LA NUOVA RIFORMA DELLA PREVIDENZA: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO E LE PROSPETTIVE FUTURE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA RIFORMA DELLA PREVIDENZA: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO E LE PROSPETTIVE FUTURE"

Transcript

1 CORSO ON LINE LA NUOVA RIFORMA DELLA PREVIDENZA: IL CONTESTO DI RIFERIMENTO E LE PROSPETTIVE FUTURE Contenuti a cura di DOTT. SSA NICOLETTA MARINELLI Ricercatrice all Università degli Studi di Macerata Facoltà di Economia - Docente di Economia degli Intermediari Finanziari Dispensa 1 di 13

2 LEZIONE 1: IL SISTEMA PREVIDENZIALE ITALIANO Lo scenario generale Il sistema previdenziale italiano è costituito da tre pilastri. Il primo comprende la Previdenza Pubblica di Base. E obbligatoria, in quanto il contributo è dovuto per legge, fa capo all INPS, all INPDAP e ad altri Enti. E basata su un sistema a ripartizione. Il secondo pilastro comprende la Previdenza Complementare Collettiva, essa è facoltativa e serve ad integrare il primo pilastro, contribuendo ad innalzare il tasso di sostituzione salariale. E costituita dai Fondi Pensione Chiusi, o Negoziali, dai Fondi Pensione Aperti ad adesione collettiva e dai Fondi Preesistenti. E basata su un sistema a capitalizzazione. L ultimo pilastro è relativo alla Previdenza Complementare Individuale. E facoltativa, consente al lavoratore di incrementare il proprio reddito in età avanzata e di scegliere tempi e modi nell erogazione della prestazione. E costituita dai Fondi Pensione Aperti ad adesione individuale e da polizze assicurative aventi caratteristiche previdenziali, i cosiddetti Piani Individuali di Previdenza. Anche questo pilastro è basato su un sistema a capitalizzazione. Scopriamo insieme la struttura del primo pilastro: la previdenza pubblica di base. I contributi individuali possono essere di diversa tipologia: obbligatori, volontari, da riscatto o figurativi. Essi alimentano un monte cui si attinge, nel corso della vita lavorativa del contribuente, per: cessazione del rapporto di lavoro diminuzione della capacità lavorativa necessità di sostegno del reddito familiare o alla fine della vita lavorativa, per la liquidazione della pensione. Il sistema utilizzato per la gestione di questi contributi previdenziali è la ripartizione. Obbligatori - I contributi individuali obbligatori sono imposti in relazione a un attività di lavoro svolta, con modalità e tempi previsti dall ordinamento giuridico vigente. Da riscatto - I contributi individuali da riscatto avvengono su richiesta dell interessato e sono onerosi, per coprire periodi altrimenti privi di contribuzione. ESEMPI: contributi non versati dal datore di lavoro, corso legale di laurea, attività lavorativa svolta all estero in Paesi non convenzionati, anni di praticantato effettuati dai promotori finanziari, ecc. Volontari - I contributi individuali volontari avvengono su richiesta dell interessato e sono onerosi, per coprire con la contribuzione i periodi durante i quali il lavoratore ha cessato o interrotto l attività lavorativa. ESEMPI: mancato svolgimento di qualsiasi attività lavorativa dipendente/autonoma/parasubordinata, richiesta di brevi periodi di aspettativa non retribuita per motivi familiari o di studio, stipula di contratti parttime, ecc. Figurativi - I contributi individuali avvengono su richiesta o d ufficio e sono gratuiti. ESEMPI: servizio militare, malattia e infortunio, congedo per maternità, cassa integrazione, ecc. La gestione dei contributi La ripartizione è un sistema utilizzato per la gestione dei contributi previdenziali in base al quale i contributi versati dai lavoratori attivi sono utilizzati per pagare le pensioni delle generazioni in quiescenza. Di conseguenza, quando i lavoratori attivi andranno in pensione, si utilizzeranno i contributi di chi in quel momento sarà in attività. Questo sistema, utilizzato dall ente previdenziale pubblico, ha come presupposto una mutualità generazionale, vale a dire un patto tra generazioni. Altro sistema utilizzato per la gestione dei contributi previdenziali è quello detto a capitalizzazione. In base a questo sistema ogni lavoratore versa i propri contributi in un apposito fondo, che li gestisce e li investe. Al momento del pensionamento, lo stesso lavoratore riceverà quanto versato a titolo di contributi più il risultato della gestione finanziaria degli stessi. Questo sistema, utilizzato dalla previdenza complementare, si fonda sul criterio della corrispettività tra storia contributiva del soggetto e prestazione previdenziale erogata e non prevede alcun patto tra generazioni. Adesso conosci i due sistemi di gestione dei contributi previdenziali. Per comprendere a fondo le loro caratteristiche analizza il prospetto sinottico con il confronto fra i due sistemi. 2 di 13

3 SISTEMI DI GESTIONE DEI CONTRIBUTI PREVIDENZIALI A CONFRONTO RIPARTIZIONE - Possono essere erogate prestazioni da subito, dalla partenza del sistema pensionistico, utilizzando i contributi in entrata. - Permette di far fronte agli impegni presi e di proseguire il sistema pensionistico anche in caso di eventi imprevisti destabilizzanti del sistema paese (es. guerre, rivoluzioni ) e della conseguente perdita del potere d acquisto dei capitali accumulati. - In caso di variazioni demografiche che implicano una maggiore spesa pensionistica (es. longevità) sposta il costo delle variazioni sulle generazioni future. - Si fonda sull equilibrio fra entrate e uscite, quindi, può indurre ad aumentare le prestazioni in periodi di boom economico portando a promesse difficili da mantenere in periodi di recessione. CAPITALIZZAZIONE - E neutrale rispetto alla dinamica demografica della popolazione. - Permette di rispettare il principio di equità contributiva a livello individuale, secondo cui le pensioni percepite sono funzione dei contributi pagati tempo per tempo. - E necessario investire in maniera adeguata i capitali che si accumulano per un periodo molto lungo. - Ci sono dei limiti fisiologici al totale delle riserve gestibili (se la previdenza di base italiana fosse tutta a capitalizzazione ci sarebbe un problema di eccesso di capitale). Subisce l effetto delle crisi economiche e finanziarie in maniera diretta. La storia della previdenza E adesso un po di storia, la prima tutela pensionistica italiana si fa comunemente risalire al 1898 con l'istituzione della Cassa Nazionale di Previdenza per l'invalidità e la Vecchiaia degli operai con il compito di gestire forme facoltative di assicurazione. Subito dopo la prima guerra mondiale, venne invece sancita l obbligatorietà dell assicurazione di invalidità e vecchiaia per tutti i lavoratori dipendenti privati. Originariamente, il sistema pensionistico pubblico è gestito attraverso l adozione di un sistema a capitalizzazione. L avvento della Seconda Guerra Mondiale e la conseguente svalutazione della Lira provocano, però, il dissesto finanziario delle gestioni previdenziali esistenti, facendo emergere con urgenza la necessità di una riforma strutturale. Tale riforma, introdotta nel 1952 con la Legge n. 218, sostituisce il sistema di gestione a capitalizzazione con quello a ripartizione. Fino agli anni Ottanta la gestione dei contributi con il sistema a ripartizione è in pareggio, infatti prevalgono i lavoratori attivi rispetto ai pensionati e si hanno più contributi versati rispetto alle pensioni erogate. La situazione però cambia dagli anni ottanta. La gestione a ripartizione va in disavanzo per fattori demografici, economici e normativo-istituzionali. Per riequilibrare il sistema previdenziale e per contenere l esplosione della spesa pubblica per pensioni si mettono in atto diverse iniziative: dalla Riforma Amato del 1992 fino agli interventi legislativi introdotti nel 2011 con la Legge 214. Ognuna di queste iniziative porta avanti una logica riformatrice complessiva che ha come obiettivo l innalzamento dell età pensionabile, il ridimensionamento della garanzia previdenziale pubblica e l istituzionalizzazione di forme di previdenza integrativa. La svolta è sostanziale: le pensioni dei giovani saranno sicuramente inferiori a quelle dei rispettivi genitori e in molti casi pari a meno della metà dell ultimo stipendio percepito. Le riforme sulla previdenza di base Riforma Amato (D.Lgs. 503/1992) - Rideterminazione del periodo di riferimento per il calcolo della pensione con il metodo retributivo (da 5 a 10 anni per i lavoratori dipendenti; da 10 a 15 anni per i lavoratori autonomi; l intera vita lavorativa per i neoassunti) Riforma Dini (Legge 335/1995) - Passaggio graduale da un sistema di calcolo retributivo ad uno contributivo Riforma Maroni (Legge delega 243/2004) - Introduzione delle cd. quote (somma requisito anagrafico e contributivo) per le pensioni di anzianità, mantenendo la possibilità di uscita con 40 anni di contributi 3 di 13

4 Riforma Prodi-Damiano (Legge 247/2007) - Aggiustamento delle cd. quote per l accesso alla pensione di anzianità, eliminando lo scalone previsto dalla Riforma Maroni - Introduzione della revisione automatica e triennale dei coefficienti di calcolo della pensione in funzione della vita media calcolata su dati ISTAT Riforma Sacconi.Brunetta (Legge 102/2009) - Dal 1 gennaio 2015, adeguamento ogni 5 anni dei requisiti anagrafici per il pensionamento all incremento della speranza di vita accertato dall ISTAT e validato dall EUROSTAT Riforma Tremonti (Legge 122/2010) - Dal 1 gennaio 2012, età di pensionamento prevista per le lavoratrici del pubblico impiego aumentata a 65 anni - Dal 1 gennaio 2015, aumento di età pensionabile e coefficienti di calcolo della pensione in funzione dell aspettativa di vita con cadenza triennale (non più ogni 5 anni) Il sistema di calcolo Il sistema di calcolo della pensione retributivo è imperniato su una logica solidaristica. La pensione viene calcolata in misura percentuale sulla media delle retribuzioni percepite negli ultimi anni di lavoro dell assicurato. Ecco la formula per calcolare la pensione erogata, nello specifico è necessario moltiplicare la Retribuzione pensionabile per gli anni di contribuzione per l aliquota percentuale. FORMULA DI CALCOLO: Retribuzione pensionabile (RP) X Anni di contribuzione X Aliquota % Retribuzione pensionabile (RP) CONTRIBUTI VERSATI PRIMA DEL 1992 Dipendenti pubblici = ultima retribuzione mensile Dipendenti privati e autonomi = retribuzione media rispettivamente degli ultimi 5 e 10 anni CONTRIBUTI SUCCESSIVI AL 1992 Dipendenti pubblici e privati = retribuzione media degli ultimi 10 anni Lavoratori autonomi = retribuzione media degli ultimi 15 anni Anni di contribuzione Il massimo raggiungibile equivale a 40 anni Aliquota % Aliquota del 2% annuo della retribuzione/reddito percepiti entro il limite di euro annui (nel 2010) e decresce per le fasce di importo superiore fino allo 0,9%. In pratica, se la retribuzione pensionabile non supera il limite di euro, con 35 anni di anzianità contributiva la pensione è pari al 70% della retribuzione, con 40 anni è pari all 80%. Il sistema contributivo è imperniato sulla logica della corrispettività. In particolare, l importo della pensione è commisurato all insieme dei contributi versati nell arco della vita lavorativa del soggetto. Ecco la formula per calcolare la pensione erogata, nello specifico è necessario moltiplicare il Montante contributivo per i coefficienti di trasformazione. FORMULA DI CALCOLO: Montante contributivo X Coefficienti di trasformazione Montante contributivo E la somma di tutti i contributi versati durante l intera vita lavorativa e capitalizzati ad un tasso pari alla media mobile su 5 anni del tasso di crescita nominale del PIL. L aliquota di contribuzione utilizzata per calcolare l ammontare di contributi versati annualmente è: - 33% per i lavoratori dipendenti; - 20% per gli autonomi (per i lavoratori co.co.pro. 26%). Tale contribuzione è calcolata sui redditi fino a un massimale di euro nel Coefficienti di trasformazione Variano in base all età e sono gli stessi per uomini e donne. Dal 2010, oscillano da un minimo di 4,42% a 57 anni ad un massimo di 5,62% a 65 anni. 4 di 13

5 La Riforma Dini, nel 1995, sancisce l abbandono del sistema retributivo. Tale metodo di calcolo però rimane per le persone che hanno un anzianità contributiva pari ad almeno 18 anni alla data di entrata in vigore della riforma. Infatti se al 31 Dicembre 1995 si hanno almeno 18 anni di anzianità contributiva si applica integralmente il metodo di calcolo retributivo descritto in precedenza. Se invece alla stessa data si hanno meno di 18 anni di anzianità contributiva la pensione è calcolata in parte secondo il sistema retributivo, in parte con il sistema contributivo. Se, però, si possiede un anzianità contributiva pari o superiore a 15 anni, di cui almeno 5 successivi al 1995, è possibile utilizzare l opzione per avere la pensione calcolata esclusivamente con il sistema contributivo. Se invece alla stessa data non si è versato nessun contributo si applica integralmente il metodo di calcolo contributivo. METODO DI CALCOLO Retributivo - Il valore della futura pensione è più semplice da valutare per l iscritto in ogni momento della vita lavorativa - A parità di carriera e di anzianità la pensione non dipende dall età al pensionamento Contributivo - Il valore della futura pensione è difficile da valutare per l iscritto: dipende dalle contribuzioni presenti e future, dal PIL e da coefficienti che variano con le età e a seguito degli aggiornamenti periodici - L equità fra contributi versati dal soggetto e prestazioni erogate allo stesso è sempre riscontrabile - Crea differenze fra generazioni con periodi economici diversi: riflette immediatamente l effetto di crisi economiche sui montanti contributivi - E assimilabile a un sistema a capitalizzazione, in quanto il valore della pensione dipenderà: dalla dinamica del PIL nominale, dal tempo di permanenza, dalla dinamica retributiva del lavoratore E bene sottolineare che, contrariamente a quello che si è soliti pensare, in alcuni casi, il metodo contributivo determina prestazioni più alte: retribuzioni elevate, pensionamento in età avanzata e anzianità contributiva prolungata. Il risultato effettivo dipende però anche dalla dinamica economica, cui si aggancia la rivalutazione dei contributi versati. La previdenza di base, fino al 31 Dicembre 2011, prevede due tipologie di pensioni: di vecchiaia o di anzianità. La prima viene erogata al raggiungimento di una certa età anagrafica. 60 anni di età per le donne (65 anni dal 2012 per il pubblico impiego ai sensi della Legge 122/2010 per le dipendenti del settore privato innalzamento a 65 anni a partire dal 2014 fino al 2026, tramite una progressione stabilita) 65 anni di età per gli uomini 5 di 13

6 20 anni di contributi La seconda, quella di anzianità, viene invece erogata al raggiungimento di un certo numero di anni di contribuzione. Raggiungimento della quota prevista per l anno (somma di età anagrafica e anzianità contributiva). Per il , prevista quota 96 per i dipendenti con un minimo di 60 anni di età e quota 97 per gli autonomi con un minimo di 61 anni di età 40 anni di contribuzione indipendentemente dall età Per le lavoratrici, 35 anni di contributi e 57 anni di età, ma con rendita interamente contributiva In virtù delle cosiddette finestre mobili, in realtà, la decorrenza dell assegno pensionistico richiedeva un ulteriore attesa rispetto al momento in cui si maturavano i requisiti. Ecco un utile prospetto sinottico per conoscere in dettaglio i mesi che decorrevano dalla maturazione dei diritti all erogazione della prestazione di vecchiaia o anzianità. Finestre mobili (n. mesi dalla maturazione dei diritti per ottenere la prestazione) Vecchiaia /anzianità con quote Lav. dipendenti 12 mesi Lav. autonomi 18 mesi Anzianità con 40 anni di contributi Lav. dipendenti 12 mesi 13 mesi 14 mesi 15 mesi Lav. autonomi 18 mesi 19 mesi 20 mesi 21 mesi E bene ricordare che un ulteriore proroga della data di pensionamento di vecchiaia o anzianità era prevista in funzione delle aspettative di vita, la cui revisione era programmata ogni 3 anni, a partire dal con un incremento già stabilito di 3 mesi. L obiettivo finale era quello di raggiungere un età pensionabile di 67 anni nel Per completare il quadro della previdenza italiana prima della recente riforma delle pensioni, facciamo un breve cenno agli altri due pilastri del sistema pensionistico costituiti dalla previdenza complementare. Essa si basa sul concetto della capitalizzazione ed è caratterizzata dalla volontarietà dell adesione. I contributi versati sono accantonati e capitalizzati nel tempo per costruire la prestazione finale del singolo aderente. Si presenta in due forme: la previdenza complementare collettiva e quella individuale. Nota bene: da non dimenticare i Fondi Preesistenti, ovvero già in essere all entrata in vigore del D.Lgs. 124/1993 istitutivo della previdenza complementare in Italia 6 di 13

7 LEZIONE 2: LA NUOVA RIFORMA DELLE PENSIONI I principi della riforma e le maggiori novità Nel 2011 con il decreto legislativo numero 201, convertito successivamente in legge, viene varata la nuova riforma delle pensioni la cosiddetta riforma Fornero. Tale riforma è ispirata ai seguenti principi e criteri: - equità e convergenza intragenerazionale e intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli; - flessibilità nell accesso ai trattamenti pensionistici anche attraverso incentivi alla prosecuzione della vita lavorativa; - adeguamento dei requisiti di accesso alle variazioni della speranza di vita, affinché la maggior durata della vita media non si traduca in un maggior costo per il sistema previdenziale; - semplificazione, armonizzazione ed economicità dei profili di funzionamento delle diverse gestioni previdenziali. Le nuove regole: il contributivo pro-rata, la pensione di vecchiaia e anticipata Una delle prime modifiche varate con la nuova riforma riguarda proprio il sistema di calcolo della pensione. Infatti dal primo gennaio 2012 la pensione per tutti viene calcolata secondo le regole del sistema contributivo. Per chi attualmente ricade nel sistema interamente retributivo, il nuovo calcolo si applica pro quota alle anzianità contributive maturate a partire dal Nulla cambia per chi ricade nel sistema misto e nel sistema interamente contributivo. Con la nuova riforma cambiano anche le tipologie di pensione. Dal 1 Gennaio 2012 esisteranno due forme principali di pensione: la pensione di vecchiaia e la pensione anticipata. Sparisce invece la pensione di anzianità, con e senza quote. Naturalmente continuano ad esistere le altre forme di pensione. La prima tipologia, la nuova pensione di vecchiaia, si ottiene in base a determinati requisiti anagrafici. Sono previste misure parzialmente diverse per coloro che sono in possesso di anzianità contributiva al 31 Dicembre 1995 e per coloro che hanno il primo accredito contributivo dal primo Gennaio La seconda tipologia, la pensione anticipata, si ottiene invece al raggiungimento di una determinata anzianità contributiva e rappresenta l unica modalità di uscita per chi non ha ancora raggiunto il requisito anagrafico. Analizziamo le caratteristiche della nuova pensione di vecchiaia per coloro che sono in possesso di anzianità contributiva al 31 Dicembre Il requisito anagrafico per l accesso alla pensione di vecchiaia è diverso per le lavoratrici dipendenti del settore pubblico, per le dipendenti del settore privato, per le lavoratrici autonome o per i lavoratori dipendenti e autonomi. L età necessaria per le dipendenti del settore privato e per le lavoratrici autonome è destinata a crescere nei prossimi anni per essere equiparata a quella di tutti gli altri lavoratori. E bene ricordare che il diritto a tale pensione si consegue esclusivamente in presenza di un anzianità contributiva minima pari a 20 anni. Ai fini del raggiungimento di tale requisito, è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata in favore dell assicurato. 7 di 13

8 Per coloro che sono in possesso di anzianità contributiva a partire dal primo Gennaio 1996 il requisito anagrafico e quello contributivo consistono nella maturazione delle stesse misure previste per i soggetti con anzianità contributiva al 31 Dicembre In aggiunta, tuttavia, il diritto alla pensione si consegue a condizione che l importo della pensione risulti essere superiore a 1.5 volte l importo dell assegno sociale, annualmente rivalutato sulla base della variazione media quinquennale del PIL nominale. Tale importo minimo non conta se il lavoratore ha 70 anni di età e 5 anni di contribuzione effettiva (obbligatoria, da riscatto, volontaria, con esclusione di quella accreditata figurativamente a qualsiasi titolo). La seconda tipologia di pensione, la pensione anticipata, si ottiene invece con un anzianità contributiva pari a 41 anni per le donne e 42 anni per gli uomini con diversi scalini mensili in base all anno di riferimento. Ai fini del raggiungimento di tale requisito, è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata in favore dell assicurato, fermo restando il requisito di 35 anni di contribuzione utile per il diritto alla pensione di anzianità disciplinata dalla normativa previgente, che esclude dal computo la contribuzione figurativa per malattia e per disoccupazione. Per i soggetti che accedono alla pensione anticipata prima dei 62 anni si deve fare un discorso diverso. Per questi soggetti si applica una riduzione pari a 1% per ogni anno di anticipo, sulla quota di trattamento pensionistico relativa alle anzianità contributive maturate al Tale penalizzazione è elevata a 2% per ogni anno di anticipo ulteriore rispetto ai due anni, in pratica, prima dei 60. Si applica sulla quota di trattamento pensionistico calcolata con il sistema retributivo. Per capire meglio come opera la penalizzazione prendiamo il caso di un lavoratore nato nel 1958 che inizia a lavorare all età di 16 anni. All età di 58 anni, nell anno 2016, il lavoratore raggiunge un anzianità contributiva di 42 anni e può quindi usare le regole della pensione anticipata per andare in pensione. In questo caso, tuttavia, il lavoratore subisce una penalizzazione, in quanto pur avendo maturato 42 anni di contributi, non ha raggiunto i 62 anni minimi previsti. La penalizzazione per gli anni di età mancanti è pari al 6%. Si precisa che grazie a una previsione del decreto Milleproroghe la penalizzazione è stata rinviata al di 13

9 I soggetti con un anzianità contributiva a partire dal primo Gennaio 1996 per ottenere la pensione anticipata devono rispettare i medesimi criteri previsti per i soggetti che invece hanno già un anzianità contributiva al 31 Dicembre Ai fini del raggiungimento di tale requisito, è valutabile la contribuzione a qualsiasi titolo versata o accreditata in favore dell assicurato, fermo restando che non concorre quella derivante dalla prosecuzione volontaria e quella per periodi di lavoro precedenti il raggiungimento dei 18 anni è moltiplicata per 1,5. Per questi lavoratori non si attua la riduzione del trattamento pensionistico nel caso di uscita prima dei 62 anni. E possibile però ottenerla al compimento di 63 anni, a condizione che: risultino versati e accreditati almeno 20 anni di contribuzione effettiva e l ammontare mensile della prima rata di pensione risulti non inferiore a 2,8 volte l importo dell assegno sociale, annualmente rivalutato sulla base della variazione quinquennale del PIL nominale. L adeguamento alla speranza di vita I nuovi limiti di età rappresentano l età minima di pensionamento. Con il nuovo sistema i lavoratori possono scegliere di proseguire l attività fino all età di 70 anni, fermi restando i limiti dei settori di appartenenza, con diritto al mantenimento del posto di lavoro. Il proseguimento dell età lavorativa è incentivato con i coefficienti di trasformazione della pensione calcolati fino all età di 70 anni, grazie ai quali l importo della pensione crescerà al crescere dell età. COEFFICIENTI ANCORATI ALL ETA I coefficienti di trasformazione che sono utilizzati nell ambito del metodo contributivo per trasformare in pensione il montante di contributi rivalutati saranno estesi oltre i 65 anni attuali e calcolati con riferimento a ciascuna età sino ai 70 (ed in futuro anche oltre quando tale limite verrà incrementato sulla base dell evoluzione della sopravvivenza media). I nuovi coefficienti non sono stati ancora pubblicati. Dal primo Gennaio 2012, con la nuova riforma, sono inoltre abolite le regole sulla decorrenza dei trattamenti pensionistici, le cosiddette finestre mobili di uscita. Nel nuovo sistema la pensione di vecchiaia decorre dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale l assicurato ha compiuto l età pensionabile. Ma nel caso in cui a tale data non risultino soddisfatti i requisiti di anzianità assicurativa e contributiva? In tal caso la pensione decorre dal primo giorno del mese successivo a quello in cui i requisiti suddetti vengono raggiunti. La pensione di vecchiaia può inoltre essere avviata su richiesta dell interessato, dal primo giorno del mese successivo a quello nel quale è stata presentata la domanda la pensione anticipata decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda. Tutti i requisiti per l accesso al sistema pensionistico saranno adeguati in base agli incrementi nella speranza di vita. Il primo adeguamento si applica dal 2013 e per legge non può essere superiore a 3 mesi. L adeguamento sarà biennale solo dal Con riferimento al requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia, ciò significa che dal 2013 i requisiti di età per tutti i lavoratori aumenteranno di 3 mesi. E inoltre previsto che per tutti l età della pensione di vecchiaia non può essere comunque inferiore a 67 anni nel 2021, anche qualora tale traguardo non sia raggiunto tramite gli adeguamenti automatici. Altro effetto indotto dall adeguamento alla speranza di vita è quello sui requisiti contributivi per la pensione anticipata. Dal 2013, il requisito contributivo effettivo sarà di 41 anni e 5 mesi per le donne e di 42 anni e 5 mesi per gli uomini. Tale requisito continuerà ad aumentare nel 2016 e nel 2019 e poi con cadenza biennale. Anche l età minima per il conseguimento della pensione anticipata, prevista per i soggetti con primo accredito contributivo a partire dal primo Gennaio 1996, sarà adeguato alla speranza di vita, con un primo incremento nel 2013 pari a 63 anni e 3 mesi. La nuova riforma delle pensioni prevede una disciplina degli esoneri per determinate categorie di lavoratori che continuano ad accedere al pensionamento secondo i vecchi requisiti. Anche per questi lavoratori, tuttavia, vale la regola del metodo di calcolo contributivo per la quota di contributi accumulata dal Diritti maturati al Chi matura i requisiti entro il 31/12/2011 in base alle regole previgenti (vecchiaia, anzianità con quote, anzianità con 40 anni di contributi), compresi chi li aveva maturati in precedenza senza accedere alla pensione. La vecchia opzione per il contributivo 9 di 13

10 Le donne con anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni e un età di almeno 57 anni (dipendenti) o 58 anni (autonome) che optano per la liquidazione della posizione con il contributivo (deroga in via sperimentale fino al 2015 a condizione che al 31/12/1995 si possieda meno di 18 anni di contributi). Lavori usuranti I lavoratori addetti a lavorazioni particolarmente faticose e pesanti, per i quali tuttavia la riforma attenua la portata dei benefici previdenziali prima previsti. Per altre tipologie di lavoratori, la disciplina degli esoneri vale solo nei limiti delle risorse finanziarie stabilite e disponibili dal 2013, in base alle quali verrà stabilito il plafond di soggetti esentati. Lavoratori licenziati o che hanno accettato di lasciare il lavoro Lavoratori in mobilità breve sulla base di accordi sindacali stipulati anteriormente al 04/12/2011, che maturano i requisiti di pensionamento entro il periodo di fruizione dell indennità, e lavoratori in mobilità lunga, per effetto di accordi collettivi stipulati entro il 04/12/2011 Lavoratori titolari di prestazione straordinaria a carico dei fondi di solidarietà di settore e lavoratori per i quali sia stato previsto entro il 04/12/2011 il diritto di accesso ai fondi di solidarietà. Questi ultimi lavoratori rimangono comunque a carico dei fondi di solidarietà fino al compimento di almeno 60 anni di età. Lavoratori i quali, antecedentemente alla data del 04/12/2011, sono stati autorizzati alla prosecuzione volontaria dei contributi o che al 04/12/2011 avevano in corso l istituto dell esonero dal servizio Lavoratori il cui rapporto di lavoro si sia risolto entro il 31/12/2011 in ragione di accordi individuali o in applicazione di accordi collettivi di incentivo all esodo stipulati dalle organizzazioni più rappresentative a livello nazionale in possesso dei requisiti al pensionamento entro 24 mesi Lavoratori in congedo per assistere figli con disabilità grave alla data del 31/10/2011 che, entro 24 mesi dal congedo, maturino il previgente requisito contributivo per il pensionamento, indipendentemente dall età. La nuova riforma delle pensioni prevede anche una mini-clausola di salvaguardia, di carattere eccezionale, riservata ai lavoratori dipendenti del settore privato che si trovavano più vicini al pensionamento secondo le norme pre-riforma. A queste tipologie di lavoratori sono riconosciute alcune forme di deroga e beneficio. Sconto per i dipendenti del settore privato I lavoratori dipendenti del settore privato che maturano entro il 31/12/2012 i vecchi requisiti per la pensione di anzianità (35 anni di contributi, almeno 60 anni di età e quota 96 ): in questo caso, è possibile il pensionamento anticipato a 64 anni (con due anni di anticipo rispetto al nuovo requisito di 66 anni per la pensione di vecchiaia) Sconto per le dipendenti del settore privato Le lavoratrici dipendenti del settore privato che maturino entro il 31/12/2012 un anzianità contributiva di almeno 20 anni e un età anagrafica di almeno 60 anni: queste lavoratrici, se più favorevole, possono conseguire la pensione di vecchiaia con un età anagrafica di 64 anni. Gli altri trattamenti della riforma Proseguiamo analizzando una serie di trattamenti che vengono toccati dalla nuova riforma a partire dall assegno sociale. E stato istituito nel 1995 e si tratta di una prestazione di carattere assistenziale che prescinde del tutto dal pagamento dei contributi. Spetta ai cittadini che si trovano in condizioni economiche disagiate. Viene corrisposto ai cittadini italiani, residenti in Italia, che abbiano compiuto 65 anni e si trovino nelle condizioni reddituali previste dalla legge. Anche i cittadini comunitari e familiari a carico, che risiedono regolarmente in Italia per un periodo superiore a 3 mesi, possono farne richiesta, a condizione che abbiano soggiornato legalmente e in via continuativa in Italia per almeno 10 anni. La nuova riforma delle pensioni prevede che il requisito anagrafico per l assegno sociale sia innalzato a 66 anni dal 2018 e si adegui come gli altri agli incrementi periodici previsti in base alla speranza di vita. L allungamento dell età pensionabile stabilito dalla nuova riforma della previdenza comporta ricadute anche in materia di concessione di supplementi di pensione e di trattamenti pensionistici supplementari. Il supplemento di pensione prevede una serie di incrementi che vengono concessi, su domanda del pensionato, per quei contributi che si riferiscono a periodi di attività lavorativa successivi alla data di pensionamento. La pensione supplementare è una prestazione che viene liquidata, su domanda, a chi ha contributi versati all INPS in misura non sufficiente a perfezionare il diritto a un altra pensione. Ne esistono 10 di 13

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche

Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche 2 modulo Il sistema pensionistico italiano e le sue caratteristiche Riferimento bibliografico: capitolo 1 A cura di Luca Santamaria 1 I principali riferimenti della lezione I diversi sistemi pensionistici

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Corso di Economia e Strumenti degli Intermediari Finanziari (II modulo)

Corso di Economia e Strumenti degli Intermediari Finanziari (II modulo) PROGRAMMA DEL CORSO II MODULO Area tematica I: Gli strumenti finanziari Area tematica II: I prodotti bancari di raccolta Area tematica III: I prodotti bancari di impiego Area tematica IV: Gli strumenti

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ

Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ Federazione Nazionale delle Associazioni di Quadri ed Alte Professionalità PENSIONI LE NOVITÀ PENSIONI LE NOVITA Non è una novità, ma l obiettivo del governo è incassare più soldi con tutti i mezzi possibili.

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli

Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti. Dott. Matteo Robustelli Le forme pensionistiche dei lavoratori dipendenti, degli autonomi e dei professionisti SISTEMI PENSIONISTICI A RIPARTIZIONE I contributi lavoratore versati servono oggidal pagare oggile pensioni a essere

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali

L applicazione generalizzata del metodo contributivo: problematiche tecnico attuariali FONPREVIDENZA Associazione Italiana per la Previdenza e Assistenza Complementare Fondazione di Studi per la Previdenza e l Assistenza Complementare La nuova riforma delle pensioni: analisi e Prospettive

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

La riforma delle pensioni

La riforma delle pensioni La riforma delle pensioni A partire dal 1 gennaio 2012, le anzianità contributive maturate dopo il 31 dicembre 2011 verranno calcolate per tutti i lavoratori con il sistema di calcolo contributivo. Il

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione

Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011. Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Circolare N.165 del 12 Dicembre 2011 Decreto Salva Italia. Le novità in materia di pensione Decreto Salva Italia: le novità in materia di pensione Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli;

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli; EDIZIONE 2012-2013 Presentazione La riforma della previdenza è uno dei più importanti interventi del Governo Monti per garantire il rispetto, degli impegni con l'unione Europea, in modo da accelerare il

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni.

Si illustrano qui di seguito gli interventi che incidono sia sulle entrate contributive che sulle uscite per prestazioni. ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA DEI GIORNALISTI ITALIANI GIOVANNI AMENDOLA Via Nizza n. 35 00198 Roma SINTESI DEGLI INTERVENTI DI RIFORMA ADOTTATI DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL INPGI NELLA SEDUTA

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

La Previdenza Complementare

La Previdenza Complementare La Previdenza Complementare Il sistema previdenziale italiano pagina 1 Indice Il sistema previdenziale italiano La previdenza complementare L adesione a previdenza complementare Le prestazioni della previdenza

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

VADEMECUM SULLE PENSIONI

VADEMECUM SULLE PENSIONI VADEMECUM SULLE PENSIONI Si è cercato, con questo vademecum, di fornire alcune fondamentali informazioni ai lavoratori in merito alla materia pensionistica. Ovviamente non si sono potute affrontare tecnicamente

Dettagli

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro)

Andamento Economico-patrimoniale Fondo Clero (milioni di euro) -1.888-1.986-2.084 17/7/2015 In questa sezione pubblichiamo informazioni che chiariscono le regole previste per la composizione e l effettivo funzionamento delle maggiori gestioni pensionistiche amministrate

Dettagli

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.

Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03. Legge n. 214/2011, come modificata dalla legge n. 14/2012 Circolari INPS n. 35, 36 e 37 del 14.03.2012 Circolare Dip. Funz. Pubbl. n. 2 del 08.03.2012 Nota congiunta CGIL e INCA a cura del Dipartimento

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale

Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Le novità del Decreto Salva Italia in materia previdenziale In attesa che sia definitivamente approvato dal Parlamento il Decreto salva Italia, forniamo una sintesi dei contenuti

Dettagli

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC GUIDA FISAC PrevidenzaGenerale 2015 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida alla Previdenza 2015 Guida alla Previdenza Generale 2015 A cura di Giampiero Reccagni

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

Manovra Finanziaria 2010:

Manovra Finanziaria 2010: Manovra Finanziaria 2010: Confermati i tagli agli enti locali. Blocco degli stipendi per gli statali. Dal 2015 si alza l età per la pensione. Pensioni Dal 2015 i requisiti di età e la somma tra età e contributi

Dettagli

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC

GUIDA FISAC. PrevidenzaGenerale CGIL FISAC GUIDA FISAC PrevidenzaGenerale 2014 CGIL FISAC FISAC CGIL - Dipartimento Comunicazione - www.fisac-cgil.it - Guida alla Previdenza 2014 Guida alla Previdenza Generale 2014 A cura di Giampiero Reccagni

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO

IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO IL NUOVO SISTEMA PENSIONISTICO 1 Il nuovo sistema pensionistico Pensplan Come cambia la previdenza LA RIFORMA IN SINTESI DUE TIPI DI TRATTAMENTO: PENSIONE DI VECCHIAIA E PENSIONE ANTICIPATA ESTENSIONE

Dettagli

La piattoforma CGIL-CISL-UIL

La piattoforma CGIL-CISL-UIL La piattoforma CGIL-CISL-UIL Note di approfondimento sul capitolo pensioni CGIL-CISL_UIL hanno presentato una piattaforma unitaria su Fisco e Pensioni che verrà presentata nelle assemblee sui posti di

Dettagli

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici

Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania. Le pensioni obbligatorie dei dipendenti pubblici Direzione Regionale Inpdap Sicilia Sede Inpdap di Catania Giornata per il Futuro Seminario sulla previdenza obbligatoria e complementare: conoscere per comprendere, comprendere per decidere Le pensioni

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

Diritto della previdenza sociale:

Diritto della previdenza sociale: Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Diritto della previdenza sociale: la tutela per l invalidità, vecchiaia e superstiti Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Università

Dettagli

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi

Piramide società. Rapporto attivi/non attivi C era una volta. Le pensioni ieri ed oggi Dalla riforma Amato a Monti. I fondamentali della previdenza Piramide società Spesa Protezione sociale Speranza di vita Rapporto attivi/non attivi L invecchiamento

Dettagli

Capo IV RIDUZIONI DI SPESA. PENSIONI

Capo IV RIDUZIONI DI SPESA. PENSIONI 10. La durata in carica dei componenti del Consiglio nazionale dell economia e del lavoro individuati secondo i criteri di cui sopra, ha scadenza coincidente con quella dell attuale consiliatura relativa

Dettagli

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA

PER MAGGIORI INFORMAZIONI VI INVITIAMO A RECARVI PRESSO LA SEDE DEL PATRONATO ITAL-UIL PIÙ VICINA NORME DI ARMONIZZAZIONE PER L ACCESSO ALLA PENSIONE DI VECCHIAIA PER IL PERSONALE VIAGGIANTE DEI PUBBLICI SERVIZI DI TRASPORTO E PERDITA DEL TITOLO ABILITANTE Il D.P.R. 28 ottobre 2013 n. 157 ha disposto

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS

COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS Numero 16 - corretto - Marzo 2011 COME SI CALCOLANO LE PENSIONI DEI LAVORATORI DIPENDENTI ISCRITTI ALL INPS Salvatore Martorelli 1 Sommario Premessa... 3 I sistemi di calcolo... 3 Calcolo della pensione

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/03/2012

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 14/03/2012 Direzione Centrale Pensioni Roma, 14/03/2012 Circolare n. 35 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

Aggiornamento settembre 2012

Aggiornamento settembre 2012 ESODI SULLA BASE DELL ACCORDO DEL 2 GIUGNO 2012 Aggiornamento settembre 2012 INDICE 1. Incentivi pag. 3 2. Assistenza Sanitaria pag. 4 3. Fondo pensione di gruppo pag. 4 4. Ulteriori norme per il personale

Dettagli

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011

Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 Ordine Nazionale Attuari Seminario LA PREVIDENZA PUBBLICA NEI 150 ANNI DELL UNITA D ITALIA Cinzia Ferrara* Milano 22 settembre 2011 Roma luglio 2011 (*) La relazione è svolta a titolo personale 150 D ITALIA

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione

La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione 21 Agevolazioni Contributive Politiche del lavoro La riforma delle pensioni: il «superbonus» e il punto sulla situazione Con il decreto del 6 ottobre 2004 il Ministro del Lavoro ha reso note le disposizioni

Dettagli

Come si va in pensione nel 2014...?

Come si va in pensione nel 2014...? Gennaio 2014 Come si va in pensione nel 2014...? A cura di G. Marcante Trattamenti di pensione di vecchiaia e di pensione anticipata Per i soggetti che matureranno i requisiti per il diritto a pensione

Dettagli

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058)

Riforma delle pensioni (13/5/2004 - A.S. 2058) Fino al 3//007 Riforma delle pensioni (3/5/004 - A.S. 058) Rimangono fermi i requisiti contributivi e di età per la pensione d anzianità L attuale norma prevede 35 anni di contributi e 57 di età oppure

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno.

Dettagli

INDICE. PAG. 4 Presentazione. PAG. 9 Riforma Pensioni 2011. PAG. 14 Tabelle sulle pensioni. PAG. 18 Riferimenti online.

INDICE. PAG. 4 Presentazione. PAG. 9 Riforma Pensioni 2011. PAG. 14 Tabelle sulle pensioni. PAG. 18 Riferimenti online. PAG. 4 Presentazione INDICE Sottotitolo PAG. 9 Riforma Pensioni 2011 PAG. 14 Tabelle sulle pensioni PAG. 18 Riferimenti online PAG. 5 RIFORMA PENSIONI 2011 Presentazione della Segreteria Nazionale La recente

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Vita e lavoro in Italia La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Un periodo ricco di trasformazioni Come spiega il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul

Dettagli

Le parole della previdenza.

Le parole della previdenza. Le parole della previdenza. Aliquota contributiva percentuale della retribuzione imponibile utilizzata per determinare l importo della contribuzione previdenziale dovuta in parte dal datore di lavoro e

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

13 lezione il sistema della previdenza

13 lezione il sistema della previdenza 13 lezione il sistema della previdenza Legislazione sociale del lavoro Legislazione sociale preventiva PREVIDENZA assistenza Statuto dei lavoratori Privacy Sicurezza 1 La previdenza sociale è una branca

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65 (in Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 116 del 21 maggio 2015), coordinato con la legge di conversione 17 luglio 2015,

Dettagli