Osservatorio Previdenza - Sindacato Spi Cgil Lombardia Serie schede tematiche giugno n cod

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Osservatorio Previdenza - Sindacato Spi Cgil Lombardia Serie schede tematiche giugno 2005 - n. 16 - cod. 67434"

Transcript

1 1 La pensione per casalinghe e lavori di cura Promuovere o ignorare? Sviluppo del Fondo per migliorare le condizioni previdenziali Un ruolo attivo dello SPI? Sommario Come è fatto il fondo per casalinghe/i pag. 2 L identikit - La contribuzione - La pensione di vecchiaia - La pensione di inabilità Le donne e gli uomini che possono iscriversi al Fondo: pag. 2 Quanto si paga: e quanto si riceve: - contribuzione libera - rendita calcolata con il sistema contributivo - soglia contributiva minima a 309 annuali - pensione erogata tra 57 e 65 anni di età - si può pagare una volta l anno - prima dei 57 anni di età per i soli inabili - deducibile interamente dall Irpef - l importo annuo della pensione Il vantaggio per gli iscritti al Fondo entro il 3 giugno 2004 pag. 4 Cosa conviene fare: pag. 4 - una risposta insufficiente ai diritti di coloro che svolgono lavori e cure in famiglia - a chi conviene iscriversi al Fondo Cosa può fare il Sindacato pensionati per la casalinga o altra persona che svolge lavori di cura in famiglia pag. 5 - informare le persone che potrebbero essere interessate sulle condizioni contributive e le relative rendite pensionistiche - promuovere l adesione al Fondo presso l Inps - verificare la situazione contributiva per salvare eventuali versamenti obbligatori come lavoratore dipendente o autonomo - effettuare le pratiche fiscali, con la prevista totale deducibilità dei versamenti contributivi dal reddito imponibile Irpef - rivendicare l ottenimento della pensione di inabilità riconosciuta a questi lavoratori familiari - conseguire le rivendicazioni già avanzate negli scorsi anni per l ottenimento del recupero sul Fondo per i lavori di cura e familiari dei contributi già versati presso Gestioni per lavoro dipendente o autonomo - dare indicazioni e supporto per la possibile iscrizione al fondo complementare pensione famiglia, con il correlato utilizzo a fini contributivi di sconti spesa nei punti di vendita convenzionati - assicurare una corretta gestione da parte delle Compagnie assicurative della polizza obbligatoria per gli infortuni domestici. Le rivendicazioni dei sindacati pensionati pag. 6 - le posizioni silenti >> recuperare i contributi perduti - la totalizzazione di contributi di dipendenti e autonomi con il Fondo - la liquidazione in capitale dei contributi già accreditati nelle Gestioni obbligatorie - le considerazioni di Spi e Inca della Lombardia Una situazione negativa da superare: pag. 7 le pensioni erogate dal Fondo per lavori di cura familiari >> periodo Breve storia della previdenza per il lavoro casalingo: pag. 8 - La mutualità pensioni del Il Fondo di previdenza operante dal E realtà il Fondo pensioni per le casalinghe (anno 2001) - Le modalità d iscrizione al Fondo per le casalinghe (anno 2002) Il fondo complementare pensione famiglia : si possono incrementare i versamenti contributivi facendo la spesa? pag. 10 Per i lavori di cura >> le persone non autosufficienti residenti in casa pag i non autosufficienti che vivono in casa - il milione e 200 mila che non può uscire di casa senza aiuto - i 500 mila immobilizzati a letto o su una sedia quasi due milioni hanno più di 65 anni la maggiore concentrazione di non autosufficienza nelle regioni meridionali la maggiore incidenza di non autosufficienza fra i single e le famiglie ristrette dei grandi centri urbani Quando la casalinga (od altra persona addetta a lavori familiari o di cura) si infortuna o muore: pag se perdi tre dita non hai diritto alla rendita - la richiesta di abbassamento delle aliquote di invalidità - i confronti tra incidenti domestici, stradali e sul lavoro - gli ambienti e le disattenzioni più pericolosi In casa avvengono quattro milioni di incidenti l anno: vittime della vita domestica pag. 13 >> il 72% sono donne Il Regolamento sull assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici pag. 14

2 2 La possibile iniziativa del sindacato Il sindacato, se decide di affrontare a sua volta iniziative dirette sulla tematica riguardante il riconoscimento pensionistico per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari, si trova di fronte a tre bacini di utenza ai quali rivolgersi: coloro che hanno effettuato versamenti al Fondo ed hanno compiuto 65 anni di età, maturando così il conseguente diritto al vitalizio; coloro che entro il 30 giugno 2004 hanno usufruito della facoltà di effettuare i versamenti a decorrere dal 1997; le/i nuovi contribuenti senza agevolazioni sui periodi arretrati. Come è fatto il fondo per casalinghe/i L identikit: Il Fondo, previsto dall art. 3 del DLgs 16 settembre 1996, n. 565, provvede ad erogare un trattamento pensionistico che si ritiene possa essere definito di vecchiaia e la pensione di inabilità. La contribuzione > dal 1 gennaio 1999 l importo della contribuzione da versare al Fondo non può essere inferiore a 25,82 euro mensili; > su questa contribuzione scatta un aliquota aggiuntiva (stabilita con decreto ministeriale), parametrata alle effettive spese di gestione, rilevate con apposita contabilità. La pensione di vecchiaia > si ottiene con 5 anni di contributi, a partire dal 57^ anno di età, semprechè l importo di pensione maturato non risulti inferiore a 1,2 volte la misura del nuovo assegno sociale introdotto dalla legge 335/95 (art.3, commi 6-7); > oppure, a prescindere dall importo, quando siano stati compiuti i 65 anni di età, fermo il requisito di versamento di almeno 5 anni di contributi. La pensione di inabilità > il diritto alla pensione di inabilità si consegue a qualsiasi età; > purchè siano stati versati almeno 5 anni di contribuzione; > quando si verifichi l assoluta e permanente impossibilità dell iscritta/o allo svolgi mento di qualsiasi attività lavorativa. Le donne (ma anche gli uomini) che possono iscriversi al Fondo per lavori di cura non retribuiti > Transitano d ufficio nel nuovo Fondo, con effetto dal 1 gennaio 1997, i soggetti già iscritti nella gestione Mutualità pensioni, utilizzando come premio unico di ingresso i contributi versati nella vecchia gestione. > Lavoro a part-time. L iscrizione al Fondo è compatibile con lo svolgimento di un attività lavorativa a orario ridotto, anche se svolto con carattere di continuità, a condizione che però determini la contrazione del periodo assicurativo per la determinazione del diritto alla pensione nel regime generale obbligatorio (colf con meno di 24 ore settimanali, operaio agricolo con meno di 270 giornate annue). Non sono invece iscrivibili: in caso di riconoscimento dell intero accredito contributivo anche se svolgono lavoro a tempo parziale, oppure di iscrizione obbligatoria in albi ed elenchi di categoria. > Possono inoltre iscriversi al Fondo, su base volontaria, gli uomini e le donne che abbiano un età non inferiore a 15 anni (14 quando sia già stato assolto l obbligo scolastico) e compresa entro il 65^ anno, che possiedano tutte le seguenti condizioni: svolgano, senza vincolo di subordinazione, lavori non retribuiti in relazione a responsabilità familiari; non prestino attività lavorativa autonoma o alle dipendenze di terzi; non risultino titolari di pensione diretta (vecchiaia, invalidità, inabilità e anzianità). Mentre possono iscriversi i titolari di pensione ai superstiti (indiretta o di reversibilità). Possono quindi aderire persone che, nel periodo di iscrizione al Fondo, fanno della cura della famiglia l occupazione principale della propria vita, anche se non l unica.

3 3 Quanto si paga Contribuzione libera: La contribuzione pensionistica non ha un costo preciso: l importo dei pagamenti è libero: si versa quello che si vuole quando si vuole. Soglia contributiva a 309 annuali: Se però si vuole maturare un mese di contributi occorre pagare almeno 25,82 euro. Perciò il riconoscimento di un anno intero costa 309,84 e il minimo dei 5 anni costa 1.549,20. Con questa somma si raggiunge il diritto a pensione, che però potrà essere pagata al 65 anno di età. Per avere la pensione a partire dai 57 anni occorre pagare molto di più. Si può pagare una volta all anno: Non ci sono scadenze per il pagamento, si versa in qualsiasi momento dell anno. Non è necessario pagare mese per mese: basta farlo una sola volta l anno. L importo viene accreditato nell anno stesso. Deducibile integralmente senza limiti dall imponibile Irpef: I contributi versati all Inps sono deducibili dal reddito imponibile Irpef per intero e anche per i famigliari a carico. Quindi il coniuge che paga i contributi per il partner a carico, rientra in parte della spesa attraverso la leva fiscale. Se hai più di 60 anni di età puoi recuperare anzianità: Coloro che si iscrivono al Fondo dopo il compimento del 60 anno di età, possono perfezionare il requisito dei 5 anni di anzianità contributiva entro il raggiungimento del 65 anno di età, incrementando l anzianità contributiva posseduta, mediante il versamento della riserva matematica corrispondente al periodo di incremento necessario. Si pagano le spese di gestione: A carico degli iscritti grava anche una contribuzione aggiuntiva da determinare con decreto ministeriale in correlazione con le effettive spese di gestione del Fondo. La rivalutazione annuale dei contributi: L ammontare annuo dei contributi versati si rivaluta, su base composta, al 31 dicembre di ogni anno ad iniziare dall anno successivo a quello a cui gli stessi contributi si riferiscono utilizzando come tasso di capitalizzazione quello corrispondente alla variazione media quinquennale del PIL (Prodotto Interno Lordo) relativa al quinquennio precedente l anno da rivalutare. La somma degli importi annui delle contribuzioni, comprensivi delle rivalutazioni, costituisce il montante contributivo annuale.... e quanto si riceve Rendita calcolata con il sistema contributivo: Il Fondo eroga una rendita, per 13 mensilità all anno. La rendita è calcolata esclusivamente con il sistema contributivo (legge 335/95), quindi è di importo variabile a seconda dell età alla data di decorrenza della prestazione e all entità della contribuzione versata. Pensione erogata tra 57 e 65 anni di età: Quale pensione calcolata con il sistema contributivo, essa può essere conseguita dall età di 57 anni, purchè il suo importo risulti superiore a quello dell assegno sociale vigente alla stessa data, aumentato del 20%. Pensione prima dei 57 anni agli inabili: In caso contrario, la decorrenza della rendita è differita a non prima del momento in cui si raggiunge tale condizione e comunque non oltre il 65 anno di età. Prima del 57 anno di età la rendita può essere corrisposta se l iscritto si trova nell assoluta e permanente impossibilità di svolgere qualsiasi attività lavorativa. La pensione a 65 anni (esempi): - la/il casalinga/o inizia i versamenti a 40 anni, paga ogni anno 310 euro e dopo 25 anni di pagamenti chiede la pensione a 65 anni. Avrà un assegno annuale di 716 (55 al mese per 13 mensilità); - medesima situazione, però con un versamento doppio ( 620 annue). La pensione sarà di annue (110 per 13 mensilità); - la/il casalinga/o inizia i versamenti a 55 anni, paga per un decennio euro l anno. A 65 anni la pensione ammonterà a 917 euro l anno (70,50 euro per 13 mensilità). La pensione a 57 anni (esempi): - Si vogliono versare solo 5 anni di contributi e chiedere la pensione a 57 anni di età. A questo scopo occorre pagare euro l anno per raggiungere una pensione di euro all anno ( 453 per 13 mensilità). Il soggetto deve pagare euro (218 milioni delle ex lire) per godere della pensione a 57 anni; - Si vuole una pensione di 567 euro circa per 13 mensilità al compimento del 57 anno di età versando contributi per 20 anni. Occorrerà pagare almeno euro l anno per un totale di euro (216 milioni di vecchie lire). L importo annuo della pensione: L importo annuo della pensione si determina applicando al montante contributivo individuale il coefficiente di trasformazione correlato all età posseduta al momento del pensionamento e previsto nella tabella che, viene adottata con decreto ministeriale (art.4, comma 2, del DLgs 16 settembre 1996, n. 565, come sostituito dall art.58, com 1 lett b) legge 17 maggio 1999, n.144). Per determinare l ammontare della pensione di inabilità, nei casi in cui l accesso al trattamento pensionistico avvenga prima del compimento del 57^anno di età, va applicato il coefficiente di trasformazione relativo ai 57 anni di età. L importo mensile della pensione si ottiene dividendo l importo annuo per tredici mensilità.

4 4 Il vantaggio per coloro che si sono iscritti entro il 30 giugno 2004 Il Fondo di previdenza per coloro che svolgono lavori di cura, istituito nel 1996 in luogo della vecchia Mutualità pensioni, è entrato operativamente in funzione solo nel giugno La proroga al 30 giugno 2004 del termine per versare al Fondo i contributi dal 1997 in poi è stata estesa anche all iscrizione, consentendo così di coprire di contribuzione anche gli anni precedenti alla domanda (messaggio Inps 2577 del 29 gennaio 2004). L Inps un anno fa (comunicato 9 febbraio 2004), a seguito di polemiche insorte, precisava di aver gestito il Fondo previdenza casalinghe nel pieno rispetto della legge (decreto legislativo 565/96), in particolare: secondo quanto stabilito dalla norma, l Inps ha automaticamente inserito d ufficio le iscritte alla Gestione mutualità pensioni (circa 500), utilizzando quale premio unico d ingresso i contributi precedentemente versati, correttamente rivalutati (legge 338/2000); al Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari avevano liberamente scelto di aderire a quel momento 15 mila casalinghe. L Inps, sempre attenendosi a criteri di legge, ha quindi inviato a coloro che ne avevano fatto domanda una lettera di accettazione o rifiuto. Nel primo caso ha semplicemente allegato dei bollettini che gli interessati hanno potuto scegliere o meno di pagare. Per il sistema di calcolo della rendita, la mancanza di perequazione automatica e di reversibilità, e soprattutto l impossibilità di totalizzare o ricongiungere i contributi versati in altre gestioni, il Fondo lavori di cura può essere una risposta insufficiente alla domanda di protezione sociale richiesta dalle persone che, temporaneamente o permanentemente, dedichino la loro attività alla cura della famiglia. Cosa conviene fare una risposta insuf ciente ai diritti di coloro che svolgono lavori e cure in famiglia > a chi conviene iscriversi al Fondo Potrebbero trovare convenienza nell iscrizione al Fondo persone che sono escluse, per motivi diversi, da qualsiasi altra possibilità sia di ricorso a forme previdenziali obbligatorie sia dal diritto a forme di assistenza, quale l assegno sociale, e che abbiano l intenzione di attivare una polizza o qualche altra forma assicurativa individuale per costituirsi una rendita per la vecchiaia. Tutti i contributi versati vengono accreditati sul conto previdenziale dell iscritto, meno un 2% che viene prelevato dall Inps per nanziare i costi sostenuti per la gestione del Fondo e il pagamento delle pensioni. Perciò, ai ni del calcolo della pensione, si tiene conto del 98% di quanto versato nell arco della vita assicurativa. Come è noto la quota di servizio applicata dalle Assicurazioni è molto superiore. Si ritiene conveniente iniziare l adesione al Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari in età abbastanza giovane, con versamenti per almeno 15 anni.

5 5 Cosa può fare il Sindacato Pensionati? L interrogativo è già posto nella titolazione di questa scheda: promuovere o ignorare? Un ruolo attivo del Sindacato pensionati? Lo SPI include nella sua area di azione e di intervento un vasto campo di impegno, che nell area della previdenza comprende: i redditi pensionistici da contributi, ma anche tutta la gamma della solidarietà (superstiti, invalidi, integrazione al minimo, assegni sociali ecc.), per non citare la gamma più vasta del sostegno sociale (non autosufficienza, sanità e così via). Lo SPI svolge anche un ruolo attivo nel campo della regolamentazione e dello sviluppo della previdenza complementare, generalmente integrativa di un reddito pensionistico obbligatorio. > una rendita sostitutiva o integrativa i molteplici campi di impegno dello Spi la solidarietà e il sostegno sociale lo sviluppo della previdenza complementare Nel caso in esame il Fondo può corrispondere a diverse tipologie di situazioni: Costituire l unica assicurazione di rendita per la vecchiaia di persone che hanno sempre svolto lavori domestici e di cura non retribuiti nell ambito familiare, similare quindi ad una polizza assicurativa privata, ma con minori costi; Coprire un periodo di interruzione della vita lavorativa, durante il quale la persona si è dovuta dedicare ad esigenze familiari; Integrare l accredito contributivo durante lo svolgimento di attività lavorative a part-time.

6 6 Le rivendicazioni dei sindacati pensionati Le posizioni silenti. I sindacati pensionati Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uilp-Uil, l 11 aprile 2003, con una nota dei loro segretari generali indirizzata alle tre segreterie confederali, pur affermando di condividere le osservazioni e le proposte unitarie delle Confederazioni al disegno di legge delega sulla previdenza, evidenziavano alcuni argomenti non presi in considerazione. Le richieste dell aprile 2003 Sul tema del perfezionamento dell istituto della totalizzazione tra tutte le Gestioni sindacati pensionati affermavano: si ritiene opportuno cogliere l occasione per risolvere alcuni casi di posizioni assicurative silenti. La delega dovrebbe prevedere totalizzazione anche tra le Gestioni dei lavoratori dipendenti e dei lavoratori autonomi sia con la Gestione dei parasubordinati sia con il Fondo casalinghe. Per queste due ultime categorie, o aggiunta all istituto della totalizzazione o sua alternativa, dovrebbe essere previsto: per gli iscritti al Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari, la liquidazione in capitale dei contributi già accreditati, presso Gestioni per lavoro dipendente o autonomo, come premio d ingresso nel nuovo Fondo. per i lavoratori parasubordinati, la facoltà di proseguire il versamento volontario dei contributi nella Gestione di provenienza (dipendenti o autonomi) fino al raggiungimento del requisito contributivo per il diritto alla pensione di vecchiaia. recuperare i contributi perduti delle posizioni silenti la totalizzazione di contributi dipendenti e autonomi con il Fondo premio d ingresso nel Fondo con la liquidazione in capitale dei contributi obbligatori accreditati La piattaforma dell aprile 2002 La piattaforma unitaria dei pensionati prevedeva già nel 2002 l utilizzo dei contributi versati nell ex Fondo Casalinghe, prevedendo che i titolari di contribuzione nelle gestioni di previdenza obbligatoria che non possono dare luogo, per la loro esiguità, ad una pensione previdenziale, devono potere utilizzare i versamenti, almeno per la quota di contribuzione a carico del lavoratore, al fine di incrementare il proprio patrimonio contributivo, in caso di iscrizione al Fondo previdenziale per le persone che svolgono lavori di cura in ambito familiare, aggiungendo che tale misura dovrebbe rappresentare una prima risposta al problema delle posizioni silenti. Le considerazioni espresse dalla Guida Spi-Inca della Lombardia L opportunità per i soggetti che svolgono lavori di cura nell ambito familiare di potersi costituire una rendita pensionistica rappresenta sicuramente un traguardo importante. Tuttavia non si possono sottacere i seguenti elementi di criticità presenti nell ambito del Fondo: non sono previsti la pensione ai superstiti e l integrazione al trattamento minimo; le pensioni non sono soggette alla disciplina della perequazione automatica; non è previsto né il trattamento di invalidità per riduzione a meno di un terzo della capacità di esercitare l attività lavorativa propria nell assegno di invalidità; non è prevista la maggiorazione dell anzianità contributiva nel calcolo della pensione di inabilità; per calcolare il montante contributivo individuale verrà utilizzato il 98% dell importo versato (già precedentemente sottolineata la maggiore esosità di prelievo da parte di società assicuratrici); non è possibile recuperare le posizioni silenti (vedi le richieste dei sindacati pensionati del 2002 sopra riportate); si potrà percepire una pensione di vecchiaia prima dei 65 anni solo versando una consistente contribuzione; non vi è convenienza di iscrizione al Fondo qualora si preveda che al compimento dei 65 anni d età si potranno avere le condizioni di reddito necessarie per beneficiare dell assegno sociale. Agli stessi destinatari del Fondo in questione è data la possibilità di iscriversi in aggiunta o in alternativa al Fondo pensione complementare denominato Fondo Famiglia.

7 7 Una situazione da superare: in cifre gli ultimi quattro anni delle pensioni già erogate dal fondo previdenza casalinghe Pensioni * 2005* Vecchiaia Numero Spesa totale 832, , ,5 (migliaia di euro) Importo medio mensile (euro) Pensioni Invalidità Numero Spesa totale 46,6 80, ,9 (migliaia di euro) Importo medio mensile (euro) Nel 2002 venivano pagate 1856 pensioni (tra vecchiaia e invalidità) con un costo al Fondo di 879 mila euro: copertura contributiva a carico dello Stato Nel 2005 (prima nota di variazione al preventivo), registra una diminuzione delle prestazioni (1.757) e un aumento dei costi: 1,7 milioni copertura contributiva a carico dello Stato (*) Preventivi Fonte Inps Anche il nuovo Fondo, riformato dal decreto legislativo 565/96, non offre un prodotto suf- cientemente appetibile e giusti ca le rivendicazioni avanzate dai sindacati pensionati Guardando indietro: breve storia della previdenza per il lavoro casalingo La mutualità pensioni del Con la legge 5 marzo 1963, n. 389, fu istituita, presso l Inps e con gestione separata, la Mutualità pensioni con la finalità di provvedere all assicurazione volontaria per la pensione alle casalinghe. Potevano iscriversi alla Mutualità pensioni le casalinghe che avessero compiuto i 15 anni di età e non avessero superato l età di 50 anni. Tra le casalinghe iscrivibili erano comprese le titolari di pensioni indirette, mentre erano escluse: le titolari di pensioni dirette a carico dell Ago o delle forme obbligatorie di previdenza sostitutive o esclusive dell Ago, nonché le donne iscritte o in condizioni di versare la contribuzione volontaria all Ago o a una delle dette forme sostitutive ed esclusive dell Ago. 2. Il Regolamento di esecuzione della legge n. 389/1963, approvato con il DPR 24 aprile 1964, n. 665, all art. 2, aveva precisato che erano da considerare casalinghe le persone, coniugate, vedove o nubili, che non esercitavano attività soggetta all obbligo della iscrizione alle suindicate forme previdenziali e che attendono senza vincolo di subordinazione alle cure domestiche presso la propria famiglia. La Mutualità pensioni provvedeva ad erogare la pensione di vecchiaia e la pensione di invalidità. Il diritto alla pensione di vecchiaia, in base all art. 7 della legge 5 marzo 1963, n. 389, era conseguibile, a domanda, al compimento del 65 anno di età e il diritto alla pensione di invalidità, in base all art. 8 della stessa legge, poteva essere acquisito dopo cinque anni di iscrizione alla Mutualità e sulla base di almeno 120 contributi versati nella misura minima consentita, a condizione che la capacità di esercitare la normale diretta attività, propria delle casalinghe, fosse risultata ridotta, in modo permanente per infermità o per difetto fisico o mentale, a meno di un terzo. L ammontare della pensione era costituito dall importo di una rendita vitalizia calcolata mediante l applicazione alla complessiva contribuzione versata di apposite tariffe attuariali che tenevano conto dell età posseduta all epoca dei versamenti e della liquidazione della rendita. 3. In base all art. 69, comma 5, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, i contributi versati, secondo le norme della Mutualità pensioni di cui alla legge n. 398/1963, dal 13 ottobre 1963 al 31 dicembre 2000, sono rivalutati, per i periodi antecedenti alla liquidazione della pensione e secondo l anno di versamento, in base ai coefficienti utilizzati per la rivalutazione delle retribuzioni pensionabili di cui all art. 3, comma 11, della legge 27 maggio 1982, n. 297, comportando l aumento dei relativi trattamenti pensionistici dal 1 gennaio Con l applicazione del medesimo criterio sono rivalutati i contributi inerenti ai periodi anteriori al 1 gennaio 1997 e versati dopo il 31 dicembre 2000.

8 8 Breve storia della previdenza per il lavoro casalingo: il Fondo di previdenza operante dal L art. 2, comma 33, della legge 8 agosto 1995, n. 335, ha attribuito al Governo una delega ad emanare norme per armonizzare la disciplina della Mutualità pensioni prevista per le casalinghe alle norme della riforma generale delle pensioni. In attuazione della delega è stato emanato il DLgs 16 settembre 1996, n. 565, che ha proceduto al riordino della Mutualità pensioni, introducendo, con efficacia dal 1 gennaio 1997, significative innovazioni tra cui quelle di seguito accennate. 5. L art. 1 del DLgs 16 settembre 1996, n. 565, ha stabilito in particolare che dal 1 gennaio 1997: - la gestione Mutualità pensioni, costituita presso l Inps ad opera della legge 5 marzo 1963, n. 389, assuma la nuova denominazione di Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari ; - possano iscriversi, su base volontaria, al nuovo Fondo di previdenza, i soggetti che svolgono, senza vincoli di subordinazione, lavori non retribuiti in relazione a responsabilità familiari e che non prestano attività lavorativa autonoma o alle dipendenze di terzi e non sono titolari di pensione diretta; - possano inoltre volontariamente iscriversi al Fondo, coloro che svolgono un attività lavorativa ad orario ridotto, anche se espletata con carattere di continuità, ma tale da determinare la contrazione del corrispondente periodo di assicurazione ai fini della determinazione del diritto alla pensione nel regime generale obbligatorio. - siano iscritti al nuovo Fondo i soggetti già iscritti alla Mutualità pensioni, utilizzando come premio di ingresso nel Fondo i contributi versati alla preesistente gestione della Mutualità. Tali contributi, ai sensi dell art. 69, comma 5, della legge 23 dicembre 2000, n. 388, sono rivalutati, per i periodi antecedenti all ingresso nel Fondo e secondo l anno di versamento, in base ai coefficienti utilizzati per la rivalutazione delle retribuzioni pensionabili di cui all art. 3, comma 11, della legge 27 maggio 1982, n E realtà il Fondo pensioni per le casalinghe (Dm Lavoro 14 marzo 2001) Il decreto affida all INPS il compito di diffondere le disposizioni per i versamenti contributivi Il Fondo pensioni per le casalinghe può incominciare a funzionare. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 118, del 23 maggio 2001, è stato pubblicato il Decreto ministeriale 14 marzo 2001, emanato dal Ministro del lavoro e della previdenza sociale, di concerto con il Ministro del tesoro, con il quale sono stati determinati i coefficienti di trasformazione in pensione del montante contributivo per il Fondo di previdenza delle persone che svolgono lavori di cura non retribuiti, derivanti da responsabilità familiari. Le disposizioni applicative dell Inps All Inps il compito di diffondere le necessarie disposizioni, affinché le persone interessate possano iniziare ad effettuare il versamento della contribuzione.

9 9 Breve storia della previdenza per il lavoro casalingo: le modalità d iscrizione al Fondo per le casalinghe (Circolare Inps 223/2002) Il 20 dicembre 2001, la Direzione centrale delle prestazioni dell Inps ha emanato la circolare n. 223/2001 sulla normativa del Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari. Si tratta della normativa del Fondo operante dal 1 gennaio 1997 in sostituzione della gestione della Mutualità pensioni istituita a suo tempo in favore delle casalinghe con la legge n. 389/1963. La circolare n. 223/2001: - detta le istruzioni per l applicazione delle norme del decreto legislativo 16 settembre 1996, n. 565, emanato in attuazione della delega attribuita al Governo (articolo 2, comma 33, legge 8 agosto 1995, n. 335) - tiene conto delle modifiche e delle integrazioni apportate al decreto legislativo n. 565/1996 (dalle disposizioni di cui alla legge 14 maggio 1999, n. 144), al decreto legislativo 18 febbraio 2000 n. 47, e al Decreto 14 marzo 2001, concernente la determinazione dei coefficienti di trasformazione da applicare per il calcolo delle pensioni con il sistema contributivo da liquidare agli iscritti al Fondo. La prima parte della circolare Inps n. 223/2001 fornisce una serie di precisazioni dalle quali emerge, tra l altro: Inserimento di ufficio per le iscritte alla Mutualità che le casalinghe iscritte alla Mutualità pensioni dal 1 gennaio 1997 sono inserite d ufficio nel Fondo di nuova istituzione di cui al DLgs n. 565/1996, utilizzando, quale premio unico d ingresso, i contributi dalle stesse versati alla suddetta Mutualità. La volontarietà dell iscrizione al Fondo L iscrizione degli altri soggetti, che si trovano nelle condizioni previste dalle norme del Fondo, avviene su base volontaria; - che l iscrizione al Fondo mantiene la propria efficacia nonostante la mancanza di versamento della contribuzione o la sussistenza di altra contribuzione diversa da quella al Fondo; Un versamento mensile non inferiore a 25,82 (50mila lire) - che l ammontare della contribuzione da versare al Fondo con decorrenza dal 1 gennaio 1999 (in base all art. 58 della legge 17 maggio 1999, n. 144), non può essere inferiore a lire mensili (25,82 euro) e, qualora nell anno solare risulti versato un importo complessivo di contribuzione che non raggiunge tale limite, per lo stesso anno non può essere riconosciuto alcun contributo mensile ai fini del conseguimento del diritto alla pensione e per la determinazione del relativo ammontare; Deducibilità completa a fini fiscali dei contributi versati al Fondo - che dal 1 gennaio 2001, a seguito delle modifiche apportate alla normativa fiscale (da art. 13 del DLgs n. 47/2001), i contributi versati al Fondo per sé e/o per i propri familiari fiscalmente a carico, sono interamente deducibili, ai fini fiscali, dal reddito complessivo del dichiarante. Prorogato al 31 dicembre 2003 ( e successivamente al 30 giugno 2004) il termine per versare al Fondo i contributi In data 20 dicembre 2001 la Direzione centrale delle prestazioni dell INPS ha emanato la circolare n. 223/2001 sulla normativa del Fondo di previdenza per le persone che svolgono lavori di cura non retribuiti derivanti da responsabilità familiari. Si tratta della normativa del Fondo operante dal 1 gennaio 1997 in sostituzione della gestione della Mutualità pensioni istituita a suo tempo in favore delle casalinghe con la legge n. 389/1963. Con tale Circolare, nel dettare le istruzioni applicative del DLgs n. 565/1996 e successive modificazioni, l Inps ha precisato anche che in fase di prima attuazione della norma in esame, tutti coloro che si iscriveranno per la prima volta entro il 31 dicembre 2002, in deroga al principio di cassa, potranno coprire di contribuzione anche gli anni precedenti la domanda, a partire dal 1997, effettuando il relativo versamento al Fondo, entro la medesima data, senza maggiorazione per interessi. Le proroghe per il recupero contributivo dal 1997: - proroga al 31 dicembre 2003 (messaggio Inps n. 365/ ) - proroga al 30 giugno 2004 (messaggio Inps n. 2577/ ) La seconda parte della circolare contiene chiarimenti su: i requisiti per acquisire il diritto alle pensioni di vecchiaia e invalidità, che rappresentano le prestazioni erogabili dal Fondo, e le regole del sistema contributivo di calcolo delle stesse pensioni. La parte terza della circolare riguarda l Organo di gestione del Fondo e la materia dei ricorsi amministrativi, mentre la parte quarta detta istruzioni contabili.

10 10 È vero che la casalinga/o può incrementare la sua pensione facendo la spesa? Un fondo complementare pensione famiglia La circolare 223/2002 dell Inps sopracitata, prevede anche che che i versamenti effettuati al Fondo possono essere incrementati dagli importi accreditati all iscritto attraverso il meccanismo della cosiddetta scontistica, cioè, destinando ai fini pensionistici, l importo corrispondente agli abbuoni accantonati su acquisti effettuati presso centri di vendita convenzionati. Iscritti per fasce d età: uomini donne totale inferiore a 24 anni 12,6% 1,5% 1,9% tra 24 e 34 anni 25,6% 11,7% 12,1% tra 35 e 49 anni 34,0% 39,1% 39,0% tra 50 e 64 anni 25,2% 43,2% 42,5% oltre 64 anni 2,6% 4,5% 4,5% Nei punti vendita Pellicano, Ld, Grosmarket, Blu casa e Persona: sconto del 2% sulla spesa, viene girato tramite Pos alla posizione contributiva dell iscritta/o. I partner finanziari dell operazione sono Capitalia (banca depositaria), S. Paolo Imi, Banco Napoli, Banca Intesa. Il Fondo viene venduto nei 14mila sportelli postali. > La problematica conversione in accrediti contributivi dei buoni acquisto > Dubbi per l incidenza proporzionalmente rilevante dei costi di gestione amministrativa > Il rendimento è equiparato alla crescita lorda del PIL I punti di vendita convenzionati (dati luglio 2004) Donneuropee-Federcasalinghe è stata la principale promotrice del fondo complementare chiuso Fondo pensione famiglia. Il Fondo, nel 2004 ha registrato una raccolta di euro. Gli iscritti sono circa ottomila: casalinghe 65% lavoratori atipici 25% studenti 10% La stragrande maggioranza degli iscritti è composta da donne fra i 35 ed i 64 anni residenti nel Centro e Sud Italia. La raccolta del capitale del Fondo avviene attraverso: - versamenti volontari, liberi e non necessariamente continui - all accumulo di sconti spesa. L accumulo contributivo con gli sconti spesa possono avvenire in negozi e supermercati convenzionati utilizzando la Fondo famiglia card, una tesserina (costo una tantum di 16) che permette di usufruire di sconti sulla spesa compresi fra il 2 ed il 30%. Gli abbuoni così accumulati sono deducibili fiscalmente.

11 11 Le persone non autosuf cienti residenti in casa (dai 6 anni in su) L inchiesta Spi Cgil La non autosufficienza, viene affermato nella ricerca Spi, coinvolge in Italia (dati Istat), circa persone, pari al 5,2% della popolazione dai sei anni in su: la grande maggioranza (oltre persone) vive in casa; i rimanenti (meno di 200mila) sono ospiti di strutture residenziali. I differenti gradi di non autosufficienza in termini di Adl mancanti (l indicatore utilizzato per misurare la capacità di svolgere le attività di vita quotidiana) in base all indagine multiscopo Istat sulle condizioni di salute della popolazione negli anni : il 44% dei non autosufficienti è confinato, cioè non è in condizione di uscire di casa senza aiuto, di questi 500mila sono immobilizzati a letto o su una sedia, e 350mila presentano almeno tre Adl mancanti; la distribuzione per età mostra come la non autosufficienza interessi soprattutto gli anziani: gli ultra 65enni costituiscono oltre il 70% dei disabili, con una concentrazione relativa sulle forme più gravi; la distribuzione territoriale del fenomeno evidenzia una concentrazione maggiore dei non autosufficienti nelle regioni meridionali; la tipologia familiare di appartenenza mostra una relativa diffusione della condizione di single e famiglia ristretta (due soli componenti) soprattutto nei centri urbani più grandi; l incrocio dei dati Istat con quelli dell indagine Banca d Italia sui redditi delle famiglie indica una certa concentrazione dei non autosufficienti sui livelli di reddito inferiore: il 43% dei soggetti si colloca nei primi tre decili di reddito; una stima della dinamica del fenomeno della non autosufficienza nel medio lungo periodo, fa prevedere che i residenti in casa passerebbero dall attuale 4,9% della popolazione (6 anni in su) al 6,1% nel 2010 ed al 7,1% nel Persone non autosuf cienti residenti in casa (dai 6 anni in su) analisi per classi di età classi di età persone non costrette persone costrette in persone costrette a totale persone non in casa casa letto o su una poltrona autosufficienti da 6 a 18 anni (72,86%) (12,48%) (14,66%) (100,00%) da 19 a 40 anni (56,65%) (23,35%) (20,00%) (100,00%) da 41 a 65 anni (61,61%) (21,38%) (17,01%) (100,00%) da 66 a 75 anni (62,90%) (22,16%) (14,94%) (100,00%) più di 76 anni (50,00%) (27,92%) (22,08%) (100,00%) Analisi per regione: previsioni al 2010 e 2020 (valori percentuali) regione situazione previsione previsione regione situazione previsione previsione al 2000 al 2010 al 2020 al 2000 al 2010 al 2020 Sicilia 6,30 (1^) 7,60 (2^) 8,53 (2^) Piemonte 4,86 (12^) 6,24 (11^) 7,39 (10^) Calabria 6,29 (2^) 7,64 (1^) 8,67 (1^) Liguria 4,75 (13^) 6,11 (13^) 6,93 (13^) Marche 5,63 (3^) 7,06 (4^) 7,95 (5^) Campania 4,60 (14^) 5,72 (14^) 6,75 (14^) Molise 5,51 (4^) 6,85 (6^) 7,69 (8^) Friuli V.G. 4,23 (15^) 5,56 (15^) 6,43 (15^) Toscana 5,50 (5^) 6,92 (5^) 7,74 (7^) Lazio 4,16 (16^) 5,33 (17^) 6,22 (18^) Basilicata 5,48 (6^) 7,07 (3^) 8,05 (3^) Lombardia 4,04 (17^) 5,18 (19^) 6,23 (17^) Abruzzo 5,41 (7^) 6,84 (7^) 7,69 (8^) Veneto 3,98 (18^) 5,28 (18^) 6,20 (19^) Puglia 5,40 (8^) 6,75 (8^) 7,92 (6^) Valle Aosta 3,94 (19^) 5,34 (16^) 6,42 (16^) Sardegna 5,20 (9^) 6,64 (9^) 8,04 (4^) Trentino A. 3,50 (20^) 4,58 (20^) 5,32 (20^) Umbria 5,10 (10^) 6,64 (9^) 7,32 (11^) Totale 4,86 6,11 7,08 Emilia R. 5,09 (11^) 6,22 (12^) 7,00 (12^) Fonte: Diritti di cittadinanza delle persone anziane non autosufficienti Cgil e Spi > elaborazione su dati Istat

12 12 Quando la casalinga (od altra persona addetta a lavori familiari o di cura) si infortuna o muore Le norme per la prevenzione e la sicurezza casalinga: l assicurazione per gli infortuni domestici. La legge 3 dicembre 1999, n. 493, contiene norme relative sia alla sicurezza e alla prevenzione negli ambienti di civile abitazione sia all assicurazione contro gli infortuni domestici. Circa la sicurezza e la prevenzione negli ambienti di civile abitazione, le disposizioni (articoli da 2 a 5 della legge n. 493/1999) prevedono: - l attribuzione di una delega al Governo affinché provveda a riordinare la normativa esistente in materia; - i compiti che sono preordinati a rendere efficace la sicurezza e la prevenzione negli ambienti di civile abitazione, e che debbono essere svolti da vari organi o strutture tra cui quelle del Servizio sanitario nazionale, dell INAIL, delle Unità sanitarie locali, delle Regioni e delle Province. Gli iscritti all assicurazione sono tenuti a versare all Inail un premio annuo di lire , a meno che non si tratti di soggetti con reddito, proprio o del nucleo familiare di appartenenza, di ammontare inferiore al limite stabilito (art 8, comma 2), nel qual caso il premio viene posto a carico dello Stato. Sicurezza e prevenzione nelle abitazioni > L af damento all Inail La delega al Governo > L obbligo di iscrizione I compiti delle istituzioni Il premio annuo > Rendita vitalizia per infortuni domestici Quanto all assicurazione contro gli infortuni domestici, le disposizioni (articoli da 6 a 12 della legge n. 493/1999) prevedono: - l istituzione dell assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici, affidandone la gestione all Inail; - l obbligo di iscriversi all assicurazione per tutte le persone di età compresa tra i 18 e i 65 anni che svolgono in via esclusiva e in ambito domestico attività di lavoro finalizzate alla cura delle persone, senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito. Sono coperti dall assicurazione e danno diritto ad una rendita vitalizia a carico dell INAIL, gli infortuni non mortali che comportino una inabilità permanente al lavoro di grado non inferiore al 33 per cento e che si verifichino nell ambito domestico in occasione ed a causa di lavoro svolto per la cura delle persone. Modalità di attuazione dell assicurazione contro gli infortuni in ambito domestico (Stralci del Decreto ministeriale 15 settembre 2000) >> quanto valgono gli infortuni domestici L assicurazione potrà garantire una rendita mensile che va dai 188 ai 1030 euro. L infortunio deve procurare una invalidità almeno pari a superiore al 33%. Esempi di invalidità: - la perdita di tre dita di una mano (medio,mignolo,anulare) = 32% (nessuna rendita) - la sordità ad un orecchio = 15% Richiesta una riduzione della percentuale minima dal 33 al 26%

13 13 In casa avvengono quattro milioni di incidenti l anno: vittime della vita domestica (cifre denunciate da Maria Stella Conte in un servizio pubblicato quest anno sul quotidiano La Repubblica) Il 72% degli infortunati sono donne L aumento degli infortuni dal 1990 al 2000: complessivo + 65,5% > anziani + 95,5% > bambini + 101,5% Gli ambienti più pericolosi per 100 incidenti subiti Cucina 52,0 Soggiorno, salone 9,0 Balcone, terrazzo, giardino 7,6 Camera letto, cameretta 6,6 Scale interne all abitazione 5,5 Bagno 5,4 Cantina, garage o altro ambiente 5,1 Scale esterne all abitazione 4,0 Corridoio, ingresso 3,6 Fonte:elaborazione dati Istat Le cattive abitudini degli italiani Scordare le pentole sul fuoco acceso 12,2 Lasciare un rubinetto dell acqua aperto 11,9 Utilizzare apparecchi elettrici quando si è bagnati 11,2 Spegnere elettrodomestici tirando filo da presa 10,9 Lasciare il gas aperto 9,1 Scordare il forno acceso 7,1 Dimenticare il ferro da stiro acceso 7,0 Lavori di manutenzione pericolosi 4,5 Lasciare sparsi per casa prodotti nocivi 3,6 Fonte:indagine Censis 2004 Infortuni in casa, al lavoro o in incidente stradale Differenza % su totale Morti (dati 2000) Indice di mortalità (*) Infortuni in incidenti stradali 27, ,2 Infortuni sul lavoro denunciati 24, ,1 Incidenti stradali 10, ,9 Dati (*) Quota % dei decessi sul totale degli infortuni/incidenti

14 14 Il Regolamento sull assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici Con il DM 15 settembre 2000 è stato emanato il Regolamento sull assicurazione obbligatoria contro gli infortuni domestici (che applica la legge 493 del 1999). Vengono riprese le parti più significative. Il Regolamento: contiene disposizioni per la individuazione delle persone obbligate ad assicurarsi fornisce precisazioni sull oggetto dell assicurazione riporta l ammontare del premio assicurativo già stabilito dalla legge n. 493/1999; dichiara esplicitamente non applicabile all assicurazione il principio dell automaticità delle prestazioni detta le regole per la determinazione della misura della rendita e per la relativa corresponsione. È soggetto all assicurazione contro gli infortuni derivanti dal lavoro svolto in ambito domestico ciascun componente il nucleo familiare che sia in possesso dei seguenti requisiti: a) abbia un età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti; per le persone che raggiungono i 65 anni in corso di assicurazione, la stessa mantiene la sua validità fino alla successiva scadenza annuale del premio; b) svolga in ambito domestico attività in via esclusiva e cioè non svolga altra attività che comporti l iscrizione presso forme obbligatorie di previdenza sociale; c) svolga, in ambito domestico in via non occasionale, attività finalizzate alla cura delle persone che costituiscono il proprio nucleo familiare e dell ambiente domestico ove dimora lo stesso nucleo familiare; d) svolga le suddette attività senza vincolo di subordinazione e a titolo gratuito. (art. 1. Persone assicurate) 1. L assicurazione comprende i casi di infortunio avvenuti, per causa violenta o virulenta, in occasione e a causa di lavoro in ambito domestico, a condizione che dall infortunio sia derivata una inabilità permanente al lavoro non inferiore al 33 per cento. 2. Si considerano avvenuti in occasione e a causa di lavoro in ambito domestico gli infortuni: a) conseguenti al rischio che deriva dallo svolgimento di attività finalizzate alla cura delle persone che costituiscono il nucleo familiare e dell ambiente domestico ove dimora lo stesso nucleo familiare;(**) b) verificatisi all interno di immobile di civile abitazione ove dimora il nucleo familiare dell assicurato, delle relative pertinenze e delle parti comuni condominiali. (**) Per nucleo familiare si intende un insieme di persone legate da vincoli di matri monio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti e aventi la medesima dimora abituale; il nucleo può essere costituito anche da una sola persona. 3. Sono esclusi dall assicurazione: a) gli infortuni verificatisi al di fuori del territorio nazionale; b) gli infortuni conseguenti ad un rischio estraneo al lavoro domestico; c) gli infortuni derivanti da calamità naturali, crollo degli immobili derivante da cedimenti strutturali, guerra, insurrezione o tumulti popolari; d) gli infortuni mortali. (art.2.oggetto dell assicurazione) Il premio assicurativo pro capite è fissato in , pari a 12,91 per anno solare, non frazionabili, esenti da oneri fiscali (art. 3. Premi assicurativi). 1. Il premio di cui all art. 3 è a carico dello Stato per i soggetti di cui all art. 1, comma 1, i quali siano in possesso di entrambi i requisiti sottoindicati: a) titolarità di reddito complessivo lordo ai fini IRPEF non superiori a. 9 milioni annui, pari a 4.648,11; b) appartenenza ad un nucleo familiare il cui reddito complessivo lordo ai fini IRPEF non sia superiore a. 18 milioni annui, pari a 9.296,22. (art. 7. Soggetti esonerati dal versamento del premio).

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA

SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Sanità e previdenza - Pubblica amministrazione - Lavoro Statistiche della previdenza e dell assistenza

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015.

Oggetto Limiti minimi di retribuzione imponibile giornaliera per il calcolo dei premi assicurativi. Determinazione per l anno 2015. Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 38 Roma, 10 marzo 2015 Al Direttore generale vicario Ai Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita

Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita Uno Assicurazioni SpA Gruppo Lungavita PIANO INDIVIDUALE PENSIONISTICO DI TIPO ASSICURATIVO - FONDO PENSIONE Iscritto all Albo tenuto dalla Covip con il n. *** Nota informativa per i potenziali aderenti

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI

ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI 23 luglio 2014 Anno 2013 ATTIVITÀ GRATUITE A BENEFICIO DI ALTRI Vengono diffusi oggi i risultati della prima rilevazione sul lavoro volontario, frutto della convenzione stipulata tra Istat, CSVnet (rete

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli