GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2015"

Transcript

1 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL MODELLO 730/2015 FEBBRAIO 2015 XXII EDIZIONE ASSOCAAF SPA PIAZZA DIAZ MILANO - TEL FAX CAP SOC IV CF PI RI REA ISCRITTO AL N. 30 ALBO CENTRI AUTORIZZATI DI ASSISTENZA FISCALE PER I DIPENDENTI

2

3 INDICE ISTRUZIONI GENERALI 1 Le nuove modalità di presentazione 1 Il 730 precompilato 1 Come si accede al 730 precompilato 1 Quando si presenta 2 Come si presenta 2 Il visto di conformità 4 Chi può utilizzare il Modello Mod. 730 dipendenti senza sostituto 7 I redditi che possono essere dichiarati con il Mod Chi non può utilizzare il Modello Condizioni per essere considerati residenti 8 Obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi 9 Chi non è obbligato a presentare la dichiarazione 10 La dichiarazione congiunta Mod Le novità 12 Altre istruzioni per la compilazione 13 Errori e dimenticanze 15 Modello 730 rettificativo 16 Modello 730 integrativo 16 Le operazioni di conguaglio 18 Casi particolari 21 I

4 La composizione del modello IL FRONTESPIZIO 24 La sezione CONTRIBUENTE - Dati Anagrafici 24 CASELLA N. 1 Contribuente ( Dichiarante ; Coniuge dichiarante ; Rappresentante o Tutore ) CASELLA N. 2 Dichiarazione congiunta 25 CASELLA N. 3 Codice fiscale del contribuente 25 CASELLA N. 4 Soggetto fiscalmente a carico di altri 26 CASELLA N integrativo 26 CASELLA N senza sostituto 26 CASELLA N. 7 Situazioni particolari 26 CASELLA N. 8 Codice fiscale del rappresentante o tutore 26 CASELLA N. 9 Cognome e nome 27 CASELLA N. 10 Sesso 27 CASELLA N. 11 Data di nascita 27 CASELLA N. 12 Comune (o stato estero) di nascita 27 CASELLA N. 13 Provincia 27 CASELLA N. 14 Tutelato/a - Minore La sezione Residenza anagrafica 28 CASELLA N. 15 Comune e provincia (di residenza) 28 CASELLA N. 16 Tipologia, indirizzo, num. civico, frazione, C.A.P. 28 CASELLA N. 17 Data della variazione 28 CASELLA N. 18 Dichiarazione presentata per la prima volta 28 La sezione Telefono e posta elettronica 29 CASELLA N. 19 Numero di telefono, cellulare e indirizzo di posta elettronica 29 La sezione Domicilio fiscale al 01/01/ CASELLA N. 20 Comune e provincia 30 La sezione Domicilio fiscale al 01/01/ CASELLA N. 21 Comune e provincia 30 CASELLA N. 22 Casi particolari addizionale regionale 30 II

5 La sezione Coniuge e familiari a carico 31 CASELLA "C" Coniuge 34 CASELLA N. 23 Codice fiscale del coniuge 34 CASELLA N. 24 Mesi a carico (Coniuge) 34 CASELLA "F1" Primo figlio 35 CASELLA F Figli 35 CASELLA D Disabili 35 CASELLA A Altri familiari 35 CASELLA N. 25 Codice fiscale del primo figlio 36 CASELLA N. 26 Mesi a carico (primo figlio) 37 CASELLA N. 27 Minore di 3 anni (primo figlio) 37 CASELLA N. 28 Percentuale di detrazione spettante (primo figlio) 37 CASELLA N Detrazione 100% affidamento figli 39 CASELLA N. 30 Codice fiscale dei figli o altri familiari a carico 39 CASELLA N. 31 Mesi a carico (figli e altri familiari) 39 CASELLA N. 32 Minore di 3 anni (figli) 40 CASELLA N. 33 Percentuale di detrazione spettante 40 CASELLA N. 35 Percentuale ulteriore detrazione per famiglie con almeno 4 figli 41 CASELLA N. 36 Numero figli in affido preadottivo a carico del contribuente 41 La sezione Dati del Sostituto d imposta che effettuerà il conguaglio 42 CASELLA N. 37 Cognome, nome o Denominazione 42 CASELLA N. 38 Codice fiscale 42 CASELLA N. 39 Comune e provincia 43 CASELLA N. 40 Tipologia, indirizzo, C.A.P., num. civico e frazione 43 CASELLA N. 41 Numero di telefono o fax e indirizzo di posta elettronica 43 CASELLA N. 42 Codice sede 43 CASELLA N. 43 Mod. 730 dipendenti senza sostituto 43 REDDITI FONDIARI (TERRENI E FABBRICATI) 44 Redditi dei terreni - Indicazioni Generali 44 Redditi dei fabbricati - Indicazioni Generali 46 QUADRO A - REDDITI DEI TERRENI 49 CASELLA N. 44 Reddito dominicale 49 CASELLA N. 45 Titolo 50 CASELLA N. 46 Reddito agrario 50 CASELLA N. 47 Giorni di possesso 52 CASELLA N. 48 Percentuale di possesso 52 CASELLA N. 49 Canone d'affitto in regime vincolistico 53 CASELLA N. 50 Casi particolari 53 CASELLA N. 51 Continuazione - collegamento righi 53 III

6 CASELLA N. 52 IMU non dovuta 54 CASELLA N. 53 Coltivatore diretto o IAP 54 Società semplici e imprese familiari in agricoltura 54 Agevolazioni imprenditoria giovanile in agricoltura 55 Alcuni esempi 56 QUADRO B - REDDITI DEI FABBRICATI 59 Indicazioni Generali 59 CASELLA N. 54 Rendita catastale 59 CASELLA N. 55 Utilizzo 61 CASELLA N. 56 Giorni di possesso 65 CASELLA N. 57 Percentuale di possesso 65 CASELLA N. 58 Codice canone 66 CASELLA N. 59 Canone di locazione 66 CASELLA N. 60 Casi particolari 68 CASELLA N. 61 Continuazione stesso immobile righi precedenti 70 CASELLA N. 62 Codice comune 70 CASELLA N. 63 Cedolare secca 70 CASELLA N. 64 Casi particolari IMU 71 Alcuni esempi 72 La sezione - Dati relativi ai contratti di locazione 77 CASELLA N. 65 N. rigo di riferimento 80 CASELLA N. 66 Modello n. 80 CASELLA N. 67 Data 80 CASELLA N. 68 Serie 81 CASELLA N. 69 Numero e sottonumero 81 CASELLA N. 70 Codice Ufficio 81 CASELLA N. 71 Contratto di durata non superiore a 30 giorni 81 CASELLA N. 72 Anno di presentazione dichiarazione ICI/IMU 81 CASELLA N. 73 Stato di emergenza 81 IV

7 QUADRO C - REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE E ASSIMILATI 82 Indicazioni generali 82 Le detrazioni per tipo di reddito 82 Sezione I - Redditi di lavoro dipendente e assimilati 86 Redditi esenti e rendite che non costituiscono reddito 89 CASELLA N. 74 Casi particolari 90 CASELLA N. 75 Tipologia reddito 91 CASELLA N. 76 Indeterminato/determinato 91 CASELLA N. 77 Reddito 92 RIGO C4 - Somme per incremento della produttività 93 CASELLA N. 78 Somme tassazione ordinaria 94 CASELLA N. 79 Somme tassazione sostitutiva 94 CASELLA N. 80 Ritenute imposta sostitutiva 94 CASELLA N. 81 Importi art. 51. Comma 6 TUIR Non imponibili 94 CASELLA N. 82 Importi art. 51. Comma 6 TUIR Non imponibili imposta sostitutiva 95 CASELLA N. 83/84 Tassazione ordinaria/tassazione sostitutiva 95 CASELLA N. 85/86 Periodo di lavoro (giorni per i quali spettano le detrazioni) 95 Sezione II - Altri redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente 96 CASELLA N. 87 Assegno del coniuge 98 CASELLA N. 88 Reddito 98 Sezione III - Ritenute Irpef e Addizionale Regionale all Irpef 98 TABELLA SCAGLIONI DI REDDITO E ALIQUOTE IRPEF VALIDE PER IL TABELLA ADDIZIONALI REGIONALI ALL IRPEF VALIDE PER IL CASELLA N. 89 Ritenute Irpef 101 CASELLA N. 90 Ritenute Addizionale Regionale 101 Sezione IV - Ritenute Addizionale Comunale all Irpef 102 CASELLA N. 91 Ritenute acconto Addizionale Comunale CASELLA N. 92 Ritenute saldo Addizionale Comunale CASELLA N. 93 Ritenute acconto Addizionale Comunale V

8 Sezione V Bonus Irpef 102 CASELLA N. 94 Codice Bonus (punto 119 CU 2015) 103 CASELLA N. 95 Bonus erogato (punto 120 CU 2015) 103 Sezione VI - Altri dati (contributo solidarietà) 104 CASELLA N. 96 Reddito al netto del contributo pensioni (punto 173 CU 2015) 104 CASELLA N. 97 Contributo di solidarietà trattenuto (punto 171 CU 2015) 104 Stipendi, redditi e pensioni prodotti all'estero 105 QUADRO D - ALTRI REDDITI 109 Indicazioni generali 109 Sezione I - Redditi di capitale, lavoro autonomo e redditi diversi 109 Rigo D1 - Utili, ed altri proventi equiparati 110 CASELLA N. 98 Tipo di reddito 111 CASELLA N. 99 Redditi 111 CASELLA N. 100 Ritenute 112 Trattamento fiscale degli Utili prodotti all Estero 112 Rigo D2 - Altri redditi di capitale 115 CASELLA N. 101 Tipo di reddito 115 CASELLA N. 102 Reddito 116 CASELLA N. 103 Ritenute 116 Rigo D3 - Redditi derivanti da attività assimilate al lavoro autonomo 117 CASELLA N. 104 Tipo di reddito 118 CASELLA N. 105 Redditi 119 CASELLA N. 106 Ritenute 119 Rigo D4 - Redditi diversi 119 CASELLA N. 107 Tipo di reddito 119 CASELLA N. 108 Redditi 123 CASELLA N. 109 Spese 123 CASELLA N. 110 Ritenute 124 VI

9 Rigo D5 - Redditi derivanti da attività occasionale o da obblighi di fare, non fare e permettere 124 CASELLA N. 111 Tipo di reddito 124 CASELLA N. 112 Reddito 125 CASELLA N. 113 Spese 125 CASELLA N. 114 Ritenute 125 Sezione II - Redditi soggetti a tassazione separata 126 Rigo D6 - Redditi percepiti da eredi e legatari 126 CASELLA N. 115 Tipo di reddito 126 CASELLA N. 116 Tassazione ordinaria 127 CASELLA N. 117 Anno 128 CASELLA N. 118 Reddito 128 CASELLA N. 119 Reddito totale del deceduto 128 CASELLA N. 120 Quota delle imposte di successione 129 CASELLA N. 121 Ritenute 129 Rigo D7 - Imposte ed oneri rimborsati nel 2014 e altri redditi a tassazione separata 129 CASELLA N. 122 Tipo di reddito 129 CASELLA N. 123 Tassazione ordinaria 131 CASELLA N. 124 Anno 131 CASELLA N. 125 Reddito 132 CASELLA N. 126 Ritenute 132 QUADRO E ONERI E SPESE 133 Indicazioni generali 133 Sezione I - Spese per le quali spetta la detrazione d imposta del 19 e 26% 137 CASELLA N. 127/128/129 Spese sanitarie (E1) 138 CASELLA N. 129/130 Spese sanitarie patologie esenti per familiari non a carico (E2) 145 CASELLA N. 129/131 Spese sanitarie per persone con disabilità (E3) 145 CASELLA N. 132/133 Spese veicoli per persone con disabilità (E4) 147 CASELLA N. 134/135 Spese per l acquisto di cani guida (E5) 150 CASELLA N. 136/137 Spese sanitarie rateizzate in precedenza (E6) 150 Interessi passivi - Introduzione 151 CASELLA N. 138 Interessi per mutui ipotecari per l acquisto dell abitazione principale (E7) Casi particolari 154 VII 152

10 Alcuni esempi 156 ALTRE SPESE (CODICI 8-99) 158 CASELLA N. 139/140 Interessi per mutui ipotecari per acquisto altri immobili (E8-E12) 158 CASELLA N. 139/140 Interessi per mutui contratti nel 1997 per recupero edilizio (E8-E12) 159 CASELLA N. 139/140 Interessi per mutui ipotecari per la costruzione dell abitazione principale (E8-E12) 161 CASELLA N. 139/140 Interessi per prestiti o mutui agrari (E8-E12) 163 TABELLA REGOLE PER LA DETRAIBILITA DEI MUTUI 164 CASELLA N. 139/140 Spese di istruzione (E8-E12) 165 CASELLA N. 139/140 Spese funebri (E8-E12) 166 CASELLA N. 139/140 Spese per addetti all assistenza personale (E8-E12) 166 CASELLA N. 139/140 Spese per attività sportive praticate da ragazzi (E8-E12) 167 CASELLA N. 139/140 Altre spese (CODICI DA 17 A 99 righi E8-E12) 168 CASELLA N. 139/140 Spese per le quali spetta la detrazione del 26% (E8-E12) 174 Sezione II Spese e oneri per i quali spetta la deduzione dal reddito complessivo 175 CASELLA N. 141 Contributi previdenziali ed assistenziali (E21) 175 CASELLA N. 142/143 Assegno al coniuge (E22) 175 CASELLA N. 144 Contributi per addetti ai servizi domestici e familiari (E23) 176 CASELLA N. 145 Erogazioni liberali a favore di istituzioni religiose (E24) 177 CASELLA N. 146 Spese mediche e di assistenza di persone con disabilità (E25) 178 CASELLA N. 147/148 Altri oneri deducibili (E26) 180 RIGHI E27-E31 Contributi per previdenza complementare (E27-E31) 183 CASELLA N. 149/150 Deducibilità ordinaria (E27) 183 CASELLA N. 151/152 Lavoratori di prima occupazione (E28) 184 CASELLA N. 153/154 Fondi in squilibrio finanziario (E29) 184 CASELLA N. 155/156 Familiari a carico (E30) 184 CASELLA N Fondo pensione negoziale dipendenti pubblici (E31) 185 CASELLA N Spese per acquisto o costruzione di abitazioni date in locazione 185 (E32) Sezione III A - Spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio (detrazione del 36, 41, 50 o 65%) 187 CASELLA N. 163 Anno (E41-E44) 195 CASELLA N /2012/2013/2014-antisismico (E41-E44) 195 CASELLA N. 165 Codice fiscale (E41-E44) 195 CASELLA N. 166 Interventi particolari (E41-E44) 196 CASELLA N. 167 Situazioni particolari-codice (E41-E44) 196 CASELLA N. 168 Anno (E41-E44) 196 CASELLA N. 169 Rideterminazione rate (E41-E44) 197 CASELLA N. 170/171 Numero rate (E41-E44) 197 CASELLA N. 172 Importo spesa (E41-E44) 197 CASELLA N. 173 N. Ordine immobile (E41-E44) 198 VIII

11 Sezione III B Dati catastali identificativi degli immobili e altri dati per fruire della detrazione 199 CASELLA N. 174 N. Ord. Immobile (E51/E52) 199 CASELLA N. 175 Condominio (E51/E52) 199 CASELLA N. 176 Codice Comune (E51/E52) 199 CASELLA N. 177 Terreni/Urbano (E51/E52) 199 CASELLA N. 178 Sezione urbana/comune catastale (E51/E52) 200 CASELLA N. 179 Foglio (E51/E52) 200 CASELLA N. 180 Particella (E51/E52) 200 CASELLA N. 181 Subalterno (E51/E52) 200 Rigo E53 - Altri dati (registrazione contratto e accatastamento) 200 CASELLA N. 182 N. Ord. Immobile (E53) 200 CASELLA N. 183 Condominio (E53) 200 CASELLA N. 184 Data registrazione (E53) 201 CASELLA N. 185 Serie (E53) 201 CASELLA N. 186 Numero e sottonumero (E53) 201 CASELLA N. 187 Codice Ufficio Agenzia Entrate (E53) 201 CASELLA N. 188 Data accatastamento (E53) 201 CASELLA N. 189 Numero (E53) 202 CASELLA N. 190 Provincia Ufficio Agenzia Entrate (E53) 202 Sezione III C Spese per l arredo degli immobili ristrutturati (detrazione del 50%) 202 CASELLA N. 191 Numero rata (E57) 204 CASELLA N. 192 Spesa arredo immobile (E57) 204 Sezione IV Spese per interventi di risparmio energetico (detrazione 55 o 65%) 204 CASELLA N. 193 Tipo intervento (E61-E63) 207 CASELLA N. 194 Anno (E61-E63) 209 CASELLA N. 195 Periodo 2013 (E61-E63) 209 CASELLA N. 196 Casi particolari (E61-E63) 209 CASELLA N. 197 Periodo 2008-Rideterminazione rate (E61-E63) 209 CASELLA N. 198 Rateazione (E61-E63) 210 CASELLA N. 199 Numero rata (E61-E63) 210 CASELLA N. 200 Importo spesa (E61-E63) 210 IX

12 Sezione V Detrazione per gli inquilini con contratto di locazione 210 CASELLA N. 201 Tipologia (E71) 211 CASELLA N. 202 Giorni (E71) 212 CASELLA N. 203 Percentuale (E71) 212 CASELLA N. 204/205 Lavoratori dipendenti che trasferiscono la residenza per motivi di 212 lavoro (E72) Sezione VI Altre detrazioni d imposta 213 CASELLA N. 206 Detrazione per spese di mantenimento dei cani guida (E81) 213 CASELLA N. 207 Detrazione affitto terreni agricoli ai giovani (E82) 213 CASELLA N. 208/209 Altre detrazioni (E83) 214 QUADRO F ACCONTI,RITENUTE, ECCEDENZE E ALTRI DATI 215 Sezione I - Acconti Irpef e add.le comunale e cedolare secca relativi al 2014 (Rigo F1) 215 CASELLA N. 210 Prima rata acconto Irpef 215 CASELLA N. 211 Seconda o unica rata acconto Irpef 216 CASELLA N. 212 Acconto Addizionale Comunale trattenuto con Mod. 730/ CASELLA N. 213 Acconto Addizionale Comunale versato con Mod. F CASELLA N. 214 Prima rata acconto cedolare secca CASELLA N. 215 Seconda o unica rata acconto cedolare secca Sezione II Altre ritenute subite (Rigo F2) 218 CASELLA N. 216 Irpef 218 CASELLA N. 217 Addizionale Regionale 218 CASELLA N. 218 Addizionale Comunale 218 CASELLA N. 219 Addizionale regionale Irpef attività sportive dilettantistiche 218 CASELLA N. 220 Addizionale comunale Irpef attività sportive dilettantistiche 218 CASELLA N. 221 Irpef per lavori socialmente utili 218 CASELLA N. 222 Addizionale regionale Irpef per lavori socialmente utili 218 Sezione III - Eccedenze risultanti dalle precedenti dichiarazioni (Rigo F3-F4) 219 CASELLA N. 223 Irpef 219 CASELLA N. 224 di cui già compensata in F24 (Irpef) 220 CASELLA N. 225 Imposta sostitutiva quadro RT 220 CASELLA N. 226 di cui già compensata in F24 (Imposta sostitutiva quadro RT) 220 CASELLA N. 227 Cedolare secca 220 CASELLA N. 228 di cui già compensata in F24 (cedolare secca) 221 X

13 CASELLA N. 229 Codice Regione 221 CASELLA N. 230 Addizionale regionale all Irpef 221 CASELLA N. 231 di cui già compensata in F24 (Add. regionale all Irpef) 221 CASELLA N. 232 Codice Comune 222 CASELLA N. 233 Addizionale comunale all Irpef 222 CASELLA N. 234 di cui già compensata in F24 (Add. comunale all Irpef) 222 Sezione IV Ritenute e acconti sospesi per eventi eccezionali 222 CASELLA N. 235 Eventi eccezionali 222 CASELLA N. 236 Irpef 224 CASELLA N. 237 Addizionale regionale all Irpef 224 CASELLA N. 238 Addizionale comunale all Irpef 224 CASELLA N. 239 Imposta sostitutiva produttività 224 CASELLA N. 240 Cedolare secca 224 CASELLA N. 241 Contributo solidarietà 224 Sezione V Misura degli acconti per l anno 2015 e rateazione del saldo 2014 (F6) 225 CASELLA N. 242 Barrare la casella per non effettuare i versamenti di acconto Irpef 225 CASELLA N. 243 Versamenti di acconto Irpef in misura inferiore 225 CASELLA N. 244 Barrare la casella per non effettuare i versamenti di acconto addizionale comunale 226 CASELLA N. 245 Versamenti di acconto addizionale comunale in misura inferiore 226 CASELLA N. 246 Barrare la casella per non effettuare i versamenti di acconto cedolare secca 226 CASELLA N. 247 Versamenti di acconto cedolare secca in misura inferiore 226 CASELLA N. 248 Numero rate 226 Sezione VI Soglie di esenzione addizionale comunale 227 Rigo F7 Esenzioni anno CASELLA N. 249 Soglia esenzione saldo CASELLA N. 250 Esenzione totale/altre agevolazione saldo Rigo F8 Esenzioni anno CASELLA N. 251 Soglia esenzione acconto CASELLA N. 252 Esenzione totale/altre agevolazioni acconto Sezione VII Dati da indicare nel mod. 730 integrativo 228 Rigo F9 Importi rimborsati dal sostituto d imposta 228 CASELLA N. 253 Irpef 228 CASELLA N. 254 Addizionale regionale all Irpef 228 CASELLA N. 255 Addizionale comunale all Irpef 228 XI

14 CASELLA N. 256 Cedolare secca 228 Rigo F10 Crediti utilizzati con il mod. F24 per il versamento di altre imposte 229 CASELLA N. 257 Credito Irpef 229 CASELLA N. 258 Credito addizionale regionale 229 CASELLA N. 259 Credito addizionale comunale 229 CASELLA N. 260 Credito cedolare secca 229 Sezione VIII Altri dati 230 Rigo F11 Importi rimborsati dal sostituto per detrazioni incapienti 230 CASELLA N. 261 Ulteriore detrazione per figli 230 CASELLA N. 262 Detrazioni canoni locazione 230 Rigo F12 Restituzione bonus 230 CASELLA N. 263 Bonus fiscale 230 CASELLA N. 264 Bonus straordinario 230 Rigo F13 Pignoramento presso terzi 230 CASELLA N. 265 Tipo reddito 231 CASELLA N. 266 Ritenute 231 QUADRO G CREDITI D IMPOSTA 232 Indicazioni generali 232 Sezione I Crediti d imposta relativi ai fabbricati 232 CASELLA N. 267/269 Credito riacquisto prima casa (G1) 232 CASELLA N. 270 Credito canoni di locazione non percepiti (G2) 236 Sezione II Credito d imposta reintegro anticipazioni fondi pensione 237 CASELLA N. 271 Anno anticipazione 237 CASELLA N. 272 Reintegro Totale/parziale 237 CASELLA N. 273 Somma reintegrata 237 CASELLA N. 274 Residuo precedente dichiarazione 237 CASELLA N. 275 Credito anno CASELLA N. 276 di cui compensato nel modello F XII

15 Sezione III - Credito d'imposta per redditi prodotti all'estero 238 CASELLA N. 277 Codice stato estero 238 CASELLA N. 278 Anno 238 CASELLA N. 279 Reddito estero 238 CASELLA N. 280 Imposta estera 239 CASELLA N. 281 Reddito complessivo 239 CASELLA N. 282 Imposta lorda 239 CASELLA N. 283 Imposta netta 239 CASELLA N. 284 Credito utilizzato nelle precedenti dichiarazioni 239 CASELLA N. 285 di cui relativo allo stato estero di col Sezione IV Credito d imposta per gli immobili colpiti dal sisma in Abruzzo 241 Rigo G5 Abitazione principale 241 CASELLA N. 286 Codice fiscale 241 CASELLA N. 287 Numero rata 241 CASELLA N. 288 Totale credito 241 CASELLA N. 289 Residuo precedente dichiarazione 241 Rigo G6 Altri immobili 242 CASELLA N. 290 Impresa/Professione 242 CASELLA N. 291 Codice fiscale 242 CASELLA N. 292 Numero rata 242 CASELLA N. 293 Rateazione 242 CASELLA N. 294 Totale credito 242 Sezione V Credito d imposta incremento occupazione (G7) 242 CASELLA N. 295 Residuo precedente dichiarazione 243 CASELLA N. 296 di cui compensato in F Sezione VI Credito d imposta per mediazioni (Rigo G8) 243 CASELLA N. 297 Credito anno CASELLA N. 298 di cui compensato in F Sezione V Credito d imposta per erogazioni cultura (G9) 243 CASELLA N. 299 Spesa totale 243 QUADRO I IMPOSTE DA COMPENSARE 245 CASELLA N. 300 Indicare l ammontare delle imposte da versare 245 CASELLA N. 301 Barrare la casella 246 XIII

16 APPENDICE Elenco delle ONG (Organizzazioni non governative) Elenco degli Enti autorizzati alle Adozioni Internazionali I QUADRI DEL MODELLO 730/2015 I I VIII XIV

17 Istruzioni generali ISTRUZIONI GENERALI LE NUOVE MODALITA DI PRESENTAZIONE IL 730 PRECOMPILATO. A partire da quest anno sarà possibile presentare il 730 direttamente in via telematica tramite il sito dell Agenzia delle Entrate, che renderà disponibile entro il 15 aprile una dichiarazione precompilata. Per il primo anno di avvio sperimentale del progetto questa modalità sarà proposta a circa 20 milioni di persone, che presentano le caratteristiche seguenti: Per l anno d imposta precedente (2013) hanno presentato il modello 730 (o Unico con caratteristiche da 730). Il sostituto d imposta ha trasmesso la loro Certificazione Unica 2015 relativa ai redditi 2014 (ex modello CUD). Non hanno avuto partita Iva nel Non hanno presentato per l anno d imposta precedente dichiarazioni correttive nei termini o integrative. ATTENZIONE. La dichiarazione precompilata viene predisposta anche per coloro che, oltre al modello 730, hanno presentato anche i quadri RM, RT e RW del Modello Unico Persone fisiche Per l anno 2015 il 730 precompilato conterrà: i dati del modello CU, che da quest anno viene inviato in via telematica all Agenzia delle Entrate dai sostituti d imposta (il reddito di lavoro dipendente, le ritenute Irpef, le trattenute di addizionale regionale e comunale, i compensi di lavoro autonomo occasionale e i dati dei familiari a carico); i dati relativi agli interessi passivi sui mutui, ai premi assicurativi e ai contributi previdenziali, che vengono comunicati all Agenzia delle Entrate dai soggetti che erogano mutui agrari e fondiari, dalle imprese di assicurazione e dagli enti previdenziali; alcuni dati contenuti nella dichiarazione dei redditi dell anno precedente come le spese sostenute per interventi di recupero del patrimonio edilizio, i crediti d imposta e le eccedenze; gli altri dati presenti nell Anagrafe tributaria come i versamenti effettuati con il modello F24 e i contributi versati per lavoratori domestici. Dal 2016 sarà possibile inserire in dichiarazione anche i dati relativi alle spese sanitarie e altri oneri, nell ambito di una generale razionalizzazione dei criteri di deducibilità e detraibilità delle spese sostenute, evitando duplicazioni tra diverse potenziali fonti informative (ad esempio Tessera Sanitaria e Spesometro). Come si accede al 730 precompilato Il contribuente può accedere alla dichiarazione precompilata tramite il proprio sostituto che presta assistenza fiscale oppure tramite un Caf o un professionista abilitato. In questo caso deve consegnare al sostituto o all intermediario un apposita delega per l accesso al 730 precompilato. 1

18 Istruzioni generali Sarà anche possibile recuperare il modello direttamente tramite un apposita sezione del sito dell Agenzia delle Entrate, per accedere alla quale sarà necessario entrare in possesso del codice Pin, che può essere richiesto: 1. online, accedendo al sito dell Agenzia e inserendo alcuni dati personali; 2. per telefono, chiamando il servizio di risposta automatica al numero (al costo di una telefonata urbana); 3. in ufficio, presentando un documento di identità. Nella sezione del sito internet dedicata al 730 sarà possibile visualizzare: il modello 730 precompilato; un prospetto con l indicazione sintetica dei redditi e delle spese presenti nel 730 precompilato e delle principali fonti utilizzate per l elaborazione della dichiarazione (ad esempio i dati del sostituto che ha inviato la Certificazione Unica oppure i dati della banca che ha comunicato gli interessi passivi sul mutuo). Se le informazioni in possesso dell Agenzia delle entrate risultano incomplete, queste non vengono inserite direttamente nella dichiarazione ma sono esposte in un apposito prospetto per consentire al contribuente di verificarle ed eventualmente indicarle nel 730 precompilato. Ad esempio, dall Anagrafe tributaria può risultare l atto di acquisto di un fabbricato, di cui però non si conosce la destinazione (sfitto, dato in comodato, ecc.). Nello stesso prospetto sono evidenziate anche le informazioni che risultano incongruenti e che quindi richiedono una verifica da parte del contribuente. Ad esempio, non vengono inseriti nel 730 precompilato gli interessi passivi comunicati dalla banca se sono di ammontare superiore rispetto a quelli indicati nella dichiarazione dell anno precedente (gli interessi passivi pagati per i mutui ipotecari infatti generalmente diminuiscono nel corso degli anni); l esito della liquidazione, ossia il rimborso che sarà erogato dal sostituto d imposta e/o le somme che saranno trattenute in busta paga; il modello con il dettaglio dei risultati della liquidazione. Quando si presenta Il termine per la presentazione è il 7 luglio sia in caso di presentazione da parte del contribuente tramite il sito dell Agenzia, sia tramite sostituto d imposta che presta assistenza diretta o tramite Caf o professionista abilitato, con o senza precompilato. COME SI PRESENTA Presentazione diretta Se il contribuente intende presentare il 730 precompilato direttamente tramite il sito internet dell Agenzia delle entrate deve: indicare i dati del sostituto d imposta che effettuerà il conguaglio; compilare la scheda per la scelta della destinazione dell 8, del 5 e del 2 per mille dell Irpef, anche se non esprime alcuna scelta; verificare con attenzione che i dati presenti nel 730 precompilato siano corretti e completi. Se il 730 precompilato non richiede nessuna correzione o integrazione, il contribuente lo può accettare senza modifiche. La dichiarazione si considera accettata anche se il contribuente effettua delle modifiche che non incidono sul calcolo del reddito complessivo o dell imposta. 2

19 Istruzioni generali ATTENZIONE. In questo caso non sono previsti i controlli documentali sugli oneri detraibili e deducibili. Inoltre non sarà effettuato il controllo preventivo in caso di rimborsi d imposta superiori a euro. Se, invece, alcuni dati del 730 precompilato risultano non corretti o incompleti, il contribuente è tenuto a modificare o integrare il modello 730. In questi casi vengono elaborati e messi a disposizione del contribuente un nuovo modello 730 e relativo con i risultati della liquidazione effettuata in seguito alle modifiche operate dal contribuente. In questo caso l Agenzia delle Entrate potrà rivolgersi al contribuente per effettuare i controlli sui dati inseriti. Il contribuente che trasmette in maniera autonoma la dichiarazione tramite il sito, potrà scaricare la ricevuta di avvenuta presentazione, nella stessa sezione del sito internet. Se dopo aver effettuato l invio del 730 precompilato il contribuente si accorge di aver commesso degli errori, le rettifiche devono essere effettuate con le modalità descritte nel paragrafo Rettifica del modello 730. Presentazione tramite sostituto d imposta ATTENZIONE. Il sostituto d imposta che intende prestare assistenza fiscale diretta deve averlo comunicato ai dipendenti entro il 15 gennaio. Chi presenta la dichiarazione al proprio sostituto d imposta deve consegnare la delega per l accesso al 730 precompilato, se intende utilizzarlo, e comunque il modello 730 già compilato e firmato con la busta chiusa contenente il modello relativo alla scelta per la destinazione dell 8, del 5 e del 2 per mille dell Irpef. ATTENZIONE. La scheda va consegnata anche se non è espressa alcuna scelta, indicando il codice fiscale e i dati anagrafici. In caso di dichiarazione congiunta le schede per la destinazione dell otto per mille devono essere inserite in un unica busta, sulla quale devono essere riportati i dati del dichiarante. ATTENZIONE. Al sostituto d imposta non deve essere esibita la documentazione tributaria inerente i dati inseriti nel modello 730. Il dipendente che accetta senza modifiche il 730 precompilato messo a disposizione dall Agenzia delle Entrate, tramite il sostituto d imposta, gode comunque di questi vantaggi: 1. non sono previsti i controlli documentali sugli oneri detraibili e deducibili; 2. non sarà effettuato il controllo preventivo in caso di rimborsi d imposta superiori a euro. Nel caso in cui il precompilato non venisse utilizzato o comunque fosse presentato con modifiche, l Agenzia delle Entrate potrà rivolgersi al contribuente per effettuare i controlli sui dati inseriti. Prima dell invio della dichiarazione all Agenzia delle entrate e comunque entro il 7 luglio, il sostituto d imposta consegna al contribuente una copia della dichiarazione elaborata e il prospetto di liquidazione, modello 730-3, con l indicazione del rimborso che sarà erogato e delle somme che saranno trattenute. 3

20 Istruzioni generali Presentazione tramite Caf o professionista abilitato Chi si rivolge al Caf o al professionista abilitato può consegnare delega per accedere al 730 precompilato o decidere di utilizzare le vie ordinarie, come lo scorso anno. In ogni caso deve esibire al Caf o al professionista abilitato la documentazione necessaria per permettere la verifica della conformità dei dati esposti nella dichiarazione, anche se già compresi nel 730 messo a disposizione dall Agenzia delle Entrate, come spiegato nel paragrafo successivo. ATTENZIONE. A partire da quest anno il Caf non è più obbligato a prestare l assistenza fiscale a titolo gratuito. ATTENZIONE. La documentazione deve essere conservata dal contribuente per tutto il periodo entro il quale l amministrazione ha facoltà di richiederla e cioè, per la dichiarazione di quest anno, fino al 31 dicembre Prima dell invio della dichiarazione all Agenzia delle Entrate e comunque entro il 7 luglio, il Caf o il professionista consegna al contribuente una copia della dichiarazione e il prospetto di liquidazione, modello 730-3, elaborati sulla base dei dati e dei documenti presentati dal contribuente. Nel prospetto di liquidazione sono evidenziate le eventuali variazioni intervenute a seguito dei controlli effettuati dal Caf o dal professionista e sono indicati i rimborsi che saranno erogati dal sostituto d imposta e le somme che saranno trattenute. Il visto di conformità I Caf, o i professionisti abilitati devono verificare la conformità dei dati esposti nelle dichiarazioni Mod. 730 con la documentazione esibita dai contribuenti. Nel modello 730 elaborato dai Caf o dai professionisti sono quindi correttamente indicati, sulla base della documentazione esibita e delle disposizioni di legge, gli oneri deducibili, la detrazione per oneri di famiglia, le detrazioni d imposta spettanti, le ritenute operate, nonché gli importi dovuti a titolo di saldo o di acconto ovvero i rimborsi spettanti. Come specificato dalla Circolare n. 14/E del 09/05/2013 i controlli che devono essere svolti a tal fine non comportano: il riscontro della correttezza dei dati reddituali indicati dal contribuente (quali ad esempio, l ammontare dei redditi fondiari, l ammontare dei redditi diversi e delle relative spese di produzione); valutazioni di merito in ordine all effettività o meno di spese o di situazioni soggettive che incidono ai fini della determinazione dei redditi e delle imposte dovute. Ai fini dei controlli che i Caf e i professionisti abilitati devono seguire, non è assolutamente necessaria l esibizione da parte del contribuente di documentazione relativa all ammontare dei redditi indicati nella dichiarazione (quali, ad esempio, i certificati catastali dei terreni e dei fabbricati posseduti, i contratti di locazione stipulati) e alle detrazioni soggettive d imposta (quali, ad esempio, i certificati di stato di famiglia). Devono, invece, essere esibiti, anche in copia fotostatica: la documentazione attestante le ritenute d acconto indicate nella dichiarazione (modello CU 2015 e/o CUD 2014, certificati dei sostituti d imposta per le ritenute relative a redditi di lavoro autonomo occasionale, ecc.); le fatture, ricevute e quietanze relative al pagamento di oneri deducibili o detraibili, nonché la documentazione necessaria per il loro riconoscimento (ad esempio la copia 4

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale

MODELLO 730/2015 redditi 2014 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale Mod. N. MODELLO 0/0 redditi 0 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dellʼassistenza fiscale genzia ntrate Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONTRIBUENTE Dichiarante

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO

LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO LA DICHIARAZIONE DEI REDDITI DEI RESIDENTI ALL ESTERO COME COMPILARE IL MODELLO UNICO E PAGARE LE IMPOSTE INDICE 1. I NON RESIDENTI 2 Chi sono i non residenti 2 Il domicilio fiscale in Italia dei non residenti

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/2014 redditi dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. 1 Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012

CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. 22 LUGLIO 1998, N. 322 RELATIVA ALL'ANNO 2012 CERTIFICAZIONE DI CUI ALL'ART. 4, COMMI 6-ter e 6-quater DEL D.P.R. LUGLIO 998, N. 3 RELATIVA ALL'ANNO 0 Pagina AL DATORE DI LAVORO, ENTE PENSIONISTICO O ALTRO SOSTITUTO D'IMPOSTA Codice fiscale Cognome

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE

TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU. Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali LE ALIQUOTE TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE SULL IMU Guida a cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Aliquota ordinaria rurali LE ALIQUOTE Aliquota ordinaria I casa Aliquota ordinaria altri 2 per mille 4 per

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014

Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate Certificazione Unica 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE I. Premessa 1 1. Soggetti obbligati all invio 1 2. Modalità e termini di presentazione del flusso 1 3. Frontespizio

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Informativa ONB Nuova detrazione IRPEF del 50% per l acquisto di mobili ed elettrodomestici - Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari... 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali

Roma, 21 maggio 2014. Alle Direzioni regionali e provinciali CIRCOLARE N. 11/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 maggio 2014 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli Uffici dell Agenzia delle entrate OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate

Dettagli

Notiziario mensile N E W S

Notiziario mensile N E W S LA LETTRE FISCALE Notiziario mensile CIRCOLARE INFORMATIVA Aprile 2013 N E W S MORATORIA ABI Prorogato al 30 giugno 2013 il termine per la presentazione delle istanze Con un comunicato stampa l Associazione

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Guida fiscale per i residenti all estero

Guida fiscale per i residenti all estero 19 Guida fiscale per i residenti all estero AGENZIA DELLE ENTRATE Ufficio Relazioni Esterne Sezione prodotti editoriali Sommario 1. LE IMPOSTE PER I NON RESIDENTI... 3 1.1. CHI SONO I NON RESIDENTI...

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI Gli aggiornamenti più recenti proroga della maggiore detrazione Irpef per le spese di ristrutturazione agevolazione per l acquisto di mobili ed elettrodomestici

Dettagli

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili

genzia ntrate RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESSIVI Contratti di locazione e affitto di immobili genzia ntrate MOD. RLI RICHIESTA DI REGISTRAZIONE E ADEMPIMENTI SUCCESVI Contratti di locazione e affitto di immobili (art. 11 del D.P.R. 26 aprile 1986 n.131) Informativa sul trattamento dei dati personali

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015

CIRCOLARE N. 17/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 24 aprile 2015 CIRCOLARE N. 17/E Direzione Centrale Normativa Roma, 24 aprile 2015 OGGETTO: Questioni interpretative in materia di IRPEF prospettate dal Coordinamento Nazionale dei Centri di Assistenza Fiscale e da altri

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009

GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 GUIDA FISCALE PER GLI STRANIERI 2009 CODICE FISCALE/TESSERA SANITARIA/PARTITA IVA CONTRATTI DI LOCAZIONE ACQUISTO PRIMA CASA SUCCESSIONI RIMBORSI COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITÀ E CARTELLE DI PAGAMENTO GUIDA

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015

Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 ALLEGATO A Specifiche tecniche per la trasmissione telematica della certificazione Unica 2015 per i redditi di lavoro dipendente/assimilati e di lavoro autonomo/provvigioni e diversi Specifiche tecniche

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA Gli aggiornamenti più recenti agevolazioni prima casa e utilizzo del credito d imposta detrazione interessi passivi sui mutui per l acquisto dell abitazione principale acquisto di fabbricati ristrutturati

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI l agenzia inf orma aggiornamento gennaio 2014 RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE: LE AGEVOLAZIONI FISCALI INDICE INTRODUZIONE... 2 1. LA DETRAZIONE IRPEF PER LE SPESE DI RISTRUTTURAZIONE... 4 Chi può fruire della

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO

DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO DETERMINAZIONE DEL REDDITO AI FINI DELLA VERIFICA DELLE CONDIZIONI PER L'AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO Riferimenti normativi Testo Unico in materia di spese

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. 2015/4790 Approvazione della Certificazione Unica CU 2015, relativa all anno 2014, unitamente alle istruzioni di compilazione, nonché del frontespizio per la trasmissione telematica e del quadro

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative.

OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di questioni interpretative. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 12 giugno 2002 CIRCOLARE N. 50/E OGGETTO: Videoconferenza del 14 maggio 2002 sui modelli di dichiarazione UNICO 2002. Risposte ai quesiti in materia di

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli