Sistemi Diagnostici Integrati e Distribuiti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Diagnostici Integrati e Distribuiti"

Transcript

1 U n i v e r s i t à degli S t u d i C a F o s c a r i di V e n e z i a Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Specialistica in I n f o r m a t i c a Presentazione Tesi di Laurea Specialistica : Sistemi Diagnostici Integrati e Distribuiti Studente: Relatore : Faccin Raffaello : Prof. Alessandro Roncato AA 2006/2007

2 Sistemi diagnostici integrati e distribuiti? Sistema Distribuito (SD) UnSDècostituitodapiùunità di elaborazione autonome spazialmente distribuite che interagiscono e cooperano tra loro per raggiungere un determinato obiettivo Diagnostica (dià gnosis) Integrata Deve fornire una conoscenza (gnosis) sullo stato di Salute del Sistema (integrandosi con esso) tramite una sua rappresentazione e una successiva interpretazione Slide 2/12 OBIETTIVO della DIAGNOSTCA è monitorare e migliorare lo Stato di Salute del Sistema Rappresentazione/Rilevamento Diagnostica Intervento

3 Obiettivi della Tesi Contenuto teorico compilativo Slide 3/12 Fornire una guida trasversale di approccio ai Sistemi di Diagnostica Distribuiti Sistemi Distribuiti: Standards, Architetture, Protocolli, Frameworks, ecc. Ingegneria del Software: Metodologia, Patterns, ecc. Contenuto teorico sperimentale Definire delle linee guida per una MetodologiaIntegrata di Sviluppo Software Diagnostici Contenuto pratico/tirocinio MANAGEMENT INTEGRATO Realizzazione di un Software di Diagnostica per l azienda Thetis Spa

4 Motivazioni Perché è importante lo studio di questi Sistemi? Slide 4/12 Riduzionedelle spese per le aziende: 20 percent of unplanned downtime results from application failures. (J.Gray) Ottimizzarele prestazioni dei servizi forniti Riduzione dei rischi: per es. la diagnostica continua di un apparecchiatura medica Garantireil rispetto dei requisiti di qualità. Per es. gli SLA (Service Level Agreements)

5 Inquadramento dell ambiente Livelli ICT della Diagnostica Integrata Slide 5/12 Per l INTEGRAZIONE emergono le NECESSITA di: Comunicare Intendersi Organizzarsi Stabilire ruoli e compiti...in un ambiente DISTRIBUITOed ETEROGENEO - Tra Sistemi diversi - A diversi livelli

6 Modelli di riferimento ISO/OSI Slide 6/12 Lo studio dei sistemi diagnostici distribuiti a partire dai modelli ISO Modello di COMUNICAZIONE Modello INFORMATIVO Modelli ISO/OSI Fornisce modelli di rappresentazioneper definire gli oggetti della diagnostica Modello FUNZIONALE Modello ORGANIZZATIVO Deve soddisfare ai requisiti di diagnostica Rilevamento stato e anomalie Fornirestrumenti per intervenire Garantire il rispetto delle policy Uso efficiente delle risorse

7 Il problema dell integrazione Un quadro approssimativo della situazione attuale Eterogeneità, non cooperazione, disorientamento tra standards, protocolli, ecc. Slide 7/12 Internet Management Policy Based Management Web Based Management Web Services Management Agent Based Management SNMP CMIP CMIS COPS DEN WBEM WSDM WSMAN FIPA MASIF OpenSNMP TMN/C++ Lib C-PARIS JCOPS IBMDen Solaris WBEM Services Oasis WinRM SOMA CiscoSNMP CiscoDEN WMI µ-code Net-SNMP IntelDEN Open Pegasus Come si integrano???

8 Standards, Modelli e Integrazione...ogni standard definisce un proprio modello: Organizz.,Inform.,Funz.,Comunicaz. Slide 8/12 COME VENGONO INTEGRATI I VARI STANDARD DI DIAGNOSTICA? Fare convergere i modelli specifici ad un unico modello integrato Modello ORGANIZZATIVO Modello INFORMATIVO Modello FUNZIONALE Modello COMUNICAZIONE Tramite l utilizzo di Adattatori Standard C Diagnostico Standard D Adattatori: Proprietari ad-hoc, Middleware Generico, Middleware Specifico

9 Metodologia di Sviluppo per la Diagnostica Metodologia di Sviluppo Software Diagnostici Slide 9/12 Specifica dei Requisiti Progettazione Design Implementazione Test Doc. Dei Requisiti Diagnostici Doc. Architettura Diagnostica Specifica dei Requisitidi Diagnostica Architettura Integratadi Diagnostica Modelli PSM (Platform Specific Model) Modelli:Informativo, Funzionale, Organizzativo e di Comunicazione Applicazione di Design Patterns Modelli PIM (Platform Independent Model)

10 Caso di Studio Thetis-Actv Tirocinio: un diagnostico per Thetis Spa Thetis Spa opera in qualità di service provider per la gestione delle flotte di trasporto pubblico nell area di Venezia e di Mestre Applicativo Diagnostico Slide 10/12 SISTEMA Architettura di comunicazione real-time basata su tecnologia JMS (Java Message Service) Il sistema presenta componenti non sempre connesse DB Srv. Comunicaz. OBIETTIVI Monitoraggio dello stato dei mezzi in tempo reale Analisi dello stato dei mezzi offline Controllo dello stato di alcune componenti di sistema GPRS LAN Msg.JMS

11 Conclusioni Conclusioni sulla Diagnostica Integrata e Distribuita Necessità di avere standards unificati e più semplici. Necessità di evolverne le potenzialità: per es. attraverso diagnostica di tipo intelligente. Necessità di diffonderne una opportuna conoscenza a riguardo. Conclusioni sul Caso di Studio Thetis-Actv Andrebbe evoluto nelle funzionalità e portato verso uno standard di diagnostica. Non avendo seguito alcuno standard soffre di molte limitazioni (principalmente funzionali e di robustezza). Conclusioni sulla Metodologia proposta Slide 11/12 Seguendo le indicazioni fornite attraverso la Metodologia e avendo delle conoscenze sugli strumenti di diagnostica si è in grado di ottere un software diagnostico completo dal punto di vista dei vari modelli trattati.

12 Domande Slide 12/12...domande?

Un sistema di identificazione basato sulla tecnologia RFID

Un sistema di identificazione basato sulla tecnologia RFID tesi di laurea Un sistema di identificazione basato sulla tecnologia RFID Anno Accademico 2005-2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Giacomo Scibelli Matr.

Dettagli

Sviluppo di una piattaforma GIS per la gestione ed erogazione di servizi LBS (Location Based Services)

Sviluppo di una piattaforma GIS per la gestione ed erogazione di servizi LBS (Location Based Services) U n i v e r s i t à IUAV di V e n e z i a Facoltà di Pianificazione del Territorio Master SecondoLivello in Sisemi Informativi Territoriali Presentazione Tesi ::: Sviluppo di una piattaforma GIS per la

Dettagli

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID

Un sistema di identificazione basato su tecnologia RFID tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatore Ch.mo prof. Massimo Ficco candidato Alessandro Ciasullo Matr. 831/166 Obiettivo Progettazione ed implementazione

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo

Progettazione: Tecnologie e ambienti di sviluppo Contratto per l acquisizione di servizi di Assistenza specialistica per la gestione e l evoluzione del patrimonio software della Regione Basilicata. Repertorio n. 11016 del 25/09/2009 Progettazione: Tecnologie

Dettagli

Il Provvedimento del Garante

Il Provvedimento del Garante Il Provvedimento del Garante Il provvedimento del Garante per la Protezione dei dati personali relativo agli Amministratori di Sistema (AdS) Misure e accorgimenti prescritti ai titolari dei trattamenti

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori II Introduzione al corso Simon Pietro Romano spromano@unina.it Materiale didattico Libro di testo: J. Kurose, K. Ross

Dettagli

Il nuovo posizionamento dei service provider: ruoli e opportunità

Il nuovo posizionamento dei service provider: ruoli e opportunità Il nuovo posizionamento dei service provider: ruoli e opportunità Roma, 3 Luglio 2014 Telecom Italia Digital Solutions Claudio Contini Amministratore Delegato Popolazione e oggetti connessi Continua la

Dettagli

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web

Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Università degli studi Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Metodologie e strumenti per il collaudo di applicazioni Web Candidato: Luca De Francesco Relatore Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore Ing.

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Reti di Applicazioni Telematiche a.a. 2010-2011 Introduzione al corso

Dettagli

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni

Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Il Cloud per aziende e pubbliche amministrazioni Raffaello Balocco School of Management Politecnico di Milano 26 Giugno 2012 Il mercato del cloud mondiale: una crescita inarrestabile According to IDC Public

Dettagli

Capire le priorità tramite la Real User Experience

Capire le priorità tramite la Real User Experience Capire le priorità tramite la Real User Experience Georg Kostner, Department Manager Würth Phoenix IT Service Management secondo ITIL Il valore aggiunto dell Open Source Servizi IT Hanno lo scopo di offrire

Dettagli

Prototipazione di un componente di elaborazione dei piani di volo in un sistema di Traffic Management

Prototipazione di un componente di elaborazione dei piani di volo in un sistema di Traffic Management tesi di laurea in un sistema di Traffic Management Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore Ing. Antonio Strano candidato Giuseppe Diodato Mottola Matr. 534/2115 Obiettivo

Dettagli

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection

CMDB. Table of Contents. Open Source Tool Selection CMDB Open Source Tool Selection Table of Contents BPM Space 3 itop 5 One CMDB 6 i-doit 7 CMDBuild 8 Rapid OSS 10 ECDB 11 Page 2 Tutti i marchi riportati sono marchi registrati e appartengono ai loro rispettivi

Dettagli

inebula CONNECT Milano, 22/04/2015 Stefano Della Valle VP inebula inebula Connect 22 aprile 2015

inebula CONNECT Milano, 22/04/2015 Stefano Della Valle VP inebula inebula Connect 22 aprile 2015 inebula CONNECT Milano, 22/04/2015 Stefano Della Valle VP inebula Internet of Everythings Entro il 2020 il numero gli oggetti collegati alla rete raggiungerà il livello di 25 MLD di unità con una crescita

Dettagli

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica

Architettura Tecnica i. Architettura Tecnica i Architettura Tecnica ii Copyright 2005-2011 Link.it s.r.l. iii Indice 1 Scopo del documento 1 1.1 Abbreviazioni..................................................... 1 2 Overview 1 2.1 La PdD........................................................

Dettagli

MBDA Italia. IRAD & Innovation. La Società MBDA. Introduzione. Cloud Computing. 8 Gennaio 2014

MBDA Italia. IRAD & Innovation. La Società MBDA. Introduzione. Cloud Computing. 8 Gennaio 2014 MBDA Italia IRAD & Innovation La Società MBDA 8 Gennaio 2014 MBDA è stata creata nel 2001 a seguito dell unione delle attività delle più importanti società europee nel settore: Matra BAe Dynamics in Francia

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

OPERA21. Open Source ed Eclipse in progetti di R&S (sezione MOSIPS)

OPERA21. Open Source ed Eclipse in progetti di R&S (sezione MOSIPS) Open Source ed Eclipse in progetti di R&S (sezione MOSIPS) OPERA21 Carmine Seraponte, 19-20 settembre 2013 IT Staff Gruppo OPERA21 Analisi Competenze Tecnologiche 1 Progetto europeo finanziato nell ambito

Dettagli

Una metodologia per la definizione dei livelli di criticità dei componenti di un sistema software complesso

Una metodologia per la definizione dei livelli di criticità dei componenti di un sistema software complesso tesi di laurea Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo Prof. Massimo Ficco correlatore Ing. Roberto Pietrantuono candidato Antonio Pecchia Matr. 885/108 Sistemi safety-critical Sistemi complessi i cui

Dettagli

Logbus-ng: a software logging bus for Field Failure Data Analysis in distributed systems Anno Accademico 2009-2010

Logbus-ng: a software logging bus for Field Failure Data Analysis in distributed systems Anno Accademico 2009-2010 tesi di laurea Logbus-ng: a software logging bus for Field Failure Data Analysis in Anno Accademico 2009-2010 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Ch.mo prof. Marcello Cinque correlatore Ch.mo Ing. Antonio

Dettagli

SMD: a sensor data distribution service for FIN-BOX middleware for the interoperability in systems of systems Anno Accademico 2011/2012

SMD: a sensor data distribution service for FIN-BOX middleware for the interoperability in systems of systems Anno Accademico 2011/2012 tesi di laurea specialistica SMD: a sensor data distribution service for FIN-BOX middleware for the Anno Accademico 2011/2012 relatore Ch.mo prof. Stefano Russo correlatori Ch.mo prof. Domenico Cotroneo

Dettagli

Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009

Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009 tesi di laurea Casi di studio sulla migrazione di applicazioni web verso servizi REST Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Marco Chimenti Matr. 534/1940 OBBIETTIVI

Dettagli

The project. http://www.interdatanet.org

The project. http://www.interdatanet.org Università degli Studi di Firenze Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni (DET) Laboratorio di Tecnologie della Telematica (LTT) The project http://www.interdatanet.org WORK

Dettagli

Framework Rich Client Application

Framework Rich Client Application Framework Rich Client Application RELATORE: Paolo Giardiello Savona, 30 settembre 2010 Agenda La Sogei Le applicazioni client Sogei Le caratteristiche Le soluzioni possibili Java Web Start Eclipse La scelta:

Dettagli

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo

Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification nell ambito del controllo del traffico aereo tesi di laurea Analisi e sperimentazione della piattaforma Web Service Notification Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo Correlatore Ing. Christiancarmine Esposito candidato

Dettagli

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base

Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Cloud Simulator and Smart Cloud based on Knowledge Base Pierfrancesco Bellini, Daniele Cenni, Paolo Nesi DISIT Lab, Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, DINFO Università degli Studi di Firenze

Dettagli

OggettivaMente Serviti New wave of services to empower IoT Milano, 20 Maggio 2014

OggettivaMente Serviti New wave of services to empower IoT Milano, 20 Maggio 2014 OggettivaMente Serviti New wave of services to empower IoT Milano, 20 Maggio 2014 Telecom Italia Digital Solutions Mario Costamagna Sales Manager Business Unit Machine to Machine & IoT Services Indice

Dettagli

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service

Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione ad Architetture Orientate ai Servizi e Web Service Corso di Sistemi Distribuiti Stefano Iannucci iannucci@ing.uniroma2.it Anno

Dettagli

Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano

Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano DSSI, Direzione Specialistica Sistemi Informativi Il ruolo di ITIL nell ICT Governance per il Comune di Milano 21 maggio 2007 Forum PA - ROMA Alessandro Musumeci Direttore Centrale Sistemi Informativi

Dettagli

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi

Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Interoperabilità e cooperazione applicativa tra sistemi informativi Michele Ruta Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari 1di 29 Indice Introduzione ai Port Community

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

Linux Day 2014. Network Monitoring. Nagios. Alessandro Costetti alle@costetti.it. Luca Ferrarini luca@ferrarini.info 25/10/2014

Linux Day 2014. Network Monitoring. Nagios. Alessandro Costetti alle@costetti.it. Luca Ferrarini luca@ferrarini.info 25/10/2014 Linux Day 2014 Network Monitoring Nagios Alessandro Costetti alle@costetti.it Luca Ferrarini luca@ferrarini.info 25/10/2014 Network Monitoring può essere definito come l insieme dei controlli che è necessario

Dettagli

BANDO DI AMMISSIONE Corso di perfezionamento ICT Governance Anno accademico 2015/2016 Istituito con decreto rettorale n. 1576/2015 del 18 giugno 2015

BANDO DI AMMISSIONE Corso di perfezionamento ICT Governance Anno accademico 2015/2016 Istituito con decreto rettorale n. 1576/2015 del 18 giugno 2015 BANDO DI AMMISSIONE Corso di perfezionamento ICT Governance Anno accademico 2015/2016 Istituito con decreto rettorale n. 1576/2015 del 18 giugno 2015 Art. 1 Obiettivi formativi Art. 2 A chi si rivolge

Dettagli

UN SUPPORTO AUTOMATICO PER LA RACCOLTA E L ANALISI DI DATI SPERIMENTALI DI UN MIDDLEWARE PER LA DISTRIBUZIONE DI DATI

UN SUPPORTO AUTOMATICO PER LA RACCOLTA E L ANALISI DI DATI SPERIMENTALI DI UN MIDDLEWARE PER LA DISTRIBUZIONE DI DATI tesi di laurea UN SUPPORTO AUTOMATICO PER LA RACCOLTA E L ANALISI DI DATI SPERIMENTALI DI UN MIDDLEWARE PER LA DISTRIBUZIONE DI DATI Anno Accademico 2006/2007 relatore Ch.mo prof. Domenico Cotroneo correlatore

Dettagli

Organizzazione del testo

Organizzazione del testo Questo testo è un introduzione allo standard CORBA (Common Object Request Broker Architecture) e all architettura di riferimento OMA (Object Management Architecture), per lo sviluppo di sistemi software

Dettagli

Studio di Tecnologie ed Architetture DVB e Sviluppo di un Dimostratore di una Piattaforma di Teleassistenza

Studio di Tecnologie ed Architetture DVB e Sviluppo di un Dimostratore di una Piattaforma di Teleassistenza Studio di Tecnologie ed Architetture DVB e Sviluppo di un Dimostratore di una Piattaforma di Teleassistenza Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica (LS) Tesi in Progettazione del

Dettagli

Organizzazioni nel Grid Computing

Organizzazioni nel Grid Computing Il ruolo delle Organizzazioni nel Grid Computing Un primo sguardo a Globus - Parte 5 Organizzazioni di Grid Computing Panoramica sui prodotti software Primo sguardo a Globus Dott. Marcello CASTELLANO La

Dettagli

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA

MAX DOLGICER EAI. Architetture, Tecnologie e Best Practices LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA MAX DOLGICER EAI Architetture, Tecnologie e Best Practices ROMA 26-28 MARZO 2008 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it www.technologytransfer.it

Dettagli

icaro x PMI ICT Paolo Nesi (UNIFI, DISIT Lab) Feb 2015

icaro x PMI ICT Paolo Nesi (UNIFI, DISIT Lab) Feb 2015 icaro x PMI ICT Paolo Nesi (UNIFI, DISIT Lab) Feb 2015 IaaS, Infrastructure as a Service: Business: vendita di host a consumo Contesto IaaS/PaaS Gestione: limitata al parco degli Host vari Gestori Monitoraggio

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Presentazione. CitelGroup - Menti e Strumenti

Presentazione. CitelGroup - Menti e Strumenti Presentazione CitelGroup - Menti e Strumenti Chi siamo Ict Consulting Technologies and applications Digital R&D Outsourcing Dove Siamo Roma Napoli Italia San Paolo Rio De Janeiro Brasile Cosa Facciamo

Dettagli

Progetto ICARO. Paolo Nesi. Università degli Studi di Firenze, DISIT LAB paolo.nesi@unifi.it

Progetto ICARO. Paolo Nesi. Università degli Studi di Firenze, DISIT LAB paolo.nesi@unifi.it Progetto ICARO Progetto: Regione Toscana, POR CReO 2007 2013, LINEA DI INTERVENTO 1.5.a - 1.6, BANDO UNICO R&S ANNO 2012: Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze;

Dettagli

Eclipse Day 2010 in Rome

Eclipse Day 2010 in Rome Living IT Architectures Open Source per la realizzazione del modello XaaS www.spagoworld.org/openevents Engineering Engineering Group: Group: nuovo nuovo approccio approccio per per progetti progetti di

Dettagli

Semantica dei Giochi

Semantica dei Giochi Corso di Laurea Specialistica in Informatica Semantica dei Giochi A.A. 2005-2006 Docenti: Claudia Faggian e Pierre-Louis Curien (CNRS - Paris 7) SEMANTICA... Qual e' il senso [l'essenziale] di un programma?

Dettagli

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni

Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Sede didattica: Cassino Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione

Dettagli

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica)

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica) 20/9/06 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

Metodologie per l Analisi di Prestazioni

Metodologie per l Analisi di Prestazioni Metodologie per l Analisi di Prestazioni Prof. Michele Colajanni Corso di Impianti di Elaborazione Ingegneria Informatica Università di Modena e Reggio Emilia Principali passi di una metodologia valutativa

Dettagli

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE

1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1. SISTEMA INFORMATICO GESTIONALE 1.1 Introduzione Il sistema informatico gestionale, che dovrà essere fornito insieme ai magazzini automatizzati (d ora in avanti Sistema Informatico o semplicemente Sistema),

Dettagli

Presentazione di Cedac Software

Presentazione di Cedac Software Agenda Presentazione di Cedac Software SOA ed ESB Analisi di un caso studio Esempi Q&A Presentazione di Cedac Software 1 2 Presentazione di Cedac Software S.r.l. Divisione Software Azienda nata nel 1994

Dettagli

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi

Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni Gestione ICT Applicazione: GAS - Gestione AcceSsi Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi Nome

Dettagli

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM

IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel Cloud Computing: la visione di IBM Raffaella D Alessandro IBM GTS Security and Compliance Consultant CISA, CRISC, LA ISO 27001, LA BS 25999, ISMS Senior Manager, ITIL v3 Roma, 16 maggio 2012 IBM SmartCloud Le regole per la Sicurezza nel

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica.

Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica. Università degli Studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Sistemi Distribuiti Prof. Stefano Russo Caratterizzazionedei SistemiDistribuiti

Dettagli

Grid Scheduling e WS-Agreement

Grid Scheduling e WS-Agreement Grid Scheduling e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni in più domini Obiettivi del proprietario vs. obiettivi

Dettagli

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014

SOA e Web Service SISTEMI INFORMATIVI MODULO II. Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 SISTEMI INFORMATIVI MODULO II SOA e Web Service Figure tratte dal testo di riferimento, Copyright

Dettagli

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse

LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04. a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse LAUREA e LAUREA MAGISTRALE in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 270/04 a cura di Letizia Leonardi, Presidente Consiglio Interclasse POSTER (1/2) Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Compiere ERP/CRM Compiere per le PMI

Compiere ERP/CRM Compiere per le PMI Compiere ERP/CRM Compiere per le PMI Roberto Onnis 1 Compiere ERP/CRM 930,000+ downloads La più popolare applicazione opensource a livello Enterprise ERP Enterprise Resource Planning CRM Customer Relationship

Dettagli

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV

Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie. a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Master annuale di secondo livello Informazione Ambientale e Nuove Tecnologie a.a. 2011-2012 IUAV - ARPAV Obiettivi del master Migliorare il grado di percezione, interpretazione, gestione e comunicazione

Dettagli

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae Mauro Annunziato ENEA Sub-coordinatore European Joint Programme Smart Cities RES NOVAE Obiettivo Sviluppare e dimostrare una soluzione integrata

Dettagli

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano

Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano Quale Roadmap per il Cloud Computing? Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@fondazione.polimi.it La definizione classica del Cloud Computing 4 modelli di deployment Cloud private

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Qualità nell agroalimentare: Sistema di tracking WEB e tecnologie wireless applicate alla raccolta dei dati di prelievo nella filiera del latte

Qualità nell agroalimentare: Sistema di tracking WEB e tecnologie wireless applicate alla raccolta dei dati di prelievo nella filiera del latte Qualità nell agroalimentare: Sistema di tracking WEB e tecnologie wireless applicate alla raccolta dei dati di prelievo nella filiera del latte Alessandro Olivi a.olivi@loccioni.com 15 Dicembre 2005 SOMMARIO

Dettagli

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 CRITERI DI SELEZIONE

ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 CRITERI DI SELEZIONE ALL.1 ERASMUS+ MOBILITA PER STUDIO A.A. 2015/2016 SCUOLA DI AGRARIA 15% ESAMI 15% 25% 25% PRIORITÀ: PRECEDENZA A STUDENTI DI I E II LIVELLO RISPETTO AI DOTTORANDI SCUOLA DI ARCHITETTURA N ESAMI RISPETTO

Dettagli

Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03

Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03 Standard Tecnologici Regione Basilicata ALLEGATO C03 UFFICIO S. I. R. S. Standard Tecnologici ver. 2.1 ultimo agg.: 06/06/2012 CONTROLLO DEL DOCUMENTO Data APPROVAZIONI Autore Redatto da: 27/05/2012 Dott.

Dettagli

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI

2 DESCRIZIONE DEI SERVIZI Premessa In generale i servizi di un Full Service Provider sono più o meno paragonabili. Qui di seguito viene descritto il servizio di Firewalling specifico di un fornitore ma di contenuto assolutamente

Dettagli

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni

WS-Agreement. Sommario. Il Problema del Resource Management. Obiettivi del proprietario vs. obiettivi delle applicazioni Gid Grid Scheduling Shdli e WS-Agreement D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Il Problema del esource Management Applicazioni i i in più domini i Obiettivi del proprietario

Dettagli

SmartcityItalia. Consigliere Centro Studi CNI http://www.centrostudicni.it/ Ing. Bruno Lo Torto

SmartcityItalia. Consigliere Centro Studi CNI http://www.centrostudicni.it/ Ing. Bruno Lo Torto SmartcityItalia Palermo 27-28-29 Novembre 2014 28.11.2014 SmART City e sviluppo industriale: nuovi nessi logici, nuove dinamiche nei rapporti commerciali Progettare per Cambiare http://www.centrostudicni.it/

Dettagli

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa

OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa OpenSPCoop Un Implementazione Open Source della specifica SPCoop di Cooperazione Applicativa Tito Flagella tito@link.it http://openspcoop.org La Cooperazione Applicativa Regolamentazione delle modalità

Dettagli

Lorenzo Simone. Roma, 5 Novembre 2013

Lorenzo Simone. Roma, 5 Novembre 2013 Presentation CloudForms title 2.0 here Architetture Subtitle e Use here Case Scarpa Manager, IKS Lorenzo Simone Roma, IT Architect, 5 Novembre IKS 2013

Dettagli

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei

BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Reti di Calcolatori LS prof. Antonio Corradi BrightSync: progetto di un middleware di sincronizzazione per ambienti eterogenei di Emanuele Crescentini

Dettagli

Misura delle prestazioni dei processi aziendali con sistemi di integrazione dati open source

Misura delle prestazioni dei processi aziendali con sistemi di integrazione dati open source Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Enzo Ferrari di Modena Corso di Laurea in Ingegneria Informatica (509/99) Misura delle prestazioni dei processi aziendali con sistemi

Dettagli

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi

Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL. contenuti corsi Giorno 1 02 10 2014 ENERGY SUMMER SCHOOL contenuti corsi C1 Diagnosi ad ultrasuoni per l efficienza energetica. Casi pratici dall industria farmaceutica, alimentare, di processo rilevamento di perdite

Dettagli

Allegato 2: Prospetto informativo generale

Allegato 2: Prospetto informativo generale Gara a procedura ristretta accelerata per l affidamento, mediante l utilizzo dell Accordo Quadro di cui all art. 59 del D.Lgs. n. 163/2006, di Servizi di Supporto in ambito ICT a InnovaPuglia S.p.A. Allegato

Dettagli

Innovazione. Tecnologia. Know How

Innovazione. Tecnologia. Know How > Presentazione FLAG Consulting S.r.L. Innovazione. Tecnologia. Know How SOMMARIO 01. Profilo aziendale 02. Gestione Documentale 03. Enterprise Document Platform 01. Profilo aziendale Il partner ideale

Dettagli

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it

darts Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www.darts.it Software & Engineering Consulenza Progettazione System Integration ITS BSS New Media Company www..it 1 Company Darts Engineering è pmi di consulenza, progettazione e system integration in ambito ICT, che

Dettagli

Progetto e sviluppo di un applicazione per il pilotaggio remoto di reti

Progetto e sviluppo di un applicazione per il pilotaggio remoto di reti tesi di laurea Progetto e sviluppo di un applicazione per il pilotaggio remoto di reti di sensori Anno Accademico 2011/2012 relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque candidato Andrea Fretta Matr. 534003135

Dettagli

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito

Un architettura per lo streaming multimediale in ambiente distribuito tesi di laurea Anno Accademico 2012/2013 relatore Ch.mo prof. Simon Pietro Romano correlatori Ing. Tobia Castaldi candidato Alessandro Arrichiello Matr. M63/43 Contesto: o Content Distribution Networks

Dettagli

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole

Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Cloud Computing: alcuni punti fermi per non smarrirsi fra le nuvole Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n.

Dettagli

SNMP Watch Dog (Specifiche)

SNMP Watch Dog (Specifiche) SNMP Watch Dog (Specifiche) Progetto di Esame di Reti di Calcolatori Corso di laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Realizzato da Scocco Gianfranco, matricola n. 21 03 50701 SNMP Watch Dog Sistema

Dettagli

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof.

Anno Scolastico: 2014/2015. Indirizzo: Sistemi informativi aziendali. Classe quarta AS. Disciplina: Informatica. prof. Anno Scolastico: 2014/2015 Indirizzo: Sistemi informativi aziendali Classe quarta AS Disciplina: Informatica prof. Competenze disciplinari: Secondo biennio 1. Identificare e applicare le metodologie e

Dettagli

nova systems roma Services Business & Values

nova systems roma Services Business & Values nova systems roma Services Business & Values Indice 1. SCM: Security Compliance Management... 3 2. ESM: Enterprise Security Management... 4 3. IAM: Identity & Access Management... 4 4. IIM: Information

Dettagli

UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT

UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT IT PROFESSIONAL SERVICES UNA SOLUZIONE PER IL PERFORMANCE MANAGEMENT Gestire il portfolio applicativo monitorando qualità, produttività e costi dello sviluppo software Overview ARGOMENTI: Overview A chi

Dettagli

Progettazione e sviluppo di uno strumento di monitoraggio dei componenti software di un sistema per il controllo del traffico aereo

Progettazione e sviluppo di uno strumento di monitoraggio dei componenti software di un sistema per il controllo del traffico aereo tesi di laurea Progettazione e sviluppo di uno strumento di monitoraggio dei componenti software di un sistema per il controllo del traffico aereo Anno Accademico 2007/2008 relatore Ch.mo prof. Domenico

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto

Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni in Esperanto Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Informatica Capri Feb. 2004 Progettazione ed implementazione di un tool per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Digitalizzazione e interoperabilità

