Implementazione di un Content Management System. pilota per lo sviluppo prodotti Catalloy. di Basell Polyolefins

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Implementazione di un Content Management System. pilota per lo sviluppo prodotti Catalloy. di Basell Polyolefins"

Transcript

1 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Specialistica in Informatica Implementazione di un Content Management System pilota per lo sviluppo prodotti Catalloy di Basell Polyolefins Tesi di Laurea Specialistica in Informatica Relatore: Prof. Eleonora LUPPI Laureando: Valerio FIORESI Anno Accademico 2006/2007

2 Indice Introduzione 5 1 Il Catalloy Business L impianto Catalloy Processo di ricerca e sviluppo di polimeri Catalloy L idea - Il progetto PAD Six Sigma Il metodo Six Sigma Quando e a chi serve? Il Six Sigma nel progetto PAD Quality Functional Deployment - QFD Supplier Input Process Output Customer - S.I.P.O.C S.I.P.O.C. Entities & Design Specifications Validation Document Content Management System for Catalloy Business Panoramica sui C.M.S C.M.S. utilizzato Zope & Plone Content Management Framework - Zope Content Management System - Plone ArgoUML e ArchGenXML Archetype Project Creazione della funzionalità di Increment Creazione della funzionalità di Event Log

3 2 INDICE 3.7 Realizzazione delle procedure di automazione Creazione automatica delle cartelle per le fasi Creazione e gestione di Increment e Event Log Procedura per oggetti Increment Procedura per oggetti Event Log Gestione degli utenti e sicurezza Espansione futura Gestione dei dati Viste e reportistica Conclusioni 69 Ringraziamenti 71 A Q.F.D. - Quality Functional Deployment 73 B S.I.P.O.C. 75 C S.I.P.O.C. Entities & Design Specifications 77 C.1 Introduction C.1.1 Aims C.1.2 Overview C.1.3 Definition C.1.4 Key for Flow Diagrams C.1.5 Implementation functionalities C.1.6 Fundamentals C.1.7 References C.1.8 Document Overview C.2 S.I.P.O.C. Details & Entities C.2.1 Step1 Review & evaluation of generic Targets requirements ( Material Reqs ) C.2.2 STEP 2 & 3 : Historical Data investigation (2) & Analysis (3)

4 INDICE 3 C.2.3 STEP 4 : Polymer Structure definition C.2.4 STEP 5 : Feasibility Test : Pilot Plant Trial C.2.5 STEP 6 : Plant Operating Conditions / Process Recipe 84 C.2.6 STEP 7 : Pilot Plant Trial / Run C.2.7 STEP 8 : Experimental Batches ( Final ) characterisation C.2.8 STEP 9 : Customer Sampling / compounding / delivery 86 C.3 Functional Design Specification C.3.1 List of Applications C.3.2 Plone Products C.3.3 Development Products C.4 Zope database ( ZODB ) structure C.4.1 List of custom content types C.4.2 Project Content Type C.5 UML Diagram C.5.1 Custom scripts C.5.2 Vocabulary entities C.5.3 Hidden Folders D User Acceptance Testing Specification 91 Issue History D.1 1.Document Overview D.1.1 Objectives D.1.2 Scope D.1.3 Standards and Guidelines D.1.4 References D.1.5 Definitions D.1.6 Format D.2 Instructions D.2.1 Testing Rules D.2.2 Error handling and documentation of errors D.3 Use Case for Analyst

5 4 INDICE D.3.1 Use Case Details D.3.2 URS Details D.3.3 Use Case Prerequisites D.3.4 Use Case Environment D.3.5 Use Case Script Case 1 Plone Login and navigation into CTY folder 95 D.3.6 Use Case Script Case 2 Adding custom content types D.3.7 Use Case Script Case 3 Verify Event Log record creation D.3.8 Use Case Script Case 4 Verify content search ( binary objects)

6 Introduzione Il lavoro di tesi è consistito nello sviluppo di un C.M.S. 1 pilota per la trattazione dei dati relativi al processo di ricerca e sviluppo di polimeri plastici Catalloy di Basell Polyolefins. Il progetto è stato sviluppato presso il gruppo LIMS Europe all interno del sito Basell di Ferrara e richiesto dal gruppo P.A.D. 2 dal quale prende il nome. Il progetto PAD deve essere fruibile a tutti i membri del gruppo, con politiche di accesso personalizzate, e deve poter essere implementato in modo da adattarsi alle procedure di sviluppo esistenti. Da questa base si è partiti nello sviluppo di un C.M.S. accessibile via intranet realizzando alcune parti appositamente per la gestione dei documenti relativi ai processi Catalloy. In particolare mi sono occupato della messa in opera del sistema e della realizzazione, in linguaggio Python, del pacchetto Project che permette la gestione dei documenti relativi al processo di produzione di polimeri Catalloy adattandosi alle procedure attualmente in uso. Inoltre ho sviluppato altri due tool minori per la gestione dei nomi degli oggetti prodotti nel portale e per il monitoraggio delle azioni svolte su tali oggetti. In collaborazione con Andrea Carlini a capo del gruppo LIMS Europe, mi sono occupato anche della ricerca e test di applicativi per Plone da inserire e utilizzare nel progetto. 1 Content Management System 2 Product Application Development 5

7 6 Introduzione Nel primo capitolo è brevemente descritto l impianto Catalloy di Ferrara e vengono trattate le motivazioni che hanno portato alla realizzazione del progetto. Nel secondo capitolo è brevemente descritto il sistema Six Sigma e le parti che sono state utilizzate nello studio e realizzazione dello stesso. Il terzo capitolo riporta le descrizioni dettagliate su ogni parte del progetto, dalla scelta e uso del C.M.S. Plone fino alla gestione degli utenti passando per i tool realizzati ad-hoc per Basell. Nel quarto ed ultimo capitolo vengono trattati alcuni aspetti che ancora non sono stati implemetati ma che sono già stati presi in considerazione e che verranno resi definitivi solo dopo l approvazione del progetto pilota.

8 Capitolo 1 Il Catalloy Business In questo capitolo si vuole dare una breve descrizione dell impianto Catalloy di Ferrara per comprenderne le funzionalità e i prodotti affinchè risulti più semplice entrare nell ottica di cosa richiede, dal punto di vista informatico, un team di sviluppo prodotti Catalloy. Si parlerà, anche se solo in modo generico, di come si presenta l impianto, di come funziona e dei suoi prodotti. E importante capire l area di destinazione di un progetto per poter comprendere a fondo le problematiche intrinseche al progetto stesso. 1.1 L impianto Catalloy Nel sito Basell Polyolefins di Ferrara è presente un impianto per la produzione di prodotti Catalloy. Questo particolare impianto differisce da altri per alcune caratteristiche principali: E un impianto dotato di tre reattori. Consente l utilizzo di differenti tipologie di monomeri 1 in composizione diversa per ogni reattore. 1 Col termine monomero (dal greco una parte ) in chimica si definisce una molecola semplice dotata di gruppi funzionali tali per cui sia in grado di combinarsi ricorsivamente con altre molecole, identiche a sé o reattivamente complementari a sé, a formare macromolecole. Per estensione, il termine viene usato anche per identificare l unità strutturale ripetitiva che forma un polimero. 7

9 8 CAPITOLO 1. IL CATALLOY BUSINESS Consente la creazione di polimeri strutturati in modo ordinato. Dalle caratteristiche appena descritte si evince che il Catalloy è un impianto molto flessibile, realizzato per ottenere specifici prodotti altrimenti difficili da realizzare con altri tipi di impianti. In figura 1.1 vediamo una scehmatizzazione dell impianto e del ciclo che porta al prodotto finale. Figura 1.1: Schema dell impianto Catalloy L immagine mostra i tre reattori che compongono la parte principale dell impianto e i gas che si possono introdurre nella reazione. Per formare un polimero occorre un processo di catalizzazione che permetta al momomero di combinarsi in catene. Il processo di polimerizzazione avviene combinando i monomeri e il catalizzatore in determinate condizioni di polimerizzazione. Tali condizioni sono date dai monomeri utilizzati, dalla temperatura e dall attivatore della reazione di polimerizzazione; per il propilene, per esempio, l attivatore è l idrogeno. Nel processo Catalloy vengono introdotti il catalizzatore e i monomeri, in determinate combinazioni e, dal primo reattore in

10 1.1. L IMPIANTO CATALLOY 9 poi, il polimero comincia a crescere attorno al catalizzatore. Quando viene passato al secondo reattore la composizione dei gas puo essere tenuta volutamente differente facendo crescere il polimero in maniera ordinata. Con questo tipo di impianto quindi si possono produrre, teoricamente, infiniti tipi di polimeri agendo sia sulle composizioni dei monomeri sia sulle tipologie di catalizzatore. Proprio grazie a questa flessibilita il Catalloy riesce a produrre polimeri complessi, con caratteristiche fisico/meccaniche particolari, non riproduciubili su altri tipi di impianti. La figura 1.2 mostra un polimero all uscita del primo reattore. Figura 1.2: Polimero all uscita del primo reattore Vediamo le differenze dei tre monomeri che partecipano alla reazione: Propilene E tra i piu utilizzati e solitamente e il monomero princi-

11 10 CAPITOLO 1. IL CATALLOY BUSINESS pale, la sua percentuale determina la crescita della parte plastica del polimero. Etilene Viene utilizzato solitamente in combinazione con gli altri e determina la creazione della parte gomma del polimero. Butene Anch esso responsabile della parte gomma del polimero anche se con caratteristiche diverse dall etilene. Il monomero che viene utilizzato in maggior percentuale è detto monomero principale, se è propilene si ottiene polipropilene, se è etilene si ottiene polietilene e se è butene si avrà polibutene. Nell impianto Catalloy si utilizza sempre il propilene come monomero principale, quindi tutti i polimeri prodotti saranno classificati come polipropilenici. In conclusione possiamo definire i prodotti Catalloy come polipropilene con caratteristiche fisico/meccaniche peculiari perche formati in maniera ordinata e controllata e non riproducibili su altri tipi di impianti. In figura 1.3 vediamo un campione di prodotto finale dopo l estrusione Processo di ricerca e sviluppo di polimeri Catalloy La progettazione e ricerca di nuovi polimeri è un processo lungo e complesso che parte dalla richiesta del cliente di un materiale con specifiche caratteristiche meccaniche, fisiche e cromatiche e arriva fino alla consegna del prodotto finito. Le fasi intermedie sono innumerevoli e spesso richiedono tempi lunghi prima che si possa ottenere un risultato ottimale. Si pensi alla necessità di formulare una ricetta che possa soddisfare le caratteristiche ri- 2 Processo che fonde il polimero prodotto per omogeneizzarlo e lo taglia in palline di uguali dimensioni.

12 1.2. PROCESSO DI RICERCA E SVILUPPO DI POLIMERI CATALLOY11 Figura 1.3: Prodotto finito dopo l estruzione chieste e tradurla in un processo di produzione attuabile su di un impianto. I passaggi chiave, una volta ottenute le informazioni dal cliente sono: Studio di una ricetta di produzione che produca un materiale con le caratteristiche richieste. Questo implica le percentuali di monomeri, i catalizzatori e gli additivi inseriti. Prova della ricetta su un piccolo impianto pilota, questa fase consente di testare il prodotto in tutte le sua caratteristiche e rilasciare un certificato di fattibilita del progetto. Se il test non dovesse andare a buon fine sara necessario creare una nuova ricetta. Test sull impianto di produzione, dove i parametri da regolare sono differenti rispetto all impianto pilota che e di dimensione notevolmente

13 12 CAPITOLO 1. IL CATALLOY BUSINESS inferiore. Questa fase serve a ricercare lo stesso prodotto ottenuto sul pilota ma prodotto dall impianto vero e proprio. Test del prodotto ottenuto e verifica delle caratteristiche. Al termine di queste operazioni viene consegnato il primo campione al cliente che ne valuta la bontà e, se soddisfatto, procede all ordine in grandi quantità. E chiaro da quanto sopra descritto che la produzione di un polimero richiede tempo, innumerevoli test e produce una considerevole quantità di documentazione relativa al progetto. 1.3 L idea - Il progetto PAD Proprio a causa dei tempi e della quantità di documentazione prodotta nasce l idea del progetto PAD. Si è infatti pensato di sfruttare la tecnologia informatica per sveltire il processo e riordinare i documenti relativi ai progetti. Non solo, il sistema deve anche permettere di ricercare dati all interno di documenti appartenenti a progetti già eseguiti e chiusi al fine di avere accesso a tutte le informazioni disponibili per non ripetere errori già commessi, risparmiare tempo nello sviluppo di operazioni già fatte o semplicemente prendere spunto da progetti simili a quello che si sta eseguendo. Dunque il progetto PAD ricopre un ruolo di primaria importanza in questo specifico settore andando a inserirsi in procedure già stilate e testate rendendole più snelle e ordinate, riducendo i tempi di ricerca e sviluppo e consentendo una più chiara e fruibile visione dell insieme di dati prodotti.

14 Capitolo 2 Six Sigma In questo capitolo verrà spiegato il metodo Six Sigma descrivendone le peculiarità e le caratteristiche principali. Verranno inoltre trattati in dettaglio i documenti redatti durante lo sviluppo del progetto inerenti alla metodologia Six Sigma. Tali documenti ricoprono una parte molto importante del progetto e ne sono effettivamente la linea guida. Infatti l intera realizzazione si basa sui dati riportati in questi atti. Nella descrizione della documentazione allegata nelle appendici si spazierà quindi dalla fase di specifica delle funzionalità del progetto, al processo di produzione, alle entità che formano la struttura del progetto per concludere con la sua validazione. 2.1 Il metodo Six Sigma Il metodo Six Sigma è un programma di gestione della qualità basato sul controllo della varianza 1 che ha lo scopo di migliorare la qualità di un servizio portandolo ad un determinato livello, molto favorevole per il consumatore. 1 In statistica la varianza è un indice di dispersione. Viene solitamente indicata con σ 2 (dove σ è la deviazione standard). L espressione per la varianza, nell ambito della statistica descrittiva, è: σ 2 = 1 n (x i µ) 2 n i=1 dove µ rappresenta la media aritmetica dei valori x i. 13

15 14 CAPITOLO 2. SIX SIGMA Si tratta quindi di un metodo statistico che attraverso la gestione dei sigma si propone di migliorare processi di produzione o servizi affinche non vi siano pressochè errori, innalzando al massimo la soddisfazione del cliente finale. Il metodo nasce nella seconda metà degli anni 80 per mano di Bob Galvin e Bill Smith e viene utilizzato per la prima volta dalla Motorola. La filosofia del metodo impone di restringere la variabilità fino ad ottenere 3-4 parti difettose per milione. Una così ristretta variabilità di processo sembrava irraggiungibile inizialmente, e molti che si apprestavano all uso del metodo credevano che 3 sigma fosse già più che sufficiente. Non molto dopo però alcune aziende, come Motorola, hanno dimostrato che questo risultato si poteva ottenere e che il Six Sigma era un efficace metodo per ridurre i costi, i tempi ed eliminare gli sprechi portando la soddisfazione del cliente a livelli sempre più alti. Dal punto di vista pratico il Six Sigma è un applicazione rigorosa, fortemente orientata all obiettivo e altamente efficiente, di tecniche statistiche e principi di qualità rendendo più efficienti le teciche di qulità aziendale portando a performance quasi esenti da difetti. Il metodo si snoda attraverso cinque tappe fondamentali: definire, misurare, analizzare, migliorare e controllare, questo è detto metodo DMAIC. Vediamo in dettaglio queste parti: Definire In questa fase il gruppo di lavoro deve definire il processo o servizio da migliorere, vedere esattamente quali sono le richieste del cliente finale e identificare le persone coinvolte nel processo di produzione o erogazione del servizio. Misurare Questa fase prevede la validazione di un sistema di misura appropriato allo scopo e la misura dell attuale processo di produzione

16 2.1. IL METODO SIX SIGMA 15 al fine di ricavare il σ attuale in relazione agli standard richiesti. Analizzare La fase di analisi consiste nel verificare, in base ai dati misurati precedentemente, quali siano le cause, o le interazioni tra loro, che portano difetti al processo influenzandone i requisiti e spostandone la varianza. Migliorare In questa fase del modello si mettono in atto i miglioramenti, solo dopo un accurata analisi. Infatti la metodologia Six Sigma prevede che prima di agire venga fatto uno studio approfondito delle cause e delle possibili soluzioni, un ulteriore analisi sui costi - benefici ed infine la messa in opera di una o più soluzioni atte a risolvere i problemi trovati. Questo è necessario affinchè non si salti direttamente alle conclusioni (soluzioni) rischiando di aver sbagliato analisi con conseguente spreco di tempo e denaro. Controllare La fase di controllo prevede di monitorare il processo per verificare effettivamente i miglioramenti utilizzando gli strumenti di misura. Prevede la comparazione e la stabilizzazione del processo ed anche la redazione delle procedure operative da attuare per mantenere il processo efficiente nel tempo. A queste cinque fasi principali ultimamente ne sono state aggiunte altre tre: Riconoscere Si tratta di una fase preliminare per la messa a punto dell intervento. Standardizzare E una fase specifica nella quale si definiscono le procedure da attuare per migliorare il processo e renderlo standard.

17 16 CAPITOLO 2. SIX SIGMA Integrare Fanno parte di questa fase tutte le azioni supplementari per supportatre la filosofia che si è deciso di adottare. Dunque la metodologia Six Sigma è divisa e applicata in fasi ben distinte tra loro, ognuna delle quali è indispensabile per il raggiungimento degli scopi desiderati. Inoltre questo metodo si basa sulla responsabilizzazione dei dipendenti stessi diventanto, sotto un certo punto di vista, una filosofia aziendale che coinvolge tutti dall alta dirigenza fino all operaio. Vediamo quali sono le figure che interagiscono in un azienda che implementa il modello: Executive Leadership Comprende l alta direzione d azianda, queste figure devono assicurare che il metodo Six Sigma sia una filosofia aziendale radicata e che le cariche sottostanti abbiano la libertà d azione necesaria. Champions Vengno eletti dalla direzione d azienda e sono i responsabili dell implementazione del metodo, solitamente sono dirigenti. Master Black BeltsVengono selezionati in azienda dai Champions e rappresentano esperti e guide nell implementazione del Six Sigma. Sono impiegati in questa funzione a tempo pieno e si dedicano a coadiuvare i Champions, ricercare nuove aree da migliorare e si assicurano che vengano correttamente applicati gli strumenti statistici propri di questo metodo. Black Belts Sono figure che si dedicano a tempo pieno all implementazione e realizzazione di progetti Six Sigma operando coadiuvati dai Master Black Belt e guidando i Green Belt. Sono in effetti gli esecutori del modello.

18 2.2. QUANDO E A CHI SERVE? 17 Green Belts Non sono figure dedicate completamente a questo scopo ma persone che occasionalmente, oltre ai propri compiti, svolgono anche mansioni connesse allo sviluppo di progetti Six Sigma. Sono sempre seguiti dai Black Belt. Si delinea un modello abbastanza semplice dal punto di vista matematico statistico ma che è chiaramente complesso da implemetare in un azienda dove manca completamente la predisposizione mentale a queste operazioni. Si vede chiaramente che il metodo Six Sigma si inserisce all interno dell azienda in ogni sua parte coinvolgendo molte se non tutte le persone che vi lavorano. E proprio grazie a questa sua peuliarità che si riesce, dopo un certo periodo di adeguamento, a raggiungere dei risultati invidiabili come 3-4 errori per milione e a soddisfare pienamente le aspettative dei propri clienti. 2.2 Quando e a chi serve? Per cercare di comprenedere le ragioni per cui un azienda dovrebbe avvicinarsi alla metodologia Six Sigma cerchiamo di fare un quadro di quello che succede in molte aziende. Ogni errore effettuato da una persona o da un organizzazione ha un costo che può essere la perdita di un cliente, la necessità di ripetere un operazione, la sostituzione di un pezzo, tempo e materiali sprecati, perdita di efficienza o di produttività. In realtà gli errori all interno di molte aziende costano il 20-30% del loro fatturato. E una perdita a dir poco ingente se pensiamo di pagare il 20-30% del totale ogni volta che cambiamo un assegno. La metodologia Six Sigma parte proprio dal principio che ogni organizzazione, individuo o processo produttivo possa migliorare. Anche se sembra che un operazione sia gestita al meglio c è sempre la possibilità di migliorarla. Effettivamente si è potuto notare che

19 18 CAPITOLO 2. SIX SIGMA la crescita di un azienda porta al suo interno dei disordini organizzativi che sfociano piano piano nel caos ottenendo aree che lavorano troppo e magari male e altre che non fanno nulla con conseguente spreco di denaro. Six Sigma si propone proprio come la metodologia che porta alla soluzione di questo problema: passando per un periodo di cambiamento non facile, porta poi a migliori servizi, più prodotti, migliore realizzazione, contenimento degli sprechi dei costi e clienti più contenti. Ricordiamo che la prima azienda ad adottare Six Sigma è stata Motorola vincitrice del premio National Quality Award nel Molte altre grandi aziende vollero sapere coma Motorola fosse riuscita ad ottenere risultati così soddisfacenti e una crescita così alta del fatturato. Fu l allora presidente Robert Galvin 2 a rilasciare il segreto del Six Sigma rendendolo libero e accessibile. Molte grandi società come Texas Instruments, Asea Brown Boveri, Allied Signal, e General Electric cominciarono ad adottarlo fin dagli anni 90. Già dieci anni dopo nel 2000 erano migliaia le società nel mondo che adottavano la metodologia Six Sigma e nel 2003 si è calcolato che, in totale, sono stati risparmiati oltre 100 miliardi di dollari grazie a questa metodologia. Da allora Six Sigma ha ricoperto un ruolo molto importante a livello mondiale ed è riconosciuto come uno dei migliori metodi per migliorare la qualità tanto che è stato inserito ed adottato dall American Society for Quality. 2 Robert (Bob) W. Galvin nato il 9 ottobre 1922 a Marshfield, Wisconsin è il figlio del fondatore di Motorola, Paul Galvin. Ha frequentato l Università di Notre Dame e l University of Chicago. Nel 1940, ha iniziato a lavorare per Motorola ed è stato nominato presidente della società nel Due anni più tardi è succeduto al padre, come Chief Executive Officer. Nel 1986, Bob Galvin ha abbandonato il titolo di direttore generale, pur rimanendo presidente del consiglio di amministrazione. Sotto la sua guida, Motorola ha accresciuto le vendite da 216,6 milioni di dollari a 6,7 miliardi di dollari nel Bob Galvin è stato anche determinante, insieme all ingegnere Motorola Bill Smith, nella realizzazione del sistema di qualità Six Sigma. Nel 2005, è stato insignito del Premio Vannevar Bush per la sua leadership visionaria volta ad esaltare l innovazione Americana, la competitività, l eccellenza e l interfaccia della scienza e della tecnologia con l impresa industrial-nazionale. Oggi alla presidenza gli succede Edward J. Zander.

20 2.3. IL SIX SIGMA NEL PROGETTO PAD 19 E chiaro quindi perchè Six Sigma sia una buona scelta per ogni organizzazione che desidera espandersi mantenendo ordine al proprio interno, senza sprecare denaro e finalizzare il proprio lavoro in funzione della soddisfazione dei propri clienti. 2.3 Il Six Sigma nel progetto PAD Nel progetto da me realizzato sono state adottate alcune metodologie Six Sigma, atte a definire il progetto e orientare la sua implementazione verso gli scopi richiesti dagli utilizzatori. Non tutta la metodologia è stata applicata in quanto non è ancora stata definita in modo chiaro per quanto riguarda lo sviluppo di prodotti software. Anche se in questo settore l evoluzione del metodo è in rapido sviluppo già oggi ci si può avvalere di alcuni documenti guida che permettono di focalizzare i punti chiave, le richieste del cliente e la buona riuscita del progetto. I documenti da noi utilizzati sono: la QFD, Quality Function Deployment, il S.I.P.O.C. 3, una versione dello stesso orientata al Design Specification e un Validation Document. Grazie a questi documenti è stato possibile mappare il processo di produzione, capire esattamente di che cosa si aveva bisogno, definire le entità da sviluppare e validare il prodotto finora creato Quality Functional Deployment - QFD E una tecnica che deriva da una evoluzione dell approccio al quality management che trasforma i bisogni dei clienti in caratteristiche di qualità che vengono incorporate nel progetto e proiettate con scelte prioritarie nel processo e quindi nel prodotto finale. Questa via progettuale permette di ridurre eventuali modifiche successive del prodotto, comprimendone costi e 3 Supplier Input Process Output Customer

21 20 CAPITOLO 2. SIX SIGMA tempi di controllo. Il documento Quality Functional Deployment è stato creato nella fase preliminare di studio e progettazione del software ed ha un ruolo fondamentale per poter pianificare il lavoro da eseguire successivamente. Si presenta come una tabella che racchiude le richieste del cliente suddivise da un lato per funzionalità e dall altro per area di pertinenza. Ad ognuno di questi incroci viene assegnato un valore che indica il livello d importanza della richiesta. Se ne ricava un documento che esplicita tutto ciò che il cliente desidera ottenere dal software e quanto gli interessa ogni singola funzionalità. E proprio in base a questa tabella che si sono prese le decisioni iniziali su come sviluppare l applicazione, che C.M.S. utilizzare e quali caratteristiche dare al prodotto. Per la realizzazione di un documento di questo tipo è necessario riunire gli esperti del settore di destinazione del software, nel nostro caso il gruppo PAD, per delineare le necessità e gli esperti in informatica per definire le modalità di sviluppo, la fattibilità delle operazioni richieste e alcune delle aree di competenza Supplier Input Process Output Customer - S.I.P.O.C. Il S.I.P.O.C. viene definito come strumento utilizzato per individuare tutti gli elementi pertinenti ad un progetto prima che questo venga messo in fase di produzione. In pratica aiuta il team di sviluppo a focalizzare tutte le parti che compongono il progetto. Nel nostro caso il S.I.P.O.C. è stato redatto in fase di studio del progetto e raccoglie in una tabella tutte le fasi del processo di produzione di polimeri Catalloy e soprattutto tutti i documenti che ne fanno parte. Grazie a questo documento si è potuto avere un quadro chiaro della situazione riguardante il processo di produzione e di tutte le componenti che ne fanno parte potendo delineare una prima bozza di strut-

22 2.3. IL SIX SIGMA NEL PROGETTO PAD 21 tura del progetto. Inoltre questo documento mette in evidenza chi produce determinata documentazione e a chi è destinata facendo chiarezza anche sui reparti coinvolti e sul flusso di informazioni all interno di un progetto S.I.P.O.C. Entities & Design Specifications Questo documento è stato scritto successivamente al S.I.P.O.C. e racchiude i dati raccolti precedentemente aggiungendo delle specifiche tecniche relative al progetto. Infatti l intero documento risulta essere molto articolato specificando, per ogni fase, tutti i documenti interessati, descrivendoli e classificandoli anche per categorie. Possiamo trovare nel S.I.P.O.C. Entities & Design Specifications una guida che descrive minuziosamente quella che è diventata la struttura portante dell intero sistema. Infatti durante la scrittura di questo documento si sono fatte le scelte implementative relative alla struttura del progetto e si è deciso come organizzare i documenti al suo interno. Si può notare come in questo documento le fasi 2 e 3, che nel S.I.P.O.C. erano divise, sono state riunite in una unica per motivi legati all implementazione e snellimento della struttura. Troviamo sempre nella Design Specifications l elenco dei programmi e delle versioni utilizzate per la realizzazione del progetto oltre a tutti i pacchetti aggiuntivi di Plone installati. Si tratta quindi di una completa descrizione delle entità che compongono il progetto ed è il documento di maggiore importanza nella fase di sviluppo dello stesso Validation Document Il Validation Document rappresenta il certificato di corretto funzionamento dell applicazione sviluppata. Questo documento è molto importante perchè crea una linea di congiunzione tra gli sviluppatori e i clienti fornendo un certificato che attesta il corretto funzionamento dell applicazione nell ambiente

2010 Antonio Musarra s Blog. Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010)

2010 Antonio Musarra s Blog. Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010) 2010 Antonio Musarra s Blog 1 Sessione introduttiva sui CMS (versione 1.0 16/03/2010) CMS Content Management System 2 Un Content Management System, in acronimo CMS, letteralmente "sistema di gestione dei

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

CMS (Content Management System) della categoria Open Source

CMS (Content Management System) della categoria Open Source Una panoramica sui CMS (Content Management System) CMS (Content Management System) della categoria Open Source Per la piattaforma PHP/MYSQL e considerata l esigenza sempre più ricorrente di realizzare

Dettagli

Cos'è Plone: l'esperienza di Mo-Net, la Rete Civica del Comune di Modena

Cos'è Plone: l'esperienza di Mo-Net, la Rete Civica del Comune di Modena Cos'è Plone: l'esperienza di Mo-Net, la Rete Civica del Comune di Modena La PA e la condivisione del software libero: PloneGov, dall'europa all'italia Claudio Forghieri Comune di Modena Ferrara, 16 settembre

Dettagli

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server

Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server Corso di Web programming Modulo T3 A2 - Web server 1 Prerequisiti Pagine statiche e dinamiche Pagine HTML Server e client Cenni ai database e all SQL 2 1 Introduzione In questa Unità si illustra il concetto

Dettagli

Alcune semplici definizioni

Alcune semplici definizioni Alcune semplici definizioni Un CMS (Content management system), in italiano Sistema di gestione dei contenuti è uno strumento software che si installa generalmente su un server web, il cui compito è facilitare

Dettagli

Il Content Management System Plone

Il Content Management System Plone Il Content Management System Plone Stefano Marchetti - stefano[at]redturtle.net Ferrara 7 novembre 2008 1 Di cosa parliamo Sistemi per la gestione di informazioni : i CMS Gestione delle informazioni Plone!

Dettagli

Soluzioni open source integrate. per le aziende: case study. Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 29 novembre 2003

Soluzioni open source integrate. per le aziende: case study. Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 29 novembre 2003 Soluzioni open source integrate 29 novembre 2003 per le aziende: case study Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) 1. Sintesi dell intervento Presentazione Case Study odierno: Intranet Moroso S.P.A. Ingredienti

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008

Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 Ottimizzazione dello sviluppo software con Microsoft Visual Studio 2008 White paper Novembre 2007 Per informazioni aggiornate, visitare l indirizzo www.microsoft.com/italy/vstudio È possibile che a questo

Dettagli

LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET. Documentazione

LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET. Documentazione LA SOLUZIONE MODULARE ESPANDIBILE PER LA CREAZIONE E GESTIONE DI SITI INTERNET Documentazione INTRODUZIONE IMPORTANZA DEL SITO WEB Tramite il sito web sarai facilmente raggiungibile da ogni parte del mondo

Dettagli

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved

WEB TECHNOLOGY. Il web connette. LE persone. E-book n 2 - Copyright Reserved WEB TECHNOLOGY Il web connette LE persone Indice «Il Web non si limita a collegare macchine, ma connette delle persone» Il Www, Client e Web Server pagina 3-4 - 5 CMS e template pagina 6-7-8 Tim Berners-Lee

Dettagli

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN

ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN ALL. C AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART. 125, COMMI 10 E 11, DEL D.LGS. 163/2006 E S.M.I. DELLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN PORTALE WEB NELL AMBITO DELLA MISURA 2.6. DEL POI ENERGIA FESR 2007 2013

Dettagli

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER

LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER LA PROFESSIONE DEL WEB DESIGNER Lezione 1 1 Web Design Lafiguracentralenelprogettodiunsitowebèilwebdesigner:eglisioccupadell'aspetto visivo e del coinvolgimento emotivo di siti Web business to business

Dettagli

White Paper 1. INTRODUZIONE...2 2. TECNOLOGIE SOFTWARE IMPIEGATE...2 3. APPROCCIO PROGETTUALE...10 3. RISULTATI...10

White Paper 1. INTRODUZIONE...2 2. TECNOLOGIE SOFTWARE IMPIEGATE...2 3. APPROCCIO PROGETTUALE...10 3. RISULTATI...10 Soluzioni software di EDM "Electronic Document Management" Gestione dell archiviazione, indicizzazione, consultazione e modifica dei documenti elettronici. Un approccio innovativo basato su tecnologie

Dettagli

CMS Open Source Evento Open Source Asolo Golf Club - 29 giugno 2005

CMS Open Source Evento Open Source Asolo Golf Club - 29 giugno 2005 CMS Open Source Evento Open Source Asolo Golf Club - 29 giugno 2005 Fabio Bottega (f.bottega@tecnoteca.it) I punti focali: CMS = comunicazione Gli attori coinvolti Scelta di un CMS Open Source CMS di riferimento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE. Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE Relazione elaborato di progettazione e produzione multimediale AllPainters.Net SISTEMA PER LA GENERAZIONE DI SITI GRATUITI PER PITTORI Autori: - Bandini Roberto - Ercoli

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI

1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI 1. FINALITÀ E DEFINIZIONE DELLE SPECIFICHE TECNICHE E FUNZIONALI Per implementare una piattaforma di e-learning occorre considerare diversi aspetti organizzativi, gestionali e tecnici legati essenzialmente

Dettagli

La piattaforma Moodle dell' ISFOL

La piattaforma Moodle dell' ISFOL La piattaforma Moodle dell' ISFOL Un CMS per la condivisione della conoscenza nei Gruppi di Lavoro e di Ricerca dell'istituto Franco Cesari - ISFOL Gruppi di Lavoro e di Ricerca come Comunità di Pratica

Dettagli

Strumenti e linguaggi per lo sviluppo WEB su Linux. Scano Alessandro alescano@fastimap.com

Strumenti e linguaggi per lo sviluppo WEB su Linux. Scano Alessandro alescano@fastimap.com Strumenti e linguaggi per lo sviluppo WEB su Linux Scano Alessandro alescano@fastimap.com Non solo su linux è possibile fare sviluppo web, ma quest'ultimo è una piattaforma privilegiata per tale compito

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 1. Introduzione a Internet e al WWW Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica

Dettagli

Content Management Systems e

Content Management Systems e AA 2010/2011 Content Management Systems e Corso di Progetto di Sistemi Web Based Università degli Studi di Roma Tor Vergata Argomenti della lezione 1. Breve evoluzione storica dei siti internet cos è un

Dettagli

Presentazione divisione Sviluppo Web

Presentazione divisione Sviluppo Web Presentazione divisione Sviluppo Web Azienda con sistema di gestione per la qualità certificata secondo le norme UNI EN ISO 9001:2008 Azienda Associata Compagnia delle opere Azienda Associata Assolombarda

Dettagli

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web

venerdì 31 gennaio 2014 Programmazione Web Programmazione Web WWW: storia Il World Wide Web (WWW) nasce tra il 1989 e il 1991 come progetto del CERN di Ginevra affidato a un gruppo di ricercatori informatici tra i quali Tim Berners- Lee e Robert

Dettagli

Vincenzo Barone Linux Day - Napoli - 25/10/2008 vincenzo.barone@abstract.it Un pò di cenni su di me: Vincenzo Barone - Napoli, CEO di Abstract open

Vincenzo Barone Linux Day - Napoli - 25/10/2008 vincenzo.barone@abstract.it Un pò di cenni su di me: Vincenzo Barone - Napoli, CEO di Abstract open Plone - Un CMS per tutti i gusti Vincenzo Barone Linux Day - Napoli - 25/10/2008 vincenzo.barone@abstract.it Un pò di cenni su di me: Vincenzo Barone - Napoli, CEO di Abstract open solutions (società che

Dettagli

Classificazione del software

Classificazione del software Classificazione del software Classificazione dei software Sulla base del loro utilizzo, i programmi si distinguono in: SOFTWARE Sistema operativo Software applicativo Sistema operativo: una definizione

Dettagli

Copyright 2004 EVA Group :: www.evagroup.net :: info@evagroup.net

Copyright 2004 EVA Group :: www.evagroup.net :: info@evagroup.net EVA Extranet Virtual Application La piattaforma EVA, sfrutta a pieno tutte le potenzialità offerte da una applicazione extranet di alto livello sviluppata con tecnologie 100% web oriented, rimanendo essenzialmente

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2008/2009 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. IBM and Business

Dettagli

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet Non solo un CMS (Content Management System) Gestire i contenuti è un compito che molti software svolgono egregiamente. Gestire

Dettagli

Software. Definizione, tipologie, progettazione

Software. Definizione, tipologie, progettazione Software Definizione, tipologie, progettazione Definizione di software Dopo l hardware analizziamo l altra componente fondamentale di un sistema di elaborazione. La macchina come insieme di componenti

Dettagli

ERP Commercio e Servizi

ERP Commercio e Servizi ERP Commercio e Servizi Sistema informativo: una scelta strategica In questi ultimi anni hanno avuto grande affermazione nel mercato mondiale i cosiddetti sistemi software ERP. Tali sistemi sono in grado

Dettagli

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403

MANUALE www.logisticity.it. Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 MANUALE www.logisticity.it Copryright 2015 - All rights reserved Email: info@logisticity.it - P.IVA 04183950403 INDICE Presentazione... pag. 02 Applicativo... pag. 03 Amministrazione...pag. 06 Licenza...pag.

Dettagli

A cura di.denis Celotti.. Installazione. Linguaggio specifico e primi passi con wordpress

A cura di.denis Celotti.. Installazione. Linguaggio specifico e primi passi con wordpress A cura di.denis Celotti.. 02/05/2012 Installazione Linguaggio specifico e primi passi con wordpress In breve Conoscere il significato di hosting, database, dominio e template Saper identificare e utilizzare

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma

Content Development e Open Source Pierluigi Boda Università La Sapienza di Roma Content Development e Open Source Università La Sapienza di Roma Contenuti: Cos è il content management Aspetti critici nello sviluppo dei CMS Opzioni tecnologiche per il CM Peculiarità dell opzione open

Dettagli

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk

Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione ICT Applicazione: OIL Online Interactive helpdesk Amministrazione: Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) Responsabile dei sistemi informativi

Dettagli

Presentazione DynDevice ICMS

Presentazione DynDevice ICMS DynDevice ICMS L innovativo Intranet Content Management System : la soluzione che permette di gestire in modo analitico l Intranet della propria organizzazione Presentazione DynDevice ICMS Cos è DynDevice

Dettagli

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0

PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO 147 6/001.0 PIANIFICAZIONE E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO ELEMENTI FONDAMENTALI PER LO SVILUPPO DI SISTEMI INFORMATIVI ELABORAZIONE DI

Dettagli

tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569

tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569 tesi di laurea CONFRONTO TRA SOLUZIONI COMMERCIALI PER LA REALIZZAZIONE Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Manganiello Felice Matr. 534/001569 CONFRONTO TRA SOLUZIONI

Dettagli

La modellazione tecnico produttiva: dall approccio modulare al configuratore

La modellazione tecnico produttiva: dall approccio modulare al configuratore M. Germani, M. Mengoni: Corso di Gestione documentale tecnica di prodotto La modellazione tecnico produttiva: dall approccio modulare al configuratore Per poter configurare tecnicamente il prodotto è necessario

Dettagli

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0

Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 tesi di laurea Realizzazione di interazioni sincrone e asincrone tra applicazioni Web 2.0 Anno Accademico 2008/2009 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana candidato Marco Coppola Matr. 534/002312 Obbiettivi

Dettagli

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE

INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE INTRODUZIONE: ALL INCLUSIVE è l insieme di servizi, strumenti e tecniche che rendono un sito web accessibile e ottimizzato per assicurare che venga rinvenuto nelle prime posizioni sui motori di ricerca.

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

29 Novembre 2012 Open Source: un opportunità per far evolvere l ICT nelle imprese

29 Novembre 2012 Open Source: un opportunità per far evolvere l ICT nelle imprese DEFINIZIONE Joomla è un software di content management (CMS) sviluppato in php per la realizzazione di siti Internet dinamici, è gratuito e rilasciato sotto licenza GPL v.2, per il suo utilizzo non sono

Dettagli

Novità di Visual Studio 2008

Novità di Visual Studio 2008 Guida al prodotto Novità di Visual Studio 2008 Introduzione al sistema di sviluppo di Visual Studio Visual Studio Team System 2008 Visual Studio Team System 2008 Team Foundation Server Visual Studio Team

Dettagli

DRUPAL 7 DRUPAL 7 Drupal è un framework modulare che consente di realizzare una grande varietà di siti web basati sulla logica contenuto/nodo. Permette di: creare e organizzare i contenuti personalizzare

Dettagli

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI

Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Oil & Gas Business Application Suite Intervento cofinanziato dall U.E. F.E.S.R. sul P.O. Regione Puglia 2007-2013 Asse I Linea 1.1 Aiuti agli investimenti in ricerca per le PMI Il progetto Il bando Nell

Dettagli

Internet: applicazioni e servizi web

Internet: applicazioni e servizi web Capitolo Quinto Internet: applicazioni e servizi web Sommario: 1. Le componenti tecnologiche (browser, web/application server). - 2. Realizzazione di pagine statiche e dinamiche. - 3. Linguaggi di marcatura

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea AUTENTICAZIONE PER APPLICAZIONI WEB Relatore

Dettagli

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen Consulenza di immagine commerciale Pagina web: davidcoen.altervista.org Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen, consulenza di immagine commerciale David Coen, Consulenza di immagine

Dettagli

Un approccio innovativo basato su tecnologie Open Source. White Paper

Un approccio innovativo basato su tecnologie Open Source. White Paper Soluzioni software di CRM "Customer Relationship Management" Gestione delle relazioni con i clienti, delle trattative commerciali e delle iniziative di marketing, Gestione delle attività di supporto post-vendita

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

CMS TEMPLATE. Web: soluzioni.

CMS TEMPLATE. Web: soluzioni. CMS TEMPLATE Web: soluzioni. CMS TEMPLATE Web: soluzioni. Wordpress WordPress è una piattaforma di personal publishing e content management system (CMS), scritta in PHP e che usa come database MySQL o

Dettagli

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1

Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Il mercato italiano Open Source: domanda e offerta 1 Oltre il 12% delle aziende italiane usa soluzioni Open Source.(Istat 2007). Sarebbero molte di più se ci fosse una sufficiente diffusione della conoscenza

Dettagli

Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo

Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo La tecnologia informatica e i nuovi paradigmi applicativi sono in continua evoluzione per dare risposta alle crescenti necessità del mercato con strumenti

Dettagli

Le TECNOLOGIE che rivoluzionano lo SVILUPPO di applicazioni Client Server e Web Browser

Le TECNOLOGIE che rivoluzionano lo SVILUPPO di applicazioni Client Server e Web Browser Software house EDP Manager Le TECNOLOGIE che rivoluzionano lo SVILUPPO di applicazioni Client Server e Web Browser CODEPAINTER Revolution SITEPAINTER Revolution SITEPAINTER Portal Studio CODEPAINTER Project

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi

Automazione di Test di Sistemi Embedded. Sintesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Dipartimento di Informatica Sistemistica e Comunicazione Corso di Laurea Magistrale in Informatica Automazione

Dettagli

Analisi dei dati e business intelligence. White Paper

Analisi dei dati e business intelligence. White Paper Analisi dei dati e business intelligence Analisi multidimensionale dei dati, cruscotti aziendali, datawarehousing, tecniche OLAP Un approccio innovativo basato su tecnologie Open Source White Paper 1.

Dettagli

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in

Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Manuale di riferimento di HP Web Jetadmin Database Connector Plug-in Informazioni sul copyright 2004 Copyright Hewlett-Packard Development Company, L.P. Sono vietati la riproduzione, l'adattamento e la

Dettagli

ACTIVITY TRACKING PER UNA MAGGIORE EFFICIENZA ALL INTERNO DELL IMPRESA

ACTIVITY TRACKING PER UNA MAGGIORE EFFICIENZA ALL INTERNO DELL IMPRESA ACTIVITY TRACKING PER UNA MAGGIORE EFFICIENZA ALL INTERNO DELL IMPRESA Activity Tracking è l applicazione ideata in Fiat Group Automobiles (FGA) e sviluppata da Cluster Reply per gestire la tracciabilità

Dettagli

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica)

1. Hard Real Time Linux (Laurea VO o specialistica) 20/9/06 Elenco Tesi Disponibili Applied Research & Technology Dept. La Società MBDA La MBDA Italia è un azienda leader nella realizzazione di sistemi di difesa che con i suoi prodotti è in grado di soddisfare

Dettagli

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale

gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale gestione documentale dalla dematerializzazione dei documenti alla digitalizzazione dei processi fino all azienda digitale Gestione documentale Gestione documentale Dalla dematerializzazione dei documenti

Dettagli

01KTF CV. Architetture distribuite per i sistemi infomativi aziendali. Presentazione del corso http://elite.polito.it/courses/01ktf.

01KTF CV. Architetture distribuite per i sistemi infomativi aziendali. Presentazione del corso http://elite.polito.it/courses/01ktf. 01KTF CV Architetture distribuite per i sistemi infomativi aziendali Presentazione del corso http://elite.polito.it/courses/01ktf Fulvio Corno Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Dettagli

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School

MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School MagiCum S.r.l. Progetto Inno-School Area Web Autore: Davide Revisione: 1.2 Data: 23/5/2013 Titolo: Innopedia File: Documentazione_tecnica Sito: http://inno-school.netsons.org/ Indice: 1. Presentazione

Dettagli

Applicare il Six Sigma. Un esempio

Applicare il Six Sigma. Un esempio Applicare il Six Sigma Un esempio Indice 1. Oggetto e Scenario 2. Obiettivi dell intervento 3. L approccio Festo Consulenza e Formazione 4. Struttura del progetto Oggetto e Scenario Il progetto in oggetto

Dettagli

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1

Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software. Project Proposal Versione 1.1 Università degli Studi di Salerno GPS: Gestione Progetti Software Project Proposal Versione 1.1 Data 27/03/2009 Project Manager: D Amato Angelo 0521000698 Partecipanti: Nome Andrea Cesaro Giuseppe Russo

Dettagli

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO

David Coen. Consulenza di immagine commerciale. Pagina web: davidcoen.altervista.org. Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen Consulenza di immagine commerciale Pagina web: davidcoen.altervista.org Pagina Facebook: David Coen FOTOGRAFO David Coen, consulenza di immagine commerciale 2 David Coen - Consulenza di immagine

Dettagli

Gestionale web. Completa autonomia del tuo sito. Un perfetto mix di tecnologia & creatività. Design la nostra passione

Gestionale web. Completa autonomia del tuo sito. Un perfetto mix di tecnologia & creatività. Design la nostra passione Agenzia creativa di design & comunicazione Gestionale web Completa autonomia del tuo sito Un perfetto mix di tecnologia & creatività Design la nostra passione Vivete l esperienza SITE con noi! A partire

Dettagli

Protocolli e architetture per WIS

Protocolli e architetture per WIS Protocolli e architetture per WIS Web Information Systems (WIS) Un Web Information System (WIS) usa le tecnologie Web per permettere la fruizione di informazioni e servizi Le architetture moderne dei WIS

Dettagli

Programma ELISA - Proposta progettuale

Programma ELISA - Proposta progettuale Macro descrizione del progetto Il progetto intende fornire alle amministrazioni locali gli strumenti per un ottimale governo dell erogazione dei servizi sui diversi canali e per la definizione di concrete

Dettagli

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server

FileMaker Pro 12. Guida di FileMaker Server FileMaker Pro 12 Guida di FileMaker Server 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker è un marchio di FileMaker,

Dettagli

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION

I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION I N F I N I T Y P R O J E C T SAFETY SOLUTION SAFETY SOLUTION I VANTAGGI GI Base dati unica ed integrata La base dati unica a tutti gli applicativi della suite HR Zucchetti è una caratteristica che nessun

Dettagli

Sito web parrocchiale: STRUMENTI E PROGRAMMI

Sito web parrocchiale: STRUMENTI E PROGRAMMI Sito web parrocchiale: STRUMENTI E PROGRAMMI tratteremo di... DIOCESI DI BRESCIA Linguaggi HTML,CSS Siti STATICI Siti DINAMICI e codice PHP CMS JOOMLA! Linguaggio HTML HTML: è il linguaggio con cui potete

Dettagli

Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente

Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente Copyright Andrea Giavara wppratico.com Modulo 6 Proviamo Wordpress gratuitamente 1. Wordpress.com una piattaforma gratuita per il blogging 2. Installare Wordpress in locale 3. Creare un sito gratis con

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale

tratteremo di... Definizione di Internet e Web Linguaggio HTML e Siti web Statici Siti web Dinamici e codice PHP Breve accenno ai CMS Server Locale LET S GO Progetto del corso Il web: introduzione ad Internet; i linguaggi digitali; siti statici e siti dinamici; i programmi CMS. Approfondimento di HTML e CSS. Web di qualità: tecniche di web writing;

Dettagli

Ingegneria dei Requisiti

Ingegneria dei Requisiti Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Ingegneria dei Requisiti E. TINELLI Contenuti I requisiti del software Documento dei requisiti I processi

Dettagli

MANUALE UTENTE GESTIONE SITO SVILUPPATO IN TYPO3

MANUALE UTENTE GESTIONE SITO SVILUPPATO IN TYPO3 Pag.1 di 23 MANUALE UTENTE GESTIONE SITO SVILUPPATO IN TYPO3 Pag.2 di 23 INDICE 1. Introduzione... 3 1.1. Premessa documento... 3 1.2. Caratteristiche Typo3... 3 1.3. Backend e Frontend... 3 1.4. Struttura

Dettagli

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista

DNNCenter. Installazione standard di DotNetNuke 5. per Windows Vista. Installazione Standard DotNetNuke 5 per Windows Vista DNNCenter Installazione standard di DotNetNuke 5 per Windows Vista Copyright OPSI Srl www.opsi.it Pag. 1 of 28 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1. Pre-requisiti... 3 2. DOWNLOAD DOTNETNUKE... 4 2.1. Download

Dettagli

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE

PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE PROTOTIPAZIONE DI UN TRADUTTORE DA SORGENTE PLC AD ASSEMBLY DI UNA MACCHINA VIRTUALE Relatore: prof. Michele Moro Laureando: Marco Beggio Corso di laurea in Ingegneria Informatica Anno Accademico 2006-2007

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro

Da Settembre 2010 Oggi. Go Project srl via Alessandria 88, Roma. Inail Istituto Nazionale Infortuni sul Lavoro F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Qualifica: INFORMAZIONI PERSONALI Nome Nazionalità italiana Data di nascita 08/10/1974 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Da Settembre

Dettagli

Gestione Automatizzata di un Parco Safari

Gestione Automatizzata di un Parco Safari Università degli studi di Modena e Reggio Emilia Facoltà di Ingegneria Informatica Tesina di Ingegneria del Software (Anno accademico 2001 2002) Gestione Automatizzata di un Parco Safari Notazione: UML

Dettagli

Ecm, intranet e company portal

Ecm, intranet e company portal Principali casi di successo in ambito documentale: Fater S.p.A. Personal Care Jupiter Finance S.p.A. Finanza Henkel S.p.A. Chimica Elsag Datamat S.p.A. ICT Gruppo Agenti SAI Assicurazioni Camst Soc. Coop.

Dettagli

TECHNOLOGY PLATFORM & DEVELOPMENT TOOLS

TECHNOLOGY PLATFORM & DEVELOPMENT TOOLS I N F I N I T Y Z U C C H E T T I TECHNOLOGY PLATFORM & DEVELOPMENT TOOLS & DEVELOPMENT TOOLS Piattaforma tecnologica e strumenti di sviluppo La tecnologia informatica e i nuovi paradigmi applicativi sono

Dettagli

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE 5 AL CAPITOLATO TECNICO Descrizione dei profili professionali INDICE 1 PROFILI PROFESSIONALI RICHIESTI 3 1.1 CAPO PROGETTO 3 1.2 ANALISTA FUNZIONALE 4 1.3 ANALISTA PROGRAMMATORE 5 1.4 PROGRAMMATORE

Dettagli

Linee guida per lo sviluppo di applicazioni web

Linee guida per lo sviluppo di applicazioni web Service and Documentation Centre for International Economic Cooperation Centro di Servizi e Documentazione per la Cooperazione Economica Internazionale www.informest.it Linee guida per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Prodotti. Introduzione. CMS: Content Management System: che cos'è, a cosa serve?

Prodotti. Introduzione. CMS: Content Management System: che cos'è, a cosa serve? Introduzione CMS: Content Management System: che cos'è, a cosa serve? Per riassumerne in poche righe la funzione dei CMS è sufficiente rifarsi alla traduzione letterale della definizione inglese: gestione

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Criteri fondamentali per un sistema CRM

Criteri fondamentali per un sistema CRM Criteri fondamentali per un sistema CRM Definizione di C.R.M. - Customer Relationship Management Le aziende di maggiore successo dimostrano abilità nell identificare, capire e soddisfare i bisogni e le

Dettagli

Made with php. Php e i CMS

Made with php. Php e i CMS Made with php Php e i CMS Php (Hypertext Preprocessor) Php è uno dei principali linguaggi server-side utilizzati per realizzare siti dinamici. Made with Php - Santarossa Marco 2 La storia di php [parte

Dettagli

Ministerial NEtwoRk for Valorising Activities in digitisation. Museo & Web CMS Una piattaforma open source per la gestione di siti web accessibili

Ministerial NEtwoRk for Valorising Activities in digitisation. Museo & Web CMS Una piattaforma open source per la gestione di siti web accessibili Ministerial NEtwoRk for Valorising Activities in digitisation Museo & Web CMS Una piattaforma open source per la gestione di siti web accessibili Il passo successivo: Museo & Web CMS Piattaforma opensource

Dettagli

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata

La piattaforma per la gestione elettronica documentale integrata Tutti noi prendiamo decisioni, facciamo valutazioni, pianifichiamo strategie basandoci sulle informazioni in nostro possesso. Il tempo è una risorsa preziosa, ottimizzarlo rappresenta un obiettivo prioritario.

Dettagli

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO?

PREMESSA. B2B vs B2C PERCHÉ B QUADRO? PREMESSA PERCHÉ B QUADRO? Se per alcuni aspetti c è una convergenza delle soluzioni di e-commerce B2B e B2C - come ad esempio l esperienza di utilizzo e la fruizione da dispositivi mobile - le finalità

Dettagli

SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO STUDIO DI FATTIBILITA

SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO STUDIO DI FATTIBILITA COMUNE DI VENEZIA Ministero delle Infrastrutture DIREZIONE SVILUPPO DEL TERRITORIO ED EDILIZIA SETTORE PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E SISTEMA INFORMATIVO GEOGRAFICO DIPARTIMENTO PER LA PROGRAMMAZIONE ED

Dettagli

CICLADI. Gestione delle dosature e della produzione. per il settore della gomma e delle mescole

CICLADI. Gestione delle dosature e della produzione. per il settore della gomma e delle mescole Come disporre di un sistema gestionale costantemente aggiornato con le informazioni provenienti dal processo produttivo? La risposta è in un sistema MES CICLADI Gestione delle dosature e della produzione

Dettagli

APPENDICE B Le Active Server Page

APPENDICE B Le Active Server Page APPENDICE B Le Active Server Page B.1 Introduzione ad ASP La programmazione web è nata con la Common Gateway Interface. L interfaccia CGI tuttavia presenta dei limiti: ad esempio anche per semplici elaborazioni

Dettagli