WDM & Metro Optical Networking

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WDM & Metro Optical Networking"

Transcript

1 Il logo del Convegno WDM & Metro Optical Networking che si é tenuto a Cannes (Francia). WDM & Metro Optical Networking Cannes (Canada) 29 Giugno - 2 Luglio 2004 Gastone Bonaventura, Piergiorgio Pagnan. 1. Introduzione Dal 29 giugno al 2 luglio si è tenuto a Cannes il Convegno WDM & Metro Optical Networking, giunto ormai alla sua ottava edizione. Il Convegno, organizzato da IIR Telecoms & Technology ha visto la partecipazione di oltre 200 delegati provenienti soprattutto dall Europa e dal Medio Oriente. Numerosi sono stati gli speaker del Nord America. 2. L evoluzione delle reti backbone Le memorie presentate su questo argomento hanno esaminato le varie tappe della evoluzione delle reti dorsali: la rete SDH (Synchronous Digital Hierarchy), la OTN (Optical Transport Network), la ASON (Automatic Switched Transport Network) e la AON (All Optical Network). 2.1 La rete SDH Della rete SDH sono stati illustrati i nuovi standard che ne hanno completato le funzionalità portandola ad una terza generazione. In particolare si è parlato di GFP (Generic Frame Procedure) e LCAS (Link Capacity Adjustment Scheme), che hanno l obiettivo di definire le regole per il mappaggio di nuovi segnali cliente. GFP permette di mappare segnali cliente ad elevata velocità nei payload SDH; LCAS permette di ottimizzare lo sfruttamento della capacità disponibile nel payload per la trasmissione di segnali a burst, come sono tipicamente i segnali IP. Questi nuovi standard si sono aggiunti a quelli, ben noti, riguardanti le funzionalità di struttura, di gestione e di protezione. La completezza e la stabilità degli standard costituiscono uno dei punti di forza dell SDH in quanto assicurano anche la interconnessione, sia dal punto di vista della trasmissione che della gestione, di apparati provenienti da fornitori diversi. 2.2 La OTN Uno dei punti di forza dell Optical Transport Network, che costituisce la presente alternativa all SDH per le reti di lunga distanza, è quello di essere adatto a trasmettere segnali cliente a 2,5, 10 e 40 Gbit/s in modo trasparente e cioè senza alterarne in alcun modo il contenuto. Si veda a tale proposito La rete di trasporto ottico (OTN): stato dell arte e prospettive evolutive ; Notiziario Tecnico, maggio Infine, con l aumentare della capacità delle reti di trasporto, soprattutto nel segmento backbone, una struttura di rete basata su canali ottici di grande capacità consente di ridurre il numero dei transiti e quindi degli apparati, degli ingombri e dei consumi necessari. Anche gli standard per l OTN sono stati di recente completati (ITU-T G.709, G.789, G.808.1, G.873.1, G.873.2). Questo non toglie che la facilità di interconnessione di apparati forniti da venditori differenti, soprattutto dal punto di vista gestionale, non sia ancora pari a quella degli apparti SDH. 2.3 Dalla SDH alla OTN Sulla base di queste considerazioni è stata confermata, durante i vari interventi, l opinione che una transizione dalla rete SDH alla rete OTN, almeno per la porzione di rete di lunga distanza, è ormai scontata (anche nella rete di Telecom Italia questa evoluzione è già iniziata). Tuttavia è altrettanto scontato che questa transizione richiederà tempi lunghi e che, quindi, per un lungo periodo di tempo le due tecnologie saranno destinate a coesistere. Tra le problematiche della transizione da SDH a OTN sono state citate la filosofia di introduzione dell OTN (collegamenti punto-punto, isole NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

2 Un suggestivo tramonto sul porto di Cannes. chiuse, solo quando la capacità esistente è satura, ) e le modalità di interconnessione tra le due reti. A proposito di quest ultimo aspetto, si è parlato del trasferimento degli allarmi tra le due reti e dell opportunità o meno di impiegare delle interfacce ad hoc (modem) per trasportare i flussi OTN sulla rete SDH rendendo quindi più agevole l integrazione dei due mondi. 2.5 La ASON (figura 1) e diversi Operatori hanno già iniziato le prime sperimentazioni in campo. Su questo argomento, anche Telecom Italia ha presentato a Cannes un articolo con la descrizione della prima sezione di rete A- SON (costituita da 27 nodi distribuiti sul territorio nazionale) che è appena entrata in servizio. L articolo ha messo in evidenza le caratteristiche dei nodi ODXC (Optical Digital Cross Connect) impiegati, lo schema di realizzazione del Piano di Controllo e di criteri per le future evoluzioni. Al riguardo sono state evidenziate le problematiche relative alla gestibilità da parte del Piano di Controllo di apparati di fornitori differenti. Allo stato attuale è necessaria, infatti, la realizzazione di Piani di Controllo specifici per gli apparati di rete di ogni venditore, mentre l interlavoro tra i diversi Piani di controllo resta ancora un problema da risolvere. Un altro argomento trattato più volte è stato l evoluzione da una OTN puramente trasmissiva ad una OTN intelligente (ASON nella terminologia ITU-T), mediante l introduzione di un Piano di Controllo, basato sui protocolli di routing e di segnalazione della suite GPLS (Generalised MultiProtocol Label Switching). Anche per questa transizione non ci sono state voci dissenzienti: i vantaggi sono tali che tutti gli speaker hanno detto che si dovrà fare, anche se con le dovute cautele, come sempre accade per tecnologie nuove. Le nuove funzionalità che possono essere ottenute da una struttura ASON (Automatic Switched Optical Network) sono illustrate nell articolo Phoenix: la nuova rete di trasporto nazionale pubblicato in questo stesso numero del Notiziario Tecnico. Gli standard per la ASON sono stati ormai praticamente completati in ITU-T Cliente Operatore A Dominio singolo Reti pubbliche Customer Equipment External-Network Node Interface Internal-Network Node Interface Optical Cross Connect User-Network Node Interface Operatore B Dominio singolo FIGURA 1 Interfacce standard ASON secondo la raccomandazione ITU-T G Cliente Operatore C Domini separati 164 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

3 2.6 La AON Anche l evoluzione dalla OTN / ASON alla Rete Tutta Ottica (AON) è stata trattata in diverse presentazioni e sono state messe in rilievo tutte le difficoltà che, allo stato attuale, una tale transizione comporta. I permutatori fotonici PXC (Photonic Cross-Connect), atti a commutare lunghezze d onda, che dovrebbero affiancare gli ODXC, non hanno ancora caratteristiche tali da essere inseriti in rete in termini di affidabilità, ingombri, consumi, e costi. La disponibilità di sistemi DWDM (Digital Wavelenght Division Multiplexing) su fibra ottica, capaci di superare grandi distanze (2000 km e più) senza rigenerazione e- lettrica del segnale ottico, sembrerebbe una cosa fatta sulla base di quanto si legge sulla letteratura tecnica. In realtà ci sono ancora molti aspetti da approfondire al livello fisico, quali, ad esempio, come tenere in considerazione i margini necessari agli Operatori per gestire la rete, la presenza di sezioni di amplificazione di lunghezza anche molto diversa da quella nominale, la stabilità nel tempo dei processi di equalizzazione, di regolazione dei livelli e di compensazione delle dispersioni. Non ultimo in ordine di importanza, c è il problema di definire e realizzare un sistema affidabile di monitoraggio ottico di questi sistemi, per i quali si ha un accumulo delle degradazioni per qualche migliaio di chilometri senza possibilità di controllo con i metodi di monitoraggio tradizionali, che operano al livello e- lettrico. Una memoria di Telecom Italia è stata dedicata a questo problema del monitoraggio ottico, ed ha descritto i requisiti, gli obiettivi e le modalità di controllo necessari per un o- peratore. È appena iniziato il lavoro di preparazione degli standard per le Reti Tutte Ottiche necessari, in particolare, anche per interconnettere al livello ottico sistemi DWDM nonchè sistemi DWDM e PXC di differenti venditori. Nonostante tutti questi punti ancora allo studio, la transizione da una OTN ad una AON è di grande interesse per gli operatori perchè renderebbe possibile l eliminazione di tutte, o quasi, le conversioni O/E/O all interno della rete dorsale, conversioni che attualmente sono presenti in migliaia di unità e che rappresentano una quota consistente del costo della rete stessa. È quindi ben comprensibile che o- peratori e manifatturieri discutano dell argomento anche se con l obiettivo di vederlo diventare una realtà non prima di 4-5 anni. 3. L evoluzione delle reti metropolitane Le memorie presentate a Cannes hanno trattato molti aspetti delle reti metropolitane. Nel seguito si riferisce su quanto detto a proposito del trasporto di Ethernet e degli apparati WDM. 3.1 Il trasporto di Ethernet CONFERENZE Se una identità di vedute si è verificata sul fatto che le tecnologie unificanti saranno IP/MPLS per il livello 3 e Ethernet per il livello 2, pareri diversi sono stati invece e- spressi sulle modalità di trasmissione delle trame Ethernet. Il tema del trasporto di Ethernet è stato trattato in diverse presentazioni e sono state le prese in esame tre differenti modalità. La prima modalità è quella tradizionale dei circuiti affittati, che però, mancando una condivisione delle risorse, è limitata in termini di flessibilità e buona utilizzazione della banda. La seconda modalità presa in e- same è il GFP che consente: utilizzare la rete SDH esistente; introdurre nuovi sistemi SDH compatibili; garantire che i servizi Ethernet siano offerti su una struttura carrier grade che permette di utilizzare quanto già e- sistente in termini di SLA (Service Level Agreement), di procedure di esercizio e manutenzione di sistemi di gestione. In effetti la tecnica GFP, atta a incapsulare segnali Ethernet, (ma anche IP/PPP, Escon, Ficon, etc) è semplice e flessibile ed è standardizzata nella ITU-T G.7041, che ne prevede due versioni: GFP-F (Frame-based GFP) per IP/PPP e Ethernet che mappa ogni frame del cliente in un frame GFP, su base uno a uno; GFP-T (Transparent GFP) per Escon, Focon, Fibre Channel, GbE che mappa l informazione del cliente carattere per carattere. Un miglioramento dell efficienza di questo mapping può poi essere ottenuta con l impiego della tecnica LCAS, secondo la ITU-T G.7042, che crea dei canali con velocità variabile in funzione delle esigenze del segnale cliente. A parere di BT la tecnica GFP+LACS risponde ai requisiti degli Operatori essendo ben specificata, aperta al mappaggio di nuovi segnali, e presentando minimi impatti sulle reti esistenti. La terza modalità è quella di trasmettere direttamente Ethernet sui canali ottici dei sistemi WDM. Questa tecnica elimina i costi dello strato SDH, ma pone il problema di sostituire tutte le funzionalità che oggi sono svolte dall SDH (gestione delle configurazioni e dei guasti, monitoraggio delle prestazioni, ). La soluzione a questo problema potrebbe essere l MPLS anche se, come ha sottolineato BT, i costi dell MPLS potrebbero superare i risparmi ottenuti con l eliminazione dell SDH. Altri speaker hanno espresso, invece, un parere decisamente favorevole alla trasmissione diretta di Ethernet su WDM (Wavelenght Division Multiplexing). 3.2 Apparati WDM nelle reti metropolitane Le varie memorie sull argomento sono state concordi sul fatto che ci sono quattro cate- NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

4 Particolare decorazione su una facciata di una casa a Cannes. gorie di connessioni (circuiti affittati, SDH, Ethernet e SAN) nelle reti metropolitane e che queste connessioni stanno tutte evolvendo con una richiesta di capacità, e quindi di frequenze di cifra, sempre maggiore. Quest evoluzione è la base della prevedibile richiesta di sistemi WDM nell area metropolitana. Le varie memorie sull argomento hanno cercato di rispondere essenzialmente a due quesiti: quali sistemi WDM (CWDM, DWDM, ibridi) e in quale quantità (figura 2). I sistemi CWDM (Coarse Wavelenght Digital Multiplexing) si stanno ormai presentando come un prodotto abbastanza ben definito sulla base della Raccomandazione ITU-T G (che definisce la griglia delle lunghezze d onda da utilizzare) e della Raccomandazione G.695 (che definisce le caratteristiche degli apparati). Al momento, sono definiti sistemi CWDM punto-punto e in configurazione ad anello con OADM con un numero di canali ottici da 4 a 16, sia unidirezionali che bidirezionali. Un altra caratteristica degli apparati definiti nella G.695, evidenziata più volte nelle presentazioni, è la presenza di interfacce standard al livello di singolo canale. Questo consente a- gli Operatori una grande flessibilità di gestione essendo possibile usare terminali di canale realizzati come pluggable module SFP (Small Form-Factor Pluggable) potenzialmente forniti da qualunque costruttore. Le caratteristiche dei sistemi DWDM per l area metropolitana sono state trattate meno estensivamente perchè le caratteristiche di questi sistemi non sono ancora completamente definite. CWDM spurs Customer premises Access ring 2,5 Gbit/s CWDM La Raccomandazione ITU-T G.dapp, ad essa relativa, è ancora in corso di preparazione. Le caratteristiche delle due famiglie di sistemi (CWDM e DWDM) sono diverse e, in qualche modo, complementari. I sistemi CWDM hanno capacità limitata (8-16 canali ottici), frequenza di cifra limitata (2,5 Gbit/s), distanza massima limitata (80 km), non sono Metro core 10 Gbit/s CWDM Dual homing over CWDM CWDM Coarse Wavelength Division Multiplexing FIGURA 2 Sistemi Metro WDM. Central network management amplificati (la tecnologia non è ancora disponibile). I sistemi DWDM per applicazioni in area metropolitana hanno grande ca- 166 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre 2004

5 pacità (40 canali), frequenza di cifra elevata (fino a 10 Gbit/s), distanza massima notevole (300 km con amplificazione intermedia). Il vantaggio dei sistemi CWDM rispetto a quelli DWDM è che il loro costo è del 30-40% (secondo diverse stime date nel corso della Conferenza) inferiore a quello dei sistemi DWDM, a parità di distanza e di capacità. Stante questa situazione, diverse memorie hanno trattato della possibilità di utilizzare le due tecnologie in modo ibrido per ottimizzarne l utilizzazione. All inizio verrebbe installato un sistema CWDM e, quando questo sistema si sarà saturato, si dovrebbe utilizzare la banda di frequenza posta tra due suoi canali (20 nm) per realizzare un sistema DWDM con un gran numero di canali (spaziati, ad e- sempio, di 0,8 nm). Alcuni autori si sono poi posti il problema della reale diffusione che potranno avere i sistemi Metro WDM, includendo in questa dizione le due famiglie CWDM e DWDM. Sono state mostrate delle previsioni per il mercato globale di questi apparati che vedono una crescita dai 600 milioni di dollari del 2003 a 890 milioni di dollari nel 2007 con un tasso di crescita annuo del 9%. Questi dati confermano che i sistemi Metro WDM non saranno the big thing, ma costituiscono solo una parte delle reti di prossima generazione e si svilupperanno gradualmente per far fronte a situazioni di carenza di fibra in rete, senza dover ricorrere alla posa di nuovi cavi ottici. È stata anche evocata la possibilità che i terminali Metro WDM possano venire integrati nell SDH e negli switch Ethernet. 4. Conclusioni Dal convegno è emersa una panoramica molto vasta delle soluzioni e delle problematiche legate all optical networking, sia nella rete dorsale che in quella metropolitana. Si vuole però sottolineare che anche altri argomenti sono stati trattati, quali le SAN (Storage A- rea Network), alle quali sono state dedicate tre memorie che ne hanno esaminato vari aspetti sia dal punto di vista degli operatori (Belgacom e Auna) sia da quello dei manifatturieri (Nortel Networks). Due memorie sono state dedicate anche all argomento RPR (Resilient Packet Ring), una da un membro della RPR Alliance e una da una società manifatturiera, ma l argomento è rimasto limitato a questo contesto. È stata fatta anche una dettagliata illustrazione delle due maggiori reti pan-europee, rispettivamente di Interoute e Colt. In particolare Interoute ha mostrato che una struttura di rete OTN a maglia con nodi ODXC è quella che consente di offrire ai clienti la disponibilità di servizio più elevata (fino a 99,9998%) e che una struttura di rete ASON consente di tenere in considerazione anche le esigenze dei clienti che non desiderano valori di disponibilità così elevati e non sono quindi disposti a pagare canoni di affitto altrettanto elevati. Per giungere a questa conclusione Interoute ha confrontato le prestazioni di diverse architetture di reti ad anello e a maglia (con diversi gradi di magliatura), SDH e OTN, realizzate con diverse tipologie di apparati (DXC, ODXC), calcolando per ciascuna architettura il costo e la disponibilità ottenibile per i canali ottici dei clienti. AON ASON CWDM DWDM DXC GbE GFP GFP-F GFP-T GPLS IP/ PPP LCAS MPLS OADM ODXC OTN PXC RPR SAN SDH SFP WDM CONFERENZE ABBREVIAZIONI All Optical Network Automatic Switched Optical Network Coarse Wavelength Division Multiplexing Dense Wavelength Division Multiplexing Digital Cross-Connect Gigabit Ethernet Generic Frame Procedure Frame-based Generic Frame Procedure Transparent Generic Frame Procedure Generalized Multi-Protocol Label Switching IP Point-to-Point Protocol Link Capacity Adjustment Scheme Multi-protocol Label Switching Optical Add-Drop Multiplex Optical Digital Cross Connect Optical Transport Network Photonic Cross Connect Resilient Packet Ring Storage Area Networks Synchronous Digital Hierarchy Small Form-Factor Pluggable Wavelength Division Multiplexing NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 2 - Dicembre

RETE DI TRASPORTO OTTICA

RETE DI TRASPORTO OTTICA RETE DI TRASPORTO OTTICA I sistemi di trasmissione WDM furono introdotti inizialmente per aumentare la capacità dei collegamenti punto-punto; con l introduzione di altri dispositivi come l Optical Add

Dettagli

VERSO UNA RETE TUTTA OTTICA

VERSO UNA RETE TUTTA OTTICA VERSO UNA RETE TUTTA OTTICA Gastone Bonaventura 3.4 L articolo riporta in sintesi i problemi relativi all'evoluzione della rete di trasporto dall attuale rete SDH verso una Rete Tutta Ottica (AON). Il

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini

Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra. Claudia Cantini Realizzazione di un commutatore ultraveloce di flussi dati ottici basato su effetti non lineari in fibra Claudia Cantini 20 Luglio 2004 Ai miei genitori Prefazione La nostra vita di ogni giorno é sempre

Dettagli

Standard nelle fibre ottiche

Standard nelle fibre ottiche Standard nelle fibre ottiche Il protocollo ethernet ottico Ethernet è una suite di protocolli originariamente sviluppati per realizzare LAN (Local Area Networks): Ethernet ha avuto molto successo ed è

Dettagli

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente. Servizio di accesso ad internet in FIBRA OTTICA - Informazioni Tecniche Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO

DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO Il servizio di larghezza di banda di Interoute comprende Circuiti protetti e Circuiti non protetti che veicolano il traffico delle telecomunicazioni tra punti fissi in tutto

Dettagli

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa

Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa Il progetto METRO-CORE Stefano Giordano Gruppo di Ricerca Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria della Informazione Università di Pisa 27 Marzo 2001 Auditorium Centro Studi Cassa di Risparmio

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

SISTEMA MX 650. Applicazioni Sistema Multiplex Flessibile. Il contenuto della presentazione è confidenziale PRI_12_REV.1.

SISTEMA MX 650. Applicazioni Sistema Multiplex Flessibile. Il contenuto della presentazione è confidenziale PRI_12_REV.1. SISTEMA Applicazioni Sistema Multiplex Flessibile PRI_12_REV.1.2 OTTOBRE 2008 Referenze Omologato da ISCTI in data 8-05-2005 Qualificato da: Snam Progetti e Snam Rete Gas nel 2007 Utilizzato in rete da:

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

GARR-X: Stato del Progetto. Massimo Carboni, INFN CCR 1/3/2010

GARR-X: Stato del Progetto. Massimo Carboni, INFN CCR 1/3/2010 GARR-X: Stato del Progetto Massimo Carboni, INFN CCR 1/3/010 Infrastruttura Trasmissiva GARR-X Fase0 Fibra + DWDM GARR Circa 4000 km di fibra Trasmissione con lambda 10G Richiesta di supporto del futuro

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

Fondazione Ugo Bordoni

Fondazione Ugo Bordoni La Reti Ottiche nella Fondazione Ugo Bordoni Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN Fondazione Ugo Bordoni mat@fub.it Fondazione Ugo Bordoni Tecnologie fotoniche per le comunicazioni

Dettagli

Le Reti Private. Cristina Vistoli INFN-CNAF. 25 giugno 2002 C.Vistoli Incontri GARR-B

Le Reti Private. Cristina Vistoli INFN-CNAF. 25 giugno 2002 C.Vistoli Incontri GARR-B Le eti Private Cristina Vistoli INFN-CNAF contenuto introduzione reti tradizionali e reti ottiche MPLS/Virtual outer VPN L2 VPN L3 ATM e Managed Bandwitdth GA-B basato su PVC ATM Prestazioni predefinite

Dettagli

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR

VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR VIRTUAL PRIVATE NETWORK AUTOMATIZZATE IN RETI DI TRASPORTO MULTI-VENDOR Luca Rea, Cristiano Zema, Sergio Pompei, Francesco Matera Fondazione Ugo Bordoni, Roma, Italy lrea@fub.it Valerio Martini, Piero

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

10. Stratificazione dei protocolli

10. Stratificazione dei protocolli 10. Stratificazione dei protocolli 10.1. Introduzione Abbiamo visto la struttura dell'internet. Ora dobbiamo esaminare la struttura del restante software di comunicazione, che è organizzato secondo il

Dettagli

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni

Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni Nome e Cognome Laurea Diploma in Test di verica per il corso di Reti di Telecomunicazioni 31/7/2003 1. La realizzazione asincrona di un servizio sincrono (segnare tutto ciò che è corretto) fa sì che l'allocazione

Dettagli

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza:

Inoltre si è detto che le reti vengono tradizionalmente classificate in base alla distanza: Pagina 1 di 5 Topologie WAN Reti di reti Nel modulo 5 si è discusso delle topologie di rete e si è affermato che una rete di telecomunicazioni può essere rappresentata con un grafo, ossia una struttura

Dettagli

I servizi Metro Ethernet

I servizi Metro Ethernet I servizi Metro Ethernet Attualmente i servizi Metro Ethernet stanno guadagnando una fetta di mercato sempre più considerevole, grazie ai loro attraenti benefits quali la facilità di utilizzo, economicità

Dettagli

Reti di Calcolatori. Il software

Reti di Calcolatori. Il software Reti di Calcolatori Il software Lo Stack Protocollare Application: supporta le applicazioni che usano la rete; Transport: trasferimento dati tra host; Network: instradamento (routing) di datagram dalla

Dettagli

Infrastrutture proprietarie in fibra, modalità di gestione

Infrastrutture proprietarie in fibra, modalità di gestione Infrastrutture proprietarie in fibra, modalità di gestione V Workshop GARR Roma 24-26, Novembre 2003 Massimo.Carboni@garr garr.it Premessa Criteri generali L infrastruttura di rete GARR è costruita a partire

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni 1

Reti di Telecomunicazioni 1 Reti di Telecomunicazioni 1 Corso on-line - AA2004/05 Blocco 1 Ing. Stefano Salsano e-mail: stefano.salsano@uniroma2.it 1 Definizioni- Le funzionalità delle reti di TLC 2 Definizioni Comunicazione: trasferimento

Dettagli

RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte. SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti

RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte. SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti RETI DI TELECOMUNICAZIONI L B 2a parte SISTEMI DI COMMUTAZIONE Modulo A: Architetture di reti Prof. Giorgio CORAZZA A.A. 2001/2002 Il corso di SISTEMI DI COMMUTAZIONE si compone di due moduli: ARCHITETTURE

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

Dalla Fibra Ottica al WiFi. In Puglia ed in Italia

Dalla Fibra Ottica al WiFi. In Puglia ed in Italia Dalla Fibra Ottica al WiFi In Puglia ed in Italia La Fibra ottica La capacità di una fibra si misura col numero di bit inviati al secondo. Il megabit (un milione di bit) misurava la portata dei primi cavi

Dettagli

Guida all installazione per VDSL

Guida all installazione per VDSL Sommario 1 Introduzione... 2 2 Aree di connessione... 3 2.1 Qualità dei cavi... 4 3 Trasformazioni... 4 3.1 Zona salita e area di connessione... 4 3.2 Installazione BB internet (DSL)... 4 4 Legenda abbreviazioni...

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Le Reti di Computer 2 Introduzione Una rete è un complesso insieme di sistemi di elaborazione

Dettagli

Sistemi di elaborazione delle informazioni

Sistemi di elaborazione delle informazioni pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 9 gennaio 2008 Reti di calcolatori e Internet Introduzione alle reti di calcolatori Il computer networking

Dettagli

Prefazione all edizione italiana

Prefazione all edizione italiana Sommario Prefazione all edizione italiana XIII Capitolo 1 Introduzione 1.1 Applicazioni delle reti di calcolatori 2 1.1.1 Applicazioni aziendali 3 1.1.2 Applicazioni domestiche 5 1.1.3 Utenti mobili 8

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata

Università degli Studi della Basilicata Università degli Studi della Basilicata SERVIZIO DI ASSISTENZA MANUTENTIVA DEI SISTEMI COSTITUENTI LA RETE DATI DI ATENEO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Allegato Tecnico 2 1 Descrizione generale della

Dettagli

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx

Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici A. A. 2009/2010. Reti di accesso. Architettura di rete HFC FTTx Corso di Sistemi di Telecomunicazione Ottici Reti di accesso Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni A.A. 2009/2010 Reti di accesso (1) Reti di accesso Architettura di rete

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

TUTTI I BIT PASSANO PER IL TRASPORTO

TUTTI I BIT PASSANO PER IL TRASPORTO 28 TUTTI I BIT PASSANO PER IL TRASPORTO Giuseppe Ferraris, Stefano Mariani, Pasquale Mercadante 29 Le reti di Trasporto sono, e sempre saranno, le fondamenta dei servizi di TLC; tutti i bit fissi e mobili

Dettagli

Multi-Protocol Label Switching (MPLS)

Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Davide Quaglia a.a. 2009/2010 1 Sommario Introduzione Forwarding equivalence classes Multi-Protocol Label Switching

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

obiettivo di questo lavoro è quello di descrivere lo stato dell arte

obiettivo di questo lavoro è quello di descrivere lo stato dell arte trasm_ottica:layout_nt 06/03/2009 11.53 Pagina 60 L evoluzione della trasmissione ottica TECNOLOGIE L obiettivo di questo lavoro è quello di descrivere lo stato dell arte Sergio Augusto, Valentina Brizi,

Dettagli

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN)

La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) La TV nelle Reti di Nuova Generazione (NGN) Francesco Matera Responsabile Area Tecnologie per Reti NGN mat@fub.it ; +39 06 5480 2215 Fondazione Ugo Bordoni Wireless Multicast TV Urbino, 5 maggio 2010 Sommario

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard.

Si introdurranno poi le topologie delle reti di calcolatori per capire meglio come gli apparati vengono interconnessi e secondo quali standard. Pagina 1 di 8 Installare e configurare componenti hardware di rete Topologie di rete In questo approfondimento si daranno alcune specifiche tecniche per l'installazione e la configurazione hardware dei

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche per la fornitura del servizio di Interconnessione IP/VOIP su rete TISCALI ITALIA per l anno 2013

Condizioni tecniche ed economiche per la fornitura del servizio di Interconnessione IP/VOIP su rete TISCALI ITALIA per l anno 2013 Condizioni tecniche ed economiche per la fornitura del servizio di Interconnessione IP/VOIP su rete TISCALI ITALIA per l anno 2013 1 Sommario 1. PREMESSA... 3 2. SERVIZIO TERMINAZIONE DI CHIAMATE DESTINATE

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH

Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH GRUPPO TELECOM ITALIA Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH Giovanni Picciano Wireline Access Engineering Total Replacement NGN e migrazione dei servizi legacy Nel caso di Total

Dettagli

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale Tiscali HDSL FULL Offerta commerciale 09123 Cagliari pagina - 1 di 1- INDICE 1 LA RETE DI TISCALI S.P.A... 3 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO TISCALI HDSL... 4 2.1 I VANTAGGI... 4 2.2 CARATTERISTICHE STANDARD

Dettagli

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward

Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Il VoIP nel mondo di Internet e l evoluzione del carrier telefonico. Relatore: Ing. Carrera Marco - Audit Technical Manager Switchward Sommario 1) L evoluzione della comunicazione: dalla rete PSTN alla

Dettagli

Interventi per la realizzazione della Rete Telematica Regionale

Interventi per la realizzazione della Rete Telematica Regionale POR Sardegna 2000-2006 Misura 6.3 Società dell Informazione - Azione 6.3a Interventi per la realizzazione della Rete Telematica Regionale La strategia > La delibera G.R. n. 12/23 del 23 marzo 2005 definisce

Dettagli

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet

Rete LAN ed Ethernet. Tipi di reti Ethernet Rete LAN ed Ethernet Cavo a doppino incrociato che include quattro coppie di cavi incrociati, in genere collegati a una spina RJ-45 all estremità. Una rete locale (LAN, Local Area Network) è un gruppo

Dettagli

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica

Topologia generica di rete a commutazione di circuito. Il livello fisico. Gerarchia della rete telefonica Novembre 2003 Reti e Sistemi Telematici - 2 Topologia generica di rete a commutazione di circuito Il livello fisico Gruppo Reti TLC giancarlopirani@telecomitaliait http://wwwtelematicapolitoit/ A B X C

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

VueTel Italia. The new global voice and data carrier

VueTel Italia. The new global voice and data carrier VueTel Italia. The new global voice and data carrier Africa and Mediterranean area are now more connected to the rest of the world SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE WHOLESALE voce dati internet A wholesale

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

coaxdata Coaxdata: HomePlug AV e Gigabit (HomePlug AV IEEE1901) adattatore coassiale ethernet 200 Mbps 1 Gbps 284 Catalogo 2014 / 2015

coaxdata Coaxdata: HomePlug AV e Gigabit (HomePlug AV IEEE1901) adattatore coassiale ethernet 200 Mbps 1 Gbps 284 Catalogo 2014 / 2015 COAXDATA adattatore coassiale ethernet Coaxdata: HomePlug AV e Gigabit (HomePlug AV IEEE1901) La larghezza di banda del cavo coassiale consente di multiplare altri servizi senza interferire sul segnale

Dettagli

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid

Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Rete elettrica e telecomunicazioni nell ottica smart grid Antonio Capone 1 Reti di Comunicazione ed Elettriche Electric Network & Communication

Dettagli

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet

Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet Semestre 1 Modulo 7 Tecnologie Ethernet 7.1 Ethernet a 10 Mbps e 100 Mbps 7.1.1 Ethernet a 10 Mbps 10 base 2, 10 base 5, 10 base formano Legacy Ethernet. Le 4 caratterisiche comuni di Legacy sono: 1. timing

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 e contesto infrastrutturale regionale 1 2 Modello della rete Architettura delle reti ditelecomunicazioni 3 4 Principali segmenti di rete Rete di accesso

Dettagli

8 Interconnessione delle reti

8 Interconnessione delle reti 26/04/2005 10:32:54 AM 2 RETI E PROBLEMATICHE DI RETE 8 Interconnessione delle reti Perché collegare LAN e WAN tra loro? Traffico elevato: il numero di utenti è troppo elevato Si vogliono utilizzare le

Dettagli

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013

Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc. FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Cod. 65_12 Fornitura di firewall, networking, pc FAQ 5 aggiornate al 21 febbraio 2013 Domanda n. 1 In riferimento al bando di gara Lotto 2 - Fornitura e posa in opera di switch di campus, datacenter e

Dettagli

Pianificazione e progetto di reti geografiche

Pianificazione e progetto di reti geografiche Pianificazione e progetto di reti geografiche 1 Architettura delle reti di telecomunicazioni e contesto infrastrutturale regionale 1 Indice Architettura delle reti di Telecomunicazioni Banda Larga nella

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Davide Cerri Sommario L esigenza di proteggere l informazione che viene trasmessa in rete porta all utilizzo di diversi protocolli crittografici.

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

Architettura di una rete di Telecomunicazione

Architettura di una rete di Telecomunicazione Marco Listanti Architettura di una rete di Telecomunicazione Struttura di una rete Rete di accesso Connette gli utenti terminali ai Nodi di Accesso (Access Node - AN) e fornisce la connettività necessaria

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

I POS ed il TCP/IP. Se, dove, come, perché. Raffaele Sandroni Responsabile Sistemi Informativi. Convegno ABI CARTE 2005 Roma 8 novembre

I POS ed il TCP/IP. Se, dove, come, perché. Raffaele Sandroni Responsabile Sistemi Informativi. Convegno ABI CARTE 2005 Roma 8 novembre I POS ed il TCP/IP Se, dove, come, perché Raffaele Sandroni Responsabile Sistemi Informativi Convegno ABI CARTE 2005 Roma 8 novembre TCP/IP Transmission Control Protocol / Internet Protocol Suite di protocolli

Dettagli

* ~4 CAPITOLATO TECNICO

* ~4 CAPITOLATO TECNICO * ~4 CAPITOLATO TECNICO INDICE INTRODUZIONE DESCRIZIONE DELLA TIPOLOGIA DELLA RETE INTRANET REGIONALE DESCRIZIONE CARATTERISTICHE TECNICHE DEI COLLEGAMENTI PER LA RETE INTRANET REGIONALE Collegamenti tra

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Reti LAN. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Reti LAN IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Le LAN Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare fra loro entro un area limitata

Dettagli

Industrial Ethernet. Indice. Introduzione. Introduzione Campi d impiego di Industrial Ethernet A.2 Industria automobilistica A.4

Industrial Ethernet. Indice. Introduzione. Introduzione Campi d impiego di Industrial Ethernet A.2 Industria automobilistica A.4 Indice Industrial Ethernet.2 Industria automobilistica.4 Meccanica generale.5 Macchine - In dettaglio.6 Processo.8.1 La tendenza al collegamento in rete dei componenti degli impianti industriali con protocolli

Dettagli

La Larga Banda della Pubblica Amministrazione. AlexCurti.it

La Larga Banda della Pubblica Amministrazione. AlexCurti.it AlexCurti.it problema Oggi internet rappresenta uno strumento imprescindibile per l'economia e lo sviluppo di un paese, ed è l'unico media attraverso il quale è ancora possibile fare e avere informazione

Dettagli

Una buona notizia viene presentata in questo Quaderno di

Una buona notizia viene presentata in questo Quaderno di Iquadernidi A cura di Alberto Mucci Le reti di telecomunicazioni diventano intelligenti Una buona notizia viene presentata in questo Quaderno di Telèma. Sta cambiando (e cambierà maggiormente nel prossimo

Dettagli

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità Giornata di studio: Infrastrutture avanzate per reti ad alta velocità Modena, 5 Aprile 2006 Università di Modena e Reggio Emilia, Facoltà di Ingegneria Le soluzioni per l accesso alle reti ad alta velocità

Dettagli

Reiss Romoli 2014 CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) CCNA

Reiss Romoli 2014 CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) CCNA CCNA CISCO CERTIFIED NETWORK ASSOCIATE (CCNA) La certificazione Cisco CCNA prevede il superamento di un singolo esame: 200-120 CCNA o di due esami: 100-101 ICND1 200-101 ICND2 Reiss Romoli propone, in

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Componenti della rete

Componenti della rete Componenti della rete Nodi, Link e adattatori di rete (NIC) Modulazione e Multiplexing Tipologia di cavi - wireless Correzione d errore - rete affidabile Ethernet - reti ad anello - reti wireless - reti

Dettagli

Modulo 8 - Reti di reti

Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Modulo 8 - Reti di reti Nelle precedenti lezioni abbiamo parlato dei tipi elementari di topologia di rete: a bus, ad anello, a stella. Si è detto anche che le reti vengono tradizionalmente

Dettagli

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia

Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia GRUPPO TELECOM ITALIA Il Piano di Sviluppo di Telecom Italia Focus sulla Qualità per il Cliente Finale Roma, 12 Giugno 2013 Telecom Italia/Technology GIUSEPPE ROBERTO OPILIO Sommario 1. Introduzione 2.

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000

TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 TEST DI RETI DI CALCOLATORI I (9400N) anno 1999/2000 1) Quanti sono i livelli del modello ISO/OSI: A. 3 B. 7 C. 6 D. non è definito un numero massimo non è definito un numero massimo 2) Due entità ad un

Dettagli

Sistemi di comunicazione in fibra ottica

Sistemi di comunicazione in fibra ottica Università degli Studi di Roma La Sapienza Corso per la laurea di primo livello in Ingegneria delle Telecomunicazioni Corso di Trasmissioni Ottiche Prof. Maria-Gabriella Di Benedetto a.a. 2004/2005 Sistemi

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

VPN: connessioni sicure di LAN geograficamente distanti. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

VPN: connessioni sicure di LAN geograficamente distanti. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it VPN: connessioni sicure di LAN geograficamente distanti IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Virtual Private Network, cosa sono? Le Virtual Private Networks utilizzano una parte di

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

Introduzione FlorenceonLine

Introduzione FlorenceonLine 0 Introduzione La tecnologia di trasmissione satellitare bidirezionale non è una novità, in quanto esiste da più di trent anni sotto la sigla VSAT (Very Small Aperture Terminal). A lungo però questa tecnologia

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli