Studio Tecnico d Ingegneria Ing. Candela Antonino Comune di Erice COMUNE DI ERICE. Provincia di Trapani

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio Tecnico d Ingegneria Ing. Candela Antonino Comune di Erice COMUNE DI ERICE. Provincia di Trapani"

Transcript

1

2 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice COMUNEDIERICE ProvinciadiTrapani PROGETTOESECUTIVOPERLAREALIZZAZIONEDIUNARETEDIVIDEOSORVEGLIANZA SUTECNOLOGIAIPNELTERRITORIODELCOMUNEDIERICE. RelazioneTecnicadiProgetto PREMESSE Il presente progetto prevede la realizzazione di un sistema di videosorveglianza distribuito nel territorio del Comune di Erice e delle frazioni limitrofe, composto di un Centro di Gestione, Controllo e monitoraggio e postazioni di videosorveglianza poste nel territorio di tipologia fissa, mobileestandalone.intalsensolasicurezza,l'efficienzaoperativaeilsuccessodispazisensibili, stadi,parchitematici,museiealtriluoghidiinteressepubblicopossonoaumentareconl'impiegodi soluzioni di Network Video Monitoring. Le telecamere consentono di migliorare la sicurezza dei luoghipubbliciingenerale,neiqualiènecessariomonitorareunaquantitàelevatadipersonein manieradiscretamaefficace. Le disposizioni legislative in materia di sicurezza hanno attribuito ai sindaci il compito di sovrintendere alla vigilanza e all'adozione di atti che sono loro assegnati dalla legge e dai regolamentiinmateriadiordineesicurezzapubblica,eallosvolgimentodellefunzioniaffidatea essi dalla legge in materia di sicurezza e di polizia giudiziaria. Al fine di prevenire e contrastare determinatipericolicheminaccianol'incolumitàpubblicaelasicurezzaurbana,ilsindacoadotta provvedimenti, anche contingibili e urgenti, nel rispetto dei principi generali dell'ordinamento. Infine,ilsindaco,qualeufficialedelGoverno,concorreadassicurarelacooperazionedellapolizia locale con le forze di polizia statali, nell'ambito delle direttive di coordinamento impartite dal Ministerodell'interno. Sussistono quindi specifiche funzioni attribuite, sia al sindaco, quale ufficiale del Governo, sia ai comuni, rispetto alle quali i medesimi soggetti possono utilizzare sistemi di videosorveglianza in luoghipubblicioapertialpubblicoalfineditutelarelasicurezzaurbana. Il problema della videosorveglianza delle aree deve essere affrontato cercando di perseguire comunquespecificiintenti: Controllareovepossibilel aggregazionedimasseedindividuareeventualmentevoltiedettagli chepossanoricondurreainfrazioni; ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina1di42

3 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Controllareinrealtimetuttociòcheaccadeavendounapanoramicaistantaneaeimmediata delleareesottoanalisi; Avere la possibilità di disporre di giornate intere di video ad alta definizione per poter ricostruireglieventi; Costruireunsistemaingradodiessereampliatoconfacilitàediinglobarealtrisistemidefiniti secondostandard; Costruireunsistemaingradodigestireautomaticamenteallarmiedeventualmentecollegarsia dispositivimobili; Costruireunsistemachepermettal interazioneintelligenteeautomaticadeidispositivicongli eventi,inmodotaledafornireallarmiautomaticienondipendentidaunoperatorecheguarda unmonitor. NORMEEPROVVEDIMENTIDIRIFERIMENTO - VideosorveglianzaIldecalogodelleregolepernonviolarelaprivacy29novembre DecretoLegislativo30giugno2003,n VideosorveglianzaProvvedimentogeneralesullavideosorveglianza29aprile Provvedimentoinmateriadivideosorveglianza8aprile SegnalazionealParlamentoealGovernosullavideosorveglianzaneicondomini13maggio inquinamentoelettromagneticol.n.36del22/02/2001: Leggequadrosullaprotezionedalle esposizioniacampielettrici,magneticiedelettromagnetici. ; 1. CARATTERISTICHEGENERALI LarealtàdelComunediEriceèdistribuitaincontrade,riferiteallazonadiEriceCasaSanta,che rappresentanoilterritoriopiùampioelazonadiericevetta,lacittàantica,conunsuosviluppo territorialefattodiviestretteeluoghid interesserilevante. 1.1 Obiettividell intervento Ilsistemadiseguitodescrittoriguardalacreazionedellavideosorveglianzadelterritoriocompresa la rete di trasmissione dati definita nel corso della presente relazione, gli strumenti di gestione, connettività, manutenzione dell hardware, manutenzione evolutiva e correttiva del software ed assistenza. ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina2di42

4 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Il sistema di videosorveglianza (di seguito denominato anche VS) richiesto, deve prevedere i seguenticomponentiessenziali: N. 47 Tele Video Camere (di seguito denominate anche TVC) distribuiti nel territorio del comune in punti identificati e scelti quali punti di interesse e/o sensibili, da montare su supportofissoobrandeggianti,amurooapaloinbasealleesigenze: ContradaSanGiuliano TVCSG01 Via San Cusumano, lato destro, (Palo Luce con alimentazione accumulata da Palo), Brandeggiabile TVCSG02ViaSanCusumano,latosinistro,(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo), Fissa TVCSG03ViaLidodiVenere,(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCSG04ViaLidodiVenere,(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCSG05ViaDeiPescatori(PaloLuceconalimentazionedaCabinaQ21)Fissa TVCSG06ViaPantalica(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCSG07ViaPantalica(PaloLuceconalimentazionedaCabinaQ19),Fissa TVCSG08ViaDeiPescatori(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCSG09ViaDeiPescatori(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCSG10ViaTeocrito(PaloLuceconalimentazionedaCabinaQ22),Fissa TVCSG11 Via Teocrito/Via Madonna di Fatima (Palo Luce con alimentazione accumulata da Palo),Brandeggiabile TVCSG12ViaMadonnadiFatima(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCSG13ViaFrascati(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCSG14ViaFrascati(PaloLuceconalimentazionedaCabinaQ24),Fissa TVCSG15Viadell Acquedotto(PaloLuceconalimentazionedaCabinaQ25),Fissa TVCSG16 Via dell Acquedotto (Palo Luce con alimentazione accumulata da Palo), Brandeggiabile TVCSG17ViaCesarò/ViaMadonnadiFatima(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo), Brandeggiabile TVCSG18ViaVecchiaMartogna(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCSG19 Via Vecchia Martogna/Via Madonna di Fatima (Palo Luce con alimentazione accumulatadapalo),brandeggiabile TVCSG20ViaCesarò(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCSG21PiazzaCesarò(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina3di42

5 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice TVCSG22ViaBadenPowell(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCSG23ViaBadenPowell(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCSG24ViaCesarò(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCSG25VialedelleProvincie(PaloLuceconalimentazionedaCabinaQ75),Brandeggiabile ContrataMokarta TVCMO01ViaNiagara(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCMO02ViaClemente/ViaReggioCalabria(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo), Brandeggiabile TVCMO03ViaMarconi(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCMO04ViaMarconi(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCMO05 Via Clemente/Strada Provinciale Torrebianca (Palo Luce con alimentazione accumulatadapalo),fissa TVCMO06ViaClemente/ViaGiuseppeVultaggio(PaloLuceconalimentazioneaccumulatada Palo),Brandeggiabile TVCMO07ViaTivoli/ViaMacerata(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCMO8 Via Tiziano Vecellio (Piazza Vittime della Strada) (Palo Luce con alimentazione accumulatadapalo),brandeggiabile Ericevetta CentroStorico TVCEV01 Piazzetta Grammatico (Palo Luce con alimentazione accumulata da Palo), Brandeggiabile TVCEV02ViaVittorioEmanuele(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCEV03ViaVittorioEmanuele(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCEV04ViaPepoli(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCEV05ViaPepoli(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCEV06ViaPortaSpada(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCEV07ViaPortaSpada(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCEV08ViaRabatàvicinolaPiazzadelCarmine(PaloLuceconalimentazioneaccumulatada Palo),Brandeggiabile TVCEV09ViaRabatà(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa TVCEV10LargodiVenere(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCEV11ViaRoma(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Fissa ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina4di42

6 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice TVCEV12ViaRoma(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile TVCEV13 Spiazzo antistante Castello (Palo Luce con alimentazione accumulata da Palo), Brandeggiabile TVCEV14PiazzadellaLibertà(PaloLuceconalimentazioneaccumulatadaPalo),Brandeggiabile N.2VideoCamereStandAlone(diseguitodenominateancheTVCSA)daposizionareincasi specificipressoluoghichenondispongonodiunsistemafisso Lareteditrasmissionedatiperlaconnessionedellevideocamere Larealizzazionedelcentrodigestioneecontrollo Ilsistemadovràrispondereaiseguentimacrorequisiti: Possibilità di monitoraggio realtime (ed in differita per le TVCSA), con crescente livello di fluiditàdelleimmagini,da1(uno)fpsfinoa25(venticinque)fps. Affidabilità; Ampliamentofuturo Glielementiessenzialidelsistemasipossonocosìidentificare: - Videocamerefisseperilmonitoraggioconnesseconsistemaditrasmissionedatiarete - Videocamere brandeggiabili per il monitoraggio connesse con sistema di trasmissione dati a rete - Videocamerestandaloneperusoestemporaneo - PuntiditrasmissionedatiClientStation - PuntidiraccoltadatiBaseStation - PontidicomunicazioneIntranet - Centrodicontrolloegestioneperilmonitoraggio,l elaborazioneelaconservazionedeiflussi video Tuttoquantosaràrealizzatoalfinedisoddisfareleseguentiesigenzegeneralidisistema: - ripresesiadiurnechenotturnee/oincondizionidiscarsaluminosità; - espandibilità che consenta l ampliamento del sistema in fasi successive ed il potenziale incrementonelnumerodelletelecamere; - sistemasustandardconsolidatidimercatoperquantoriguardasialasceltadegliapparatisia quelladegliapplicativi; - dispositivimarchiaticeedcompliantallostatodell arteinterminidiqualitàeperformance; ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina5di42

7 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice - garantiredasubitoun aperturadelsistemaversol integrazionediprodottiditerzeparti(es. sistemiantiintrusione,lettoribiometrici,sistemiantincendio,etc.); - sistema di diagnostica che consenta una rapida identificazione delleanomalie e fornisca efficacistrumentiperl interventoeilripristinodellanormaleoperatività; - distribuire i flussi video/dati a soggetti terzi come Carabinieri, Questura ed altre autorità giudiziarie; - indipendenzadelsistemadaltipoditelecameraadottatainmododaconsentirelapiùampia sceltadimercatoperespansionifuture; - rispettodellenormativelegateallaprivacygrazieall elevatogradodisecuritydegliapparatidi rete ed al crypting dei flussi video. Questo consente di preservare dati sensibili, nel pieno rispettodelleraccomandazionidelgaranteperlaprivacy; - estrema facilità di utilizzo da parte dell operatore, il quale potrà interagire con il sistema tramitestrumentibasealuinoti; - serviziodiallarmisticaattivasuunaqualsiasidelletelecamerecontroattivandalicie/otentativi disabotaggiosudiessa,oltreadalgoritmidicomputervisioninstallabilisullevideocamereper ilcontrolloattivodellascena. 1.2 Analisidelterritoriointeressato Il territorio si concentra, come già indicato, sulla città antica con coordinate N e E,epostaallaquotadicirca760m,ilcentrostoricodelComune,suunpromontorioda cui si osserva tutto il circondario, dove si distribuisce, a valle, la parte delle contrade. Le aree interessatedalprogettosonoquelledellapartedellacittàanticaedellazonadicasasanta,ein particolareleareedisangiuliano,postaanorddellacittàedivillamokartapostaasud.nella figurasonoriportateleareeinteressate. ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina6di42

8 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Fig.1 CartografiadelTerritorio Isopralluoghieffettuatinelterritorio,voltialladefinizionedeipuntidivideosorveglianza,hanno evidenziato una situazione con distanze elevate tra i luoghi di osservazione, in condizioni di visibilitàanchedifficili.obiettivodelsistemaèanchequellodiconcentraretutteleinformazioni,in mododasvolgereosservazioniecontrollosututtalaretedivideosorveglianza.diventainquesto modosostanzialelasceltadellaconnettivitàchesivuolerealizzaredaipuntidivideosorveglianza, alfinedinoncompromettereilfunzionamentocomplessivodelsistemanell esecuzionedeicompiti dicontrollodelterritorio. La scelta tecnica che si ritiene possa essere in linea con le condizioni del territorio e con le specifiche di progetto che si devono attuare, è quella di utilizzare per l intero sistema, ad esclusione dei centri digestione e controllo e dei tratti brevi, la connessione di tipo Wirelessdi seguito anche WIFI, che permette, attraverso l utilizzo di apparati specifici, di protocolli di comunicazione e sicurezza, la trasmissione di dati affidabili, sicuri e con caratteristiche qualitativamenteaccettabili. Tale scelta permette di conseguenza di non avere limitazioni sulla posizione dei punti TVC del sistemadivideosorveglianza,amenodegliaspettiinerentiall alimentazioneelettricadeiqualisi tratteràneisuccessiviparagrafispecifici. ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina7di42

9 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Fig.2 VistaEriceContrataCasaSanta SanGiuliano Fig.3 VistaEriceContrataCasaSanta VillaMokarta Fig.4 VistaEriceVetta Leareedacoprire,mostratenelleimmaginiprecedenti,fannoriferimentoadunazonaimperviae noncollegataconstruttureditrasmissionedati,diconseguenzasifaràriferimentoallacreazione diunareteditrasmissionewifi,facendoinmodocheipuntisededellestazionidiaccessoperi puntidivideosorveglianza,sianovisibiliocomunqueingradodiricevereidatitrasmessi.infatti,le treareesono,oltrechesuquotediversevediericevetta,anchenonvisibilitradiloro,vedilazona disangiulianoequelladivillamokartamaanchequesteconericevetta.occorreallorarealizzare una rete che preveda dei ponti radio di interconnessione tra le stazioni di accesso al fine di congiungereiltuttoinununicosistemadiconnettivitàdirete. ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina8di42

10 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice 2. ARCHITETTURADELSISTEMADIVIDEOSORVEGLIANZA Ilsistema,diseguitodescrittonellesuecomponenti,rispondealleseguentisceltefunzionali: Possibilità, da parte del Centro di Gestione e Controllo, di visualizzazione in tempo reale almeno 16 flussi video contemporanei con frame rate a 1 (uno) fps. I flussi video potranno esserefacilmenteselezionabilidaglioperatoridelleworkstationdicontrolloemodificabiliin qualsiasimomento. Memorizzazione centralizzata di flussi video con frame rate variabile da 1 (uno) a 25 (venticinque)fpserisoluzionefinoa720x576.intalsensodidevememorizzarefinoa15giorni conlamassimaqualità:framerate25(venticinque)fpserisoluzione720x576pressoilcentro digestionedeiflussivideodituttelepostazionidivideosorveglianza. PossibilitàdivisionareflussivideomemorizzatipressoilCentrodiGestione. 2.1 CentrodiGestione IlserviziosaràerogatodalCEDdelComunediEriceeprevedràl utilizzodiunsistemainformativo di gestione basato su applicazioni client (web e desk) e database server, con interfacce utente dotatedelcontrolloremotosupiattaformatcp/ip.leinformazioniinessasalvatepotrannoessere ulteriormente memorizzate attraverso l uso di un sistema di backup (vedi più avanti) al fine di storicizzaredatid interesse.ilcentrodigestionesaràpostopressogliufficidiviapoma,doveha sedeilcomandodeivigiliurbani PiattaformaSoftware La piattaforma software richiesta dovrà essere dotata di un sistema di visualizzazione e registrazione digitale e di gestione degli allarmi e delle informazioni, adatto a installazioni multi punto,conunascalabilitàchepotrebbegiungereadiversicanalivideo.atalfinesaràfornitoun sistema software, per la registrazione e la gestione di immagini digitali, interamente basato su tecnologia IP, in maniera da rendere possibili collegamenti da remoto e permettere qualunque operazioneutilizzandosiainversioneapplicazionedeskcheditipowebbrowser. Il sistema, inoltre, dovrà consentire livelli di sicurezza regolabili e soluzioni di videosorveglianza perfettamente integrabili rendendo possibile in maniera estremamente semplice sia l accentramentodeipuntidiripresachelacreazionedidiversepostazionidicontrollo. La registrazione delle immagini dovrà avvenire in modalità ciclica, ovvero ogni minuto di registrazione avverrà sovrascrivendo il primo minuto della finestra temporale contrattualizzata. ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina9di42

11 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Dovràessereinoltrepossibilerichiederel'esportazionedeifilmatiregistratidariversaresuDVD.Le caratteristichesonodiscusseneldisciplinaredescrittivoeprestazionale GeoreferenziazionePuntidiRilevamentosuCartografia Tutteleinformazionigestitedalsistemadivideosorveglianza,verrannotrattateancheattraverso un sistema cartografico SIT, sul quale, con opportuno tema si riporteranno i punti di videosorveglianza distribuiti nel territorio del comune di Erice. I dati trattati potranno essere relazionati alle informazioni cartografiche su punti georeferenziati, in modo da permettere l individuazionesullacartografia. Ilsistemainformativogeograficodovràacquisirelecartografieneglistandardpiùdiffusi. L utentepotràinoltrecaricareesovrapporrenuovilayersattingendoallebanchedatidisponibili. Caratteristiche importanti del sistema saranno l interoperabilità cioè consultare dati nei formati piùcomunementeutilizzatisenzalanecessitàditrasformareildatooriginale,l analisi metterea disposizione dell utente tutti gli strumenti di analisi consentendo così sofisticate query spaziali, analisidioverlay,mappetematiche,ecc. Fig.5 VistaSoftware LeinformazionisullaposizionedellevideocameregiungerannoattraversolaretedaidispositiviGPS istallatiabordodellestessetvc,etrasformateinoggettiposizionatisullacartografiadigitale,su specificolayer. ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina10di42

12 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Autenticazioneservereutenti Dovrà essere previsto un meccanismo di autenticazione che garantisca che i dispositivi video dialoghinoesclusivamenteconilservercuisonostaticollegati. Ogniutenteaccederàtramiteautenticazioneaunambienteriservatoperlafruizioneegestionedel servizio. Gliutentipotranno,così,accedereinvariemodalità: real time, possono accedere soltanto alle immagini in diretta provenienti dai luoghi da sorvegliare; utenti in registrazione, possono accedere anche all archivio dei filmati registrati nell ambito dellafinestratemporalecontrattualizzata; utentiricezioneallarmi,ricevonovia e/osmsgliallarmidallapiattaformainbasealle impostazioni della stessa (allarme proveniente da un sensore oppure per disconnessione telecamera). 2.2 PostazionidiControllo In ogni postazione di controllo delle tre previste, dovranno essere forniti e installati tutti i componenti necessari per le attività di controllo e la visione contemporanea, di almeno 16 telecamere,paria16flussiad1fpsconrisoluzioneminima352x288.inparticolaredovràessere fornita,perognunodiessi,unaworkstationedicomponentisoftwareclientnecessari,percome indicatoneldisciplinareecomputo Workstationdicontrollo Lagestioneeilcontrollodeiflussideidatiprovenientidallepostazionidivideosorveglianza,sarà effettuatamedianteunaworkstation,perilcontrollodell interosistemaattraversoilcollegamento allarete,dainstallarsipressoognipostazionedicontrolloprepostaallavisionedelleimmagini. Diseguito,neriportiamolecaratteristichetecnicheminime: Componenti Quantità Descrizione Processori/Cache 1 ProcessoreIntel Core 2DuoE6550 MemoriaRAM 2x1GB DDR2a667o800MHzECCunbuffered SistemaOperativo/ Lingua 1 Windows7 Professionala64bit Dischi 1 160GBSATA3GB/s MasterizzatoreDVD 1 UnitàDVD+/RW16X FloppyDisc3.5 1 ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina11di42

13 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice SchedaGrafica 1 NVIDIAQuadroFX370256Mb NIC 1 LANPCIeGigabitBroadcom5755Netxtremeintegrata Monitor 1 TFT19 Flatpanelmonitor Tastiera 1 StandardkeyboardUSB versioneitaliana Mouse 1 scrollmouseusb Lapostazionesaràcompletataconl arredocompostodascrivania,poltroncinaecassettiera.nel centrodicontrollosaràinoltrepresenteunarmadioperconservazionedocumentiestrumentidi lavoro. 2.3 TeleVideoCamereePuntidiConnessionediRete IlsistemadivideosorveglianzasaràbasatosuIPeWIFI,ingradodiridurreilbisognodicavi,con tuttelerelativedifficoltàdiinstallazione,intalmodoletelecamerepossonoesserecollegateauna reteinqualsiasipuntosidesideri.talesceltasignificaanchemigliorarelacomoditàdell'accessoalle immagini e consentire agli utilizzatori di visualizzare le immagini in diretta e/o registrate su qualsiasicomputerinretepreviaautorizzazione.isistemiattivaticonipsicaratterizzanoperlaloro flessibilità integrata, che consente di espandere gradatamente un sistema di sicurezza, e per la possibilitàdieliminarelebarriereinvisibilialletelecamerechespessosiincontranoingrandiaree qualicentricommercialiededificiapiùpiani. Latipologiadiconnessionesaràinvecedescrittanelpunto3. Nellafiguraseguentevienerappresentatalapostazionedivideosorveglianzanelleconfigurazioni: telecamerabrandeggiabileetelecamerafissa: Fig.6 SistemadiVideoCamere Telecamerebrandeggianti Lestazionidiripresaditipobrandeggiabilechesidovrannoimpiegaresarannoinnumeroparia26 (ventisei) e dovranno presentare caratteristiche per come definite nel disciplinare descrittivo e ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina12di42

14 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice prestazionale. Questa tipologia di telecamere potranno permettere un orientamento a 360 in temporealedelpuntodiripresa,alfinedigarantireunmaggioreedaffinatotelecontrollo Telecamerefisse Lestazionidiripresaditipofissochesidovrannoimpiegaresarannoinnumeroparia21(ventuno) edovrannopresentarecaratteristichepercomedefiniteneldisciplinaredescrittivoeprestazionale Telecamerestandalone Data la necessità di monitorare temporaneamente luoghi non coperti, si utilizzeranno delle telecamere dotate di DVR ed alimentazione autonoma denominate standalone. IlriversaggiodeifilmatiprodottiavverrànonpiùinrealtimedirettamentenelserverdelCG,ma portandofisicamentelatelecameramobilealcgstessoecollegandolaallareteviacavoethernet. Ifilmati,sarannosuccessivamentedisponibiliatuttiiCentridiControllo.Lestazionidiripresadi tipomobilechesidovrannoimpiegaresarannoinnumeroparia2(due)edovrannopresentare caratteristichepercomedefiniteneldisciplinaredescrittivoeprestazionale Sistemadiregistrazioneevisualizzazione Ilsistemaprevistodovràpermetterelavisualizzazioneelaregistrazionedelletelecamereinstallate, con un frame rate parametrizzabile almeno da 1 (uno) a 25 (venticinque) fps e risoluzione 720x576,permettendoaltempostessolostoccaggiodeifilmatiperunperiodomassimodi7gg. (allamassimaqualità:framerate25(venticinque)fpserisoluzione720x576). IsegnalivideoprovenientidalletelecamereIPverrannoconvertitiedinviatitramitecollegamento diretesuprotocolloethernetalcentrodigestioneecontrollo(cgc). Diseguito,vengonoevidenziatealcunedelleprincipalicaratteristicherichiestepertalidispositivie sirimandaaldisciplinaredescrittivoeprestazionaleperilrestodelleinformazioni. InparticolareperilDVR(DigitalVideoRecorderdelletelecamerestandalone)sirichiedeelevata capacitàdimemorizzazionedeidati,inmododarispettarelespecifichedefinitedi: framerate:25fps; risoluzione:720x576; stoccaggio:3gg.; immagine:colore,b/n; Risoluzionielevate(minimo720x576); Meccanismidicompressionedell immagineedimotiondetection; ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina13di42

15 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Meccanismidigestionedegliallarmi. Perl unitàdicodifica(videoserver)sirichiedono: Framerateparia25fps; ImmaginiacolorioppureB/N; Risoluzionielevate(minimo720x576); Meccanismidicompressionedell immagineedimotiondetection; Meccanismidigestionedegliallarmi. 3. ARCHITETTURARETETRASMISSIONEDATI Comediscussoneiprecedentiparagrafi,perladiffusionedeiflussivideosaràrealizzataunaretedi trasmissione dati, organizzata come Intranet, basata su tecnologia WIFI, senza l esigenza di un flussodatibasatosusottoscrizionidilineedatitipoxdsl,garantendoinquestomodocollegamenti anytoanytrainodidellareteaminorcosto: PostazionidiVideosorveglianza, CentrodiGestioneeControllo AssistenzaRemota. Tale rete darà la possibilità di distribuire il traffico verso nodi di connessione quali stazioni di accesso. L iteroperabilità richiesta è basata sul modello ISO/OSI (Open System Interconnection) nato per definizione di un modello di riferimento a strati e di una serie di standard per protocolli e interfacceattiarealizzaredeisistemiapertiechecaratterizzailcriteriocuifariferimentoilsistema di comunicazione su rete telematica più comune, in uso in ambito internazionale. In figura è rappresentatal architetturadelmodello ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina14di42

16 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Fig.7 SchemaModelloISOOSI InparticolareOSIècostituitoda7livelli: stratofisicochehacomecompitoprincipaleeffettuareiltrasferimentofisicodellecifrebinarie traiduesistemiincomunicazione; stratodicollegamento(datalink)lacuifunzionefondamentaleèquelladirivelareerecuperare glierroritrasmissivichepotrebberoessersiverificatiduranteiltrasferimentofisico; stratodirete(network)cherendeinvisibileallostratosuperioreilmodoincuisonoutilizzatele risorsedireteperlafasediinstradamento; strato di trasporto (transport) che fornisce le risorse per il trasferimento trasparente di informazioni; stratodisessione(session)cheassicuralapossibilitàdiinstaurareuncolloquiotraduesistemi; strato di presentazione (presentation) che è interessato alla sintassi e alla semantica delle informazionidatrasferire; strato di applicazione (application) che ha lo scopo di fornire ai processi residenti nei due sistemiincomunicazioneimezziperaccedereall'ambienteosi. Secondotalesistema,lacomunicazionetraduedispositiviavvieneastrati,inizialmenteattraverso lo strato fisico, certamente quello più basso e caratterizzato dai sistemi di trasmissione e di interfacciamentodegliapparati. ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina15di42

17 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Le specifiche tecniche presenti tra gli standard, conducono a tecnologie diverse per potere connettereinretepuntidiversi,chepossonoidentificarsineiduesistemidicomunicazione: CablaggioStrutturatoETHERNETIEEE802.3tipo100Mbps(Fast)1000Mbps(GigaBit) WIRELESSProtettonellostandardIEEE802.11checontienelespecificheperleLANsenzafili Entrambepossonoconsentiredicondividereinformazioniescambiarle,mabisognaevidenziarnele caratteristichefunzionaliediimplementazione. Principalmenteladifferenzaèlegataalprincipiofisicodifunzionamento: il cablaggio strutturato consente lo scambio delle informazioni attraverso un mezzo che trasportal energiafinoadestinazioneconampiabandadisponibile,sicurezzadeidati,macon grossoinvestimentoinizialeperleopereedilidicablaggioedalticostidimanutenzione. laretesenzafiliutilizzaqualemezzoditrasportolaradiotrasmissioneinaria,conilpregiodi offrireconnettivitàmobileaglielaboratori,disponendodiunaretelocalechecopraun'areapiù omenolimitataincuilaconnessionedeicomputersiacosìrealizzatatramiteilmezzoradio, superandoquindilelimitazionidimobilitàtipicamentecausatedalcablaggiofisso. Nell ambito del cablaggio fisico tipo ETHERNET, il protocollo IEEE e le sue evoluzioni utilizzano oggi i seguenti tipi di mezzi trasmessivi, specificati nella parte di strato fisico dello standard: TwistedPair(TP)iltradizionaledoppinodirameintrecciato,utilizzatoanchenellaretetelefonica. Ne esistono diverse categorie, con cavi schermati o meno, e viene utilizzato per realizzare i collegamentipuntopuntotrastazioniehubnellatopologiaastella.lostandard10basetprevede unalunghezzamassimadi100metrieunavelocitàdi10mb/s.nelcasodellafastethernetedella GigabitEthernet,invece,siutilizzanoil100BaseTXeil1000BaseTX,chefunzionanoa100Mb/se 1Gb/s rispettivamente. I Cavi utilizzati in questa categoria si differenziano anche per il tipo di applicazionein UTP (Unshielded Twisted Pair): è la versione non schermata, che mantiene comunque un'alta immunità ai disturbi elettromagnetici grazie alla tecnologia a linea bilanciata che li annulla in cooperazioneconadeguateinduttanzedifiltromontatesulleschededireteesuglihub; STP (Shielded Twisted Pair): è schermato e quindi offre migliori prestazioni, ma è molto più ingombrantee,difatto,nonvieneusatoquasipiù; FTP (Foiled Twisted Pair) o SUTP anch esso di tipo schermato, ma con un unica schermatura, generalmenteinfogliodialluminio,pertuttoilcavo ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina16di42

18 StudioTecnicod Ingegneria Ing.CandelaAntonino ComunediErice Inbaseallalarghezzadibandaicavivengonodistintiincategoriedicuila5,quellautilizzatanel presente progetto, offre le maggiori prestazioni. Le caratteristiche fondamentali sono Low Loss, Extended Frequency, High Performance Data, con un più fitto avvolgimento (più giri per centimetro) e con isolamento in teflon. Offre migliore qualità del segnale sulle lunghe distanze, adattoacollegamentiinaltavelocitàinambitolan. Fibra Ottica (FO)un mezzo a banda molto larga e bassa attenuazione, che permette quindi velocitàelevateelunghedistanzedicollegamento.nelleretilocaliditipofastethernetegigabit Ethernet, si utilizzano gli standard 100BaseF e 1000BaseF rispettivamente, che prevedono una lunghezzamassimadi2000metri,rendendoadattelefibrealcollegamentodiedifici,ancormeglio senelsmf(singlemodefiber):fibraotticamonomodale.inessoilsegnaleluminososipropagain unsolocammino(ovverounsolomodo).poichétuttiiraggiluminosiseguonolostessocammino, ovveroattraversanolastessadistanza,nonsihadispersionecomenellefibremultimodali.lefibre monomodalipossonosupportarealtibitrateecoprirelunghedistanze,proprioinvirtùdiquesta caratteristicachenedeterminaunabassaattenuazione. Questatipologiadiconnessionesaràutilizzataneitrattiincuisipossonopresentareproblemidi interferenze. Lamaggioreaffidabilitàesicurezzadiunaretefisicamenteinterconnessaconuncablaggiofisicoin rame o fibra ottica, fanno propendere le scelte progettuali verso questo sistema, riservando il WIRELESSadapplicazioniincuisiverifichinoleseguentiesigenze: Distribuzioneliberadiunsegnalesenzavincolisugliutenti Impossibilitànelraggiungereluoghispecificiconcablaggiotradizionale Fig.8 SchemaModelloISOOSInelsistemaWIFI ProgettoEsecutivoReteVideosorveglianzasutecnologiaIP RelazioneTecnicadiProgetto Pagina17di42

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

Studio Tecnico Nichele Per. Ind. Tullio

Studio Tecnico Nichele Per. Ind. Tullio 1. Premessa La presente relazione ha lo scopo di indicare in modo generale le principali caratteristiche degli impianti e delle apparecchiature utilizzate per l'installazione dell'impianto di videosorveglianza.

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Città di Casarano Provincia di Lecce

Città di Casarano Provincia di Lecce Città di Casarano Provincia di Lecce Settore Lavori Pubblici PON Sicurezza per lo Sviluppo Obiettivo convergenza 2007-2013 Sistema di videosorveglianza del comune di Casarano Sicurezza per la città CIG:559455225C

Dettagli

Server e Gateway VSoIP Pro

Server e Gateway VSoIP Pro IP video Server e Gateway VSoIP Pro Software VSoIP Server 3.2 14/12/2012- G215/2/I Caratteristiche principali VSoIP 3.2 Suite è il sistema di gestione video GANZ per reti Ethernet basato su una reale topologia

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL Documento tecnico Autore: Giuseppe Storniolo Sommario LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL 3 GENERALITÀ 3 CARATTERISTICHE TECNICHE RIASSUNTIVE DEL SISTEMA 4 LE TELECAMERE 5 IL

Dettagli

Reti di calcolatori protocolli

Reti di calcolatori protocolli Reti di calcolatori Reti di calcolatori Rete = sistema di collegamento tra vari calcolatori che consente lo scambio di dati e la cooperazione Ogni calcolatore e un nodo, con un suo indirizzo di rete, il

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

Software per sistemi di videoregistrazione in rete Software Vectis HX

Software per sistemi di videoregistrazione in rete Software Vectis HX Software per sistemi di videoregistrazione in rete Software Vectis HX V2.1.3 Vectis HX NVS SW 8 Vectis HX NVS SW 16 Vectis HX NVS SW 32 Vectis HX NVS SW 64 [Vectis HX NVS SW 128] [Vectis HX NVS SW 256]

Dettagli

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA

Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Allegato A CAPITOLATO TECNICO SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA Il sistema di videosorveglianza urbana è un impianto asservito a sorveglianza del territorio costituito da telecamere installate opportunamente

Dettagli

Videosorveglianza Utilizzo e gestione Il sistema del Comune di Bologna

Videosorveglianza Utilizzo e gestione Il sistema del Comune di Bologna Videosorveglianza Utilizzo e gestione Il sistema del Comune di Bologna 25 Giugno 2013 Il sistema del Comune di Bologna: come nasce Il processo che porta alla situazione attuale ha ufficialmente inizio

Dettagli

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione

Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione Categoria 7/Classe F Capacità e flessibilità di nuova generazione L approvazione dell edizione 2 di ISO/IEC 11801, IEC 61076-3-104 e IEC 60603-7-7 indica che è stato ormai definito e completato uno standard

Dettagli

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo

Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Videosorveglianza digitale di alta qualità in ogni angolo Dopo l 11 settembre l esigenza relativa a progetti di videosorveglianza digitale in qualunque tipo di organizzazione e installazione è aumentata

Dettagli

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Presentazione tecnico-commerciale Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless

Dettagli

Gestione database tipologia e storico dei consumi orari, giornalieri, settimanali, annuali per singola cabina/per tutte.

Gestione database tipologia e storico dei consumi orari, giornalieri, settimanali, annuali per singola cabina/per tutte. Telecontrollo via rete Wireless L impianto consente la copertura in tecnologia radio Wireless Hiperlan dell area in cui sono ubicate le cabine elettriche da telecontrollare; ogni cabina è equipaggiata

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO ISOLE WI-FI HOT SPOT INDICE 1. PREMESSA 4 2. ARCHITETTURA RETI MESH 5 3. DISPOSITIVI

Dettagli

Videosorveglianza IP D-Link negli Ospedali della Lombardia

Videosorveglianza IP D-Link negli Ospedali della Lombardia Videosorveglianza IP D-Link negli Ospedali della Lombardia Gli Ospedali della Lombardia hanno scelto D-Link per la realizzazione di un Sistema di Videosorveglianza IP distribuito nel territorio, per garantire

Dettagli

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE

SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE DOCUMENTO DIVULGATIVO SERVIZI A VALORE AGGIUNTO PER RETI CITTADINE Servizi di pubblico utilizzo gestiti da un unica piattaforma software Reverberi Enetec. DDVA27I2-0112 Sommario 1. Servizi a valore aggiunto

Dettagli

DI BAGNARA CALABRA COMUNE PROGETTO ESECUTIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IP / WIRELESS PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON.

DI BAGNARA CALABRA COMUNE PROGETTO ESECUTIVO COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IP / WIRELESS PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON. COMUNE DI BAGNARA CALABRA PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA PON SICUREZZA PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FESR SICUREZZA PER LO SVILUPPO OBIETTIVO CONVERGENZA 2007/2013 SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA IN TECNOLOGIA

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7

MEZZI TRASMISSIVI 1. Il doppino 2. Il cavo coassiale 3. La fibra ottica 5. Wireless LAN 7 MEZZI TRASMISSIVI 1 Il doppino 2 Il cavo coassiale 3 La fibra ottica 5 Wireless LAN 7 Mezzi trasmissivi La scelta del mezzo trasmissivo dipende dalle prestazioni che si vogliono ottenere, da poche centinaia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI ARENZANO Provincia di Genova REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 22 del 26/02/2015 Indice Art. 1 Oggetto e norme

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Total Security Knowledge Management Solution. Per Una Gestione Integrata Della Sicurezza Dell Azienda

Total Security Knowledge Management Solution. Per Una Gestione Integrata Della Sicurezza Dell Azienda Total Security Knowledge Management Solution Per Una Gestione Integrata Della Sicurezza Dell Azienda 3S Team SpA Nel 2004 la Sysdata Team SPA, oggi 3S Team SpA Software & Security Solutions - è entrata

Dettagli

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS è il software di centralizzazione immagini dedicato alla gestione di sistemi di videosorveglianza basati su apparati GAMS analogici e IP, che offre straordinarie potenzialità sia su reti cablate che wireless

Dettagli

SICUREZZA INTEGRATA Realizzazione della interconnessione tra le sale operative delle forze dell ordine UDINE 6 LUGLIO 2009

SICUREZZA INTEGRATA Realizzazione della interconnessione tra le sale operative delle forze dell ordine UDINE 6 LUGLIO 2009 SICUREZZA INTEGRATA Realizzazione della interconnessione tra le sale operative delle forze dell ordine UDINE 6 LUGLIO 2009 Direttore Centrale - Guglielmo Berlasso Protezione Civile della Regione 03 Luglio

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

HSVideo 4. HSVideo4. I moduli software. Videosorveglianza

HSVideo 4. HSVideo4. I moduli software. Videosorveglianza 4 moduli software integrabili tra loro per realizzare una soluzione intelligente, configurabile ed adattabile alle molteplici esigenze di un moderno sistema di videocontrollo HSVideo4 HSvideo4 è un software

Dettagli

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11

1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4. 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5. 3. Manutenzione e assistenza 11 CAPITOLATO TECNICO PROGETTO BACHELET WI-FI ABBIATEGRASSO ABBIATEGRASSO, MAGGIO 2013 Indice 1. Rete Wi-Fi Bachelet Abbiategrasso 4 2. Requisiti tecnico funzionali richiesti ai sistemi WiFi 5 3. Manutenzione

Dettagli

QUESITI CALABRIA. Nel caso di realizzazione della nuova infrastruttura con scavo tradizionale in banchina è necessario riempire lo scavo con cemento

QUESITI CALABRIA. Nel caso di realizzazione della nuova infrastruttura con scavo tradizionale in banchina è necessario riempire lo scavo con cemento QUESITI CALABRIA Nel caso di realizzazione della nuova infrastruttura con scavo tradizionale in banchina è necessario riempire lo scavo con cemento Nel caso di posa di cavi si possono utilizzare sistemi

Dettagli

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio CBCom Sistemi Integrati di Videosorveglianza HD over WLAN Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio Le esigenze dei cittadini e delle aziende soprattutto nei Comuni al di sotto

Dettagli

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza onlinesecurity la piattaforma della sicurezza 2010 Release 2.0 Designed for Security Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza le migliori tecnologie per la massima sicurezza www.onlinesecurity.it

Dettagli

Allegato A al Capitolato tecnico

Allegato A al Capitolato tecnico Allegato A al Capitolato tecnico MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ISTITUTO COMPRENSIVO CENTRO 1 VIALE PIAVE, 50 25123 BRESCIA TEL.030/361210 FAX. 030/3366974 E.Mail: bsic881002@istruzione.it

Dettagli

RISPOSTE AI QUESITI (3) REGIONE CALABRIA

RISPOSTE AI QUESITI (3) REGIONE CALABRIA RISPOSTE AI QUESITI (3) REGIONE CALABRIA E necessario conoscere i requisiti (hardware e software) richiesti dal software di gestione per poter correttamente definire le caratteristiche dei video server

Dettagli

La Videosorveglianza di nuova generazione

La Videosorveglianza di nuova generazione La Videosorveglianza di nuova generazione Configurazioni e caratteristiche tecniche ed estetiche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Salvo errori ed omissioni. Tutti i marchi sono registrati

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

La Videosorveglianza di nuova generazione

La Videosorveglianza di nuova generazione La Videosorveglianza di nuova generazione Configurazioni e caratteristiche tecniche ed estetiche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Salvo errori ed omissioni. Tutti i marchi sono registrati

Dettagli

1. DEFINIZIONE DELLA TOPOLOGIA DELLA RETE RADIO... 3 2. DESCRIZIONE DEGLI APPARATI RADIO... 4 3. DISTRIBUZIONE DEGLI APPARATI RADIO...

1. DEFINIZIONE DELLA TOPOLOGIA DELLA RETE RADIO... 3 2. DESCRIZIONE DEGLI APPARATI RADIO... 4 3. DISTRIBUZIONE DEGLI APPARATI RADIO... INDICE 1. DEFINIZIONE DELLA TOPOLOGIA DELLA RETE RADIO... 3 2. DESCRIZIONE DEGLI APPARATI RADIO... 4 3. DISTRIBUZIONE DEGLI APPARATI RADIO... 5 4. ALLEGATI TECNICI... 7 Pagina 2 di 7 1. DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Wireless Mesh a banda larga Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless multihop

Dettagli

Esame di INFORMATICA Lezione 6

Esame di INFORMATICA Lezione 6 Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 6 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite cavi oppure

Dettagli

SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE. Sistema SAFECAM

SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE. Sistema SAFECAM SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE Sistema SAFECAM Il sistema per video sorveglianza SafeCam consente di effettuare il controllo e la video registrazione, in remoto, costantemente ed in tempo

Dettagli

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE

Esame di INFORMATICA COS E UNA RETE. Lezione 6 COMPONENTI DI UNA RETE VANTAGGI DI UNA RETE Università degli Studi di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA A.A. 2008/09 COS E UNA RETE Una rete informatica è un insieme di PC e di altri dispositivi che sono collegati tra loro tramite

Dettagli

Server e Gateway VSoIP Pro

Server e Gateway VSoIP Pro IP video Server e Gateway VSoIP Pro Software VSoIP Server 3.1 15/06/2012- G215/1/I Caratteristiche principali VSoIP 3.1 Suite è il sistema di gestione video GANZ per reti Ethernet basato su una reale topologia

Dettagli

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO...

DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... DEFINIZIONE PUNTI DI INTERVENTO... 2 ELENCO SITI ED ATTIVITÀ... 3 POLIZIA LOCALE... 3 VARCO NORD VIALE PORTA ADIGE... 3 VARCO SUD VIALE PORTA PO... 4 VARCO EST VIALE TRE MARTIRI... 4 CARATTERISTICHE TECNICHE

Dettagli

PROGETTO TORTOLÌ SICURA

PROGETTO TORTOLÌ SICURA PROGETTO TORTOLÌ SICURA VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA DI GARA Progetto Sicurezza Urbana del territorio Comunale di Tortolì Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:...

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO

DIREZIONE DIDATTICA STATALE 2 CIRCOLO Esigenze Didattiche DIREZIONE DIDATTICA STATALE CIRCOLO Cod. Fisc.: 900460845 Cod. Mecc. AGEE0400E - Tel. +390996830 Fax +39099658 CAPITOLATO TECNICO - ALLEGATO B PROGETTO: SCUOL@ONLINE Questo documento

Dettagli

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili!

Capitolo 6. Wireless LAN: via i fili! Capitolo 6 Wireless LAN: via i fili! Spesso la realizzazione di una rete impone maggiori problemi nella realizzazione fisica che in quella progettuale: il passaggio dei cavi all interno di apposite guide

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI LA TUA GUIDA NELLE TELECOMUNICAZIONI TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI IL GRUPPO Costruire il successo

Dettagli

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System)

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Sistema 3D-MBS 1 SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Il 3D-Multi Band System è un sistema integrato per la gestione della sicurezza

Dettagli

VIDEO SERVER GV-VS02

VIDEO SERVER GV-VS02 VIDEO SERVER GV-VS02 Il Video Server GV-VS02 è un convertitore a 2 canali audio/video che consente di trasformare qualsiasi telecamera analogica tradizionale in una telecamera di rete compatibile con sistemi

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA IP

VIDEOSORVEGLIANZA IP OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE DI RETE VIDEOSORVEGLIANZA IP Ing. Stefano Enea R&D manager Advanced Innovations stefano@ad-in.net L incontro fra due mondi La videosorveglianza IP sottende un incontro di competenze:

Dettagli

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE

COMUNE DI BIANCAVILLA Provincia di Catania Cod. Fisc. 80009050875 - P.I. 01826320879 3^ AREA FUNZIONALE Oggetto: Fornitura ed installazione di attrezzature informatiche, collegamenti Hiperlan tra le sedi comunali, sistema radio e di videosorveglianza perimetrale. TAV. 1 PREVENTIVO DI SPESA IL RESPONSABILE

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Esercizio Convertire i seguenti numeri da base 10 a base 2: 8, 23, 144, 201. Come procedere per risolvere il problema? Bisogna ricordarsi che ogni sistema,

Dettagli

Evoluzione dei Sistemi TVCC nel Settore Bancario

Evoluzione dei Sistemi TVCC nel Settore Bancario voluzione dei Sistemi TVCC nel Settore Bancario Burini Claudio RTM lettronica S.r.l. rticolazione dell intervento Interoperabilità dei sistemi TVCC con le reti informatiche: - L evoluzione del settore

Dettagli

Casper Vision FUNZIONI PRINCIPALI :

Casper Vision FUNZIONI PRINCIPALI : Casper Vision FUNZIONI PRINCIPALI : Professional Motion detection Registrazione 15 giorni (HD 80 Gbyte) Mappa degli eventi e delle registrazioni Allert su evento Invio allarmi via SMS, Email, MODEM, Ftp

Dettagli

Premessa. Presentazione

Premessa. Presentazione Premessa Nexera nasce come società del settore ICT, con una forte focalizzazione sulla ricerca tecnologica, e, sin dall inizio della sua attività, ha concentrato la propria attenzione al settore della

Dettagli

Caratteristiche e vantaggi

Caratteristiche e vantaggi Dominion KX II Caratteristiche Caratteristiche dell hardware Architettura hardware di nuova generazione Elevate prestazioni, hardware video di nuova generazione Due alimentatori con failover Quattro porte

Dettagli

OG6ETTO:Offerta infrastruttura di Rete Wireless per accesso Internet, e Wi-fi di cittadinanza

OG6ETTO:Offerta infrastruttura di Rete Wireless per accesso Internet, e Wi-fi di cittadinanza OG6ETTO:Offerta infrastruttura di Rete Wireless per accesso Internet, e Wi-fi di cittadinanza L'evoluzione della "digitalizzazione" nella vita quotidiano, fa dipendere sempre più servizi pubblici e privati

Dettagli

TVCC = televisione a circuito chiuso

TVCC = televisione a circuito chiuso Negli anni 70 nascono i primi sistemi di videosorveglianza, al fine di effettuare la ripresa e la registrazione di immagini riservate ad un numero ristretto di fruitori. TVCC = televisione a circuito chiuso

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 1 2 Requisiti Il committente del progetto di cablaggio è

Dettagli

Polizia Locale di Torino Settore Sicurezza Urbana

Polizia Locale di Torino Settore Sicurezza Urbana Polizia Locale di Torino Settore Sicurezza Urbana Gianfranco Todesco Responsabile Nucleo Investigazioni Scientifiche e Tecnologiche NUOVI APPROCCI IN TEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA «Il Modello Torino» Torino,

Dettagli

VDS - Video Digital System

VDS - Video Digital System VDS - Video Digital System L esperienza acquisita e consolidata nel settore della videosorveglianza ha consentito la realizzazione di una nuova gamma di videoregistratori digitali denominata VDS (VideoDigitalSystem)

Dettagli

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE

1.2 CLASSIFICAZIONE DELLE RETI SULLA BASE DELL ESTENSIONE Reti di calcolatori 1.1 Definizione di rete di calcolatori Una rete di calcolatori è un'insieme di computer, collegati fra di loro mediante un opportuna infrastruttura, ed in grado di comunicare allo scopo

Dettagli

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione.

Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. Wi-Fi, la libertà di navigare in rete senza fili. Introduzione. L evoluzione delle tecnologie informatiche negli ultimi decenni ha contribuito in maniera decisiva allo sviluppo del mondo aziendale, facendo

Dettagli

IL QUAD: VISIONE D INSIEME DELLE TELECAMERE PANNELLO DI CONTROLLO

IL QUAD: VISIONE D INSIEME DELLE TELECAMERE PANNELLO DI CONTROLLO N@Video è un software progettato per l utilizzo in rete e ottimizza il rapporto tra risorse hardware e prestazioni. è un sistema aperto, modulare, ampliabile, aggiornabile e rende semplice la creazione

Dettagli

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale INNOVARE: COSA? L IDEA Ovunque nel mondo si assiste ad un aumento della densità del traffico veicolare. Il fenomeno porta con sé un enorme

Dettagli

Comune di San Cataldo (CL) Sistema di Videosorveglianza Wireless PROGETTO ESECUTIVO. Relazione Specialistica Infrastruttura di Rete

Comune di San Cataldo (CL) Sistema di Videosorveglianza Wireless PROGETTO ESECUTIVO. Relazione Specialistica Infrastruttura di Rete Comune di San Cataldo (CL) Sistema di Videosorveglianza Wireless PROGETTO ESECUTIVO Relazione Specialistica Infrastruttura di Rete - 2 - Sommario Introduzione... 4 Dorsale primaria... 4 Rete secondaria

Dettagli

Richiesta di Fornitura per 80 sistemi di bordo per il Telecontrollo Multi- flotta del Comune di Bari. Allegato Tecnico

Richiesta di Fornitura per 80 sistemi di bordo per il Telecontrollo Multi- flotta del Comune di Bari. Allegato Tecnico (ALL. B) LOTTO N.1 Richiesta di Fornitura per 80 sistemi di bordo per il Telecontrollo Multi- flotta del Comune di Bari Allegato Tecnico Caratteristiche tecniche sistema di bordo per il telecontrollo flotta

Dettagli

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti

OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti SISTEMA TVCC A TECNOLOGIA I.P. Quantit à Costo Unitario Costo Complessivo OSPEDALE MARTINI Priorità 1 Interventi previsti Si prevede la videosorveglianza nei corridoi principali ai diversi piani in corrispondenza

Dettagli

Soluzione di videosorveglianza Guida di installazione

Soluzione di videosorveglianza Guida di installazione Guida di installazione Introduzione Considerando che i video vengono registrati e archiviati per riferimento ormai da diverso tempo, non è più possibile considerare quella di sorveglianza una tecnologia

Dettagli

La soluzione ADSL alla portata di tutti

La soluzione ADSL alla portata di tutti La soluzione ADSL alla portata di tutti Wadsl (Wireless Adsl) è la soluzione di Micso per raggiungere con banda larga wireless gli utenti non ancora coperti dai servizi tradizionali Adsl, o coloro che

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Sistemi Integrati di Sorveglianza su infrastruttura IP. NetCyClop

Sistemi Integrati di Sorveglianza su infrastruttura IP. NetCyClop Sistemi Integrati di Sorveglianza su infrastruttura IP NetCyClop CHI USA NetCyClop? Sono molteplici le situazioni in cui è stato utilizzato NetCyClop, infatti il sistema offre numerosi moduli funzionali

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5

INDICE 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 INDICE pagina 1. PREMESSA 1 2. SITUAZIONE ESISTENTE 2 3. INTERVENTI E DOTAZIONI 3 4. CABLAGGIO STRUTTURATO E TELEFONIA 4 5. PRESE TELEMATICHE RJ45 5 6. DISTRIBUZIONE ORIZZONTALE 5 7. NODI DI RETE NUOVO

Dettagli

ARI C.R.L. COMITATO REGIONALE LOMBARDIA VIA NATTA, 11 20151 MILANO A.R.I.- RE - ASSOCIAZIONE ITALIANA RADIOAMATORI - RADIO EMERGENZA

ARI C.R.L. COMITATO REGIONALE LOMBARDIA VIA NATTA, 11 20151 MILANO A.R.I.- RE - ASSOCIAZIONE ITALIANA RADIOAMATORI - RADIO EMERGENZA ARI ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI ASSOCIAZIONE RADIOTECNICA ITALIANA (1927-1977) SEZIONE ITALIANA DELLA I.A.R.U. Eretta in Ente Morale il 10/1/50 (D.P.R. N. 368) ORGANO UFFICIALE: RADIO RIVISTA C.R.L.

Dettagli

Cablaggio e progettazione tutte le novità

Cablaggio e progettazione tutte le novità Cablaggio e progettazione tutte le novità di Adalberto Biasiotti Nell'impiantistica di sicurezza il cablaggio gioca spesso un ruolo significativo. Oggi sono disponibili numerose alternative, con pregi

Dettagli

Cos'è il cablaggio strutturato?

Cos'è il cablaggio strutturato? Cos'è il cablaggio strutturato? Il cablaggio strutturato è una grande rete di trasmissione dati costituita da un insieme di cavi, prese, armadi ed altri accessori tramite i quali trasportare ed integrare

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Allegato Tecnico VideoNet

Allegato Tecnico VideoNet Allegato Tecnico VideoNet Nota di lettura Definizioni ed Acronimi 1 Descrizione del Servizio 1.1 Descrizione generale 1.2 Descrizione dei servizi offerti 1.2.1 Visualizzazione in real time dei flussi video

Dettagli

Descrizione generale del sistema SGRI

Descrizione generale del sistema SGRI NEATEC S.P.A. Il sistema è un sito WEB intranet realizzato per rappresentare logicamente e fisicamente, in forma grafica e testuale, le informazioni e le infrastrutture attive e passive che compongono

Dettagli

Promelit Eox. Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit Eox.

Promelit Eox. Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit Eox. Promelit Eox Tutte le reti portano ad Eox. Gamma di sistemi di videosorveglianza Promelit Eox. Grandi prestazioni, affidabilità, flessibilità totale: i sistemi di videosorveglianza della gamma Promelit

Dettagli

PROVINCIA DI CASERTA. UFFICIO TECNICO utc.cales@tiscali.it RELAZIONE TECNICA

PROVINCIA DI CASERTA. UFFICIO TECNICO utc.cales@tiscali.it RELAZIONE TECNICA COMUNE di CALVI RISORTA PROVINCIA DI CASERTA C.A.P. 81042 PIAZZA MUNICIPIO, 1 TEL 0823/651222 13*- FAX 570835 CODICE FISCALE: 80008970610 PARTITA IVA: 01704570611 UFFICIO TECNICO utc.cales@tiscali.it RELAZIONE

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX S2 NETBOX SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX L inizio di una rivoluzione Nasce una rivoluzione nella mondo della sicurezza fisica: il controllo remoto e integrato delle

Dettagli

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza.

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. Promelit DiMavision Video OverIP DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. DiMavision. Il sofware per gestire il sistema di videosorveglianza in modo facile, efficace, distribuito

Dettagli

Alcatel OmniVista 4760

Alcatel OmniVista 4760 Alcatel OmniVista 4760 La piattaforma di gestione aperta Una soluzione completa per la gestione di rete ARCHITETTURA APERTA Il tentativo di essere al passo con le innovazioni nel campo delle reti e delle

Dettagli

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI

TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI LA TUA GUIDA NELLE TELECOMUNICAZIONI TELEFONIA AZIENDALE, VIDEOSORVEGLIANZA, TRASMISSIONE DATI, CONNETTIVITÀ VOCE E INTERNET, CONSULENZA NELLE TELECOMUNICAZIONI AZIENDALI Operatore pubblico. ST è titolare

Dettagli

CONVENZIONE CONSIP RETI LOCALI 5 - RICHIESTA PROGETTO PRELIMINARE

CONVENZIONE CONSIP RETI LOCALI 5 - RICHIESTA PROGETTO PRELIMINARE CONVENZIONE CONSIP RETI LOCALI 5 - RICHIESTA PROGETTO PRELIMINARE AMMINISTRAZIONE IC CF. 90008940612 CM ceic84000d Spett.le Telecom Italia S.p.A. ICT Solutions & Service Platforms Gestione Convenzioni

Dettagli

L Infrastruttura di Connettività e Monitoraggio sul Canale dei Navicelli Navicelli S.p.A. Provincia di Pisa

L Infrastruttura di Connettività e Monitoraggio sul Canale dei Navicelli Navicelli S.p.A. Provincia di Pisa L Infrastruttura di Connettività e Monitoraggio sul Canale dei Navicelli Navicelli S.p.A. Provincia di Pisa L infrastruttura wireless lungo l area fluviale dei Navicelli, il sistema di videosorveglianza

Dettagli

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu

RETI -ARGOMENTI. Prof.ssa D'Angelo - Ti presento le reti - www.meatim.eu RETI -ARGOMENTI 1. Definizione di Internet dal punto di vista fisico 2. Definizione di Internet dal punto di vista logico 3. Le reti di accesso 4. I tre tipi di connessione 5. Le reti locali (L.A.N.) 6.

Dettagli

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1

Corso Creare una rete locale Lezione n. 1 Introduzione al Networking Introduzione Al giorno d oggi il Networking non è più un sistema riservato solo alle aziende di enormi dimensioni, ma interessa anche i piccoli uffici, le scuole e le case. Infatti

Dettagli

PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013

PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013 PER UNA GESTIONE INFORMATICA SICURA Rev. 1.0 del 19.8.2013 di Fabio BRONZINI - Consulente Informatico Cell. 333.6789260 Sito WEB: http://www.informaticodifiducia.it Fax: 050-3869200 Questi sono gli elementi-apparati

Dettagli

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it

AREA POLIZIA LOCALE Tel. 039 791893 Fax 039 2709306 email: polizia.locale@comune.muggio.mb.it Procedura negoziata per l'affidamento in cottimo fiduciario della fornitura relativa all'adeguamento tecnologico, all'ampliamento ed alla manutenzione in sede ed a campo del sistema di videosorveglianza

Dettagli