Digitalizzazione e interoperabilità Digitalizzazione e interoperabilità Ing. Gianfranco Pontevolpe Politecnico di Torino, 26 novembre 2010 European Interoperability Framework The European Interoperability Framework EIF v. 2 the interoperability

Dettagli

Sicurezza e Interoperabilità nei sistemi multicloud. Antonio Corradi - DISI Dipartimento di Informatica - Scienze e Ingegneria Università di BOLOGNA

Sicurezza e Interoperabilità nei sistemi multicloud. Antonio Corradi - DISI Dipartimento di Informatica - Scienze e Ingegneria Università di BOLOGNA Sicurezza e Interoperabilità nei sistemi multicloud Antonio Corradi - DISI Dipartimento di Informatica - Scienze e Ingegneria Università di BOLOGNA Il Cloud computing Una tecnologia disponibile alle aziende

Dettagli

Sviluppo di applicazioni MHP per la Televisione Digitale Terrestre

Sviluppo di applicazioni MHP per la Televisione Digitale Terrestre Sviluppo di applicazioni MHP per la Televisione Digitale Terrestre Tesi di Laurea di Relatori: Filippo Amendola Ambra Basta Prof. Roberto Caldelli Ing. Francesco Filippini Ing. Rudy Becarelli Obiettivi

Dettagli

Residenza: Via Rio Rosso n 73 Milazzo (ME) Domicilio: Via Vitaliano Brancati n 32 Gravina di Catania (CT) Esente dagli obblighi di leva

Residenza: Via Rio Rosso n 73 Milazzo (ME) Domicilio: Via Vitaliano Brancati n 32 Gravina di Catania (CT) Esente dagli obblighi di leva CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo Stefano D Amico Residenza: Via Rio Rosso n 73 Milazzo (ME) Domicilio: Via Vitaliano Brancati n 32 Gravina di Catania (CT) Telefono Cellulare:

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Coordinatore scientifico del Progetto RES NOVAE

Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae. Mauro Annunziato ENEA Coordinatore scientifico del Progetto RES NOVAE Le reti urbane intelligenti e cooperative: il progetto Res Novae Mauro Annunziato ENEA Coordinatore scientifico del Progetto RES NOVAE Obiettivo RES NOVAE Sviluppare e dimostrare una soluzione integrata

Dettagli

Sommario. Servizi SMS a valore aggiunto per dispositivi mobili. Osservatorio Mobile VAS (Value. Added Service)

Sommario. Servizi SMS a valore aggiunto per dispositivi mobili. Osservatorio Mobile VAS (Value. Added Service) Servizi SMS a valore aggiunto per dispositivi mobili Nicola Provenzano Dip.. di Ingegneria dell Informazione, Pisa nicola.provenzano@iet.unipi.it Mobile VAS Servizi SMS VAS SMS Center Kannel Content Server

Dettagli

Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione

Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione Tesi di Laurea Progetto di servizi di presenza in scenari mobili di terza generazione Candidato: Renato Contestabile Relatore: Chiar.mo Prof. Salvatore Tucci Correlatore: Dott.ssa Giovanna De Zen Sommario

Dettagli

Cloud computing: aspetti giuridici

Cloud computing: aspetti giuridici Cloud computing: aspetti giuridici A cura di: Lorenzo Jona Celesia e Paola Zambon Dottori Commercialisti Politecnico di Torino 25 novembre 2011 Cloud computing? Come ordinare un piatto al ristorante La

Dettagli

Il Project Management in Italia visto dall osservatorio accademico

Il Project Management in Italia visto dall osservatorio accademico Il Project Management in Italia visto dall osservatorio accademico Franco Caron Dipartimento di Ingegneria Gestionale POLITECNICO DI MILANO Dall inizio degli anni 90 si diffondono nelle università italiane

Dettagli

Datagraf Servizi S.r.l. Company Profile

Datagraf Servizi S.r.l. Company Profile Datagraf Servizi S.r.l. Company Profile Agenda Chi siamo Linee di offerta Approccio Metodologia Operativa Aree di Intervento La composizione della nostra offerta I Nostri Punti di Forza Chi siamo DATAGRAF

Dettagli

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013

Candidato: Luca Russo Docente: Prof. Raffaele Montella. 27 Marzo 2013 e di e di Candidato: Luca Russo Docente: Corso di laurea in Informatica Applicata Facoltá di Scienze e Tecnologie Programmazione su Reti 27 Marzo 2013 Traccia d esame Sviluppare multitier con disaccoppiamento

Dettagli