Documento su: PREVIDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento su: PREVIDENZA"

Transcript

1 Documento su: PREVIDENZA La FISASCAT sottopone alla Confederazione il presente documento, concernente l insieme delle problematiche inerenti il sistema previdenziale, con riferimento specifico alle categorie, ai settori, alle lavoratrici ed ai lavoratori da essa tutelati. In questi giorni molto si è discusso e si discute di eliminazione dello scalone (ossia dell innalzamento brusco da 57 a 60 anni dell età anagrafica per accedere al pensionamento anticipato di anzianità) e dell innalzamento dell età pensionabile, della riduzione delle finestre per andare in pensione, della eliminazione dei privilegi ancora esistenti per alcune categorie di lavoratori, della revisione dei coefficienti di trasformazione per il calcolo della pensione con il sistema contributivo, della cumulabilità della pensione di anzianità con i redditi da lavoro, del contributo di solidarietà sulle pensioni elevate, dell aumento della contribuzione per i lavoratori autonomi ed ex lavoratori parasubordinati, della tutela del potere d acquisto delle pensioni. Alcune questioni sono state disciplinate dalla legge finanziaria per l anno 2007, quali l aumento delle aliquote contributive per i lavoratori autonomi ed iscritti alla gestione separata (ex lavoro parasubordinato). Altre saranno affrontate nel confronto Governo / parti sociali, alla luce del Memorandum d intesa siglato in data 25 settembre Il presente documento non tiene conto del dibattito in corso in materia previdenziale, ma esclusivamente della normativa vigente, delle sue criticità, di obiettivi e proposte mirate alla soluzione degli individuati punti critici, e che interessano le lavoratrici ed i lavoratori tutelati dalla FISASCAT. Nell affrontare le questioni in oggetto non si può prescindere dal collegamento molto stretto, quasi di interdipendenza, che esiste tra il sistema previdenziale e mercato del lavoro, sotto il duplice profilo del finanziamento del sistema previdenziale e delle prestazioni da esso erogate. 1

2 La centralità del documento resta comunque la previdenza. Non saranno affatto affrontate le problematiche e le questioni attinenti al mercato del lavoro ed ad una sua eventuale riforma. I trattamenti sostitutivi della retribuzione (cassa integrazione, indennità di disoccupazione, di malattia, ecc.) assumono rilievo solo ed in quanto connessi a benefici di natura previdenziale (vedi copertura assicurativa). La platea delle lavoratrici e dei lavoratori organizzati e tutelati dalla FISASCAT rispecchia esattamente quello che è oggi il mercato del lavoro, e di conseguenza il sistema previdenziale. Nella FISASCAT ritroviamo tutte le fattispeci del lavoro dipendente: o lavoro stabile e continuativo: grande distribuzione, studi professionali, portieri, casino municipali, cooperazione (soci e dipendenti); o lavoro a tempo determinato (turismo, alberghi, terme, mense scolastiche) e part time (quest ultimo a forte presenza femminile); o le nuove figure del mercato del lavoro secondo la legge Biagi; o il lavoro domestico (colf). Una platea di circa addetti, caratterizzata da forte presenza femminile e contratti di lavoro a orario ridotto. Una platea molto complessa, nella quale ogni tipologia di lavoro dipendente presenta proprie specificità, propri problemi, che meritano comunque attenzione dal punto di vista della tutela previdenziale. Per molti lavoratori, in particolare per i soggetti a lavoro stabile e continuo, le questioni sono identiche a quelle della generalità dei lavoratori dipendenti. Per alcuni settori ed alcune figure professionali tutelate dalla FISASCAT esistono invece questioni specifiche. Di seguito, passando dal generale al particolare, si presentano, in maniera descrittiva, le questioni individuate, articolate di volta in volta, per soggetti, tipologie di lavoro, prestazioni, normative specifiche. Il riquadro riassuntivo, oltre a riprendere in maniera sintetica la illustrazione delle varie tematiche, si sofferma prevalentemente sui punti critici, sugli obiettivi e sulle eventuali proposte formulate e mirate alla soluzione dei problemi. A. SOGGETTI A LAVORO STABILE E CONTINUATIVO Per costoro, soprattutto per coloro con notevole anzianità assicurativa, le questioni si possono ricondurre a quelle della generalità dei lavoratori: eliminazione del cosiddetto scalone per l accesso alla pensione di anzianità, introdotto dalla riforma Berlusconi. Dal 2008 invece di 57 anni di età anagrafica e 35 di contributi, occorrono 60 anni di età con 35 di contributi, 2

3 innalzando di 3 anni il requisito anagrafico, requisito destinato a crescere negli anni successivi. Alle donne, in via eccezionale, è consentito accedere alla pensione con le attuali regole (57 anni di età e 35 di contributi), ma con forti penalizzazioni nel calcolo della pensione, che avverrà con il sistema contributivo e non retributivo. Da questa norma le donne ne escono fortemente penalizzate. Avendo innalzato il requisito anagrafico di pensionamento anticipato a 60 anni, praticamente per esse è stata eliminata la possibilità di accedere alla pensione di anzianità, in quanto a 60 anni è già previsto il pensionamento di vecchiaia, e qualora vi volessero accedere con le regole attuali, prima dei 60 anni, subirebbero forti decurtazioni nel calcolo della pensione; eliminazione delle nuove regole dettate in materia di pensionamento con il sistema contributivo, introdotte anch esse dalla riforma Berlusconi. Dal 2008 non vi sarà più la flessibilità per il pensionamento dal 57 mo al 65 mo anno di età, ma per gli uomini l accesso sarà consentito direttamente ai 65 anni e per le donne sarà possibile accedervi a partire dai 60 anni. Tale norma penalizza sia uomini che donne; incentivazione ed attuazione della previdenza complementare per le giovani generazioni. Solo alcune categorie hanno istituito i fondi pensione, ed alcuni di essi ancora non si sono sviluppati. Di fatto si sono persi anni utili per i giovani. Stante all interno della FISASCAT: il fondo FONTE (commercio) annovera circa aderenti a fronte di una platea di di addetti. Ad esso possono aderire anche i portieri, ma per ora con scarso risultato; il fondo PREVICOPER su circa addetti annovera circa aderenti; per gli studi professionali, con circa 600/ addetti, di cui 87% donne e 70% al di sotto dei 40 anni, ancora non è stato istituito alcun fondo pensione. B. PART TIME VERTICALE Per questa tipologia di lavoro (attività svolta in alcuni mesi dell anno, ovvero in alcune settimane del mese o in alcuni giorni della settimana), a forte presenza femminile, non esiste alcuna indennizzabilità dei periodi di inattività, in quanto i lavoratori sono assunti con contratto a tempo indeterminato. In tal senso si è recentemente pronunciata anche la Corte Costituzionale, con sentenza n.121 del 24 marzo Ciò comporta la non corresponsione della indennità di disoccupazione, né ordinaria né con requisiti ridotti, per i periodi di inattività e la conseguente mancanza di copertura figurativa per detti periodi, con incidenza negativa sul calcolo della pensione. 3

4 Per la copertura assicurativa di tali periodi di inattività si può procedere a titolo oneroso, o con il riscatto di detti periodi o con la prosecuzione volontaria. C. SOSPENSIONE DI ATTIVITÀ La legge 14 maggio 2005 n.80 (conversione del decreto legge 14 marzo 2005, n.35) ha stabilito, per i lavoratori con periodi programmati di sospensione di attività, la non corresponsione della indennità di disoccupazione. Ciò ovviamente comporta mancata copertura figurativa di detti periodi, con conseguenza negativa sul calcolo della pensione. Questa questione, per quanto riguarda la FISASCAT, interessa: i lavoratori termali (alberghi, ecc.), dislocati prevalentemente nel Veneto ed in Sicilia, con attività stagionale, ma in possesso di contratto di lavoro a tempo indeterminato. Fino alla legge 80/05 per detti lavoratori ai periodi di sospensione dell attività lavorativa si sopperiva con la erogazione dell indennizzo per i periodi di disoccupazione; gli addetti alle mense scolastiche ed alle pulizie nelle scuole. Si tratta sostanzialmente di lavoratori di cooperative e consorzi per i quali, per periodi dell anno, l attività viene sospesa, pur perdurando sia il regime di proroga per gli appalti che il rapporto di lavoro, anche se non retribuito, per i periodi di inattività. D. AMMORTIZZATORI SOCIALI Le questioni riguardano sostanzialmente la indennità di disoccupazione e la Cassa integrazione. Ricordiamo che ai periodi di mancata corresponsione delle indennità corrisponde assenza di copertura assicurativa. Per quanto concerne la indennità di disoccupazione, ne sono escluse alcuni settori ed alcune figure professionali. Pur non essendo esaustivi, citiamo: apprendisti; lavoratori stagionali con sospensione dell attività (termali, mense scolastiche); cooperative ex 602/70 (facchinaggio, trasportatori in proprio, ecc.); dipendenti part time verticale per i periodi di pausa dell attività lavorativa; nuove figure professionali quali lavoro a progetto. Per quanto concerne la Cassa Integrazione: a) la Cassa integrazione ordinaria non è prevista per il settore del terziario; b) per quanto concerne la Cassa integrazione straordinaria: 4

5 o spetta alle aziende commerciali con più di 200 dipendenti; o ad alcuni settori (imprese commerciali tra 50 e 200 dipendenti, agenzie di viaggio e turismo che occupano più di 50 dipendenti, imprese di vigilanza privata con più di 15 dipendenti, imprese appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione e servizi di pulizia con più di 15 dipendenti operanti presso imprese industriali beneficiarie di trattamenti di integrazione salariale) viene concessa annualmente con decreti ministeriali e con stanziamenti di fondi specifici. Per l anno 2007 la materia è disciplinata dall articolo 1, comma 1156, lettera c) della legge finanziaria. E. INDENNITÀ ECONOMICA DI MALATTIA La indennità in oggetto non viene corrisposta a due figure tutelate dalla FISASCAT. Si tratta: delle COLF, per le quali esiste esclusivamente in caso di malattia il diritto alla assistenza sanitaria (medica, farmaceutica, ospedaliera, ambulatoriale, specialistica, ecc.). Quando le COLF si ammalano hanno diritto alla conservazione del posto tenendo conto del periodo di assenza per malattia e dell anzianità di servizio maturata presso la stessa famiglia. E il datore di lavoro che dovrà provvedere al pagamento del salario pattuito in proporzione all anzianità di lavoro; dei Portieri. Per costoro esiste la facoltà di iscrizione per via contrattuale alla Cassa Portieri. Su circa addetti, oggi si registrano circa iscritti. F. INDENNITÀ DI MATERNITÀ Per quanto riguarda le COLF, il diritto alla indennità di maternità matura solo se risultano versati o dovuti 52 contributi settimanali prima dell astensione obbligatoria oppure 26 contributi settimanali nell anno precedente l astensione obbligatoria, anche in settori diversi da quello domestico. Per la generalità delle altre lavoratrici tale diritto sussiste fin dal primo giorno dell assunzione (ciò non vale per esempio per le lavoratrici agricole a tempo determinato); le COLF non hanno diritto né all allattamento, né ai congedi parentali; qualora la COLF si assenti durante il periodo di gravidanza, ma prima del periodo di astensione obbligatoria: o bisogna ricorrere all Ispettorato del Lavoro per il riconoscimento della interdizione anticipata dal lavoro in dipendenza della maternità. In tal caso si ha diritto alla relativa indennità. Tale procedura va seguito anche per il riconoscimento della gravidanza a rischio; 5

6 o altrimenti si seguono le regole sulla indennità di malattia precedentemente illustrate. G. MASSIMALE RETRIBUTIVO Per gli iscritti all ENPALS, e nel caso specifico per i dipendenti delle Case da gioco, esiste uno squilibrio tra il massimale di retribuzione giornaliera imponibile (per l anno 2006 euro 623, 13) e la retribuzione pensionabile giornaliera (per l anno 2006 euro 196,32). Nonostante una norma di legge preveda l applicazione della normativa INPS all ENPALS in materia di retribuzione pensionabile, ciò non è stato attuato, persistendo quindi per gli iscritti all ENPALS ancora sperequazioni tra retribuzione imponibile e pensionabile. Tra l altro, una recente sentenza della Corte costituzionale (n.120 del marzo 2006) ha respinto i ricorsi in materia, per inammissibilità di legittimità costituzionale (il ricorso era basato sulle sperequazioni contributive e non su quelle riguardanti le prestazioni). H. LAVORATORI EXTRA O DI SURROGA I lavoratori in oggetto, con attività tipicamente saltuaria, sono privi di sostanziali tutele previdenziali. Per essi occorrerebbe pensare ad una forma di tutela, simile a quella dei lavoratori stagionali agricoli o ai lavoratori dello spettacolo, i quali lavorano solo alcuni periodi o alcuni giorni dell anno, ma tali periodi ridotti di lavoro hanno comunque effetti ai fini della produzione di diritti e di tutele previdenziali. 6

7 FISASCAT CISL Scheda di sintesi su: LA TUTELA PREVIDENZIALE CRITICITÀ, PROPOSTE E OBIETTIVI Oggetto Soggetti interessati Punti di criticità Obiettivi e proposte Previdenza obbligatoria Tutti i lavoratori dipendenti Accesso alla pensione dopo la riforma Berlusconi (legge 243/04): a) pensioni di anzianità (scalone previdenziale) dal 2008 elevazione da 57 a 60 anni del requisito anagrafico con 35 anni di contribuzione 1. Eliminazione dello scalone 2. Innalzamento dell età pensionabile su scelta volontaria del lavoratore 3. Introduzione della quota - mix età anagrafica e anzianità contributiva (esempio: quota 95) 4. Tutela delle lavoratrici madri, delle attività usuranti, delle condizioni di disabilità b) pensione di vecchiaia con il sistema contributivo dal 2008 innalzamento da 57 a 65 anni per gli uomini ed a 60 anni per le donne l età minima per accedere alla pensione 5. Ripristinare la flessibilità dei pensionamenti nel sistema contributivo Tasso di sostituzione (rapporto tra pensione e ultima retribuzione) I lavoratori che andranno in pensione con il sistema di calcolo contributivo o misto (meno di 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995) La introduzione del sistema contributivo ha notevolmente ridotto il rendimento pensionistico per i giovani lavoratori Migliorare il rapporto tra pensione ed ultima retribuzione, al fine di un trattamento pensionistico dignitoso 1. Elevare il tasso di occupazione (politiche attive del lavoro) 2. Innalzamento delle aliquote contributive 7

8 per i lavoratori autonomi e ex lavoro parasubordinato (in parte già fatto con legge finanziaria 2007) 3. Attuazione della previdenza complementare Previdenza complementare A. Tutti i lavoratori dipendenti a) Mancato decollo della previdenza complementare per molti lavoratori e categorie 1. Rafforzamento della previdenza complementare mediante incentivi fiscali. b) Tasso di sostituzione non adeguato 2. Anticipo della nuova disciplina rispetto alla data del 2008, in particolare per quanto concerne le modalità di adesione e di finanziamento (TFR ai fondi pensione con la formula del silenzio/assenso) B. Figure deboli del mercato del lavoro (lavoratori a orario ridotto ed a basso reddito) Impossibilità a crearsi una previdenza complementare in assenza di lavoro e di reddito, in presenza di una previdenza obbligatoria già ridotta Consentire anche alle figure deboli di crearsi la previdenza complementare, tramite: 1. modalità organizzative specifiche (istituzione e adesione ai fondi) 2. agevolazioni finanziarie atte ad agevolarne l accesso ai fondi Copertura assicurativa ai fini pensionistici A. Figure deboli del mercato del lavoro a) Per periodi non lavorati è consentito il riscatto della contribuzione o la prosecuzione volontaria 1. Detti periodi non dovrebbero essere coperti a titolo oneroso a carico di dette figure deboli: Fiscalità? Contribuzione figurativa? B. Part-time verticale (a forte presenza femminile) b) In assenza di indennizzo per i periodi non lavorati è consentito il riscatto della 2. Detti periodi non dovrebbero essere coperti a titolo oneroso a carico di dette figure deboli: 8

9 contribuzione o la prosecuzione volontaria Fiscalità? Contribuzione figurativa? C. Lavoratori termali e addetti alle mense scolastiche e pulizie nelle scuole c) Con la legge 80/05 non è più corrisposta la indennità di DS per i periodi di sospensione del lavoro 3. Ripristino della indennità disoccupazione per reddito e copertura assicurativa Massimale retributivo Dipendenti case da gioco Esistono due massimali: quello della retribuzione imponibile giornaliera (623,13 euro) molto più elevato della retribuzione pensionabile giornaliera (196,32 euro) Elevare la retribuzione pensionabile giornaliera o unificare i due massimali Riconoscimento tutele previdenziali Lavoratori extra o di surroga Detti lavoratori, con attività saltuaria, in sostituzione di altri, non hanno riconoscimenti previdenziali Assimilare detti lavoratori agli stagionali dell agricoltura o ai lavoratori dello spettacolo, per i quali è richiesto un determinato numero di giornate lavorative durante l anno per avere diritto alla copertura assicurativa ed alle relative prestazioni Indennità di disoccupazione A. Apprendisti B. Lavoratori termali C. Addetti alle mense scolastiche e pulizia nelle scuole D. Cooperative ex 602/70 E. Part-time verticale Per alcuni soggetti la indennità di DS non è prevista, quali apprendisti, soci lavoratori di cooperative ex 602/70 e lavoratori con part-time verticale. Per altri lavoratori, termali e addetti alle mense scolastiche,la indennità è stata sospesa Estendere o ripristinare detta indennità di DS ai fini del reddito e della copertura assicurativa Cassa Integrazione Guadagni A. Settore terziario a) Cassa integrazione ordinaria. Dalla normativa vigente non è prevista alcun trattamento Estensione della disciplina generale B. Imprese commerciali b) Cassa integrazione straordinaria. Estensione della disciplina generale 9

10 C. Imprese di vigilanza privata D. Agenzie di viaggio e turismo E. Imprese appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione e servizi di pulizia b1. E concessa alle aziende commerciali con più di 200 dipendenti b2. Alle imprese commerciali tra 50 e 200 dipendenti, alle agenzie di viaggio e turismo che occupano più di 50 dipendenti, alle imprese di vigilanza privata con più di 15 dipendenti, alle imprese appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione e servizi di pulizia con più di 15 dipendenti operanti presso imprese industriali beneficiarie di trattamenti di integrazione salariale straordinaria, viene concessa annualmente e con decreti ministeriali e con stanziamenti specifici Ammortizzatori sociali Nuove tipologie di lavoro legge Biagi Assenza di tutele fondamentali per i periodi di assenza dal lavoro Introduzione di ammortizzatori sociali: indennità di disoccupazione? Indennità di malattia A. COLF In caso di malattia è il datore di lavoro che provvede al pagamento di giornate di lavoro in proporzione all anzianità lavorativa Estensione della disciplina generale della indennità di malattia B. Portieri Per essi è possibile la iscrizione per via contrattuale alla cassa Portieri Estensione della disciplina generale della indennità di malattia? Indennità di maternità COLF a) Il diritto alla indennità di maternità matura solo se risultano versati o dovuti 52 contributi settimanali prima dell astensione obbligatoria oppure 26 contributi settimanali Estensione della disciplina generale sulla maternità 10

11 nell anno precedente l astensione obbligatoria b) Le COLF non hanno diritto né all allattamento, né ai congedi parentali 11

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

Sommario. Definizione 3

Sommario. Definizione 3 Sommario Definizione 3 1. Contratto di solidarietà difensivo 4 1.1 Contenuto del contratto 7 1.2 Riflessi sul rapporto di lavoro 15 1.3 codici autorizzazione Inps 17 2. Contratto di solidarietà espansivo

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il Part-Time in Poste Italiane

Il Part-Time in Poste Italiane Il Part-Time in Poste Italiane Vademecum Che cos è? Il contratto a tempo parziale è un contratto di lavoro subordinato che prevede una prestazione di lavoro di durata inferiore rispetto alle 36 ore settimanali

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale

Il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale Visto l articolo 2120 del codice civile; Visto l articolo 3 della legge 29 maggio 1982, n. 297; Visto il decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252; Visto l articolo 1, comma 755, della legge 27 dicembre

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

Manuale per i lavoratori del settore privato

Manuale per i lavoratori del settore privato Manuale per i lavoratori del settore privato in materia di conciliazione vita/lavoro: diritti e opportunità A cura di Raffaella Calasso Responsabile Ufficio Legale Aeroporti di Puglia S.p.a., in collaborazione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

INPS - DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI

INPS - DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI INPS - DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI Sommario 1. Minimali e massimali retributivi ai fini imponibili 2. Contributi per l'assicurazione obbligatoria per invalidità, vecchiaia e superstiti 3. Contributi

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena

GUIDA ALLE ASSUNZIONI AGEVOLATE A cura del Dott. Eufranio MASSI Dirigente della Direzione provinciale del Lavoro di Modena AREA PERSONALE E LAVORO Servizi all Impiego Telefono +39 0425 386430 Telefax +39 0425 386410 servizio.lavoro@provincia.rovigo.it Via L. Ricchieri (detto Celio), 10 45100 Rovigo ISO 9001:2008 Cert. n. 9159.PRDR

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Domanda di concessione dell assegno integrativo

Domanda di concessione dell assegno integrativo mod. Ass. integrativo COD. SR91 Domanda di concessione dell assegno integrativo (Art. 9, comma 5, della legge n. 223/1991) La presente domanda deve essere presentata per la concessione dell assegno integrativo.

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

LE POLITICHE DEL LAVORO

LE POLITICHE DEL LAVORO LE POLITICHE DEL LAVORO Sono l insieme di interventi pubblici rivolti alla tutela dell interesse collettivo all occupazione. Tali politiche sono strettamente connesse con altri settori: fiscale, sociale

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

PUO ESSERE RICHIESTA PER:

PUO ESSERE RICHIESTA PER: L INTERDIZIONE DAL LAVORO PER LE LAVORATRICI MADRI (decreto legislativo n. 151/2001 così come modificato dalla legge 4/04/2012, n. 35) http://www.parlamento.it/leggi/deleghe/01151dl.htm PUO ESSERE RICHIESTA

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro

Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Provincia Autonoma di Trento Direttive per il collocamento e l avviamento al lavoro Testo adottato dalla Giunta Provinciale con deliberazione n. xxxx del xx/xx/xxxx ART. 1. ELENCO ANAGRAFICO DEI LAVORATORI

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli