Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia"

Transcript

1 Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale Roma - Capitale versato Euro ,00 Tel. 06/ telex BANKIT - Partita IVA

2 Allegato 1 Procedura aperta per il rinnovo dell infrastruttura di memorizzazione dati su disco per Target2 e Target2 Securities Cod. G /12 G /12 Pag. 1 di 78

3 AVVERTENZE La pubblicità degli atti di gara è preordinata in via esclusiva a esigenze di imparzialità e trasparenza dell attività amministrativa. È vietato, e sarà perseguito ai sensi di legge, qualsiasi utilizzo, totale o parziale, del materiale pubblicato, che sia difforme da tale finalità. La pubblicazione dei documenti avviene nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali e dei diritti di privativa. In nessun modo la pubblicazione, infatti, intende costituire violazione dei diritti di privativa da cui sono coperti i prodotti citati negli atti pubblicati, come creazioni intellettuali o invenzioni industriali in uso presso la Banca. Allo stesso modo è vietato, e sarà perseguito ai sensi di legge, qualsiasi utilizzo, totale o parziale, da parte di terzi, del materiale pubblicato, che miri a costituire un vantaggio indiretto o pubblicità ingannevole nei confronti del pubblico ovvero ad appropriarsi della proprietà intellettuale altrui. G /12 Pag. 2 di 78

4 INDICE GLOSSARIO. 6 1 T2 E T2S: CENNI INTRODUTTIVI IL PROGETTO TARGET IL PROGETTO T2S L ATTUALE FRAMMENTAZIONE DEL POST-TRADING VERSO IL POST-TRADING INTEGRATO I REQUISITI INFRASTRUTTURALI DI T2S LE INFRASTRUTTURE TECNOLOGICHE PER LE PIATTAFORME T2 E T2S L ATTUALE INFRASTRUTTURA T LA NUOVA INFRASTRUTTURA PER T2S PIATTAFORMA DI MEMORIZZAZIONE CONDIVISA TRA T2 E T2S: ARCHITETTURA E PRINCIPI DI BUSINESS CONTINUITY PRINCIPI GENERALI BUSINESS CONTINUITY FRAMEWORK ORGANIZZAZIONE DEL PROCEDIMENTO DI GARA ELEMENTI OGGETTO DI GARA REQUISITI TECNICI STORAGE AREA NETWORK ATTUALE INFRASTRUTTURA REQUISITI TECNICI PER IL POTENZIAMENTO DELLA SAN Componenti hardware e software da fornire ed installare Requisiti per i servizi di supporto e di manutenzione HW/SW dell infrastruttura SAN SOTTOSISTEMI DI MEMORIZZAZIONE DATI SU DISCO PREMESSA REQUISITI TECNICI PER I SOTTOSISTEMI DISCO Requisiti di base Requisiti gestionali Requisiti capacitivi e di scalabilità Requisiti prestazionali Requisiti di connettività IP Requisiti per i servizi di supporto e di manutenzione HW/SW dei sottosistemi disco Requisiti di Business Continuity Scenari di Business continuity Scenario 1 : Technical Rotation Scenario 2 : Primary Site A Failure Primary Site A Failure: failover Primary Site A Failure: fase di Failback Scenario 3 : Regional Disaster Regional disaster - Failover. 47 G /12 Pag. 3 di 78

5 Regional disaster Failback Scenario 4 : interruzione di una singola sessione di replica INFRASTRUTTURA DI MEMORIZZAZIONE DATI SU DISCO: AMBIENTE DI TEST SERVIZI RESPONSABILE TECNICO DELLA SOCIETÀ PROOF OF CONCEPT KICK-OFF MEETING ANALISI, PROGETTAZIONE E PIANIFICAZIONE CONSEGNA, INSTALLAZIONE, POSA IN OPERA CONFIGURAZIONE DELLE COMPONENTI HARDWARE E SOFTWARE INTEGRAZIONE CON I SISTEMI DI MONITORAGGIO DELLA PIATTAFORMA T2 E T2S MIGRAZIONE AMBIENTI T2S PREDISPOSIZIONE E VERIFICA DEGLI SCENARI DI BUSINESS CONTINUITY MIGRAZIONE AMBIENTI T SUPPORTO ON-SITE FASI DI COLLAUDO COLLAUDO PRELIMINARE (M1) COLLAUDO FUNZIONALE (M2) COLLAUDO FINALE (M3) CHIUSURA DEL PROGETTO (M4) OPZIONI PIANO DELLE ATTIVITÀ SCHEMA DEI PAGAMENTI PENALI APPENDICI REQUISITI PRESTAZIONALI DELLA 4CBNET CONFIGURAZIONE HW E SW DEI SAN DIRECTOR INSTALLATI CISCO MDS INSTALLATI IN ITALIA CISCO MDS INSTALLATI IN GERMANIA REQUISITI PRESTAZIONALI E CAPACITIVI ATTUALE CONFIGURAZIONE CAPACITIVA DEI SISTEMI T2 E T2S. 78 G /12 Pag. 4 di 78

6 FIGURE Figura 1 TSSP : Target 2 Single Shared Platform... 7 Figura 2 T2 : architettura di Storage Business Continuity... 8 Figura 3 Infrastruttura T2 : visione alto livello Figura 4 T2S high level infrastructure design Figura 5 Infrastruttura di memorizzazione condivisa T2/T2S: architettura complessiva. 16 Figura 6 Modello Active-Active Figura 7 Business Continuity framework Figura 8 Disastro regionale Figura 9 Infrastruttura di SAN : T Figura 10 T2/T2S distribuzione dei sottosistemi disco Figura 11 Modello 4 sites/4copies Figura 12 Infrastruttura disco : modello di Business continuity Figura 13 Technical rotation Figura 14 Scenario Primary Site A Failure: Failover fase Figura 15 Scenario Primary Site A failure Failover fase Figura 16 Scenario Primary Site A Failure: Failback fase Figura 17 Scenario Primary Site A Failure: fase di Failback procedura alternativa Figura 18 Scenario Regional Disaster Figura 19 Scenario Region: fase di failover Figura 20 Scenario di : failback fase Figura 21 Interruzione della sessione di replica remota sincrona Figura 22 Interruzione della sessione di replica remota asincrona Figura 23 Interruzione della sessione di replica remota adattiva Figura 24 Piano delle attività TABELLE Tabella 1 - Glossario... 6 Tabella 2 Schema dei pagamenti Tabella 3 Requisiti capacitivi Tabella 4 Requisiti prestazionali Tabella 5 Attuale allocazione spazio disco T2 e T2S G /12 Pag. 5 di 78

7 Glossario. BTU Capacità nominale Capacità utile CED CSD CLI CU Director Fabric FCIP FICON HBA I/O LCU LPAR NCB Sistema di pagamento PAV PoC PDU RAID Rolling Disaster RPM RPO RTO SAN SNMP SSP Thin provisioning Throughput Tiered storage UCB British Termal Unit. Unità di misura dell'energia utilizzata nella definizione del potere calorifico ovvero refrigerante dei sistemi. Spazio fisico disponibile sul sottosistema normalmente definita RAW-capacity. Spazio realmente utilizzabile dalle applicazioni al netto dello "overhead" di protezione. Il presente documento. Centro Elaborazione Dati. L ambiente dove fisicamente risiedono i sistemi componenti la piattaforma. Central Securities Depository. Command Line interface. Interfaccia utente basata sull inserimento di comandi in formato testo. Control Unit. Dispositivo che controlla le operazioni di lettura e scrittura da e verso uno o più dispositivi di I/O. Dispositivo utilizzato nelle Storage Area Network per interconnettere gli Host Bus Adapter (HBA) alle unità di storage (sottosistemi dischi). Architettura di interconnessione interna usata da uno switch per stabilire relazioni tra le porte; la combinazione di più elementi interconnessi tra loro attraverso uno o più switch che condividono l infrastruttura di routing. Fibre Channel over IP FIber CONnectivity. Modalità di trasferimento dati full duplex ad alta velocità per la connessione del mainframe con dispositivi di archiviazione dati (dischi e nastri) Host Bus Adapter. Adattatore di collegamento di un utente alla rete SAN. Input/Output. Logical Control Unit. Insieme funzionale che, in ambiente zos, raggruppa i volumi logici. Un LCU può avere fino a 256 volumi logici definiti al suo interno. Logical Partition.. National Central Bank. Un sistema di pagamento è costituito da un insieme di strumenti, procedure bancarie e, in genere, fondi interbancari di trasferimento di sistemi che facilitano la circolazione del denaro. Parallel access volume. Funzione che, in ambiente z/os, consente l accesso contemporaneo, in lettura e/o scrittura, da parte di una o più applicazioni allo stesso volume logico. Proof of Concept. Insieme di prove finalizzate alla verifica del rispetto di una serie di requisiti considerati essenziali. Protocol Data Unit. Redundant Array of Independent Disks. Gruppo di dischi correlati logicamente per assicurare la ricostruzione dei dati in caso di guasti di uno di essi. Evento disastroso che si sviluppa gradualmente nel tempo determinando l indisponibilità del sito primario in un intervallo di tempo diverso da zero. Rounds per minute. Recovery Point Objectives. Recovery Time Objectives. Storage Area Network. Infrastruttura di connettività ad alta velocità dedicata ai dispositivi di memorizzazione anche di tipologie e tecnologie differenti Simple Network Management Protocol. Standard di comunicazione tra dispositivi di rete per lo scambio di messaggi di management. Single Shared Platform TARGET2 è basato su una piattaforma tecnologica comune e distribuita, conosciuta come la Single Shared Platform, che comprende servizi di pagamento e di elaborazione di contabilità e relativi servizi ai clienti. Metodo di ottimizzazione dello spazio disco disponibile. Il thin provisioning permette di allocare lo spazio disco in maniera flessibile sulla base dello spazio minimo necessario per ciascun utente in tempo reale. Numero di I/O eseguite o MB trasferiti nell unità di tempo. Sistema di memorizzazione che prevede una suddivisione (partizionamento) in classi di servizio in relazione al costo, alle prestazioni ed altri attributi. In un tiered storage i dati possono essere allocati dinamicamente all interno delle varie classi in relazione alle esigenze prestazionali ovvero in base ad altre esigenze. Unit Control Block. Blocco di controllo, in ambiente zos, che descrive ogni singolo device di I/O (unit) o il suo alias. Normalmente si identifica il singolo volume logico indirizzabile dal sistema operativo. Tabella 1 - Glossario G /12 Pag. 6 di 78

8 1 T2 e T2S: cenni introduttivi. 1.1 Il progetto Target2. L avvio dell Unione Monetaria Europea nel 1999 ha reso necessaria la creazione del sistema TARGET (Trans- European Automated Real-Time Gross Settlement Express Transfer System), formato dai sistemi di regolamento lordo dei 17 stati membri dell UE e dalla Banca Centrale Europea. Assicurando pagamenti interbancari sicuri, affidabili ed efficienti nell area euro, TARGET ha reso possibile un efficace conduzione della politica monetaria unica, stimolando al tempo stesso il processo d integrazione finanziaria e commerciale tra i paesi partecipanti. L introduzione di TARGET2 in sostituzione del sistema originario TARGET ha avuto inizio il 19 novembre Il nuovo sistema utilizza la Single Shared Platform (SSP), una piattaforma tecnologica unica creata e gestita dalla Banca d'italia, dalla Deutsche Bundesbank e dalla Banque de France a beneficio dei sistemi finanziari europei, i quali dal punto di vista operativo e legale fanno riferimento alle rispettive Banche Centrali nel quadro di regole armonizzate. Il nuovo sistema risponde alla domanda di servizi avanzati ed omogenei da parte delle banche, in particolar modo per la gestione della liquidità, alle esigenze derivanti dall ampliamento dell Unione Europea e dell Eurosistema, alla richiesta di maggiore efficienza attraverso l adozione di nuove tecnologiche e soluzioni avanzate per la business continuity. TSSP Service Providers Banque De France BdF 3CB Network Regione 3 SITO E Customer Related Services System (CRSS) SITO F Componente informativa Banca d Italia BdI Regione 1 Regione 2 SITO A Componente operativa Bundensbank SITO C BBk Payments and Accounting SITO B Processing Services System (PAPSS) SITO D SWIFTNet Istituti di credito Banche Centrali Figura 1 TSSP : Target 2 Single Shared Platform Il passaggio a TARGET2 è stato completato il 19 maggio 2008 con la migrazione della piazza finanziaria italiana. Al nuovo sistema partecipano i mercati finanziari dei paesi euro nonché la Danimarca, l Estonia, la Lettonia, la Lituania e la Polonia. Notevole attenzione è stata riservata, nella fase di progettazione e sviluppo di TARGET2, agli aspetti di gestione del rischio operativo. Infatti, date le notevoli interdipendenze che caratterizzano il sistema finanziario europeo, un interruzione del servizio si rifletterebbe sui mercati finendo per avere implicazioni di natura sistemica. Per poter fronteggiare questo rischio, particolare cura è stata posta nella realizzazione di un efficace programma di gestione della business continuity. Al fine di garantire un adeguata capacità di ripresa e quindi la disponibilità del sistema in ogni circostanza, TARGET2 è stato realizzato secondo il principio two regions four sites. G /12 Pag. 7 di 78

9 Ciò significa che le strutture operative sono ospitate in due distinte regioni d Europa (Italia e Germania); in ogni regione sono presenti due centri operativi geograficamente distanti e con profili di rischio diversi. Le due regioni sono dotate di personale fisso, mentre la responsabilità delle operazioni di produzione ruota periodicamente tra di esse. L obiettivo dell Eurosistema quale gestore del servizio è di assicurare che, nel caso di un indisponibilità del servizio nella regione primaria, le operazioni possano riprendere nella regione secondaria entro il termine di due ore. REGIONE 1 ROTATION REGIONE 2 Produzione (PROD) periodica Test & Training (T&T) SITO A Copia remota sincrona P P Copia remota asincrona SITO C Copia remota sincrona Hot back-up SITO B S S SITO D Hot back-up Figura 2 T2 : architettura di Storage Business Continuity Le infrastrutture ospitate presso la Banca d Italia e la Deutsche Bundesbank si basano prevalentemente su tecnologie mainframe, e sono strutturate in modo da garantire reciprocamente il back-up completo e la distribuzione del carico di lavoro. La Banque de France ospita prevalentemente tecnologie Datawarehouse (Unix/Windows) e gestisce autonomamente il back-up. I principali componenti dell architettura SSP sono: un sistema elaborativo centrale (mainframe) per i servizi di pagamento e regolamento (PAPSS - Payment and Accounting Processing Services Systems); un sottosistema di memorizzazione (distribuito tra la Banca d Italia e la Deutsche Bundesbank) con funzionalità di copia sincrona ed asincrona per il supporto delle procedure di business continuity; server Unix e Windows per i servizi al cliente (CRSS - Customer Related Services Systems); una rete geografica sicura per il collegamento di istituti di credito, infrastrutture di mercato e banche centrali nazionali (SWIFTNet); una rete dedicata per il collegamento dei diversi siti elaborativi (3CBNet); software applicativo e di sistema; sistemi di sicurezza (firewall, IDS ecc.). G /12 Pag. 8 di 78

10 1.2 Il progetto T2S L attuale frammentazione del post-trading. A dieci anni dall introduzione dell euro e nonostante la creazione di un area monetaria unica di 16 paesi, l offerta di servizi di post-trading resta ancora altamente frammentata. Le principali conseguenze di tale scarsa integrazione si possono così riassumere: elevata onerosità dei pagamenti transfrontalieri: oggi i pagamenti in ambito europeo sono estremamente complessi e coinvolgono almeno due depositari centrali in titoli (CSD - Central Securities Depository) e molto spesso anche una o più banche custodi. Inoltre il regolamento è di fatto monopolio nazionale, con una concorrenza minima o nulla tra gli operatori europei. Per tali motivi, le commissioni sui pagamenti transfrontalieri sono diverse volte più alte di quelle applicate ai pagamenti nazionali e molto maggiori che negli Stati Uniti, dove le infrastrutture di compensazione e regolamento sono già altamente centralizzate. procedure di regolamento complesse con elevato livello di rischio: l elevato costo dei pagamenti transfrontalieri è dovuto anche alla mancanza di armonizzazione in campo legale, tecnico e fiscale. La disomogeneità delle pratiche di mercato rende complicato il regolamento e comporta elevati livelli di rischio Verso il post-trading integrato. T2S eliminerà le barriere tra paesi e la stessa differenza tra pagamenti nazionali e transfrontalieri, ovviando agli svantaggi dell attuale frammentazione e consolidando, a livello europeo, la parte dei sistemi di compensazione e regolamento titoli a più elevato valore aggiunto: il pagamento. T2S costituirà un meccanismo di regolamento all avanguardia, offrendo al mercato europeo un servizio centralizzato di consegna contro pagamento in moneta di Banca Centrale. Esso sarà gestito dall Eurosistema a beneficio di tutti gli utenti, secondo il principio del recupero dei costi. T2S avrà piena autonomia dai paesi e dalle infrastrutture di mercato nonché dai modelli di business adottati dai CSD e dai partecipanti. La principale e più rivoluzionaria caratteristica di T2S è il fatto di rendere il regolamento transfrontaliero identico a quello nazionale, sia in termini di costi sia in termini tecnici e di efficienza. Tutte le transazioni effettuate in Europa saranno soggette agli stessi standard, regole e tariffe, con una forte riduzione della complessità delle attuali infrastrutture. I pagamenti transfrontalieri avranno un costo notevolmente più basso e i mercati europei dei titoli ne risulteranno più redditizi ed appetibili. T2S gestirà le transazioni in modo sicuro e in via definitiva. L utilizzo della consegna contro pagamento su base lorda in tempo reale eliminerà il rischio di controparte, ovvero garantirà che la controparte di un partecipante adempia i suoi obblighi; il pagamento in moneta di Banca Centrale, ossia il trasferimento di contante tra i conti dei partecipanti presso le rispettive Banche Centrali Nazionali, eliminerà il rischio legato all intermediario della transazione. Gli obiettivi principali del progetto sono quindi: superare l attuale frammentazione del settore del post-trading, promuovendo la creazione di un mercato europeo dei servizi finanziari unico e competitivo; portare i costi di regolamento a livelli tra i più bassi nel mondo: T2S ridurrà le commissioni sui pagamenti transfrontalieri grazie alle economie di scala derivanti dall impiego di un unica piattaforma tecnica e dall adozione di standard e prassi operative comuni. Inoltre, consentendo ai CSD e alle G /12 Pag. 9 di 78

11 banche di razionalizzare i propri sistemi elaborativi interni, T2S condurrà anche ad una riduzione più generale dei costi totali di regolamento; armonizzare i mercati finanziari europei, contribuendo ad eliminare le barriere e le inefficienze esistenti; contribuire alla stabilità finanziaria, divenuta cruciale per il mercato alla luce della recente crisi. T2S regolerà esclusivamente in moneta di Banca Centrale nel rispetto degli standard più avanzati di resilienza, disponibilità, continuità e sicurezza del servizio. Esso ridurrà in misura considerevole i rischi che ad oggi permangono nel settore dei pagamenti transfrontalieri, permetterà alle banche di ottimizzare la gestione della liquidità e del collaterale e promuoverà una più ampia diversificazione e condivisione del rischio; T2S stimolerà la concorrenza, accrescerà le opportunità di business con un impatto positivo sulla crescita economica in Europa. 1.3 I requisiti infrastrutturali di T2S. Considerato quanto detto in precedenza, si comprende come T2S costituirà per il sistema finanziario europeo un servizio di importanza cruciale e un applicazione di notevole complessità. Di conseguenza, esso richiederà un infrastruttura tecnica all avanguardia, in particolare: l architettura di T2S dovrà offrire elevati livelli prestazionali al fine di garantire una regolare elaborazione delle transazioni in arrivo in qualsiasi situazione; l architettura di T2S dovrà essere agevolmente scalabile, adattando la capacità elaborativa all aumentare del volume delle transazioni; il servizio di T2S dovrà avere elevati livelli di disponibilità, operando 24 ore al giorno senza interruzioni, cinque giorni a settimana; il servizio dovrà offrire eccellenti livelli prestazionali sia nel regolamento diurno sia in quello notturno. Sulla base di tali esigenze è stato deciso di sviluppare la piattaforma T2S basandosi sulla esperienza maturata in ambito T2. Pertanto l infrastruttura di T2S è distribuita tra la Banca d Italia, Deutsche Bundesbank (Region 1 e Region 2: ospitano le principali applicazioni di business come il regolamento delle istruzioni di pagamento) e la Banque de France (Region 3: ospita altre funzioni come ad esempio l archiviazione legale). Alle tre regioni indicate si aggiunge il Banco de España, collegato alla rete interna per svolgere attività di sviluppo applicativo. Ognuna delle 3 regioni si compone di un sito primario e di un sito secondario completamente indipendenti nel funzionamento e con elevati livelli di disponibilità. Nel complesso, i principali componenti dell architettura T2S sono: un sistema elaborativo centrale (mainframe) per le componenti applicative principali (core business applications); Sistemi server (server) per funzioni specifiche destinati agli utenti (basati su on AIX, Linux e Windows); un sottosistema di memorizzazione (distribuito tra la Banca d Italia e la Deutsche Bundesbank) con funzionalità di copia sincrona ed asincrona per il supporto delle procedure di business continuity; G /12 Pag. 10 di 78

12 una interfaccia di rete sicura per il collegamento di CSD, istituti di credito, infrastrutture di mercato e banche centrali nazionali; una rete dedicata per il collegamento dei diversi siti elaborativi (4CBNet); software applicativo e di sistema; sistemi di sicurezza (firewall, IDS ecc.). G /12 Pag. 11 di 78

13 2 Le infrastrutture tecnologiche per le piattaforme T2 e T2S. 2.1 L attuale infrastruttura T2. L infrastruttura tecnologica di TARGET 2 è distribuita su tre differenti regioni : Italia (Banca d Italia - BdI); Germania (Deutsche Bundesbank Bbk); Francia (Banque de France BdF). I sistemi installati presso la Banca d Italia e la Deutsche Bundesbank sono basati, principalmente, su tecnologia mainframe ed ospitano i servizi dei sistemi di pagamento (Payment and Accounting Processing Services System PAPSS). I sistemi installati presso la Banque de France sono basati su tecnologia Unix/windows e forniscono servizi di Datawarehouse (Customer Related Services System CRSS). Componente operativa Componente informativa Payment and Accounting Processing Services System (PAPSS) Customer Related Services System (CRSS) Regione 1 Regione 2 Regione 3 SITO A SITO C SITO A SITO B Banca d Italia BdI SITO D Bundensbank BBk SITO B Banque De France BdF Figura 3 Infrastruttura T2 : visione alto livello Ogni regione si compone di due siti elaborativi (sito primario e sito secondario) collegati da canali ad alta velocità in fibra ottica. La Banca d Italia e la Deutsche Bundesbank operano in condizioni di bilanciamento di carico garantendo la mutua ridondanza dei servizi PAPSS ospitati: in ogni istante una delle due regioni ospita gli ambienti di produzione mentre l altra regione ospita gli ambienti di test e collaudo. Ciascun ambiente (produzione e test) è attivo presso il sito primario della regione ospitante: il sito secondario viene utilizzato per il ripristino dei sistemi a livello locale in caso di indisponibilità del sito primario. Infine la regione ospitante l ambiente di test, è in grado di ospitare gli ambienti di produzione in caso di un evento di disastro ad ampio impatto presso l altra regione. Infine, le due regioni scambiano il proprio ruolo periodicamente, al fine di garantire un pieno bilanciamento del carico. L infrastruttura tecnologica di T2 si compone di più ambienti logici indipendenti a supporto delle fasi di sviluppo, integrazione, collaudo, accettazione e rilascio in produzione di tutte le componenti applicative. G /12 Pag. 12 di 78

14 Nello specifico ciascun ambiente logico in ambiente mainframe si compone di: un database management system (DB2) un transaction manager (IMS) un application server (WebSphere Application Server - WAS) un sistema per la comunicazione tra le varie componenti applicative (Message and Queuing Series - MQ). A tali componenti si aggiungono una serie di servizi (ospitati su sistemi RISC-AIX), quali: interfaccia di comunicazione verso la SWIFTNet; sistemi di gestione dell infrastruttura tecnologica; sistema di gestione documentale; servizi di human communication. Nello specifico la piattaforma T2 si compone dei seguenti ambienti logici. T2 Test & Training Integration (INTEG) L ambiente INTEG viene utilizzato per consolidare i differenti moduli applicativi sviluppati dalle 3 Banche Centrali e verificarne la conformità con i requisiti funzionali dell'intera infrastruttura Internal Acceptance (3CBIAC) Questo ambiente viene utilizzato per l esecuzione dei test di accettazione preliminari. Customer (CUST) Questo ambiente viene utilizzato per l esecuzione dei test di accettazione da parte degli utenti finali. L ambiente CUSTOM rappresenta un immagine logica dell ambiente di produzione Driving (DRIV) L ambiente DRIVING è ospitato permanentemente in Banca d'italia, e viene utilizzato per verificare la compatibilità tra la nuova versione dei software di base, il sistema operativo e l'intera infrastruttura. T2 Produzione Production (PROD) L ambiente PROD ospita le applicazioni core business e il software del sistema di gestione. G /12 Pag. 13 di 78

15 2.2 La nuova infrastruttura per T2S. T2S è stato progettato per fornire servizi di regolamento titoli ad una pluralità di attori, quali CSD, Banche Centrali Nazionali, Istituti di Credito e Partecipanti Diretti (TARGET2 e CCBM2). Sono stati considerati utenti del sistema anche altri sistemi di regolamento lordo e servizi di gestione della liquidità. Il disegno generale di T2S è illustrato dalla figura seguente: T2S Actors T2S Region1-Region2 Region3 NCBs CSDs T2S PARTIES CCBM2 Other CMS EXTERNAL NETWORKS NETWORK INTERFACE NETWORK INTERFACE GATEWAY SUBSYSTEM CENTRAL PROCESSING SYSTEM Legal Archiving Long Term Statistical Information RTGS INTERNAL NETWORK T2 Figura 4 T2S high level infrastructure design L accesso al sistema può avvenire attraverso una pluralità di reti esterne; servizi aggiuntivi (come il controllo degli accessi, il bilanciamento del carico, la verifica della firma) sono offerti dal fornitore di rete o direttamente da T2S. Il collegamento tra T2S e T2 avviene tramite una infrastruttura di rete interna (4CBNet) che connette tra di loro le 4 Banche Centrali coinvolte nel progetto. L accesso ai servizi di business si realizza grazie alla Network Interface, che si compone di: un Network Gateway, che permette la separazione logica tra gli utenti e l infrastruttura T2S; un Interface subsystem, che costituisce un canale di comunicazione il quale fornisce servizi di messaggistica per le applicazioni T2S. T2S si compone di più ambienti logici indipendenti a supporto delle fasi di sviluppo, integrazione, collaudo, accettazione e rilascio in produzione di tutte le componenti applicative. In totale analogia agli ambienti T2, gli ambienti di T2S possono essere suddivisi in due categorie: Production, per l erogazione dei servizi di business; Test & Training, un insieme di ambienti riservati alle attività di sviluppo, test e accettazione. Come nel caso della piattaforma T2, gli ambienti T2S a supporto delle principali applicazioni di business sono ospitati presso la Banca d Italia e la Deutsche Bundesbank. G /12 Pag. 14 di 78

16 Il Test & Training è formato dagli ambienti di seguito elencati: DRIVING L ambiente di DRIVING (DRIV) è utilizzato per i test di prima installazione del software di sistema e per la sua manutenzione; DEVELOPMENT L ambiente DEVELOPMENT ospita l ambiente di sviluppo (DEV), per lo sviluppo e i test dei moduli applicativi; l ambiente di integrazione (INTEG), utilizzato per consolidare i differenti moduli applicativi sviluppati dalle 4 Banche Centrali e verificarne la conformità all infrastruttura T2S; l ambiente di accettazione interna (IAC), ove si svolgono i test di accettazione; USER L ambiente USER ospita l ambiente di accettazione esterna (EAC), per i test di accettazione degli utenti esterni e per verificare le modifiche al software T2S. L ambiente EAC rappresenta un immagine logica dell ambiente di produzione; l ambiente di migrazione (MIG), dedicato agli utenti finali per le verifiche correlate alle procedure di migrazione sulla nuova piattaforma; l ambiente di user test (UTEST), per i test e le simulazioni degli utenti. La configurazione e le operazioni di questo ambiente riproducono il più fedelmente possibile quelle dell ambiente di produzione, con capacità e performance più limitate. L ambiente UTEST è utilizzato anche per verificare le modifiche apportate dai clienti alle proprie applicazioni che si interfacciano con la piattaforma T2S. La produzione di T2S è costituita dagli ambienti di seguito elencati: PROD L ambiente di produzione T2S (ospita le applicazioni core business, nonché il software del sistema di gestione G /12 Pag. 15 di 78

17 2.3 Piattaforma di memorizzazione condivisa tra T2 e T2S: architettura e principi di business continuity Principi generali. La nuova piattaforma di memorizzazione dati condivisa tra T2 e T2S sarà costituita dalle seguenti componenti: infrastruttura di connettività: Storage Area Network (SAN); sottosistemi disco; infrastruttura disco di test 1 ; sottosistemi nastro 2. Figura 5 Infrastruttura di memorizzazione condivisa T2/T2S: architettura complessiva I requisiti di base che la nuova infrastruttura di memorizzazione deve soddisfare sono di seguito indicati: realizzazione di una soluzione condivisa tra T2 e T2S (SSP - Single Shared Platform); adozione del modello two regions 4 sites. Tale modello si fonda sulla disponibilità di due siti (datacenter) in ciascuna regione. I siti sono equivalenti e ospitano le medesime risorse tecniche: sistemi operativi, risorse di elaborazione e di memorizzazione, infrastruttura di rete e componenti software; indipendenza logica tra gli ambienti T2 e T2S; completa ridondanza dell infrastruttura di memorizzazione, per fronteggiare il rischio di guasto di un singolo componente; 1 La piattaforma di test sarà utilizzata per la verifica preliminare di nuove funzionalità e delle procedure di disaster recovery. 2 L infrastruttura di nastroteca non è parte della presente procedura di gara. G /12 Pag. 16 di 78

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione

Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Webinar: Cloud Computing e Pubblica Amministrazione Forum PA Webinar, 21 luglio 2015 Parleremo di: Il Gruppo e il network di Data Center Panoramica sul Cloud Computing Success Case: Regione Basilicata

Dettagli

***** Il software IBM e semplice *****

***** Il software IBM e semplice ***** Il IBM e semplice ***** ***** Tutto quello che hai sempre voluto sapere sui prodotti IBM per qualificare i potenziali clienti, sensibilizzarli sulle nostre offerte e riuscire a convincerli. WebSphere IL

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito:

Per questa ragione il nostro sforzo si è concentrato sugli aspetti elencati qui di seguito: Autore : Giulio Martino IT Security, Network and Voice Manager Technical Writer e Supporter di ISAServer.it www.isaserver.it www.ocsserver.it www.voipexperts.it - blogs.dotnethell.it/isacab giulio.martino@isaserver.it

Dettagli

Consulenza tecnologica globale

Consulenza tecnologica globale Orientamento al cliente Innovazione Spirito di squadra Flessibilità Un gruppo di professionisti dedicati alle imprese di ogni settore merceologico e dimensione, capaci di supportare il Cliente nella scelta

Dettagli

A vele spiegate verso il futuro

A vele spiegate verso il futuro A vele spiegate verso il futuro Passione e Innovazione per il proprio lavoro La crescita di Atlantica, in oltre 25 anni di attività, è sempre stata guidata da due elementi: la passione per il proprio lavoro

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali

PROFILI ALLEGATO A. Profili professionali ALLEGATO A Profili professionali Nei profili di seguito descritti vengono sintetizzate le caratteristiche di delle figure professionali che verranno coinvolte nell erogazione dei servizi oggetto della

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato

Intalio. Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management. Andrea Calcagno Amministratore Delegato Intalio Convegno Open Source per la Pubblica Amministrazione Leader nei Sistemi Open Source per il Business Process Management Navacchio 4 Dicembre 2008 Andrea Calcagno Amministratore Delegato 20081129-1

Dettagli

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com

CORPORATE OVERVIEW. www.akhela.com CORPORATE OVERVIEW www.akhela.com BRIDGE THE GAP CORPORATE OVERVIEW Bridge the gap Akhela è un azienda IT innovativa che offre al mercato servizi e soluzioni Cloud Based che aiutano le aziende a colmare

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

Progetto VirtualCED Clustered

Progetto VirtualCED Clustered Progetto VirtualCED Clustered Un passo indietro Il progetto VirtualCED, descritto in un precedente articolo 1, è ormai stato implementato con successo. Riassumendo brevemente, si tratta di un progetto

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE

Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE Programma Enti Locali Innovazione di Sistema Esperienze e soluzioni realizzate nell ambito del Progetto S.I.MO.NE 1 Premessa Il presente documento ha lo scopo di facilitare la disseminazione e il riuso

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

La collaborazione come strumento per l'innovazione.

La collaborazione come strumento per l'innovazione. La collaborazione come strumento per l'innovazione. Gabriele Peroni Manager of IBM Integrated Communication Services 1 La collaborazione come strumento per l'innovazione. I Drivers del Cambiamento: Le

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009

GARR WS9. OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità. Roma 17 giugno 2009 GARR WS9 OpenSource per l erogazione di servizi in alta disponibilità Roma 17 giugno 2009 Mario Di Ture Università degli Studi di Cassino Centro di Ateneo per i Servizi Informatici Programma Cluster Linux

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp

Efficienza e performance. Soluzioni di storage NetApp Efficienza e performance Soluzioni di storage NetApp Sommario 3 Introduzione n EFFICIENZA A LIVELLO DI STORAGE 4 Efficienza di storage: il 100% dei vostri dati nel 50% del volume di storage 6 Tutto in

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi.

Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. Luca Mambella Disaster recovery: dalle soluzioni tradizionali al cloud, come far evolvere le soluzioni contenendone i costi. I modelli di sourcing Il mercato offre una varietà di modelli di sourcing, ispirati

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Il Concetto di Processo

Il Concetto di Processo Processi e Thread Il Concetto di Processo Il processo è un programma in esecuzione. È l unità di esecuzione all interno del S.O. Solitamente, l esecuzione di un processo è sequenziale (le istruzioni vengono

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult

Enterprise Content Management. Terminologia. KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa. Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult KM, ECM e BPM per creare valore nell impresa Giovanni Marrè Amm. Del., it Consult Terminologia Ci sono alcuni termini che, a vario titolo, hanno a che fare col tema dell intervento KM ECM BPM E20 Enterprise

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM

Disaster Recovery, niente di più semplice. Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM Gestione e monitoraggio dell infrastruttura per la Business-Critical Continuity TM ARGOMENTI TRATTATI Il livello elevato Il disastro più diffuso e più probabile L'esempio da 10 miliardi di dollari per

Dettagli

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti

Plesk Automation. Parallels. Domande tecniche più frequenti Parallels Plesk Automation Primo trimestre, 2013 Domande tecniche più frequenti Questo documento ha come scopo quello di rispondere alle domande tecniche che possono sorgere quando si installa e si utilizza

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Carta di servizi per il Protocollo Informatico

Carta di servizi per il Protocollo Informatico Carta di servizi per il Protocollo Informatico Codice progetto: Descrizione: PI-RM3 Implementazione del Protocollo informatico nell'ateneo Roma Tre Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DEL CARTA DI SERVIZI...2 ARTICOLO

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE

QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato 2a alla lettera d invito QUADRO INTRODUTTIVO ALLA GARA MULTIFORNITORE GARA A LICITAZIONE PRIVATA PER L APPALTO DEI SERVIZI DI

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2

Chi siamo. SIA Milano, 11 Giugno 2015 2 Prevenzione dei rischi software in ambito finanziario. L esperienza del Gruppo SIA Armando Bolzoni, direttore Software Factory SIA SpA SIA Chi siamo SIA è leader europeo nella progettazione, realizzazione

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager

ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM. Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine ITSM: HelpDesk ITIL, gestione degli asset IT e MDM Andrea Mannara Business Unit Manager ManageEngine Portfolio Network Data Center Desktop & MDM ServiceDesk & Asset Active Directory Log &

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation

IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm. 2011 IBM Corporation IBM Cloud Computing - un opportunità? - una moda? Andrea Reggio Myserverfarm 2011 IBM Corporation Cosa si intende per Cloud Computing Cloud è un nuovo modo di utilizzare e di distribuire i servizi IT,

Dettagli

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A

V I V E R E L ' E C C E L L E N Z A VIVERE L'ECCELLENZA L'ECCELLENZA PLURIMA Le domande, come le risposte, cambiano. Gli obiettivi restano, quelli dell eccellenza. 1995-2015 Venti anni di successi dal primo contratto sottoscritto con l Istituto

Dettagli

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini

Security Governance. Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007. Feliciano Intini Technet Security Day Milano/Roma 2007 NSEC Security Excellence Day Milano 2007 Security Governance Chief Security Advisor Microsoft Italia feliciano.intini@microsoft.com http://blogs.technet.com/feliciano_intini

Dettagli