Ordine degli Avvocati di Arezzo rev.1.00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine degli Avvocati di Arezzo rev.1.00"

Transcript

1 Ordine degli Avvocati di Arezzo rev.1.00

2 PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Quali sono: 1) PENSIONE DI VECCHIAIA RETRIBUTIVA 2) PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBUTIVA 3) PENSIONE DI ANZIANITA' 4) PENSIONE DI INABILITA' 5) PENSIONE DI INVALIDITÀ' 6) PENSIONE DI REVERSIBILITA' E PENSIONE INDIRETTA A) RICONGIUNZIONE B) RISCATTO C) TOTALIZZAZIONE 1) PENSIONE DI VECCHIAIA RETRIBUTIVA CHI NE HA DIRITTO: - DAL 01/01/2011 AL 31/12/2013: 66 ANNI DI ETA' CON ALMENO 31 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2014 AL 31/12/2016: 67 ANNI DI ETA' CON ALMENO 33 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2017 AL 31/12/2018: 68 ANNI DI ETA' CON ALMENO 33 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2019 AL 31/12/2020: 69 ANNI DI ETA' CON ALMENO 34 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2021: 70 ANNI DI ETA' CON ALMENO 35 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - con possibilità di anticipare il pensionamento al raggiungimento di un'età compresa fra il 65 ed il 70 con l'applicazione di un coefficiente di riduzione dell'importo della pensione pari allo 0,40% per ogni mese di anticipo; - PENSIONAMENTO ANTICIPATO, cmq non prima del 65 anno di età con 40 anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla cassa (senza alcuna riduzione). DECORRENZA: a) 1 GIORNO MESE SUCCESSIVO AL COMPIMENTO DELL'ETA' ANAGRAFICA PREVISTA; b) 1 FEBBRAIO DELL'ANNO DI MATURAZIONE DELL'ANZIANITA' CONTRIBUTIVA vww.cassaforense.it EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, scaricabile dal sito

3 2) PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBUTIVA CHI NE HA DIRITTO: SPETTA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA CHE HANNO MATURATO IL REOUISITO ANAGRAFICO RICHIESTO PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA RETRIBUTIVA, MA NON HANNO RAGGIUNTO LA PREVISTA ANZIANITÀ' CONTRIBUTIVA: - DAL 01/01/2011 AL 31/12/2013: 66 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 31 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2014 AL 31/12/2016: 67 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 32 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2017 AL 31/12/2018: 68 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 33 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2019 AL 31/12/2020: 69 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 34 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2021: 70 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 35 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE DECORRENZA: DAL PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA DATA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, scaricabile dal sito

4 3) PENSIONE DI ANZIANITÀ' C111 NE HA DIRITTO: - FINO AL 31/12/2011: 58 ANNI CON ALMENO 35 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2012 AL 31/12/2013: 58 ANNI CON ALMENO 36 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2014 AL 31/12/2015: 59 ANNI CON ALMENO 37 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2016 AL 31/12/2017: 60 ANNI CON ALMENO 38 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2018 AL 31/12/2019: 61 ANNI CON ALMENO 39 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2020: 62 ANNI CON ALMENO 40 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE NO AL 31 SE RICORRONO 2 CONDIZIONI: A) CANCELLAZIONE DAGLI ALBI FORENSI B) REGOLA RITA' DELLA POSIZIONE CONTRIBUTIVA DECORRENZA: 1 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 ottobre dello stesso anno; 2 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 gennaio dell'anno successivo; 3 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 aprile dell'anno successivo; 4 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 luglio dell'anno successivo. EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, scaricabile dal sito

5 4) PENSIONE DI INABILITA' CHI NE HA DIRITTO: ISCRITTO ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE LA CUI CAPACITÀ È ESCLUSA A CAUSA DI MALATTIA O INFORTUNIO IN MODO PERMANENTE E TOTALE REQUISITI: - malattia o infortunio sopravvenuti all'iscrizione; - iscrizione in atto continuativamente da data anteriore al compimento del 40 anno di età; - effettiva iscrizione e contribuzione per almeno 5 anni (in luogo dei 10), per inabilità causata da malattia o infortunio; - cancellazione da tutti gli albi forensi compreso l'albo speciale per il patrocinio dinanzi alla Corte di Cassazione e alle giurisdizioni superiori; - regolarità della posizione contributiva nei confronti della Cassa. EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, debitamente compilato, con allegazione di certificato medico attestante: - incapacità totale e permanente all'esercizio della professione - la causa dell'incapacità - epoca del suo insorgere DECORRENZA: dal 1 giorno del mese successivo alla presentazione della domanda, a condizione che entro i tre mesi successivi si provveda alla cancellazione da tutti gli albi REVISIONABILITA': entro i 10 anni successivi all'ammissione la Cassa può assoggettare a revisione le condizioni che hanno determinato la concessione della pensione. Il rifiuto di sottoporsi a suddetta revisione comporta la sospensione dell'erogazione della pensione di inabilità.

6 5) PENSIONE DI INVALIDITÀ' CHI NE HA DIRITTO: - CAPACITÀ DELL'ISCRITTO ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE RIDOTTA, IN MODO CONTINUATIVO. PER INFERMITÀ O DIFETTO FISICO O MENTALE, A MENO DI 1/3: - INFERMITÀ O DIFETTO FISICO O MENTALE SOPRAVVENUTI ALL'ISCRIZIONE O, SE PREESISTENTI. AGGRAVATI DOPO L'ISCRIZIONE O, SOPRAGGIUNTE NUOVE INFERMITÀ TALI DA RIDURRE LA CAPACITÀ LAVORATIVA A MENO DI 1/3; REQUISITI: - Iscrizione in atto continuativamente da data anteriore al compimento del 40 anno di età; - Effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa da almeno 5 anni (in luogo di IO), sia che l'infermità derivi da malattia sia che dipenda da infortunio; - Regolarità della posizione contributiva nei confronti della Cassa. EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, debitamente compilato, con allegazione di certificato medico attestante: - riduzione della capacità lavorativa almeno di I /3 - causa di tale incapacità - epoca dell'insorgere o dell'aggravarsi DECORRENZA: dal 1 giorno del mese successivo alla presentazione della domanda REVISIONABILITA': ogni tre armi per le pensioni che sono state giudicate revisionabili alla concessione. Dopo che è stata confermata due volte non può più essere revocata. Il rifiuto di sottoporsi a suddetta revisione comporta la sospensione dell'erogazione della pensione di inabilità. COMMUTAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITÀ IN PENSIONE DI VECCHIAIA o ANZIANITÀ Il pensionato per invalidità, che prosegue l'esercizio della professione, può chiedere la commutazione della pensione di invalidità in pensione di vecchiaia o di anzianità, a condizione che sussistano i requisiti prescritti per la concessione di tali trattamenti pensionistici. COMMUTAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITÀ IN PENSIONE DI INABILITÀ Qualora intervenga un aggravamento delle condizioni di salute, tale da comportare un'incapacità totale e permanente all'esercizio della professione, il pensionato di invalidità può chiedere la concessione della pensione di inabilità in sostituzione di quella di invalidità, a condizione che lo stesso provveda alla cancellazione da tutti gli albi forensi.

7 6) PENSIONE DI REVERSIBILITÀ' E PENSIONE INDIRETTA CHI NE HA DIRITTO: - Il coniuge, anche se separato legalmente, purché non gli sia stata addebitata la responsabilità della separazione. - I figli minorenni ed equiparati: minori di anni 18; studenti di scuola media o professionale di età non superiore a 21 anni, a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino lavoro retribuito; studenti universitari, a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino lavoro retribuito, per gli anni del corso legale di laurea e comunque non oltre il compimento del 26 anno di età; figli maggiorenni inabili, che risultino (in quanto affetti da inabilità permanente ed assoluta a proficuo lavoro) a carico dell'iscritto pensionato al momento della sua morte. DECORRENZA: dal 1 giorno del mese successivo alla presentazione della domanda EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, debitamente compilato REVOCA: nel caso in cui la vedova o il coniuge divorziato passi a nuove nozze, con decorrenza dal primo giorno del mese successivo al nuovo matrimonio.

8 A) RICONGIUNZIONE: CHE COS'E': ISTITUTO CHE SE ESERCITATO CONSENTE DI CONSEGUIRE UN'UNICA PENSIONE E RIGUARDA L'INTERO PERIODO DI CONTRIBUZIONE MATURATO PRESSO ALTRE GESTIONI PREVIDENZIALI RELATIVAMENTE A RAPPORTI ASSICURATIVI NON PIÙ IN ATTO AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA. SOGGETTI LEGITTIMATI: lavoratori autonomi o dipendenti PER INOLTRARE LA DOMANDA: deve compilarsi l'apposito modulo in ogni sua parte allegando la fotocopia di un documento di riconoscimento TIPI: Ricongiunzione > nella gestione nella quale il soggetto risulta iscritto al momento della presentazione della domanda. Ricongiunzione in gestione diversa da quella di iscrizione. > Ricongiunzione per la liquidazione di un supplemento di pensione. ONERE: pari alla differenza tra la riserva matematica necessaria alla copertura assicurativa relativa al periodo considerato e l'importo dei contributi trasferiti da altre gestioni.

9 B RISCATTO SOGGETTI LEGITTIMATI: - Iscritti Cassa, anche pensionati in regola con l'invio delle comunicazioni obbligatorie alla Cassa; - cancellati Cassa, che conservino il diritto a pensione di vecchiaia, - titolari di pensione di inabilità; - superstiti di avvocati deceduti (non pensionati) al fine di maturare il decennio di anzianità di iscrizione alla Cassa necessario per conseguire la pensione indiretta. ANNI RISCATTABILI - Corso legale di laurea in giurisprudenza (max 4 anni); - servizio militare obbligatorio (max 2 anni); - servizio civile sostitutivo o equiparato al servizio militare obbligatorio (max 2 anni); - servizio militare prestato in guerra; - praticantato con e senza abilitazione al patrocinio (max 3 anni). CONTRIBUZIONE DOVUTA Il contributo deve assicurare la riserva matematica necessaria per la copertura assicurativa relativa al periodo riscattato e non può essere comunque inferiore, per ciascun anno riscattato ; ad un importo corrispondente alla somma dei contributi minimi (soggettivo e integrativo) dell'anno di presentazione della domanda. PER INOLTRARE LA DOMANDA: deve compilarsi l'apposito modulo in ogni sua parte allegando la fotocopia di un documento d riconoscimento

10 C) TOTALIZZAZIONE CHE COS'E': CONSENTE DI MATURARE UNA PENSIONE CUMULANDO, SENZA ALCUN ONERE PER L'ISCRITTO, PERIODI ASSICURATIVI, NON COINCIDENTI TRA LORO, DI DURATA NON INFERIORE A 3 ANNI, MATURATI PRESSO GESTIONI PREVIDENZIALI DIVERSE, AI FINI DEL CALCOLO DI UN UNICO TRATTAMENTO PENSIONISTICO. SOGGETTI INTERESSATI Tutti coloro che nel corso della propria vita lavorativa, avendo svolto attività diverse, siano stati iscritti a due o più gestioni previdenziali, per periodi non coincidenti di almeno 3 anni, a condizione che non risultino titolari di alcun trattamento pensionistico autonomo presso una di tali gestioni. ESERCIZIO DEL DIRITTO La totalizzazione può essere conseguita, previa domanda dell'interessato o dell'avente causa, da trasmettere alla gestione previdenziale di ultima iscrizione dell'assicurato. I contributi, a suo tempo versati, restano accreditati presso i rispettivi Enti, che ne certificano il pagamento ed il corrispettivo periodo temporale. TIPOLOGIE DI PENSIONE CONSEGUIBILI MEDIANTE TOTALIZZAZIONE --> Pensione di vecchiaia; --> Pensione di anzianità (con 40 anni di contributi); > Pensione di inabilità; > Pensione indiretta in favore dei superstiti. Ai fini della pensione di vecchiaia e di anzianità, la totalizzazione può essere richiesta a condizione che l'interessato: abbia compiuto il 65 anno di età e maturato almeno 20 anni di anzianità contributiva ovvero 40 anni di anzianità contributiva a prescindere dall'età; abbia maturato gli altri requisiti, diversi dall'età e dall'anzianità contributiva, per l'accesso alla pensione.(es. cancellazione albi per la pensione di anzianità).

11 DI ' PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Quali sono: > PARTO A) MATERNITA' INDENNITÀ --> ADOZIONE --> ABORTO B) ASSISTENZA N CASO DI BISOGNO C) ASSISTENZA INDENNITARIA > CATASTROFE O CALAMITA' > INFORTUNIO O MALATTIA D) ALTRE PROVVIDENZE --> SPESE FUNERARIE --> ULTRAOTTANTENNI > IN CORSO DI ATTUAZIONE A) INDENNITÀ DI MATERNITÀ 1) IN CASO DI PARTO BENEFICIARIE: iscritte alla Cassa con decorrenza anteriore alla data del parto. REQUISITI: Inesistenza del diritto all'indennità di maternità DOMANDA: La domanda deve essere inoltrata trasmettendo alla Cassa il modulo, scaricabile dal sito debitamente compilato e corredato dei documenti, indicati nel medesimo. La domanda deve essere presentata, a pena di decadenza, a decorrere dal compimento della 26esima settimana di gestazione fino al termine (perentorio) di 180 giorni dal parto. MISURA DELL'INDENNITA' L'indennità è pari all'80% di 5/12 del reddito professionale Irpef netto prodotto nel r anno anteriore al verificarsi dell'evento. L'indennità viene corrisposta in unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) per i due mesi antecedenti la data presunta del parto e per i tre mesi successivi la data effettiva dei parto, per un totale di cinque mensilità. Il pagamento viene eseguito mediante accredito su conto corrente bancario intestato alla professionista, oppure tramite assegno circolare non trasferibile inviato presso il suo domicilio fiscale.

12 2) IN CASO DI ADOZIONE O AFFIDAMENTO PREADOTTIVO BENEFICIARIE: Iscritte alla Cassa con decorrenza anteriore alla data di ingresso del minore (che non deve aver superato il sesto anno di età, se di nazionalità italiana o che abbia anche superato il sesto anno, se di nazionalità estera). REQUISITI: Inesistenza del diritto all'indennità di maternità. DOMANDA: La domanda deve essere inoltrata trasmettendo alla Cassa il modulo, scaricabile dal sito debitamente compilato e corredato dei documenti, indicati nel medesimo. La domanda deve essere presentata, a pena di decadenza, entro il termine perentorio di 180 giorni dalla data di ingresso del minore nella casa materna. MISURA DELL'INDENNITA': L'indennità è pari all'80% di 5/12 del reddito professionale Irpef netto prodotto nel 2 anno anteriore all'ingresso del minore nella casa materna (sia nel caso di adozione nazionale che internazionale) qualora il bambino non abbia superato il 6 anno di età. unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) per complessive cinque mensilità L'indennità; viene corrisposta in unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) per complessive tre mensilità. 11 pagamento viene eseguito mediante accredito su conto corrente bancario intestato alla professionista, oppure tramite assegno circolare non trasferibile inviato presso il suo domicilio fiscale. 3) IN CASO DI ABORTO SPONTANEO O TERAPEUTICO BENEFICIARIE: Iscritte alla Cassa con decorrenza anteriore alla data dell'aborto. REQUISITI: --> Inesistenza del diritto all'indennità di maternità, --> aborto (spontaneo o terapeutico) verificatosi non prima del terzo mese di gravidanza (61 giorno) ed entro la 26 settimana. DOMANDA: La domanda deve essere inoltrata trasmettendo alla Cassa il modulo, scaricabile dal sito debitamente compilato e corredato dei documenti, indicati nel medesimo. La domanda deve essere presentata entro il termine perentorio di 180 giorni dalla data dell'aborto. MISURA DELL'INDENNITA':

