inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "inserto speciale la PENSIONE può ATTENDERE I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare"

Transcript

1 I Dossier di Famiglia Cristiana da staccare e conservare Finestre che si chiudono e altre che si aprono, ma con una differenza sostanziale: la via di uscita dal mondo del lavoro è una sola volta all anno. è solo una parte delle novità previste a partire dal 2011 Nel prossimo numero XXXXXXXXX Xxxxxxxxx xxxxxxxxxx xxxxxxxxxxx Quasi alla chetichella, un po per volta, spariscono i vantaggi acquisiti: dimagrisce la pensione e si lascia il lavoro sempre più tardi. In pochi anni siamo passati dal più vantaggioso sistema a ripartizione a quello contributivo. Dal 2011, il primo assegno previdenziale lo vedremo con almeno un anno di ritardo. E non finisce qui. Dal 1 gennaio 2015 aumenta per tutti il requisito anagrafico previsto per l'accesso alle pensioni. Verrà applicato, per la prima volta, il meccanismo che aggancia i requisiti di età per il diritto alle prestazioni previdenziali agli incrementi della speranza di vita rilevate dall'istat. Se già adesso si accede alla pensione di vecchiaia a 66 anni, dato che bisogna attendere un anno per avere il primo assegno, dopo il 2015 forse andremo a riposo a 70 anni. la PENSIONE può ATTENDERE inserto speciale a cura di GIUSEPPE ALTAMORE

2 II E se vuoi l assegno aspetta un anno Dal 2011 prende il via il nuovo regime delle decorrenze per la pensioni di vecchiaia e anzianità. Una vera e propria rivoluzione prevista dalle ultime riforme della previdenza. Per chi matura i requisiti, a partire dal 1 gennaio 2011 entra in vigore la cosidetta finestra mobile o a scorrimento, introdotta dalla manovra finanziaria dell estate Si tratta di un uscita personalizzata che fissa la decorrenza della pensione trascorso un determinato periodo di tempo dal momento in cui vengono perfezionati i requisiti di età e contribuzione. Cambia dunque il precedente regime delle due o quattro finestre fisse annuali, assegnate in base al semestre o al trimestre di maturazione dei requisiti. Con le nuove regole la decorrenza si colloca: 12 mesi dopo il raggiungimento dei requisiti se la pensione è liquidata a carico di una gestione di lavoratori dipendenti.; Da quest anno per la avere l agognata rendita previdenziale occorre aspettare la finestra che si aprirà 12 mesi dopo aver conquistato il diritto alla pensione. Ma per gli autonomi anche molto di più. 18 mesi dopo il perfezionamento dei requisiti se la pensione è liquidata a carico di una delle Gestioni dei lavoratori autonomi (Artigiani, Commercianti o Coltivatori diretti). La pensione decorre dal primo giorno del mese successivo allo scadere del differimento dei 12 o 18 mesi. In sostanza, la finestra si apre a partire dal 13 o 19 mese successivo a quello di maturazione dei requisiti. Pensioni soggette alla finestra mobile Il nuovo regime delle decorrenze si applica alle pensioni di anzianità (anche quelle maturate con 40 anni di contribuzione), alle pensioni di vecchiaia del sistema retributivo e contributivo e alle pensioni supplementari di vecchiaia. Riguarda anche le pensioni di vecchiaia anticipate riconosciute agli invalidi all 80 per cento e ai lavoratori non vedenti, e le pensioni di vecchiaia di quei settori (militari, polizia, eccetera) che in base al proprio Gradini? Sono scaloni L ultima riforma delle pensioni, per mettere ordine nei conti della previdenza, allontana sempre l uscita dal mondo del lavoro primo scalino nell innalzamento dell età pensionabile per le donne del pubblico impiego (61 anni d'età); entrata in vigore dei nuovi coefficienti per il calcolo contributivo delle pensioni debutta il nuovo regime delle decorrenze ( finestra mobile ); aumento dei requisiti per l accesso alla pensione di anzianità (quote); conferma dell età pensionabile per le donne del pubblico impiego (61 anni d'età); ultimo anno per i dipendenti pubblici di poter usufruire dell esonero dal servizio innalzamento a 65 anni dell età pensionabile per le donne del pubblico impiego entrata a regime dei requisiti per l accesso alla pensione di anzianità con il sistema delle quote; nuovo adeguamento dei coefficienti per il calcolo contributivo delle pensioni nessuna novità prima applicazione del meccanismo di aumento dell età di pensionamento in funzione della crescita di speranza di vita rilevata dall Istat. Le novità della Legge di stabilità Per i titolari di trattamenti di sostegno al reddito (mobilità e assegno straordinario) che non rientrino fra i 10mila beneficiari previsti dalla deroga, la Legge di stabilità 2011 ha previsto la proroga del trattamento stesso per il periodo intercorrente tra la vecchia e la nuova finestra. La misura potrà essere disposta con provvedimento del ministero del Lavoro, nei limiti delle risorse disponibili del fondo sociale. ordinamento prevedono un età pensionabile diversa da quella prevista per la generalità degli altri lavoratori. Sono soggetti alla finestra mobile, inoltre, gli iscritti ai Fondi elettrici, Telefonici, Autoferrotranvieri, Volo, Ferrovie, eccetera, con l unica eccezione degli iscritti al Fondo clero. È escluso anche il personale della scuola, per il quale continua a essere valida, come unica finestra d uscita, la data del 1 settembre di ciascun anno. Persone a cui continua ad applicarsi il vecchio regime delle finestre. La legge ha pervisto la salvaguardia per chi ha maturato i requisiti entro il 31/12/2010. Il nuovo regime delle decorrenze si applica quindi esclusivamente a chi matura i requisiti di età e di contribuzione per il diritto al pensionamento a partire dal 1 gennaio Coloro che hanno raggiunto i requisiti entro il 31 dicembre 2010 mantengono il diritto ad andare in pensione con le precedenti finestre anche se si collocano nel Vecchie finestre per le lavoratrici che scelgono l opzione donna. Sono escluse dalla nuova disciplina anche le donne che si avvalgono della possibilità (valida fino al 2015) di accedere alla pensione di anzianità con i III

3 IV requisiti in vigore fino al 31/12/2007 (57 anni d età e di contributi, se dipendenti, ovvero 58 anni e di contributi se lavoratrici autonome), optando per la liquidazione della pensione secondo il calcolo contributivo. Deroghe per alcune categorie di lavoratori che maturano i requisiti nel Le vecchie finestre continuano ad applicarsi: - a chi aveva in corso, alla data del 30 giugno A riposo sempre più tardi È la legge ma brucia lo stesso. Praticamente lo Stato, debitore dei cittadini, ha detto: ti dovrei dare la pensione ma non te la dò subito, come ti spetterebbe, ma tra un anno e più e senza interessi. Nessun debitore normale potrebbe fare così. Facciamo qualche esempio Mauro, dipendente con 30 anni di contributi compie l età pensionabile (65 anni) il 22 aprile del 2011: potrà andare in pensione di vecchiaia dal 1 maggio 2012, anziché dal 1 ottobre 2011 (7 mesi in più d attesa). Giovanna, dipendente matura il diritto alla pensione di anzianità (quota 96) il 23 ottobre 2011: la sua finestra si aprirà dal 1 novembre 2012, anziché 1 luglio 2012 (4 mesi in più d attesa). Antonietta, artigiana con 27 anni di contributi compie l età pensionabile (60 anni) il 21 maggio 2011: potrà andare in pensione di vecchiaia dal 1 dicembre 2012, anziché dal 1 gennaio 2012 (11 mesi in più) Silvano, coltivatore, matura i 40 anni il 13 marzo 2011: andrà in pensione di anzianità dal 1 ottobre 2012, anziché dal 1 ottobre 2011 (12 mesi in più). Lavoratore dipendente con 65 anni d età e 22 anni di contributi ad Aprile 2011 Commerciante con 65 anni d età e 29 anni di contributi a Maggio 2011 Lavoratore dipendente con 60 anni d età e 36 anni di contributi (quota 96) a Luglio 2011 Artigiano con 62 anni di età e di contributi (quota 97) a Settembre 2011 Lavoratore dipendente con 59 anni d età e 40 anni di contributi a Giugno 2011 Coltivatore diretto con 40 anni di contributi a Marzo , il periodo di preavviso e che entro la data di cessazione del rapporto di lavoro matura i requisiti di età e di contribuzione per il diritto alla pensione; ai lavoratori per i quali viene meno il titolo abilitante allo svolgimento della specifica attività per il raggiungimento del limite d età (piloti e autisti di mezzi pubblici di trasporto, eccetera); Nel limite di unità: ai lavoratori collocati in mobilità ordinaria con accordi sindacali stipulati prima del 30/04/2010 che maturino i requisiti prima della vecchia finestra 1 gennaio luglio gennaio 2013 nuova finestra 1 maggio 2012 (7 mesi più tardi) 1 dicembre 2012 (11 mesi più tardi) 1 agosto 2012 (1 mese più tardi) 1 Aprile 2013 (3 mesi più tardi) 1 luglio 2012 (9 mesi più tardi) 1 ottobre 2012 (12 mesi più tardi) scadenza della mobilità; ai lavoratori in mobilità lunga con accordi sindacali stipulati prima del 30/04/2010; ai lavoratori che, alla data del 31 maggio 2010, siano titolari di assegno straordinario a carico dei fondi di solidarietà (banche, poste...). L esclusione degli autorizzati ai versamenti volontari entro luglio Gli autorizzati ai versamenti volontari entro il 20/07/2007 possono accedere alla pensione di anzianità con i requisiti in vigore prima del 2008 ( anni di contribuzione e 57 anni d età, se dipendenti, o 58 anni, se autonomi). Il trattamento di pensione è soggetto alle precedenti decorrenze più favorevoli solo nel caso in cui i requisiti siano stati raggiunti entro il 31/12/2010. Qualora questi siano maturati dopo il 2010 si applica il nuovo regime delle decorrenze. I lavoratori iscritti alla gestione separata che maturano il diritto alla pensione di anzianità o di vecchiaia supplementare a partire dal 2011 sono soggetti alla stessa finestra fissata per gli autonomi. La decorrenza della pensione si colloca Altri esempi Giovanna, iscritta alla Gestione separata dal 2001 al 2009 per un totale di 468 contributi settimanali, compirà il 15 maggio 2011 i 60 anni d età. Secondo le nuove regole la decorrenza della pensione di vecchiaia è fissata al 1 dicembre 2012 (la pensione spetta solo se raggiunge l importo di 1,2 l assegno sociale). Aldo, già pensionato ha versato alla gestione separata tre anni di contribuzione e il 18 marzo 2011 compirà 65 anni. Secondo le nuove regole la decorrenza della pensione di vecchiaia supplementare è fissata al 1 ottobre La decorrenza: i punti da non dimenticare Il lavoratore che raggiunge l'anzianità contributiva minima con il cumulo di contribuzione da lavoro dipendente e autonomo, matura il diritto a pensione secondo i requisiti previsti per i lavoratori autonomi, anche se il lavoro dipendente è attuale o prevalente nella sua carriera. La cessazione dell attività lavorativa dipendente, che resta requisito indispensabile per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità, può intervenire anche successivamente alla data in cui si raggiungono i requisiti anagrafici e contributivi. Il lavoratore, una volta acquisito il diritto alla pensione, ha la facoltà di esercitarlo in qualunque momento dall apertura della finestra d accesso. Per quelli iscritti alle gestione separata dunque 18 mesi dopo la data di raggiungimento dei requisiti (età e contribuzione). Novità anche per le pensioni in totalizzazione. Dal 1 gennaio 2011 coloro che maturano il diritto alla pensione in regime di totalizzazione si applicano le finestre previste per gli autonomi. Il trattamento pensionistico quindi decorre 18 mesi dopo la maturazione dei requisiti. La finestra così individuata vale solo per le pensioni di vecchiaia o di anzianità, non si applica alla pensione ai superstiti e a quella di inabilità in totalizzazione. La prima continua ad avere decorrenza dal mese successivo al decesso del lavoratore assicurato o pensionato. Per la seconda, la decorrenza è fissata al primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda. V

4 VI Avanti con il sistema delle quote Dal 1 gennaio 2011 aumentano i requisiti per accedere alla pensione di anzianità. Per un lavoratore dipendente è necessario maturare quota 96, mentre per un autonomo la quota da raggiungere è 97. Da luglio 2009 il diritto alla pensione di anzianità è determinato secondo il sistema delle quote. Il meccanismo prevede che il diritto alla pensione sia subordinato al raggiungimento di un valore numerico, chiamato appunto quota, determinato dalla somma di età anagrafica e anzianità contributiva. Le diverse quote, stabilite in rapporto a tre periodi di riferimento, devono comunque garantire almeno anni di contribuzione e un età minima stabilita nei diversi periodi (vedi tabella). Sono utili per determinare la quota anche le frazioni di età e di contribuzione, eccedenti i minimi fissati. Per esempio, un lavoratore dipendente che a febbraio 2011 abbia raggiunto l età di 60 anni e 7 mesi e sia in possesso di un anzianità contributiva di anni e 5 mesi raggiunge quota 96 richiesta, per gli anni 2011 e 2012, per accedere alla pensione. Dal 1 gennaio del 2013 il sistema delle quote andrà a regime con un ulteriore scatto di una anno e per ottenere la pensione di anzianità un dipendente dovrà raggiungere quota 97, mentre un lavoratore autonomo quota 98. Resta confermato il diritto ad andare in pensione con 40 anni di contribuzione indipendentemente dall età anagrafica. La contribuzione figurativa per malattia e disoccupazione, esclusa dal calcolo delle quote, è utile per maturare la maggiore anzianità contributiva (cioè quella oltre i ) per il raggiungimento dei 40 anni. Per i dipendenti... Per questi lavoratori è necessario maturare quota 96, così composta: anni di contributi e gli altri d età in base agli anni. Dal 1/7/2009 al 31/12/2010 Dal 1/1/2011 al 31/12/2012 Dal e per gli autonomi Questi lavoratori sono più svantaggiati rispetto agli altri perché la nuova normativa prevede criteri leggermente più restrittivi. Dal 1/7/2009 al 31/12/2010 Dal 1/1/2011 al 31/12/2012 Dal 2013 quota* quota* E le donne restano nel pubblico impiego fino a 65 anni Fino al 31 dicembre 2011, le donne che lavorano nel pubblico impiego possono accedere alla pensione di vecchiaia all età di 61 anni. Dal 1 gennaio 2012 arriva lo scalone e per le dipendenti pubbliche l età pensionabile sarà elevata a 65 anni. La manovra correttiva ha dato così attuazione alla richiesta della Commissione europea che aveva giudicato troppo lungo il periodo di tempo per l innalzamento del requisito anagrafico dai 60 a 65 anni, fissato dalla Manovra d estate Questa norma età anagrafica minima** età anagrafica minima** requisito contributivo minimo** requisito contributivo minimo** *) sono i valori quote che devono essere raggiunti mediante la somma di età e di contribuzione. Si tiene conto anche delle frazioni di anno aggiuntive ai due requisiti minimi riportati nelle colonne a fianco. **) indicano l'età minima e l'anzianità contributiva minima che devono essere assicurati per il raggiungimento della quota. aveva disposto un aumento graduale del requisito anagrafico per il trattamento di vecchiaia delle lavoratrici del pubblico impiego: lo scatto di un anno ogni 24 mesi a partire dal 2010, fino a raggiungere quota 65 anni a partire dal In base alla recente modifica il requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia, fissato a 61 anni per il biennio 2010/2011, passerà direttamente a 65 anni dal 2012, parificando l età pensionabile tra uomini e donne nel settore pubblico. L aumento dell età non Sei esonerato ma con metà paga Ultima chiamata per usufruire dell esonero dal servizio. Il 2011, infatti, è l ultimo anno in cui i dipendenti pubblici potranno chiedere alla propria amministrazione di essere esonerati dall attività per il quinquennio precedente la maturazione dei 40 anni di anzianità contributiva. L istituto, introdotto dalla manovra d estate del 2008 per il triennio (2009/2011), è una sorta di incentivo al pensionamento su base volontaria riservato ai dipendenti pubblici e soggetto alla discrezionalità dell amministrazione. Destinatari di questa particolare misura sono i dipendenti delle amministrazioni dello Stato, anche a ordinamento autonomo, le Agenzie fiscali, la Presidenza del consiglio dei ministri, le università, i dipendenti degli enti pubblici non riguarda le dipendenti degli ordinamenti statali che prevedono requisiti anagrafici più elevati, né il personale delle forze armate, carabinieri, guardia di finanza, polizia e vigili del fuoco. È escluso anche il personale femminile degli enti pubblici (Inps, Inail, eccetera) e le dipendenti di Poste italiane e Ferrovie dello Stato. Le lavoratrici che hanno maturato i requisiti di età e di contribuzione entro il 31/12/2009, continueranno ad andare in pensione a 60 anni anche dopo il 2011, così come potranno accedere al pensionamento a 61 anni le dipendenti pubbliche che maturano i requisiti entro il anni dal anni dicembre Tali lavoratrici possono richiedere all ente di appartenenza la certificazione del diritto maturato. I trattamenti di vecchiaia sono soggetti al regime delle finestre, secondo le modifiche introdotte per coloro che maturano i requisiti a partire dal Entro il 31 marzo, chi lavora alle dipendenze della pubblica amministrazione può lasciare l impiego e ricevere uno stipendio ridotto in attesa della pensione anni economici (Inps, Inail, Inpdap eccetera), degli istituti e degli enti di ricerca... Sono esclusi il personale della scuola e degli enti locali (Regioni, Province, Comuni, Comunità montane eccetera). Per poter chiedere l esonero occorre avere almeno anni di anzianità di servizio a prescindere dall età. La domanda va presentata improrogabilmente entro il 1 marzo 2011, anche nel caso in cui non si abbia ancora raggiunto il requisito minimo, purchè lo stesso venga raggiunto entro l anno. L amministrazione può accogliere o meno la richiesta, in base alle proprie esigenze funzionali e organizzative. Durante il periodo di esonero il dipendente riceve un trattamento economico temporaneo pari al 50 per cento di quello complessivamente goduto al momento del collocamento nella nuova posizione. Tale importo è elevato al 70 per cento qualora l interessato svolga durante il periodo di esonero attività di volontariato a titolo completamente gratuito. L impiegato pubblico in posizione di esonero non può svolgere attività di lavoro dipendente né con soggetti privati né con soggetti pubblici. Può svolgere invece prestazioni di lavoro autonomo (collaborazioni occasionali, continuative o consulenze professionali), purchè non a favore di pubbliche amministrazioni o società di consulenza e associazioni dalle stesse partecipate. Durante il periodo di esonero l amministrazione continua a versare i contributi sulle retribuzioni che il dipendente avrebbe percepito, se avesse continuato a lavorare. I contributi versati durante il l esonero sono riconosciuti anche ai fini della liquidazione del trattamento di fine servizio (liquidazione). Al termine del periodo di esonero, raggiunti i 40 anni di servizio e indipendentemente dal requisito dell età anagrafica, il dipendente ha diritto alla pensione che gli sarebbe spettata se fosse rimasto in servizio. VII

5 VIII Totalizzazione: ecco come funziona I lavoratori che nel corso della loro vita attiva hanno svolto impieghi diversi e versato i contributi in più gestioni previdenziali possono sommarli al momento di andare in pensione. Destinatari della totalizzazione sono i dipendenti pubblici e privati, i lavoratori autonomi, i liberi professionisti, gli iscritti alla gestione separata e al Fondo di previdenza del clero. Ecco le condizioni per l esercizio della totalizzazione: il lavoratore non deve essere titolare di una pensione liquidata da una delle gestioni interessate alla totalizzazione; il periodo da totalizzare non può essere inferiore a tre anni per ogni gestione (vale solo per le pensioni di vecchiaia e anzianità); la totalizzazione deve interessare tutti e per intero i periodi assicurativi e possono essere cumulati solo gli anni non coincidenti. Le prestazioni che si possono ottenere con la totalizzazione e i relativi requisiti sono: pensione di vecchiaia con almeno 20 anni di contributi, ottenuti dalla somma dei periodi contributivi, e un età non inferiore a 65 anni (sia per gli uomini sia per le donne); pensione di anzianità che si raggiunge con non meno di 40 anni di contributi, a prescindere dall età anagrafica. Ai fini dei 40 anni non vanno considerati i periodi di contribuzione figurativa per disoccupazione e malattia; pensione di inabilità con sussistenza dei requisiti e possesso dei diritti di assicurazione e contribuzione richiesti dalla gestione previdenziale nella quale il lavoratore risulta iscritto al momento in cui si manifesta lo stato di inabilità. Non è previsto l assegno di invalidità in regime di totalizzazione. Pensione indiretta ai superstiti: spetta ai superstiti in base ai requisiti richiesti dalla gestione in cui il defunto era iscritto al momento del decesso. Ogni gestione previdenziale calcola la quota di pensione in rapporto ai rispettivi periodi di iscrizione. Il calcolo viene determinato con il sistema contributivo. Solo nel caso in cui in una gestione a carico degli enti previdenziali pubblici (Inps, Inpdap...) sia maturato il requisito minimo richiesto per il diritto alla pensione autonoma, il criterio di calcolo sarà quello del sistema di appartenenza (retributivo o misto). Costa caro trasferirsi all Inps La manovra economica dell estate scorsa ha posto una limitazione al trasferimento dei contributi dei pubblici dipendenti verso l Inps, rendendo tale operazione piuttosto onerosa. Per le dipendenti pubbliche non sarà più possibile trasferire in modo gratuito la propria posizione contributiva dall Inpdap all Inps, al fine di poter ottenere la pensione di vecchiaia a 60 anni, come le altre lavoratrici del settore privato. Le nuove disposizioni, infatti, da un lato hanno abrogato la Legge 322 del 1958 che consentiva ai dipendenti pubblici la costituzione della posizione assicurativa gratuita presso l Inps. Dall altro, hanno previsto che le domande di ricongiunzione presentate a partire dal 1 luglio 2010, intese a ottenere il trasferimento dei contributi accreditati presso i fondi sostitutivi e esclusivi nel Fondo dei lavoratori dipendenti dell Inps (art. 1 Legge 29/1979), siano soggette al pagamento di un onere. FAMIGLIA CRISTIANA FILO DIRETTO PATRONATO ACLI Chiamate il numero verde gratuito (dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 17): gli esperti sono a vostra disposizione per chiarire i vostri dubbi. Inserto realizzato grazie alla collaborazione del patronato Acli. Gli articoli sono stati scritti da: Franco Bertin - Salvatore Satta (Responsabile Servizio Previdenze) - Giuseppe Argentino (Responsabile Servizio studi e previdenza complementare).

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011

Nuove decorrenze dei trattamenti pensionistici previsti dal 2011 Dossier Rassegna.it Pensioni, cosa cambia La nostra guida Decorrenze di anzianità e vecchiaia, finestre, pensioni anticipate, aumento dell'età pensionabile per le donne del pubblico impiego, ricongiunzioni.

Dettagli

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione

Il nuovo cumulo, terza via per la pensione Il nuovo cumulo, terza via per la pensione La legge di stabilità 2013 (Legge n. 228/2012) per rendere meno gravosi i requisiti di accesso alla pensione dopo la riforma Monti-Fornero ha previsto, accanto

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

Prende il via la stretta sulle pensioni

Prende il via la stretta sulle pensioni a cura di Pino Pignatta testi di Paolo Ferri In collaborazione col Patronato Adi si allontana Dal 1 * gennaio la riforma che porta il nome del ministro del Welfare Elsa Fornero inizia a far sentire i suoi

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi

Il traguardo della pensione si sposta in avanti per effetto di due interventi LE PENSIONI Nella manovra sui conti pubblici il pacchetto di misure introdotte dalla Legge n. 122/2010 in materia di pensioni si può considerare una vera e propria riforma, destinata ad imprimere una svolta

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201

La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Vita e lavoro in Italia La Riforma Previdenziale introdotta dal Decreto Monti D.L. 6.12.2011, n 201 Un periodo ricco di trasformazioni Come spiega il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali sul

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012

Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Legge n. 214 del 22.12.2011, come modificata dalla L. n. 14/2012 Interventi in materia previdenziale Roma, 14 marzo 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 Dal 2012 nuovi requisiti anagrafici e contributivi per

Dettagli

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima Sistema retributivo = anzianità pari o superiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema misto = anzianità inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema contributivo = chi inizia per la prima volta a lavorare dal

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti

Le nuove pensioni. Le novità della manovra Monti Le nuove pensioni Le novità della manovra Monti Premessa La riforma della previdenza è il primo tassello di una riforma più completa che riguarderà anche il mercato del lavoro e gli ammortizzatori sociali.

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI

COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI COME CAMBIA IL SISTEMA PREVIDENZIALE DALLA LEGGE DI STABILITA AL DECRETO MONTI. ALCUNE RIFLESSIONI Gli ultimi eventi ai quali si sta assistendo, soprattutto a seguito della crisi economica e finanziaria

Dettagli

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI

LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI I SEZIONE 1 LE PENSIONI OBBLIGATORIE DEI DIPENDENTI PUBBLICI La disciplina pensionistica: le principali norme 2 Dpr 1092/1973 - testo unico in materia di previdenza del personale civile e militare dello

Dettagli

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011

Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di alcune gestioni ex Enpals, ex Indap e Inps ai requisiti della legge 214/2011 INCA INFORMA Quindicinale di informazione previdenziale a cura dell INCA- CGIL Bergamo http://new.cgil.bergamo.it/inca/ 11 settembre 2013 Numero 21 Varato in via definitiva il DPR di armonizzazione di

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE

SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE DIPARTIMENTO WELFARE Politiche Previdenziali SCHEDA ESPLICATIVA I PRINCIPALI CONTENUTI DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLA TOTALIZZAZIONE a cura di Maria Rita Gilardi Roma, 23 gennaio 2006 1 Articolo 1 Totalizzazione

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico

LA MANOVRA SALVA ITALIA. Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico LA MANOVRA SALVA ITALIA Legge 214 del 22 dicembre 2011 (G.U. n. 300 del 27-12-2011 supplemento ordinario n. 276) Sintesi delle norme di riordino del sistema pensionistico Gennaio 2012 A cura di Vanna Giantin

Dettagli

Le nuove pensioni: come si andrà in pensione dal 1 gennaio 2012

Le nuove pensioni: come si andrà in pensione dal 1 gennaio 2012 Le nuove pensioni: come si andrà in pensione d 1 gennaio 2012 Presentazione Le nuove pensioni: come si va in pensione d 1 gennaio 2012 le principi modifiche pensionistiche in vigore d 1 gennaio 2012 Norme

Dettagli

Manovra 2010 Pensioni TFR P.I. - Enti

Manovra 2010 Pensioni TFR P.I. - Enti Dipartimento Democrazia economica, Economia sociale, Fisco, Previdenza e Formazione sindacale Manovra 2010 Pensioni TFR P.I. - Enti Angelo Marinelli Valeria Picchio 29 luglio 2010 Soppressione ed incorporazione

Dettagli

PENSIONI ORIZZONTI LONTANI

PENSIONI ORIZZONTI LONTANI Giuseppe Franzè GildaGenova 01/02/2012 PENSIONI ORIZZONTI LONTANI Con il seguente schema illustriamo, per tipologie di lavoratori, le nuove regole per calcolare le pensioni: Assicurati con almeno 18 anni

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti

La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti La legge 243/04 si compone di un unico articolo, suddiviso in 55 commi. Inoltre, trattandosi di una delega al Governo per l adozione di provvedimenti in materia di previdenza pubblica, di sostegno alla

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva)

Cumulo contributivo. ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo ( Totalizzazione retributiva) Cumulo contributivo o Totalizzazione retributiva La legge di stabilità 2013 -Legge 24/12/ 2012 n. 228- introduce una nuova istituzione : il cumulo contributivo,

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI

LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI 1 LA TOTALIZZAZIONE DEI PERIODI ASSICURATIVI DECRETO LEGISLATIVO N 42/2006 LEGGE N 247/2007 DECRETO LEGGE N 201/2011 CONVERTITO IN LEGGE N 214/2011 2 1 Totalizzazione La nuova disposizione esordisce con

Dettagli

Si legga, in particolare, quanto riguarda gli effetti sui lavoratori in mobilità e gli iscritti ai Fondi di sostegno di settore.

Si legga, in particolare, quanto riguarda gli effetti sui lavoratori in mobilità e gli iscritti ai Fondi di sostegno di settore. La manovra correttiva interviene anche sulle pensioni. Nelle more degli approfondimenti sul testo definitivo del provvedimento, riportiamo di seguito un analisi, con risposte a quesiti, pubblicata da IL

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

Roma, 17 giugno 2010. Prot. n. 302/A. Al Consiglio Nazionale della Fnsi. Alle Associazioni Regionali di Stampa. Ai Comitati di Redazione

Roma, 17 giugno 2010. Prot. n. 302/A. Al Consiglio Nazionale della Fnsi. Alle Associazioni Regionali di Stampa. Ai Comitati di Redazione Federazione Nazionale della Stampa Italiana Il Segretario Generale Roma, 17 giugno 2010 Prot. n. 302/A Al Consiglio Nazionale della Fnsi Alle Associazioni Regionali di Stampa Ai Comitati di Redazione Oggetto:

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Nuovi requisiti sulla pensione di anzianità per lavoratori dipendenti nel sistema retributivo

Nuovi requisiti sulla pensione di anzianità per lavoratori dipendenti nel sistema retributivo 19-5-2008 Le nuove regole per la pensione di anzianità e vecchiaia Circolare INPS n. 60 del 15 maggio 2008 a cura di METELLO CAVALLO L INPS ha diramato la circolare che illustra in modo definitivo le nuove

Dettagli

Vademecum sulle pensioni

Vademecum sulle pensioni Vademecum sulle pensioni Dalla riforma Amato a quella Berlusconi A cura dei Cobas Comitati di base della scuola Sede Nazionale: V.le Manzoni 55, 00185 Roma tel.: 0670452452; fax: 0677206060. e-mail: mail@cobas-scuola.org

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

l Inserto Nuove finestre d accesso alle pensioni di vecchiaia e di anzianità a partire dal 1 gennaio 2011 Argomenti

l Inserto Nuove finestre d accesso alle pensioni di vecchiaia e di anzianità a partire dal 1 gennaio 2011 Argomenti Argomenti A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Nuove finestre d accesso alle pensioni di vecchiaia e di anzianità

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio

LA PREVIDENZA PUBBLICA. Docente: Andrea Milesio LA PREVIDENZA PUBBLICA Docente: Andrea Milesio Il contesto Il contesto Il contesto Per quanto tempo ancora sarà sostenibile questa situazione? La Previdenza Pubblica ante riforma Fornero 6 Il sistema

Dettagli

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti

La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione di anzianità per i lavoratori dipendenti Aggiornato al Febbraio 2006 La pensione di anzianità si può ottenere prima di aver compiuto l'età

Dettagli

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO

U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO News del : 04/05/2015 U.I.C.I. DELEGAZIONE DI SAN MARCO ARGENTANO OGGETTO: Pensionistica trattamento anticipato di anzianita sospensione delle penalizzazioni fino al 2017 Si fa seguito ai comunicati UICI

Dettagli

GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL

GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL LE NUOVE PENSIONI GUIDA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE PREVIDENZIALI UIL E DELL ITAL-UIL Avvertenza Alcuni contenuti della presente guida sono, nel momento in cui scriviamo, oggetto di ulteriori approfondimenti

Dettagli

UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI

UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI UNA RIFORMA STRUTTURALE CHE CAMBIA LE REGOLE PER LE PENSIONI Il decreto Salva Italia (Decreto Legge n. 201 del 6 dicembre 2011) ha terminato il suo percorso con il voto di fiducia al Senato, quindi l art.

Dettagli

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere

Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Previdenza obbligatoria: conoscere per comprendere, comprendere per scegliere Premessa La previdenza obbligatoria 2 Nel tempo numerosi sono stati i traguardi raggiunti nella direzione del miglioramento

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi frammentati

Dettagli

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli;

intergenerazionale, con abbattimento dei privilegi e clausole derogative soltanto per le categorie più deboli; EDIZIONE 2012-2013 Presentazione La riforma della previdenza è uno dei più importanti interventi del Governo Monti per garantire il rispetto, degli impegni con l'unione Europea, in modo da accelerare il

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/

QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/ QUESITI AL DR. FRACARO CORR.SERA TOTALIZZ. E CONTRIBUZIONI MISTE http://forum.corriere.it/i_nostri_soldi/ giuliana giovedì, 24 ottobre 2013 CALCOLO BUONGIORNO DOTT. FRACARO SONO NATA NEL 1956 HO LAVORATO

Dettagli

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26

Scritto da Perziani Venerdì 09 Dicembre 2011 19:01 - Ultimo aggiornamento Sabato 10 Dicembre 2011 23:26 LE NOVITA SULLE PENSIONI NELLA MANOVRA MONTI di PIETRO PERZIANI (DICEMBRE 2011) Facciamo una prima analisi delle principali novità introdotte dalla Manovra Monti in materia di pensioni, più esattamente

Dettagli

Intendiamo qui fare il punto della situazione, in modo più discorsivo, tenendo ben presente che con il 01/01/2012 esistono ormai due mondi:

Intendiamo qui fare il punto della situazione, in modo più discorsivo, tenendo ben presente che con il 01/01/2012 esistono ormai due mondi: DI NUOVO SULLE PENSIONI di PIETRO PERZIANI (GENNAIO 2012) Siamo intervenuti negli ultimi tempi diverse volte sulle pensioni; rimandiamo a questi articoli per una trattazione più tecnica. Intendiamo qui

Dettagli

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro

Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 77 - rettificato - Gennaio 2014 Ricongiunzione, totalizzazione, cumulo, computo ed altro Una cassa lì, una cassa là: come si mettono insieme i contributi

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

RICONGIUNZIONI E TOTALIZZAZIONI: COSA CAMBIA DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ

RICONGIUNZIONI E TOTALIZZAZIONI: COSA CAMBIA DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ Numero 50 Febbraio 2013 RICONGIUNZIONI E TOTALIZZAZIONI: COSA CAMBIA DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ Con un colpo di scena degno dei migliori romanzi d appendice di fine 800 e sul filo di lana di una legislatura

Dettagli

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo

LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011. Mologni Enzo LE PENSIONI IL SISTEMA PRIVIDENZIALE PRIMA E DOPO LA LEGGE 214/2011 Il presente lavoro mette a confronto i requisiti di accesso alla pensione di Vecchiaia e alla pensione di Anzianità/Anticipata con le

Dettagli

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO

NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO NORMATIVA PENSIONISTICA PERSONALE APPARTENENTE ALLA POLIZIA DI STATO Facciamo il punto sulla normativa pensionistica di cui sono destinatari i lavoratori delle forze di polizia attualmente vigente, a seguito

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati

1. PREMESSA. Roma, 13/05/2008. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali. Alle Organizzazioni Sindacali Nazionali dei Pensionati istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Roma, 13/05/2008 Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla

Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Pensione di vecchiaia: ecco i nuovi requisiti di età per ottenerla Maggio 2015 Più si va avanti e più si allontana l accesso alla pensione degli italiani. Col passare degli anni, infatti, aumenta l età

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA

LE PENSIONI NEL 2006 PREVIDENZA LE PENSIONI NEL 2006 Gli aggiornamenti sugli aspetti di maggior interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Secondo l art., comma 1, della legge 29/5/82,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 08/05/2013 Direzione Centrale Pensioni Roma, 08/05/2013 Circolare n. 76 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014

FNP CISL Milano. Quando si lavora dopo la pensione. Quando il cumulo è consentito. Numero 99 Settembre 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 99 Settembre 2014 Quando si lavora dopo la pensione "Il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia, il vizio ed il bisogno"! A questa massima

Dettagli

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico ex INPDAP dicembre 2012 I SISTEMI PREVIDENZIALI Definizione Per Sistema Previdenziale intendiamo l'insieme delle regole che disciplinano il

Dettagli

Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base. a cura di Giustino Di Nallo. Guida Pratica. versione 1.1 del 03.01.2012

Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base. a cura di Giustino Di Nallo. Guida Pratica. versione 1.1 del 03.01.2012 Or.S.A. Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base LE PENSIONI DOPO LA RIFORMA FORNERO (D.L.201 DEL 6/12/2011, CONVERTITO IN LEGGE 214 DEL 22/12/2011) a cura di Giustino Di Nallo Guida Pratica versione

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

PENSIONI E LIQUIDAZIONI: UNA VERA E PROPRIA MAZZATA PER I DIPENDENTI PUBBLICI

PENSIONI E LIQUIDAZIONI: UNA VERA E PROPRIA MAZZATA PER I DIPENDENTI PUBBLICI BERGAMO PENSIONI E LIQUIDAZIONI: UNA VERA E PROPRIA MAZZATA PER I DIPENDENTI PUBBLICI Si riporta di seguito un lungo articolo apparso sulla rivista Guida al pubblico impiego del mese di settembre c.a.

Dettagli

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995

I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA NEL SISTEMA CONTRIBUTIVO EX L. 335/1995 Sistema di liquidazione Contributivo I requisiti per la pensione di vecchiaia 41 2. I REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBU- TIVA DAL 1 GENNAIO 2008: IL REQUISITO ANAGRAFICO GENERALE (CD. SCALONE)

Dettagli

Diritto della previdenza sociale:

Diritto della previdenza sociale: Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Diritto della previdenza sociale: la tutela per l invalidità, vecchiaia e superstiti Dipartimento di diritto privato e storia del diritto Università

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl

CISL - Roma, 9-2-2012. Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica Cisl 1 Obiettivi Rispetto vincoli di bilancio Stabilità economicofinanziaria Rafforzamento sostenibilità sistema pensionistico Principi Equità e convergenza

Dettagli

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Finanziaria 2011-2013 D.L. 31 Maggio 2010 n. 78 convertito in legge n. n122/2010 G.U n. 176 del 30 luglio 2010

PATRONATO INCA CGIL Lombardia. Finanziaria 2011-2013 D.L. 31 Maggio 2010 n. 78 convertito in legge n. n122/2010 G.U n. 176 del 30 luglio 2010 PATRONATO INCA CGIL Lombardia Finanziaria 2011-2013 D.L. 31 Maggio 2010 n. 78 convertito in legge n. n122/2010 G.U n. 176 del 30 luglio 2010 Milano, 22 novembre 2010 NUOVE DECORRENZE: PREMESSA Comma 1,

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI

RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI RIFORMA DELLE PENSIONI : QUALI LE NOVITA E LE DIFFERENZE CON LA PRECEDENTE LEGGE DINI Agosto 2004 C on la riforma delle pensioni elaborata dal ministro del Welfare Maroni e più volte rivista e corretta,

Dettagli