Pensione lavoratori autonomi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pensione lavoratori autonomi"

Transcript

1 Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti categorie lavorative: - lavoratori iscritti alla gestione previdenziale di artigiani e commercianti - legge n. 233/1990; - lavoratori iscritti alla gestione dei lavoratori agricoli autonomi, ossia coltivatori diretti, coloni, mezzadri e imprenditori agricoli - legge n. 233/1990; - lavoratori autonomi e collaboratori iscritti alla gestione separata Inps - art. 2 legge n. 335/1995. Per i lavoratori autonomi del settore dello spettacolo iscritti all ex Enpals si rinvia allo specifico capitolo. In questo capitolo esamineremo gli aspetti legati al diritto alla pensione delle predette categorie, rinviando agli specifici capitoli per quanto concerne gli altri istituti (calcolo, contributi volontari, ricongiunzione ecc.). ARTIGIANI, COMMERCIANTI E LAVORATORI AGRICOLI DESTINATARI: la legge distingue due categorie dei beneficiari delle pensioni per i lavoratori autonomi nelle categorie degli iscritti alle gestioni dei contributi e delle prestazioni previdenziali degli artigiani e degli esercenti attività commerciali, titolari, coadiuvanti e coadiutori (art. 1, legge n. 233/1990), nonché gli iscritti alla gestione dei contributi e delle prestazioni previdenziali dei coltivatori diretti, mezzadri e coloni (art. 5 legge n. 233/1990; legge n. 1047/1957; legge n. 9/1963) indicate nella tabella successiva: Artigiani Sono tenuti ad iscriversi alla gestione artigiani Inps (legge n. 443/1985): 1) il titolare di impresa artigiana che: - esercita abitualmente e professionalmente l impresa con piena responsabilità; - svolge in misura prevalente il proprio lavoro anche manuale nel processo produttivo; - esercita un attività diretta alla produzione di beni o servizi con esclusione di quelle agricole e commerciali. I soci delle società commerciali (tranne le Spa e le accomandita per azioni) sono anche essi iscrivibili alla gestione previdenziale purché: - la maggioranza dei soci (oppure uno nel caso di società con due soci) svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo; - nell impresa il lavoro abbia funzione preminente sul capitale; - i soci siano in possesso dei requisiti, elencati sopra, per l esercizio dell impresa artigiana. Nelle società in accomandita semplice il predetto obbligo non riguarda gli accomandanti. Nelle Srl l obbligo può riguardare sia il socio unico (purché non sia socio unico di altra Srl oppure socio di Sas), sia la pluralità di soci; 2) i familiari del titolare purché abbiano compiuto 15 anni e collaborino con lavoro prevalente e professionale. Sono considerati familiari i parenti entro il 3 grado e gli affini entro il 2. In tutti i casi indicati l impresa deve essere qualificata artigiana anche rispetto all organico che non deve superare certe soglie: - impresa che lavora in serie, non del tutto automatizzata: massimo 9 lavoratori, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 5, oppure 12, purché le unità aggiuntive siano apprendisti; - impresa che non lavora in serie: massimo 18 lavoratori, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 9, oppure 22, purché le unità aggiuntive siano apprendisti; - impresa di lavorazioni artistiche, tradizionali e di abbigliamento su misura: massimo 32 lavoratori, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 16; - impresa di costruzione edile: massimo 10 lavoratori, compresi gli apprendisti in numero non superiore a 5; - impresa di trasporto: massimo 8 lavoratori.

2 Commercianti Sono tenuti ad iscriversi alla gestione commercianti Inps: 1) il titolare di impresa appartenente al settore del terziario che sia in possesso dei seguenti requisiti (legge n. 160/1975; art. 1 legge n. 662/1996): - titolarità o gestione in proprio di imprese che, indipendentemente dal numero dei dipendenti, siano organizzate e/o dirette prevalentemente con il lavoro proprio e dei componenti della famiglia o dei familiari coadiutori preposti al punto vendita; - partecipazione personale al lavoro aziendale con abitualità e prevalenza; - iscrizione nell elenco speciale dei familiari coadiutori preposti al punto vendita; - piena responsabilità dell impresa e assunzione di tutti gli oneri e dei relativi rischi di gestione; - possesso delle autorizzazioni o licenze eventualmente previste dalla legge; 2) i soci amministratori di società di fatto, società in nome collettivo e gli accomandatari di società in accomandita semplice (gli accomandanti lo sono solo se coadiutori). Rientrano nell obbligo anche i soci delle società a responsabilità limitata che partecipano al lavoro della società con abitualità e prevalenza (Inps, circ , n. 215); 3) i parenti e affini entro il 3 grado che partecipano cioè al lavoro aziendale con abitualità e prevalenza rientrano nell obbligo assicurativo. Per familiari si considerano: - coniuge; - figli legittimi o legittimati; - nipoti in linea retta; - ascendenti (genitori, nonni, bisnonni); - fratelli e sorelle. Il familiare collaboratore non dipendente di impresa commerciale, turistica o dei servizi è soggetto all iscrizione alla gestione commercianti dell Inps anche in mancanza di iscrizione da parte del titolare, sempre che l attività venga svolta dal collaboratore stesso con abitualità e prevalenza (Inps, circ , n. 78). Coltivatori diretti Mezzadri e coloni Imprenditore agricolo professionale (Iap) Si tratta di proprietari, affittuari, usufruttuari, enfiteuti (coloro i quali per almeno 20 anni abbiano in godimento un fondo con l obbligo di migliorarlo dietro il pagamento di un canone), pastori e assegnatari di fondi nonché appartenenti ai rispettivi nuclei familiari che, direttamente e abitualmente, si dedicano alla coltivazione dei fondi, all allevamento del bestiame ed allo svolgimento delle attività connesse (art. 2 legge n 1047/1957; legge n. 9/1963). L attività deve essere svolta in modo prevalente (per il maggior tempo e con il maggior reddito), può avvalersi di parenti e affini entro il 4 grado e deve essere basata su un fabbisogno di lavoro dell azienda non inferiore a 104 giornate annue e che la capacità lavorativa del nucleo familiare non sia inferiore ad un terzo del fabbisogno di lavoro occorrente all azienda (Inps, msg. n. 20/2000). I mezzadri sono coloro che, in proprio o quali capi della famiglia colonica, si associano al proprietario del fondo apportando all impresa agricola soprattutto il lavoro personale e della famiglia. I coloni si differenziano dal mezzadro per l apporto parziale del lavoro nella coltivazione del fondo e non devono stabilmente risiedere nel podere della casa colonica (art. 20 legge n. 1047/1957). Anche nei predetti casi occorre la prevalenza del lavoro personale e un minimo di 120 giornate di fabbisogno lavorativo annuo. È imprenditore agricolo professionale (Iap) colui il quale, in possesso di conoscenze e competenze professionali, dedichi alle attività agricole direttamente o in qualità di socio di società, almeno il 50% del proprio tempo di lavoro complessivo e che ricavi dalle attività medesime almeno il 50% del proprio reddito globale da lavoro (Dlgs n. 99/2004). L Iap ha l obbligo di iscrizione nella gestione previdenziale ed assistenziale per l agricoltura, sia che svolga attività imprenditoriale individuale, sia che operi come socio di società di persone o di cooperative, sia che operi come amministratore di società di capitali (Inps, circ. n. 48/2006). SISTEMA PENSIONISTICO: il sistema di calcolo della pensione dei lavoratori autonomi varia a seconda dell anzianità contributiva maturata dal lavoratore al , tenendo conto che dal il calcolo diventa contributivo per tutti gli assicurati: - sistema contributivo per i lavoratori privi di anzianità contributiva all ; - sistema misto per i lavoratori con anzianità, inferiore ai 18 anni alla data del , nonché per i lavoratori con un anzianità contributiva pari o superiore a 18 anni alla data del per i quali la pensione è calcolata col sistema retributivo per le anzianità maturate fino al e col sistema contributivo per le anzianità maturate dall (art. 24 legge n. 214/2011). REQUISITI PER LA PENSIONE MATURATI FINO AL 31 DICEMBRE 2011 A seconda del momento di maturazione dei requisiti anagrafici e contributivi prima oppure dopo il 2012 cambiano i criteri di accesso alla Pensione di vecchiaia.

3 Si applicano sia per le pensioni di vecchiaia che di anzianità i requisiti indicati successivamente nei confronti dei seguenti assicurati: 1) coloro che hanno maturato i requisiti entro il ; 2) le lavoratrici autonome con almeno 35 anni di contributi e un età di almeno 58 anni (soggetta ad incremento per la speranza di vita Inps, circ. n. 35/2012) che maturano i requisiti in modo tale da fare scattare la decorrenza della pensione entro il 31 dicembre 2015; 3) lavoratori che, antecedentemente alla data del , siano stati autorizzati alla prosecuzione volontaria della contribuzione purché rientrino nel numero massimo di soggetti ammessi anno per anno dal Min. lav. in base alla cessazione del rapporto di lavoro (v. Pensione anticipata), purché i requisiti pregressi maturino in modo tale che la decorrenza della pensione avvenga entro 24 mesi dall entrata in vigore del Dl n. 201/2011 (entro il ), e gli assicurati non abbiano ripreso il lavoro dopo l autorizzazione e abbiano almeno un contributo volontario accreditato o accreditabile al (n. massimo ammesso ) (decreto interministeriale in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale). PENSIONE DI VECCHIAIA RETRIBUTIVA: i requisiti per accedere alla pensione di vecchiaia sono i seguenti: 1) età anagrafica pari a 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne. Tali limiti sono ridotti in misura analoga a quella prevista per i lavoratori dipendenti in funzione di determinate categorie di appartenenza; 2) assicurativi e contributivi pari a 20 anni a regime dal Anche in questo caso valgono le deroghe indicate nel capitolo sulla Pensione di vecchiaia dei lavoratori dipendenti. Non è richiesta, a differenza dei lavoratori dipendenti, la cessazione dell attività autonoma con la conseguenza che i predetti lavoratori possono accedere alla pensione di vecchiaia rimanendo iscritti nelle rispettive gestioni Inps. PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBUTIVA: dall , i lavoratori autonomi la cui pensione è liquidata esclusivamente con il sistema di calcolo contributivo possono accedere alla pensione di vecchiaia (art. 1 legge n. 243/2004; Inps, circ. n. 60/2008): - a 60 anni se donne, e a 65 anni, se uomini, e con una anzianità contributiva effettiva di almeno 5 anni; - a prescindere dal requisito anagrafico con un anzianità contributiva pari o superiore a 40 anni; - dall al al raggiungimento di un anzianità contributiva minima di 35 anni in concorrenza con almeno 59 anni di età; - dall al con quota 96 e un età minima di 60 anni; - dall al con quota 97 e un età minima di 61 anni; - a decorrere dall con quota 98 e un età minima di 62 anni. L accesso al pensionamento prima del compimento del 65 anno di età rimane soggetto alla condizione che l importo della pensione risultante non sia inferiore a 1,2 volte l importo dell assegno sociale. Non deve essere cessata l attività autonoma. PENSIONE DI ANZIANITÀ: i lavoratori autonomi acquisiscono il diritto a pensione con i seguenti requisiti (art. 1 legge n. 247/2007; Inps, circ. n. 60/2008): 1) dall al , il diritto alla pensione di anzianità è stato perfezionato al raggiungimento di un anzianità contributiva minima di 35 anni in concorrenza con almeno 59 anni di età; 2) dall è stato introdotto anche per i lavoratori autonomi il cd. sistema delle quote. Le quote che devono raggiungere i lavoratori autonomi, fermo restando il possesso di almeno 35 anni di anzianità contributiva, sono le seguenti: - dall al , quota 96 con un età minima di 60 anni; - dall quota 97 con un età minima di 61 anni; - a decorrere dall quota 98 con un età minima di 62 anni.

4 PENSIONE E ASPETTATIVA DI VITA: i requisiti di età sopra indicati per l accesso alla pensione di vecchiaia e anzianità (retributiva e contributiva) devono essere aggiornati ogni 3 anni in funzione dell incremento della speranza di vita accertato dall Istat (art. 22 ter legge n. 102/2009 art. 12 legge n. 122/2010 art. 1, comma 18, legge n. 111/2011). In sede di primo aggiornamento Istat dal 2011, reso noto entro il e applicabile dal 2013, non è possibile superare i 3 mesi di adeguamento e, in caso di diminuzione della speranza di vita, l aggiornamento non è effettuato. Il secondo adeguamento Istat dell indice di speranza di vita è effettuato dal 2016 con cadenza triennale. Dal 2019 l adeguamento diventa biennale. L aggiornamento per speranza di vita interessa le donne che accedono al sistema sperimentale e i prosecutori volontari ammessi tra i soggetti salvaguardati. DECORRENZA: dall fino al oppure anche successivamente per chi può maturare i requisiti con le predette regole in virtù delle deroghe introdotte dall art. 24, commi 14/15 della legge n. 214/2011, coloro i quali conseguono il diritto alla pensione a carico delle gestioni per gli artigiani, i commercianti e i coltivatori diretti nonché della gestione separata Inps, il diritto alla decorrenza della pensione di vecchiaia e anzianità sorge trascorsi 18 mesi dalla data di maturazione dei previsti requisiti anagrafici e contributivi. I trattamenti decorrono dal primo giorno del mese successivo allo scadere del citato differimento di 18 mesi (art. 12 legge n. 122/2010; Inps, circ. n. 126/2010). PROFESSIONISTI SENZA CASSA E COLLABORATORI DESTINATARI: una serie di soggetti che svolgono attività lavorativa autonoma non inquadrata in un determinata Cassa professionale, oppure attività di tipo parasubordinato, in relazione ai relativi compensi percepiti, deve iscriversi alla Gestione separata Inps (art. 2 legge n. 335/1995). L iscrizione alla Gestione separata interessa: - tutte le categorie residuali di liberi professionisti, per i quali non è prevista una specifica cassa previdenziale, compresi anche i professionisti con cassa previdenziale nel caso in cui, ai sensi del suo regolamento, l attività non sia iscrivibile: può essere il caso, ad esempio, di un ingegnere che contemporaneamente all attività professionale svolge anche attività di lavoro dipendente; - la generalità delle forme di collaborazione coordinata e continuativa, o collaborazione a progetto (art. 61 Dlgs n. 276/2003) e collaborazioni occasionali che fino ad allora non avevano mai beneficiato di alcuna disciplina specifica, né giuridica, né previdenziale; - la categoria dei venditori a domicilio (art. 36 legge n. 426/1971); - i lavoratori autonomi occasionali (prestazioni di lavoro occasionale che comportano un reddito superiore a euro annui); - gli associati in partecipazione che apportano lavoro; - i lavoratori occasionali di tipo accessorio. L iscrivibilità di tali soggetti è in linea di massima strettamente connessa con la qualificazione fiscale dei redditi che essi percepiscono rientranti nelle categorie di redditi professionali o derivanti da rapporti di collaborazione, o da associazione in partecipazione. RAPPORTI DI COLLABORAZIONE: all interno della categoria occorre distinguere: 1) collaborazioni coordinate e continuative il cui presupposto è l assenza di subordinazione, il coordinamento della prestazione col committente, la continuatività della prestazione resa nonché la preminenza del lavoro sul capitale impiegato (art. 409 c.p.c.); 2) collaborazioni a progetto: caratterizzate dai requisiti indicati al punto precedente, più la presenza di un progetto o programma concordato col committente (artt. 61 e segg. Dlgs n. 276/2003; 3) le collaborazioni occasionali (senza obbligo di progetto) il cui compenso sia però inferiore a euro con impiego per meno di 30 gironi nell arco dell anno solare con lo stesso committente, o nel settore della assistenza alla persona sia inferiore a 240 ore nell anno oltre che a euro.

5 DECORRENZA DELL OBBLIGO ASSICURATIVO: il Dm n. 166/1996 ha disposto le seguenti decorrenze per l entrata in vigore della gestione separata Inps: per i soggetti privi di tutela pensionistica alla data del (data di entrata in vigore del decreto), con obbligo di iscrizione entro il ; per i soggetti già coperti, alla data del , da contribuzione obbligatoria, figurativa o volontaria e per i pensionati diretti e indiretti, con obbligo di iscrizione entro il Dall è cessato il periodo transitorio di 5 anni durante il quale coloro che avevano più di 65 anni avevano la facoltà di non iscriversi alla gestione separata Inps. Ora la situazione per i soggetti stessi che ricevono compensi soggetti alla contribuzione Inps è la seguente, con decorrenza per coloro che sono privi di previdenza obbligatoria o non pensionati e per i pensionati o con previdenza obbligatoria (Inps, circ , n. 104): - gli ultrasessantacinquenni che iniziano l attività autonoma o parasubordinata in una delle predette date sono obbligati ad iscriversi alla gestione separata; - gli iscritti ultrasessantacinquenni che non hanno chiesto la cancellazione entro le date predette non possono più farlo se percepiscono compensi soggetti a prelievo; - gli stessi soggetti che, pur versando i contributi non hanno raggiunto il diritto a pensione, non possono chiederne il rimborso; - gli ultrasessantacinquenni che non si sono iscritti nel periodo transitorio non sono obbligati a farlo in relazione alle attività in corso; - gli ultrasessantacinquenni che si sono cancellati nel periodo transitorio non devono iscriversi in relazione alle attività in corso. PENSIONE DI VECCHIAIA CONTRIBUTIVA: nei confronti dei lavoratori iscritti alla gestione separata Inps si applicano le norme previste per coloro che si iscrivono alla previdenza obbligatoria dall , e quindi la pensione erogata è calcolata con il sistema di calcolo contributivo. Agli iscritti spetta il trattamento pensionistico di vecchiaia alle seguenti condizioni in vigore dall : - 65 anni per gli uomini e 60 per le donne e almeno 5 anni di contributi effettivi, con esclusione quindi dei periodi di accredito figurativo; - possesso di almeno 40 anni di contribuzione, indipendentemente dall età (conferma della previgente normativa) oppure almeno 35 anni di anzianità contributiva e un età pari a quella prevista per la pensione di anzianità; - vale quanto detto a pagina precedente circa l innalzamento dei predetti requisiti anagrafici in funzione dell aspettativa di vita. L accesso al pensionamento prima del compimento del 65 anno di età è soggetto alla condizione che l importo della pensione risultante non sia inferiore a 1,2 volte l importo dell assegno sociale (euro 417,30 per il 2011). Ai fini del computo dei 40 anni di contribuzione sono utili anche i contributi da riscatto dei periodi di studio per le pensioni da liquidare dall Sono invece esclusi dal computo i contributi versati a titolo di prosecuzione volontaria e la contribuzione accreditata per i periodi di lavoro precedenti il raggiungimento del 18 anno di età continua ad essere moltiplicata per 1,5 (Inps, circ. n. 60/2008). Relativamente ai soggetti assicurati alla gestione separata Inps e iscritti (al momento del pensionamento) ad altre forme pensionistiche obbligatorie, siano essi pensionati o non pensionati, si applica la disciplina in materia di requisiti per il diritto, nonché di decorrenze della pensione di vecchiaia nel sistema contributivo prevista per i lavoratori iscritti alla gestione degli esercenti attività commerciali (Inps, circ. n. 60/2008). ACCREDITO CONTRIBUTI: la contribuzione versata alla Gestione separata dai lavoratori autonomi o dai committenti in relazione a collaboratori o associati viene accreditata con le seguenti percentuali di computo (art. 1, comma 79, legge n. 247/2007):

6 - 27% con decorrenza dal 2012 per i soggetti privi di altra forma di previdenza obbligatoria; - 18% dal 2012 per coloro che sono iscritti ad altra forma di previdenza obbligatoria o sono titolari di pensione. Hanno diritto all accreditamento di tutti i contributi mensili relativi a ciascun anno solare cui si riferisce il versamento i soggetti che abbiano corrisposto un contributo di importo non inferiore a quello calcolato sul minimale di reddito per artigiani e commercianti stabilito dall art. 1, comma 3, legge n. 233/1990. In caso di contribuzione annua inferiore a tale importo, i mesi di assicurazione da accreditare sono ridotti in proporzione alla somma versata. I contributi come sopra determinati sono attribuiti temporalmente dall inizio dell anno solare fino a concorrenza di 12 mesi nell anno (art. 2, comma 29, legge n. 335/1995). Per il 2011 il minimale ART/COMM è pari ad euro ,00. Pertanto occorre distinguere (Inps, circ. n. 30/2011): - gli iscritti alla gestione separata per i quali il calcolo della contribuzione avviene con l aliquota del 17% avranno l accredito dell intero anno con un contributo annuo di euro 2.473,84; - mentre gli iscritti per i quali il calcolo della contribuzione avviene con l aliquota del 26,72% avranno l accredito dell intero anno con un contributo annuale pari ad euro 3.888,29 (di cui 3.784,00 ai fini pensionistici). Per il 2012 il minimale ART/COMM è pari ad euro ,00. Pertanto occorre distinguere (Inps, circ. n. 16/2012): - gli iscritti alla gestione separata per i quali il calcolo della contribuzione avviene con l aliquota del 18% avranno l accredito dell intero anno con un contributo annuo di euro 2.687,40; - mentre gli iscritti per i quali il calcolo della contribuzione avviene con l aliquota del 27% avranno l accredito dell intero anno con un contributo annuale pari ad euro 4.138,60 (di cui 4.031,10 ai fini pensionistici). DECORRENZA DELLA PENSIONE: dall , per coloro i quali conseguono il diritto alla pensione a carico della gestione separata Inps, il diritto alla decorrenza della pensione di vecchiaia sorge trascorsi 18 mesi dalla data di maturazione dei previsti requisiti anagrafici e contributivi. I trattamenti decorrono dal primo giorno del mese successivo allo scadere del citato differimento di 18 mesi (art. 12 legge n. 122/2010; Inps, circ. n. 126/2010). REQUISITI PER LA PENSIONE DI VECCHIAIA MATURATI DAL 1 GENNAIO 2012 REQUISITI: per i lavoratori e le lavoratrici iscritti alle predette gestioni dei lavoratori autonomi la pensione di vecchiaia si può conseguire dal 2012 all età in cui operano i requisiti minimi previsti di seguito (art. 24, comma 4, legge n. 214/2011): 1) età anagrafica minima variabile in base alla categoria e al sesso, come indicato nella Tabella successiva tenendo conto che nel 2012 essa risulta pari a: lavoratori: 66 anni; lavoratrici: 63 anni e 6 mesi; 2) anzianità contributiva di almeno 20 anni; 3) importo minimo della pensione per i lavoratori con riferimento ai quali il primo accredito contributivo decorre successivamente al 1 o gennaio 1996 (lavoratori la cui pensione è calcolata interamente col sistema contributivo), occorre che l importo della pensione risulti non inferiore a 1,5 volte l importo dell assegno sociale rivalutato in base alla media quinquennale del Pil. Si prescinde dal predetto requisito di importo minimo se l assicurato è in possesso di un età anagrafica pari a 70 anni, ferma restando un anzianità contributiva minima effettiva di cinque anni. Il requisito di 70 anni è soggetto all incremento in funzione della speranza di vita ( Inps, circ. n. 35/2012). SPERANZA DI VITA: i requisiti di età per l accesso alla pensione di vecchiaia (nonché di anzianità

7 o per l assegno sociale) devono essere aggiornati ogni 3 anni in funzione dell incremento della speranza di vita accertato dall Istat (art. 22 ter legge n. 102/2009 art. 12 legge n. 122/2010 art. 18 legge n. 111/2011). In sede di primo aggiornamento Istat entro il e applicabile dal 2013, non è possibile superare i 3 mesi di adeguamento e, in caso di diminuzione della speranza di vita, l aggiornamento non è effettuato. Il secondo adeguamento Istat dell indice di speranza di vita è effettuato ogni tre anni e dal 2019 con cadenza biennale. L adeguamento non opera nei confronti dei lavoratori per i quali viene meno il titolo abilitante allo svolgimento della specifica attività lavorativa per raggiungere il limite di età pensionabile. In funzione del dato accertato dall Istat la proiezione dell età pensionabile in funzione dell incremento della speranza di vita e degli adeguamenti introdotti dall art. 24 legge n. 214/2011 fino al 2021 è la seguente e il pareggio dei requisiti di età tra tutti sarà raggiunto nel 2018: Anno Lavoratori autonomi Lavoratrici autonome e 6 mesi e 3 mesi 63 e 9 mesi e 3 mesi 64 e 9 mesi mesi 64 e 9 mesi e 7 mesi 66 e 1 mese e 7 mesi 66 e 1 mese e 7 mesi 66 e 7 mesi e 11 mesi 66 e 11 mesi e 11 mesi 66 e 11 mesi e 2 mesi 67 e 2 mesi I requisiti anagrafici per l accesso alla pensione di vecchiaia devono essere tali da garantire un età minima di accesso al trattamento pensionistico non inferiore a 67 anni per i soggetti, in possesso dei predetti requisiti, che maturano il diritto alla prima decorrenza utile del pensionamento dall anno Qualora, per effetto degli adeguamenti dei predetti requisiti agli incrementi della speranza di vita la predetta età minima di accesso non fosse assicurata, sono ulteriormente incrementati gli stessi requisiti, al fine di garantire un età minima di accesso al trattamento pensionistico comunque non inferiore a 67 anni. DECORRENZA: la pensione di vecchiaia decorre dal mese successivo a quello di maturazione dei requisiti. REQUISITI PER LA PENSIONE ANTICIPATA MATURATI DAL 1 GENNAIO 2012 REQUISITI: la pensione anticipata sostituisce quella di anzianità e dal 2012 spetta in presenza delle seguenti condizioni agli iscritti in tutti i regimi previdenziali obbligatori compreso gli iscritti alla gestione separata Inps che abbiano un età inferiore ai limiti di età per avere diritto alla pensione di vecchiaia ( art. 24, commi 10/11, legge n. 214/2011): dal 2012 almeno 42 anni e 1 mese per gli uomini e 41 e 1 mese per le donne; dal 2013 almeno 42 anni e 2 mesi per gli uomini e 41 e 2 mesi per le donne; dal 2014 almeno 42 anni e 3 mesi per gli uomini e 41 e 3 mesi per le donne. Con riferimento a coloro che accedono al pensionamento anticipato e il cui trattamento risulta liquidato con il sistema misto sulla quota di trattamento relativa alle anzianità contributive maturate antecedentemente al 1 gennaio 2012 è applicata una riduzione percentuale pari a 1% per ogni anno di anticipo nell accesso al pensionamento rispetto all età di 62 anni; tale percentuale annua è elevata al 2% per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni. Nel caso in cui l età al pensionamento non sia intera la riduzione percentuale è proporzionale al numero di mesi. La riduzione della pensione per gli assicurati che maturano l anzianità contributiva massima con un età però inferiore a 62 anni, non trova applicazione, limitatamente ai soggetti che maturano il previsto requisito di anzianità contributiva entro

8 il 31 dicembre 2017, qualora l anzianità contributiva prevista derivi esclusivamente da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, per l assolvimento degli obblighi di leva, per infortunio, per malattia e di cassa integrazione guadagni ordinaria (art. 6, comma 2 quater, legge n. 14/2012). Il requisito dell anzianità contributiva varia in funzione della speranza di vita e per i prossimi anni la proiezioni Istat è la seguente: Anno Lavoratori autonomi Lavoratrici donne anni e 1 mese 41 anni e 1 mese anni e 5 mesi 41 anni e 5 mesi anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi anni e 6 mesi 41 anni e 6 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi Anno Lavoratori autonomi Lavoratrici donne anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi anni e 10 mesi 41 anni e 10 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi anni e 2 mesi 42 anni e 2 mesi anni e 5 mesi 42 anni e 5 mesi Per i lavoratori che hanno effettuato il primo accredito contributivo successivamente al 1 gennaio 1996 (interessati al sistema contributivo) il diritto alla pensione anticipata, previa risoluzione del rapporto di lavoro, può essere conseguito non solo ricorrendo ai requisiti indicati in precedenza ma, altresì, al compimento del requisito anagrafico di 63 anni (soggetto ad incremento per la speranza di vita Inps, circ. n. 35/2012), a condizione che: risultino versati e accreditati in favore dell assicurato almeno 20 anni di contribuzione effettiva; l ammontare mensile della prima rata di pensione risulti essere non inferiore ad un importo soglia mensile pari per l anno 2012 a 2,8 volte l importo mensile dell assegno sociale, che verrà annualmente rivalutato sulla base della variazione media quinquennale del prodotto interno lordo (Pil) nominale, appositamente calcolata dall Istat, con riferimento al quinquennio precedente l anno da rivalutare. Il predetto importo soglia mensile non può in ogni caso essere inferiore, per un dato anno, a 2,8 volte l importo mensile dell assegno sociale.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA

PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA PRESTAZIONI PENSIONISTICHE NELL AMBITO DELLA GESTIONE SEPARATA La Gestione separata (G.S.) è una gestione pensionistica separata di nome e di fatto. Infatti la contribuzione ivi versata viene accreditata

Dettagli

IL SISTEMA PENSIONISTICO

IL SISTEMA PENSIONISTICO IL SISTEMA PENSIONISTICO LA CONTRIBUZIONE PREVIDENZIALE : CONTRIBUZIONE, FONDO PENSIONE LAVORATORI DIPENDENTI IL SISTEMA PENSIONISTICO ITALIANO Il cardine della tutela previdenziale riguarda la soddisfazione

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI

Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI Roma, marzo 2012 GUIDA PRATICA AI REQUISITI DI PENSIONABILITÁ Indice Inquadramento previdenziale dipendenti Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane Nuovi riferimenti normativi Pensione di vecchiaia: requisiti

Dettagli

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE

Speciale PENSIONI 1 PREMESSA 2 IL SISTEMA PREVIDENZIALE Speciale PENSIONI 1 PREMESSA In ITALIA, il sistema pensionistico pubblico, è fondato sul principio della ripartizione e della solidarietà intergenerazionale: i contributi che i lavoratori e le aziende

Dettagli

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps

pari o inferiori a tre volte il T.M. Inps superiori a tre volte il T.M Inps e pari o inferiori a quattro volte il trattamento minimo Inps Novità introdotte dalla Legge n 147/13 in materia previdenziale e assistenziale Per il triennio 2014-2016 la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall

Dettagli

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS

NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS NUOVA RIFORMA PENSIONISTICA Istruzioni INPS L' INPS ha fornito chiarimenti in merito alla nuova riforma pensionistica, introdotta con il cosiddetto decreto-legge salva Italia e modificata dal Milleproroghe,

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo

Prefettura RIMINI 10/03/2015. L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo Prefettura RIMINI 10/03/2015 L evoluzione del sistema previdenziale: il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo 1919 Nascita della tutela obbligatoria per i lavoratori dipendenti L Istituto

Dettagli

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma.

Costo del lavoro. La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma. Costo del lavoro Esempi di calcolo La contribuzione da lavoro autonomo aconfronto Andrea Costa - Dottore commercialista e Revisore legale in Roma Ai sensi dell art. 2222 c.c. è lavoratore autonomo colui

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO

LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO LA PENSIONE DI VECCHIAIA E DI ANZIANITA' PRIMA E DOPO LA RIFORMA FORNERO Negli ultimi anni nel nostro Paese si sono susseguite varie riforme che già soddisfacevano le richieste dell'unione Europea di avere

Dettagli

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI

Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI Riforma Monti - Legge 22 dicembre 2011 n 214 Disposizioni urgenti per la crescita, l'equità e il consolidamento dei conti pubblici SCHEDA DI ANALISI PRO-RATA CONTRIBUTIVO A decorrere dal 1 gennaio 2012,

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive

Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le pensioni dei dipendenti pubblici: novità e prospettive Le linee guida delle riforme Il sistema pensionistico pubblico, a ripartizione, subisce l influenza dei seguenti fenomeni: - variazione nel rapporto

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE

ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E DI ASSISTENZA PER I LAVORATORI DELLO SPETTACOLO DIREZIONE GENERALE Enpals: le pensioni di anzianità e vecchiaia dal 2008 (Enpals, Circolare 15.2.2008 n. 1) Modifiche alla legge 23.8.2004 n. 243 introdotte dalla legge 24.12.2007 n.247 recante Norme di attuazione del protocollo

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c.

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI. e, p.c. Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Prestazioni e Contributi Direzione Prestazioni Previdenziali MESSAGGIO N. 1 DEL 15/02/2008

Dettagli

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE

LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE LEGGE 214/2011 NUOVE DISPOSIZIONI IN TEMA PREVIDENZIALE MODIFICHE PRINCIPALI PENSIONI DI VECCHIAIA Nuovi requisiti amministrativi, di età per l accesso al pensionamento e nuovi sistemi di calcolo PENSIONE

Dettagli

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007

B) Legge n. 243 del 2004 come integrata e modificata dall articolo 1, commi 1 e 2, della legge n. 247 del 2007 Allegato 4 Riepilogo disposizioni vigenti in materia di requisiti e di acceso ai trattamenti pensionistici anteriormente alla data di entrata in vigore del decreto legge n. 201 del 2011, convertito dalla

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI IL SISTEMA CONTRIBUTIVO DEGLI AGRICOLTORI Coltivatori diretti e Iap (Imprenditori agricoli professionali) pagano i contributi previdenziali in base alla fascia di reddito agrario in cui è inquadrata l

Dettagli

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP

I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico. ex INPDAP I trattamenti pensionistici nel sistema previdenziale pubblico ex INPDAP dicembre 2012 I SISTEMI PREVIDENZIALI Definizione Per Sistema Previdenziale intendiamo l'insieme delle regole che disciplinano il

Dettagli

Requisiti Ammontare del contributo

Requisiti Ammontare del contributo 1 Requisiti Rapporto professionale con il Servizio Sanitario Nazionale (o altri Istituti) in qualità di Medici di Medicina Generale, Pediatri di libera scelta ed addetti ai servizi di continuità assistenziale

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta

IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta a cura di Enzo Mologni e dell Uffi cio Comunicazione CGIL di Bergamo 4 Ottobre 2013 IN PENSIONE Come si calcola, quando se ne ha diritto, a quanto ammonta Presentiamo in questo numero alcune informazioni

Dettagli

APPUNTI DI PREVIDENZA

APPUNTI DI PREVIDENZA Unione Italiana Lavoratori della COMunicazione Segreteria Provinciale e Regionale Via Alessandria, 21 10152 Torino tel. 011.232188 Fax 011.232176 Posta elettronica : uilcomunicazione@uilcomunicazione.net

Dettagli

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani

La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti. Dott. Massimo Brisciani La previdenza obbligatoria dei lavoratori dipendenti Dott. Massimo Brisciani Requisiti di accesso alla pensione di vecchiaia art. 2 D.Lgs. 503/1992 Si acquisisce il diritto alla pensione al compimento

Dettagli

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI

TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI TOTALIZZAZIONE: NORME GENERALI A chi si rivolge La totalizzazione può essere esercitata dai soggetti iscritti a due o più forme di previdenza obbligatoria. Requisiti Pensione di vecchiaia: occorre avere

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale

INPS Direzione Centrale Pensioni. a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale INPS Direzione Centrale Pensioni a cura dell Area Normativa e Contenzioso Amministrativo Pensioni in Regime Generale 1 Riforma Pensioni 2012 DL 6 dicembre 2011, n. 201 Articolo 24 convertito dalla legge

Dettagli

DIREZIONE PRESTAZIONI

DIREZIONE PRESTAZIONI DIREZIONE PRESTAZIONI Regolamento di disciplina del Regime Previdenziale (Deliberazione dell AdD del 27-28/11/2003) (D.I. 14 luglio 2004) La svolta del sistema previdenziale: come cambiano le prestazioni

Dettagli

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata

Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Le Gestioni degli Artigiani e dei Commercianti, la Gestione Separata Quadro giuridico di riferimento Livello di contribuzione Calcolo della prestazione (retributivo, misto e contributivo) Esempi di calcolo

Dettagli

Come sono cambiate le regole sulle pensioni

Come sono cambiate le regole sulle pensioni Foglio Informativo Anno 2012 - Numero 1 9 febbraio 2012 Newsletter per i soci Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125 00198 Roma - Tel. 0683057422 Fax 0683057440 http://www.anse-enel.it

Dettagli

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI

REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA ENPAPI Approvato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze in data 29 marzo 2013 REGOLAMENTO DI PREVIDENZA E ASSISTENZA DELLA GESTIONE SEPARATA

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

I lavoratori salvaguardati

I lavoratori salvaguardati Lavoratrici e lavoratori che possono accedere a pensione sulla base dei requisiti vigenti prima dell entrata in vigore del d.l. n. 201/2011 del 6.12.2011 anche se maturati dopo il 31.12.2011 1 Conservano

Dettagli

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015

MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 MEMORIA AIVITER. Aggiornamento al 30 maggio 2015 PENSIONAMENTI ANTICIPATI (ex pensioni anzianità) per il triennio 2015-2017 senza penalizzazione. Computo più favorevole della anzianità contributiva minima

Dettagli

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO

LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO LA RIFORMA DELLE PENSIONI: ISTRUZIONI PER L'USO D.L. 201/2011 Il D.L. 201/2011, convertito nella L. 214/2011 (nota come Riforma delle pensioni), ha modificato in modo radicale il sistema previdenziale

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014

Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014 Circolare N.25 del 18 Febbraio 2014 Gestione separata, artigiani e commercianti. Le aliquote da applicare per il 2014 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la pubblicazione delle

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014

Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS Massimale per il 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 10 1 MARZO 2014 Aliquote contributive dei lavoratori iscritti alla gestione separata INPS

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria

Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria Glossario Dei Termini Previdenziali: La Previdenza Obbligatoria www.logicaprevidenziale.it A Adeguamento della pensione: Rivalutazione annuale delle pensioni in essere in base all aumento del costo della

Dettagli

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335

RIFORMA DINI. Legge 08 agosto 1995 n. 335 RIFORMA DINI Legge 08 agosto 1995 n. 335 La legge 335/95 ha previsto tre distinti sistemi per la determinazione delle pensioni: Sistema contributivo per neoassunti dall 1 gennaio 1996 e per coloro che

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Sindacato Autonomo Bancari di Mantova e provincia Via Imre Nagy 58 - Località Borgochiesanuova - 46100 Mantova Telefono 0376-366221 - 324660-365274 Fax 0376-365287

Dettagli

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale

Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Nuove pensioni: l Inps spiega requisiti e finestre di accesso Aldo Forte Esperto in materia previdenziale Con circolare 15 maggio 2008, n. 60, l Inps detta le istruzioni per l accesso al pensionamento

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO

IL SISTEMA CONTRIBUTIVO IL SISTEMA CONTRIBUTIVO M I L A N O, 1 8 M A G G I O 2 0 1 3 D O T T. F I L I P P O B O N A N N I I N P S - D I R E Z I O N E C E N T R A L E P E N S I O N I 1 SISTEMA CONTRIBUTIVO Nell Ordinamento previdenziale

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER DICEMBRE 2012 PENSIONI 2013 PUBBLICATO IN GAZZETTA UFFICIALE IL DECRETO PER LA PEREQUAZIONE AUTOMATICA DELLE PENSIONI 2012 E 2013 La perequazione automatica - o rivalutazione

Dettagli

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati

Servizio Prestazioni. FONDAZIONE ENASARCO: tutti i diritti riservati 1 PRESTAZIONI INTEGRATIVE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI PENSIONE ai SUPERSTITI Gestione INDENNITÀ di SCIOGLIMENTO del RAPPORTO di AGENZIA PENSIONE di VECCHIAIA PENSIONE di INVALIDITÀ PENSIONE di INABILITÀ

Dettagli

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione.

Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. Confprofessionilavoro pubblica una tabella con gli incentivi - attualmente in vigore - in materia di assunzione. INCENTIVO DESTINATARI Giovani (l.99/2013) L incentivo è pari: -ad 1/3 della retribuzione

Dettagli

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA

1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI 1 - TIPOLOGIE DI LAVORATORI E CRITERI DI AMMISSIONE ALLA SALVAGUARDIA Lavoratori di cui all art. 1, comma 194, Legge 147/13 a) Lavoratori

Dettagli

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI.

CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. CIRCOLARE L.114 ISTRUZIONI OPERATIVE DELLA NUOVA NASPI. Con la Circolare 94/2015, pubblicata lo scorso 12 Maggio 2015, l INPS, dopo una lunga attesa ha reso note le istruzioni definitive per la presentazione

Dettagli

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA )

LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) LA NUOVA PENSIONE ANTICIPATA (GIA PENSIONE DI ANZIANITA ) L attuale Governo Monti ha iniziato il suo operato indicando tre parole d ordine: rigore, crescita ed equità. Ad oggi però è stato applicato ampiamente

Dettagli

I lavoratori autonomi in agricoltura

I lavoratori autonomi in agricoltura L I Premessa Chi sono Da alcuni anni è stata riconosciuta una più ampia tutela previdenziale a coloro che svolgono l attività autonoma in agricoltura. In questa guida sono contenute tutte le informazioni

Dettagli

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza

Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Presente e futuro del sistema previdenziale italiano nel tempo dell incertezza Pollenzo 20 Aprile 2012 Luca Valdameri Riferimenti normativi Riforma Amato (decreto legislativo 503/1992 e decreto legislativo

Dettagli

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014.

NURSIND SEGRETERIA NAZIONALE. Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. Prot. SN-06 del 04/02/2014 Alla Cortese attenzione del Segretari provinciali Oggetto: Servizio previdenziale: pensionamento dei pubblici dipendenti nel 2014. La riforma Fornero (legge n. 204 del 22.12.2011)

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI

RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI RIFORMA DELLE PENSIONI I POSSIBILI SCENARI Si sintetizzano, nelle schede che seguono, gli effetti che, in materia di pensionamento e di trattamento pensionistico, si avranno qualora dovessero essere approvate

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA

PENSIONI: SINTESI DELLA DISCIPLINA Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 29/03/2011. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima

Requisito contributivo minimo di almeno 35 anni. Lavoratori dipendenti Lavoratori autonomi. Età anagrafica minima Sistema retributivo = anzianità pari o superiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema misto = anzianità inferiore a 18 anni al 31/12/1995 Sistema contributivo = chi inizia per la prima volta a lavorare dal

Dettagli

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991)

LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) LÊINDENNITAÊ DI MOBILITAÊ (Legge n 223 del 23/07/1991) CHI HA DIRITTO AD ESSERE INSERITO NELLE LISTE DI MOBILITA : 1) CON INDENNITA DI MOBILITA : a) Gli operai, impiegati e quadri dipendenti da imprese

Dettagli

La pensione di anzianità

La pensione di anzianità La pensione di anzianità AI LETTORI Che cosa è la pensione di anzianità? Al verificarsi di quali condizioni il lavoratore può richiedere tale prestazione? Che cosa sono le finestre? A queste ed a numerose

Dettagli

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno

Circolare N.86 del 8 Giugno 2011. Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Circolare N.86 del 8 Giugno 2011 Contributi volontari 2011. La prima scadenza è al 30 giugno Contributi volontari 2011: la prima scadenza è al 30 giugno Gentile cliente, con la presente desideriamo ricordarle

Dettagli

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo

Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Legge 228/2012 Disposizioni in materia di cumulo Abrogazione legge 322/58 in particolari situazioni Cumulo periodi contributivi per pensione Vecchiaia Reversibilità Inabilità Corso agenti sociali FNP CISL

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 56 del 14 Aprile 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata: modifica delle aliquote contributive anno 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

La riforma della previdenza della CNPR

La riforma della previdenza della CNPR La riforma della previdenza della CNPR La riforma del sistema previdenziale: le cause Il decreto c.d. "Salva Italia", convertito con legge n. 214 del 2011, ha imposto nuovi obiettivi di stabilità economico-finanziaria,

Dettagli

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue:

Gli aumenti provvisori per il costo della vita da applicare alle pensioni dall 1/1/2007 vengono, quindi, determinati come segue: Le pensioni nel 2007 Gli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps, con particolare riferimento al fondo pensioni lavoratori dipendenti Tetto di retribuzione pensionabile Il tetto

Dettagli

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Numero 62 Settembre 2013 TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Torna, con molte novità e senza oneri per lo Stato, il cosiddetto prepensionamento ovvero quella forma di ammortizzatore sociale

Dettagli

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA

1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1 - LAVORATORI DIPENDENTI - REQUISITI E DECORRENZA DELLA PENSIONE DI VECCHIAIA 1.1.1 - Nel sistema di calcolo retributivo e misto (legge 23.12.1994, n. 724, art. 11, comma 1; D.lgs. 30.12.1992 n. 503,

Dettagli

B. Pensione anticipata

B. Pensione anticipata 286 LAV. DIP.: PENSIONI Q Ed. Ipsoa - Francis Lefebvre Il lavoratore può scegliere tra due possibilità: aumentare l importo della pensione, che viene calcolata sulla base del coefficiente di trasformazione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 09/09/2011 Direzione Centrale Pensioni Roma, 09/09/2011 Circolare n. 116 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e

Direzione centrale delle Prestazioni. Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e Direzione centrale delle Prestazioni Roma, 15 Maggio 2008 Circolare n. 60 Allegati n. 4 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei

Dettagli

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA

A cura dello SPI CGIL di SIENA SIENA A cura dello SPI CGIL di INDICE 1. CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 2. CONTRIBUZIONE 3. PEREQUAZIONE CAMBIANO I REQUISITI DI ACCESSO ALLA PENSIONE DAL 2012 Introduzione del pro-rata

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95)

L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) L EMISSIONE DEGLI ESTRATTI CONTO CONTRIBUTIVI PER GLI ISCRITTI ALLA GESTOINE SEPARATA INPS (ART. 2 DELLA LEGGE 335/95) Caratteristiche dei destinatari degli estratti L'emissione dell'estratto conto nei

Dettagli

Pensione di vecchiaia: dal 2016 nuovi requisiti anagrafici

Pensione di vecchiaia: dal 2016 nuovi requisiti anagrafici Pensione di vecchiaia: dal nuovi requisiti anagrafici Con il aumentano i requisiti per l accesso alla pensione. Infatti, tenendo conto degli adeguamenti alle speranze di vita, i requisiti dovranno essere

Dettagli

Cenni sulle pensioni.

Cenni sulle pensioni. Cenni sulle pensioni. Di seguito una sintesi della normativa in vigore dal 1 gennaio 2012 e dei requisiti dal 1 gennaio 2014. assistenza.previdenza@fisac.it 1 Pensioni dal 1 gennaio 2012 A partire dal

Dettagli

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE

SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE Welfare news n. 48 novembre 2013 SPECIALE PENSIONI: HANDICAP, DONAZIONE SANGUE I recentissimi interventi legislativi: DLGS 101 e 102 del 31/8/2013 hanno apportato alcuni correttivi di salvaguardia per

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI PER I LAVORATORI DIPENDENTI COSA SONO I versamenti volontari hanno lo scopo di consentire ai lavoratori che hanno cessato l'attività di aumentare il numero

Dettagli

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro

OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro LINEA DI PRODOTTO PREVIDENZA PA OGGETTO: disegno di legge in materia di riforma del mercato del lavoro Nei giorni scorsi è stato varato dal Governo il disegno di legge recante disposizioni in materia di

Dettagli

LAVORATORI AUTONOMI AGRICOLI

LAVORATORI AUTONOMI AGRICOLI LAVORATORI AUTONOMI AGRICOLI L ASSICURAZIONE PER I COLTIVATORI DIRETTI, COLONI E MEZZANI I coltivatori diretti e i coloni con legge 22 novembre 1954 n. 1136 vengono riconosciuti, sul piano giuridico, come

Dettagli

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra

LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. Riforma Fornero pone l'italia fra LE PENSIONI Il sistema pensionistico italiano è quotidianamente oggetto di dibattito perché se da un lato la c.d. "Riforma Fornero" pone l'italia fra i Paesi più avanzati sotto il profilo della sostenibilità

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184.

DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. DECRETO LEGISLATIVO 30 aprile 1997, n. 184. Attuazione della delega conferita dall'articolo 1, comma 39, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in materia di ricongiunzione, di riscatto e di prosecuzione volontaria

Dettagli

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI)

DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ISTITUTO TUTELA ASSISTENZA COMMERCIO TURISMO E SERVIZI CONFESERCENTI DISCIPLINA NUOVA PRESTAZIONE DI ASSISTENZA SOCIALE PER L IMPIEGO (NASPI) ART. 1 - NASPI A decorrere dal 1 Maggio 2015 è istituita una

Dettagli

LAVORATORI PARASUBORDINATI

LAVORATORI PARASUBORDINATI LAVORATORI PARASUBORDINATI 1.1 INDENNITÀ UNA TANTUM A FINE CONTRATTO Anche per il 2013 è stata prevista una indennità una tantum. Per quanti termineranno il contratto nel 2013, i requisiti per l accesso

Dettagli

Nuovi requisiti sulla pensione di anzianità per lavoratori dipendenti nel sistema retributivo

Nuovi requisiti sulla pensione di anzianità per lavoratori dipendenti nel sistema retributivo 19-5-2008 Le nuove regole per la pensione di anzianità e vecchiaia Circolare INPS n. 60 del 15 maggio 2008 a cura di METELLO CAVALLO L INPS ha diramato la circolare che illustra in modo definitivo le nuove

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale

Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Messaggio numero 8881 del 19-11-2014 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Roma, 19-11-2014

Dettagli