Verifica delle caratteristiche funzionali e prestazionali di un router

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifica delle caratteristiche funzionali e prestazionali di un router"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Verifica delle caratteristiche funzionali e prestazionali di un router Candidato Antonio Valente Relatore Anno Accademico 2008/2009

2 Sommario Introduzione... iii 1. Apparati di rete e metodologia di test Apparati utilizzati Router Huawei AR Spirent SmartBits 600B Tipologie e modalità di test Throughput Latenza Frame Loss Topologie di rete impiegate Test del router in configurazione minimale Presentazione del test plan Risultati dei singoli test case Confronti e considerazioni finali Test del router con un numero elevato di rotte statiche La tabella di instradamento di un router Presentazione del test plan Risultati dei singoli test case Confronti e considerazioni finali Considerazioni sull usabilit{ della CLI Test del router in presenza di Access Control List Le Access Control List Presentazione del test plan Risultati dei singoli test case Confronti e considerazioni finali Conclusioni e sviluppi futuri A. Configurazioni utilizzate nei test A1. Configurazione minimale A2. Configurazione con rotte statiche A3. Configurazione con rotte statiche e agente SNMP A4. Configurazione con Access Control List Bibliografia ii

3 Introduzione I produttori di apparati di rete, talvolta, fanno un uso improprio di specifiche e/o risultati di misurazioni dei loro apparati, nel tentativo di dare a tali prodotti un miglior posizionamento sul mercato. Ciò rende difficile il compito agli acquirenti, i quali risultano abbastanza confusi circa le reali prestazioni di tali prodotti. Obiettivo di questa tesi è pianificare ed eseguire una serie di test in modo da verificare specifiche caratteristiche funzionali e prestazionali di un apparato di rete. I risultati di tali test conferiranno all utente finale una maggior consapevolezza nella valutazione di tali dispositivi. Si è consapevoli che ciò possa richiedere una notevole quantità di tempo. Ci si aspetta altresì che i risultati ottenuti rappresentino un considerevole valore aggiunto. Ciascun test presentato in questa tesi è ideato in modo da essere svincolato dallo specifico produttore dell apparato e ortogonale agli strumenti utilizzati. Si è scelto di documentare minuziosamente tutti i passi dell esecuzione del test, in modo da facilitarne la replicazione anche agli utenti che non abbiano una profonda conoscenza dell argomento, garantendo allo stesso modo che i risultati finali non si discostino da quelli presentati in questo documento. Le fasi che compongono ogni test, il cui approccio adottato è chiaramente di natura sperimentale, possono essere schematizzate come segue: 1) una prima fase di analisi, ossia un indagine preliminare atta a comprendere in dettaglio le funzionalit{ dell apparato che saranno oggetto del test; 2) una fase di pianificazione delle fasi del test, che può essere opportunamente scomposta in sottoattività, il cui scopo è di definire (a un certo livello di dettaglio) i passi di esecuzione del test in funzione dei requisiti individuati nell analisi; iii

4 3) un ultima fase di esecuzione (e documentazione) del test vera e propria. Il resto di questo documento è organizzato nel modo seguente: nel capitolo 1 sono introdotti gli apparati adoperati nei test, nonché le tipologie e modalità di test adoperate; nel capitolo 2 sono riportati i test, raggruppati in famiglie, che hanno avuto come obiettivo la caratterizzazione delle prestazioni dell apparato in configurazione minimale; nel capitolo 3 sono riportati i test, raggruppati in famiglie, che hanno avuto come obiettivo la caratterizzazione delle prestazioni dell apparato relativamente alle dimensioni della tabella di instradamento; nel capitolo 4 sono riportati i test, raggruppati in famiglie, che hanno avuto come obiettivo la caratterizzazione delle prestazioni dell apparato relativamente alla presenza di ACL (Access Control List); nel capitolo 5 si traggono le conclusioni sui test con proposte di sviluppi futuri. iv

5 Capitolo 1 Apparati di rete e metodologia di test 1.1 Apparati utilizzati Router Huawei AR19-61 Huawei Technologies è una società cinese oggi tra i principali attori nel mercato globale delle telecomunicazioni. Fondata nel 1988 vicino ad Hong Kong, dispone oggi di sedi dislocate in oltre 100 paesi di tutto il mondo. A Huawei come realtà emergente e in rapida crescita si sono affidati 28 tra i primi 50 operatori mondiali del mercato delle telecomunicazioni. La produzione Huawei è molto ramificata e dispone, tra le altre soluzioni, di una vasta scelta di switch, firewall, security gateway, apparati wireless e router. Tra questi è stato scelto come oggetto di test il router AR19-61, appartenente alla famiglia Quidway Advanced Router. Figura 1-1. Visione frontale e posteriore del router Huawei AR19-61 Esso si presenta con la seguente configurazione: - CPU RISC Power PC MHz - 256MB SDRAM - 256MB Compact Flash - 2 Interfacce Fast Ethernet 1

6 Capitolo 1. Apparati di rete e metodologia di test Il sistema operativo che governa il funzionamento di tutti gli apparati Huawei è il VRP (Versatile Routing Platform), presente nel router in prova nella versione 5.20 (release 1618). Per far meglio comprendere al lettore il ruolo dei file di configurazione (che può trovare allegati alle singole schede di test e in Appendice) nell ambito del sistema operativo VRP, segue ora una descrizione della sua struttura generale, sfruttando un analogia con le caratteristiche di un personal computer comune. Un apparato Huawei dispone di un sistema operativo minimale denominato Boot ROM (equivalente al BIOS), la cui funzione è quella di far caricare il sistema operativo vero e proprio VRP (equivalente a Linux o Windows), sul quale vengono fatti eseguire i file di configurazione. Questa analogia è esemplificata nella seguente immagine: Figura 1-2. Analogia tra personal computer e un router Huawei L'apparato ha la necessità di utilizzare alcune memorie non volatili al fine di conservare le informazioni anche in caso di assenza di alimentazione. In particolare, il Boot ROM è conservato in una memoria tipo ROM (Read Only Memory), separata dalla memoria di tipo flash che viene invece utilizzata per conservare l ambiente VRP (in file con estensione.bin) e i file di configurazione dell'apparato (con estensione.cfg). Quando l'apparato è in funzione, per eseguire l'ambiente VRP è utilizzata una memoria volatile di tipo RAM (Random Access Memory). 2

7 Capitolo 1. Apparati di rete e metodologia di test I file di configurazione, che sono considerati, dunque, alla stregua dei normali programmi di un PC, sono, in pratica, file in formato testo costituiti da una sequenza di comandi. All'accensione, l apparato attiva le proprie funzionalit{ sulla base delle informazioni contenute nel file di configurazione di startup, che viene copiato nella memoria RAM ed eseguito (la configurazione memorizzata nella memoria RAM è denominata current-configuration, mentre quella memorizzata nel file di startup è chiamata saved-configuration). Per rendere permanenti le modifiche effettuate ai parametri dell apparato (che sono memorizzate nella currentconfiguration) è necessario salvare la current-configuration nella savedconfiguration, in modo tale che al successivo riavvio l apparato carichi le modifiche apportate Spirent SmartBits 600B Le reti di calcolatori e l industria delle telecomunicazioni stanno crescendo sempre più in dimensioni e complessità. Se si considera che una simulazione di condizioni reali possa coinvolgere più di flussi di traffico, ci si rende conto che, in risposta a tale crescita, devono progredire anche le tecnologie dei sistemi di test. Il generatore di traffico Spirent SmartBits 600B (conosciuto anche con la sigla SMB-600B) rappresenta la nuova generazione di piattaforme modulari di test che sposa al meglio questi requisiti in costante aumento. È dunque, nel complesso, uno strumento che permette di testare, simulare, analizzare, identificare malfunzionamenti, sviluppare e certificare infrastrutture di rete. Lo SmartBits possiede delle caratteristiche che lo rendono particolarmente adatto a tali attività: - può essere controllato via Ethernet: è presente direttamente sullo chassis una porta a 10/100 Mbps; - assicura un alta risoluzione e accuratezza dei dati grazie ad un clock interno: tale precisione (dichiarata fino a 2 parti per milione) è utilizzata per le misurazioni di latenza, che saranno illustrate nei capitoli 2, 3 e 4; - offre la possibilità di essere collegato ad altri SmartBits, per raggiungere un maggior numero complessivo di porte. 3

8 Capitolo 1. Apparati di rete e metodologia di test Figura 1-3. Visione frontale dello Spirent SMB-600B Lo chassis SMB-600B permette l installazione di 1 o 2 moduli che possono supportare fino a: - 16 porte 10/100 Mbps Ethernet - 4 porte Gigabit Ethernet - 1 porta 10 Gigabit Ethernet - 4 porte in Fibra o un opportuna combinazione di esse. Il modello utilizzato nei test presentati in questa tesi monta una scheda LAN- 3321A, che mette a disposizione 2 porte Ethernet a 10/100/1000 Mbps. Figura 1-4. Visione frontale della scheda LAN-3321A A corredo dello SmartBits 600B sono presenti vari software, tra cui lo SmartFlow (versione 5.50) adoperato in questo documento. Questo utile strumento offre all utente (tra le altre funzioni): - supporto completo a IPv4 con dati UDP/TCP/ICMP per test a livello 2/3 della pila protocollare TCP/IP; - alcune configurazioni con i modelli di traffico più comuni; - supporto a flussi ciclici ad alta densit{ di traffico; - analisi più accessibile grazie a grafici e statistiche dettagliate; - possibilità di esportazione dei risultati in vari formati (HTML incluso). 4

9 Capitolo 1. Apparati di rete e metodologia di test 1.2 Tipologie e modalità di test Throughput Il throughput si definisce come il valore massimo della velocità di trasmissione in corrispondenza del quale non si verifica perdita di alcun pacchetto. La misurazione del throughtput consente ai fornitori di presentare i propri apparati sul mercato comunicando un unico valore. Dato che persino la perdita di un singolo pacchetto in un flusso di dati può causare significativi ritardi finché i protocolli di livello superiore vadano in timeout, è molto utile conoscere l effettivo carico di traffico che l apparato riesce a gestire. Nelle batterie di test che saranno esposte nei capitoli 2, 3 e 4, si mostra come quasi il 50% del totale di essi abbia avuto come obiettivo la misurazione del throughput. Per fare ciò, si è impiegata una ricerca di tipo binario. In questa modalità il software di controllo del test (SmartFlow) inizia a trasmettere ad una velocità iniziale (impostata in fase di pianificazione del test), e successivamente o la incrementa, se la percentuale di frame loss è inferiore alla soglia indicata (nei test è stata impostata a 0%), oppure la decrementa. A regolazione avvenuta, il test prosegue la trasmissione alla nuova velocità. Alla fine di ogni passo, SmartFlow regola la velocità verso l'alto o verso il basso di conseguenza. La ricerca si interrompe quando la percentuale di regolazione necessaria è minore della percentuale di risoluzione richiesta (nei test è stata impostata a 0.1%). Si è inoltre scelto di seguire le raccomandazioni presenti nelle RFC 2544 e 1242, ossia di ripetere ogni test per differenti dimensioni dei pacchetti Latenza Si definisce latenza il ritardo di trasmissione introdotto da un apparato di rete. Le attuali applicazioni (e si prevede in maniera più sensibile quelle del futuro) dipendono considerevolmente da tale ritardo e risentono abbastanza della sua intrinseca variabilità. In questo lavoro sono presentati ed eseguiti dei test di latenza per tenere traccia del ritardo di ogni singolo pacchetto trasmesso. SmartFlow registra un timestamp in fase di trasmissione del pacchetto e un altro timestamp quando lo stesso pacchetto viene ricevuto. A questo punto calcola la latenza come differenza del timestamp di ricezione meno quello di trasmissione. La presenza 5

10 Capitolo 1. Apparati di rete e metodologia di test di buffer negli apparati di rete minimizza considerevolmente la latenza introdotta, almeno finché questi non si riempiono. Il test adopera una strategia di aumento del carico detta a gradino: parte da una percentuale iniziale e la incrementa di volta in volta della percentuale indicata, fino a raggiungere la soglia stabilita (sia la soglia iniziale, che quella finale, che quella del gradino, sono impostate in fase di pianificazione del test). In particolare nei test illustrati nei capitoli 2, 3 e 4 è stata calcolata la latenza Store-and-Forward, i cui valori sono ottenuti sulla base dell ultimo bit uscente dalla porta di trasmissione e il primo bit entrante nella porta di ricezione (dopo il preambolo), adoperando dunque una politica LIFO (Last In First Out). Si è inoltre scelto di seguire le raccomandazioni presenti nelle RFC 2544 e 1242, ossia di ripetere ogni test per differenti dimensioni dei pacchetti Frame Loss La perdita di pacchetti (frame loss) rappresenta la percentuale di pacchetti che non è stata inoltrata dall apparato di rete a causa della mancanza delle risorse necessarie. Questo tipo di misurazione rappresenta un utile indicazione della risposta di un apparato di rete in uno stato di forte stress, dando un idea abbastanza precisa di come tale apparato riesca a gestire specifiche situazioni patologiche. La causa di tale perdita può essere infatti associata a congestione di rete, ritardo eccessivo dei pacchetti, ricezione fuori sequenza degli stessi, o errori più comuni tra i quali per esempio un checksum errato di un pacchetto. Il test adopera la stessa strategia di aumento del carico a gradino illustrata nel paragrafo precedente: parte da una percentuale iniziale e la incrementa di volta in volta, fino a raggiungere la soglia stabilita (anche in questo caso ogni parametro è impostato in fase di pianificazione del test). SmartFlow calcola la percentuale di frame loss come differenza tra i pacchetti trasmessi e quelli ricevuti, mantenendo anche traccia di quanti pacchetti sono stati ricevuti fuori sequenza. Sebbene la percentuale di frame loss sia un dato presente in tutti i testi di throughput effettuati con SmartFlow, si è fatto un uso specifico di tale tipologia di test (come sarà illustrato più dettagliatamente nel capitolo 4) per verificare l effettiva applicazione delle Access Control List da parte del router. 6

11 Capitolo 1. Apparati di rete e metodologia di test 1.3 Topologie di rete impiegate Tutti i test discussi in questa tesi (ad eccezione di due, come spiegato tra breve) sono stati effettuati rispecchiando la seguente topologia di rete: Figura 1-5. Topologia di rete principale L interfaccia 0/0 del router è stata configurata con l indirizzo IP Alla stessa rete si affaccia la porta 1 dello SmartBits, a cui è stato assegnato l indirizzo IP L interfaccia 0/1 del router è stata configurata con l indirizzo IP Alla stessa rete si affaccia la porta 2 dello SmartBits, a cui è stato assegnato l indirizzo IP È stato inoltre collegato il notebook (assegnandogli l indirizzo IP ) alla porta Ethernet di controllo dello SmartBits (disponibile all indirizzo IP ), situata sul retro dello chassis. Figura 1-6. Visione posteriore dello chassis SMB-600B Il flusso di pacchetti generati dallo SmartBits segue questo percorso: - viene inviato dalla porta 1 dello SmartBits alla porta 0/0 del router; - è inoltrato dalla porta 0/1 del router alla porta 2 dello SmartBits. In due test si è reso necessario eseguire interrogazioni SNMP (Simple Network Management Protocol) verso il router. Si è dovuto procedere, perciò, alla 7

12 Capitolo 1. Apparati di rete e metodologia di test modifica della topologia precedentemente illustrata inserendo uno switch (in particolare si è scelto di utilizzare lo Switch Enterasys B2H124-48P) e modificando opportunamente alcuni indirizzi IP in modo da garantire nuovamente la connettività tra il notebook e la porta di controllo dello SmartBits. Figura 1-7. Topologia di rete alternativa La nuova configurazione risulta dunque essere: L interfaccia 0/0 del router è stata configurata con l indirizzo IP Alla stessa rete si affaccia la porta 1 dello SmartBits, a cui è stato assegnato l indirizzo IP La rete invece risulta essere popolata da un numero maggiore di apparati connessi. Vi fanno parte infatti: - l interfaccia 0/1 del router con indirizzo IP ; - la porta 2 dello SmartBits, con indirizzo IP ; - la porta di controllo dello SmartBits, con indirizzo IP ; - il notebook, con indirizzo IP Il flusso di pacchetti generati dallo SmartBits segue, ora, questo percorso: - viene inviato dalla porta 1 dello SmartBits alla porta 0/0 del router; - è inoltrato dalla porta 0/1 del router alla porta 1 dello switch; - è inoltrato da tutte le altre porte dello switch (la 3, la 9 e la 16) rispettivamente verso la porta 2 dello SmartBits, la porta di controllo dello stesso e il notebook. Tale configurazione riesce nell intento di far pervenire il flusso di dati inviato dalla porta 1 dello SmartBits alla propria porta 2. 8

13 Capitolo 2 Test del router in configurazione minimale In questo capitolo verranno presentati in dettaglio tutti i test case (raggruppati in famiglie) che hanno avuto come oggetto il router Huawei AR19-61 in configurazione minimale. 2.1 Presentazione del test plan In questo paragrafo saranno illustrate in dettaglio le famiglie di test eseguite con un elenco dei test case di cui si compongono, chiarendo in che modo si differenzino le une dalle altre e in che modo perseguano l obiettivo fissato nel test plan. Si precisa tuttavia che, per ragioni di spazio, non si è allegato a questo documento il dettaglio di tutte le operazioni effettuate in ogni singolo test Il lettore interessato le potrà trovare sul sito web del laboratorio reti del DIA di Roma Tre (http://www.dia.uniroma3.it/~compunet/www/view/topic.php?id=netlab) in modo che sia agevole selezionare una singola scheda di test ed eseguirla. 9

14 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Titolo del test plan Il titolo dell intera batteria di test case pianificati. Etichetta del progetto di test Tale etichetta identifica univocamente questo progetto di test. Device Under Test L oggetto del test, incluse: - Caratteristiche hardware - Versione hardware - Versione software - Part number Obiettivo Una descrizione concisa di cosa ci si propone di verificare e/o analizzare tramite questo test plan. Tipologia Le tipologie di test case effettuate: Throughput (TP), Latenza (LT), o Frame Loss (FL). Pianificatore pianificato il test plan. Esecutore eseguito i test case descritti nel test plan. Supervisione Test di carico per router Huawei AR19-61 configurazione minimale AR Router Huawei Quidway AR19-61: - CPU MPC MHz - 256MB SDRAM - 4MB boot ROM - 256MB CF - 2 Interfacce Fast Ethernet - Versione hardware: VRP Software: Versione 5.20, Release P/N (supply): A217B P/N (chassis): 000FE2A27AAE Questo test plan ha lo scopo di analizzare le caratteristiche prestazionali del router simulando situazioni di carico pesante. È stato utilizzato come generatore di traffico lo Spirent SMB-600B per rilevare il valore di throughput massimo raggiungibile dal router (in configurazione minimale) e i valori minimi, medi e massimi per la latenza di ogni pacchetto, generando, in diversi test case, differenti combinazioni di flussi con campi variabili e no. Si vuole verificare inoltre se i risultati si discostano tra loro a seconda che i campi dei singoli pacchetti di ogni flusso varino solo in sorgente, o solo in destinazione, o in entrambi, o in nessuno dei due. Throughput Latenza Antonio Valente Antonio Valente 10

15 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale controllato le fasi di esecuzione dei test Riferimenti Una lista di documenti che possono essere utili per la comprensione dei test. SmartFlowUG.pdf Request for Comments: Overview.pdf 514_smb600_6000B installation.pdf VRP 3.4 Command Manual.pdf Router Huawei: configurazione e utilizzo. L. Chiarion, G. Zamengo Manuale d uso del software di controllo SmartFlow. Benchmarking Methodology for Network Interconnect Devices. RFC di riferimento per le metodologie di test di apparati di rete. Panoramica (e specifiche tecniche) sui router Huawei AR serie 19. Manuale d uso dello Spirent SmartBits 600B. Manuale del sistema operativo del router. Guida completa ai router Huawei. Glossario Una lista di abbreviazioni usate nel documento. CLI DUT FS Command Line Interface Device Under Test Frame Size (Dimensione del pacchetto) Elenco dei test case eseguiti Una lista di tutte le etichette dei test case che compongono questo test plan. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP

16 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi senza campi variabili AR Il flusso di pacchetti inviati al router non presenta alcun campo variabile né in sorgente né in destinazione. Ognuno di essi ha come mittente l indirizzo e come destinatario Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 12

17 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi con campi variabili in destinazione AR Il flusso di pacchetti inviati al router presenta 252 variazioni (non cicliche) in destinazione, relativamente a: - indirizzo MAC; - indirizzo IP; - porta UDP. Ogni pacchetto ha come mittente l indirizzo Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 13

18 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi con campi variabili in sorgente AR Il flusso di pacchetti inviati al router presenta 252 variazioni (non cicliche) in sorgente, relativamente a: - indirizzo MAC; - indirizzo IP; - porta UDP. Ogni pacchetto ha come destinatario l indirizzo Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 14

19 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi con campi variabili in sorgente e in destinazione AR Il flusso di pacchetti inviati al router presenta 252 variazioni (non cicliche) sia in sorgente che in destinazione, relativamente a: - indirizzo MAC; - indirizzo IP; - porta UDP. Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 15

20 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale 2.2 Risultati dei singoli test case In questo paragrafo saranno illustrati in dettaglio i risultati dei singoli test case presentati nel paragrafo precedente. La presentazione sarà esplicata per mezzo di schede riassuntive (una per ogni test case), contenenti ciascuna tre istogrammi (e relativi valori numerici) che caratterizzano l apparato in funzione della tipologia di test eseguito. Nella fattispecie, i test di throughput mostrano l andamento per framesize di: - Throughput; - Frame al secondo; - Bit al secondo. I test di latenza mostrano invece l andamento per framesize di: - Latenza media; - Latenza minima; - Latenza massima. 16

21 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 8 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente, all aumentare del FS (a eccezione di 64 Byte). 17

22 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

23 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 10 minuti Antonio Valente - 19

24 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

25 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 14 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente da 512 Byte a dimensioni superiori. 21

26 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

27 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 19 minuti Antonio Valente - 23

28 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

29 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 16 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo crescente all aumentare dei FS. 25

30 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

31 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 1 ora e 44 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai il throughput 100%. 27

32 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

33 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 9 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente, all aumentare del FS (a eccezione di 64 Byte). 29

34 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

35 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 12 minuti Antonio Valente - 31

36 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

37 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 16 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente da 512 Byte a dimensioni superiori. 33

38 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

39 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 21 minuti Antonio Valente - 35

40 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

41 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 21 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo crescente all aumentare dei FS. 37

42 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

43 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 1 ora e 46 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai il throughput 100%. 39

44 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

45 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 10 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente, all aumentare del FS (a eccezione di 64 Byte). 41

46 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

47 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 14 minuti Antonio Valente - 43

