AERONAUTICA MILITARE SCUOLA MILITARE AERONAUTICA Giulio Douhet. 5 Liceo Scientifico (Corso GHIBLI) Esame di Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AERONAUTICA MILITARE SCUOLA MILITARE AERONAUTICA Giulio Douhet. 5 Liceo Scientifico (Corso GHIBLI) Esame di Stato"

Transcript

1 AERONAUTICA MILITARE SCUOLA MILITARE AERONAUTICA Giulio Douhet 5 Liceo Scientifico (Corso GHIBLI) Esame di Stato A. S

2

3 AERONAUTICA MILITARE SCUOLA MILITARE AERONAUTICA Giulio Douhet Liceo Scientifico DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Relazione finale sulla Classe 5ª A Corso GHIBLI Anno Scolastico Viale dell Aeronautica, Firenze Tel Fax

4 4

5 INDICE 1. PRESENTAZIONE della SCUOLA pag SITUAZIONE DELLA CLASSE pag. 9 A: Elenco dei docenti e quadro indicativo della stabilità nel corso del triennio pag. 9 B: Composizione della classe e quadro della loro carriera scolastica pag. 9 C: Elenco dei candidati con provenienza regionale (scuola precedentemente frequentata) pag. 10 D: Quadro orario pag. 10 E: La situazione della classe. Presentazione pag. 10 F: La situazione della classe. Profitto pag IL PERCORSO FORMATIVO pag. 12 A: Attività curriculari nel triennio pag MATERIE INTEGRATIVE E COMPLEMENTARI ALLA DIDATTICA CURRICULARE pag METODOLOGIE ADOTTATE pag SPAZI E STRUMENTI UTILIZZATI pag SIMULAZIONE PROVE D ESAME pag VALUTAZIONI pag. 19 A: Tabella di valutazione per la prima prova scritta pag. 19 B: Tabella di valutazione per la seconda prova scritta pag. 22 C: Tabella di valutazione per la terza prova scritta pag. 22 D: Tabella di valutazione per il colloquio pag RELAZIONI FINALI e PROGRAMMI DELLE SINGOLE DISCIPLINE pag. 24 ALLEGATO A: Testi delle simulazioni delle terze prove scritte effettuate pag. 69 ALLEGATO B: Sottoscrizione del documento pag. 87 5

6 6

7 1. PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA La Scuola Militare Aeronautica Giulio Douhet è un istituto di istruzione secondaria di secondo grado, situato a Firenze nel Parco delle Cascine, che svolge i corsi del secondo triennio negli indirizzi classico e scientifico. L Istituto è intitolato al Generale Giulio Douhet ( ) teorico militare noto in tutto il mondo, e non soltanto negli ambienti aeronautici, per essere stato il più completo ed audace tra i precursori e profeti dell aviazione militare, un pensatore cosi originale e profondo da essere ancora oggi alla base della dottrina aeronautica. La Scuola conta di giovani studenti provenienti da tutta Italia selezionati tramite concorso pubblico. Nel tempo il numero dei candidati è cresciuto fino a circa 900 unità per 50 posti annui ed il concorso si compone di alcuni passaggi, un test logico-deduttivo, prove sportive e prove culturali, oltre agli accertamenti sanitari. La Scuola beneficia di una struttura edilizia esemplare del razionalismo italiano realizzata negli anni Trenta come Scuola d Applicazione della Regia Aeronautica. Ampi spazi, razionalmente collocati, sono a disposizione degli Allievi, tra cui la Palazzina Italia dove hanno sede le aule di lezione ed il Comando della Scuola, la palazzina alloggi, la mensa, la palestra, gli impianti sportivi e l Infermeria. Non mancano laboratori e aule dedicate tra cui: Una biblioteca con una rarissima collezione di volumi aeronautici; Un laboratorio Linguistico; Un laboratorio Informatico; Un aula Disegno; Un aula Internet; Un laboratorio di Fisica; Un laboratorio di biologia e scienze. La programmazione didattica è sviluppata a tempo pieno con modalità organizzative che comportano una forte interazione tra l ambiente scolastico e la comunità sociale, con particolare riguardo al contesto artistico e culturale della città di Firenze. Lo scopo dell Istituto è di favorire una bilanciata crescita agli allievi, sotto il profilo umano, culturale, morale, fisico e di carattere per formare giovani, ai valori dell autodisciplina, del senso del dovere, della responsabilità, dell onestà intellettuale e del rispetto. I ragazzi e le ragazze, conoscendo e attraversando nuove esperienze assieme a coetanei provenienti da tutta Italia vivono tale realtà come risorsa formativa, attraverso un azione educativa tesa all elevazione morale ed allo sviluppo della personalità. Attraverso l impiego di regole chiare ed inequivocabili, gli allievi sono responsabilizzati e valorizzati: in sintesi ciascun ragazzo e ragazza costruisce la propria vita partendo dalla Scuola, coltivando le proprie passioni, scoprendo il proprio talento e preparandosi ai valori della vita. Le variegate opportunità di crescita sono tra loro coniugate, anche in termini interdisciplinari, per far loro scoprire e coltivare i rispettivi talenti, attraverso passione, impegno e duro lavoro. L organizzazione della Scuola si articola su due macroaree quella Formativa e quella Didattica, al cui vertice è posto il Comandante della Scuola che svolge le funzioni di Dirigente Scolastico ed esercita la direzione delle attività didattiche e formative promuovendo e coordinando le iniziative ed i progetti, favorendo la collegialità del lavoro comune. Il Comando Corsi coordina e controlla le attività formative dei quali cura la crescita etica, morale e fisica in armonia con i programmi di studio ed i progetti educativi, ogni gruppo classe (scientifico e classico) è gestito da un Comando di Corso guidato da un Ufficiale con il compito di educatore. La Direzione Studi svolge le funzioni di pianificazione dei corsi, programmazione, coordinamento dei docenti e gestione degli ausili didattici. Il Corpo Docente è formato da docenti di ruolo, da docenti abilitati e da Istruttori Sportivi. Il Servizio di Assistenza Spirituale è fornito dal Cappellano Militare che è anche docente di religione. Nella consapevolezza della giovane età degli allievi, è anche attivo un servizio di supporto psicologico e di ascolto svolto da uno psicologo professionista. Le attività didattico-formative a favore degli Allievi (attualmente 129 di cui 38 di sesso femminile) garantiscono un percorso di crescita orientata alla cittadinanza attiva, alla responsabilità personale e sociale, mediante l acquisizione di conoscenze e lo sviluppo di competenze attraverso il lavoro di gruppo e l interdisciplinarietà. La Scuola, nell ambito della propria autonomia, enfatizza, in entrambi gli indirizzi, l internazionalità, attraverso l acquisizione di 7

8 competenze linguistiche, sia in Inglese, sia in Francese l approfondimento delle lingue e culture classiche unitamente all acquisizione del metodo matematico scientifico. In tal senso sono stati potenziati gli insegnamenti, in entrambi gli indirizzi, di matematica, latino-greco e delle lingue straniere, lo studio della matematica e delle lingue classiche sono vissute come chiave di lettura dell esistenza e paradigma della nostra civiltà. La permanenza degli Allievi presso la Scuola per un triennio a modalità tipo convitto impone al personale preposto di garantire una presenza costante, anche con attività di tutoraggio e mentoring ed in tal senso il corpo docenti è affiancato dal personale militare con il duplice ruolo didattico-educativo e formativo-educativo. Particolare riguardo è rivolto all attività di progettazione curriculare ed agli aspetti decimologici, tesi ad ottimizzare la crescita degli allievi all interno dell Istituto. Agli Allievi sono offerte molteplici opportunità extracurriculari (culturali, sportive e d istruzione) tese ad ampliare le loro conoscenze e le capacità di rapportarsi al mondo civile ed a quello professionale, proiettandoli verso ogni ambito del sociale: Pubblica Amministrazione, mondo delle imprese, delle professioni, delle arti e della cultura. In tal senso sono realizzati variegati progetti a carattere extracurriculare, corsi di approfondimento e attività, tra cui la partecipazione a spettacoli teatrali, musicali, conferenze e viaggi di istruzione. Una particolare attenzione è rivolta alla conoscenza delle Istituzioni, attraverso visite presso gli Organi Costituzionali, incontri con le autorità locali (prefetto, sindaco etc) e conferenze dedicate. Inoltre vi sono delle attività di cooperazione mirate con altri Istituti paritetici internazionali (al momento francesi) che sviluppano l intercultura e la conoscenza di altre realtà. L attività delle conferenze, in modalità tavola rotonda, abbraccia la sfera umanistica (Dante, Machiavelli, Galleria Uffizi) come quello scientifica. Si rimanda in tal senso all elenco dettagliato di cui al capitolo 3A. Giova infine menzionare le attività a connotazione spiccatamente aeronautica, come l attività di volo presso gli Aeroclub nazionali, i Corsi di Sopravvivenza in montagna ed al mare nonché l attività di volo a vela, che costituiscono indiscutibile motivo d interesse e motivazione per i ragazzi. L azione educativa nell indirizzo Liceo scientifico promuove un percorso formativo attraverso il quale le discipline scientifiche, con i loro modelli e metodi di osservazione, sono tese a sviluppare le capacità logico-critiche, a fare acquisire livelli elevati di astrazione e formalizzazione consentendo di comprendere tempi e modi dell evoluzione del pensiero scientifico. Per quanto attiene le discipline d ambito letterario, linguistico ed artistico esse mirano ad assicurare l acquisizione di conoscenze basilari per il raggiungimento di una visione organica della complessità del reale nelle sue diverse manifestazioni, contribuendo al conseguimento di una memoria storica consapevole di come il passato sia radicato nel presente e di come il valore dell uomo siano esprimibili mediante linguaggi e codici diversificati ed altamente specialistici. L integrazione e l ampliamento delle conoscenze attinenti alle differenti aree disciplinari risultano finalizzate ad una formazione integrale e, nel contempo, specializzante, capace di mediare un confronto produttivo tra i saperi tradizionali e le innovazioni teoriche e pratico-sperimentali in atto. 8

9 2. SITUAZIONE DELLA CLASSE A. Elenco dei docenti e quadro indicativo della stabilità nel corso del triennio DOCENTE DISCIPLINA CONTINUITA DIDATTICA III IV V Brigandì Domenica Scienze Sì Sì Sì Chiacchia Federica Disegno e Storia dell Arte Sì Sì Sì Baggiani Laura Inglese No Sì Sì Pozzo don Antonino Religione No No Sì Marcaccini Carlo Latino No No Sì Marcaccini Carlo Italiano No Sì Sì Menichetti Massimo Filosofia Sì Sì Sì Menichetti Massimo Storia Sì Sì Sì Bartolini Barbara Educazione Fisica No No Sì Rossi Rossella Matematica Sì Sì Sì Rossi Rossella Fisica No Sì Sì B. Composizione della Classe e quadro della loro carriera scolastica Composizione MASCHI 15 FEMMINE 2 TOTALE 17 Provenienza CURRICULUM REGOLARE 17 RIPETENTI ANNI PRECEDENTI 0 RIPETENTI QUINTA 0 DA ALTRA CLASSE NEL TRIENNIO 0 DA ALTRA CLASSE IN QUINTA 0 9

10 C. Elenco dei candidati con provenienza regionale (scuola precedentemente frequentata) COGNOME NOME LICEO PROVENIENZA LOCALITA ALBERTIN Daniela Istituto di Istruzione Superiore "L.B. Alberti" Abano Terme (PD) CHIERICHETTI Filippo Istituto Istruzione Superiore Bachelet Abbiategrasso (MI) CRECCO Mirko Liceo Scientifico Francesco Severi Frosinone D APOLITO Raffaele Liceo Scientifico Pasteur Roma DELL EDERA Oronzo Liceo Scientifico Cartesio Triggiano (BA) DEPRATI Federico Liceo Scientifico G. Vasco Mondovì (CN) FORASASSI Matteo Liceo Scientifico N. Copernico Prato GIONTI Luigia Liceo Scientifico "F. Quercia" Marcianise (CE) IUCCI Alessandro Liceo Scientifico Vitruvio Pollione Avezzano (AQ) MIGNOGNA Alessandro Liceo Scientifico "E. Majorana" Sezze (LT) MOTTA Jona Istituto Aeronautico A. Locatelli Bergamo NARDI Lorenzo Liceo Scientifico Pasteur Roma NATI Michele Liceo Scientifico "Carlo Jucci" Rieti PERROTTA Ivan Salvatore Liceo Scientifico Elio Vittorini Napoli PIETROSANTO Dario Liceo Scientifico Statale S. Pertini Ladispoli (RM) PRUNERI Davide Istituto Aeronautico A. Locatelli Bergamo ROSSI Antonio I. I. S. S. "Gian Tommaso Giordani" sez. Liceo Scientifico Monte Sant Angelo (FG) D. Quadro orario definito dal POF CLASSE V SCIENTIFICO Lingua e letteratura Italiana 4 Lingua e cultura latina 3 Lingua inglese 4 Storia (CLIL inglese) 2 (+1 CLIL) Filosofia 3 Matematica 4+1 Fisica 3 Scienze 3+1 Storia dell'arte 2 Educazione fisica (+ attività sportiva integrativa*) 2(+6) Rel. Cattolica/attiv. alternative 1 TOT. SETTIMANALI 33 (+6*) E. La situazione della Classe. Presentazione La classe è composta da n.17 allievi (n.2 di sesso femminile e n.15 di sesso maschile), dalla provenienza regionale diversificata, che dal primo anno di corso (3ª liceo scientifico) hanno affrontato insieme il percorso scolastico. All inizio del triennio gli Allievi presentavano, nei vari ambiti disciplinari, livelli di partenza disomogenei, in termini di conoscenze, competenze, capacità. Gli insegnanti hanno pertanto progettato attività mirate ad uniformare la preparazione complessiva della classe e a migliorare l approccio metodologico alle discipline, al fine soprattutto di rendere più efficaci i tempi di studio. L obiettivo è stato conseguito nei confronti della quasi totalità della classe nel 10

11 corso dell anno scolastico ; soltanto in pochi casi sono rimaste alcune carenze pregresse, circoscritte a specifiche aree disciplinari. Questi Allievi sono stati costantemente seguiti e sostenuti nel percorso scolastico raggiungendo, alla fine del triennio, livelli di complessiva sufficienza. Nel corso del triennio, la classe, nel suo complesso e nelle diverse discipline, ha conseguito e consolidato conoscenze e competenze, dimostrando applicazione costante, interesse al percorso culturale proposto e autonome capacità organizzative di lavoro. Costituiscono tratti caratterizzanti la classe, nel suo complesso, anche vivacità intellettuale e senso critico. F. La situazione della Classe. Profitto La classe ha realizzato un percorso di crescita nella varie discipline nel corso del triennio. Sempre costante l interesse dimostrato per i temi trattati, gli allievi hanno contribuito con studio, correttezza e curiosità ad un clima complessivamente costruttivo e fecondo; i livelli di apprendimento, diversificati a seconda delle differenti capacità dei singoli, sono per tutti il frutto di un massimo impegno profuso nell apprendimento. Lo svolgimento del programma è stato regolare e costante la profusione di impegno degli studenti. Complessivamente, gli Allievi hanno acquisito i metodi e i contenuti delle singole discipline; hanno maturato capacità autonome di studio e di rielaborazione; hanno potenziato competenze e capacità logico-espressive ed imparato a cogliere gli aspetti comuni e diversi alle varie discipline, anche in prospettiva storica. Gli allievi, nel corso del triennio, hanno partecipato a numerose iniziative di carattere scientifico, umanistico culturale e sportivo ottenendo anche diversi riconoscimenti; risultati brillanti sono stati conseguiti in occasione di alcuni concorsi nazionali tra cui le Olimpiadi di Matematica e Statistica, i Giochi della Chimica, le Gare d Italiano e i forum della Filosofia e in molteplici manifestazioni sportive. La programmazione didattica dell ultimo anno scolastico è stata elaborata ben conoscendo il particolare calendario della Scuola Militare la quale prevede numerosi impegni nell arco del II quadrimestre conclusivo, con particolare riferimento al viaggio d istruzione all estero, alla partecipazione ai concorsi pubblici per le Accademie Militari e per le Università, nonché agli eventi prettamente militari. In tal senso, nonostante le assenze e interruzioni didattiche, gli Allievi hanno evidenziato una buona capacità di recupero, supportati anche da azioni didattiche mirate da parte del Corpo docente con marginali ripercussioni sullo svolgimento dei programmi rispetto alle programmazioni iniziali. Se non altro, tutto ciò ha permesso anche agli alunni di acquisire una maggiore capacità di studio più autonomo, di gestione e d organizzazione del tempo. Per completare il quadro di presentazione della classe si rimanda alle relazioni dei singoli docenti ed al prospetto delle attività affrontate nel percorso educativo. 11

12 3. IL PERCORSO FORMATIVO Nell Area Umanistica, lo studente è in grado di utilizzare le conoscenze acquisite con proprietà di linguaggio, capacità argomentativa e secondo una motivata prospettiva critica. Emerge inoltre una preparazione complessiva dei fenomeni letterari, delle tematiche storiche, delle manifestazioni del pensiero, delle espressioni artistiche in grado di consentire la costruzione di un quadro culturale di riferimento sistematico ed organico. L Allievo è pertanto in grado di elaborare ricerche individuali, avendo acquisito personali strategie di esplorazione, analisi e selezione di materiali. Nell Area Linguistica, l istituto sostiene un offerta formativa aperta all internazionalità, e alle civiltà ed identità straniere, attraverso l attivazione di interventi volti principalmente al potenziamento della Lingua inglese, considerandola la lingua veicolare fondamentale per raggiungere un livello culturale competitivo basandosi anche sul Common European Framework. Raccogliendo l invito delle indicazioni per i nuovi Licei, il Consiglio di classe ha introdotto nell anno scolastico , anche per questa classe, l insegnamento di una disciplina non linguistica in lingua inglese (metodologia CLIL). Sulla base di quanto già sperimentato dall Istituto è stata individuata nella Storia la disciplina non linguistica da insegnare, in parte, anche in lingua inglese. La storia è stata così veicolata con la compresenza dell insegnante di lingua per circa il 50% del monte ore riservato per ordinamento alla disciplina non linguistica. Dato il livello ancora iniziale, sperimentale dell innovazione e per non alterare gli equilibri tra le discipline, il Consiglio di classe ha predisposto le simulazioni di terza prova secondo una metodologia tradizionale, privilegiando anche nelle domande scritte di Storia la lingua italiana e indirizzando la metodologia CLIL alla preparazione del colloquio. Da ricordare, inoltre, che già negli Anni Scolastici precedenti è stato offerto l insegnamento facoltativo della lingua francese, idoneo a offrire gli opportuni crediti scolastici. Nell Area Scientifica, lo studente dimostra sicurezza nell uso del linguaggio formale specifico per affrontare situazioni problematiche di varia natura mediante modelli matematici suggeriti dallo studio dei contenuti propri dell indirizzo ed evidenzia sicura acquisizione del metodo sperimentale attraverso il contributo della Fisica e delle Scienze. L Allievo mostra consapevolezza del complesso rapporto uomo-natura ed è in grado di individuare le relazioni tra le conoscenze scientifiche ed il contesto storico e filosofico in cui esse si sono sviluppate. Nell Area delle Discipline Motorie, al termine del curriculum scolastico, lo studente esprime un netto miglioramento delle abilità tecniche nelle diverse discipline sportive: pallavolo, nuoto, atletica leggera, basket, scherma con sicura capacità nella gestione del proprio corpo, intendendo con essa soprattutto flessibilità, potenziamento, coordinazione ed impiego delle proprie capacità in situazioni dinamiche a carattere ludico sportivo, con accresciute abilità di trasferimento, anche fuori dal contesto scolastico, dell abitudine ad una vita sana, attiva e sportiva intesa come stile comportamentale. Nel corso del triennio particolare importanza è stata data anche all educazione alla cittadinanza, alla formazione civica degli Allievi anche attraverso incontri con le istituzioni e visite d istruzione alle sedi istituzionali locali e nazionali (Camera dei Deputati, Senato della Repubblica, Quirinale Presidenza della Repubblica, Prefettura, Comune, etc.). A. Attività curricolari nel triennio TITOLO PROGETTO GARE E CONCORSI A.S. 2012/2013 A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015 OLIMPIADI DI MATEMATICA OLIMPIADI DI FISICA CERTAMEN CLASSICUM FLORENTINUM FORUM DI FILOSOFIA 12

13 CONCORSO LETTERATURA ITALIANA ISTRIA DALMAZIA CONCORSO A.N.D.E. FIRENZE GIOCHI DELLA CHIMICA CONCORSO LETTERARIO IL VOLO E L ARTE TITOLO PROGETTO ALL IMPROVVISO DANTE 100 CANTI PER FIRENZE IMPRESA IN AZIONE PROGETTI ATTIVITA CORALE SCUOLA DI MUSICA DI FIESOLE A.S. 2012/2013 A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015 LABORATORIO MUSICALE QUOTIDIANO IN CLASSE IL GIORNALINO DELLA SCUOLA ED ANNUARIO AVVICINAMENTO A TEATRO OH FIE! ENGLISH THEATRE ORIENTAMENTO UNIVERSITARIO MAGGIO MUSICALE FIORENTINO PARTECIPAZIONE AL PROGETTO FAI "APPRENDISTA CICERONI" GIOCHI SPORTIVI STUDENTESCHI PROVINCIALI GIOCHI SPORTIVI TROFEO ASSI SUPERFLASH - ATLETICA LEGGERA GARA PODISTICA INTERSCUOLE GIOCHI INTERSCUOLE MILITARI LIVE THE DREAM OF THE UNITED NATIONS CONSULES MUSEO GALILEO TITOLO PROGETTO MOSTRE MUSEI A.S. 2012/2013 A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015 MUSEO ARCHEOLOGICO PALAZZO VECCHIO GALLERIA DEGLI UFFIZI MUSEO CASA DI BUONARROTI GALLERIA PALATINA PALAZZO PITTI MUSEO DELLE CAPPELLE MEDICEE 13

14 MUSEO DI SAN MARCO MUSEO DEL BARGELLO GALLERIA DELL ACCADEMIA GALLERIA D ARTE MODERNA PALAZZO PITTI IL MUSEO DEL 900 ALLE LEOPOLDINE TITOLO PROGETTO VISITA ENTI DI FORZA ARMATA VISITA ISTRUZIONE NORD ITALIA VISITA ACCELERATORE TRIESTE VISITA ORGANI COSTITUZIONALI FIRENZE CAPITALE D ITALIA ( ) ISTITUTO PAPIROLOGICO VISITA SINAGOGA FIRENZE VISITA ISTRUZIONE IN FRANCIA VISITA LORETO TITOLO PROGETTO VISITE ISTRUZIONALI CONFERENZE ED ATTIVITA IL DNA ANTICO PER LA SOLUZIONE DEI PROBLEMI DEL PASSATO SULLA SCENA DEL DELITTO: IL DNA FINGERPRINTING INGINOCCHIATI A SAN GIUSTO: IL CONFINE ORIENTALE A 60 ANNI DAL RITORNO DELL ITALIA A TRIESTE STORIA DELLA MEDICINA A.S. 2012/2013 A.S. 2012/2013 A.S. 2013/2014 A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015 A.S. 2014/2015 GIORNATA DELLA MEMORIA TAVOLA ROTONDA GIORNATA DEL RICORDO TAVOLA ROTONDA CONFERENZA LA FILOSOFIA IN DANTE PROF. NATALI DIR. GALLERIA DEGLI UFFIZI CONSERVAZIONE BENI CULTURALI PIECE TEATRALE: 500 ANNI DI MACHIAVELLI CONFERENZA SULLA SICUREZZA STRADALE CENNI SUL DIRITTO INTERNAZIONALE UMANITARIO CONVENZIONE DIRITTI DEL FANCIULLO 14

15 CONSUMER RIGHTS SCAMBIO FORMATIVO CON LICEO CASTELNUOVO SCAMBIO CON LA SCUOLA AMERICANA IL BULLISMO CYBERNETICO CENNI DI STORIA AERONAUTICA ENGLISH WORKSHOP GIORNATA DELLA SCIENZA ZERO ROBOTICS NATURALE E ARTIFICIALE ISTITUTO STENSEN ESPERIMENTO ROSETTA VISITA ALL OSSERVATORIO IMENIANO SAN PIETRO VS BEATRICE TEOLOGIE A CONFRONTO NELLA DIVINA COMMEDIA LO SCOPPIO DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE CONFERENZA SUL CORPO FORESTALE CONFERENZA AMERIGO VESPUCCI CENNI DI PRIMO SOCCORSO ED EDUCAZIONE ALIMENTARE SCAMBIO CON ISI FLORENCE MATTINATE CON IL FAI PER LA SCUOLA III EDIZIONE UNA VISITA A MISURA DI STUDENTE PROIEZIONE FILM IN LINGUA ORIGINALE #AMintoSPACE SPAZIO AI GIOVANI ASTRONAUTA MAGG. LUCA PARMITANO CORSI TITOLO PROGETTO A.S. 2012/2013 A.S. 2013/2014 A.S. 2014/2015 CORSO PREPARAZIONE FIRST CERTIFICATE MODULI ECDL CORSO PROPEDEUTICO DELF FRANCESE CORSO SOPRAVVIVENZA IN MONTAGNA - DOBBIACO CORSO SOPRAVVIVENZA IN MARE - ALGHERO CORSO SICUREZZA SUL LAVORO CORSO VOLO DA DIPORTO SPORTIVO 15

16 Rel. Ed. Fis. Ing. St.Art. Sci. Fil. Sto. Fis. Mat. Lat. Ita. 4. MATERIE INTEGRATIVE E COMPLEMENTARI ALLA DIDATTICA CURRICOLARE Le materie di tale gruppo, hanno come obiettivo quello di consentire l approfondimento di alcuni argomenti attinenti le materie curricolari e di rafforzare il profilo culturale. Tali opportunità sono offerte agli Allievi in funzione del rendimento complessivo e delle capacità manifestate dal singolo. Ciascun allievo, assieme alla rispettiva famiglia, può scegliere come meglio integrare il proprio percorso formativo. 4.1 PATENTE EUROPEA DEL COMPUTER E.C.D.L. (EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE) ( , E ). Il corso, svolto in appositi moduli, prepara al conseguimento dell attestato ECDL fornendo gli opportuni crediti. 4.2 CORSO DI LINGUA INGLESE: PRELIMINARY ENGLISH TEST ( )/FIRST CERTIFICATE ( ). Nell ambito dell internazionalità, la Scuola svolge corsi dedicati finalizzati al conseguimento del Preliminary English Test e FIRST certificate. Gli insegnanti svolgono anche sessioni di conversation finalizzate al raggiungimento di un idoneo livello di competenza ed autonomia linguistica. 4.3 CORSO FRANCESE DELF. Un gruppo di studenti, su base volontaria, ha partecipato ad un corso di lingua francese dalla durata biennale propedeutico al conseguimento della certificazione DELF-livello A2, organizzato in partenariato con l Institut Français di Firenze. 4.4 AVVICINAMENTO AL TEATRO ( , e ). La Scuola organizza la partecipazione ad eventi della stagione teatrale, gli allievi sono preparati dal corpo docente attraverso incontri e lezioni esplicative tese a renderli partecipi e consapevoli del contesto storico culturale e delle dinamiche intrinseche allo spettacolo stesso. 4.5 VIAGGIO DI ISTRUZIONE. Distinti per anno di corso, sono svolti compatibilmente con le programmazioni e gli obiettivi formativi ed hanno come meta reparti dell Aeronautica Militare e località di interesse culturale. L ultimo anno è stato svolto un viaggio di istruzione all estero presso Istituti equipollenti dell Unione Europea, in sintonia con le finalità formative della Scuola che invitano alla conoscenza di itinerari culturali di respiro europeo. A/S : visita basi aeree di Pisa e Grosseto; A/S : Nord Italia-Verona, Salò, Brescia, Treviso; A/S : scambio culturale con la paritetica Scuola dell Armée de l Air Française di Grenoble. 4.6 CONVEGNI E CONFERENZE. Nell ambito delle attività culturali programmate per gli allievi, durante l intero ciclo scolastico sono state tenute numerose conferenze finalizzate all arricchimento degli allievi e allo scambio con altre realtà formative del territorio. 5. METODOLOGIE ADOTTATE Lezione frontale Lezione interattiva Discussione guidata Lavoro di gruppo 16

17 Rel Ed. Fis Ing St. Art Sci Fil Sto Fis Mat. Lat Ita 6. SPAZI E STRUMENTI UTILIZZATI Tra le metodologie didattiche utilizzate si segnalano oltre all uso dei libri di testo, la lezione frontale, i colloqui di approfondimento, le dimostrazioni multimediali e l effettuazione di lavori individuali e di gruppo con l utilizzo di internet, mezzi audiovisivi, esercitazioni di laboratorio ed utilizzo della lavagna interattiva (LIM). Per gli studenti in difficoltà son state effettuate attività di recupero in itinere, attività di potenziamento e corsi di supporto (sportelli). Se i libri di testo restano il mezzo più immediato nell apprendimento, va comunque sottolineato che le strutture dell istituto sono adeguate per quanto riguarda l informatizzazione ed hanno consentito l utilizzo delle nuove tecnologie e delle risorse fornite da internet sia nella preparazione della didattica sia come fonte di materiale per gli studenti. Dal 2013 la Scuola è certificata quale centro di preparazione e certificazione per l ECDL. SPAZI Aula Laboratorio Spazi esterni adiacenti alla Scuola e Impianti Sportivi STRUMENTI Libro di testo e Classici Lavagna Computer e proiettore Materiale multimediale Registratore e videoregistratore Audiovisivi, Film 7. SIMULAZIONE PROVE D ESAME Il Consiglio di Classe, facendo riferimento alla relativa programmazione didattico-educativa, ha effettuato simulazione delle prime due prove scritte d esame in data: 9 dicembre 2014 e 17 marzo 2015, durata 4 ore; 26 maggio 2015, durata 6 ore, ITALIANO 12 dicembre 2014, durata 4 ore; 25 febbraio 2015, durata 3 ore (prima simulazione nazionale della seconda prova per i licei scientifici) e 22 aprile 2015, durata 6 ore (seconda simulazione nazionale della seconda prova per i licei scientifici) MATEMATICA. Relativamente alle tipologie indicate dal D.M. per la III prova d esame sono state eseguite simulazioni di tipologia B su quattro discipline, per una durata di 2,5 ore ciascuna. Le date e le discipline oggetto di simulazioni sono state le seguenti: 1^ simulazione: Filosofia; Inglese; Storia dell arte; Scienze; 19 dicembre ^ simulazione: Fisica; Inglese; Latino; Storia (CLIL); 20 marzo ^ simulazione: Filosofia; Inglese; Scienze; Storia dell Arte; 30 maggio

18 Rel. Ed. Fis. Ing St. Arte Sci Fil Sto Fis Mat Lat Ita Strumenti di verifica utilizzati dal Consiglio di Classe: Interrogazione individuale Interrogazione breve Relazione Analisi e commento di un testo Produzione testo argomentativo (saggio breve/articolo di giornale) tipologia A: trattazione sintetica di un argomento tipologia B: quesiti a risposta singola tipologia C: quesiti a risposta multipla Prove di tipo aperto: risoluzione di problemi 18

19 8. VALUTAZIONI Di seguito sono riportate le tabelle utilizzate per la correzione delle prove svolte durante l anno scolastico e per la valutazione delle simulazioni delle prove d esame. A. Tabella di valutazione per la prima prova scritta Tipologia A: analisi di un testo letterario e non, in prosa o poesia INDICATORI PUNTEGGIO MASSIMO PUNTEGGIO COMPETENZE VOTO INDICATORE 1-3 Comprensione incompleta, con fraintendimenti; mancato riconoscimento di informazioni essenziali A Comprensione del testo ed individuazione dei suoi nuclei portanti 5 3,5 Comprensione complessivamente adeguata; riconoscimento di informazioni essenziali 4 Comprensione buona del testo 5 Comprensione completa del testo nelle varie sfumature espressive 1-3 Analisi incompleta e/o errori concettuali; assenza di significativi apporti critici e di originalità nell elaborazione B Completezza ed esaustività dell analisi; capacità di rielaborazione critica, originalità e creatività 5 3,5 4 Analisi complessivamente corretta, ma non approfondita; assenza di significativi apporti critici e di originalità nell elaborazione Analisi corretta, completa ed approfondita 5 Analisi corretta, completa ed approfondita; significativi apporti critici e di originalità nell elaborazione 1-2 Esposizione impropria e faticosa, errori ortografici, grammaticali, sintattici 3 Esposizione complessivamente adeguata, senza gravi errori C Correttezza e proprietà linguistica, capacità espressive 5 4 Esposizione articolata ed appropriata 5 Esposizione articolata ed appropriata, con un linguaggio particolarmente ricco ed espressivo VOTO COMPLESSIVO ALUNNO 19

20 Tipologia B: saggio breve o articolo di giornale INDICATORI PUNTEGGIO MASSIMO PUNTEGGIO COMPETENZE VOTO INDICATORE 1-3 Tipologia non rispettata e/o comprensione incompleta dei documenti A Capacità di avvalersi del materiale proposto e di rielaborarlo secondo la tipologia scelta 5 3,5 4 Tipologia rispettata con una rielaborazione sufficiente dei documenti Tipologia rispettata con una buona rielaborazione dei documenti 5 Tipologia pienamente rispettata con uso appropriato dei documenti ed ottima rielaborazione degli stessi B Coerenza interna e qualità espositivo- argomentativa e capacità di rielaborazione critica, originalità e creatività ,5 4 Argomentazione carente; linea di sviluppo non coerente; assenza di significativi apporti critici e di originalità nell elaborazione Argomentazione ordinata; sostanziale coerenza logica; assenza di significativi apporti critici e di originalità nell elaborazione Argomentazione ampia, svolta logicamente con qualche apporto critico e spunti di originalità nell elaborazione 5 Argomentazione ampia ed articolata; significativi apporti critici e di originalità nell elaborazione 1-3 Esposizione impropria e faticosa, con gravi errori ortografici, grammaticali, sintattici C Correttezza e proprietà linguistica, capacità espressive Esposizione complessivamente adeguata, senza gravi errori Esposizione articolata ed appropriata 5 Esposizione articolata ed appropriata, con un linguaggio particolarmente ricco ed espressivo VOTO COMPLESSIVO ALUNNO 20

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10.

GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) STUDENTE... SUFFICIENTE Punti 10. GRIGLIA DI VALUTAZIONE PER L ANALISI E IL COMMENTO DI UN TESTO LETTERARIO (Tipologia A) IN (min. 5- max. 7,5) DISCRETO BUONO E (max 5) Analisi dei livelli e degli elementi del testo incompleta incompleta

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009

Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati. nell A.S. 2008 2009 Che cosa e come valutano le prove di matematica e con quali risultati nell A.S. 2008 2009 Presentazione a cura di Roberta Michelini Casalpusterlengo, 8 gennaio 2010 http://www.invalsi.it/esamidistato0809/

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009

Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Griglia di correzione Fascicolo di Italiano Prova Nazionale anno scolastico 2008-2009 Il buon nome - Chiavi di risposta e classificazione degli item Item Risposta corretta Ambito di valutazione Processi

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Progetto NUOTO. Progetto. Progetto PARLAWIKI EDUCAZIONE ALLA SALUTE. Progetto CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO EDUCAZIONE STRADALE GEMELLAGGIO EDUCAZIONE ALLA LEGALITA NUOTO XX CONCORSO LETTERARIO «POESIA A MEOLO» EDUCAZIONE ALLA SALUTE PARLAWIKI LINGUA LATINA CENTRO SPORTIVO STUDENTESCO

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico

imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico imparare è un esperienza, tutto il resto è informazione A. Einstein istituto tecnico istituto tecnico SETTORE TECNOLOGICO chimica e materiali elettronica e telecomunicazioni informatica meccanica e meccatronica

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli