COME CAMBIANO LE NOSTRE PENSIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COME CAMBIANO LE NOSTRE PENSIONI"

Transcript

1 COME CAMBIANO LE NOSTRE PENSIONI Con la legge 247/2007 è stata varata, insieme ad alcune misure sul Welfare e il mercato del lavoro, l ennesima riforma delle pensioni(la quinta negli ultimi 15 anni). Ed a tenere banco, nelle misure di riforma, sono le pensioni di anzianità. L età minima non passerà in un colpo solo da 57 a 60 anni, come previsto dalla riforma Maroni ed al posto del famoso scalone ci saranno degli scalini,vale a dire aumenti graduali dell età attenuati per coloro che hanno versato almeno 36 anni di contributi.resta la possibilità, inoltre, per chi ha alle spalle 40 anni di contributi, di mettersi in pensione a qualsiasi età. Per quanto riguarda i lavoratori usuranti, invece, la questione sul recupero temporale sembra sbloccarsi visto che in futuro potranno contare su uno scivolo di tre anni. Notizie meno buone si profilano, invece, per i pensionati di vecchiaia.l assegno non spetterà più dal mese successivo al compimento dell età, ma in corrispondenza di determinate finestre come avviene per le pensioni di anzianità. Facilitazioni per il riscatto della laurea e il cumulo dei contributi sono alcune delle agevolazioni indirizzate ai giovani con l obiettivo, evidente, di rendere in futuro più consistenti le pensioni calcolate con il sistema contributivo considerato che, con i rendimenti attuali, penalizza pesantemente soprattutto i lavoratori autonomi e i parasubordinati. SUPERATO LO SCALONE, ARRIVANO SCALINI E QUOTE Dal 2008 bisogna lavorare un anno in più per ottenere la pensione di anzianità con 35 anni di contributi.l età minima è stata portata, infatti, da 57 a 58 anni per salire ancora negli anni successivi fino ad arrivare nel 2013 a 62 anni per i dipendenti e a 63 anni per gli autonomi. Le uscite intermedie avverranno con un meccanismo incentrato su scalini, vale a dire: aumenti dell età dai quali non si potrà prescindere e quote date dalla somma dell età anagrafica e dell anzianità assicurativa maturata. Sono queste le proposte presentate dal Governo per superare lo scalone della riforma Maroni che, dal 1 gennaio prossimo, prevede un passaggio immediato da 57 a 60 anni dell età minima per la pensione di anzianità. Anche con le nuove regole si andrà, quindi, in pensione più tardi e, a partire dal 2013 in poi, la pensione di anzianità anticiperà di pochissimo quella di vecchiaia per via dello slittamento della decorrenza dovuto alla riduzione da quattro a due delle uscite annuali. 1

2 La pensione di anzianità si potrà definire davvero tale soltanto per coloro che, avendo alle spalle 40 anni di contributi,potranno lasciare ancora il lavoro a qualsiasi età. Ma detto questo vediamo più nei particolari come si snoda per le diverse categorie il nuovo percorso verso il ritiro anticipato. LAVORATORI DIPENDENTI Dal 1 gennaio è in funzione il primo scalino, per cui si potrà dire addio al lavoro se si possono far valere 58 anni di età e 35 di versamenti. Dopo una pausa di 18 mesi, con il 1 luglio 2009, arriva il secondo scalino che porta l età minima a 59 anni.attenzione, però, a questo punto per avere il via libera sono necessari almeno 36 anni di contributi (Quota 95); mentre dovrà lavorare fino a 60 anni chi ha solo 35 anni di contributi. La situazione cambia di nuovo nel biennio : l età minima salirà a 60 anni, ma anche in questo caso per l uscita sono richiesti almeno 36 anni di contributi (quota 96). Il ritiro con 35 anni di contributi è consentito solo dopo il compimento del 61 anno di età. L ultima tappa, invece, ha come stazione di partenza il 1 gennaio Da questa data in poi l età minima viene portata a 61anni, per coloro che hanno almeno 36 anni di contributi, mentre chi ha versato per 35 anni deve attendere fino al 62 anno di età. Complessivamente, si prevede che nell arco di 5 anni ci saranno circa 100 mila pensionamenti anticipati in più rispetto a quelli che si sarebbero avuti se fosse rimasto lo scalone.a trarne vantaggio saranno, soprattutto, coloro che maturano il diritto con 35 annii di contributi entro il primo semestre del 2009, in quanto possono uscire dal lavoro due anni prima (a 58 anni anzichè a 60 anni ) rispetto all età minima fissata dalla riforma Maroni.L anticipo è ridotto a 12 mesi nel 2010 e praticamente si annulla a partire dal LAVORATORI AUTONOMI Le stesse regole valgono anche per i lavoratori autonomi,per i quali scalini e quote sono aumentati di un anno, rispetto a quelli previsti per i lavoratori dipendenti.una soluzione scontata visto che, anche con la normativa attuale, artigiani, commercianti e coltivatori diretti maturano più tardi il requisito per la pensione di anzianità. 2

3 L età minima con 35 anni di contributi salirà da 58 a 59 anni, dal 1 gennaio 2008 al 30 giugno 2009, dopodichè entrano in funzione scalini e quote per cui, dal 1 luglio 2009, si potrà andare in pensione a 60 anni con 36 anni di contributi (quota 96), oppure a 61 anni con soli 35 anni di versamenti. Nel biennio scatta un altro scalino,abbinato a quota 97, per cui ci vorranno 61 anni di età ed almeno 36 anni di contributi. Dal 2013 l ultima tappa :l età minima, da combinare con 36 anni di versamenti salirà a 62 anni (quota 98). Con le nuove regole anche i lavoratori autonomi avranno dei vantaggi in quanto, fino al 30 giugno 2009, potranno mettersi in pensione a 59 anni, rispetto ai 61 anni previsti dalla riforma Maroni. FINESTRE A DOPPIO BINARIO Il disegno di legge presentato dal governo rivede anche il calendario delle finestre, con un regime differenziato per le diverse categorie. a) Lavoratori dipendenti Chi matura il diritto dal 2008 in poi con meno di 40 anni di contributi avrà a disposizione due uscite nel corso dell anno. A seconda che i requisiti, contributivi e anagrafici, vengano raggiunti nel primo o secondo semestre, potranno lasciare il lavoro rispettivamente dal 1 gennaio o dal 1 luglio dell anno successivo. Ovviamente l attesa per il primo assegno non sarà uguale per tutti: saranno infatti penalizzati coloro che raggiungono il diritto all inizio del semestre ed agevolati quanti lo perfezionano verso la fine. Potranno usufruire invece ancora di quattro finestre annuali coloro che maturano il diritto con 40 anni di contributi. Le finestre di luglio e ottobre si aprono per chi matura, rispettivamente, i requisiti entro il primo o secondo trimestre dell anno e sono legate ad un età minima di 57 anni.uno sbarramento che viene meno per le uscite successive di gennaio e aprile, alle quali possono accedere coloro che maturano i requisiti nel corso del terzo e quarto trimestre dell anno precedente. b)lavoratori autonomi Dal 2008 anche artigiani, commercianti e coltivatori diretti potranno contare solo su due uscite annuali ma con effetti che saranno più penalizzanti rispetto a quelli 3

4 previsti per i dipendenti.a seconda che il diritto venga perfezionato nel primo o secondo semestre dell anno,potranno mettersi in pensione rispettivamente dal 1 luglio dell anno successivo ovvero dal 1 gennaio del secondo anno successivo. L attesa minima passerà pertanto da 6 a 12 mesi, mentre quella massima salirà da 9 a 18 mesi. La situazione è diversa per chi può far valere 40 anni di contributi, in quanto potrà usufruire delle quattro finestre previste oggi per coloro che maturano i requisiti entro il Potrà mettersi in pensione, dal 1 ottobre, dal 1 gennaio, dal 1 aprile, dal 1 luglio dell anno successivo a seconda che il requisito venga maturato, rispettivamente, nel primo,secondo, terzo o quarto trimestre dell anno. Al nuovo regime delle finestre non sarà soggetto il personale della scuola. E non poteva essere altrimenti, visto che con la normativa attuale le uscite sono concentrate in un unica finestra nel corso dell anno. Anche in futuro pertanto gli insegnanti e gli altri operatori del settore continueranno ad andare in pensione dall inizio dell anno scolastico (1 settembre ) o dell anno accademico (1 novembre ). I requisiti di età e di contribuzione si considerano perfezionati se raggiunti entro il 31 dicembre dello stesso anno in cui avviene il pensionamento. CHI RESTA CON LE VECCHIE REGOLE-BOX La nuova riforma riserva un occhio di riguardo a coloro che sono stati costretti ad un interruzione dell attività prima di aver raggiunto il diritto a pensione. Il trattamento anticipato potrà essere ottenuto ancora a 57 anni, con 35 anni di contributi, da coloro che se sono stati autorizzati ai versamenti volontari entro il 20 luglio Dello stesso trattamento potranno beneficiare, inoltre, i lavoratori (fino ad un massimo di 5000 unità ) collocati in mobilità sulla base di accordi sindacali stipulati prima del 15 luglio Per ora i militari e gli appartenenti alle forze dell ordine conservano il regime speciale previsto dal decreto legislativo 195 /95, ma in futuro il governo non esclude ritocchi all età minima.entro 12 mesi dall entrata in vigore della nuova legge dovrebbe essere emanato un decreto sulla base di criteri che terranno conto, per le singole categorie, delle particolari caratteristiche di usura dell attività svolta. 4