48 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

49 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 16 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente da 512 Byte a dimensioni superiori. 45

50 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

51 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 21 minuti Antonio Valente - 47

52 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

53 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 18 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo crescente all aumentare dei FS. 49

54 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

55 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 1 ora e 47 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai il throughput 100%. 51

56 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

57 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 10 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente, all aumentare del FS (a eccezione di 64 Byte). 53

58 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

59 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 12 minuti Antonio Valente - 55

60 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

61 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 15 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo decrescente da 512 Byte a dimensioni superiori. 57

62 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

63 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 21 minuti Antonio Valente - 59

64 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

65 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 17 minuti Antonio Valente La latenza mostra un profilo crescente all aumentare dei FS. 61

66 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale FrameSize Minimum Average Maximum

67 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 1 ora e 47 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai il throughput 100%. 63

68 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

69 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale 2.3 Confronti e considerazioni finali Premessa: per quanto riguarda le misurazioni della latenza si precisa che i valori di Maximum e Minimum hanno contribuito in maniera inferiore alla valutazione finale, rappresentando solo i valori di singoli picchi e non delle relative medie. Per le considerazioni finali ha giocato un ruolo maggiore l andamento dei valori Average. Dal confronto dei risultati dei test di throughput della famiglia AR relativamente alle tre diverse durate della singola iterazione, si può notare che: - a 64 Byte di dimensione dei pacchetti non si registra alcuna variazione tra 1, 10 e 100 secondi; - per le altre dimensioni le variazioni sono tutte sotto l 1%; - il throughput massimo teorico a 100 secondi non si raggiunge mai, a 10s si raggiunge da dimensioni minime di 1024 Byte e a 1s da 256 Byte; - il profilo generale non cambia al variare della durata delle iterazioni. Tali considerazioni valgono anche nell ambito di ciascuna delle altre tre famiglie di test. Dando uno sguardo d insieme ai test di latenza per la famiglia AR , si possono fare le seguenti considerazioni: - Latenza minima: pressappoco nessuna variazione, identico profilo per frame size. Il valore è tendenzialmente maggiore all aumentare delle dimensioni del pacchetto. - Latenza media: la variazione è più marcata (fino a circa 2.7 volte) al crescere delle dimensioni del pacchetto e al decuplicare del tempo di iterazione. - Latenza massima: grosso modo valgono le stesse considerazioni della latenza media. Tale caratterizzazione è pressoché identica nell ambito delle altre tre famiglie di test. Si segnalano solo le seguenti anomalie: - in AR si nota un aumento abbastanza marcato della latenza media in corrispondenza dei 64 Byte di dimensione del pacchetto; - in AR si registra un picco della latenza massima in corrispondenza dei 128 Byte di frame size e 1s di durata dell iterazione. 65

70 Capitolo 2. Test del router in configurazione minimale Quindi, nel complesso, intersecando i dati di tutte e quattro le famiglie di test si rileva pressappoco nessuna variazione del throughput massimo raggiungibile (semmai limitata a variazioni positive o negative sotto l 1%). Si registrano inoltre variazioni non significative nell andamento della latenza minima, leggere oscillazioni della latenza media (entro il 10%) con la sola eccezione dei 64 Byte, dove, in presenza di flussi variabili si verifica un aumento fino ad un fattore 3 circa. Oscillazioni presenti anche nei picchi di latenza massima (specialmente nei test con iterazioni di 1 e 10 secondi) limitate anche quest ultime a un fattore 3 circa. È possibile concludere che le prestazioni del router in configurazione minimale non degradano inserendo flussi con campi variabili, l unica eccezione è rappresentata dai frame size bassi (più 64 Byte che 128) in quanto la latenza può anche triplicare. Ciò era prevedibile, dato che la gestione di un flusso i cui pacchetti siano tutti da 64 Byte è un banco di prova particolarmente severo per un router. 66

71 Capitolo 3 Test del router con un numero elevato di rotte statiche In questo capitolo verranno presentati in dettaglio tutti i test case (raggruppati in famiglie) che hanno avuto come oggetto il router Huawei AR19-61 configurato con 2000 rotte statiche, in modo da verificare in che modo una tabella di instradamento di grandi dimensioni influisca sulle prestazioni. 3.1 La tabella di instradamento di un router Il ruolo principale di un router è quello di smistare pacchetti di rete sulla base di informazioni apprese da protocolli di routing, o presenti staticamente nella propria configurazione. Tali informazioni convergono in struttura di dati chiamata tabella di instradamento (nota anche come tabella di routing), mediante la quale l apparato prende le decisioni sull inoltro dei pacchetti. La tabella di routing è composta di tante righe quante sono le rotte presenti, per questo motivo l inserimento manuale di 2000 entry ha permesso di analizzare la dipendenza delle prestazioni del router dalle dimensioni della stessa. 3.2 Presentazione del test plan In questo paragrafo saranno illustrate in dettaglio le famiglie di test eseguite con un elenco dei test case di cui si compongono, chiarendo in che modo si differenzino le une dalle altre e in che modo perseguano l obiettivo fissato nel test plan. Si precisa tuttavia che, per ragioni di spazio, non si è allegato a questo documento il dettaglio di tutte le operazioni effettuate in ogni singolo test Il lettore interessato le potrà trovare sul sito web del laboratorio reti del DIA di Roma Tre (http://www.dia.uniroma3.it/~compunet/www/view/topic.php?id=netlab) in modo che sia agevole selezionare una singola scheda di test ed eseguirla. 67

72 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Titolo del test plan Il titolo dell intera batteria di test case pianificati. Etichetta del progetto di test Tale etichetta identifica univocamente questo progetto di test. Device Under Test L oggetto del test, incluse: - Caratteristiche hardware - Versione hardware - Versione software - Part number Obiettivo Una descrizione concisa di cosa ci si propone di verificare e/o analizzare tramite questo test plan. Tipologia Le tipologie di test case effettuate: Throughput (TP), Latenza (LT), o Frame Loss (FL). Pianificatore pianificato il test plan. Esecutore eseguito i test case descritti nel test plan. Supervisione Test di carico per router Huawei AR19-61 tabella di instradamento AR Router Huawei Quidway AR19-61: - CPU MPC MHz - 256MB SDRAM - 4MB boot ROM - 256MB CF - 2 Interfacce Fast Ethernet - Versione hardware: VRP Software: Versione 5.20, Release P/N (supply): A217B P/N (chassis): 000FE2A27AAE Questo test plan ha lo scopo di chiarire in che modo una tabella di instradamento di notevoli dimensioni possa impattare sulle prestazioni del router. Allo scopo sono state iniettate nel router 2000 rotte statiche (il massimo consentito dall apparato). È stato utilizzato come generatore di traffico lo Spirent SMB-600B per rilevare il valore di throughput massimo raggiungibile dal router e i valori minimi, medi e massimi per la latenza di ogni pacchetto, generando, in diversi test case, differenti combinazioni di flussi con campi variabili e no. Si vuole verificare inoltre se i risultati si discostano tra loro a seconda che i campi dei singoli pacchetti di ogni flusso varino oppure no. Throughput Latenza Antonio Valente Antonio Valente 68

73 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche controllato le fasi di esecuzione dei test Riferimenti Una lista di documenti che possono essere utili per la comprensione dei test. SmartFlowUG.pdf Request for Comments: Overview.pdf 514_smb600_6000B installation.pdf VRP 3.4 Command Manual.pdf Router Huawei: configurazione e utilizzo. L. Chiarion, G. Zamengo Manuale d uso del software di controllo SmartFlow. Benchmarking Methodology for Network Interconnect Devices. RFC di riferimento per le metodologie di test di apparati di rete. Panoramica (e specifiche tecniche) sui router Huawei AR serie 19. Manuale d uso dello Spirent SmartBits 600B. Manuale del sistema operativo del router. Guida completa ai router Huawei. Glossario Una lista di abbreviazioni usate nel documento. CLI DUT SNMP FS Command Line Interface Device Under Test Simple Network Management Protocol Frame Size (Dimensione del pacchetto) Elenco dei test case eseguiti Una lista di tutte le etichette dei test case che compongono questo test plan. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR LT AR TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP

74 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi da una sola sorgente e diretti verso un solo host per ogni subnet AR Sono stati configurati 10 gruppi ciascuno di 200 flussi per un totale di 2000 flussi totali inviati al router. Ciascuno di essi ha come mittente l indirizzo e come destinatario 111.X.Y.3 (con X e Y che identificano tutte le 2000 subnet). Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 70

75 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi da sorgenti multiple e diretti verso differenti host per ogni subnet AR Sono stati configurati 10 gruppi ciascuno di 200 flussi per un totale di 2000 flussi totali inviati al router. Ciascuno di essi ha come mittente uno tra A (con A che va da 3 a 6 estremi inclusi, seguendo una politica Round Robin) e come destinatario uno tra 111.X.Y.A (con X e Y che identificano tutte le 2000 subnet, e A precedentemente definito). Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 71

76 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flusso semplice senza variazioni AR Obiettivo di questo test è testare il comportamento del router in presenza sì di una tabella di instradamento grande, ma tutti i pacchetti inviati non presentano alcun campo variabile né in sorgente né in destinazione. Ognuno di essi ha come mittente l indirizzo e come destinatario Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 72

77 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi da una sola sorgente e diretti verso un solo host per ogni subnet SNMP Agent attivato AR Questa famiglia di test è stata configurata esattamente come l AR , con la differenza che sul router è stato attivato l agente SNMP per permettere il monitoraggio di temperatura e utilizzo della CPU. Solo in questa famiglia di test si fa riferimento alla topologia alternativa presentata nel paragrafo 1.3. Obiettivo di tali test è rilevare la (prevista) variazione negativa di prestazioni dovuti alla presenza di uno switch. Entrambi i test case sono stati provati per dimensioni differenti dei pacchetti (64, 128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, come suggerito in RCF 2544 e 1242), ma solamente per una singola durata di iterazione (100 secondi), considerata la più critica come carico per la CPU del router. Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B; Switch Enterasys B2H124-48P. AR LT AR TP Antonio Valente Antonio Valente 73

78 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 3.3 Risultati dei singoli test case In questo paragrafo saranno illustrati in dettaglio i risultati dei singoli test case presentati nel paragrafo precedente. La presentazione sarà esplicata per mezzo di schede riassuntive (una per ogni test case), contenenti ciascuna tre istogrammi (e relativi valori numerici) che caratterizzano l apparato in funzione della tipologia di test eseguito. Nella fattispecie, i test di throughput mostrano l andamento per framesize di: - Throughput; - Frame al secondo; - Bit al secondo. I test di latenza mostrano invece l andamento per framesize di: - Latenza media; - Latenza minima; - Latenza massima. 74

79 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 19 minuti Antonio Valente - 75

80 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

81 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 27 minuti Antonio Valente - 77

82 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group

83 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 40 Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group

84 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 21 minuti Antonio Valente - 80

85 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

86 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 34 minuti Antonio Valente - 82

87 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group

88 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 60 Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group

89 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 23 minuti Antonio Valente - 85

90 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

91 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 2 ore e 46 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai il throughput 100%. 87

92 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group

93 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 40 Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group

94 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 16 minuti Antonio Valente - 90

95 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

96 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 23 minuti Antonio Valente - 92

97 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group

98 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 60 Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group

99 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 22 minuti Antonio Valente - 95

100 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

101 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 40 minuti Antonio Valente - 97

102 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group

103 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 60 Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group

104 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 26 minuti Antonio Valente - 100

105 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

106 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 2 ore e 23 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai il throughput 100%. 102

107 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesiz e Total Group Group

108 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 40 Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesiz e Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group

109 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 8 minuti Antonio Valente - 105

110 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

111 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 11 minuti Antonio Valente - 107

112 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

113 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 15 minuti Antonio Valente - 109

114 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

115 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 19 minuti Antonio Valente - 111

116 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

117 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 15 minuti Antonio Valente - 113

118 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

119 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 1 ora e 45 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai il throughput 100%. Inaspettata diminuzione delle prestazioni a 1280 Byte. Provando ad eseguire il test nuovamente ci si è imbattuti nella stessa anomalia, a volte anche relativamente ad altri FS. 115

120 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Name/Framesize Total Name/Framesize Total

121 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR LT INFO 1 ora e 23 minuti Antonio Valente Valori minimi globalmente più alti della media. 117

122 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche FrameSize Minimum Average Maximum

123 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR TP INFO 3 ore e 4 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai throughput 100%. 119

124 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche Name/Framesize Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesiz e Total Group Group

125 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 40 Group Group Group Group Group Group Group Group Name/Framesiz e Total Group Group Group Group Group Group Group Group Group Group

126 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche 3.4 Confronti e considerazioni finali Premessa: per quanto riguarda le misurazioni della latenza si precisa che i valori di Maximum e Minimum hanno contribuito in maniera inferiore alla valutazione finale, rappresentando solo i valori di singoli picchi e non delle relative medie. Per le considerazioni finali ha giocato un ruolo maggiore l andamento dei valori Average. Dal confronto dei risultati dei test di throughput della famiglia AR relativamente alle tre diverse durate della singola iterazione, si può notare: - una diminuzione del throughput massimo dell ordine del 3% (da 1s a 10s) e 5% (da 1s a 100s), tranne per frame size grandi (1280 e 1518 Byte); - il throughput massimo teorico a 100 secondi non si raggiunge mai, a 10 e a 1 secondo si raggiunge da dimensioni minime di 1280 Byte; - il profilo generale non cambia al variare della durata delle iterazioni. Tali considerazioni valgono anche nell ambito della famiglia AR con l eccezione che la diminuzione è dell ordine del 5% (da 1s a 10s) e 6% (da 1s a 100s), 1280 e 1518 byte esclusi. Dando uno sguardo d insieme ai test di latenza per la famiglia AR , si possono fare le seguenti considerazioni: - Latenza minima: pressappoco nessuna variazione, identico profilo per frame size. Il valore è tendenzialmente maggiore all aumentare delle dimensioni del pacchetto. - Latenza media: grosso modo si mantiene sugli stessi valori; a 100s si nota un aumento in corrispondenza dei 1280 e 1518 Byte di dimensione (fino a 300%) ma una leggera diminuzione a frame size minori (15%). - Latenza massima: grosso modo si mantiene sugli stessi valori; a 100s si nota un aumento in corrispondenza dei 1280 e 1518 Byte di dimensione (fino a 500%). Tale caratterizzazione è pressoché identica nell ambito della famiglia AR Si segnalano solo le seguenti differenze: - l aumento di latenza media in corrispondenza dei 1280 e 1518 Byte di dimensione è più marcato (in questo caso fino al 500%); anche la leggera diminuzione registrata a frame size minori è leggermente più marcata (20%); 122

127 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche - l aumento di latenza massima in corrispondenza dei 1280 e 1518 Byte di dimensione è più marcato (in questo caso fino al 700%). Quindi, nel complesso, intersecando i dati delle famiglie AR AR non si rileva alcuna variazione del throughput ad alti frame size (1280 e 1518 Byte). A valori minori si registra invece una diminuzione fino a circa il 4%. Si registrano inoltre variazioni non significative nell andamento della latenza minima, oscillazioni della latenza media (in media del 10%) ma abbastanza altalenanti (da +15% a -30%), specialmente per i test con iterazioni di 1 e 10 secondi. Oscillazioni presenti anche nei picchi di latenza massima (specialmente nei test con iterazioni di 1 e 10 secondi, dove si riscontrano anche variazioni di +20% e -30%). È possibile concludere che munito di una tabella di instradamento di grandi dimensioni il router non soffra particolarmente la presenza di campi variabili nei flussi, salvo una piccola diminuzione del throughput. La latenza è abbastanza altalenante, ma comunque entro limiti di ridotte variazioni. 3.5 Considerazioni sull usabilità della CLI La Command Line Interface, nota anche come interfaccia a linea di comando, è una delle più comuni modalità di interfacciamento uomo-macchina attualmente disponibili sui router. Un obiettivo ortogonale a tutti i test di carico presentati in questa tesi, è stata la verifica dell usabilit{ di tale interfaccia (realizzata nel caso specifico mediante connessione seriale a 9600 bit per secondo). Si è notato infatti che, specialmente nei test con iterazioni di 100 secondi, la comunicazione tramite CLI del router presentava evidenti ritardi tra l invio da parte dell utente di un comando e la visualizzazione a schermo della risposta. Si è ipotizzato che tale ritardo fosse causato da un occupazione eccessiva della CPU del router che, evidentemente, impegnava le proprie risorse per l elaborazione dei pacchetti transitanti (dandone giustamente priorità). Allo scopo di verificare tale ipotesi sono stati pianificati due test case sulla base di due test appartenenti alla famiglia AR (nella fattispecie sono stati scelti i due test con iterazioni da 100s, per i quali si prevede maggior utilizzo della CPU del router). Si è provveduto inoltre ad attivare l agente SNMP del router (Simple Network Management Protocol, un protocollo per scambiare 123

128 Capitolo 3. Test del router con un numero elevato di rotte statiche informazioni di gestione fra gli apparati di rete) per permettere la rilevazione dei valori di utilizzo e temperatura della CPU mediante accesso alla MIB del router (Management Information Base, la base di dati locale che colleziona informazioni e statistiche sull apparato). È stato in questo modo possibile effettuare contemporaneamente due diverse misurazioni: da un lato si è riusciti ad avere un immagine dell andamento di utilizzo e temperatura della CPU del router durante uno stress test, dall altro si è riusciti ad evidenziare la variazione di prestazioni dovuta all inserimento nella topologia di rete dello switch (come illustrato nel paragrafo 1.3). Tali variazioni si concretizzano in: - una diminuzione intorno al 20% del throughput massimo raggiungibile generalmente a tutte le dimensioni dei pacchetti (tranne a 1518 dove rimane immutato a 99.9%); - un aumento della latenza minima (se prima rimaneva confinata sotto i 40us, con la nuova topologia si registrano aumenti fino a 163us; - leggeri aumenti (intorno al 25-40%) riguardanti i picchi massimi rilevati; - un globale aumento di latenza media, che spazia dal 20-40% per i frame size piccoli fino al 76% relativamente a frame size più grandi. Si può concludere che, globalmente, l aver inserito lo switch per permettere le interrogazioni SNMP ha comportato un leggero degrado delle prestazioni. Si riporta infine il grafico dell andamento di temperatura (risultata nella norma) e utilizzo della CPU del router, che, come ipotizzato si attesta su valori critici (per la maggior parte del tempo prossimi al 100%). Figura 1-8. Temperatura e utilizzo della CPU (alle barre rosse corrispondono query andate in timeout) 124

129 Capitolo 4 Test del router in presenza di Access Control List In questo capitolo verranno presentati in dettaglio tutti i test case (raggruppati in famiglie) che hanno avuto come oggetto il router Huawei AR19-61 configurato con 1512 Access Control List, in modo da verificare in che modo tale funzionalità influisca sulle prestazioni. 4.1 Le Access Control List Le ACL sono formulazioni di regole che consentono di differenziare il traffico che deve essere scartato da quello consentito. È possibile specificare tali regole secondo diverse caratterizzazioni, a seconda che il parametro discriminante sia l interfaccia di transito del traffico, l indirizzo IP (sorgente o destinazione) o il TSAP (Transport Service Access Point). In questo lavoro si è scelto di adottare la discriminante più costosa per il router (TSAP) in quanto si forza l apparato a controllare ogni singolo pacchetto transitante fin dentro l incarto TCP/UDP. 4.2 Presentazione del test plan In questo paragrafo saranno illustrate in dettaglio le famiglie di test eseguite con un elenco dei test case di cui si compongono, chiarendo in che modo si differenzino le une dalle altre e in che modo perseguano l obiettivo fissato nel test plan. Si precisa tuttavia che, per ragioni di spazio, non si è allegato a questo documento il dettaglio di tutte le operazioni effettuate in ogni singolo test Il lettore interessato le potrà trovare sul sito web del laboratorio reti del DIA di Roma Tre (http://www.dia.uniroma3.it/~compunet/www/view/topic.php?id=netlab) in modo che sia agevole selezionare una singola scheda di test ed eseguirla. 125

130 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Titolo del test plan Il titolo dell intera batteria di test case pianificati. Etichetta del progetto di test Tale etichetta identifica univocamente questo progetto di test. Device Under Test L oggetto del test, incluse: - Caratteristiche hardware - Versione hardware - Versione software - Part number Obiettivo Una descrizione concisa di cosa ci si propone di verificare e/o analizzare tramite questo test plan. Tipologia Le tipologie di test case effettuate: Throughput (TP), Latenza (LT), o Frame Loss (FL). Pianificatore pianificato il test plan. Esecutore eseguito i test case descritti nel test plan. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test Test di carico per router Huawei AR19-61 Access Control List AR Router Huawei Quidway AR19-61: - CPU MPC MHz - 256MB SDRAM - 4MB boot ROM - 256MB CF - 2 Interfacce Fast Ethernet - Versione hardware: VRP Software: Versione 5.20, Release P/N (supply): A217B P/N (chassis): 000FE2A27AAE Questo test plan ha lo scopo di chiarire in che modo le prestazioni del router dipendano dalla presenza di ACL. Allo scopo sono state configurate 1512 regole (un numero considerevole, ma non il massimo consentito dall apparato). È stato utilizzato come generatore di traffico lo Spirent SMB-600B per rilevare il valore di throughput massimo raggiungibile dal router e i valori minimi, medi e massimi per la latenza di ogni pacchetto, generando, nei test case, flussi tali da soddisfare le ACL. Sono stati inoltre eseguiti dei test per rilevare l effettivo blocco da parte del router del traffico non consentito. Throughput Latenza Frame Loss Antonio Valente Antonio Valente 126

131 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Riferimenti Una lista di documenti che possono essere utili per la comprensione dei test. SmartFlowUG.pdf Request for Comments: Overview.pdf 514_smb600_6000B installation.pdf VRP 3.4 Command Manual.pdf Router Huawei: configurazione e utilizzo. L. Chiarion, G. Zamengo Manuale d uso del software di controllo SmartFlow. Benchmarking Methodology for Network Interconnect Devices. RFC di riferimento per le metodologie di test di apparati di rete. Panoramica (e specifiche tecniche) sui router Huawei AR serie 19. Manuale d uso dello Spirent SmartBits 600B. Manuale del sistema operativo del router. Guida completa ai router Huawei. Glossario Una lista di abbreviazioni usate nel documento. CLI DUT ACL FS Command Line Interface Device Under Test Access Control List Frame Size (Dimensione del pacchetto) Elenco dei test case eseguiti Una lista di tutte le etichette dei test case che compongono questo test plan. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR FL AR FL

132 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi che soddisfano le ACL Router con regole ACL impostate AR Per comodità di visualizzazione i flussi generati sono stati divisi in 6 gruppi, ciascuno diretto verso uno dei 6 sottogruppi di ACL. Ciascun flusso ha come mittente uno tra X (con X che va da 3 a 254 estremi inclusi) e come destinatario , con porta TCP/UDP di destinazione variabile a seconda dell ACL a cui è diretto. Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, tuttavia si perde la conformità con RCF 2544 in quanto non è stato possibile generare pacchetti di 64 Byte con le variazioni pianificate) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 128

133 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Titolo della famiglia di test case Chiarisce la caratteristica che accomuna i test case che vi appartengono. Etichetta della famiglia di test case Un identificatore univoco per questa famiglia di test Contiene informazioni sul test plan di appartenenza e un (eventuale) numero incrementale aggiuntivo. Descrizione Una breve descrizione delle caratteristiche proprie di questo test case che lo differenziano dagli altri. Attrezzatura richiesta I dispositivi utilizzati per effettuare il test. Test case L elenco di test case che appartengono a questa famiglia. Pianificatore pianificato i test. Esecutore eseguito i test case elencati. Supervisione controllato le fasi di esecuzione dei test. Flussi che soddisfano le ACL Router in configurazione minimale AR Questo test è stato configurato come l AR L unica differenza è che il router è stato lasciato in configurazione minimale, in modo da poter fornire un termine di paragone per i risultati di AR Ogni test case è stato provato per dimensioni differenti dei pacchetti (128, 256, 512, 1024, 1280, 1518 byte, tuttavia si perde la conformità con RCF 2544 in quanto non è stato possibile generare pacchetti di 64 Byte con le variazioni pianificate) e per differente durata della singola iterazione (1, 10 e 100 secondi). Notebook Asus G1 (Core 2 Duo T7200, 2GB RAM); Spirent SmartBits 600B. AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP AR S.LT AR S.TP Antonio Valente Antonio Valente 129

134 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List 4.3 Risultati dei singoli test case In questo paragrafo saranno illustrati in dettaglio i risultati dei singoli test case presentati nel paragrafo precedente. La presentazione sarà esplicata per mezzo di schede riassuntive (una per ogni test case), contenenti ciascuna tre istogrammi (e relativi valori numerici) che caratterizzano l apparato in funzione della tipologia di test eseguito. Nella fattispecie, i test di throughput mostrano l andamento per framesize di: - Throughput; - Frame al secondo; - Bit al secondo. I test di latenza mostrano invece l andamento per framesize di: - Latenza media; - Latenza minima; - Latenza massima. Concludono la rassegna i grafici relativi ai test di frame loss. 130

135 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 12 minuti Antonio Valente Il profilo della latenza diminuisce all aumentare del FSs. Notevole picco di quasi 3 secondi. 131

136 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List FrameSize Minimum Average Maximum

137 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 19 minuti Antonio Valente - 133

138 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

139 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

140 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 16 minuti Antonio Valente Il profilo della latenza diminuisce all aumentare del FSs. Notevole picco di quasi 5 secondi e mezzo. 136

141 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List FrameSize Minimum Average Maximum

142 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 26 minuti Antonio Valente - 138

143 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

144 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

145 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 10 minuti Antonio Valente Si nota un profilo diverso (Maximum): la latenza massima registra un andamento discendente fino a 512 Byte, poi crescente. Notevole picco di oltre 4 secondi. 141

146 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List FrameSize Minimum Average Maximum

147 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 2 ore e 22 minuti Antonio Valente Crollo netto di prestazioni. Il throughput riesce a spingersi poco più in là del 50%. 143

148 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

149 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

150 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 12 minuti Antonio Valente - 146

151 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List FrameSize Minimum Average Maximum

152 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 15 minuti Antonio Valente - 148

153 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

154 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

155 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 18 minuti Antonio Valente - 151

156 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List FrameSize Minimum Average Maximum

157 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 30 minuti Antonio Valente - 153

158 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

159 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

160 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.LT INFO 1 ora e 10 minuti Antonio Valente - 156

161 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List FrameSize Minimum Average Maximum

162 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR S.TP INFO 2 ore e 17 minuti Antonio Valente Non si raggiunge mai throughput 100%. 158

163 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

164 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Framesize Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

165 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR FL INFO 12 minuti Antonio Valente Dal test si evince come si verifichi totale packet loss per i flussi che non soddisfano le ACL (per questo test sono stati scelti quelli appartenenti agli ultimi tre gruppi), mentre si nota una perdita nulla di pacchetti dei flussi consentiti, fino a valori di carico inferiori al throughput massimo gestibile. 161

166 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Load 5.000% % % % % % Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

167 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Etichetta test case Composta da: - DUT : Device Under Test; - Numero/i incrementale/i: per identificare la gerarchia di appartenenza; - Tipologia: TP (throughput), LT (latenza), FL (Frame Loss); - Data: nel formato AAAA-MM-GG; Tale etichetta identifica questo test Etichetta dell esito del test Uno tra PASS, FAIL, INFO (se lo scopo del test era solo raccogliere informazioni). Durata del test Durata complessiva del test, approssimata ai minuti. Esecutore nno eseguito il test Supervisione controllato le fasi di esecuzione del test Autorizzazione approvato le fasi di esecuzione del test Commenti al risultato Una spiegazione testuale, se necessario, per il risultato. AR FL INFO 12 minuti Antonio Valente Dal test si evince come si verifichi totale packet loss per i flussi che non soddisfano le ACL (per questo test sono stati scelti quelli appartenenti ai primi tre gruppi), mentre si nota una perdita nulla di pacchetti dei flussi consentiti, fino a valori di carico inferiori al throughput massimo gestibile. 163

168 Capitolo 4. Test del router in presenza di Access Control List Name/Load 5.000% % % % % % Total Group Group min10 Group mag1000 Group b Group mag60000 Group

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless

La configurazione degli indirizzi IP. Configurazione statica, con DHCP, e stateless La configurazione degli indirizzi IP Configurazione statica, con DHCP, e stateless 1 Parametri essenziali per una stazione IP Parametri obbligatori Indirizzo IP Netmask Parametri formalmente non obbligatori,

Dettagli

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP

MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER FTP Università degli Studi di Pisa Facoltà di Scienze Matematiche,Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Michela Chiucini MIB PER IL CONTROLLO DELLO STATO DI UN SERVER

Dettagli

Installazione LINUX 10.0

Installazione LINUX 10.0 Installazione LINUX 10.0 1 Principali passi Prima di iniziare con l'installazione è necessario entrare nel menu di configurazione del PC (F2 durante lo start-up) e selezionare nel menu di set-up il boot

Dettagli

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+...

J+... J+3 J+2 J+1 K+1 K+2 K+3 K+... Setup delle ConnessioniTCP Una connessione TCP viene instaurata con le seguenti fasi, che formano il Three-Way Handshake (perchè formato da almeno 3 pacchetti trasmessi): 1) il server si predispone ad

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Funzioni nuove e modificate

Funzioni nuove e modificate Gigaset S675 IP, S685 IP, C470 IP, C475 IP: Funzioni nuove e modificate Questo documento integra il manuale di istruzioni dei telefoni VoIP Gigaset: Gigaset C470 IP, Gigaset C475 IP, Gigaset S675 IP e

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE

ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE ATA MEDIATRIX 2102 GUIDA ALL INSTALLAZIONE Mediatrix 2102 ATA Guida all installazione EUTELIAVOIP Rev1-0 pag.2 INDICE SERVIZIO EUTELIAVOIP...3 COMPONENTI PRESENTI NELLA SCATOLA DEL MEDIATRIX 2102...3 COLLEGAMENTO

Dettagli

Determinare la grandezza della sottorete

Determinare la grandezza della sottorete Determinare la grandezza della sottorete Ogni rete IP possiede due indirizzi non assegnabili direttamente agli host l indirizzo della rete a cui appartiene e l'indirizzo di broadcast. Quando si creano

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory.

Background (sfondo): Finestra: Una finestra serve a mostrare il contenuto di un disco o di una cartella -, chiamata anche directory. @ PC (Personal computer): Questa sigla identificò il primo personal IBM del 1981 a cura di R.Mangini Archiviazione: Il sistema operativo si occupa di archiviare i file. Background (sfondo): Cursore: Nei

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Manuale del fax. Istruzioni per l uso

Manuale del fax. Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso Manuale del fax 1 2 3 4 5 6 Trasmissione Impostazioni di invio Ricezione Modifica/Conferma di informazioni di comunicazione Fax via computer Appendice Prima di utilizzare il prodotto

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Setup e installazione

Setup e installazione Setup e installazione 2 Prima di muovere i primi passi con Blender e avventurarci nel vasto mondo della computer grafica, dobbiamo assicurarci di disporre di due cose: un computer e Blender. 6 Capitolo

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP

PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY. I linguaggi. Web. del. HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP PAOLO CAMAGNI RICCARDO NIKOLASSY I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP Paolo Camagni Riccardo Nikolassy I linguaggi del Web HTML, CSS, JavaScript, VBScript, ASP, PHP EDITORE ULRICO

Dettagli

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice

Modulo 11. Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice Pagina 1 di 14 Il livello trasporto ed il protocollo TCP Indice servizi del livello trasporto multiplexing/demultiplexing trasporto senza connesione: UDP principi del trasferimento dati affidabile trasporto

Dettagli

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility.

V11. Release 1. New Devices. New Features. More Flexibility. V11 Release 1 New Devices. New Features. Highlights dell innovaphone PBX Versione 11 Release 1 (11r1) Con il software Versione 11 dell innovaphone PBX la soluzione di telefonia IP e Unified Communications

Dettagli

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO CONSIP S.p.A. APPENDICE 3 AL CAPITOLATO TECNICO Manuale d uso del programma Base Informativa di Gestione (BIG), utilizzato per la raccolta delle segnalazioni ed il monitoraggio delle attività di gestione

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY

PRESENTAZIONE DI UN SMS AL GATEWAY Interfaccia Full Ascii Con questa interfaccia è possibile inviare i dati al Server utilizzando solo caratteri Ascii rappresentabili e solo i valori che cambiano tra un sms e l altro, mantenendo la connessione

Dettagli

Il World Wide Web: nozioni introduttive

Il World Wide Web: nozioni introduttive Il World Wide Web: nozioni introduttive Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html Cos è Internet! Acronimo di "interconnected networks" ("reti interconnesse")!

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit)

I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) I componenti di un Sistema di elaborazione. CPU (central process unit) La C.P.U. è il dispositivo che esegue materialmente gli ALGORITMI.

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete:

PROVE POWERLINE. Cablaggio di rete: Di Simone Zanardi Cablaggio di rete: offre la casa La tecnologia Powerline consente di sfruttare l impianto elettrico domestico per collegamenti Ethernet; un alternativa alla posa dei cavi Utp e alle soluzioni

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori

COME NON CADERE NELLA RETE. Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori COME NON CADERE NELLA RETE Guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le scuole secondarie superiori Come non cadere nella rete guida alla progettazione di un cablaggio strutturato per le

Dettagli

Considerazioni generali nella progettazione di una rete

Considerazioni generali nella progettazione di una rete Considerazioni generali nella progettazione di una rete La tecnologia che ormai costituisce lo standard per le reti LAN è l Ethernet per cui si sceglie di realizzare una LAN Ethernet 100BASE-TX (FastEhernet)

Dettagli

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento

minilector/usb Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento minilector/usb minilector/usb...1 Risoluzione dei problemi più comuni di malfunzionamento...1 1. La segnalazione luminosa (led) su minilector lampeggia?... 1 2. Inserendo una smartcard il led si accende

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente Linux Debian, Fedora, Ubuntu www.ondacommunication.com Chiavet ta Internet MT503HSA Guida rapida sistema operativo LINUX V 1.1 33080, Roveredo in Piano (PN)

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame.

1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. 1. Si consideri uno spazio di indirizzamento logico di otto pagine di 1024 parole ognuna, mappate su una memoria fisica di 32 frame. (a) Da quanti bit è costituito l indirizzo logico? (b) Da quanti bit

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI

ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI ALICE BUSINESS GATE 2 PLUS WI-FI MODEM/ROUTER ADSL / ADSL2+ ETHERNET / USB / WI-FI GUIDA D INSTALLAZIONE E USO Contenuto della Confezione La confezione Alice Business Gate 2 plus Wi-Fi contiene il seguente

Dettagli

Serduino - SERRA CON ARDUINO

Serduino - SERRA CON ARDUINO Serduino - SERRA CON ARDUINO 1 Componenti Facchini Riccardo (responsabile parte hardware) Guglielmetti Andrea (responsabile parte software) Laurenti Lorenzo (progettazione hardware) Rigolli Andrea (reparto

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Stratix 8000 Lo switch Ethernet di nuova generazione Il meglio di due grandi marchi

Stratix 8000 Lo switch Ethernet di nuova generazione Il meglio di due grandi marchi Stratix 8000 Lo switch Ethernet di nuova generazione Il meglio di due grandi marchi Sommario SOMMARIO 3 STRATIX 8000 LO SWITCH ETHERNET DI NUOVA GENERAZIONE IL MEGLIO DI DUE GRANDI MARCHI 5 INFORMAZIONI

Dettagli

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi

Inidirizzi IP e Nomi di Dominio. Domain Name System. Spazio dei Nomi Piatto. Gestione dello Spazio dei Nomi I semestre 03/04 Inidirizzi IP e Nomi di Dominio Domain Name System Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 7

Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Reti di Telecomunicazione Lezione 7 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Il protocollo Programma della lezione file transfer protocol descrizione architetturale descrizione

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp.

Symbolic. Ambiti Operativi. Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. Symbolic Presente sul mercato da circa 10 anni Specializzata in Network Security Partner e distributore italiano di F-Secure Corp. La nostra mission è di rendere disponibili soluzioni avanzate per la sicurezza

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP

IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP Reti di Calcolatori IL LIVELLO APPLICAZIONI DNS, SNMP e SMTP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 6-1 Applicazioni di Rete Domain Name System (DNS) Simple Network Manag. Protocol (SNMP) Posta elettronica

Dettagli

Confronto tra switch gestiti stackable per PMI Cisco D-Link Hewlett-Packard Netgear

Confronto tra switch gestiti stackable per PMI Cisco D-Link Hewlett-Packard Netgear Report dettagliato dei test di laboratorio DR120911 Confronto tra switch gestiti stackable per PMI Cisco D-Link Hewlett-Packard Netgear 12 ottobre 2012 Miercom www.miercom.com Sommario 1.0 Executive Summary...

Dettagli

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation

Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation Routers and Routing process explanation through the Network Address Translation 0x100 Router 0x110 Cos è? Quello che nel gergo informatico viene chiamato Router (o Switch Router) è un dispositivo di rete

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

Controllo industriale SE-609

Controllo industriale SE-609 Controllo industriale SE-609 Controllo e visualizzazione uniti come soluzione per l automazione con comandi mediante touch Controlli industriali all avanguardia per impianti per il trattamento termico

Dettagli

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica

Algebra di Boole: Concetti di base. Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1. Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Algebra di Boole: Concetti di base Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Algebra di Boole E un algebra basata su tre operazioni logiche OR AND NOT Ed operandi che possono

Dettagli

Lezione n.19 Processori RISC e CISC

Lezione n.19 Processori RISC e CISC Lezione n.19 Processori RISC e CISC 1 Processori RISC e Superscalari Motivazioni che hanno portato alla realizzazione di queste architetture Sommario: Confronto tra le architetture CISC e RISC Prestazioni

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli