Università degli Studi di Napoli Federico II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Federico II"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Area Didattica scienze MM.FF.NN. Master di I Livello in Tecnologie per il CAlcolo Scientifico ad Alte Prestazioni - CASAP Tesi di Master Analisi delle problematiche relative all' I/O in ambienti virtualizzati Relatori Candidato Prof. Guido Russo Mauro Naviglio matr. Z Anno Accademico

2 Indice dei contenuti Introduzione Il problema dell' I/O in una infrastruttura GRID/CLOUD Lo storage condiviso Le macchine virtuali I/O in ambiente virtualizzato: VMware vsphere Uno standard per il benchmarking: IOZONE Prime misure con IOZONE...23 Conclusioni Bibliografia...34 Appendice...35 Iozone: installazione e manuale...35 Indice delle illustrazioni Illustrazione 1: Il Cloud di Amazon...6 Illustrazione 2: SAN - Storage Area Network...8 Illustrazione 3: NAS - Network Attached Storage...10 Illustrazione 4: NIOC - Network I/O Control...15 Illustrazione 5: Storage I/O Control...18 Illustrazione 6: La metrica VmObservedLatency...20 Illustrazione 7: GRAFICO: Write test IOzone su macchina Fisica...25 Illustrazione 8: GRAFICO: Write test IOzone su macchina Virtuale...26 Illustrazione 9: GRAFICO: Read test IOzone su macchina Fisica di 45

3 Illustrazione 10: GRAFICO: Read test IOzone su macchina Virtuale...28 Illustrazione 11: GRAFICO: Random Write Test IOzone su macchina Fisica...29 Illustrazione 12: GRAFICO: Random Write Test IOzone su macchina Virtuale...30 Illustrazione 13: GRAFICO: Random Read Test IOzone su macchina Fisica...31 Illustrazione 14: GRAFICO: Random Read Test IOzone su macchina Virtuale...31 Indice delle tabelle Tabella 1: WRITE Test IOzone: Scrittura su macchina Fisica...25 Tabella 2: WRITE Test IOzone: Scrittura su macchina Virtuale...25 Tabella 3: READ Test IOzone: Lettura su macchina Fisica...27 Tabella 4: READ Test IOzone: Lettura su macchina Virtuale...27 Tabella 5: RANDOM WRITE Test IOZONE: Scrittura Random su macchina Fisica Tabella 6: RANDOM WRITE Test IOzone: Scrittura Random su macchina Virtuale Tabella 7: RANDOM READ Test IOzone: Lettura Random su macchina Fisica...30 Tabella 8: RANDOM READ Test IOzone: Lettura Random su macchina Virtuale di 45

4 Introduzione Il seguente lavoro di tesi mira ad analizzare le problematiche relative ai moderni sistemi di cloud computing, nello specifico alle operazioni di i/o, attraverso una panoramica sugli ambienti virtualizzati e attraverso l'analisi di software dedicati. La tesi è articolata nei seguenti capitoli: Capitolo 1: Panoramica sul cloud computing, macchine virtuali e tecniche di virtualizzazione, analisi dei principali tipi di storage condiviso (SAN, NAS) e tecnologie di rete (fiber channel, iscsi), I/O in ambiente virtualizzato con uno sguardo particolare alle soluzioni tecnologiche fornite dalla suite VMware vsphere Capitolo 2: Uno sguardo al software di benchmark per filesystem IOzone, test di prova che mirano ad illustrarne il funzionamento Appendice: Manuale utente di IOzone e relativa procedura di installazione 4 di 45

5 1. Il problema dell' I/O in una infrastruttura GRID/CLOUD Le tecnologie di virtualizzazione hanno trasformato il data center moderno. Invece di installare applicazioni direttamente su una macchina fisica, sistemi operativi e relative applicazioni sono installate all'interno di immagini di macchine virtuali che a loro volta vengono eseguite dai server fisici che eseguono un hypervisor. La virtualizzazione delle applicazioni offre molti vantaggi, tra cui il consolidamento, ovvero l'esecuzione di più applicazioni su una singola macchina fisica, e la migrazione, ovvero lo spostamento di una macchina virtuale tra macchine fisiche diverse per motivi di bilanciamento del carico di lavoro o per aumentare la fault tolerance, il tutto in completa trasparenza al client della macchina virtuale. In questo ambiente, il data center diventa un pool di risorse di calcolo intercambiabili che può essere sfruttato per eseguire tante macchine virtuali quante se ne ha bisogno. Una volta che un data center è configurato per fornire risorse di calcolo generalpurpose, diventa possibile fornire queste risorse on-demand. A partire dal 2006, Amazon ha iniziato a dare la possibilità ai propri clienti di affittare le risorse dei propri data center attraverso il suo servizio Elastic Compute Cloud (EC2), quindi attraverso Internet. 5 di 45

6 Immagini di macchine virtuali possono essere aggiunte o rimosse su richiesta e tale proprietà è particolarmente utile per tutte quelle applicazioni che variano notevolmente in termini di requisiti delle risorse, sollevando così i clienti dalla spesa relativa alla costruzione di un data center in-house, stanziato per sostenere il carico massimo previsto. Nasce così il Cloud Computing (nuvola informatica) termine che sta ad indicare un insieme di tecnologie che permettono di memorizzare, archiviare ed elaborare dati utilizzando risorse hardware/software distribuite e virtualizzate in rete in un architettura tipica client-server. In questo modo gli utenti collegati ad un cloud provider possono svolgere tutte queste mansioni, accedendo alle applicazioni tramite un internet browser utilizzando un qualsiasi dispositivo che accede alla rete (PC, notebook, tablet, smartphones, ecc...). Non tutte le applicazioni, tuttavia, sono adatte per la distribuzione su cloud pubblici gestiti da produttori di terze parti. Ad esempio applicazioni di elaborazione di carte 6 di 45

7 di credito hanno problemi di sicurezza difficili da risolvere, e molte altre applicazioni aziendali possono richiedere livelli più elevati di prestazioni, qualità del servizio ed affidabilità che non sono garantiti da un servizio di cloud pubblico. Questo non è l'unico aspetto da considerare, esistono problematiche relative allo storage e quindi all' I/O in ambiente virtualizzato. 1.1 Lo storage condiviso In un ambiente non virtualizzato, i server si connettono direttamente allo storage, che può essere interno allo chassis del server oppure trovarsi in un array esterno. Il principale svantaggio deriva dal fatto che uno specifico server prevede di avere la proprietà completa del dispositivo fisico, con un'intera unità disco legata a un singolo server. La condivisione delle risorse di storage in un ambiente non virtualizzato richiede file system complessi oppure il passaggio dallo storage basato su blocchi al NAS (Network-Attached Storage) basato su file. Le opzioni offerte per immagazzinare i dati sono solitamente due: il Direct-Attached Storage (DAS) il network storage, che a sua volta si divide in due specifiche categorie: le Storage Area Network (SAN) e i Network-Attached Storage (NAS). Nella sua forma più tradizionale, il Direct-Attached Storage consiste in un disco fisico collegato direttamente ad un server. L' I/O tra computer e disco avviene per mezzo di comandi SCSI (Small Computer System Interface). Nella gran parte delle implementazioni Enterprise, lo storage è rappresentato da un blocco di dischi, un sottosistema disco con protezione RAID o uno storage array di fascia più elevata. Il DAS funziona bene in ambienti con uno o pochi server, ma in situazioni più 7 di 45

8 complesse vengono fuori tutti i limiti di questa soluzione di storage. Infatti, man mano che cresce il numero di server, la gestione dei dati di ogni singolo server risulta estremamente complessa. A sua volta diventa sempre meno efficiente il provisioning dello storage con la conseguenza che i singoli server tendono a essere sovradimensionati per poter gestire i cambiamenti in capacità o prestazioni dello storage richiesti dalle applicazioni e la scalabilità risulta essere limitata. Per questi motivi, l'approccio maggiormente utilizzato oggi nella gestione dei dati è lo storage in rete: SAN e NAS. In una SAN più server hanno accesso condiviso allo storage e sono connessi attraverso uno switch Fibre Channel ai sistemi di memorizzazione. Illustrazione 2: SAN - Storage Area Network I server e lo storage comunicano attraverso i protocolli della suite Fibre Channel, con i quali i comandi SCSI possono essere trasmessi su collegamenti seriali. Un sistema di storage deve permettere a più nodi di accedere ai suoi dischi interni: lo fa 8 di 45

9 presentando ai server un insieme di dischi virtuali chiamati Logical Unit Number (LUN). I sistemi di storage sono quindi più intelligenti e complessi di un semplice blocco di dischi con un controller RAID e la gestione delle risorse è incentrata sullo storage e non più sui server. Come accade per il DAS, comunque, ogni server fornisce i servizi di gestione dei dati alle proprie applicazioni attraverso un volume manager o un file system che vede le "sue" LUN come risorse fisiche. I dati non sono dunque condivisi, anche se l'accesso ai dischi lo è, perché ogni file system "conosce" solo le proprie LUN. Le SAN hanno molti vantaggi rispetto al DAS in quanto a estensibilità, affidabilità, disponibilità e prestazioni, ma il loro punto di forza è la centralizzazione della gestione, che porta a un TCO (Total Cost of Ownership) più basso. Anche le SAN Fibre Channel hanno comunque dei lati negativi. La maggior parte degli osservatori riconosce che la complessità degli ambienti Fibre Channel e l'alto costo delle schede e degli switch FC hanno limitato le installazioni a realtà monofornitore per applicazioni mission critical ad alte prestazioni, tipicamente gli ambienti di data center. La complessità viene soprattutto dal fatto che FC e una tecnologia per collegamenti seriali mirati, non per una rete: non ha funzioni native per il routing e il failover dei nodi, mentre sono limitate quelle per la gestione dell'indirizzamento. In una SAN queste funzioni devono essere configurate dall'operatore e gestite dall'host e, spesso, sono fonte di blocchi operativi. Un altro problema è che lo storage delle SAN, anche se opera in maniera trasparente con tutte le applicazioni e permette la condivisione delle risorse di storage, non permette lo sharing dei dati: alcune applicazioni richiedono quindi un approccio 9 di 45

10 differente. I dispositivi NAS sono stati originariamente progettati per la condivisione dei dati su LAN Ethernet, obiettivo raggiunto incorporando funzioni di file system nell'unita di storage. Illustrazione 3: NAS - Network Attached Storage In un ambiente NAS, i server sono collegati allo storage attraverso una rete Ethernet standard e per le loro richieste usano protocolli di accesso ai file come NFS e CIFS. Le chiamate dei client al file system locale sono indirizzate al NAS, il che permette la condivisione dei file. Se i client sono pc desktop il NAS fa in pratica del file serving "serverless", se sono sistemi server il NAS scarica loro dal peso della gestione dei dati. Queste funzioni integrate di gestione dei dati e l'uso di tecnologie standard di networking rendono i NAS l'approccio allo storage con il TCO più basso di tutti. L'avvento di Gigabit Ethernet e di NAS con caratteristiche Enterprise ha accelerato la loro diffusione nei data center per applicazioni di fascia alta, in modo particolare 10 di 45

11 quando la semplicità d'uso è un aspetto critico. I NAS non sono comunque indicati per tutte le applicazioni, perché alcune di esse sono progettate per vedere lo storage come un disco locale. In un tipico ambiente IT ci sono applicazioni che richiedono SAN e altre che richiedono NAS: il mercato sta iniziando a rispondere a questo fenomeno con sistemi unificati di storage in rete, detti anche Fabric-Attached Storage, che supportano protocolli sia SAN che NAS e sistemi di trasporto sia Fibre Channel che Ethernet. Una alternativa alla tecnologia Fiber Channel, è rappresentata dall'internet SCSI (iscsi), un protocollo per incapsulare comandi SCSI nei pacchetti TCP/IP e permettere il trasporto dei dati a blocchi su reti IP. iscsi può essere usato per realizzare reti di storage costituite da componenti infrastrutturali Ethernet standard. Per il lato server c'è bisogno di uno "iscsi initiator", che può essere implementato in software. In tal caso una scheda di rete Ethernet standard inserita nel server fornisce la connettività verso la rete di storage, in una soluzione che è giudicata perfettamente accettabile per i server con poco carico. In alternativa si può usare un initiator hardware: in tal caso un Host Bus Adapter iscsi inserito nel server permette di collegare quest'ultimo a una rete di storage nativa iscsi su Gigabit Ethernet. Una SAN iscsi usa switch e cablaggi standard Gigabit Ethernet, mentre lato storage si deve usare un sistema di memorizzazione iscsi nativo, che fornisce un "target" iscsi per gli initiator dei server. I principali vantaggi di iscsi rispetto alle SAN Fibre Channel sono un costo più 11 di 45

12 basso e una complessità minore. Usando Ethernet, i layer di trasporto possono essere gestiti utilizzando le applicazioni attuali di network management, mentre le funzioni di gestione di livello più alto del protocollo iscsi - i permessi, le informazioni sui device, le configurazioni e via dicendo - vanno sovrapposte o integrate a queste applicazioni. Gli HBA iscsi e gli switch Gigabit Ethernet hanno poi un costo per porta che è meno della meta degli equivalenti Fibre Channel. 1.2 Le macchine virtuali La virtualizzazione nasce con l'obiettivo di garantire maggior sicurezza alle macchine contenenti dati sensibili. Ma la virtualizzazione offre anche i seguenti vantaggi: Aumento della flessibilità attraverso la creazione di più server virtuali su un'unica macchina stabilendone le proprietà. Aumento delle prestazioni e della scalabilità delle applicazioni riducendo i costi software e i costi di gestione. Il principio di funzionamento è appunto quello di simulare una piattaforma hardware creando un'interfaccia esterna che nasconde tutta la parte sottostante permettendo l'accesso concorrente di risorse da parte di più istanze che lavorano contemporaneamente. Il software che consente di creare e gestire un ambiente simulato si chiama Virtual Machine Monitor (in sigla VMM) o anche Hypervisor che gira su macchine chiamate Host che operano per la gestione e l'esecuzione dei sistemi Guest. Gli Hypervisors si dividono in due tipologie: Hypervisor Native, eseguito direttamente sull'hardware host per il controllo 12 di 45

13 ed il monitoraggio dei sistemi guest. Il sistema operativo è collocato ad un solo livello al di sopra del hypervisor. Esempi: Xen, Vmware. Hypervisor Hosted, eseguiti all'interno di un sistema operativo con le risorse messe a disposizione da esso, collocando il sistema hypervisor al secondo livello ed i guest eseguiti al terzo livello, con questo sistema si ha un calo delle prestazioni. Esempi : Virtual PC & Virtual Server, Virtual Box. Esistono diverse metodologie di virtualizzazione che danno l'illusione di utilizzare un sistema operativo indipendente e non virtualizzato, esse sono : Full Virtualization, in questa tecnica di virtualizzazione i sistemi operativi guest girano senza alcuna modifica in macchine virtuali ospitate su host, senza essere a conoscenza che la loro piattaforma è virtualizzata. In questo modo le istruzioni possono essere eseguite direttamente sull'hardware garantendo prestazioni superiori. Para Virtualization, in questa tecnica di virtualizzazione l'hypervisor presenta un sistema operativo modificato per evitare chiamate di sistema mantenendo ugualmente la stessa architettura. I sistemi operativi guest sono consapevoli della virtualizzazione, con questa conoscenza i driver dei sistemi operativi guest e hypervisor interagiscono tra loro per consentire in modo efficiente la condivisione e l'accesso al dispositivo fisico. Emulation, in questa tecnica l'hypervisor simula l'intero hardware set permettendo al guest di essere eseguito senza alcuna modifica. I limiti di questa tecnica riguardano le prestazioni e le funzionalità in quanto gli emulatori presentano un architettura standard per tutti i sistemi operativi guest impedendo le funzionalità abituali come ad esempio l'implementazione in hardware. Operating System Level Virtualization, in questa tecnica non si utilizza l'hypervisor come in quelle precedenti, ma la virtualizzazione è creata 13 di 45

14 utilizzando copie del sistema operativo installato sull'host. I sistemi operativi guest creati saranno istanze del sistema operativo host con il proprio file system, la propria configurazione di rete e le proprie applicazioni. Il vantaggio di questa tecnica è il minor utilizzo della memoria fisica, essendo sistemi operativi guest, copie della macchina host utilizzeranno lo stesso kernel senza richiederne uno privato, al contempo è anche uno svantaggio rendendo impossibile eseguire sistemi operativi diversi sullo stesso host. 1.3 I/O in ambiente virtualizzato: VMware vsphere Il mercato offre diverse soluzioni per quanto riguarda la virtualizzazione. Tra queste analizzeremo VMware vsphere, la piattaforma di virtualizzazione leader a livello mondiale per la creazione di infrastrutture cloud, concentrandoci sui tools relativi all' I/O e allo storage che la suite vsphere mette a disposizione. Per configurare le regole e le policy a livello di macchina virtuale e assicurare sempre la disponibilità delle risorse I/O per le applicazioni business critical, Vsphere mette a disposizione il tool Network I/O Control (NIOC). NIOC esegue il monitoraggio della rete In caso di rilevamento di congestioni, trasferisce automaticamente le risorse alle applicazioni con priorità maggiore, come definito dalle regole aziendali. Oggi, numerosi data center virtualizzati passano all'utilizzo di schede di rete 10 Gigabit Ethernet (10GbE) invece di configurare più schede di rete da 1 GB. La tecnologia 10GbE fornisce larghezza di banda estesa affinché più flussi di traffico possano condividere lo stesso link fisico. Le schede 10GbE semplificano l'infrastruttura di rete e colmano le inefficienze delle 14 di 45

15 reti da 1 GB, come l'inadeguatezza della larghezza di banda e i livelli di utilizzo inferiori. Anche con questi vantaggi offerti dalla tecnologia 10GbE, è comunque necessario garantire ai flussi di traffico l'accesso a una larghezza di banda adeguata. NIOC soddisfa questi requisiti consentendo la coesistenza di diversi carichi di lavoro su un singolo pipe di rete per sfruttare al meglio tutti i vantaggi della tecnologia 10GbE. NIOC si basa su gruppi di risorse simili a quelli di CPU e memoria. Offre all'amministratore di VMware vsphere controlli sufficienti per consentire e assicurare prestazioni di rete prevedibili nel caso in cui più tipi di traffico si contendano le stesse risorse delle reti fisiche. NIOC è supportato solo con VMware vsphere Distributed Switch (VDS). Illustrazione 4: NIOC - Network I/O Control 15 di 45

16 NIOC offre agli amministratori le seguenti funzionalità: Isolamento: garantisce l'isolamento del traffico affinché un determinato flusso non possa mai prevalere sugli altri, evitando così interruzioni. Condivisioni: consente il partizionamento flessibile della capacità di rete per aiutare gli utenti a gestire i flussi che si contendono le stesse risorse. Limiti: è possibile applicare dei limiti in termini di larghezza di banda del traffico all'insieme VDS complessivo di dvuplink. Raggruppamento basato sul carico: utilizza in modo efficiente un insieme di dvuplink per la capacità di rete. Assegnazione di tag IEEE 802.1p: assegna tag ai pacchetti in uscita dall'host vsphere per la corretta gestione da parte delle risorse di rete fisiche. NIOC classifica il traffico in diversi gruppi di risorse predefiniti: VMware vsphere vmotion iscsi Accesso a FT Gestione NFS (Network File System) Traffico delle macchine virtuali Traffico di vsphere Replication Definiti dall'utente Per l'assegnazione delle priorità I/O per macchine virtuali in esecuzione su un gruppo di host VMware vsphere con accesso a un pool di storage condiviso viene utilizzato VMware vsphere Storage I/O Control. Consente inoltre di espandere i noti costrutti delle quote e dei limiti di CPU e memoria, per gestire l'utilizzo dello storage attraverso l'allocazione dinamica della 16 di 45

17 capacità di I/O in un cluster di host vsphere. Migliora la produttività degli amministratori riducendo la gestione attiva delle prestazioni. Storage I/O Control è in grado di attivare il monitoraggio della latenza dei dispositivi degli host relativa alla comunicazione degli host con il datastore stesso. Quando la latenza supera la soglia impostata, la funzionalità si attiva per limitare la congestione. A ogni macchina virtuale con accesso al datastore vengono quindi allocate risorse di I/O secondo le quote stabilite. È possibile utilizzare Storage I/O Control per configurare regole e policy in modo da specificare le priorità aziendali di ogni macchina virtuale. In presenza di una congestione I/O, Storage I/O Control alloca in modo dinamico alle macchine virtuali le risorse I/O disponibili secondo le regole stabilite, migliorando così i livelli di servizio di applicazioni critiche e offrendo la possibilità di virtualizzare più carichi di lavoro, incluse le applicazioni caratterizzate da un uso I/O intensivo. In sintesi: Definizione, visualizzazione e monitoraggio di quote e limiti delle risorse di storage. Definizione e applicazione di priorità di storage (per macchina virtuale) in un gruppo di host vsphere. Riduzione delle esigenze di volumi di storage dedicati a una singola applicazione, con conseguente aumento di flessibilità dell'infrastruttura. 17 di 45 e agilità

18 Illustrazione 5: Storage I/O Control La CPU tradizionale e le condivisioni di memoria gestiscono le risorse di un singolo host VMware ESXi. Ciò significa che le macchine virtuali competono tra loro per una quantità limitata di risorse di memoria e di CPU presenti all'interno di un singolo host. Le risorse di storage condivise in un'infrastruttura vsphere sono diverse perché vsphere deve gestire l'accesso allo storage a livello di più host anziché singolarmente. Se si raggiunge la soglia di latenza (in genere, la latenza I/O media è di 30 millisecondi) specificata per il datastore, Storage I/O Control sarà attivato per risolvere questo squilibrio limitando il numero di operazioni I/O che un host può generare per quel datastore specifico. 18 di 45

19 Storage I/O Control opera come uno "scheduler del disco del datastore" e monitora uno specifico datastore nel momento in cui viene abilitato sul datastore stesso, sommando le condivisioni dei dischi per ogni relativo file VMDK. Storage I/O Control calcolerà quindi gli slot I/O per ogni host ESXi sulla base della percentuale di condivisione che ogni macchina virtuale in esecuzione su quell'host specifico ha rispetto alle condivisioni totali per tutti gli host che accedono al datastore. Se si raggiunge la soglia di latenza (in genere, la latenza I/O media è di 30 millisecondi) specificata per il datastore, Storage I/O Control sarà attivato per risolvere questo squilibrio limitando il numero di operazioni I/O che un host può definire per quel datastore specifico. La soglia di latenza predefinita per Storage I/O Control è pari a 30 millisecondi. Non tutti i dispositivi di storage sono uguali, per cui questa impostazione corrisponde a un valore intermedio. Esistono dispositivi che raggiungono il loro punto di contesa naturale prima di altri, ad esempio gli SSD. Per tali dispositivi, l'utente dovrà ridurre la soglia. Tuttavia, stabilire manualmente la latenza corretta può essere difficile. Ciò significa che è necessario determinare le soglie di latenza per ogni dispositivo. Anziché utilizzare una soglia di latenza predefinita o selezionata dall'utente, Storage I/O Control di vsphere 5.5 può automaticamente stabilire la soglia migliore per un datastore specifico. La soglia di latenza viene definita in base al valore stabilito dall'iniettore I/O (un componente di Storage I/O Control). Nel momento in cui l'iniettore I/O calcola il throughput massimo, viene individuato il valore di throughput al 90% e viene misurata la latenza in quel punto per definire la soglia. Gli amministratori di vsphere possono modificare tale valore di throughput impostando un altro valore percentuale o possono continuare a inserire un valore in millisecondi. 19 di 45

20 La metrica utilizzata da Storage I/O Control è VmObservedLatency, la nuova metrica introdotta in vsphere 5.1 che sostituisce la metrica di latenza del datastore utilizzata nelle versioni precedenti. Misura il tempo che intercorre tra la ricezione da parte del VMkernel di I/O provenienti dalla macchina virtuale e la ricezione della risposta dal datastore. In passato, la latenza veniva misurata solo dopo che il modulo I/O aveva lasciato l'host ESXi. VmObservedLatency misura anche la latenza nell'host e sarà visibile in vsphere Client. Illustrazione 6: La metrica VmObservedLatency 20 di 45

21 2. Uno standard per il benchmarking: IOZONE IOzone è un software open-source gratuito che consente di eseguire un numero di test esaustivi sulle performance del file-system in relazione alle diverse esigenze che si potrebbero presentare. Fra i diversi strumenti analoghi ad IOzone, quest'ultimo risulta essere il più completo tanto da essere definito quasi uno standard in campo di benchmark I/O testing. IOzone permette di effettuare analisi su una vasta gamma di operazioni tipiche di un file-system, nello specifico: write, tale test misura le performance di scrittura di un nuovo file. Quando un nuovo file viene scritto necessitano di essere memorizzati non solo i dati ma anche le informazioni aggiuntive per tenere traccia di dove gli stessi siano locati sul supporto. Queste informazioni aggiuntive sono chiamate metadati e consistono di informazioni di directory, di spazio allocato e altri dati associabili al file ma che non fanno parte del suo contenuto. E' normale quindi che le performance di una write iniziale siano più basse di una re write proprio a causa di questo overhead. re write, questo test misura le performance di scrittura su di un file già esistente. Quando si scrive su un file pre esistente il lavoro richiesto è minore dal momento che i metadati sono già presenti. E' normale che le performance in tal caso migliorino rispetto al caso descritto in precedenza. read, questo test misura le performance di lettura di un file. re read, tale test misura le performance di lettura di un file recentemente letto. Solitamente le prestazioni sono migliori rispetto al caso precedente dal momento che spesso il sistema operativo mantiene una cache dei dati 21 di 45

22 recentemente letti. random read, questo test misura le performance di accesso casuale in lettura ad un file. Le performance in tal caso dipendono da svariati fattori come la dimensione della cache del sistema operativo, la latenza di seek etc. random write, questo test misura le performance di accesso casuale in scrittura ad un file. backwards read, questo test misura le performance nel leggere un file all indietro. Nonostante vi siano molti sistemi operativi che hanno delle caratteristiche speciali che consentono di leggere un file in avanti molto rapidamente, vi sono pochi sistemi operativi che riconoscono e migliorano le prestazioni di una lettura di un file all indietro. mmap, molti sistemi operativi supportano l uso della mmap() per mappare un file nello spazio indirizzi dell utente. Una volta eseguita la mappatura, una modifica di un dato in questa area di memoria si traduce in una modifica sul file. Questo è utile se l applicazione desidera utilizzare un file come segmenti di memoria. La coerenza tra i dati contenuti in memoria e quelli memorizzati sul disco può essere gestita in maniera sincrona o asincrona, lo scopo del benchmark è quindi quello di calcolare le performance di questo meccanismo. IOzone ha inoltre la possibilità di emettere i risultati in formato tabellare facilmente importabili all'interno di fogli elettronici e successivamente utilizzabili per creare grafici tridimensionali in grado di rendere immediatamente visibile i risultati ottenuti dai vari test. 22 di 45

23 2.1 Prime misure con IOZONE In questo paragrafo illustreremo il funzionamento del software di benchmark per filesystem IOzone. Effettueremo dei semplici test per capire come utilizzare questo software e che informazioni possono essere ricavate dal suo utilizzo. Nella pratica, i test effettuati mettono a confronto le prestazioni di: una macchina fisica scientific linux 6.3 (64-bit), dotata di processore Intel core I5-2450M 2.50 Ghz e 6 Gb di memoria Ram, una macchina virtuale scientific linux 6.3 (64-bit), che gira sulla macchina fisica e dotata di 1 Gb di Ram, allo scopo di mostrare le reali differenze tra l'utilizzo di una macchina fisica e di una macchina virtuale in caso di operazioni di I/O. Una volta installato il software (vedi Appendice IOzone: Installazione e Manuale), è sufficiente digitare da terminale il comando:./iozone seguito dalle opzioni che specificheranno nel dettaglio i tipi di test da effettuare, e per ogni test, la dimensione dei file e la dimensione dei record. I test effettuati, su macchina fisica e su macchina virtuale, e relative opzioni da aggiungere al comando, sono i seguenti: write (scrittura), -i 0 read (lettura), -i 0 random write (scrittura di un file in una posizione random), -i 2 random read (lettura di un file da una posizione random), -i 2 23 di 45

24 Nello specifico le dimensioni dei file scritti e letti sono le seguenti: 16 Mb, -s 16m 64 Mb, -s 64m 512 Mb, -s 512m 1 Gb, -s 1g 2 Gb, -s 2g mentre le dimensioni dei record, ovvero le dimensioni dei blocchi da scrivere o leggere, sono le seguenti: 64 Kb, -r 64k 512 Kb, -r 512k 8 Mb, -r 8m 16 Mb, -r 16m E' inoltre possibile memorizzare i risultati ottenuti dal test in un file excel, tramite l'opzione -b nomefile, al fine di mostrare i test in forma tabellare o realizzare dei grafici tridimensionali. In definitiva il comando completo da digitare al terminale è il seguente:./iozone -s 16m -s 64m -s 512m -s 1g -s 2g -r 64k -r 512k -r 8m -r 16m -i 0 -i 2 -b test.xls Di seguito sono riportati i risultati ottenuti dai test, sia in forma tabellare che in forma grafica. I grafici mostreranno in maniera evidente le performance delle due macchine nei casi di test effettuati. 24 di 45

25 Tabella 1: WRITE Test IOzone: Scrittura su macchina Fisica Tabella 2: WRITE Test IOzone: Scrittura su macchina Virtuale Illustrazione 7: GRAFICO: Write test IOzone su macchina Fisica 25 di 45

26 Illustrazione 8: GRAFICO: Write test IOzone su macchina Virtuale Dai grafici è possibile notare picchi di prestazioni per file di piccole dimensioni, soprattutto nei casi in cui la dimensione dei block è inferiore ad 1 Mb. La motivazione risiede nel lavoro svolto dalla cache della CPU e dal buffer della memoria, infatti la misura delle reali prestazioni di accesso al disco fisico si avrà all'aumentare delle dimensioni del file, con un conseguente calo delle prestazioni. (un accesso al disco è sicuramente più costoso di un accesso alla cache o alla memoria centrale) Nel caso specifico della macchina virtuale il calo delle prestazioni avviene già su file di 512 Mb. C'era da aspettarselo in quanto la macchina virtuale è dotata di memoria minore ed è soggetta alla inevitabile latenza dovuta all'infrastruttura di virtualizzazione 26 di 45

27 Tabella 3: READ Test IOzone: Lettura su macchina Fisica Tabella 4: READ Test IOzone: Lettura su macchina Virtuale Illustrazione 9: GRAFICO: Read test IOzone su macchina Fisica 27 di 45

28 Illustrazione 10: GRAFICO: Read test IOzone su macchina Virtuale Come per il test di scrittura, anche nel caso della lettura il tranfer-rate risulta essere maggiore nel caso di file di piccole dimensioni e va diminuendo all'aumentare della dimensione dei file letti I test che seguono saranno simili ai precedenti ma con scrittura/lettura in modalità Random. 28 di 45

29 Tabella 5: RANDOM WRITE Test IOZONE: Scrittura Random su macchina Fisica Tabella 6: RANDOM WRITE Test IOzone: Scrittura Random su macchina Virtuale Illustrazione 11: GRAFICO: Random Write Test IOzone su macchina Fisica 29 di 45

30 Illustrazione 12: GRAFICO: Random Write Test IOzone su macchina Virtuale Tabella 7: RANDOM READ Test IOzone: Lettura Random su macchina Fisica Tabella 8: RANDOM READ Test IOzone: Lettura Random su macchina Virtuale 30 di 45

31 Illustrazione 13: GRAFICO: Random Read Test IOzone su macchina Fisica Illustrazione 14: GRAFICO: Random Read Test IOzone su macchina Virtuale Per entrambi i test di lettura e scrittura random, le prestazioni risultano minori rispetto ai relativi test di scrittura e lettura con accessi sequenziali. Ciò è dovuto al tempo di posizionamento della testina del disco sulla traccia in cui verrà effettuata 31 di 45

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011

Novità di VMware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0/ULTIMO AGGIORNAMENTO APRILE 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Rete Indice Introduzione.... 3 Monitoraggio e risoluzione dei problemi

Dettagli

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla

Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla Laboratorio di Amministrazione di Sistema (CT0157) parte A : domande a risposta multipla 1. Which are three reasons a company may choose Linux over Windows as an operating system? (Choose three.)? a) It

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Perché la virtualizzazione...1. Virtualizzazione del desktop: VirtualBox e Player...27

Indice generale. Introduzione...xiii. Perché la virtualizzazione...1. Virtualizzazione del desktop: VirtualBox e Player...27 Indice generale Introduzione...xiii A chi è destinato questo libro... xiii Struttura del libro...xiv Capitolo 1 Capitolo 2 Perché la virtualizzazione...1 Il sistema operativo... 1 Caratteristiche generali

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

Implementazione del File System

Implementazione del File System Implementazione del file system Implementazione del File System Struttura del file system. Realizzazione del file system. Implementazione delle directory. Metodi di allocazione. Gestione dello spazio libero.

Dettagli

Corso ufficiale Installing, Configuring and Manage VMWare 6

Corso ufficiale Installing, Configuring and Manage VMWare 6 Percorso di Certificazione VMWare (VCP 6) ITCore Group in esclusiva, ha ideato un percorso formativo rivolto a coloro che desiderano ottenere la certificazione VMware Certified Professional 6-Data Center

Dettagli

Novità di vsphere 5.1

Novità di vsphere 5.1 Novità di vsphere 5.1 Argomenti vsphere 5.0 - Riepilogo vsphere 5.1 - Panoramica " Elaborazione, storage, rete - Miglioramenti e funzionalità " Disponibilità, sicurezza, automazione - Miglioramenti e funzionalità

Dettagli

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS SECURITY FOR BUSINESS Le nostre tecnologie perfettamente interoperabili Core Select Advanced Total Gestita tramite Security Center Disponibile in una soluzione mirata Firewall Controllo Controllo Dispositivi

Dettagli

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria

Nastro magnetico. Gestione della memoria di massa. Disco magnetico. Disco magnetico. Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Impossibile visualizzare l'immagine. Nastro magnetico Gestione della memoria di massa Usato in passato come dispositivo di memorizzazione secondaria Può contenere grosse quantità di dati Principalmente

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/30

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

Assyrus Srl. Virtualizzazione. Azienda di servizi e prodotti. Attività principali. Diversi partner/fornitori. Definizione (fonte: Wikipedia)

Assyrus Srl. Virtualizzazione. Azienda di servizi e prodotti. Attività principali. Diversi partner/fornitori. Definizione (fonte: Wikipedia) VISTA SULL ORGANIZZAZIONE, IL GOVERNO, LA GESTIONE E LA SICUREZZA DELLA RETE 7 Novembre 2006 Assyrus Srl Azienda di servizi e prodotti Ambito ICT Attività principali Progettazione System integrator / system

Dettagli

Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta)

Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta) Nuove funzionalità introdotte in Windows Server 8 (Beta) Al momento della pubblicazione di questo articolo Windows Server 8 è ancora in versione beta quindi c è la possibilità che cambino ancora le carte

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Le virtual machine e la memoria virtuale

Le virtual machine e la memoria virtuale Le virtual machine e la memoria virtuale Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione alberto.borghese@unimi.it Università degli Studi di Milano Riferimento Patterson 5: 5.6, 5.7. 1/29

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Cloud Amazon S3 e EC2 - Evidenze a un anno dall introduzione. Marzo 2010

Cloud Amazon S3 e EC2 - Evidenze a un anno dall introduzione. Marzo 2010 Cloud Amazon S3 e EC2 - Evidenze a un anno dall introduzione Marzo 2010 Agenda Amazon S3 Amazon EC2 Casi d uso reale in Zero9 Conclusioni page 2 Amazon S3 Amazon Simple Storage Service (S3) è una soluzione

Dettagli

Impianti informatici. Sistemi di storage. Paolo Cremonesi

Impianti informatici. Sistemi di storage. Paolo Cremonesi Impianti informatici Sistemi di storage Paolo Cremonesi Capacità e Prestazioni Aumento di capacità dei dischi Densità di informazione (Mbit/cm 2 ) 100.000 10.000 1.000 100 10 1 1980 1985 1990 1995 2000

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0

Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0 White paper Backup e ripristino per ambienti VMware con Avamar 6.0 Analisi dettagliata Abstract Con l aumento incalzante degli ambienti virtuali implementati nel cloud delle aziende, è facile notare come

Dettagli

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE ALLEGATO B5.3 VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE Situazione alla data 30.6.2011 Pag. 1 di 6 AIX Logical Partitions Database L infrastruttura dell ambiente RISC/AIX viene utilizzata come Data Layer; fornisce

Dettagli

DatavenetaBC. Note tecniche del servizio. edizione 2015 PERSONAL COMPUTER - SERVER - RETI - VPN - SICUREZZA & PRIVACY

DatavenetaBC. Note tecniche del servizio. edizione 2015 PERSONAL COMPUTER - SERVER - RETI - VPN - SICUREZZA & PRIVACY SEDE DI TREVISO Via Mattei, 2 31030 Casier (TV) Tel: 0422.381109 Fax: 0422.1833029 Web:www.dataveneta.it Assistenza: assistenza@dataveneta.it Commerciale:preventivi@dataveneta.it DatavenetaBC Cloud Computing

Dettagli

sdforexcontest2009 Tool

sdforexcontest2009 Tool sdforexcontest2009 Tool Guida all istallazione e rimozione. Per scaricare il tool del campionato occorre visitare il sito dell organizzatore http://www.sdstudiodainesi.com e selezionare il link ForexContest

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi

Evoluzione dei sistemi operativi (5) Evoluzione dei sistemi operativi (4) Classificazione dei sistemi operativi Evoluzione dei sistemi operativi (4) Sistemi multiprogrammati! più programmi sono caricati in contemporaneamente, e l elaborazione passa periodicamente dall uno all altro Evoluzione dei sistemi operativi

Dettagli

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT

Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT ALLEGATO 1 AL CAPITOLATO TECNICO Affidamento della progettazione e messa in opera di una infrastruttura tecnologia per la realizzazione di un sistema di continuità operativa ICT NUOVO BLADE CENTER PRESSO

Dettagli

CONFIGURATION MANUAL

CONFIGURATION MANUAL RELAY PROTOCOL CONFIGURATION TYPE CONFIGURATION MANUAL Copyright 2010 Data 18.06.2013 Rev. 1 Pag. 1 of 15 1. ENG General connection information for the IEC 61850 board 3 2. ENG Steps to retrieve and connect

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE

REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE REGISTRATION GUIDE TO RESHELL SOFTWARE INDEX: 1. GENERAL INFORMATION 2. REGISTRATION GUIDE 1. GENERAL INFORMATION This guide contains the correct procedure for entering the software page http://software.roenest.com/

Dettagli

Acceleratore SQL ZD-XL 1.5

Acceleratore SQL ZD-XL 1.5 Acceleratore SQL ZD-XL 1.5 Soluzione di accelerazione hardware e software flash integrata per SQL Server Caratteristiche Supporta ambienti Microsoft Hyper-V e VMware ESXi Accelera SQL Server a livello

Dettagli

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept

Antonio Cianfrani. Fondamenti di Reti - Prof. Marco Listanti - A.A. 2010/2011. INFOCOM Dept Antonio Cianfrani Laboratorio Fondamenti di Reti 1. Introduzione ai Router IP Funzioni svolte dai Router I router operano allo strato 3 della pila protocollare OSI Individuano il cammino dei pacchetti

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Potenza Elaborativa, Sistemi Operativi e Virtualizzazione

Potenza Elaborativa, Sistemi Operativi e Virtualizzazione Potenza Elaborativa, Sistemi Operativi e Virtualizzazione Roma, Febbraio 2011 Operating Systems & Middleware Operations Potenza Elaborativa e Sistemi Operativi La virtualizzazione Operating Systems & Middleware

Dettagli

Adeguamento Tecnologico Sala Server Distrettuale di Perugia

Adeguamento Tecnologico Sala Server Distrettuale di Perugia Adeguamento Tecnologico Sala Server Distrettuale di Perugia A cura di Fiumicelli Dott. Massimiliano Situazione attuale La Sala Server Distrettuale di Perugia è sita in P.zza Matteotti N. al Primo Piano

Dettagli

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor

Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to. Real Time Hypervisor Real-Time Systems GmbH (RTS) Partition where you can Virtualize where you have to Real Time Hypervisor Esperti di Real-Time e Sistemi Embedded Real-Time Systems GmbH Gartenstrasse 33 D-88212 Ravensburg

Dettagli

SolarWinds Virtualization Manager

SolarWinds Virtualization Manager SolarWinds Virtualization Manager Potente gestione della virtualizzazione unificatache non prosciugherà il vostro conto in banca! In SolarWinds abbiamo migliorato la modalità con cui i professionisti IT

Dettagli

SAS, SSD E XIV A CONFRONTO GIUGNO 2014. www.seeweb.com

SAS, SSD E XIV A CONFRONTO GIUGNO 2014. www.seeweb.com Seeweb S.r.l. Corso Lazio 9a Frosinone Tel. 800 112825 www.seeweb.com GIUGNO 2014 SAS, SSD E XIV A CONFRONTO Benchmark comparativi dei sistemi di storage più diffusi nell infrastruttura Cloud. Test di

Dettagli

Soluzioni di storage per le aziende on demand

Soluzioni di storage per le aziende on demand Soluzioni di storage per le aziende on demand Sistemi IBM Storage Server X206 Storage Server x226 Storage Server HS20 Storage Server x346 Storage Server Caratteristiche principali Differenziazione e innovazione

Dettagli

Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4

Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4 Efficienza, crescita, risparmi. Esploriamo il pianeta tecnologia VMware VSphere4 La piattaforma di virtualizzazione di nuova generazione L infrastruttura Virtuale permette di allocare alle applicazioni

Dettagli

DATACORE. La strategia e le architetture. Storage 2013

DATACORE. La strategia e le architetture. Storage 2013 Storage 2013 DATACORE La strategia e le architetture DataCore pone al centro della sua strategia lo spostamento verso un modello di virtualizzazione dello storage definito dal software invece che dall

Dettagli

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems

Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT. Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Soluzioni innovative per la semplificazione dell infrastruttura IT Virtualizzazione con il sistema operativo IBM i, PowerVM e Power Systems Caratteristiche principali La flessibilità e la scalabilità della

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Sistemi Operativi Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono:

Dettagli

REALIZZAZIONE SALA CED

REALIZZAZIONE SALA CED REALIZZAZIONE SALA CED CAPITOLATO TECNICO SOMMARIO 1 Realizzazione sala CED 2 Specifiche minime dell intervento 1. REALIZZAZIONE SALA CED L obiettivo dell appalto è realizzare una Server Farm di ultima

Dettagli

Panoramica delle funzionalita

Panoramica delle funzionalita Panoramica delle funzionalita Edizioni vsphere 4 Gestione su larga scala di applicazioni di produzione critiche DRS / DPM Storage vmotion Host Profiles Distributed Switch DRS / DPM Storage vmotion Prodotti

Dettagli

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries

IBM iseries Soluzioni integrate per xseries Soluzioni innovative per l integrazione dei server Intel IBM iseries Soluzioni integrate per xseries La famiglia iseries, il cui modello più recente è l _` i5, offre due soluzioni che forniscono alternative

Dettagli

Le strategie e le architetture

Le strategie e le architetture Storage 2013 HP Le strategie e le architetture La Converged Infrastructure Le soluzioni e le strategie di HP concorrono a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione

Dettagli

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini

La memoria virtuale. La gerarchia di memorie. Indirizzo fisico. Memoria virtuale. Architetture Avanzate dei Calcolatori. Valeria Cardellini La memoria Architetture Avanzate dei Calcolatori Valeria Cardellini Nelle lezioni precedenti { Memoria La gerarchia di memorie Registri Istruzioni, operandi L Cache Blocchi L2 Cache Blocchi Memoria Pagine

Dettagli

VMWARE. Cloud Computing e IT as a Service

VMWARE. Cloud Computing e IT as a Service Cloud Computing e IT as a Service VMWARE VMware è una delle principali artefici del cloud computing, non solo perché alla base dello stesso vi è la virtualizzazione, ma anche perché è stata tra le prime

Dettagli

Memorizzazione dei dati: Dischi e File

Memorizzazione dei dati: Dischi e File Memorizzazione dei dati: Dischi e File Query\update Query plan Execution Engine richieste di indici, record e file Index/file/record Manager comandi su pagine Query Compiler Buffer Manager Lettura/scrittura

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

EMC Avamar: soluzioni di backup e ripristino per ambienti VMware

EMC Avamar: soluzioni di backup e ripristino per ambienti VMware EMC Avamar: soluzioni di backup e ripristino per ambienti VMware Tecnologia applicata Abstract In questo white paper sono descritti i componenti degli ambienti VMware vsphere e VMware View e vengono illustrate

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Sistemi Operativi Prof. Stefano Berretti SEMINARIO: VIRTUALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE INFORMATICHE a cura di: Nicola Fusari A.A. 2012/2013

Dettagli

Online Help StruxureWare Data Center Expert

Online Help StruxureWare Data Center Expert Online Help StruxureWare Data Center Expert Version 7.2.7 StruxureWare Data Center ExpertDispositivo virtuale Il server StruxureWare Data Center Expert 7.2 è disponibile come dispositivo virtuale, supportato

Dettagli

Presentazione. Furaco IT Managing & Consulting

Presentazione. Furaco IT Managing & Consulting www.furaco.it Presentazione Furaco IT Managing & Consulting Furaco IT Managing & Consulting nasce dall attenzione costante alle emergenti tecnologie e dall esperienza decennale nel campo informatico. Furaco

Dettagli

Milano 5 Ottobre. Andrea Goldoni

Milano 5 Ottobre. Andrea Goldoni Milano 5 Ottobre Andrea Goldoni Premessa Panoramica delle tecnologie disponibili Virtualizzazione dello storage Modello di valutazione dello storage Alcuni esempi Conclusioni Info: Work: Blog: www.itgold.info

Dettagli

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud

Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Telecom Italia, Gruppo innovatore nell ICT, punta sulla flessibilità adottando un server ottimizzato per il cloud Panoramica Paese: Italia Settore: ICT Profilo del cliente Telecom Italia è uno dei principali

Dettagli

VMware vsphere Data Protection

VMware vsphere Data Protection FAQ VMware Panoramica di Advanced D. Che cos'è VMware? R. VMware vsphere Data Advanced è una soluzione di backup e ripristino con funzionalità integrate di replica dei dati di backup. È progettata per

Dettagli

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo

Sistemi Distribuiti. Libri di Testo Sistemi Distribuiti Rocco Aversa Tel. 0815010268 rocco.aversa@unina2.it it Ricevimento: Martedì 14:16 Giovedì 14:16 1 Libri di Testo Testo Principale A.S. Tanenbaum, M. van Steen, Distributed Systems (2

Dettagli

Introduzione all ambiente di sviluppo

Introduzione all ambiente di sviluppo Laboratorio II Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio II. A.A. 2006-07 CdL Operatore Informatico Giuridico. Introduzione all ambiente di sviluppo Raffaella Brighi, a.a. 2005/06 Corso di Laboratorio

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Alcatel-Lucent OmniVista TM 4760 Sistema di gestione della rete

Alcatel-Lucent OmniVista TM 4760 Sistema di gestione della rete Alcatel-Lucent OmniVista TM 4760 Sistema di gestione della rete Sistemi di gestione della rete I responsabili delle telecomunicazioni richiedono strumenti flessibili di gestione della rete per poter essere

Dettagli

IBM System Storage DS5020 Express

IBM System Storage DS5020 Express Gestione della crescita, della complessità e dei rischi grazie a un sistema storage scalabile ad elevate prestazioni IBM System Storage DS5020 Express Punti di forza Interfacce FC a 8 Gbps di nuova Storage

Dettagli

Introduzione alle virtualizzazioni

Introduzione alle virtualizzazioni Introduzione alle virtualizzazioni La virtualizzazione consente di ospitare più macchine virtuali ad un server fisico, condividendo le risorse del singolo server attraverso differenti ambienti. I server

Dettagli

Windows Server 2012 R2 overview. Davide Veniali Technical Sales Venco Group Services Gruppo Venco S.p.A. 06/03/2014

Windows Server 2012 R2 overview. Davide Veniali Technical Sales Venco Group Services Gruppo Venco S.p.A. 06/03/2014 Windows Server 2012 R2 overview Davide Veniali Technical Sales Venco Group Services Gruppo Venco S.p.A. 06/03/2014 L evoluzione della richiesta Trasformare l IT per rispondere alle richieste The Cloud

Dettagli

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Semplice, affidabile, scalabile: un nuovo approccio alla virtualizzazione

Semplice, affidabile, scalabile: un nuovo approccio alla virtualizzazione Semplice, affidabile, scalabile: un nuovo approccio alla virtualizzazione Claudio Panerai, claudio.panerai@achab.it Luca Benaglio, luca.benaglio@achab.it Achab srl, www.achab.it «Le singole componenti

Dettagli

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione

Il sistema di I/O. Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O. Introduzione Il sistema di I/O Hardware di I/O Interfacce di I/O Software di I/O Introduzione 1 Sotto-sistema di I/O Insieme di metodi per controllare i dispositivi di I/O Obiettivo: Fornire ai processi utente un interfaccia

Dettagli

Componenti di Sistemi Operativi. System Call Programmi di sistema Componenti di un SO Servizi di SO

Componenti di Sistemi Operativi. System Call Programmi di sistema Componenti di un SO Servizi di SO Componenti di so 1 Componenti di Sistemi Operativi System Call Programmi di sistema Componenti di un SO Servizi di SO 2 System Call Le system call forniscono l'interfaccia tra running program e SO Generalmente

Dettagli

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20

Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Valutazione della piattaforma di storage multiprotocollo EMC Celerra NS20 Resoconto commissionato da EMC Corporation Introduzione In breve EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione

Dettagli

Reti miste. Giovanni Franza

Reti miste. Giovanni Franza Giovanni Franza Contenuti Scenario attuale Introduzione server Linux Strumenti Più forte e più allegro Condivisione dati Sicurezza 2 Scenario attuale Molte tecnologie Molte topologie Poche applicazioni

Dettagli

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA

DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA ALLEGATO B.1 MODELLO PER LA FORMULAZIONE DELL OFFERTA TECNICA Rag. Sociale Indirizzo: Via CAP Località Codice fiscale Partita IVA DITTA DESCRIZIONE DELLA FORNITURA OFFERTA Specifiche minime art. 1 lett.

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw

La componente tecnologica dei. sistemi informativi. Architettura hw. Componenti di una architettura hw Informatica o Information Technology La componente tecnologica dei sistemi informativi m. rumor Architettura del Sistema tecnologico Sistema tecnologico: insieme di componenti connessi e coordinati che

Dettagli

Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached Storage (SONAS)

Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached Storage (SONAS) IBM Systems and Technology Group (STG) System Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached (SONAS) 2 Le imprese intelligenti passano a IBM Scale Out Network Attached (SONAS) Benvenuti

Dettagli

CA Server Automation. Panoramica. I vantaggi. agility made possible

CA Server Automation. Panoramica. I vantaggi. agility made possible PRODUCT SHEET: CA Server Automation CA Server Automation agility made possible CA Server Automation è una soluzione integrata che automatizza il provisioning, l'applicazione di patch e la configurazione

Dettagli

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Andrea Toigo in collaborazione con candidato Antonio Trapanese Matr. 534/1485 La virtualizzazione è un

Dettagli

Obiettivi d esame HP ATA Networks

Obiettivi d esame HP ATA Networks Obiettivi d esame HP ATA Networks 1 Spiegare e riconoscere tecnologie di rete e le loro implicazioni per le esigenze del cliente. 1.1 Descrivere il modello OSI. 1.1.1 Identificare ogni livello e descrivere

Dettagli

Virtualizzazione e Privacy

Virtualizzazione e Privacy Virtualizzazione e Privacy Outline Virtualizzazione Paravirtualizzazione e Xen Virtualizzazione e anonimato (Mix Network) Virtualizzazione e privacy Isolamento servizi utente Virtual Service Domains Virtualizzazione

Dettagli

By E.M. note sull'uso di GAMBAS

By E.M. note sull'uso di GAMBAS By E.M. note sull'uso di GAMBAS GAMBAS viene installato sotto Xubuntu nella directory: /usr/share/gambas2 link problema su uso dell'esempio SerialPort http://gambasrad.org/zforum/view_topic?topic_id=1057

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore)

Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) Corso Configurazione e gestione dell Aula di Informatica (18 lezioni 54 ore) 1. L hardware del PC (3 Lezioni - 9 ore) 2. Troubleshooting (1 Lezione - 3 ore) 3. Ambiente Operativo (5 Lezioni - 15 ore) 4.

Dettagli

CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE

CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE CINQUE MOTIVI PRINCIPALI PER CUI I CLIENTI UTILIZZANO EMC E VMWARE PER VIRTUALIZZARE GLI AMBIENTI ORACLE Sfruttare EMC e VMware per migliorare il ritorno sugli investimenti per Oracle CONCETTI FONDAMENTALI

Dettagli

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia I sistemi virtuali nella PA Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia Indice I sistemi virtuali Definizione di Cloud Computing Le tecnologie che li caratterizzano La virtualizzazione

Dettagli

: solution architects, engineers, e project. managers

: solution architects, engineers, e project. managers 1 Familiarità con HP P4000 (Lefthand) Background tecnico su Vmware vsphere in particolare funzionalità di HA e FT Concetti di business-critical applications e soluzioni di Disaster Recovery Buona conoscenza

Dettagli

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem!

Struttura del File-System! Implementazione del File System! Filesystem! Struttura del File-System Implementazione del File System Struttura dei File Unità logica di memorizzazione Collezione di informazioni correlate File control block (inode) struttura dati per le informazioni

Dettagli

Architettura di un sistema operativo

Architettura di un sistema operativo Architettura di un sistema operativo Struttura di un S.O. Sistemi monolitici Sistemi a struttura semplice Sistemi a livelli Virtual Machine Sistemi basati su kernel Sistemi con microkernel Sistemi con

Dettagli

Infrastruttura VMware

Infrastruttura VMware Infrastruttura VMware Milano Hacking Team S.r.l. Via della Moscova, 13 20121 MILANO (MI) - Italy http://www.hackingteam.it info@hackingteam.it Tel. +39.02.29060603 Fax +39.02.63118946 2005 Hacking Team

Dettagli

Novità di VMware vsphere 5.0 - Storage DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0 / ULTIMO AGGIORNAMENTO MAGGIO 2011

Novità di VMware vsphere 5.0 - Storage DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0 / ULTIMO AGGIORNAMENTO MAGGIO 2011 Novità di ware vsphere 5.0 - Storage DOCUMENTAZIONE DI MARKETING TECNICO V 1.0 / ULTIMO AGGIORNAMENTO MAGGIO 2011 Le novità di ware vsphere 5.0 - Storage Sommario Introduzione.... 3 vsphere FS-5.... 3

Dettagli

VMware Introduction Virtual Infrastructure

VMware Introduction Virtual Infrastructure VMware Introduction Virtual Infrastructure Milano, 06/07/2006 Versione 1.0 RISERVATEZZA Copyright 2006 Clever Consulting Srl. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo documento può essere

Dettagli

Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity

Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity Evoluzione nella protezione dei dati verso la Business Continuity Data Management CSU Marzo 2011 Causes of Unplanned System Downtime Probability 8 High Low 7 6 5 4 3 2 1 0 Downtime Cause User errors Application

Dettagli

Implementazione in sistemi EMC VPLEX di Microsoft Hyper-V e SQL Server con supporto potenziato del clustering di failover

Implementazione in sistemi EMC VPLEX di Microsoft Hyper-V e SQL Server con supporto potenziato del clustering di failover Implementazione in sistemi EMC VPLEX di Microsoft Hyper-V e SQL Server con Tecnologia applicata Riepilogo Questo white paper prende in esame l implementazione e l integrazione delle soluzioni Microsoft

Dettagli