IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE"

Transcript

1 IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE Dossier statistico 2011 a cura di Giugno, 2011

2 Presentazione Il dossier raccoglie in forma grafica la numerosità della presenza, in provincia di Pordenone, di tre importanti attori del Terzo settore: - Cooperative sociali - Organizzazioni di volontariato (OdV) - Associazioni di Promozione Sociale (APS) I dati sono frutto di elaborazioni sulle seguenti fonti amministrative: - Albo regionale delle cooperative sociali (aggiornamento pubblicato sul BUR del ) - Registro delle Organizzazioni di volontariato (aggiornato al ) - Registro delle Associazioni di Promozione Sociale (aggiornato al ) IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

3 TERZO SETTORE La locuzione Terzo settore indica quell insieme, vasto ed eterogeneo, di aggregazioni collettive che sotto un profilo strettamente funzionale intendono collocarsi su una terza via rispetto allo Stato e al mercato. [Da: Agenzia per il Terzo settore (a cura di), IL TERZO SETTORE DALLA A ALLA Z. Parole e volti del non profit. Editrice San Raffaele, Milano, 2011] IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

4 1. COOPERATIVE SOCIALI Dati al Le cooperative sociali hanno lo scopo di perseguire l interesse generale della comunità alla promozione umane e all integrazione sociale dei cittadini attraverso: a) La gestione di servizi socio-sanitari ed educativi (cooperative sociali di tipo A) b) Lo svolgimento di attività diverse agricole, industriali, commerciali o di servizi finalizzate all inserimento lavorativo di persone svantaggiate (cooperative sociali di tipo B) IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

5 Andamento delle cooperative sociali attive 45 N Fonte: elaborazioni da ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, BUR (date diverse) IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

6 Andamento secondo il tipo di cooperativa sociale 25 Totale: Tipo A Tipo B Tipo A+B Consorzi Fonte: elaborazione da ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, BUR (date diverse) IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

7 Numero di cooperative sociali per ambito distrettuale OVEST; 2 TOTALE: 39 SUD; 5 NORD; 5 URBANO; 22 EST; 5 Fonte: elaborazione da ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, BUR del IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

8 Cooperative sociali per tipo negli ambiti distrettuali OVEST 2 Tipo A Tipo B SUD 3 2 Tipo A+B EST 2 3 Consorzi NORD 2 3 URBANO Fonte: elaborazione da ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, BUR del IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

9 Cooperative sociali ogni ab.. negli ambiti distrettuali 2,50 2,25 2,30 2,00 1,75 1,50 1,25 1,22 1,24 1,00 0,75 0,82 0,91 0,50 0,25 0,00 0,32 OVEST SUD NORD EST PROVINCIA URBANO Fonte: elaborazione su dati ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, BUR del (dati demografici al 1/01/2011 fonte ISTAT) IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

10 2. ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO Dati al E un organizzazione di volontariato ogni organismo liberamente costituito al fine di svolgere attività che si avvalgono in modo determinante e prevalente delle prestazioni personali, volontarie e gratuite dei propri aderenti (L. 266/1991) IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

11 Numero di Organizzazioni di Volontariato per ambito distrettuale URBANO 117 NORD 38 EST 33 SUD 40 OVEST Fonte: elaborazioni su dati REGISTRO REGIONALE DEL VALONTARIATO - aggiornamento 03/02/ Totale PN: 274 IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

12 Incidenza % distrettuale delle Organizzazioni di Volontariato OVEST 16,8% Totale PN: 274 SUD 14,6% URBANO 42,7% EST 12,0% NORD 13,9% Fonte: elaborazioni su dati REGISTRO REGIONALE DEL VALONTARIATO - aggiornamento 03/02/2011 IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

13 Organizzazioni di Volontariato ogni ab. Provincia PN 8,69 OVEST 7,32 SUD 6,57 EST 6,03 NORD 9,24 URBANO 12,23 0,00 2,00 4,00 6,00 8,00 10,00 12,00 14,00 Fonte: elaborazioni su dati REGISTRO REGIONALE DEL VALONTARIATO - aggiornamento 03/02/2011 IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

14 3. ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS) Dati al Sono considerate associazioni di promozione sociale le associazioni riconosciute e non riconosciute, i movimenti, i gruppi e i loro coordinamenti o federazioni costituiti al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o terzi, senza finalità di lucro e nel pieno rispetto della liberta e dignità degli associati (art. 2 della L. 383/2000) IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

15 Numero di Associazioni di Promozione Sociale per ambito distrettuale URBANO 30 NORD 12 EST 6 SUD 7 OVEST 9 Totale PN: 64 Fonte: elaborazioni su dati REGISTRO REGIONALE APS - aggiornamento 06/04/2011 IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

16 Incidenza % distrettuale delle APS OVEST 14,1% Totale PN: 64 SUD 10,9% URBANO 46,9% EST 9,4% NORD 18,8% Fonte: elaborazioni su dati REGISTRO REGIONALE APS - aggiornamento 06/04/2011 IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

17 APS ogni ab.. negli ambiti distrettuali Provincia PN 2,03 OVEST 1,43 SUD 1,15 EST 1,46 NORD 2,19 URBANO 3,14 0,00 0,50 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 Fonte: elaborazioni su dati REGISTRO REGIONALE APS - aggiornamento 06/04/2011 IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

18 4. SINTESI IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

19 La presenza del Terzo Settore negli ambiti distrettuali della provincia di Pordenone PN OVEST Coop Soc ogni 10 mila abitanti SUD EST APS ogni 10 mila abitanti NORD URBANO OdV ogni 10 mila abitanti Organizzazioni / abitanti Fonte: nostre elaborazioni su dati di fonti diverse IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

20 Considerazioni Il Terzo settore in provincia di Pordenone si presenta nel 2011 come una realtà consolidata e distribuita su tutto il territorio Le organizzazioni di volontariato iscritte nel Registro regionale sono inferiori a quelle effettivamente attive (lo stesso dicasi per le APS) Le cooperative sociali, hanno registrato un andamento piuttosto costante negli ultimi anni Nell ambito Urbano si conta la maggior concentrazione di soggetti, tanto per la loro numerosità quanto per l incidenza sulla popolazione residente IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

21 Riferimenti: Pordenone Dossier disponibile sul sito internet: IL TERZO SETTORE IN PROVINCIA DI PORDENONE - Dossier statistico

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2011 a cura di Giugno, 2011 Presentazione Il dossier raccoglie in forma grafica la numerosità della presenza, in Friuli Venezia Giulia, di tre

Dettagli

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA

IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA IL TERZO SETTORE IN FRIULI VENEZIA GIULIA Dossier statistico 2013 a cura di In collaborazione con: Presentazione Il dossier illustra in forma grafica la consistenza, in Friuli Venezia Giulia, del Terzo

Dettagli

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali

RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO. a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali RAPPORTO CONDIZIONI DI VITA IN PROVINCIA DI PORDENONE EDIZIONE 2010 ANDAMENTO DEMOGRAFICO a cura di Osservatorio Provinciale delle Politiche Sociali 11 Novembre 2010 Andamento della popolazione residente

Dettagli

Distribuzione delle associazioni sul territorio della Città Metropolitana - aprile 2015

Distribuzione delle associazioni sul territorio della Città Metropolitana - aprile 2015 Le Associazioni presenti nel territorio della Città Metropolitana di Milano aprile 2015 Fonte: Registri provinciali dell Ufficio Terzo Settore Città Metropolitana Elaborazione: Osservatorio Sociale Città

Dettagli

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit

Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit TERZO SETTORE Ovvero: Azione Volontaria, Terzo Sistema, Economia Civile, Terza Dimensione, Privato Sociale, Settore Non Profit E l insieme di soggetti organizzativi di natura privata volti alla produzione

Dettagli

F.A.Q. OdV e Aps a confronto

F.A.Q. OdV e Aps a confronto Cosa hanno in comune le Odv e le Aps? Le Organizzazioni di Volontariato (OdV) e le Associazioni di Promozione Sociale (APS) hanno la caratteristica comune di avere nel fine solidaristico la propria dimensione

Dettagli

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A

LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A LA COOPERATIVA SOCIALE DI TIPO A Cooperazione Sociale di tipo A Impresa tra: Welfare Non Profit Occupazione di genere "La Cooperazione Sociale di Tipo A" Elisabetta Caschili- LEGACOOP 2 Primo Censimento

Dettagli

XII Rapporto CNESC sul servizio civile in Italia Le reti territoriali

XII Rapporto CNESC sul servizio civile in Italia Le reti territoriali XII Rapporto CNESC sul servizio civile in Italia Le reti territoriali Istituto per la ricerca sociale 15 dicembre 2010 1 Oggetto La rete di relazioni che gli enti CNESC hanno costruito o sviluppato per

Dettagli

SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO

SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO SARO UN PROFESSIONISTA DEL NON PROFIT ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO Che cos è il Terzo Settore? La definizione di Terzo Settore viene utilizzata per individuare tutto ciò che si differenzia sia

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (): ASPETTI INTRODUTTIVI Nel nostro Paese l associazionismo sociale è un fenomeno in continua espansione. Le Associazioni di Promozione Sociale rappresentano quei soggetti

Dettagli

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari

Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Primo Convegno Nazionale Qualita della vita: territorio e popolazioni Non profit e capitale sociale: un'analisi alla luce dei dati censuari Sabrina Stoppiello, Stafania Della Queva, Manuela Nicosia Censimento

Dettagli

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA

LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Censimento dell industria e dei servizi 2011 LE ISTITUZIONI NON PROFIT IN PUGLIA Massimo Lori Direzione Centrale delle rilevazioni censuarie e dei registri statistici Istat Il Censimento delle Istituzioni

Dettagli

Le cooperative sociali in provincia di Lucca

Le cooperative sociali in provincia di Lucca PROVINCIA DI LUCCA SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI, SOCIALI E SPORTIVE Le cooperative sociali in provincia di Risultati della rilevazione online 20 Alcune statistiche 202 Le Le cooperative sociali in provincia

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

NUMERO VALORE PERCENTUALE

NUMERO VALORE PERCENTUALE Le istituzioni non profit in provincia di Cremona al Censimento del 2011 L Istat ha svolto il 9 Censimento generale dell industria e dei servizi ed il Censimento delle istituzioni non profit, rilevando

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Nonprofit e Pubblica Amministrazione

Nonprofit e Pubblica Amministrazione Nonprofit e Pubblica Amministrazione Fonti di finanziamento e rapporti di collaborazione Barbara Moreschi U.O. Statistiche sulle istituzioni nonprofit Le Giornate di Bertinoro per l economia civile VIII

Dettagli

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014

FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI. Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE SOCIETA DI SAN VINCENZO DE PAOLI Senigallia,Sabato 25 ottobre 2014 Di cosa parleremo? Che cos è il non profit? Le ONP: le Fonti normative Le Organizzazioni di Volontariato 2 CHE COS

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VK20U ATTIVITÀ 86.90.30 ATTIVITÀ SVOLTA DA PSICOLOGI Febbraio 2011 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UK20U Attività professionale svolta da psicologi,

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop

Note e commenti. n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop Note e commenti n 35 Dicembre 2015 Ufficio Studi AGCI - Area Studi Confcooperative - Centro Studi Legacoop 1 L analisi sullo stock fa riferimento al totale delle imprese (coopera ve e non) a ve al 31 Dicembre

Dettagli

ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO

ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO ORIENTAMENTO AL LAVORO NEL TERZO SETTORE 21 gennaio 2014 ASSOCIAZIONE MOVIMENTO PROGETTO LAVORO NASCITA DEFINIZIONE TERZO SETTORE La prima definizione si ritrova in Europa a partire dalla metà degli anni

Dettagli

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Sociologia Corso di laurea in Servizio Sociale Anno Accademico 2008/09 Corso Organizzare un servizio Le organizzazioni nella rete dei servizi sociali

Dettagli

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea

La cooperazione sociale in Italia. Brevi spunti per farsi venire qualche idea La cooperazione sociale in Italia Brevi spunti per farsi venire qualche idea Le coop sociali queste sconosciute 1. Quali e quante sono (3-4) 2. La cooperativa in quanto tale (5-11) 3. Che cosa prevede

Dettagli

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti

Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008. a cura di Francesco Linguiti Note Brevi LE COOPERATIVE NELL AMBITO DELLA STRUTTURA PRODUTTIVA ITALIANA NEL PERIODO 2007-2008 a cura di Francesco Linguiti Luglio 2011 Premessa* In questa nota vengono analizzati i dati sulla struttura

Dettagli

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE

LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE Milano, Aprile 2009 Indagine effettuata per Fratelli dell Uomo Rev. 00 1/29 L obiettivo primario era OBIETTIVI Verificare opinioni e atteggiamenti degli italiani nei confronti

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013

Executive summary. Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia. Febbraio 2013 Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive summary Febbraio 2013 1 Finalità dell Osservatorio 3 Contenuto e metodologia dell indagine 3 Composizione del campione

Dettagli

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...

promozione sociale Le associazioni di Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo... Le associazioni di promozione sociale ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE Requisiti per diventare associazione di promozione sociale.28 Il registro dell associazionismo...29 Procedura per l iscrizione...31

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 ALLEGATO 1 PROGRAMMA TRIENNALE DEGLI INTERVENTI A FAVORE DEGLI STRANIERI IMMIGRATI TRIENNIO 2011-2013 SOMMARIO 1 - CONTESTO DI RIFERIMENTO...2 DATI DEMOGRAFICI...2 2 - OBIETTIVI GENERALI...6 3 - I COMPITI

Dettagli

RSA Provincia di Milano

RSA Provincia di Milano SA Provincia di Milano Popolazione e società Fig. 1: natalità e mortalità in Provincia di Milano Fig. 2: l indice di ricambio (fonte SIA) L analisi ambientale di un territorio rappresenta lo studio del

Dettagli

1) CENTRI DIURNI E STRUTTURE RESIDENZIALI SEDI OPERATIVE. Distretto Nord. Servizi a gestione diretta:

1) CENTRI DIURNI E STRUTTURE RESIDENZIALI SEDI OPERATIVE. Distretto Nord. Servizi a gestione diretta: 1) CENTRI DIURNI E STRUTTURE RESIDENZIALI Distretto Nord SEDI OPERATIVE Centro Diurno di Maniago Sede: Via Campagna 52 - Maniago Telefono: 0427 731543 Fax: 0427 72556 Centro Diurno di Barbeano Sede: Via

Dettagli

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio

ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO. A cura dell Ufficio Studi Confcommercio ROADSHOW PMI ECONOMIA, MERCATO DEL LAVORO E IMPRESE NEL VENETO A cura dell Ufficio Studi Confcommercio LE DINAMICHE ECONOMICHE DEL VENETO Negli ultimi anni l economia del Veneto è risultata tra le più

Dettagli

"L'assenteismo in INPS prima e dopo la riforma Brunetta. Gli effetti prodotti nel settore privato"

L'assenteismo in INPS prima e dopo la riforma Brunetta. Gli effetti prodotti nel settore privato "L'assenteismo in INPS prima e dopo la riforma Brunetta. Gli effetti prodotti nel settore privato" Palazzo Vidoni Corso Vittorio Emanuele, 116 Roma, 10 giugno 2010 S. Fioravanti (1), G. Mattioni (1) e

Dettagli

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N.

COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. COMUNICAZIONE UNICA REGIONALE ALBO REGIONALE DELLE COOPERATIVE SOCIALI, CONSORZI E ORGANISMI ANALOGHI (AI SENSI DELL'ART. 27 DELLA L.R. N. 1/2008) Nome Cognome in qualità di legale rappresentante pro tempore

Dettagli

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007

TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 REGIONE LIGURIA TESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVA REGIONALE DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 6 MARZO 2007 INTERVENTI DI PREVENZIONE DELLA VIOLENZA DI GENERE E MISURE

Dettagli

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus

STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus STATUTO della Fondazione di partecipazione CUMSE onlus La Fondazione di partecipazione CUMSE intende collocarsi nella tradizione della cooperazione internazionale laica di ispirazione cristiana operando

Dettagli

Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali

Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali Rapporto Irisnetwork seconda edizione Questionario potenziali imprese sociali nome e cognome intervistato: indirizzo email di contatto: sito internet dell impresa: I sezione: Costituzione dell impresa

Dettagli

QUESTIONARIO PER IL RILEVAMENTO DEI FABBISOGNI ORGANIZZATIVI E FORMATIVI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E DEL TERZO SETTORE DI CAPITANATA

QUESTIONARIO PER IL RILEVAMENTO DEI FABBISOGNI ORGANIZZATIVI E FORMATIVI DELLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO E DEL TERZO SETTORE DI CAPITANATA Ce.Se.Vo.Ca. Centro Servizi per il Volontariato di Capitanata Via Marinaccio, 4/D - 722 Foggia tel. e fax: (+9) 088.568648 e-mail: info@cesevoca.it url: www.cesevoca.it QUESTIONARIO PER IL RILEVAMENTO

Dettagli

Professione psicologo: quali prospettive in Sicilia? Dr. Paolo Bozzaro Presidente Ordine degli Psicologi Regione Sicilia

Professione psicologo: quali prospettive in Sicilia? Dr. Paolo Bozzaro Presidente Ordine degli Psicologi Regione Sicilia Professione psicologo: quali prospettive in Sicilia? Dr. Paolo Bozzaro Presidente Ordine degli Psicologi Regione Sicilia 2010 Psicologi iscritti agli Ordini Regionali e Provinciali in Italia 75.000 In

Dettagli

A cura dell Osservatorio provinciale sulle Cooperative Sociali. Realizzato da. in collaborazione con A.G.C.I. FVG

A cura dell Osservatorio provinciale sulle Cooperative Sociali. Realizzato da. in collaborazione con A.G.C.I. FVG ESTERNALIZZAZIONE DI SERVIZI A COOPERATIVE SOCIALI E CONSORZI DI COOPERATIVE SOCIALI DA PARTE DELLE AZIENDE E STRUTTURE SANITARIE DELLA PROVINCIA DI UDINE A cura dell Osservatorio provinciale sulle Cooperative

Dettagli

LE TASSE SUL LAVORO CHE BLOCCANO CRESCITA, CONSUMI E INVESTIMENTI

LE TASSE SUL LAVORO CHE BLOCCANO CRESCITA, CONSUMI E INVESTIMENTI 992 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com LE TASSE SUL LAVORO CHE BLOCCANO CRESCITA, CONSUMI E INVESTIMENTI 11 febbraio 2015 a cura di Renato Brunetta EXECUTIVE SUMMARY 2 Il 9 febbraio

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE E IRES

SOCIETA COOPERATIVE E IRES FISCALITÀ PER LE COOPERATIVE: NOVITÀ INTRODOTTE DALLA MANOVRA FINANZIARIA Brescia 5 Novembre 2011 1 SOCIETA COOPERATIVE E IRES Art. 73, comma 1, lettera a) del Tuir Sono soggetti all imposta sul reddito

Dettagli

(intestazione della Cooperativa Sociale) PROVINCIA DI PISA U.O. Promozione del Terzo Settore Via C. Battisti 14 ( La Stecca) 56125 PISA (PI)

(intestazione della Cooperativa Sociale) PROVINCIA DI PISA U.O. Promozione del Terzo Settore Via C. Battisti 14 ( La Stecca) 56125 PISA (PI) (intestazione della Cooperativa Sociale) PROVINCIA DI PISA U.O. Promozione del Terzo Settore Via C. Battisti 14 ( La Stecca) 56125 PISA (PI) Oggetto: domanda di iscrizione alla sezione provinciale di Pisa

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione di C.C. n. 12 del 19/04/2001 ART. 1 FINALITA 1. Il Comune di Carugate riconosce

Dettagli

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE

LA NOSTRA PARTECIPAZIONE ha interpretato e sostenuto negli anni lo sviluppo della mutualità, l affermazione dei principi solidaristici e la responsabilità sociale dell Impresa Cooperativa che ottiene benefici tramite la costituzione

Dettagli

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini

L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini L Impresa Sociale in Europa: Scenari dalla Social Economy Guide Riccardo Bodini Mestre, 3 luglio 2013 AGENDA 1. Cosa è Euricse 2. La Social Economy Guide 3. L Impresa Sociale in Europa COSA E EURICSE Euricse

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA CRESME IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Sintesi dello studio generale 2006 a cura di Federico Della Puppa I RISULTATI PRINCIPALI I risultati principali Prosegue

Dettagli

Le Aziende Non Profit:

Le Aziende Non Profit: Le Aziende Non Profit: Aspetti istituzionali, accountability strumenti di gestione Maria Teresa Nardo mt.nardo@unical.it 1 6 novembre 2008 Le ANP: caratteri generali La crisi del welfare state ha comportato

Dettagli

ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT

ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT 23 ISTITUZIONI PUBBLICHE E ISTITUZIONI NON PROFIT Nel decennio intercensuario 2001/2011 cresce il non profit e si contrae il settore pubblico: al 31 dicembre 2011 le istituzioni pubbliche sono 12.183 (-21,8

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona

COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona COMUNE DI SAN GIOVANNI LUPATOTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DELL ALBO DELLE LIBERE ASSOCIAZIONI E DEGLI ORGANISMI DI PARTECIPAZIONE. INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Istituzione dell

Dettagli

All. A) AL SINDACO DEL COMUNE DI SPINEA OGGETTO: RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI

All. A) AL SINDACO DEL COMUNE DI SPINEA OGGETTO: RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI All. A) Applicare una marca da bollo in base alla normativa vigente, e allegarne una seconda per la risposta (*) AL SINDACO DEL COMUNE DI SPINEA OGGETTO: RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ALBO COMUNALE DELLE

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

EURO P.A. Salone delle autonomie locali Rimini 29 marzo 2007

EURO P.A. Salone delle autonomie locali Rimini 29 marzo 2007 EURO P.A. Salone delle autonomie locali Rimini 29 marzo 2007 Presentazione di Coopfond Fondo Mutualistico di Legacoop di Gianluca Laurini Area Capitale di Rischio LE ORIGINI I Fondi mutualistici nascono

Dettagli

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle

Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle Distretti urbani ed extra-urbani: recenti trasformazioni delle agglomerazioni industriali italiane Giovanni Iuzzolino e Marcello Pagnini (Banca d Italia) Giovedì 21 marzo 2013, Unioncamere - Roma Il lavoro

Dettagli

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori

Capitolo 5. Strutture formative. 5.1 Istituti Numero di unità scolastiche per tipologia di istituti medi superiori Capitolo 5 Strutture formative Variabili e indicatori utilizzati: Numero di unità scolastiche degli istituti medi superiori Numero di istituti per 10.000 giovani in età scolare Numero di iscritti agli

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE

IL CONSIGLIO REGIONALE 16 LEGGE REGIONALE 18 dicembre 2007, n. 39 Norme di attuazione della legge 7 dicembre 2007, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale). IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UG41U ATTIVITÀ 73.20.00 RICERCHE DI MERCATO E SONDAGGI DI OPINIONE Febbraio 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore TG41U Ricerche di mercato e sondaggi

Dettagli

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12)

L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) L.R. 24 dicembre 2004, n. 30. Disciplina delle associazioni di promozione sociale. (B.U. 29 dicembre 2004, n. 12) Settore: Regione: Materia: Codici regionali Liguria ordinamento ed organizzazione Sommario

Dettagli

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo

Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Corso in Progettazione socio-culturale per Banche del tempo Modulo 2 Principi e Tecniche di Fund Raising d.ssa Marta Buzzatti Fonte: Manuale di fund raising F. Ambrogetti, M.Coen Cagli, R. Milano FUND

Dettagli

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata)

Nome dell Associazione, Nome e Cognome del Responsabile dell Associazione, Telefono ; Fax. e-mail (o indirizzo di posta elettronica certificata) Spett.le Comune di Trezzo sull Adda Servizio cultura, sport, politiche giovanili Via Roma 5 20056 Trezzo sull Adda OGGETTO: CENSIMENTO DELLE ASSOCIAZIONI LOCALI Nome dell Associazione, Nome e Cognome del

Dettagli

solidarietà familiare

solidarietà familiare Le associazioni di solidarietà familiare ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE Requisiti per diventare associazione di solidarietà familiare...40 Benefici e obblighi derivanti dall iscrizione...42 A chi

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DISPOSIZIONI GENERALI ADEMPIMENTI CONTABILI E FISCA- LI AGEVOLAZIONI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE L. 7.12.2000, n. 383 La Costituzione Italiana riconosce il valore sociale

Dettagli

Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto

Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto Dossier 3 Le famiglie di giovani e le spese per l affitto Audizione del Presidente dell Istituto nazionale di statistica, Luigi Biggeri presso le Commissioni congiunte V del Senato della Repubblica Programmazione

Dettagli

Le cooperative sociali in Italia

Le cooperative sociali in Italia SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA 2 0 0 8 Settore Pubblica amministrazione Le cooperative sociali in Italia Anno 2005 Contiene cd-rom Informazioni n. 4-2008 I settori AMBIENTE

Dettagli

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario

La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario RUOLO E PROSPETTIVE DELLA MUTUALITÀ NEL SISTEMA SANITARIO ITALIANO La mutualità integrativa volontaria in campo sanitario Placido Putzolu - Presidente FIMIV Federazione Italiana Mutualità Integrativa Volontaria

Dettagli

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto

Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto Albo delle Libere Forme Associative del Comune di Taranto 1. Premessa 2. Scheda generale 3. Modalità di iscrizione 4. Segreteria dell Albo 5. Inserimento e cancellazione nell Albo 6. Struttura 1. PREMESSA

Dettagli

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY

PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PATTO DI INDIRIZZO PER LE SMART CITY PREMESSO CHE: Il Panel Inter-Governativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC) ha confermato che il cambiamento climatico é una realtà e la cui causa principale é l utilizzo

Dettagli

Livello cognitivo globale di ingresso. (Insufficiente, accettabile, buono, ottimo) buono accettabile regolare. Impegno

Livello cognitivo globale di ingresso. (Insufficiente, accettabile, buono, ottimo) buono accettabile regolare. Impegno Istituto d Istruzione Superiore Federico Flora Istituto Tecnico per il Turismo Istituto Professionale per i Servizi Commerciali Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera Socio Sanitari Via G. Ferraris Tel.

Dettagli

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione

I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza. Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza. Introduzione I Sistemi Locali del Lavoro della Provincia della Brianza Istat - Ufficio Statistica e Studi Comune di Monza Introduzione L Istat ha diffuso le informazioni sui Sistemi Locali del Lavoro (*) individuati

Dettagli

LA PARTECIPAZIONE DELLE PERSONE MATURE E ANZIANE ALLA CREAZIONE DI BENESSERE

LA PARTECIPAZIONE DELLE PERSONE MATURE E ANZIANE ALLA CREAZIONE DI BENESSERE LA PARTECIPAZIONE DELLE PERSONE MATURE E ANZIANE ALLA CREAZIONE DI BENESSERE Il valore delle attività extra-mercato Beppe De Sario, Alessia Sabbatini Ires nazionale SENZA WELFARE? FEDERALISMO E DIRITTI

Dettagli

REGOLAMENTO. 1. Il concorso. 2. Obiettivi. 3. Soggetti ammissibili

REGOLAMENTO. 1. Il concorso. 2. Obiettivi. 3. Soggetti ammissibili REGOLAMENTO 1. Il concorso Il Concorso La casa ideale si situa nell ambito delle azioni di Leroy Merlin Italia a beneficio della comunità, per riaffermare l impegno dell azienda nel promuovere e sostenere

Dettagli

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT

COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT COMUNE DI BAGHERIA (provincia di PALERMO) Regolamento ENTI NON PROFIT Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 64 del 20 nov. 2014 Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo

Dettagli

ITALIA: GIURISPRUDENZA DEL LAVORO Cause in materia di lavoro, assistenza e previdenza

ITALIA: GIURISPRUDENZA DEL LAVORO Cause in materia di lavoro, assistenza e previdenza ITALIA: GIURISPRUDENZA DEL LAVORO Cause in materia di lavoro, assistenza e previdenza EUROPAE GENERIS Nuovo Diritto del Lavoro Perché, come e per chi L Aquila, sala congressi Forte Spagnolo mercoledì 28

Dettagli

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010)

INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE 7 DICEMBRE 2010 N. 19 INTERVENTI PER LA PROMOZIONE E LO SVILUPPO DELLA COOPERAZIONE (BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA n. 16 del 9 dicembre 2010) Il Consiglio regionale

Dettagli

Gli immobili in Italia - 2015

Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Gli immobili in Italia - 2015 LO STOCK IMMOBILIARE IN ITALIA: ANALISI DEGLI UTILIZZI Il primo capitolo è dedicato alla presentazione dei risultati

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

WE ARE ONLUS. Sede Legale: Galleria del Reno, 1 40122 BOLOGNA. Codice Fiscale: 91360830375 *********

WE ARE ONLUS. Sede Legale: Galleria del Reno, 1 40122 BOLOGNA. Codice Fiscale: 91360830375 ********* WE ARE ONLUS Sede Legale: Galleria del Reno, 1 40122 BOLOGNA Codice Fiscale: 91360830375 ********* NOTA INTEGRATIVA SEMPLIFICATA RELATIVA AL RENDICONTO ANNUALE AL 31 DICEMBRE 2013 PRESENTAZIONE DELL ESERCIZIO

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE WK18U ATTIVITÀ 71.11.00 ATTIVITÀ DEGLI STUDI DI ARCHITETTURA Marzo 2012 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore VK18U Attività degli studi di architettura,

Dettagli

O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi

O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi O.N.L.U.S. Requisiti soggettivi ed oggettivi Individuazione dei soggetti: Possono assumere la qualifica di o.n.l.u.s: - Associazioni - Comitati - Fondazioni - Società cooperative - Altri enti di carattere

Dettagli

D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M I C O F I N A N Z I A R I O L E G A C O O P R E G G I O E M I L I A

D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M I C O F I N A N Z I A R I O L E G A C O O P R E G G I O E M I L I A E LEMENTI D ISTINTIVI E FONDANTI D ELLA S OCIETÀ COOPERATIVA: D AL D IRITTO S OCIETARIO A LLE PECULIARITÀ F ISCALI E GESTIONALI D A N I E L A C E R V I R E S P O N S A B I L E U F F I C I O E C O N O M

Dettagli

PROFESSIONALITÀ ED ESPERIENZA A SERVIZIO DEL TERZO SETTORE E DELL IMPRESA

PROFESSIONALITÀ ED ESPERIENZA A SERVIZIO DEL TERZO SETTORE E DELL IMPRESA PROFESSIONALITÀ ED ESPERIENZA A SERVIZIO DEL TERZO SETTORE E DELL IMPRESA Urbana Cooperativa Sociale di tipo B realizza servizi amministrativi, gestionali e consulenziali nei settori della contabilità,

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni

Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni Bologna 21 settembre 2011 Evoluzione del fenomeno migratorio in Italia Salvatore Geraci Area Sanitaria Caritas di Roma Società Italiana di Medicina delle Migrazioni I migranti sono un importante risorsa

Dettagli

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ

SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ SCHEDA PROGETTO/ SERVIZIO/INTERVENTO per la realizzazione di azioni nelle aree di intervento previste dall obiettivo 3 delle linee guida dei PdZ Per progetto si intende qualsiasi azione volta al perseguimento

Dettagli

Associazioni di promozione sociale, Cooperative sociali e Organizzazioni di volontariato

Associazioni di promozione sociale, Cooperative sociali e Organizzazioni di volontariato ISTITUTO GUGLIELMO TAGLIACARNE per la promozione della cultura economica Fondazione di Unioncamere I NUMERI DEL NON PROFIT IN PROVINCIA DI ROMA Associazioni di promozione sociale, Cooperative sociali e

Dettagli

Il mercato della locazione in Lombardia

Il mercato della locazione in Lombardia Il mercato della locazione in Lombardia Milano, 29 Gennaio 2009 Circolo della Stampa Il mercato della locazione in Lombardia I principali risultati dell indagine Daniela Percoco Responsabile Real Estate

Dettagli

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro

COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro COMUNE DI SAN MANGO D AQUINO Provincia di Catanzaro Regolamento per l istituzione e la tenuta dell Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 30

Dettagli

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza

Le strutture socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza Provincia di Piacenza Osservatorio del sistema sociosanitario Le socio-assistenziali e socio-sanitarie nella provincia di Piacenza I dati riassuntivi di seguito esposti sono elaborati dal Settore Sistema

Dettagli

Al Presidente della Provincia di Siena Piazza Amendola 29 53100 Siena

Al Presidente della Provincia di Siena Piazza Amendola 29 53100 Siena DOMANDA DI ISCRIZIONE AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE - ARTICOLAZIONE PROVINCIALE DI SIENA (LEGGE REGIONALE 9 DICEMBRE 2002, N.42) Al Presidente della Provincia di Siena

Dettagli

I MODELLI DI IMPRESA COOPERATIVA SPORTIVA. Forlì, 27 novembre 2015

I MODELLI DI IMPRESA COOPERATIVA SPORTIVA. Forlì, 27 novembre 2015 I MODELLI DI IMPRESA COOPERATIVA SPORTIVA Forlì, 27 novembre 2015 CARATTERISTICHE DISTINTIVE DELLA COOPERATIVA Codice Civile art. 2511 (Società cooperative) Le Cooperative sono: società a capitale variabile

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI AGRICOLTURA SOCIALE Art. 1 - Finalità e oggetto. 1. La Regione del Veneto promuove l agricoltura sociale quale aspetto della multifunzionalità delle attività agricole, per ampliare

Dettagli

ADERENTI AL PDZ 2015/2017 SUDDIVISI PER OBIETTIVI E INTERVENTI/AZIONI DI SISTEMA

ADERENTI AL PDZ 2015/2017 SUDDIVISI PER OBIETTIVI E INTERVENTI/AZIONI DI SISTEMA ADERENTI AL PDZ 2015/2017 SUDDIVISI PER OBIETTIVI E INTERVENTI/AZIONI DI SISTEMA (elenco aggiornato a marzo 2016) TITOLO OBIETTIVO INTERVENTI/AZIONI DI SISTEMA REGOLAMENTO INTERVENTI ECONOMICI - Valutazione

Dettagli

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani

Note brevi. Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1. L economia reale attraverso il contributo dei giovani Note Brevi vi danno appuntamento alla seconda metà di Gennaio 2014 Note brevi n 14 / Dicembre 2013 www.cslegacoop.coop centrostudi@legacoop.coop Il Rapporto Giovani,imprese e lavoro 2013 1 L economia reale

Dettagli

ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche: i chiarimenti del MISE

ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche: i chiarimenti del MISE CIRCOLARE A.F. N. 34 del 6 Marzo 2014 Ai gentili clienti Loro sedi ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche: i chiarimenti del MISE Premessa Il Ministero

Dettagli

Associazione di promozione sociale L. 07 dicembre 2000, n 383:

Associazione di promozione sociale L. 07 dicembre 2000, n 383: Associazione di promozione sociale L. 07 dicembre 2000, n 383: 1. DEFINIZIONE : art. 2, comma 1 : "Sono considerate associazioni di promozione sociale le associazioni riconosciute e non riconosciute, i

Dettagli

8. Dati finanziari e bancari

8. Dati finanziari e bancari 8. Dati finanziari e bancari Roma rappresenta dopo Milano il principale Centro finanziario del Paese con 46 Istituti creditizi, 1.988 sportelli bancari, 91 miliardi di euro depositati in banca (pari al

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

Circolare N.34 del 6 Marzo 2014

Circolare N.34 del 6 Marzo 2014 Circolare N.34 del 6 Marzo 2014 ONLUS e pubblici esercizi, attività polisportive dilettantistiche e commercio su aree pubbliche. I chiarimenti del MISE Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione

Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione Regione Emilia-Romagna Assessorato Politiche Sociali Unioncamere Emilia-Romagna Bologna, 8 ottobre 2013 Economia sociale e sviluppo del territorio in Emilia-Romagna. I dati della cooperazione da Paolino

Dettagli