5 L ANZIANITA DAL 2008 IN POI A)Lavoratori dipendenti Anno di Requisiti di età pensionamento e di contribuzione Quota Quota Quota B)Lavoratori autonomi Anno di Requisiti di età pensionamento e di contribuzione Quota Quota

6 Quota Potrà andare in pensione a qualsiasi età chi ha raggiunto 40 anni di contributi. IL NUOVO CALENDARIO DELLE USCITE (Pensioni di anzianità maturate dal 2008 in poi ) LAVORATORI DIPENDENTI A)Con meno di 40 anni di contributi Requisiti maturati Decorrenza della pensione Entro 31marzo 1 gennaio anno successivo* 30 giugno 1 gennaio anno successivo* 30 settembre 1 luglio anno successivo 31 dicembre 1 luglio anno successivo B)Con almeno 40 anni di contributi Requisiti maturati Decorrenza della pensione Entro i marzo 1 luglio stesso anno* 30 giugno 1 ottobre stesso anno* 30 settembre 1 gennaio anno successivo 31 dicembre 1 aprile anno successivo Per le uscite con tali decorrenze si richiede il compimento del 57 anno di età 6

7 LAVORATORI AUTONOMI A)Con meno di 40 anni di contributi Requisiti maturati Decorrenza della pensione Entro marzo 1 luglio anno successivo 30 giugno 1 luglio anno successivo 30 settembre 1 gennaio secondo anno successivo 31 dicembre 1 luglio secondo anno successivo B)Con almeno 40 anni di contributi Requisiti maturati Decorrenza della pensione Entro marzo 1 ottobre stesso anno 30 giugno 1 gennaio anno successivo 30 settembre 1 aprile anno successivo 31 dicembre 1 luglio anno successivo 7

8 PENALIZZATE LE DONNE-BOX Nel periodo 1 gennaio giugno 2009 possono trarre vantaggio dalle nuove regole anche le donne, visto che successivamente per effetto della riduzione delle finestre, l uscita con la pensione di anzianità si colloca praticamente dopo quella per la pensione di vecchiaia. Chi vuole lasciare prima il lavoro ha ancora come alternativa l uscita con la particolare forma di pensione contributiva, prevista dalla riforma Maroni del 2004 e confermata dal disegno di legge.sono richiesti, insieme ai canonici 35 anni di versamenti, almeno 57 anni di età per le dipendenti e 58 anni per le autonome. Ma la soluzione si presenta tutt altro che appetibile. Il ritiro anticipato di tre anni (ridotti a 2 se autonome ) sarebbe pagato a caro prezzo L assegno calcolato con un il sistema contributivo,in base alle regole stabilite dal decreto legislativo 180/97, sarebbe più basso mediamente del 20/25% rispetto a quello maturato con il sistema retributivo. Senza contare poi che, aspettando altri 3 anni (due se autonome ), le donne non solo avrebbero una pensione più elevata ma se continuano a lavorare, sia come dipendenti che come autonome, potranno cumulare tutto l assegno con il reddito da lavoro. ANZIANITA ANTICIPATA PER I LAVORI USURANTI Con la nuova riforma si risolve anche l annosa questione dei lavori usuranti dei quali sarà disegnata una nuova mappa che avrà come base la tabella Salvi del 99. Un elenco stilato dal ministro del lavoro dell epoca, che comprende alcune mansioni particolarmente pesanti come i lavori in galleria, cava e miniera, attività svolte ad alte temperature o in spazi ristretti, palombari,ecc. Ad essi si aggiungeranno, secondo criteri che saranno definiti da uno o più decreti delegati da emanare entro sei mesi dall approvazione della legge di riforma, i lavoratori notturni, gli addetti alla catena di montaggio, alle lavorazioni in serie dell industria e i conducenti di mezzi pubblici pesanti. Le agevolazioni previste dalla normativa vigente, rimaste finora praticamente sulla carta, precedono anzitutto una riduzione dell età minima per la pensione di anzianità e di vecchiaia. Per ogni anno di attività in mansioni particolarmente gravose il lavoratore ha diritto ad uno sconto di due mesi, fino ad un massimo di cinque anni. 8

9 La riduzione si può far valere però dall ottobre 1993 in poi,dal momento cioè in cui con il decreto 374/93 è stata introdotta per la prima volta la disciplina dei lavori usuranti. Per coloro che in futuro avranno una pensione liquidata con il sistema contributivo è previsto l'anticipo fino ad un anno dell'età minima prevista o un conteggio più favorevole, che fa scattare un importo maggiorato rispetto a quello riconosciuto ad un altro lavoratore che ha versato gli stessi contributi ma non è addetto a lavori usuranti. Con le nuove norme tali benefici sono sostituiti da uno sconto di tre anni sull età minima per la pensione di anzianità, fermo restando il limite dei 57 anni al di sotto del quale non si potrà scendere. Il ritiro anticipato è subordinato, inoltre, allo svolgimento di un attività usurante di almeno 7 anni negli ultimi 10 durante il periodo transitorio ( ) ovvero per almeno la metà del periodo di lavoro complessivo successivamente. Ai nuovi benefici sono interessati, potenzialmente, circa un milione di lavoratori per i quali il governo mette a disposizione 2, 9 miliardi di euro da utilizzare nell arco di un decennio ( ): i decreti di attuazione dovranno stabilire la documentazione di data certa da cui risultino i requisiti soggettivi e oggettivi con riferimento alle dimensione aziendale per usufruire di benefici.per evitare che vi siano degli abusi è previsto anche il ricorso a visite ispettive per accertare che effettivamente i lavoratori siano addetti effettivamente alle attività di particolare usura individuate dalle nuove norme. LA NUOVA MAPPA DEI LAVORI USURANTI DECRETO SALVI - Lavori in galleria.cava o miniera;mansioni svolte in sotterraneo con carattere di prevalenza e continuità; - Lavori nelle cave :mansioni svolte dagli addetti alle cave di materiale di pietra e ornamentale ; - Lavori in galleria con mansioni di addetto al fronte di avanzamento con carattere di prevalenza e continuità; - Lavori in cassoni ad aria compressa; - Lavori svolti dai palombari; - Lavori espletati direttamente dal lavoratore in spazi ristretti all'interno di condotti,di cunicoli di servizio,di pozzi.di fognature,di serbatoi,di caldaie 9

10 - Lavorazione del vetro cavo :mansioni di soffiatori nell'industria del vetro cavo eseguito a mano e a soffio - Lavori ad alte temperature,quando non sia possibile adottare misure di prevenzione,quali a titolo esemplificativo,quelle di addetti a fonderie di 2 classe,refrattaristi e addetti alla colata manuale; - Lavori di asportazione dell'amianto con mansioni svolte con carattere di prevalenza e continuità NUOVA RIFORMA PRODI - Lavoratori notturni - Lavoratori addetti a linea catena individuati sulla base di questi tre criteri : a)lavoratori dell industria addetti alle lavorazioni in serie ; b)lavoratori vincolati all osservanza di un determinato ritmo produttivo collegato a lavorazioni o a misurazione di tempi di produzione con mansioni organizzate in sequenza di postazioni, c)lavoratori che ripetono costantemente lo stesso ciclo lavorativo su parti staccate di un prodotto finale, che si spostano a flusso continuo o a scatti con cadenze brevi determinate dall organizzazione del lavoro o della tecnologia.sono esclusi gli addetti a lavorazioni collaterali a linee di produzione alla manutenzione, al rifornimento di materiali e al controllo di qualità. - conducenti di mezzi pubblici pesanti LISTA DI ATTESA ANCHE PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA La legge 247/2007 riserva un amara sorpresa a coloro che, in futuro, lasceranno il lavoro con la pensione di vecchiaia. A partire dal 2008 l assegno non verrà più pagato dal mese successivo al compimento dell età (65 anni per gli uomini, 60 per le donne ) ma in corrispondenza di determinate finestre come avviene per le pensioni di anzianità. Si realizza così indirettamente un aumento dell età pensionabile di cui risentiranno maggiormente le categorie del lavoro autonomo, per le quali le finestre comportano uno slittamento da 6 a 9 mesi nella decorrenza dell assegno. 10

11 REQUISITO CONTRIBUTIVO Non cambia invece il requisito contributivo minimo.per acquisire il diritto nel sistema retributivo o misto,nel quale rientrano coloro che hanno versato prima del 96,ci vogliono almeno 20 anni di versamenti. Ma ne possono bastare anche 15 se: - sono stati maturati entro il 31 dicembre 1992 ; - è stata rilasciata l autorizzazione ai versamenti volontari entro la stessa data ; - si possono far valere 25 anni di assicurazione di cui almeno 10 in attività saltuarie, intese per tali quelle che nei singoli anni hanno dato luogo ad un accredito inferiore alle 52 settimane. A partire dal 2008 non ci saranno, inoltre, più differenze per quanto riguarda l età con coloro che avendo cominciato a versare dal 1996 in poi rientrano nel sistema contributivo.mentre resta la differenza per il requisito minimo, raggiungibile con soli 5 anni di contributi. Attenzione, però, per avere la pensione prima dei 65 anni uomini e donne devono aver maturato con i contributi versati una pensione non inferiore all assegno sociale, maggiorato del 20%(475 euro nel 2008). Sia nel sistema retributivo, o misto, che in quello contributivo,per avere la pensione di vecchiaia i lavoratori dipendenti devono lasciare il posto di lavoro. USCITA CON FINESTRE A partire dal 2008 i pensionati di vecchiaia non percepiranno più l assegno dal mese successivo al compimento dell età. La decorrenza sarà legata, come avviene per le pensioni di anzianità, all apertura di determinate finestre. Nel corso dell anno ce ne saranno quattro alle stesse scadenze previste per il pensionamento anticipato con almeno 40 anni di contributi Ciò significa che, dopo il compimento dell età, i lavoratori dipendenti riceveranno il primo assegno con qualche mese di anticipo rispetto agli autonomi. Qualche esempio potrà chiarire meglio le differenze tra le due categorie.un dipendente privato che compie 65 anni entro il primo trimestre del 2008 potrà mettersi effettivamente in pensione dal 1 luglio, mentre una lavoratore autonomo dovrà aspettare il 1 ottobre.lo stesso discorso vale a parità di condizioni anche per le donne. A risentire gli effetti del ritardato pensionamento, dovuto all introduzione delle finestre, saranno soprattutto coloro (per la stragrande 11

12 maggioranza donne )che avendo acquisito il diritto con i versamenti volontari sono in attesa del compimento dell età per incassare finalmente il primo assegno. Lo slittamento della decorrenza per il pensionamento di vecchiaia non riguarderà il personale della scuola. Continueranno,infatti, ad andare in pensione dall inizio dell anno scolastico(1 settembre )o dell anno accademico(1 novembre ). I requisiti di età e di contribuzione si considerano perfezionati se raggiunti entro il 31 dicembre dello stesso anno in cui avviene il pensionamento. IL CALENDARIO DELLE FINESTRE (Pensioni di vecchiaia maturate dal 2008 in poi ) LAVORATORI DIPENDENTI Requisiti di età Decorrenza della pensione E contribuzione Maturati entro marzo 1 luglio stesso anno 30 giugno 1 ottobre stesso anno 30 settembre 1 gennaio anno successivo 31 dicembre 1 aprile anno successivo LAVORATORI AUTONOMI Requisiti di età Decorrenza della pensione E contribuzione Maturati entro marzo 1 ottobre stesso anno 30 giugno 1 gennaio anno successivo 30 settembre 1 aprile anno successivo 31 dicembre 1 luglio anno successivo 12

13 ETA PIU BASSA PER INVALIDI E NON VEDENTI La legge 247/2007 non modifica il regime agevolato previsto dalla normativa attuale per alcune categorie svantaggiate. Lavoratori invalidi Chi viene riconosciuto invalido dall Inps almeno all 80% può lasciare il lavoro con 5 anni di anticipo, vale a dire a 60 anni se uomini e a 55 se donne. Lavoratori non vedenti Con la legge 113/1985 ai centralinisti ciechi è stata riconosciuta una maggiorazione dell anzianità contributiva di quattro mesi per ogni anno di lavoro. Successivamente, con la legge 120/91, tale beneficio è stato esteso,a prescindere dalle mansioni svolte, a tutti i dipendenti delle aziende pubbliche e private,che risultino colpiti da cecità assoluta o con capacità visiva ridotta non superiore ad un decimo in entrambi gli occhi. Attenzione, però,il bonus di quattro mesi viene accordato solo per i periodi di lavoro in cui l interessato era nelle condizioni di cecità.dal calcolo della maggiorazione sono esclusi inoltre gli anni coperti da contributi volontari, figurativi e da riscatti. La maggiorazione di quattro mesi vale sia per il diritto che per la misura della pensione e viene riconosciuta solo se l interessato presenta all ente previdenziale di appartenenza (Inps,Inpdap,ecc) un apposita domanda con la documentazione da cui risulta il grado di cecità da cui è stato colpito. I non vedenti possono usufruire, in aggiunta alla maggiorazione di 4 mesi per ogni anno di lavoro, di un anticipo dell età per la pensione di vecchiaia. La legge 218/ 1952 riconosce ai lavoratori ciechi dalla nascita o in epoca anteriore all inizio dell assicurazione il diritto alla pensione a partire dal 55 anno di età se uomini e dal 50 se donne, con soli 10 anni di contributi. Per i lavoratori autonomi (artigiani, commercianti e coltivatori diretti )i limiti di età sono rispettivamente di 60 anni per gli uomini e di 55 anni per le donne. Possono avvalersi del beneficio anche coloro che sono rimasti ciechi dopo l inizio dell attività lavorativa ma in questo caso i 10 anni si cominciano a contare dal primo contributo versato dopo l insorgenza della cecità. Per i non vedenti che non rientrano nelle situazioni sopra indicate, restano le vecchie età di pensione (60 anni per gli uomini,55 per le donne)in vigore prima della riforma Amato del 92. Lo stesso discorso vale per i requisiti :la pensione di vecchiaia si ottiene con 15 anni di contributi,cinque in meno rispetto ai 20 richiesti alla generalità dei lavoratori. 13

14 PIU FACILE PER I GIOVANI IL RISCATTO DELLA LAUREA D ora in poi per i giovani sarà più facile, e anche più conveniente, recuperare per la pensione gli anni dell università. Certo le condizioni non sono quelle di un tempo, quando il riscatto della laurea era un operazione alla portata di tutti.il costo era più che abbordabile e il ritorno in termini di pensione garantito soprattutto per chi con l incremento di anzianità assicurativa poteva arrivare al traguardo della pensione con qualche anno di anticipo. Negli ultimi anni l appeal nei confronti del riscatto laurea è nettamente calato, in particolare tra i giovani, scoraggiati dall alto costo e dal fatto che in base alla normativa vigente gli anni di studio,a differenza di quanto avviene nel sistema retributivo e nel misto, non sono utilizzabili per il pensionamento anticipato nemmeno con 40 anni di contributi. Ora si profila, però, un inversione di marcia, grazie ad un pacchetto di agevolazioni che si presenta molto interessante per chi vuole valorizzare per la pensione gli anni di studio. GIOVANI DISOCCUPATI Ci sarà, intanto, la possibilità (oggi non prevista ) di presentare la richiesta anche nel periodo che precede l inizio dell attività lavorativa o nei periodi di inattività tra un occupazione e l altra. Il contributo versato sarà temporaneamente accantonato, in un apposita evidenza contabile, per essere poi trasferito, maggiorato degli incrementi derivanti dalla rivalutazione del montante, al fondo dove l interessato risulterà iscritto. In questo caso l onere sarà determinato con criteri che saranno uguali per tutti. Per ogni anno di studio si dovrà pagare l importo derivante dall applicazione dell aliquota di rendimento (33%) al minimale imponibile per artigiani e commercianti ( euro nel 2008 ). Di conseguenza per riscattare un anno di studi sono necessari euro. GIOVANI IN ATTIVITA Le regole per il calcolo dell onere del riscatto non cambiano per coloro che al momento della richiesta svolgono un attività di lavoro, dipendente, autonomo o parasubordinato. Per i periodi di studio collocati dal 1996 in poi, la somma dovuta all ente di previdenza Si calcola applicando allo stipendio annuo lordo l aliquota contributiva vigente 14

15 nel settore di attività(33% per i dipendenti). Si ricava così il costo per riscattare un anno che moltiplicato, a sua volta, per gli anni del corso legale darà l importo complessivo da versare. Come si può vedere dagli esempi riportati nella tabella il costo varia in relazione all aliquota contributiva.a parità di reddito i lavoratori autonomi e i parasubordonati pagano meno.va detto però che con il sistema contributivo questo è un vantaggio fino ad un certo punto, perché sarà poi più basso il montante su cui si andrà a calcolare la pensione. Per quanto riguarda il calcolo dell onere, è il caso di precisare che nulla cambia per coloro che rientrano nel sistema di calcolo retributivo misto, in quanto si continuerà ad applicare il sistema della riserva matematica sulla base di tabelle allegate ad un decreto ministeriale del Questa somma sarà utilizzata dall ente per coprire l incremento di pensione che scaturisce dal riscatto. L onere che il lavoratore deve sostenere dipende da vari elementi tra cui il sesso (le donne pagano di più perché vanno in pensiono e prima ), l età e la retribuzione al momento della domanda. PAGAMENTO IN 10 ANNI Per i giovani intenzionati a portare nella pensione i periodi di studio i vantaggi, previsti dalle nuove norme, verranno più che dalla riduzione dei costi dalle facilitazioni di pagamenti. La somma dovuta all ente di previdenza potrà essere versata nell arco di 10 anni(120 rate mensili ) senza aggravio di interessi. E non è questa cosa di poco conto se si considera che oggi l Inps concede al massimo 60 rate mensili maggiorate di interessi al tasso legale. Il disegno di legge stabilisce che della maxi rateazione senza interessi potranno usufruire anche i lavoratori che rientrano nel sistema retributivo o misto per le domande presentate dal 1 gennaio 2008 in poi. Non sono da sottovalutare infine i benefici fiscali.a quello già previsto dalle norme vigenti che consente di dedurre dal reddito imponibile l intero onere, se ne aggiunge un altro sotto forma di detrazione di imposta.di questa potranno usufruire, nella misura del 19%, i familiari (es coniuge, genitori,ecc) di cui l interessato risulta fiscalmente a carico. PENSIONE ANTICIPATA Attualmente per i giovani che rientrano nel sistema contributivo i periodi di studio non sono considerati utili per raggiungere il diritto alla pensione di anzianità, nemmeno se possono far valere 40 anni e più di versamenti. 15

16 Le nuove regole rimuovono questa ingiusta limitazione e considerano gli anni del riscatto laurea validi per qualsiasi forma di pensionamento, come avviene per i lavoratori più anziani che sono nel sistema retributivo o misto. All atto pratico il vantaggio sarà rilevante soprattutto per coloro che, avendo iniziato l attività molto presto, matureranno il diritto con 40 anni di contributi prima del limite previsto ( 62 anni dal 2013 ) per la pensione con 35 anni di contributi. I TITOLI AMMESSI PER IL RISCATTO - Box Le novità introdotte negli ultimi anni nei percorsi universitari hanno notevolmente ampliato le possibilità di riscatto. Ora si possono recuperare per la pensione gli anni di studio per i quali è stato conseguito uno dei seguenti titoli : -diploma universitario o laurea breve di durata non inferiore a 2 anni e non superiore a 3; -diploma di laurea o laurea specialistica di durata non inferiore a 4 anni e non superiore a 6; -diploma di specializzazione di durata non inferiore a 2 anni. dottorato di ricerca di durata variabile - le lauree conseguite all estero sono considerate valide solo se hanno valore legale in Italia. Possono formare inoltre oggetto di riscatto alcuni diplomi rilasciati da istituti universitari come il diploma Isef, il diploma di assistente sociale e quelli di tecnico di audiometria,fonologopedia e audioprotesi. Il riscatto può essere chiesto in qualsiasi momento e può riguardare anche solo una parte del corso legale di studi (un anno,due anni,ecc). Una facilitazione quest ultima che fa scendere notevolemente il costo quando l interessato non ha bisogno di tutto il periodo per raggiungere un determinato risultato(es. 35 anni di contributi per la pensione di anzianità). VANTAGGI ANCHE PER I LAVORATORI PIU ANZIANI-BOX Il riscatto sarà più vantaggioso anche per i lavoratori più anziani che rientrano nel sistema retributivo o misto.sono state infatti uniformate le regole previste dai diversi enti in materia di pagamento per consentire anche a costoro di beneficiare della dilazione a lungo termine articolata in 120 rate mensili senza interessi. Non sono previste invece novità per il costo che continuerà ad essere determinato applicando le tabelle sul calcolo della riserva matematica. Per costoro, comunque, più che per i più giovani, il riscatto della laurea è quasi sempre un buon investimento. 16

17 Vediamo perché: Sistema retributivo I benefici derivanti dal riscatto laurea si fanno sentire soprattutto se questo è finalizzato al raggiungimento dei seguenti obiettivi. a) Uscita anticipata con la pensione di anzianità.ciò vale a maggior ragione per coloro che entro fino al 30 giugno o 2009 maturano i requisiti per l uscita anticipata prima del 60 anno di età o anche prima se, grazie al riscatto, possono far valere almeno 40 anni di contributi b) Raggiungimento della soglia minima ii 18 anni di contributi al 31 dicembre del 1995 che permette al lavoratore di avere una pensione interamente retributiva.ciò è possibile a condizione che il corso di laurea si collochi entro il Ovviamente gli anni riscattati incrementano per tutti anche l importo della pensione con maggiori vantaggi per i dipendenti pubblici se il corso di laurea si colloca entro il 31 dicembre In questo caso, infatti a quota di pensione per l anzianità maturata fino a tale data verrà calcolata sulla base dell ultimo stipendio. Sistema misto Rientrano nel sistema misto coloro che avevano meno di 18 anni di contributi al31 dicembre 95. Gli anni della laurea sono pienamente utilizzabili sia per incrementare l importo della pensione sia per acquisire il diritto all uscita anticipato con il trattamento di anzianità. Chi rientra nel sistema misto,anche se avrà una pensione in parte retributiva e in parte contributiva rispettivamente per l anzianità maturata prima e dopo il 1996,va in pensione con gli stessi requisiti previsti per il sistema retributivo. Considerato però il previsto innalzamento dell età minima,che la nuova riforma porta a 62 anni dal 2013 per coloro che hanno 35 anni di contributi,anche in questo caso il vantaggio del riscatto si farà sentire soprattutto per coloro che avendo cominciato a lavorare molto presto possono lasciare il lavoro prima di tale età con 40 anni di contributi. Il costo Per coloro che rientrano nel sistema retributivo o misto e con un corso di studi che si colloca entro il 1996 la somma da versare all ente di previdenza viene 17

18 determinata applicando il criterio della riserva matematica.ciò significa in altri termini che all assicurato sarà chiesto un importo in grado di coprire l incremento di pensione derivante dagli anni riscattati. Il conteggio si basa su dei coefficienti di capitalizzazione che tengono conto del sesso, dell età e della retribuzione del richiedente al momento della domanda. Sergio D Onofrio 18

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

Le pensioni: quali novità?

Le pensioni: quali novità? Le pensioni: quali novità? di Giovanni Muttillo, Francesco Fanari e Laura Aletto Riportiamo di seguito una selezione di informazioni dalla pubblicazione di Domenico Comegna Come cambiano le pensioni guida

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA

ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA ARROTONDAMENTO DELL ANZIANITA PENSIONISTICA Fino al 31/12/97 l arrotondamento veniva fatto ai sensi del comma 2 dell art. 40 del DPR 1092/73 (vedi allegato 1). L anzianità complessiva era arrotondata in

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012

GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 GUIDA LE NUOVE PENSIONI DAL 2012 (Aggiornata con le novità contenute nella Legge 24 febbraio 2012, n. 14 recante Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Per il Fondo Mario Negri, dopo

Per il Fondo Mario Negri, dopo FONDO MARIO NEGRI/1 Cambia il sistem delfondo M Alessandro Baldi 6 Per il Fondo Mario Negri, dopo un lungo e ponderato studio avviato dal proprio Consiglio di gestione con il concorso di esperti qualificati,

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP)

Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Una nuova riforma?...no, meglio applicare quella già approvata Elsa Fornero (Università di Torino e CeRP) Che il sistema previdenziale italiano sia un cantiere sempre aperto testimonia la profonda discrasia

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0

DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA. EDIZIONE Novembre 2010 1.0 DIREZIONE REGIONALE PIEMONTE VALLE D AOSTA MODELLO PA04 EDIZIONE AGGIORNATA AL TRIENNIO 2010 2012 SEMPLIFICATO PER LE SCUOLE EDIZIONE Novembre 2010 1.0 1 COMPILAZIONE MOD. PA04 SEMPLIFICATO INDICAZIONI

Dettagli

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare

GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare GUIDA ALLE PENSIONI Per le lavoratrici agricole e del settore agroalimentare Cara lavoratrice, negli ultimi due anni il sistema pensionistico italiano ha subìto pesanti interventi che hanno modificato,

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi

La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge Fornero e la tutela dei lavoratori sospesi o cessati dal rapporto di lavoro. Antonino Sgroi Andrea Rossi La legge n. 92 del 2012 è intervenuta nella materia previdenziale laddove la stessa appresta

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali

Manuale Utente. Programma Pensioni S7. Amministrazioni Statali DIREZIONE CENTRALE SISTEMA INFORMATIVO E TELECOMUNICAZIONI DIREZIONE CENTRALE TRATTAMENTI PENSIONISTICI INPDAP PENSIONI S7 Manuale Utente Programma Pensioni S7 Amministrazioni Statali Versione database

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil

SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA. Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil SINTESI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO INDUSTRIA TURISTICA PARTI CONTRAENTI Federturismo Confindustria, Aica, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltucs-Uil DATA DI STIPULA 3 febbraio 2008 FINALITÀ

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola

Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola Il punto di pratica professionale Il lavoro dei minori che hanno abbandonato la scuola a cura di Eufranio Massi Direttore della Direzione provinciale del Lavoro di Modena Per una disamina, sia pur breve,

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186

Premessa. Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego. Roma lì, 23 ottobre 2008. Prot. n 186 Sede Centrale Dipartimento Pubblico Impiego 00198 Roma - Via Giovanni Paisiello 43 Telefono 06-855631 - Fax 06-85352749 Internet : http: //www.inca.it Roma lì, 23 ottobre 2008 Prot. n 186 Ai Coordinatori

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica

Richiamoallearmi. Fonti normative. Conservazione del posto. Periodo di prova. Indennità economica Richiamoallearmi Fonti normative Conservazione del posto Periodo di prova Indennità economica Il richiamo alle armi era regolato, per i dipendenti dallo Stato, dalla legge 3.5.1955, n. 370, recante norme

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL

LA BUSTA PAGA FISAC CGIL La tua Busta Paga INDICE Ad Personam 8 Ad Personam Ex Art. 66 8 Ad Personam Inquadramento Superiore 8 Anzianità: Assegno Mensile 6 Anzianità: Premio 14 Apprendisti 21 Arretrati 14 Assistenza Sanitaria:

Dettagli

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014

Direzione generale Direzione centrale rischi. Circolare n. 37. Roma, 1 settembre 2014 Direzione generale Direzione centrale rischi Circolare n. 37 Al Ai Roma, 1 settembre 2014 Direttore generale vicario Responsabili di tutte le Strutture centrali e territoriali e p.c. a: Organi istituzionali

Dettagli