Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici. Università degli Studi di Bari Aldo Moro. Corso di Macroeconomia 2014"

Transcript

1 Dipartimento di Economia Aziendale e Studi Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro Corso di Macroeconomia Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa e l esatta definizione del tasso di interesse reale (r), calcolate l inflazione attesa ( ) e r per = 1 a) = 0; r=10 b) = 0; r=11 c) = 1; r=8 d) = 2; r=9 L inflazione attesa = ( )/. La definizione esatta del tasso di interesse reale è 1. Sostituendo otteniamo i seguenti valori percentuali = 0; r= Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa e l esatta definizione del tasso di interesse reale (r), calcolate l inflazione attesa ( ) e r per = 1,03 a) = 3; r=6,8 b) = 0; r=5,3 c) = 1; r=5,8 d) = 2; r=9 L inflazione attesa = ( )/. La definizione esatta del tasso di interesse reale è 1. Sostituendo otteniamo i seguenti valori percentuali = 3; r= 6,8. 3. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa e l esatta definizione del tasso di interesse reale (r), calcolate l inflazione attesa ( ) e r per = 1,05 a) = 5; r=4,8 b) = 0; r=5,3 c) = 1; r=5,8

2 d) = 2; r=9 L inflazione attesa = ( )/. La definizione esatta del tasso di interesse reale è 1. Sostituendo otteniamo i seguenti valori percentuali = 5; r= 4,8. 4. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa e l esatta definizione del tasso di interesse reale (r), calcolate l inflazione attesa ( ) e r per = 1,05 a) = 7; r=3,8 b) = 0; r=5,3 c) = 1; r=5,8 d) = 2; r=9 L inflazione attesa = ( )/. La definizione esatta del tasso di interesse reale è 1. Sostituendo otteniamo i seguenti valori percentuali = 7; r= 3,8. 5. Assumete che = 10% e = 1. Usando la definizione di inflazione attesa e l esatta definizione del tasso di interesse reale (r), calcolate l inflazione attesa ( ) e r per = 1,10 a) = 10; r=0 b) = 0; r=5,3 c) = 1; r=5,8 d) = 2; r=9 L inflazione attesa = ( )/. La definizione esatta del tasso di interesse reale è 1. Sostituendo otteniamo i seguenti valori percentuali = 10; r=0.

3 6.In quale caso il tasso di interesse reale (r) è uguale al tasso di interesse nominale (i)? a) Quando l inflazione attesa è nulla b) Quando l inflazione attesa è positiva c) Quando l inflazione attesa è negativa Il tasso di interesse reale è uguale al tasso di interesse nominale quando l inflazione attesa è nulla. 7.In quale caso il tasso di interesse nominale (i) è maggiore del tasso di interesse reale (r)? a) Quando l inflazione attesa è positiva b) Quando l inflazione attesa è negativa c) Quando l inflazione attesa è nulla Il tasso di interesse nominale i è maggiore del tasso di interesse reale quando l inflazione attesa è positivo. 8.In quale caso il tasso di interesse reale è uguale a zero, r=0? a) Quando l inflazione attesa è uguale al tasso di interesse nominale b) Quando l inflazione attesa è superiore al tasso di interesse nominale c) Quando l inflazione attesa è minore del tasso di interesse nominale Il tasso di interesse reale è uguale a zero quando l inflazione attesa è uguale al tasso di interesse nominale. 9. Il tasso di interesse reale (r) aumenta quando: a) Il tasso di interesse nominale (i) aumenta

4 b) Il tasso di interesse nominale (i) si riduce c) Il tasso di interesse nominale (i) rimane uguale Il tasso di interesse reale aumenta se il tasso di interesse nominale aumenta. 10. Sia dato il tasso di interesse nominale (i) allora il tasso di interesse reale (r) aumenta quando: a) Il tasso di inflazione attesa aumenta b) Il tasso di inflazione attesa si riduce c) Il tasso di inflazione attesa rimane uguale Soluzione: b) Per un dato tasso di interesse nominale (i) il tasso di interesse reale aumenta se l inflazione si riduce. 11. Assumete che, inizialmente, il tasso di interesse nominale, al quale i mercati finanziari sono in equilibrio sia 10% e che l inflazione attesa sia pari a zero. Poiché =0 il tasso di interesse reale (r) è uguale al tasso di interesse nominale (i). Qual è il tasso di interesse reale che mantiene in equilibrio i mercati finanziari? a) 20% b) 10% c) 30% d) 15% Soluzione: b) Il tasso di interesse reale che mantiene in equilibrio i mercati finanziari è 10%. 12. Assumete che, inizialmente, il tasso di interesse nominale, al quale i mercati finanziari sono in equilibrio sia 10% e che l inflazione attesa sia pari a zero. Poiché =0 il tasso di interesse reale (r) è uguale al tasso di interesse nominale (i). Supponete che l inflazione attesa aumenti da 0 a 2 %. Come variano la domanda di moneta e il tasso di interesse nominale?

5 a) Non vi è alcun effetto sulla domanda di moneta e sul tasso di interesse nominale b) La domanda di moneta cresce e il tasso di interesse nominale si riduce c) La domanda di moneta si riduce e il tasso di interesse nominale aumenta d) Nessuna delle precedenti. Non vi è alcun effetto sulla domanda di moneta e sul tasso di interesse nominale i. 13. Supponete che il mercato dei beni e i mercati finanziari siano in equilibrio. Supponete inoltre che, inizialmente, il tasso di interesse nominale di equilibrio sia pari all 8% e l inflazione attesa sia 6%. Qual è il tasso di interesse reale di equilibrio? In altre parole qual è il tasso di interesse reale che, inizialmente, mantiene l equilibrio nel mercato dei beni ed è coerente con l equilibrio dei mercati finanziari? a) 2% b) 4% c) 6% d) 8% 2%. 14. Supponete che il mercato dei beni e i mercati finanziari siano in equilibrio. Supponete inoltre che, inizialmente, il tasso di interesse nominale di equilibrio sia pari all 8% e l inflazione attesa sia 6%. Supponete che l inflazione attesa diminuisca del 3%.Come varia il tasso di interesse reale coerente con l equilibrio nei mercati finanziari? a) Il tasso di interesse reale aumenta del 3% b) Il tasso di interesse reale si riduce del 3% c) Il tasso di interesse reale è nullo d) Nessuna delle precedenti

6 La riduzione dell'inflazione attesa, dato i, fa aumentare il tasso di interesse reale di equilibrio ( per i mercati finanziari) al 5%. Il tasso di interesse reale aumenta del 3%. 15. Supponete che il mercato dei beni e i mercati finanziari siano in equilibrio. Supponete inoltre che, inizialmente, il tasso di interesse nominale di equilibrio sia pari all 8% e l inflazione attesa sia 6%. Come variano r, I, e Y a seguito di una riduzione di? a) r aumenta, I si riduce, Y si riduce b) r si riduce, I aumenta, Y aumenta c) r si riduce, I aumenta, Y si riduce d) r aumenta, I si riduce, Y aumenta Se si riduce il tasso di interesse reale aumenta, I si riduce e Y si riduce. 16. Supponete di ricevere euro ogni anno per due anni, a partire dall anno prossimo. Calcolate il valore attuale di questa sequenza di pagamenti quando il tasso di interesse (costante) è pari a:0%. a) b) c) d) I fattori di sconto sono : 1/(1 + ) per un anno e 1/(1 + ) per due anni. Se i=0, i fattori di sconto sono pari a 1 e possiamo semplicemente sommare i pagamenti futuri, ottenendo Supponete di ricevere euro ogni anno per due anni, a partire dall anno prossimo. Calcolate il valore attuale di questa sequenza di pagamenti quando il tasso di interesse (costante) è pari a: 4%. a) b) c) d) Soluzione: b)

7 I fattori di sconto sono : 1/(1 + ) per un anno e 1/(1 + ) per due anni. Se i=4, i fattori di sconto sono pari a /1, /1,0816= Supponete di ricevere euro ogni anno per due anni, a partire dall anno prossimo. Calcolate il valore attuale di questa sequenza di pagamenti quando il tasso di interesse (costante) è pari a: 8%. a) b) c) d) Soluzione: b) I fattori di sconto sono : 1/(1 + ) per un anno e 1/(1 + ) per due anni. Se i=8, i fattori di sconto sono pari a /1, /1,1664 = Supponete di ricevere euro ogni anno per due anni, a partire dall anno prossimo. Come varia il valore attuale al crescere del tasso di interesse? a) Il valore attuale si riduce b) Il valore attuale aumenta c) Il valore attuale rimane uguale d) Nessuna delle precedenti Quanto maggiore è i, tanto minore è il valore attuale. All aumentare di i, i fattori di sconto diminuiscono e i pesi delle somme future diminuiscono. 20. Supponete che un individuo A riceva euro ogni anno per tre anni iniziando dall anno prossimo e che un individuo B riceva euro ogni anno per tre anni iniziando da quest anno. Supponete che il tasso di interesse nominale rimanga costante per i prossimi tre anni. Quale dei due individui riceverà la sequenza di pagamenti con il valore attuale più elevato? a) L individuo B riceve la sequenza di pagamenti con il valore attuale più elevato b) L individuo A riceve la sequenza di pagamenti con il valore attuale più elevato c) L individuo A e B ricevono una sequenza di pagamenti con lo stesso valore attuale d) Nessuna delle precedenti

8 L individuo B riceve la sequenza di pagamenti con il valore attuale più elevato. Sia A che B ricevono tre pagamenti annuali di ,tuttavia B ne riceve uno oggi. Ora, 1 oggi vale più di 1 l anno prossimo. Dato che B riceve i suoi pagamenti un anno in anticipo rispetto ad A, il valore attuale è più alto per B. 21. Supponete che un individuo A riceva euro ogni anno per tre anni iniziando dall anno prossimo e che un individuo B riceva euro ogni anno per tre anni iniziando da quest anno. Sotto quali condizioni il valore attuale delle due sequenze di pagamenti è lo stesso? a) Se i tassi di interesse sono nulli b) Se il tasso di interesse di A è minore di quello di B c) Se il tasso di interesse di A è maggiore di quello di B d) Nessuna delle precedenti Il valore attuale è lo stesso se i tassi di interesse sono nulli. 22. Supponete che un vostro amico vinca alla lotteria e debba scegliere tra tre diverse opzioni: (i) ricevere euro dopo un anno; (ii) ricevere euro dopo due anni;(iii) ricevere euro dopo tre anni. Il vostro amico vi chiede di determinare quale sia l opzione. Supponete che il tasso di interesse nominale rimanga costante per i prossimi 3 anni al 10%. Quale sarà l ordinamento delle opzioni? a) Valore attuale tra 1 anno > valore attuale tra 2 anni> valore attuale 3 anni b) Valore attuale tra 3 anno > valore attuale tra 2 anni> valore attuale 1 anni c) Valore attuale tra 3 anno > valore attuale tra 2 anni= valore attuale 1 anni d) Valore attuale tra 1 anno = valore attuale tra 2 anni = valore attuale 3 anni Poiché /1,1= 90,909 e /1,21= 82,645 e /1,331= si verifica che il valore attuale tra 1 anno è maggiore del valore attuale tra 2 anni ed è maggiore del valore attuale tra 3 anni. 23. Supponete che un vostro amico vinca alla lotteria e debba scegliere tra tre diverse opzioni: (i) ricevere euro dopo un anno; (ii) ricevere euro dopo due anni;(iii) ricevere euro dopo tre anni. Il vostro amico vi chiede di determinare quale sia l opzione. Supponete che il tasso di interesse nominale rimanga costante per i prossimi 3 anni al 10%. Che cosa accade se il pagamento viene posticipato nel tempo?

9 a) Il valore attuale del pagamento si riduce b) Il valore attuale del pagamento cresce c) Il valore attuale del pagamento rimane uguale Quanto più il pagamento viene spostato nel tempo, tanto più il valore attuale diminuisce. Il fattore di sconto diventa infatti sempre più piccolo. 24. Assumete che i titoli paghino un tasso di interesse nominale del 9% e che l inflazione attesa sia inizialmente pari a zero. Ricordate che la moneta paga un interesse nominale nullo. Qual è il costo opportunità di detenere moneta? a) 9% b) 10% c) 12% d) 13 % Il costo opportunità di detenere moneta è il tasso di interesse nominale al 9%. 25. Assumete che i titoli paghino un tasso di interesse nominale del 9% e che l inflazione attesa sia inizialmente pari a zero. Ricordate che la moneta paga un interesse nominale nullo. Qual è il tasso di interesse reale sui titoli? a) 9% b) 10% c) 12% d) 13 % Il tasso di interesse reale sui titoli è il 9%.

10 25. Assumete che i titoli paghino un tasso di interesse nominale del 9% e che l inflazione attesa sia inizialmente pari a zero. Ricordate che la moneta paga un interesse nominale nullo. Qual è il tasso di interesse reale sulla moneta? a) 0% b) 1% c) 2% d) 3 % Il tasso di interesse reale sulla moneta è Assumete che i titoli paghino un tasso di interesse nominale del 9% e che l inflazione attesa sia inizialmente pari a zero. Ricordate che la moneta paga un interesse nominale nullo. Se il tasso di inflazione attesa aumenta all 1% come varia il tasso di rendimento reale sui titoli? a) 8% b) 9% c) 10% d) 12% Poiché il tasso di interesse reale è dato dalla somma (r=i- ) e quindi r=9-1= Assumete che i titoli paghino un tasso di interesse nominale del 9% e che l inflazione attesa sia inizialmente pari a zero. Ricordate che la moneta paga un interesse nominale nullo. Se il tasso di inflazione attesa aumenta all 1% come varia il tasso di rendimento reale sulla moneta? a) -1% b) -2% c) -3% d) -4%

11 Il tasso di rendimento (0- ) = Supponete che un titolo promette una cedola 100 e abbia un valore facciale di 1000 Assumete che il prezzo correte del titolo sia 900.Qual è il tasso della cedola di questo titolo? a) 10% b) 20% c) 15% d) 30% Il tasso della cedola è 100/1.000=10%. 29. Supponete che un titolo promette una cedola 100 e abbia un valore facciale di 1000 Assumete che il prezzo correte del titolo sia 900.Qual è il rendimento corrente del titolo? a) 12,1 b) 13,1 c) 11,1 d) 10,1 Soluzione: c) Il rendimento corrente del titolo è 100/900=11,1%. 30. L agenzia di rating Valutiamo_Noi_Spa aumenta il rating dei titoli di Stato del paese Libero. Che cosa accade al tasso di interesse pagato dai titoli di stato del paese Libero? a) Il tasso di interesse aumenta b) Il tasso di interesse diminuisce c) Il tasso di interesse rimane uguale d) Non ci sono informazioni per rispondere a questa domanda Soluzione: b)

12 All aumentare del rating il titolo è considerato meno rischioso ( diminuisce la probabilità di insolvenza percepita dagli operatori). Questo fa diminuire il premio al rischio sul titolo. Al ridursi del premio al rischi, diminuisce il tasso di interesse. 31. Se gli investitori internazionali ritengono che il paese Libera Repubblica sia a rischio di insolvenza che cosa accade ai tassi di interesse pagati dai titoli di stato del paese Libera Repubblica? a) I tassi di interesse aumentano b) I tassi di interesse si riducono c) I tassi di interesse non variano Soluzione : a) I tassi di interesse aumentano. Gli investitori chiedono un premio per il maggiore rischio correlato all acquisto di titoli del paese Libera Repubblica. 32. Un investitore internazionale può avere un premio per il rischio in termini di tasso di interesse se acquista titoli di stato di un paese: a) A basso rischio di insolvenza b) Ad alto rischio di insolvenza c) L insolvenza non è rilevante per il tasso di interesse Soluzione: b) Il tasso di interesse cresce con il crescere del rischio di insolvenza. Un investitore che volesse ottenere un premio per il rischio alto in termini di tasso di interesse dovrebbe acquistare titoli di un pase ad alto rischio di insolvenza. 33.Considerate titoli annuali e biennali che promettono un pagamento di 1000 alla scadenza e supponete che = 10% e che = 8%. Qual è il prezzo del titolo annuale oggi? a) 909,09 b) 999,99

13 c) 99,9 d) 990, /1,1= 909,09 34.Considerate titoli annuali e biennali che promettono un pagamento di 1000 alla scadenza e supponete che = 10% e che = 8%. Qual è il prezzo di un titolo biennale oggi? a) 841,75 b) 481,57 c) 148, 75 d) 748,15 Soluzione : a) 1000/[(1,1)/(1,08)]= 873, Considerate titoli annuali e biennali che promettono un pagamento di 1000 alla scadenza e supponete che = 10% e che = 8%. Qual è il prezzo atteso di un titolo biennale tra un anno? a) 925,93 b) 952,39 c) 529,93 d) 925,90 Dopo un anno il titolo biennale è un titolo annuale: 1000/1,08= 925, Supponete che il tasso di interesse a un anno sia 6%. Se il tasso a un anno che i mercati finanziari si aspettano per il prossimo anno ( () ) è 8%. Come si manifesta la curva dei rendimenti?

14 a) La curva dei rendimenti è inclinata positivamente b) La curva dei rendimenti è inclinata negativamente c) La curva dei rendimenti è parallela all asse delle ascisse La curva dei rendimenti è inclinata positivamente 37. Supponete che il tasso di interesse a un anno sia 6%. Se il tasso a un anno che i mercati finanziari si aspettano per il prossimo anno ( () ) è 5%. Come si manifesta la curva dei rendimenti? a) La curva dei rendimenti è inclinata positivamente b) La curva dei rendimenti è inclinata negativamente c) La curva dei rendimenti è parallela all asse delle ascisse Soluzione: b) La curva dei rendimenti è inclinata negativamente. 38. Supponete che il tasso di interesse a un anno sia 6%. Se il tasso a un anno che i mercati finanziari si aspettano per il prossimo anno ( () ) è 6%. Come si manifesta la curva dei rendimenti? a) La curva dei rendimenti è inclinata positivamente b) La curva dei rendimenti è inclinata negativamente c) La curva dei rendimenti è piatta Soluzione: c)

15 La curva dei rendimenti è piatta. 39. Supponete che inizialmente la curva dei rendimenti sia inclinata positivamente. Se il tasso a un anno futuro atteso aumenta che cosa accade alla curva dei rendimenti? a) La curva dei rendimenti diventa più piatta b) La curva dei rendimenti diventa più ripida c) La curva dei rendimenti non cambia Soluzione: b) La curva dei rendimenti diventa più ripida. 40. Supponete che inizialmente la curva dei rendimenti sia inclinata positivamente. Cosa deve accadere affinché la curva dei rendimenti diventi orizzontale? a) Il tasso ad un anno futuro atteso deve diminuire in modo da eguagliare il tasso corrente ad un anno b) Il tasso ad un anno futuro atteso deve aumentare in modo da eguagliare il tasso corrente ad un anno c) Il tasso ad un anno futuro atteso deve diminuire al di sotto del tasso corrente ad un anno d) Il tasso ad un anno futuro atteso deve aumentare al di sopra del tasso corrente ad un anno Il tasso ad un anno futuro atteso deve diminuire in modo da eguagliare il tasso corrente ad un anno oppure il tasso corrente a un anno deve aumentare in modo da eguagliare il tasso a un anno futuro atteso. 41. Supponete che inizialmente la curva dei rendimenti sia inclinata positivamente. Cosa deve accadere affinché la curva dei rendimenti diventi inclinata negativamente? a) Il tasso ad un anno futuro atteso deve diminuire al di sotto del tasso corrente a un anno b) Il tasso ad un anno futuro atteso deve aumentare al di sopra del tasso corrente a un anno c) Il tasso ad un anno futuro atteso deve aumentare ed eguagliare il tasso corrente a un anno d) Il tasso ad un anno futuro atteso deve ridursi ed eguagliare il tasso corrente ad un anno

16 Il tasso ad un anno futuro atteso deve diminuire al di sotto del tasso corrente a un anno oppure, il tasso corrente a un anno deve aumentare al di sopra del tasso a un anno futuro atteso. 42. Supponete che inizialmente la curva dei rendimenti sia inclinata positivamente. Che cosa accade al tasso di interesse tra un anno e alla curva dei rendimenti se i mercati finanziari si aspettano una riduzione della fiducia dei consumatori, e quindi una riduzione della spesa in consumi. a) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce e la curva dei rendimenti diventa meno inclinata. b) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce e la curva dei rendimenti diventa più inclinata c) Il tasso a un anno futuro atteso aumenta e la curva dei rendimenti diventa meno inclinata d) Il tasso a un anno futuro atteso aumenta e la curva dei rendimenti diventa più inclinata Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce e la curva dei rendimenti diventa meno inclinata. 43. Supponete che inizialmente la curva dei rendimenti sia inclinata positivamente. Che cosa accade al tasso di interesse tra un anno e alla curva dei rendimenti se i mercati finanziari si aspettano un espansione monetaria futura. a) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata b) Il tasso a un anno futuro atteso aumenta, rendendo la curva dei redimenti più inclinata c) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti più inclinata d) Il tasso a un anno futuro atteso aumento, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata 44. Supponete che inizialmente la curva dei rendimenti sia inclinata positivamente. Che cosa accade al tasso di interesse tra un anno e alla curva dei rendimenti se i mercati finanziari si aspettano una riduzione futura della spesa pubblica, accompagnata da un espansione monetaria. a) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata b) Il tasso a un anno futuro atteso aumenta, rendendo la curva dei rendimenti più inclinata c) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti più inclinata d) Il tasso a un anno futuro atteso aumenta, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata

17 Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata. 45. Supponete che inizialmente la curva dei rendimenti sia inclinata positivamente. Che cosa accade al tasso di interesse tra un anno e alla curva dei rendimenti se i mercati finanziari si aspettano una riduzione futura delle imposte. a) Il tasso a un anno futuro atteso aumenta, rendendo la curva dei rendimenti più inclinata b) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata c) Il tasso a un anno futuro atteso aumenta, rendendo la curva dei rendimenti meno inclinata d) Il tasso a un anno futuro atteso diminuisce, rendendo la curva dei rendimenti più inclinata Il tasso a un anno futuro atteso aumenta, rendendo la curva dei rendimenti più inclinata. 46. Se i mercati si aspettano che una futura espansione monetaria ridurrà i tassi di interesse futuri che cosa accade al prezzo delle azioni? a) Il prezzo delle azioni aumenta b) Il prezzo delle azioni si riduce c) Il prezzo delle azioni rimane uguale Una futura espansione monetaria che ridurrà i tassi di interesse futuri produce una diminuzione del tasso futuro atteso e un aumento della produzione futura attesa. L aumento atteso di Y fa crescere i profitti futuri attesi. La riduzione del tasso di interesse futuro atteso aumenta il valore attuale dei profitti futuri. Entrambi questi eventi provocano un aumento del prezzo delle azioni. 47. Se i mercati si aspettano una prolungata riduzione dell attività economica come varia il prezzo delle azioni? a) Il prezzo delle azioni aumenta b) Il prezzo delle azioni si riduce

18 c) Il prezzo delle azioni rimane uguale Soluzione: b) Questo evento riduce le aspettative di profitti futuri, facendo diminuire i prezzi delle azioni. Questa risposta assume implicitamente che le aspettative sui tassi di interesse rimangano costanti. 48. Supponete che una relazione economica indichi che la produzione aumenterà del 5% in ognuno dei prossimi 10 anni. Se i mercati finanziari avevano già previsto questo aumento di Y, quale effetto ha questa relazione economica sui prezzi correnti delle azioni? a) I prezzi delle azioni aumentano b) I prezzi delle azioni rimangono uguali c) I prezzi delle azioni si riducono Soluzione: b) L aspettativa dell aumento di Y è già incorporata nei maggiori profitti futuri attesi. Di conseguenza, i prezzi delle azioni non variano. 49. Supponete che la banca centrale annunci che realizzerà una contrazione monetaria nei prossimi due anni. Se i mercati finanziari avevano già previsto questa contrazione monetaria, quale effetto ha questo annuncio sui prezzi correnti delle azioni? a) Il prezzo corrente delle azioni aumenta b) Il prezzo corrente delle azioni si riduce c) Il prezzo corrente delle azioni rimane uguale d) Non ci sono informazioni sufficienti per rispondere Soluzione: c) Gli effetti della contrazione monetaria attesa ( tassi di interesse futuri attesi più elevati e minore produzione futura attesa) sono già incorporati nel valore attuale dei profitti futuri attesi. Di conseguenza, i prezzi delle azioni non variano. 50. Che cosa accade ai prezzi correnti delle azioni se si verifica una contrazione monetaria non anticipata?

19 a) Il prezzo delle azioni aumenta b) Il prezzo delle azioni diminuisce c) Il prezzo delle azioni rimane uguale d) Il prezzo delle azioni è indipendente Soluzione: b) La contrazione monetaria non anticipata aumenta i e diminuisce Y. Il tasso di interesse più elevato causa una riduzione del prezzo delle azioni. La diminuzione della produzione causa anch essa una riduzione del prezzo delle azioni. 51. Che cosa accade ai prezzi correnti delle azioni se si verifica un aumento delle imposte non anticipato? a) Il prezzo delle azioni aumenta b) Il prezzo delle azioni diminuisce c) Il prezzo delle azioni è ambiguo d) Il prezzo delle azioni è indipendente Soluzione: c) Un aumento delle imposte non anticipato riduce sia i che Y. Il tasso di interesse meno elevato causa un aumento del prezzo delle azioni. La diminuzione della produzione riduce il prezzo delle azioni. Di conseguenza, l effetto sul prezzo è ambiguo. 52. Che cosa accade ai prezzi correnti delle azioni se si verifica un aumento della fiducia dei consumatori e della spesa, accompagnato da un espansione monetaria ( che lascia invariato il tasso di interesse )? a) Il prezzo delle azioni aumenta b) Il prezzo delle azioni diminuisce c) Il prezzo delle azioni è ambiguo d) Il prezzo delle azioni è indipendente Y aumenta senza modificare il tasso di interesse. Di conseguenza, il prezzo delle azioni aumenta.

20 53. Che cosa accade al prezzo delle azioni se si verifica un aumento non anticipato del tasso di interesse e una riduzione non anticipata della produzione. a) Il prezzo delle azioni aumenta b) Il prezzo delle azioni si riduce c) Il prezzo delle azioni rimane uguale Soluzione: b) Un aumento non anticipato del tasso di interesse e una riduzione non anticipata della produzione fanno ridurre il prezzo delle azioni. 54. Considerate un individuo che sta pianificando il consumo in termini reali della sua famiglia su un orizzonte temporale di due anni ( quindi nei due periodi t e t+1,rispettivamente corrente e futuro). Supponete che nel periodo t l individuo guadagni un reddito = e si aspetti di guadagnare in futuro = in termini reali. I livelli dei prezzi, quello corrente e quello futuro atteso sono:! = 2 e! = 1,5. Il tasso di interesse nominale e il tasso di sconto sono nulli. Qual è la formula del tasso di interesse reale? a) 1 + " =! /! b) 1 " =! /! c) 1 + " =! +! d) 1 + " =! /! Il tasso di interesse reale rappresenta il costo opportunità del consumo oggi espresso in termini di consumo futuro, ossia misura il tasso al quale si può accrescere il consumo futuro se oggi, anziché consumare una unità in più di reddito, la si dà in prestito. 56. Una riduzione permanente delle vendite come modifica il profitto per unità di capitale e l investimento? a) Il profitto si riduce e l investimento rimane uguale b) Il profitto si riduce e l investimento si riduce c) Il profitto si riduce e l investimento è ambiguo d) Il profitto aumenta e l investimento si riduce Soluzione: b) Una riduzione permanente delle vendite riduce i profitti, riduce il profitto per unità di capitale, e quindi, riduce l investimento.

21 57. Un aumento della produzione come modifica il profitto per unità di capitale e quindi l investimento? a) Il profitto aumenta e l investimento si riduce b) Il profitto si riduce e l investimento aumenta c) Il profitto aumenta e l investimento aumenta d) Il profitto aumenta e l investimento è ambiguo Un aumento della produzione aumenta le vendite e i profitti. I profitti per unità di capitale aumentano causando un incremento dell investimento. 58. Una riduzione dello stock di capitale come modifica il profitto per unità di capitale e l investimento? a) Il profitto si riduce e l investimento aumenta b) Il profitto è ambiguo e l investimento si riduce c) Il profitto aumenta e l investimento è ambiguo d) Il profitto è ambiguo e l investimento è ambiguo Una riduzione dello stock di capitale, date le vendite, aumenta il profitto per unità di capitale. 59.Considerate un consumatore che vive e consuma per tre periodi. Nel primo periodo e nel secondo periodo il consumatore lavora e ottiene un reddito pari a = 100 # = 200. Nel terzo periodo il consumatore non lavora e non riceve alcuna pensione. Assumete che il tasso di interesse e il tasso di sconto siano pari a zero. Qual è il vincolo di bilancio intertemporale del consumatore? a) $ + $ + $ % = b) $ + $ = c) $ + $ + $ % = + + % = d) Sono vere la a) e la c) Soluzione: d) $ + $ + $ % = = + + %

22 60. Considerate un consumatore che vive e consuma per tre periodi. Nel primo periodo e nel secondo periodo il consumatore lavora e ottiene un reddito pari a = 100 # = 200. Nel terzo periodo il consumatore non lavora e non riceve alcuna pensione. Assumete che il tasso di interesse e il tasso di sconto siano pari a zero. Qual è il livello di consumo del nostro consumatore in ciascuno dei tre periodi? a) 100 b) 200 c) 300 d) 400 & + & + & = # '()* & = La domanda di abitazioni si riduce provocando la riduzione del prezzo delle abitazioni. Come cambia la ricchezza immobiliare? a) La ricchezza immobiliare si riduce b) La ricchezza immobiliare aumenta c) La ricchezza immobiliare rimane uguale La ricchezza immobiliare diminuisce. 62. Quale impatto ha avuto il crollo della borsa del 1987 che ha causato una riduzione media del 20% dei prezzi delle azioni sulla ricchezza finanziaria? a) La ricchezza finanziaria si è ridotta b) La ricchezza finanziaria è aumentata c) La ricchezza finanziaria è rimasta uguale La ricchezza finanziaria si è ridotta.

23 63. Quale impatto ha l approvazione di un bilancio che prevede un aumento permanente delle imposte su reddito disponibile e la ricchezza umana? a) Il reddito disponibile aumenta e la ricchezza umana si riduce b) Il reddito disponibile si riduce e la ricchezza umana si riduce c) Il reddito disponibile aumenta e la ricchezza umana aumenta d) Il reddito disponibile è ambiguo e la ricchezza umana si riduce Il reddito disponibile corrente e futuro si riduce, e con esso la ricchezza umana. 64. Che cosa accade alla curva IS in presenza di una riduzione dei dividendi reali futuri attesi? a) La curva IS si sposta a sinistra b) La curva IS si sposta a destra c) La curva IS non si sposta La riduzione dei dividendi reali futuri attesi provoca una diminuzione del consumo e sposta a sinistra la curva IS. 65. Che cosa accade agli investimenti I e alla curva IS se si verifica un aumento dei profitti futuri attesi netti d imposta? a) L investimento aumenta e la curva IS si sposta a destra b) L investimento si riduce e la curva IS si sposta a destra c) L investimento rimane uguale e la curva IS non si sposta d) L investimento è ambiguo e la curva IS si sposta a sinistra Questo evento aumenta il valore dei profitti netti d imposta, aumenta l investimento e sposta la curva IS a destra. 66. Che cosa accade alla consumo C e alla curva IS in presenta di una riduzione delle imposte future attese?

24 a) Il consumo C aumenta, la curva IS si sposta a destra b) Il consumo C si riduce, la curva IS si sposta a sinistra c) Il consumo C rimane uguale, la curva IS è ambigua d) Il consumo C aumenta, la curva IS si sposta a sinistra Questo evento aumenta il consumo, sposta a destra la curva IS. 67. Che cosa accade all investimento I e alla curva IS in presenza di una riduzione del flusso di cassa corrente? a) L investimento I si riduce, la curva IS si sposta a sinistra b) L investimento I aumenta, la curva IS si sposta a destra c) L investimento I aumenta, la curva IS si sposta a sinistra d) L investimento è ambiguo, e la curva IS si sposta a sinistra Questo evento provoca una riduzione dell investimento I e uno spostamento della curva IS a sinistra. 68. Che cosa accade alla curva LM in presenza di un aumento dell offerta reale di moneta nel periodo corrente? a) La curva LM si sposta in alto b) La curva LM si sposta in basso c) La curva LM diventa più piatta d) La curva LM diventa più ripida Soluzione: b ) La curva LM si sposta in basso. 69. Che cosa accade agli investimenti I, al consumo e alla curva IS in presenza di una riduzione dei tassi di interesse reali futuri attesi? a) Aumenta l investimento I, aumenta il consumo C, la curva IS si sposta a destra b) Aumenta l investimento I, il consumo C si riduce, la curva IS è ambigua c) Aumenta l investimento I, il consumo C rimane uguale, la curva IS si sposta a destra d) Aumenta l investimento I, il consumo C rimane uguale, la curva IS si sposta a sinistra

25 Questo evento aumenta la ricchezza umana; aumenta il valore attuale dei profitti netti d imposta, aumenta l investimento, aumenta il consumo, la curva IS si sposta a destra. 70. Che cosa accade agli investimenti I e alla curva IS in presenza di un aumento del reddito futuro atteso. a) Gli investimenti I aumentano e la curva IS si sposta a destra b) Gli investimenti I si riducono e la curva IS si sposta a sinistra c) Gli investimenti I sono ambigui e la curva IS si sposta a destra d) Gli Investimenti I sono ambigui e la curva IS si sposta a sinistra Questo evento aumenta la ricchezza umana e quindi il consumo, aumenta le aspettative di profitti futuri e quindi l investimento; sposta a destra la curva IS. 71. Che cosa accade alla curva IS in presenza di un aumento della spesa pubblica nel periodo corrente? a) La curva IS si sposta a destra b) La curva IS si sposta a sinistra c) La curva IS rimane uguale d) La curva IS diventa più ripida La curva IS si sposta a destra. 72. Che cosa accade alla curva LM futura, al reddito futuro atteso + e al tasso di interesse reale futuro atteso " in presenza di una riduzione futura attesa dell offerta di moneta? a) La curva LM futura si sposta in alto, + si riduce e " aumenta b) La curva LM futura si sposta in basso, + aumenta e " si riduce c) La curva LM futura si sposta in alto, + aumenta e " si riduce d) La curva LM futura si sposta in basso, + si riduce e " aumenta

26 La curva LM futura si sposta in alto, + si riduce e " aumenta 73. Che cosa accade al consumo C, all investimento I e alla curva IS se si verifica una riduzione di ",? a) Il consumo C aumenta, l investimento I aumenta, la curva IS si sposta a destra b) Il consumo C si riduce, l investimento I aumenta, la curva IS si sposta a destra c) Il consumo C aumenta, l investimento I si riduce, la curva IS si sposta a destra d) Il consumo C aumenta, l investimento I aumenta, la curva IS si sposta a sinistra Questo evento fa aumentare C e I, spostando la curva IS verso destra. Non vi è alcuno spostamento della curva LM. Lo spostamento della IS fa crescere Y e r. 74. Che cosa accade al consumo C, all investimento I e alla curva IS se si verifica una riduzione di +,? a) Il consumo C aumenta, l investimento I aumenta, la curva IS si sposta a destra b) Il consumo C si riduce, l investimento I aumenta, la curva IS si sposta a destra c) Il consumo C aumenta, l investimento I si riduce, la curva IS si sposta a destra d) Il consumo C aumenta, l investimento I aumenta, la curva IS si sposta a sinistra Il consumo aumenta perché aumenta la ricchezza umana. Le imprese aumentano l investimento poiché rivedono verso l alto le aspettative dei profitti futuri. L aumento di C e di I sposta a destra la IS. La curva LM non si sposta. Y e r aumentano entrambi. 75. Se si verifica un aumento dell offerta di moneta futura attesa come variano ",, +, e la curva IS? a) ", diminuisce, +, aumenta e la curva IS si sposta a destra b) ", aumenta, +, diminuisce e la curva IS si sposta a sinistra c) ", diminuisce, +, aumenta e la curva IS si sposta a sinistra d) ", aumenta, +, aumenta e la curva IS si sposta a destra L aumento dell offerta di moneta futura attesa fa diminuire ", aumentare +,.Entrambi questi effetti provocano un aumento di C e di I correnti. L aumento di C e di I correnti sposta a destra la curva IS: sia r che Y aumentano.

27 76. Supponete che ci si aspetti che la spesa pubblica aumenti in futuro e che la banca centrale varierà l offerta di moneta in modo da lasciare invariato il tasso di interesse futuro. Quali effetti avranno l aumento della spesa pubblica futura e la risposta attesa della banca centrale su ", e +, a) ", aumenta e +, si riduce b) ", non varia e +, aumenta c) ", aumenta e +, aumenta d) ", si riduce e +, non varia Soluzione: b) Al crescere di G in futuro, la futura curva IS si sposta a sinistra. Il futuro r non varia a causa della risposta attesa della banca centrale ( che aumenta l offerta di moneta futura). La produzione sarà invece maggiore. 77.Supponete che ci si aspetti che la spesa pubblica aumenti in futuro e che la banca centrale varierà l offerta di moneta in modo da lasciare invariata Y futura. Che cosa accade a ", e +, a seguito dell aumento della spesa pubblica futura e della risposta da parte della banca centrale? a) ", aumenta +, rimane uguale b) ", si riduce +, rimane uguale c) ", aumenta +, si riduce d) ", aumenta +, aumenta Al crescere di G in futuro, la futura curva IS si sposta a sinistra. La produzione futura non varia a causa della risposta della banca centrale ( che riduce l offerta di moneta). Il risultato finale è:nessuna variazione di Y futura e un aumento di r futuro. 78.Supponete che la ci si aspetti che la spesa pubblica aumenterà in futuro e che la banca centrale non risponderà a questo evento. Quali effetti avrà l aumento della spesa pubblica futura su ", e +,? a) ", aumenta +, rimane uguale b) ", si riduce +, rimane uguale c) ", aumenta +, si riduce d) ", aumenta +, aumenta Soluzione: d) Al crescere di G in futuro, la curva IS si sposta a destra. Non vi è alcuna risposta da parte della banca centrale, per cui r e Y aumentano entrambi.

28 79. Supponete che venga approvato un bilancio che prevede un aumento delle imposte future. Supponete inoltre che non ci si aspetti che la banca centrale varierà l offerta di moneta in risposta a questo aumento futuro delle imposte. Quale effetto avrà questo aumento futuro atteso delle imposte sulla curva dei rendimenti nel periodo corrente? a) La curva dei rendimenti diventa più piatta b) La curva dei rendimenti diventa più ripida c) La curva dei rendimenti non cambia L aumento delle imposte future fa diminuire il tasso di interesse futuro che, a sua volta, fa diminuire il tasso di interesse corrente a lungo termine rendendo probabilmente più piatta la curva dei rendimenti. 80. Supponete che venga approvato un bilancio che prevede un aumento delle imposte future. Supponete inoltre che non ci si aspetti che la banca centrale varierà l offerta di moneta in risposta a questo aumento futuro delle imposte. Quale effetto avrà questo aumento futuro atteso delle imposte sulla produzione futura? a) La produzione futura diminuisce b) La produzione futura aumenta c) La produzione futura non cambia d) Non ci sono informazioni per rispondere a questa domanda L aumento delle imposte future fa diminuire la produzione futura. Notate che diminuiscono sia r futuro che Y futuro. Il minor r futuro fa spostare a destra la curva IS corrente; il minor Y futuro fa spostare a sinistra la IS corrente.

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM

Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Capitolo V. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM 2 OBIETTIVO: Il modello IS-LM Fornire uno schema concettuale per analizzare la determinazione congiunta della produzione e del tasso

Dettagli

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I

I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Assunzione da rimuovere. Investimenti, I I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Assunzione da rimuovere Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500.

Y=300+0,5(Y-0,2Y)+200+1000=1500+0,4Y. Risolvendo per la produzione di equilibrio si ottiene Y=1500/0,6=2.500. Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici Università degli Studi di Bari Aldo Moro, sede di Brindisi Corso di Laurea in Economia aziendale Macroeconomia 2014 Esercizi 1.Suppponete che un economia

Dettagli

Aspettative, Produzione e Politica Economica

Aspettative, Produzione e Politica Economica Aspettative, Produzione e Politica Economica In questa lezione: Studiamo gli effetti delle aspettative sui livelli di spesa e produzione. Riformuliamo il modello IS-LM in un contesto con aspettative. Determiniamo

Dettagli

Capitolo 20: Scelta Intertemporale

Capitolo 20: Scelta Intertemporale Capitolo 20: Scelta Intertemporale 20.1: Introduzione Gli elementi di teoria economica trattati finora possono essere applicati a vari contesti. Tra questi, due rivestono particolare importanza: la scelta

Dettagli

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota

Capitolo 11. Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici. Francesco Prota Capitolo 11 Estensione del modello a prezzi vischiosi: altri strumenti analitici Francesco Prota Piano della lezione Lo stock di moneta e l equilibrio nel mercato monetario: la curva LM Il modello IS-LM

Dettagli

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette)

DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione di due; non sono previste penalizzazioni in caso di risposte non corrette) In una ora rispondere alle dieci domande a risposta multipla e a una delle due domande a risposta aperta, e risolvere l esercizio. DOMANDE a risposta multipla (ogni risposta esatta riceve una valutazione

Dettagli

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è:

questa somma infinita rappresenta una progressione geometrica di ragione 1/(1+i) il cui valore è: ' Mercato della moneta ' 1) Il prezzo dei titoli: A) non è influenzato dalle operazioni di mercato aperto della banca centrale *B) si riduce quando aumenta i C) sono vere sia A che B D) aumenta quando

Dettagli

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti

Corso di Macroeconomia. Il modello IS-LM. Appunti Corso di Macroeconomia Il modello IS-LM Appunti 1 Le ipotesi 1. Il livello dei prezzi è fisso. 2. L analisi è limitata al breve periodo. La funzione degli investimenti A differenza del modello reddito-spesa,

Dettagli

Aspettative, consumo e investimento

Aspettative, consumo e investimento Aspettative, consumo e investimento In questa lezione: Studiamo come le aspettative di reddito e ricchezza futuro determinano le decisioni di consumo e investimento degli individui. Studiamo cosa determina

Dettagli

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S.

Capitolo 26. Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Capitolo 26 Stabilizzare l economia: il ruolo della banca centrale In questa lezione Banca centrale Europea (BCE) e tassi di interesse: M D e sue determinanti; M S ed equilibrio del mercato monetario;

Dettagli

Lezione 7 (BAG cap. 5)

Lezione 7 (BAG cap. 5) Lezione 7 (BAG cap. 5) I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia 1. Il mercato dei beni e la curva IS L equilibrio sul mercato

Dettagli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli

Lezione 14. Risparmio e investimento. Leonardo Bargigli Lezione 14. Risparmio e investimento Leonardo Bargigli Risparmio e investimento nella contabilità nazionale Ripartiamo dalla definizione di PIL in termini di spesa finale Y = C + I + G + NX Consideriamo

Dettagli

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta

Blanchard Amighini Giavazzi, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011. Il modello IS-LM in economia aperta Capitolo VI. Il modello IS-LM in economia aperta 1. I mercati dei beni in economia aperta Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni

Dettagli

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS

ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS ESERCITAZIONI di MACROECONOMIA: il MODELLO AD AS Per dubbi, domande e/o chiarimenti contattare: gaetano.lisi@unicas.it Il modello AD-AS è un modello di equilibrio economico generale (a differenza del modello

Dettagli

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali

Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali Capitolo 22: Lo scambio nel mercato dei capitali 22.1: Introduzione In questo capitolo analizziamo lo scambio nel mercato dei capitali, dove si incontrano la domanda di prestito e l offerta di credito.

Dettagli

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta

Il Modello AS-AD. Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Il Modello AS-AD In questa lezione: Deriviamo la curva di offerta aggregata Determiniamo l equilibrio determinato dall incontro tra domanda e offerta Studiamo il meccanismo di aggiustamento verso l equilibrio

Dettagli

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale

Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale Capitolo Terzo Valore attuale e costo opportunità del capitale 1. IL VALORE ATTUALE La logica di investimento aziendale è assolutamente identica a quella adottata per gli strumenti finanziari. Per poter

Dettagli

Le ipotesi del modello

Le ipotesi del modello Modello IS-LM Le ipotesi del modello I prezzi sono dati gli aggiustamenti passano attraverso variazioni delle quantità prodotte e del tasso di interesse L investimento non è più esogeno (come nel modello

Dettagli

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio?

Esercizio 2. 2.1 Scrivi l equazione di equilibrio nel mercato dei beni. Qual è il livello della produzione di equilibrio? Sergio Vergalli Corso di Economia Politica A-G Università di Brescia Esercizio 2 L economia del principato di Andorra è descritta dalle seguenti equazioni: Md = 6Y -120 i Ms = 5400 T = 400 G = 400 dove,

Dettagli

CAPITOLO 18 L investimento

CAPITOLO 18 L investimento CAPITOLO 18 L investimento Domande di ripasso 1. Nel modello neoclassico dell investimento, le imprese traggono vantaggio dall aumentare la propria dotazione di capitale se la rendita reale del capitale

Dettagli

Mercati finanziari e valore degli investimenti

Mercati finanziari e valore degli investimenti 7 Mercati finanziari e valore degli investimenti Problemi teorici. Nei mercati finanziari vengono vendute e acquistate attività. Attraverso tali mercati i cambiamenti nella politica del governo e le altre

Dettagli

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME

Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME Esame del corso di MACROECONOMIA Del 22.07.2015 VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10) A B C D 11) A B

Dettagli

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari Facoltà di Economia ESAME DEL CORSO DI ECONOMIA POLITICA II del 9-06.2010 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A Ω B Ω C Ω D Ω 2) A Ω B Ω C Ω D Ω 3) A Ω B Ω C Ω D Ω 4) A Ω B Ω C Ω

Dettagli

Gli investimenti, il tempo e il mercato dei capitali

Gli investimenti, il tempo e il mercato dei capitali Capitolo 15 Gli investimenti, il tempo e il mercato dei capitali A.A. 005-006 Microeconomia - Cap. 15 1 Questo file (con nome secondo_semestre.pdf) può essere scaricato da www.klips.it siti e file Provvisoriamente

Dettagli

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj

Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercitazione Microeconomia (CLEC L-Z) 24.04.2013 Dr. Rezart Hoxhaj Esercizi: Utilità attesa (Cap.6) Problema 11 (pagina 203, libro) Supponete di avere 10 000 euro da investire in Junk Bonds oppure titoli

Dettagli

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO

PRODUZIONE, TASSO DI INTERESSE E TASSO DI CAMBIO 1 PRODUZION, TASSO DI INTRSS TASSO DI CAMBIO L QUILIBRIO DL MRCATO DI BNI L equilibrio nel mercato dei beni sarà dato dalla seguente equazione: Y C Y T I Y r G IM Y X Y ( ) (, ) (, ) (, ) ( ) (, ) (, )/

Dettagli

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili.

Esportazioni 110 Vendite a B 200. Vendite al pubblico 600. Calcolate il valore del PIL di questa economia usando le tre definizioni possibili. Esercizi 2014-2015 IL BREVE PERIODO Esercizio 1 Si consideri il seguente sistema economico in cui operano solamente due (categorie di) imprese, e la cui attività può essere sintetizzata come segue: Impresa

Dettagli

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.

Macroeconomia, Esercitazione 2. 1 Esercizi. 1.1 Moneta/1. 1.2 Moneta/2. 1.3 Moneta/3. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo. acroeconomia, Esercitazione 2. A cura di Giuseppe Gori (giuseppe.gori@unibo.it) 1 Esercizi. 1.1 oneta/1 Sapendo che il PIL reale nel 2008 è pari a 50.000 euro e nel 2009 a 60.000 euro, che dal 2008 al

Dettagli

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA

appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA appendice online 6A I modelli IS-LM e DD-AA In questa appendice analizziamo le relazioni tra il modello DD-AA presentato nel corso del capitolo e un altro modello frequentemente usato per rispondere a

Dettagli

Moneta e Tasso di cambio

Moneta e Tasso di cambio Moneta e Tasso di cambio Come si forma il tasso di cambio? Determinanti del tasso di cambio nel breve periodo Determinanti del tasso di cambio nel lungo periodo Che cos è la moneta? Il controllo dell offerta

Dettagli

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo

Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Produzione e tasso di cambio nel breve periodo Determinanti della domanda aggregata nel breve periodo Un modello di breve periodo dell equilibrio del mercato dei beni Un modello di breve periodo dell equilibrio

Dettagli

NEL MODELLO MICROECONOMICO

NEL MODELLO MICROECONOMICO NEL MODELLO MICROECONOMICO 1 solo periodo Output: flusso Input: flusso Decisioni dell impresa: raffrontare ricavi correnti con costi correnti Questo si adatta bene ad alcuni fattori (il LAVORO) Meno soddisfacente

Dettagli

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI

Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI Esercitazione relativa al cap. 10 INVESTIMENTI GLI INVESTIMENTI FINANZIARI SONO ACQUISTI DI ATTIVITA FINANZIARIE EFFETTUATE NELL ASPETTATIVA DI RICEVERNE UN RENDIMENTO. I PIU IMPORTANTI SONO: - I DEPOSITI

Dettagli

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE

ECONOMIA APERTA CON RIFERIMENTO A DUE PAESI NEL MERCATO DEI CAMBI SI DETERMINA IL TASSO DI CAMBIO NOMINALE BILATERALE capitolo 11-1 ECONOMIA APERTA IN UN ECONOMIA APERTA AGLI SCAMBI CON L ESTERO (ALTRA VALUTA) SI FORMA IL MERCATO DEI CAMBI: DOMANDA, OFFERTA DI VALUTA ESTERA, TASSI DI CAMBIO. CON RIFERIMENTO A DUE PAESI

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2013/14] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 6-1 Struttura della presentazione Domanda e

Dettagli

L apertura di una economia ha 3 dimensioni

L apertura di una economia ha 3 dimensioni Lezione 19 (BAG cap. 6.1 e 6.3 e 18.1-18.4) Il mercato dei beni in economia aperta: moltiplicatore politica fiscale e deprezzamento Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Economia

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale adattamento italiano di Novella Bottini 1 Struttura della presentazione Domanda e offerta relative Benessere e ragioni di scambio Effetti della

Dettagli

La crisi iniziata nel 2007

La crisi iniziata nel 2007 La crisi iniziata nel 2007 In questa lezione: Analizziamo lo scoppio della crisi finanziaria. Studiamo l effetto della crisi finanziaria sull economia reale. 300 L origine della Crisi Nell autunno del

Dettagli

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I

Assunzione da rimuovere. I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM. Investimenti, I Assunzione da rimuovere I mercati dei beni e i mercati finanziari: il modello IS-LM Rimuoviamo l ipotesi che gli Investimenti sono una variabile esogena. Investimenti, I Gli investimenti delle imprese

Dettagli

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari

Blanchard, Macroeconomia Una prospettiva europea, Il Mulino 2011 Capitolo IV. I mercati finanziari. Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 1. La domanda di moneta La moneta può essere usata per transazioni, ma non paga interessi. In realtà ci sono due tipi di moneta: il circolante, la moneta metallica e cartacea,

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 26 I mercati finanziari UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 26 I mercati finanziari Prof. Gianmaria Martini Moneta e titoli Nei paesi industrializzati esistono varie tipologie di

Dettagli

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda

Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Politica monetaria e politica fiscale: effetti sulla domanda Testo di studio raccomandato: Mankiw, Principi di Economia, 3 ed., 2004, Zanichelli Capitolo 34 Domanda Aggregata e politica economica Quando

Dettagli

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke

Capitolo 21. Risparmio e formazione di capitale. Principi di economia (seconda edizione) Robert H. Frank, Ben S. Bernanke Capitolo 21 Risparmio e formazione di capitale In questa lezione Risparmio individuale: risparmio e ricchezza moventi del risparmio (tasso di interesse, ciclo di vita, precauzionale, profili consumo) Risparmio

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Domanda e offerta aggregata

Domanda e offerta aggregata Domanda e offerta aggregata Breve e lungo periodo L andamento del Pil nel lungo periodo dipende dai fattori che spiegano la crescita: la forza lavoro, la disponibilità di capitale fisico e umano, le risorse

Dettagli

Il modello generale di commercio internazionale

Il modello generale di commercio internazionale Capitolo 6 Il modello generale di commercio internazionale [a.a. 2015/16 ] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania, Margherita Scoppola e Francesco Aiello) 6-1

Dettagli

Il mercato della moneta

Il mercato della moneta Il mercato della moneta Alessandro Scopelliti Università di Reggio Calabria e University of Warwick alessandro.scopelliti@unirc.it 1 Funzioni della moneta Consideriamo i mercati della moneta e delle attività

Dettagli

Capitolo 6. Il modello IS - LM

Capitolo 6. Il modello IS - LM Capitolo 6 187 Il modello IS - LM Fino ad ora abbiamo considerato separatamente il mercato delle merci e il mercato della moneta, a questo punto dobbiamo prendere in considerazione i collegamenti esistenti

Dettagli

Il modello Mundell-Fleming

Il modello Mundell-Fleming Il modello Mundell-Fleming Il modello di Mundell-Fleming inserisce nel modello IS LM l economia Aperta. Ipotizza che vi sia perfetta mobilità dei capitali Che il paese in esame sia rappresentato da una

Dettagli

Le componenti della domanda aggregata

Le componenti della domanda aggregata Le componenti della domanda aggregata Lezione 3 Lezione 3 Economia Politica - Macroeconomia 1 Le componenti della domanda aggregata Ricordiamole: Consumo (C) Investimento (I) Spesa Pubblica (G) Ricordiamo

Dettagli

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario

UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario UD 7.2. Risparmio, investimento e sistema finanziario Inquadramento generale In questa unità didattica analizzeremo come i risparmi delle famiglie affluiscono alle imprese per trasformarsi in investimenti.

Dettagli

Macroeconomia. quindi: C

Macroeconomia. quindi: C Macroeconomia. Modello Keynesiano Politica economica è interna. Quindi le uniche componenti che ci interessano per la domanda aggregata sono il consumo, gli investimenti e la spesa pubblica. (.) D = C

Dettagli

Equilibrio macroeconomico neoclassico

Equilibrio macroeconomico neoclassico Equilibrio macroeconomico neoclassico La teoria neoclassica (TN) Rappresentò il paradigma teorico di riferimento fino alla crisi del 1929 e prima di Keynes Ancora oggi alcune scuole di pensiero più recenti

Dettagli

L Europa è un economia aperta

L Europa è un economia aperta L economia aperta L Europa è un economia aperta Un sistema macroeconomico si dice aperto quando le transazioni internazionali hanno un ruolo rilevante. Il grado di apertura di un paese è generalmente misurato

Dettagli

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 12 gennaio 2015 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 12 gennaio 2015 1. (*) Spiega in che consiste la procedura di calcolo del deflatore implicito del PIL e se questo è più/meno attendibile di un qualunque deflatore a paniere fisso. 2. (*)

Dettagli

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA

IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA IL MODELLO IS-LM IN ECONOMIA APERTA 1 I MERCATI DEI BENI IN ECONOMIA APERTA Economia aperta applicata a mercati dei beni: l opportunità per i consumatori e le imprese di scegliere tra beni nazionali e

Dettagli

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA

SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA SOLUZIONE PRIMA ESERCITAZIONE MACROECONOMIA Questa esercitazione si compone di quattro parti, ciascuna riguardante gli argomenti svolti in aula a lezione. Per ciascun argomento, trovate un esercizio che

Dettagli

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria

Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili. Economia Applicata all'ingegneria Il modello IS-LM in regime di cambi fissi e di cambi flessibili Economia Applicata all'ingegneria 1 Il modello Mundell - Fleming E un'estensione del modello IS-LM per un sistema aperto, quando le transazioni

Dettagli

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica

Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica Esercizi di Macroeconomia per il corso di Economia Politica (Gli esercizi sono suddivisi in base ai capitoli del testo di De Vincenti) CAPITOLO 3. IL MERCATO DEI BENI NEL MODELLO REDDITO-SPESA Esercizio.

Dettagli

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio

Il concetto di elasticità della domanda rispetto al prezzo è di importanza cruciale per anticipare l esito di variazioni di prezzo (legate ad esempio L elasticità Cap.4 L elasticità Fin ora abbiamo visto come domanda e offerta di un bene reagiscano a variazioni del prezzo del bene Sono state tutte considerazioni qualitative (direzione del cambiamento)

Dettagli

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni

Calcolo del valore attuale e principi di valutazione delle obbligazioni PROGRAMMA 0. Introduzione 1. Valore: Pianificazione finanziaria Valore attuale Valutazione delle obbligazioni e delle azioni, Valore attuale netto ed altri criteri di scelta degli investimenti 2. Valutazione

Dettagli

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio.

Il modello IS-LM. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Il modello IS-LM In questa lezione: Definiamo l equilibrio economico generale. Determiniamo le condizioni per cui il mercato dei beni è in equilibrio. Costruiamo la curva IS e la curva LM e ne determiniamo

Dettagli

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it

ECONOMIA URBANA. Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre. Contatti: costanti@uniroma3.it ECONOMIA URBANA Valeria Costantini Facoltà di Architettura, Università Roma Tre Contatti: costanti@uniroma3.it LA MACROECONOMIA Economia Urbana 2 L economia aperta Per economia aperta si intende l insieme

Dettagli

Equazione quantitativa della moneta

Equazione quantitativa della moneta Moneta e inflazione Equazione quantitativa della moneta Gli individui detengono moneta allo scopo di acquistare beni e servizi QUINDI la quantità di moneta è strettamente correlata alla quantità che viene

Dettagli

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi

Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Tassi di cambio fissi e interventi sul mercato dei cambi Molti paesi cercano di fissare o ancorare il proprio tasso di cambio ad una valuta o ad un gruppo di valute intervenendo sul mercato dei cambi.

Dettagli

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012

SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 SIMULAZIONE PROVA DI ECONOMIA POLITICA (PRIMA PARTE DEL PROGRAMMA: CAPP. 2,4,5,7,21) ANNO ACCADEMICO 2011/2012 La prova d esame completa comprende 6 domande a risposta multipla più 4 esercizi articolati

Dettagli

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo

Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it. Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo Macroeconomia Luca Deidda e-mail: deidda@uniss.it Lezione 16: Microfondazioni: 1) Investimenti; 2) Domanda e Offerta di moneta; 3) Consumo 0 Obbiettivi Analisi dei fondamenti microeconomici di Funzione

Dettagli

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA

Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA Università di Bari ESAME DI MACROECONOMIA Del 19 febbraio 2014 (VERSIONE A) COGNOME NOME MATRICOLA 1) A B C D 2) A B C D 3) A B C D 4) A B C D 5) A B C D 6) A B C D 7) A B C D 8) A B C D 9) A B C D 10)

Dettagli

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114

IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA EAI 2014-2015 - PROF. PAOLO COLLACCHI - DOTT. RICCARDO CORATELLA 114 IL SISTEMA APERTO: APPREZZAMENTO E DEPREZZAMENTO DELLA MONETA IL TASSO

Dettagli

Scelte in condizioni di rischio e incertezza

Scelte in condizioni di rischio e incertezza CAPITOLO 5 Scelte in condizioni di rischio e incertezza Esercizio 5.1. Tizio ha risparmiato nel corso dell anno 500 euro; può investirli in obbligazioni che rendono, in modo certo, il 10% oppure in azioni

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria

Capitolo 16. Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria Capitolo 16 Il sistema bancario, la Banca Centrale e la politica monetaria La quantità di moneta in circolazione può influenzare l'andamento macroeconomico Che cosa si considera moneta? Tipicamente, la

Dettagli

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU)

Dipartimento di Management. Anno accademico 2014/2015. Macroeconomia (9 CFU) Università degli Studi di Torino Dipartimento di Management Anno accademico 2014/2015 Macroeconomia (9 CFU) Notizie pratiche Orari: lunedì 14.00-17.00 (3-4 ore accademiche) venerdì 14.00-17.00 (3-4 ore

Dettagli

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO

Macroeconomia 9 gennaio 2014 SCRIVI NOME E COGNOME SU OGNI FOGLIO Macroeconomia 9 gennaio 2014 Il punteggio di ogni domanda è fissato in uno o due asterischi. Il punteggio intero viene dato solo Non consegnare se non sei convinto di aver realizzato almeno 7 punti. 1.

Dettagli

I mercati finanziari

I mercati finanziari Lezione 6 (BAG cap. 4) I mercati finanziari Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia I mercati finanziari 1. La domanda di moneta 2. L offerta di moneta: il ruolo della Banca Centrale

Dettagli

TEST FINANZA OTTOBRE 2013

TEST FINANZA OTTOBRE 2013 TEST FINANZA OTTOBRE 03. Si consideri la funzione f ( ) ln( e ). Determinare l espressione corretta della derivata seconda f ( ). e f( ) ( e ) A B f( ) e f( ) ln ( e ) C D f( ). Dati i tre vettori (, 3,

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI DIPARTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E AZIENDALI MACROECONOMIA - Anno accademico 2015-2016, I semestre UNIVERSIT DEGLI STUDI DI SSSRI DIPRTIMENTO DI SCIENZE ECONOMICHE E ZIENDLI MCROECONOMI - nno accademico 2015-2016, I semestre Soluzioni esercitazione (seconda parte del programma), 11122015 PRTE ) 1) Si

Dettagli

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1

Economia Applicata ai sistemi produttivi. 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Economia Applicata ai sistemi produttivi 06.05.05 Lezione II Maria Luisa Venuta 1 Schema della lezione di oggi Argomento della lezione: il comportamento del consumatore. Gli economisti assumono che il

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8

Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica. Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Facoltà di Scienze Politiche Corso di Economia Politica Esercitazione di Microeconomia sui capitoli 7 e 8 Domanda 1 Dite quale delle seguenti non è una caratteristica di un mercato perfettamente competitivo:

Dettagli

Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016. Corso di Macroeconomia Lezione 16

Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016. Corso di Macroeconomia Lezione 16 Università di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Economiche e Statistiche Anno Accademico 2015-2016 Corso di Macroeconomia Lezione 16 1 La teoria del consumo e il ruolo delle aspe1a2ve Le teorie

Dettagli

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010

Esercizi su domanda e offerta. 24 novembre 2010 Esercizi su domanda e offerta 24 novembre 2010 Domande Domanda 1* Cosa si intende per spesa totale di un consumatore per un dato bene? Descrivete come essa varia quando il prezzo del bene considerato aumenta

Dettagli

Tempo e rischio Tempo Rischio

Tempo e rischio Tempo Rischio Il Valore Attuale Tempo e rischio Tempo: i 100 euro di oggi valgono di meno dei 100 euro di domani perché i primi possono essere investiti nel mercato dei capitali e fruttare un tasso di interesse r. Rischio:

Dettagli

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario

Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Lezione 12. L equilibrio del mercato valutario Relazioni monetarie e finanziarie si stabiliscono anche tra i residenti di un paese e i non-residenti. Le transazioni internazionali necessitano di istituzioni

Dettagli

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company

MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI. Harcourt Brace & Company MACROECONOMIA DELLE ECONOMIE APERTE: CONCETTI E FONDAMENTI Economie aperte o chiuse Un economia chiusa è un economia che non interagisce con altre economie nel mondo. Non ci sono esportazioni, non ci sono

Dettagli

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa

Master della filiera cereagricola. Impresa e mercati. Facoltà di Agraria Università di Teramo. Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Master della filiera cereagricola Giovanni Di Bartolomeo Stefano Papa Facoltà di Agraria Università di Teramo Impresa e mercati Parte prima L impresa L impresa e il suo problema economico L economia studia

Dettagli

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA

CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA CAPITOLO SECONDO RICHIAMI DI MICROECONOMIA SOMMARIO: 2.1 La domanda. - 2.2 Costi, economie di scala ed economie di varietà. - 2.2.1 I costi. - 2.2.2 Le economie di scala. - 2.2.3 Le economie di varietà.

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 167 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

Lezione 26 (BAG cap. 24)

Lezione 26 (BAG cap. 24) Lezione 26 (BAG cap. 24) Politica Monetaria e Fiscale: regole e vincoli Corso di Macroeconomia Prof. Guido Ascari, Università di Pavia Cosa sappiamo Nel breve periodo la politica monetaria influisce sia

Dettagli

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza

MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti. Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza MICROECONOMIA La teoria del consumo: Alcuni Arricchimenti Enrico Saltari Università di Roma La Sapienza 1 Dotazioni iniziali Il consumatore dispone ora non di un dato reddito monetario ma di un ammontare

Dettagli

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5)

ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) ECONOMIA Sanna-Randaccio (Lez 5) Scelta intertemporale n periodi di tempo Flusso e Stock Calcolo del valore attuale e del valore futuro (2 periodi) Vincolo di bilancio intertemporale Scelta intertemporale

Dettagli

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long)

Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Lezione 8 (Capitolo 12 De Long) Curva di Phillips e aspettative R. Capolupo- Macro 2 1 Legame tra modello a prezzi vischiosi e quello a prezzi flessibili Il passaggio dal modello a prezzi vischiosi al

Dettagli

Il mercato dei beni in economia aperta

Il mercato dei beni in economia aperta Il mercato dei beni in economia aperta La differenza tra economia aperta e chiusa In una economia chiusa tutta la produzione viene venduta entro i confini nazionali, la domanda nazionale di beni (la spesa

Dettagli

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale

IL CAPITALE. 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale IL CAPITALE 1) Domanda di capitale 2) Offerta di capitale CAPITALE FINANZIARIO E CAPITALE REALE Col termine capitale i si può riferire a due concetti differenti Il capitale finanziario è costituito dalla

Dettagli

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta

Economia Aperta. In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta. Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta Economia Aperta In questa lezione: Analizziamo i mercati dei beni e servizi in economia aperta Analizziamo i mercati finanziari in economia aperta 158 Economia aperta applicata ai mercati dei beni mercati

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI I TASSI DI INTERESSE TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO ALLA SCADENZA (TRES) O YIELD-TO- MATURITY (YTM) Lezione 3 1 I PUNTI PRINCIPALI DELLA LEZIONE o o Misurazione dei tassi di interesse

Dettagli

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO

LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO LA DURATION E LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO OBBLIGAZIONARIO FLAVIO ANGELINI Sommario. In queste note si vuole mostrare come la Duration venga utilizzata quale strumento per la gestione del portafoglio obbligazionario.

Dettagli

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali

equilibrio esterno (Y E sulla BP) BP orizzontale perfetta mobilità dei capitali MONETA E FINANZA INTERNAZIONALE Lezione 11 IL MODELLO DI MUNDELL-FLEMING IN CAMBI FLESSIBILI Cambi flessibili un deprezzamento sposta la BP verso il basso; un apprezzamento sposta la BP verso l alto. Poiché

Dettagli

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA

Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esercitazione relativa al capitolo 14 I MONOPOLI E LA CONCORRENZA IMPERFETTA Esistono quattro principali tipi di strutture di mercato: concorrenza perfetta, monopolio, concorrenza monopolistica e oligopolio.

Dettagli