Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti"

Transcript

1 Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento reddituale Supplemento contributivo Pensione unica contributiva Pensione di invalidità Pensione di inabilità La totalizzazione LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI AI SUPERSTITI Pensione indiretta Pensione di reversibilità IL CALCOLO DI PENSIONE RISCATTI RICONGIUNZIONE Le prestazioni assistenziali LA POLIZZA SANITARIA LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER GLI ISCRITTI interventi economici aventi particolare incidenza sul bilancio familiare borse di studio per figli di dottori commercialisti borse di studio per dottori commercialisti contributo per spese funebri contributo per spese case di riposo contributo per spese di assistenza infermieristica domiciliare assegno per aborto ante 3 mese assegno a favore di genitori di figli portatori di handicap e portatori di handicap orfani di associati LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER I NON ISCRITTI L INDENNITA DI MATERNITA I contributi dovuti La pre-iscrizione per i tirocinanti

2 LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE REQUISITI PENSIONE DI VECCHIAIA REQUISITI PER L ACCESSO ANNO DI NASCITA ETÀ ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE ANAGRAFICA SINO AL E E DAL PER TUTTI DECORRENZA LA PENSIONE DECORRE DAL PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA MATURAZIONE DEI REQUISITI. PENSIONE DI VECCHIAIA ANTICIPATA REQUISITI 61 ANNI DI ETA E 38 DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE 40 DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE A PRESCINDERE DALL ETA Cnpadc Maggio

3 58 ANNI DI ETA E 35 DI CONTRIBUZIONE PER CHE ABBIANO INVALIDITA PERMANENTE DEL 50% CERTIFICATA DA STRUTTURA PUBBLICA. SOLO IN QUESTO CASO E RICHIESTA LA CANCELLAZIONE DALL ALBO. LA PENSIONE E COMPATIBILE CON L ISCRIZIONE A QUALSIASI ALBO PROFESSIONALE, ELENCO DI LAVORATORI AUTONOMI E ATTIVITA DI LAVORO DIPENDENTE. TALE COMPATIBILITA E ESTESA AI TITOLARI DI PENSIONE DI ANZIANITA EX ART.3 L.21/86. DECORRENZA SI APPLICA LA NORMATIVA INERENTE LE FINESTRE DI CUI ALLA L.449/97 (art.59 c.6,7,8), SECONDO LA SEGUENTE TABELLA: MATURAZIONE DEL DIRITTO IN PRESENZA DELLA DOMANDA DECORRENZA DELLA PENSIONE 1 trimestre dell anno 1 ottobre dello stesso anno 2 trimestre dell anno 1 gennaio dell anno successivo 3 trimestre dell anno 1 aprile dell anno successivo 4 trimestre dell anno 1 luglio dell anno successivo SUPERATE LE FINESTRE, LA PENSIONE DECORRE DAL 1 GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA. SUPPLEMENTO REDDITUALE TUTTI I SUPPLEMENTI O LE QUOTE DI SUPPLEMENTO POST PENSIONE DI VECCHIAIA, MATURATE AL 31/12/2003, VENGONO LIQUIDATE CON IL SISTEMA REDDITUALE A DECORRERE DALL 1/1/2004. SUPPLEMENTO CONTRIBUTIVO DALL 1/1/2004 TUTTI I PENSIONATI (VECCHIAIA, ANZIANITA, VECCHIAIA ANTICIPATA, UNICA CONTRIBUTIVA) CHE PROSEGUANO LA PROFESSIONE Cnpadc Maggio

4 SONO TENUTI AL VERSAMENTO DELLA CONTRIBUZIONE SOGGETTIVA, OLTRE CHE INTEGRATIVA, SENZA OBBLIGO DEI MINIMI E DI MATERNITÀ. IL SUPPLEMENTO SPETTA SU DOMANDA DOPO UN QUINQUENNIO SUCCESSIVO AL PENSIONAMENTO E PER OGNI SUCCESSIVO QUINQUENNIO O PERIODO INFERIORE. DECORRE DAL PRIMO GENNAIO DELL ANNO SUCCESSIVO AL QUINQUENNIO O AL PERIODO INFERIORE. E CALCOLATO CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO. IN CASO DI CESSAZIONE, ANTERIORMENTE ALLA MATURAZIONE DEL PRIMO QUINQUENNIO, SPETTA LA RESTITUZIONE DEI CONTRIBUTI. IL SUPPLEMENTO E REVERSIBILE A DECORRERE DAL 1 GIORNO SUCCESSIVO AL DECESSO. IN CASO DI DECESSO DEL PENSIONATO, ANTERIORMENTE ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI SUPPLEMENTO, OVE MATURATO, LO STESSO SPETTA AI SUPERSTITI, NELLA MISURA PREVISTA PER LE PENSIONI INDIRETTE SULLA BASE DELLA CONTRIBUZIONE VERSATA AL 31/12 DELL ANNO ANTERIORE AL DECESSO. LA CONTRIBUZIONE SOGGETTIVA, EVENTUALMENTE VERSATA NELL ANNO DI DECESSO, VIENE RESTITUITA AGLI EREDI. IN CASO DI DECESSO AVVENUTO ANTERIORMENTE ALLA MATURAZIONE DEL SUPPLEMENTO, SPETTA AGLI EREDI LA RESTITUZIONE DEI CONTRIBUTI SOGGETTIVI, CHE VIENE LIQUIDATA SU DOMANDA. BENEFICIARI: ISCRITTI DAL 1/1/2004 PENSIONE UNICA CONTRIBUTIVA REQUISITI: ALMENO 5 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE E 62 ANNI DI ETA DECORRENZA: 1 GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA DOMANDA LA PENSIONE E CALCOLATA CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO. SE L AMMONTARE CALCOLATO NON SUPERA L IMPORTO DI EURO 2.279,24 (anno 2011) E DATA FACOLTA DI RICHIEDERE LA LIQUIDAZIONE DEL MONTANTE CONTRIBUTIVO MATURATO. LA PENSIONE E REVERSIBILE. Cnpadc Maggio

5 PENSIONE DI INVALIDITA REQUISITI: RIDUZIONE CAPACITÀ ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE A MENO DI 1/3 10 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE OPPURE: 5 ANNI SE L INVALIDITÀ È CAUSATA DA INFORTUNIO 5 ANNI SE L INVALIDITÀ DERIVA DA MALATTIA, MA L ISCRIZIONE ALLA CASSA SIA IN ATTO CONTINUATIVAMENTE DA DATA ANTERIORE AL 36 ANNO DI ETÀ LA DOMANDA DI ISCRIZIONE SIA PRESENTATA IN DATA ANTERIORE LA VERIFICAZIONE DELL EVENTO. MISURA: 70% DELL IMPORTO DERIVANTE DAL CALCOLO DI CUI ALL ART.10 RDRP. L IMPORTO NON PUÒ ESSERE INFERIORE AL 70% DELLA PENSIONE MINIMA IN VIGORE AL 2003 COME NEGLI ANNI RIVALUTATA. DECORRENZA: PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA O DEL MESE IN CUI LA TERNA MEDICA HA RISCONTRATO L INVALIDITÀ, SE SUCCESSIVA. IN PRESENZA DI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI (MEDIA RELATIVA AL TRIENNIO PRECEDENTE LA DOMANDA DI PENSIONE) INFERIORI AD UN DETERMINATO LIMITE, SULLA QUOTA CONTRIBUTIVA IL BENEFICIO DECENNALE CONSISTE NELL AUMENTARE DI DIECI ANNI, SINO AL MASSIMO DI 66 L ETA ANAGRAFICA DEL RICHIEDENTE, FERMO IL COEFFICIENTE MINIMO DEI 57 ANNI. SULLA QUOTA REDDITUALE IL NUMERO DI ANNI UTILI E AUMENTATO DI 10, SINO AL MASSIMO DI 35. PERMANE L OBBLIGO DI COMUNICARE L ENTITA DEI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI TRIENNALMENTE, SE SI E OTTENUTO IL BENEFICIO DI CUI SOPRA. IN CASO DI PROSECUZIONE DELLA PROFESSIONE DOPO IL PENSIONAMENTO, AL RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI RICHIESTI DALLA NORMA SUSSISTE LA POSSIBILITA DI CHIEDERE LA SOSTITUZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITA IN PENSIONE DI VECCHIAIA O VECCHIAIA ANTICIPATA. Cnpadc Maggio

6 SE NON SI RAGGIUNGE IL REQUISITO PER LA VECCHIAIA O VECCHIAIA ANTICIPATA: o IN CASO DI CANCELLAZIONE SI PROCEDE ALLA RILIQUIDAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITA TENENDO CONTO DEL PERIODO SUCCESSIVO, SE PIU FAVOREVOLE RISPETTO ALLA PENSIONE IN PAGAMENTO. o IN CASO DI DECESSO, IN PRESENZA DI SUPERSTITI, SI PROCEDE ALLA LIQUIDAZIONE DELLA PENSIONE INDIRETTA, SE DI IMPORTO PIU FAVOREVOLE RISPETTO ALLA REVERSIBILITA DA INVALIDITA. o IN CASO DI DECESSO SENZA SUPERSTITI SI PROCEDE, SU DOMANDA, ALLA RESTITUZIONE IN FAVORE DEGLI EREDI DEI CONTRIBUTI SOGGETTIVI VERSATI SUCCESSIVAMENTE ALLA PENSIONE DI INVALIDITA, MAGGIORATI DI INTERESSI LEGALI. LO STATO INVALIDANTE, OVE L INVALIDITA SIA STATA DICHIARATA REREVISIONABILE DAL GIUDUZIO MEDICO, E SOGGETTO A REVISIONE TRIENNALE PER ACCERTARNE LA PERMANENZA. DOPO LA TERZA REVISIONE LA CONCESSIONE DELLA PENSIONE E DEFINITIVA. PENSIONE DI INABILITA REQUISITI ESCLUSIONE TOTALE E PERMANENTE DELLA CAPACITÀ ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE 10 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE OPPURE: L INABILITÀ SIA CAUSATA DA INFORTUNIO; L INABILITÀ SIA CAUSATA DA MALATTIA E L EFFETTIVA ISCRIZIONE ALLA CASSA SIA IN ATTO CONTINUATIVAMENTE DA DATA ANTERIORE AL 36 ANNO DI ETÀ LA DOMANDA DI ISCRIZIONE SIA PRESENTATA IN DATA ANTERIORE LA VERIFICAZIONE DELL EVENTO CANCELLAZIONE DALL ALBO PROFESSIONALE MISURA: CALCOLO DI CUI ALL ART.10 RDRP. L IMPORTO NON PUÒ ESSERE INFERIORE AL 70% DELLA PENSIONE MINIMA IN VIGORE AL 2003, COME NEGLI ANNI RIVALUTATA. IN PRESENZA DI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI (MEDIA RELATIVA AL TRIENNIO PRECEDENTE LA DOMANDA DI PENSIONE), INFERIORI AD UN DETERMINATO LIMITE, SULLA QUOTA CONTRIBUTIVA IL BENEFICIO DECENNALE CONSISTE NELL AUMENTARE DI DIECI ANNI, SINO AL Cnpadc Maggio

7 MASSIMO DI 66, L ETA ANAGRAFICA DEL RICHIEDENTE, FERMO IL COEFFICIENTE MINIMO DEI 57 ANNI. SULLA QUOTA REDDITUALE, IL NUMERO DI ANNI UTILI E AUMENTATO DI 10 SINO AL MASSIMO DI 35. PERMANE L OBBLIGO DI COMUNICARE L ENTITA DEI REDDITI EXTRAPROFESSIONALI TRIENNALMENTE, SE SI E OTTENUTO IL BENEFICIO DI CUI SOPRA. DECORRENZA PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA O DEL MESE IN CUI LA TERNA MEDICA HA RISCONTRATO L INABILITÀ, SE SUCCESSIVA. LO STATO INABILITANTE, OVE L INABILITA SIA STATA DICHIARATA REVISIONABILE DAL GIUDUZIO MEDICO, E SOGGETTO AD UNA REVISIONE DECENNALE PER ACCERTARNE LA PERMANENZA. LA TOTALIZZAZIONE CONSENTE IL CUMULO GRATUITO DEI DIVERSI SPEZZONI CONTRIBUTIVI MATURATI PRESSO DIVERSE GESTIONI, NON INFERIORI A TRE ANNI NON COINCIDENTI. REQUISITI: o 65 ANNI DI ETA E 20 DI CONTRIBUZIONE COMPLESSIVA NON COINCIDENTI (vecchiaia) o 40 ANNI DI CONTRIBUZIONE COMPLESSIVA NON COINCIDENTI A PRESCINDERE DALL ETA ANAGRAFICA (anzianità) o NON TITOLARITA DI TRATTAMENTO PENSIONISTICO o NON AVER USUFRUITO DELLA RICONGIUNZIONE CONTRIBUTIVA CONCLUSASI DOPO IL 2006 PER INABILITA E INDIRETTA (per decessi successivi al 3/3/06) I REQUISITI SONO QUELLI RICHIESTI DALL ENTE DI ULTIMA ISCRIZIONE. DOMANDA: VA PRESENTATA ALL ENTE DI ULTIMA ISCRIZIONE DECORRENZA: Cnpadc Maggio

8 o DIRETTE: MESE SUCCESSIVO ALLA DOMANDA. SE IL REQUISITI SONO MATURATI DAL 1/1/11, LA DECORRENZA SLITTA AL 18 MESE SUCCESSIVO ALLLA MATURAZIONE DEI REQUISITI, IN PRESENZA DI DOMANDA o INDIRETTE: MESE SUCCESSIVO AL DECESSO PAGAMENTO OGNI ENTE PROVVEDE AL CALCOLO DELLA SUA QUOTA DI PENSIONE MENTRE IL PAGAMENTO VIENE SEMPRE EFFETTUATO DALL INPS. CALCOLO o ORDINARIO EX ART.10 RDRP PER CHI HA MATURATO ALMENO 25 ANNI DI ISCRIZIONE ALLA CASSA; o CONTRIBUTIVO EX ART.4 C.3 PER CHI HA MATURATO MENO DI 25 ANNI ALLA CASSA. LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI AI SUPERSTITI PENSIONE INDIRETTA BENEFICIARI CONIUGE SINCHE MANTIENE LO STATO VEDOVILE, FIGLI MINORI, MAGGIORENNI INABILI E MAGGIORENNI STUDENTI (MAX 26 ANNI) DELL ISCRITTO CHE DECEDE SENZA DIRITTO A PENSIONE. REQUISITI: a) 10 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE PER PENSIONI CON QUOTA REDDITUALE; 5 ANNI DI ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE PER LE PENSIONI CONTRIBUTIVE b) NEI CASI DI CUI AL PUNTO a) IN ASSENZA DEI REQUISITI: SE IL DECESSO E CAUSATO DA INFORTUNIO E SUFFICIENTE CHE SIA STATA PRESENTATA LA DOMANDA DI ISCRIZIONE IN DATA PRECEDENTE L EVENTO SE IL DECESSO E CAUSATO DA MALATTIA E SUFFICIENTE CHE SIA STATA PRESENTATA LA DOMANDA DI ISCRIZIONE IN DATA PRECEDENTE L EVENTO, SE L ISCRIZIONE E IN CORSO DA DATA ANTERIORE AL 36 ANNO DI ETA Cnpadc Maggio

9 MISURA a) 60% AL CONIUGE b) 20% AD OGNI FIGLIO IN PRESENZA DEL CONIUGE. IN CASO DI DUE O PIU FIGLI VIENE RIPARTITO IL 40% IN PARTI UGUALI c) 60% A UN FIGLIO SOLO d) 80% IN CASO DI DUE FIGLI SOLI RIPARTITO A META e) 100% IN CASO DI TRE O PIU FIGLI SOLI SIDDIVISO IN PARTI UGUALI DECORRENZA PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO AL DECESSO NEL CALCOLO DELLA QUOTA DI PENSIONE CONTRIBUTIVA, PER LA TRASFORMAZIONE IN RENDITA DEL MONTANTE, QUALORA L ETA DELL ISCRITTO, AL MOMENTO DEL DECESSO, SIA INFERIORE AI 57 ANNI, SI APPLICA COMUNQUE IL COEFFICIENTE MINIMO DEI 57 ANNI. LA BASE PENSIONISTICA PER IL CALCOLO DELLA PENSIONE (PENSIONE IPOTETICA SPETTANTE AL DE CUIUS) NON PUO ESSERE INFERIORE AL 70% DEL TRATTAMENTO MINIMO VIGENTE AL 31/12/2003, COME RIVALUTATO ANNUALMENTE AI SENSI DELL ART.16 L.21/86. LA PENSIONE SPETTA ANCHE PER IL CANCELLATO, IN CASO DI DECESSO DOPO LA MATURAZIONE DELLE ANNUALITA DI ISCRIZIONE, DI CUI ALLA TABELLA D (vecchiaia), MA ANTERIORMENTE AL RAGGIUNGIMENTO DELL ETA ANAGRAFICA RELATIVA. PENSIONE DI REVERSIBILITA SPETTA AI SOGGETTI, NELLE PERCENTUALI E ALLA DECORRENZA DI CUI ALLA PENSIONE INDIRETTA, CALCOLATA SULLA BASE DELLA PENSIONE DIRETTA DI CUI GODEVA IL DEFUNTO. Cnpadc Maggio

10 IL CALCOLO DI PENSIONE A DECORRERE DALL ANNO 2004 E INTRODOTTO, PRO RATA, IL CALCOLO DI PENSIONE CONTRIBUTIVO COMMISURATO ALLA CONTRIBUZIONE VERSATA. PER LE ANNUALITA DI ISCRIZIONE MATURATE AL 31/12/2003 PERMANE IL CALCOLO REDDITUALE, IN APPLICAZIONE DEL PRECEDENTE SISTEMA. IL CALCOLO MISTO PER COLORO CHE POSSONO FAR VALERE PERIODI DI ISCRIZIONE VALIDI ANTE 1/1/2004, IL CALCOLO DI PENSIONE E COMPOSTO DA DUE QUOTE: QUOTA REDDITUALE: LA MEDIA REDDITUALE È CALCOLATA SUL NUMERO DI REDDITI DICHIARATI SINO AL 2003 COMPRESO, SECONDO LA SEGUENTE PROGRESSIONE IN RELAZIONE ALLA DECORRENZA DELLA PENSIONE: Decorrenza della variazione Numero di anni ante 2004 Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ Dal 1/1/ INDIVIDUATA LA MEDIA, LA STESSA VIENE MOLTIPLICATA, SULLA BASE DEGLI SCAGLIONI REDDITUALI COME DETERMINATI A SEGUITO DELLA RELATIVA RIVALUTAZIONE PER I COEFFICIENTI DEL 2% E 0,60%, PER TUTTI GLI ANNI DI ISCRIZIONE MATURATI SINO AL 2001; DELL 1,75% E DELLO 0,50% PER GLI ULTERIORI DUE ANNI (2002 E 2003). Cnpadc Maggio

11 QUOTA CONTRIBUTIVA: MONTANTE CONTRIBUTIVO X COEFFICIENTE DI TRASFORMAZIONE MONTANTE CONTRIBUTIVO AL 31/12 DI CIASCUN ANNO: CONTRIBUTO SOGGETTIVO VERSATO AL 31/12 DELL ANNO PRECEDENTE (ALIQUOTA DI COMPUTO SULLA BASE IMPONIBILE, SE SUPERIORE ALL ALIQUOTA DI FINANZIAMENTO) RIVALUTATO SU BASE COMPOSTA AL 31/12 DI OGNI ANNO AL TASSO ANNUO DI CAPITALIZZAZIONE ; CONTRIBUTO SOGGETTIVO VERSATO NELLO STESSO ANNO (CON ALIQUOTA DI COMPUTO SULLA BASE IMPONIBILE, SE SUPERIORE ALL ALIQUOTA DI FINANZIAMENTO); CONTRIBUZIONE RICONGIUNTA, RISCATTATA, RIPRISTINATA, RIVALUTATA SU BASE COMPOSTA AL 31/12 DI OGNI ANNO AL TASSO ANNUO DI CAPITALIZZAZIONE; CONTRIBUZIONE RICONGIUNTA, RISCATTATA, RIPRISTINATA VERSATA NELL ANNO. TASSO ANNUO DI CAPITALIZZAZIONE : PER IL PRIMO QUINQUENNIO = VARIAZIONE MEDIA QUINQUENNALE DEL PIL NOMINALE DEL QUINQUENNIO PRECEDENTE L ANNO DA RIVALUTARE; DAL 6 ANNO = MEDIA QUINQUENNALE DEI RENDIMENTI DEGLI INVESTIMENTI (MINIMO 1,5% - MASSIMO MEDIA QUINQUENNALE PIL SE LA MEDIA DEGLI INVESTIMENTI È SUPERIORE) COEFFICIENTE DI TRASFORMAZIONE : VALORE CHE TRASFORMA IL MONTANTE IN RENDITA IN RELAZIONE ALL ETÀ ANAGRAFICA AL MOMENTO DELLA DECORRENZA DELLA PENSIONE. IL CALCOLO CONTRIBUTIVO PER COLORO CHE POSSONO FAR VALERE PERIODI DI ISCRIZIONE VALIDI ESCLUSIVAMENTE DAL 1/1/2004, IL CALCOLO SARA TUTTO CONTRIBUTIVO Cnpadc Maggio

12 CORSO LEGALE DI LAUREA RISCATTI PERIODI RISCATTABILI E POSSIBILE RISCATTARE IL PERIODO LEGALE DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E COMMERCIO O DISCIPLINE EQUIPOLLENTI PER L AMMISSIONE ALL ESAME DI STATO SERVIZIO MILITARE E POSSIBILE RISCATTARE IL PERIODO DEL SERVIZIO MILITARE O CIVILE ENTRO IL LIMITE DI 2 ANNI TIROCINIO E RISCATTABILE IL TIROCINIO DI CUI ALL ART.2 DPR 1067/53 E L. 206/92 ENTRO IL LIMITE DI 3 ANNI, A CONDIZIONE CHE PER LO STESSO PERIODO NON SIA INTERVENUTA LA PRE-ISCRIZIONE DI CUI ALL ART.20 BIS C.6, PRIMO PERIODO RDRP A CONDIZIONE CHE: o NON SIANO STATI GIA RISCATTATI o NON SIANO COINCIDENTI CON ALTRI PERIODI COPERTI DA CONTRIBUZIONE CALCOLO ONERE PER GLI ISCRITTI ALLA CASSA DAL 1/1/2004 IL CALCOLO E SEMPRE CONTRIBUTIVO. PER GLI ISCRITTI ALLA CASSA DA DATA ANTERIORE AL 1/1/2004 E POSSIBILE SCEGLIERE LA MODALITA DI CALCOLO REDDITUALE SOLO PER IL RISCATTO DELLA LAUREA E DEL SERVIZIO MILITARE. E POSSIBILE PRESENTARE LA DOMANDA DI RISCATTO ONLINE IL PAGAMENTO DELL ONERE PUO ESSERE EFFETTUATO IN UN UNICA SOLUZIONE O RATEALMENTE (MAX ½ PERIODO RISCATTATO). IL PAGAMENTO A TITOLO DI ADESIONE DEVE AVVENIRE A PENA DI DECADENZA - ENTRO 60GG DALLA DATA DI RICEZIONE DELLA COMUNICAZIONE DELL ONERE Cnpadc Maggio

13 RICONGIUNZIONE CONSISTE NEL TRASFERIMENTO A TITOLO ONEROSO DELLA CONTRIBUZIONE VERSATA IN DIVERSE GESTIONI PREVIDENZIALI, NELL ENTE DI ULTIMA GESTIONE, AL FINE DI OTTENERE UN UNICA PENSIONE. DESTINATARI a) ISCRITTI ALLA CASSA E CANCELLATI DALLA CASSA b) SUPERSTITI ENTRO 2 ANNI DAL DECESSO SONO ESCLUSI I TITOLARI DI TRATTAMENTO PENSIONISTICO DOMANDA LA DOMANDA PUO ESSERE PRESENTATA IN OGNI MOMENTO PERIODI RICONGIUNGIBILI LA RICONGIUNZIONE OPERA SEMPRE PER TOTALI SONO RICONGIUNGIBILI TUTTI I PERIODI ASSICURATIVI PURCHE : o Non inferiori a 5 mesi e 16gg o non siano interamente coincidenti con l iscrizione alla Cassa ONERE L ONERE E COSTITUITO DALLA SOMMA ALGEBRICA TRA LA RISERVA MATEMATICA (importo della maggiore quota di pensione per il coefficiente tabellare corrispondente all età anagrafica e contribuzione complessiva alla data della domanda) E L AMMONTARE DEI CONTRIBUTI COMUNICATI DAGLI ENTI INTERESSATI (maggiorati del 4,5%) PAGAMENTO IL PAGAMENTO (adesione entro 60 gg dalla comunicazione dell onere - termine perentorio) PUO ESSERE EFFETTUATO: o IN UNICA SOLUZIONE o RATEALMENTE (MAX ½ PERIODO RICONGIUNTO) Esclude l applicazione della restituzione dei contributi ex art.21 L.21/86 Cnpadc Maggio

14 LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LA POLIZZA SANITARIA E STATA STIPULATA CON LA COMPAGNIA REALE MUTUA (COMPAGNIA SELEZIONATA MEDIANTE PUBBLICA GARA) LA POLIZZA SANITARIA A FAVORE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ISCRITTI E PENSIONATI ATTIVI OPERANTE DAL 1/1/2011 AL 31/12/2013. L ASSICURAZIONE È AUTOMATICA A SEGUITO DELL ISCRIZIONE. IL PREMIO È A CARICO DELLA CASSA. GLI EVENTI COPERTI FANNO RIFERIMENTO A GRANDI EVENTI MORBOSI E GRANDI INTERVENTI CHIRURGICI. L ASSICURAZIONE PUÒ ESSERE ESTESA CON PREMIO A CARICO DELL ASSICURATO ANCHE AL CONIUGE, CONVIVENTE MORE UXORIO E FIGLI. PER OGNI INFORMAZIONE SI RINVIA ALL APPOSITA SEZIONE DEL SITO LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER GLI ISCRITTI INTERVENTI ECONOMICI AVENTI PARTICOLARE INCIDENZA SUL BILANCIO FAMILIARE TERMINE 2 ANNI DALL EVENTO DESTINATARI ISCRITTI AL 31 DICEMBRE DELL ANNO PRECEDENTE QUELLO DI COMPETENZA DELL EROGAZIONE E COMUNQUE ALLA DATA DELLA Cnpadc Maggio

15 DOMANDA, PENSIONATI CASSA, FAMILIARI (CONIUGE E PARENTI DI 1 GRADO CONVIVENTI E A CARICO) LIMITE DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ PER LE DOMANDE PRESENTATE NELL ANNO 2011 IL TETTO REDDITUALE RISULTA PARI AD: EURO ,39 PER IL RICHIEDENTE UNICO COMPONENTE; EURO ,31 PER IL RICHIEDENTE CON NUCLEO FAMILIARE. TIPI DI INTERVENTI: a) EVENTI STRAORDINARI O DOVUTI A CASO FORTUITO O FORZA MAGGIORE CON RILEVANTE INCIDENZA SUL BILANCIO FAMILIARE, CHE ESPONGANO IL RICHIEDENTE A SPESE NON ORDINARIAMENTE SOSTENIBILI; b) INTERRUZIONE DI ATTIVITÀ PROFESSIONALE: PER L ISCRITTO, DA ALMENO TRE ANNI NON PENSIONATO, PER PIÙ DI TRE MESI DOVUTA A MALATTIA. CALCOLO: 1/24 DEL REDDITO PROFESSIONALE DICHIARATO (MAX LIMITE PER L ACCESSO) PER OGNI MESE DI INTERRUZIONE (MAX 12). NON INFERIORE, PER OGNI MESE, A 1/12 DELLA PENSIONE MINIMA (ANNO DI VERIFICAZIONE DELL EVENTO). c) SOSTENIMENTO DI SPESE NON RIMBORSABILI O INDENNIZZABILI PER INTERVENTO CHIRURGICO E RELATIVA DEGENZA DOVUTI A MALATTIA, PER L ISCRITTO DA ALMENO TRE ANNI CHE NON ABBIA POTUTO ESERCITARE PER ALMENO TRE MESI. IMPORTO: NON SUPERIORE ALLA METÀ DELLA SPESA RIMASTA A CARICO DELL ISCRITTO E NON SUPERIORE ALLA DIFFERENZA TRA IL REDDITO LIMITE PER L ACCESSO E IL REDDITO DICHIARATO. d) DECESSO DELL ISCRITTO O PENSIONATO CHE ABBIA PROCURATO DIFFICOLTÀ FINANZIARIA AL CONIUGE SUPERSTITE E FIGLI MINORI O MAGGIORI INABILI. BORSE DI STUDIO PER FIGLI DI DOTTORI COMMERCIALISTI EVENTI a) ULTIMO ANNO SCUOLA MEDIA INFERIORE (OTTIMO) b) ANNI PRECEDENTI L ULTIMO DI SCUOLA MEDIA SUPERIORE (VOTAZIONE 7,60 NON RIPETENTI) c) DIPLOMA MATURITÀ (80/100 NON RIPETENTI) Cnpadc Maggio

16 d) DURATA LEGALE CORSI UNIVERSITARI (IN REGOLA CON IL PIANO DI STUDI E MEDIA NON INFERIORE A 27/30) e) CORSI UNIVERSITARI ED EXTRAUNIVERSITARI SPECIALIZZAZIONE LIMITI DI REDDITO IL REDDITO DICHIARATO DAL NUCLEO FAMILIARE NELL ANNO IN CUI E BANDITO IL CONCORSO NON DEVE SUPERARE (BANDO 2010) IL LIMITE DI ,86 PER LA COMPOSIZIONE MINIMA N.F. (1 FIGLIO PIU UN GENITORE O ADULTO) AUMENTATO DEL 40% PER OGNI ULTERIORE FIGLIO E DEL 30% PER OGNI ULTERIORE GENITORE O ADULTO. GRADUATORIA CRITERIO DI PRECEDENZA INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL REDDITO COMPLESSIVO. A PARITÀ DI REDDITO, LA PIÙ ALTA VOTAZIONE. IMPORTO DETERMINATO NEL BANDO DI CONCORSO. ESEMPIO ANNO 2010: a) ,00 b) ,00 c) ,00 d) ,00 e) SPESE SOSTENUTE DOCUMENTATE: FINO AL MASSIMO DI EURO 2.000,00 PRO-CAPITE PER I CORSI TENUTI DA UNIVERSITÀ; EURO 3.000,00 PRO-CAPITE PER I CORSI TENUTI DA STRUTTURE PRIVATE NOTORIAMENTE OPERANTI DA ALMENO CINQUE ANNI. BORSE DI STUDIO PER DOTTORI COMMERCIALISTI EVENTI CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER CONSEGUIMENTO DI QUALIFICAZIONI SPECIFICHE DELL AREA DELLE PROFESSIONI ECONOMICHE FINANZIARIE. REQUISITI ISCRIZIONE ALLA CASSA AL 31/12 DELL ANNO PRECEDENTE LA RICHIESTA E ISCRIZIONE ALLA CASSA DA 3 ANNI COMPIUTI PRIMA DI QUELLO DI INIZIO DELLA FREQUENZA DEL CORSO; NON ESSERE TITOLARE DI PENSIONE; Cnpadc Maggio

17 AVER FREQUENTATO; NON AVER BENEFICIATO DI ALTRI SUSSIDI PER I MEDESIMI CORSI. LIMITE DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ GRADUATORIA CRITERIO DI PRECEDENZA INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL REDDITO COMPLESSIVO. A PARITÀ DI REDDITO LA PIÙ ALTA SPESA. IMPORTO IMPORTO MASSIMO DI EURO 2.500,00, O COMUNQUE SINO ALLA CONCORRENZA DELLE SPESE SOSTENUTE DOCUMENTATE, OVE INFERIORI. CONTRIBUTO PER SPESE FUNEBRI A FAVORE DI COMMERCIALISTI ISCRITTI O PENSIONATI CASSA, PER IL DECESSO DI CONIUGE, FIGLI O GENITORI PURCHÉ A CARICO E FACENTI PARTE DEL NUCLEO FAMILIARE; A FAVORE DI CONIUGE E FIGLI AVENTI TITOLO ASTRATTO ALLA PENSIONE; AI SUPERSTITI PER IL DECESSO DELL ISCRITTO O PENSIONATO CASSA TERMINE 2 ANNI DALL EVENTO LIMITI DI REDDITO ,00 UNICO COMPONENTE; ,00 PER PIÙ COMPONENTI (IMPORTI FISSI) IMPORTO NEI LIMITI DELLE SPESE DOCUMENTATE RIMASTE A CARICO DEL BENEFICIARIO E NON SUPERIORE A 2.000,00; 4.000,00 IN CASO DI COMMORIENZA. CONTRIBUTO PER SPESE CASE DI RIPOSO BENEFICIARI A FAVORE DEI PENSIONATI CASSA E CONIUGI SUPERSTITI TITOLARI DI PENSIONE AI SUPERSTITI, CHE DIMORINO PERMANENTEMENTE E SOSTENGANO A PROPRIO CARICO LA RETTA. Cnpadc Maggio

18 IMPORTO SINO A CONCORRENZA MASSIMA DI 750,00 MENSILI; 1.584,00 PER NON AUTOSUFFICIENTI. GRADUATORIA CRITERIO DI PRECEDENZA INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL REDDITO COMPLESSIVO. A PARITÀ DI REDDITO, LA MAGGIORE ETÀ. LIMITE DI REDDITO CONTRIBUTO PER SPESE DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA DOMICILIARE BENEFICIARI A FAVORE DEGLI ISCRITTI, PENSIONATI, DEL CONIUGE E FIGLI AVENTI TITOLO ALLA PENSIONE AI SUPERSTITI, IN CONSEGUENZA DI MALATTIA O INFORTUNIO. L ASSISTENZA DEVE ESSERE PRESCRITTA DA SANITARIO E PRATICATA DA PERSONALE INFERMIERISTICO QUALIFICATO. IMPORTO SINO A CONCORRENZA MASSIMA DI 500,00 MENSILI PER UN MASSIMO DI SEI MESI. TERMINE ENTRO 12 MESI DALLA CESSAZIONE DELL ASSISTENZA INFERMIERISTICA. LIMITE DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ PER LE DOMANDE PRESENTATE NELL ANNO 2011 IL TETTO REDDITUALE RISULTA PARI AD: EURO ,39 PER IL RICHIEDENTE UNICO COMPONENTE; EURO ,31 PER IL RICHIEDENTE CON NUCLEO FAMILIARE. Cnpadc Maggio

19 ASSEGNO PER ABORTO ANTE 3 MESE BENEFICIARIE ISCRITTE (O CHE ABBIANO INVIATO DOMANDA DI ISCRIZIONE ALMENO TRE MESI PRIMA DEL VERIFICARSI DELL ABORTO) ALLA CASSA IMPORTO 1/5 DELL IMPORTO MINIMO DELL INDENNITÀ DI MATERNITÀ DI CUI AL D.LGS.151/01, PREVISTO NELL ANNO IN CUI È AVVENUTO L ABORTO. TERMINE ENTRO 180GG DAL VERIFICARSI DELL EVENTO. ASSEGNO A FAVORE DI GENITORI DI FIGLI PORTATORI DI HANDICAP E PORTATORI DI HANDICAP ORFANI DI ASSOCIATI BENEFICIARI 1) GENITORI ISCRITTI ALLA CASSA CON 5 ANNI CONTINUATIVI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E REGOLARE CONTRIBUZIONE IN PRESENZA DI ESERCIZIO PROFESSIONALE (AL 31/12 DELL ANNO ANTERIORE ALLA DOMANDA DI CONTRIBUTO) O ISCRITTI IN DATA ANTERIORE AL RICONOSCIMENTO DELL HANDICAP INFRA35ENNI ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA; 2) PENSIONATI CASSA ATTIVI E NON; 3) PORTATORI DI HANDICAP ORFANI DI ISCRITTI ALLA CASSA ALLA DATA DEL DECESSO. LIMITI DI REDDITO IL REDDITO DICHIARATO DAL NUCLEO FAMILIARE NELL ANNO PRECEDENTE LA DOMANDA, CON ESCLUSIONE DI QUELLO DEL DE CUIUS PER IL CASO 3) NON DEVE SUPERARE (ANNO 2011) IL LIMITE DI ,68 PER LA COMPOSIZIONE MINIMA N.F. (1 GENITORE E FIGLIO CON HANDICAP) AUMENTATO DEL 30% PER OGNI ULTERIORE ADULTO E DEL 40% PER OGNI FIGLIO NON PORTATORE DI HANDICAP E DEL 60% PER OGNI ULTERIORE FIGLIO PORTATORE DI HANDICAP Nucleo familiare Tabella esemplificativa (limite reddituale anno 2011) 1 genitore + 1 figlio con handicap ,68 Limite reddituale (Euro) 2 genitori + 1 figlio con handicap ,59 (57.929, %) 2 genitori + 1 figlio con handicap + 1 figlio senza handicap ,46 (57.929, % + 40%) 2 genitori + 1 nonno + 1 figlio con handicap ,49 (57.929, % + 30%) Cnpadc Maggio

20 IMPORTO 5.200,00 DECORRENZA 1 GENNAIO DELL ANNO DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA. PER GLI ANNI SUCCESSIVI VENGONO RICHIESTI: o ESISTENZA IN VITA; o NON SUPERAMENTO DEL LIMITE REDDITUALE RIFERITO ALL ANNO IN CORSO PREMI A FAVORE DI ISCRITTI, PENSIONATI E LORO SUPERSTITI AVENTI TITOLO ALLA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE SI SIANO DISTINTI PER PARTICOLARI BENEMERENZE. IMPORTO 5.200,00 LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI PER I NON ISCRITTI BENEFICIARI o COLORO CHE VERSANO IL SOLO CONTRIBUTO INTEGRATIVO (ESONERATI); o COLORO CHE ABBIANO VERSATO IL SOLO CONTRIBUTO INTEGRATIVO E ABBIANO CESSATO LA PROFESSIONE PER INABILITÀ ASSOLUTA O CONSEGUIMENTO DI PENSIONE A CARICO DI ALTRO ENTE DI PREVIDENZA; o CONIUGE E PARENTI IN LINEA RETTA DI 1 GRADO CONVIVENTI E A CARICO TIPO DI EVENTO o CALAMITÀ NATURALE QUALE ALLUVIONE, TERREMOTO, ECC; o FATTO DISASTROSO QUALE INCENDIO CATASTROFICO, ESPLOSIONE DOLOSA; o INFORTUNIO CON CONSEGUENZE, ANCHE SUI FAMILIARI, NON ORDINARIAMENTE SOSTENIBILI; CHE ABBIA GENERATO SPESE DI PARTICOLARE INCIDENZA SUL BILANCIO FAMILIARE. Cnpadc Maggio

21 LIMITI DI REDDITO IL RIFERIMENTO E ALL IMPONIBILE DEL NUCLEO FAMILIARE (ART.3 DEL NUOVO REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DELLE FUNZIONI DI ASSISTENZA E DI MUTUA SOLIDARIETÀ PER LE DOMANDE PRESENTATE NELL ANNO 2011 IL TETTO REDDITUALE RISULTA PARI AD: EURO ,39 PER IL RICHIEDENTE UNICO COMPONENTE; EURO ,31 PER IL RICHIEDENTE CON NUCLEO FAMILIARE. TERMINE 2 ANNI DALL EVENTO L INDENNITA DI MATERNITA - Dlgs 151/01 BENEFICIARIE ISCRITTE ALLA CASSA NON TITOLARI DEL DIRITTO A ALTRA INDENNITÀ DI MATERNITÀ. TIPO DI EVENTO a) PARTO (2 MESI PRIMA E 3 MESI DOPO) b) INTERRUZIONE DELLA GRAVIDANZA DOPO IL SESTO MESE c) ADOZIONE ED AFFIDAMENTO ART.72 (BAMBINO SINO A 6 ANNI PER ADOZIONE NAZIONALE E 18 ANNI PER QUELLA INTERNAZIONALE CORTE COST.17 DEL 23/12/03 N.371); d) INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA INTERVENUTA NON PRIMA DEL TERZO MESE IMPORTO SPETTANTE a) 80% DEI 5/12 DEL REDDITO NETTO PROFESSIONALE DICHIARATO NELL ANNO PRECEDENTE QUELLO DELL EVENTO (L.289/03); b) COME a); c) COME a); d) 1/5 DELL IMPORTO CALCOLATO COME AL PUNTO a). TEMPI PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA NON ANTERIORMENTE AL COMPIMENTO DEL SESTO MESE DI GRAVIDANZA ED ENTRO 180GG. DALL EVENTO (TERMINE PERENTORIO) LA DOMANDA PUO ESSERE PRESENTATA ON LINE Cnpadc Maggio

22 I CONTRIBUTI DOVUTI Gli iscritti alla Cassa devono: - il contributo soggettivo (minimo ed eccedenze) - il contributo integrativo (minimo ed eccedenze) - il contributo di maternità Nel 2011 il minimo soggettivo è pari ad 2.395,00. L eccedenza del contributo soggettivo è determinata applicando al reddito netto professionale prodotto nel 2010 (massimo ,00) l aliquota scelta tra il 10 ed il 17% decurtando il minimo dovuto. Il minimo integrativo è pari ad 719,00. L eccedenza del contributo integrativo è determinata applicando al volume di affari prodotto nel 2010 (al netto del 4%) la maggiorazione del 4% decurtando il minimo dovuto. Coloro che si iscrivono per la prima volta alla Cassa prima di aver compiuto 35 anni di età, per i primi tre anni di iscrizione se coincidenti con i primi tre anni di esercizio professionale, devono i contributi soggettivo ed integrativo applicando esclusivamente le percentuali previste senza obbligo del minimo. Qualora l applicazione dell aliquota massima del 17% al reddito netto professionale prodotto determini un contributo inferiore al minimo soggettivo, costoro hanno facoltà di versare tale minimo. I contributi minimi devono essere versati alla Cassa entro il 31/05 (prima rata/rata unica) ed entro il 31/10 (seconda rata) di ciascun anno. Il pagamento può essere effettuato mediante RID, Carta di credito Dottori Commercialisti (rilasciata dalla Banca popolare di Sondrio) o Mav da generare on line, per coloro che aderiscono al servizio telematico SAT PCM. A coloro che non aderiscono sono inviati i bollettini Mav cartacei. La comunicazione dei dati reddituali deve essere effettuata entro il 15/11 di ciascun anno esclusivamente mediante la modalità telematica SAT PCE da tutti coloro che hanno esercitato la professione nell anno precedente, indipendentemente dalla posizione assicurativa presso la Cassa. Il pagamento delle eccedenze deve essere effettuato entro il 15/12 di ciascun anno scegliendo una delle modalità previste dal servizio PCE: RID, Carta di credito Dottori Commercialisti, Mav da generare on line. In caso di inadempienze contributive (tardivo/omesso pagamento delle eccedenze, tardiva/omessa/infedele comunicazione dei dati reddituali, tardiva presentazione della domanda di iscrizione) è possibile inviare domanda di regolarizzazione spontanea anche mediante modalità telematica (disponibile tra i servizi on line del sito della Cassa) con contestuale pagamento delle somme complessivamente dovute a titolo di contributi e maggiorazioni. Qualora le inadempienze non siano regolarizzate spontaneamente, la Cassa accerta annualmente le sanzioni ordinarie. Cnpadc Maggio

23 I contributi e le somme accessorie non versate alla Cassa entro i termini previsti sono iscritti nel primo ruolo utile. LA PRE-ISCRIZIONE PER I TIROCINANTI Coloro che si iscrivono al Registro dei praticanti possono pre-iscriversi alla Cassa per il periodo di tirocinio e per il triennio successivo, inviando domanda entro 5 anni dalla iscrizione al Registro. La pre-iscrizione può essere richiesta con decorrenza dal 1 gennaio di uno degli anni di tirocinio. I soggetti pre-iscritti devono versare alla Cassa un contributo fisso annuale a scelta nel 2011 tra 538, ,00, 2.150,00. Il periodo di pre-iscrizione è validato ai fini previdenziali al momento della iscrizione alla Cassa che deve intervenire entro 2 anni dal termine della pre-iscrizione. Qualora non intervenga iscrizione alla Cassa i contributi versati sono restituiti maggiorati degli interessi al tasso legale pro-tempore vigente calcolati dal 1 gennaio dell anno successivo a ciascun pagamento e fino alla data di liquidazione. Nella sezione Tirocinio presente nel sito internet della Cassa è presente il modulo appositamente predisposto per inviare domanda di pre-iscrizione. Cnpadc Maggio

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DEI BENEFICI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO A. A. 2015/16 Prot. N 41920 N. Repertorio 3115/2015 Titolo V Classe 5 Fascicolo Milano, 30 giugno 2015 VISTI gli

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008

FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 FLC Cgil Nazionale Febbraio 2008 INSERIMENTO/AGGIORNAMENTO GRADUATORIE ATA DI 1^ FASCIA GUIDA ANALITICA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA (modelli di domanda - allegati B1, B2, F, G, H) 0) La modulistica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio

Regione Toscana. Bando di concorso a.a. 2014/2015. Borse di studio Posti alloggio Regione Toscana Bando di concorso a.a. 2014/2015 Borse di studio Posti alloggio Luglio 2014 Pubblicazione a cura del Servizio Comunicazione Impaginazione a cura di: Leda Lazzerini Redazione testo: Servizi

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO

REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO REGOLAMENTO IMMATRICOLAZIONI, ISCRIZIONI, TASSE E CONTRIBUTI PER STUDENTI DI CORSI DI LAUREA, DI LAUREA MAGISTRALE, DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO E CORSI SINGOLI INDICE TITOLO I - IMMATRICOLAZIONI,

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli