dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "dipartimento di scienze della formazione, psicologia, comunicazione"

Transcript

1 Vademecum per la tesi di laurea, a cura di Gabriella Falcicchio NB: valido unicamente per laureande/i della docente, data la variabilità delle norme adottate dai singoli docenti per alcuni aspetti (bibliografia, etc.) Il frontespizio della tesi Sono da indicare: Università Dipartimento Corso di laurea Disciplina (Tesi di laurea in ) Titolo Laureando/a (nome e cognome) Relatore/trice (ch.mo prof./prof.ssa ) Anno accademico Di solito è il tipografo a occuparsene, una volte ottenute le informazioni adeguate Titolo della tesi - se ne stabilisce uno orientativo e non vincolante per presentare domanda - lo stabilisce il docente, di solito - lo si definisce a conclusione in modo definitivo e lo fa il docente Dedica - all inizio - concisa: possibilmente non con un elenco troppo lungo di nomi - solitamente c è un elemento di mistero, di non detto, di implicito che fa sì che il lettore non sappia bene chi sono i destinatari della dedica (spesso ci sono ragioni di discrezione) e ringraziamenti - all inizio o alla fine - qualche riga, talvolta fino a una pagina in cui si ringraziano persone che in qualche modo hanno contribuito alla realizzazione della ricerca (collaboratori, altri soggetti, anche amici, familiari, etc.)

2 - nelle tesi si cominciano a vedere, per iniziativa degli studenti. Sono affettuose e si inseriscono nel quadro delle emozioni legate alla laurea, talvolta sono poco discrete, talvolta un po mielose o spiritose. - è elegante inserirle al termine dell introduzione, con sobrietà. NB: sarebbero da evitare nelle tesi eccessi sentimentali, poesie, dediche e ringraziamenti troppo conditi L indice - All inizio o alla fine: secondo me, collocarlo all inizio significa dare subito al lettore una bussola per orientarsi nel testo - Indica la mappatura dell elaborato, secondo la suddivisione che si è scelta, omettendo al massimo sotto-suddivisioni: i capitoli, i paragrafi, talvolta i sottopragrafi, la bibliografia, ulteriori indici o allegati, appendici, glossario, con relativo numero di pagina - Rappresenta anche in forma grafica la struttura (con rientri o cambi di carattere) - Oltre all indice così inteso, si può inserire l indice analitico degli autori citati o degli argomenti, delle tabelle, dei grafici. - Si compone al termine del lavoro, a stesura definitiva - L indice compilato prima di iniziare la stesura è più che altro un sommario di argomenti, nel quale non è detto che dobbiate scendere nello specifico e che probabilmente cambierete in corso d opera - Si distingue dal sommario o dall indice-sommario, che può presentare un riassunto brevissimo del contenuto di ogni capitolo e paragrafo L elenco delle abbreviazioni, delle illustrazioni e delle tavole - dopo l indice - illustrazioni e tavole dovrebbero avere il titoletto della didascalia corrispondente e il numero di pagina, e non solo Figura 1. La premessa o la prefazione o l introduzione - Si scrive al termine - si colloca prima del lavoro di ricerca sia fisicamente che idealmente - può non trattare del lavoro di ricerca in senso stretto, ma delle ragioni della scelta del tema, del percorso personale che ha portato a quella ricerca, degli elementi relativi il team durante il lavoro, etc. L introduzione - talvolta introduzione e premessa sono identificate - si fa alla fine di tutto - riassume gli elementi salienti del testo, chiarendo il piano dell opera, cosa si intende indagare, non ancora i risultati ottenuti

3 I capitoli quanti: 3; 4-5 per le quadriennali numero pagine: max a capitolo I supporti al testo Le note (per sapere come si compilano, v. oltre) Dove si collocano - a piè di pagina: adatte a una tesi di laurea; più facili da leggere; permettono di verificare rapidamente il riferimento bibliografico - a fine capitolo: più sofisticate; meno fruibili per il lettore - a fine saggio, divise per capitoli: in lavori pubblicati; meno fruibili dal lettore, ma vantaggio che sono tutte insieme. Nella tesi, va bene inserirle a fine capitolo. A cosa servono? - non fanno parte del testo principale - ma lo sostengono, lo corredano, gli conferiscono spessore o le idee portanti della trattazione non devono trovarsi in nota o si dovrebbe poter leggere il testo principale seguendo il discorso e trovandovi sufficiente chiarezza ed esaustività, anche trascurando le note o le idee marginali, di supporto, le precisazioni,etc. (v. funzioni) non devono trovarsi nel testo principale, perché lo appesantiscono, creano parentesi, interrompono l andamento della trattazione Quante note bisogna scrivere? - dipende dal tipo di testo - non esiste un numero orientativo - testi con molte, troppe note di approfondimento possono risultare illeggibili, lenti, faticosi - al limite, un testo potrebbe anche non presentare note esplicative o di approfondimento - testi con molte note bibliografiche danno l idea al lettore che il discorso è sostanziato da molte letture, è corroborato dalla conoscenza della letteratura sull argomento, è scientifico - testi con troppe note bibliografiche potrebbero apparire simili a cataloghi e dare l idea che l autore non li ha di fatto consultati, specie se nel testo principale i riferimenti ai contenuti di questi testi sono molto pochi

4 - testi senza note bibliografiche appaiono poveri di riferimenti (fatta salva la bibliografia finale), l autore potrebbe essere percepito dal lettore come poco inserito nel dibattito, poco informato sugli sviluppi dello stesso, e quindi intellettualmente presuntuoso. Ci sono molti testi i classici senza note bibliografiche o con un corredo molto ridotto: si tratta di grandi pensatori o di chi, sempre a livelli molto alti, rimanda alla bibliografia finale. Non è pensabile in una tesi di laurea Tipi di note - riferimento bibliografico corrispondente a una citazione di un testo altrui: la nota permette di identificare l autore del testo e il luogo preciso in cui reperire il brano (è necessaria la pagina). È un atto di onestà intellettuale e testimonia la conoscenza della letteratura. o Il riferimento bibliografico può trovarsi nel corpo del testo, secondo il sistema autore data, tra parentesi: es. cehnorihvfowi (Bauman, 2001). Se l autore ha scritto più testi: (Bauman, 2001a) - nota di approfondimento o Per spiegare un concetto dedicando uno spazio che nel corpo del testo sarebbe stato troppo ampio, appesantendo o Per introdurre altri concetti collaterali, spaziare, senza interrompere il flusso del discorso o Per riportare opinioni diverse e dare atto della complessità del dibattito o Per arricchire la bibliografia di altri testi sul tema o Per citare un brano che non si è giudicato di inserire nel testo - nota di traduzione: riporto la traduzione in italiano di un passo citato in altra lingua o viceversa, se credo sia utile fornire la versione originale (poco usata) Le citazioni Regole di fondo - AD OGNI CITAZIONE DEVE CORRISPONDERE UNA NOTA - la tesi non è una collezione di citazioni. A maggior ragione, la tesi non è un lavoro di copiatura da testi altrui, riportati senza i riferimenti bibliografici (molto disonesto) - la presenza di citazioni è utile, quando o evidenzia una frase molto pregnante di un autore, rappresentativa e la si usa per descrivere il suo pensiero (es., in una tesi proprio su quell autore) o quando si fa propria un espressione specifica, inventata dall autore e che lo identifica con facilità: la c. in tal caso indica l adesione al punto di vista complessivo dell autore, salvo precisazioni, e la si adotta - la presenza di citazioni è inutile o quando il concetto non è particolarmente pregnante o rappresentativo dell autore, quando è facilmente condivisibile, è opinione comune, è un concetto ormai acquisito da tempo nella comunità scientifica

5 o quando si potrebbe parafrasare il pensiero dell autore, introducendo con Come argomenta XXX, Quanto deve essere lunga una citazione e dove si colloca nel testo? Una c. può essere - molto breve: due o tre parole, una breve frase molto sintetica e molto pregante ( modernità liquida, società decente ) o va inserita nel corpo del testo, senza creare uno spazio grafico apposito si può anche non introdurre - un brano più argomentato, di qualche rigo (3-6 righe) o potrebbe trovarsi nel corpo del testo o più di frequente viene riportato in uno spazio apposito, andando a capo e modificando i rientri nella pagina. Talvolta si cambia carattere e interlinea può collocarsi lungo l argomentazione cominciata appena prima può essere introdotto esplicitamente (Come sostiene, come argomenta, come indica XXX, ) - un brano lungo o va senz altro in uno spazio apposito o non è consigliata, perché appesantisce e rappresenta un prestito sproporzionato da un testo altrui o è giustificabile in casi specifici: citazioni di leggi, di discorsi pubblici significativi, brani letterari, passaggi importanti dell autore quando è l autore stesso a essere oggetto del testo data la consistenza del testo, va introdotto esplicitamente - per tutti i tipi di citazione bisogna evitare di scrivere il brano senza un introduzione, costruendo un capoverso interamente composto di citazione (anche se è uso frequente) Dalla quantità di citazioni si evince la qualità del prodotto? - ASSOLUTAMENTE NO - Troppe citazioni stancano il lettore e possono mascherare un lavoro di cattiva qualità, costruito sul collage più che sull elaborazione critica della letteratura sul tema - Una certa quantità (moderata) di citazioni indica il fatto di essersi inseriti in un dibattito, in un filone, in una comunità scientifica di cui si considera il lavoro di ricerca, verso la quale si porta rispetto. È un atto di onestà intellettuale e di umiltà. Come si può evitare di fare molte citazioni? - parafrasando il testo, attribuendolo comunque all autore scelto

6 - riformulando il testo se non c è bisogno di richiamare l autore (se si assume un concetto che non è particolarmente rappresentativo del pensiero di quell autore) - cercando di leggere una discreta quantità di testi sul tema, in modo da acquisirne i fondamenti, di conoscere il dibattito, di acquisire il linguaggio specifico del settore, e quindi costruirsi idee proprie, punti di vista autonomi, critici Le illustrazioni, le fotografie, i grafici, le tabelle, le tavole - devono tutte presentare una didascalia con una numerazione progressiva in base all oggetto (Figura 1., 2., 3., oppure Grafico 1., 2., 3., ) e un titoletto relativo ai contenuti - se è un oggetto mutuato da altri testi o rapporti di ricerca va citata la fonte - si può aggiungere una breve chiarificazione dei contenuti Le conclusioni - si scrivono alla fine, spesso dopo aver scritto l introduzione - riprendono sinteticamente il percorso svolto e i risultati verificati - nei testi pubblicati non sono sempre presenti La bibliografia - a fine lavoro: la più usata, la più semplice - a fine capitolo: più sofisticata, ha l inconveniente che in un discorso dai molti aspetti i testi possano doversi ripetere, indicata quando l argomento di ogni capitolo ha una certa autonomia - in ordine alfabetico crescente (per cognome): facile da comporre automaticamente - in ordine cronologico o dalla pubblicazione più recente a alla più vecchia o dalla più vecchia alla più recente - per argomenti: è abbastanza difficile comporla - per fonti: monografie, articoli, studi generali, studi particolari, siti web, - i criteri sono spesso incrociati: o es. a fine tesi, in ordine alfabetico, per fonti. Quando un autore ha scritto più testi, si associa il criterio cronologico, spesso decrescente C è una distinzione tra testi indicati e testi sconsigliati? - dipende dalla focalizzazione dell oggetto, dalla finalità e dai destinatari - per i testi accademici e le tesi, sono sconsigliate fonti destinate alla divulgazione (l enciclopedia per ragazzi), libri da bancarella, best-seller più adatti al commercio che all attività culturale

7 o a meno che non se ne voglia fornire intenzionalmente una lettura critica o o siano proprio l oggetto della tesi - è il docente che controlla l affidabilità delle fonti, in ogni caso e specie qualora non sia chiaro allo studente Quanto deve essere lunga una bibliografia? - abbastanza lunga da fornire una panoramica sufficiente sul tema - abbastanza lunga da mostrare al lettore che ci si è documentati a sufficienza sulla letteratura - non troppo lunga, altrimenti si penserà che lo studente non li ha letti - tale da comprendere testi di sfondo, generali e di introduzione al tema e testi più specifici, finanche tecnici, se necessario - commisurata alla lunghezza del testo - proporzionata alla quantità di informazioni di fatto utilizzate nel testo - orientativamente per le tesi triennali, andrebbero letti almeno testi (comprensivi di monografie, articoli, saggi, etc.) Possono essere inseriti testi raccolti sul web? - sì, se la fonte è accreditata in qualche modo - sì, se esiste un corrispettivo cartaceo - sì, se è una pubblicazione on line ufficiale, governativa, di riviste on line (Scuola e Città, Dialeghestai, etc.) - sì, se l oggetto della ricerca è il web - no, se non si conosce l autore e qualcosa sui suoi percorsi intellettuali - no, se la fonte è testo generico delle miriadi di testi pubblicati nelle rubriche dei motori di ricerca e simili Come si legge un libro o un articolo da utilizzare nella tesi di laurea? - prima lettura: o fare attenzione agli elementi che strutturano la trattazione: indice, bibliografia, informazioni sull autore, etc. o prendere appunti nei luoghi ritenuti importanti, glossare o segnare i luoghi significativi e riportarli a parte o costruire una mappatura generale del testo, che contenga la tesi argomentata, i concetti essenziali e le relazioni tra loro - seconda lettura ( il lettore deve cominciare a «discutere» con l autore, G. Corallo, Il lavoro scientifico, Adriatica, Bari 1966) o costruire un analisi di concetti specifici o una mappatura più dettagliata, con riferimenti ai luoghi (pagina)

8 o una schedatura (eventualmente) o mettere in relazione vari autori, operando confronti, evidenziando somiglianze, punti di vista divergenti o convergenti, etc. Norme editoriali note e bibliografia finale tesi Le norme editoriali possono essere moltissime e diverse. Ho scelto norme molto semplici e chiare. Monografie Nella bibliografia finale, gli autori sono in ordine alfabetico per cognome, con l iniziale del nome che precede il cognome + titolo in corsivo + sottotitolo in corsivo dopo il titolo + editore + luogo di edizione + anno di edizione + punto finale. Tra titolo e sottotitolo c è il punto. Tra luogo di edizione e anno, non c è la virgola. Quando si inserisce l editore non è necessario scrivere la parola Edizioni, Editrice e simili: es. La Scuola (non Editrice la Scuola). Ci sono alcune eccezioni nelle quali la parola è necessaria perché fa parte dell intitolazione della casa editrice, come Edizioni del Rosone oppure Editori Riuniti. G. Falcicchio, Dinamiche multiculturali. Il caso Canada, Guerini, Milano G. Falcicchio, I figli della festa. Educazione e liberazione in Aldo Capitini, Levante, Bari Quando l autore è straniero e quella che abbiamo letto è la traduzione italiana del suo libro, inseriremo un trad. it., tra il titolo e la casa editrice. Z. Bauman, Modernità liquida, trad. it., Laterza, Roma-Bari Capitolo di libri collettanei e atti di convegni (il grassetto serve per evidenziare, ma non va riportato nei testi) G. Falcicchio, Il punto di vista degli alunni tra esperienze positive e nuove progettazioni, in L. Santelli Beccegato (a cura di), Bravi da scoprire. Alunni di diverse nazionalità e successo scolastico, Levante, Bari 2005, pp Articolo G. Falcicchio, L abbraccio festivo. Riflessioni su educazione e nonviolenza, Azione Nonviolenta, 2014, n. 51, pp. 8-11

9 Articolo su rivista on line G. Falcicchio, Segui il nascente, lui sa. Suggestioni montessoriane sul mettere al mondo/venire alla luce., in Metis 2014, n. 2, disponibile su Note - Nelle note i criteri sono gli stessi di quando si riporta una bibliografia. Esaminiamo adesso questi casi. - Quando riportiamo lo stesso testo citato nello nota immediatamente precedente, o se la pagina è la stessa, scriviamo Ibidem (cioè nel medesimo luogo, in latino) o se la pagina è diversa, scriviamo Ivi, p. - Quando riportiamo un testo già citato, ma non nella nota immediatamente precedente, scriviamo: il nome dell autore, il titolo, cit.. es. G. Falcicchio, Dinamiche multiculturali, cit. (non c è bisogno di ripetere il sottotitolo; si può poi aggiungere o meno la pagina, a seconda delle esigenze) - Se nella nota vengono citati più testi dello stesso autore, per i testi successivi al primo, non occorre ripetere il nome, ma è sufficiente Id. (Idem: la stessa persona, in latino). Es: G. Falcicchio, Dinamiche multiculturali. Il caso Canada, Guerini, Milano 2002; Id., I figli della festa. Educazione e liberazione in Aldo Capitini, Levante, Bari L accuratezza della compilazione di note e bibliografia è uno degli elementi considerati con maggiore attenzione nella valutazione delle tesi. Alla base c è l idea di accesso democratico alle fonti: in altre parole, sto permettendo a chiunque legga di reperire il testo citato e leggerlo. La presenza del riferimento bibliografico significa due cose ancora: 1. che sono abbastanza umile da essere andato a documentarmi su quanto hanno scritto prima di me su questo tema altre persone, solitamente titolate a farlo; 2. che il lettore, reperendo la fonte e leggendone il contenuto, può anche criticarmi. In questo modo, permetto ad altri di contestare le mie asserzioni, e anche questo aspetto attesta il livello di democrazia culturale in un determinato contesto. BUON LAVORO! Gabriella Falcicchio

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA SUGGERIMENTI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA IL CONTENUTO Attraverso la tesi di laurea lo studente deve elaborare in modo approfondito ed originale l argomento di ricerca assegnato. Il lavoro di tesi

Dettagli

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale

Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Università della Basilicata Facoltà di Economia Corso di Laurea in Economia Aziendale Standard editoriali per l impostazione della tesi di laurea (a cura di Carla Rossi) STRUTTURA DEL LAVORO FRONTESPIZIO

Dettagli

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA GUIDA SINTETICA ALLA STESURA DELLA TESI DI LAUREA (a cura del Servizio Tutorato) La tesi di laurea è un momento importante nella carriera di tutti gli studenti perché rappresenta il momento finale del

Dettagli

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE

SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE 1 CENTRO STUDI E RICERCHE DI MEDICINA NATURALE E TECNICHE NATUROPATICHE SCUOLA ITALIANA DI SCIENZE NATUROPATICHE INDICAZIONI E CRITERI FORMALI PER LA COMPOSIZIONE DELL ELABORATO TESI IN NATUROPATIA PREMESSA

Dettagli

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE

NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI INDICE NOTE PER LA COMPILAZIONE DEI TESTI CAROCCI EDITORE S.P.A. Via Sardegna N 50-00187 Roma Indirizzo Internet: http://www.carocci.it - E-mail: red@carocci.it Sede Redazione: via Santa Teresa, 23-00198 Roma

Dettagli

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea

Brevi istruzioni su come fare una tesi. I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea Brevi istruzioni su come fare una tesi I testi riportati sono tratti da: pagina web sul libro di Umberto Eco Come si fa una tesi di laurea L inizio e la fine Una delle prime cose da fare per cominciare

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese

Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Vademecum per la scrittura della tesi di laurea Prof.ssa Paola Panarese Scrivere la tesi di laurea Una premessa Il lavoro di tesi, oltre ad essere un documento amministrativo ufficiale, è un opera dell

Dettagli

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA

COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA E GESTIONE DEI SERVIZI TURISTICI COME SI SVILUPPA LA PROVA FINALE DI LAUREA Per fare una tesi di laurea occorre un tempo non inferiore a sei mesi 1, anche

Dettagli

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA NORME REDAZIONALI INDICATIVE PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA PREMESSA La struttura di una tesi è generalmente formata da: 1) frontespizio; 2) indice; 3) introduzione; 4) capitoli; 5) conclusioni; 6)

Dettagli

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve

Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Guida alla stesura di una tesi di laurea breve Dipartimento di Lingua e Cultura Italiana Università di Amsterdam Linda Pennings & Ronald de Rooy Fare una tesi significa divertirsi. [ ] L importante è fare

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA SCIENZE INFERMIERISTICHE GENERALI-CLINICHE-PEDIATRICHE (Prof. Loreto Lancia) LINEE GUIDA PER L ELABORAZIONE DELLA TESI DI LAUREA CORSI DI LAUREA IN INFERMIERISTICA E

Dettagli

STRUTTURA DELLA TESI

STRUTTURA DELLA TESI FACOLTA DI MEDICINA E ODONTOIATRIA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA N Presidente: Prof. Adriano Redler Direttore Didattico: Dr.ssa Serenella Savini STRUTTURA DELLA TESI La tesi di ricerca, visti gli

Dettagli

Guida alla redazione della tesi di laurea

Guida alla redazione della tesi di laurea Guida alla redazione della tesi di laurea Premessa Con questa Guida si forniscono alcuni consigli e poche regole queste ultime vincolanti sia per gli studenti sia per i docenti, tanto per le materie di

Dettagli

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14

Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Come si fa una tesi di laurea Vademecum per gli studenti EPELM a.a. 2013 14 Versione 26 dicembre 2013 Questa guida fornisce qualche consiglio di metodo per l impostazione e la stesura della tesi di laurea

Dettagli

Norme redazionali HB

Norme redazionali HB Norme redazionali HB 1. Impostazioni di pagina Per il LAYOUT PAGINA, impostare: Formato pagina: A5 Margini: superiore cm 2,5 inferiore cm 2 sinistro cm 2 destro cm 2 piè di pagina: cm 2 rilegatura: 0 Per

Dettagli

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale.

I primi 15 minuti. Breve guida al colloquio orale. I primi 15 minuti Breve guida al colloquio orale. L esame di stato. Normativa di riferimento. il colloquio ha inizio con un argomento o con la presentazione di esperienze di ricerca e di progetto, anche

Dettagli

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA NORME GENERALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA La Tesi va suddivisa in capitoli numerati e titolati, i capitoli possono (ma non necessariamente) prevedere al loro interno paragrafi numerati e titolati

Dettagli

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare:

Facoltà di Scienze Corso di Laurea in Informatica ADEMPIMENTI PER LAUREANDI. Scadenze da rispettare per potersi laureare: ADEMPIMENTI PER LAUREANDI Scadenze da rispettare per potersi laureare: 1) Prima della consegna della domanda di laurea il laureando dovrà accedere al sito di AlmaLaurea (http://www.unica.it/almalaurea),

Dettagli

Guida alla composizione della tesi di laurea

Guida alla composizione della tesi di laurea Guida alla composizione della tesi di laurea Corso di laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Facoltà di Giurisprudenza Como 1 Indice 1. Introduzione p. 3 2. Tempistica p.

Dettagli

Come lavorare alla tesi di laurea

Come lavorare alla tesi di laurea Come lavorare alla tesi di laurea Corso di Laurea magistrale in Comunicazione, Informazione e Editoria Università degli studi di Bergamo Seminario Anna Carola Freschi 11 Marzo 2013, Via Salvecchio - Aula

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE 1. Le parti di una tesi/tesina... 2 L indice-sommario... 2 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 2 La introduzione... 3 L elaborato... 3 Gli indici bibliografici...

Dettagli

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE

CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE CRITERI PER L ELABORAZIONE DI TESI E TESINE... 1 1. Le parti di una tesi/tesina... 1 L indice-sommario... 1 L elenco delle abbreviazioni/sigle... 1 La introduzione...

Dettagli

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA

INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA INDICAZIONI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA Luglio, 2012 1 0. PREMESSA Le tesi di laurea essere di due tipi: Tesi di Ricerca Sperimentale: lavori che si caratterizzano per la raccolta e/o l'analisi

Dettagli

lo schema di partenza

lo schema di partenza COSTRUZIONE DELLA TESI DI LAUREA lo schema di partenza Inquadrare l argomento Individuare l oggetto della ricerca Argomentare ogni affermazione Documentare correttamente i supporti tecnologici e bibliografici

Dettagli

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO

NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO NOTE PER LA STESURA DELLA TESI FINALE DEL CORSO 1- ART. 9 ESAME FINALE (D.M. 30/09/11) 1. Il corso si conclude con un esame finale al quale è assegnato uno specifico punteggio. 2. La commissione d'esame

Dettagli

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale

Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Guida alla stesura della tesi di laurea triennale Cos è la tesi di laurea triennale La tesi di laurea triennale è l elaborato scritto che lo studente è tenuto a redigere a conclusione del proprio percorso

Dettagli

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea

INDICAZIONI PER I TESISTI. 1. Che cos è una tesi di laurea INDICAZIONI PER I TESISTI 1. Che cos è una tesi di laurea La tesi di laurea è una dissertazione scritta con lo scopo di dimostrare la compiuta conoscenza di un argomento (nello specifico di Diritto del

Dettagli

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte.

Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Stesura tesi triennio e biennio di comunicazione e didattica dell'arte. Tutte le altre informazioni, non contenute in questo documento, potete trovarle nel sito http://www.ababo.it/aba/tesi/ Caratteristiche

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II VADEMECUM DEL TESISTA PREMESSA Questo scritto costituisce un supporto alla stesura dell elaborato finale. Per questo motivo, ciascun candidato è tenuto a prenderne visione prima di procedere alla redazione

Dettagli

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione

Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione Linee guida per la redazione della prova finale della Laurea triennale in Scienze della comunicazione I. Linee guida generali L elaborato finale va presentato, entro il termine perentorio di 30 giorni

Dettagli

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2007-2008. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2007-2008 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA

SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA Corso di Laurea in Scienze della Formazione primaria Facoltà di Scienze della Formazione SPORTELLO TESI Istruzioni per lo svolgimento della TESI DI LAUREA o della PROVA FINALE in SCIENZE DELLA FORMAZIONE

Dettagli

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto:

UN ESEMPIO. Osservate come è stato scritto: UN ESEMPIO Il testo che troverete qui sotto è un esempio di testo regolativo. Esso è stato scritto per facilitare la realizzazione di un testo tecnico di tipo particolare, la relazione di stage. Osservate

Dettagli

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma

UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA GUIDA PRATICA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE. Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTÀ DI SCIENZE POLITICHE DIPARTIMENTO DI TEORIA ECONOMICA E METODI QUANTITATIVI PER LE SCELTE POLITICHE Facoltà di Scienze Politiche Sapienza Università di Roma GUIDA

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA INDICAZIONI GENERALI E CRITERI REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI FRANCO VITTADINI PAVIA Via A. Volta, 31 27100 Pavia Tel. 0382 399206 Fax 0382 399205 e-mail: vittadini @ comune.pv.it BIENNIO INTERPRETATIVO INDICAZIONI GENERALI E

Dettagli

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale

Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale Brevi istruzioni per redigere la tesi triennale La strutturazione Dopo aver concordato con il docente l argomento della tesi, si consiglia di scrivere subito il titolo, l introduzione e l indice finale.

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE

ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI FIRENZE GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELLA TESI Guida alla preparazione del saggio breve, ovvero la parte scritta della Tesi di Diploma di primo livello La presente guida è finalizzata

Dettagli

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente)

Che cos'è la tesina? un testo scritto di tipo saggistico (argomento, documenti, lunghezza a discrezione dello studente) OBIETTIVI Migliorare le capacitàdi svolgimento di un progetto autonomo di scrittura documentata. Consolidare le abilità di ricerca delle fonti. Rafforzare le abilitàdi organizzazione dei contenuti. Che

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La preparazione della tesi di Laurea è un importante opportunità attraverso cui lo studente può esprimere le proprie capacità

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi

Art. 2 Struttura, formato e stile della tesi Facoltà di Studi Classici, Linguistici e della Formazione Linee guida per l elaborato di laurea del corso di laurea in Scienze della formazione primaria Art. 1 Introduzione La tesi è parte integrante del

Dettagli

NORME E CONSIGLI PER LA COMPILAZIONE DELLE TESI DI LAUREA MAGISTRALE

NORME E CONSIGLI PER LA COMPILAZIONE DELLE TESI DI LAUREA MAGISTRALE NORME E CONSIGLI PER LA COMPILAZIONE DELLE TESI DI LAUREA MAGISTRALE TESI ED ESAME DI LAUREA Per essere ammesso all esame di laurea lo studente deve aver superato tutti gli esami di profitto previsti dal

Dettagli

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale

Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Linee guida per la preparazione di una TESI DI LAUREA in Educazione Professionale Nell'intento di uniformare il metodo di stesura delle tesi di laurea vengono qui di seguito fornite a tutti gli studenti

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA

CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA LINEE GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELLA TESI DI LAUREA OBIETTIVI E SIGNIFICATO La tesi di Laurea è parte integrante e conclusiva del percorso formativo dello studente.

Dettagli

Valutare e citare i documenti

Valutare e citare i documenti Valutare e citare i documenti di Stefania Fraschetta Corso di laurea Triennale in Comunicazione e Psicologia Prova finale - III modulo, 27 gennaio 2014 Sommario Cercare e valutare documenti in rete: La

Dettagli

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea

Guida alla stesura della. Tesi di Laurea Guida alla stesura della Tesi di Laurea 1 Sommario 1 Introduzione... 3 2 La Tesi di Laurea... 3 2.1 Classificazione... 3 2.1.1 Le Tesi Triennali... 3 2.1.2 Le Tesi Magistrali... 3 2.2 La struttura... 4

Dettagli

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale

Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale Norme redazionali Tesi Corso di Laurea Magistrale CITEM Cinema, Televisione e Produzione Multimediale L elaborato deve contenere nell ordine le seguenti parti: 1. copertina 2. frontespizio 3. indice 4.

Dettagli

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia

PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA. Facoltà di Missiologia PONTIFICIA UNIEVRSITÀ URBANIANA Facoltà di Missiologia ELEMENTI DI METODOLOGIA SCIENTIFICA ALCUNI SUGGERIMENTI 1. CITAZIONE IN NOTA, A PIÈ PAGINA: 1.1. Per un libro: Nome (si consiglia che sia per esteso,

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL RAPPORTO DI RICERCA a cura della Struttura Ricerca, innovazione tecnologica e servizi alle imprese.

GUIDA ALLA STESURA DEL RAPPORTO DI RICERCA a cura della Struttura Ricerca, innovazione tecnologica e servizi alle imprese. GUIDA ALLA STESURA DEL RAPPORTO DI RICERCA a cura della Struttura Ricerca, innovazione tecnologica e servizi alle imprese Sommario Introduzione 2 1. Articolazione del Rapporto di Ricerca 2 1.1 Sommario

Dettagli

VADEMECUM DEL/LA LAUREANDO/A

VADEMECUM DEL/LA LAUREANDO/A Scuola Interdipartimentale in Servizio sociale e Politiche pubbliche CdL in Scienze della società e del Servizio sociale VADEMECUM DEL/LA LAUREANDO/A Consigli utili per la stesura della tesi di laurea

Dettagli

GUIDA ALLO SVOLGIMENTO DELLA TESI

GUIDA ALLO SVOLGIMENTO DELLA TESI Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Largo Francesco Vito, 1 00168 ROMA PIA FONDAZIONE DI CULTO E RELIGIONE CARD. G. PANICO AZIENDA OSPEDALIERA TRICASE (LECCE)

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN OPTOMETRIA ISTRUZIONE GENERALI PER LA REALIZZAZIONE DELLA TESI ISTITUTO SUPERIORE DI OTTICA E OPTOMETRIA BENIGNO ZACCAGNINI SEDE DI «indicare la sede in cui si è frequentato il corso» Anno formativo «indicare l'ultimo anno di frequenza» [Digitare qui il titolo della

Dettagli

Linee guida per la redazione dell elaborato finale

Linee guida per la redazione dell elaborato finale Linee guida per la redazione dell elaborato finale Cos è una tesina? È «La prova finale [che] consiste nella preparazione e discussione di un elaborato scritto, redatto in lingua italiana o straniera della

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA TESI

LINEE GUIDA PER UNA TESI CONSORZIO EDITORIALE FRIDERICIANA LINEE GUIDA PER UNA TESI Indice degli argomenti 1. La scelta dell'argomento 2. La ricerca bibliografica 3. La schedatura dei testi 4. L'organizzazione delle idee 5. La

Dettagli

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Regolamento della prova finale per il conseguimento della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA. Regolamento della prova finale per il conseguimento della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA Regolamento della prova finale per il conseguimento della Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza - Approvato dal Consiglio di Facoltà nella seduta del 22 luglio 2015

Dettagli

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale)

STRUTTURA DELL ELABORATO Copertina frontespizio indice testo appendici (eventuali) bibliografia sitografia (eventuale) NORME ESSENZIALI PER LA REDAZIONE DELLA TESI DI LAUREA 1 (per i corsi di laurea in Lingue e culture moderne e Lingue moderne per la comunicazione e la cooperazione internazionale) STRUTTURA DELL ELABORATO

Dettagli

DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA. Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza

DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA. Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza DIPARTIMENTO FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DELLA PROVA FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DELLA Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza INDICE Art. 1 Considerazioni generali... 3 Art. 2 La tesi

Dettagli

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5

«Filosofia» Norme redazionali. Titolo paragrafo: Times New Roman, corpo 12, 2 righe vuote sopra, 1 riga vuota sotto, interlinea 1,5 «Filosofia» Norme redazionali Regole generali Autore: Times New Roman, corpo 14, corsivo, interlinea 1,5 Titolo saggio: Times New Roman, corpo 14, grassetto, interlinea 1,5 Titolo paragrafo: Times New

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA

DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA DIPARTIMENTO DI SCIENZE FILOSOFICHE E LINGUISTICO-LETTERARIE FILOSOFIA POLITICA BREVE PRONTUARIO PER LE TESI DI LAUREA 1. INDICAZIONI PRELIMINARI a) I laureandi sono tenuti a richiedere la tesi almeno

Dettagli

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali

TESI Laurea Triennale - Norme redazionali TESI Laurea Triennale - Norme redazionali Formattazione 1. I testi devono essere redatti utilizzando il font Times New Roman 2. Il corpo del carattere deve essere di 12 o 13 punti (le note vanno in corpo

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE

COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE 273 COME SI SCRIVE UN ARTICOLO DI GIORNALE L articolo di giornale è principalmente un testo che informa su una notizia, che racconta un fatto, cercando di esporre il maggior numero di elementi necessari

Dettagli

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali

PER GLI AUTORI. Norme Redazionali PER GLI AUTORI Norme Redazionali Lunghezza Gli articoli, comprensivi di note e di riferimenti bibliografici, non devono superare le 7.000 parole. Le recensioni dei libri non devono superare le 1.500 parole.

Dettagli

MATERIALI DI STUDIO PER LE FORMAZIONI DIDATEC LIVELLO BASE ED

MATERIALI DI STUDIO PER LE FORMAZIONI DIDATEC LIVELLO BASE ED Linee guida per gli autori MATERIALI DI STUDIO PER LE FORMAZIONI DIDATEC LIVELLO BASE ED AVANZATO Introduzione Le formazioni DIDATEC livello base e livello avanzato hanno la finalità di promuovere nei

Dettagli

1. Informazioni generali. 3. La struttura della tesina. 2. Tutor

1. Informazioni generali. 3. La struttura della tesina. 2. Tutor Indice 1. Informazioni generali 2. Il tutor 3. La struttura della tesina 1. Organizzazione dei capitoli 4. Suggerimenti 5. Bibliografia finale 1. Libro di un solo autore 2. Libro di più autori 3. Libro

Dettagli

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO

NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO NOTE PER LA REDAZIONE DI TESTI DA PUBBLICARE SUL SITO SOCIETÀ AMICI DEL PENSIERO Chiediamo a ciascun Autore di fornire i propri testi in file Word. Formato: mandare i testi in Word (o.doc o.docx), e.rtf.

Dettagli

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi. Versione 2.0 Gennaio 2015 Informazioni utili ai miei (potenziali) laureandi M. Cristina Molinari Dipartimento di Economia Università Ca Foscari di Venezia. Per favore leggere prima di chiedermi la tesi.

Dettagli

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI

NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI PONTIFICA FACOLTÀ TEOLOGICA DELL ITALIA MERIDIONALE SEZIONE SAN LUIGI - NAPOLI NORME METODOLOGICHE PER LA STESURA DEGLI ELABORATI E DELLE DISSERTAZIONI Nella stesura di un lavoro scritto bisogna attenersi

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan

Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan Storia del giornalismo e Storia del giornalismo europeo Prof. Marina Milan ISTRUZIONI GENERALI PER L'IMPAGINAZIONE E LA REDAZIONE DELLE NOTE Ogni testo redazionale richiede un editing adeguato che valorizzerà

Dettagli

NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA

NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia FACOLTÀ DI INGEGNERIA SEDE DI REGGIO EMILIA NORME E SUGGERIMENTI PER LA TESI DI LAUREA Sommario LAUREARSI: come?...2 PROCEDURE AMMINISTRATIVE...3 SUGGERIMENTI

Dettagli

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale

TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale TABELLA 1 Livelli comuni di riferimento: scala globale avanzato intermedio elementare C2 C1 B2 B1 A2 A1 È in grado di comprendere senza sforzo praticamente tutto ciò che ascolta o legge. Sa riassumere

Dettagli

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1

Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 Elio Padoano Indicazioni generali per la grafica delle tesi1 (Consiglio generale: redigere le prime bozze seguendo già le impostazioni definitive.) 1. Impostazione pagina Margini: Superiore 2,5+3,0 cm

Dettagli

Prova finale / Regole tipografiche

Prova finale / Regole tipografiche Prova finale / Regole tipografiche Copertina: scaricare dal sito http://www.unibg.it/provafinale il file della Facoltà di riferimento ed inserire i dati personali. Di seguito si forniscono indicazioni

Dettagli

Norme redazionali Liguori

Norme redazionali Liguori Norme redazionali Liguori 1. Indicazioni generali A) Si prega di utilizzare, per la stesura dei documenti destinati alla pubblicazione, il word processor Microsoft Word (sistema operativo Windows oppure

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA

ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DELLE NOTE IN TESI DI LAUREA DI LINGUA E LETTERATURA TEDESCA E DI STORIA DELLA CULTURA TEDESCA Raccomandazione iniziale: E opportuno che le note siano poste a pie di pagina

Dettagli

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali

Italiano Tecnico 2006-2007. Note e bibliografia Criteri redazionali Italiano Tecnico 2006-2007 Note e bibliografia Criteri redazionali Le note Funzione e collocazione I testi professionali e scientifici possono essere corredati da note, testi generalmente brevi che accompagnano

Dettagli

STRUTTURA DELLE TESI

STRUTTURA DELLE TESI Master in: Management per Funzioni di Coordinamento delle Professioni Sanitarie Tecniche A.A. 2010/2011 STRUTTURA DELLE TESI La modalità di svolgimento della prova finale consiste nella presentazione orale

Dettagli

FORMATO PROVA FINALE

FORMATO PROVA FINALE FORMATO PROVA FINALE Il Consiglio di Corso di Laurea in Scienze dell Amministrazione ha deliberato di adottare un nuovo format per le tesi cui occorre dunque attenersi. Quelle qui riportate sono le regole

Dettagli

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016

UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE PROGRAMMA ERASMUS+ MOBILITA AI FINI DI TIROCINIO A.A. 2015/2016 UFFICIO RELAZIONI INTERNAZIONALI DOMANDA DI PARTECIPAZIONE A.A. 2015/2016 PROGETTO ERASMUS+ A.A. 2015-2016 Gli studenti interessati a svolgere uno stage all estero, nell ambito del programma Erasmus+,

Dettagli

Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea

Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Laurea in Tecniche di Laboratorio Biomedico Guida per la richiesta e l elaborazione della Tesi di Laurea 1 Indice 1- Premessa

Dettagli

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi

Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea. 1. Le abbreviazioni delle fonti normative: di seguito, esempi Facoltà di Giurisprudenza Seminario di preparazione alla tesi di laurea (Sabato 20 ottobre 2012) ESERCITAZIONI PER LE CITAZIONI Preliminarmente, merita sottolineare che esistono diversi metodi di citazione

Dettagli

Indicazioni riferimenti bibliografici

Indicazioni riferimenti bibliografici Indicazioni riferimenti bibliografici Libri e pubblicazioni a stampa Indicazioni generali Volumi Volumi tradotti Saggi in volume collettaneo Curatele Saggi tradotti Articoli su rivista scientifica Interventi

Dettagli

Note per la redazione delle tesi di laurea

Note per la redazione delle tesi di laurea Note per la redazione delle tesi di laurea (proff. Pietro Perconti e Alessio Plebe) Introduzione Queste note intendono guidare lo studente alla stesura della propria tesi di laurea, affinché il documento

Dettagli

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA -

NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI LAUREA LINEE DI MASSIMA - N o r m e r e d a z i o n a l i p e r l a s t e s u r a d e l l a t e s i d i l a u r e a l i n e e d i m a s s i m a A m b i t o d i P s i c o l o g i a NORME REDAZIONALI PER LA STESURA DELLA TESI DI

Dettagli

CINERGIE ONLINE Norme redazionali

CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE ONLINE Norme redazionali CINERGIE MEDIA I testi devono essere compresi tra 5000 e 7000 battute e NON devono contenere note. Per tutto il resto si rimanda alle norme di CINERGIE SEMESTRALE CINERGIE

Dettagli

Consigli per la stesura della Tesi

Consigli per la stesura della Tesi Consigli per la stesura della Tesi 1.Norme Generali Durante la stesura della tesi è opportuno prestare attenzione ad alcuni aspetti talvolta sottovalutati che tuttavia concorrono a definire la qualità

Dettagli

Linee Guida Editoriali AIRInforma

Linee Guida Editoriali AIRInforma Linee Guida Editoriali AIRInforma Ogni articolo deve seguire le norme qui riportate. E molto importante che ogni autore controlli che il proprio articolo si adegui alle seguenti norme, prima di sottometterlo

Dettagli

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2.

PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. PREPARARSI ALL ESAME DI MATURITA. SCRIVERE IN ITALIANO L2. Gabriella Debetto Il presente fascicolo contiene le proposte didattiche elaborate dai docenti che hanno partecipato all intervento formativo Scrivere

Dettagli

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale

Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Regole di scrittura per elaborati di laurea triennale Corso di studi in Informatica umanistica A cura di Mirko Tavosanis Basato su materiali preparati da Elena Sbrana Marzo 2009 1 Indice generale 1. Introduzione...3

Dettagli

Norme per gli autori e i collaboratori

Norme per gli autori e i collaboratori Norme per gli autori e i collaboratori Gli articoli vanno consegnati su file, e non devono superare le 20 cartelle (circa 3000 battute ciascuna, spazi inclusi). Le recensioni non devono superare le due

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONI DI TESI DI LAUREA

LINEE GUIDA PER LA REDAZIONI DI TESI DI LAUREA LINEE GUIDA PER LA REDAZIONI DI TESI DI LAUREA Gli studenti che intendono predisporre la tesi di laurea con il prof. Marco Burgalassi come relatore sono tenuti a prendere preventivamente visione di questo

Dettagli

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie.

2 Si prosegue, poi, studiando le monografie sul tema, indicate nella bibliografia delle Enciclopedie. Come iniziare la ricerca (a cura di F. Manganaro) Bisogna andare dal generale al particolare. Perciò inizialmente bisogna leggere i testi più generali. 1. Si comincia consultando le voci delle Enciclopedie:

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA Lo studio può affrontare qualsiasi tema di ricerca rilevante per l infermiere con laurea triennale; verranno però valutati con punteggio maggiore, in generale,

Dettagli

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina

Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina Cos è e come compilare la bibliografia di una tesi/tesina (adattatto da: http://it.wikipedia.org/wiki/bibliografia, ultimo accesso: 16/9/2013) Caterina Ferrario, 16/9/2013 1. Definizione: Per bibliografia

Dettagli

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI

IL GIORNALE DI CHE COSA PARLANO I GIORNALI IL GIORNALE Il termine giornale deriva da giorno. Tra i giornali distinguiamo i periodici (settimanali, quindicinali, mensili, trimestrali ecc.) e i quotidiani (dal latino cotidie che significa ogni giorno

Dettagli