Documento su: PREVIDENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento su: PREVIDENZA"

Transcript

1 Documento su: PREVIDENZA La FISASCAT sottopone alla Confederazione il presente documento, concernente l insieme delle problematiche inerenti il sistema previdenziale, con riferimento specifico alle categorie, ai settori, alle lavoratrici ed ai lavoratori da essa tutelati. In questi giorni molto si è discusso e si discute di eliminazione dello scalone (ossia dell innalzamento brusco da 57 a 60 anni dell età anagrafica per accedere al pensionamento anticipato di anzianità) e dell innalzamento dell età pensionabile, della riduzione delle finestre per andare in pensione, della eliminazione dei privilegi ancora esistenti per alcune categorie di lavoratori, della revisione dei coefficienti di trasformazione per il calcolo della pensione con il sistema contributivo, della cumulabilità della pensione di anzianità con i redditi da lavoro, del contributo di solidarietà sulle pensioni elevate, dell aumento della contribuzione per i lavoratori autonomi ed ex lavoratori parasubordinati, della tutela del potere d acquisto delle pensioni. Alcune questioni sono state disciplinate dalla legge finanziaria per l anno 2007, quali l aumento delle aliquote contributive per i lavoratori autonomi ed iscritti alla gestione separata (ex lavoro parasubordinato). Altre saranno affrontate nel confronto Governo / parti sociali, alla luce del Memorandum d intesa siglato in data 25 settembre Il presente documento non tiene conto del dibattito in corso in materia previdenziale, ma esclusivamente della normativa vigente, delle sue criticità, di obiettivi e proposte mirate alla soluzione degli individuati punti critici, e che interessano le lavoratrici ed i lavoratori tutelati dalla FISASCAT. Nell affrontare le questioni in oggetto non si può prescindere dal collegamento molto stretto, quasi di interdipendenza, che esiste tra il sistema previdenziale e mercato del lavoro, sotto il duplice profilo del finanziamento del sistema previdenziale e delle prestazioni da esso erogate. 1

2 La centralità del documento resta comunque la previdenza. Non saranno affatto affrontate le problematiche e le questioni attinenti al mercato del lavoro ed ad una sua eventuale riforma. I trattamenti sostitutivi della retribuzione (cassa integrazione, indennità di disoccupazione, di malattia, ecc.) assumono rilievo solo ed in quanto connessi a benefici di natura previdenziale (vedi copertura assicurativa). La platea delle lavoratrici e dei lavoratori organizzati e tutelati dalla FISASCAT rispecchia esattamente quello che è oggi il mercato del lavoro, e di conseguenza il sistema previdenziale. Nella FISASCAT ritroviamo tutte le fattispeci del lavoro dipendente: o lavoro stabile e continuativo: grande distribuzione, studi professionali, portieri, casino municipali, cooperazione (soci e dipendenti); o lavoro a tempo determinato (turismo, alberghi, terme, mense scolastiche) e part time (quest ultimo a forte presenza femminile); o le nuove figure del mercato del lavoro secondo la legge Biagi; o il lavoro domestico (colf). Una platea di circa addetti, caratterizzata da forte presenza femminile e contratti di lavoro a orario ridotto. Una platea molto complessa, nella quale ogni tipologia di lavoro dipendente presenta proprie specificità, propri problemi, che meritano comunque attenzione dal punto di vista della tutela previdenziale. Per molti lavoratori, in particolare per i soggetti a lavoro stabile e continuo, le questioni sono identiche a quelle della generalità dei lavoratori dipendenti. Per alcuni settori ed alcune figure professionali tutelate dalla FISASCAT esistono invece questioni specifiche. Di seguito, passando dal generale al particolare, si presentano, in maniera descrittiva, le questioni individuate, articolate di volta in volta, per soggetti, tipologie di lavoro, prestazioni, normative specifiche. Il riquadro riassuntivo, oltre a riprendere in maniera sintetica la illustrazione delle varie tematiche, si sofferma prevalentemente sui punti critici, sugli obiettivi e sulle eventuali proposte formulate e mirate alla soluzione dei problemi. A. SOGGETTI A LAVORO STABILE E CONTINUATIVO Per costoro, soprattutto per coloro con notevole anzianità assicurativa, le questioni si possono ricondurre a quelle della generalità dei lavoratori: eliminazione del cosiddetto scalone per l accesso alla pensione di anzianità, introdotto dalla riforma Berlusconi. Dal 2008 invece di 57 anni di età anagrafica e 35 di contributi, occorrono 60 anni di età con 35 di contributi, 2

3 innalzando di 3 anni il requisito anagrafico, requisito destinato a crescere negli anni successivi. Alle donne, in via eccezionale, è consentito accedere alla pensione con le attuali regole (57 anni di età e 35 di contributi), ma con forti penalizzazioni nel calcolo della pensione, che avverrà con il sistema contributivo e non retributivo. Da questa norma le donne ne escono fortemente penalizzate. Avendo innalzato il requisito anagrafico di pensionamento anticipato a 60 anni, praticamente per esse è stata eliminata la possibilità di accedere alla pensione di anzianità, in quanto a 60 anni è già previsto il pensionamento di vecchiaia, e qualora vi volessero accedere con le regole attuali, prima dei 60 anni, subirebbero forti decurtazioni nel calcolo della pensione; eliminazione delle nuove regole dettate in materia di pensionamento con il sistema contributivo, introdotte anch esse dalla riforma Berlusconi. Dal 2008 non vi sarà più la flessibilità per il pensionamento dal 57 mo al 65 mo anno di età, ma per gli uomini l accesso sarà consentito direttamente ai 65 anni e per le donne sarà possibile accedervi a partire dai 60 anni. Tale norma penalizza sia uomini che donne; incentivazione ed attuazione della previdenza complementare per le giovani generazioni. Solo alcune categorie hanno istituito i fondi pensione, ed alcuni di essi ancora non si sono sviluppati. Di fatto si sono persi anni utili per i giovani. Stante all interno della FISASCAT: il fondo FONTE (commercio) annovera circa aderenti a fronte di una platea di di addetti. Ad esso possono aderire anche i portieri, ma per ora con scarso risultato; il fondo PREVICOPER su circa addetti annovera circa aderenti; per gli studi professionali, con circa 600/ addetti, di cui 87% donne e 70% al di sotto dei 40 anni, ancora non è stato istituito alcun fondo pensione. B. PART TIME VERTICALE Per questa tipologia di lavoro (attività svolta in alcuni mesi dell anno, ovvero in alcune settimane del mese o in alcuni giorni della settimana), a forte presenza femminile, non esiste alcuna indennizzabilità dei periodi di inattività, in quanto i lavoratori sono assunti con contratto a tempo indeterminato. In tal senso si è recentemente pronunciata anche la Corte Costituzionale, con sentenza n.121 del 24 marzo Ciò comporta la non corresponsione della indennità di disoccupazione, né ordinaria né con requisiti ridotti, per i periodi di inattività e la conseguente mancanza di copertura figurativa per detti periodi, con incidenza negativa sul calcolo della pensione. 3

4 Per la copertura assicurativa di tali periodi di inattività si può procedere a titolo oneroso, o con il riscatto di detti periodi o con la prosecuzione volontaria. C. SOSPENSIONE DI ATTIVITÀ La legge 14 maggio 2005 n.80 (conversione del decreto legge 14 marzo 2005, n.35) ha stabilito, per i lavoratori con periodi programmati di sospensione di attività, la non corresponsione della indennità di disoccupazione. Ciò ovviamente comporta mancata copertura figurativa di detti periodi, con conseguenza negativa sul calcolo della pensione. Questa questione, per quanto riguarda la FISASCAT, interessa: i lavoratori termali (alberghi, ecc.), dislocati prevalentemente nel Veneto ed in Sicilia, con attività stagionale, ma in possesso di contratto di lavoro a tempo indeterminato. Fino alla legge 80/05 per detti lavoratori ai periodi di sospensione dell attività lavorativa si sopperiva con la erogazione dell indennizzo per i periodi di disoccupazione; gli addetti alle mense scolastiche ed alle pulizie nelle scuole. Si tratta sostanzialmente di lavoratori di cooperative e consorzi per i quali, per periodi dell anno, l attività viene sospesa, pur perdurando sia il regime di proroga per gli appalti che il rapporto di lavoro, anche se non retribuito, per i periodi di inattività. D. AMMORTIZZATORI SOCIALI Le questioni riguardano sostanzialmente la indennità di disoccupazione e la Cassa integrazione. Ricordiamo che ai periodi di mancata corresponsione delle indennità corrisponde assenza di copertura assicurativa. Per quanto concerne la indennità di disoccupazione, ne sono escluse alcuni settori ed alcune figure professionali. Pur non essendo esaustivi, citiamo: apprendisti; lavoratori stagionali con sospensione dell attività (termali, mense scolastiche); cooperative ex 602/70 (facchinaggio, trasportatori in proprio, ecc.); dipendenti part time verticale per i periodi di pausa dell attività lavorativa; nuove figure professionali quali lavoro a progetto. Per quanto concerne la Cassa Integrazione: a) la Cassa integrazione ordinaria non è prevista per il settore del terziario; b) per quanto concerne la Cassa integrazione straordinaria: 4

5 o spetta alle aziende commerciali con più di 200 dipendenti; o ad alcuni settori (imprese commerciali tra 50 e 200 dipendenti, agenzie di viaggio e turismo che occupano più di 50 dipendenti, imprese di vigilanza privata con più di 15 dipendenti, imprese appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione e servizi di pulizia con più di 15 dipendenti operanti presso imprese industriali beneficiarie di trattamenti di integrazione salariale) viene concessa annualmente con decreti ministeriali e con stanziamenti di fondi specifici. Per l anno 2007 la materia è disciplinata dall articolo 1, comma 1156, lettera c) della legge finanziaria. E. INDENNITÀ ECONOMICA DI MALATTIA La indennità in oggetto non viene corrisposta a due figure tutelate dalla FISASCAT. Si tratta: delle COLF, per le quali esiste esclusivamente in caso di malattia il diritto alla assistenza sanitaria (medica, farmaceutica, ospedaliera, ambulatoriale, specialistica, ecc.). Quando le COLF si ammalano hanno diritto alla conservazione del posto tenendo conto del periodo di assenza per malattia e dell anzianità di servizio maturata presso la stessa famiglia. E il datore di lavoro che dovrà provvedere al pagamento del salario pattuito in proporzione all anzianità di lavoro; dei Portieri. Per costoro esiste la facoltà di iscrizione per via contrattuale alla Cassa Portieri. Su circa addetti, oggi si registrano circa iscritti. F. INDENNITÀ DI MATERNITÀ Per quanto riguarda le COLF, il diritto alla indennità di maternità matura solo se risultano versati o dovuti 52 contributi settimanali prima dell astensione obbligatoria oppure 26 contributi settimanali nell anno precedente l astensione obbligatoria, anche in settori diversi da quello domestico. Per la generalità delle altre lavoratrici tale diritto sussiste fin dal primo giorno dell assunzione (ciò non vale per esempio per le lavoratrici agricole a tempo determinato); le COLF non hanno diritto né all allattamento, né ai congedi parentali; qualora la COLF si assenti durante il periodo di gravidanza, ma prima del periodo di astensione obbligatoria: o bisogna ricorrere all Ispettorato del Lavoro per il riconoscimento della interdizione anticipata dal lavoro in dipendenza della maternità. In tal caso si ha diritto alla relativa indennità. Tale procedura va seguito anche per il riconoscimento della gravidanza a rischio; 5

6 o altrimenti si seguono le regole sulla indennità di malattia precedentemente illustrate. G. MASSIMALE RETRIBUTIVO Per gli iscritti all ENPALS, e nel caso specifico per i dipendenti delle Case da gioco, esiste uno squilibrio tra il massimale di retribuzione giornaliera imponibile (per l anno 2006 euro 623, 13) e la retribuzione pensionabile giornaliera (per l anno 2006 euro 196,32). Nonostante una norma di legge preveda l applicazione della normativa INPS all ENPALS in materia di retribuzione pensionabile, ciò non è stato attuato, persistendo quindi per gli iscritti all ENPALS ancora sperequazioni tra retribuzione imponibile e pensionabile. Tra l altro, una recente sentenza della Corte costituzionale (n.120 del marzo 2006) ha respinto i ricorsi in materia, per inammissibilità di legittimità costituzionale (il ricorso era basato sulle sperequazioni contributive e non su quelle riguardanti le prestazioni). H. LAVORATORI EXTRA O DI SURROGA I lavoratori in oggetto, con attività tipicamente saltuaria, sono privi di sostanziali tutele previdenziali. Per essi occorrerebbe pensare ad una forma di tutela, simile a quella dei lavoratori stagionali agricoli o ai lavoratori dello spettacolo, i quali lavorano solo alcuni periodi o alcuni giorni dell anno, ma tali periodi ridotti di lavoro hanno comunque effetti ai fini della produzione di diritti e di tutele previdenziali. 6

7 FISASCAT CISL Scheda di sintesi su: LA TUTELA PREVIDENZIALE CRITICITÀ, PROPOSTE E OBIETTIVI Oggetto Soggetti interessati Punti di criticità Obiettivi e proposte Previdenza obbligatoria Tutti i lavoratori dipendenti Accesso alla pensione dopo la riforma Berlusconi (legge 243/04): a) pensioni di anzianità (scalone previdenziale) dal 2008 elevazione da 57 a 60 anni del requisito anagrafico con 35 anni di contribuzione 1. Eliminazione dello scalone 2. Innalzamento dell età pensionabile su scelta volontaria del lavoratore 3. Introduzione della quota - mix età anagrafica e anzianità contributiva (esempio: quota 95) 4. Tutela delle lavoratrici madri, delle attività usuranti, delle condizioni di disabilità b) pensione di vecchiaia con il sistema contributivo dal 2008 innalzamento da 57 a 65 anni per gli uomini ed a 60 anni per le donne l età minima per accedere alla pensione 5. Ripristinare la flessibilità dei pensionamenti nel sistema contributivo Tasso di sostituzione (rapporto tra pensione e ultima retribuzione) I lavoratori che andranno in pensione con il sistema di calcolo contributivo o misto (meno di 18 anni di contribuzione al 31 dicembre 1995) La introduzione del sistema contributivo ha notevolmente ridotto il rendimento pensionistico per i giovani lavoratori Migliorare il rapporto tra pensione ed ultima retribuzione, al fine di un trattamento pensionistico dignitoso 1. Elevare il tasso di occupazione (politiche attive del lavoro) 2. Innalzamento delle aliquote contributive 7

8 per i lavoratori autonomi e ex lavoro parasubordinato (in parte già fatto con legge finanziaria 2007) 3. Attuazione della previdenza complementare Previdenza complementare A. Tutti i lavoratori dipendenti a) Mancato decollo della previdenza complementare per molti lavoratori e categorie 1. Rafforzamento della previdenza complementare mediante incentivi fiscali. b) Tasso di sostituzione non adeguato 2. Anticipo della nuova disciplina rispetto alla data del 2008, in particolare per quanto concerne le modalità di adesione e di finanziamento (TFR ai fondi pensione con la formula del silenzio/assenso) B. Figure deboli del mercato del lavoro (lavoratori a orario ridotto ed a basso reddito) Impossibilità a crearsi una previdenza complementare in assenza di lavoro e di reddito, in presenza di una previdenza obbligatoria già ridotta Consentire anche alle figure deboli di crearsi la previdenza complementare, tramite: 1. modalità organizzative specifiche (istituzione e adesione ai fondi) 2. agevolazioni finanziarie atte ad agevolarne l accesso ai fondi Copertura assicurativa ai fini pensionistici A. Figure deboli del mercato del lavoro a) Per periodi non lavorati è consentito il riscatto della contribuzione o la prosecuzione volontaria 1. Detti periodi non dovrebbero essere coperti a titolo oneroso a carico di dette figure deboli: Fiscalità? Contribuzione figurativa? B. Part-time verticale (a forte presenza femminile) b) In assenza di indennizzo per i periodi non lavorati è consentito il riscatto della 2. Detti periodi non dovrebbero essere coperti a titolo oneroso a carico di dette figure deboli: 8

9 contribuzione o la prosecuzione volontaria Fiscalità? Contribuzione figurativa? C. Lavoratori termali e addetti alle mense scolastiche e pulizie nelle scuole c) Con la legge 80/05 non è più corrisposta la indennità di DS per i periodi di sospensione del lavoro 3. Ripristino della indennità disoccupazione per reddito e copertura assicurativa Massimale retributivo Dipendenti case da gioco Esistono due massimali: quello della retribuzione imponibile giornaliera (623,13 euro) molto più elevato della retribuzione pensionabile giornaliera (196,32 euro) Elevare la retribuzione pensionabile giornaliera o unificare i due massimali Riconoscimento tutele previdenziali Lavoratori extra o di surroga Detti lavoratori, con attività saltuaria, in sostituzione di altri, non hanno riconoscimenti previdenziali Assimilare detti lavoratori agli stagionali dell agricoltura o ai lavoratori dello spettacolo, per i quali è richiesto un determinato numero di giornate lavorative durante l anno per avere diritto alla copertura assicurativa ed alle relative prestazioni Indennità di disoccupazione A. Apprendisti B. Lavoratori termali C. Addetti alle mense scolastiche e pulizia nelle scuole D. Cooperative ex 602/70 E. Part-time verticale Per alcuni soggetti la indennità di DS non è prevista, quali apprendisti, soci lavoratori di cooperative ex 602/70 e lavoratori con part-time verticale. Per altri lavoratori, termali e addetti alle mense scolastiche,la indennità è stata sospesa Estendere o ripristinare detta indennità di DS ai fini del reddito e della copertura assicurativa Cassa Integrazione Guadagni A. Settore terziario a) Cassa integrazione ordinaria. Dalla normativa vigente non è prevista alcun trattamento Estensione della disciplina generale B. Imprese commerciali b) Cassa integrazione straordinaria. Estensione della disciplina generale 9

10 C. Imprese di vigilanza privata D. Agenzie di viaggio e turismo E. Imprese appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione e servizi di pulizia b1. E concessa alle aziende commerciali con più di 200 dipendenti b2. Alle imprese commerciali tra 50 e 200 dipendenti, alle agenzie di viaggio e turismo che occupano più di 50 dipendenti, alle imprese di vigilanza privata con più di 15 dipendenti, alle imprese appaltatrici di servizi di mensa o ristorazione e servizi di pulizia con più di 15 dipendenti operanti presso imprese industriali beneficiarie di trattamenti di integrazione salariale straordinaria, viene concessa annualmente e con decreti ministeriali e con stanziamenti specifici Ammortizzatori sociali Nuove tipologie di lavoro legge Biagi Assenza di tutele fondamentali per i periodi di assenza dal lavoro Introduzione di ammortizzatori sociali: indennità di disoccupazione? Indennità di malattia A. COLF In caso di malattia è il datore di lavoro che provvede al pagamento di giornate di lavoro in proporzione all anzianità lavorativa Estensione della disciplina generale della indennità di malattia B. Portieri Per essi è possibile la iscrizione per via contrattuale alla cassa Portieri Estensione della disciplina generale della indennità di malattia? Indennità di maternità COLF a) Il diritto alla indennità di maternità matura solo se risultano versati o dovuti 52 contributi settimanali prima dell astensione obbligatoria oppure 26 contributi settimanali Estensione della disciplina generale sulla maternità 10

11 nell anno precedente l astensione obbligatoria b) Le COLF non hanno diritto né all allattamento, né ai congedi parentali 11

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione

Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) INCA-CGIL MILANO Formazione Il sistema di previdenza pubblico tra riassetto e controriforma (dalla legge Dini alla delega del governo Berlusconi) L organizzazione del primo pilastro Interventi legislativi: Decreto legislativo n.

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012

Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO. Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 Incontro informativo LA RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO Area Sindacale e Lavoro-Previdenza Confindustria Monza e Brianza Monza, 24 settembre 2012 La riforma del lavoro Legge 28 giugno 2012, n. 92 Maurizio

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Il nuovo sistema pensionistico introdotto dal c.d. decreto Monti

Il nuovo sistema pensionistico introdotto dal c.d. decreto Monti Il nuovo sistema pensionistico introdotto dal c.d. decreto Monti PREMESSA La riforma pensionistica disciplinata dal decreto Monti rappresenta, certamente, un punto di svolta nel sistema previdenziale italiano:

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI

L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI L INDENNITÀ ORDINARIA DI DISOCCUPAZIONE CON I REQUISITI NORMALI Che cos è È una prestazione a sostegno del reddito concessa a quei lavoratori che vengono a trovarsi senza lavoro, quindi senza retribuzione,

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE

TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE TFR E PREVIDENZA COMPLEMENTARE E il momento di scegliere A cura della Struttura di Comparto Scuola non statale DESTINARE IL TFR COS E IL TFR? Il trattamento di fine rapporto (anche conosciuto come liquidazione

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego 38 I Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione collettiva, possono essere istituiti

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Maggio 2015 Più si va avanti e più si allontana l accesso alla pensione degli italiani. Col passare degli anni, infatti, aumenta l età

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Patronato INCA CGIL Lombardia PATRONATO INCA CGIL Lombardia Il Fondo Complementare Sirio I tre pilastri della Previdenza Previdenza Obbligatoria Previdenza Complementare Forme di risparmio a finalità previdenziale (P.I.P.) I tre pilastri

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Le pensioni nel 2006

Le pensioni nel 2006 Le pensioni nel 2006 Proponiamo il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare

Aspetti fiscali sulla previdenza complementare Stampa Aspetti fiscali sulla previdenza complementare admin in LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: ASPETTI FISCALI Come è noto, la riforma, attuata con il Decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, in vigore

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR

I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR I Fondi di Previdenza Complementare contrattuali Novità introdotte dal 1 gennaio 2007 e destinazione del TFR Slide n.1 La pensione in rapporto all ultima retribuzione Ipotesi: Lavoratore con 35 anni di

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL

aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL aderente a ICEM ITGLWF EMCEF ETUF TCL LA PREVIDENZA dopo la RIFORMA MONTI in pillole I SISTEMI PENSIONISTICI VIGENTI Il sistema contributivo Soggetti assicurati dall 1.1.96. Il sistema misto Soggetti con

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE

SPAZIO AZIENDE AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Commercialisti Associati Bellttramii Pellllegriinii Ciimarollllii Veronesii Zorzii - Basiille 25124 Brescia 38100 Trento 38080 Darzo 20144 Milano 5, Via Aldo Moro 5, Via S. Vigilio 1, Zona Artigianale

Dettagli

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA Aprile 2012 1 L INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE AGRICOLA viene riconosciuta agli operai che lavorano in agricoltura iscritti negli elenchi nominativi dei lavoratori agricoli

Dettagli

LA MANOVRA MONTI FORNERO

LA MANOVRA MONTI FORNERO LA MANOVRA MONTI FORNERO DL n. 201 del 6/12/2011, conversione in legge n. 214 del 22/12/2011 1 Legge 214/11 art. 24 c. 6,7,9 requisiti richiesti dal 1.1.2012 Pensione di vecchiaia Innalzamento dell età

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa

Previcooper, il fondo pensione della distribuzione cooperativa Fondo Pensione per i lavoratori dipendenti dalle imprese della distribuzione cooperativa Iscritto all Albo dei Fondi Pensione con il numero d ordine 102 Previcooper, il fondo pensione della distribuzione

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR

LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR LA RIFORMA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE E L UTILIZZO DEL TFR A cura di Maria Rosa Gheido 1 LEGGE DELEGA n. 243/2004 (luglio 2004) AVVISO COMUNE DELLE PARTI SOCIALI (febbraio e luglio 2005) DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il Trattamento di Fine Rapporto

Il Trattamento di Fine Rapporto Il Trattamento di Fine Rapporto Principi generali La Tassazione 1 Nozione di T.f.r. Riferimenti normativi Soggetti beneficiari Base imponibile Retribuzione Utile Periodi Utili Accantonamento Rivalutazione

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI

RIFORMA DELLE PENSIONI RIFORMA DELLE PENSIONI I punti principali La proposta di legge delega di riforma del sistema previdenziale approvata dal Governo si propone di raggiungere due obiettivi, largamente condivisi a livello

Dettagli

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali

Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali La previdenza e l assistenza economica Glossario Prestazioni previdenziali e assistenziali Aliquote contributive aliquota di finanziamento: la quota della retribuzione lorda che viene versata sotto forma

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO. GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 21/01/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Prof. avv. Vincenzo Ferrante

Prof. avv. Vincenzo Ferrante S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PENSIONI ED ESODATI Profili comportamentali per le imprese alla luce della recente riforma Prof. avv. Vincenzo Ferrante Milano, 2 ottobre 2014 Slides dell

Dettagli

JOBS ACT. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014

JOBS ACT. A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014 JOBS ACT A cura del Sito Web Servizio Coordinamento Centri per l Impiego Provincia di Torino 29 dicembre 2014 INTRODUZIONE In data 15 dicembre 2014 è stata pubblicata la legge delega n.183 sul Jobs Act.

Dettagli

La nuova previdenza complementare

La nuova previdenza complementare Concreto Fondo Pensione Complementare Nazionale La nuova previdenza complementare La nuova previdenza complementare 1 Agenda Adesione esplicita e tacita Fonti di finanziamento e regole per la deducibilità

Dettagli

I Fondi pensione nel pubblico impiego

I Fondi pensione nel pubblico impiego I Fondi pensione nel pubblico impiego I scheda Fondi pensione destinati ai lavoratori dipendenti delle pubbliche amministrazioni dello Stato, il cui rapporto di lavoro è disciplinato tramite contrattazione

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE

LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE LA PREVIDENZA COMPLEMENTARE INDICE INTRODUZIONE IL TFR LA PREVVIDENZA COMPLEMENTARE IL FINANZIAMENTO DELLE FORME PENSIONISTICHE FORME DI ADESIONE AGEVOLAZIONI FISCALI TASSAZIONE DELLE PRESTAZIONI TRASFERIMENTO

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO

PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PREVIDENZA COMPLEMENTARE IL FONDO PERSEO PERSEO, il Fondo pensione complementare dei dipendenti delle Regioni, Autonomie locali e della Sanità Chi può aderire PERSEO può contare su una platea di potenziali

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL

La previdenza per le donne. Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani. Problemi comuni. Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL La previdenza per le donne Donne in pensione Donne pensionande Donne giovani Problemi comuni Cristina Bolzani dipartimento previdenza SPI-CGIL 1 Un po di numeri PER RIFLETTEERE 2 Le donne in pensione 3

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE *

SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * SCHEMA DI SINTESI SULLA NORMATIVA DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE * Chi è interessato dalla Riforma Sono interessati alla riforma della previdenza complementare attuata con il decreto legislativo n. 252/2005

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

Incentivi alle assunzioni

Incentivi alle assunzioni Incentivi alle assunzioni Principali incentivi alle assunzioni Esonero contributivo Legge Stabilità 2015 Bonus Garanzia Giovani Incentivo donne e over 50 Incentivo iscritti liste mobilità indennizzata

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria. Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione NOTA PER I DELEGATI Lo scorso mese di dicembre è stata approvata la c.d. Legge

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

OUTPUT REPORT ESEMPLIFICATIVO «Obiettivo Pensione» Dati contributivi

OUTPUT REPORT ESEMPLIFICATIVO «Obiettivo Pensione» Dati contributivi OUTPUT REPORT ESEMPLIFICATIVO «Obiettivo Pensione» Dati contributivi I dati forniti dal sistema INPS indicano che Lei ha maturato, alla data del, nel Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, n.1317 contributi

Dettagli

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione

Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il D.Lgs. n. 22/2015 sugli Ammortizzatori

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007

Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 12 17 MARZO 2008 Le scritture contabili per la rilevazione del TFR al 31 dicembre 2007 Copyright

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO

STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO STUDIO ASSOCIATO ZINNO CIRCOLARE DI STUDIO 14/12/2012 Il Finanziamento dell Aspi e la tassa sui licenziamenti dal 01/01/2013 Sommario Circolare LAVORO Sommario...2 NEWS...3 1.1 La nuova disoccupazione

Dettagli

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI

Esonero contributivo triennale. Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI Esonero contributivo triennale Nuova Assicurazione Sociale per l Impiego - NASPI API Torino 5 marzo 2015 Beniamino Gallo Esonero triennale per le assunzioni a tempo indeterminato Il legislatore si è posto

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli