Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti"

Transcript

1 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento reddituale Supplemento contributivo Pensione unica contributiva Pensione di invalidità Pensione di inabilità La totalizzazione LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI AI SUPERSTITI Pensione indiretta Pensione di reversibilità IL CALCOLO DI PENSIONE RISCATTI RICONGIUNZIONE Le prestazioni assistenziali LA POLIZZA SANITARIA LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER GLI ISCRITTI interventi economici aventi particolare incidenza sul bilancio familiare borse di studio per figli di dottori commercialisti borse di studio per dottori commercialisti contributo per spese funebri contributo per spese case di riposo contributo per spese di assistenza infermieristica domiciliare assegno per aborto ante 3 mese assegno a favore di genitori di figli portatori di handicap e portatori di handicap orfani di associati LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER I NON ISCRITTI L INDENNITA DI MATERNITA I contributi dovuti La pre-iscrizione per i tirocinanti

2 LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE REQUISITI PENSIONE DI VECCHIAIA REQUISITI PER L ACCESSO ANNO DI NASCITA ETÀ ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE ANAGRAFICA SINO AL E E DAL PER TUTTI DECORRENZA LA PENSIONE DECORRE DAL PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA MATURAZIONE DEI REQUISITI. PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA REQUISITI 61 ANNI DI ETA E 38 DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE 40 DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE A PRESCINDERE DALL ETA Cnpadc Maggio

3 58 ANNI DI ETA E 35 DI CONTRIBUZIONE PER CHE ABBIANO INVALIDITA PERMANENTE DEL 50% CERTIFICATA DA STRUTTURA PUBBLICA. SOLO IN QUESTO CASO E RICHIESTA LA CANCELLAZIONE DALL ALBO. LA PENSIONE E COMPATIBILE CON L ISCRIZIONE A QUALSIASI ALBO PROFESSIONALE, ELENCO DI LAVORATORI AUTONOMI E ATTIVITA DI LAVORO DIPENDENTE. TALE COMPATIBILITA E ESTESA AI TITOLARI DI PENSIONE DI ANZIANITA EX ART.3 L.21/86. DECORRENZA SI APPLICA LA NORMATIVA INERENTE LE FINESTRE DI CUI ALLA L.449/97 (art.59 c.6,7,8), SECONDO LA SEGUENTE TABELLA: MATURAZIONE DEL DIRITTO IN PRESENZA DELLA DOMANDA DECORRENZA DELLA PENSIONE 1 trimestre dell anno 1 ottobre dello stesso anno 2 trimestre dell anno 1 gennaio dell anno successivo 3 trimestre dell anno 1 aprile dell anno successivo 4 trimestre dell anno 1 luglio dell anno successivo SUPERATE LE FINESTRE, LA PENSIONE DECORRE DAL 1 GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA. SUPPLEMENTO REDDITUALE TUTTI I SUPPLEMENTI O LE QUOTE DI SUPPLEMENTO POST PENSIONE DI VECCHIAIA, MATURATE AL 31/12/2003, VENGONO LIQUIDATE CON IL SISTEMA REDDITUALE A DECORRERE DALL 1/1/2004. SUPPLEMENTO CONTRIBUTIVO DALL 1/1/2004 TUTTI I PENSIONATI (VECCHIAIA, ANZIANITA, VECCHIAIA ANTICIPATA, UNICA CONTRIBUTIVA) CHE PROSEGUANO LA PROFESSIONE Cnpadc Maggio

4 SONO TENUTI AL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE SOGGETTIVA, OLTRE CHE INTEGRATIVA, SENZA OBBLIGO DEI MINIMI E DI MATERNITÀ. IL SUPPLEMENTO SPETTA SU DOMANDA DOPO UN QUINQUENNIO SUCCESSIVO AL PENSIONAMENTO E PER OGNI SUCCESSIVO QUINQUENNIO O PERIODO INFERIORE. DECORRE DAL PRIMO GENNAIO DELL ANNO SUCCESSIVO AL QUINQUENNIO O AL PERIODO INFERIORE. E CALCOLATO CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO. IN CASO DI CESSAZIONE, ANTERIORMENTE ALLA MATURAZIONE DEL PRIMO QUINQUENNIO, SPETTA LA RESTITUZIONE DEI CONTRIBUTI. IL SUPPLEMENTO E REVERSIBILE A DECORRERE DAL 1 GIORNO SUCCESSIVO AL DECESSO. IN CASO DI DECESSO DEL PENSIONATO, ANTERIORMENTE ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI SUPPLEMENTO, OVE MATURATO, LO STESSO SPETTA AI SUPERSTITI, NELLA MISURA PREVISTA PER LE PENSIONI INDIRETTE SULLA BASE DELLA CONTRIBUZIONE VERSATA AL 31/12 DELL ANNO ANTERIORE AL DECESSO. LA CONTRIBUZIONE SOGGETTIVA, EVENTUALMENTE VERSATA NELL ANNO DI DECESSO, VIENE RESTITUITA AGLI EREDI. IN CASO DI DECESSO AVVENUTO ANTERIORMENTE ALLA MATURAZIONE DEL SUPPLEMENTO, SPETTA AGLI EREDI LA RESTITUZIONE DEI CONTRIBUTI SOGGETTIVI, CHE VIENE LIQUIDATA SU DOMANDA. BENEFICIARI: ISCRITTI DAL 1/1/2004 PENSIONE UNICA CONTRIBUTIVA REQUISITI: ALMENO 5 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE E 62 ANNI DI ETA DECORRENZA: 1 GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA DOMANDA LA PENSIONE E CALCOLATA CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO. SE L AMMONTARE CALCOLATO NON SUPERA L IMPORTO DI EURO 2.279,24 (anno 2011) E DATA FACOLTA DI RICHIEDERE LA LIQUIDAZIONE DEL MONTANTE CONTRIBUTIVO MATURATO. LA PENSIONE E REVERSIBILE. Cnpadc Maggio

5 PENSIONE DI INVALIDITA REQUISITI: RIDUZIONE CAPACITÀ ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE A MENO DI 1/3 10 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE OPPURE: 5 ANNI SE L INVALIDITÀ È CAUSATA DA INFORTUNIO 5 ANNI SE L INVALIDITÀ DERIVA DA MALATTIA, MA L ISCRIZIONE ALLA CASSA SIA IN ATTO CONTINUATIVAMENTE DA DATA ANTERIORE AL 36 ANNO DI ETÀ LA DOMANDA DI ISCRIZIONE SIA PRESENTATA IN DATA ANTERIORE LA VERIFICAZIONE DELL EVENTO. MISURA: 70% DELL IMPORTO DERIVANTE DAL CALCOLO DI CUI ALL ART.10 RDRP. L IMPORTO NON PUÒ ESSERE INFERIORE AL 70% DELLA PENSIONE MINIMA IN VIGORE AL 2003 COME NEGLI ANNI RIVALUTATA. DECORRENZA: PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA O DEL MESE IN CUI LA TERNA MEDICA HA RISCONTRATO L INVALIDITÀ, SE SUCCESSIVA. IN PRESENZA DI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI (MEDIA RELATIVA AL TRIENNIO PRECEDENTE LA DOMANDA DI PENSIONE) INFERIORI AD UN DETERMINATO LIMITE, SULLA QUOTA CONTRIBUTIVA IL BENEFICIO DECENNALE CONSISTE NELL AUMENTARE DI DIECI ANNI, SINO AL MASSIMO DI 66 L ETA ANAGRAFICA DEL RICHIEDENTE, FERMO IL COEFFICIENTE MINIMO DEI 57 ANNI. SULLA QUOTA REDDITUALE IL NUMERO DI ANNI UTILI E AUMENTATO DI 10, SINO AL MASSIMO DI 35. PERMANE L OBBLIGO DI COMUNICARE L ENTITA DEI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI TRIENNALMENTE, SE SI E OTTENUTO IL BENEFICIO DI CUI SOPRA. IN CASO DI PROSECUZIONE DELLA PROFESSIONE DOPO IL PENSIONAMENTO, AL RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI RICHIESTI DALLA NORMA SUSSISTE LA POSSIBILITA DI CHIEDERE LA SOSTITUZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITA IN PENSIONE DI VECCHIAIA O VECCHIAIA ANTICIPATA. Cnpadc Maggio

6 SE NON SI RAGGIUNGE IL REQUISITO PER LA VECCHIAIA O VECCHIAIA ANTICIPATA: o IN CASO DI CANCELLAZIONE SI PROCEDE ALLA RILIQUIDAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITA TENENDO CONTO DEL PERIODO SUCCESSIVO, SE PIU FAVOREVOLE RISPETTO ALLA PENSIONE IN PAGAMENTO. o IN CASO DI DECESSO, IN PRESENZA DI SUPERSTITI, SI PROCEDE ALLA LIQUIDAZIONE DELLA PENSIONE INDIRETTA, SE DI IMPORTO PIU FAVOREVOLE RISPETTO ALLA REVERSIBILITA DA INVALIDITA. o IN CASO DI DECESSO SENZA SUPERSTITI SI PROCEDE, SU DOMANDA, ALLA RESTITUZIONE IN FAVORE DEGLI EREDI DEI CONTRIBUTI SOGGETTIVI VERSATI SUCCESSIVAMENTE ALLA PENSIONE DI INVALIDITA, MAGGIORATI DI INTERESSI LEGALI. LO STATO INVALIDANTE, OVE L INVALIDITA SIA STATA DICHIARATA REREVISIONABILE DAL GIUDUZIO MEDICO, E SOGGETTO A REVISIONE TRIENNALE PER ACCERTARNE LA PERMANENZA. DOPO LA TERZA REVISIONE LA CONCESSIONE DELLA PENSIONE E DEFINITIVA. PENSIONE DI INABILITA REQUISITI ESCLUSIONE TOTALE E PERMANENTE DELLA CAPACITÀ ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE 10 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE OPPURE: L INABILITÀ SIA CAUSATA DA INFORTUNIO; L INABILITÀ SIA CAUSATA DA MALATTIA E L EFFETTIVA ISCRIZIONE ALLA CASSA SIA IN ATTO CONTINUATIVAMENTE DA DATA ANTERIORE AL 36 ANNO DI ETÀ LA DOMANDA DI ISCRIZIONE SIA PRESENTATA IN DATA ANTERIORE LA VERIFICAZIONE DELL EVENTO CANCELLAZIONE DALL ALBO PROFESSIONALE MISURA: CALCOLO DI CUI ALL ART.10 RDRP. L IMPORTO NON PUÒ ESSERE INFERIORE AL 70% DELLA PENSIONE MINIMA IN VIGORE AL 2003, COME NEGLI ANNI RIVALUTATA. IN PRESENZA DI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI (MEDIA RELATIVA AL TRIENNIO PRECEDENTE LA DOMANDA DI PENSIONE), INFERIORI AD UN DETERMINATO LIMITE, SULLA QUOTA CONTRIBUTIVA IL BENEFICIO DECENNALE CONSISTE NELL AUMENTARE DI DIECI ANNI, SINO AL Cnpadc Maggio

7 MASSIMO DI 66, L ETA ANAGRAFICA DEL RICHIEDENTE, FERMO IL COEFFICIENTE MINIMO DEI 57 ANNI. SULLA QUOTA REDDITUALE, IL NUMERO DI ANNI UTILI E AUMENTATO DI 10 SINO AL MASSIMO DI 35. PERMANE L OBBLIGO DI COMUNICARE L ENTITA DEI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI TRIENNALMENTE, SE SI E OTTENUTO IL BENEFICIO DI CUI SOPRA. DECORRENZA PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA O DEL MESE IN CUI LA TERNA MEDICA HA RISCONTRATO L INABILITÀ, SE SUCCESSIVA. LO STATO INABILITANTE, OVE L INABILITA SIA STATA DICHIARATA REVISIONABILE DAL GIUDUZIO MEDICO, E SOGGETTO AD UNA REVISIONE DECENNALE PER ACCERTARNE LA PERMANENZA. LA TOTALIZZAZIONE CONSENTE IL CUMULO GRATUITO DEI DIVERSI SPEZZONI CONTRIBUTIVI MATURATI PRESSO DIVERSE GESTIONI, NON INFERIORI A TRE ANNI NON COINCIDENTI. REQUISITI: o 65 ANNI DI ETA E 20 DI CONTRIBUZIONE COMPLESSIVA NON COINCIDENTI (vecchiaia) o 40 ANNI DI CONTRIBUZIONE COMPLESSIVA NON COINCIDENTI A PRESCINDERE DALL ETA ANAGRAFICA (anzianità) o NON TITOLARITA DI TRATTAMENTO PENSIONISTICO o NON AVER USUFRUITO DELLA RICONGIUNZIONE CONTRIBUTIVA CONCLUSASI DOPO IL 2006 PER INABILITA E INDIRETTA (per decessi successivi al 3/3/06) I REQUISITI SONO QUELLI RICHIESTI DALL ENTE DI ULTIMA ISCRIZIONE. DOMANDA: VA PRESENTATA ALL ENTE DI ULTIMA ISCRIZIONE DECORRENZA: Cnpadc Maggio

8 o DIRETTE: MESE SUCCESSIVO ALLA DOMANDA. SE IL REQUISITI SONO MATURATI DAL 1/1/11, LA DECORRENZA SLITTA AL 18 MESE SUCCESSIVO ALLLA MATURAZIONE DEI REQUISITI, IN PRESENZA DI DOMANDA o INDIRETTE: MESE SUCCESSIVO AL DECESSO PAGAMENTO OGNI ENTE PROVVEDE AL CALCOLO DELLA SUA QUOTA DI PENSIONE MENTRE IL PAGAMENTO VIENE SEMPRE EFFETTUATO DALL INPS. CALCOLO o ORDINARIO EX ART.10 RDRP PER CHI HA MATURATO ALMENO 25 ANNI DI ISCRIZIONE ALLA CASSA; o CONTRIBUTIVO EX ART.4 C.3 PER CHI HA MATURATO MENO DI 25 ANNI ALLA CASSA. LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI AI SUPERSTITI PENSIONE INDIRETTA BENEFICIARI CONIUGE SINCHE MANTIENE LO STATO VEDOVILE, FIGLI MINORI, MAGGIORENNI INABILI E MAGGIORENNI STUDENTI (MAX 26 ANNI) DELL ISCRITTO CHE DECEDE SENZA DIRITTO A PENSIONE. REQUISITI: a) 10 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE PER PENSIONI CON QUOTA REDDITUALE; 5 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE PER LE PENSIONI CONTRIBUTIVE b) NEI CASI DI CUI AL PUNTO a) IN ASSENZA DEI REQUISITI: SE IL DECESSO E CAUSATO DA INFORTUNIO E SUFFICIENTE CHE SIA STATA PRESENTATA LA DOMANDA DI ISCRIZIONE IN DATA PRECEDENTE L EVENTO SE IL DECESSO E CAUSATO DA MALATTIA E SUFFICIENTE CHE SIA STATA PRESENTATA LA DOMANDA DI ISCRIZIONE IN DATA PRECEDENTE L EVENTO, SE L ISCRIZIONE E IN CORSO DA DATA ANTERIORE AL 36 ANNO DI ETA Cnpadc Maggio

9 MISURA a) 60% AL CONIUGE b) 20% AD OGNI FIGLIO IN PRESENZA DEL CONIUGE. IN CASO DI DUE O PIU FIGLI VIENE RIPARTITO IL 40% IN PARTI UGUALI c) 60% A UN FIGLIO SOLO d) 80% IN CASO DI DUE FIGLI SOLI RIPARTITO A META e) 100% IN CASO DI TRE O PIU FIGLI SOLI SIDDIVISO IN PARTI UGUALI DECORRENZA PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO AL DECESSO NEL CALCOLO DELLA QUOTA DI PENSIONE CONTRIBUTIVA, PER LA TRASFORMAZIONE IN RENDITA DEL MONTANTE, QUALORA L ETA DELL ISCRITTO, AL MOMENTO DEL DECESSO, SIA INFERIORE AI 57 ANNI, SI APPLICA COMUNQUE IL COEFFICIENTE MINIMO DEI 57 ANNI. LA BASE PENSIONISTICA PER IL CALCOLO DELLA PENSIONE (PENSIONE IPOTETICA SPETTANTE AL DE CUIUS) NON PUO ESSERE INFERIORE AL 70% DEL TRATTAMENTO MINIMO VIGENTE AL 31/12/2003, COME RIVALUTATO ANNUALMENTE AI SENSI DELL ART.16 L.21/86. LA PENSIONE SPETTA ANCHE PER IL CANCELLATO, IN CASO DI DECESSO DOPO LA MATURAZIONE DELLE ANNUALITA DI ISCRIZIONE, DI CUI ALLA TABELLA D (vecchiaia), MA ANTERIORMENTE AL RAGGIUNGIMENTO DELL ETA ANAGRAFICA RELATIVA. PENSIONE DI REVERSIBILITA SPETTA AI SOGGETTI, NELLE PERCENTUALI E ALLA DECORRENZA DI CUI ALLA PENSIONE INDIRETTA, CALCOLATA SULLA BASE DELLA PENSIONE DIRETTA DI CUI GODEVA IL DEFUNTO. Cnpadc Maggio

10 IL CALCOLO DI PENSIONE A DECORRERE DALL ANNO 2004 E INTRODOTTO, PRO RATA, IL CALCOLO DI PENSIONE CONTRIBUTIVO COMMISURATO ALLA CONTRIBUZIONE VERSATA. PER LE ANNUALITA DI ISCRIZIONE MATURATE AL 31/12/2003 PERMANE IL CALCOLO REDDITUALE, IN APPLICAZIONE DEL PRECEDENTE SISTEMA. IL CALCOLO MISTO PER COLORO CHE POSSONO FAR VALERE PERIODI DI ISCRIZIONE VALIDI ANTE 1/1/2004, IL CALCOLO DI PENSIONE E COMPOSTO DA DUE QUOTE: QUOTA REDDITUALE: LA MEDIA REDDITUALE È CALCOLATA SUL NUMERO DI REDDITI DICHIARATI SINO AL 2003 COMPRESO, SECONDO LA SEGUENTE PROGRESSIONE IN RELAZIONE ALLA DECORRENZA DELLA PENSIONE: Decorrenza della variazione Numero di anni ante 2004 Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ INDIVIDUATA LA MEDIA, LA STESSA VIENE MOLTIPLICATA, SULLA BASE DEGLI SCAGLIONI REDDITUALI COME DETERMINATI A SEGUITO DELLA RELATIVA RIVALUTAZIONE PER I COEFFICIENTI DEL 2% E 0,60%, PER TUTTI GLI ANNI DI ISCRIZIONE MATURATI SINO AL 2001; DELL 1,75% E DELLO 0,50% PER GLI ULTERIORI DUE ANNI (2002 E 2003). Cnpadc Maggio

11 QUOTA CONTRIBUTIVA: MONTANTE CONTRIBUTIVO X COEFFICIENTE DI TRASFORMAZIONE MONTANTE CONTRIBUTIVO AL 31/12 DI CIASCUN ANNO: CONTRIBUTO SOGGETTIVO VERSATO AL 31/12 DELL ANNO PRECEDENTE (ALIQUOTA DI COMPUTO SULLA BASE IMPONIBILE, SE SUPERIORE ALL ALIQUOTA DI FINANZIAMENTO) RIVALUTATO SU BASE COMPOSTA AL 31/12 DI OGNI ANNO AL TASSO ANNUO DI CAPITALIZZAZIONE ; CONTRIBUTO SOGGETTIVO VERSATO NELLO STESSO ANNO (CON ALIQUOTA DI COMPUTO SULLA BASE IMPONIBILE, SE SUPERIORE ALL ALIQUOTA DI FINANZIAMENTO); CONTRIBUZIONE RICONGIUNTA, RISCATTATA, RIPRISTINATA, RIVALUTATA SU BASE COMPOSTA AL 31/12 DI OGNI ANNO AL TASSO ANNUO DI CAPITALIZZAZIONE; CONTRIBUZIONE RICONGIUNTA, RISCATTATA, RIPRISTINATA VERSATA NELL ANNO. TASSO ANNUO DI CAPITALIZZAZIONE : PER IL PRIMO QUINQUENNIO = VARIAZIONE MEDIA QUINQUENNALE DEL PIL NOMINALE DEL QUINQUENNIO PRECEDENTE L ANNO DA RIVALUTARE; DAL 6 ANNO = MEDIA QUINQUENNALE DEI RENDIMENTI DEGLI INVESTIMENTI (MINIMO 1,5% - MASSIMO MEDIA QUINQUENNALE PIL SE LA MEDIA DEGLI INVESTIMENTI È SUPERIORE) COEFFICIENTE DI TRASFORMAZIONE : VALORE CHE TRASFORMA IL MONTANTE IN RENDITA IN RELAZIONE ALL ETÀ ANAGRAFICA AL MOMENTO DELLA DECORRENZA DELLA PENSIONE. IL CALCOLO CONTRIBUTIVO PER COLORO CHE POSSONO FAR VALERE PERIODI DI ISCRIZIONE VALIDI ESCLUSIVAMENTE DAL 1/1/2004, IL CALCOLO SARA TUTTO CONTRIBUTIVO Cnpadc Maggio

12 CORSO LEGALE DI LAUREA RISCATTI PERIODI RISCATTABILI E POSSIBILE RISCATTARE IL PERIODO LEGALE DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO O DISCIPLINE EQUIPOLLENTI PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO SERVIZIO MILITARE E POSSIBILE RISCATTARE IL PERIODO DEL SERVIZIO MILITARE O CIVILE ENTRO IL LIMITE DI 2 ANNI TIROCINIO E RISCATTABILE IL TIROCINIO DI CUI ALL ART.2 DPR 1067/53 E L. 206/92 ENTRO IL LIMITE DI 3 ANNI, A CONDIZIONE CHE PER LO STESSO PERIODO NON SIA INTERVENUTA LA PRE-ISCRIZIONE DI CUI ALL ART.20 BIS C.6, PRIMO PERIODO RDRP A CONDIZIONE CHE: o NON SIANO STATI GIA RISCATTATI o NON SIANO COINCIDENTI CON ALTRI PERIODI COPERTI DA CONTRIBUZIONE CALCOLO ONERE PER GLI ISCRITTI ALLA CASSA DAL 1/1/2004 IL CALCOLO E SEMPRE CONTRIBUTIVO. PER GLI ISCRITTI ALLA CASSA DA DATA ANTERIORE AL 1/1/2004 E POSSIBILE SCEGLIERE LA MODALITA DI CALCOLO REDDITUALE SOLO PER IL RISCATTO DELLA LAUREA E DEL SERVIZIO MILITARE. E POSSIBILE PRESENTARE LA DOMANDA DI RISCATTO ONLINE IL PAGAMENTO DELL ONERE PUO ESSERE EFFETTUATO IN UN UNICA SOLUZIONE O RATEALMENTE (MAX ½ PERIODO RISCATTATO). IL PAGAMENTO A TITOLO DI ADESIONE DEVE AVVENIRE A PENA DI DECADENZA - ENTRO 60GG DALLA DATA DI RICEZIONE DELLA COMUNICAZIONE DELL ONERE Cnpadc Maggio

13 RICONGIUNZIONE CONSISTE NEL TRASFERIMENTO A TITOLO ONEROSO DELLA CONTRIBUZIONE VERSATA IN DIVERSE GESTIONI PREVIDENZIALI, NELL ENTE DI ULTIMA GESTIONE, AL FINE DI OTTENERE UN UNICA PENSIONE. DESTINATARI a) ISCRITTI ALLA CASSA E CANCELLATI DALLA CASSA b) SUPERSTITI ENTRO 2 ANNI DAL DECESSO SONO ESCLUSI I TITOLARI DI TRATTAMENTO PENSIONISTICO DOMANDA LA DOMANDA PUO ESSERE PRESENTATA IN OGNI MOMENTO PERIODI RICONGIUNGIBILI LA RICONGIUNZIONE OPERA SEMPRE PER TOTALI SONO RICONGIUNGIBILI TUTTI I PERIODI ASSICURATIVI PURCHE : o Non inferiori a 5 mesi e 16gg o non siano interamente coincidenti con l iscrizione alla Cassa ONERE L ONERE E COSTITUITO DALLA SOMMA ALGEBRICA TRA LA RISERVA MATEMATICA (importo della maggiore quota di pensione per il coefficiente tabellare corrispondente all età anagrafica e contribuzione complessiva alla data della domanda) E L AMMONTARE DEI CONTRIBUTI COMUNICATI DAGLI ENTI INTERESSATI (maggiorati del 4,5%) PAGAMENTO IL PAGAMENTO (adesione entro 60 gg dalla comunicazione dell onere - termine perentorio) PUO ESSERE EFFETTUATO: o IN UNICA SOLUZIONE o RATEALMENTE (MAX ½ PERIODO RICONGIUNTO) Esclude l applicazione della restituzione dei contributi ex art.21 L.21/86 Cnpadc Maggio

14 LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LA POLIZZA SANITARIA E STATA STIPULATA CON LA COMPAGNIA REALE MUTUA (COMPAGNIA SELEZIONATA MEDIANTE PUBBLICA GARA) LA POLIZZA SANITARIA A FAVORE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ISCRITTI E PENSIONATI ATTIVI OPERANTE DAL 1/1/2011 AL 31/12/2013. L ASSICURAZIONE È AUTOMATICA A SEGUITO DELL ISCRIZIONE. IL PREMIO È A CARICO DELLA CASSA. GLI EVENTI COPERTI FANNO RIFERIMENTO A GRANDI EVENTI MORBOSI E GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI. L ASSICURAZIONE PUÒ ESSERE ESTESA CON PREMIO A CARICO DELL ASSICURATO ANCHE AL CONIUGE, CONVIVENTE MORE UXORIO E FIGLI. PER OGNI INFORMAZIONE SI RINVIA ALL APPOSITA SEZIONE DEL SITO LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER GLI ISCRITTI INTERVENTI ECONOMICI AVENTI PARTICOLARE INCIDENZA SUL BILANCIO FAMILIARE TERMINE 2 ANNI DALL EVENTO DESTINATARI ISCRITTI AL 31 DICEMBRE DELL ANNO PRECEDENTE QUELLO DI COMPETENZA DELL EROGAZIONE E COMUNQUE ALLA DATA DELLA Cnpadc Maggio

15 DOMANDA, PENSIONATI CASSA, FAMILIARI (CONIUGE E PARENTI DI 1 GRADO CONVIVENTI E A CARICO) LIMITE DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ PER LE DOMANDE PRESENTATE NELL ANNO 2011 IL TETTO REDDITUALE RISULTA PARI AD: EURO ,39 PER IL RICHIEDENTE UNICO COMPONENTE; EURO ,31 PER IL RICHIEDENTE CON NUCLEO FAMILIARE. TIPI DI INTERVENTI: a) EVENTI STRAORDINARI O DOVUTI A CASO FORTUITO O FORZA MAGGIORE CON RILEVANTE INCIDENZA SUL BILANCIO FAMILIARE, CHE ESPONGANO IL RICHIEDENTE A SPESE NON ORDINARIAMENTE SOSTENIBILI; b) INTERRUZIONE DI ATTIVITÀ PROFESSIONALE: PER L ISCRITTO, DA ALMENO TRE ANNI NON PENSIONATO, PER PIÙ DI TRE MESI DOVUTA A MALATTIA. CALCOLO: 1/24 DEL REDDITO PROFESSIONALE DICHIARATO (MAX LIMITE PER L ACCESSO) PER OGNI MESE DI INTERRUZIONE (MAX 12). NON INFERIORE, PER OGNI MESE, A 1/12 DELLA PENSIONE MINIMA (ANNO DI VERIFICAZIONE DELL EVENTO). c) SOSTENIMENTO DI SPESE NON RIMBORSABILI O INDENNIZZABILI PER INTERVENTO CHIRURGICO E RELATIVA DEGENZA DOVUTI A MALATTIA, PER L ISCRITTO DA ALMENO TRE ANNI CHE NON ABBIA POTUTO ESERCITARE PER ALMENO TRE MESI. IMPORTO: NON SUPERIORE ALLA METÀ DELLA SPESA RIMASTA A CARICO DELL ISCRITTO E NON SUPERIORE ALLA DIFFERENZA TRA IL REDDITO LIMITE PER L ACCESSO E IL REDDITO DICHIARATO. d) DECESSO DELL ISCRITTO O PENSIONATO CHE ABBIA PROCURATO DIFFICOLTÀ FINANZIARIA AL CONIUGE SUPERSTITE E FIGLI MINORI O MAGGIORI INABILI. BORSE DI STUDIO PER FIGLI DI DOTTORI COMMERCIALISTI EVENTI a) ULTIMO ANNO SCUOLA MEDIA INFERIORE (OTTIMO) b) ANNI PRECEDENTI L ULTIMO DI SCUOLA MEDIA SUPERIORE (VOTAZIONE 7,60 NON RIPETENTI) c) DIPLOMA MATURITÀ (80/100 NON RIPETENTI) Cnpadc Maggio

16 d) DURATA LEGALE CORSI UNIVERSITARI (IN REGOLA CON IL PIANO DI STUDI E MEDIA NON INFERIORE A 27/30) e) CORSI UNIVERSITARI ED EXTRAUNIVERSITARI SPECIALIZZAZIONE LIMITI DI REDDITO IL REDDITO DICHIARATO DAL NUCLEO FAMILIARE NELL ANNO IN CUI E BANDITO IL CONCORSO NON DEVE SUPERARE (BANDO 2010) IL LIMITE DI ,86 PER LA COMPOSIZIONE MINIMA N.F. (1 FIGLIO PIU UN GENITORE O ADULTO) AUMENTATO DEL 40% PER OGNI ULTERIORE FIGLIO E DEL 30% PER OGNI ULTERIORE GENITORE O ADULTO. GRADUATORIA CRITERIO DI PRECEDENZA INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL REDDITO COMPLESSIVO. A PARITÀ DI REDDITO, LA PIÙ ALTA VOTAZIONE. IMPORTO DETERMINATO NEL BANDO DI CONCORSO. ESEMPIO ANNO 2010: a) ,00 b) ,00 c) ,00 d) ,00 e) SPESE SOSTENUTE DOCUMENTATE: FINO AL MASSIMO DI EURO 2.000,00 PRO-CAPITE PER I CORSI TENUTI DA UNIVERSITÀ; EURO 3.000,00 PRO-CAPITE PER I CORSI TENUTI DA STRUTTURE PRIVATE NOTORIAMENTE OPERANTI DA ALMENO CINQUE ANNI. BORSE DI STUDIO PER DOTTORI COMMERCIALISTI EVENTI CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER CONSEGUIMENTO DI QUALIFICAZIONI SPECIFICHE DELL AREA DELLE PROFESSIONI ECONOMICHE FINANZIARIE. REQUISITI ISCRIZIONE ALLA CASSA AL 31/12 DELL ANNO PRECEDENTE LA RICHIESTA E ISCRIZIONE ALLA CASSA DA 3 ANNI COMPIUTI PRIMA DI QUELLO DI INIZIO DELLA FREQUENZA DEL CORSO; NON ESSERE TITOLARE DI PENSIONE; Cnpadc Maggio

17 AVER FREQUENTATO; NON AVER BENEFICIATO DI ALTRI SUSSIDI PER I MEDESIMI CORSI. LIMITE DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ GRADUATORIA CRITERIO DI PRECEDENZA INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL REDDITO COMPLESSIVO. A PARITÀ DI REDDITO LA PIÙ ALTA SPESA. IMPORTO IMPORTO MASSIMO DI EURO 2.500,00, O COMUNQUE SINO ALLA CONCORRENZA DELLE SPESE SOSTENUTE DOCUMENTATE, OVE INFERIORI. CONTRIBUTO PER SPESE FUNEBRI A FAVORE DI COMMERCIALISTI ISCRITTI O PENSIONATI CASSA, PER IL DECESSO DI CONIUGE, FIGLI O GENITORI PURCHÉ A CARICO E FACENTI PARTE DEL NUCLEO FAMILIARE; A FAVORE DI CONIUGE E FIGLI AVENTI TITOLO ASTRATTO ALLA PENSIONE; AI SUPERSTITI PER IL DECESSO DELL ISCRITTO O PENSIONATO CASSA TERMINE 2 ANNI DALL EVENTO LIMITI DI REDDITO ,00 UNICO COMPONENTE; ,00 PER PIÙ COMPONENTI (IMPORTI FISSI) IMPORTO NEI LIMITI DELLE SPESE DOCUMENTATE RIMASTE A CARICO DEL BENEFICIARIO E NON SUPERIORE A 2.000,00; 4.000,00 IN CASO DI COMMORIENZA. CONTRIBUTO PER SPESE CASE DI RIPOSO BENEFICIARI A FAVORE DEI PENSIONATI CASSA E CONIUGI SUPERSTITI TITOLARI DI PENSIONE AI SUPERSTITI, CHE DIMORINO PERMANENTEMENTE E SOSTENGANO A PROPRIO CARICO LA RETTA. Cnpadc Maggio

18 IMPORTO SINO A CONCORRENZA MASSIMA DI 750,00 MENSILI; 1.584,00 PER NON AUTOSUFFICIENTI. GRADUATORIA CRITERIO DI PRECEDENZA INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL REDDITO COMPLESSIVO. A PARITÀ DI REDDITO, LA MAGGIORE ETÀ. LIMITE DI REDDITO CONTRIBUTO PER SPESE DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE BENEFICIARI A FAVORE DEGLI ISCRITTI, PENSIONATI, DEL CONIUGE E FIGLI AVENTI TITOLO ALLA PENSIONE AI SUPERSTITI, IN CONSEGUENZA DI MALATTIA O INFORTUNIO. L ASSISTENZA DEVE ESSERE PRESCRITTA DA SANITARIO E PRATICATA DA PERSONALE INFERMIERISTICO QUALIFICATO. IMPORTO SINO A CONCORRENZA MASSIMA DI 500,00 MENSILI PER UN MASSIMO DI SEI MESI. TERMINE ENTRO 12 MESI DALLA CESSAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA. LIMITE DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ PER LE DOMANDE PRESENTATE NELL ANNO 2011 IL TETTO REDDITUALE RISULTA PARI AD: EURO ,39 PER IL RICHIEDENTE UNICO COMPONENTE; EURO ,31 PER IL RICHIEDENTE CON NUCLEO FAMILIARE. Cnpadc Maggio

19 ASSEGNO PER ABORTO ANTE 3 MESE BENEFICIARIE ISCRITTE (O CHE ABBIANO INVIATO DOMANDA DI ISCRIZIONE ALMENO TRE MESI PRIMA DEL VERIFICARSI DELL ABORTO) ALLA CASSA IMPORTO 1/5 DELL IMPORTO MINIMO DELL INDENNITÀ DI MATERNITÀ DI CUI AL D.LGS.151/01, PREVISTO NELL ANNO IN CUI È AVVENUTO L ABORTO. TERMINE ENTRO 180GG DAL VERIFICARSI DELL EVENTO. ASSEGNO A FAVORE DI GENITORI DI FIGLI PORTATORI DI HANDICAP E PORTATORI DI HANDICAP ORFANI DI ASSOCIATI BENEFICIARI 1) GENITORI ISCRITTI ALLA CASSA CON 5 ANNI CONTINUATIVI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E REGOLARE CONTRIBUZIONE IN PRESENZA DI ESERCIZIO PROFESSIONALE (AL 31/12 DELL ANNO ANTERIORE ALLA DOMANDA DI CONTRIBUTO) O ISCRITTI IN DATA ANTERIORE AL RICONOSCIMENTO DELL HANDICAP INFRA35ENNI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA; 2) PENSIONATI CASSA ATTIVI E NON; 3) PORTATORI DI HANDICAP ORFANI DI ISCRITTI ALLA CASSA ALLA DATA DEL DECESSO. LIMITI DI REDDITO IL REDDITO DICHIARATO DAL NUCLEO FAMILIARE NELL ANNO PRECEDENTE LA DOMANDA, CON ESCLUSIONE DI QUELLO DEL DE CUIUS PER IL CASO 3) NON DEVE SUPERARE (ANNO 2011) IL LIMITE DI ,68 PER LA COMPOSIZIONE MINIMA N.F. (1 GENITORE E FIGLIO CON HANDICAP) AUMENTATO DEL 30% PER OGNI ULTERIORE ADULTO E DEL 40% PER OGNI FIGLIO NON PORTATORE DI HANDICAP E DEL 60% PER OGNI ULTERIORE FIGLIO PORTATORE DI HANDICAP Nucleo familiare Tabella esemplificativa (limite reddituale anno 2011) 1 genitore + 1 figlio con handicap ,68 Limite reddituale (Euro) 2 genitori + 1 figlio con handicap ,59 (57.929, %) 2 genitori + 1 figlio con handicap + 1 figlio senza handicap ,46 (57.929, % + 40%) 2 genitori + 1 nonno + 1 figlio con handicap ,49 (57.929, % + 30%) Cnpadc Maggio

20 IMPORTO 5.200,00 DECORRENZA 1 GENNAIO DELL ANNO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA. PER GLI ANNI SUCCESSIVI VENGONO RICHIESTI: o ESISTENZA IN VITA; o NON SUPERAMENTO DEL LIMITE REDDITUALE RIFERITO ALL ANNO IN CORSO PREMI A FAVORE DI ISCRITTI, PENSIONATI E LORO SUPERSTITI AVENTI TITOLO ALLA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE SI SIANO DISTINTI PER PARTICOLARI BENEMERENZE. IMPORTO 5.200,00 LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER I NON ISCRITTI BENEFICIARI o COLORO CHE VERSANO IL SOLO CONTRIBUTO INTEGRATIVO (ESONERATI); o COLORO CHE ABBIANO VERSATO IL SOLO CONTRIBUTO INTEGRATIVO E ABBIANO CESSATO LA PROFESSIONE PER INABILITÀ ASSOLUTA O CONSEGUIMENTO DI PENSIONE A CARICO DI ALTRO ENTE DI PREVIDENZA; o CONIUGE E PARENTI IN LINEA RETTA DI 1 GRADO CONVIVENTI E A CARICO TIPO DI EVENTO o CALAMITÀ NATURALE QUALE ALLUVIONE, TERREMOTO, ECC; o FATTO DISASTROSO QUALE INCENDIO CATASTROFICO, ESPLOSIONE DOLOSA; o INFORTUNIO CON CONSEGUENZE, ANCHE SUI FAMILIARI, NON ORDINARIAMENTE SOSTENIBILI; CHE ABBIA GENERATO SPESE DI PARTICOLARE INCIDENZA SUL BILANCIO FAMILIARE. Cnpadc Maggio

21 LIMITI DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ PER LE DOMANDE PRESENTATE NELL ANNO 2011 IL TETTO REDDITUALE RISULTA PARI AD: EURO ,39 PER IL RICHIEDENTE UNICO COMPONENTE; EURO ,31 PER IL RICHIEDENTE CON NUCLEO FAMILIARE. TERMINE 2 ANNI DALL EVENTO L INDENNITA DI MATERNITA - Dlgs 151/01 BENEFICIARIE ISCRITTE ALLA CASSA NON TITOLARI DEL DIRITTO A ALTRA INDENNITÀ DI MATERNITÀ. TIPO DI EVENTO a) PARTO (2 MESI PRIMA E 3 MESI DOPO) b) INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA DOPO IL SESTO MESE c) ADOZIONE ED AFFIDAMENTO ART.72 (BAMBINO SINO A 6 ANNI PER ADOZIONE NAZIONALE E 18 ANNI PER QUELLA INTERNAZIONALE CORTE COST.17 DEL 23/12/03 N.371); d) INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA INTERVENUTA NON PRIMA DEL TERZO MESE IMPORTO SPETTANTE a) 80% DEI 5/12 DEL REDDITO NETTO PROFESSIONALE DICHIARATO NELL ANNO PRECEDENTE QUELLO DELL EVENTO (L.289/03); b) COME a); c) COME a); d) 1/5 DELL IMPORTO CALCOLATO COME AL PUNTO a). TEMPI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA NON ANTERIORMENTE AL COMPIMENTO DEL SESTO MESE DI GRAVIDANZA ED ENTRO 180GG. DALL EVENTO (TERMINE PERENTORIO) LA DOMANDA PUO ESSERE PRESENTATA ON LINE Cnpadc Maggio

22 I CONTRIBUTI DOVUTI Gli iscritti alla Cassa devono: - il contributo soggettivo (minimo ed eccedenze) - il contributo integrativo (minimo ed eccedenze) - il contributo di maternità Nel 2011 il minimo soggettivo è pari ad 2.395,00. L eccedenza del contributo soggettivo è determinata applicando al reddito netto professionale prodotto nel 2010 (massimo ,00) l aliquota scelta tra il 10 ed il 17% decurtando il minimo dovuto. Il minimo integrativo è pari ad 719,00. L eccedenza del contributo integrativo è determinata applicando al volume di affari prodotto nel 2010 (al netto del 4%) la maggiorazione del 4% decurtando il minimo dovuto. Coloro che si iscrivono per la prima volta alla Cassa prima di aver compiuto 35 anni di età, per i primi tre anni di iscrizione se coincidenti con i primi tre anni di esercizio professionale, devono i contributi soggettivo ed integrativo applicando esclusivamente le percentuali previste senza obbligo del minimo. Qualora l applicazione dell aliquota massima del 17% al reddito netto professionale prodotto determini un contributo inferiore al minimo soggettivo, costoro hanno facoltà di versare tale minimo. I contributi minimi devono essere versati alla Cassa entro il 31/05 (prima rata/rata unica) ed entro il 31/10 (seconda rata) di ciascun anno. Il pagamento può essere effettuato mediante RID, Carta di credito Dottori Commercialisti (rilasciata dalla Banca popolare di Sondrio) o Mav da generare on line, per coloro che aderiscono al servizio telematico SAT PCM. A coloro che non aderiscono sono inviati i bollettini Mav cartacei. La comunicazione dei dati reddituali deve essere effettuata entro il 15/11 di ciascun anno esclusivamente mediante la modalità telematica SAT PCE da tutti coloro che hanno esercitato la professione nell anno precedente, indipendentemente dalla posizione assicurativa presso la Cassa. Il pagamento delle eccedenze deve essere effettuato entro il 15/12 di ciascun anno scegliendo una delle modalità previste dal servizio PCE: RID, Carta di credito Dottori Commercialisti, Mav da generare on line. In caso di inadempienze contributive (tardivo/omesso pagamento delle eccedenze, tardiva/omessa/infedele comunicazione dei dati reddituali, tardiva presentazione della domanda di iscrizione) è possibile inviare domanda di regolarizzazione spontanea anche mediante modalità telematica (disponibile tra i servizi on line del sito della Cassa) con contestuale pagamento delle somme complessivamente dovute a titolo di contributi e maggiorazioni. Qualora le inadempienze non siano regolarizzate spontaneamente, la Cassa accerta annualmente le sanzioni ordinarie. Cnpadc Maggio

23 I contributi e le somme accessorie non versate alla Cassa entro i termini previsti sono iscritti nel primo ruolo utile. LA PRE-ISCRIZIONE PER I TIROCINANTI Coloro che si iscrivono al Registro dei praticanti possono pre-iscriversi alla Cassa per il periodo di tirocinio e per il triennio successivo, inviando domanda entro 5 anni dalla iscrizione al Registro. La pre-iscrizione può essere richiesta con decorrenza dal 1 gennaio di uno degli anni di tirocinio. I soggetti pre-iscritti devono versare alla Cassa un contributo fisso annuale a scelta nel 2011 tra 538, ,00, 2.150,00. Il periodo di pre-iscrizione è validato ai fini previdenziali al momento della iscrizione alla Cassa che deve intervenire entro 2 anni dal termine della pre-iscrizione. Qualora non intervenga iscrizione alla Cassa i contributi versati sono restituiti maggiorati degli interessi al tasso legale pro-tempore vigente calcolati dal 1 gennaio dell anno successivo a ciascun pagamento e fino alla data di liquidazione. Nella sezione Tirocinio presente nel sito internet della Cassa è presente il modulo appositamente predisposto per inviare domanda di pre-iscrizione. Cnpadc Maggio

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di

A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca Delegati Cassa per la circoscrizione di A cura di: Guido Cresto Luca Quer Marcello Alessandro Resca Verdiana Federica Santarossa Stefania Telesca per la circoscrizione di Torino, Pinerolo e Ivrea D. COS E LA CASSA DI PREVIDENZA? R. La Cassa

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA L

LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA L LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA... 2 L indennità di maternità... 2 L indennità per interruzione di gravidanza... 3 Il contributo a sostegno

Dettagli

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE

OBBLIGO DI ISCRIZIONE FACOLTA DI ISCRIZIONE LE FINALITÀ DI PREVIDENZA OBBLIGATORIA PREVIDENZA COMPLEMENTARE Collegio Provinciale IPASVI di Gorizia L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA ISTITUITA IL 24/3/1998

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEL REGIME PREVIDENZIALE 1 1 Aggiornato all ultima modifica approvata il 7/3/13 INDICE SCOPI E PRINCIPI TITOLO I CONTRIBUTI Articolo 1 Contributo soggettivo Articolo 2 Contributo

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica FINALITA ASSICURA LA COPERTURA PREVIDENZIALE OBBLIGATORIA IN FAVORE DEGLI ISCRITTI, DEI LORO FAMILIARI E SUPERSTITI ATTRAVERSO

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Catania, 12 giugno 2015

Catania, 12 giugno 2015 La Previdenza dei Dottori Commercialisti tra attualità e prospettive Catania, 12 giugno 2015 1 La CNPADC ha come finalità statutaria quella di svolgere funzioni di previdenza e di assistenza Le prestazioni

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR

La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità. L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR La previdenza dei Dottori Commercialisti e dei Ragionieri tra rischi e opportunità L impatto delle riforme sulla Casse CNPADC e CNPR Il sistema previdenziale obbligatorio dei liberi professionisti Previdenza

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

LA CASSA RISPONDE RACCOLTA DEI QUESITI PIÙ ATTUALI PUBBLICATI SU CNPADC NEWS

LA CASSA RISPONDE RACCOLTA DEI QUESITI PIÙ ATTUALI PUBBLICATI SU CNPADC NEWS RACCOLTA DEI QUESITI PIÙ ATTUALI PUBBLICATI SU CNPADC NEWS Rapporto Anagrafico Newsletter N. 1 Dicembre 2009... Sono un Dottore Commercialista neoiscritto alla Cassa con decorrenza 01/01/2009 agevolato

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum Gennaio 2014 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

La Fondazione E.N.P.A.M.

La Fondazione E.N.P.A.M. 1 I FONDI DI PREVIDENZA 2 Il Fondo di Previdenza Generale Contribuiscono alla Quota A : tutti gli iscritti all Albo dei Medici Chirurghi ed all Albo degli Odontoiatri Contribuiscono alla Quota B - Fondo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DEI MEDICI DI MEDICINA GENERALE ALLEGATO B Testo in vigore Art. 1 Testo emendato Art. 1 Il Fondo di Previdenza a favore dei Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta,

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza Febbraio 2009 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi

Dettagli

APPUNTI CONVEGNO PARI OPPORTUNITA PREVIDENZA ASSISTENZA

APPUNTI CONVEGNO PARI OPPORTUNITA PREVIDENZA ASSISTENZA LA PREVIDENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Monza - 2 dicembre 2010 Vittorio Vismara Fabio Enrico Pessina APPUNTI CONVEGNO PARI OPPORTUNITA PREVIDENZA ASSISTENZA L'INDENNITA' DI MATERNITA' D. Lgs. 26/3/01

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 BANDO PER

Dettagli

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica

ENPAPI ENPAPI. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza della professione infermieristica LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA P.I.P. COMPLEMENTARE OBBLIGATORIA I II III LA PREVIDENZA OBBLIGATORIA Previdenza obbligatoria Pubblica

Dettagli

Presentazione. Avv. Nunzio Luciano Presidente Cassa Forense

Presentazione. Avv. Nunzio Luciano Presidente Cassa Forense FC Presentazione Il 1 gennaio 2016 entrerà in vigore il nuovo Regolamento per l Assistenza. Si tratta di un pacchetto di norme che, attraverso lo stanziamento di oltre 60 milioni di euro l anno, introduce

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2013 Alla fine del mese di gennaio arrivano come sempre i dati Istat sull inflazione registrata nell anno precedente e si può

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2009 LA PREVIDENZA DEI MEDICI e DEGLI ODONTOIATRI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini

MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM. a cura di Marco Perelli Ercolini MINIGUIDA PER UNA RAPIDA CONSULTAZIONE ALLA PENSIONE DEL FONDO GENERALE ENPAM a cura di Marco Perelli Ercolini 2005 LA PREVIDENZA DEI MEDICI CON ATTIVITA PROFESSIONALE A RAPPORTO DI LAVORO IN DIPENDENZA

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Via Vicenza, 7-00185 Roma REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Approvato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PRESTAZIONI PREVIDENZIALI 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Pensione di vecchiaia contributiva Pensione anzianità Pensione di inabilità Pensione di invalidità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Testo in vigore dal 1 gennaio 2013 Art. 1 (Campo di applicazione) 1. La previdenza e l assistenza a favore della generalità degli iscritti al Fondo di Previdenza

Dettagli

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme

I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme I sistemi previdenziali INPDAP ed ENPAM dopo le riforme - quando si può andare in pensione - come si calcola la pensione 1 Tutele previdenziali per i medici attività libero professionale attività lavoro

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Articolo 1 Forme di assistenza 1.1. Le forme di assistenza di cui all art. 3, comma 3, dello Statuto e dell art. 32 del Regolamento

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010

A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 g A cura di Claudio Testuzza aggiornato ad aprile 2010 RETRIBUTIVO : Da retributivo a contributivo La pensione viene calcolata riferendosi allo stipendio: QUOTA A ) Dipendenti pubblici : ultimo percepito,

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2

La Riforma Previdenziale Cosa cambia. Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 La Riforma Previdenziale Cosa cambia Cosa cambia in breve R O M A, D I C E M B R E 2 0 1 2 Indice I contributi soggettivo integrativo di solidarietà per i pensionati Le pensioni di Vecchiaia Unificata

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati VADEMECUM CASSA FORENSE 1 ISCRIZIONE ALLA CASSA L Iscrizione alla Cassa Forense è obbligatoria al raggiungimento e/o al superamento di uno dei due limiti reddituali

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2

PREVIDENZA. obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI ARTICOLO 1 ARTICOLO 2 Regolamento della gestione approvato con decreto interministeriale del 25 marzo 1998 PREVIDENZA obbligatoria degli Agrotecnici TITOLO I: DEI SOGGETTI - DEI CONTRIBUTI - DELLE SANZIONI CAPO PRIMO DEI SOGGETTI

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI

ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI ASSOCIAZIONE CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO PER I TRATTAMENTI ASSISTENZIALI E DI TUTELA SANITARIA INTEGRATIVA per l'attuazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE TITOLO I Dei contributi ART. 1 (Campo di applicazione) 1) La previdenza e l assistenza a favore della generalità degli iscritti al Fondo di Previdenza Generale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI ART. 1 Prestazioni 1.1 La Cassa corrisponde le seguenti pensioni: a) di vecchiaia; b)

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2004

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2004 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2004 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza Marzo 2004 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014

FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 FONDI DI PREVIDENZA LE TABELLE PER IL CALCOLO DEI TRATTAMENTI CON DECORRENZA 2014 Si rinnova anche per il 2014 il tradizionale appuntamento con le nuove tabelle per il calcolo dei trattamenti previdenziali

Dettagli

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve CASSA FORENSE Conoscerla in breve 1 A cura della Commissione Formazione di Cassa Forense: Avv. Barilli Cecilia Avv. Cecchin Pietro Paolo - Coordinatore Avv. Facchetti Eleonora - Segretario Avv. Giacchetti

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

Enpaf Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Farmacisti. Enpaf. Ente. Nazionale. Previdenza. Assistenza. Farmacisti

Enpaf Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Farmacisti. Enpaf. Ente. Nazionale. Previdenza. Assistenza. Farmacisti Enpaf Ente Nazionale Previdenza Assistenza Farmacisti 1 Presentazione Conoscere e condividere: nell epoca della comunicazione è ormai indispensabile fornire informazioni che devono però rispondere a criteri

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO 1 PRESTITI D'ONORE 2 PRESTITI D'ONORE BENEFICIARI Possono accedere al Prestito d'onore: gli Iscritti ad Inarcassa con

Dettagli

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra

ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013. Dr. Dino Cesare Lafiandra ASSEMBLEA del 31 GENNAIO 2013 Dr. Dino Cesare Lafiandra ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV Contributo soggettivo Tutti gli iscritti all Ente sono

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA REGOLAMENTO DI PREVIDENZA INDICE PARTE I DEI SOGGETTI, DEI CONTRIBUTI E DELLE SANZIONI pag. 6 PARTE II ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI pag. 18 PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA TITOLO I Capo I Tipologia delle prestazioni Articolo 1 Prestazioni Le prestazioni assistenziali previste dallo statuto e dal presente regolamento a favore degli

Dettagli

INFORMATIVA DICEMBRE 2012

INFORMATIVA DICEMBRE 2012 1 DELEGATO INARCASSA PROV. DELL AQUILA ING. RENATO DI LORETO Via A. Tirabassi, 4 67051 Avezzano (AQ) TEL/FAX 0863.455920-393.9687826-348.0720128 e-mail: diloreto.renato@tiscali.it INFORMATIVA DICEMBRE

Dettagli

" Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa "

 Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Monza Brianza " Il Futuro Previdenziale Dei Giovani Medici E Degli Ospedalieri: La Necessità Della Previdenza Integrativa " I redditi

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

LE PREMESSE DELLA RIFORMA

LE PREMESSE DELLA RIFORMA LE PREMESSE DELLA RIFORMA Non sono state aumentate le aliquote contributive della Riforma 2008, sono stati tutelati i diritti maturati dagli iscritti ed è stata, al contempo, rivolta un attenzione particolare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI IN FAVORE DEL PERSONALE TECNICO ED AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL SANNIO (D.R. n. 1638 del 15 novembre 2002) Articolo 1 Ambito

Dettagli

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale

8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8. Il Fondo Speciale dei Medici di Medicina Generale 8.1. La composizione del Fondo Gli iscritti attivi al Fondo sono coloro che hanno un rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli