Ordine degli Avvocati di Arezzo rev.1.00

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ordine degli Avvocati di Arezzo rev.1.00"

Transcript

1 Ordine degli Avvocati di Arezzo rev.1.00

2 PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Quali sono: 1) PENSIONE DI VECCHIAIA RETRIBUTIVA 2) PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBUTIVA 3) PENSIONE DI ANZIANITA' 4) PENSIONE DI INABILITA' 5) PENSIONE DI INVALIDITÀ' 6) PENSIONE DI REVERSIBILITA' E PENSIONE INDIRETTA A) RICONGIUNZIONE B) RISCATTO C) TOTALIZZAZIONE 1) PENSIONE DI VECCHIAIA RETRIBUTIVA CHI NE HA DIRITTO: - DAL 01/01/2011 AL 31/12/2013: 66 ANNI DI ETA' CON ALMENO 31 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2014 AL 31/12/2016: 67 ANNI DI ETA' CON ALMENO 33 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2017 AL 31/12/2018: 68 ANNI DI ETA' CON ALMENO 33 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2019 AL 31/12/2020: 69 ANNI DI ETA' CON ALMENO 34 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2021: 70 ANNI DI ETA' CON ALMENO 35 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - con possibilità di anticipare il pensionamento al raggiungimento di un'età compresa fra il 65 ed il 70 con l'applicazione di un coefficiente di riduzione dell'importo della pensione pari allo 0,40% per ogni mese di anticipo; - PENSIONAMENTO ANTICIPATO, cmq non prima del 65 anno di età con 40 anni di effettiva iscrizione e contribuzione alla cassa (senza alcuna riduzione). DECORRENZA: a) 1 GIORNO MESE SUCCESSIVO AL COMPIMENTO DELL'ETA' ANAGRAFICA PREVISTA; b) 1 FEBBRAIO DELL'ANNO DI MATURAZIONE DELL'ANZIANITA' CONTRIBUTIVA vww.cassaforense.it EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, scaricabile dal sito

3 2) PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBUTIVA CHI NE HA DIRITTO: SPETTA AGLI ISCRITTI ALLA CASSA CHE HANNO MATURATO IL REOUISITO ANAGRAFICO RICHIESTO PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA RETRIBUTIVA, MA NON HANNO RAGGIUNTO LA PREVISTA ANZIANITÀ' CONTRIBUTIVA: - DAL 01/01/2011 AL 31/12/2013: 66 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 31 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2014 AL 31/12/2016: 67 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 32 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2017 AL 31/12/2018: 68 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 33 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2019 AL 31/12/2020: 69 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 34 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2021: 70 ANNI CON ALMENO 5 MA MENO DI 35 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE DECORRENZA: DAL PRIMO GIORNO DEL MESE SUCCESSIVO ALLA DATA DI PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, scaricabile dal sito

4 3) PENSIONE DI ANZIANITÀ' C111 NE HA DIRITTO: - FINO AL 31/12/2011: 58 ANNI CON ALMENO 35 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2012 AL 31/12/2013: 58 ANNI CON ALMENO 36 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2014 AL 31/12/2015: 59 ANNI CON ALMENO 37 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2016 AL 31/12/2017: 60 ANNI CON ALMENO 38 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2018 AL 31/12/2019: 61 ANNI CON ALMENO 39 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE - DAL 01/01/2020: 62 ANNI CON ALMENO 40 ANNI DI EFFETTIVA ISCRIZIONE E CONTRIBUZIONE NO AL 31 SE RICORRONO 2 CONDIZIONI: A) CANCELLAZIONE DAGLI ALBI FORENSI B) REGOLA RITA' DELLA POSIZIONE CONTRIBUTIVA DECORRENZA: 1 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 ottobre dello stesso anno; 2 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 gennaio dell'anno successivo; 3 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 aprile dell'anno successivo; 4 trimestre possono accedere al pensionamento dal 1 luglio dell'anno successivo. EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, scaricabile dal sito

5 4) PENSIONE DI INABILITA' CHI NE HA DIRITTO: ISCRITTO ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE LA CUI CAPACITÀ È ESCLUSA A CAUSA DI MALATTIA O INFORTUNIO IN MODO PERMANENTE E TOTALE REQUISITI: - malattia o infortunio sopravvenuti all'iscrizione; - iscrizione in atto continuativamente da data anteriore al compimento del 40 anno di età; - effettiva iscrizione e contribuzione per almeno 5 anni (in luogo dei 10), per inabilità causata da malattia o infortunio; - cancellazione da tutti gli albi forensi compreso l'albo speciale per il patrocinio dinanzi alla Corte di Cassazione e alle giurisdizioni superiori; - regolarità della posizione contributiva nei confronti della Cassa. EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, debitamente compilato, con allegazione di certificato medico attestante: - incapacità totale e permanente all'esercizio della professione - la causa dell'incapacità - epoca del suo insorgere DECORRENZA: dal 1 giorno del mese successivo alla presentazione della domanda, a condizione che entro i tre mesi successivi si provveda alla cancellazione da tutti gli albi REVISIONABILITA': entro i 10 anni successivi all'ammissione la Cassa può assoggettare a revisione le condizioni che hanno determinato la concessione della pensione. Il rifiuto di sottoporsi a suddetta revisione comporta la sospensione dell'erogazione della pensione di inabilità.

6 5) PENSIONE DI INVALIDITÀ' CHI NE HA DIRITTO: - CAPACITÀ DELL'ISCRITTO ALL'ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE RIDOTTA, IN MODO CONTINUATIVO. PER INFERMITÀ O DIFETTO FISICO O MENTALE, A MENO DI 1/3: - INFERMITÀ O DIFETTO FISICO O MENTALE SOPRAVVENUTI ALL'ISCRIZIONE O, SE PREESISTENTI. AGGRAVATI DOPO L'ISCRIZIONE O, SOPRAGGIUNTE NUOVE INFERMITÀ TALI DA RIDURRE LA CAPACITÀ LAVORATIVA A MENO DI 1/3; REQUISITI: - Iscrizione in atto continuativamente da data anteriore al compimento del 40 anno di età; - Effettiva iscrizione e contribuzione alla Cassa da almeno 5 anni (in luogo di IO), sia che l'infermità derivi da malattia sia che dipenda da infortunio; - Regolarità della posizione contributiva nei confronti della Cassa. EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, debitamente compilato, con allegazione di certificato medico attestante: - riduzione della capacità lavorativa almeno di I /3 - causa di tale incapacità - epoca dell'insorgere o dell'aggravarsi DECORRENZA: dal 1 giorno del mese successivo alla presentazione della domanda REVISIONABILITA': ogni tre armi per le pensioni che sono state giudicate revisionabili alla concessione. Dopo che è stata confermata due volte non può più essere revocata. Il rifiuto di sottoporsi a suddetta revisione comporta la sospensione dell'erogazione della pensione di inabilità. COMMUTAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITÀ IN PENSIONE DI VECCHIAIA o ANZIANITÀ Il pensionato per invalidità, che prosegue l'esercizio della professione, può chiedere la commutazione della pensione di invalidità in pensione di vecchiaia o di anzianità, a condizione che sussistano i requisiti prescritti per la concessione di tali trattamenti pensionistici. COMMUTAZIONE DELLA PENSIONE DI INVALIDITÀ IN PENSIONE DI INABILITÀ Qualora intervenga un aggravamento delle condizioni di salute, tale da comportare un'incapacità totale e permanente all'esercizio della professione, il pensionato di invalidità può chiedere la concessione della pensione di inabilità in sostituzione di quella di invalidità, a condizione che lo stesso provveda alla cancellazione da tutti gli albi forensi.

7 6) PENSIONE DI REVERSIBILITÀ' E PENSIONE INDIRETTA CHI NE HA DIRITTO: - Il coniuge, anche se separato legalmente, purché non gli sia stata addebitata la responsabilità della separazione. - I figli minorenni ed equiparati: minori di anni 18; studenti di scuola media o professionale di età non superiore a 21 anni, a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino lavoro retribuito; studenti universitari, a carico del genitore al momento del decesso, che non prestino lavoro retribuito, per gli anni del corso legale di laurea e comunque non oltre il compimento del 26 anno di età; figli maggiorenni inabili, che risultino (in quanto affetti da inabilità permanente ed assoluta a proficuo lavoro) a carico dell'iscritto pensionato al momento della sua morte. DECORRENZA: dal 1 giorno del mese successivo alla presentazione della domanda EROGAZIONE: su domanda dell'interessato, tramite compilazione dell'apposito modulo, debitamente compilato REVOCA: nel caso in cui la vedova o il coniuge divorziato passi a nuove nozze, con decorrenza dal primo giorno del mese successivo al nuovo matrimonio.

8 A) RICONGIUNZIONE: CHE COS'E': ISTITUTO CHE SE ESERCITATO CONSENTE DI CONSEGUIRE UN'UNICA PENSIONE E RIGUARDA L'INTERO PERIODO DI CONTRIBUZIONE MATURATO PRESSO ALTRE GESTIONI PREVIDENZIALI RELATIVAMENTE A RAPPORTI ASSICURATIVI NON PIÙ IN ATTO AL MOMENTO DELLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA. SOGGETTI LEGITTIMATI: lavoratori autonomi o dipendenti PER INOLTRARE LA DOMANDA: deve compilarsi l'apposito modulo in ogni sua parte allegando la fotocopia di un documento di riconoscimento TIPI: Ricongiunzione > nella gestione nella quale il soggetto risulta iscritto al momento della presentazione della domanda. Ricongiunzione in gestione diversa da quella di iscrizione. > Ricongiunzione per la liquidazione di un supplemento di pensione. ONERE: pari alla differenza tra la riserva matematica necessaria alla copertura assicurativa relativa al periodo considerato e l'importo dei contributi trasferiti da altre gestioni.

9 B RISCATTO SOGGETTI LEGITTIMATI: - Iscritti Cassa, anche pensionati in regola con l'invio delle comunicazioni obbligatorie alla Cassa; - cancellati Cassa, che conservino il diritto a pensione di vecchiaia, - titolari di pensione di inabilità; - superstiti di avvocati deceduti (non pensionati) al fine di maturare il decennio di anzianità di iscrizione alla Cassa necessario per conseguire la pensione indiretta. ANNI RISCATTABILI - Corso legale di laurea in giurisprudenza (max 4 anni); - servizio militare obbligatorio (max 2 anni); - servizio civile sostitutivo o equiparato al servizio militare obbligatorio (max 2 anni); - servizio militare prestato in guerra; - praticantato con e senza abilitazione al patrocinio (max 3 anni). CONTRIBUZIONE DOVUTA Il contributo deve assicurare la riserva matematica necessaria per la copertura assicurativa relativa al periodo riscattato e non può essere comunque inferiore, per ciascun anno riscattato ; ad un importo corrispondente alla somma dei contributi minimi (soggettivo e integrativo) dell'anno di presentazione della domanda. PER INOLTRARE LA DOMANDA: deve compilarsi l'apposito modulo in ogni sua parte allegando la fotocopia di un documento d riconoscimento

10 C) TOTALIZZAZIONE CHE COS'E': CONSENTE DI MATURARE UNA PENSIONE CUMULANDO, SENZA ALCUN ONERE PER L'ISCRITTO, PERIODI ASSICURATIVI, NON COINCIDENTI TRA LORO, DI DURATA NON INFERIORE A 3 ANNI, MATURATI PRESSO GESTIONI PREVIDENZIALI DIVERSE, AI FINI DEL CALCOLO DI UN UNICO TRATTAMENTO PENSIONISTICO. SOGGETTI INTERESSATI Tutti coloro che nel corso della propria vita lavorativa, avendo svolto attività diverse, siano stati iscritti a due o più gestioni previdenziali, per periodi non coincidenti di almeno 3 anni, a condizione che non risultino titolari di alcun trattamento pensionistico autonomo presso una di tali gestioni. ESERCIZIO DEL DIRITTO La totalizzazione può essere conseguita, previa domanda dell'interessato o dell'avente causa, da trasmettere alla gestione previdenziale di ultima iscrizione dell'assicurato. I contributi, a suo tempo versati, restano accreditati presso i rispettivi Enti, che ne certificano il pagamento ed il corrispettivo periodo temporale. TIPOLOGIE DI PENSIONE CONSEGUIBILI MEDIANTE TOTALIZZAZIONE --> Pensione di vecchiaia; --> Pensione di anzianità (con 40 anni di contributi); > Pensione di inabilità; > Pensione indiretta in favore dei superstiti. Ai fini della pensione di vecchiaia e di anzianità, la totalizzazione può essere richiesta a condizione che l'interessato: abbia compiuto il 65 anno di età e maturato almeno 20 anni di anzianità contributiva ovvero 40 anni di anzianità contributiva a prescindere dall'età; abbia maturato gli altri requisiti, diversi dall'età e dall'anzianità contributiva, per l'accesso alla pensione.(es. cancellazione albi per la pensione di anzianità).

11 DI ' PRESTAZIONI ASSISTENZIALI Quali sono: > PARTO A) MATERNITA' INDENNITÀ --> ADOZIONE --> ABORTO B) ASSISTENZA N CASO DI BISOGNO C) ASSISTENZA INDENNITARIA > CATASTROFE O CALAMITA' > INFORTUNIO O MALATTIA D) ALTRE PROVVIDENZE --> SPESE FUNERARIE --> ULTRAOTTANTENNI > IN CORSO DI ATTUAZIONE A) INDENNITÀ DI MATERNITÀ 1) IN CASO DI PARTO BENEFICIARIE: iscritte alla Cassa con decorrenza anteriore alla data del parto. REQUISITI: Inesistenza del diritto all'indennità di maternità DOMANDA: La domanda deve essere inoltrata trasmettendo alla Cassa il modulo, scaricabile dal sito debitamente compilato e corredato dei documenti, indicati nel medesimo. La domanda deve essere presentata, a pena di decadenza, a decorrere dal compimento della 26esima settimana di gestazione fino al termine (perentorio) di 180 giorni dal parto. MISURA DELL'INDENNITA' L'indennità è pari all'80% di 5/12 del reddito professionale Irpef netto prodotto nel r anno anteriore al verificarsi dell'evento. L'indennità viene corrisposta in unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) per i due mesi antecedenti la data presunta del parto e per i tre mesi successivi la data effettiva dei parto, per un totale di cinque mensilità. Il pagamento viene eseguito mediante accredito su conto corrente bancario intestato alla professionista, oppure tramite assegno circolare non trasferibile inviato presso il suo domicilio fiscale.

12 2) IN CASO DI ADOZIONE O AFFIDAMENTO PREADOTTIVO BENEFICIARIE: Iscritte alla Cassa con decorrenza anteriore alla data di ingresso del minore (che non deve aver superato il sesto anno di età, se di nazionalità italiana o che abbia anche superato il sesto anno, se di nazionalità estera). REQUISITI: Inesistenza del diritto all'indennità di maternità. DOMANDA: La domanda deve essere inoltrata trasmettendo alla Cassa il modulo, scaricabile dal sito debitamente compilato e corredato dei documenti, indicati nel medesimo. La domanda deve essere presentata, a pena di decadenza, entro il termine perentorio di 180 giorni dalla data di ingresso del minore nella casa materna. MISURA DELL'INDENNITA': L'indennità è pari all'80% di 5/12 del reddito professionale Irpef netto prodotto nel 2 anno anteriore all'ingresso del minore nella casa materna (sia nel caso di adozione nazionale che internazionale) qualora il bambino non abbia superato il 6 anno di età. unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) per complessive cinque mensilità L'indennità; viene corrisposta in unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) per complessive tre mensilità. 11 pagamento viene eseguito mediante accredito su conto corrente bancario intestato alla professionista, oppure tramite assegno circolare non trasferibile inviato presso il suo domicilio fiscale. 3) IN CASO DI ABORTO SPONTANEO O TERAPEUTICO BENEFICIARIE: Iscritte alla Cassa con decorrenza anteriore alla data dell'aborto. REQUISITI: --> Inesistenza del diritto all'indennità di maternità, --> aborto (spontaneo o terapeutico) verificatosi non prima del terzo mese di gravidanza (61 giorno) ed entro la 26 settimana. DOMANDA: La domanda deve essere inoltrata trasmettendo alla Cassa il modulo, scaricabile dal sito debitamente compilato e corredato dei documenti, indicati nel medesimo. La domanda deve essere presentata entro il termine perentorio di 180 giorni dalla data dell'aborto. MISURA DELL'INDENNITA':

13 L'indennità è pari all'80% di 1/12 del reddito professionale Irpef netto prodotto nel 2 anno anteriore al verificarsi dell'evento. L'indennità viene corrisposta in unica soluzione (applicando la ritenuta d'acconto del 20%) Il pagamento viene eseguito mediante accredito su conto corrente bancario intestato alla professionista, oppure tramite assegno circolare non trasferibile inviato presso il suo domicilio fiscale. B) ASSISTENZA IN CASO DI BISOGNO COS'E': Questo tipo di assistenza comprende le condizioni (li difficoltà economica contingente o momentanea con particolare riguardo ai casi di malattia o infortunio. BENEFICIARI: Iscritti alla - Cassa da data anteriore alla presentazione della domanda di erogazione di assistenza. - avvocati che, pur senza essere iscritti alla Cassa, contribuiscano, ai sensi dell'art. I l della legge 20 settembre 1980, n. 576, o abbiano contribuito ai sensi degli arti. 10 e 11 della medesima legge, come modificati dagli arti. 5 e 6 della legge 11 febbraio 1992, n.141, o abbiano versato contributi personali in base a leggi precedenti; - beneficiari di pensione a carico della Cassa; - familiari di persone defunte appartenenti ad una delle precedenti categorie. Salvo casi particolari e con circostanziata motivazione, le erogazioni in favore degli iscritti alla Cassa ai soli fini assistenziali e dei loro familiari non possono superare l'importo dei contributi versati. EROGAZIONE La prestazione assistenziale in oggetto, è erogata dalla Cassa in base a proposta deliberata dal competente Consiglio dell'ordine, al quale dovrà essere indirizzata la domanda, corredata della documentazione, di cui all'art. 8 del regolamento per l'erogazione dell'assistenza. Il Consiglio dell'ordine trasmette alla Cassa copia delle proposte di assegnazione motivate. La Giunta Esecutiva della Cassa, verificata la sussistenza delle condizioni legittimanti la concessione e richiesti, se necessari, ulteriori chiarimenti, dispone la trasmissione agli Ordini, degli importi deliberati in favore degli assistiti. L'ammontare complessivo del contributo assistenziale, sia ordinario sia straordinario, non può superare, di norma, il doppio della pensione minima erogata dalla Cassa nell'anno in cui si è verificato l'evento.

14 C) ASSISTENZA INDENNITARIA 1) INDENNIZZO PER CATASTROFE O CALAMITÀ COS'E': La Cassa può concedere un indennizzo in favore di coloro che, a causa di eventi naturali (calamità o catastrofe), abbiano subito danni incidenti sull'attività professionale. L'ammontare complessivo del contributo assistenziale non può superare il doppio della pensione minima erogata dalla Cassa nell'anno in cui si è verificato l'evento. BENEFICIARI: Iscritti -> alla Cassa che risiedono o esercitano la professione in un comune colpito dall'evento e che, a causa dello stesso, abbiano subito un danno incidente sull'attività professionale; superstiti -> di iscritti alla Cassa che, al verificarsi dell'evento calamitoso, siano titolari di pensione a carico della stessa o abbiano diritto a conseguirla. DOMANDA: deve essere inoltrata direttamente alla Cassa, corredata della documentazione indicata nel regolamento per l'erogazione dell'assistenza. 2) INDENNIZZO PER INFORTUNIO O MALATTIA COS'E': Può essere erogata nei casi di malattia o infortunio che abbiano impedito, in maniera assoluta. l'esercizio della professione per almeno tre mesi. La durata e la natura della malattia o dell'infortunio vengono accertate con relazione di un medico legale o di un primario ospedaliero designato dalla Cassa. L'indennizzo può essere concesso una sola volta per lo stesso evento ed è ragguagliato ai mesi di interruzione totale dell'attività professionale, per periodi non inferiori a tre mesi e non superiori a dodici, anche se i vari periodi non fossero continuativi tra loro. L'ammontare mensile lordo dell'indennizzo è pari ad 1/24 della media dei redditi professionali annui, dichiarati dall'iscritto relativamente ai dieci anni solari anteriori all'evento o per tutti gli anni di iscrizione alla Cassa BENEFICIARI: --> Iscritti alla Cassa da almeno tre anni e non pensionati, che, a causa di infortunio o malattia, non abbiano potuto esercitare la professione in modo assoluto per un periodo non inferiore a tre mesi. DOMANDA: Deve essere inoltrata direttamente alla Cassa, corredata della documentazione indicata nel regolamento per l'erogazione dell'assistenza.

15 D) ALTRE PROVVIDENZE 1) CONTRIBUTO PER SPESE FUNERARIE BENEFICIARI: Prossimi congiunti di avvocati iscritti alla Cassa o di titolari di pensione a carico della stessa (coniuge superstite e figli conviventi) > Parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo, coniuge separato e convivente more uxorio. MODALITA' DI EROGAZIONE: > Nel caso di coniuge superstite e figli conviventi, titolari di diritto a pensione, il contributo è liquidato senza alcun supporto documentale; Nel caso di parenti entro il terzo grado, affini entro il secondo, coniuge separato e convivente more uxorio, il contributo è liquidato a domanda, utilizzando l'apposito modulo, nei limiti delle spese effettivamente sostenute, corredata dai seguenti documenti: - certificato di morte; - dichiarazione dalla quale risulti l'appartenenza ad una delle categorie sopra indicate; - fattura delle spese sostenute intestate al richiedente. 2) EROGAZIONI ASSISTENZIALI IN FAVORE DI AVVOCATI ULTRAOTTANTENNI BENEFICIARI: > Avvocati ultraottantenni titolari di pensione a carico della Cassa MODALITÀ ' DI EROGAZIONE A richiesta dell'interessato, mediante domanda, utilizzando l'apposito modulo da trasmettere alla Cassa tra il l gennaio ed il 30 giugno di ogni anno, corredata di una dichiarazione attestante i redditi imponibili, mobiliari ed immobiliari, del richiedente (per intero) e del coniuge convivente (per metà) anche se soggetti a tassazione separata. Il beneficio, in oggetto, viene erogato qualora tali redditi non superino complessivamente il doppio della pensione minima annua erogata dalla Cassa nell'anno di presentazione della domanda. L'importo è determinato annualmente dal Consiglio di Amministrazione, in relazione alla situazione di bilancio, in misura non superiore alla metà della pensione minima annua prevista per l'anno di presentazione della domanda. 3) PROVVIDENZE IN CORSO DI ATTUAZIONE Nella misura stabilita dal Comitato dei Delegati, la Cassa può conferire a favore degli iscritti a tutti gli effetti previdenziali ed assistenziali, nonché dei titolari di pensione a carico della stessa e dei loro familiari: borse di studio contributo per spese di ospitalità in istituti per anziani, malati cronici a lungodegenti; contributo per spese di assistenza infermieristica domiciliare temporanea.

16 POLIZZA SANITARIA Vigenza e Durata: Dal 1 gennaio 2011 è vigente il rinnovo della Polizza Sanitaria della Cassa Forense con la Unisalute spa (Gruppo Unipol), operativa sino al 31 dicembre Nei confronti di chi opera: La copertura assicurativa si estende, senza alcun limite di età minimo e con limite di età massimo di 90 anni, a : 1) in via automatica e gratuita, tutti gli avvocati iscritti alla Cassa Forense 2) pensionati non più iscritti agli Albi 3) superstiti di Avvocati iscritti alla Cassa offrendo la possibilità di estenderla, con oneri a carico dell'interessato, a: a) i propri familiari; b) i pensionati non più iscritti alla Cassa; che richiedano annualmente l'estensione della polizza sanitaria per C 130,00 per ogni componente del nucleo. L'adesione al Piano per i familiari è: facoltativa da presentarsi a mezzo modulo presente sul sito della Cassa Forense esclusivamente tramite bonifico bancario entro il termine perentorio del 28 febbraio di ciascun anno assicurato: Oggetto Sinistro: per il quale sarà dovuto un indennizzo Infortunio: per ogni evento dovuto a causa fortuita, violenta ed esterna che produca lesioni corporali constatabili oggettivamente

17 - T Tutela Automatica per : 1) Grandi Interventi Chirurgici 2) Gravi Eventi Morbosi quali quelli: a) determinanti ricovero SENZA Intervento Chirurgico o Trattamento Medico Domiciliare b) determinanti riduzione della capacità lavorativa generica pari o superiore al 66% 3) Malattie Oncologiche Modalità previste in caso di : Ricovero in Istituto di Cura (ospedale pubblico, case di cura o cliniche private anche all'estero) per: a) Grande Intervento chirurgico b) Grande Evento Morboso Il Piano Sanitario prevede il diritto al pagamento delle spese sostenute: a) nei giorni precedenti sino a 90 giorni per Grandi Interventi c) nei giorni precedenti sino a 30 giorni per Grande Evento Morboso d) nei giorni dopo il ricovero sino a 120 giorni in entrambi i casi, durante degenza, anche in caso di day-hospital, per retta, medicinali assistenza infermieristica e accompagnatore 2) Utilizzo del Servizio Sanitario Nazionale Il Piano Sanitario prevede il diritto al rimborso delle spese sostenute: a) integralmente per ticket sanitari b) integralmente per trattamenti alberghieri rimasti a carico dell'assicurato. 3) Utilizzo di strutture convenzionate e medici convenzionati Il Piano Sanitario prevede il diritto al pagamento delle spese sostenute: a) liquidate direttamente alle strutture stesse da parte dell'ente Assicuratore b) prive di scoperti e franchigie, ad eccezione di garanzie che prevedono specifici limiti

18 4) Ricovero in Strutture non Convenzionate Il Piano Sanitario prevede il diritto al rimborso delle spese sostenute: a) Grandi per Interventi Chirurgici: - per ogni intervento elencato con limite di rimborso previsto dalla polizza b) per Gravi Eventi Morbosi: - per ogni ricovero con limite di rimborso pari a ,00 per anno solare - per ogni Trattamento Medico Domiciliare con limite di rimborso pari a ,00 per assicurato - in entrambi i casi, con il limite di una somma massima per nucleo familiare pari a ,00 per anno solare 5) Malattia Oncologica: Il Piano Sanitario prevede ii pagamento delle spese sostenute per malattia oncologica: a) onorari del chirurgo, retta di degenza e assistenza medica e infermieristica per Intervento Chirurgico c) terapie rese necessarie dalla malattia oncologica (anche senza intervento Chirurgico) di durata superiore a 10 giorni Somme massime previste in caso di utilizzo di: a) Strutture Convenzionate e Strutture Non Convenzionate: b) per anno solare e per nucleo familiare rispettivamente per : e) ricoveri con Intervento Chirurgico sino a E ,00 d) ricoveri di durata superiore a 10 giorni che non comportano Intervento Chirurgico ,00

19 Casi di esclusione : - aborto non terapeutico ed eventuali conseguenze - malattie mentali e disturbi psichici - patologie nevrotiche Commissione Paritetica Permanente : La Commissione composta da: quattro membri designati dalla Cassa Forense due membri designati dalla Società Assicurativa 11 Piano Sanitario usufruisce della Commissione per la risoluzione amministrativa di problematiche insorte e relative a controversie, quali: a) interpretazione delle clausole contrattuali b) sussistenza dell'obbligo di indennizzo e) tipologia e durata della malattia d) tipologia e durata dell'infortunio e) misura dei rimborsi e liquidazioni di indennità f) verifica del comportamento delle parti nell'esecuzione del contratto con riferimento agli obblighi assunti g) monitoraggio dei sinistri Unisalute Spa call center Lunedì-giovedì 8,30-13,30 Sito Cassa Forense

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti

La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti La normativa delle Casse di previdenza dei liberi professionisti Analisi degli Enti del decreto 509/1994 LA PENSIONE DELL AVVOCATO CASSA FORENSE Indice Considerazioni di carattere generale La contribuzione

Dettagli

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE -

BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - BREVE VADEMECUM IN MATERIA DI - PREVIDENZA FORENSE - Premessa La Previdenza Forense è materia complessa, che riguarda tutti gli Avvocati. Oggi è argomento di dibattito, spesso anche acceso, date le novità

Dettagli

ASSISTENZA WELFARE DOMANI

ASSISTENZA WELFARE DOMANI ASSISTENZA OGGI WELFARE DOMANI In attuazione del principio costituzionale di sicurezza sociale, la Cassa, oltre ai trattamenti previdenziali, tutela gli iscritti mediante erogazione di trattamenti assistenziali,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI. Art. 1 PRESTAZIONI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI Art. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali: a) Pensione di vecchiaia; b) Pensione di anzianità; c) Pensione di invalidità;

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI REGOLAMENTO PER LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI (Testo approvato dal Comitato dei Delegati nella seduta del 5 settembre 2012) ART. 1 PRESTAZIONI 1. La Cassa corrisponde le seguenti prestazioni previdenziali:

Dettagli

Presentazione. Avv. Nunzio Luciano Presidente Cassa Forense

Presentazione. Avv. Nunzio Luciano Presidente Cassa Forense FC Presentazione Il 1 gennaio 2016 entrerà in vigore il nuovo Regolamento per l Assistenza. Si tratta di un pacchetto di norme che, attraverso lo stanziamento di oltre 60 milioni di euro l anno, introduce

Dettagli

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015

L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo. Padova, 22 maggio 2015 L evoluzione della pensione a seguito della riforma Lo Presti e della maggiore aliquota di computo Padova, 22 maggio 2015 Il secondo Welfare dei Dottori Commercialisti dott.ssa Anna Faccio In caso di gravidanza

Dettagli

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap)

Pensione di reversibilità. ENPAM INPS ( ex-inpdap) Pensione di reversibilità ENPAM INPS ( ex-inpdap) La pensione di reversibilità, anche conosciuta come pensione ai superstiti, è una prestazione economica erogata, a domanda, in favore dei superstiti La

Dettagli

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati

Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Le prestazioni per gli iscritti alla gestione separata dei lavoratori parasubordinati Pensione di vecchiaia Con almeno 57 anni, sia uomini che donne possono conseguire la pensione di vecchiaia. Si prescinde

Dettagli

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati

aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati aiga Associazione Italiana Giovani Avvocati VADEMECUM CASSA FORENSE 1 ISCRIZIONE ALLA CASSA L Iscrizione alla Cassa Forense è obbligatoria al raggiungimento e/o al superamento di uno dei due limiti reddituali

Dettagli

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014

La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Latina, 18 novembre 2014 La Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti Latina, 18 novembre 2014 La Previdenza dei Dottori Commercialisti o1 La previdenza dei Dottori Commercialisti: La posizione assicurativa Dottore Commercialista

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli REGOLAMENTO GENERALE PREVIDENZA 2012 1 Art. 4 Art. 5 Art. 7 Contributo soggettivo c.2 Contributo facoltativo c.4 Contributo figurativo Contributo integrativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA TITOLO I Capo I Tipologia delle prestazioni Articolo 1 Prestazioni Le prestazioni assistenziali previste dallo statuto e dal presente regolamento a favore degli

Dettagli

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve

CASSA FORENSE. Conoscerla in breve CASSA FORENSE Conoscerla in breve 1 A cura della Commissione Formazione di Cassa Forense: Avv. Barilli Cecilia Avv. Cecchin Pietro Paolo - Coordinatore Avv. Facchetti Eleonora - Segretario Avv. Giacchetti

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA L

LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA L LA CNPADC E LE PRESTAZIONI EROGATE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI A SOSTEGNO DELLA MATERNITA... 2 L indennità di maternità... 2 L indennità per interruzione di gravidanza... 3 Il contributo a sostegno

Dettagli

Capitolo 7 La previdenza forense

Capitolo 7 La previdenza forense Parte prima L ordinamento forense Capitolo 7 La previdenza forense Sommario 1. La cassa nazionale di previdenza e assistenza forense. - 2. Gli organi della cassa. - 3. Il patrimonio e la sua gestione.

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE LA PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE Premessa Il sistema previdenziale per gli operatori del Servizio Sanitario Nazionale, come quello dei pubblici dipendenti, risulta notevolmente

Dettagli

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense

BREVIARIO SULLA PREVIDENZA FORENSE di Giulio Pignatiello Delegato nazionale alla Cassa Forense IL PRATICANTE E LA CASSA. Il praticante non ha alcun tipo di obbligo nei confronti della Cassa. Non deve inviare il MODELLO 5, non deve applicare in fattura il contributo integrativo del 4% e di conseguenza

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA REGOLAMENTO DELLE FORME DI ASSISTENZA TITOLO I NORME DI CARATTERE GENERALE Articolo 1 Forme di assistenza 1.1. Le forme di assistenza di cui all art. 3, comma 3, dello Statuto e dell art. 32 del Regolamento

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 2014 1 Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota A Quota B 2 QUOTA

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti

Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza a favore dei Dottori Commercialisti Le prestazioni previdenziali LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI DIRETTE Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Supplemento

Dettagli

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP)

Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) Pensione di reversibilità ENPAM-INPS ( EX-INPDAP) INDICE Definizione- Differenti regole in ENPAM ed in INPS Slide 3 ENPAM - Pensione indiretta e pensione di reversibilità ai superstiti-superstiti Slide

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione...

SOMMARIO. Presentazione... Prefazione... SOMMARIO Presentazione... Prefazione... V VII Capitolo I - Profili generali della previdenza forense 1. La previdenza dei liberi professionisti... 3 2. (Segue): caratteristiche generali del regime previdenziale

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

APPUNTI CONVEGNO PARI OPPORTUNITA PREVIDENZA ASSISTENZA

APPUNTI CONVEGNO PARI OPPORTUNITA PREVIDENZA ASSISTENZA LA PREVIDENZA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Monza - 2 dicembre 2010 Vittorio Vismara Fabio Enrico Pessina APPUNTI CONVEGNO PARI OPPORTUNITA PREVIDENZA ASSISTENZA L'INDENNITA' DI MATERNITA' D. Lgs. 26/3/01

Dettagli

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA

LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA LA CASSA FORENSE CARATTERISTICHE DELLA CASSA La Cassa è stata istituita con legge 8 gennaio 1952 ed è stata trasformata, a decorrere da 1 gennaio 1995, in fondazione con personalità giuridica di diritto

Dettagli

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli SERVIZI A FAVORE DELL'ISCRITTO 1 PRESTITI D'ONORE 2 PRESTITI D'ONORE BENEFICIARI Possono accedere al Prestito d'onore: gli Iscritti ad Inarcassa con

Dettagli

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM

Il sistema previdenziale di categoria. Fondi di Previdenza ENPAM Il sistema previdenziale di categoria Fondi di Previdenza ENPAM Obbligatorietà dei Fondi I Fondi di Previdenza ENPAM sono tutti ad iscrizione obbligatoria ed automatica: 1) FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

Dettagli

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI

PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PRESTAZIONI PREVIDENZIALI 1 TIPOLOGIA DI PRESTAZIONI Pensione di vecchiaia Pensione di vecchiaia anticipata Pensione di vecchiaia contributiva Pensione anzianità Pensione di inabilità Pensione di invalidità

Dettagli

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino

Torino, 11 novembre 2013. Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Torino, 11 novembre 2013 Marcello Alessandro Resca Delegato Cassa per ODCEC Torino Prestazioni Assistenziali a favore dei Dottori Commercialisti In caso di Gravidanza: -Indennità di maternità -Interruzione

Dettagli

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012

SEMINARIO. Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 SEMINARIO I LAVORATORI ATIPICI NELLE PROFESSIONI Partite IVA, lavoratori a progetto e aspetti previdenziali 15 NOVEMBRE 2012 Dr. Gianbattista Guzzetti (Unione Confcommercio Imprese per l Italia-Milano-Lodi-Monza

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo.

Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. Istituzione dell integrazione al minimo vitale per trattamenti pensionistici calcolati esclusivamente con il sistema contributivo. A) La prestazioni per invalidità nel regime generale obbligatorio La legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI ART. 1 Prestazioni 1.1 La Cassa corrisponde le seguenti pensioni: a) di vecchiaia; b)

Dettagli

Pensioni INPS. Prime tabelle

Pensioni INPS. Prime tabelle Pensioni INPS 2012 Prime tabelle Gli importi delle pensioni INPS dal 1 gennaio 2012 e limiti di reddito per alcune prestazioni sociali La perequazione automatica in base all aumento del costo della vita,

Dettagli

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012

BANDO PER I TRATTAMENTI DI ASSISTENZA - I SEMESTRE 2012 E.P.A.P. Ente di Previdenza e Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 BANDO PER

Dettagli

Enpaf Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Farmacisti

Enpaf Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Farmacisti ~Enpaf è l'ente di previdenza e assistenza dei farmacisti che eroga pensioni, prestazioni di assistenza e indennità di maternità agli iscritti che ne abbiano diritto, secondo le norme di legge o di regolamento.

Dettagli

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile

Legge 12 giugno 1984, n. 222. Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Legge 12 giugno 1984, n. 222 Revisione della disciplina dell'invalidità pensionabile Assegno ordinario di invalidità Art. 1 1. Si considera invalido, ai fini del conseguimento del diritto ad assegno nell'assicurazione

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum 2015 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto Quota A

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA LA PENSIONE DI REVERSIBILITA La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl.n. 636) spetta a: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità Superstiti dell assicurato

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO FOCUS SU CASI PARTICOLARI NELLA GESTIONE Gestione pensioni Investimenti Intervengono: Dott.ssa Tiziana Bocus Dott.ssa Giuseppina Castiglione Esperte

Dettagli

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali

15 lezione Le prestazioni previdenziali e assistenziali L'attività dell Inps consiste nella liquidazione e nel pagamento delle prestazioni che possono essere di natura previdenziale assistenziale sono liquidate sulla base di rapporti assicurativi e finanziate

Dettagli

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI

LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI LE PRESTAZIONI INPS IN SINTESI La pensione di vecchiaia Si accede a tale prestazione al raggiungimento di una determinata età pensionabile e dopo aver maturato il requisito contributivo minimo richiesto

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN

SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN SOSTENIBILITA E PROSPETTIVE FUTURE DELLE PENSIONI FINANZIERBARKEIT UND ZUKUNFTSPERSPEKTIVEN DER PENSIONEN 21.05.2011 BOLZANO/BOZEN Previdenza ENPAM Il fondo di Previdenza Generale è composto da: Quota

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Sandro Tranquilli e Sara Di Stefano PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI GESTIONE SEPARATA ENPAPI RISPOSTE AI DUBBI PIÙ FREQUENTI PRESTAZIONI ASSISTENZIALI SOMMARIO PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE... 2 PRESTAZIONI ASSISTENZIALI - INDENNITÀ DI MATERNITÀ

Dettagli

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei

superstiti sono cu-mulabili con i redditi del beneficiario, nei limiti di cui al-la Tabella F allegato 1. Il trattamento derivante dal cumulo dei Circolare INPS del 25 agosto 1995 n. 234 Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensio- nistico obbligatorio e complementare. Pensioni ai superstiti e trattamenti di invalidità. Nuovi limiti

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni

REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI. Prestazioni REGOLAMENTO PER L ATTUAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEGLI ISCRITTI E DEI LORO FAMILIARI ART. 1 Prestazioni 1.1 La Cassa corrisponde le seguenti pensioni: a) di vecchiaia; b)

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. Vademecum Gennaio 2014 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi fissi Quota A pag. 5 Contributi di riscatto

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1. SOGGETTI CHE ACCEDONO A PENSIONE CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO (art. 1, comma 40, della legge n. 335 del 1995) Nei confronti dei soggetti

Dettagli

Comitato dei Delegati

Comitato dei Delegati Comitato dei Delegati 9 settembre 2013 La necessità di una riforma del sistema previdenziale I provvedimenti adottati 1. Aumento dell'aliquota del soggettivo e del massimale sul reddito; 2. Aumento del

Dettagli

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa

Art. 1 Iscrizione obbligatoria alla Cassa REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ART. 21 COMMI 8 E 9 LEGGE N. 247/2012 (Delibera del Comitato dei Delegati del 31 gennaio 2014 e successive modificazioni - Approvato con nota ministeriale del 7 agosto 2014

Dettagli

La Previdenza del Pediatra di libera scelta

La Previdenza del Pediatra di libera scelta ENTE NAZIONALE PREVIDENZA ED ASSISTENZA ENTE NAZIONALE MEDICI PREVIDENZA ED ODONTOIATRI ED ASSISTENZA DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI La Previdenza del Pediatra di libera scelta Pietro Fusilli Responsabile

Dettagli

E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro. Testo a fronte REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro. Testo a fronte REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro Testo a fronte REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Recante le modifiche adottate dall Assemblea dei Delegati in data

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Il regime francese di protezione sociale III - Pensione

Il regime francese di protezione sociale III - Pensione Il regime francese di protezione sociale III - Pensione In Francia la pensione di base è integrata da pensioni complementari obbligatorie che riposano ugualmente sul meccanismo della ripartizione: ARRCO

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto

Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI. di Fabio Fioretto Previdenza obbligatoria e complementare ENPAPI di Fabio Fioretto PREMESSA Il diritto ad ottenere trattamenti pensionistici al raggiungimento dei requisiti stabiliti dalla normativa trae diretto fondamento

Dettagli

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola

LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI. LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola LA PREVENZIONE DEI TUMORI NELL ASL DI LECCO. LE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI LECCO 21 DICEMBRE 2015 Servizio Medicina Legale Dr Daniele Coppola Lo Stato assiste i pazienti oncologici attraverso il riconoscimento

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere:

LA PENSIONE AI SUPERSTITI. La Pensione ai superstiti può essere: LA PENSIONE AI SUPERSTITI La Pensione ai superstiti può essere: - di reversibilità: nel caso in cui il defunto fosse già titolare di pensione (di vecchiaia, di anzianità, di inabilità) prima del decesso.

Dettagli

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza

LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE E.N.P.A.M. A cura della Direzione del Dipartimento della Previdenza Febbraio 2009 1 FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Contributi Obbligatorietà della contribuzione pag. 4 Contributi

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA )

LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) LA PENSIONE AI SUPERSTITI (REVERSIBILITA ) DUE TIPI DI PENSIONE La pensione ai superstiti può essere: 1) DI REVERSIBILITA' : se il defunto è già titolare di pensione diretta (vecchiaia, inabilità, anzianità).

Dettagli

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap)

Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) Pensione di inabilità assoluta e permanente ENPAM - INPS( ex-inpdap) ENPAM La pensione di inabilità assoluta e permanente è una prestazione economica che viene erogata da ENPAM ai medici e odontoiatri

Dettagli

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013

Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 Le pensioni in CUMULO ART.1 COMMI 239-246 LEGGE 24.12.2012, N 228 LEGGE DI STABILITA 2013 RICONGIUNZIONE Lavoratori iscritti a due o più forme di assicurazione: AGO INPS - IVS dipendenti e autonomi TOTALIZZAZIONE

Dettagli

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc..

I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. I diritti previdenziali dei lavoratori stranieri: mutua, malattia, congedi parentali, maternità, ecc.. A cura di Simonetta Zini Servizio Previdenza Che cos è? L assicurazione obbligatoria è la forma con

Dettagli

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Via Vicenza, 7-00185 Roma REGOLAMENTO EX ART. 19 BIS DEL REGOLAMENTO DELL ENTE PER L EROGAZIONE DEI TRATTAMENTI DI ASSISTENZA Approvato dal Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali

Dettagli

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE

ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE ASSEGNO AL NUCLEO FAMILIARE L assegno per il nucleo familiare e' una prestazione a sostegno delle famiglie dei lavoratori dipendenti e dei titolari di prestazione a carico dell'assicurazione generale obbligatoria,

Dettagli

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati.

È il sistema di calcolo valido per coloro che sono stati assunti dopo il 31 dicembre 1995 ed è legato alla totalità dei contributi versati. PENSIONI In virtù del principio della territorialità dell obbligo assicurativo, i lavoratori devono essere assicurati ai fini previdenziali ed assistenziali nel Paese in cui svolgono attività lavorativa.

Dettagli

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it

sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it sportello previdenza ogni mercoledì dalle 11.30 alle 12.30 previo appuntamento a info@avvocati.ud.it obbligo iscrizione praticanti NO praticanti con patrocinio NO obbligo avvocati NO obbligo salvo superamento

Dettagli

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP

Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di reddito e le rilevanze INPS e INPDAP Prospetto 1 - Le prestazioni collegate a limiti di e le rilevanze e INPDAP Codice Reddito del 1 Integrazione al minimo. Pensioni con decorrenza anteriore al 1 febbraio 1994 - del della casa di abitazione

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO E.N.P.A.C.L. Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza per i Consulenti del Lavoro REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELLO STATUTO Approvato dall Assemblea dei Delegati nella riunione del 24 e 25 giugno 2008 e

Dettagli

La Fondazione E.N.P.A.M.

La Fondazione E.N.P.A.M. 1 I FONDI DI PREVIDENZA 2 Il Fondo di Previdenza Generale Contribuiscono alla Quota A : tutti gli iscritti all Albo dei Medici Chirurghi ed all Albo degli Odontoiatri Contribuiscono alla Quota B - Fondo

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA

REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA REGOLAMENTO GENERALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI DI ASSISTENZA Articolo 1 Finalità. 1. Il presente Regolamento disciplina l erogazione delle prestazioni assistenziali di cui all art. 3, comma 2

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO

INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO INPGI GESTIONE SEPARATA LAVORO AUTONOMO 1 PRINCIPALI FONTI NORMATIVE E REGOLAMENTARI Legge 335/1995, art. 2, comma 25; Dlgs 103/96; Legge 247/07, art 1, comma 80 (norme di attuazione del Protocollo welfare

Dettagli

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003

PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM. Marzo 2003 LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE Marzo 2003 ENPAM LA PREVIDENZA DELLA FONDAZIONE ENPAM A cura della Direzione dei Servizi del Dipartimento della Previdenza Marzo 2003 I INDICE Contributi FONDO DI PREVIDENZA

Dettagli

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti

REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI. Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti REGOLAMENTO RISCATTI E RICONGIUNZIONI Art. 1 - Soggetti, modalità e termini per i riscatti 1.1 - Gli iscritti ad Inarcassa possono riscattare: a) il periodo legale dei corsi di laurea d ingegneria e di

Dettagli

CIRCOLARE RELATIVA ALLA RIFORMA PREVIDENZIALE DELLA CASSA RAGIONIERI

CIRCOLARE RELATIVA ALLA RIFORMA PREVIDENZIALE DELLA CASSA RAGIONIERI INTRODUZIONE Con Decreto Interministeriale del 22 aprile 2004, è stata resa esecutiva la deliberazione del Comitato dei delegati di cui alla riunione del 20 dicembre 2003 che ha approvato, fra l'altro,

Dettagli

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE

LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE LE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI I TIPI DI PENSIONE Le PRESTAZIONI PREVIDENZIALI sono un trasferimento di denaro che sostituisce il reddito da lavoro nel momento in cui si verificano determinati eventi, quali:

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE

REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE REGOLAMENTO DELLE PRESTAZIONI ASSISTENZIALI DEL FONDO DI PREVIDENZA GENERALE Norme di attuazione delle disposizioni di cui al titolo IV del regolamento del Fondo di Previdenza Generale (Approvate dal Consiglio

Dettagli

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI

PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI PRESENTAZIONE ENPAV PER GLI ORDINI PROVINCIALI ISCRIZIONE ISCRIZIONE ALL ALBO PROFESSIONALE COMUNICAZIONE DELL ORDINE PROVINCIALE ISCRIZIONE ALL ENPAV COMUNICAZIONE DI ISCRIZIONE ALL ENPAV L ORDINE PUO

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Gli artigiani e i commercianti

Gli artigiani e i commercianti L LE E G GU UI ID DE E Premessa Artigiani Questa guida è interamente dedicata alle gestioni Inps degli artigiani e dei commercianti. Contiene tutte le informazioni che riguardano questi lavoratori, i criteri

Dettagli

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA

PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Anno 2012 PREVIDENZA OBBLIGATORIA E FORME ASSISTENZIALI L ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA PROFESSIONE INFERMIERISTICA Percorso ENPAPI: previdenziale ENTRAT ISCRIZIONE A GESTION E CONTRIBUZIONE

Dettagli

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA REPUBBLICA HANNO APPROVATO; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE: LEGGE 12 GIUGNO 1984, n. 222 (GU n. 165 del 16/06/1984) REVISIONE DELLA DISCIPLINA DELLA INVALIDITÀ PENSIONABILE. URN: urn:nir:stato:legge:1984-06-12;222 Preambolo LA CAMERA DEI DEPUTATI ED IL SENATO DELLA

Dettagli

ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GEOMETRI

ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GEOMETRI ISCRIZIONE ALL ALBO DEI GEOMETRI M O D A L I T À, C O S T I, A D E M P I M E N T I Relatore: geom. Oddone Zecchin Segretario del Collegio Geometri e Geometri Laureati di Padova L ISCRIZIONE ALL ALBO DEI

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 04-01-2013. Messaggio n. 219 Direzione Centrale Pensioni Roma, 04-01-2013 Messaggio n. 219 OGGETTO: Articolo 24, del d.l. n. 201 convertito dalla legge n. 214 del 2011: nuove disposizioni in materia di trattamenti pensionistici riguardanti

Dettagli