LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI"

Transcript

1 LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI

2 La pensione di vecchiaia Si accede a tale prestazione al raggiungimento di una determinata età pensionabile e dopo aver maturato il requisito contributivo minimo richiesto dalla legge. In base alle norme precedenti, il Decreto legislativo del 1992, il diritto alla pensione di vecchiaia si conseguiva al compimento dell età pensionabile, fissata a 60 anni per gli uomini e a 55 anni per le donne, a condizione che in favore dell assicurato risultassero versati o accreditati almeno 15 anni di contributi. Con il D.Lgs 30 dicembre 1992, n. 503, sono state emanate nuove norme che hanno cominciato a spiegare efficacia dall 1/1/93. Pertanto si ha diritto alla pensione di vecchiaia al compimento del 65 anno di età per l'uomo e del 60 anno per la donna, a condizione che si siano raggiunti 20 anni di contributi ( pari a 1040 contributi settimanali), dal , inoltre, è necessario aver cessato l'attività di lavoro dipendente, tale requisito al contrario non è richiesto ai lavoratori autonomi. Le donne possono rimandare il momento del pensionamento sino al compimento del 65 anno di età esercitando l apposita opzione nei termini di legge. La legge prevede delle deroghe al requisito contributivo in alcuni casi e, pertanto, continuano ad accedere alla pensione di vecchiaia con i vecchi 15 anni di contributi i lavoratori dipendenti che: - al 31 dicembre 1992 avevano già raggiunto i 15 anni di contributi; al 31 dicembre 1992 avevano già compiuto l'età pensionabile; al 31 dicembre 1992 sono stati autorizzati ai versamenti volontari; vantano 25 anni di assicurazione, e che siano stati occupati per almeno 10 anni, anche se non consecutivi, per periodi inferiori a 52 settimane nell'anno solare (es. lavoratori stagionali). La legge prevede delle deroghe anche per il requisito anagrafico nei seguenti casi: gli invalidi in misura non inferiore all'80% (con riconoscimento da parte dell'inps) vanno in pensione con 60 anni di età se uomini e 55 anni di età se donne; i lavoratori ciechi possono accedere al pensionamento all'età di 55 anni se uomini e di 50 se donne; i lavoratori in mobilità lunga a 60 anni se uomini a 55 se donne;

3 Se l importo della pensione è inferiore all'importo minimo stabilito dal legislatore, questo viene integrato al Trattamento Minimo; per l anno 2006 il TM è pari a 427,58 Euro. Per aver diritto all'integrazione il soggetto richiedente deve soddisfare un doppio requisito reddituale: - requisito personale: non superiore a 2 volte l'importo del Tm in vigore al 1 gennaio dell'anno di decorrenza; - requisito coniugale: non superiore a 4 volte lo stesso TM. Sono da considerare tutti i redditi assoggettabili all'irpef esclusi quelli relativi alla casa di abitazione ai trattamenti di fine rapporto, agli arretrati in genere. La pensione viene pagata a partire dal primo giorno del mese successivo a quello dell'età pensionabile o a quello in cui si raggiungono i requisiti richiesti. Con la legge 335/95 si ha un ulteriore riforma del sistema pensionistico che introduce la pensione di vecchiaia unificata al posto delle pensioni di vecchiaia e di anzianità, e il sistema contributivo quale nuovo sistema di calcolo delle pensioni, al posto del sistema retributivo previgente. Il diritto alla nuova pensione di vecchiaia può essere conseguito: - al raggiungimento di una età anagrafica di 57 anni e con almeno 5 anni di contribuzione effettiva (legata cioè all attività lavorativa) e sempre che l importo della pensione non sia inferiore a 1,2 volte l importo dell assegno sociale oppure - a prescindere dall età anagrafica, al raggiungimento di 40 anni di anzianità contributiva oppure - a 65 anni di età, a prescindere dall importo del trattamento pensionistico, fermo restando il requisito minimo di 5 anni di contribuzione. La riforma 335/95 ha stabilito che per le pensioni liquidate esclusivamente con il sistema contributivo non si applicano le disposizioni sull'integrazione al trattamento minimo. Le norme per il calcolo della pensione si differenziano a seconda che il lavoratore sia inserito nel sistema retributivo, contributivo o misto. Il sistema di calcolo della pensione dipende dall anzianità contributiva del lavoratore al 31/12/95.

4 N.B. il sistema retributivo è un sistema di calcolo della pensione che tiene conto delle ultime retribuzioni percepite dal lavoratore (10 anni per i dipendenti, 15 anni per gli autonomi). E ancora valido per chi al 31 dicembre vanta almeno 18 anni di contributi. Il sistema contributivo, che tiene conto del totale dei contributi accumulati durante la carriera lavorativa, si applica ai lavoratori assunti dal 1 gennaio 1996 e ai lavoratori che esercitano l opzione. La legge 335/95, infatti, prevede la possibilità a coloro che sono stati assunti prima dell di scegliere di avere una pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo a condizione che abbiano una contribuzione pari o superiore a 15 anni di cui almeno 5 versati nel sistema contributivo (e cioè successivi al dicembre 1995). Il sistema misto (retributivo e contributivo), riguarda, invece, coloro che al 31 dicembre 1995 avevano un'anzianità inferiore ai 18 anni. La Pensione di anzianità La pensione di anzianità è la prestazione pensionistica che viene erogata in base al raggiungimento di un certo numero di anni di contribuzione Prima di avere compiuto gli anni previsti per la pensione di vecchiaia (età pensionabile) e in presenza di determinati requisiti assicurativi e anagrafici. Fino all entrata in vigore della legge di riforma delle pensioni del 1995 (legge 335/95) la pensione di anzianità poteva essere conseguita senza prendere in considerazione l età anagrafica dell assicurato. Per i lavoratori dipendenti iscritti all Inps, ad esempio, era sufficiente il versamento di almeno 35 anni di contributi. Attualmente sono previste due possibilità di accesso alla pensione di anzianità: 1) con 35 anni di contributi (1820 contributi settimanali) e un età di almeno 57 anni; 2) con 40 di contribuzione indipendentemente dall età posseduta. Questa seconda possibilità, peraltro, sarà operante solo dal E' stata infatti prevista una fase transitoria, vale a dire una fase in cui il requisito contributivo appena indicato per l accesso alla pensione di anzianità sarà raggiunto attraverso il graduale innalzamento del requisito stesso, infatti, nel 2004 e nel 2005 gli anni di contributi richiesti ai lavoratori saranno 38, nel 2006 e per giungere a 40 anni di contributi nel Al fine del perfezionamento del requisito contributivo dei 35 anni non vengono presi in considerazione i contributi figurativi per malattia e disoccupazione indennizzata (tranne quelli per trattamento speciale di disoccupazione agricola ed edile).

5 Tabelle lavoratori dipendenti I requisiti dei lavoratori dipendenti, per accedere alla pensione di anzianità, sono contenute nella tabella C allegata alla legge 449/97 e nella tabella B allegata alla legge 335/95: (Tabella C allegata alla legge n. 449/97) Anno 1º Requisito 2º Requisito Età Anzianità Anzianità N.B. - E la tabella applicata alla generalità dei lavoratori dipendenti. Tabella B allegata alla legge n. 335/95) Anno 1º Requisito 2º Requisito Età Anzianità Anzianità Viene applicata la tabella B della legge n.335/95 ai seguenti lavoratori dipendenti: 1. lavoratori dipendenti con la qualifica di operaio;

6 2. lavoratori dipendenti precoci che, in età compresa fra i 14 ed il compimento dei 19 anni, abbiano versato almeno un anno di contribuzione per effettiva attività lavorativa (52 contributi settimanali) ad una della forme o casse previdenziali obbligatorie; 3. lavoratori collocati in mobilità in base ad accordi stipulati entro il 3 novembre 1997 e che perfezionino il requisito entro il periodo di fruizione della mobilità; 4. lavoratori collocati in mobilità "standard" dipendenti da aziende che avevano chiesto l'applicazione dell'art. 3 della 229/97, con accordi stipulati entro il , che perfezionano il requisito nel periodo di fruizione della mobilità; Ai fini dell' applicazione della tabella B, la qualifica di operaio e' determinante al momento del pensionamento e non nel corso dell' attività precedente. Per quanto attiene alla condizione di "precoce" (un anno di contribuzione in età compresa tra i 14 ed i 19 anni non compiuti), deve essere considerata utile la contribuzione effettiva accreditata anche in fondi diversi dal Fondo pensioni lavoratori dipendenti, sempre che la pensione venga liquidata in tale fondo. N.B. Oltre ai requisiti di età e/o di contributi è necessaria la cessazione dell attività lavorativa dipendente. Lavoratori autonomi Per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti), il requisito di età, collegato all'anzianità contributiva di 35 anni, rimane fissato per il triennio 1998, 1999 e 2000 a 57 anni di età. Dal 1 gennaio 2001 il suddetto requisito di età diventa di 58 anni e 35 anni di contributi, salvo la possibilità di accedere alla prestazione di anzianità, a prescindere dall'età, al momento della maturazione di 40 anni di contribuzione. A differenza del lavoratore dipendente, al lavoratore autonomo non è richiesta la cessazione dell attività lavorativa. Attenzione: i lavoratori con contribuzione mista (lavoro dipendente e lavoro autonomo) maturano il diritto alla prestazione nella gestione speciale dei lavoratori autonomi anche se l attività di lavoro dipendente è prevalente; pertanto si tiene conto dei requisiti contributivi e anagrafici dei lavoratori autonomi.

7 Una volta perfezionati i requisiti richiesti il lavoratore non può chiedere subito la pensione, ma deve attendere la cosiddetta "finestra d uscita", cioè il periodo fissato dalla legge in cui è possibile presentare la domanda. Di seguito sono riportate le tabelle con le finestre per i lavoratori dipendenti e autonomi. Lavoratore dipendente: Se i requisiti sono raggiunti entro il Prima finestra utile 1 trimestre dell'anno ( entro Marzo) Luglio 2 trimestre dell'anno ( entro Giugno) Ottobre 3 trimestre dell'anno (entro Settembre) Gennaio dell'anno successivo 4 trimestre dell'anno (entro Dicembre) Aprile dell'anno successivo Lavoratore autonomo: Se i requisiti sono raggiunti entro il Prima finestra utile 1 trimestre dell'anno Ottobre 2 trimestre dell'anno Gennaio dell'anno successivo 3 trimestre dell'anno Aprile dell'anno successivo 4 trimestre dell'anno Luglio dell'anno successivo PRESTAZIONI PER INVALIDITÀ DELL INPS Introdotte dalla legge 222/84, con questo termine si intendono i trattamenti pensionistici erogati dall Inps ai lavoratori divenuti invalidi o inabili al lavoro, in presenza di requisiti sanitari e contributivi previsti dalla predetta legge: l assegno ordinario di invalidità e la pensione di inabilità. Assegno ordinario d invalidità. Introdotto dalla legge 222/84, al posto della vecchia pensione d invalidità. Viene riconosciuto al lavoratore dipendente o autonomo affetto da infermità fisica o mentale tale da ridurre permanentemente la capacità lavorativa, in occupazioni confacenti alle sue attitudini, a meno di un terzo; in base alla L. 222/1984, si ha diritto all'assegno ordinario di invalidità anche se l'invalidità è preesistente al rapporto assicurativo, purché successivamente le condizioni di salute siano peggiorate o siano insorte nuove infermità.

8 Per poterne avere diritto occorre un'anzianità contributiva di almeno 5 anni (260 contributi settimanali), di cui almeno 3 anni (156 settimane) versati nel quinquennio antecedente la domanda. L'assegno decorre dal mese successivo la presentazione della domanda ed ha una durata triennale. Allo scadere del triennio (attenzione ai termini di presentazione di domanda di rinnovo), l assegno può essere rinnovato se viene confermato lo stato d invalidità, dopo il terzo riconoscimento il trattamento diventa definitivo. L'assegno ordinario di invalidità è compatibile con l'attività di lavoro dipendente o autonomo; in tal caso, però, l importo dell assegno (che viene calcolato in base alla contribuzione effettivamente posseduta dal lavoratore) viene ridotto in misura proporzionale al reddito da lavoro posseduto: è ridotto del 25% in presenza di redditi da lavoro superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo; del 50% se i redditi da lavoro risultano superiori a 5 volte il TM. Al compimento dell'età pensionabile l'assegno si trasforma automaticamente in pensione di vecchiaia, purché l'interessato abbia cessato l'attività di lavoro e possegga i requisiti contributivi previsti dalla legge. Il periodo in cui l'invalido ha beneficiato dell'assegno se privo di contribuzione da lavoro e di versamenti volontari, risulta utile per raggiungere il diritto alla pensione di vecchiaia (ma non utile per la misura); era possibile, inoltre anche la trasformazione dell assegno in pensione di anzianità grazie a due sentenze della corte di cassazione del 1998 e 2001 ma l Inps, con messaggio del 20/7/04 ha sospeso tale possibilità di trasformazione in attesa di migliori chiarimenti, poiché la corte di cassazione sembra essere ritornata sui suoi passi ritrattando quando disposto con le predette sentenze. Con la legge 222/84 l'assegno che risulti di importo modesto, può essere integrato al minimo; per usufruire dell integrazione bisogna rispettare dei limiti di reddito annuo che per l anno 2006 sono: PENSIONATO SOLO : 9.924,72 ( due volte l importo annuo dell assegno sociale) PENSIONATO CONIUGATO: ,08 ( tre volte l importo annuo dell assegno sociale)

9 Da considerare tutti i redditi soggetti all'irpef. Attenzione: L'assegno ordinario d'invalidità non è reversibile ai superstiti, resta salvo il diritto del superstite alla pensione indiretta. PENSIONE DI INABILITA Il lavoratore dipendente o autonomo ha diritto alla pensione di inabilità (ex Legge 222/1984), se affetto da un'infermità fisica o mentale tale da provocare una assoluta e permanente impossibilità a svolgere qualsiasi attività lavorativa (100% d invalidità); come per l assegno ordinario d invalidità, oltre al requisito sanitario, occorre un requisito contributivo di cinque anni di cui tre nel quinquennio precedente la domanda di pensione. L importo della pensione è calcolato con l attribuzione di un bonus: in pratica ai contributi maturati si aggiungono tanti anni di contributi quanti ne mancano al compimento della vecchia età pensionabile (ante riforma del 1992) cioè 55 anni di età per le donne e 60 per gli uomini ; il bonus, tuttavia, non deve far superare complessivamente i 40 anni di contributi. Per coloro che ricadono nel sistema contributivo, il bonus è calcolato fino al compimento dei 60 anni, quale età pensionabile, indipendentemente dal sesso e dalla gestione di appartenenza. La pensione d inabilità è incompatibile con l attività di lavoro dipendente, autonomo, con l iscrizione negli albi professionali, pertanto in caso di riconoscimento del diritto, la pensione decorrerà dal mese successivo alla cessazione dell attività lavorativa. In caso di ripresa di qualsiasi attività lavorativa, l Inps procederà con una revoca della pensione d inabilità. Ricorda: La pensione di inabilità è reversibile ai superstiti. PENSIONE AI SUPERSTITI È chiamata pensione ai superstiti quella che spetta, dopo la morte del lavoratore, ai familiari. La pensione è di reversibilità se la persona deceduta era già titolare di pensione diretta (vecchiaia, anzianità, inabilità); se, invece, il de cuius svolgeva attività lavorativa la pensione è definita indiretta. In questa seconda fattispecie,la pensione indiretta spetta solo se il deceduto aveva maturato almeno 15 anni di contributi ( requisito rimasto immutato anche dopo il D.lgs n. 503/92) in qualsiasi epoca ovvero 5 anni di contributi di cui almeno 3 versati nel quinquennio precedente la data di morte.

10 Beneficiari Hanno diritto alla pensione ai superstiti, secondo un ordine di legge: 1) il coniuge, anche se separato o divorziato purchè titolare di un assegno di mantenimento ; il coniuge divorziato ha diritto alla pensione (qualora il rapporto assicurativo del deceduto sia iniziato prima del divorzio) anche se il lavoratore deceduto si è risposato e il secondo coniuge è ancora in vita. In tal caso, l'inps paga la pensione soltanto dopo che il Tribunale ha emesso una sentenza con la quale stabilisce le quote di pensione spettanti al primo e al secondo coniuge. In caso di nuove nozze, la vedova (o il vedovo, naturalmente!) perde la pensione di reversibilità, ma ha diritto alla liquidazione pari ad una doppia annualità (non spetta se a risposarsi è il coniuge divorziato). 2) i figli legittimi, legittimati, adottivi, naturali, riconosciuti legalmente o dopo intervento del giudice, nati da precedente matrimonio dell altro coniuge: minori di anni 18; studenti di scuola superiore fino ai 21 anni ( e non oltre) e a carico del genitore; studenti universitari (iscritti al momento del decesso) fino ai 26 anni ( e non oltre) e a carico del genitore; inabili di qualunque età e tali al momento del decesso del genitore, e a carico del genitore defunto. N.B. I figli studenti titolari di pensione di reversibilità, che svolgono attività lavorative precarie e non durature a basso reddito non perdono il diritto alla pensione di reversibilità 2) ai nipoti minori affidati di fatto, cioè a carico del deceduto. Occorre che il nipote minorenne sia stato mantenuto dall'ascendente deceduto e che si trovi in una situazione di bisogno. Non viene richiesto che il nipote sia orfano; la presenza di uno o di entrambi i genitori, infatti, non è di pregiudizio al riconoscimento della pensione purchè venga dimostrato che nessuno dei genitori è in grado di provvedere al mantenimento del figlio, perché privi di attività lavorativa o privi di reddito; 3) ai genitori del defunto, in mancanza del coniuge e dei figli, a condizione che siano sessantacinquenni al momento del decesso e non titolari di pensione (escluse quelle a carattere assistenziale);

11 4) ai fratelli e sorelle del defunto, in mancanza dei soggetti di cui prima, a condizione che siano inabili, non sposati e a carico del defunto (fattispecie di rara realizzazione!) Ove richiesto il requisito del carico (figli maggiorenni, nipoti, genitori, fratelli) per l'erogazione della pensione, il mantenimento è presunto se c era convivenza ( a condizione che l erede non possegga un reddito superiore al T.M. maggiorato del 30% pari a 556,32 mensili per il 2006). In assenza di convivenza, oltre ai limiti di reddito di cui sopra, bisogna verificare il mantenimento abituale da parte del dante causa. La pensione spetta nella misura del: Superstite Quota Coniuge solo 60% Coniuge e 1 figlio 80% Coniuge e 2 o più orfani 100% Orfano solo 70% 2 Orfani 80% 3 o più orfani 100% Genitori 15% Fratelli - Sorelle 15% Con la legge 335/ 95 l'importo della pensione ai superstiti è condizionato dalla situazione economica degli eredi; la quota spettante di pensione può essere ridotta, infatti, del 25, del 40 e del 50% a seconda dei redditi percepiti dal beneficiario e più precisamente: Quota Reddito posseduto 45% 36% 30% reddito annuo superiore a tre volte il trattamento minimo, che per il 2006 è pari a ,62 reddito annuo superiore a quattro volte il trattamento minimo che per il 2006 è pari a ,16 reddito annuo superiore a cinque volte il trattamento minimo che per il 2006 è pari a ,70 Questa regola non vale se sono titolari della pensione i figli minori, studenti o inabili o il coniuge in contitolarità ai figli.

12 Non costituiscono reddito: i trattamenti di fine rapporto la casa di proprietà del superstite Se l assicurato scomparso non era in possesso dei requisiti contributivi richiesti per la pensione ai superstiti, agli eredi spetta solo un'indennità "una tantum" davvero impercettibile: non inferiore a 22,31 né superiore a 66,93! Se, invece l assicurato scomparso ricadeva nel sistema contributivo l'indennità è pari all'importo mensile dell'assegno sociale moltiplicato per gli anni di contribuzione in possesso del deceduto, purchè il superstite si trovi nelle condizioni economiche richieste per l assegno sociale. RICORDA: La pensione decorre dal mese successivo alla morte dell'assicurato o del pensionato, indipendentemente dalla data di presentazione della domanda. L ASSEGNO SOCIALE L'assegno sociale e' una prestazione a carattere assistenziale (sciolto da ogni posizione assicurativa e contributiva) istituito dalla legge 335/95 (Riforma Dini) in luogo della pensione sociale. Viene riconosciuto in presenza di precisi requisiti anagrafici, e reddituali, ovvero spetta: ai cittadini che hanno compiuto i 65 anni di età; ai cittadini italiani o di uno degli Stati della U.E residenti in Italia; ai cittadini extracomunitari titolari di carta di soggiorno residenti in Italia; ai richiedenti non coniugati in possesso di reddito inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale (per il 2006: euro 4.962,36 ); ai richiedenti coniugati in possesso di reddito cumulato a quello del coniuge inferiore a due volte l'importo annuo dell'assegno sociale (per il 2006: euro 9.924,72 ). Per avere diritto all'assegno sociale, dunque, si deve tenere conto dei redditi del richiedente e del coniuge. L assegno spetta in misura intera (euro 381,72 nel 2006) se il reddito personale (pensionato solo) vantato è pari a zero;

13 se inferiore all importo annuo dell assegno, spetta in misura ridotta (si procede con una differenza tra il limite annuo richiesto ed il reddito posseduto). Nel caso in cui il richiedente superi il limite di reddito personale ma cumulandolo con quello del coniuge non superi invece il limite fissato per legge ( 2 volte l importo annuo dell assegno), ha diritto all'assegno in misura ridotta (differenza tra limite annuo legale e il reddito cumulato); se il reddito cumulato, invece è pari o inferiore all importo annuo dell assegno sociale, questo spetta in misura intera. Il reddito considerato e' quello dell'anno in cui viene fatta la domanda. Poichè, tuttavia, non e' possibile sapere in anticipo quale sarà il reddito dell'anno, il richiedente la prestazione, dichiara in via presuntiva. Nell'anno successivo, l'inps provvederà con un eventuale conguaglio. Non costituiscono reddito: i trattamenti di fine rapporto; i trattamenti di famiglia; la casa di abitazione; le indennità di accompagnamento; gli assegni per l'assistenza personale continuativa erogata dall'inail; gli assegni per l'assistenza personale e continuativa pagati dall'inps ai pensionati di inabilità; l'indennità di comunicazione per i sordomuti. Nei periodi di ricovero in istituti o comunità con retta a carico di Enti Pubblici, l'assegno sociale è liquidato in misura ridotta fino al 50%. I titolari di pensioni di invalidità civile al compimento dei 65 anni di età avranno trasformato la pensione in assegno sociale ma il requisito reddituale richiesto rimane quello per il diritto alla pensione d invalidità civile (si considerano, infatti, solo i redditi personali del richiedente e non quelli del coniuge). RICORDA: L assegno sociale è una prestazione "non esportabile" pertanto il trasferimento all'estero della residenza fa perdere il diritto. La domanda va inoltrata all'inps e la prestazione decorre dal mese successivo a quello di presentazione della domanda. L'assegno non è reversibile e spetta per 13 mensilità.

14 LA MAGGIORAZIONE SOCIALE Per maggiorazione sociale s intende un incremento che va aggiunto all importo delle pensioni al verificarsi dei canonici requisiti anagrafici e reddituali. La legge 388/2000 (finanziaria 2001) prevede una quota di maggiorazione a seconda dell età. Infatti, spetta una quota di euro 25,83 ai pensionati di età compresa tra i 60 e i 64 anni ; spetta una quota di euro 82,64 ai pensionati di età compresa tra i 65 e 70 anni. Naturalmente bisogna rispettare dei limiti di reddito che per il 2006 sono: 1) per la quota di 25,83 euro PENSIONATO SOLO: euro (trattamento minimo annuo più la quota di maggiorazione annua) PENSIONATO CONIUGAT0: ,69 euro (t.m. annuo più assegno sociale annuo più maggiorazione annua) 2) per la quota di 82,64 euro PENSIONATO SOLO: 6.632,86 euro (trattamento minimo annuo più la quota di maggiorazione annua) PENSIONATO CONIUGATO: ,22 euro ( t.m. annuo più assegno sociale annuo più maggiorazione annua) N.B. la maggiorazione spetta in maniera intera o ridotta a seconda del reddito posseduto. Per i titolari, invece, di assegno sociale, la legge 388/2000 prevede una specifica maggiorazione di soli euro 12,93: a) se il reddito personale (pensionato solo) non supera un reddito pari all importo annuo dell assegno sociale più la maggiorazione ( nel 2006 euro 5.130,45 ); b) se il reddito cumulato (pensionato sposato) non supera nel 2006 euro ,55.

15 La legge 448/2001 (finanziaria 2002) ha introdotto un incremento delle maggiorazioni (il famoso aumento fino al milione). Sono interessati tutti i pensionati (compreso i titolari di assegno sociale e prestazioni d invalidità civile) al verificarsi di: un età pari o superiore ai 70 anni ( gli invalidi civili totali, sordomuti, ciechi assoluti ne hanno diritto a partire dai 60 anni); un reddito personale non superiore all importo annuo del milione al mese ( per il 2006 euro 7.167,55 cioè 551,35 x 13); un reddito cumulato non superiore all importo di cui sopra più l importo dell assegno sociale ( per il 2006 euro ,1 ). L incremento, naturalmente, è dato dalla differenza tra i redditi posseduti e il limite legale fino ad un massimo di un milione. Nel caso di pensionato coniugato bisogna soddisfare i requisiti reddituali sia personale che cumulato. Il reddito da considerare è quello dell anno in corso con esclusione del reddito della casa d abitazione, dell indennità d accompagnamento e della pensione di guerra. Il beneficio decorre dal mese successivo al perfezionamento del requisito anagrafico. Attenzione: coloro che sono in possesso di una posizione assicurativa possono avere uno sconto sull età richiesta in misura di un anno per ogni 5 anni di contributi fino ad un massimo di 65 anni ( es. 5 anni di contributi e 69 anni di età; 10 anni di contributi e 68 anni etc.) Si può ottenere la riduzione di un anno anche se si è in possesso di un periodo di contribuzione pari a due anni e mezzo ( 130 sett.) L INVALIDITA CIVILE Sebbene si tratti di prestazione non concessa dall Inps, appare opportuno parlare anche dell invalidità civile. Il legislatore ha previsto, dando attuazione alle previsioni costituzionali, un sistema di assistenza per i cittadini affetti da infermità invalidanti che riducono la capacita generica lavorativa. Si tratta di provvidenze economiche o agevolazioni di altra natura (sanitari, lavorativi) destinati ai cittadini italiani o dell Unione Europea, ai cittadini extracomunitari in possesso di carta di soggiorno e residenti in Italia.

16 L invalidità civile (a differenza dell invalidità Inps) viene espressa in percentuale e in relazione a questa scatta il diritto alle provvidenze economiche o alle altre agevolazioni; l invalidità può essere parziale (fino al 99%), totale (100%). Le prestazioni economiche vengono percepite al verificarsi dei seguenti elementi: Assegno mensile d invalidità: a)invalidità dal 74% al 99%; b) età compresa tra i 18 e i 65 anni; c) un limite di reddito personale non superiore per il 2006 ad euro 4.089,54; d) iscrizione nelle liste speciali di collocamento. L importo per il 2006 è di euro 238,07 x 13 mensilità. Pensione d inabilità: a) invalidità del 100%; b) età compresa tra i 18 e i 65 anni; c) un limite di reddito personale non superiore per il 2006 ad euro ,26 L importo per il 2006 è di euro 238,07 x 13 mensilità. Indennità di frequenza: a) ipoacustici e invalidi minori di 18 anni che presentino difficoltà a svolgere i compiti e le funzioni della propria età ;b) frequenza di scuola pubblica o privata (incluso l asilo nido) o di centri di riabilitazione e terapeutici; c) stesso limite di reddito richiesto per l assegno mensile ( 2006: euro 4.017,26). L importo è di euro 238,07 x 13 mensilità. La durata dell indennità è legata alla durata del corso frequentato. Indennità di accompagnamento: spetta alle persone non autosufficienti che non sono in grado di deambulare senza l aiuto di un accompagnatore oppure che non sono in grado di compiere gli atti quotidiani della vita (lavarsi, cucinare etc.). Non sono richiesti limiti d età e di reddito. L importo è di euro 450,78 x 12 mensilità. Non spetta in caso di ricovero gratuito in istituti.

17 Sono previste prestazioni economiche anche per i ciechi e i sordomuti. I primi possono essere ciechi parziali ( ciechi ventesimisti), con diritto alla pensione (euro 238,07) e all indennità speciale ( euro 164,96); e ciechi assoluti, con diritto alla pensione ( dai 18 ai 65 anni) e indennità di accompagnamento ( anche per i minorenni). Anche i ciechi per avere diritto alla pensione, devono rispettare dei limiti di reddito richiesti dalla legge (per il 2006 euro ,26). I sordomuti, tra i 18 e i 65 anni, hanno diritto alla pensione ( se non superano il solito limite di reddito ) e all indennità di comunicazione ( a prescindere dal reddito e dall età). RICORDA: il reddito da considerare è solo quello personale, cioè quello posseduto dall invalido. A 65 anni le prestazioni per invalidi civili si trasformano in assegno sociale. Si ha diritto, invece, ad altre agevolazioni, non economiche, in presenza delle seguenti percentuali d invalidità: 1. dal 34% - protesi ed ausili. 2. dal 45% - protesi ed ausili, collocamento obbligatorio, esenzione ticket. Nel campo dell assistenza agli invalidi civili, è stata adottata la legge 104 del 1992 per il riconoscimento dello stato di handicap. Si tratta di un valutazione di carattere socio-integrativo relativa ai soggetti esposti a rischi di emarginazione e di svantaggio sociale. L accertamento dello stato di handicap è volto al riconoscimento di alcuni vantaggi quali: cura e riabilitazione, inserimento scolastica o lavorativo, permessi dal lavoro anche per i familiari che assistono un portatore di handicap, agevolazioni fiscali etc La domanda d invalidità civile e della legge 104 vanno presentate all ASL di appartenenza.

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

Vivere e lavorare in Europa

Vivere e lavorare in Europa Italienische Fassung Vivere e lavorare in Europa > Il diritto dell Unione europea > Lavorare in diversi Stati membri > Pagamento delle pensioni Größe: 100 % (bei A5 > 71%) Lavoro senza confini L Europa

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE Tabelle Descrizione Pagina Tabella 11 nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda

GUIDA SUL PART TIME. Requisiti e modalità per inoltrare la domanda GUIDA SUL PART TIME Il termine per la presentazione della domanda per la richiesta di part time è generalmente fissata al 15 marzo di ogni anno. I docenti interessati devono inoltrare la domanda, per il

Dettagli

I diritti di previdenza sociale. in Spagna

I diritti di previdenza sociale. in Spagna I diritti di previdenza sociale in Spagna Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16

DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA COSTITUZIONE DELLE GRADUATORIE PER L A.S. 2015/16 Modello B2 GRADUATORIE PERMANENTI DEL PERSONALE AMMINISTRATIVO, TECNICO E AUSILIARIO AI SENSI DELL ART. 554 DEL D.L.VO 297/94 (indizione concorsi nell a.s. 2014/15) DOMANDA DI AGGIORNAMENTO AI FINI DELLA

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo

Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Liceo Primo Levi _- S. Donato Milanese Guida sul part time personale di ruolo (trasformazione del contratto da tempo pieno a tempo parziale). Presentazione domande entro il 15 marzo Scade il 15 marzo la

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.)

Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Richiesta nominativa di nulla osta per ricongiungimento familiare (art. 29,D.Lgs.286/98) (art.6 DPR.n.394/99 e succ.mod.) Familiari per i quali può essere richiesto il ricongiungimento: 1. Coniuge non

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli