli stessi. 8.

attribuito dal Comune e/o dalla Provincia di Venezia per il tramite di A.R.T.I. S.p.A qualora reso noto o accessibile dagli stessi. 8. ARTI SPA - MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO G QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE INFERIORE A 35 kw PREMESSA Il D.Lgs. 192/2005 così come aggiornato

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ED ISPEZIONE DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO

Dettagli

Azioni di politica energetica

Azioni di politica energetica Azioni di politica energetica Attività di manutenzione e verifica degli impianti termici Bologna, 19 settembre 2003 Azioni di Coordinamento in applicazione del d.p.r. 412/93 modificato ed integrato dal

Dettagli

Approvata con D.G.P. n. 855 del 20/11/06. Prorogata con D.G.P. n. 557 del 21/07/08. Modifiche ed integrazioni ai sensi della D.G.R. n.

Approvata con D.G.P. n. 855 del 20/11/06. Prorogata con D.G.P. n. 557 del 21/07/08. Modifiche ed integrazioni ai sensi della D.G.R. n. CONVENZIONE TIPO Convenzione tra la Provincia di Milano e le Imprese di manutenzione per l attività di manutenzione e di verifica degli impianti termici alimentati a gas di potenza inferiore a 35 kw, sul

Dettagli

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE

SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE COMUNE DI AVELLINO SERVIZIO ENERGIA TERMOCAMINI INFORMAZIONI ALL UTENTE Norme installazione UNI 10683 GENERATORI DI CALORE ALIMENTATI A LEGNA O DA ALTRI BIOCOMBUSTIBILI SOLIDI- REQUISITI DI INSTALLAZIONE.

Dettagli

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE Stagione termica 2014-2015 Il D.P.R. n 74 del 2013 ha definito

Dettagli

RAPPORTI DI CONTROLLO

RAPPORTI DI CONTROLLO RAPPORTI DI CONTROLLO Allegato II (Art.2) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 ( gruppitermici ) RAPPORTO DI CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA TIPO 1 (gruppi termici)... Cognome... me...

Dettagli

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico

Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Finalità e uso del libretto di istruzioni dell impianto termico Impianto situato in.................................................................................. Via:..............................................................................

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici

Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Disposizioni regionali Disposizioni per esercizio, manutenzione ed ispezione impianti termici Regione Lombardia Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del Servizio Energia IMPIANTI NUOVI IMPIANTI

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA

METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Corso di formazione ed aggiornamento professionale per Energy Managers-Trenitalia BOLOGNA 15-16 Giugno 2011 METODOLOGIE DI RISPARMIO DI ENERGIA TERMICA Ing. Nino Di Franco ENEA-UTEE-IND IL CONTROLLO DELLA

Dettagli

CAMPO DI APPLICAZIONE

CAMPO DI APPLICAZIONE ARTI SPA - MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO F QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE UGUALE O SUPERIORE A 35 kw PREMESSA Il D.Lgs. 192/2005 così come

Dettagli

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero

CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE. Convegno ANIC a Fiera di Primiero CAMINI E CANNE FUMARIE EMISSIONI IN AMBIENTE Convegno ANIC a Fiera di Primiero Lotta all inquinamento atmosferico L Italia deve ridurre le emissioni del gas ad effetto serra CO 2 e vincere anche la lotta

Dettagli

Il BOLLINO CALORE PULITO.

Il BOLLINO CALORE PULITO. ALLEGATO D SCADENZE TEMPORALI OPERAZIONI DI MANUTENZIONE D.Lgs. 192/05 e smi Allegato L Deliberazione Assemblea Legislativa Regione Emilia Romagna n 156/2008. Le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione

Dettagli

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici

Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici Centrali termiche: per la conduzione ci vuole la patente Obbligo del patentino di abilitazione di 2 grado per la conduzione degli impianti termici sopra i 232 kw Ing. Diego Danieli Libero Professionista

Dettagli

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA

PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA PROCEDURA PER L ESECUZIONE DELLA VERIFICA DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE COMPILAZIONE DEL RAPPORTO DI PROVA I. Premessa La presente procedura costituisce l insieme delle linee guida per l esecuzione delle

Dettagli

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI Lecce, 18 Dicembre 2013 Ai Sigg. Soci della Categoria Impiantisti Idro-termo-sanitari LORO SEDI Oggetto: Manutenzione verifiche impianti termici - Chiarimenti A seguito dell entrata in vigore, dal 12/7/2013,

Dettagli

PROVINCIA DELL AQUILA

PROVINCIA DELL AQUILA ALL. 1 PROVINCIA DELL AQUILA MANUALE DI COMPILAZIONE DELL ALLEGATO F QUALE RAPPORTO DI CONTROLLO TECNICO PER IMPIANTI DI PORTATA TERMICA NOMINALE AL FOCOLARE UGUALE O SUPERIORE A 35 kw PREMESSA Il D.Lgs.

Dettagli

RESPONSABILE IMPIANTO e TERZO RESPONSABILE

RESPONSABILE IMPIANTO e TERZO RESPONSABILE RESPONSABILE IMPIANTO e TERZO RESPONSABILE Responsabile dell esercizio e della manutenzione Il responsabile dell esercizio e della manutenzione, così come sopra definito (proprietario, amministratore,

Dettagli

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW)

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW) Con la Legge n 46/90 e la Legge n 10/91,ed il conseguente regolamento di applicazione (D.P:R. n 412/93 e sue modifiche introdotte dal D.P.R. 551/99) la Provincia di Imperia, al pari di tante altre Amministrazioni

Dettagli

GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET

GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET GUIDA PER LA GESTIONE DI WEB THERMONET INDICAZIONI GENERALI E MODALITA DI REGISTRAZIONE PER ACCEDERE AL SOFTWARE GESTIONALE THERMONET E NECESSARIO 1. PRIMA EFFETTUARE LA REGISTRAZIONE DA AREA RISERVATA

Dettagli

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. . In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali.

Bollino Blu Caldaia. Manutenzione caldaie riscaldamento. . In Italia sono installate circa 19 milioni di caldaie per impianti autonomi e condominiali. Note a cura dell'architetto Paolo Cortesi Socio ANACI 15831 uffici: via Bulgaria, 36-00196 Roma amministrazione: via di S. Maria dell'anima, 55-00186 Roma telefono: 06 393.66.577 - mobile: 335 611.33.77

Dettagli

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici

Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici AUTONOME PROVINZ BOZEN - SÜDTIRO L Landesagentur für Umwelt PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO - ALTO ADIGE Agenzia provinciale per l ambiente Il controllo dei gas di combustione degli impianti termici Nel

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 KW

CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 KW CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 KW (Approvato unitamente al Protocollo d Intesa siglato tra la Provincia di Roma e gli Enti e le Associazioni

Dettagli

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99)

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) 1 Art.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento emanato per dare attuazione

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA ALLEGATO A COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune, cittadini, operatori del settore

CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune, cittadini, operatori del settore Sabato 14 Maggio 2005 SALA CONSILIARE, CAMERA DI COMMERCIO - VENEZIA AGIRE AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIAL CONFARTIGIANATO VENEZIA CALDAIE: PARTONO LE VERIFICHE! Una partita da giocare insieme: Comune,

Dettagli

Carta dei Servizi aggiornata al 27/08/2014

Carta dei Servizi aggiornata al 27/08/2014 Carta dei Servizi Premessa Con la Carta del Servizio Verifica Impianti Termici, SEVAS si impegna a perseguire il massimo soddisfacimento dei bisogni e delle aspettative degli utenti tenendo nella dovuta

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox

FLEXSTEEL. Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete. Canne fumarie in acciaio Inox Canne Fumarie Flessibili Doppia Parete Canne fumarie in acciaio Inox Canne fumarie Flessibili Doppia Parete CARATTERISTICHE TECNICHE Diametri interni: da 80 a 400 mm Materiale tubo: 2 Pareti di acciaio

Dettagli

Provincia di Milano Inquino meno Vivo meglio Servizio Efficienza Energetica Report attività SPORTELLI dal 2009 al 2013

Provincia di Milano Inquino meno Vivo meglio Servizio Efficienza Energetica Report attività SPORTELLI dal 2009 al 2013 Provincia di Milano Inquino meno Vivo meglio Servizio Efficienza Energetica Report attività SPORTELLI dal 2009 al 2013 CalorEfficienza Campagna di informazione per il controllo degli impianti termici Una

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Premessa: LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO In conformità a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. Gentile cliente, l impianto termico può essere fonte di danni alle persone e/o alle

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile U.T.C. SETTORE MANUTENZIONE UFFICIO ENERGIA

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile U.T.C. SETTORE MANUTENZIONE UFFICIO ENERGIA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile U.T.C. SETTORE MANUTENZIONE UFFICIO ENERGIA PROTOCOLLO D INTESA Protocollo d intesa tra il Comune di Barletta, le Associazioni di categoria,

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) 1 di 22 1. SCHEDA IDENTIFICATIVA

Dettagli

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE

RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE RAPPORTO DI SOSTENIBILITA CONTRIBUTO DI AMBIENTE E RISPARMIO ENERGETICO DI ACEA LUCE Non compromettere il futuro delle prossime generazioni cercando di soddisfare i bisogni del presente ; in quest ottica

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

Tecnofumi Srl. Testi leggi

Tecnofumi Srl. Testi leggi Testi leggi NORMA EN 1856/1e norma 1856/2 del 2003 - Marcatura CE La norma riguarda i proddotti Doppia parete ed i sistemi camino. Sintesi: la presente norma istituisce la Marcatura CE, fissando i requisiti

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw

Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw Contratto-tipo di manutenzione programmata di impianti termici con potenza inferiore a 35 kw Premessa L assunzione del presente incarico da parte del Manutentore è subordinata all accertamento delle conformità

Dettagli

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw

Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw PROVINCIA DI POTENZA Istruzioni d uso e manutenzione degli impianti termici a gas con portata termica fino a 35 kw dd rf f rt t 54+ à+àddedefff àf N 1 DEFINIZIONI impianto termico: un impianto tecnologico

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a

Allegato F. Libretto di centrale. 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)... Destinato a ALLEGATO 11 Allegato F Libretto di centrale 1. Impianto termico di edificio (I) adibito a (1)...... Destinato a riscaldamento ambienti produzione di acqua calda per usi igienici e sanitari altro (descrivere)...

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Rifiuti ed Inquinamento Atmosferico Autorizzazioni Integrate Ambientali ed impianti termici Affidamento del servizio di ispezione dello stato di esercizio e manutenzione,

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008)

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA DELL IMPIANTO ALLA REGOLA D ARTE ( D.M. 37 DEL 22 GENNAIO 2008) Il sottoscritto titolare/legale rappresentante dell impresa (rag. sociale) Operante nel settore Con sede nel comune di: (prov. ) Via nr. P.IVA: Cod. Fisc. Tel. Fax E-mail Iscritta nel registro delle imprese

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. 1. FINALITÀ DELL INIZIATIVA La Provincia di

Dettagli

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola

Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Gestione delle emissioni della caldaia della scuola Ph.D. Ing. Michele Damiano Vivacqua responsabilità Codice civile art. 2050 Chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di un'attività pericolosa,

Dettagli

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici

Regione Liguria Disposizioni e criteri per l esercizio, il controllo, la manutenzione e l ispezione degli impianti termici 1. Con che periodicità si devono effettuare i controlli di manutenzione sugli impianti termici? L art. 7 del DPR 16/04/2013 n. 74 ha disposto che le operazioni di controllo ed eventuale manutenzione su

Dettagli

Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile

Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile All. 1 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile ALLEGATO TECNICO AL CORSO DI FORMAZIONE PER ISPETTORI DI IMPIANTO TERMICO E SESSIONE DI ACCERTAMENTO TECNICO

Dettagli

art. 2 Il sistema della dichiarazione

art. 2 Il sistema della dichiarazione CONVENZIONE TIPO Convenzione tra la Provincia di Milano e le Imprese di manutenzione per l attività di manutenzione e di verifica degli impianti termici alimentati a gas di potenza inferiore a 35 kw, sul

Dettagli

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA

LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA LA NORMA LIBRETTO DI IMPIANTO LIBRETTO DI CENTRALE PROVA DI COMBUSTIONE UNI EN 10389 LA REGOLA 2003 DECRETO 17 marzo 2003 AGGIORNAMENTI AGLI ALLEGATI F e G DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO DI POTENZA NOMINALE SUPERIORE A 35 KW

CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO DI POTENZA NOMINALE SUPERIORE A 35 KW CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO DI POTENZA NOMINALE SUPERIORE A 35 KW Articolo 1 1.1 forma oggetto del presente contratto l attività di terzo responsabile dell impianto termico

Dettagli

Stagione termica 2012-2014

Stagione termica 2012-2014 ALLEGATO 3 PROTOCOLLO D INTESA 2012-2014 Contratto tipo di manutenzione Stagione termica 2012-2014 Le tariffe massime sotto riportate possono essere indicativamente applicate, fermo restando accordi diversi

Dettagli

INFORMAZIONI PER I CITTADINI

INFORMAZIONI PER I CITTADINI 1 INDICE Pagina Informazioni per i cittadini: Campagna di controllo degli impianti termici... 3 Cosa si intende per impianto termico... 4 Responsabile dell impianto termico... 4 Il Libretto di Impianto

Dettagli

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128

Dlgs 128/10. Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 Modifi che ed integrazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, recante norme in materia ambientale, a norma dell articolo 12 della legge 18 giugno 2009,

Dettagli

DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento?

DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento? DPR 74/2013 Manutenzione impianti Termici: Quali Modifiche? Qual è lo stato di avanzamento? Software Bollino Virtuale Cosa è? Come iniziare ad utilizzarlo? SEVAS s.r.l. nell ambito del corso Aggiornamento

Dettagli

turboinwall Caldaie murali a gas ad alto rendimento per riscaldamento e produzione di acqua calda. Per installazioni a incasso.

turboinwall Caldaie murali a gas ad alto rendimento per riscaldamento e produzione di acqua calda. Per installazioni a incasso. turboinwall Caldaie murali a gas ad alto rendimento per riscaldamento e produzione di acqua calda. Per installazioni a incasso. turboinwall turboinwall Il calore... a scomparsa La tecnologia arriva in

Dettagli

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO Conforme a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2.

LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO Conforme a quanto previsto dal DM 37/08, art. 8, comma 2. LIBRETTO D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO TERMICO pag. 1 S.Carlo Elettromeccanica di F. Fanfano - Via S.Carlo 90-92 - 57126 Livorno (Italy) Tel. +39-0586-888158 E-Mail: info@sancarlo.info P.iva 00972400493

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI (Delibera C.P. n. 109/A del 20/12/2001 integrata con la Delibera C.P. n. 64 del 29/04/2004) INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Luogo di emissione. Ancona

Luogo di emissione. Ancona 1 DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. RETE ELETTRICA REGIONALE, AUTORIZZAZIONI ENERGETICHE, GAS ED IDROCARBURI N. 61/EFR DEL 04/06/2015 Oggetto: Legge Regionale 20 aprile 2015, n. 19 - Norme in materia di

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O Prot. n. 47613/AEP del 15/09/06 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA TRASFORMAZIONE A GAS NATURALE DEGLI IMPIANTI PER RISCALDAMENTO DI EDIFICI AD USO RESIDENZIALE. Finalità Il Comune di Conegliano

Dettagli

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE

GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI. GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE MANUALE TECNICO GREENOx BT A BASSA TEMPERATURA DUAL BT A BASSA TEMPERATURA CON MODULI AFFIANCATI GREENOx BT COND A BASSA TEMPERATURA CON CONDENSATORE GREENOx/GREENOx.e/K A TRE GIRI DI FUMO DUAL GRX/DUAL

Dettagli

Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili

Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili La situazione odierna Il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione

Dettagli

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 6 AMBIENTE ED ECOLOGIA UFFICIO IMPIANTI TERMICI Santa Teresa S.p.A. Società Multiservizi della Provincia di Brindisi SETTORE IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE

Dettagli

informazione formazione supporti professionali modulistica tecnica per il settore idrotermosanitario nuova gamma di modulistica tecnica per

informazione formazione supporti professionali modulistica tecnica per il settore idrotermosanitario nuova gamma di modulistica tecnica per informazione formazione supporti professionali modulistica tecnica per il settore idrotermosanitario nuova gamma di modulistica tecnica per INSTALLATORI MANUTENTORI 2015 le parti costituenti l impianto

Dettagli

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE

AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE AMBITO DI APPLICAZIONE - GLI IMPIANTI TERMICI SOGGETTI AGLI OBBLIGHI PREVISTI DALLA NORMA REGIONALE In Lombardia le seguenti tipologie di apparecchi rientrano nell ambito di applicazione della normativa

Dettagli

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA

UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA UNITA OPERATIVA IMPIANTISTICA ANTINFORTUNISTICA AZIENDA USL DI BOLOGNA Attività in materia di impianti termici Verifiche impianti di riscaldamento ad acqua calda DM 1/12/1975 Verifiche impianti su segnalazioni

Dettagli

Bando SOS III edizione modulo per la richiesta di contributo

Bando SOS III edizione modulo per la richiesta di contributo (raccomandata a/r) Bando SOS III edizione modulo per la richiesta di contributo BOLLO da 14,62 PROVINCIA DI PAVIA UFFICIO ARCHIVIO BANDO S.O.S. P.zza Italia 2 27100 PAVIA CONTRIBUTO PROVINCIALE PER PROMUOVERE

Dettagli

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per

Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari edifici (per Un impianto termico è ciò che provvede a riscaldare nella stagione invernale o a raffreddare nella stagione estiva unità immobiliari o edifici (per approfondimenti, vedere la definizione della legge 90/2013).

Dettagli

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74

13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI. D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 13 DICEMBRE 2013 9,00 13,00 INCONTRO TECNICO CON PROVINCE E COMUNI D.P.R. 16 APRILE 2013, n. 74 Regolamento sul controllo e la manutenzione degli Assessorato ai Lavori Pubblici ed all Energia Segreteria

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

PROVINCIA DI PAVIA TRA. LA PROVINCIA DI PAVIA con sede in Piazza Italia, 2, nella persona dell Assessore. alla Tutela Ambientale Ruggero Invernizzi,

PROVINCIA DI PAVIA TRA. LA PROVINCIA DI PAVIA con sede in Piazza Italia, 2, nella persona dell Assessore. alla Tutela Ambientale Ruggero Invernizzi, PROVINCIA DI PAVIA DGP N. 42 PROT. 3383 DEL 8/02/07 ACCORDO VOLONTARIO TRA LA PROVINCIA DI PAVIA E LE ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DI UNA CAMPAGNA DI MANUTENZIONE E VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI PROT.

Dettagli