13 L'indennità è pari all'80% di 1/12 del reddito professionale Irpef netto prodotto nel 2 anno anteriore al verificarsi dell'evento. L'indennità viene corrisposta in unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) Il pagamento viene eseguito mediante accredito su conto corrente bancario intestato alla professionista, oppure tramite assegno circolare non trasferibile inviato presso il suo domicilio fiscale. B) ASSISTENZA IN CASO DI BISOGNO COS'E': Questo tipo di assistenza comprende le condizioni (li difficoltà economica contingente o momentanea con particolare riguardo ai casi di malattia o infortunio. BENEFICIARI: Iscritti alla - Cassa da data anteriore alla presentazione della domanda di erogazione di assistenza. - avvocati che, pur senza essere iscritti alla Cassa, contribuiscano, ai sensi dell'art. I l della legge 20 settembre 1980, n. 576, o abbiano contribuito ai sensi degli arti. 10 e 11 della medesima legge, come modificati dagli arti. 5 e 6 della legge 11 febbraio 1992, n.141, o abbiano versato contributi personali in base a leggi precedenti; - beneficiari di pensione a carico della Cassa; - familiari di persone defunte appartenenti ad una delle precedenti categorie. Salvo casi particolari e con circostanziata motivazione, le erogazioni in favore degli iscritti alla Cassa ai soli fini assistenziali e dei loro familiari non possono superare l'importo dei contributi versati. EROGAZIONE La prestazione assistenziale in oggetto, è erogata dalla Cassa in base a proposta deliberata dal competente Consiglio dell'ordine, al quale dovrà essere indirizzata la domanda, corredata della documentazione, di cui all'art. 8 del regolamento per l'erogazione dell'assistenza. Il Consiglio dell'ordine trasmette alla Cassa copia delle proposte di assegnazione motivate. La Giunta Esecutiva della Cassa, verificata la sussistenza delle condizioni legittimanti la concessione e richiesti, se necessari, ulteriori chiarimenti, dispone la trasmissione agli Ordini, degli importi deliberati in favore degli assistiti. L'ammontare complessivo del contributo assistenziale, sia ordinario sia straordinario, non può superare, di norma, il doppio della pensione minima erogata dalla Cassa nell'anno in cui si è verificato l'evento.

14 C) ASSISTENZA INDENNITARIA 1) INDENNIZZO PER CATASTROFE O CALAMITÀ COS'E': La Cassa può concedere un indennizzo in favore di coloro che, a causa di eventi naturali (calamità o catastrofe), abbiano subito danni incidenti sull'attività professionale. L'ammontare complessivo del contributo assistenziale non può superare il doppio della pensione minima erogata dalla Cassa nell'anno in cui si è verificato l'evento. BENEFICIARI: Iscritti -> alla Cassa che risiedono o esercitano la professione in un comune colpito dall'evento e che, a causa dello stesso, abbiano subito un danno incidente sull'attività professionale; superstiti -> di iscritti alla Cassa che, al verificarsi dell'evento calamitoso, siano titolari di pensione a carico della stessa o abbiano diritto a conseguirla. DOMANDA: deve essere inoltrata direttamente alla Cassa, corredata della documentazione indicata nel regolamento per l'erogazione dell'assistenza. 2) INDENNIZZO PER INFORTUNIO O MALATTIA COS'E': Può essere erogata nei casi di malattia o infortunio che abbiano impedito, in maniera assoluta. l'esercizio della professione per almeno tre mesi. La durata e la natura della malattia o dell'infortunio vengono accertate con relazione di un medico legale o di un primario ospedaliero designato dalla Cassa. L'indennizzo può essere concesso una sola volta per lo stesso evento ed è ragguagliato ai mesi di interruzione totale dell'attività professionale, per periodi non inferiori a tre mesi e non superiori a dodici, anche se i vari periodi non fossero continuativi tra loro. L'ammontare mensile lordo dell'indennizzo è pari ad 1/24 della media dei redditi professionali annui, dichiarati dall'iscritto relativamente ai dieci anni solari anteriori all'evento o per tutti gli anni di iscrizione alla Cassa BENEFICIARI: --> Iscritti alla Cassa da almeno tre anni e non pensionati, che, a causa di infortunio o malattia, non abbiano potuto esercitare la professione in modo assoluto per un periodo non inferiore a tre mesi. DOMANDA: Deve essere inoltrata direttamente alla Cassa, corredata della documentazione indicata nel regolamento per l'erogazione dell'assistenza.

15 D) ALTRE PROVVIDENZE 1) CONTRIBUTO PER SPESE FUNERARIE BENEFICIARI: Prossimi congiunti di avvocati iscritti alla Cassa o di titolari di pensione a carico della stessa (coniuge superstite e figli conviventi) > Parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo, coniuge separato e convivente more uxorio. MODALITA' DI EROGAZIONE: > Nel caso di coniuge superstite e figli conviventi, titolari di diritto a pensione, il contributo è liquidato senza alcun supporto documentale; Nel caso di parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo, coniuge separato e convivente more uxorio, il contributo è liquidato a domanda, utilizzando l'apposito modulo, nei limiti delle spese effettivamente sostenute, corredata dai seguenti documenti: - certificato di morte; - dichiarazione dalla quale risulti l'appartenenza ad una delle categorie sopra indicate; - fattura delle spese sostenute intestate al richiedente. 2) EROGAZIONI ASSISTENZIALI IN FAVORE DI AVVOCATI ULTRAOTTANTENNI BENEFICIARI: > Avvocati ultraottantenni titolari di pensione a carico della Cassa MODALITÀ ' DI EROGAZIONE A richiesta dell'interessato, mediante domanda, utilizzando l'apposito modulo da trasmettere alla Cassa tra il l gennaio ed il 30 giugno di ogni anno, corredata di una dichiarazione attestante i redditi imponibili, mobiliari ed immobiliari, del richiedente (per intero) e del coniuge convivente (per metà) anche se soggetti a tassazione separata. Il beneficio, in oggetto, viene erogato qualora tali redditi non superino complessivamente il doppio della pensione minima annua erogata dalla Cassa nell'anno di presentazione della domanda. L'importo è determinato annualmente dal Consiglio di Amministrazione, in relazione alla situazione di bilancio, in misura non superiore alla metà della pensione minima annua prevista per l'anno di presentazione della domanda. 3) PROVVIDENZE IN CORSO DI ATTUAZIONE Nella misura stabilita dal Comitato dei Delegati, la Cassa può conferire a favore degli iscritti a tutti gli effetti previdenziali ed assistenziali, nonché dei titolari di pensione a carico della stessa e dei loro familiari: borse di studio contributo per spese di ospitalità in istituti per anziani, malati cronici a lungodegenti; contributo per spese di assistenza infermieristica domiciliare temporanea.

16 POLIZZA SANITARIA Vigenza e Durata: Dal 1 gennaio 2011 è vigente il rinnovo della Polizza Sanitaria della Cassa Forense con la Unisalute spa (Gruppo Unipol), operativa sino al 31 dicembre Nei confronti di chi opera: La copertura assicurativa si estende, senza alcun limite di età minimo e con limite di età massimo di 90 anni, a : 1) in via automatica e gratuita, tutti gli avvocati iscritti alla Cassa Forense 2) pensionati non più iscritti agli Albi 3) superstiti di Avvocati iscritti alla Cassa offrendo la possibilità di estenderla, con oneri a carico dell'interessato, a: a) i propri familiari; b) i pensionati non più iscritti alla Cassa; che richiedano annualmente l'estensione della polizza sanitaria per C 130,00 per ogni componente del nucleo. L'adesione al Piano per i familiari è: facoltativa da presentarsi a mezzo modulo presente sul sito della Cassa Forense esclusivamente tramite bonifico bancario entro il termine perentorio del 28 febbraio di ciascun anno assicurato: Oggetto Sinistro: per il quale sarà dovuto un indennizzo Infortunio: per ogni evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna che produca lesioni corporali constatabili oggettivamente

17 - T Tutela Automatica per : 1) Grandi Interventi Chirurgici 2) Gravi Eventi Morbosi quali quelli: a) determinanti ricovero SENZA Intervento Chirurgico o Trattamento Medico Domiciliare b) determinanti riduzione della capacità lavorativa generica pari o superiore al 66% 3) Malattie Oncologiche Modalità previste in caso di : Ricovero in Istituto di Cura (ospedale pubblico, case di cura o cliniche private anche all'estero) per: a) Grande Intervento chirurgico b) Grande Evento Morboso Il Piano Sanitario prevede il diritto al pagamento delle spese sostenute: a) nei giorni precedenti sino a 90 giorni per Grandi Interventi c) nei giorni precedenti sino a 30 giorni per Grande Evento Morboso d) nei giorni dopo il ricovero sino a 120 giorni in entrambi i casi, durante degenza, anche in caso di day-hospital, per retta, medicinali assistenza infermieristica e accompagnatore 2) Utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale Il Piano Sanitario prevede il diritto al rimborso delle spese sostenute: a) integralmente per ticket sanitari b) integralmente per trattamenti alberghieri rimasti a carico dell'assicurato. 3) Utilizzo di strutture convenzionate e medici convenzionati Il Piano Sanitario prevede il diritto al pagamento delle spese sostenute: a) liquidate direttamente alle strutture stesse da parte dell'ente Assicuratore b) prive di scoperti e franchigie, ad eccezione di garanzie che prevedono specifici limiti

18 4) Ricovero in Strutture non Convenzionate Il Piano Sanitario prevede il diritto al rimborso delle spese sostenute: a) Grandi per Interventi Chirurgici: - per ogni intervento elencato con limite di rimborso previsto dalla polizza b) per Gravi Eventi Morbosi: - per ogni ricovero con limite di rimborso pari a ,00 per anno solare - per ogni Trattamento Medico Domiciliare con limite di rimborso pari a ,00 per assicurato - in entrambi i casi, con il limite di una somma massima per nucleo familiare pari a ,00 per anno solare 5) Malattia Oncologica: Il Piano Sanitario prevede ii pagamento delle spese sostenute per malattia oncologica: a) onorari del chirurgo, retta di degenza e assistenza medica e infermieristica per Intervento Chirurgico c) terapie rese necessarie dalla malattia oncologica (anche senza intervento Chirurgico) di durata superiore a 10 giorni Somme massime previste in caso di utilizzo di: a) Strutture Convenzionate e Strutture Non Convenzionate: b) per anno solare e per nucleo familiare rispettivamente per : e) ricoveri con Intervento Chirurgico sino a E ,00 d) ricoveri di durata superiore a 10 giorni che non comportano Intervento Chirurgico ,00

19 Casi di esclusione : - aborto non terapeutico ed eventuali conseguenze - malattie mentali e disturbi psichici - patologie nevrotiche Commissione Paritetica Permanente : La Commissione composta da: quattro membri designati dalla Cassa Forense due membri designati dalla Società Assicurativa 11 Piano Sanitario usufruisce della Commissione per la risoluzione amministrativa di problematiche insorte e relative a controversie, quali: a) interpretazione delle clausole contrattuali b) sussistenza dell'obbligo di indennizzo e) tipologia e durata della malattia d) tipologia e durata dell'infortunio e) misura dei rimborsi e liquidazioni di indennità f) verifica del comportamento delle parti nell'esecuzione del contratto con riferimento agli obblighi assunti g) monitoraggio dei sinistri Unisalute Spa call center Lunedì-giovedì 8,30-13,30 Sito Cassa Forense

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P

R E G O L A M E N T O. per l attuazione delle attività statutarie dell'ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale E P A P E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza,7,9,11-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 R E

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014

Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al giugno 2014 Prescrizione e decadenza in materia di contributi e prestazioni INPS Quando il tempo non è galantuomo. A cura di S. Martorelli & P. Zani Corso aggiornamento Agenti sociali FNP CISL Milano Aggiornato al

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego

Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Previdenza e Assistenza nel Pubblico impiego Le schede di approfondimento della Federazione Confsal-Unsa A cura dell Avv. Pasquale Lattari n. 2 Il sistema previdenziale per i pubblici dipendenti. Le competenze.

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI

GUIDA AI CONGEDI PARENTALI L anticipazione del congedo di maternità si applica anche alle LAVORATRICI A DO- MICILIO E ALLE LAVORATRICI ADDETTE AI SERVIZI DOMESTICI E FAMILIARI (COLF). Prolungamento del congedo di maternità Il congedo

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008)

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI DI LAVORO A TEMPO PARZIALE (ai sensi dell art. 73 della L. n. 133/2008) Art. 1 Percentuale generale dei rapporti a tempo parziale 1. Le trasformazioni

Dettagli

CAPO I Aspettative, congedi, ferie

CAPO I Aspettative, congedi, ferie CAPO I Aspettative, congedi, ferie ART. 1 ASPETTATIVA PER DOTTORATO DI RICERCA O BORSA DI STUDIO 1) ASPETTATIVA SENZA ASSEGNI I dipendenti con rapporto a tempo indeterminato ammessi ai corsi di dottorato

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

Riscatto degli anni di laurea

Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea Riscatto degli anni di laurea scuola Chi è giovane e fresco di laurea, di regola, non vede l ora di mettersi a lavorare e, certamente, per prima cosa non pensa alla pensione.

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO

DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO DIRITTI ED OPPORTUNITà PER I GENITORI CHE LAVORANO 1 premessa La tutela della lavoratrice madre è un principio fondamentale sancito dall articolo 37 della

Dettagli

Contra non valentem agere non currit praescriptio

Contra non valentem agere non currit praescriptio PER GLI ENTI DI PATRONATO 1 TERMINI DI PRESCRIZIONE CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE MALATTIE PROFESSIONALI E TERMINE DI REVISIONE DELLE RENDITE UNIFICATE DA EVENTI POLICRONI LIMITE INTERNO ED ESTERNO

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici

La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici Sintesi operative Paghe e contributi La malattia nel contratto collettivo nazionale di lavoro dei metalmeccanici a cura di Massimiliano Tavella Dottore commercialista - Cultore della materia presso la

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

I diritti di previdenza sociale. in Spagna

I diritti di previdenza sociale. in Spagna I diritti di previdenza sociale in Spagna Le informazioni fornite nella presente guida sono state elaborate e aggiornate in stretta collaborazione con i corrispondenti nazionali del Sistema di informazione

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I

DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22. (GU n.54 del 6-3-2015) Titolo I DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 22 Disposizioni per il riordino della normativa in materia di ammortizzatori sociali in caso di disoccupazione involontaria e di ricollocazione dei lavoratori disoccupati,

Dettagli

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com

MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO. MGM BROKER Investement and advisor. www.mgmbroker.com www.mgmbroker.com MGM WELFARE CASSA DI ASSISTENZA E SOCIETA DI MUTUO SOCCORSO Le Casse di MGM WELFARE nascono con l obiettivo di offrire le migliori prestazioni assicurative presenti sul mercato, insieme

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

I CONTRIBUTI FIGURATIVI

I CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI FIGURATIVI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Olindo Daliana Giuseppe Manzi Simone Parola Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo Rizzuti

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94

Roma, 12/05/2015. e, per conoscenza, Circolare n. 94 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34)

DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80. (GU n.144 del 24-6-2015 - Suppl. Ordinario n. 34) 1 di 10 24/06/2015 21:30 DECRETO LEGISLATIVO 15 giugno 2015, n. 80 Misure per la conciliazione delle esigenze di cura, di vita e di lavoro, in attuazione dell'articolo 1, commi 8 e 9, della legge 10 dicembre

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto

Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Regolamento per la gestione dei contratti di lavoro part-time (approvato con determinazione n 172 del 15.4.2013) Art. 1 - Oggetto Il presente Regolamento disciplina le procedure per la trasformazione del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili

Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili Si Puo` Guida ai permessi, ai congedi e ad altre agevolazioni, per l assistenza e la cura delle persone disabili 1 a cura di Maria Patrizia Sparti, Inca Cgil - Area tutela del danno alla persona Capitolo

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l.

Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Gas-acqua - Rinnovo del c.c.n.l. Con l'ipotesi di accordo 14 gennaio 2014 le Parti stipulanti (Anfida, Anigas, Assogas, Confindustria Energia, Federestrattiva, Federutility con Filctem-Cgil, Femca-Cisl,

Dettagli

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI

DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI DIREZIONE PROVINCIALE INPS DI TERAMO PRESTAZIONI CREDITIZIE INPS GESTIONE DIPENDENTI PUBBLICI Marzo 2014 Con il presente riepilogo si forniscono indicazioni di dettaglio sulle prestazioni creditizie erogate

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro

Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro Gestionedellamaternità ealtriistituti delrapportodilavoro RAPPORTO DELLA MALATTIA CON GLI ALTRI ISTITUTI L insorgere dell evento maternità influenza anche le modalità di gestione collegate ad altri istituti

Dettagli

Elenco provvidenze nuova mutualità

Elenco provvidenze nuova mutualità Elenco provvidenze nuova mutualità Tipologia sussidio Importo erogato Periodicità del sussidio Documentazione da allegare Ricovero 15,00 al giorno (per massimo 20 giorni all anno) Ogni anno Certificato

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino

GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino GUIDA ALLA PENSIONE di Antonio Catino I Pilastri della Previdenza pag. 01 Legge 23 agosto 2004, n. 243 pag. 04 Legge 24 dicembre 2007, n. 247 pag. 14 Legge 06 agosto 2008, n. 133 art. 72 pag. 20 Circolare

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli