Piano per la gestione del sito internet comunale Contiene note e spunti confidenziali per il Sindaco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Piano per la gestione del sito internet comunale Contiene note e spunti confidenziali per il Sindaco"

Transcript

1 Piano per la gestione del sito internet comunale Contiene note e spunti confidenziali per il Sindaco

2 Sommario Prefazione... 3 Cosa sapere... 4 Il CMS: un sistema al servizio dei servizi on-line... 7 Guida alla scelta degli sitli grafici del sito Giudizio sul sito internet comunale.. 16 Allegato Allegato... 25

3 Prefazione Gentile Sindaca/o, mi è particolarmente gradito presentarle il nuovo sistema di gestione delle pagine web (Content Management System o, più brevemente, CMS) del sito internet comunale messo a punto da Asmenet Campania. Esso consente di introdurre e aggiornare con modalità molto semplici i contenuti del sito comunale, senza che si possa per questo alterare il livello di qualità e il requisito di accessibilità voluti dal Codice dell Amministrazione Digitale ( CAD, D.Lgs 159/06). Quando abbiamo iniziato la realizzazione del Centro Servizi Territoriale ci siamo interrogati su come migliorare quanto già esistente. È nato così il nostro proposito di strutturare i siti e di introdurre un nuovo CMS rispondente alle prescrizioni del CAD emanato di recente e comunque basato su soluzioni web aperte, condivisibili cioè con altre amministrazioni, secondo l indirizzo seguito da anni dal Consorzio Asmez. Abbiamo chiamato il nuovo CMS Asmenet 2.0, perché: è la seconda versione dei portali Asmenet, è il primo passo verso le nuove tendenze del Web 2.0. Siamo convinti che un sito web istituzionale non si improvvisi, ma deve essere frutto di un lavoro collettivo che tenga conto: delle conseguenze derivanti dalla mancata conoscenza e corretta applicazione della normativa vigente dei bisogni e delle aspettative delle persone che utilizzano i siti pubblici. Per questo ci stiamo adoperando per porre i nostri soci nelle condizioni di utilizzare al meglio il nuovo CMS. Stiamo attivando iniziative di sensibilizzazione e formazione dei redattori comunali e stiamo diffondendo il presente Piano per la Gestione del Sito Comunale. Esso contiene, tra l altro, uno schema di Regolamento telematico, perché ciascun ente, modificandolo e integrandolo in funzione delle proprie caratteristiche organizzative e dimensionali, possa darsi una organizzazione adeguata. Insomma, non ci proponiamo una operazione di facciata, ma un intervento per il quale ogni ente, adottando e gestendo con efficienza sistemi moderni di comunicazione, migliori effettivamente le relazioni con la propria cittadinanza. Tra i nostri obiettivi c è anche l ottenimento per tutti i nostri soci dell attestato di conformità rilasciato dal CNIPA (Centro Nazionale per l Informatica nelle Pubbliche Amministrazioni) che certifica che il sito pubblico è a norma (allegato al Piano la delega per la richiesta). Non si tratta di ottenere un riconoscimento formale. Il bollino sul sito attesta che esso è stato pensato e progettato per tutti i cittadini e che chiunque, nessuno escluso, può davvero fruirne. L Amministratora

4 Cosa sapere Decidere di realizzare o modificare il proprio sito internet implica avere le idee chiare. Cominciamo quindi col porci alcune domande essenziali. 1. Perché il Comune è tenuto a fare un sito web? Iniziamo col dire che tra i doveri istituzionali di una amministrazione pubblica c è quello di rendere quanto più rapidi ed efficienti le comunicazioni con i cittadini (e-government), di rimuovere gli ostacoli per consentire a tutti i cittadini l esercizio della democrazia (edemocracy). Il 13 giugno 2006 è stata approvata la Carta di Riga che incita all uso delle nuove tecnologie per favorire la partecipazione e ridurre il digital divide. In Italia questi principi sono stati accolti dal Codice dell amministrazione digitale, (D. Lgs 82/05), che all art. 9 dice che lo «... Stato favorisce ogni forma di uso delle nuove tecnologie per promuovere una maggiore partecipazione dei cittadini, anche residenti all estero, al processo democratico e per facilitare l esercizio dei diritti politici e civili sia individuali che collettivi». E dalla Direttiva per la qualità dei servizi on-line e la misurazione della soddisfazione degli utenti (G.U. 18 ottobre 2005, n. 243) che afferma: «il canale più utilizzato per l erogazione di servizi istituzionali è il Web, stante l ampiezza e la maturità delle tecnologie disponibili». 2. Quale obiettivo porsi? Innanzitutto quelli più coerenti con le risorse tecnologiche, economiche, organizzative e umane, di cui si dispone. Di conseguenza si può decidere di fare un sito web: per parlare della propria istituzione (sito informativo); per fornire informazioni e servizi interattivi (sito comunicativo); per consentire al proprio pubblico di prendere insieme le decisioni (sito partecipativo). 3. Cosa serve davvero ai cittadini? Qualunque sia l obiettivo, non bisogna dimenticare che ciò che facciamo è per gli altri, cioè per gli utenti che dovranno usare il sito che abbiamo realizzato. E in un sito pubblico gli altri non ci vanno per passare il tempo, ma per passarne il meno possibile. In genere non cercano effetti speciali ma informazioni e servizi. È accertato che gli utenti chiedano informazioni precise, aggiornate, facili da trovare e da capire. 4. Come fare un sito di buona qualità? I consigli della Direttiva, già citata, sulla Qualità sono: iniziare dai servizi più utili; valutare le proprie capacità e preparare un piano fattibile; cercare l aiuto anche delle altre amministrazioni; valutare i risparmi attesi;

5 promuovere i servizi anche sui canali comunicativi tradizionali. 5. Quali sono le regole da rispettare? In base all art. 53 del Codice della PA digitale quando si realizza un sito o un servizio su Web si devono rispettare «i principi di accessibilità, nonché di elevata usabilità e reperibilità, anche da parte delle persone disabili, completezza di informazione, chiarezza di linguaggio, affidabilità, semplicità di consultazione, qualità, omogeneità e interoperabilità». Dunque, per parlare di accessibilità è necessario parlare anche di disabilità. È un argomento delicato perché tocca la sensibilità di noi tutti. Spesso di fronte alla disabilità ci si trova in imbarazzo, a volte a partire dall uso stesso di parole come handicappato, disabile, diversamente abile, ecc. Oggi non si parla più di persone che non possono fare alcune cose, ma di persone che possono farle con maggiore sforzo rispetto ad altri e con l aiuto di strumenti idonei. In coerenza con questa visione sulla disabilità, la L. 04/2004 ( Disposizioni per favorire l accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici ) sancisce che l accesso alle informazioni è un diritto dei cittadini, necessario per una loro piena partecipazione. Questa, infatti, è la definizione di accessibilità che introduce: la capacità dei sistemi informatici, nelle forme e nei limiti consentiti dalle conoscenze tecnologiche, di erogare servizi e fornire informazioni fruibili, senza discriminazioni, anche da parte di coloro che a causa di disabilità necessitano di tecnologie assistive o configurazioni particolari. 6. E quali sono le conseguenze se queste regole non vengono rispettate? La Legge 4/2004 obbliga a inserire nei contratti che si stipulano con i fornitori di servizi Web una clausola per il rispetto dei principi di accessibilità. Clausola a tal punto prescrittiva da prevedere responsabilità per il dirigente pubblico disattento e annullamento del contratto per il fornitore. Perciò, se si sottoscrive un contratto con il fornitore Web bisogna ricordarsi di inserire una clausola del tipo: La realizzazione / modifica del sito Internet oggetto del contratto dovrà rispettare i requisiti di accessibilità stabiliti dal Decreto Ministeriale 8 agosto Allegato. E negli allegati alla legge, cioè nel DM dell 8 agosto 2005, si estende il concetto di sito Internet a «una qualsiasi applicazione Internet resa disponibile su reti Intranet o su supporti, come CD-ROM, DVD, utilizzabili anche in caso di personal computer non collegato alla rete». Non solo. Il 1 marzo 2006 è stata introdotta un altra legge per tutelare le persone disabili (Legge 67/2006 Misure per la tutela giudiziaria delle persone con disabilità vittime di discriminazioni ). Questa norma dà il diritto ad agire, da soli o tramite associazioni, ogni volta che si verifica un comportamento discriminatorio: se si realizzi un prodotto Web non accessibile si discrimina e quindi si è perseguibili per legge. Quindi i siti pubblici devono essere necessariamente accessibili anche se non esiste un contratto di fornitura perché si fa in casa il sito web. 7. Cosa mettere obbligatoriamente nel sito web istituzionale? Sicuramente ciò che chiede il Codice della PA digitale:

6 a) l organigramma, l articolazione degli uffici, le attribuzioni e l organizzazione di ciascun ufficio anche di livello dirigenziale non generale, nonché il settore dell ordinamento giuridico riferibile all attività da essi svolta, corredati dai documenti anche normativi di riferimento; b) l elenco delle tipologie di procedimento svolte da ciascun ufficio di livello dirigenziale non generale, il termine per la conclusione di ciascun procedimento e ogni altro termine procedimentale, il nome del responsabile e l unità organizzativa responsabile dell istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, nonché l adozione del provvedimento finale, come individuati ai sensi degli articoli 2, 4 e 5 della L. 241/90; c) le scadenze e le modalità di adempimento dei procedimenti individuati ai sensi degli articoli 2 e 4 della L. 241/90; d) l elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionali attive, specificando anche se si tratta di una casella di posta elettronica certificata di cui al decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n.68; e) le pubblicazioni di cui all articolo 26 della L. 241/90, nonché i messaggi di informazione e di comunicazione previsti dalla L. 150/00; f) l elenco di tutti i bandi di gara e di concorso; g) l elenco dei servizi forniti in rete già disponibili e dei servizi di futura attivazione, indicando i tempi previsti per l attivazione. E la Direttiva prevede inoltre che il sito dovrà offrire: a) accesso ai servizi strutturato secondo il punto di vista dei segmenti di utenza ai quali si rivolgono; b) percorsi brevi, omogenei e facilmente individuabili; c) presenza di una mappa del sito chiara e sempre aggiornata; d) disponibilità di funzioni di ricerca semplici ed efficaci; e) aggregazione organica e coerente di informazioni e servizi, correlati fra loro per tematica o finalità, con la possibilità di accesso diretto dall uno all altro. Poiché è impossibile, pur volendo prevedere i bisogni dell utenza, cogliere a priori ogni tipo di esigenza, è necessario che nel portale vengano previsti, e chiaramente evidenziati, spazi per il contatto diretto attraverso indirizzi di posta elettronica o numeri verdi. È altresì importante ricordarsi di inserire nella home page, la Partita IVA del Comune, in ottemperanza a quanto previsto dall art. 35 DPR 633/72.

7 Il CMS: un sistema al servizio dei servizi on-line 1 Partendo dalla nostra esperienza nella realizzazione di siti web istituzionali, abbiamo pensato di sviluppare un sistema che sia cucito su misura delle esigenze di chi è chiamato a gestire i contenuti di siti internet istituzionali, rendendone più semplice sicuro e veloce l utilizzo e la manovrabilità. Il sistema, che abbiamo chiamato Asmenet 2.0, oltre alle tipiche funzionalità di un CMS permette di integrare le informazioni (atti amministrativi, bandi, gare, ecc) ai dati di sistemi esterni. Il CMS è corredato inoltre di moduli per la produzione di menù automatici, l inserimento di immagini, la creazione di nuove pagine. L organizzazione del sito viene gestita e visualizzata seguendo la logica della struttura ad albero, tipica dei sistemi operativi Windows. Gli oggetti di programmazione integrati permettono di costruire senza scrittura di programmi, applicazioni web based, anche interattive, (es. form di raccolta dati, iscrizioni a liste e gruppi, ecc ). Asmenet 2.0 è stato realizzato seguendo criteri di accessibilità e usabilità e con un sistematico orientamento all utente, allo scopo di rendere il sito non solo conforme agli standard e alle leggi, ma pensato anche per : aiutare gli autori nella pubblicazione di documenti senza compromettere l accessibilità; favorire l accessibilità agli autori con disabilità; sfruttare le potenzialità dell intelligenza collettiva sempre più attiva e manifesta nella rete. Asmenet 2.0 è conforme a Web 2.0 il cui successo è dovuto all altissimo grado di usabilità delle sue applicazioni ed è frutto del continuo e costante perfezionamento operato dagli utenti/autori. Ma cos è il web 2.0? Web 2.0 non è un software specifico, né un marchio registrato, ma un insieme di strumenti che permettono di usare la rete con un approccio nuovo e innovativo: gli utilizzatori sono anche produttori di contenuti, intelligenza collettiva, contenuti aperti, applicazioni e servizi in continua evoluzione (perpetual beta). uso dei servizi e delle applicazioni intuitivo e assistito. E proprio perché basato su questi approcci il CMS Asmenet 2.0 presenta molteplici vantaggi. In particolare: la flessibilità nella personalizzazione grafica del sito comunale, la libertà nella scelta della struttura e delle interfacce di navigazione, 1. Per approfondimenti delle altre caratteristiche tecniche e funzionali del Cms Asmenet si veda il sito

8 la semplicità nella gestione di testi, immagini e contenuti multimediali, la usabilità dei contenuti e delle pagine del sito, la personalizzazione, anche da parte dell utente, del menù di navigazione, l accessibilità dei contenuti, il supporto all utente nell inserimento di contenuti accessibili, la possibilità e la libertà di fare uso di contenuti standard, la possibilità di cooperazione con più persone nell aggiornamento e nella creazione dei contenuti, la semplicità di indicizzazione dei contenuti sui motori di ricerca, la possibilità di utilizzare fonti dati esterne attraverso RSS e web service, Queste sono alcune delle enormi possibilità offerte dalla nuova era di Internet. Il resto toccherà agli utilizzatori di Asmenet 2.0 cioè a VOI! Figura 1. Esempi di soluzioni grafiche

9

10

11 GUIDA ALLA SCELTA DEGLI STILI GRAFICI In questa Guida sono presentate le potenzialità del Content Management System Asmenet 2.0. Personalizzazione grafica Predisposizione dei blocchi interattivi Inserimento e aggiornamento delle informazioni

12 Autenticazione Il primo passo Modificare o creare un sito internet non è mai stato così semplice. Tutte le operazioni possono essere effettuate partendo dalla home page del sito. Per gestire il sito internet comunale il primo passo è l accesso al back office. Per la sicurezza e la riservatezza dei Comuni, è previsto l inserimento di User e Password che un Amministratore, indicato nel Regolamento per la Gestione del Sito Internet Comunale, consegna ai Dirigenti/Responsabili. Dalla home page del sito, selezionare sul PC il tasto F2. Apparirà la maschera al lato. Inserendo User e Password nei campi indicati l accesso sarà compiuto e in alto apparirà la barra con i comandi disponibili: Inoltre in alto a sinistra di ogni blocco apparirà il tasto Selezionandolo sarà possibile modificare il blocco.

13 Personalizzazione grafica Stili e Struttura Il CMS Asmenet 2.0 consente una completa personalizzazione grafica. Attraverso pochi e semplici passaggi, i Comuni possono variare lo stile e la struttura del sito, scegliendo tra quelli già realizzati o predisponendone di nuovi. La personalizzazione è garantita dalla scelta dello stile e della struttura. Cliccando sul tasto destra. verrà visualizzata la finestra con tutti gli stili già disponibili come nell esempio a Selezionando lo stile si potrà scegliere se applicarlo a tutto il sito o solo a parte di esso. La struttura ci consente di scegliere la versione dello stile, ad esempio scegliendo una visualizzazione a due o a tre colonne. Cliccando sul tasto appare la finestra con le strutture che è possibile scegliere e applicare, attraverso un click, come nell esempio a sinistra.

14 Blocchi interattivi Le funzioni semplificate I blocchi interattivi consentono di semplificare la progettazione del sito, in relazione alle differenti funzionalità da assegnare agli elementi che lo compongono. Cliccando sull icona in alto a sinistra della colonna che si vuole modificare, appare la finestra che permette di aggiungere un blocco. A questo punto basta scegliere il tipo di blocco da inserire a seconda delle informazioni che si vogliono pubblicare. Il blocco possiede già tutte le funzionalità necessarie alle esigenze dell utente. La gestione dei blocchi avviene come qualsiasi altra funzione di Windows. Cliccando con il tasto destro del mouse, si aprirà un menu con cui accedere a tutte le funzioni del blocco.

15 Inserimento delle informazioni Files e testo come in Windows Il CMS Asmenet 2.0 è stato progettato in modo da rendere semplice anche il caricamento di dati e files che i visitatori del sito potranno visualizzare o scaricare, come delibere e bandi. Cliccando sul tasto presente nella barra in alto, si accede alla struttura ad albero in cui sono presenti tutte le pagine e i dati che compongono il sito. Ad esempio, per inserire una delibera basta andare nella cartella dell albo pretorio e cliccare con il tasto destro del mouse sulla voce Delibere. A questo punto basterà selezionare il file dal proprio PC e dare l ok per caricarlo sul sito del Comune. Per inserire informazioni testuali nelle pagine, è sufficiente cliccare all interno della colonna e si aprirà la finestra dell editor testuale simile a quella, conosciuta, di Word. Basta inserire il testo e salvare sull icona del floppy disk in alto a sinistra per aver aggiornato la pagina del sito. Per uscire dal back office e pubblicare on-line le modifiche è sufficiente premere il tasto F2 sul proprio PC. Buon lavoro!

16 Giudizio sul sito internet comunale Sul sito è riportato una metodologia di analisi dei siti web pubblici. È sufficiente inserire nel campo URL l indirizzo completo del sito da analizzare e cliccare su CONFERMA. Le informazioni necessarie per rispondere alle 25 domande, sono ricavabili dalla navigazione del sito. Le domande riguardano la presenza di contenuti istituzionali, la qualità e l interattività dei servizi, l accessibilità e l usabilità, l apertura verso l esterno del sito, la professionalità dei tecnici che lo gestiscono a cominciare dalla registrazione di un nome dominio standard (indirizzo tipo e dall aggiornamento continuo dei contenuti. I risultati potranno essere stampati. In alternativa è possibile richiedere alla Redazione Asmenet una Relazione confidenziale sul livello qualitativo del proprio sito.

17 Questa pagina è intenzionalmente in bianco.

18 Allegato COMUNE D I.. Via, Tel Fax Codice fiscale e partita iva Sito web: DELIBERA DI APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO DEL SITO WEB DEL COMUNE IL CONSIGLIO COMUNALE Vista la Direttiva del 20 febbraio 2007, n. 2 Direttiva del Ministro per le riforme e le innovazioni nella Pubblica Amministrazione in materia di interscambio dei dati tra le Pubbliche Amministrazioni e pubblicità dell attività negoziale ; Vista la Dichiarazione dei Ministri UE Carta di Riga dell 11 giugno 2006; Visto il Decreto legislativo 4 aprile 2006, n. 159 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82 recante Codice dell'amministrazione Digitale (CAD) GU 29 aprile 2006, n SO n. 105; Visto il Decreto legislativo 24 gennaio 2006, n. 36 Attuazione della direttiva 2003/98/CE relativa al riutilizzo di documenti nel settore pubblico ; Vista la Direttiva 18 novembre 2005 Linee guida per la pubblica amministrazione digitale G.U. 20 gennaio 2006, n. 16; Vista la Direttiva 27 luglio 2005 Qualità dei servizi on line e misurazione della soddisfazione degli utenti G.U. 18 ottobre 2005, n. 243; Visto il DM 8 luglio 2005 Requisiti tecnici e i diversi livelli per l'accessibilità agli strumenti informatici G.U. 8 agosto 2005, n. 183; Visto il decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, recante Codice dell'amministrazione Digitale, che sancisce e disciplina l'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione nell'azione amministrativa;

19 Visto il DPR 1 marzo 2005, n. 75 Regolamento di attuazione della legge 9 gennaio 2004, n. 4 per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici G.U. 3 maggio 2005, n. 101; Vista la Direttiva 4 gennaio 2005 Linee guida in materia di digitalizzazione dell'amministrazione G.U. 12 febbraio 2005, n. 35; Vista la legge 9 gennaio 2004, n. 4, recante disposizioni per favorire l'accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici; Vista la Circolare 13 marzo 2001, n. 3 Linee guida per l'organizzazione, l'usabilità e l'accessibilità dei siti web delle pubbliche amministrazioni. G.U. 19 marzo 2001, n. 65; Vista la Circolare AIPA 6 settembre 2001, n Criteri e strumenti per migliorare l accessibilità dei siti web e delle applicazioni informatiche a persone disabili. G.U. 14 settembre 2001, n. 214; Vista la Legge 7 giugno 2000, n. 150 Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni G.U. 13 giugno 2000, n. 136; Visto lo Statuto comunale; Visto il Regolamento di accesso agli atti; Visto il Manuale di gestione dei documenti (comprendente Regolamento del protocollo); Ritenuto di dover adottare un Regolamento interno per la gestione e l aggiornamento del sito web comunale considerato che informazioni obsolete sono inutili e danneggiano la reputazione del sito Web oltre che del Comune che lo gestisce; Dato atto che l adozione del Regolamento esonera l amministrazione dalle responsabilità che derivano dalla violazione delle disposizioni su riportate con particolare riferimento alle responsabilità a carico di dirigenti pubblici che non adempiono all obbligo di rispettare i requisiti di accessibilità ai sensi del DM 8 agosto 2005, n. 183; Dato atto altresì che l adozione del Regolamento consente di evitare comportamenti discriminatori nei confronti di soggetti diversamente abili e quindi di osservare quanto disposto dalla Legge 67/2006 inerente alla tutela delle persone disabili che dà loro il diritto ad agire nei confronti degli Enti pubblici, da soli o tramite associazioni, ogni volta che si verifica un comportamento discriminatorio nei loro confronti; Inteso di approvare il Regolamento per la gestione e l aggiornamento del sito web comunale composto da nr. 6 articoli allegato al presente atto; Con voti espressi e accertati nelle forme di legge.

20 DELIBERA 1. di approvare il Regolamento comunale per la gestione e l aggiornamento tempestivo del sito web, che si compone di nr. 6 articoli e che costituisce parte integrante e sostanziale del presente atto; 2. di far carico a ogni Dirigente/Responsabile di servizio l applicazione del presente Regolamento ciascuno per le proprie competenze.

21 COMUNE D I.. Via, Tel Fax Codice fiscale e partita iva Sito web: Regolamento telematico del sito web del comune INDICE Capo I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità Art. 2 - Definizioni Capo II I DATI DA PUBBLICARE Art. 3 - Le informazioni, i documenti e le notizie Art. 4 - La qualità dei dati Art. 5 - Competenze, responsabilità Capo VI DISPOSIZIONI FINALI Art. 6 - Entrata in vigore

22 Capo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: (a) Sito web comunale: il sito istituzionale del Comune raggiungibile all indirizzo (b) Utente: il cittadino o persona fisica che svolga funzioni di legale rappresentante o suo delegato di imprese o di associazioni, nonché appartenente a categorie professionali. (c) CMS (Content management system): sistema di gestione automatica dei contenuti sul sito web comunale conforme alle prescrizioni normative sopra indicate in particolare per l accessibilità (DM 8 agosto 2005, n. 183). Art. 2 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina i requisiti e le modalità cui deve uniformarsi il Comune per garantire i diritti di cittadinanza digitale ai sensi del Codice dell Amministrazione Digitale già richiamato e, in particolare : (a) diritto all'uso delle tecnologie (art. 3), (b) diritto all'accesso e all'invio di documenti digitali (art. 4), (c) diritto ad effettuare qualsiasi pagamento in forma digitale (art. 5), (d) diritto di ricevere qualsiasi comunicazione pubblica tramite (art. 6), (e) diritto alla qualità del servizio (art. 7), (f) diritto alla partecipazione (art. 8), (g) diritto a trovare on line tutti i moduli e i formulari validi e aggiornati (art. 58). 2. Sono requisiti obbligatori del sito web comunale, ai sensi dell art. 53 del Codice dell Amministrazione Digitale, i requisiti di accessibilità, nonché di elevata usabilità e reperibilità, anche da parte delle persone disabili, completezza di informazione, chiarezza di linguaggio, affidabilità, semplicità di consultazione, qualità, omogeneità e interoperabilità. A questo fine il Comune rende accessibili dati e contenuti digitali servendosi di tecnologie assistive quali il sistema di gestione automatica dei contenuti sul sito (CMS) - che permettano anche alle persone disabili di utilizzare i servizi erogati dai sistemi informatici. Capo II

23 I DATI DA PUBBLICARE Art. 3 Le informazioni, i documenti e le notizie 1. Ai sensi del Codice dell Amministrazione Digitale i contenuti obbligatori del sito web comunale sono i seguenti: (a) Organigramma, (b) Articolazione degli Uffici, (c) Per ciascun ufficio di livello dirigenziale non generale: Attribuzioni, Organizzazione, Nome dei dirigenti responsabili, Settore dell ordinamento giuridico riferibile all attività da essi svolta, Eventuali documenti normativi di riferimento, Elenco dei procedimenti svolti, Durata di ciascun procedimento, Nome del responsabile del procedimento, (d) Scadenze e modalità di adempimento dei procedimenti, (e) Elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionali attive (PEC e non), (f) Pubblicazioni previste dalle leggi 241/90 e 150/00, (g) Elenco di tutti i bandi di gara e di concorso, (h) Elenco dei servizi forniti in rete disponibili e di futura attivazione (con relativa data). Art. 4 La qualità dei dati 1. Le informazioni devono essere scritte in modo chiaro e trasparente. 2. I contenuti dei siti devono essere esaustivi e aggiornati continuamente. 3. Le notizie pubblicate sul sito web comunale non sono sostitutive di quelle fornite e divulgate in maniera tradizionale. Art. 5 Competenze e responsabilità 1. Ai fini della gestione del sito web ciascun Dirigente/Responsabile degli uffici e servizi è responsabile dell inserimento e aggiornamento dei contenuti. All uopo è predisposto un accesso riservato nel sistema di gestione dei contenuti sul sito (CMS) che permette la pubblicazione di notizie, documenti e

24 informazioni in maniera autonoma, definendo i tempi di pubblicazione (da.. a..) ai fini del tempestivo aggiornamento del sito. 2. All interno dell Ente può essere nominato un Amministratore del Sito che dovrà provvedere alla generazione e al rilascio delle chiavi di accesso (password) ai responsabili dei vari settori. Egli non è responsabile dei contenuti. Capo III DISPOSIZIONI FINALI Art. 6 Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entrerà in vigore dopo che sarà divenuta esecutiva la deliberazione con la quale è stato approvato. 2. Copia del presente regolamento è inviata ai dirigenti e responsabili degli uffici e servizi comunali.

25 Allegato COMUNE D I.. Via, Tel Fax Codice fiscale e partita iva Sito web: Prot. n del Spett.le Asmenet Campania Centro Direzionale Is. G Napoli Oggetto: delega per la richiesta dell attestato di conformità del sito comunale (art. 3, c. 1, Legge 4/2004). Il sottoscritto legale rappresentante del Comune di delega il CST Asmenet Campania, nella persona del referente tecnico incaricato dr Tommaso Di Rosa, a svolgere presso il CNIPA le procedure previste dal Decreto Ministeriale 8 luglio 2005 finalizzate all'assegnazione del logo di accessibilità per il proprio sito internet raggiungibile all indirizzo Cordiali saluti

26 Questo spazio è intenzionalmente bianco.

27

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello

DigitPA. Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello DigitPA Dominio.gov.it Procedura per la gestione dei sottodomini di terzo livello Versione 3.0 Dicembre 2010 Il presente documento fornisce le indicazioni e la modulistica necessarie alla registrazione,

Dettagli

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

G.U. 11 luglio 2002, n. 161 IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri 30 maggio 2002 Conoscenza e uso del dominio internet ".gov.it" e l'efficace interazione del portale nazionale "italia.gov.it" con le IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Comunicazione scuola famiglia

Comunicazione scuola famiglia Manuale d'uso Comunicazione scuola famiglia INFOZETA Centro di ricerca e sviluppo di soluzioni informatiche per la scuola Copyright InfoZeta 2013. 1 Prima di iniziare l utilizzo del software raccomandiamo

Dettagli

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp

2) comprare il dominio www.nomescuola.gov.it. il link è il seguente: http://hosting.aruba.it/fullorder/registrazione_gov_it.asp Come specificato dalla Direttiva N.8/2009 del Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione, la registrazione di nomi a dominio.gov.it è richiesta a tutte le Pubbliche Amministrazioni, al fine

Dettagli

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE

CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE CREAZIONE E INVIO OFFERTA DI APPALTO DA FORNITORE 1 SOMMARIO 1 OBIETTIVI DEL DOCUMENTO...3 2 OFFERTA DEL FORNITORE...4 2.1 LOG ON...4 2.2 PAGINA INIZIALE...4 2.3 CREAZIONE OFFERTA...6 2.4 ACCESSO AL DOCUMENTALE...8

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi.

Guida all uso. Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Guida all uso Come ricevere ed inviare Fax ed Sms tramite E-mail in 3 semplici passi. Legenda Singolo = Fax o SMS da inviare ad un singolo destinatario Multiplo = Fax o SMS da inviare a tanti destinatari

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA

REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA COMMUNE DE GRESSAN REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DI ISTANZE E DICHIARAZIONI PER VIA TELEMATICA Approvazione deliberazione del Consiglio comunale n. 10 del 13/01/2012 del Consiglio comunale n. del Art.

Dettagli

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4

Banche Dati del Portale della Trasparenza. Manuale del sistema di gestione. Versione 2.4 Banche Dati del Portale della Trasparenza Manuale del sistema di gestione Versione 2.4 Sommario Introduzione e definizioni principali... 3 Albero dei contenuti del sistema Banche Dati Trasparenza... 3

Dettagli

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale

MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale MINI GUIDA SINTETICA per l uso della lavagna interattiva multimediale InterWrite SchoolBoard è un software per lavagna elettronica di facile utilizzo. Può essere adoperata anche da studenti diversamente

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE 1. L istanza di riconoscimento dei CFP, deve essere presentata esclusivamente al CNI mediante una compilazione online di apposito modulo disponibile sulla piattaforma della formazione

Dettagli

ACCREDITAMENTO EVENTI

ACCREDITAMENTO EVENTI E.C.M. Educazione Continua in Medicina ACCREDITAMENTO EVENTI Manuale utente Versione 1.5 Maggio 2015 E.C.M. Manuale utente per Indice 2 Indice Revisioni 4 1. Introduzione 5 2. Accesso al sistema 6 2.1

Dettagli

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB...

CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 1. CHE COS È DOCFLY FATTURAZIONE PA... 3 1.1 IL GESTIONALE WEB... 3 1.2 ACCESSO ALL INTERFACCIA WEB... 4 1.3 FUNZIONALITÀ DELL INTERFACCIA WEB... 5 1.3.1 CREAZIONE GUIDATA DELLA FATTURA IN FORMATO XML

Dettagli

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 -

Gestore Comunicazioni Obbligatorie. Progetto SINTESI. Comunicazioni Obbligatorie. Modulo Applicativo COB. - Versione Giugno 2013 - Progetto SINTESI Comunicazioni Obbligatorie Modulo Applicativo COB - Versione Giugno 2013-1 Versione Giugno 2013 INDICE 1 Introduzione 3 1.1 Generalità 3 1.2 Descrizione e struttura del manuale 3 1.3 Requisiti

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

Sportello Telematico CERC

Sportello Telematico CERC Sportello Telematico CERC CAMERA DI COMMERCIO di VERONA Linee Guida per l invio telematico delle domande di contributo di cui al Regolamento Incentivi alle PMI per l innovazione tecnologica 2013 1 PREMESSA

Dettagli

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE

GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA ALLA REGISTRAZIONE PER LE AMMINISTRAZIONI E GLI ENTI PUBBLICI Versione 1.1 del 06/12/2013 Sommario Premessa... 3 Passo 1 - Registrazione dell Amministrazione/Ente...

Dettagli

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione)

3. nella pagina che verrà visualizzata digitare l indirizzo e-mail che si vuole consultare e la relativa password (come da comunicazione) CONFIGURAZIONE DELLA CASELLA DI POSTA ELETTRONICA La consultazione della casella di posta elettronica predisposta all interno del dominio patronatosias.it può essere effettuata attraverso l utilizzo dei

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET DICHIARAZIONE DEI DIRITTI IN INTERNET Testo elaborato dalla Commissione per i diritti e i doveri in Internet costituita presso la Camera dei deputati (Bozza) PREAMBOLO Internet ha contribuito in maniera

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015

PROGRAMMA TRIENNALEPER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ 2013 / 2014 / 2015 Istituto Comprensivo Statale Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado Piazzale della Civiltà Tel. 0828/941197 fax. 0828/941197 84069 ROCCADASPIDE (Salerno) C.M. SAIC8AH00L Email-dirdirocca@tiscali.it

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Guida ai servizi online della Provincia di Milano

Guida ai servizi online della Provincia di Milano Guida ai servizi online della Provincia di Milano - 1 - Il servizio CPI On line consente a tutti gli iscritti ai Centri per l impiego della Provincia di Milano di visualizzare, modificare e stampare alcune

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Gestione posta elettronica (versione 1.1)

Gestione posta elettronica (versione 1.1) Gestione posta elettronica (versione 1.1) Premessa La presente guida illustra le fasi da seguire per una corretta gestione della posta elettronica ai fini della protocollazione in entrata delle mail (o

Dettagli

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it

Guida all'installazione di SLPct. Manuale utente. Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Guida all'installazione di SLPct Manuale utente Evoluzioni Software www.evoluzionisoftware.it info@evoluzionisoftware.it Premessa Il redattore di atti giuridici esterno SLpct è stato implementato da Regione

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Partecipazione alle Gare Smaterializzate

Partecipazione alle Gare Smaterializzate Modulo 2 Partecipazione alle Gare Smaterializzate Pagina 1 di 26 INDICE 1. PREMESSA... 3 1. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 6 3. PROCEDURA - DESCRIZIONE DI DETTAGLIO... 7 Pagina 2 di 26 1. PREMESSA Se sei un utente

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013

Linee guida invio pratica telematica sportello cerc - anno 2013 LINEE GUIDA INVIO PRATICA TELEMATICA SPORTELLO CERC - ANNO 2013 1 INDICE 1. FASE PRELIMINARE pag.3 2. PREDISPOSIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE pag.4 3. INVIO DELLA DOMANDA DI CONTRIBUTO pag.4 4. CREA MODELLO

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA

Linee. guida. per i siti web della PA DIGITAL AGENDA ITALIA DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti web della PA 2011 Dipartimento per la Digitalizzazione della Pubblica Amministrazione e l Innovazione Tecnologica DIGITAL AGENDA ITALIA Linee guida per i siti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP

ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP ACQUISTI DI BENI E SERVIZI IN MEPA E CONSIP Vista la Legge N 228 del 24/12/2012 (entrata in vigore il 01/01/2013) e la circolare n 18/2013 Prot. N. 11054, nell ottica di procedere in modo uniforme all

Dettagli

GESTIONE DELLA E-MAIL

GESTIONE DELLA E-MAIL GESTIONE DELLA E-MAIL Esistono due metodologie, completamente diverse tra loro, in grado di consentire la gestione di più caselle di Posta Elettronica: 1. tramite un'interfaccia Web Mail; 2. tramite alcuni

Dettagli

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA TRASPORTATORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di

Dettagli

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero

Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero 1 Il programma è articolato in due parti. Nella Prima parte: cosa è il mondo NoiPA, con un focus sulla posizione dell utente all interno dell intero sistema e sui servizi a disposizione sia in qualità

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione

Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione Consorzio Stradale Lido dei Pini Lupetta Il Consiglio di Amministrazione REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SITO WEB Art. 1 (Finalità) Il Sito Web del Consorzio è concepito e utilizzato quale strumento istituzionale

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma

Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico. Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma Modulo PCT Redattore atti per il Processo Telematico Versione speciale per gli iscritti al Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma 1 Il Momento Legislativo Istruzioni stampa Messaggi e Ricevute relative

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Fattura elettronica Vs Pa

Fattura elettronica Vs Pa Fattura elettronica Vs Pa Manuale Utente A cura di : VERS. 528 DEL 30/05/2014 11:10:00 (T. MICELI) Assist. Clienti Ft. El. Vs Pa SOMMARIO pag. I Sommario NORMATIVA... 1 Il formato della FatturaPA... 1

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

Manuale di configurazione per iphone

Manuale di configurazione per iphone Manuale di configurazione per iphone Notariato.it e.net (Iphone 2G e 3G) 2 PREMESSA Il presente manuale ha lo scopo di fornire le indicazioni per la configurazione del terminale IPhone 2G e 3G per ricevere

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Client PEC Quadra Guida Utente

Client PEC Quadra Guida Utente Client PEC Quadra Guida Utente Versione 3.2 Guida Utente all uso di Client PEC Quadra Sommario Premessa... 3 Cos è la Posta Elettronica Certificata... 4 1.1 Come funziona la PEC... 4 1.2 Ricevuta di Accettazione...

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

Portale Unico dei Servizi NoiPA

Portale Unico dei Servizi NoiPA Portale Unico dei Servizi NoiPA Guida all accesso al portale e ai servizi self service Versione del 10/12/14 INDICE pag. 1 INTRODUZIONE... 3 2 MODALITÀ DI PRIMO ACCESSO... 3 2.1 LA CONVALIDA DELL INDIRIZZO

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione

Radar Web PA. Valutazione della qualità dei siti web. Valutazione della qualità dei siti web della Pubblica Amministrazione Radar Web PA Valutazione della qualità dei siti web Livello d interazione Sezione di trasparenza Open data Open Content Valutazione Partecipazione Presenza 2.0 Contenuti minimi Dominio.gov Dichiarazioni

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi

Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Manuale di Gestione del Protocollo, dei documenti e degli archivi Il presente manuale è adottato ai sensi dell art. 3, primo comma, lettera c) del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre

Dettagli

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it

GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI. 21 aprile 2015 www.sistri.it GUIDA RAPIDA PRODUTTORI PRODUTTORI INTERMEDIARI TRASPORTATORI RECUPERATORI SMALTITORI 21 aprile 2015 www.sistri.it DISCLAIMER Il presente documento intende fornire agli Utenti SISTRI informazioni di supporto

Dettagli

Guida agli strumenti etwinning

Guida agli strumenti etwinning Guida agli strumenti etwinning Registrarsi in etwinning Prima tappa: Dati di chi effettua la registrazione Seconda tappa: Preferenze di gemellaggio Terza tappa: Dati della scuola Quarta tappa: Profilo

Dettagli

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO

REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO REP_Guidawlg-SE-061113-TRIO Istruzioni per l accesso e il completamento dei corsi TRIO per gli utenti di un Web Learning Group 06 novembre 2013 Servizio A TRIO Versione Destinatari: referenti e utenti

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida al portale produttori

Guida al portale produttori GUIDA AL PORTALE PRODUTTORI 1. SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 2. DEFINIZIONI... 3 3. GENERALITA... 4 3.1 CREAZIONE E STAMPA DOCUMENTI ALLEGATI... 5 3.2 INOLTRO AL DISTRIBUTORE... 7 4. REGISTRAZIONE AL PORTALE...

Dettagli

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it

TARZIA SALVATORE. s.tarzia@regcal.it C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O INFORMAZIONI PERSONALI Nome TARZIA SALVATORE Telefono 0961 857310 Fax 0961 857279 E mail s.tarzia@regcal.it Nazionalità Luogo di Nascita Data di

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer

Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer Istruzioni per l importazione del certificato per Internet Explorer 1. Prima emissione certificato 1 2. Rilascio nuovo certificato 10 3. Rimozione certificato 13 1. Prima emissione certificato Dal sito

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

REGEL - Registro Docenti

REGEL - Registro Docenti REGEL - Registro Docenti INFORMAZIONI GENERALI Con il Registro Docenti online vengono compiute dai Docenti tutte le operazioni di registrazione delle attività quotidiane, le medesime che si eseguono sul

Dettagli

SOGEAS - Manuale operatore

SOGEAS - Manuale operatore SOGEAS - Manuale operatore Accesso La home page del programma si trova all indirizzo: http://www.sogeas.net Per accedere, l operatore dovrà cliccare sulla voce Accedi in alto a destra ed apparirà la seguente

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web

La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web La pubblicazione delle delibere degli enti locali: dall albo pretorio al sito web L art.32, comma 1 della legge 18 giugno 2009, n.69 ha fissato al 1 gennaio 2010 [la data in cui], gli obblighi di pubblicazione

Dettagli

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo

Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0. Sottotitolo Guida Titolo firma con certificato remoto DiKe 5.4.0 Sottotitolo Pagina 2 di 14 Un doppio clic sull icona per avviare il programma. DiKe Pagina 3 di 14 Questa è la pagina principale del programma DiKe,

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014)

GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad. (v. 1.0.0 Maggio 2014) GUIDA ALLA CONFIGURAZIONE DELLA POSTA iphone/ipad (v. 1.0.0 Maggio 2014) Benvenuto alla guida di configurazione della posta elettronica per dispositivi mobili tipo iphone/ipad. Prima di proseguire, assicurati

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento

Invio della domanda on line ai sensi dell art. 12 dell avviso pubblico quadro 2013. Regole tecniche e modalità di svolgimento INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO art. 11, comma 1 lett. a) e comma 5 del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Invio della domanda on line ai sensi

Dettagli